GLI ORDINI PROFESSIONALI DEGLI INSEGNANTI. in Scozia, Inghilterra, Columbia Britannica, Ontario, Sud Africa, Queensland, Hong Kong

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ORDINI PROFESSIONALI DEGLI INSEGNANTI. in Scozia, Inghilterra, Columbia Britannica, Ontario, Sud Africa, Queensland, Hong Kong"

Transcript

1 GLI ORDINI PROFESSIONALI DEGLI INSEGNANTI in Scozia, Inghilterra, Columbia Britannica, Ontario, Sud Africa, Queensland, Hong Kong a cura di Alessandra Cenerini Agosto 2001

2 L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI IN SCOZIA "GENERAL TEACHING COUNCIL FOR SCOTLAND" Istituzione dell'ordine L'Ordine degli Insegnanti in Scozia è stato istituito il primo Febbraio 1966, con il nome di General Teaching Council,in applicazione della legge del 1965, il Teaching Council Act. Nella legge istitutiva i compiti del General Teaching Council scozzese sono stati così definiti: 1) gestione dell'albo degli insegnanti abilitati (dopo l'istituzione del GTC è diventato illegale in Scozia impiegare docenti non abilitati); 2) programmazione del fabbisogno dei docenti e delle iscrizioni ai corsi universitari per la formazione degli insegnanti; 3) controllo degli standards di ingresso alla professione, anche attraverso la supervisione dei due anni di prova necessari per accedere stabilmente all'albo, e la decretazione conclusiva dell'avvenuto superamento 1) accreditamento e revisione di tutti i corsi per la formazione iniziale dei docenti, sia per quanto riguarda i contenuti che la gestione; 2) esercizio dei poteri disciplinari, fino all'espulsione dall'albo e conseguente interdizione dall'insegnamento, avendo come criteri guida il bene degli allievi e il buon nome della professione. Con la Legge del 2000 questi poteri sono stati ampliati, ed è stato indicato al primo punto quello di contribuire a migliorare la qualità dell'insegnamento e dell'apprendimento, e mantenere e migliorare gli standard professionali degli insegnanti. Contemporaneamente sono stati attribuiti nuovi poteri di intervento non solo nei casi disciplinari, ma anche di "incompetenza" professionale. Finanziamento Il GTC è finanziato dai membri iscritti all'albo, attraverso una quota annua, a garanzia della sua autonomia dal Governo centrale e da quello locale. Fino al 2001 la quota è stata di 20 sterline, dal 1 Aprile 2001 è diventata di 25 sterline e di 35 per coloro che si iscrivono per la prima volta o sono riammessi. dal 1966 al membri di cui : 30 direttamente eletti fra gli insegnanti iscritti all'albo (in rappresentanza di docenti ), di cui 11 di scuola primaria,11 di scuola secondaria, 3 di istruzione superiore, 5 in servizio nelle istituzioni di formazione dei docenti, fra cui 4 capi d'istituto 15 membri designati, 3 dall'associazione delle autorità scolastiche locali (LEA, Local Education Authorities) scozzesi, 1 dall'associazione dei College scozzesi, 3 dall'associazione dei Direttori dell'istruzione in Scozia, 4 dalle Università scozzesi, 2 dalla Chiesa di Scozia e 1 dalla Chiesa cattolica 4 nominati dal Segretario di Stato. dal membri di cui: 26 eletti fra gli iscritti all'ordine, di cui 4 capi d'istituto di scuola dell'infanzia e primaria, 4 capi d'istituto della scuola secondaria, 7 insegnanti di scuola primaria e dell'infanzia, 8 insegnanti di scuola secondaria, 1 insegnante di asilo nido, 2 insegnanti di istruzione superiore, 1 di una istituzione rilevante

3 18 membri designati, di cui 3 dall'associazione delle LEA ( Local Education Authorities), 1 dal consiglio direttivo dei college di istruzione postsecondaria, 1 dal Consiglio delle scuole indipendenti ( private), 4 dai consigli di amministrazione di istituzioni rilevanti, 3 dalle Università e da altri istituti di istruzione superiore, 1 dalla Chiesa di Scozia, 1 dalla Chiesa cattolica, 1 dall'associazione dei direttori del lavoro sociale 6 membri nominati dal Segretario di Stato della Scozia Il Consiglio viene eletto ogni 4 anni. I membri del Consiglio lavorano in una o più delle 10 Commissioni istituite, la maggior parte delle quali relative ad aspetti professionali. Il Consiglio in seduta plenaria si riunisce quattro volte all'anno ed è presieduto dal Registar. Il Consiglio ha il supporto di personale di segreteria, amministrativo e tecnico-professionale Istituzione dell'ordine L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI IN INGHILTERRA "GENERAL TEACHING COUNCIL FOR ENGLAND" L'Ordine degli insegnanti inglesi, General Teaching Council for England, è stato istituito con la legge del 1998, il Teaching and Higher Education Act, e costituito il primo Settembre Finalità Ha le seguenti finalità: 1. innalzare lo status della professione docente 2. essere la voce professionale degli insegnanti 3. ascoltare gli insegnanti e lavorare per loro 4. garantire alti standard di insegnamento e apprendimento Le funzioni stabilite per legge sono: 1. mantenere l'albo degli insegnanti 2. eseguire qualsiasi altro compito richiesto dal Segretario di Stato 3. dare pareri al Segretario di Stato e ad altri su: a) standard d'insegnamento, b) standard di comportamento degli insegnanti, c) ruolo della professione docente, d)aggiornamento, e) sviluppo di carriera, f) gestione delle prestazioni, g) reclutamento, h) criteri in materia di " sana e robusta costituzione" degli insegnanti 4. redigere il "Codice professionale", intervenire in caso di comportamenti professionali inaccettabili e di incompetenza professionale Ammissione L'iscrizione all'albo avviene dopo che gli insegnanti hanno superato il periodo di prova che è di 1 anno. Il periodo può essere protratto in caso di non superamento. Finanziamento Le quote annue sono proposte dal Consiglio, ma devono essere approvate dalla Segreteria di Stato. Le quote sono in pagamento dall'ottobre 2001, e inizialmente fissate in 30 sterline annue. Il GTC è costituito di 64 membri così ripartiti:

4 1. 25 membri eletti di cui: 11 insegnanti di scuola di base ( con alunni sotto i 12 anni), 11 di scuola secondaria ( con alunni sopra i 12 anni), 1 di scuola speciale, 1 capo d'istituto di scuola di base, 1 capo d'istituto di scuola secondaria 2. 9 insegnanti designati dai principali sindacati degli insegnanti e dei capi d'istituto, di cui: 2 dell'atl, 2 della NASUWT, 2 della NUT, 1 della PAT, 1 della SHA (capi d'istituto), 1 della NAHT ( capi d'istituto) membri designati dai principali organismi, di cui: 3 della Associazione dei Governi Locali, 1 dell'associazione dirigenti dell'istruzione, 1 dell'associazione dei College, 1 del Servizio educativo della Chiesa Cattolica, 1 del Consiglio dell'istruzione della Chiesa d'inghilterra, 1 della Commissione contro il razzismo, 1 della Confindustria britannica, 1 della Commissione per le pari opportunità, 1 del Consiglio delle scuole indipendenti (private), 1 del Bureau nazionale per l'infanzia, 1 del Consiglio nazionale dei Governors, 1 della Conferenza permanente dei Capi d'istituto, 1 del Consiglio universitario per la formazione degli insegnanti, 1 del Comitato dei Vice Chancellors & Principals delle Università del Regno Unito, 1 della Commissione per i diritti dei disabili 13 membri nominati dal Segretario di Stato di cui il Presidente del GTC, il Vice presidente, 1 capo d'istituto di scuola primaria, 1 dirigente revisore dei conti, 1 insegnante AST (insegnante di livello superiore-advanced Skills Teacher), 1 capo d'istituto di scuola secondaria, 2 genitori, 1 docente senior di scuola secondaria, 1 vicario di scuola primaria, 1 capo d'istituto delle scuole secondarie indipendenti, 1 insegnante di asilo nido, 1 rettore di scuola di istruzione superiore Ordini simili sono stati costituiti nel Galles (1 settembre 2000), nell'irlanda del Nord (2001), nella Repubblica d'irlanda ( Teaching Council Bill/2000) L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI NELLA COLUMBIA BRITANNICA (CANADA) "BRITISH COLUMBIA COLLEGE OF TEACHERS" Istituzione dell'ordine L'Ordine Professionale dei docenti della Columbia Britannica ( British Columbia College of Teachers), è stato costituito il primo Gennaio 1988,con legge istitutiva del 1987, il Teaching Profession Act 1. regola la professione docente 2. stabilisce gli standard di formazione degli insegnanti delle scuole pubbliche 3. emana i certificati di abilitazione 4. è responsabile della revisione periodica delle abilitazioni all'insegnamento e in caso di necessità può procedere alla loro sospensione o revoca 5. è responsabile della tenuta dell'albo professionale L'Ordine, che rappresenta circa insegnanti, è governato da un Consiglio di 20 membri, di cui: direttamente eletti fra i membri dell'ordine 2. 4 nominati, di cui 2 dal Provincial Cabinet, 2 dal Ministro dell'istruzione 3. 1 designato dai Rettori delle facoltà di Scienze della Formazione

5 Il Consiglio si dà, per legge, tre Commissioni: 1. la Commissione per le abilitazioni alla professione 2. la Commissione per i programmi di formazione degli insegnanti 3. la Commissione di disciplina L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI NELL'ONTARIO (CANADA) "ORDRE DES ENSEIGNANTES ET DES ENSEIGNANTS DE L'ONTARIO" "ONTARIO COLLEGE OF TEACHERS" Istituzione dell'ordine L'Ordine degli insegnanti dell'ontario è stato creato, attraverso apposita legge, nel 1996, con il nome di "Ordre des enseignantes et des enseignants de l'ontario" in francese e "Ontario College of Teachers" in inglese Finalità Le finalità dell'ordine sono le seguenti: a) regolare la professione docente e governare l'attività dei suoi membri b) elaborare, stabilire e gestire le norme di ammissione all'ordine c) accreditare i programmi di formazione degli insegnanti offerti dagli istituti di formazione postsecondaria d) accreditare programmi di formazione in servizio e) assegnare, rinnovare, modificare, sospendere, annullare, revocare e reintegrare gli attestati di abilitazione all'insegnamento e le iscrizioni all'ordine f) predisporre la formazione continua dei membri g) stabilire e fare rispettare le norme professionali e le norme deontologiche applicabili ai membri h) ricevere le contestazioni contro gli appartenenti all'ordine, fare le relative indagini, trattare le questioni disciplinari e di idoneità all'insegnamento i) elaborare, offrire e accreditare programmi di formazione volti al conseguimento di ulteriori certificazioni rispetto a quelle necessarie per l'iscrizione all'ordine, riguardanti in particolare l'abilitazione alla funzione di ispettore (supervisory officer, agent de supervision), e assegnare, rinnovare, modificare, sospendere, annullare, revocare e reintegrare queste altre abilitazioni j) comunicare con il pubblico a nome degli iscritti all'ordine k) svolgere tutte le altre funzioni previste dal Regolamento. L'Ordine ha un Consiglio così composto: a) 17 membri direttamente eletti fra gli appartenenti all'ordine b) 14 membri nominati dal Rappresentante del Governo nel Consiglio, i quali ricevono dal ministro i compensi e le indennità che vengono fissati in consiglio dal rappresentate governativo Durata del mandato Il mandato dei membri del Consiglio non può superare i tre anni, salvo diverse indicazioni del regolamento I membri del Consiglio possono rimanere in carica per più di un mandato, comunque per non più di dieci anni consecutivi Il consiglio si riunisce almeno quattro volte all'anno. Le riunioni del consiglio sono pubbliche Il Consiglio può tenere riunioni o parti di riunioni chiuse al pubblico nei seguenti casi: 1. quando la pubblicizzazione di questioni finanziarie, personali o di altra natura possano ledere l'interesse delle persone coinvolte o l'interesse pubblico

6 2. quando possano essere lesi i diritti di una persona che abbia in corso un processo civile o penale 3. quando rischi di essere compromessa la sicurezza di qualcuno 4. quando sono trattate questioni personali Il Consiglio delibera quando si debba chiudere la riunione al pubblico Il Consiglio incontra il Ministro ogni anno. Il Consiglio stabilisce i seguenti organismi: 1-Giunta esecutiva 2-Commissione d'inchiesta 3-Commissione di disciplina 4- Commissione Ricorsi 5- Commissione per la valutazione dell'idoneità sanitaria (per condizioni di salute e altro)) Il Codice deontologico della Professione Docente L'8 Giugno 2000, il Consiglio dell'ordine ha approvato Il Codice Deontologico della Professione Docente. Il Codice e le norme per l'esercizio professionale sono alla base di tutti i programmi di formazione iniziale degli insegnanti e di perfezionamento professionale. Questo il testo: "La professione docente è costituita da insegnanti competenti e impegnati. Il loro lavoro garantisce la dignità e il prestigio della professione. In virtù della fiducia che ispirano e dell'influenza che esercitano, tutti i membri dell'ordine degli insegnanti e delle insegnanti dell'ontario: mantengono corrette relazioni professionali con gli allievi, riconoscono la natura privilegiata di tale relazione, nella quale l'insegnante esprime imparzialità per ciascun allievo, nel rispetto delle diverse capacità e dei diversi bisogni formativi di ciascuno mantiene riservatezza sulle informazioni che riguardano gli allievi, a meno che la loro divulgazione non costituisca necessità prevista dalla legge o nel caso in cui sia in gioco la sicurezza di qualcuno, rispettano la dignità umana, i valori spirituali, i valori culturali, la libertà, la giustizia sociale, la democrazia e l'ambiente collaborano con gli altri membri dell'ordine e altre persone per creare un ambiente di lavoro che favorisca lo sviluppo sociale, fisico, intellettuale, spirituale, culturale, morale, ed emotivo dell'allievo stabiliscono relazioni con i genitori o i tutori, riconoscendone il ruolo di partner nell'educazione degli alunni, tali relazioni si fondano sul rispetto, la fiducia e la comunicazione collaborano con altri professionisti nell'interesse degli allievi e in modo conforme alla legge sono esempio di integrità, onestà, giustizia, e dignità rispettano la natura confidenziale delle informazioni relative ad altri membri dell'ordine ottenute nell'esercizio della propria professione, a meno che la loro divulgazione sia richiesta dalla legge o sia in gioco la sicurezza di qualcuno agiscono in conformità alle leggi e ai regolamenti." L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI IN SUD AFRICA "SOUTH AFRICAN COUNCIL FOR EDUCATORS" Istituzione Il SACE ( South African Council for Educators) è stato costituito nel 1995, attraverso il contratto collettivo di lavoro, con il compito di tenere l'albo dei docenti e di occuparsi di questioni disciplinari. Inizialmente, quindi, non è stato un vero e proprio Ordine. Nel 1998 un progetto di legge ha fatto un primo tentativo di trasformare il SACE da organismo definito contrattualmente a organo definito per legge con le caratteristiche di struttura professionale indipendente. La riforma vera e propria è stata varata però solo con la legge del 2000 (The new SACE act 2000). Il 15 Febbraio 2001 a

7 Città del Capo è stato inaugurato il Nuovo Ordine Professionale degli insegnanti sudafricani, The new South African Council for Educators. Il nuovo Ordine mantiene i precedenti compiti, cioè la gestione dell'albo degli insegnanti, la responsabilità di fare rispettare il codice deontologico, ma ne assume di nuovi, relativi ad altri settori prima esclusi, come l'educazione dell'infanzia e degli adulti e le scuole indipendenti (private). Si occupa inoltre di questioni di carattere generali, tra le quali la trasmissione dei valori nazionali indigeni. Mentre il primo SACE era un organismo misto composto da rappresentati sindacali e dell'amministrazione, il Nuovo è più rappresentativo di interessi generali. Tutti i membri sono nominati dal Ministro. Si è inteso così evitare che gli interessi generali fossero influenzati da componenti corporative. Il presidente è nominato dal ministro su proposta del Consiglio dell'ordine. La maggioranza dei membri, 18 su 30, sono insegnanti, per i quali vige l'assoluta incompatibiltà con qualsiasi carica sindacale. Al momento di decidere le modalità di nomina dei membri del Consiglio dell'ordine, è stata scartata l'elezione diretta, considerata valida per situazioni piccole come quella scozzese, ma improponibile per il Sud Africa dove ci sono insegnanti impiegati in scuole a volte senza telefono e servizi postali e accessibili solo con i fuoristrada. Si è scelta la nomina del Ministro su proposta dei vari organismi. Il Consiglio dell'ordine è composto di 30 membri, la cui nomina da parte del Ministro, deve garantire pari opportunità rispetto a razza, genere, disabilità e distribuzione geografica. I 30 membri comprendono Un presidente 18 insegnanti indicati dalle organizzazioni professionali, di cui 10 insegnanti di scuole pubbliche, due capi d'istituto di scuole pubbliche, 1 insegnante di scuole private, 1 insegnante di istruzione superiore e centri di formazione, 1 insegnante di scuola dell'infanzia, 1 insegnante di centri di educazione degli adulti pubblici o privati, 1 insegnante di scuola speciale 5 persone indicate dal Ministero dell'istruzione 2 persone indicate dalle Associazioni nazionali degli organismi di governo delle scuole 2 persone dal Consiglio dell'istruzione superiore 1 persona indicata dagli organismi che rappresentano gli istituti privati il direttore del Consiglio dell'ordine Finanziamento Il finanziamento dell'ordine avviene attraverso quote mensili obbligatorie, donazioni e altri fondi reperiti dal Consiglio Il consiglio si riunisce almeno 2 volte all'anno. Si dà una giunta esecutiva, una commissione di disciplina, una commissione per la tenuta dell'albo, una per lo sviluppo professionale. Il Consiglio può inoltre nominare qualsiasi atra commissione che ritenga opportuna. L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI NEL QUEENSLAND (AUSTRALIA) "EDUCATION COUNCIL" Istituzione L'Education Council nasce da una trasformazione del Queensland Board of Teacher Registration.

8 Il Queensland Board of Teacher Registration fu istituito nel 1988, finanziato interamente dagli insegnanti, con la funzione di tenere l'albo degli insegnanti, di approvare i corsi di formazione iniziale degli insegnanti, e costituito da 16 membri compreso il presidente, di cui 12 nominati dagli organismi dei vari settori dell'istruzione e solo 3 insegnanti eletti dagli iscritti all'albo. Il nuovo Education Council è stato sottoposto alla consultazione degli insegnanti, terminata il 31 Agosto Nell'estate 2001 il nuovo Consiglio non era ancora stato definitivamente istituito, anche se ne risultavano già definiti assetti e funzioni che di seguito vengono descritti Finalità - innalzare il profilo della professione docente e valorizzare la condizione degli insegnanti - garantire agli insegnanti un proprio autonomo organismo di governo, che trarrà forza e prestigio dalla diretta esperienza di insegnanti in servizio, dalle opinioni di una più ampia comunità educativa, e sarà sostenuta dalla ricerca nazionale e internazionale. - promuovere le migliori pratiche di insegnamento - promuovere lo sviluppo professionale - formulare e tenere aggiornati gli standard professionali, compresi quelli di ingresso nella professione e di avanzamento in servizio 1. gestione dell'albo professionale, la cui iscrizione diventa obbligatoria per tutti gli insegnanti (anche per i kura kaupapa Mäori) sia di scuola pubblica che privata, compresi quelli della scuola dell'infanzia 2. approvazione e monitoraggio dei programmi di formazione iniziale 3. definizione e aggiornamento degli standard professionali di ingresso e di sviluppo, 4. interventi sulla formazione in servizio che va resa obbligatoria 5. formulazione e gestione del codice etico-deontologico relativo alle prestazioni e ai comportamenti professionali, con competenze sulle questioni disciplinari 6. altre funzioni ritenute di volta in volta necessarie La composizione non è stata definita in dettaglio. Si propone che il Consiglio sia un'istituzione della Corona, che deve rendere direttamente conto al Ministro dell'istruzione, come il Teacher Registration Board. Si prevede che sia costituito da: - rappresentanti degli insegnanti e capi d'istituto iscritti all'albo, di tutti i gradi scolastici compresa la scuola dell'infanzia e i Maori, designati dalle loro organizzazioni o eletti dai loro pari - rappresentanti di vari settori dell'istruzione tra cui i gestori delle scuole, le istituzioni di formazione degli insegnanti, i gruppi Maori e del Pacifico. Il presidente è di nomina del Ministro dell'istruzione, per i restanti componenti saranno i vari gruppi a decidere le modalità di nomina, scegliendo tra elezioni o designazione Il consiglio viene rinnovato ogni tre anni Finanziamento Si propone che abbia un finanziamento misto, costituito in parte dalle quote dei docenti( $20 all'anno) e in parte da un contributo del Governo ($ per il 2000/01 e il 2001/02) L'ORDINE DEGLI INSEGNANTI A HONG KONG "GENERAL TEACHING COUNCIL" Una storia travagliata Da vent'anni è in discussione ad Hong Kong la costituzione di un Ordine professionale degli insegnanti. Un'apposita Commissione preparatoria, Preparatory Committee on the Establishment of a General Teaching Council (GTC), ha prodotto ripetute proposte e ha svolto specifiche consultazioni fra gli insegnanti. La maggiore opposizione viene dall'attuale organismo

9 dell'istruzione, l' Education Commission, il cui Presidente, Mr. Antony Leung ha sottolineato ripetutamente, che se è vero che esiste un generale sostegno all'istituzione dell'ordine, ci sono ancora divergenze sulle sue funzioni, sulle sue responsabilità e sulla sua composizione, e ha aggiunto che siccome con l'inizio del nuovo millennio tutta l'istruzione ad Hong Kong è in fase di riforma, non si può prescindere dal riconsiderare il ruolo e le funzioni del GTC alla luce di queste nuove importanti trasformazioni. Così ha chiesto alla Commissione Preparatoria di predisporre un ulteriore documento per una nuova consultazione. L'11 ottobre del 2000 Il Primo Ministro ha però riproposto con forza, nella sua relazione programmatica, l'esigenza di non dilazionare ulteriormente l'istituzione del GTC. La storia del GTC a Hong Kong è in realtà il racconto dei freni e degli ostacoli posti dall' EC, Education Commission, alla sua creazione, perché, evidentemente, lo considerazione una limitazione ai propri compiti. Già nel 1984 espresse parere contrario, proponendo, al suo posto, l'istituzione di una Commissione Preparatoria per la stesura del codice deontologico, che fu creata e lavorò per 3 anni, dal Giugno 1987 all'ottobre Nel 1990 fu emanato il codice, Code for the Education Profession of Hong Kong, ma la stessa Commissione Preparatoria ripropose l'esigenza di costituire il GTC, come il solo organismo professionale abilitato a implementare il codice e a gestire le questioni disciplinari e professionali. Suggerì 3 fasi per la sua realizzazione, tra cui l' elezione, da parte di tutti gli organismi educativi, di una commissione di lavoro chiamata Working Party for the Establishment of the General Teaching Council of Hong Kong, che fu insediata nel All'inizio del 1992 la Commissione Preparatoria e il Working Party sottoposero una proposta unitaria alla Education Commission. La EC la rifiutò di nuovo e al suo posto decise la costituzione di un altro organismo, non sostenuto da atto legislativo, chiamato Council on Professional Conduct in Education, con compiti puramente consultivi relativi alle decisioni sui comportamenti professionali e ai provvedimenti disciplinari. Nell'Aprile del 1994 il Ministero dell'istruzione dette vita a questo nuovo organismo, il Council on Professional Conduct in Education, composto di 28 membri, 14 direttamente eletti dagli insegnanti, 11 designati dalle organizzazioni della scuola e 3 nominati dal Direttore dell'istruzione. La creazione del GTC fu ulteriormente rinviata. In questa situazione si è arrivati al 2000, con rinnovati precisi impegni del Governo per istituire per legge l'ordine Professionale. Nel frattempo la EC, Education Commission, continua a trovare motivi di rinvio, e a richiedere alla Commissione preparatoria nuove bozze e nuove consultazioni. Non solo in Italia, evidentemente, i percorsi di riforma dell'istruzione hanno vita travagliata. Riferimenti bibliografici Tutte le informazioni sono state tratte da documenti ufficiali pubblicati in rete dai vari General Teaching Councils, dagli enti governativi, dalle istituzioni, organizzazioni e commissioni citate in questa appendice.

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Intesa per l'insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca quale autorità statale che sovraintende al sistema educativo di istruzione

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

parlamentari ART. 1 (Oggetto del regolamento) ART. 1 (Oggetto del regolamento)

parlamentari ART. 1 (Oggetto del regolamento) ART. 1 (Oggetto del regolamento) Schema di decreto del Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, recante regolamento concernente Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE DI SCANDINAVISTICA MILANO FIRENZE

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE DI SCANDINAVISTICA MILANO FIRENZE ALLEGATO A ALL ATTO COSTITUTIVO DEL 19 FEBBRAIO 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE DI SCANDINAVISTICA MILANO FIRENZE ART. 1 Denominazione e Sede È costituita una Associazione senza scopo di lucro

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento

Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole di specializzazione e dei corsi di perfezionamento Testo aggiornato al 9 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162 Gazzetta Ufficiale 17 aprile 1982, n. 105 Riordinamento delle scuole dirette ai fini speciali, delle scuole

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI

STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI STATUTO ASSOCIAZIONE LE CITTA' DEI MOTORI TITOLO I DENOMINAZIONE DURATA - SCOPI SOCIALI FINALITA MARCHIO Articolo 1 Costituzione - Sede - Durata E' costituita una Associazione senza fini di lucro denominata

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 16 del 31.03.2014 Immediatamente esecutivo I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Decorata di Medaglia d'oro al V.M. per attività partigiana R E G O L A M E N T O SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I

FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I FONDAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI di B A R I REGOLAMENTO DEL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO per l Attività Formativa Professionale Continua degli Iscritti all Ordine Consigliatura

Dettagli

AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO

AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO 1 2 AICAT ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CLUB ALCOLOGICI TERRITORIALI (METODO HUDOLIN) STATUTO Art. 1 - Definizione e Sede

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LAFFRANCO, BIANCONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LAFFRANCO, BIANCONI Disciplina della professione di educatore di asilo nido e istituzione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE

Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE Ministero dell'istruzione dell'università e della ricerca ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE CONSERVATORIO P(\01. N 7LL'L/A& l DI MUSICA "S. CECILIA" 00187 ROMA - VIA DEI GRECI 18 C.F.N.80203690583 Tel

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE "ADRIANO BANCHIERI" DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n.

STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE ADRIANO BANCHIERI DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n. STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE "ADRIANO BANCHIERI" DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n. 65 del 30/09/2015 STATUTO TITOLO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 - Oggetto e finalità dello

Dettagli

Comitato di Coordinamento

Comitato di Coordinamento Coomitaatoo t ddi i Coooorddi r i nnaamenntoo e t ddeel llee Orrggaannizzzaazioonni i z zi i ddi i Vooloonntaarri l t i aatoo t ddellaa PPrrootezioonnee Civvili ill ee Reggoolaameenntoo e l t Art. 1 Premessa

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Parte I (ATTIVITÀ FORMATIVA) Art. 1 (Campo

Dettagli

S T A T U T O D E L L A CONFSAL Federazione SNALS Università CISAPUNI

S T A T U T O D E L L A CONFSAL Federazione SNALS Università CISAPUNI S T A T U T O D E L L A CONFSAL Federazione SNALS Università CISAPUNI T I T O L O I DELLA FEDERAZIONE ART. 1 (Costituzione) E' costituita la Organizzazione Sindacale CONFSAL Federazione SNALS/UNIVERSITÀ

Dettagli

Linee guida sulla Formazione Continua

Linee guida sulla Formazione Continua Linee guida sulla Formazione Continua In applicazione del Regolamento adottato dal Consiglio Nazionale dell Ordine dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati, pubblicato sul bollettino ufficiale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA COMUNE DI CARRARA Decorato di Medaglia d Oro al Merito Civile REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA Approvato in data con deliberazione consiliare n. Premesso che la Legge 5 Febbraio 1992 n.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

Legge 13 luglio 2015 n. 107 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti.

Legge 13 luglio 2015 n. 107 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti. Legge 13 luglio 2015 n. 107 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti. L articolo 1 ai commi 126, 127, 128, 129, 130, riporta

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO. Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO. Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO 1. E costituita con sede legale a Borgoforte, in via Parmense n.26, la Consulta delle Associazioni del Comune di

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

Università della Terza Età di Novara. Statuto dell'associazione

Università della Terza Età di Novara. Statuto dell'associazione Università della Terza Età di Novara Statuto dell'associazione Art. 1 Denominazione 1. Con atto Rep. Gen. n. 88820/7871, in data 23 dicembre 1982, è stata costituita, ai sensi dell'art. 36 e segg. Cod.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI Via Toledo, n 156-80132 Napoli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI Via Toledo, n 156-80132 Napoli REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI del Consiglio dell Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Napoli Approvato nella seduta di Consiglio del 28.10.2011 Adottato dal 01.01.2012

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche

Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche NOTIZIARIO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA a cura della Segreteria Generale ANNO 46 - NUMERO 3 30 GIUGNO 2012 Intesa per l insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche Il 28 Giugno

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 (Posti a concorso) ART. 2 (Compiti e funzione dei distaccati)

DECRETA. ART. 1 (Posti a concorso) ART. 2 (Compiti e funzione dei distaccati) c) BANDO DI CONCORSO PER IL RECLUTAMENTO DI N. 6 DOCENTI IN POSIZIONE DI SEMIESONERO, DI CUI DUE UNITA IN SERVIZIO PRESSO LA SCUOLA MATERNA E QUATTRO UNITA IN SERVIZIO PRESSO LA SCUOLA ELEMENTARE, DA UTILIZZARE

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.

STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. STATUTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA' ED AMBITO DI APPLICAZIONE (Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 156 del 29/11/08) ART. 1 Ai sensi di quanto previsto dall art. 40 dello Statuto è istituito

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO. D.M. 2 dicembre 1997 CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO D.M. 2 dicembre 1997 Nuove modalità sulla disciplina dei due anni di praticantato necessari per l'ammissione all'esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO

ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TREVISO REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI DI STUDIO SULLE MATERIE OGGETTO DELLA PROFESSIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Articolo 1 L'Associazione di volontariato Solidali - Associazione Disturbi Alimentari Novara più avanti chiamata

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 e-mail: scuolamaternarovetta@virgilio.it Sito: www.asilogallicciolli.191.it Il PROGETTO

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "R.E TE. IMPRESE ITALIA"

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE R.E TE. IMPRESE ITALIA STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE "R.E TE. IMPRESE ITALIA" Articolo 1. Denominazione e sede. Ad iniziativa delle Organizzazioni fondatrici è costituita l Associazione "R.E TE. IMPRESE ITALIA", nel seguito denominata

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE

MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Decreto 25 ottobre 2007 [pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 3 del 4.1.2008] Riorganizzazione dei centri territoriali permanenti per l'educazione degli adulti e dei

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO INDIPENDENTE PER LA VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ART. 1: OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, le attività e le modalità

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI STRANIERI SOMMARIO 1. Premessa 2. Finalità 3. Valutazione 4. Strumenti e risorse 5. Fasi e modalità di lavoro 6. Commissione Accoglienza- Intercultura 7. Piano organico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE UNICA PER LE POLITICHE DEL LAVORO (D.Lgs 23 dicembre 1997, n. 469) SOMMARIO TITOLO I - Norme di organizzazione ART. 1 Ambito di applicazione ART. 2 Finalità ART.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO

STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO STATUTO ASSOCIAZIONE DELLE SCUOLE AUTONOME DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ASA.BO FINALITÀ E SCOPI Art. 1 L Associazione è costituita al fine di sostenere le scuole aderenti nel raggiungimento dei fini istituzionali

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

Decreto ministeriale n. 21

Decreto ministeriale n. 21 Decreto ministeriale n. 21 Il Ministro della Pubblica Istruzione Roma, 1 marzo 2007 VISTA la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA. Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN PSICOLOGIA Articolo 1 Formazione ed aggiornamento professionale 1. Il presente regolamento disciplina i criteri e le modalità della formazione continua,

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

STATUTO. Associazione Culturale. MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società

STATUTO. Associazione Culturale. MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società STATUTO Associazione Culturale MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società Art. 1. - E' costituita l'associazione Culturale "MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società" quale libera Associazione di fatto, apartitica

Dettagli

giuridici sarà valida anche la denominazione Caccabe.

giuridici sarà valida anche la denominazione Caccabe. Statuto dell associazione culturale Caccabe Art. 1 Denominazione È costituita l Associazione culturale e di valorizzazione del territorio denominata Caccabe. Ai fini giuridici sarà valida anche la denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

Statuto della E.MAlumni Association

Statuto della E.MAlumni Association STATUTO DELLA E.MALUMNI ASSOCIATION ASSOCIAZIONE DEGLI ALUNNI DEL MASTER EUROPEO IN DIRITTI UMANI E DEMOCRATIZZAZIONE Preambolo Noi, Alunni del Master Europeo in Diritti Umani e Democratizzazione, Aspirando

Dettagli