Il movimento filantropico nell'inghilterra del XIX secolo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il movimento filantropico nell'inghilterra del XIX secolo."

Transcript

1 VERSO UN SISTEMA DI SICUREZZA SOCIALE Il movimento filantropico nell'inghilterra del XIX secolo. La filantropia e gli albori del case- work. FILANTROPIA: comporta gratificazione per colui o colei che la esercita; si concretizza in un intervento indifferenziato verso chi lo chiede ( elemosina indiscriminata). Nella prima metà del secolo in Inghilterra si hanno fenomeni e movimenti sociali di grande rilievo quali il sorgere di cooperative e scuole di istruzione per adulti, a opera dei cristiano- socialisti, l'esercizio della filantropia da parte delle donne dell'aristocrazia e della borghesia quale strumento, per loro, di emancipazione ( Elisabeth Fry, , Florence Nightingale, , Beatrice Potter, ), lo svilupparsi della filosofia positivista ( Auguste Comte Catechismo della religione positiva, opera nella quale Comte sostituiva l'umanità a Dio), la nascita del movimento politico- sindacale delle Trade Unions, la nascita delle cooperative ( la prima nel 1844 a Rochdale, a opera dei cartisti). Verso la metà del XIX secolo, in Inghilterra operano numerose associazioni caritative, in un intreccio talvolta caotico, un patchwork è stato detto ( cfr. il testo di P.Benvenuti e D.A. Gristina La donna e il servizio sociale Ed. F. Angeli 1998, pag 73/85).. Per mettere ordine al loro interno e coordinare le donazioni dei privati, nel 1869 si costituisce la Society of Organising Charitable Relef and Repressing Mendicity, successivamente trasformata in Charity Organisation Society, la cui azione si protrarrà nel tempo tanto da essere attiva ancora oggi con il nome di Famili Welfare Association. Le Charity Organisation Society ( C.O.S.) si mossero su basi filantropiche, operando per alleviare i disagi ai poveri ma distinguendo, secondo la cultura e l'ideologia dell'epoca, fra i meritevoli di aiuto e gli immeritevoli, coloro cioé che, si riteneva, approfittavano dell'aiuto per restare passivi e vivere da irresponsabili. Le C.O.S. e le operatrici che le animano pongono le basi del CASE- WORK e modellano la figura del nascente social worker ( operatore sociale ) come colui - o forse meglio colei- che deve porre attenzione ai problemi ma anche alle cause individuali di essi e darsi come obbiettivo il rispetto del povero e della sua dignità e che, per meglio adempire il suo compito, ha necessità di tecniche e di formazione. Si avviano allora forme di addestramento per volontari e già nel 1883 le segretarie dei comitati sono pagate per svolgere compiti di istruzione e di supervisione in merito a visite domiciliari, registrazione dei casi e compiti amministrativi. Si prospetta anche una forma di specializzazione nell'intervento sociale con la figura dell'almoner, l'elemosiniere, che da originario distributore di elemosine e da operatore della carità si trasforma in una sorta di assistente sanitario che segue il malato perché tragga vantaggio, il maggior vantaggio possibile, dalle cure mediche. A ricoprire per prima questo ruolo è Mary Stuart, chiamata nel 1895 presso il London Royal Free Hospital di Londra a controllare che non si verifichino abusi nelle cure ospedaliere. Nei fatti, Mary Stuart seppe dare al suo lavoro di elemosiniera più ampi e positivi contenuti al suo lavoro quotidiano, interessandosi ai bisogni socio- famigliari - e non solo sanitari dei suoi assistiti, contribuendo all'avvio del, così diremmo oggi, servizio sociale ospedaliero.

2 E già ancora prima, nel 1879, si erano poste le basi di una forma di intervento che più o meno 50 anni dopo, nel 1933 per l'esattezza, diventerà il PROBATION SERVICE, un servizio reso a coloro che avevano commesso reati di modesta entità e, anziché venire incarcerati, venivano sottoposti a una forma di libertà vigilata e affidati ai membri dell'a Anglican Temperance Society. Tale società, nata per lottare contro l'alcolismo, successivamente ampliò il suo campo di intervento a diverse forme di disagio sociale e di devianza. Ai membri della società i Tribunali affidavano quelle che oggi definiamo indagini sociali e ambientali e la predisposizione di programmi individuali e piani di intervento per il rientro a casa dei carcerati, mansioni su cui successivamente si modellerà la figura del probation officier. Oltre che all'individuo, il lavoro sociale inglese delle origini dedica la sua attenzione e i suoi interventi anche alla dimensione del vivere sociale e dei rapporti con gli altri, ponendo le premesse di future metodologie quali il group- work e il community - work. A questa attenzione per la dimensione sociale del vivere si ispira, nei primi anni del XIX secolo, il movimento dei settlements, insediamenti abitativi di persone della borghesia (spesso giovani studenti universitari ) nei quartieri poveri di Londra o di altre città industriali ( Glasgow, Liverpool), con lo scopo di creare rapporti di convivenza e buon vicinato fra i vari strati della popolazione mediante attività di alfabetizzazione, di studio, di gruppo etc. Il primo settlement ( denominato Toynbee Hall e situato nell' East End di Londra), fu fondato dal parroco C.Barnett nel 1884 con l'intenzione di creare un ponte fra ricchi e poveri, studenti e operai, per imparare gli uni dagli altri. L'esperienza o meglio l'esperimento suscitò molte critiche ma anche un vasto successo; la sua eco rimbalzò fin negli Stati Uniti dove nel 1889 a Chicago Jane Addams ( sociologa americana, prima donna a ricevere nel 1931 il Nobel per la pace, figura importante nella storia del servizio sociale come vedremo più avanti) dopo aver visitato Toynbee Hall fonda la Hull House. Nel movimento dei settlements spicca altresì, in qualità di promotrice, la figura della filantropa e operatrice delle C.O.S. Octavia Hill ( ) che molto si impegnò per il miglioramento delle abitazioni delle classi povere, sostenendo che non ci si può occupare delle persone e delle loro case separatamente. Manifestando di possedere un notevole spirito imprenditoriale, con l'aiuto di donazioni di benefattori acquistò case in rovina, le fece riparare e le diede in affitto alle famiglie povere, coniugando l'aiuto ai singoli, di cui cercava di promuovere l'autonomia, con quel che oggi definiremmo lavoro di comunità. Alle C.O.S. e alle loro modalità operative si fanno risalire le origini metodologiche dell'intervento professionale, in particolare del case- work, la prima tecnica di lavoro sociale che si sia data un impianto teorico nella storia della professione grazie a una delle figure fondamentali della storia del servizio sociale americano ( ma forse anche di tutto il servizio sociale ) vale a dire Mary Richmond che in materia pubblicò due testi: The social diagnosis nel 1917 e What is social case- work? nel In questo secondo testo Mary Rchmond dimostrò di aver raccolto, sotto stimolo della nascente psicoanalisi, l'importanza delle motivazioni psicologiche accanto a quelle razionali della volontà e individuò lo scopo del case- work nello sviluppo della personalità e il metodo del case- work nello insieme dei procedimenti che sviluppano la personalità attraverso un adattamento realizzato coscientemente, individuo per individuo, tra gli uomini e il loro ambiente sociale. Dunque, il 1869 nella storia del servizio sociale va evidenziato come l'anno di nascita delle C.O.S., avviate dal reverendo Henry Solly. Si trattò di uffici preposti al coordinamento delle attività di assistenza pubblica e privata. Uno dei principali esponenti, come già detto sopra, è stata Octavia Hill.

3 Il sistema assistenziale promosso dalle C.O.S., sorto per contrastare la filantropia indiscriminata che elargiva a chiunque con l'effetto paradosso di dar luogo a sprechi e incentivare il pauperismo, prevedeva uffici al cui interno lavorava un operatore (agent) di distretto stipendiato dalla C.O.S. e operatori volontari benestanti. Siamo agli albori del servizio sociale, perché dall'attività delle C.O.S. ha avuto empiricamente origine il metodo del case- work (teorizzato all'inizio del '900 da Mary Richmond in America e da Alice Salomon in Germania), modello di intervento sociale basato sul principio della individualizzazione degli interventi unitamente alla mobilitazione delle risorse individuali e caratterizzato da: formazione degli operatori metodo di lavoro articolato in indagine preventiva all'erogazione di sussidi,discussione del caso in commissione, colloquio, visita domiciliare. In sintesi, il tipo di assistenza ritenuto idoneo- secondo le C.O.S.- alla fine dell'iter conoscitivo doveva avere i seguenti requisiti e obbiettivi: essere prestato su base individuale essere attribuito su base personale essere temporaneo avere finalità correttive. Agli inizi del XX secolo in Inghilterra quasi contemporaneamente alla nascita della prima scuola di Sociologia ( 1903) la formazione professionale dei social workers comincia a cercare collocazione all'interno delle strutture universitarie: nel 1904 è l'università di Liverpool che apre il primo Dipartimento di Scienze sociali, nel 1908 sarà la volta della università di Birmingham. Infine nel 1912 la Scuola di sociologia di Londra viene incorporata dalla London School of Economics e si trasforma in Dipartimento universitario di Scienze sociali e amministrative. A questi esperimenti si affiancano le attività formative di organismi privati collegati con le C.O.S., che rilasciano attestati riconosciuti.. Dunque già intorno al 1914 la differenziazione tra servizio sociale e la carità che l'aveva generato può dirsi compiuta. xxxxxxxxxxxxxxxxxx Bibliografia: per saperne di più sulla nascita e l'importanza delle C.O.S. vedasi il testo di Bruno Bortoli Teoria e storia del Servizio Sociale pagg. 77/78. e il testo di P.Benvenuti e D.A. Gristina La donna e il servizio sociale Ed.F.Angeli 1998 pagg. 73/85. L EUROPA DEL XX SECOLO: la nascita del WELFARE STATE Antecedente: il modello bismarckiano.

4 Alla fine del 1800 il Primo Ministro tedesco Ottone di BISMARCK, nel solco della tradizione liberale, introduce le assicurazioni obbligatorie contro i maggiori rischi di povertà ( povertà materiale), come, per esempio, le assicurazioni su malattia (1883), gli infortuni sul lavoro (1884) e la vecchiaia ( 1889). Con l'invenzione del moderno principio assicurativo nasce un tipo di WELFARE ( detto modello bismarckiano) decisamente diverso da quello paternalistico precedente ( e qual era per esempio ancora quello inglese) rappresentato dallo Stato assoluto illuminato del 1700/1800 che perseguiva fini di sorveglianza e di sicurezza sociale mediante un'assistenza selettiva agli indigenti. Tanto premesso, a riprova che nulla nasce dal nulla, l'impianto dei sistemi moderni di Welfare si fa risalire alle idee innovatrici di Lord Beveridge nell'inghilterra del secondo dopoguerra del XX secolo. Il sistema attuale di Welfare nasce dall'incontro fra la tradizione liberale ( a cui si rifacevano Lord Beveridge e i laburisti inglesi) e la tradizione socialista. Lord Beveridge, assertore del modello interventista di Welfare, affermava che lo Stato deve garantire una soglia minima di sicurezza ( safety net) a tutti i cittadini sulla base di una loro attiva ed effettiva occupazione. In altri termini, in sintonia con il pensiero liberale, sosteneva che lo Stato dovesse garantire uno standard di vita come diritto sociale inerente alla semplice cittadinanza posseduta dal cittadino lavoratore. L'obbiettivo di questo modello di Welfare era sconfiggere la povertà materiale e lo strumento fondamentale per raggiungere questo obbiettivo era rappresentato da un sistema di assicurazioni sociali integrate da una serie di interventi statali, quali: - l'istituzione di un servizio sanitario nazionale per tutti ( che in Inghilterra è stato istituito nel N.B. In Italia è stato istituito nel 1978, cioé 30 anni dopo); - l'attribuzione universalizzata di assegni famigliari; - una politica che garantisse la piena occupazione; - assistenza sociale come forma residuale e solo per coloro che non fossero in grado di usufruire del sistema assicurativo. La fine di questo modello in Inghilterra è stata decretata dal Primo Ministro Margaret Tatcher (anni '80) e negli U.S.A. dal Presidente Ronald Reagan. La tradizione socialista ( propria dei Paesi socialdemocratici scandinavi), a differenza del modello inglese, insisteva maggiormente sul principio di eguaglianza fra i cittadini, sicché il modello interventista scandinavo fa leva sul principio della redistribuzione del reddito e delle pari opportunità ( per tutti). IN SINTESI: Modello residuale ( Stati Uniti, Paesi dell'europa continentale e meridionale, Italia compresa, Inghilterra): è il modello di assistenza sociale secondo cui lo Stato interviene ex- post dove e quando i servizi messi in atto dal mercato o dalle reti naturali di solidarietà non sono in grado di far fronte ai bisogni.

5 Modello istituzionale- redistributivo ( Paesi del Nord Europa):é il modello che offre assistenza sociale sulla base del puro bisogno del cittadino come tale; il modello, inizialmente rivolto a tutti i cittadini,, conosce attualmente la tendenza a recedere da politiche sociali di tipo universalistico. Xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Bibliografia di riferimento: Per saperne di più consulta il testo di Pierpaolo Donati ( cura di) Lo Stato sociale in Italia. Bilanci e prospettive Ed. Mondadori, Milano E inoltre consulta la voce WELFARE STATE a cura di Fiorenzo Girotti in Dizionario di Servizio Sociale Ed. Carocci Faber, Roma XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale

Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale Percorso storico-culturale della professione di Assistente Sociale L assistenza verso i poveri ed i bisognosi è stata storicamente gestita dagli istituti ecclesiastici e dalle organizzazioni caritatevoli

Dettagli

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare. Scienza delle finanze lezione 8

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare. Scienza delle finanze lezione 8 Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare Scienza delle finanze lezione 8 DEFINIZIONE DI WELFARE STATE Il Welfare State è un insieme di istituti, principalmente di natura pubblica, sorti

Dettagli

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare DEFINIZIONE DI WELFARE STATE Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare Il Welfare State è un insieme di istituti, principalmente di natura pubblica, sorti nel corso della formazione del

Dettagli

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen

Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen Cap. 3 - le utopie del sec. XIX - Robert Owen In questa terza lezione si incominciano a studiare le grandi utopie del XIX sec. Nate per dare risposta alle disfunzioni della citta industriale. Partiamo

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

American Social Work: la passione di una professione

American Social Work: la passione di una professione American Social Work: la passione di una professione Casework sociale e Settlement: Richmond vs Addams Lo sapevate che... Jane Addams vinse il Premio Nobel per la Pace; Jeannette Rankin fu la prima donna

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente Regolamento ha come oggetto l istituzione, nel territorio

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Il welfare state moderno è un invenzione europea. I diversi sistemi di welfare hanno origine alla fine del XIX secolo, e si sviluppano alla fine del

Il welfare state moderno è un invenzione europea. I diversi sistemi di welfare hanno origine alla fine del XIX secolo, e si sviluppano alla fine del Il welfare state moderno è un invenzione europea. I diversi sistemi di welfare hanno origine alla fine del XIX secolo, e si sviluppano alla fine del XX secolo a seguito dei problemi sociali sollevati dall

Dettagli

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva I Bando 2015 Fondazione della Provincia di Lecco 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO Studi demografici dimostrano che la longevità nel nostro paese aumenta

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

Elaborato di Silvia Smiraglia Arianna Sacchetto

Elaborato di Silvia Smiraglia Arianna Sacchetto Elaborato di Silvia Smiraglia Arianna Sacchetto 1 pullulare di iniziative filantropiche nei grandi centri urbani inglesi (scuole popolari, ospedali, case per prostitute redenti ecc.) 1861: compaiono 640

Dettagli

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare

Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna Progetto di legge regionale della consigliera Paola Marani: Norme per il riconoscimento ed il sostegno del caregiver familiare 1 Relazione Il caregiver familiare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura

Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura IL Presentazione a cura di Merelli Giulia e Peracchi Laura Che cos è il modello Beveridge? Il 20 Novembre del 1942, nel pieno della seconda guerra mondiale, in Inghilterra venne data alle stampe una proposta

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Partecipi e solidali voce 4 SETTORE e Area di Intervento: Assistenza Anziani 01 Disabili 06 voce 5 OBIETTIVI DEL PROGETTO voce7 Obiettivi

Dettagli

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo

Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Attualità e storia della mutualità. L esempio della SNMS Cesare Pozzo Stefano Maggi Docente di Storia contemporanea Università di Siena Presidente Fondazione Cesare Pozzo per la mutualità Le mani intrecciate,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RAISI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 639 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RAISI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i pazienti terminali Presentata

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MELANDRI. Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3891 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MELANDRI Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali Presentata il 23 novembre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2742 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GALLETTI, CASINI, CESA, VOLONTÈ, BOSI, CAPITANIO SANTO- LINI, CAZZOLA, CERA, CICCANTI, COMPAGNON,

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

60 anni di Costituzione. La Costituzione e il principio di solidarietà

60 anni di Costituzione. La Costituzione e il principio di solidarietà 60 anni di Costituzione La Costituzione e il principio di solidarietà Costituzione della Repubblica Italiana E la legge fondamentale e fondativa dello Stato italiano. All art. 2 stabilisce che La Repubblica

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO

EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO EMERGENZA LAVORO E MICROCREDITO il LAVORO: la più grande emergenza del nostro tempo!!! Parte 2, Allegati PROGETTO DISTRETTUALE 2060 A.R. 2014-2015, 2015-2016, 2016-2017 Allegati 1. Il microcredito nel

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO COTTOLENGHINO ONLUS STATUTO

ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO COTTOLENGHINO ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARIATO COTTOLENGHINO ONLUS STATUTO Articolo 1 1.1. E costituita in Torino, Via Cottolengo 14, l Associazione di Volontariato, senza scopo di lucro, denominata Associazione Volontariato

Dettagli

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione

Il servizio civile nella regione Piemonte Primi elementi a supporto dell avvio di una valutazione Nota informativa n. 5 Febbraio 2015 Direzione Processo legislativo Unità organizzativa Qualità della normazione e valutazione delle politiche A cura di Fabrizio d Alonzo e Andrea Stroscio Il servizio civile

Dettagli

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia

CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA. Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia CON-DIVIDERE PER MOLTIPLICARE FAMIGLIE E STILI DI VITA Forum Regionale delle Associazioni Familiari della Lombardia Obiettivi della serata Presentazione del contesto in cui si inserisce il percorso «Famiglie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

Paolo Ferrario, mapperser.com; www.segnalo.it MATERIALI DIDATTICI SCHEDE SU ALCUNE DEFINIZIONI DI WELFARE STATE

Paolo Ferrario, mapperser.com; www.segnalo.it MATERIALI DIDATTICI SCHEDE SU ALCUNE DEFINIZIONI DI WELFARE STATE SCHEDE SU ALCUNE DEFINIZIONI DI WELFARE STATE VARIABILI DESCRITTIVE dei SISTEMI DI WELFARE POPOLAZIONE RELIGIONE, CHIESE, SECOLARIZZAZIONE MODERNIZZAZIONE INDUSTRIALIZZAZIONE SISTEMI POLITICI SOGGETTI

Dettagli

12 Famiglie affidatarie

12 Famiglie affidatarie INTRODUZIONE Con questo volume avviamo la collana di studi e ricerche Essere, crescere volontari, dalla casa editrice La Scuola messa a disposizione dell Osservatorio sul Volontariato, nato da una concordanza

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Guida al fundraising con le fondazioni. grant making americane. international-funding.org

Guida al fundraising con le fondazioni. grant making americane. international-funding.org Guida al fundraising con le fondazioni grant making americane international-funding.org 601 International House 223 Regent Street London W1B 2QD U.K. info@international-funding.org Tel. +44 (0)7920 582

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTA (Deliberazione G.R. 39/9 del 26.09.2013) Programma 2013 Integrazione Direttive Giunta Comunale

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI

QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI QUESTIONARIO RIVOLTO ALLE ASSOCIAZIONI DEI MIGRANTI codice intervista: Sezione A) DATI RELATIVI ALL ASSOCIAZIONE E A CHI RISPONDE AL QUESTIONARIO.A00 Denominazione Associazione Nome e Cognome Numero di

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

Dal 1861. Confederazione generale del lavoro. 1891 Rerum Novarum 1894 API 1898 assicurazione degli infortuni sul lavoro a carico del imprenditore

Dal 1861. Confederazione generale del lavoro. 1891 Rerum Novarum 1894 API 1898 assicurazione degli infortuni sul lavoro a carico del imprenditore Dal 1861. Alla fine dell 800, con lo sviluppo dell industria, la nascente classe operaia era costretta a vivere nell assenza totale delle più elementari norme di tutela. Cattive condizioni igieniche e

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI.

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PROVINCIALE UN ANNO PER ES.SER.CI. Denominazione Ente: Fondazione famiglia materna Indirizzo: via Saibanti 6 Recapito telefonico: 0464435200 Referente per i contatti con i giovani:

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese

Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info. Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Ma i poveri studiano con i soldi dei poveri La Voce.info Andrea Ichino e Daniele Terlizzese Nel giudicare l equità del trasferimento di risorse implicito nel finanziamento pubblico degli atenei va considerato

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi

CURRICULUM VITAE. Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) Da settembre 2005 a tutt oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo NOEMI MONTANI Via dell Olio 18-00060 Formello (RM) E-mail noemi.montani@virgilio.it Nazionalità Italiana di nascita 10 novembre 1960 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Università degli Studi-Azienda Ospedaliera di Verona Servizio di Prevenzione e Protezione Dott Claudio Soave RSPP Dr Claudio Soave 1 APPROCCIO METODOLOGICO Individuare

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679

Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma -------------------------------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 1 Associazione di volontariato Ain Karim Via Galla Placidia 63 00159 Roma ----------- Tel. 0643533523 Fax 0643568679 Oltre l affido L Associazione Ain Karim opera ormai da circa sette anni a sostegno di

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI

DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena DOCUMENTO DELLE POLITICHE AZIENDALI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 25 agosto 2010 Pag. 1 di 5 1. Denominazione, sede e

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

Wamba e Athena Onlus Chi siamo

Wamba e Athena Onlus Chi siamo SMArt S.ervizio M.ultidisciplinare di A.ccoglienza R.adicato nel T.erritorio Per migliorare l assistenza ai pazienti affetti da Atrofia Muscolare Spinale (SMA) Wamba e Athena Onlus Chi siamo Nata nel 2004,

Dettagli

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi

Fondazione Lions per il Lavoro. Presentazione e obiettivi Fondazione Lions per il Lavoro Presentazione e obiettivi Iniziativa a sostegno del service nazionale Help 2014 / 2015 LA FONDAZIONE : La Fondazione Lions per il lavoro Italia Onlus, con sede legale in

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

INTRODUZIONE... 3. Premessa... 3. La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4. l. Centralità del bambino...

INTRODUZIONE... 3. Premessa... 3. La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4. l. Centralità del bambino... Sommario INTRODUZIONE... 3 Premessa... 3 La missione di Kids Kicking Cancer Italia Onlus... 3 I PRINCIPI GUIDA... 4 l. Centralità del bambino... 4 2. Spirito di servizio e collaborazione... 4 3. Rispetto

Dettagli

SERVIZIO SOCIALE CONTROLLO CONTROLLO SOCIALE. a cura di Giovanni Cellini

SERVIZIO SOCIALE CONTROLLO CONTROLLO SOCIALE. a cura di Giovanni Cellini SERVIZIO SOCIALE CONTROLLO CONTROLLO SOCIALE a cura di Giovanni Cellini Controllo e servizio sociale: dimensione METODOLOGICA Nella letteratura di servizio sociale è universalmente condiviso che la funzione

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà. Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi operativa Quadro strategico dell IFAD 2011-2015 1 Il quarto Quadro strategico del Fondo regioni, di insicurezza alimentare

Dettagli

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE

MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE MEDIATORE/MEDIATRICE INTERCULTURALE IL PROFILO PROFESSIONALE Saltatori di muri.la convivenza offre e richiede molte possibilità di conoscenza reciproca. Affinché possa svolgersi con pari dignità e senza

Dettagli

Mobilità internazionale dei ricercatori e brain Drain: : analisi e risultati

Mobilità internazionale dei ricercatori e brain Drain: : analisi e risultati Consiglio Nazionale delle Ricerche Mobilità internazionale dei ricercatori e brain Drain: : analisi e risultati M. Carolina Brandi IRPPS-CNR Roma c.brandi@irpps.cnr.it La Direzione Generale Ricerca (DGR)

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 23 Presentata dai consiglieri Zorzini, Fontanelli, Petris

Dettagli

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità All.B3 R.A/LAB REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI Regolamento Centri Laboratori per la Comunità Art. 1 Definizione I centri laboratori si propongono

Dettagli

Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale. Laboratorio di formazione per assistenti sociali. Brescia 2012

Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale. Laboratorio di formazione per assistenti sociali. Brescia 2012 Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale Laboratorio di formazione per assistenti sociali Brescia 2012 Siamo veramente autonomi nell'esercizio della professione? Cos è l autonomia

Dettagli

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati Le giornate della salute per VIVERE MEGLIO A MILANO La carta dei diritti dei cittadini malati Milano, Sala Alessi - Palazzo Marino 19 maggio 2012, 9.00-12.30 Walter Locatelli Direttore Generale ASL Milano

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Lo stato sociale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Motivazioni Fallimenti informativi e ruolo dei due teoremi dell economia del benessere

Dettagli

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Modelli e regimi di welfare Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Storicamente i sistemi di Welfare State si sono caratterizzati

Dettagli

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio

ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio 1 ASSISTENTI FAMILIARI STRANIERE PER UN NUOVO WELFARE MUNICIPALE F. La Russa,F. Caccia, T. Barberio Distretto Sanitario n.2 ( Cz Lido) Presentazione La Calabria negli ultimi anni ha visto progressivamente

Dettagli

Regolamento comunale per la valorizzazione delle attivita agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione della De.Co. (denominazione comunale)

Regolamento comunale per la valorizzazione delle attivita agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione della De.Co. (denominazione comunale) Città di Novi Ligure Regolamento comunale per la valorizzazione delle attivita agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione della De.Co. (denominazione comunale) Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017 Il presente Piano ha durata triennale e si sviluppa in obiettivi suddivisi a loro volta in azioni positive. PREMESSE Il Decreto

Dettagli

ASSOCIAZIONE VOLONTARI OSPEDALIERI

ASSOCIAZIONE VOLONTARI OSPEDALIERI ASSOCIAZIONE VOLONTARI OSPEDALIERI FONDATA A MILANO NEL 1975 DAL PROF. ERMINIO LONGHINI, PRIMARIO DI CHIRURGIA D URGENZA PRESSO L OSPEDALE DI SESTO SAN GIOVANNI SI E BEN PRESTO ESTESA A TUTTO IL TERRITORIO

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE

LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE LAUREA IN SCIENZE DEL SERVIZIO SOCIALE Università degli Studi di Verona Palazzo ex-giorgi di via Filippini 18, Verona www.univr.it www. formazione.univr.it/fol/main 1. La nostra lunga storia: tradizione

Dettagli

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE Di ENRICO COPPOTELLI PROGETTO DI COORDINAMENTO DENOMINATO: COORDINAMENTO CISL GIOVANI. MOTIVAZIONE: Parlando della CISL di Frosinone si parla inequivocabilmente

Dettagli

PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE

PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE FRIULI VENEZIA GIULIA O.N.L.U.S. - PROGETTO DI AUTONOMIA ABITATIVA CASA AL SOLE La Fondazione Down Friuli Venezia Giulia O.N.L.U.S. gestisce, in collaborazione con l AAS 5 Friuli Occidentale, il progetto

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili SETTORE e Area di Intervento: Assistenza - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli