Lezione IIII. Indice. 2 di 32

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione IIII. Indice. 2 di 32"

Transcript

1 INSEGNAMENTO DI DIRITTO PRIVATO COMPARATO LEZIONE III IL COMMON LAW IN INGHILTERRA ED IN AMERICA. PROF. ANNAFLORA SICA

2 Indice 1 L esperienza giuridica del common law Il common law del diritto inglese Alcune applicazioni della giurisdizione di equity Il sistema delle corti Il common law del diritto statunitense Le fonti nel diritto degli stati uniti Il rapporto tra federazioni e stati nel diritto americano di 32

3 1 L esperienza giuridica del Common Law La dottrina è una fonte informale del diritto che ha contribuito alla formazione e all elaborazione del diritto nell esperienza di civil law (esperienza francese contributo di autori come Domat e Pothier; esperienza tedesca contributo della scuola pandettistica). Quindi, nei sistemi di civil law abbiamo la dottrina (scientia juris) come fattore di elaborazione del diritto e abbiamo le università che sono state sia delle sedi di elaborazione del diritto, che le sedi privilegiate di formazione dei giuristi. Perciò: CIVIL LAW: scientia juris: elaborazionee del diritto università : formazione del diritto Nei paesi di tradizione comune Common Law, fino a tempi recenti la dottrina e le università non hanno svolto un ruolo nemmeno paragonabile a quello svolto nel civil law. Nell esperienza inglese il diritto si è formato nell ambito dell attività giurisdizionale dellee corti. La fonte principale del diritto è stata appunto l attività giurisprudenziale. I giuristi venivano formati nell ambito degli ordini professionali, che attualmente sono: INNS OF COURT (ordine professionale per i Barrister) LAW SOCIETY (ordine professionale per i Solicitor) La letteratura giuridica è una letteratura professionale: si esprime, fino al 500, negli year books, collezioni di casi che originariamente avevano proprioo la funzione di uno strumento didattico. Ci sono due eccezioni a questo quadro della letteraturaa didattica che sono le opere di Glanville (seconda metà del 1100) e le operee di Bracton (intorno al 1200). A partire dal 1500 vi è un evoluzionee della letteratura professionale. Tra la fine del 400 e la prima metà del 500 vi sonoo una serie di opere di caratteree trattatistico, fino ad arrivare a Blackstone (seconda metà del 700) a cui si deve un opera fondamentale che ha costituito, insieme alle opere di Cocke, lo strumento di studio e di formazione di intere generazioni sia in Inghilterra, ma soprattutto negli Stati Uniti. 3 di 32

4 Sono i COMMENTARIES ON THE LAWS OF ENGLAND, un trattato del diritto inglese, diviso in 4 libri l opera che ha costituito il modello di trattato, quindi di opera sistematicaa (e non più diretta ad un utilizzo pratico e immediato) a cui di ispireranno le opere di vari giuristi a partire dall 800. Verso fine 800 inizio 900 comincia ad espandersi la letteratura trattatistica in Inghilterra e nascono le prime riviste giuridiche, spesso curate da dei professori universitari. A partire dal Rinascimento sono stati istituiti dei corsi diritto in questi centri universitarii (università) soprattuttoo ad Oxford e a Cambridge: Per quello che riguarda l evoluzione del ruoloo della dottrina negli Stati Uniti, si possonoo distingueree due periodi: 1 PERIODO - distinguiamo 2 fasi: Nel corsoo del 600 = relativo alla formazione e allo sviluppo delle diverse colonie. Mancanzaa di giuristii e le modalità di risoluzione delle controversie sono affidate ad organi diversi dagli organi giurisdizionali. Inizio del 1700 = successivo allaa perdita della Corona in Inghilterra di Carlo I. Dopo la caduta di Carlo I si ha un immigrazione delle colonie in America di soggetti appartenenti al ceto medio-alto, che fuggono proprio a seguito della caduta di Carlo I. Tra questi ci sono molti giuristii che portano con sé un patrimonio di conoscenze. Gli strumenti utilizzati da questi giuristi sonoo le opere classiche di Cocke e le opere di Blackstone. Negli Stati Uniti c è stata un opera di importazione delle opere della dottrina di civil law (Domat e Pothier). Il genere trattatistico, cioè di opere sistematiche, ha visto come rappresentanti, nella prima metà dell 800, STORY e KENT ( commentari del diritto americano ) che riprendono il modelloo trattatistico di Kent. Ha avuto un ruolo molto importante la letteratura giuridica che ha costituito un importante strumento di formazione. 2 PERIODO: (fine 700 tutto 800). Si ha la formazione delle prime scuole di diritto, all inizio solo informali, a volte istituite da singoli professori o giuristi. Il giurista si forma all interno delle università (in Inghilterra all interno degli ordinii professionali). 4 di 32

5 Importante università è quella di HARVAL: modello propulsivo per la formazione dei giuristi grazie all opera di LANDGELL, diventato preside della stessa università nel 1870 e che ha rivoluzionato i connotati dell università e della scuola di diritto in America: Ha portatoo il corso di studi da 1 a 3 anni. Ha posto come pre requisito universitario. per la frequenza di Ha scandito il corso di studio in verifiche ed esami periodici. una scuola di diritto un titoloo Ha creato un nuovo metodo di insegnamento, il case method = gli studenti americanii sono formati in ciascuna materia sulla base di materiali giurisprudenziali, in modo da ricostruire, attraverso l analisi di singoli casi, una determinata materia giuridica. A partire dallaa fine dell 800 vi è un fiorire di scuole di diritto (movimenti di pensiero). I movimentii di pensiero che si sviluppano dalla fine dell 800 fino ad oggi hanno come caratteristicaa comune un interesse particolare delle discipline extragiuridiche: tutte questee scuole tendono a far vedere il diritto in un ambito più ampio, cioè vedono il diritto in un processo di interazione con altri settori del sapere e della vita sociale. 5 di 32

6 2 Il Common Law del diritto inglesee Il common law viene definito come un diritto di matrice giurisprudenziale. Dire che il diritto di common law è di matrice giurisprudenziale, significa dire che la giurisprudenza è una fonte importante del diritto e, in particolare, significa dire che interi settori del diritto sonoo stati disciplinati dallaa giurisprudenza. Il diritto giurisprudenzialee è un diritto tradizionalmente elaborato dalle corti. Questo però non vuole dire che la fonte legislativa non c è mai stata e che non ci sia oggi: gli atti legislativi (status) sono sempre esistiti come fonte del diritto accanto alla giurisprudenza. La fonte del diritto legislativa si è espansa dallaa seconda metà dell 800 con tutte le esigenzee economico-sociali. Il termine common law si trova in due accezioni diverse: in senso lato, indica l esperienza giuridica che ha il diritto inglesee come modello di recezione; in senso stretto, common law sta ad indicare il diritto elaborato, già dall età medievale, dalle corti regiee in contrapposizione con un altro corpo di diritto, sempre giurisprudenziale, che è l EQUITY. EQUITY = altro corpo di diritto, giurisprudenziale, ma non elaboratoo dalle corti regie, ma dalla giurisdizione del cancelliere. Questa esperienza giuridica è nata a partire dalla conquista dei Normanni nel 1066, appunto l anno nel quale i Normanni hanno conquistato il territorio inglese sottraendolo agli anglosassoni. Sotto gli anglosassoni vi era un diritto di matrice prevalentemente consuetudinaria: da loroo le consuetudini erano state messe per iscritto, però non esisteva un diritto comune a tutto il territorio. Dal 1066 si instaura la monarchia normanna e viene creato all interno del territorio inglesee un sistema di notevolee accentramento del potere regio secondo un modello già presentato nel ducato di Normandia. Guglielmo I, quando conquistò questo territorio, innanzitutto lo divise fra i soggetti del suo seguito: quindi, divise il territorio tra più feudi, nonn di grandi dimensioni, per averee meglio il controllo su di essi (salvo che nelle zone di frontiera che necessitavano di una particolare protezione) e attribuisce questi feudi ai TENANTS IN CHIEF, che sono dei vassalli direttamente e dipendenti dal sovrano. 6 di 32

7 Questo meccanismo è stata bloccato nel 1290 con un altro meccanismo, il QUIA EMPTORES che vietava ogni subinfeudamento: tutti questi feudatari dovevano dipenderee direttamente dal sovrano e questo facilitavaa un controllo molto centralizzato da parte della corona sui feudatari del regno. A questo equilibrio moltoo ben assestato fra elemento centrifugo (suddivisione in più feudi) ed elemento centripeto (tenuta del controllo) si associa anche lo sviluppo di un graduale accentramento di un amministrazione della giustizia regia. L amministrazione della giustizia era esercitata essenzialmente nell ambito dei tribunalii signorili all interno di ciascun feudo. Gradualmente, viene ad affermarsi in modo parallelo a questa giustizia locale un amministrazione della giustizia da parte del re e, in particolare, da parte di corti regie. Questo avviene essenzialmente per due ragioni: 1. C erano delle controversie che riguardavano i sudditi del regno (principio che vale ancoraa oggi è che tutta la terra appartienee alla corona. I tenants in chief non sono proprietari nel senso che intenderemmo noi, ma dispongonoo di questa terra, che formalmentee appartienee alla corona, attraverso il vincolo di vassallaggio). Le controversie che interessavano al re erano quelle riguardanti i tenants (i vassalli); il sovrano riscuoteva delle imposte però doveva anche assicurare un certo livello di protezione ai suoi vassalli. Al re interessavano anche le cause di diritto penale, cioè quelle cause che potevano mettere in pericolo la pace del re. Poi c erano delle cause che interessavan no indirettamente il sovrano, per esempio, quando un soggetto non pagava certe imposte. 2. L amministrazione della giustizia costituiva anche una fonte di reddito, perché la corte veniva adita e interveniva solo dietro pagamento di specifiche tasse dei diritti della cancelleria. Nell ambito della CURIA REGIS, un organo essenzialmente a funzioni miste, si vengono a differenziare degli organi essenzialmente a funzioni giurisdizionalii (le corti regie) che sono: KING S BENCH COMMON PEAS EXCHEQUER (=scacchiere) Lo scacchiere era originariamentee un organoo a funzionii puramentee amministrative, cioè aveva il compito di riscuotere le tasse: successivamente, accanto alla funzione amministrativa, 7 di 32

8 acquista la funzione di organo giurisdizionale, cioè di risolvere le controversie che avessero un interesse tributario. Il Common peas si occupava delle controversie tra i singoli privati (feudatari). Il King s Bench si occupava delle controversie che interessavano la pace del regno, ma anche quelle riguardanti gli illeciti civili (=trespass = fattispecie di illecito civile). I singoli, originariamente, si rivolgono al cancelliere, normalmente un ecclesiastico, che è più alto funzionario del regno (viene subito dopo il re): gradualmente il cancelliere comincia a passare queste petizioni alle singole corti regie, che prendonoo anche il nome di CORTI DI COMMON LAW. Queste corti, già all epoca del re Enrico I, cominciano a sviluppare un amministrazione della giustizia, intornoo al Altro motivo perché questa giustizia regia si è andata sempre più espandendosi è che all interno delle corti regie si applicavano dei metodi di risoluzione delle controversie, in particolare dei metodi di accertamento del fatto, molto più evoluti rispetto a quelli adottati dalle corti signorili, che normalmente usavano metodi quali le ordalie (prova del fuoco, prova dell acqua), o un duello, o un giuramento decisorio. Nel tempo si afferma nell ambito di queste corti regie un metodo molto più razionale di accertamento del fatto, costituitoo dalla GIURIA: invecee di ricorrere ad un ordalia per verificare, ad esempio, se Tizio ha rubato il cavallo di Caio, si ricorre ad un certo numero di giurati, che normalmente sono dei vicini di casa delle parti in causa e sarà affidata a questa giuria la decisionee sulle questioni di fatto. La decisione verrà adottata mediante il verdetto: la giuria si pronuncia sulle questioni di fatto mediante una decisione nonn motivata, che è appunto il verdetto. La giuria è uno strumento, un istituto processuale, che è stato adottatoo in seno a queste corti di common law e che ha costituito un elemento notevole di concorrenza fra queste corti e le corti locali. La giuria ha rappresentato un elemento importante di razionalizzazione del processo. Questo sviluppo dell amministrazione della giustizia regia non significa che queste corti regie hanno soppiantato le corti locali: fino alla riforma dell 800 la giustizia regia è stataa considerataa come una giustizia delle corti dei tribunali eccezionali. 8 di 32

9 Questo sta ad indicare che queste corti regie, fin dalle origini, hanno consentitoo un alternativa alle corti locali, soprattutto nel corso del medioevo: erano delle corti di eccezione, perché il loro motivo di esistenza era proprioo quello di occuparsi di determinate controversie. Lo strumento processualee per adire queste corti è il WRIT (=lettera) = la giustizia regia si sviluppa proprio mediante questi strumenti di FORMS OF ACTION che rappresentano dellee fattispecie tipiche. Il WRIT è l ordine che le corti, in nome del sovrano, rivolgono normalmente al funzionarioo del re, locale, lo sceriffo un rappresentantee del poteree centrale nelle province del regno, affinché induca una parte ad astenersi dal porre in essere degli atti illeciti. E un ordine di convocazione del convenuto dinanzi alle corti regie. Le parti che erano interessate a questo tipo di tutela dovevanoo chiedere al cancelliere, poi direttamente alle corti, questo writ. Il writ individua delle fattispecie tipiche, quindi non sempre esisteva un writ che potessee soddisfare determinatee esigenze di tutela. Di fronte a questo espandersi dell amministrazione della giustizia che sottraeva il contenzioso alle corti, i feudatari hanno fatto valere le proprie prerogative, in determinati periodi in particolare. Così che nel 1258 si è arrivati ad una chiusura del numero dei writ, con le PREVISION OF OXFORD: il re, con il parlamento, arriva ad un compromesso fra le corti e i Baroni (feudatari), i quali vedevano sempre più erosoo il proprio contenzioso e quindi anche la propria fonte di reddito, che trovanoo da questa amministrazione della giustizia locale. Con le PREVISION OF OXFORD si è deciso che le corti non potessero emanare nuove forme di writ, proprioo perché ci si rendeva conto che questo writ era una sorta di strumento dellee corti locali da parte dell amministrazione della giustizia regia. Si è chiuso il numero di writ che potevano essere chiesti dalle parti. Successivamente, nel 1285, con lo STATUTE OF WESTMINSTER II si è deciso che le corti potevano ugualmente decidere delle controversie in casi molto affini. Questo sistema di writ è stato abolitoo sono con la riforma nel 1873: fino ad alloraa chi voleva ottenere giustizia da parte delle corti di common law doveva individuare specificamentee un writ in cui inquadrare la propria controversia (la fattispecie che gli interessava). Se non esisteva un writ in cui inquadrare la fattispecie, non vi poteva essere tutela da parte delle corti di common law. Tra i writ possiamo trovare: 9 di 32

10 WRIT OF WRITE che veniva richiesto per ottenere tutela in caso di spoglio dal godimentoo del proprio fondo. WRIT OF TRESPASS che veniva utilizzato per assicurare la tutela contro dellee aggressioni o degli attacchi diretti e violenti nei confronti di determinati valori, cioè la terra, nei confronti della stessa integrità fisica (trespass, in questo caso, nei confronti della persona). E importante il writ of trespass perché è stato utilizzato, in primo luogo, per assicurare tutela sul piano della responsabilità extracontrattuale; in secondo luogo, ha iniziato una tutela contoo l inadempimento contrattuale. Questo writ of trespasss è stato anche applicato in ipotesi in cui mancavano i requisiti che lo avevano caratterizzato in origine e, in questi casi, si parlava di ACTION ON THE CASE. Intorno alla fine del 3000 si cominciano ad avvertire degli aspetti critici di questa giustizia regia amministrata dalle corti di common law, per vari motivi. Un primo motivo è dato dal fatto che, essendo questi writ a numero chiuso, non erano adeguati ad assicurare tutela in ipotesi specifiche. Altro problema riguardava la giuria: per un verso la giuria costituiva un elemento di razionalizzazione del processo rispetto ai metodi più arcaici; però, spesso, la giuria costituiva un elemento di corruzione del processo, in quanto i giurati venivano corrotti e questo andava ad alterare l equilibrio all interno di una data controversia. Inoltre, a volte non c era un writ adeguato, nel senso che i rimedi che il writ presentava o che poteva assicurare, non erano adeguati alle esigenze di tutela delle parti. Questo comportò che i soggetti che non avevano trovato piena soddisfazione dinanzi allaa corte regia, o la cui pretesa era stata respinta in partenza perché non rientrava in nessuna dellee fattispecie tipiche, si rivolgevanoo al sovrano. Quindi, c era questa forma di petizioni al sovrano per ottenere giustizia al vertice. Questee petizioni, visto che ovviamentee non poteva occuparsi di tutte il sovrano, venivano rivolte dal sovrano al cancelliere (alto funzionario del regno fino alla prima metà del 500, detto anche custode della coscienza del re, in quanto ecclesiastico). Gradualmente si è affermata una vera e propria prassi di rivolgere delle petizioni al sovrano: una vera e propria giurisdizione del cancelliere. 10 di 32

11 3 Alcune applicazioni della giurisdizione Equity di Il cancelliere non decideva le cause alla luce delle regole di common law, conosciute in seno alle corti regie, ma applicava delle regole tratte dalla morale Esecuzione in forma specifica di determinati obblighi = Specificc performance In caso d inadempimento di promesse o di prestazioni, le parti ottengonoo dalle corti soltanto il rimedio del risarcimento del danno. Non sempre però il risarcimento del danno poteva soddisfare le pretese di un soggetto. Questo tipo di tutela non poteva ottenersi dinanzii alle corti regie. Quindi, chi voleva ottenere un esecuzione in forma specifica di un obbligo si rivolgeva al cancelliere. Tutela preventiva. Il risarcimento del danno come strumento di intervento tipico dellee corti di common law non era adeguato nel caso in cui si volesse prevenire il verificarsii del danno. Nell ipotesi di un esigenza di tutela preventiva ci si rivolgeva al cancelliere, perché le corti di common law non avevano degli strumenti che assicurassero una tutela preventiva. Normalmente la tutela preventiva avviene mediante l ordine di fare o di nonn fare qualcosa = INJUNCTIONS. Trust. Il trust è una sorta di negozio fiduciario. Spesso i feudatari, per evitaree determinati oneri feudali, intestavano i beni immobili (fondi) ad un altro soggetto, perché figurando questi come titolare del fondo, loro non dovevano più corrisponderee questi oneri. Schema del trust: SETTEOR (costituente del trust) intesta i beni in capo al TRUSTEEE per evitare degli oneri fiscali. L accordo fiduciario intercorrente tra il costituentee e il trustee prevedeva che non fosse il trustee il beneficiario di questi beni, ma che fosse un BENEFICIARIO. E, quindi, un rapporto trilaterale: setteor, trustee, beneficiario. Il beneficiario poteva essere: lo stesso costituente del trust (come nel caso di chi intesta per evitare degli oneri); un terzo (es.: Tizio, ricco proprietario con un figlio prodigo intesta i suoi beni ad un trustee, che ne diventa proprietario, quindi può disporre di questi beni come vuole, però a beneficio di un terzo, appunto il beneficiario). 11 di 32

12 Accadeva però che il trustee nonn sempre rispettasse l accordo fiduciario. Allora il beneficiario, rivolgendosi alle corti di common law non si vedeva riconosciuto questo tipo di accordo fiduciario. Fu proprio la giurisdizione di equity, del cancelliere, che riconosce questo accordo fiduciario e lo fa valere nei rapporti interni tra questi soggetti. Se i beni erano ancora nella sfera di proprietà del trustee, il cancelliere gli ordinavaa di agire come trustee: era un intervento in personam, cioè non cambia l assetto reale, ma viene ordinato al trustee di comportarsi come tale. Dinanzi al cancelliere lo strumento non era costituito da una seriee di writ tipici, come avveniva dinanzi alle corti, ma mediante writ subpoena con cui il cancelliere ordinava al soggettoo (convenuto) di presentarsi dinanzi a lui e di narrare, sotto giuramento, i fatti della causa. (questo giuramento aveva un implicazione costrittiva). Anche qui bisognava pagare i soliti diritti di cancelleria. Chi contravveniva agli ordini del cancelliere era soggettoo a delle pene molto ingenti, sia pecuniarie, sia anche alla reclusione. Il tipo di processo era di tipo inquisitorio, che derivava proprio dal fatto che fino alla prima metà del 500 il cancelliere era un ecclesiastico, quindi conosceva molto bene il diritto romanoo canonico e adottava il modello processuale tipico del modello canonico. Quindi si tratta di un processo scritto, segreto, che non si avvaleva della giuria: l accertamento dei fatti veniva eseguito dinanzi al cancelliere, senza la presenza della giuria. La giurisdizione del cancelliere presenta alcune caratteristiche rispetto alla giurisdizione di common law: 1. La giurisdizione del cancellieree è una giurisdizion ne di carattere discrezionale: il cancelliere (giurisdizione di equità) assicura giustizia dove ritiene che vi sia questa esigenza di soddisfare questo bisogno di tutela. 2. L equity non si è mai posta in contrapposizione col common law, ma si è posta come una tutela di carattere sussidiario, aggiuntivo. E una tutela che non va a contraddire quella assicurata dal common law, ma la complementa, va dove il common law non riesce ad andare, però segue il common law, non si pone mai in contrapposizione. 3. E una tutela discrezionale nella misura in cui è necessario che la parte si presenti dinanzi allaa giurisdizione di equity con mani pulite : un soggetto che avesse commesso un torto o si fosse comportato in modoo disdicevole, non poteva pretendere tutela in seno alla giurisdizione di equity. 12 di 32

13 4 Il sistema delle Corti Il rapporto fra common law ed equity ha conosciuto dei momenti di forte tensione che si identificato soprattuttoo nel periodo dell affermarsi dell assolutismoo regio sotto i TUDOR (dal 1485 al 1603) e, successivamente, la dinastia degli STEWART (fino al 1660). Questi momenti di tensione sono dovuti ad una contrapposizione politica tra il sovrano e il parlamento: ci sono stati dei tentativi di imporre un assolutismo regio, a cui il parlamento ha reagito e le corti di common law si sonoo affiancate al parlamento, mentre la cancelleria (la giurisdizione di equity) ha aderito alle prerogativee del sovrano. C è stato un periodo in cui la giurisdizione di equity ha cercato di porsi quasi come una giurisdizione di appello nei confronti delle corti di common law, quindi, in qualche modo, contraddicendo, quella massimaa secondo cui l equity segue sempre il common law, ribaltando completamente l esito di alcune cause. Questo conflitto tra common law ed equity viene risolto, in un primo momento, da GIACOMOO I nel 1616, sotto gli Stewart, in favore dell equity, dicendo che l ultima parola doveva essere della giurisdizione di equity. E stata però una vittoria temporanea, perché poi negli anni successivi anche le decisionii della giurisdizione di equity sono state sottoposte al controllo giurisdizionale della HOUSE OF LORDS. L equity ha perso alcuni caratteri di discrezionalità che nel corso dell assolutismo regio erano sfociati, in alcuni casi, nell arbitrio. Protagonista di questo conflitto equity common law è stato il cancelliere COCKE: Cocke è stato il promotore delle prerogative parlamentari e anche delle corti di common law, controo i tentativi di un eccessiva discrezionalità della giurisdizione di equity. Nel corso dell 800 si è avvertita molto forte l esigenza di una riforma di questo sistema giudiziario. Vi sono state delle riforme minori nella prima metà dell 800 e la più importante è stataa quella del 1846 con l istituzione delle COUNTY COURTS, che sono delle corti di primo grado che potevano essere adite per cause minori e avevano il pregio di essere decentrate sul territorio in modo da avvicinare la giustizia ai soggetti. 13 di 32

14 Nella seconda metà dell 800 c è stata una grande riforma: JUDICATURE ACTS del 1873/1875. Questa è una riforma molto importante che ha rivoluzionatoo diversi aspetti della giustizia inglese. Punti principali di questa riforma sono: Abolizione del sistema dei writ nel senso che viene introdotto un WRIT OF SUMMONS che è un atto introduttivo della controversia di carattere generalee con cui la parte poneva in modoo informale le proprie pretese. Non si doveva più individuare uno dei tanti writ con il rischio che la domandaa venisse rigettata: era sufficiente individuare in modo generale la propria fattispecie e richiedere un rimedio alle corti. Superamento della bipartizione tra giurisdizione di equity e giurisdizione di common law che si è verificato su due fronti: è stata abolita le due giurisdizioni distinte, common law ed equity, e viene realizzataa una fusione di regolee di common law e di equity. Si è stabilito che il giudice adito potesse utilizzare sia i rimedi che erano nati nell ambito della giurisdizione di common law, sia i rimedi di equity. Questa bipartizione è stataa superata creando un unica giurisdizione di primo grado, incentrata nella HIGHH COURT, divisa in più sezioni, e un unica giurisdizione di appello. Si è creato un sistema unitario di giurisdizione con la COURT OF APPEAL. COUNTY COURTS: E stata istituita nel 1846 per dare una risposta di tutela giudiziaria nei confronti delle cause minori. Insieme alla High Court ha competenza in materia civile e in primo grado, quindi si ripartiscono le cause in base al valore e alla materia. Sono giudici monocratici, professionali, scelti fra avvocati. Fino al 1990 i giudici erano scelti tra gli avvocati che appartenevano all ordine dei Bares. Dopo il 1990 è stata aperta la possibilità anche all altra categoria professionale forense. Comunque, i giudici sonoo scelti tra gli avvocati e normalmente con un certo numero di anni di esperienza. I giudici sono scelti dal cancelliere e nominati dalla regina (la nomina è solo formale). Assumono molta importanza i MASTERS e i REGISTRER che svolgono un attività di organizzazione amministrativa, preparano le cause, in modo che queste cause arrivino ad dipartimento già pronte, in modo che il procedimento sia più veloce. (non sono giudici). HIGH COURTS: Ha sedee a Londra ed è divisa in sezioni: 14 di 32

15 1. Queen s banch division che ha una competenza per materie che tradizionalmente sonoo state trattate nell ambito delle corti di common law (illecito civile, responsabilità extracontrattuale). 2. Chancery division (corte del cancelliere) è l erede della giurisdizione di equity: si occupa di tutte quelle materie che tradizionalmente sono state trattate in seno allaa giurisdizione di equity (trust, successioni, tutela, fallimento, ecc.). 3. Family division la quale si occupa del diritto di famiglia (matrimonio, filiazione, divorzio). E l unica corte divisa in sezioni: se un soggettoo inoltra una causa alla high courts, sarà sua competenza distribuire la causa a seconda della materiaa di cui trattaa ad una di queste sezioni. Sono giudici monocraticii scelti come i giudici della county courts. Anche qui vi è il ruoloo dei masterss e dei registrer. MAGISTRATE COURTS: Si tratta sempre di giudici di primo grado, ma hanno una competenza essenzialmente di carattere penale, reati minori, o quando l imputato si dichiaraa colpevole. Hanno anche una competenza limitata in diritto di famiglia, soprattutto nell ambito dei divorzi quando sono consensuali. Queste corti sono costituite da giudici di pace (non sono giudici togati professionisti): sonoo dei giudicii laici, che a volte nonn hanno competenze giuridiche, scelti dal cancelliere fra soggetti individuatii da delle commissioni locali. E un organo collegiale: decidono in un collegioo di 3 giudici e sono assistiti da un CLERCK in punto di diritto. TRIBUNALI SPECIALI: Sono dei tribunali che hanno conosciuto una particolare espansionee all epoca dello Stato sociale, con la moltiplicazione delle attività di vario genere svolte dallo Stato. Sono costituitii da laici e si occupano sia dellee controversie tra i privati (es.: locazione o diritto del lavoro) sia per cause che riguardano i privati e la pubblica amministrazione (es.: immigrazione o materia tributaria). Questi tribunali hanno dei procedimenti non molto formalizzati, così come le loro decisionii non sono soggette al vincolo del precedente. Hanno un procedimento molto più flessibile: l obiettivo è quello di risolvere certe controversie in modo quanto più veloce e informale possibile. COURT OF APPEAL: (in secondo grado). 15 di 32

16 Due sezioni: cause di diritto civile e cause di diritto penale. Anche qui i giudici sonoo scelti dal cancellieree tra avvocati che hanno almeno 10 anni di esperienza nell attività forense, su nomina della regina. E un organo collegiale: decidono in un numero di 3 giudici. La tendenza è quella di tenere particolarmente conto del giudizio di fatto come realizzato in primo grado, perché si ritiene che il giudice di primo grado sia posto in una situazione migliore, data la vicinanza con i fatti della causa per decidere autorevolmente le questioni di fatto. Quindi difficilmente la corte d appello ordina nuove prove (solo in determinatee ipotesi) e normalmente presta particolare attenzione al giudizio di fatto di primo grado. In Inghilterra non esiste un diritto di appello: in generale si può impugnare la decisionee dinanzi alla corte d appello, nella misura in cui c è uno statutes, cioè un atto legislativo che lo preveda. Nel 99 si è verificata una riforma che tende a subordinare il diritto di appello ad un autorizzazione: è necessaria l autorizzazione del giudice che ha deciso la sentenza in primo grado (a quo) poi sarà la corte d appello che potrà concedere questa autorizzazione all appello. Dalla corte d appello si può impugnare la decisione alla house of lords e qui l autorizzazione è consolidata, istituita nel 1934: una volta ottenuta la decisione dalla corte d appello le parti devonoo richiedere un autorizzazione ad appellare alla stessa corte d appello. Se la corte d appello concede l autorizzazione all appello, la house of lords è vincolata dallaa decisione dell autorizzazione pronunciata dalla corte d appello: dovrà decidere la causa in ultima istanza. Se c è stato un diniego dell autorizzazione, le parti potranno fare una domanda alla house of lords che potrà eventualmente concedere un autorizzazione anche se la corte d appello ha negato. HOUSE OF LORDS: E la camera alta del parlamento. Nell ambito della house of lords come organoo legislativo si è andata a differenziare una commissione, APPELLATE, che ha funzioni giurisdizionali. Originariamente la funzione giurisdizionale si sommava a quella legislativa nella house of lords: nel corso dell 800 si è ristretta la funzione giurisdizionale solo a dei giuristi. L house of lords, in questa appellate, si occupa solo delle questionii giurisdizionali (dellee impugnazioni in ultimo grado) ed è costituita da: cancelliere, cancellieri precedenti e dai lawlords, scelti tra avvocati più prestigiosi e con un certo numero di anni di esperienza. 16 di 32

17 JUDICAL COMMITEE: Organo di ultima istanza per i paesi del Commonwealth che accettano ancora la giurisdizione della JUDICAL COMITY in ultima istanza. 17 di 32

18 5 Il Common Law del diritto statunitense Gli Stati Uniti hanno una serie di elementi caratteristici che differenziano il loroo diritto dal diritto inglese e dal diritto di altri paesi della famiglia. Dall epoca in cui gli Stati Uniti si sono staccati politicamente dal diritto inglese, ad oggi, c'è una grande indipendenza del diritto americano rispetto diritto inglese. Punto di partenza è una situazione nella quale il diritto inglese era in totoo il diritto che si applicava nelle colonie a quell'epoca e da questo momento storico fino ad oggi, progressivamente, c' 'è un allontanamento del diritto americano rispetto al diritto inglese. I motivi dell'allontanamento sono: 1. Ha pesato moltissimo nella storia del diritto americano la presenza della costituzione che ha dato al paese una struttura federale. Inoltre, la costituzione degli Stati Uniti contiene una lista di diritti del cittadino che il legislatore e l esecutivo non possonoo infrangeree e la costituzione ha portato con sé un controllo di costituzionalità della leggee ordinaria. 2. Avendo una struttura federale il paese è organizzato su un doppio binario riguardo il diritto e l'amministrazione della giustizia. C'è un diritto e un amministrazione della giustizia statale; c è un diritto e una amministrazione della giustizia federale. 3. Caratteristiche del paese: in Stati Uniti sono un paese geograficamente moltoo grande con molte matricii etniche, religiose e culturali differenziate. Questo ha caratterizzato gli Stati Uniti rispetto all' 'Inghilterra che è un paese molto più coeso e con una serie di problemi anche relativi alla scarsità della terra. Dunque, questi elementi hanno contribuito ad allontanare il diritto americano oltre al fatto che gli Stati Uniti hanno conquistato l'indipendenza attraverso una guerra e il rapporto, per certi aspetti, con la madrepatria è stato conflittuale proprioo a livello politico. La fondazione delle prime colonie nel territorio americano avviene all'inizio del e il primo luogo dove si insediano i coloni è la Virginia. C'è tutto un periodo, che copre il 1600 e il 1700, in cui la situazione sociale e politica è una situazione estremamente fluida, nel senso che è una situazione nella quale la preoccupazione dei coloni non è tanto quella di darsi una struttura politica e giuridica 18 di 32

19 organizzata, quanto quella di mantenere la pace e di conquistare i territori sottraendoli agli americani nativi. A questo proposito si parla di DIRITTO DELLA FRONTIERA, cioè questa fase formativa del diritto americano nella quale la preoccupazione per la sopravvivenza e dell ingrandire i territori, prevale sulle preoccupazioni di tipo strutturale. Non c è, in questa fase, una struttura di amministrazione della giustizia, un sistema di corti. Le controversie venivano risolte in via assolutamente informale, sulla base della bibbia, o comunque sulla base di testi religiosi. Col tempo la situazione comincia a cambiare e questo cambiamento diventa sensibilee nel corso del XVIII secolo, nel corso del 1700: man mano che la frontiera si sposta sempree più verso ovest le colonie si pacificano sempre di più e si dotano sempre di più di una struttura giuridica organizzata e di un apparato di norme. Fra l'altro in Inghilterra cominciano a rendersi contoo dell'importanza economica di questo territorio, quindi si comincia ad avere un sempree maggior numero di contatti commerciali. I giuristi americani si formano in Inghilterra: se non studiano nelle università inglesii si formanoo nelle istituzioni che preparano gli avvocati, cioè gli ordini professionali. Tutti questi giuristi che studiano in Inghilterra portanoo con loro i libri più alla moda in Inghilterra all'epoca e, in particolare, portano i COMMENT TARI DI BLACKSTONE, librii più di successo che consistono in un manuale di riorganizzazione del diritto. Nel corso del 1800 c'è una linea di tendenza politica che tende verso la conquista dell'autonomia politica rispetto alla madrepatria. Nel 1776 avviene la dichiarazione di indipendenza (famoso 4 luglio) firmata da 25 esponenti della vita associata americana e tra questi molti erano giuristi. A questa segue la guerra d indipendenza con l Inghilterra che si conclude con la vittoria americana: le truppe erano guidate da Washington che poi fu il primo presidentee degli Stati Uniti. Nel 1783 con la pace di Parigi gli Stati Uniti ottengono l'indipendenza politica rispetto alla madrepatria. 19 di 32

20 Il primo problema che si sono trovate davanti le colonie finalmente indipendenti è il fatto che, pur essendo indipendenti, erano completamente disgregate: mancava una unità politica e giuridica di struttura delle colonie stesse. Per venire incontro a questa esigenza nel 1787 è stata riunita la CONVENZIONE DI PHILADELPHIA della quale fecero parte gli esponenti più significativi della vita dell'epoca. LA CONVENZIONE STESE LA COSTITUZIONE FEDERALE. La costituzione federalee venne sottoposta all'attenzionee delle colonie che allora erano 13, nel 1787, e venne approvata dalle colonie stesse: è entrataa in vigore nel Nel 1791 venne adottato dal congresso (parlamento) un emendamento allaa costituzione, cioè una modifica, che si chiama BILL OF RIGHTS. Un primo problema che si pone nelle colonie è stato quello di quale diritto si applicava a queste colonie. Questo interrogativo fu affrontatoo per la prima volta nel 1608, quando una sentenza di equity, decisa a Londra, stabilisce che la common law è un patrimonio comune a tutti i sudditi inglesi e che dovunque vanno, i sudditi si portano con sé la loroo common law che ha funzionatoo in tutti i casi in cui i sudditi inglesi hanno conquistato nuove terre. Nel formulare questo principio è stata fatta una precisazione che, per quanto riguardaa gli Stati Uniti, si è rivelata particolarmente importante, nel senso che la corte, nel dire che i sudditi inglesi portavano con loro il common law, quindi nei nuovi territori non si dovevanoo formulare regole nuove, ma si dovevano applicare le regole della madrepatria inglese, nello stabilire questo principio, si disse anche che le regole della madrepatria trovanoo applicazione nella misura in cui queste si adattassero alle condizioni di vita di quel paese. Facendo perno su questa formulazione del Calvin s Case si cominciò prestissimo, negli Stati Uniti, ad elaborare delle regole giuridiche, partendo da quelle della madrepatria, un po diverse, perché l elaborazione di queste regole era appunto legittimata dal Calvin s Case. ESEMPIO: regola tradizionale del common law inglese era quella che il proprietarioo di una mandria è responsabile del danno che gli animali provocano se vanno nel fondo del vicino. 20 di 32

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

LE ORIGINI DELLA COMMON LAW INGLESE

LE ORIGINI DELLA COMMON LAW INGLESE LE ORIGINI DELLA COMMON LAW INGLESE Si suole ricondurre la genesi della Common Law inglese al 1066, quando Guglielmo di Normandia sconfisse ad Hastings l ultimo sovrano sassone, introducendo in Inghilterra

Dettagli

ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO

ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO B u n d e s g e r i c h t T r i b u n a l f é d é r a l T r i b u n a l e f e d e r a l e T r i b u n a l f e d e r a l ORIGINI E RUOLO DEL TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO II Tribunale federale vigila sull'applicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul

CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI. Osservazioni e note sul CONSIGLIO NAZIONALE DOTTORI COMMERCIALISTI CONSIGLIO NAZIONALE RAGIONIERI COMMERCIALISTI Osservazioni e note sul D.L. 4 luglio 2006, n. 223 Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per

Dettagli

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 *

L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * L ENERGIA ELETTRICA NELLA LEGGE COSTITUZIONALE N. 3/2001 * di Sabino Cassese (Professore ordinario, Facoltà di Giurisprudenza, Università La Sapienza, Roma) 1 luglio 2002 Sommario 1. Premessa 2. Il nuovo

Dettagli

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO

Le istituzioni politiche dell Unione europea. Le funzioni delle istituzioni politiche CONSIGLIO EUROPEO Le istituzioni politiche dell Unione europea Le funzioni delle istituzioni politiche Riflettono il loro carattere rappresentativo delle istanze che coesistono nell UE Il centro nevralgico dell Unione europea

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013

Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n.33/2013 MODULO DIDATTICO 1 Evoluzione del concetto di Trasparenza 1 of 20 In questo modulo sarà illustrato il concetto

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società

Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU. Prof. Maria Cicala. La società e le regole. Gruppi e società Programma di Diritto Economia Anno scolastico 2014/15 classe 1BU La società e le regole Gruppi e società Dalla vita quotidiana al Diritto e all Economia Il Diritto e l Economia: scienze sociali Origini

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

L arbitrato economico

L arbitrato economico L arbitrato economico o stallo per contrasti sulla gestione della società ha come presupposto che nell organo amministrativo metà dei componenti siano espressione di un socio o di un gruppo di soci e l

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

I rapporti con Stati terzi Stefania Bariatti Ordinario di Diritto internazionale privato e processuale, Università di Milano

I rapporti con Stati terzi Stefania Bariatti Ordinario di Diritto internazionale privato e processuale, Università di Milano Stefania Bariatti Ordinario di Diritto internazionale privato e processuale, Università di Milano PRINCIPI E OBIETTIVI DEL MERCATO INTERNO Considerando 7: È opportuno contribuire al corretto funzionamento

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OMOLOGA DEI VERBALI DI ACCORDO DELLA MEDIAZIONE E LA COMPETENZA DEL GIUDICE DI PACE

IL PROCEDIMENTO DI OMOLOGA DEI VERBALI DI ACCORDO DELLA MEDIAZIONE E LA COMPETENZA DEL GIUDICE DI PACE IL PROCEDIMENTO DI OMOLOGA DEI VERBALI DI ACCORDO DELLA MEDIAZIONE E LA COMPETENZA DEL GIUDICE DI PACE I) PREMESSE. L EFFICACIA DELLA MEDIAZIONE ED IL PROCEDIMENTO DI OMOLOGA. La mediazione, quale adempimento

Dettagli

Problemi traduttivi di termini giuridici in relazione al loro sistema di appartenenza

Problemi traduttivi di termini giuridici in relazione al loro sistema di appartenenza Problemi traduttivi di termini giuridici in relazione al loro sistema di appartenenza Ingrid Grüner, laureata in scienze giuridiche presso l Università di Trieste La traduzione in generale, e la traduzione

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

MAGISTRATURA E AUTORITA INDIPENDENTI

MAGISTRATURA E AUTORITA INDIPENDENTI E AUTORITA INDIPENDENTI Nei paesi di Civil law i giudici applicano il diritto, composto in prevalenza da fonti atto, e sono stati tradizionalmente visti come bocca della legge. Precedenti non vincolanti.

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo.

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. CLASS ACTION Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. La class action, regolamentata dall art. 140 bis del codice

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I CORSO DI DIRITTO COMUNITARIO IL NOTAIO TRA REGOLE NAZIONALI E EUROPEE Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I Alfredo Maria Becchetti Notaio in Roma Componente Commissione Affari

Dettagli

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto.

2.- l opinio iuris ac necessitatis (elemento psicologico), ossia la convinzione generale che tale comportamento sia conforme al diritto. .Mentre la consuetudine internazionale crea diritto internazionale generale, l accordo crea diritto internazionale particolare che crea diritti ed obblighi solo per gli Stati parte. Può accadere che una

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta

Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Prof. Luigi Daniele e dott. Roberto Cisotta Il caso Dano: il quadro giuridico (I) Assistenza sociale: bisogno come criterio essenziale di applicazione e per l erogazione delle relative prestazioni non

Dettagli

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare?

Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? Compravendita internazionale : quale legge si applica? Qual è il giudice competente a giudicare? La realtà commerciale del settore dei beni di consumo tecnici e tecnologici è caratterizzata dalla commercializzazione

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal Direttore del Dipartimento/Centro o Preside

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013 NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE No. 3 Marzo, 2013 Siamo lieti di trasmettervi l ultima edizione della nostra newsletter di informativa legale. La newsletter fornisce un primo esame del nuovo Regolamento

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea

Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea Il caso Segi: verso l interpretazione estensiva delle competenze della Corte di giustizia nel terzo pilastro dell Unione europea di Valentina Bazzocchi Dopo la celebre sentenza Pupino 1, la Corte di giustizia

Dettagli

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI

ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI (di Gianluca Tarantino) La legge fallimentare è stata negli ultimi anni oggetto di diversi interventi legislativi (si fa riferimento ai vari interventi operati dalla

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

LE FASI DELLA MEDIAZIONE

LE FASI DELLA MEDIAZIONE LE FASI DELLA MEDIAZIONE Tesista: Rigon Mattia Guigno 2014 Ente Formatore: I.CO.TE.A.C.A.T. Srl 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..Pag. 3 2. MATERIE OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE..Pag. 3 3. AGEVOLAZIONI FISCALI. Pag.

Dettagli

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione

Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione Sommario Premessa 11 Elenco degli acronimi 15 Capitolo I (Angela Del Vecchio) Analisi introduttiva ed evoluzione storica del fenomeno dell organizzazione internazionale 1. Nozione e sviluppo storico delle

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4369 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore PASSIGLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1 o DICEMBRE 1999 Norme in materia

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI GIURIDICI Direttore Prof.re Avv.to Natale Ferrara ESAME AVVOCATO 2015 CORSO INTENSIVO

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI GIURIDICI Direttore Prof.re Avv.to Natale Ferrara ESAME AVVOCATO 2015 CORSO INTENSIVO ESAME AVVOCATO 2015 CORSO INTENSIVO NUOVO REGOLAMENTO SULLA PRATICA FORENSE - 17 FEBBRAIO 2015 Obbligo di schermatura delle sedi d esame; Domande all orale contenute in un database informatico; Raddoppio

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05

Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 Il silenzio della PA come novellato dal DL 35/05 di Marco Giardetti* La tematica del silenzio della PA è di certo una delle più dibattute e problematiche del diritto amministrativo e questo non solo perché

Dettagli

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI Avvertenza........................................ XIII STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI 1. La realizzazione del regionalismo e la crisi del sistema istituzionale

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE

INDICE SOMMARIO. Abbreviazioni... INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE INDICE SOMMARIO Abbreviazioni... XV INTRODUZIONE OGGETTO E FINALITÀ DELL INDAGINE 1. I tribunali penali internazionalizzati: nozione. Origine e inquadramento del fenomeno... 1 2. Problemi di classificazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*)

Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) NOTE E COMMENTI 801 Le consulte di garanzia statutaria tra amministrazione e giurisdizione (*) Bernardo Giorgio Mattarella Rispetto alle consulte di garanzia statutarie, la sentenza 200/2008 della Corte

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Nell ambito di un giudizio svoltosi in Belgio, Tizio ottiene l annullamento di un titolo di credito emesso in favore di Caio, suo

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli