SCUOLA & IMPRESA una possibile endiade

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA & IMPRESA una possibile endiade"

Transcript

1 ISS G. MINZONI GIUGLIANO IN CAMPANIA NAPOLI Dirigente Scolastico: Prof. Nunzio Laise SCUOLA & IMPRESA una possibile endiade A cura della prof.ssa Maria De Pietro I.S. G. Minzoni Giugliano in Campania-Napoli Motivazione dell intervento: La costituzione della DELIVERY UNIT CAMPANIA (Decreto D. G. U.S.R per la Campania prot. n 12592/U del 19 luglio 2010) ha dato il via ad un programma condiviso tra l U.R.S per Campania, l Assessorato all Istruzione Regione Campania e Confindustria Campania, finalizzato ad implementare processi innovativi e strategici nell ambito didattico, organizzativo e gestionale e a creare le maglie di una rete che investe sull integrazione fra scuola e mondo del lavoro e della professioni. L Istituto Superiore G. Minzoni di Giugliano in Campania, nei suoi due settori di Istruzione e formazione Professionale e Tecnica, aderendo alla Delivery Regione Campania, ha inteso realizzare il progetto Scuola & Impresa nell ambito di un percorso triennale di sperimentazione della quota di flessibilità in linea con la recente normativa sulla Riforma della Scuola Secondaria di II Grado ponendosi l obiettivo di sperimentare sul campo, modelli e best practices di una didattica integrata con l azienda privilegiando lo sviluppo delle competenze disciplinari, tecniche e professionali attraverso una metodologia di orientamento, autorientamento e di confronto con il mercato del lavoro. La Mission dell I.S. Minzoni è stata, dunque, quella di realizzare un esperienza di educazione e formazione in grado di far sviluppare nei ragazzi competenze ed abilità disciplinari e, nel contempo, di far mettere a frutto il patrimonio di conoscenze che provengono dal mondo dell impresa, perché consapevole che per affrontare le sfide del futuro e assicurare la crescita economica, culturale e sociale, è indispensabile un concorso reale di intenti e strategie tra istituzioni e società civile.

2 Step degli interventi Il percorso di ricerca - azione a supporto delle iniziative di accompagnamento di riordino della scuola secondaria di II grado dalla Delivery Unit Campania, ha previsto vari step di realizzazione: ACCORDI ATTUATIVI (sottoscritti in data 24 /11/2011), tra IS G. MINZONI e aziende di Confindustria Campania L ISOLA DEI RAGAZZI Srl e ITS LAB Srl, finalizzati a creare un rapporto sinergico tra il sistema dell Istruzione Scolastica e il mondo dell Azienda COSTITUZIONE DEL CTS paritetico scuola-lavoro dell Istituto di Istruzione Superiore G. Minzoni di Giugliano in Campania con funzioni consultive e propositive per organizzare aree di indirizzo e utilizzo delle quote di autonomia e degli spazi di flessibilità, al fine di integrare la formazione curriculare dell Istituto. STESURA REGOLAMENTO CTS composto da n 5 articoli PROPOSTE FORMATIVE QUOTA DI FLESSIBILITÀ intese a realizzare una significativa integrazione del curriculum scolastico con un aggiornamento delle competenze di base tecnico-professionali REPORT CONCLUSIVI

3 MATRICE RESPONSABILITÀ ATTORI AZIONI MODI LUOGHI DOCUMENTAZIONE USR PER LA CAMPANIA COSTITUZIONE DELIVERY UNIT CONVOCAZIONE DIREZIONE GENERALE USR per la CAMPANIA Decreto D. G. U.S.R per la Campania prot. n 12592/U del 19 luglio 2010 CONSIGLIO D ISTITUTO IS G. MINZONI GIUGLIANO IN CAMPANIA NAPOLI COSTITUZIONE CTS (COMPONENTE SCUOLA) CONVOCAZIONE CONSIGLIO D ISTITUTO IS G. MINZONI DELIBERA C.D.I N 12 DEL 07/09/2011 U.S.R. PER LA CAMPANIA ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE REGIONE CAMPANIA CONFINDUSTRIA CAMPANIA SOTTOSCRIZIONE PROTOCOLLO D INTESA CONVOCAZIONE CITTA DELLA SCIENZA NAPOLI PROTOCOLLO D INTESA 15/10/2010 U.R.S PER LA CAMPANIA Assessorato all Istruzione Regione Campania L ISOLA DEI RAGAZZI Srl IS G. MINZONI GIUGLIANO IN CAMPANIA- NA ACCORDO ATTUATIVO CONFERENZA STAMPA UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DI NAPOLI ACCORDO ATTUATIVO 24 /11/2011 U.R.S PER LA CAMPANIA Assessorato all Istruzione Regione Campania ITS Lab Srl IS G.MINZONI ACCORDO ATTUATIVO CONFERENZA STAMPA UNIONE DEGLI INDUSTRIALI DI NAPOLI ACCORDO ATTUATIVO 24 /11/2011 GIUGLIANO IN CAMPANIA NAPOLI U.R.S PER LA CAMPANIA Assessorato all Istruzione Regione Campania L ISOLA DEI RAGAZZI Srl ITS Lab Srl IS G. MINZONI GIUGLIANO IN CAMPANIA NAPOLI COSTITUZIONE CTS COMPONENTE ESTERNA REGOLAMENTO CTS CONVOCAZIONE IS G. MINZONI ATTO COSTITUTIVO prot. 108/07 del 12/01/202

4 ATTORI AZIONI MODI LUOGHI DOCUMENTAZIONE DIRIGENTE SCOLASTICO REFERENTE PROGETTO CONSIGLI DI CLASSE STESURA PROGETTI FORMATIVI CONVOCAZIONE IS G. MINZONI VERBALI CONSIGLI DI CLASSE DEL 17/01/2012 3^C -3AT L ISOLA DEI RAGAZZI Srl ITS Lab Srl STUDENTI CLASSE 3^ C ESPERTO L ISOLA DEI RAGAZZI Srl DOCENTI DI CLASSE ATTIVITÀ FORMATIVA INTERNA SECONDO CALENDARIO IS G. MINZONI Report Registro degli incontri RESPONSABILE PROGETTO Questionari STUDENTI CLASSE 3AT ESPERTO ITS Lab Srl ATTIVITÀ FORMATIVA SECONDO CALENDARIO IS G. MINZONI Report Registro degli incontri DOCENTI DI CLASSE RESPONSABILE PROGETTO INTERNA Questionari STUDENTI CLASSE 3^ C ESPERTO L ISOLA DEI RAGAZZI Srl DOCENTI DI CLASSE RESPONSABILE PROGETTO ATTIVITÀ FORMATIVA ESTERNA SECONDO CALENDARIO L ISOLA DEI RAGAZZI SRL Report Registro degli incontri Questionari STUDENTI CLASSE 3 AT ESPERTO ITS Lab Srl DOCENTI DI CLASSE ATTIVITÀ FORMATIVA ESTERNA SECONDO CALENDARIO ITS LAB SRL Report Registro degli incontri RESPONSABILE PROGETTO Questionari DIRIGENTE SCOLASTICO REFERENTE PROGETTO DOCENTI CLASSI 3^C -3AT STUDENTI MONITORAGGIO/ DISSEMINAZIONE RISULTATI CONVEGNO CITTÀ DELLA SCIENZA NAPOLI PRODUZIONE CARTACEA E DIGITALE CLASSI 3^C -3AT L ISOLA DEI RAGAZZI Srl ITS Lab Srl

5 IS G. MINZONI & AZIENDA L ISOLA DEI RAGAZZI SRL PROPOSTA FORMATIVA Presentiamo l Azienda Nel cuore del centro storico di Napoli, L Isola dei ragazzi rappresenta una realtà editoriale di riferimento nazionale nella formazione dei giovani. Da oltre dieci anni affronta i grandi temi dell ambiente, della salute, della legalità, dell arte e della spiritualità, favorendo il dialogo giovani/adulti, scuola/famiglie. La casa editrice supporta aziende, enti e istituzioni per campagne di comunicazione in ambito socio-sanitario con pubblicazioni di carattere tecnico-scientifico e servizi di comunicazione multicanale. Ad accompagnare e completare la mission aziendale Informare per formare oltre alla produzione editoriale, Isola è impegnata in progetti formativi realizzati con la consulenza di esperti di vari settori: docenti universitari, scrittori, artisti, sociologi, per un rapporto diretto con il target principale, i ragazzi, e con altri attori ugualmente importanti nel processo di acquisto, gli insegnanti. Non solo parole, dunque, ma fattiva collaborazione con istituti scolastici e con enti locali, per la divulgazione di una rinnovata cultura della società multiculturale e multirazziale. TARGET FORMATIVO PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER Il web producer è l esperto di marketing on-line che collabora nel definire le strategie di comunicazione di un sito Internet, per ottenere la massima resa dai punti di vista commerciale e di immagine. Un buon web producer è abile a percepire le tendenze delle community, è in grado di comunicare utilizzando una varietà di codici e linguaggi. SKILL CARATTERIZZANTI LA FIGURA PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER: Competenze in ingresso: capacità di utilizzo dei mezzi informatici creatività nella risoluzione dei problemi capacità di analisi critica capacità carismatiche di leadership nella gestione delle community virtuali Competenze in uscita del web producer: saper analizzare il mercato saper costruire gli strumenti di indagine di mercato saper interpretare e elaborare i dati rilevati conoscere le strategie di marketing pianificare strategie di webmarketing per il successo di uno specifico prodotto web (sito internet, pagina social, blog, ecc.) classificare e organizzare le informazioni all'interno del sito web ottimizzare la visibilità di un sito web (es.: migliorando il posizionamento nei motori di ricerca)

6 STEPS FORMATIVI Docente: Dott.ssa Marta Palazzo DESTINATARI: STUDENTI DELLA CLASSE 3^ C - ISTRUZIONE PROFESSIONALE Premessa L obiettivo è fornire agli studenti le conoscenze di base del settore e visualizzarlo in contesti pratici, affinché le nozioni apprese in aula non rimangano nella sfera teorica, ma si traducano in competenze anche professionali. 18 ore di lezione: 9 lezioni da due ore in orario curriculare Prima lezione: Seconda lezione: Terza lezione Progettare una strategia di marketing nel Web 2.0 Owned Media: i media posseduti Earned Media: i media guadagnati Paid Media: i media comprati Immagine e sostanza: la brand reputation nell era della Rete Le dinamiche della reputazione in rete Ascolto, obiettivi, strumenti, organizzazione e valutazione La social media crisis: rivelazione, tipologie e prevenzione La Rete oggi è un grande focus group dove poter leggere cambiamenti, opinioni, percezioni, bisogni, pressioni, attese della società. Alcuni dati recenti rendono l idea del fenomeno: 13 ore di video caricati in media ogni minuti; il numero di foto archiviate Sono circa i contenuti condivisi ogni settimana (web link, news stories, blogposts,, notes, foto, etc.) il numero medio giornaliero di Tweet. Marketing non convenzionale Strategia non convenzionale Il non convenzionale offline Il non convenzionale on line Quarta lezione Quinta lezione Sesta lezione Dalla persuasione alla pervasione L Invertising e il nuovo senso di marcia dell advertising Newsletter, DEM e Transazionali Newsletter: come trovare nuovi iscritti DEM: criteri di scelta Incrementare aperture e tasso di clic e Social Media automatiche e multicanalità Le tecniche dell Marketing I vantaggi del Search Marketing Le leve del Search Marketing: SEM e SEO Search Engine Marketing- SEM Impostazione e lancio di una campagna online Gestine della campagna online Search Engine Optimizatione-SEO I motori di ricerca Piano SEO Settima lezione Ottava lezione Nona lezione Search Engine Marketing: diretto e indiretto Social Network L importanza di dati accurati Analisi degli accessi Visite Visitatori unici Come si caratterizza una visita Perché monitorare i Social Media Gli obiettivi di un progetto di monitoraggio Tipologie di Monitoraggio Gli utenti del web: Aprono blog personali o tematici. Commentano i post pubblicati da altri. Frequentano forum dedicati ai temi più disparati. Recensiscono prodotti, libri, ristoranti, locali, etc. Pubblicano e commentano foto e video. Raccontano la propria giornata e condividono i propri interessi. Segnalano i propri siti preferiti.

7 CLASSE 3^ sez C UNITÀ DI APPRENDIMENTO PLURIDISCIPLINARE TITOLO: PER IL WEB PRODUCER COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Competenze professionali Comprendere la realtà aziendale sapersi orientare nel tessuto produttivo del proprio territorio Essere in grado di redigere l organigramma dell azienda Comunicazione madrelingua Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali Produrre testi scritti di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Produrre un curriculum vitae Organizzare ed esporre oralmente l esperienza Competenze sociali Collaborare e partecipare Agire in modo autonomo e responsabile Presentarsi in maniera adeguata al contesto e alla tipologia degli interlocutori Gestire le relazioni nel rispetto della chiarezza, affidabilità e responsabilità nel rispetto delle regole Esporre e descrivere in modo chiaro, logico e coerente l esperienza vissuta Riconoscere e utilizzare differenti registri comunicativi Elaborare il curriculum vitae Utilizzare le lingue comunitarie Riconoscere le caratteristiche principali del mercato del lavoro Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio Compilare il CV nel rispetto delle normative europee Presentarsi in maniera adeguata in azienda e saper interagire con i vari interlocutori Manifestare curiosità e interesse Rispettare le regole dell organizzazione e gli accordi stabiliti Contesto, scopo e destinatario della comunicazione Codici fondamentali della comunicazione orale, verbale e non verbale Lessico di base tecnico-professionale Lessico di base e tecnico-professionale in inglese Il curriculum vitae Varie tipologie contrattuali del mercato del lavoro Regole per la costruzione di un curriculum vitae Strumenti essenziali per leggere il tessuto produttivo del proprio territorio Stili comportamentali e relazionali Regole dell organizzazione

8 STRUMENT I Aule, laboratori, computer, fotocamera digitale, scanner,, biblioteca, internet. SPAZI Scuola Azienda L ISOLA DEI RAGAZZI Srl VERIFICHE Ex ante In itinere Ex post Destinatari Fase di applicazione Tempi Studenti della classe 3^ C indirizzo professionale Presentazione dell attività e condivisione con la classe Questionario sulle aspettative degli studenti Creazione dei gruppi di lavoro e assegnazione dei compiti Scambio dei lavori di gruppo, discussione, revisione e composizione organica dei prodotti della UDA Questionario di autovalutazione Presentazione del prodotto finito al CdC Presentazione del prodotto a soggetti esterni Quota flessibilità del 30% dell orario curriculare METODOLOGIE RISORSE UMANE VALIDAZIONE DEL PERCORSO Lezioni frontali Laboratoriali Problem solving Interne D.S. Responsabile progetto Docenti del consiglio di classe esterne Esperti aziendali Valutazione del prodotto da parte del Cdc Valutazione delle competenze acquisite dagli studenti, da parte del Cdc Valutazione degli obiettivi specifici di apprendimento (conoscenze e abilità) da parte del singolo docente Autovalutazione del Cdc rispetto al raggiungimento degli obiettivi formativi Valutazione fra ex ante ed ex post delle aspettative degli studenti

9 DIAGRAMMA DI GANTT FASI TEMPI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO 1 PRESENTAZIONE PROGETTO 2 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 3 STESURA DELL ITINERARIO FORMATIVO 4 AVVIO DELL E ATTIVITA 5 VALUTAZIONE E DISSEMINAZIONE

10 UN PRODOTTO A TITOLO ESEMPLIFICATIVO CONSEGNA: REALIZZARE UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER UN PRODOTTO A SCELTA, INDIVIDUANDO TARGET DA MAPPA EURISKO ED APPLICANDO LE REGOLE DEL GUERRILLA E VIRAL MARKETING. PUBBLICITÀ AUTO 1) Fiaba della principessa che viene salvata da un principe in un auto cabrio che supera e prende in giro l altro principe a cavallo. Inizia con una voce fuori campo che dice c era una volta e si vede un principe figo che corre e si diverte nella macchina, prima di arrivare al castello per la strada incontra un altro principe a cavallo e gli ride in faccia,mentre torna con la principessa c è ancora l altro cavaliere che sta andando al castello. Alla fine la voce fuori campo presente l auto dicendo: auto da favola (che è anche la tag line). 2) Prima si vede la natura,bellissima, e una voce dice che non c è bisogno di commentare le cose naturali bellissime, poi su vede un auto che va ad andatura sostenuta, facendo un bel rumore sportivo rompe il silenzio e la monotonia di prima, e la stessa voce di prima dice che non c è bisogno nemmeno di commentare le cose meccaniche e artificiali belle quanto la natura stessa e tutto questo è ambientato in una strada che spunta dal paesaggio naturale visto prima. 3) Pubblicità di un auto piccola e sportiva (es. 500 Abarth). Un personaggio famoso ha tante auto di lusso e sportive nel suo garage. Inizialmente si sente un bel rumore sportivo e di gomme che stridono (si può pensare che sia una Ferrari) e sgommando esce la piccola auto che corre nelle curve delle città per arrivare nella periferia con una bella canzone di sottofondo, fin quando una voce dice che le cose inaspettate sono le più belle. 4) Un cantante o un dj esce da un locale dopo una serata acclamato dalla folla in un grande chiasso, e una lussuosa auto bellissima con un driver lo prende per portarlo all hotel sfrecciando tra i paparazzi e i giornalisti, mentre dentro il personaggio vip sorseggia in tutta tranquillità un drink, e sotto escono i dati del motore es. motore v6 3.2 da 320 cavalli ed un cavaliere. 5) Mentre piove molto, un auto che va benissimo, ha un ottima aderenza ad alte velocità, la voce di sottofondo spiega che questo è possibile grazie al differenziale e a tanti aggeggi elettronici, e poi esce una scritta letta dalla voce: sono le condizioni peggiori a rendere le cose straordinarie. Può anche succedere che passando un bambino se ne innamori e la indichi alla mamma. Antonio Cerere 3^ C Professionale

11 ALCUNI MOMENTI DELLA FORMAZIONE con la Dott.ssa Marta Palazzo

12

13 REPORT CONCLUSIVO WEB PRODUCER IS G. MINZONI - L ISOLA DEI RAGAZZI Srl Il corso rivolto alla 3 C dell Istituto Minzoni ha inteso delineare le competenze professionali di un web producer inserito in un azienda editoriale. L obiettivo principale è stato quello di sviluppare negli studenti la capacità di operare con il Web e di esprimersi creativamente con esso, di analizzare i mercati di riferimento, di sviluppare capacità di team building e problem solving. Il corso ha fornito le conoscenze di base del settore del marketing editoriale al tempo del web 2.0, offrendo al contempo ai partecipanti anche media educazione, affinché ogni studente non sia più un fruitore passivo dei media, ma un utente consapevole avendo acquisito strumenti critici attraverso la conoscenza della grammatica e della sintassi dell immagine, dei codici mediali e dei linguaggi espressivi oltre che delle pratiche di consumo. Il corso ha fornito agli studenti le competenze e gli strumenti pratici per entrare nel mondo della pubblicità. Il laboratorio ha avuto lo scopo di trasferire agli studenti competenze specifiche ed esperienze significative che, sotto la guida del relatore, si sono tramutate in un lavoro pratico che ha simulato il funzionamento di un settore specifico di un azienda identificabile con quello del marketing. L intento è stato quello di giungere alla creazione di una campagna pubblicitaria, attraverso le varie fasi del processo che determinano la sua realizzazione; partendo dal brainstorming, attraverso la creazione della copy strategy, il gruppo di lavoro è giunto alla creazione di un advertising idea ed alla realizzazione pratica di una comunicazione pubblicitaria applicata al prodotto libro. Il corso ha inteso fornire, inoltre, agli studenti gli elementi fondamentali finalizzati alla comprensione, progettazione e produzione di azioni di marketing nelle imprese editoriali. L analisi effettuata con gli studenti è stata arricchita da riflessioni sulle strategie di comunicazione legate al mondo dell editoria; digressioni storiche sull evoluzione dell editoria che hanno completato le lezioni di teoria e pratica sulle imprese editoriali. Nelle 18 ore di lezioni in aula sono stati affrontati, attraverso case history, riferiti allo scenario attuale del mercato editoriale e della comunicazione in generale, e simulazioni di casi aziendali, i seguenti temi, distribuiti in quattro parti: PARTE 1 - Il marketing e il processo di marketing - Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente - L impresa e la strategia di marketing finalizzata alla relazione di clientela PARTE 2 - Comprendere i mercati e i consumatori - L ambiente di marketing dell impresa - Il sistema delle informazioni di marketing per ottenere dati sui clienti - I comportamenti d acquisto nei mercati del consumatore - I comportamenti d acquisto nei mercati delle imprese PARTE 3 - Strategia di marketing e marketing mix orientati al cliente - Creare valore per il cliente obiettivo - La strategia del prodotto, dei servizi e della marca - Lo sviluppo dei nuovi prodotti e le strategie del ciclo di vita del prodotto - La determinazione del prezzo: comprendere e cogliere il valore per il cliente - Le strategie di prezzo - I canali di marketing: offerta di valore ai clienti - La distribuzione al dettaglio e all ingrosso - Comunicare valore ai clienti: strategie di comunicazione integrata di marketing - La pubblicità e le pubbliche relazioni - La vendita personale e la promozione delle vendite - Il marketing diretto e online PARTE 4 - Estendere il campo di applicazione del marketing - Creazione di un vantaggio competitivo - Il mercato globale - Il marketing sostenibile: etica e responsabilità sociale Successivamente alle lezioni in aula, ha fatto seguito un laboratorio pratico in azienda per la realizzazione di una campagna di marketing virale destinata al lancio di un romanzo per teenager. La campagna è stata sviluppata partendo dall analisi del prodotto, dello scenario, del target e del budget di investimento previsto dall azienda committente. I ragazzi divisi in gruppi di lavoro hanno sviluppato il format partendo dall ideazione del concept e dalla scelta della location, dei media e degli strumenti da utilizzare, fino alla presentazione della campagna al committente.

14 PROPOSTA FORMATIVA IS G. MINZONI & AZIENDA ITS LAB SRL Presentiamo l Azienda.. ITSLAB è un azienda che opera nel settore dell ICT (Information Communication Technology) con l obiettivo di creare valore per i propri clienti attraverso l innovazione,servizi di consulenza, system integration e outsourcing, fornendo un ampia gamma di soluzioni e prodotti. ITS LAB opera mettendo le sue competenze e le sue soluzioni al servizio delle principali aziende nei settori: - telecomunicazioni - media - industria e distribuzione - energia - trasporti e logistica - pubbliche amministrazioni - turismo e nautica - banche ed assicurazioni. L area Ricerca di ITSLAB persegue gli obiettivi dell incremento della competitività aziendale attraverso: l individuazione e la gestione di progetti di ricerca finanziati da istituzioni nazionali ed internazionali la ricerca di partner industriali per lo sviluppo di progetti innovativi la ricerca di nuove soluzioni tecnologiche medium term oriented l interconnessione tra l azienda, i centri di ricerca e le università. TARGET FORMATIVO PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB DESIGNER La figura del Web Designer è inquadrata nel settore dell Information and Comunication Technology e si occupa della progettazione tecnica, strutturale e grafica di un sito web; possiede varie competenze che vanno dallo studio del singolo elemento alla analisi di complessità dell intero progetto, trattando l usabilità, l accessibilità, l aspetto visivo ed il coinvolgimento emotivo degli utenti di siti Web business to business (B2B) e business to consumer (B2C). SKILL CARATTERIZZANTI LA FIGURA PROFESSIONALE DEL WEB DESIGNER: Competenze di processo: - raccolta e codifica dei requisiti del cliente - definizione del modello di comunicazione del cliente - valorizzazione dell identità del brand e contestualizzazione in ambiente web - marketing e strategia di comunicazione - redazione e revisione dei contenuti - organizzazione dei contenuti in concetti strutturati ed adattamento all ambiente web - conoscenza dei circuiti pubblicitari e dei canali di comunicazione su web - psicologia dell utente - piano editoriale

15 Competenze tecniche: - definizione del modello di navigazione da adottare per il sito web, coniugando aspetti di usabilità ed accessibilità secondo gli standard previsti dal settore - progettazione tecnica, strutturale e grafica del sito - progettazione del modello di interazione con l utente - conoscenza dei linguaggi di programmazione e degli ambienti di sviluppo e di grafica per il web e dei meccanismi di funzionamento dei browser - sviluppo di applicazioni dinamiche ed interazione con basi di dati - conoscenza dei motori di ricerca per il web e delle problematiche di Search Engine Optimization (SEO) - realizzazione di componenti grafici statici ed animati da pubblicare su web - versioning e manutenzione del sito Competenze in ingresso buona conoscenza della lingua madre e sufficiente conoscenza della lingua inglese (preferibilmente inglese tecnico) capacità di comunicazione capacità di analisi e di problemsolving utilizzo base del computer, di editor di testo e/o di editor grafici, capacità di utilizzo di Internet (navigazione, messaggistica, blog, wiki, reti sociali, motori di ricerca, ecc.) Le seguenti conoscenze opzionali consentono di approfondire maggiormente alcuni argomenti legati all utilizzo delle tecnologie a supporto: editor ipertestuali, software di gestione di comunità virtuali, sistemi di content authoring and management, database, linguaggi di programmazione modalità di funzionamento dei motori di ricerca conoscenza di tool grafici e realizzazione di elementi grafici statici ed animati sviluppo di siti internet

16 STEPS FORMATI Docente: Dott. Giovanni Barchetta DESTINATARI: STUDENTI DELLA 3^ AT ISTRUZIONE TECNICA Denominazione UF1/1 Contenuti Canali di comunicazione su web Cenni alla definizione di un piano editoriale Cenni ai modelli di navigazione, con particolare riferimento ad usabilità ed accessibilità Linee guida per la progettazione del sito e del modello di interazione con l utente Durata in ore 2 Modalità formative Lezione teorica Risultato atteso Acquisizione delle nozioni teoriche di base per l introduzione alla figura del Web Designer Attrezzature e supporti didattici Dispense Proiettore PC docente con accesso a Internet UF 1/2 Piattaforme per la gestione dei contenuti Linguaggi di programmazione per il web Tool di sviluppo e di grafica Funzionamento dei browser 2 Lezione teorica Acquisizione delle nozioni teoriche di base per l introduzione alla figura del Web Designer Dispense Proiettore PC docente con accesso a Internet UF 1/3 Utilizzo pratico di un tool di web authoring Gestione dei menu Gestione degli utenti, dei gruppi e dei permessi di accesso Tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca Gestione di contenuti, articoli, categorie e sezioni Gestione di RSS feeds Gestione dei template e delle estensioni Gestione plug in e lingue 2 Applicazione pratica Acquisizione delle nozioni pratiche di base per l utilizzo di strumenti di sviluppo Dispense Proiettore PC docente con accesso a Internet PC discenti con tool di web authoring

17 UF 1/4 Realizzazione di funzionalità base per il sito della classe prima parte (home page personalizzata, creazione utenze ed accessi, definizione dei menu, banner, messaggi, sondaggi, utenti on line, campo di ricerca, elementi decorativi) Esercitazione con verifica 2 Applicazione pratica con verifica Applicazione delle nozioni teoricopratiche acquisite nelle precedenti lezioni ad un caso reale Dispense Proiettore PC docente con accesso a Internet PC discenti con tool di web authoring UF 1/5 Realizzazione di funzionalità base per il sito della classe seconda parte (inserimento contenuti e metadati, parametri relativi ai contenuti, statistiche, template, categorie e sezioni, processo di pubblicazione) Esercitazione con verifica Realizzazione di funzionalità avanzate per il sito della classe (newsfeed, collegamenti web, annunci, articoli più letti, forum, calendari, gestione contenuti multimediali e gallerie, supporto multilingua, cenni alle estensioni) 2 Applicazi one pratica con verifica Applicazione delle nozioni teoricopratiche acquisite nelle precedenti lezioni ad un caso reale Dispense Proiettore PC docente con accesso a Internet PC discenti con tool di web authoring UF 1/6 2 Applicazi one pratica Applicazione delle nozioni teoricopratiche acquisite nelle precedenti lezioni ad un caso reale Dispense Proiettore PC docente con accesso a Internet PC discenti con tool di web authoring

18 ISS G. MINZONI - GIUGLIANO IN CAMPANIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2011/12 CLASSE 3^ sez AT UNITÀ DI APPRENDIMENTO PLURIDISCIPLINARE TITOLO: PER IL WEB DESIGNER COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Competenze professionale comprendere la realtà aziendale sapersi orientare nel tessuto produttivo del proprio territorio essere in grado di redigere l organigramma dell azienda Comunicazione madrelingua Redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali Produrre testi scritti di vario tipo in relazione ai differenti scopi comunicativi Produrre un curriculum vitae Organizzare ed esporre oralmente l esperienza Competenze sociali Collaborare e partecipare Agire in modo autonomo e responsabile Presentarsi in maniera adeguata al contesto e alla tipologia degli interlocutori Gestire le relazioni nel rispetto della chiarezza, affidabilità e responsabilità nel rispetto delle regole Esporre e descrivere in modo chiaro, logico e coerente l esperienza vissuta Riconoscere e utilizzare differenti registri comunicativi Elaborare il curriculum vitae Utilizzare le lingue comunitarie Riconoscere le caratteristiche principali del mercato del lavoro Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio Compilare il CV nel rispetto delle normative europee Presentarsi in maniera adeguata in azienda e saper interagire con i vari interlocutori Manifestare curiosità e interesse Rispettare le regole dell organizzazione e gli accordi stabiliti Contesto, scopo e destinatario della comunicazione Codici fondamentali della comunicazione orale, verbale e non verbale Lessico di base tecnico-professionale Lessico di base e tecnico-professionale inglese Il curriculum vitae Varie tipologie contrattuali del mercato del lavoro Regole per la costruzione di un curriculum vitae Strumenti essenziali per leggere il tessuto produttivo del proprio territorio Stili comportamentali e relazionali Regole dell organizzazione

19 STRUMENT I Aule, laboratori, computer, fotocamera digitale, scanner, biblioteca, internet. SPAZI Scuola Azienda ITS Lab VERIFICHE Ex ante In itinere Ex post Destinatari Fase di applicazione Tempi Studenti della classe 3^ AT indirizzo tecnico Presentazione dell attività e condivisione con la classe Questionario sulle aspettative degli studenti Creazione dei gruppi di lavoro e assegnazione dei compiti Scambio dei lavori di gruppo, discussione, revisione e composizione organica dei prodotti della UDA Questionario di autovalutazione Presentazione del prodotto finito al Cdc Presentazione del prodotto a soggetti esterni Quota flessibilità del 30% dell orario curriculare METODOLOGIE RISORSE UMANE VALIDAZIONE DEL PERCORSO Lezioni frontali Laboratoriali Problem solving Interne D.S. Responsabile progetto Docenti del consiglio di classe esterne Esperti aziendali Valutazione del prodotto da parte del Cdc Valutazione delle competenze acquisite dagli studenti, da parte del Cdc Valutazione degli obiettivi specifici di apprendimento (conoscenze e abilità) da parte del singolo docente Autovalutazione del Cdc rispetto al raggiungimento degli obiettivi formativi Valutazione fra ex ante ed ex post delle aspettative degli studenti

20 DIAGRAMMA DI GANTT FASI TEMPI GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO 1 PRESENTAZIONE PROGETTO 2 ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO 3 STESURA DELL ITINERARIO FORMATIVO 4 AVVIO DELL E ATTIVITA 5 VALUTAZIONE E DISSEMINAZIONE

21 ALCUNI PRODOTTI A TITOLO ESEMPLIFICATIVO CONSEGNA: REALIZZARE UN LOGO PER UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA CON Photoshop CS5 Stingo Antonio Luigi Taglialatela Luigi Verrazzo Panterli Luisa Domenico Cacciapuoti

22 ALCUNI PRODOTTI A TITOLO ESEMPLIFICATIVO CONSEGNA: REALIZZARE UN INTESTAZIONE PER UNA PAGINA WEB DI UN SITO CON DREAMWEAVER 8 Raffaele Vallefuoco Tania Iuffredo Deborah Micillo

23 Gino e Crescenzo Gessica Celentano Alessia Annunziatina

24 ALCUNI MOMENTI DELLA FORMAZIONE con il Dott. Giovanni Barchetta

25

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE

Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE Ente capofila progetto; AUTORI UDA Pagina 1 di 12 UDA cartografia 4a.doc

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione La compravendita in un impresa commerciale Prodotti Documentazione relativa alla vendita di beni. Lettera richiesta invio listino prezzi, listino prezzi, lettera

Dettagli

Un impianto elettrico civile

Un impianto elettrico civile UNITA di APPRENDIMENTO Denominazione Un impianto elettrico civile Compito - Prodotti Si tratta di redigere uno schema di un impianto civile, utilizzando un software specifico Copie di relazioni tecniche

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO Bienvenue, Welcome, Willkommen, Benvenuti alle Cinque Terre.

UNITA DI APPRENDIMENTO Bienvenue, Welcome, Willkommen, Benvenuti alle Cinque Terre. Denominazione: Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza UNITA DI APPRENDIMENTO Bienvenue, Welcome, Willkommen, Benvenuti alle Cinque Terre. Presentazione turistica multimediale

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER PROGRAMMA LEZIONI

PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER PROGRAMMA LEZIONI PROFILO PROFESSIONALE DEL WEB PRODUCER PROGRAMMA LEZIONI Introduzione La rivoluzione tecnologica che ha investito la nostra società si esplica in tutti i settori della vita produttiva e sociale. L emergere

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO SCHEDA VALUTAZIONE STUDENTE. ITE indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING (3 ANNO)

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO SCHEDA VALUTAZIONE STUDENTE. ITE indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING (3 ANNO) SCHEDA DI VALUTAZIONE STUDENTE A CURA DELLA STRUTTURA OSPITANTE I.I.SUPERIORE R. MATTIOLI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO a.s. 05-06 Studente: Corso: SCHEDA VALUTAZIONE STUDENTE Alternanza Scuola-Lavoro: DAL..

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UNA MACCHINA OPERATRICE

UNITA DI APPRENDIMENTO MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UNA MACCHINA OPERATRICE UNITA DI APPRENDIMENTO MANUTENZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO DI UNA MACCHINA OPERATRICE Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE I.P.S.I.A.

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1

UNITA DI APPRENDIMENTO 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza A TUTTA BIRRA Guida a un uso consapevole delle bevande alcoliche Realizzazione di una guida alle

Dettagli

Unità didattica di apprendimento Denominazione:La ceramica dei giovani dell Apq

Unità didattica di apprendimento Denominazione:La ceramica dei giovani dell Apq Compito - Prodotto Competenze mirate ITES Don Luigi Sturzo Bagheria Unità didattica di apprendimento Denominazione:La ceramica dei giovani dell Apq Vendita di oggetti in ceramica, per uso ornamentale,

Dettagli

Saldature a gas ed elettriche

Saldature a gas ed elettriche UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Saldature a gas ed elettriche Presentare le diverse tecnologie di saldatura, le relative fasi di lavorazione, le problematiche da affrontare fino al raggiungimento

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE I.P.S.I.A. G. GIORGI Verona prof.ri Giovanni Francavilla,

Dettagli

Progettare Giunti di Trasmissione

Progettare Giunti di Trasmissione UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Progettare Giunti di Trasmissione Prodotti Progetti di giunti di trasmissione del moto e documentazione tecnica per la loro produzione di serie 4 - Competenza digitale

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. Per la classe II. Docenti autori:

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. Per la classe II. Docenti autori: UdA Campagna per il lancio di uno snack alternativo Per la classe II Docenti autori: Prof.ssa Paola Antonutti Prof.ssa Marcella Casarsa Prof.ssa Mirella De Michele Prof.ssa Alessandra Fabris Prof.ssa Grazia

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 2

UNITA DI APPRENDIMENTO 2 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti MENS SANA IN CORPORE SANO Alimentazione e sport Guida riguardante le regole della corretta alimentazione dello sportivo; Piatti della dieta dello sportivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 Denominazione Scuola IISS Oreste Del Prete DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E LETTERE GRUPPO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO: 201/2015 DOCENTE REFERENTE: Di Viggiano Vito DOCENTI: Costanza Egidia Di Viggiano Vito

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

UDA PROGETTIAMO E PARTIAMO

UDA PROGETTIAMO E PARTIAMO UDA PROGETTIAMO E PARTIAMO UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione PROGETTIAMO E PARTIAMO Modello di preparazione di una visita sul territorio con analisi geostorica del sito e dei reperti/monumenti che contiene;

Dettagli

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013

PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. 9^ edizione. a.s. 2012-2013 Promozione percorsi sperimentali di Alternanza scuola-lavoro (art.4, Legge 28 marzo 2003, n.53) D.D.G. n. 640 del 30/01/2012 PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO 9^ edizione a.s. 2012-2013 Istituto: I.I.S.S.

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011 Via Cappuccini, 27 75100 MATERA Tel/fax 0835 310024 - Presidenza 0835 310040 C.F. 93002390776 http:/www.liceoartisticomatera.it mtsl01000b@istruzione.it SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA

Dettagli

Progettista della comunicazione web

Progettista della comunicazione web UDA Progettista della comunicazione web Responsabile grafico della comunicazione on-line Discipline Grafiche e Laboratorio Grafico CLASSE 3a GRAFICA A.S. 2015/16 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Responsabile

Dettagli

Indirizzo Grafica e Comunicazione

Indirizzo Grafica e Comunicazione Istituti tecnici Settore tecnologico Indirizzo Grafica e Comunicazione L indirizzo Grafica e Comunicazione ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale, le competenze

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

LABORATORIO GRAFICA. U.D.A. n.1 Regole compositive con software digitali per la grafica

LABORATORIO GRAFICA. U.D.A. n.1 Regole compositive con software digitali per la grafica Secondo biennio LABORATORIO GRAFICA U.D.A. n.1 Regole compositive con software digitali per la grafica PECUP Conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Abitudini alimentari. Prodotta per un Liceo Pedagogico UdA Abitudini alimentari Prodotta per un Liceo Pedagogico Docenti che hanno collaborato: prof. Emanuele Bonutti prof.sa Emanuela Filipuzzi prof.sa Simona Perissutti prof.sa Vicenzina Soriano LA DIDATTICA

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3

Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Profilo professionale: PROMOTORE CONGRESSUALE Livello: 3 Competenze Materie Competenze associate C1 C2 SENSIBILIZZAZIONE DEI GRUPPI DI INTERESSE ORGANIZZAZIONE DI CONGRESSI, SEMINARI, MEETING, CONVENTION,

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Livello cognitivo globale di ingresso. problematico accettabile buono X ottimo. alto medio-alto medio x medio-basso basso insufficiente

Livello cognitivo globale di ingresso. problematico accettabile buono X ottimo. alto medio-alto medio x medio-basso basso insufficiente Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E PER L ARTIGIANATO G. GIORGI specializzazioni: ODONTOTECNICA MECCANICA TERMICA ELETTRICA ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI Via Terraglio, 53 31100 TREVISO Tel.

Dettagli

PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ORIENTATORE TURISTICO CULTURALE-AMBIENTALE

PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO ORIENTATORE TURISTICO CULTURALE-AMBIENTALE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUIGI AMABILE AVELLINO a.s. 2015/2016 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO INDIRIZZO TURISMO TERZE CLASSI 3^ sez. E / 3^ sez. T LA NUOVA FIGURA PROFESSIONALE ORIENTATORE TURISTICO

Dettagli

III annualità Corso Web Producer Le professioni del web Docente: dott. Andrea Senneca

III annualità Corso Web Producer Le professioni del web Docente: dott. Andrea Senneca Delivery Unit Campania III annualità Corso Web Producer Le professioni del web Docente: dott. Andrea Senneca REPORT CONCLUSIVO Destinatari della formazione Studenti delle classi VAt e VC dell Istituto

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

Digital Marketing Area

Digital Marketing Area Digital Marketing Area Digital Strategy Web Communication Search Engine Optimization Online Advertising Social Media Marketing Web Copywriting Analytics and Web Reputation Ci hanno scelto: elogic s.r.l.

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Attività e progetti sui temi della sicurezza proposti agli studenti dell I.I.S. C. Pesenti nell anno scolastico 2011-2012

Attività e progetti sui temi della sicurezza proposti agli studenti dell I.I.S. C. Pesenti nell anno scolastico 2011-2012 Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore Statale CESARE PESENTI C.T.P. EDA (Centro Educazione degli Adulti) Via Ozanam, 27 24126 Bergamo 035-319416 035-319351

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione LA DIDATTICA PER COMPETENZE: NUOVI STRUMENTI PER L ACQUISIZIONE, LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Liceo Artistico "G. Sello" - Udine Anno scolastico 2014/2015 UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

ESPERTO PROGETTISTA IN DISEGNO TECNICO, RENDERING E GRAFICA: DAL 2D AL 4D

ESPERTO PROGETTISTA IN DISEGNO TECNICO, RENDERING E GRAFICA: DAL 2D AL 4D Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: 505 Caratteristiche del percorso formativo ESPERTO PROGETTISTA IN DISEGNO TECNICO, RENDERING

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli)

I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) I.T.I. E.Medi - San Giorgio a Cremano (Napoli) Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni Articolazione: Informatica INFORMATICA: Analisi Disciplinare FINALITÀ GENERALI DELL INDIRIZZO E DELL ARTICOLAZIONE

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA SCUOLA/LAVORO A.S. 2010/2011 1 LICEO ARTISTICO STATALE C.Levi MATERA In caso di ISS indicare l ordine di scuola a cui si riferisce il progetto (Liceo,

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

+39 0258370580. Offerta formativa 2016

+39 0258370580. Offerta formativa 2016 +39 0258370580 Offerta formativa 2016 L offerta formativa a catalogo 2016 è il primo prodotto del partenariato ICOM Italia e Intesa Sanpaolo Formazione - agenzia formativa del Gruppo Intesa Sanpaolo -

Dettagli

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione -

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - Laboratorio operativo sugli strumenti di Business, Marketing & Reputation,per aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende on-line SCENARIO Ogni giorno

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA

Anno scolastico 2015 / 2016. Piano di lavoro individuale. ITE Falcone e Borsellino. Classe: IV ITE. Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale ITE Falcone e Borsellino Classe: IV ITE Insegnante: DEGASPERI EMANUELA Materia: LABORATORIO DI INFORMATICA ISS BRESSANONE-BRIXEN LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico

OBBLIGO FORMATIVO. Corso operatore grafico OBBLIGO FORMATIVO Corso operatore grafico Corso operatore grafico La figura professionale Descrizione sintetica della figura: L Operatore grafico, interviene, a livello esecutivo, nel processo di produzione

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING

DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING II IV VI VIII Indolceattesa Marketing Solutions è una struttura specializzata nella realizzazione di servizi di marketing per

Dettagli

Multichannel Marketing Consultancy. 2014 2015 Copyright CircleSrl

Multichannel Marketing Consultancy. 2014 2015 Copyright CircleSrl Multichannel Marketing Consultancy Circle: un interlocutore qualificato Consulenza Innovazione Integrazione e sinergia Marketing multicanale Circle: un partner per il tuo business Supporto alla crescita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE Prof.ssa GORI BARBARA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Materia TECNICHE DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE Classe 5 a Tecnico dei Servizi Commerciali Sez. C Situazione iniziale della

Dettagli

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

DECRETO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell Istruzione ISTITUTO COMPRENSIVO DOSOLO-POMPONESCO-VIADANA Via Colombo 2, 46030 San Matteo delle Chiaviche (MN). Tel. 0375 800041 Fax: 0375 80216 Sito: : www.icdosolopomponescosanmatteo.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.)

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 INSEGNANTE: Teresa Bruno CLASSE: 2 a sez. A Operatore Elettrico SETTORE: Industria e Artigianato

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO. Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York UDA Denominazione Prodotti UNITA DI APPRENDIMENTO Viaggio a New York Costruzione di un itinerario turistico nella città di New York Competenze chiave/competenze culturali GEOGRAFIA: L alunno si orienta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO COMUNICAZIONE GRAFICA. Comprendente:

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO COMUNICAZIONE GRAFICA. Comprendente: FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO COMUNICAZIONE GRAFICA Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE Classe III R 2015/16 Comunicazione

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio...

www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio... www.ilsole24ore.com/master24 Dal 23 gennaio... ...incontra in aula gli Esperti del Sole 24 ORE. Il mercato parla una nuova lingua. Per capirla c e il nuovo Master in Marketing & Comunicazione MASTER24:

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Esperto in Comunicazione, Relazioni Pubbliche e Web Marketing

Esperto in Comunicazione, Relazioni Pubbliche e Web Marketing Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo Esperto in Comunicazione, Relazioni Pubbliche

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio.

UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio. UNITA DI APPRENDIMENTO per la scuola primaria Denominazione Che ora è? Il tempo e gli strumenti per misurarlo. Costruiamo ll orologio. Prodotti Competenze mirate (Competenze chiave europee e competenze

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE PIANIFICAZIONE MODULI DI APPRENDIMENTO classe I sezione DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA INSEGNANTE: ANNO SCOLASTICO COMPOSIZIONE DELLA CLASSE: MASCHI: FEMMINE:

Dettagli

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4

PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PROGETTO ASCOLTO DOCENTI PAD 4 PREMESSA Il corso di formazione a distanza PAD (Progetto Ascolto Docenti) in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia, è giunto alla sua quarta

Dettagli

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA

CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE. RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA CERTIFICAZIONE E VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE RELATORE: Prof.ssa VERONICO ANTONIA OLIMPIA PREMESSA La certificazione delle competenze, che accompagna il documento di valutazione degli apprendimenti, va

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: Evangelista Antonella MATERIA: Informatica CLASSE: 4 Q Sistemi Informativi Aziendali Anno scolastico 2012-2013 N. ore settimanali nella classe : 5 h

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali N.PROT. 3448 C/27 del 02 dicembre 2010 Allegato 3 FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI QUADRIENNALI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Istituti Professionali INDICATORI PER LA VALUTAZIONE DEI PROGETTI DI ALTERNANZA

Dettagli

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB

SCENARIO. Formazione Unindustria Treviso - Business 2.0 LAB BUSINESS 2.0 LAB Laboratorio operativo sui nuovi strumenti di Business, Marketing & Reputationper aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende SCENARIO Oggi il percorso di acquisto e informazione

Dettagli

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti

La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti La piattaforma etwinning: modalità d uso, potenzialità e limiti Franco Di Cataldo La piattaforma etwinning costituisce un riferimento importante per la valorizzazione ed il potenziamento di progetti europei

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli