Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario"

Transcript

1 Giuseppe De Matteis Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario di Giuseppe De Matteis Il XIX secolo è considerato uno dei più ricchi e travagliati della storia europea: vide fiorire il Romanticismo, con tutte le sue diverse connotazioni, strettamente legate alle situazioni storico politiche e sociali dei vari Paesi europei. In Italia il Romanticismo assunse una veste diversa e coincise con il Risorgimento, contribuendo con e per esso alla creazione di un Regno Italiano Unito. Questo secolo segnò, infatti, in Italia l atto di nascita della Nazione ad opera di illustri padri fondatori quali Cavour, diplomatico e statista, Garibaldi, il protagonista dell azione; ma il vero ideologo del movimento patriottico fu Giuseppe Mazzini, a cui la storia non ha reso giustizia, perché, costretto all esilio per lungo tempo, è stato, suo malgrado, un protagonista nascosto. Pochi altri italiani sono stati considerati come Mazzini, la personificazione cioè di virtù tipicamente italiane: la generosità, l eroismo, l onestà. Mazzini è stato il personaggio storico italiano più ammirato in Inghilterra, tanto è vero che le migliori biografie dedicate a lui sono state proprio quelle scritte da alcuni noti studiosi britannici: dalle prime, opere di due donne che in vita gli erano state legatissime, Emily Ashurst Venturi e Jessie White Mario; a quelle di Balton King e di Gwillim O. Griffith. In Italia per vari decenni ha dominato, ai danni del Mazzini, un grave pregiudizio ideologico: poco amato dagli storici di area liberal moderata, dopo la seconda guerra mondiale, Mazzini non ha riscosso molta simpatia, neppure tra gli studiosi di formazione marxista, che hanno spesso posto in scarsissimo rilievo il contenuto spiritualistico del credo mazziniano e la sua avversione per il socialismo scientifico. In molti si sono chiesti e si chiedono ancora, specie in occasione di questo secondo centenario della nascita, se gli italiani amano veramente Mazzini. Giuseppe Galasso, ad esempio, in un articolo apparso il 27 febbraio del 2005, Mazzini, chi è costui, sul «Corriere della Sera», ha affermato che l Italia ingrata si dimentica del Mazzini: anche questo bicentenario della nascita appare sottotono ; e, sempre l autorevole storico partenopeo, aggiunge, in un altro articolo apparso sul «Corriere della Sera» (19 ottobre 2005) che in Mazzini si è sempre visto (al contrario del popolarissimo Garibaldi, l uomo d azione, e del Cavour, il grande tessitore della politica italiana, cioè del- 117

2 Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario l unità e del regime di libertà in Italia) qualcosa di severo e di triste; sempre i doveri prima e sopra i diritti, coerenza ed unità di pensiero e di azione, spirito di sacrifico, la vita come impegno morale totale, la solidarietà sociale come valore fondante [ ]. Figurarsi se, col discredito dell idea nazionale dopo il fascismo e, ancora più negli ultimi decenni, si poteva avere un Mazzini più popolare e più amato di prima. Eppure il mazzinianesimo non è mai sparito dalla scena storica. Ha alimentato, dopo la grande spinta al Risorgimento, un movimento riformatore molte volte distintosi per la sua qualità nell Italia Unita. Ha mantenuto viva la fiaccola dell idea della Repubblica, anche quando la vittoria della monarchia fu definitiva e irreversibile. Egli è stato all origine della prima grande stagione italiana del movimento operaio e sindacale, dell associazionismo cooperativo e mutualistico, delle leghe artigiane. Né solo in Italia, perché nel sorgere della Prima Internazionale socialista, nel 1864, fu considerato l antagonista di Marx. Lasciò un nome di apostolo dell indipendenza e della libertà di tutti i popoli [ ] fino all India e all Indonesia. E lo stesso nome ha lasciato negli annali dell idea della democrazia, impostando, tra l altro, il problema arduo ma decisivo dell etica e della solidarietà sociale. Nonostante ciò, è come se gli studiosi fossero andati in senso inverso a quello della fama del personaggio, cioè nell opinione e nella cultura corrente l icona mazziniana perdeva sempre più colore e nettezza [ ]. In tempi, come i nostri, almeno uno dei punti di fondo delle idee mazziniane, cioè l etica della solidarietà sociale, pare conclude il Galasso nell articolo sopra citato si stia avviando a diventare sempre più un caposaldo della discussione e della vita politica e civile; e ciò fa pensare che il nome di Mazzini ha probabilmente più frecce al suo arco di quanto si potrebbe credere ; certo è che quest uomo in Italia è risultato sempre più scomodo; ebbe rilievo piuttosto fuori dal nostro Paese, perché egli comprese bene il valore etico e politico della nazionalità, credette alla fratellanza dei popoli ed auspicò per primo l unione dell Europa. In tutto il programma politico mazziniano è evidente l approccio pedagogico alla questione nazionale: egli fu un grande educatore del popolo, e l educazione resta sempre un elemento indispensabile per dare vita ad una vera nazione. Mazzini fu, insomma, il teorico che diede corso e vigore ad un autentico sentimento patriottico italiano. Fin da giovane scrisse e lesse moltissimo, soprattutto autori francesi, attribuendo alla letteratura la capacità di oltrepassare le frontiere politiche e costruire così una comune coscienza europea. Fu grande lettore ed estimatore di autori come Dante, Foscolo, Byron, nei quali scorse i profeti di un Italia unita e repubblicana, e dunque dimostrò di prediligere scrittori impegnati a portare avanti un messaggio sociale e politico. Di Dante in una lettera Mazzini scrisse: Imprime se stesso, le sue tendenze, le sue aspirazioni nell universo che percorre ; e, sempre a proposito dell Alighieri, aggiunse: Dante spinge alla missione, al dovere dell azione, alla sofferenza, al martirio. 1 1 Giovanna ZAVATTI, Perché e nonostante, Milano, Edizioni Aries, 2000, p

3 Giuseppe De Matteis Fin da giovane si adoperò ad inseguire i suoi nobili ideali: la libertà individuale, l indipendenza dal dominio straniero, il sentimento patriottico. Costretto a trascorrere buona parte della sua vita all estero necessariamente i suoi contatti con l Italia furono prevalentemente di natura epistolare; è, anzi, fu proprio l epistolario mazziniano a costruire la spina dorsale di tutti gli studi più importanti intorno a questo grande uomo. 2 Tutto ciò che Mazzini fece nel corso della sua vita non lo fece né a scopo di lucro, né per cercare ed ottenere il plauso del prossimo o il consenso immediato: egli agì sempre e senza mai stancarsi, spinto solo dal desiderio di far progredire l Umanità. Non si stancò mai di incitare, stimolare chi lo ascoltava, ma cercò anche di rincuorarlo e rassicurarlo. Ciò che più gli importava era agire sulle coscienze e sul pensiero. Solo dopo molti anni (circa trenta) di lotte, di sogni, di speranza lo scopo della sua vita poté realizzarsi, ma egli non mutò e continuò a vivere in povertà. Hamilton King, in proposito, traccia un ritratto dell esule Mazzini molto esauriente, sottolineandone, oltre le qualità fisiche, anche quelle peculiari del suo carattere. La donna descrive Mazzini, incontrato per la prima volta nel 1864, come un uomo di mezza età che sembrava più alto di quanto in realtà non fosse a causa della sua magrezza ed eleganza: i capelli brizzolati e folti, nonostante avesse la fronte alta. Per quanto attiene alle qualità morali, la King giudicava Mazzini un uomo di straordinaria purezza, nel senso di scorgere in lui qualcosa di trascendente. Prima di parlare del soggiorno mazziniano in Inghilterra come esule, credo sia opportuno accennare al pensiero politico e religioso del Mazzini. È risaputo ormai che, alla base del suo pensiero politico, Mazzini pone la religione, una religione tutta sua, che è sentimento morale, forza eterna della politica. La concezione democratica del Mazzini non concepisce le classi, ma il Popolo, categoria molto ampia, che può essere politica, sociale, economica e che deve tendere al miglioramento delle condizioni umane e morali della società. Da qui l attenzione particolare e di grande rilevanza data dal Mazzini all educazione. Egli sostiene che è necessario il ricorso alla rivolta armata, qualora il governo risulti dispotico ed assolutista e respinge la crudeltà punitiva, la pena di morte e il duello: l assassinio è considerato da lui una vera assurdità. Pur accogliendo le istanze di giustizia sociale, che sono alla base del socialismo marxiano, Mazzini rifiuta la lotta di classe e la violenza come mezzo di lotta politica. La nazionalità mazziniana va intesa come nazionalità dei popoli, affratellati da un intento comune. Mazzini non è un nazionalista, ma un patriota, perché il suo patriottismo sottintende il rispetto dei diritti dell umanità. Egli parla e difende l identità nazionale, che prescinde dalla biologia e dalla razza delle popolazioni. Gli elementi costitutivi dell Italia, sempre secondo il suo pensiero, sono la lingua e soprattutto le tradizioni storiche, con un forte senso della comunità; non è concepibile per Mazzini la frantumazione dell Italia in tanti staterelli o aree regionali e provinciali. 2 Michele FINELLI, Il prezioso elemento, Verrocchio, Pazzini, 1999, p

4 Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario Va anche osservato che il Mazzini, al primato della Francia in Europa, oppone sempre l iniziativa italiana. Importante è in lui il concetto di libertà, che non è un fatto materiale ma è un sentimento, una conquista morale, rappresenta cioè il senso della propria dignità e dei propri diritti. Ogni individuo, infatti, ha diritto alla propria libertà, la quale si conquista con la consapevolezza di assolvere ai problemi sociali: diritti e doveri devono convivere e solo in questo senso si contengono gli individualismi egoistici. La vita per Mazzini è una missione e come tale deve essere guidata dalla legge del dovere, cosicché anche l Unità d Italia diventa per lui un vero e proprio dovere religioso. Per quanto concerne l istruzione, essa deve essere obbligatoria e gratuita per tutti. Della religione cristiana il Mazzini apprezza l uguaglianza di tutti gli uomini davanti a Dio; deplora il clero, perché si è allontanato spesso dallo spirito evangelico, simpatizzando per forme deteriori di modernità e perché è allineato con il dispotismo del papato (non a caso egli dimostra grande simpatia per il trattato politico dantesco De Monarchia). Mazzini rispetta, però, le altre fedi religiose: egli è un panteista che vede Dio in ogni cosa; non è né cattolico, né cristiano e persegue solo un obiettivo da raggiungere: il progresso morale dell uomo e dell umanità, auspicando una rivoluzione sociale e politica che vada di pari passo con una rivoluzione religiosa e morale. 3 Va, infine, osservato che il Mazzini, pur di raggiungere il suo obiettivo, cioè l unificazione dell Italia, continuava a propendere per la Repubblica e non guardava con simpatia né alla Monarchia, né al Socialismo, né al Comunismo. La triste esperienza dell esilio mazziniano comincia nel 1831, con la condanna a morte in contumacia, a Marsiglia, dove egli dà vita alla Giovine Italia : legge molti scritti politici contemporanei, soprattutto in lingua francese, e scrive moltissime lettere. Conosce ed ama Giuditta Sidoli, dalla quale relazione si dice fosse nato un figlio, morto ancora bambino. 4 La sua espulsione dalla Francia avverrà nel 1833; si rifugia a Ginevra, dove organizzerà varie spedizioni militari. Nel 1834 lo troviamo a Berna e qui creerà l associazione Giovine Europa, con la quale si auspicava che in futuro le libere nazioni si sarebbero unite per creare una Repubblica Federale Europea. La Giovine Europa non perseguiva un intento pratico, ma morale. Mazzini maturerà bene in Svizzera il suo pensiero e il suo programma politico: a Berna, pur essendo attanagliato da forte malinconia e depressione, si rende conto di aver conquistato una profonda fede religiosa e un senso del proprio dovere e della propria missione; contemporaneamente matureranno nel suo pensiero e si concretizzeranno sia la sua profonda fede religiosa che le sue convinzioni politiche. La Svizzera accoglierà l esule Mazzini dopo il suo lungo soggiorno in Inghilterra, un po prima cioè della morte; in Svizzera, anzi, egli conobbe la grande amica Sara Nadham, un italiana di Livorno che il Mazzini aveva già avuto occasione di conoscere a Londra. 3 G. ZAVATTI, Perché e nonostante..., cit., p Cfr. Salvo MASTELLONE, Mazzini e la Giovine Italia ( ), Pisa, Nistri-Lischi, 1960, vol. II. 120

5 Giuseppe De Matteis Nel 1836, all età di 31 anni, Mazzini fu espulso dalle autorità federali della Svizzera e raggiunse, dopo circa sei mesi di fughe e nascondimenti, l Inghilterra, dove riuscì finalmente a respirare un aria di libertà e serenità. Al primo impatto con la capitale inglese, Mazzini non ebbe buona impressione della città, perché la trovò sporca, umida e appiccicosa; gli inglesi bevevano molto gin, dimostrando d essere schiavi dell alcool. Unico aspetto affascinante della capitale londinese era, agli occhi di Mazzini, la nebbia che gli ricordava i Canti di Ossian. In Inghilterra la vita era più cara delle altre città europee: i sigari, ad esempio, costavano almeno tre volte di più della Svizzera e costosissimi erano anche gli affitti delle case. 5 Mazzini, comunque, sbarcò bene il lunario a Londra, scrivendo articoli (15 circa) sulla società e sulla politica inglese, apparsi su «Le Monde», di Parigi, guadagnando discretamente; continuò, intanto, a lamentarsi delle abitudini inglesi: troppo pratici, dominati dalla filosofia utilitaristica, trascurano i sani principi morali, i doveri, la religione e la morale. Mazzini pose molte attenzioni alla politica estera inglese e criticò l imperialismo inglese in Cina, con la pena di morte; notò con disappunto il grande divario tra ricchi e poveri, ammirando invece la partecipazione popolare alle manifestazioni pubbliche (i comizi, le petizioni, la tolleranza); ma Mazzini apprezzò soprattutto la preparazione politica degli inglesi e la loro pazienza sconfinata, anche se non poche riserve dimostrò di avere per l isolazionismo inglese e per lo scarso interesse degli stessi verso i popoli stranieri. Mazzini ammirava però degli inglesi la libertà di stampa, le loro idee repubblicane e il loro dissenso religioso. Censurava, inoltre, i politici inglesi che si sentivano padroni, mentre era più giusto che si sentissero servitori del popolo, considerando le tristi condizioni di vita dei bassifondi londinesi specie di molti emigrati italiani. Per questo fenomeno di indigenza di grandi masse di persone, Mazzini pensò ad una scuola per emigrati italiani e, come rovescio di medaglia, evidenziò varie altre pecche della vita londinese d allora: le grandi distanze da percorrere da un capo all altro delle città; il clima pessimo e il caos insopportabile che costringevano spesso il Mazzini a restare tappato in casa e a desiderare solo di far ritorno in Svizzera. Tuttavia a Londra il Mazzini ebbe modo di apprezzare alcuni aspetti della città e degli inglesi. Da qui egli ebbe modo di incrementare vari contatti culturali con poeti e scrittori allora famosi non solo in Inghilterra, ma in tutto il mondo: Elisa Fletcher, ad esempio, che presentò il Mazzini al poeta Thomas Campbell, per distoglierlo dal suo isolamento; a questo scopo Campbell procurò al Mazzini uno speciale permesso per studiare nella biblioteca del British Museum, dove Mazzini conobbe l esule Antonio Panizzi, carbonaro, condannato anche lui a morte. Mazzini fu costretto, come si è già osservato, a industriarsi nel modo migliore a Londra, per poter sopravvivere: scriveva articoli e traduzioni. Stuart Mill lo invitò a scrivere qualcosa sulla letteratura italiana contemporanea e Victor Ugo gli chiese un saggio su John Kemble da pubblicare 5 Giuseppe MAZZINI, Epistolario (lettera alla madre del 13/01/1857). 121

6 Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario su «Monthly Cronicle». Nel 1851 Mazzini rientrò in Italia, dopo diciassette anni di assenza. Andò successivamente in Svizzera e da qui a Londra nel 1851, dove restò parecchi anni, comprendendo che solo lì poteva trovare un po di pace, tranquillità e sincerità di rapporti con persone ed intellettuali che lo apprezzavano molto; qui non smise mai di occuparsi delle vicende politiche dell Italia: riorganizzò la rete cospirativa della Giovine Italia e della Giovine Europa, alimentando senza tregua il suo progetto repubblicano. D ora in poi considererà Londra e l Inghilterra tutta la sua seconda patria, perché si sentiva più compreso e al sicuro. Solo nel 1857 egli raggiunse segretamente e per poco tempo l Italia, per poi ritornare a Londra, dove restò fino al 1871, allorché lasciò definitivamente l Inghilterra per l Italia, prima a Genova, poi a Pisa, dove morì nel Bello il ritratto che traccia di lui e della sua casa a Londra, piena di libri e canarini, King Hamilton: egli era confidenzialmente chiamato da lei e da altri amici il Signor Ernest e le sue missive erano così indirizzate, anche se la Polizia sapeva benissimo che si trattava del famoso esule italiano. Fu la frequentazione che egli ebbe, a cominciare dal 1838, con Thomas Carlyle, che spinse il Mazzini, col tempo, a innamorarsi di Londra e a ritrovare il suo buonumore. Mazzini, sollecitato da Carlyle, si trasferì a Chelsea, vicinissimo all amico; pur essendo su posizioni diverse, i due diventarono grandi amici e condivisero insieme la condanna contro l utilitarismo e la dilagante ricerca della felicità individuale. Ogni settimana, il venerdì per la precisione, Mazzini si recava a casa di Carlyle e qui ebbe modo di stringere amicizia anche con la moglie di Thomas, Jane Welsh Carlyle. Io non l amo, mamma confessava Mazzini a sua madre se non come sorella. È, comunque, una donna eccezionale. E, fu proprio grazie a Carlyle che Mazzini riuscì ad allargare i contatti con la società bene di Londra, conoscendo molti scrittori, poeti, e a superare la noia e la malinconia. Conobbe Lady Byron, Dickens e i coniugi Taylor, ricco industriale quest ultimo, radicale e rappresentante della scuola liberale di Manchester. Ma a Londra Mazzini ebbe anche nemici e dovè a Taylor se, spesso, su «Morning Chronicle» fu difeso. Conobbe anche la scrittrice inglese Emily Ashurst, la quale, con un cospicuo gruppo di amici, appoggiò l azione politica del Mazzini sia in Italia che in Inghilterra. In casa Ashurst Mazzini trovò pace, accoglienza ed amicizia sincere e venne definito da essi un angelo. Anche la famiglia Natham soccorse Mazzini in quest ultimo periodo di vita, sia economicamente che moralmente: egli conobbe ancora Harriet Hamilton King, nota poetessa che fece di lui un idolo come poeta, mistico sognatore, profeta, maestro religioso, santo, insomma, un misto di ascetismo, di dolcezza e di forza. Molti furono anche gli scrittori inglesi che si ispirarono al Mazzini: Charles Swinburne, Tennyson e Wordsworth. Mazzini fu molto corteggiato ed amato dalle donne: ebbe grande ammirazione per George Sand, con la quale ebbe una lunga corrispondenza epistolare. Di grande interesse sono anche i rapporti tra Mazzini e la realtà politica inglese del tempo, perché egli esercitò una grossa spinta, col suo credo politico, all evoluzione del liberalismo inglese e al processo di formazione dei leaders radicali e del movimento operaio; Maddison, infatti, leader del New Unionism (anni 80), affermava: 122

7 Giuseppe De Matteis Se dovessi menzionare l autore che [ ] mi ha più influenzato, questi dovrebbe essere Mazzini, specie col suo saggio sui Doveri dell uomo. Egli ha plasmato il mio pensiero politico, economico, religioso, ottenendo la mia più piena approvazione. E, dal dibattito aperto alla Camera dei Comuni, venne fuori una nobile immagine dell esule piemontese: Il Signor Mazzini, tenuto in grande considerazione nel suo paese, è un valente scrittore di idee liberali e un entusiasta della causa della libertà. Da sette anni vive in Inghilterra [ ]. Egli è un uomo di lettere ed il suo intento è quello di diffondere la cultura. 6 E, ancora, il deputato Bowling osservava: Il Signor Mazzini non ha avvicinato nessuna persona [in Inghilterra] senza lasciare la più favorevole impressione della sua intelligenza e della sua insospettata moralità. 7 Nel 1851 giunsero dall Italia al Governo britannico proteste per la permanenza a Londra di Mazzini, elevate dal Papa, dall Austria, dalla Prussia e dalla Russia. Anche Napoleone ne chiese l espulsione, ma intanto sui giornali inglesi continuavano i consensi e gli elogi per Mazzini, considerato da tutti un ospite di riguardo, un rappresentante eletto della popolazione di Roma, uno che prendeva veramente a cuore la causa dell Italia. Tutti, anche chi dissentiva da lui, ne ammirava l integrità, la schiettezza e la perseveranza, anche se la Regina Vittoria e il cardinale Wiseman lo definirono spietato apostolo dell assassinio. Mazzini trovò, comunque, molti appoggi ed aiuti in denaro proprio tra numerosi amici inglesi, che lo ritenevano leale, di forte personalità, cordiale, amabile, affettuoso, gentile, allegro, di buon umore, saggio e di acuta intelligenza. Mazzini sentì la connessione tra etica artistica ed etica sociale, esattamente come i romantici inglesi della prima generazione ( ). Nel Romanticismo inglese, è bene ricordarlo, si fa strada la concezione secondo cui i grandi uomini, i cosiddetti geni, rappresentano una incarnazione del soprannaturale, giungendo ad identificare il tipo più alto di individuo con Colui che aveva un destino, una missione da compiere. A questo proposito Wordsworth, il noto autore di Lirical Ballads, afferma che le sue poesie dovevano essere giudicate sui generis rispetto all intera altra produzione poetica britannica, perché ognuna ha uno scopo degno, in sostanza il didatticismo come missione del poeta. Wordsworth, teorico della pedagogia poetica romantica, si avvicina molto al nostro Mazzini educatore : entrambi si dedicarono ad aiutare il prossimo; ed entrambi, sul piano politico, dichiararono il loro anticlericalismo, il loro ateismo, con frequenti incursioni teiste e panteistiche. Nella seconda metà dell Ottocento, insomma, l Italomania in Inghilterra era giunta al culmine. Byron, ad esempio, dichiarerà, che dell Inghilterra egli ama la penna e la libertà di usarla, ciò che anche Mazzini amava di quell isola; non a caso, infatti, egli celebrò tanto il valore politico della poesia che il valore poetico dell azione; non, dunque, arte per arte, in Mazzini, ma arte per la vita. Da qui scaturisce la vicinanza così naturale del Mazzini con le figure poetiche di Goethe, di Byron, di Dante e di Foscolo. 6 Giuseppe MAZZINI, Scritti, Edizione Nazionale, Imola, Galeati, , vol. XXVI. 7 Andreina BIONDI, Mazzini uomo, Bresso (Mi), Edizioni Tramontana, 1969, p

8 Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario In comune con Byron, ad esempio, Mazzini ha anche la convinzione dell importanza di non aver vissuto invano, vicinissima al concetto oraziano del non omnis moriar. E proprio su Byron e Goethe il Mazzini scrisse un saggio, pubblicato nel 1847 nel noto suo libro Scritti letterari di un italiano vivente. Mazzini è assai grato ai due poeti per avere aiutato la causa della emancipazione intellettuale e per aver risvegliato il sentimento di libertà nella mente degli uomini, combattendo i giudizi aristocratici ed incrementando il sentimento di uguaglianza. E ancora, Mazzini evidenzia quanto sia stretto il rapporto tra il pubblico, il poeta e l importanza del genio, capace di interpretare le aspirazioni dell umanità. C è, dunque, affinità tra Byron e Mazzini: stessa vita grama, stesse tribolazioni e ambasce, s tessa concezione di vita e stessi ideali da perseguire e realizzare; Mazzini, anzi, alla fine del suo saggio citato pocanzi, sente il dovere di esprimere a Goethe la sua profonda stima e gratitudine per aver recepito tanti buoni messaggi dal suo insegnamento e dal suo splendido esempio di vita, anzi di eroicità di vita: egli, genio ed eroe, spentosi per la causa dell indipendenza greca proprio in quel paese. Va anche ricordato che Mazzini, approdato in Inghilterra nel 1837, fu colpito dalle molte pubblicazioni a carattere popolare allora esistenti, dalle biblioteche circolanti (si pubblicavano allora i romanzi a puntate e Dickens raggiungeva la sua piena affermazione come scrittore con il romanzo Oliver Twist). La Scuola di Londra, inaugurata nel 1841, rappresenterà un esempio luminoso dell impegno profuso dal Mazzini nel diffondere la cultura, ma anche la sua ferma convinzione della funzione comunicativa assegnata alla democrazia, un idea felicissima da cui scaturiranno poi le istanze pedagogiche e civili comprese nel noto libro mazziniano dei Doveri dell uomo, del E, a chiusura di questo nostro discorso, non possiamo non ricordare l indefessa attività degli ultimi anni di vita del Mazzini: l Unione degli operai italiani, ad esempio, del 1840, una fondazione ideata con l intento di promuovere la stampa di un giornale e di una scuola per adulti; il primo numero di questo periodico, che uscì nel mese di novembre 1840, era intitolato «L Apostolato popolare» e denunciava all opinione pubblica la condizione di povertà e di disagio della classe operaia del momento; nel secondo numero dello stesso giornale, Mazzini ritornava su questo argomento che gli stava a cuore, affermando che solo il progresso e la democrazia possono permettere l innalzamento del popolo ; nel numero terzo dello stesso giornale, apparso nel novembre 1841, Mazzini annunciava con gioia l apertura della Scuola di Londra. Successivamente nacquero altri due periodici scolastici, «Il Pellegrino» e «L educazione», sempre per iniziativa del Mazzini; e, di lì a poco, a Londra, nel 1847, comparve la Lega Internazionale dei Popoli, un associazione che aveva lo scopo di fornire un esatta rendicontazione, diffondendone i contenuti, delle reali condizioni politiche ed economiche degli altri paesi europei in quel periodo. La lega nacque, dunque, per scopi umanitari, rivolti alla crescita della popolazione: fu fondata per fini di pace, basati sul diritto e garantita dalla giustizia. Mazzini auspicava addirittura, con lungimiranza, la realizzazione di un mercato comune europeo. Nel 1847 Mazzini fondò ancora un Associazione Nazionale e Un fondo Nazionale ; nel 1851, infine, fu ideata e creata sempre da lui l Associazione Amici 124

9 Giuseppe De Matteis dell Italia, con la quale si rivendicava coram populo l unità e l indipendenza dell Italia. Come appendice a questo nostro discorso, crediamo sia opportuno tracciare un breve itinerario del ricco patrimonio epistolare lasciato dal Mazzini: è il modo migliore per potersi avvicinare al suo pensiero. Le lettere sono depositarie di una varietà di argomenti (politica, letteratura, educazione, religione, aspirazioni dell autore, ecc...); una corrispondenza esemplare è quella tra Mazzini e Maria Algoult (quarantasei missive in tutto), l affascinante contessa parigina, reduce dalla tempestosa relazione con Franz Liszt, scrittrice che firmava le sue opere con il nome maschile di Daniel Stern.Ci sono poi, le lettere alla madre, morta nel 1852, la persona certamente più vicina e più cara al Mazzini: tra loro perfetta era la consonanza di affetto, la confidenza, la comprensione. Queste lettere finirono quasi tutte nelle mani della sorella del Mazzini, che amava pochissimo il fratello e che le fece sparire. Un altro importante epistolario è quello tra Mazzini e la famiglia Ashurst, che per Mazzini costituì una seconda famiglia. Anche queste lettere furono sempre distrutte dalla Signora Emily (Madame Venturi). Il quarto gruppo di lettere è quello tra Mazzini e Hamilton King, mentre il quinto gruppo (che vanno dal ) è tra Mazzini e George Sand, scrittrice molto amata e stimata dal Mazzini: entrambi erano ammiratori di Byron. Tutti gli scritti e l Epistolario del Mazzini sono raccolti nell Edizione Nazionale decretata nel 1905 (centenario della nascita del Mazzini). La cura dell Opera omnia fu affidata ad una speciale commissione che curò fino al 1943 i cento volumi dell Edizione Nazionale (Imola, Galeati, ): Scritti letterari, 5 volumi; politici, 30 volumi; Epistolario, 58 volumi; in più: 8 vol. di Appendice e un altro volume ancora che comprende sia scritti letterari che politici. In sostanza, tutto l Epistolario mazziniano comprende: lettere di natura politica, lettere sentimentali e lettere ideologiche. Le Lettere politiche: si veda quella ad Aurelio Saffi, ad esempio, del 29 maggio 1849, dove Mazzini chiede al triumviro Saffi di provvedere ad alcune importanti questioni. Vi sono, poi, lettere che danno testimonianza degli intensi contatti del Mazzini con gli ambienti rivoluzionari polacchi: Marjan Langiewiez, polacco, naturalizzato svizzero, partecipò alla Spedizione dei Mille e, fuggito poi a Londra nel 1864, ebbe lì stretti contatti con il Mazzini. Temi di natura politica sono presenti anche nelle lettere Mazzini Agoult: Mazzini condanna il socialismo e disprezza chi considera l uomo come un animale sì razionale, ma orientato solo alla ricerca del benessere personale; e anche sul comunismo Mazzini esprime idee contrarie in alcune missive indirizzate ai suoi familiari: [i Comunisti] vogliono egli osserva abolire la proprietà, mettere tutto nelle mani del governo, e fare in modo che il governo, dando non so quante ore di lavoro a tutti, distribuisca in natura, cioè non in denaro, il bisognevole a tutti. Questo è pensiero irrealizzabile, assurdo, che distruggerebbe qualsiasi stimolo all attività dell umanità. A Mazzini, in pratica, non interessava un Italia unita politicamente e libera dallo straniero, se essa deve essere un Italia materialistica, schiava di interessi immediati e di una visione riduttiva della vita. Mazzini riversò in queste sue lettere politiche tutta la sua passione, l entusia- 125

10 Giuseppe Mazzini e la cultura inglese: testimonianze dall Epistolario smo, la tenacia per sostenere la causa della libertà della sua patria. Per questo diventò bersaglio della stampa londinese («Times»), che sferrò una serrata critica al suo pensiero e alle sue opere. Le Lettere sentimentali: Mazzini lamenta le sue esigue condizioni economiche come esule a Londra, la vita carissima della città e i disagi degli alloggi. Sono lettere che egli invia prevalentemente ai suoi familiari (dal 1837 al 1843 come si è detto), soprattutto alla madre, dove si lamenta del cattivo clima (pioggia, fango, umidità) di Londra, esprimendo tutta la sua nostalgia per il cielo azzurro dell Italia e della Svizzera; un altro gruppo di lettere sono dirette alla Sand e qui il Mazzini racconta l episodio della morte di Giacomo Ruffini; in un altra bella missiva Mazzini confessa il suo amore per la Sand, manifestando grande sensibilità. Ma, traboccante di confidenze personali e passioni è anche l epistolario tra Mazzini e la contessa Agoult: Mazzini la definisce amica e sorella di Dante e presto diventerà l interlocutrice privilegiata delle conversazioni letterarie e culturali con il Mazzini. In altre lettere alla Agoult tornano i problemi di salute del Mazzini (egli ha dolori allo stomaco che lo intristiscono, facendolo innervosire e impedendogli di scrivere). Le ultime lettere del Mazzini sono piene di malinconia e di rammarico; bella è soprattutto quella del 1871, quando Mazzini sta per abbandonare l Inghilterra. Il terzo ed ultimo gruppo riguardante le Lettere ideologiche tratta del programma pedagogico mazziniano. Mazzini scrive su questo argomento otto articoli, apparsi sul «Giornale del popolo» londinese dal 1846 al giugno Tradotti da Salvo Mastellone, col titolo di G. Mazzini, pensieri sulla democrazia in Europa, rappresentano una sintesi dell idea della democrazia mazziniana, il cui compito è di migliorare la condizione morale dell uomo e consentirgli di comunicare con gli altri suoi simili (è chiarita bene qui la funzione comunicativa assegnata alla democrazia e la necessità di creare un programma pedagogico che non si rivolga alle classi, ma al popolo, in una visione più ampia, più spaziata, più ecumenica). Mazzini intendeva abbattere le barriere o ogni forma di steccato e far diventare uguali tutti, perché ogni ineguaglianza porta con sé egli scriveva una quantità proporzionale di tirannia. In una lettera alla King Mazzini afferma che l azione è lo scopo principale della vita e che la rassegnazione dev essere l ultima spiaggia. Pensiero ed azione coincidono solo in Dio, essere perfetto; ogni pensiero in Lui è creazione, ciò non può accadere con noi uomini, perché siamo esseri imperfetti. Bellissima è anche la missiva inviata alla Fletcher (Londra, aprile 1837, Epistolario). L impegno sociale e morale del Mazzini è ribadito, infine, anche in altre lettere indirizzate alla Agoult. È, però, nella istituzione scolastica italiana di Londra che si concretizzeranno le aspirazioni del Mazzini. E, a tal proposito, si consiglia la lettura delle missive dirette a sua madre e gli ottimi e recenti due volumi del Finelli. 8 8 Il prezioso elemento... cit.; cfr. anche Michele FINELLI, Il monumento di carta, Verrocchio, Pazzini,

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Verona: rifugio del Sommo Poeta

Verona: rifugio del Sommo Poeta Verona: rifugio del Sommo Poeta La nostra fantastica avventura in Veneto incomincia a Verona, importante centro d arte e letteratura italiana. Appena arrivati, dopo un introduzione da parte della guida

Dettagli

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel 64 anniversario della sua proclamazione Fernando Sacco Dirittosuweb.it La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, proclamata dall Assemblea Generale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI VERDI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA SS. TRINITÀ PARROCCHIALE PARITARIA P.E.I. Progetto Educativo d Istituto Via Bernardi, 14-35135 Padova (PD) tel. 049 610071 fax 049 8642207 e-mail: direzione@scuolagesumaria.191.it

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

La Rivoluzione Inglese

La Rivoluzione Inglese Programma di storia A.S. 2014/2015 Classe IV F In corsivo letture, approfondimenti o fotocopie La Rivoluzione Inglese 1. L Inghilterra prima della Rivoluzione - Lo sviluppo di Londra e del commercio -

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE

IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE MEDITAZIONE IL SEMINATORE USCÌ A SEMINARE Nel cuore mi porto anche un altro desiderio: in questa terza tappa del Percorso pastorale ogni famiglia cristiana sia pronta a stare nel mondo per raccontare e

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata

La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata PREMESSA La scuola dell infanzia accoglie i bambini in una fase importante e delicata della propria crescita in termini della costruzione dell identità personale; essa concorre all educazione armonica

Dettagli