L A SCUOLA I II III IV V A B

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L A SCUOLA I II III IV V A 25 23 24 23 25 B 23 24 23 24 25"

Transcript

1 S C U O L A P R I M A R I A R A F F A E L L O S A N Z I O L A SCUOLA La scuola è inserita in un vasto territorio cittadino che comprende gran parte del centro storico, si allunga verso nord in via Brennero e spazia verso la collina est. La struttura, molto importante dal punto di vista architettonico, ha avuto un restauro tendente al ripristino delle condizioni originali con dei vincoli rigidi ai quali vengono sottoposti i monumenti artistici. I lavori sono iniziati nel 1996 e si sono conclusi nel 2000 con l inaugurazione ufficiale del 27 ottobre. L obiettivo del restauro è stato quello di conservare l architettura razionalista di Adalberto Libera, sia nella composizione originale, confermando l articolazione spaziale, sia nella scelta dei materiali. La scuola ormai si è stabilizzata come scuola a tempo pieno. Nell anno scolastico 2008/2009 sono iscritti 239 alunni, di cui 34 stranieri che frequentano classi con tempo scuola distribuito su cinque giorni. I II III IV V A B Il corpo docenti è formato da 30 insegnanti più uno di scuola secondaria 18 insegnanti di classe, 2 insegnanti di lingua inglese, 4 insegnante di madrelingua inglese, 2 insegnanti di lingua tedesca, 2 insegnanti di religione, 2 insegnanti di sostegno e 4 assistenti educatori. Nella scuola operano inoltre una collaboratrice del Dirigente scolastico, l insegnante Verena Agostini, una referente d Istituto per l area della disabilità e del disagio, l ins, Frisanco Armida, a disposizione di docenti e genitori per eventuali problemi. Nell'edificio scolastico ci sono: 10 aule ordinarie 1 aula insegnanti e biblioteca 6 laboratori 1 aula magna 1 aula per religione 1 aula per inglese 1 palestra 1 ludoteca 1 mensa presidenza e segreteria archivio bidelleria O RGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA L orario settimanale di frequenza degli alunni, in vigore nell anno scolastico 2008/09, è di 39 ore e 10 minuti, di cui 27 ore di lezione obbligatorie, 3 ore di attività opzionali facoltative e 9.10 ore di mensa e interscuola, dal lunedì al venerdì. L orario giornaliero è di 7 ore e 50 minuti, con 4 ore di lezione al mattino, e 2 al pomeriggio. Le attività opzionali facoltative sono collocate il mercoledì pomeriggio dalle ore alle ore ed il venerdì mattina dalle ore 8.10 alle ore Causa l elevato numero di alunni in tutte le classi il servizio mensa viene organizzato in due turni, il primo per gli alunni delle classi prime e seconde con inizio alle ore 12.10, e il secondo per gli alunni delle classi terze, quarte e quinte con inizio alle Il servizio mensa è gestito dalla Risto 3

2 L orario obbligatorio delle lezioni nel corrente anno scolastico è il seguente: Orario di lezione Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì obbligatorio per gli alunni iscritti a1 ora di attività opzionali facoltative per gli alunni iscritti a 2ore di attività opzionali facoltative per gli alunni iscritti a 3 ore di attività opzionali facoltative Orario mensa e interscuola classe I e II classe III, IV e V dal Lunedì al Venerdì In ogni classe lavorano in collaborazione due insegnanti che alternano la loro presenza durante la settimana e si attivano affinché l esperienza scolastica sia significativa nei metodi e nei contenuti dell insegnamento, nei rapporti interdisciplinari positivi in modo da creare un sereno clima formativo. Inoltre, durante la settimana, gli insegnanti lavorano in compresenza per svolgere particolari attività, progetti, uscite didattiche, laboratori a classi aperte che coinvolgono più classi o l intero plesso. Ogni classe organizza la propria attività tenendo conto dei Programmi Ministeriali, del Progetto d Istituto e della programmazione settimanale dei docenti All interno della classe collaborano altri insegnanti: l insegnante di lingua straniera (inglese) per nove ore settimanali nelle classi interessate alla sperimentazione dell inglese diffuso e per tre ore settimanali nelle classi quinte; l insegnante di lingua straniera (tedesco) per due ore settimanali nelle classi terze e quarte; l insegnante di religione cattolica per due ore alla settimana; un insegnante di tedesco un ora alla settimana per le attività opzionali facoltative nelle classi quinte; un insegnante di scuola secondaria di primo grado per due ore alla settimana sulle classi quinte; eventuali insegnanti di sostegno e/o educatori professionali in presenza di alunni/e in difficoltà. Nell ambito del proprio orario settimanale, gli insegnanti dedicano due ore all attività di programmazione che coinvolge tutti i docenti che operano nella classe con i seguenti scopi: progettare il piano annuale di tutte le attività; concordare e raccordare l attività di ciascun insegnante con l intero team; valutare insieme l andamento della classe e dei singoli alunni/e; favorire scambi di esperienze; preparare particolari progetti, laboratori, uscite didattiche, viaggi d istruzione. Il ruolo della famiglia risulta fondamentale nella formazione degli alunni/e: al fine di consolidare un rapporto di fiducia reciproca e una proficua collaborazione, che consentiranno di perseguire al meglio gli obiettivi di

3 crescita e formazione di ogni singolo bambino/a, la scuola organizza incontri in forma assembleare e colloqui individuali con i genitori. Particolarmente significativi risultano i colloqui individuali in cui gli insegnanti delineano un quadro generale dell andamento dell alunno/a e con i genitori si scambiano informazioni e si concordano linee educative comuni Durante l anno scolastico vengono fissati due colloqui generali con la presenza contemporanea di tutti gli insegnanti; inoltre i genitori o gli insegnanti per casi particolari possono richiedere ulteriori incontri. Per un proficuo percorso educativo didattico degli alunni/e si invitano le famiglie a garantire ai propri figli/e la frequenza regolare delle lezioni, limitando il numero dei giorni di assenza a quelli per malattia o per gravi e impellenti motivi documentati. A TTIVITÀ OPZIONALI FACOLTATIVE La riforma modifica la struttura di tempo lungo introducendo, all interno dell orario complessivo settimanale, tre ore di attività formativa con frequenza facoltativa per gli alunni/e. Il Collegio di sezione per l anno scolastico 2008/09 ha deciso di collocare le tre ore opzionali facoltative: il mercoledì dalle ore alle ore Il venerdì dalle ore 8.10 alle 9.05 L ora opzionale del venerdì (dalle ore 8.10 alle 9.05) è gestita dal team di classe e, a differenza del mercoledì pomeriggio, non è prevista la compresenza tra gli insegnanti. Per le classi quinte la terza ora opzionale è spostata al giovedì. Se tutti gli alunni/e di classe aderiscono all ora opzionale del venerdì, è possibile modificare la sua collocazione oraria nell arco della stessa giornata qualora risultasse più funzionale L anno scolastico, rispetto alle attività facoltative opzionali previste per il mercoledì pomeriggio, è diviso in tre periodi prevedendo tre diverse organizzazioni: Primo modulo Secondo modulo Terzo modulo Attività opzionali di classe o di interclasse Laboratori opzionali per gruppi misti di bambini delle classi I e II e delle classi III, IV, V Gruppi in verticale per l allestimento del mercatino nell ambito del progetto gemellaggio con il Perù settembre gennaio maggio ottobre novembre dicembre febbraio marzo 3 giugno (mercatino) gennaio aprile 2009 Nota: in questo modulo un mercoledì non viene calendarizzato prevedendo l assenza delle classi quinte impegnate nel progetto gemellaggio Ham Dingle

4 In tutti i laboratori viene valorizzato soprattutto il ruolo attivo dell alunno/a; il suo fare si unisce al fare dei compagni per raggiungere un risultato comune nell aiuto reciproco. Ogni alunno/a ha la possibilità di assumere ruoli diversi e di svolgere attività molteplici. Tutto questo per favorire l esplicitazione e la valorizzazione di abilità che non sempre possono trovare spazio in attività di tipo più strettamente curricolare. Prevedendo tale flessibilità nell organizzazione delle attività opzionali, i docenti ritengono di aver ottimizzato l offerta formativa, come previsto dalla riforma. L iscrizione alle ore di attività opzionali facoltative rende obbligatoria la frequenza. Gli alunni/e che non aderiscono alla proposta torneranno a casa ogni mercoledì al termine delle attività scolastiche del mattino (12.10) e non avranno diritto alla mensa; il venerdì inizieranno l attività scolastica alle ore ATTIVITA PROPOSTE NEL PERIODO GENNAIO APRILE Primo ciclo: attivazione di 5 laboratori con la partecipazione di circa 14 alunni Insegnanti Titolo Descrizione Rigo Righi Iva Apicella Beatrice Tomasi Antonella Roberts Jennifer Corelli Laura Turrini Margherita Osele Raffaella Ferrari Flora Ravidà Mimma Esperta: Cereghini Francesca Fantasia di colori e linee Travelling across the U.S.A. Creare con stoffe e bottoni Giocando mi diverto e imparo Musica maestra Partendo dalle opere di Kandinsky e Mondrian elaborazione di opere personali We will take a virtual trip (SMART BOARD) to three different states where we ll learn about the culture and geography of the U.S.A. Composizione di stoffe e bottoni con l uso di colla, ago e filo (quadri, arazzi ) Giochi da tavolo Laboratorio musicale Secondo ciclo: attivazione di 9 laboratori con la partecipazione di circa 16 alunni Insegnanti Titolo Descrizione 1 Cestari Micaela Immagini in azione Attività con la carta per creare effetti ottici Bucci raffaella 2 Serio Maria Linguaggi creativi per Utilizzo della scrittura creativa, di fantasie guidate e attività di rilassamento e circle-time per promuovere la conoscenza di se Vitale Gabriella conoscere se stessi stessi. 3 Dalzocchio Adelina Colori nei fiori Osservazione dei fiori nell arte e rielaborazione personale Simoni Rosalba 4 Pedrotti Laura English Theatre Acting/Theatre skills in English Vilday Nick Shakespeare 5 Trentini Graziella Click, click, byte! Modifica di immagine digitalizzate per la realizzazione di Bampi Anna fotoritocchi creativi con l uso di un programma di grafica 6 Corradini Luisa Artisti si diventa Imparare a disegnare in prospettiva la realtà che ci circonda Vettori Marina

5 7 Lepore Mariagrazia Esperto: In coro Attività di canto corale coro (Parolini) 8 Cerrato Daniel Esperta: Dai..muoviamoci Conoscere e valorizzare la pratica sportiva e l educazione al movimento con particolare attenzione all aspetto ludico e Lazzeri Deborah socializzante 9 Rocchi Claudia Laboratorio Europa Laboratori in lingua inglese e tedesca Aldegheri Elena SPERIMENTAZIONE DELL INGLESE VEICOLARE nelle classi prime, seconde, terze e quarte della scuola R.Sanzio IL PROGETTO Il progetto per l'introduzione della lingua inglese ha preso il via nell anno con due classi prime della scuola R.Sanzio. Questo progetto, denominato Inglese Diffuso è nato dalla volontà di arricchire l'offerta della scuola con obiettivi di apprendimento a forte valenza formativa, partendo dalle indicazioni ministeriali dei nuovi programmi che, nella sezione relativa al Pecup (profilo educativo e culturale dello studente/studentessa), pongono un accento particolare ai termini della convivenza civile. Lo scambio linguistico-culturale con la scuola inglese di Ham-Dingle, che vanta ormai molti anni di esperienza, ha fortemente influenzato l'avvio di questo progetto e ha permesso di inserire la sperimentazione dell'inglese veicolare in un contesto scolastico e famigliare già predisposto allo scambio linguistico e culturale con altri paesi. L esito della sperimentazione per gli anni scorsi è stato molto positivo: ne sono conferma i risultati della ricerca-azione attivata dal Dipartimento Innovazione e Ricerca e le risposte al questionario di gradimento dei genitori. Nel corrente anno scolastico la sperimentazione dell insegnamento veicolare della lingua inglese coinvolge complessivamente 7 classi con il progetto Inglese Diffuso e una classe prima con l innovativo progetto di Classe Bilingue. OBIETTIVI 1. Promuovere la sperimentazione di una scuola plurilingue che permetta l'approccio ad altre lingue come strumento di conoscenza e dialogo interculturale 2. Gettare le basi per la costruzione di "ponti di cultura" con altre istituzioni scolastiche anche a livello europeo, con scambio di materiali e documenti 3. Sviluppare negli alunni/e l'acquisizione di competenze comunicative in una lingua diversa, non più straniera, ma alternativa alla propria madre-lingua. LE CLASSI Le classi coinvolte nel progetto "Inglese Diffuso" non sono state sottoposte ad alcuna selezione in ingresso. Per la classe prima bilingue, non vincolata al bacino d utenza, è stato effettuato un colloquio preliminare all iscrizione ed è stata richiesta alle famiglie la sottoscrizione di un patto formativo con la scuola

6 che indica come prerequisito un dichiarato interesse per l apprendimento della lingua inglese e che impegna i genitori ad una fattiva collaborazione nel percorso didattico - educativo. Per l anno scolastico tutte le richieste d iscrizione alla classe bilingue sono state accolte e non si è resa necessaria alcuna selezione. Nelle classi quarte prosegue la sperimentazione, accompagnata da verifica sistematica degli apprendimenti, iniziata nel 2005/2006 e che si concluderà nel Il progetto per l'insegnamento veicolare coinvolge e interessa tutto il plesso e non è quindi limitato a un unico gruppo classe creato appositamente. Esso evidenzia la sua validità nella prospettiva della continuità nelle classi superiori e caratterizza quindi l'intera scuola come polo sperimentale per l'insegnamento/apprendimento bilingue.

7 I DOCENTI GLI AMBITI DISCIPLINARI L elevata esposizione all'uso della lingua inglese( 9 ore settimanali per chi aderisce alle attività opzionali, 7 o 8 ore per chi non aderisce), la presenza di insegnanti madrelingua che collaborano con il team docenti delle diverse classi, e l impegno di tutti nella la programmazione e nella verifica delle attività, permettono la strutturazione di un percorso didattico condiviso e favoriscono negli alunni l'acquisizione di competenze linguistiche in modo naturale e graduale. Per ognuna delle sezioni interessate alla sperimentazione Inglese Diffuso sono previsti: NELLE CLASSI PRIMA, SECONDA E TERZA un docente per l'ambito linguistico-storico-geografico un docente per l'ambito scientifico matematico un docente di lingua inglese veicolare a "scavalco" sulle due classi per l educazione motoria, musicale, artistica ( o per l informatica ) e per la geografia. Quest ultima viene proposta sia in italiano che in inglese. NELLA CLASSE QUARTA un docente per l'ambito linguistico-storico-geografico e per le scienze un docente per l'ambito scientifico matematico, a "scavalco" sulle due sezioni un docente di lingua inglese veicolare, che opera in ambedue le sezioni per l educazione motoria, musicale, artistica e per la geografia. L'insegnante madrelingua in servizio nelle classi IV A e IV B si occupa della supervisione didattico/metodologica degli insegnanti veicolari del plesso e della formazione di tutti gli insegnanti delle altre scuole dove sono stati attivati progetti di lingua veicolare. NELLA CLASSE BILINGUE Un docente per l ambito linguistico e per la storia che opera in co-docenza con l insegnante madrelingua per l ambito matematico; un docente madrelingua per tutte le altre discipline ed educazioni, che opera in co-docenza per l ambito matematico. I PROGRAMMI I docenti sono contitolari sulla classe ed elaborano i programmi annuali, seguendo le indicazioni nazionali per i piani di studio nella scuola primaria. L'insegnante veicolare prepara le unità di apprendimento in base alla programmazione prevista per le due classi in collaborazione con gli insegnanti del team delle due classi parallele. Ognuna delle due classi prime effettua una propria programmazione didattica, riservando alcuni momenti al confronto con la classe parallela per le attività comuni. LA METODOLOGIA Per il primo anno è previsto solo l'uso della lingua orale per non creare interferenze negative tra i grafemi e i fonemi delle due lingue, ma non viene esclusa l esposizione alla lingua scritta, relativamente al lessico già appreso oralmente. L introduzione della forma scritta a livello produttivo ha inizio nel secondo anno ed è accompagnata da una particolare attenzione ai bambini che presentano difficoltà nella letto-scrittura. Nella classe bilingue l introduzione della forma scritta avviene precocemente, dato che sono interessate dalla veicolarità tutte le discipline, tranne la lingua italiana e la storia.

8 L utilizzo del computer e della lavagna multimediale consente inoltre una pianificazione delle lezioni con sussidi molto coinvolgenti per i bambini, che alimentano ulteriormente la motivazione all uso della lingua inglese. La strutturazione di unità di apprendimento in cui i bambini sono sempre parte attiva e l'approccio ludico che caratterizza le attività manuali ed espressive, l attività fisica, le attività musicali (filastrocche e drammatizzazioni), permettono l'acquisizione spontanea di competenze comunicative in lingua inglese, senza "sovraccaricare" l'impegno scolastico degli alunni/e e garantiscono, nel contempo, il rispetto della programmazione disciplinare. La verifica sistematica degli apprendimenti avviene attraverso rilevazioni individuali e di gruppo, sia a livello grafico che orale, con strumenti diversificati che spaziano dal test alla ripresa video delle attività dei bambini/e in classe e all aperto. VERIFICA DEL PROGETTO E IMOLEMENTAZIONE Nelle classi pilota della sperimentazione veicolare ( attuali quarte ) viene effettuata la rilevazione sistematica dei dati relativi alle attività in classe. La ricerca-azione prevede la compresenza degli insegnanti titolari con il docente madrelingua, purtroppo la strutturazione del modulo 3 insegnanti su due classi non permette la compresenza in tutte le 8 lezioni di inglese veicolare. Nel corso dell anno scolastico viene sottoposto ai genitori interessati un questionario di gradimento, che viene poi utilizzato quale contributo delle famiglie al miglioramento del progetto. Gli insegnanti dell'area linguistica, dell'area matematica e gli insegnanti di lingua veicolare effettuano regolarmente incontri di programmazione e verifica delle attività didattiche, in orario di servizio e in orario aggiuntivo per l elaborazione di unità di apprendimento interdisciplinare e per il controllo sistematico degli obiettivi di apprendimento raggiunti. La programmazione settimanale in lingua inglese viene pubblicata e aggiornata con scadenza mensile sul sito internet della scuola: E previsto l'ampliamento di ambedue le sperimentazioni di insegnamento veicolare della lingua inglese a tutte le future classi del plesso e si stanno valutando le condizioni per l estensione del progetto nella scuola secondaria di primo grado. GEMELLAGGI Due gemellaggi, uno con un Paese europeo (Gran Bretagna) e uno extraeuropeo (Perù), arricchiscono l offerta formativa della scuola. GEMELLAGGIO SANZIO (ITALIA) HAM DINGLE (REGNO UNITO) Finalità Formare cittadini/e europei consapevoli del rispetto dei diritti dell uomo/della donna, delle diversità culturali, linguistiche, religiose e aperti alla solidarietà. Promuovere ampiezza di esperienze, conoscenze e comprensione della dimensione europea. Trasformare il sapere scolastico in sapere vissuto in un contesto extra nazionale ed europeo in particolare. Tenendo conto delle caratteristiche e dell età dei propri alunni/e, la Scuola Primaria R. Sanzio IC Trento 5 (che ne conta circa 240) ha dimostrato negli anni di credere nell importanza di un percorso di formazione in tale direzione (gemellaggi con scuole di Paesi in via di sviluppo, percorsi di integrazione scolastica dei bambini/e di recente immigrazione, progetti di educazione interculturale, ).

9 Nel 1994 la Scuola Primaria R. Sanzio ha concretizzato la volontà di aprirsi a una dimensione internazionale attraverso l adesione a un progetto pilota dell allora Ministero della Pubblica Istruzione, mirato allo sviluppo di collegamenti tra le autorità scolastiche e le scuole di diversi Paesi europei. A seguito della visita di due delegati di Dudley (Birmingham) presso la nostra scuola, si è dato inizio a un gemellaggio (school link) tra le due scuole R. Sanzio e Ham Dingle (Stourbridge Dudley) e a un programma di scambio a vari livelli: alunni/e, gruppi classe, insegnanti, direttori. Obiettivi Promuovere la formazione interculturale. Sviluppare interesse e curiosità circa le caratteristiche geografiche e antropiche di altri Paesi europei. Fare esperienze significative di aspetti culturali di questi Paesi (cibi, festività, abitazioni, abbigliamento, hobbies, ). Favorire l apprendimento della lingua inglese e l acquisizione di nuove abilità comunicative. Potenziare il percorso di crescita personale dimostrando di sapersi comportare adeguatamente in ambienti sconosciuti, di saper affrontare il viaggio e la distanza dal proprio ambito familiare. Modalità di attuazione Il progetto si sviluppa in quattro fasi: 1. scambio epistolare La corrispondenza epistolare inizia già dalla prima classe con l invio di biglietti di auguri. A partire dalla terza classe, a ciascun alunno/a è affidato un penfriend. I temi affrontati nelle lettere riguardano la descrizione di se stessi, la propria famiglia, gli hobbies, i cibi tipici, le case, la propria scuola e la città. 2. approfondimento interdisciplinare Il progetto prevede per le classi quinte un lavoro di ricerca e di approfondimento interdisciplinare e interculturale attraverso la conoscenza e la comparazione di aspetti geografici, antropici, economici e culturali dell Italia e del Regno Unito. 3. viaggio in Inghilterra Al termine del percorso di avvicinamento e di riflessione culturale, che abbraccia tutti i cinque anni scolastici, alle classi quinte viene proposta la visita di una settimana (ospitati dalle famiglie inglesi) alla Ham Dingle Primary School. Tale visita prevede sia attività a scuola sia visite sul territorio. Per gli alunni/e che non partono è prevista l organizzazione di una settimana alternativa che riprende, sotto diversi aspetti, il percorso intrapreso nelle altre fasi del progetto. 4.visita in Italia L intera scuola Sanzio, insieme alle famiglie delle classi quinte, partecipa all accoglienza degli alunni/e e insegnanti della Ham Dingle Primary School. Durante una settimana, il gruppo inglese condivide sia le attività scolastiche sia la vita quotidiana in famiglia. Anche qui sono previste attività a scuola e visite sul territorio. Supporto Finanziamento da parte della Regione solo per la visita in UK La scuola Le famiglie Rilevanza dell iniziativa e risultati. A parere delle autorità scolastiche provinciali la durata negli anni di questa iniziativa ha determinato la formazione di un ambiente educativo idoneo per avviare presso la scuola Sanzio, dall anno

10 scolastico 2005/06, un progetto di sperimentazione di insegnamento veicolare della lingua inglese. Questo prevede l insegnamento di materie curricolari (geografia, ed. motoria, ed. all immagine, ed. al suono e alla musica, e attività di laboratorio in lingua inglese), per un totale di 9 ore settimanali. Attualmente sono coinvolte in tale progetto dell inglese diffuso 6 classi: 1 A e B; 2 A e B; 3 A e B, con un insegnante di madrelingua e due di lingua inglese con funzioni di madrelingua. La validità di questa sperimentazione ha destato vivo interesse anche presso la scuola gemellata Ham Dingle. Il dirigente inglese, Mr Peter Harrington, ha partecipato alla visita a Trento nel maggio 2006 per verificare personalmente l andamento della sperimentazione e proporre eventuali nuovi sviluppi di scambio. Infine, la longevità del progetto e l entusiasmo, che ogni anno si rinnova con lo scambio delle visite, dimostrano come questo gemellaggio sia ormai parte integrante della nostra scuola. La costruzione di relazioni di conoscenza e di amicizia, avviate in classe con le attività didattiche, diventa vita concreta con l incontro tra alunni e insegnanti dei due Paesi. Questo ci arricchisce mutuamente e diventa valido strumento nella creazione di ponti tra le culture in un mondo sempre più interdipendente ma non esente da divisioni e conflittualità. GEMELLAGGIO CON L ISTITUTO DIVINO MAESTRO DI LIMA (PERÙ) Nel 1998 alcune classi della scuola primaria R. Sanzio hanno iniziato uno scambio di lettere, disegni e fotografie con l Istituto Divino Maestro di Lima, in Perú, dando così vita a un gemellaggio, che dura da allora e si è sviluppato grazie al continuo coinvolgimento di alunni/e, di insegnanti, del personale della scuola e di genitori. La scuola di Lima accoglie bambini e bambine diversamente abili dai tre-quattro anni e offre loro un ciclo di studi che generalmente termina con i diciotto anni. È una scuola privata, riconosciuta dallo stato, che però non le garantisce alcuna sovvenzione. Per questo, fin dal primo momento, quando è emerso lo stato di bisogno, la comunità educativa delle Sanzio ha offerto (e offre tuttora) dei finanziamenti spontanei, raccolti con le attività di gruppo degli alunni/e, fra le insegnanti, i genitori e fra altre persone vicine alla scuola e con il programma delle adozioni a distanza. Finalità Da noi educare sui principi della condivisione, della diversità e della solidarietà sensibilizzare sulle tematiche culturali e storiche e sulle problematiche dei Paesi dell America latina In Perù mantenere e sviluppare il rapporto didattico-educativo con l Istituto Divino Maestro di Lima per discutere, confrontare le esperienze, analizzare le differenze tra il sistema scolastico del Perù/ America latina e quello italiano organizzare visite di studio alla scuola di Lima dare sostegno materiale alla scuola gemellata Obiettivo coinvolgere istituzionalmente l Istituto Comprensivo Trento 5 in un attività programmata, strutturata e partecipata, che consolidi e ampli il percorso iniziato. Attività lezioni in classe sui temi specificati al punto finalità conferenze per alunni/e e genitori in orario extrascolatico lavori di gruppo in classe e nei laboratori in verticale, per lo scambio con la scuola gemellata e per la vendita nel mercatino di primavera creazione di manufatti da parte di mamme della scuola, riunitesi in gruppi spontanei trasversali, per l allestimento del mercatino di Natale

11 produzione e vendita di piantine (giacinti) da parte di gruppi-classe realizzazione di spettacoli o altre attività di intrattenimento, per la raccolta di offerte da destinare alla scuola gemellata Supporto l Istituto Comprensivo Trento 5 concede l uso dei locali e delle attrezzature; provvede all acquisto del materiale necessario per la realizzazione dei lavori di gruppo dei propri alunni/e. Collaborazione Collabora al progetto l associazione di volontariato Gruppo Sanzio e Amici Postini. L associazione si è costituita per iniziativa di un gruppo di insegnanti delle Sanzio, di un gruppo di portalettere della e di altre persone. Cura la raccolta di offerte con la formula delle borse di studio (adozioni a distanza) per i bambini/e particolarmente bisognosi che frequentano il Divino Maestro di Lima; è costantemente in contatto con la scuola del Perú e ne segue l andamento. Cura la traduzione delle lettere e dei documenti scambiati, invia le offerte di alunni/e, insegnanti, genitori e altri benefattori. Offre supporto tecnico (contabilità e documentazione del progetto, incombenze della normativa privacy e fiscale) e logistico, grazie alla profonda conoscenza del paese e dei numerosi contatti instaurati. Attività svolte Il lavoro svolto fino a oggi nelle classi con lo scambio di esperienze didattiche, la vicinanza personale alle insegnanti e ai bambini/e del Perú è stato importante e proficuo. Per i ragazzi/e del Divino Maestro, molti con problemi familiari e di disagio sociale, è utile sapere che in Italia c è qualcuno che si interessa a loro. Per i bambini/e delle Sanzio lo studio e la comprensione dei due mondi con le loro differenze e i loro problemi in comune, è utile per imparare la condivisione. La dotazione delle attrezzature per la funzione didattica e per la mensa, la costruzione dell edificio di Lima, che ora si sviluppa su tre piani, il notevole incremento del numero degli iscritti (attualmente circa 100), è dovuto esclusivamente all impegno della comunità educativa della scuola Sanzio. Un gruppo di insegnanti nel 2003 si è recato a Lima per verificare la situazione e per approfondire la reciproca conoscenza. Attività programmata La scuola gemellata ha superato il momento di emergenza riscontrato nei primi contatti, ma poiché le sue entrate sono rappresentate quasi esclusivamente dalle offerte che provengono da Trento, è necessario che il sostegno continui anche per il futuro. L obiettivo minimo finanziario è quello di coprire le spese correnti di funzionamento attraverso le consuete attività dei mercatini e della raccolte di offerte, con il coinvolgimento di nuovi soggetti. A luglio 2008 è stato effettuato il secondo viaggio Sanzio per far festa con la comunità educativa del Divino Maestro, in occasione dei 10 anni del nostro gemellaggio. Inoltre il gruppo Sanzio ha partecipato a un corso di formazione organizzato in collaborazione con i partner peruviani. Al primo piano della scuola Sanzio è esposto il murale che illustra le tappe del nostro gemellaggio.

12 ELENCO DEI PROGETTI Sportello psicologo: Spazio ascolto Laboratori in verticale: Spazio alla creatività: tanti modi per stare bene insieme pensando agli amici del Perù Gemellaggio Ham Dingle Gemellaggio Perù Bambini a piedi sicuri Giornata dello Sport MUSICA maestra DAI muoviamoci In coro Progetto Accoglienza Progetto DSA Progetto Screening Progetto CONI Progetto Scuola Sport Comune Progetto Trentinovolley P.A.T. Scambio culturale Sanzio - Ham Dingle; Viaggio alternativo Vivere i parchi del quartiere Mimo la Musica Conosciamo la montagna Percorso rifiuti La Biodiversità nelle aree protette del Trentino Festa degli alberi Tutte Tutte Tutte Tutte Tutte Tutte Gruppi opzionali Gruppi opzionali Gruppi opzionali 1 A 1 B 1 A -1 B 2 A 2 B 3 A IV A 1 A 1 B 2 A 2 B 3 A 3 B 5 A 5 B 4 A - 4 B - 5 A 5 B 5 A 5 B 1 A - 1 B 2 A - 2 B 3 A 3 B 3 A 4 A 1A - 1B 3 A -5 A

13 ELENCO DEGLI INSEGNANTI E DELLE RELATIVE M ATERIE DI INSEGNAMENTO CLASSE INSEGNANTI MATERIE D INSEGNAMENTO I A I B II A II B III A III B IV A IV B V A V B Rigo Righi Iva Apicella Guerra Beatrice Ravidà Domenica Demattè Daniela Roberts Jennifer Lynn Tomasi Antonella Demattè Daniela Cestari Micaela Penasa Silvia Ferrari Flora Osele Raffaella Cerrato Daniel Demattè Daniela Arnoldo Caterina Turrini Margherita Corelli Laura Cerrato Daniel Demattè Daniela Frapporti Alberto Cestari Micaela Bucci Raffaella Aldegheri Elena Demattè Daniela Rochi Claudia Serio Maria Vitale Gabriella Aldegheri Elena Piazza Lorenzo Maschi Paola Demattè Daniela Rochi Claudia Lepore Maria Grazia Bampi Anna Vilday Nicholas Pederzolli Barbara Mattivi Giuliana Aldegheri Elena Trentini Graziella Simoni Rosalba Bampi Anna Vilday Nicholas Bucci Raffaella Tait Nadia Rizzoli Paola Pederzolli Barbara Mattivi Giuliana Vettori Marina Trentini Graziella Dalzocchio Adelina Trentini Graziella Pedrotti Laura Bergami Tamara Pederzolli Barbara Zanolli Alessandra Vettori Marina Corradini Maria Luisa Bergami Tamara Pederzolli Barbara Zanolli Alessandra Italiano, storia, geografia, arte, attività opzionali Matematica, scienze, informatica, attività opzionali Inglese veicolare: geografia, musica, motoria, arte Tutte le discipline tranne lingua italiano e storia, attività opzionali Italiano, storia, matematica, attività opzionali, mensa Mensa Assistente educatrice per la mensa Italiano, storia, geografia, attività opzionali Matematica, scienze, informatica, attività opzionali Inglese veicolare: geografia, musica, motoria, arte Assistente educatrice Italiano, storia, geografia, attività opzionali Matematica, scienze, informatica, attività opzionali Inglese veicolare: geografia, musica, motoria, arte Assistente educatore Italiano, storia, arte e immagine, attività opzionali Matematica, scienze informatica, attività opzionali Inglese veicolare: geografia, musica, motoria, arte Tedesco Italiano, storia, geografia, attività opzionali Matematica, scienze, informatica, attività opzionali Inglese veicolare: geografia, musica, motoria, arte Sostegno Assistente Educatrice Tedesco Italiano, storia, geografia, scienze, attività opzionali Matematica, attività opzionali Inglese veicolare: motoria, musica, arte, geografia Tedesco Mensa Informatica Italiano, storia, geografia, scienze, attività opzionali Matematica, attività opzionali Inglese veicolare: motoria, musica, arte, geografia Mensa Assistente educatrice Assistente educatrice Tedesco Mensa informatica Italiano, storia, geografia, musica, arte, attività opzionali Matematica, scienze, informatica, attività opzionali Sostegno Inglese Motoria Italiano, storia, musica, arte, attività opzionali Matematica, scienze, geografia, informatica, att. opzionali Inglese Motoria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13

SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 SCUOLA DELL INFANZIA RISULTANZE MONITORAGGIO GENITORI A.S. 2012-13 STRUTTURE PULIZIA AMBIENTI 12 10 8 6 4 2 servizio di pulizia efficiente 10 0,0 AMBIENTI ADEGUATI ALLA FUNZIONE 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 AMBIENTI

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano

GO FAR! Comenius Regio Project. La matematica ci fa andare lontano GO FAR! Comenius Regio Project La matematica ci fa andare lontano MA QUALE DISTANZA? IL PARTERNARIATO ITALIANO USR-EMILIA ROMAGNA DS Rosanna Rossi Coordinator Prof. Annalisa Martini Collaborator Dr. Monica

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli