STUDIO DI CONSULENZA RAGIONIERI E DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI UFFICIALI DEI CONTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDIO DI CONSULENZA RAGIONIERI E DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI UFFICIALI DEI CONTI"

Transcript

1 A tutti i Clienti LL.SS. Casalecchio di Reno, 08/01/2014 Oggetto: Novità fiscali 2014 Con la presente siamo a sintetizzare le principali novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2014 e da altri provvedimenti entrati in vigore dal 1 gennaio, pregandovi di tenere conto di quanto di Vostra competenza. RIFORMA DELLA TASSAZIONE COMUNALE DEGLI IMMOBILI La legge di stabilità ridefinisce a partire dal 2014 la tassazione municipale degli immobili, modificando in maniera significativa il quadro del prelievo sui contribuenti. La riforma introduce la IUC, l imposta unica comunale, che a sua volta si compone di tre diversi tributi: uno vecchio, l IMU, e due nuovi, la TASI e la TARI. L IMU, ossia l imposta già nota che grava sui possessori degli immobili, viene parzialmente modificata: dal 2014 l imposta non è più dovuta sulle abitazione principali e relative pertinenze, ad eccezione delle unità immobiliari di lusso (censite nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9). Per tutte le altre tipologie di immobili l Imu continua ad essere dovuta nei modi e termini ordinari. Le aliquote rimangono invariate e, per le abitazioni principali che dovranno continuare a pagare l imposta, viene confermata la detrazione base di 200 euro, mentre dal 2014 viene eliminata l ulteriore detrazione di 50 euro per ciascun figlio convivente di età non superiore a 26 anni. Inoltre sono esentati dall imposta i fabbricati rurali strumentali, mentre i terreni agricoli, anche non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti o da imprenditori agricoli professionali hanno una base imponibile ridotta, con il moltiplicatore che scende da 110 a 75. In materia di Imu va anche segnalato che è stata spostata dal 16 gennaio al 24 gennaio 2014 la scadenza per il pagamento della mini-imu, cioè la quota a carico dei contribuenti della differenza tra l aliquota base del 4 per mille e quella eventualmente più alta decisa dai singoli Comuni per l abitazione principale per il La TASI costituisce la principale novità della riforma e va a coprire i servizi indivisibili dei Comuni (manutenzione del verde e delle strade, illuminazione pubblica, ecc.). L imposta si applica su tutti i fabbricati posseduti o detenuti a qualsiasi titolo, ivi compresa l abitazione principale, e viene calcolata sulla stessa base imponibile dell Imu (rendita catastale rivalutata), ma a differenza di quest ultima al momento non sono previste detrazioni o riduzioni (se non quelle eventualmente decise dai Comuni in base alla capacità contributiva delle famiglie). L aliquota sarà decisa dai Comuni in base alle loro esigenze, ma con alcuni vincoli: per il 2014 è prevista un aliquota minima dell 1 per mille e un aliquota massima del 2,5 per mille; dal 2015 si applicherà solo il vincolo secondo cui la somma delle due componenti (Tasi + Imu) non potrà superare l aliquota massima prevista attualmente per l Imu, cioè il 6 per mille per l abitazione principale e il 10,6 per CASALECCHIO DI RENO (BO) - VIA BAZZANESE N. 32/4 TELEFONO/FAX

2 mille per gli altri fabbricati. La Tasi non graverà soltanto sui proprietari: nel caso in cui l utilizzatore è diverso dal possessore (come nel caso di locazione o comodato), l imposta graverà in parte anche sull occupante in una misura, stabilita dai Comuni con proprio regolamento, compresa tra il 10% e il 30% dell importo complessivo. La Tasi si versa con mod. F24 oppure con bollettino postale appositamente approvato dal Ministero delle Finanze. Il numero delle rate e le scadenze di versamento sono stabilite dai Comuni. La TARI è il nuovo tributo finalizzato alla copertura dei costi di smaltimento dei rifiuti urbani e sostituisce la Tares (che, a sua volta, nel 2013 aveva sostituto la Tarsu). E calcolata sui metri quadrati (almeno fino a quando i Comuni non avranno elaborato un sistema in grado di parametrarla su quantità e qualità dei rifiuti prodotti) e dovrà coprire tutti i costi di gestione del servizio. Ad oggi la situazione è quella sopra delineata. Tuttavia, va segnalato che, in base a quanto annunciato da esponenti del Governo e da anticipazioni di stampa, nei prossimi giorni verrà approvato un nuovo decreto che dovrebbe contenere un doppio ritocco verso l alto della Tasi: in primo luogo potrebbe essere previsto che l aliquota massima della nuova tassa passi dal 2,5 per mille al 3,5 per mille; il secondo aumento potrebbe riguardare il tetto massimo del prelievo Imu + Tasi, che passerebbe dal 10,6 all 11,6 per mille. I Comuni, però, verrebbero vincolati a usare le maggiori risorse che entrerebbero nelle loro casse per prevedere, anche per la Tasi, delle detrazioni limitate all abitazione principale. AUMENTO DELLA TASSAZIONE SULLE SECONDE CASE SFITTE La legge di stabilità contiene una modifica peggiorativa per le unità abitative non locate. Nella normativa precedente le case sfitte erano soggette a Imu, ma risparmiavano del tutto l Irpef (che restava assorbita dall Imu). Con una disposizione avente efficacia già dal 2013, viene ripristinata in parte l imposta sui redditi: è previsto, infatti, che coloro che hanno degli immobili a destinazione abitativa non locati e situati nello stesso Comune dell abitazione principale pagheranno già nel prossimo Unico o 730 l Irpef sul 50% del reddito (risultante dalla rendita catastale rivalutata). La condizione di unità immobiliare non locata si verifica anche per gli immobili concessi in comodato a parenti; quindi anche per questi sarà dovuta l Irpef in misura pari alla metà, con effetto retroattivo dal Il discrimine è rappresentato dal fatto che la seconda casa sia ubicata nello stesso Comune dell abitazione principale; ciò significa che la seconda casa di villeggiatura al mare o in montagna, ad esempio, continuerà a non pagare nulla a titolo di Irpef. PARZIALE DEDUCIBILITA DELL IMU PER IMPRESE E LAVORATORI AUTONOMI Viene introdotta la parziale deducibilità dell Imu sui fabbricati strumentali dal reddito d impresa e di lavoro autonomo con effetto retroattivo, a valere già dal La deducibilità è pari al 30% per l anno d imposta 2013 e del 20% dal 2014 in poi. Per quanto riguarda le imprese, potranno fruire della deduzione sia le ditte individuali sia le società di persone e di capitali. La deducibilità deve avvenire nel rispetto del principio di cassa; ne consegue che si deduce solo l ammontare effettivamente pagato nell esercizio. Resta, invece, ferma l indeducibilità dell Imu ai fini Irap. Non rientrano nell ambito della disposizione in esame i fabbricati destinati alla vendita (beni merce), a prescindere dalla categoria catastale di appartenenza. A tale fine, rileva la contabilizzazione del bene tra le rimanenze. Va ricordato comunque che tali beni, se di proprietà delle imprese che li hanno costruiti, a partire dalla seconda rata Imu 2013 sono stati esentati dal tributo locale. RIFORMA DELLA TASSAZIONE SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI 2

3 Come già segnalato nella precedente circolare del 15 novembre u.s., dal 1 gennaio 2014 entra in vigore la riforma della tassazione sui trasferimenti immobiliari. Le nuove norme prevedono che, al posto delle varie aliquote dell imposta di registro prima applicabili, per i trasferimenti immobiliari si applichino solo tre aliquote: - 2%, se il trasferimento ha per oggetto case di abitazione non di lusso, in presenza delle condizioni per l agevolazione prima casa ; - 12%, se il trasferimento ha per oggetto terreni agricoli e avviene a favore di soggetti diversi da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali; - 9%, in tutti gli altri casi. Per tali atti è sancita espressamente l abrogazione di tutte le esenzioni ed agevolazioni previste anche da leggi speciali. Quindi da quest anno non trovano più applicazione i trattamenti agevolativi precedentemente previsti per l imposta di registro, ad esempio, per: - i trasferimenti di immobili di interesse storico, artistico o archeologico; - i trasferimenti a favore di ONLUS; - i trasferimenti di immobili abitativi esenti da Iva a favore di imprese di rivendita immobiliare; - i trasferimenti di immobili a favore dello Stato o di enti pubblici territoriali; - i trasferimenti di immobili compresi in piani urbanistici particolareggiati. L imposta di registro dovuta non può essere inferiore all importo minimo di euro. Per gli atti assoggettati alle nuove aliquote dell imposta di registro è prevista anche l applicazione delle imposte ipotecaria e catastale nella misura di 50 euro ciascuna, con contestuale abrogazione dell imposta di bollo e delle tasse ipotecarie per la trascrizione nei pubblici registri immobiliari. Per gli atti assoggettati ad imposta di registro in misura fissa è disposto l aumento delle imposte fisse di registro, ipotecaria e catastale, che a partire dal 1 gennaio 2014 passano da 168 euro a 200 euro ciascuna. Va segnalato che, relativamente all imposta di registro, l aumento non trova applicazione solo al campo immobiliare, ma ha effetto su tutti gli atti che fino al 31 dicembre 2013 scontavano l imposta fissa di 168 euro, come quelli societari (ad es. atto costitutivo di società, aumento di capitale sociale a seguito di conferimento di beni diversi dagli immobili, cessione di partecipazioni, fusioni, scissioni, trasformazioni), quelli relativi all eredità (accettazione o rinuncia) e altri ancora (contratti scritti di comodato di beni immobili, rilascio di procura, convenzioni matrimoniali come la separazione dei beni ed il fondo patrimoniale). Non è previsto invece l aumento dell imposta fissa di 67 euro per i contratti di locazione di immobili. La riforma dell imposta di registro coinvolge anche la disciplina dell agevolazione prima casa, in particolare per quanto riguarda la qualificazione delle abitazioni di lusso, che sono escluse dai benefici fiscali. Nel regime previgente, infatti, le unità immobiliari non erano agevolabili ai fini della prima casa se erano dotate dei requisiti di lusso previsti dal D.M. 2 agosto Con le nuove disposizioni, invece, dal 1 gennaio 2014 perdono ogni rilevanza il D.M. 2 agosto 1969 e le caratteristiche in esso indicate, e si tiene conto soltanto della categoria catastale: le unità immobiliari sono considerate di lusso e quindi escluse dai benefici fiscali se sono classificate in Catasto nelle categorie A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminente pregio artistico o storico), a prescindere dalle loro caratteristiche. Riassumendo, gli atti di trasferimento immobiliare posti in essere dal 1 gennaio 2014 scontano: - in presenza delle condizioni per l applicazione dell agevolazione prima casa, l imposta di registro proporzionale del 2% e le imposte ipotecaria e catastale di 50 euro ciascuna, ma nulla a titolo di imposta di bollo né di tassa ipotecaria; - se il trasferimento ha per oggetto terreni agricoli e avviene a favore di soggetti diversi da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali, l imposta di registro del 12% e le imposte ipotecaria e catastale di 50 euro ciascuna, ma nulla a titolo di imposta di bollo né di tassa ipotecaria (va segnalato che l unica agevolazione che rimane in vigore è quella relativa ai trasferimenti di terreni agricoli posti in essere a favore di coltivatori diretti o imprenditori 3

4 agricoli professionali, per i quali è previsto che scontino le imposte di registro e ipotecaria nella misura fissa e l imposta catastale nella misura dell 1%); - in tutti gli altri casi, l imposta di registro proporzionale del 9% e le imposte ipotecaria e catastale di 50 euro ciascuna, ma nulla a titolo di imposta di bollo né di tassa ipotecaria. - nei casi in cui le imposte di registro, ipotecaria e catastale siano dovute nella misura fissa (di 168 euro fino al 31 dicembre 2013), dal 1 gennaio 2014 esse devono essere corrisposte nella misura di 200 euro ciascuna. SPESE PER IL RECUPERO EDILIZIO E PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Come già anticipato nella precedente circolare del 17 ottobre u.s., la detrazione Irpef del 50% sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio è prorogata fino al 31 dicembre 2014, è ridotta al 40% per tutto il 2015 per poi ritornare al 36% dal 1 gennaio La proroga riguarda anche il limite massimo di spesa per singola unità immobiliare, che rimane di euro fino alla fine del 2015, per tornare a euro dal E prorogato per tutto il 2014 anche il bonus per l acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ finalizzati all arredo di abitazioni in cui sono stati effettuati lavori di ristrutturazione: la detrazione Irpef è sempre del 50% delle spese sostenute (fino a un tetto massimo di spesa di euro) ed è da ripartire in 10 anni. Anche la detrazione del 65% sugli interventi per il risparmio energetico degli edifici è prorogata fino al 31 dicembre 2014 ed è ridotta al 50% per tutto il A meno che non vi siano ulteriori proroghe, dal 2016 gli interventi per il risparmio energetico potranno beneficiare solo del bonus del 36%. Rimangono invariati i limiti di detrazione previsti dalla normativa. Per gli interventi sul risparmio energetico relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, la detrazione del 65% è prorogata di ulteriori sei mesi, fino al 30 giugno 2015; successivamente e fino al 30 giugno 2016 la detrazione sarà del 50%. COMPRAVENDITE: PREZZO DI VENDITA IN CUSTODIA DAL NOTAIO Viene impressa una svolta nella prassi contrattuale delle compravendite di immobili e aziende. Non appena sarà emanato il regolamento attuativo (entro il 30 aprile 2014), l acquirente non potrà più pagare il prezzo direttamente al venditore all atto della firma del rogito di compravendita. Sarà infatti il notaio chiamato alla stipula dell atto pubblico o della scrittura privata autenticata a trasmettere al venditore il prezzo della compravendita di immobili e di aziende (oppure il saldo del prezzo se sono stati in precedenza pagati acconti), dopo averlo ricevuto in deposito dall acquirente e dopo aver trascritto il contratto di compravendita nei registri immobiliari o, per il contratto di cessione d azienda, nel registro delle imprese. Il notaio che riceve il deposito del prezzo non può utilizzare un conto corrente bancario ordinario, ma deve servirsi di un conto corrente dedicato a questo fine, che non frutta interessi a favore del notaio (gli interessi che matureranno, al netto delle spese di gestione del conto, dovranno essere destinati a finanziare fondi di credito agevolato per le piccole e medie imprese). Trattandosi di un conto corrente dedicato, esso non può accogliere movimentazioni diverse da quelle per le quali deve essere tenuto e gli importi depositati in questo conto costituiscono un patrimonio separato e quindi un entità sottratta alle vicende personali del notaio. Questa procedura riguarda gli importi versati contestualmente alla stipula dell atto, e non quindi a quelli il cui pagamento è dilazionato. Dall ambito della nuova disciplina restano esclusi i contratti di cessione di partecipazioni e azioni, per le quali si continueranno ad applicare le ordinarie modalità di pagamento senza l intervento obbligato del conto corrente dedicato del notaio. 4

5 STOP AL PAGAMENTO IN CONTANTI DEGLI AFFITTI Dal 1 gennaio 2014 non è più possibile pagare in contanti i canoni di locazione abitativa, in deroga alla normativa vigente che prevede un limite per l uso del contante fissato a euro. Il divieto vale solo per le locazioni abitative, incluse quelle temporanee, a studenti e ad uso turistico (e quindi anche se effettuate con un locatario non residente in Italia); l unica eccezione è prevista per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Nulla cambia invece per le locazioni commerciali. A prescindere dall importo dei canoni, il pagamento degli affitti dovrà pertanto avvenire attraverso assegni, carte di credito, bonifici bancari e altre modalità che ne consentano la tracciabilità. In caso di violazione della prescrizione legislativa è prevista una sanzione che va dall 1% al 40% dell importo pagato. SCONTI IRAP SULLE ASSUNZIONI A partire dall esercizio 2014 è prevista una deduzione dalla base imponibile Irap per i datori di lavori che assumono nuovi dipendenti a tempo indeterminato, aumentando il numero di lavoratori impiegati rispetto all anno precedente. L importo deducibile è pari al costo del nuovo personale assunto con contratti a tempo indeterminato, ma non può superare il tetto di euro annui per ciascun dipendente; complessivamente la deduzione non può comunque eccedere l incremento del costo per lavoro dipendente iscritto nelle voci B9) e B14) del conto economico. Si potrà usufruire della deduzione per l anno di nuova assunzione e per i due esercizi successivi. Lo sconto per incremento occupazionale si cumula con quelli già previsti dalla legge Irap sul cuneo fiscale. RIDUZIONE DEI PREMI INAIL La legge di stabilità prevede una riduzione dei premi Inail. L entità della riduzione verrà stabilita con un successivo decreto ministeriale, su proposta dell Inail, con effetto dal 1 gennaio 2014 e per il triennio Secondo quanto stabilito dalla norma, il taglio si applica a ogni tipologia di premio, tenuto conto dell andamento infortunistico aziendale (salvo che per le imprese più giovani per le quali il decreto individuerà i criteri di applicazione). Dalla riduzione sono escluse le contribuzioni particolarmente agevolate come quelle per il lavoro accessorio, l assicurazione per il lavoro domestico, i premi pagati per colf e badanti, l apprendistato. La riduzione dovrebbe avvenire nell ambito di una più generale revisione della tariffa dei premi, che finalmente verrà riscritta dopo 13 anni di vigenza di quella attuale. DEDUCIBILITA ACCELERATA DEI CANONI LEASING La legge di stabilità introduce una normativa più favorevole per la deducibilità dei canoni leasing, riducendo il periodo contrattuale minimo che consente l integrale deduzione dei canoni e di fatto ripristinando il regime esistente prima del Finora, in caso di locazione finanziaria avente ad oggetto beni mobili (impianti, macchinari, attrezzature, ecc.), la deducibilità dei canoni era consentita in un periodo non inferiore ai 2/3 del periodo d ammortamento ordinario, mentre i canoni relativi a contratti di leasing immobiliare erano deducibili in un periodo compreso tra gli 11 e i 18 anni; le autovetture erano invece deducibili con le stesse tempistiche del processo di ammortamento (cioè 4 anni). Per i contratti stipulati dal 1 gennaio 2014, la deducibilità dei canoni è stabilita in un periodo non inferiore alla metà del periodo di ammortamento per i beni mobili e non inferiore a 12 anni per gli immobili. Resta invariato il periodo di deducibilità delle autovetture. 5

6 Va ricordato che, per effetto del d.l. 16/2012, la deducibilità dei canoni di leasing è indipendente dalla durata del contratto: in caso di contratto con durata inferiore al minimo fiscale, le quote dei canoni eccedenti vengono riprese a tassazione durante la vita contrattuale, per essere poi dedotte al termine del contratto. Le modifiche al regime di deducibilità dei canoni incidono soltanto sulle imposte sul reddito ma non sull Irap, dal momento che l imponibile Irap si basa sulle risultanze del conto economico e quindi il canone imputato in bilancio secondo la durata effettiva del contratto (anche se inferiore alla durata fiscale ) è integralmente deducibile. Come contropartita alla riduzione della durata fiscale del leasing, in deroga al principio di alternatività Iva/registro, viene introdotta un imposta di registro proporzionale del 4% sulle cessioni da parte degli utilizzatori dei contratti di leasing su immobili strumentali, anche da costruire. L imposta di registro si applica sul corrispettivo pattuito per la cessione aumentato della quota capitale compresa nei canoni ancora da pagare oltre al prezzo di riscatto. Ulteriore novità riguardante il leasing è l eliminazione dal 1 gennaio 2014 dell imposta provinciale di trascrizione (Ipt) sul riscatto dei veicoli in leasing. Fino ad oggi, in caso di acquisizione di auto in leasing, l utilizzatore si trovava a sostenere due volte il costo dell imposta di trascrizione, sia in sede di stipula del contratto che di riscatto del veicolo; ora viene eliminata questa penalizzazione. INDEDUCIBILITA DEL CONTRIBUTO SSN SULLE ASSICURAZIONI AUTO Come già segnalato nella precedente circolare del 15 novembre u.s., a partire dal 2014 è prevista l indeducibilità ai fini delle imposte sui redditi e dell Irap del contributo al servizio sanitario nazionale sui premi delle assicurazioni sulla responsabilità civile per i danni causati dalla circolazione dei veicoli a motore (generalmente indicato come contributo SSN). Va ricordato che fino a tre anni fa il suddetto contributo era interamente deducibile dal reddito, essendo ricompreso nei contributi previdenziali e assistenziali versati in ottemperanza a disposizioni di legge. Già la legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) a partire dal 2012 ne ha limitato la deducibilità alla sola parte che eccede i 40 euro. Dal 2014 viene meno anche quest ultima norma e il contributo SSN è completamente indeducibile ai fini delle imposte sui redditi e dell Irap. La novità in questione, oltre a spiegare i propri effetti sulle persone fisiche, riguarda in maniera generalizzata anche il reddito d impresa e di lavoro autonomo. Ed è proprio sul fronte di imprese e professionisti che probabilmente si avrà l effetto più rilevante; in precedenza, infatti, le spese di assicurazione relative ai veicoli erano deducibili (ovviamente nei limiti previsti dalle norme vigenti per le spese relative alle auto) e nell ambito delle spese di assicurazione si considerava anche il contributo al servizio sanitario nazionale, che era deducibile nella stessa percentuale del premio. Ma dal 2014 è necessario scomputare dal costo dell assicurazione il predetto contributo al fine di renderlo integralmente indeducibile. Sotto l aspetto economico, la nuova disposizione può avere un impatto rilevante soprattutto per le imprese che svolgono attività per le quali i costi relativi alle autovetture sono deducibili in misura integrale (ad esempio i taxisti o le autoscuole) o all 80% (gli agenti) oppure per le imprese che danno le auto in uso promiscuo ai dipendenti (i cui costi sono deducibili nella misura del 70%). Negli altri casi si tratterà di evidenziare un costo indeducibile che, diversamente, sarebbe stato deducibile al 20%. Da un punto di vista amministrativo, da quest anno diventa consigliabile sdoppiare la registrazione contabile del premio assicurativo in modo tale da annotare separatamente il contributo SSN come spesa indeducibile. POTENZIAMENTO DELL ACE 6

7 Dall esercizio 2014 viene potenziato l incentivo alla capitalizzazione delle imprese, attraverso un incremento del coefficiente da utilizzare per calcolare la detassazione Ace da parte delle società di capitali che aumentano il patrimonio netto mediante conferimenti dei soci o utili accantonati a riserva. Per ciascun esercizio del triennio la deduzione era fissata al 3% dell incremento patrimoniale stratificato a partire dal 1 gennaio La legge di stabilità da poco approvata stabilisce le percentuali per il prossimo triennio: 4% per il 2014, 4,5% per il 2015 e il 4,75% per il L incremento dei coefficienti vale anche per le società di persone in contabilità ordinaria, per le quali l Ace non si applica sull incremento patrimoniale ma all intero patrimonio netto dell anno (compreso l utile d esercizio). DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI Viene aggiunto un altro tassello al quadro di riforme in tema di perdite su crediti avviato con il d.l. n. 83/2012. Quest ultimo decreto ha stabilito che gli elementi certi e precisi richiesti per la deducibilità della perdita fiscale sussistono, in ogni caso, quando il credito è di modesta entità (non superiore a euro per le imprese di più rilevante dimensione e non superiore a euro per le altre imprese) ed è decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito stesso. Con la suddetta riforma è stata inoltre prevista le deducibilità delle perdite a seguito di accordo di ristrutturazione dei debiti (non solo quindi nel caso di procedure concorsuali), così come è stata estesa la deducibilità ai crediti ormai prescritti. E stata altresì prevista la deducibilità delle perdite su crediti qualora il credito stesso sia stato cancellato dal bilancio nel rispetto dei principi contabili internazionali IAS. Con la legge di stabilità 2014 viene ora riconosciuta la piena deducibilità alle perdite su crediti iscritte in bilancio nel rispetto dei principi contabili nazionali, eliminando quindi la distinzione prima posta tra principi contabili nazionali ed internazionali. Rimane ovviamente sempre fermo il potere in capo all Amministrazione Finanziaria di disconoscere la deducibilità delle perdite qualora vi sia stata un errata applicazione dei principi contabili. Comunque si può affermare, in linea generale, che aumentano notevolmente le fattispecie riconosciute ai fini della deducibilità, riducendo i contenziosi a seguito di orientamenti particolarmente restrittivi da parte dell Agenzia delle Entrate. Si pensi infatti ai casi di cessione pro soluto del credito, alla rinuncia all incasso o alla transazione: tutte situazioni alle quali i principi contabili nazionali collegano la rilevazione di una perdita su crediti. In questi casi, pertanto, sarà possibile procedere con la rilevazione della perdita su crediti, senza la necessità di dimostrare gli elementi certi e precisi richiesti dalla norma, e sui quali l Agenzia delle Entrate ha da sempre mostrato un atteggiamento estremamente restrittivo. RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Come già anticipato nella nostra circolare del 4 novembre u.s., la legge di stabilità per il 2014 ripropone la possibilità di rivalutare i beni dell'impresa e le partecipazioni iscritti in bilancio. Sono ammessi alla rivalutazione tutti i soggetti titolari di reddito di impresa (società di capitali, società di persone, enti commerciali, imprese individuali), sia in contabilità ordinaria che semplificata. Oggetto della rivalutazione sono i beni dell impresa ad esclusione degli immobili merce, cioè gli immobili al cui scambio è diretta l attività dell impresa; ne consegue che sono rivalutabili tutti i beni immobili e mobili strumentali, quelli immateriali (diritti di brevetto, licenze e marchi, mentre sono esclusi i costi pluriennali come l avviamento, i costi di ricerca e sviluppo, i costi di pubblicità), nonché le partecipazioni iscritte nelle immobilizzazioni finanziarie. La rivalutazione va effettuata nel bilancio riferito all'esercizio 2013 relativamente ai beni iscritti al 31 dicembre Per i soggetti in contabilità semplificata, in assenza di un bilancio, la rivalutazione, possibile solo per i beni iscritti nel registro dei beni strumentali che risultano 7

8 acquisiti entro il 31/12/2012, va evidenziata in un apposito prospetto bollato e vidimato, dal quale dovranno risultare il costo fiscalmente riconosciuto e la rivalutazione effettuata. Come in passato, anche in questa circostanza la rivalutazione non può essere applicata sui singoli beni, ma deve essere operata per «categorie omogenee», che sono indicate nel decreto del ministero dell Economia n. 162 del 13 aprile I maggiori valori attribuiti ai beni in sede di rivalutazione vengono riconosciuti ai fini delle imposte dirette ed Irap a decorrere dal terzo esercizio successivo a quello di effettuazione della rivalutazione; pertanto i maggiori ammortamenti saranno deducibili a partire dall'esercizio Invece ai fini della plusvalenza in caso di cessione o assegnazione ai soci, la rivalutazione decorre dal 1 gennaio 2017 (ovvero dal quarto esercizio successivo). Il riconoscimento fiscale è subordinato al versamento di un imposta sostitutiva sul maggior valore derivante dalla rivalutazione pari al 16% per i beni ammortizzabili e al 12% per i beni non ammortizzabili. Tale imposta deve essere versata in tre rate annuali di pari importo senza l applicazione di interessi, con le stesse scadenze previste per le imposte dirette e quindi a partire dal 16 giugno (o 16 luglio) Invitiamo chi fosse interessato alla rivalutazione dei beni d impresa e delle partecipazioni a comunicarcelo entro e non oltre la fine del mese di gennaio. Se entro tale termine non saranno pervenute segnalazioni, la pratica verrà ritenuta non di Vostro interesse e quindi archiviata. RIVALUTAZIONE DI TERRENI E PARTECIPAZIONI Vengono riaperti i termini per la rivalutazione del costo fiscale dei terreni e delle partecipazioni. La legge di stabilità rinnova infatti la facoltà per i soggetti che detengono i beni rivalutabili al di fuori dell attività d impresa (persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali) di procedere alla rideterminazione del valore dei terreni agricoli ed edificabili, nonché delle partecipazioni in società di ogni tipo e oggetto (ad eccezione di quelle quotate in mercati regolamentati), con riferimento ai beni posseduti e ai valori correnti di mercato alla data del 1 gennaio Il termine per l asseverazione della perizia di stima è fissato al 30 giugno Sulla rivalutazione va pagata un imposta sostitutiva pari al 4% per i terreni e le partecipazioni qualificate (cioè quelle superiori al 20% del capitale sociale per le società di capitali e al 25% per le società di persone) e del 2% per le partecipazioni non qualificate. Il versamento dell imposta può essere eseguito in un unica soluzione entro il 30 giugno 2014 oppure in due o tre rate uguali di cui la prima deve essere versata entro tale data. Invitiamo chi fosse interessato alla rivalutazione di terreni e partecipazioni a comunicarcelo entro e non oltre la fine del mese di gennaio. Se entro tale termine non saranno pervenute segnalazioni, la pratica verrà ritenuta non di Vostro interesse e quindi archiviata. UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEI CREDITI D IMPOSTA Dopo la stretta sui crediti Iva, con la legge di stabilità 2014 sono messi sotto vigilanza anche le compensazioni fatte con i crediti delle imposte sui redditi e dell Irap. Si stabilisce, infatti, che a decorrere dal periodo d imposta 2013 (quindi modelli Unico 2014, Irap 2014 e 770/2014) i contribuenti che usano in compensazione i crediti relativi alle imposte sui redditi e alle addizionali, alle ritenute alla fonte, alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito e all Irap, per importi superiori a euro annui, devono chiedere l apposizione del visto di conformità. Con l apposizione del visto, il responsabile del Centro di assistenza fiscale o il professionista abilitato conferma che i dati delle dichiarazioni dalle quali emerge il credito sono conformi alla relativa documentazione e alle risultanze delle scritture contabili. Il visto di conformità non serve, invece, per il riporto a credito nell anno successivo o per la richiesta di rimborso. 8

9 A differenza delle compensazioni in materia di Iva, la norma non prevede altre limitazioni. Ai fini Iva, infatti, la legge dispone che la compensazione del credito Iva annuale, per importi superiori a euro annui, può essere effettuata a partire dal giorno 16 del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione da cui il credito emerge. Analoga disposizione non è invece prevista per le compensazioni dei crediti Irpef, Ires e Irap. In materia di crediti d imposta va anche ricordato che dal 2014 il limite massimo dei crediti d imposta compensabili per ciascun anno solare sale da euro a euro. NOVITA IN MATERIA DI MODELLO 730 Per evitare abusi in materia di crediti risultanti dal modello 730, la restituzione di somme per importi superiori a euro sarà fatta dall Agenzia delle Entrate e non più dal sostituto d imposta (datore di lavoro o ente pensionistico). A partire dai modelli 730 che saranno presentati nel 2014 (relativi ai redditi del 2013), entro sei mesi dalla scadenza dei termini previsti per l invio telematico dei modelli 730, l Agenzia delle Entrate effettuerà controlli preventivi in caso di rimborsi spettanti per importi superiori a euro, anche se derivanti da crediti di precedenti dichiarazioni. Al termine delle operazioni di controllo, il rimborso sarà erogato direttamente dall Agenzia delle Entrate. Va ricordato inoltre che dal 2014 il modello 730 potrà essere usato anche dalle persone che non hanno un sostituto d imposta in grado di fare le operazioni di conguaglio. Il modello 730/2014 potrà quindi essere usato anche dai lavoratori dipendenti e soggetti assimilati (lavoratori a progetto, colf, badanti, ecc.) che al momento del conguaglio si trovano senza un sostituto d imposta, come può capitare quando la persona rimane senza lavoro. MODIFICHE AL QUADRO RW La legge n. 97/2013 (legge comunitaria), la circolare 38/2013 dell Agenzia delle Entrate e la legge di stabilità hanno introdotto diverse modifiche che riguardano il quadro RW a partire dalla prossima dichiarazione dei redditi (Unico 2014 redditi 2013): vanno dichiarate tutte le attività e gli investimenti detenuti all estero, anche quelli inferiori ai euro (in precedenza al di sotto di questa soglia non andava compilato il quadro); vengono eliminate la sezione I (che raccoglieva l indicazione dei trasferimenti attraverso non residenti senza il tramite di intermediari italiani) e la sezione III (trasferimenti da, verso e sull estero); al fine di smascherare chi si nasconde dietro schermi societari o trust, viene esteso l obbligo di compilazione al titolare effettivo. Per titolare effettivo della società si intende la persona o le persone fisiche che, in ultima istanza, la possiedono o controllano; mentre in caso di entità giuridiche, come per esempio fondazioni o trust, il titolare effettivo è la persona fisica o le persone fisiche che esercitano un controllo sul 25% o più del patrimonio. sono esclusi dagli obblighi di monitoraggio enti commerciali, società ma anche gli enti pubblici. Sono esonerate anche le persone fisiche che prestano lavoro all estero per lo Stato italiano, per le organizzazioni internazionali cui aderisce l Italia e i soggetti residenti in Italia che prestano la propria attività lavorativa in via continuativa all estero in zone di frontiera e in Paesi limitrofi. Inoltre, in linea generale, i contribuenti che affidano le attività finanziarie e patrimoniali in gestione o in amministrazione agli intermediari finanziari italiani sono esonerati da qualsiasi obbligo di monitoraggio. le sanzioni per l omessa o carente indicazione nel quadro RW oscillano tra il 3% e il 15% dell ammontare degli importi non dichiarati (prima la forchetta era tra il 10 e il 50%, a cui si aggiungeva anche il rischio di confisca per un valore corrispondente). La sanzione è compresa invece tra il 6% e il 30% quando la violazione si riferisce a investimenti o attività estere di 9

10 natura finanziaria in paradisi fiscali (Paesi black list). Mentre una sanzione di 258 euro è prevista quando la dichiarazione relativa a investimenti o attività all estero che possono produrre redditi imponibili in Italia è presentata entro i 90 giorni dalla scadenza del termine. Gli Uffici possono disporre la riduzione delle sanzioni fino alla metà del minimo qualora concorrano eccezionali circostanze che rendono manifesta la sproporzione tra l entità del tributo cui la violazione si riferisce e la sanzione. IMPOSTA DI BOLLO SUI TITOLI A partire dal 2014 l imposta di bollo sulle comunicazioni periodiche alla clientela relative ai prodotti finanziari (azioni, obbligazioni, titoli, certificati di deposito, polizze assicurative, ecc.) aumenta dallo 0,15% allo 0,20%. Scompare, però, la soglia minima di imposta fissata a 34,20 euro annui. Rimane invariato il regime degli estratti di conto corrente bancario e postale nonché dei libretti di risparmio: imposta di bollo annuale di 34,20 euro se il cliente è una persona fisica e di 100 euro se il cliente è un soggetto diverso da persona fisica, tenendo conto che se il cliente è persona fisica l imposta non è dovuta quando il valore medio di giacenza risultante dagli estratti e libretti è complessivamente non superiore a euro. IVAFE Per uniformità con la disposizione precedente, dal 2014 l aliquota dell Ivafe (l imposta sulle attività finanziarie detenute all estero) passa dallo 0,15% allo 0,20%. Le disponibilità liquide detenute su conti correnti esteri sono invece assoggettate ad un imposta fissa di 34,20 euro, se la giacenza media registrata sul conto è superiore a euro su base annua. MINI SANATORIA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO La legge di stabilità prevede una sorta di rottamazione della cartelle Equitalia, per la quale sono previsti tempi molto rapidi. Alla luce della nuova disposizione, con riferimento ai carichi iscritti a ruolo emessi da uffici statali, agenzie fiscali, Regioni, Province e Comuni, affidati agli agenti della riscossione fino al 31 ottobre 2013, i debitori possono estinguere il proprio debito, senza il pagamento di interessi da ritardata iscrizione a ruolo o di mora, versando in un unica soluzione entro il 28 febbraio 2014 le somme dovute a titolo di imposte, sanzioni e aggi della riscossione. In sostanza, a fronte del pagamento in un unica soluzione entro il 28 febbraio, il debitore potrà ottenere l annullamento degli interessi da ritardata iscrizione e di quelli moratori. Rientrano nella definizione i carichi derivanti da accertamenti esecutivi e, dunque, relativi a Irpef, Ires, Irap e Iva a decorrere dal periodo di imposta 2007, ma anche i contributi Inps e le entrate locali non solo di natura tributaria (ad esempio multe stradali, canoni, ecc.). Dal punto di vista procedurale, non è previsto alcun avviso da parte di Equitalia al debitore con cui lo informa della possibilità di avvalersi della sanatoria; sarà il debitore stesso, quindi, che dovrà verificare la propria posizione e valutare la possibilità di accedere. Entro il 30 giugno 2014 coloro che avranno aderito alla definizione agevolata pagando l intero importo dovuto entro fine febbraio riceveranno da Equitalia una comunicazione che li informerà dell avvenuta estinzione del debito. Invitiamo chi fosse interessato ad aderire alla mini sanatoria delle cartelle di pagamento a comunicarcelo entro e non oltre la fine del mese di gennaio. Se entro tale termine non saranno pervenute segnalazioni, la pratica verrà ritenuta non di Vostro interesse e quindi archiviata. ALIQUOTE CONTRIBUTIVE INPS 10

11 Aumentano i contributi per gli iscritti alle gestioni artigiani e commercianti: per il 2014 le aliquote sono pari al 22,20%. Viene riconosciuto un anno di moratoria ai professionisti con partita Iva iscritti in via esclusiva alla gestione separata Inps, sottraendoli all aumento di un punto dell aliquota contributiva. Anche per il 2014, quindi, per i lavoratori autonomi, titolari di partita Iva, iscritti alla gestione separata, che non risultino iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria o pensionati, la percentuale di contribuzione dovuta all Inps è pari al 27% (come nel 2013). Per gli altri iscritti in via esclusiva (co.co.co. e co.co.pro.), invece, dal 1 gennaio l aliquota pensionistica aumenta di un punto e passa al 28%, seguendo la progressione già prevista che si concluderà nel 2013 una volta raggiunta quota 33%, al pari dei lavoratori dipendenti. Aumenta pure l aliquota a carico di coloro che sono iscritti anche ad altra gestione previdenziale, che nel 2014 sale al 22% (invece del 21%) e nel 2015 al 23,5% (invece del 22%), mentre resta invariata al 24% dal 2016 in poi. TABELLE ACI AGGIORNATE L Agenzia delle Entrate, come ogni anno, ha provveduto alla pubblicazione delle tabelle Aci aggiornate, indicanti i costi chilometrici di esercizio per autovetture e motocicli. Le tabelle Aci 2014 diventano il nuovo punto di riferimento anche per la determinazione del fringe-benefit di auto e motocicli aziendali concessi in uso promiscuo a dipendenti e co.co.co. e, come sempre, sono suddivise per tipo di alimentazione, marca e modello. Ricordiamo, infatti, che i dipendenti che possono utilizzare a fini personali l automezzo messo a disposizione dall azienda devono assoggettare a tassazione (nonché a contributi previdenziali e assistenziali) il 30% dell importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di km calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle Aci. La soglia di percorrenza di km è indipendente da quello che è l effettivo utilizzo, per cui può accadere che il dipendente percorra un maggiore o un minore numero di chilometri, senza che ciò incida sugli importi oggetto di tassazione. Se però il mezzo è assegnato solo per finalità personali, il reddito in natura (fringebenefit) dovrà misurarsi non in base ai descritti valori convenzionali, ma applicando la regola del valore normale e dunque quantificando ciò che, in base ai chilometri effettivi, è stato il beneficio realmente attribuito al dipendente. Per le imprese concedenti, i costi connessi agli autoveicoli assegnati in uso promiscuo ai dipendenti sono deducibili per una quota pari al 70%, in luogo del 20% ordinariamente previsto. RIDUZIONE DEGLI INTERESSI LEGALI Dal 1 gennaio 2014 il tasso di interesse legale scende dal 2,5% all 1%. CANCELLATA LA DICHIARAZIONE PER I REGISTRATORI DI CASSA A partire dal 1 gennaio 2014 è soppressa la comunicazione di messa in servizio dei registratori di cassa, così come sono eliminate le comunicazioni di variazione e di disinstallazione, che i commercianti al minuto dovevano effettuare quando iniziavano o cessavano l attività oppure cambiavano il misuratore fiscale. Non sono stati eliminati, invece, gli obblighi di verificazione periodica annuale dei registratori di cassa ma, sempre dal 2014, la prima verificazione periodica deve essere effettuata esclusivamente all atto della messa in servizio (in precedenza poteva essere effettuata dal fabbricante abilitato contestualmente al controllo di conformità, quindi anche prima della messa in servizio). Nel prevedere queste semplificazioni, l Agenzia delle Entrate ha considerato che le informazioni previste nelle dichiarazioni ora soppresse sono già riportate anche 11

12 nel libretto fiscale di dotazione del misuratore e sono comunicate telematicamente dal soggetto che ne ha effettuato la verifica periodica all atto dell installazione o disinstallazione. BONUS LIBRI Viene introdotta una detrazione fiscale del 19% sull acquisto di libri cartacei. Lo sgravio potrà interessare una spesa fino a euro annui: metà per i testi scolastici e metà per le altre pubblicazioni. Si attendono i provvedimenti attuativi. WEB TAX Dal 2014 vengono introdotte nel nostro ordinamento fiscale delle novità per le imprese e i professionisti che vogliano acquistare servizi di pubblicità e link sponsorizzati online e per le società che operano in questo settore (cosiddetta web tax). Sul piano delle imposte indirette e sulle modalità di acquisizione dei servizi pubblicitari online il Legislatore ha introdotto nel Testo Unico Iva il nuovo articolo 17-bis, il quale prevede che: i soggetti passivi Iva che intendono acquistare servizi di pubblicità e link sponsorizzati online, anche tramite centri media e operatori terzi debbono acquistarli da soggetti titolari di partita Iva italiana. i soggetti passivi Iva che intendono acquistare servizi pubblicitari online e link sponsorizzati che appaiono nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca visualizzabili sul territorio italiano durante la visita di un sito internet o durante la fruizione di un sevizio online devono essere acquistati esclusivamente attraverso soggetti, quali editori, concessionarie pubblicitarie, motori di ricerca o altri operatori pubblicitari titolari di partita Iva italiana. Sul piano degli adempimenti per il monitoraggio di queste operazioni è previsto che l acquisto di servizi pubblicitari online o di servizi ausiliari deve essere effettuato esclusivamente mediante bonifico bancario o postale dal quale devono risultare i dati identificativi del beneficiario ovvero con altri mezzi di pagamento tracciabili che siano in grado di veicolare la partita Iva del beneficiario. In base al recente Decreto Milleproroghe l entrata in vigore delle suddette novità è stata posticipata dal 1 gennaio 2014 al 1 luglio BANDO INAIL PER CONCESSIONE CONTRIBUTI E stato pubblicato un nuovo bando dell Inail, che mette a disposizione 307 milioni di euro per la concessione di contributi alle imprese per progetti di investimento finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L incentivo è costituito da un contributo in conto capitale nella misura del 65% dei costi del progetto, con un limite massimo di euro. Sono ammissibili al contributo i progetti ricadenti in una delle seguenti tipologie: progetti di investimento; progetti di responsabilità sociale e per l adozione di modelli organizzativi; progetti per la sostituzione o l adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio prima del 21 settembre 1996 con attrezzature che rispondono ai requisiti previsti dal terzo titolo del D.Lgs. 81/2008 e di ogni altra disposizione di legge applicabile in materia. Se il progetto sarà ritenuto dall Inail conforme ai requisiti richiesti, si potrà partecipare al click-day con cui verranno assegnati i fondi in una data ancora da stabilire. Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non ancora realizzati e non in corso di realizzazione (quindi devono essere investimenti nuovi). Non sono ammesse a contributo le spese relative alle acquisizioni tramite contratti di leasing. I destinatari sono tutte le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio e in regola con gli obblighi contributivi, comprese quelle prive di dipendenti. 12

13 Chi fosse interessato a presentare domanda per l accesso al contributo è pregato di comunicarcelo entro e non oltre la fine del mese di gennaio. Se entro tale termine non saranno pervenute segnalazioni, la pratica verrà ritenuta non di Vostro interesse e quindi archiviata. Nel ricordare che il presente documento non costituisce parere professionale ma ha solo scopo informativo, restiamo a disposizione per approfondire le tematiche di Vs. maggiore interesse e cogliamo l occasione per porgere distinti saluti. 13

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI PRADAMANO (Provincia di UDINE) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 47 Del 27/11/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) 1 CAPO I L IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli