Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi"

Transcript

1 LA SCOLIOSI: INFORMAZIONI PER I GENITORI Di cosa si tratta? Per scoliosi si intende la curvatura della colonna verso destra o verso sinistra. Di solito si manifesta nell'adolescenza, più spesso nelle femmine con una curvatura a "C" del tratto toracico o lombare della colonna; il resto della colonna, per compenso, si curva in senso contrario per cui la colonna vertebrale forma una "S" Il torace, per effetto della rotazione delle costole, forma una piccola gobba, detta gibbo, evidente quando il bambino si piega in avanti a gambe distese. Atteggiamento scoliotico In questo caso il difetto non sta nella struttura della colonna, ma in un atteggiamento del bambino; si riconosce perché nella flessione in avanti non si vede alcun gibbo. E' importante diagnosticarla? Le scoliosi congenite si scoprono nei primi mesi di vita e sono dovute a malformazioni vertebrali; le scoliosi acquisite possono essere infantili, giovanili e adolescenziali. E' importante diagnosticare la scoliosi perché è una malattia evolutiva e la scoliosi severa può alterare la qualità della vita. Quando sospettare una scoliosi? Ricordiamo che le bambine vanno più frequentemente incontro a questo problema. La prima cosa da fare è osservare il bambino o la bambina di fronte, in piedi, con le braccia lungo il corpo: controllare se è presente diversità tra il fianco destro e il sinistro. Osservare il bambino o la bambina da dietro, e controllare se le spalle sono alla stessa altezza. Infine far piegare il bambino in avanti con le ginocchia dritte e le braccia penzoloni come se volesse toccare la punta dei piedi: controllare se la colonna forma una linea retta oppure se la schiena forma una piccola gobba, "gibbo", da una parte della schiena. Quali sono i trattamenti? Il pediatra di famiglia deciderà quando è necessario far eseguire una radiografia e quando inviare il bambino dall'ortopedico. Se il gibbo è inferiore ai 5 7 millimetri, non è utile nessun controllo radiografico, La radiografia indica il grado di curvatura della colonna (angolo di Cobb); il corsetto viene utilizzato quando la curva della colonna è progressiva o è compresa tra i 25 e i 40 gradi nell'età evolutiva; la chirurgia è indicata in soggetti in fase di crescita quando la curva supera i 45 gradi. Le curve non progressive non necessitano di trattamento, non pregiudicano le attività di carattere sportivo o lavorativo o una futura gravidanza. Attività sportiva E' raccomandato lo svolgimento di attività sportive di carattere generale, anche per i pazienti scoliotici. Lo sport tuttavia non è un trattamento per la scoliosi idiopatica e il nuoto non deve essere usato come terapia delle curve patologiche. E' utile la continuazione dell'educazione fisica scolastica e dell'attività sportiva anche durante il trattamento con corsetto; le eventuali limitazioni devono essere decise dall'ortopedico. Il pediatra valuta periodicamente la schiena dei bambini, soprattutto durante l'accrescimento (pubertà). Rivolgetevi al pediatra di famiglia se osservate la comparsa di gibbo nella schiena di vostro figlio o di vostra figlia.

2 PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLA SCOLIOSI IDIOPATICA Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi La scoliosi idiopatica dell adolescente (SIA) colpisce dal 1 al 3% dei soggetti nella popolazione a rischio, compresa tra i 10 e i 16 anni La SIA è una curvatura strutturale, laterale e con rotazione della colonna che colpisce soggetti adolescenti, per altro sani, durante la pubertà. La diagnosi è di esclusione e può essere posta soltanto quando altre cause di scoliosi, come le malformazioni vertebrali, le malattie neuromuscolari e i quadri sindromici siano stati esclusi. L eziopatogenesi della malattia rimane sconosciuta. La SIA si ritrova spesso in molti membri della famiglia, il che suggerisce una probabile origine genetica. Dagli studi sui gemelli risulta una concordanza del 73% in gemelli monozigoti. Nonostante gli studi non è stato identificato nessun gene in particolare: l ipotesi più probabile è che si tratti di una malattia che interessa numerosi geni, con particolare prevalenza in alcune famiglie. La SIA progressiva viene attribuita a una relativa crescita aumentata della colonna anteriormente, durante il rapido accrescimento puberale. Studi con la risonanza magnetica della morfometria vertebrale mostrano che la crescita longitudinale dei corpi vertebrali in pazienti con SIA è sproporzionata e più veloce rispetto ai soggetti di controllo della stessa età e dello stesso sesso. Al contrario, la crescita della circonferenza in seguito all ossificazione membranosa è più lenta sia nei corpi vertebrali che nei pedicelli dell arco vertebrale; tuttavia i meccanismi di questa crescita asimmetrica non sono ben conosciuti. Proprio le insufficienti conoscenze sulla eziopatogenesi della malattia rendono ragione dei differenti approcci terapeutici e della difficoltà ad avere delle evidenze certe circa l efficacia degli stessi. Storia naturale della scoliosi La storia naturale della scoliosi varia con l eziopatogenesi e con il tipo di curva. I primi studi a lungo termine della SIA, mostrarono una prognosi cattiva, ribadendo l errore concettuale secondo il quale tutti i tipi di scoliosi portano inevitabilmente ad handicap gravi, dal dolore alla schiena fino alla compromissione della funzionalità cardiorespiratoria. In realtà i vecchi studi includevano pazienti con altre cause di scoliosi o con scoliosi ad esordio precoce e non vi era differenziazione della prognosi in relazione alla localizzazione della curva. La più frequente e temibile complicanza delle SIA non trattate è la progressione della curva, il dolore (sebbene alcuni studi hanno riportato che la frequenza del dolore in adulti con scoliosi idiopatica è uguale a quella della popolazione in generale), i problemi cardiopolmonari, i problemi psico-sociali. Relativamente all autostima dei soggetti, gli studi hanno fornito risultati contrastanti. Sebbene presenti nella maggioranza dei pazienti non trattati, la gravità di queste sequele e il loro effetto in termini di disabilità sono molto variabili.

3 Fattori che predicono la progressione della curva L età alla diagnosi La maturazione sessuale (età al menarca) La maturità scheletrica (segno di Risser) Ampiezza della curva La posizione dell apice della curva. La maggioranza degli studi rilevano che l apice della curva in corrispondenza del torace, ha una maggiore prevalenza di progressione, variando dal 58 al 100%. Più immaturo è il paziente, sia da un punto di vista scheletrico che sessuale, maggiore è la possibilità di progressione della curva; inoltre più ampia è la curva al momento della diagnosi, maggiore è la possibilità della sua progressione sia prima che dopo la maturazione. E pertanto importante che il pediatra osservi attentamente il bambino nel corso del bilancio di salute, eventualmente anticipandolo intorno ai 10 anni, soprattutto in base alla maturità sessuale raggiunta dalle femmine. Diagnosi La diagnosi deve essere posta il più precocemente possibile, poiché un individuazione precoce può condurre ad una terapia conservativa con corsetto ortopedico, terapia più accettabile rispetto a quella chirurgica. Il concetto di accettabilità della terapia è particolarmente importante in questo campo, in cui le prove scientifiche definitive sono attualmente mancanti. Valutazione In presenza di una alterazione della curvatura del rachide sul piano frontale, è importante innanzitutto stabilire se si è in presenza di un paramorfismo (atteggiamento scoliotico) o di un dimorfismo (scoliosi). L atteggiamento scoliotico si caratterizza per la presenza di una curvatura sul piano frontale in ortostatismo che scompare completamente alla flessione anteriore del tronco (test di Adams) e quando si pone in leggera trazione il rachide, consentendo così alle curve non strutturate, ovvero senza deformità ossea, di svolgersi completamente. La valutazione clinica deve comprendere: anamnesi riferita a precedenti casi di scoliosi nei famigliari sviluppo puberale E logicamente necessaria una valutazione generale per escludere patologie associate. Esame clinico E di fondamentale importanza che l esame clinico sia effettuato su paziente svestito e senza calzature; ogni misurazione e valutazione devono essere riportate sulla cartella clinica per poterli controllare nel tempo. Deve essere osservata la cute, specie in corrispondenza del rachide, per evidenziare ipercromia, nevi, angiomi, neurinomi (scoliosi neurofibromatosica, scoliosi congenita). Deve essere ricercata la presenza di lassità o retrazioni capsulo-miolegamentose e ricercata la dolorabilità alla palpazione o alla mobilizzazione. valutazione in stazione eretta, di fronte e posteriormente, per evidenziare: un eventuale disassamento una asimmetria dei triangoli della taglia la sporgenza di una scapola

4 una obliquità del bacino che va riequilibrata con rialzi (al fine di porre corretta diagnosi) l eventuale eterometria degli arti inferiori, che va valutata sia in scarico che in carico; la rilevazione di una dismetria degli arti inferiori minore di un cm è di difficile rilevazione. valutazione in flessione anteriore del tronco (test di Adams Forward Bending test): il soggetto viene invitato a compiere una flessione anteriore del busto di circa gradi, con i piedi allineati, le ginocchia stese, la testa flessa in avanti, le braccia rilassate e le mani unite con le dita intrecciate, per la ricerca dei gibbi, che sono misurati nel punto in cui il dislivello tra i due emilati è maggiore. Si pone la livella (gibbometro) con lo zero sull apofisi spinosa della vertebra e si misura l altezza del dislivello tra concavità e convessità della curva, a una distanza uguale a quella tra la spinosa e l apice del gibbo. Può essere utilizzato anche lo scoliometro. verifica della riconducibilità della curva, della rigidità e dell elasticità del rachide; esame laterale sia in stazione eretta, sia in stazione supina, per ricercare una associata ipercifosi del rachide (cifoscoliosi); l ipercifosi e l iperlordosi sono segni di attenzione correlati alla scoliosi; esame generale valutazione della deambulazione, dell equilibrio e del controllo neuromotorio.

5 Decisione 1. Se non sono presenti gibbi, consideriamo la scoliosi funzionale, non strutturata, non necessitante di Rx o di alcuna terapia se non di controlli nel tempo in rapporto all età. 2. Se viene riscontrata la presenza del gibbo o di gibbi, questo va misurato e registrato. Sono importanti, in base all epoca di accrescimento, controlli clinici periodici (in genere ogni 6 mesi). I limiti massimi per gibbo, indicanti alta evolutività in rapporto alla maturità/immaturità scheletrica vertebrale, sono diversi a seconda della sede della curva e se la curva è semplice o doppia. Ad esempio, una curva toracica alta o doppia evolve quasi sempre in presenza di un gibbo di 7-8 mm. Una curva toracica semplice evolve per gibbi superiori ai mm, una scoliosi lombare evolve in presenza di un gibbo superiore ai mm, e una scoliosi toraco-lombare semplice evolve in presenza di un gibbo di 12 mm o più. Comunque, se la misurazione del gibbo o dei gibbi è inferiore ai 5 7 mm, non è utile nessun controllo radiografico; qualora la misurazione del gibbo indichi una altezza superiore ai 7 mm, è opportuno far eseguire una radiografia o inviare il paziente allo specialista per le decisioni relative.

6 Valutazione radiografica Deve essere eseguita teleradiografia in toto e in carico, in proiezione AP e LL per poter misurare l angolo di Cobb. Nella misurazione dell angolo di Cobb nelle radiografie, è stata rilevata una variabilità intraesaminatore ed interesaminatore. Per calcolare i gradi delle curve secondo il metodo di Cobb:si tirano dapprima due linee orizzontali di cui una sul margine superiore della vertebra terminale superiore, l altra sul margine inferiore della vertebra terminale inferiore (le vertebre terminali sono quelle situate ai limiti superiore e inferiore di una curva e che presentano l inclinazione massima verso la concavità della curva stessa); si tirano poi altre due linee perpendicolari alle precedenti, misurando il loro angolo di intersezione.

7 La teleradiografia permette anche di valutare il segno di Risser, utile a dare una indicazione sullo stato di accrescimento scheletrico del paziente. Con il termine segno di Risser vengono indicati da 0 a 5 i diversi stadi dell ossificazione, dall assenza del nucleo di ossificazione della cresta iliaca (Risser 0) alla sua comparsa (Risser 1) alla formazione di più nuclei (Risser 2) alla loro fusione lateralmente alla cresta (Risser 3), all estensione mediale (Risser 4), fino alla fusione con l osso iliaco (Risser 5). L età ossea può essere inoltre valutata attraverso la ricerca dei nuclei di ossificazione epifisari della vertebra (anello epifisario o ring apophysis ) Risser 0 = non è presente il nucleo di ossificazione sulla cresta iliaca; Risser 1+ = iniziale presenza del nucleo con copertura di 1/4 della cresta iliaca; Risser 2+ = copertura di 2/4 della cresta iliaca; Risser 3+ = copertura di3/4 della cresta iliaca; Risser 4+ = copertura di 4/4 della cresta iliaca; Risser 5+ = avvenuta fusione; la colonna ha ormai stabilizzato la crescita. Il segno di Risser è una indiretta valutazione del grado di crescita della colonna.

8 Valutazione diretta del grado di crescita della colonna attraverso la presenza della ring apophysis vertebrale Fase prescrittiva La prescrizione di teleradiografia deve avvenire indicando teleradiografia in toto e in carico in proiezione anteroposteriore AP e latero laterale LL più segno di Risser. Il quesito diagnostico da indicarsi dovrà essere sospetta scoliosi idiopatica in adolescente. Fase di refertazione Per quanto riguarda la refertazione si raccomanda che le radiografie vengano effettuate su lastra centimetrata con rapporto 1:1 rispetto alle dimensioni reali, includendo la visualizzazione delle teste femorali, in postura ortostatica senza uso di ausili per l appoggio o indicazioni di correzione posturale; nel caso in cui il referto fosse fornito, anziché su pellicola, su supporto

9 informatico, la struttura specialistica dovrà fornire uno specifico software che consenta il calcolo dell angolo di Cobb. Verrà invece esplicitato dal radiologo l indice di Risser. Trattamento Al di sotto dei 20 gradi Cobb della curvatura scoliotica, quasi mai ci sono manifestazioni di limitazione della attività. Esercizi specifici e chinesiterapia Tra i 10 e i 20 gradi Cobb della curvatura scoliotica, cosiddetta scoliosi minore, possono essere effettuati interventi di prevenzione dell evolutività attraverso esercizi specifici e chinesiterapia. E da sottolineare come, a causa della scarsa qualità metodologica degli studi, non vi sono evidenze definitive per raccomandare o sconsigliare l utilizzo della chinesiterapia ed esercizi specifici. Per altro, introducendo accanto ai concetti di efficacia ed efficienza quello di accettabilità delle terapie, le famiglie hanno dimostrato di preferire l effettuazione di esercizi specifici a scopo preventivo prima di un eventuale trattamento con corsetto. Ogni decisione deve essere individualizzata prendendo in considerazione la probabilità di progressione della curva, basandosi sull ampiezza della stessa, sulla maturità scheletrica, l età e la maturità sessuale. Gli esercizi, da eseguirsi individualmente o in piccolo gruppo con programmi individualizzati, devono essere finalizzati a un miglioramento del controllo neuromotorio e posturale del rachide, dell equilibrio e della propriocezione e ad un rinforzo della funzione tonica della muscolatura del tronco. Sono da evitare gli esercizi che incrementano l articolarità e la mobilità del rachide, con esclusione della fase di preparazione all uso di una ortesi. Anche le mobilizzazioni manuali e le manipolazioni sono da evitare se non nella fase di preparazione all uso di un ortesi. L attività va proseguita fino alla maturazione scheletrica. Attività sportiva E raccomandato lo svolgimento di attività sportive di carattere generale che offrono al paziente scoliotico vantaggi aspecifici in termini psicologici, neuromotori ed organici generali. Lo sport non deve essere prescritto come un trattamento per la scoliosi idiopatica e il nuoto non deve essere usato come terapia delle curve patologiche. E utile la continuazione dell educazione fisica scolastica in ogni fase del trattamento con eventuali limitazioni rispetto ad alcune particolari attività, a giudizio del clinico esperto di patologie vertebrali. Si raccomanda la continuazione delle attività sportive anche durante il periodo di uso del corsetto per i vantaggi fisici e psicologici che l attività sportiva garantisce. Sono invece da evitare attività agonistiche molto mobilizzanti e/o in estensione del rachide in scoliosi ad alto rischio di evolutività. Trattamento con ortesi Gli obiettivi del trattamento sono: ridurre il rischio di progressione della curva; correggere le deformità già presenti; ridurre la necessità di chirurgia. Sebbene la SIA sia diagnosticata in tutto il mondo, i tipi di trattamento variano da un paese all altro. Il trattamento con corsetto è stato fortemente criticato negli anni 80 e rivalidato negli anni 90. I lavori più recenti mostrano

10 risultati positivi nell uso del corsetto rispetto alla storia naturale della malattia, con dati statisticamente significativi in relazione ai gradi Cobb di partenza, anche se ancora molti ortopedici ritengono che il peso delle prove a favore dell effetto positivo del corsetto sia ancora scarso. Attualmente viene raccomandato il trattamento con corsetto per curve superiori ai gradi Cobb e residuo periodo di crescita, con dimostrata evoluzione o elevato rischio di peggioramento della curva. L uso di un corsetto non amovibile, in gesso o vetroresina, è raccomandato per curve superiori ai 40 gradi Cobb. Si raccomanda che il corsetto venga indossato all inizio del trattamento a tempo pieno, e comunque non meno di 18 ore, e venga indossato sino al termine dell accrescimento osseo vertebrale riducendo progressivamente le ore. La prescrizione, confezione e collaudo di corsetto ortopedico deve essere effettuata attraverso una stretta collaborazione tra medico prescrittore e collaudatore, tecnico ortopedico confezionatore del corsetto e rieducatore. Si raccomanda che il collaudo venga effettuato dal medico prescrittore, verificando personalmente la validità del corsetto confezionato dal tecnico ortopedico, proponendo e verificando successivamente tutte le correzioni necessarie per ottenere una maggiore efficacia e tollerabilità dell ortesi. In associazione al trattamento ortesico è raccomandata l effettuazione di esercizi specifici. Nei periodi di svezzamento dal corsetto, sono raccomandati esercizi di rieducazione posturale e funzionale. Trattamento chirurgico Gli obiettivi primari del trattamento chirurgico sono: arrestare la progressione della curva ottenere la correzione massima permanente della deformità nelle tre dimensioni migliorare l assetto equilibrato del tronco ridurre al minimo le complicanze a breve e lungo termine In generale l indicazione per la chirurgia negli adolescenti, è rappresentata da una curva primaria superiore ai 45 gradi di angolo di Cobb. E raccomandata l effettuazione di esercizi specifici e chinesiterapia sia in preparazione dell intervento chirurgico, sia successivamente all intervento stesso.

11 REFERTAZIONE TELERADIOGRAFIA PER SCOLIOSI STRUTTURA SEDE MODALITA' UTILIZZATA NOTE A.O. DI LEGNANO LEGNANO pellicola con il trasferimento al nuovo ospedale verrà fornito CD con programma di post elaborazione (per calcolo angolo di Cobb) CUGGIONO MAGENTA ABBIATEGRASSO CORSICO pellicola CD pellicola pellicola con il trasferimento al nuovo ospedale verrà fornito CD con programma di post elaborazione (per calcolo angolo di Cobb) non contiene la misurazione dell'angolo di Cobb A.O. G. SALVINI GARBAGNATE pellicola BOLLATE pellicola MEDICA SNC TREZZANO S/NAVIGLIO pellicola STUDIO RADIOLOGICO CITTA' DI PARABIAGO PARABIAGO pellicola STUDIO RADIOLOGICO CARROCCIO LEGNANO pellicola CASA DI CURA AMBROSIANA CESANO BOSCONE - conferma delle varie ditte radiografiche della prevista uscita dal mercato di prodotti quali sviluppatrici e pellicole non effettuano al momento prestazioni in adolescenti affetti da patologia scoliotica CLINICA SAN CARLO PADERNO DUGNANO CD stampa lastra ove richiesta POLIDIAGNOSTICO MONTESANTO CORNAREDO - non esegue teleradiografie colonna e arti sotto carico OSPEDALE VITTORE BUZZI MILANO pellicola A.O. GAETANO PINI MILANO CD con programma di post elaborazione (per calcolo angolo di Cobb)

Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi

Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER LA DIAGNOSI E LA CURA DELLA SCOLIOSI IDIOPATICA Epidemiologia, definizione, eziopatogenesi La scoliosi idiopatica dell adolescente (SIA) colpisce dal 1 al 3% dei soggetti

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale Le Scoliosi Rachide normale Piano frontale (coronale) Piano sagittale Piano assiale Rachide normale Piano frontale (coronale) Assenza di deviazioni laterali rispetto alla linea mediana Rachide normale

Dettagli

Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi

Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi Atteggiamento scoliotico Specifiche alterazioni anatomopatologiche, delle quali la rotazione delle vertebre e

Dettagli

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI E CIFOSI La colonna vertebrale presenta fisiologicamente una serie di curve sul piano sagittale (laterale), mentre normalmente non presenta curve sul piano

Dettagli

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate La Scoliosi del Bambino e dell Adulto Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate 1 2 SCOLIOSI 3 SCOLIOSI Skolios: dal greco curvatura Descritta da Ippocrate

Dettagli

Rilevazione dei vizi posturali più comuni nei ragazzi in età scolare

Rilevazione dei vizi posturali più comuni nei ragazzi in età scolare Rilevazione dei vizi posturali più comuni nei ragazzi in età scolare Andrea Bergna DO MROI 6 Maggio 2013 Obiettivo Screening muscolo-scheletrico per valutare i paramorfismi vertebrali e degli arti inferiori.

Dettagli

GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE. Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti

GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE. Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti GLI SCANOGRAMMI ESEGUITI IN ORTOSTASI CON TECNICA DIGITALE Dott Bisulli-Dott.ssa Danesi Radiologia Ospedale Bufalini-Cesena Direttore Dott M.Mughetti Nella valutazione delle sindromi dolorose degli atleti

Dettagli

Scoliosi giovanile. di Lisa Zamboni

Scoliosi giovanile. di Lisa Zamboni Scoliosi giovanile di Lisa Zamboni CURVE DEL RACHIDE Lordosi cervicale Cifosi dorsale Lordosi lombare Curva sacrale REQUISITI MECCANICI RIGIDITA' ELASTICITA' FUNZIONI DEL RACHIDE SOSTEGNO PROTEZIONE MOBILITA'

Dettagli

Sindromi da dolore agli arti

Sindromi da dolore agli arti www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Sindromi da dolore agli arti Versione 2016 10. Osteocondrosi (sinonimi: osteonecrosi, necrosi avascolare) 10.1 Che cos è? La parola "osteocondrosi" significa

Dettagli

Che cos'è la postura

Che cos'è la postura Che cos'è la postura Si può definire la Postura come il modo di stare in equilibrio del corpo umano.. Essa esprime una funzione relativa alle capacità del corpo d acquisire e mantenere tutte le posizioni,

Dettagli

CENTRO EUROPEO COLONNA VERTEBRALE - ITALIA Via Nastrucci 16/A 29100 Piacenza

CENTRO EUROPEO COLONNA VERTEBRALE - ITALIA Via Nastrucci 16/A 29100 Piacenza La scoliosi idiopatica Matteo Pennisi Viene definita come scoliosi una deviazione della colonna sul piano frontale maggiore di 10º Cobb associata a rotazione vertebrale (indice di strutturazione) in una

Dettagli

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO

LA CURA EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE POSTURALE, RIABILITAZIONE FUNZIONALE E PREVENTIVA TORNARE IN SALUTE O STAR BENE SENZA INTERVENTO SCOLIOSI? STOP AL BUSTO! DOLORE ALLA SPALLA? STOP ALL' INTERVENTO! DOLORE ALLA SCHIENA, ALLE SPALLE, TUNNEL CARPALE, ARTRITE ARTROSI DELLE PICCOLE E GRANDI ARTICOLAZIONI, LOMBALGIA, CERVICALGIA, DORSALGIA,

Dettagli

TRATTAMENTO ORTOPEDICO LIONESE

TRATTAMENTO ORTOPEDICO LIONESE TRATTAMENTO ORTOPEDICO LIONESE II gesso - Il corsetto Il trattamento ortopedico richiede un periodo di riduzione con gessi tipo Abbott (modificato da Y. Cotrel: E.D.F. = elongazione, derotazione, flessione).

Dettagli

Tabella 5: Manovre utili per l inquadramento clinico-funzionale del rachide e per un orientamento verso sospette patologie di specifico interesse

Tabella 5: Manovre utili per l inquadramento clinico-funzionale del rachide e per un orientamento verso sospette patologie di specifico interesse Tabella 5: Manovre utili per l inquadramento clinico-funzionale del rachide e per un orientamento verso sospette patologie di specifico interesse MODALITA DI ESECUZIONE PATOLOGIA SOSPETTABILE RITMO LOMBO-

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DELLA COLONNA LOMBO-SACRALE

L ESAME RADIOLOGICO DELLA COLONNA LOMBO-SACRALE L ESAME RADIOLOGICO DELLA COLONNA LOMBO-SACRALE COLONNA LOMBARE o LOMBO-SACRALE PROIEZIONI STANDARD ANTERO-POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, lesioni ossee focali, patologia artrosica e flogistica,

Dettagli

SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare. Marco Maria Mariani. Guido Barneschi. Pediatra di base Arezzo. Dir. Prof. M.

SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare. Marco Maria Mariani. Guido Barneschi. Pediatra di base Arezzo. Dir. Prof. M. SCOLIOMETRIA: osserviamo e decidiamo che fare Guido Barneschi I Clinica Ortopedica Università di Firenze Dir. Prof. M.Innocenti Marco Maria Mariani Pediatra di base Arezzo Piano frontale LORDOSI CIFOSI

Dettagli

Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze

Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze Un approccio innovativo nel trattamento delle patologie della colonna: evidenze cliniche e 24 mesi di esperienze Dr Paolo Fraschini IRCCS Medea Officine Ortopediche Rizzoli Metodologia di base presa di

Dettagli

EDUCAZIONE POSTURALE

EDUCAZIONE POSTURALE EDUCAZIONE POSTURALE Le statistiche dicono che 8 persone su 10 hanno sofferto o soffrono di mal di schiena; questo fenomeno è in aumento anche tra i giovani e le cause principali, sulle quali si può intervenire,

Dettagli

Il corsetto Cheneau. Guida all uso

Il corsetto Cheneau. Guida all uso Il corsetto Cheneau Guida all uso Indice Istruzioni d uso iniziale per il corsetto tipo Cheneau La scoliosi Come notiamo la scoliosi? Il corsetto Cheneau Come indossare il corsetto? Quanta correzione Fino

Dettagli

Busto in fibra di carbonio

Busto in fibra di carbonio Busto in fibra di carbonio Nuove frontiere correttive con busti in fibra di carbonio e applicazioni di nuovi strumenti per il controllo delle rotazioni vertebrali Dr Ottorino Catani Chirurgo ortopedico

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

La valutazione del paziente scoliotico: indice

La valutazione del paziente scoliotico: indice La valutazione del paziente scoliotico: indice Introduzione Capitolo 1: La valutazione clinica Paolo Giudici, Stefano Negrini, Paolo Sibilla Anamnesi Anamnesi familiare Anamnesi fisiologica Anamnesi patologica

Dettagli

La Mobilizzazione del rachide scoliotico nell età evolutiva come fondamento per una più efficace chinesiterapia e un miglior uso del corsetto.

La Mobilizzazione del rachide scoliotico nell età evolutiva come fondamento per una più efficace chinesiterapia e un miglior uso del corsetto. Andrea QUAGLIOZZI Dottore in Ingegneria Meccanica Indirizzo Bio-Medica Francesco TROPEA Dottore in Ingegneria Meccanica Indirizzo Bio-Medica Michele TORRUSIO Dottore in Scienze Motorie-Chinesiologo-Membro

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

La salute della colonna vertebrale

La salute della colonna vertebrale Parte quarta: L educazione alla salute e alla sicurezza Cªpitºlº 21 Pressmaster - Fotolia La salute della colonna vertebrale OBIETTIVI Sapere quali sono i principali paramorfismi cos è la scoliosi e come

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli

Movimento e benessere per la nostra schiena

Movimento e benessere per la nostra schiena Movimento e benessere per la nostra schiena Siamo fatti così... Corso di ginnastica posturale correttiva Sciolze 2011 La colonna vertebrale rappresenta la struttura portante del nostro corpo ed è capace

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

POSTUROLOGIA. Laboratorio di Fitness & Wellness. Dott. Romilda Palma MsC Human Performance and Sports Sciences romildapalma@hotmail.

POSTUROLOGIA. Laboratorio di Fitness & Wellness. Dott. Romilda Palma MsC Human Performance and Sports Sciences romildapalma@hotmail. Università degli Studi di Enna - Kore Laboratorio di Fitness & Wellness POSTUROLOGIA Dott. Romilda Palma MsC Human Performance and Sports Sciences romildapalma@hotmail.it Do#. Romilda Palma 1 SCOLIOSI

Dettagli

Dr Pasquale CINNELLA. SC Chirurgia Vertebrale Ospedale CTO-Maria Adelaide Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Torino

Dr Pasquale CINNELLA. SC Chirurgia Vertebrale Ospedale CTO-Maria Adelaide Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Torino Dr Pasquale CINNELLA SC Chirurgia Vertebrale Ospedale CTO-Maria Adelaide Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza Torino SCOLIOSI - -Deformità strutturale (dismorfismo) della colonna vertebrale

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

LA BIOMEDICA POSTURALE

LA BIOMEDICA POSTURALE LA POSTUROLOGIA LA BIOMEDICA POSTURALE La posturologia è la scienza che studia la posizione del corpo umano nello spazio. Nel corpo umano esiste un sistema posturale che viene informato della posizione

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

SOSORT INTERNATIONAL SOCIETY ON SCOLIOSIS ORTHOPAEDIC AND REHABILITATION TREATMENT

SOSORT INTERNATIONAL SOCIETY ON SCOLIOSIS ORTHOPAEDIC AND REHABILITATION TREATMENT Standard per la gestione terapeutica della scoliosi idiopatica mediante corsetti nella pratica clinica quotidiana e nella ricerca clinica I criteri SOSORT per il trattamento ortesico Esperienza e competenza

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG

Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG Valentino Petruzzi Fisiatra Responsabile U.O. Protesica e Riabilitazione ASL FG Scelta e prescrizione ortesica nel soggetto scoliotico SCOLIOSI alterazione dell assetto del rachide che si presenta incurvato

Dettagli

Alcuni esercizi per ridurre la curva di lordosi lombare e reidratare i dischi

Alcuni esercizi per ridurre la curva di lordosi lombare e reidratare i dischi Alcuni esercizi per ridurre la curva di lordosi lombare e reidratare i dischi ( A cura di Nascimben Andrea. Chinesiologo Master in Posturologia) Se la causa dei dolori vertebrali potrebbe essere generata

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

Cos'è la postura. Si può definire Postura il modo di stare in equilibrio del corpo umano in tutte le posizioni..

Cos'è la postura. Si può definire Postura il modo di stare in equilibrio del corpo umano in tutte le posizioni.. Cos'è la postura Si può definire Postura il modo di stare in equilibrio del corpo umano in tutte le posizioni.. L uomo, nella sua evoluzione, è passato dalla POSTURA di quadrupede a quella di Homo Erectus.

Dettagli

ESAME CLINICO DELLE SCOLIOSI

ESAME CLINICO DELLE SCOLIOSI ESAME CLINICO DELLE SCOLIOSI Questo esame permette di evidenziare la scoliosi e si effettua esaminando il paziente svestito e a piedi nudi in diverse posizioni. Esame del paziente in piedi Gli arti inferiori

Dettagli

SCOLIOSI NEL CALCIATORE:

SCOLIOSI NEL CALCIATORE: SCOLIOSI NEL CALCIATORE: UN CASO STUDIO A cura di: Christian Casella SOGGETTO Anno e Ruolo: Centrocampista allievi regionali fascia B (1998); Problema: dolore alla schiena (zona lombare), specie dopo un

Dettagli

Fondazione Don Gnocchi I.R.C.C.S. Firenze. U.O. Scoliosi e Patologie Vertebrali Responsabile Dr. A.Corigliano

Fondazione Don Gnocchi I.R.C.C.S. Firenze. U.O. Scoliosi e Patologie Vertebrali Responsabile Dr. A.Corigliano Fondazione Don Gnocchi I.R.C.C.S. Firenze U.O. Scoliosi e Patologie Vertebrali Responsabile Dr. A.Corigliano DORSO CURVO A. Corigliano LIMITE TRA NORMALITA E PATOLOGIA ENTITA DELLA CURVA Difficoltà

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Indice. BACK SCHOOL - Neck School - Bone School - Programmi di lavoro specifici per le patologie del rachide ISBN 88-7051-266-5

Indice. BACK SCHOOL - Neck School - Bone School - Programmi di lavoro specifici per le patologie del rachide ISBN 88-7051-266-5 Indice 1. Spondilolistesi Fattori che impediscono lo scivolamento... 1 Cause della spondilolistesi... 1 Spondilolistesi e sport... 2 Valutazione della spondilolistesi... 3 Evoluzione e trattamento della

Dettagli

Istituto Scientifico Italiano Colonna vertebrale Fabio Zaina, Stefano Negrini Il ruolo delle ortesi spinali nel progetto riabilitativo La Scoliosi: il terremoto della colonna vertebrale Scoliosi Deformità

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

La scoliosi WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

La scoliosi WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ La scoliosi WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Corso di Radiologia La scoliosi La scoliosi Introduzione Definizione Classificazione ed eziopatogenesi Esame clinico Aspetti radiologici Trattamento conservativo

Dettagli

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere

formetric 3D/4D VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere formetric 3D/4D ricostruzione tridimensionale della colonna vertebrale veloce senza impiego di raggi X unica nel suo genere VALUTAZIONE DELLA COLONNA VERTEBRALE E ANALISI POSTURALE biomedical solutions

Dettagli

CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO

CENTRO FISIOTERAPICO E RIABILITATIVO La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa, determinato da stress, traumi fisici ed emotivi, posture professionali scorrette ripetute e mantenute nel tempo, respirazione scorretta,

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

Centro di Posturologia Clinica Paone Riabilitazione

Centro di Posturologia Clinica Paone Riabilitazione Centro di Posturologia Clinica Paone Riabilitazione Dott. Giosuè Paone Posturologia Clinica Riabilitazione Fisioterapia Valutazione Posturale Esame Baropodometrico in Statica e in Dinamica Analisi del

Dettagli

E' controindicato l'uso delle ciabatte prima dei 10 anni di età.

E' controindicato l'uso delle ciabatte prima dei 10 anni di età. IL PIEDE PIATTO VALGO FISIOLOGICO NEL BAMBINO: CONSIGLI PER I GENITORI Il piede piatto è l'assenza dell'arco plantare, cioè dell'incavo che la pianta del piede dell'adulto presenta sul lato interno. In

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA Gli Osteopati,i Fisioterapisti ed i Posturologi sono molto attenti riguardo la postura dei loro pazienti, consigliando loro come correggerla e come eseguire esercizi correttivi,

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Giuseppe TOMBOLINI Carmine SIMEONE Tombolini Officine Ortopediche Taranto

Giuseppe TOMBOLINI Carmine SIMEONE Tombolini Officine Ortopediche Taranto Valutazione e Prescrizione Ortesi, Protesi ed Ausili Corso Nazionale di Aggiornamento SIMFER 2010 Manfredonia FOGGIA -15/17 novembre 2010 1 Giuseppe TOMBOLINI Carmine SIMEONE Tombolini Officine Ortopediche

Dettagli

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia

Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in fisioterapia LA GESTIONE DEI WMSDs DEGLI OPERATORI SANITARI: interpretazione del rischio specifico, e gestione aziendale della collocazione lavorativa Strategie preventive nella gestione di limitazioni lavorative in

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

LA SCOGLIOSI CENNI STORICI ED INTRODUZIONE

LA SCOGLIOSI CENNI STORICI ED INTRODUZIONE CENNI STORICI ED INTRODUZIONE LA SCOGLIOSI La scoliosi è una deformità riconosciuta e studiata fin dall'antichità. Una trattazione delle alterazioni strutturali tipiche della scoliosi viene prodotta già

Dettagli

Di seguito sono indicate le Strutture sanitarie partecipanti e le sole prestazioni ambulatoriali a progetto.

Di seguito sono indicate le Strutture sanitarie partecipanti e le sole prestazioni ambulatoriali a progetto. L ASL Milano 1, con la collaborazione di 15 Strutture sanitarie, ha attivato PROGETTI per il MIGLIORAMENTO DEI TEMPI DI ATTESA e per la Medicina dello Sport. Fino al 31 dicembre 2013 verrà ampliata l offerta

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Parte I : principi generali e classificazione.

Parte I : principi generali e classificazione. Dott. Victor Rosso Resp. Centro Scoliosi Clinica Ortopedica e Traumatologica Università degli Studi di Torino Dir. Prof. P.Rossi Paramorfismi e dismorfismi vertebrali 1 parte: principi generali e classificazione

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Sindrome di Poland : al Giannina Gaslini di Genova il quinto Open Day.

Sindrome di Poland : al Giannina Gaslini di Genova il quinto Open Day. Comunicato stampa Sindrome di Poland : al Giannina Gaslini di Genova il quinto Open Day. Sabato 6 giugno con Aisp e lo Sportello Malattie Rare Regione Liguria. Per la Sindrome di Poland al Giannina Gaslini

Dettagli

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot.

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot. MANUALE SUL PIEDE 1 Il Piede Il piede è un capolavoro unico d architettura, o meglio di biomeccanica, con le sue 26 ossa, 33 articolazioni, 114 legamenti, 20 muscoli e 250.000 ghiandole sudorifere presiede

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI EDUCAZIONE FISICA. Tesina di diploma ORTESI NEL TRATTAMENTO DELLE SCOLIOSI

ISTITUTO SUPERIORE DI EDUCAZIONE FISICA. Tesina di diploma ORTESI NEL TRATTAMENTO DELLE SCOLIOSI ISTITUTO SUPERIORE DI EDUCAZIONE FISICA Tesina di diploma ORTESI NEL TRATTAMENTO DELLE SCOLIOSI Relatore: prof.sarto Diego studente: Boscolo Enrico Nata Anno scolastico 2000/2001 SCOLIOSI IDIOPATICA Definizione

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI

NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI NELLE PATOLOGIE OSTEOARTICOLARI. Fisioterapia ITALO GUIDO RICAGNI Le terapie riabilitative nelle fasi precoci dell Artrite Reumatoide Clinical guideline for the diagnosis and management of early rheumatoid

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 259 DEL 07/06/2013 O G G E T T O Adozione documento aziendale "Criteri di

Dettagli

I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali

I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali I corsetti ortopedici e la riabilitazione nelle deformità vertebrali La scoliosi idiopatica scaricato da www.sunhope.it 1 Deviazioni del rachide nel piano frontale non strutturate: paramorfismi, atteggiamenti

Dettagli

PARAMORFISMI. (Lesur) Deviazioni in cui la colonna si presenta più o meno rigida (Zanoli) Semplici alterazioni funzionali, senza lesione strutturali.

PARAMORFISMI. (Lesur) Deviazioni in cui la colonna si presenta più o meno rigida (Zanoli) Semplici alterazioni funzionali, senza lesione strutturali. PARAMORFISMI Esistono molte definizioni dei paramorfismi tutte abbastanza valide: (Sorrentino) Complesso di abiti morfologici paranormali compresi tra i confini della normalità e della patologia; (Pivetta)

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Come promotori della Campagna Postura Corretta e nostro piacere fornirvi questa Guida per la salute della colonna vertebrale e della vista.

Come promotori della Campagna Postura Corretta e nostro piacere fornirvi questa Guida per la salute della colonna vertebrale e della vista. Come promotori della Campagna Postura Corretta e nostro piacere fornirvi questa Guida per la salute della colonna vertebrale e della vista. Le patologie vertebrali e visive sono considerate le malattie

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare

PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia PROIEZIONI RADIOLOGICHE. Cingolo scapolare A.A. 2014 2015

Dettagli

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA

CENTRO IDROKIN. V.le XXIV maggio, 11 TREVIGLIO BENESSERE IN GRAVIDANZA BENESSERE IN GRAVIDANZA La gravidanza è l evento più bello che una donna possa affrontare. Il lavoro corporeo in gravidanza rappresenta una sorta di viaggio, di esplorazione e riscoperta di sé. È occasione

Dettagli

Diagnosi di iperlassità legamentosa: revisione delle metodiche

Diagnosi di iperlassità legamentosa: revisione delle metodiche Diagnosi di iperlassità legamentosa: revisione delle metodiche Assessment of joint laxity in children and adolescents: a review of methods. Czaprowski D, Kotwicki T, Stolinski L Ortop Traumatol Rehabil.

Dettagli

TECNOLAB TECNO. Catalogo Produzione. Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche

TECNOLAB TECNO. Catalogo Produzione. Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche TECNO Laboratorio tecnico di ortesi ortopediche Catalogo Produzione TecnoLab laboratorio tecnico di ortesi su misura; si occupa di fornire un supporto alle officine ortopediche nella fornitura di semi

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

Proposta per un protocollo in medicina generale. Perugia Hotel Gio'- 6 giugno 2009

Proposta per un protocollo in medicina generale. Perugia Hotel Gio'- 6 giugno 2009 Proposta per un protocollo in medicina generale Perugia Hotel Gio'- 6 giugno 2009 Nonostante i piedi siano frequentemente causa di disturbi, l esame obiettivo delle estremità spesso viene trascurato perché

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli