Tradurre l'illuminismo.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tradurre l'illuminismo."

Transcript

1 Università Ca Foscari di Venezia Dottorato di ricerca in Storia sociale europea dal Medioevo all età contemporanea (XXV ciclo) Tutor professor Mario Infelise Dottoranda Alessia Castagnino progetto di ricerca: Le traduzioni italiane dei classici dell'illuminismo scozzese ( ) Tradurre l'illuminismo. Il contributo di Pietro Antoniutti tra Settecento ed Ottocento Premessa Uno degli strumenti grazie ai quali le idee e le riflessioni degli Illuministi si diffusero in Europa furono le traduzioni, «un complesso laboratorio concettuale in cui significati ed obiettivi dell'autore subiscono, attraverso l'opera del traduttore, variazioni e modificazioni importanti, producendo risultati che costituiscono una documentazione di singolare interesse per lo studio della circolazione delle idee in età moderna» 1. Tema tradizionalmente vincolato ad approcci socio-linguistici e di letterature comparate, solo a partire dagli anni Ottanta del Novecento, le traduzioni hanno iniziato a richiamare l'attenzione degli storici, ed in particolar modo degli studiosi di storia delle idee e di storia culturale, che ne hanno colto le potenzialità come fonti per la comprensione dei transfert culturali 2. La ricerca che sto conducendo si colloca in questo filone ed ha come interesse prevalente quello di verificare, 1 Girolamo Imbruglia, Rolando Minuti, Luisa Simonutti (a cura di), Traduzioni e circolazioni delle idee nella cultura europea tra '500 e '700, Napoli, Bibliopolis, 2007, p Per una rassegna esauriente del dibattito storiografico sviluppatosi negli ultimi decenni sul problema della traduzione, si veda il saggio di Federica Mazzara, Studi sulla traduzione, pubblicato nel Dizionario degli Studi Culturali di Michele Cometa, a cura di Roberta Coglitore e Federica Mazzara, Roma, Maltemi, 2004, consultabile in una versione breve anche all'indirizzo internet Per quanto concerne il concetto di transfert culturale rimangono fondamentali gli studi di Michel Espagne e Michel Werner (M.Espagne, Les transferts culturels franco-allemands, Paris, PUF, 1999); si vedano anche i contributi raccolti in Peter Burke e Ronnie Po-chia Hsia (eds), Cultural Translation in Early Modern Europe, Cambridge, Cambridge University Press, 2007 e P.Burke, Translating Knowledge, Translating Cultures, in Michael North (ed), Kultureller Austausch in der Frühen Neuzeit, Köln-Weimar-Wien, Böhlau,

2 attraverso l'analisi di alcuni casi specifici, quanto e come le traduzioni abbiano contribuito, nella penisola italiana tra XVIII e XIX secolo, alla conoscenza dei concetti e dei temi maturati all'interno di quella straordinaria esperienza intellettuale nota come Illuminismo scozzese. Le histories di William Robertson, i saggi filosofici e storici di David Hume, i contributi sociologici di Adam Ferguson e gli scritti economico-politici di Adam Smith non solo vennero letti nelle versioni francesi - e in alcuni casi anche in originale - ma, secondo motivazioni e modalità diverse, vennero offerti ad un pubblico sempre più vasto «volgarizzati in italiano idioma». Negli ultimi decenni del Settecento e nei primi dell'ottocento videro la luce più di settanta tra prime edizioni, ristampe, nuove versioni di testi già tradotti, distribuite non omogeneamente secondo una geografia editoriale che aveva come centri principali Venezia, Napoli, la Toscana e, nel secolo successivo, Milano e Torino. Realtà politiche, economiche, sociali e culturali diverse, che riflettevano le loro peculiarità anche nelle scelte e nei processi traduttivi e che consentono l'adozione di una prospettiva d'indagine che, coniugando storia del libro e dell'editoria e storia intellettuale, permetta di valutare la traduzione nella sua complessità, come risultato di un processo di negoziazione tra culture. Una negoziazione linguistica, intellettuale e culturale tra un contesto di partenza, connotato da proprie caratteristiche, e uno d'arrivo, in cui, secondo esigenze specifiche e progettualità più o meno studiate e consapevoli, si devono adattare non solo i vocaboli, ma gli stessi concetti, ed in cui un ruolo di importanza non secondaria è svolto da editori, stampatori e, soprattutto, traduttori, che con il loro lavoro diedero un contributo alla trasmissione di una determinata immagine dell'illuminismo scozzese 3. Ed è attraverso la ricostruzione dell'attività di uno di questi ultimi, il prete friulano Pietro Antoniutti, mediatore della cultura britannica nel Veneto - con un progetto intellettuale selettivo negli autori di riferimento e ragionato nel loro adattamento - che verranno approfonditi alcuni nodi problematici della ricerca, dalla selezione delle fonti alla metodologia impiegata per il loro esame critico, anche attraverso l'esempio pratico dell'analisi dell'edizione italiana della History of England di David Hume. 3 Non si vuole ovviamente attribuire ad ogni caso la stessa importanza, sostenendo l'esistenza di un progetto complessivo di recezione dell'illuminismo scozzese in Italia. Esistevano molteplici ragioni, intellettuali, ma soprattutto economico-commerciali, nella scelta di proporre determinati testi e traduzioni. Fondamentale, a mio avviso, diventa perciò lo studio di ogni singola edizione, senza scinderla dal contesto di produzione e dalla strategia editoriale. 2

3 Un eroico traduttore e la sua recezione della cultura inglese Nel 1974, recensendo la traduzione che Pasquale Salvucci aveva eseguito dell'essay on the History of the Civil Society di Adam Ferguson 4, Eugenio Garin aveva voluto richiamare l'attenzione sul poco conosciuto prete friulano Pietro Antoniutti, un «eroico traduttore» 5, che si distinse tra i suoi contemporanei per una sorprendente conoscenza della lingua e della cultura inglese, messa al servizio di un prolifico lavoro di traduzione di testi. Un'abilità riconosciutagli soprattutto nella scelta di cosa volgarizzare, ma non supportata, secondo alcuni commentatori successivi, da un'adeguata resa stilistica delle sue versioni 6. Pietro Antoniutti nacque il 16 novembre 1732 a San Daniele del Friuli e compì gli studi nel collegio gesuitico di Gorizia, dove ebbe modo di dedicarsi alle lingue classiche e moderne. Dopo essere diventato sacerdote, si trasferì a Venezia e successivamente a Vienna 7. Fu in quel periodo che, come ricorda egli stesso, iniziò ad occuparsi del mondo inglese, attraverso la History of Great Britain di David Hume, un interesse che ebbe modo di approfondire nel soggiorno a Costantinopoli, dove si recò come cappellano e confessore di Gianantonio Ruzzini, bailo presso la Sublime Porta tra il 1764 e il L'esperienza fu determinante nella sua maturazione e nella sua competenza della lingua d'oltremanica, dal momento che ebbe la possibilità di frequentare il circolo intellettuale orbitante attorno all'inviato della corona britannica John Murray, con il quale decise di rimanere, al termine dell'incarico del Ruzzini. Fece ritorno in Venezia poco dopo, con Lord Edward Wortley Montagu e si dedicò per alcuni anni, con alterne fortune, all'attività di precettore dei figli del conte di 4 Eugenio Garin, Ferguson in Italia, in «Rivista critica di storia della filosofia», XXIX (1974), pp Definendo Antoniutti un eroico traduttore Garin si richiamava all'espressione usata da Giulio Natali nel saggio sui letterati veneti apparso nel volume Il Settecento da lui curato per la Storia della letteratura, Milano, Vallardi, 1962 (ed. or. 1929), p L'interesse dello storico della filosofia non si esaurì nella recensione, nella quale affermava anche di voler ritornare in seguito sull'argomento, ma ebbe un'appendice nel suggerimento dato ad Attilio Zadro affinché dedicasse uno studio al letterato. Si veda a questo proposito A.Zadro, Pietro Antoniutti e la consapevolezza storica nelle Venezie fra il XVIII e il XIX secolo, in «Giornale critico della filosofia italiana», LXIX (1988), pp , che rimane, a mia conoscenza, l'unico saggio critico dedicato all'antoniutti. 5 «Era tempo che un'opera di tanto significato, e di tanta incidenza storica, rientrasse in circolazione in Italia. E dico rientrasse perché esisteva già una traduzione italiana completa, e non soverchiamente malvagia del Saggio [...] Il volume si dovette alla instancabile attività di Pietro Antoniutti, eroico traduttore - come lo chiama il Natali - che dal 1781 al 1810 voltò in italiano un numero spaventoso d'opere inglesi, di storia e di filosofia» (E.Garin, Ferguson, cit., p. 96). 6 Critiche negative, che in un certo qual senso hanno influenzato gli studi sulla sua attività letteraria ancora nel Novecento, gli vennero rivolte da Girolamo Dandolo, che nel paragrafo a lui dedicato nello studio sulla caduta della repubblica di Venezia (Girolamo Dandolo, La caduta della Repubblica di Venezia ed i suoi ultimi cinquant'anni, Venezia, Pietro Naratovich tipografo editore, 1855, pp ) scrisse che «tutto il tempo non richiesto dall'esercizio de' suoi doveri fu da lui impiegato nel recare dall'inglese all'italiana favella molte eccellenti opere; ma quanto lodevole ne fu la scelta, altrettanto infelice dee dirsene l'esecuzione» (p. 213). 7 Per una breve nota biografica sull'antoniutti si veda la voce curata da Mario D'Angelo in Cesare Scalon, Claudio Griggio e Ugo Rozzo (a cura di), Nuovo Liruti: dizionario biografico dei friulani, Udine, Forum, 2009, vol II L'età veneta, pp Di fondamentale importanza per la bibliografia dei suoi scritti rimangono Gianantonio Moschini, Necrologia di Pietro Antoniutti, in «Giornale sulle scienze e lettere delle Provincie Venete», 1827 e Luigi Narducci, Notizie biografiche del sac. Pietro Antoniutti, Udine, Tipografia del Patronato,

4 Valvasone, finché nel 1789 ottenne l'incarico di cappellano del doge Ludovico Manin e successivamente, il 23 luglio 1793, la nomina a parroco di San Giacomo a Rialto, dove rimase fino alla morte avvenuta nel La sua attività letteraria ebbe una prima concretizzazione nel 1781, quando ad Udine, presso i tipografi Gallici, videro la luce i due tomi delle Riflessioni sopra la elevazione e dicadenza delle antiche repubbliche [...] tradotte dall'originale inglese 8 del Montagu; il nome del traduttore non veniva esplicitamente indicato, ma il riferimento al rapporto d'amicizia con il lord, citato nell'introduzione, e successivi richiami all'impresa in altre opere dell'antoniutti suggeriscono che ne fosse lui l'autore. D'altronde i temi affrontati nel saggio rientravano a pieno titolo nel campo di interessi del prete friulano, attento soprattutto all'evoluzione politico-istituzionale di Venezia e degli stati europei ed in modo speciale del mondo anglosassone. Non è un caso che ricercasse modelli d'analisi storica e filosofica nei contributi di Lord Lyttleton, William Coxe, David Hartley o John Harris, o che tentasse di approfondire lo sviluppo della società inglese così come era venuta formandosi in rapporto alle vicende storiche: l'inghilterra del Settecento per lui rappresentava un punto d'arrivo importante sia sul piano della riflessione religiosa, sia su quello concreto dell'azione politica. E per comprendere fino in fondo il suo contributo come mediatore e traduttore della Scozia dei Lumi, non si può, a mio avviso, prescindere da questa constatazione. La centralità dell'esperienza britannica era così evidente che anche l'edizione delle Riflessioni di Edmund Burke diventava un'occasione per presentare all'ambiente veneziano le posizioni più avanzate della pubblicistica radicale democratica 9. La traduzione -tra l'altro pubblicata contemporaneamente anche da Giovanni Gatti sulla base, però, della versione francese- non era che un pretesto per «offrire ai suoi lettori una documentazione diretta ed obiettiva del grande dibattito sulla costituzione inglese provocato dall'incalzare degli avvenimenti parigini» 10, a tal punto che la Francia e la Rivoluzione erano trattate «quasi accidentalmente» 11. La strategia adottata era stata quella di intervenire direttamente aggiungendo all'opuscolo di partenza gli scritti di Richard Price, Catherine Macaulay Graham e Joseph Towers, per far emergere delle tesi utili anche per il «dolce e libero governo di Venezia», a cui faceva riferimento nell'avvertimento, immediatamente dopo la dedica alla memoria di Girolamo Giustiniani. Scorrendo anche sommariamente la produzione del letterato, si potrebbero rinvenire tantissimi altri 8 Edward Wortley Montagu, Riflessioni sopra la elevazione e dicadenza delle antiche repubbliche adattate al presente stato della Gran Bretagna del Cavalier Odoardo Montagù, tradotte dall'originale inglese, Udine, Gallici, Tre lettere apologetiche di Mrs Macaulay Graham, di Mr Touers, e del Dr Price contra le «Riflessioni» di Mr Edmund Burke, sopra la Rivoluzione di Francia con un breve compendio delle stesse; il tutto volgarizzato dagli originali Inglesi da Pietro Antoniutti, Venezia, Tosi, Roberto Zapperi, Burke in Italia, in «Cahiers Vilfredo Pareto», VI (1965), p Idem, p. 9. 4

5 esempi del suo progetto di trasmissione della cultura inglese nella realtà veneta, orientato anche dalle vicende storiche contingenti 12. Particolarmente rilevante ai fini della mia ricerca è, ovviamente, il fatto che si fosse cimentato con la traduzione di tre fra i più importanti contributi dell'illuminismo scozzese - circostanza unica se si esclude l'operazione di Giuseppe Maria Galanti 13 - inserendo ciascuno di essi nella sua prospettiva e offrendone delle versioni che meriteranno, in sede di stesura della tesi, di essere dettagliatamente analizzate. Su due di esse, la Storia di Scozia di William Robertson e il già ricordato Saggio circa la storia di civile società di Adam Ferguson 14 mi soffermerò molto brevemente, mentre la terza, l'istoria d'inghilterra di David Hume, sarà oggetto di un esame più accurato nella parte conclusiva della relazione. Sarebbe a dir poco azzardato sostenere che l'antoniutti avesse ben chiare le peculiarità della società scozzese rispetto a quella inglese, ma ciò che risulta evidente è che avesse consapevolezza del ruolo che la Scozia di inizio Settecento aveva avuto nel ridisegnare rapporti di forza all'interno delle isole britanniche, con ripercussioni sulla situazione generale dell'europa. Questo era uno dei temi fondamentali della History of Scotland, un'opera storiograficamente concepita per saldare i legami tra Londra ed Edimburgo, dimostrandone la valenza strategica anche a quegli intellettuali che avevano accolto con ostilità l'atto di Unione del Il traduttore friulano aveva voluto proporla in polemica con l'editore senese Francesco Rossi, che nel 1778 ne aveva dato una versione mutilata 15. Mancava, infatti, l'appendice, costituita da lettere e documentazione inedita su Maria Stuart, aggiunta dallo storico proprio in stretta connessione al suo progetto di una storia che potesse essere utile ed allo stesso tempo sorretta da solide fonti che tutti avrebbero potuto leggere. Era questa, assieme all'atteggiamento usato nel trattare delicati argomenti religiosi, la parte più originale che aveva consentito a Robertson di «allontanarsi dai precedenti scrittori, collocando le azioni in un 12 Mi sembra rilevante, anche se devo ancora approfondire la questione, che nel tradurre i saggi filosofici e linguistici di Harris, nel 1797, si soffermi con insistenza nella consueta premessa, sul concetto di nazione, di libertà e di linguaggio come elemento unitario. 13 Giuseppe Maria Galanti nel 1782 aveva compiuto un'interessante operazione editoriale scegliendo di integrare la sua pubblicazione della Storia filosofica e politica delle nazioni antiche e moderne del Millot (Napoli, Stamperia della Società letteraria e tipografica, ) con supplementi tratti da Chastellux, Adam Ferguson, William Robertson e David Hume, in cui veniva affrontato il tema dell'organizzazione feudale. 14 William Robertson, Storia di Scozia durando i regni di Maria e di Giacomo VI scritta dal dottor Guglielmo Robertson, e dall'originale Inglese recata nell'italiano idioma da Pietro Antoniutti, Londra [Venezia] per A. Millar e T. Cadell [Giovanni Gatti] 1784, un'edizione che presentò alcuni problemi iniziali per le concessioni di stampa, come rilevato da Gianfranco Tarabuzzi, Le traduzioni italiane settecentesche delle opere di William Robertson, in Rivista Storica Italiana, XCI (1979), pp (in particolare sulla vicenda pp ); Adam Ferguson, Saggio circa la storia di civile società di Adamo Ferguson ll. d. professore di filosofia morale nella Università di Edinburgo. Volgarizzamento di Pietro Antoniutti, Venezia, Santini, Storia di Scozia sotto i regni di Maria Stuarda e di Giacomo VI, sino all'avvenimento di questo Principe alla Corona di Inghilterra, con un Compendio della Storia di Scozia ne' tempi che hanno preceduto queste epoche, del Sig. Guglielmo Robertson Dottore-Ministro di Lady Yester a Edimburgo, dall'originale Inglese, s. l. [Siena], s. e. [Francesco Rossi],

6 differente punto di vista filosofico» 16 ed era perciò impensabile ometterla 17. La traduzione, nel 1807, del Saggio di Ferguson era stata un'impresa di tutt'altro genere, dettata dal desiderio di comprendere meglio «la natura della specie umana», proseguendo un'analisi cominciata occupandosi del saggio sui selvaggi di Franklin e delle riflessioni di Whiston sugli aborigeni. L'unica versione italiana esistente era stata realizzata per Turra da Tommaso Cerato, avvocato vicentino 18, che si era servito, però, come era usuale all'epoca, della traduzione francese. Mi limiterò ad alcune concise osservazioni stilistiche, quali emergono dalla lettura simultanea delle due edizioni. Va detto, innanzitutto, che le accuse di poca conoscenza dell'italiano idioma, che ricordavo in apertura, potevano trovare la loro fondatezza per quanto riguardava il volgarizzamento di autori dalla prosa lineare e piana, come era Hume, ma non erano convincenti in questo caso: lo stile dell'antoniutti, articolato e pieno di lunghi periodi, si prestava bene per rendere giustizia al Ferguson, il meno puro, linguisticamente parlando, degli Illuministi scozzesi, a causa della sua nascita nelle Highlands. Cerato segue fedelmente la struttura francese, italianizza i nomi nelle citazioni bibliografiche e non si mostra quasi mai innovativo nelle scelte, rimanendo pedissequamente ancorato al testo; l'eroico traduttore dà prova, invece, di maggior rielaborazione, suggerendo soluzioni ragionate per termini di difficile interpretazione linguistica e concettuale come polished e policy, tradotti con ingentilito e politica, o civilization, che diventa civilizzazione (e coltura in Cerato) e rinunciando ad improbabili calchi quando il lemma non era presente in Italiano 19. Dal punto di vista generale, erano presenti i consueti commenti e riferimenti interni ad altre opere precedentemente tradotte. Interessante notare come citasse, in almeno due occasioni, un testo che non ebbe un'eco consistente in Italia, l'essay towards a General History of Feudal Property in Great Britain di John Dalrymple 20, in cui veniva indagato il problema dell'organizzazione feudale come elemento di diversità tra Scozia ed Inghilterra. 16 Avvertimento del volgarizzatore, p. IV. 17 Si veda a questo proposito il commento apparso su Progressi dello spirito umano nelle scienze e nelle arti o sia Giornale letterario che contiene estratti [ ], s. l. [Venezia], s. e. [Antonio Graziosi], tomo XI (1784), per l'uscita della traduzione dell'antoniutti: «Ma l'ab.antoniutti ch'è uom dotto, [ ] sa che una traduzione mutilata non può più dirsi traduzione se non per impostura libraria» (p. 196). 18 Saggio sopra la storia delle società civile di Adamo Ferguson professore di filosofia morale nella Università di Edinburgo, opera tradotta dall'inglese dal sig. Bergier ed ora dal francese in italiano da Tommaso Cerato avvocato vicentino, Vicenza, Turra, Ad esempio Antoniutti sceglie di lasciare Raideer, aggiungendo una breve nota esplicativa, un animale simile al cervo ; Cerato aveva invece proposto rangifero. 20 John Darlymple, An Essay towards a General History of Feudal Property in Great Britain, printed for A. Millar, in the Strand, London, Lo stesso autore è citato dall'antoniutti nella sua Introduzione alla Storia di Scozia e nella sua traduzione di Hume, in una nota che non compare in nessun'altra edizione italiana, né nell'originale. 6

7 L'Istoria di Inghilterra di David Hume La decisione di approfondire le vicende legate alla pubblicazione della History of England è dovuta al fatto che essa rappresenta un discreto terreno di prova per mettere in evidenza questioni generali di carattere metodologico ed interpretativo 21. Se è vero che la History of England poteva essere letta nelle versioni francesi, e soprattutto in quella stampata ad Amsterdam dal 1763 al 1766, tuttavia la sua prima traduzione venne accolta con grande entusiasmo nelle gazzette letterarie ottocentesche. «La Storia d'inghilterra di Hume meritava bene di essere tradotta in italiano, ed oggetto era quasi di stupore il vedere che da noi non se ne avesse alcuna versione. A questo voto ha creduto opportuno di riparare lo stampatore veneto Picotti, e non può dubitarsi che gli eruditi italiani gliene sapranno buon grado» 22. L'edizione così benevolmente salutata dalle pagine della Biblioteca italiana era quella commissionata dal veneto Picotti a Spiridione Castelli, noto letterato milanese 23 che però, nonostante le premesse, non fu all'altezza dell'incarico. Il suo lavoro fu interrotto, infatti, dopo il primo volume perché, come si legge nell'avviso dell'editore, il pubblico di colti lettori chiamati a dare un giudizio non ne aveva «aggradito il metodo della traduzione». Questa era la questione principale attorno a cui ruotava la lunga recensione che venne pubblicata su Lo Spettatore straniero 24. In essa, con un metodo di attenta comparazione filologica tra l'originale e due versioni italiane, l'una dell'estensore dell'articolo, l'altra del Castelli, venivano messi in risalto gli errori di quest'ultimo, giacché «se non è gran vanto il serbarsi fedele in tradurre uno storico così facile e piano come Hume, di maggior biasimo riuscir dee l'alterare o travisarne i concetti» 25. Il commento era lapidario: parole usate in modo inappropriato, utilizzo di termini obsoleti, costruzione complessa dei periodi che non rispecchiava la nobile semplicità, ovvero una serie di tradimenti al precetto cardine che «colui che imprende a tradurre un autore non dee restringersi a voltare in altra lingua i concetti, ma deve ben anche conservarne il genio o, come si dice, il carattere» 26. Il tema centrale su cui vertevano i 21 Sulla pubblicazione della History si vedano i contributi di Gianfranco Tarabuzzi, Echi settecenteschi della storiografia inglese, in «Archivio Storico Italiano», CXXXVIII (1980), pp , di Marialuisa Baldi, David Hume nel Settecento italiano: filosofia ed economia, Firenze, La Nuova Italia, 1983 e di Emilio Mazza, Translations of Hume's Works in Italy, in Peter Jones, The Reception of David Hume in Europe, New York, Thoemmes Continuum, «Biblioteca Italiana o sia Giornale di letteratura, scienze ed arti compilato da vari letterati», Milano, Tomo XI (1818), pp Della Storia d'inghilterra di David Hume versione dall'inglese di Spiridione Castelli, Venezia, Picotti, 1818, tomo I. Si vedano le considerazioni di Gianluca Albergoni, I mestieri delle lettere tra istituzioni e mercato: vivere e scrivere a Milano nella prima meta dell'ottocento, Milano, Franco Angeli, pp «Lo Spettatore straniero, ovvero mescolanze di viaggi, di statistica, di storia, di politica, di letteratura, di belle arti e di filosofia», stampato in Milano presso gli Editori A.F.Stella e Comp., Tomo XI (1818), pp Ibidem, pp Ibidem, p

8 commenti era, dunque, l'individuazione delle caratteristiche che doveva avere un testo per essere reputato una buona traduzione e, secondo tali parametri, il lavoro del Castelli non fu ritenuto accettabile. Datane l'importanza, l'impresa non venne comunque abbandonata e, in sostituzione, venne chiamato il parmense Michele Leoni, già volgarizzatore di Shakespeare, un personaggio che, nella mia tesi, meriterà un approfondimento ulteriore. Molto versato sia nell'inglese che nell'italiano, compose una quanto mai garbata Istoria in dodici tomi, usciti tra il 1819 e il 1826, accompagnati da una lunga premessa sul metodo adottato 27. Dopo aver puntualizzato che non si era «fatto lecito di manomettere un lavoro di tanta eccellenza col mescolarvi eterogenei elementi, che forse ne avrebbero sfigurata la filosofica e politica sembianza», entrava poi nel dettaglio delle idee humeane in materia di religione, sostenendo che non dovessero essere alterate da nessun intervento. L'edizione, dato il suo pregio, sarebbe finita solo tra le mani di leggitori capaci di comprenderne la matrice protestante, e mai sarebbe giunta «sott'occhio di gente del tutto idiota, che non sappia discernere l'abuso dal dogma» 28. Una dichiarazione di intenti rispettosi del testo originale che richiamava perfettamente quella del collega friulano, la cui pubblicazione della Storia d'inghilterra presso Parolari 29 ebbe, però, una storia «travagliatissima» 30 a causa della censura ecclesiastica, che ne permise la stampa solo a seguito dell'inserimento di un corposo corredo di note. L'Antoniutti, dal canto suo, si era sempre dimostrato cauto nel presentare autori che con le loro interpretazioni avessero potuto urtare violentemente la sensibilità cattolica 31, ma non aveva mai accettato la manipolazione diretta del testo, nascosta al lettore nell'adattamento dei termini o nell'omissione di frasi e di interi paragrafi. Un'attenzione per l'originale che, come nel caso della Storia di Scozia, era rivolto all'intera struttura del volume, appendici ed apparati documentari compresi. In questa occasione era stato compiuto un lavoro ancora più accurato per restituire un'integrità iniziale, che non era stata mantenuta neanche nelle edizioni inglesi successive alla prima. La History 32 aveva avuto un processo di composizione molto particolare e nelle ristampe non solo erano stati riorganizzati cronologicamente i volumi - Hume era partito dagli Stuarts ed era giunto ai secoli medievali - ma erano stati risistemati alcuni 27 Istoria d'inghilterra di David Hume recata in italiano da Michele Leoni, Venezia, Picotti, Avviso del traduttore, pp Ibidem, p Istoria dell'inghilterra di David Hume dalla invasione di Giulio Cesare sino alla rivoluzione Volgarizzata dall'abate Pietro Antoniutti, Venezia, Parolari, Antoniutti fu l'unico traduttore a riportare correttamente il titolo integrale. 30 Giampietro Berti, Censura e circolazione delle idee nel Veneto della Restaurazione, Deputazione Editrice, Venezia 1989, p Nel caso di testi controversi, aveva adottato la precauzione di inserire brevi note nei passaggi più delicati in cui venivano attaccati la tradizione e l'ordine sociale e religioso. Ne è esempio l'intervento sul già citato pamphlet di Richard Price, annotato e addirittura compendiato in alcuni punti. 32 The History of England from the Invasion of Julius Caesar to the Revolution in 1688, printed for A. Millar, in the Strand, London, I primi due volumi uscirono col titolo di The History of Great Britain, printed by Hamilton, Balfour and Neill, Edinburgh,

9 paragrafi, uno dei quali fu completamente omesso. È Antoniutti stesso che ricostruisce questa storia editoriale, sia nell'introduzione che fece per la sua traduzione, stampata nel 1816 da Santini in Venezia, sia nelle pagine della premessa vera e propria. «Il trasportare il Carattere de' Puritani dal quinto al quarto tomo e l'omettere il Carattere dei Cattolici in tutte le edizioni posteriori alla prima non sono già le alterazioni contemplate da Mr Hume, essendo alterazioni degli Editori inglesi [ ]», ma, proseguiva, «in questa italiana edizione il tutto è riposto a suo luogo» 33. Il prete friulano aveva iniziato ad appassionarsi al filosofo negli anni viennesi, quando gli fu possibile consultare una copia dell'originale conservata nella Biblioteca Imperiale, ma solo nel 1818 raggiunse lo scopo di stamparne una versione italiana, che per altro si arrestava al tomo IV su Elisabetta. Un'interruzione indipendente dalla volontà del traduttore 34, che, come dimostrano frequenti citazioni tratte dai capitoli mancanti, aveva lavorato su tutto il testo. Fu determinata dai censori 35, che, per concedere l'autorizzazione alla stampa dei primi quattro volumi, imposero l'aggiunta di note, firmate dall'editore. Esse andarono a concentrarsi soprattutto nel I e III tomo, in corrispondenza di passi critici sull'atteggiamento di re e Chiesa nell'età medievale, sulla diffusione dei monasteri o sulle figure di Lutero, Leone X e Thomas More. All'«ingiusto ed imparziale» Hume, colpevole di «alterare la verità, purché la Chiesa Romana sia di neri colori offuscata» 36, venivano contrapposti, tra gli altri, gli scritti del gesuita Alfonso Muzzarelli, che sarebbero stati utili «onde togliere ogni sinistra impressione alle franche asserzioni di cotanto storico» 37. Lo studio delle note da solo non è, ovviamente, sufficiente e va integrato con un esame puntuale ed integrale dei testi e, a questo proposito, può essere utile entrare più nel dettaglio delle edizioni di Antoniutti e Leoni 38. Dal punto di vista della struttura, in entrambe compaiono, in apertura, la Vita di David Hume scritta da lui medesimo e la Lettera di Adam Smith a Guglielmo Strahan. Il Friulano, però, non aveva riportato integralmente la lettera e, soprattutto, aveva scelto di inserire una serie di riflessioni a piè di pagina sul modo in cui lo scozzese affrontava le questioni religiose 39. L'edizione Picotti presenta, 33 Introduzione di Pietro Antoniutti, Venezia, Santini, 1816, p Interessante notare un'affermazione diretta dell'antoniutti, che riteneva una possibile causa del poderoso intervento della censura «l'esservi citato F. Paolo», le cui tesi erano già state da lui difese in un breve scritto del 1813 (Osservazioni di Pietro Antoniutti sopra la Storia Arcana di F. Paolo ed il paragrafo del Bossuet omesso nella veneta edizione e la Storia di Persenio, Tipografia Santini, Venezia, 1813). 35 La History sarà iscritta all'indice il 10 settembre 1827, con grande ed esplicito rammarico di Antonio Clerichetti, modesto traduttore lombardo, che nel periodo se ne stava occupando per l'editore Bettoni e «si ritenne danneggiato e utilizzò la questione come pretesto per ottenere un aumento della pensione da funzionario». L'episodio è ricordato da Albergoni, I mestieri delle lettere, cit., p Istoria dell'inghilterra, trad. Antoniutti, Tomo I, p Ibidem, Tomo III, p Ho scelto di proporre alcune riflessioni emerse dal confronto tra la traduzione di Antoniutti e quella di Leoni, lasciando da parte quella più tarda del citato Antonio Clerichetti, Storia d'inghilterra di David Hume, traduzione dall'originale inglese di Antonio Clerichetti, Milano e poi Capolago, Bettoni e Tipografia Elvetica, La Lettera era già comparsa in appendice ad un altro suo lavoro, la traduzione di William Adams, Saggio in risposta 9

10 invece, un interessante ultimo volume, comprendente i capitoli sulla restaurazione degli Stuarts fino alla gloriosa rivoluzione. In esso venne pubblicato, preceduto da un avviso del tipografo, «un salutare antidoto», «uno squarcio» 40 tratto dalla Storia della Riforma Protestante di William Cobbett, inserito per mettere in guardia i lettori dalla malafede dello Hume, anche perché non si erano ritenute sufficienti le rassicurazioni iniziali del traduttore. Proseguendo con una lettura comparativa, appaiono evidenti alcune differenze stilistiche. Antoniutti, sebbene ecceda a volte con una costruzione sintattica un po' troppo elaborata, si dimostra il più fedele possibile al significato del testo originale, cercando di riprodurre le sfumature terminologiche (sceglie liberi pensatori per freethinkers, mentre Leoni aveva optato per un generico spiriti forti ). Ciò nonostante, si concede alcune libertà aggiungendo singoli aggettivi o avverbi per rafforzare un concetto. Vediamo alcuni esempi concreti. Nel capitolo I, Hume si sofferma sull'azione riformatrice di Gregorio VII e afferma che: «the controversy between the Pagans and the Christians was not entirely cooled in that age; and not pontiff, before Gregory had ever carried to greater excess an intemperate zeal against the former religion» 41. Queste le versioni italiane: «la dissenzione fra i Pagani e i Cristiani non era affatto sopita; né alcun Pontefice, prima di Gregorio, portò tant'oltre il suo zelo contro la precedente falsa religione». (ANTONIUTTI, Tomo I, p.40) «la controversia fra i Gentili e i Cristiani non era ancora raffreddata del tutto; e niun Pontefice, innanzi a Gregorio, avea spinto tant'oltre uno zelo intemperante contro la vecchia religione». (LEONI, Tomo I, pp.74-75) Come si può notare, mentre Leoni ricalca l'originale (es. cooled diventa raffreddata ), Antoniutti ribadisce, con l'aggettivo falsa, la tesi che Hume stava sostenendo sulla matrice di certe manifestazioni religiose. Altro caso è l'epiteto dato ad Offa, che in originale è chiamato semplicemente prince, ma in Antoniutti diventa barbaro principe ; nel capitolo dedicato alle crociate, invece, esse vengono definite un capriccio, un lemma che non ha riscontro nelle altre versioni e venne criticato in una nota («pare che la parola capriccio sia inavvertitamente caduta di a Mr Hume circa i miracoli di Guglielmo Adams, anno Domini 1751, Venezia, Santini, Istoria dell'inghilterra, trad. Leoni, Tomo XII, pp. I-VIII. 41 The History of England, Tomo I, p

11 penna» 42 ). Dal canto suo Leoni, contravvenendo alle promesse di rispetto assoluto del testo fatte nel suo Avvertimento, interviene modificandolo in alcuni punti. Si trovano, ad esempio, vere e proprie omissioni di periodi, come nel Tomo I, quando, all'interno di un brano sull'uso delle immagini sacre fatto dai Sassoni, viene tralasciata un'intera frase (presente nell'altro caso, «in que'tempi una tale divozione raccomandassi ad Offa da Carlo Magno, quantunque sembri non essere stata ricevuta senza ostacolo dalla Chiesa d'inghilterra» 43 ). Oppure, durante la descrizione della vicenda di Thomas Becket, la mente del popolo non viene definita, come nell'originale, in preda alla superstizione («the influence of supestition over the minds of the people» 44 tradotto dall'antoniutti «popolo sempre più fanatico» 45 ). Alterazioni più o meno significative che, comunque, modificavano il messaggio, attenuandolo in un caso, potenziandolo nell'altro. Il discorso sull'edizione dell'istoria d'inghilterra non può esaurirsi, ovviamente, in queste poche righe, ma ciò che mi premeva era illustrare per sommi capi il metodo di analisi dei testi e suggerire alcune parziali riflessioni su come l'opera di Hume venne presentata dai primi due traduttori. Conclusione Pietro Antoniutti fu solamente uno dei tanti letterati che si occuparono di testi cardine del pensiero illuministico scozzese, ma la sua vicenda, per quanto eccezionale - e assolutamente non paradigmatica dell'operato dei traduttori tra Settecento ed Ottocento - mi ha consentito di mettere in evidenza, con un esempio concreto, alcuni aspetti della mia ricerca. Quello che, nel corso di queste pagine, ho definito un progetto selettivo e ragionato, sostenuto da una impareggiabile dimestichezza con la lingua inglese, si articolò in una accurata riproposizione dei contributi più innovativi che provenivano dall'inghilterra, sia in campo storiografico che filosofico, e anche l'immagine della Scozia dei Lumi che trasmise con le sue traduzioni deve essere collocata all'interno di questa prospettiva. Attento lettore di Hume e Robertson, seppe cogliere alcune delle loro innovazioni ai paradigmi della storiografia del XVIII secolo, come la sua funzione civile, la necessità di un'interpretazione filosofica dei fatti e, non ultimo, il diritto dello storico di affrontare, con rigore e senza preconcetti, anche temi delicati della sfera religiosa. Un terreno sul quale si mosse sempre in modo molto cauto, cercando, nell'equilibrio globale delle sue traduzioni, uno strumento per consentirne la pubblicazione senza divieti da parte dei censori, così che ogni 42 Istoria dell'inghilterra, trad. Antoniutti, Tomo I, p Istoria dell'inghilterra, trad. Antoniutti, Tomo I, p The History of England, Tomo I, p Istoria dell'inghilterra, trad. Antoniutti, Tomo I, p

12 messaggio ritenuto importante potesse avere una circolazione. La fitta rete di rimandi e citazioni da un'opera all'altra permetteva poi al lettore di costruirsi una biblioteca di quanto di meglio ed utile offrisse il dibattito intellettuale di quegli anni, con la speranza che alcune idee potessero avere un risvolto pratico anche in area veneta. Allo stato attuale delle mie conoscenze mi pare di poter affermare che la sua volontà di incidere concretamente nell'azione politica e nelle discussioni del suo ambiente fosse, però, rimasta senza risultati tangibili. Il nome di Pietro Antoniutti venne polemicamente alla ribalta solamente per la difesa che fece di Paolo Sarpi, unico caso in cui aveva messo da parte quella moderazione nell'esposizione delle tesi, che probabilmente gli derivava dalle sue letture scozzesi. 12

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea

Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Come scrivere la tesi (e tesina) di laurea Mirco Fasolo, Elisa Silvia Colombo, Federica Durante COME SCRIVERE LA TESI (E TESINA) DI LAUREA Una guida alla stesura degli elaborati scientifici www.booksprintedizioni.it

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

TERZO PERCORSO I "PRODOTTI" DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO:

TERZO PERCORSO I PRODOTTI DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO: TERZO PERCORSO I "PRODOTTI" DELLA TIPOGRAFIA E IL NUOVO PUBBLICO: a) EDITORIA E SCUOLA ovvero: con le prime edizioni annotate di classici greci e latini per il Liceo e l'università nasce l'editoria scolastica

Dettagli

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO

LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO LUCA CLUN LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Come Attuare il Cambiamento Attraverso la PNQ e il Modellamento della Realtà 2 Titolo LA FISICA DEL CAMBIAMENTO Autore Luca Clun Editore Bruno Editore Sito internet

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate);

originale; i mutamenti della struttura prosodica; le indicazioni di scena e le descrizioni paratestuali; i componimenti in versi (sonetti e ballate); Introduzione Questo lavoro rappresenta un tentativo di ricostruzione sistematica della storia della ricezione di Molière nei territori di lingua e in quelli di prevalente cultura tedesca nel XVII e XVIII

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE CLASSICHE PREMESSA

LINGUE E LETTERATURE CLASSICHE PREMESSA LINGUE E LETTERATURE CLASSICHE PREMESSA Lo studio della lingua greca e latina è una condizione necessaria per un reale e significativo incontro con il mondo classico, che non può prescindere dai testi

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA

ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA Università degli Studi di Urbino Carlo Bo DIPARTIMENTO DI STUDI INTERNAZIONALI (DISTI) SCUOLA DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE ProgettoFuori Corso TESI DI LAUREA Cos èla tesi di laurea? Alla fine del

Dettagli

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7

ANECDOTA VENETA. Studi di storia culturale e religiosa veneziana. Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA Studi di storia culturale e religiosa veneziana Collana della Biblioteca della Fondazione Studium Generale Marcianum - 7 ANECDOTA VENETA COMITATO SCIENTIFICO: Edoardo Barbieri, direttore

Dettagli

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP

Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP Percezione della sicurezza sul lavoro in Toscana: il caso dei lavoratori immigrati nel settore agro-boschivo - ANOLF/CISL FOCUS GROUP PRESENTAZIONE DEL PROGETTO La CISL ha organizzato questo incontro perché

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice:

Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: SCHEDA DI RILEVAZIONE SULLE RIVISTE DI SOCIOLOGIA ITALIANE Nome della rivista: Nome del direttore: Nome/i del/i condirettori: Indirizzo del sito web: Eventuale casa editrice: Componenti il comitato di

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

Guida all uso della Banca Dati

Guida all uso della Banca Dati Guida all uso della Banca Dati Introduzione Questa guida dell utente intende presentare il contenuto del database sulle traduzioni economiche incluse nel portale del progetto EE-T, nonché a fornire alcuni

Dettagli

Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto

Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto Esame di professione per esperta in sviluppo immobiliare / esperto in sviluppo immobiliare Guida alla stesura del lavoro di progetto Basata sulle istruzioni per lo svolgimento dell'esame di professione

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO LA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La Lettera di Accompagnamento (al curriculum vitae) è uno strumento importante nella ricerca del lavoro, e rappresenta una modalità per entrare

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV

I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV I dati per le biblioteche dalla ricerca IPSOS e da PMV Presentazione di Antonio Zanon (Consorzio Biblioteche Padovane Associate) Biblioteca di Abano Terme Sala Consultazione 5 marzo 2009 Scopo della presentazione

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Competenze Abilità Conoscenze Tempi

Competenze Abilità Conoscenze Tempi DIPARTIMENTO DI INGLESE PRIMO BIENNIO Primo anno COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI Utilizza gli strumenti espressivi per gestire l interazione comunicativa per i principali scopi di uso quotidiano. - comprende

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

La vita quotidiana durante la guerra

La vita quotidiana durante la guerra La vita quotidiana durante la guerra 1936: il discorso di Giuseppe Motta Ascoltiamo il discorso pronunciato da Giuseppe Motta, allora Consigliere federale, e quindi leggiamo il testo qui sotto riportato

Dettagli

55820/2014 ----------------

55820/2014 ---------------- 55820/2014 Data: 06 settembre 2014 Dove arriva la Bibbia? di Ilvo Diamanti 06 settembre 2014 Dalla ricerca «Gli italiani e la Bibbia» che viene presentata stasera al Festival letteratura di Mantova un

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

CAPITOLO 4. Dati e statistiche. Per avere una conoscenza più approfondita della biblioteca comunale di

CAPITOLO 4. Dati e statistiche. Per avere una conoscenza più approfondita della biblioteca comunale di CAPITOLO 4 Dati e statistiche Per avere una conoscenza più approfondita della biblioteca comunale di Soriano nel Cimino, in questa parte della trattazione saranno presentati alcuni grafici riguardanti

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade

Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Come l Analisi Multi Ciclica ci può evitare Stop-Loss e trovare buoni Ingressi in un Trade Chi conosce l Analisi Ciclica capirà meglio la sequenza logica qui seguita. Anche chi non consoce bene l Analisi

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Processo di referaggio collana punto org

Processo di referaggio collana punto org Caro Referee, grazie in anticipo per aver accettato di referare per la collana punto org. Il Suo è un ruolo delicato: appartiene a una comunità di studiosi, docenti e professionisti che forniscono ai colleghi

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE ESTERNA NELLA SEDE DI SCIENZE DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Antonella Grasso matricola 42910 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari

Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1 Università telematica Pegaso Prova finale Disposizioni regolamentari 1) Tipologia A conclusione del Corso di studio, gli studenti sono tenuti a sostenere un esame finale che consiste nella discussione

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

1 IL MODELLO CONCETTUALE

1 IL MODELLO CONCETTUALE 1 1 IL MODELLO CONCETTUALE IL CONTESTO DI PERFORMANCE Per performance si intende il grado con il quale un sistema realizza gli obiettivi che si è posto (figura 1.1). Da tale definizione, universalmente

Dettagli

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1

Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Documentazione dell Unità di Lavoro su Rappresentazione cartografica 1 Ordine di scuola Scuola Primaria De Amicis Santa Maria Nuova di Jesi: classe IV B Insegnante Silvia Cherubini Tempi A discrezione

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016

REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 REGOLAMENTO PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIPLOMA ACCADEMICO DI 1 LIVELLO ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ART. 1 PRINCIPI GENERALI DI RIFERIMENTO 1. Il titolo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze economico aziendalimanagement

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze economico aziendalimanagement UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Economia Corso di Laurea in Scienze economico aziendalimanagement Relatore: Prof.ssa Maria Emilia Garbelli Correlatore: Prof. Silvio Brondoni Tesi di

Dettagli

DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s.

DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s. DIARIO DI BORDO Percorsi di ricerca-azione (Come promuovere situazioni di apprendimento emotivamente positive) Progetto Emoticon a.s. 2011/2012 Scuola MASACCIO Classe 13 ANNI Insegnante / materia Lettere

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

Istruzioni per leggere bene. Istruzioni per leggere bene

Istruzioni per leggere bene. Istruzioni per leggere bene Istruzioni per leggere bene A cura di Silvana Loiero 1 La lettura orientativa La prima: farsi un idea generale La seconda: identificare le parti La terza: scorrere indici e sintesi La quarta: leggere rapidamente

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

Alessandro Volta e la storia della pila

Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta fu uno dei più famosi fisici della storia: visse tra il Settecento e l Ottocento, inventò e perfezionò la pila elettrochimica e scoprì caratteristiche

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Guida didattica all unità 1 In biblioteca

Guida didattica all unità 1 In biblioteca Guida didattica all unità 1 In biblioteca 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Per introdurre il tema dell unità, l insegnante può per prima cosa mostra una delle immagini seguenti: Variante on-line:

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Tutte le forme del libro.

Tutte le forme del libro. Tutte le forme del libro. I mestieri del libro Per noi di PGM il libro è un oggetto da produrre in vista del massimo piacere per il lettore: utile, pratico, solido, maneggevole, bello. È la base materiale

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE

IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE EMILIO BERTOCCI IL CATALOGO E LA CATALOGAZIONE 1 INDICE 1...3 La biblioteca e il catalogo...3 2...4 Tipi di cataloghi...4 3...6 Cenno sulle fonti d informazione...6 4...7 Catalogo e bibliografia...7 5...8

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Proposta di lettura statistica del database

Proposta di lettura statistica del database Proposta di lettura statistica del database Giovanni Aiassa Transiti nel Battaglione dei Cacciatori Franchi dal 1 gennaio 1859 al 31 dicembre 1861 Presentiamo dati e considerazioni che emergono dall analisi

Dettagli

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA

Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI TURISMO IN SICILIA Primo Rapporto sul turismo in Sicilia V REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEL TURISMO, DELLE COMUNICAZIONI E DEI TRASPORTI PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA VI Mercury S.r.l. RAPPORTO SUL TURISMO IN SICILIA

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee

indice introduzione MoMenti di definizione del progetto 1870-1969 2.1 1969-oggi il Disegno a Mano nell era Digitale le tecniche contemporanee indice 1. 2. 3. 4. introduzione MoMenti di definizione del progetto 1.1 1.2 1.3 Dall idea al progetto: fasi Dell iter progettuale MetoDi Di rappresentazione l immagine Dell idea 1870-1969 2.1 2.2 3.1 3.2

Dettagli