MODIFICA DELL'OFFERTA DI INTERCONNESSIONE DI RIFERIMENTO DELLA SOCIETA' TELECOM ITALIA (AS209) (*)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODIFICA DELL'OFFERTA DI INTERCONNESSIONE DI RIFERIMENTO DELLA SOCIETA' TELECOM ITALIA (AS209) (*)"

Transcript

1 MODIFICA DELL'OFFERTA DI INTERCONNESSIONE DI RIFERIMENTO DELLA SOCIETA' TELECOM ITALIA (AS209) (*) Roma, 21 settembre 2000 Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in conformità a quanto previsto dall articolo 22 della legge 10 ottobre 1990, n. 287, e sulla base della richiesta pervenuta in data 4 agosto 2000 da parte di codesta Autorità, ai sensi dell articolo 4, comma 9, del DPR 19 settembre 1997, n. 318, e dell articolo 14, comma 8, del DM 23 aprile 1998, intende svolgere le seguenti considerazioni in ordine allo schema di provvedimento riguardante la valutazione e la richiesta di modifica dell offerta di interconnessione di riferimento di Telecom Italia dell anno L Autorità intende innanzitutto esprimere il proprio apprezzamento per la complessa attività istruttoria svolta dall Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (di seguito AGCOM), che ha consentito di pervenire all individuazione dei principali ostacoli allo sviluppo di un effettiva concorrenza nei mercati dei servizi di telecomunicazioni e quindi, attraverso le modifiche ed integrazioni disposte nel provvedimento in esame, ha contribuito ad un effettivo adeguamento dell Offerta di interconnessione di riferimento presentata dalla società Telecom Italia Spa per il 2000 (di seguito Offerta) ai principi previsti dalla disciplina normativa nazionale e comunitaria in materia. In tal senso, appaiono meritevoli di apprezzamento le disposizioni volte all inserimento nell Offerta delle condizioni tecniche ed economiche relative: al servizio di transito verso numerazioni non geografiche di operatori terzi, con e senza attività di intermediazione finanziaria da parte di Telecom stessa; alla fornitura dei collegamenti trasmissivi di interconnessione ed interfacce di rete a 155 Mbit/s, nonché dei collegamenti trasmissivi in estensione a velocità di 34 e 155 Mbit/s; ai servizi di interconnessione per linee affittate; all accesso di abbonati Telecom Italia a tutti i numeri non geografici assegnati all operatore interconnesso, nel rispetto del principio generale in base al quale Telecom Italia deve offrire accesso a tutte le numerazioni geografiche e non geografiche contenute nel piano nazionale di numerazione. L Autorità ritiene inoltre condivisibile, nel perseguimento del principio di orientamento al costo e al fine di incentivare l operatore dominante alla massima efficienza, quanto previsto nell ambito del provvedimento in oggetto in merito alla modifica delle condizioni economiche di fornitura dei servizi di carrier preselection e number portability. L Autorità, reputando quindi che nel loro complesso gli emendamenti proposti siano idonei a rimuovere alcuni dei principali aspetti di discriminazione, non trasparenza ed eccessiva onerosità delle condizioni di interconnessione presentate da Telecom Italia Spa, ritiene opportuno svolgere alcune specifiche considerazioni volte a promuovere uno sviluppo ancor più efficace di condizioni di interconnessione effettivamente concorrenziali e favorire un corretto funzionamento del mercato. i) Le condizioni economiche proposte da Telecom Italia Spa per il trasporto commutato L Autorità ha già reiteratamente espresso il proprio orientamento in base al quale una corretta definizione delle condizioni economiche di interconnessione, che rappresentano il prezzo di offerta di un servizio essenziale per lo sviluppo della concorrenza nei mercati delle telecomunicazioni, debba essere basata sui soli elementi del costo specificamente sostenuto per offrire tale servizio. Al riguardo, l Autorità ribadisce (*) [Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Delibera n. 10/00/CIR, Valutazione e richiesta di modifica dell'offerta di interconnessione di riferimento di Telecom Italia 2000, G.U. n. 256 del 2 novembre 2000 [N.d.r.].]

2 pertanto la necessità di pervenire entro un termine stringente all individuazione dei criteri per la definizione di un sistema di calcolo basato sui costi correnti, al fine di permettere alla stessa Telecom Italia di predisporre l Offerta di interconnessione di riferimento per l anno 2001, ricorrendo ad una metodologia basata sui costi effettivamente sostenuti. Appare inoltre improcrastinabile, in conformità a quanto previsto dalla normativa comunitaria e nazionale applicabile, la fissazione delle scadenze per introdurre una nuova metodologia per la determinazione delle condizioni economiche di interconnessione basata sui costi prospettici incrementali di lungo periodo. Giova in ogni caso evidenziare che l Autorità, a fronte della mancata predisposizione di valori economici sulla base di una certificazione dei costi, in considerazione dell effetto ostativo allo sviluppo della concorrenza sui mercati dei servizi di telecomunicazioni derivante dall onerosità delle condizioni di interconnessione proposte da Telecom Italia Spa, ha condiviso l applicazione della migliore prassi corrente ai fini della definizione dei corretti livelli dei prezzi dei servizi di interconnessione del gestore dominante. Occorre tuttavia ribadire come il ricorso a tale criterio debba costituire una metodologia di carattere transitorio alla quale fare opportunamente riferimento in attesa della verifica del sistema di contabilità dei costi adottato da Telecom Italia Spa, in quanto non rappresenta un sistema idoneo, nel lungo periodo, a garantire un effettiva corrispondenza tra i prezzi e i costi dell operatore notificato. Vale inoltre rammentare che l Autorità ha auspicato l introduzione di un criterio di determinazione di prezzi di interconnessione basato sulla distanza chilometrica, in quanto ritenuto più oggettivo rispetto al riferimento all architettura di rete di Telecom Italia Spa e quindi idoneo a garantire un maggior orientamento al costo delle tariffe di interconnessione, un più razionale impiego dell infrastruttura del gestore dominante da parte degli operatori interconnessi e suscettibile di incentivare la nascita di nuove infrastrutture. Occorre inoltre sottolineare che le Autorità Nazionali di Regolamentazione, nella valutazione delle condizioni economiche dei servizi di interconnessione degli operatori notificati come aventi notevole forza di mercato, hanno il potere di utilizzare pienamente l intervallo di valori definito nella best current practice per evitare possibili effetti di compressione dei prezzi (price squeeze) tra prezzi finali e tariffe di interconnessione. L Autorità si è già espressa nel senso che l applicazione del benchmark europeo debba essere attuata secondo un criterio di neutralità, individuando appropriati valori contenuti all interno del suddetto intervallo, in modo da non produrre squilibri concorrenziali a favore dell operatore in posizione dominante o, alternativamente, dei suoi concorrenti. Alla luce di quanto sopra esposto, l Autorità condivide pienamente la disposizione dello schema di provvedimento in commento che impone una riduzione dei valori economici per il trasporto commutato a livello di SGU, al fine di stimolare l affermazione della concorrenza in ambito locale. L intervento di modifica si basa infatti sulla circostanza, comprovata dalle risultanze istruttorie, che le condizioni economiche presentate da Telecom Italia Spa, allineate ai valori massimi della migliore prassi corrente, non garantiscono una piena concorrenzialità del mercato italiano dei servizi telefonici in particolare nell ambito locale, in quanto non consentono agli operatori interconnessi di effettuare offerte competitive rispetto alle offerte commerciali di Telecom Italia Spa, come evidenziato dalle recenti proposte di pacchetti tariffari da parte della medesima società. In ragione delle osservazioni sopra svolte, in particolare dei poteri di adeguamento dell Autorità Nazionale di Regolamentazione, e sulla base delle risultanze dell istruttoria condotta dall AGCOM, l Autorità ritiene necessario un intervento della stessa AGCOM volto a ridurre anche i valori economici proposti da Telecom Italia Spa per il trasporto commutato a livelli gerarchici di rete superiori (ovvero di SGT), attualmente allineati ai valori massimi della migliore prassi corrente. Tale modifica appare coerente con quanto già previsto nello schema di provvedimento per i valori proposti da Telecom Italia per il trasporto commutato a livello di SGU. Inoltre, una riduzione delle attuali condizioni economiche di interconnessione anche a livello di SGT appare giustificata, nell impossibilità temporanea di determinare prezzi di interconnessione effettivamente orientati ai costi, dalla necessità di promuovere mercati aperti e competitivi nel settore delle telecomunicazioni, nonché dall opportunità di incentivare il gestore notificato ad un maggiore livello di efficienza. Ciò in ragione della circostanza che l elevato livello delle tariffe di interconnessione costituisce un ostacolo allo sviluppo della concorrenza, in particolare alla proposizione da parte degli altri operatori di telecomunicazioni di offerte competitive rispetto alle recenti proposte commerciali di Telecom Italia Spa alla clientela finale. Infine, nel perseguimento dell obiettivo di apertura del mercato locale ed in ossequio al principio della pari opportunità, in virtù del quale un regime di libera concorrenza si fonda sulla circostanza che le imprese 2

3 potenziali concorrenti possano agire a parità di condizioni senza evidenti vantaggi acquisiti abusivamente, l Autorità reputa necessario prevedere nell ambito del provvedimento in oggetto l obbligo di introduzione da parte di Telecom Italia Spa di condizioni di interconnessione su base forfettaria (flat rate), ovvero indipendenti dalla quantità di traffico interconnesso, accanto alle attuali condizioni su base minutaria. Tale integrazione appare essenziale in considerazione del recente sviluppo da parte di Telecom Italia Spa di nuove modalità di offerte commerciali di tipo forfettario per la clientela finale, ovvero caratterizzate da condizioni economiche indipendenti dalla quantità di traffico effettivamente realizzato dall utente, le quali incidono sulla capacità competitiva dei potenziali concorrenti di Telecom stessa che non sono in grado di formulare analoghe offerte con soluzioni di tipo forfettario in ragione dell elevato livello attuale delle condizioni di interconnessione. In sostanza, l Autorità reputa che, in linea generale, l offerta retail al pubblico da parte dell organismo notificato come avente notevole forza di mercato di nuove proposte commerciali sia possibile solo a seguito di una corrispondente offerta di servizi di interconnessione Wholesale, al fine di impedire che Telecom Italia Spa goda di ingiustificati vantaggi temporali e di rendere disponibili agli operatori concorrenti gli strumenti necessari per competere con pari opportunità, nel rispetto del fondamentale principio di non discriminazione e nel perseguimento dell obiettivo di garantire i presupposti per il dispiegarsi di una piena ed effettiva concorrenza. ii) La fornitura di servizi tramite numerazioni non geografiche Con riferimento ai servizi forniti tramite numerazioni non geografiche, l Autorità ritiene condivisibile quanto disposto nello schema di provvedimento in merito all esplicitazione nell Offerta dei servizi di interconnessione dei corrispettivi richiesti da Telecom Italia Spa per l accesso di propri abbonati a numerazioni non geografiche di altro operatore in relazione alle attività di trasporto delle chiamate, fatturazione e copertura del rischio insolvenza laddove sussistenti. La formalizzazione espressa di tali valori economici, infatti, oltre a rappresentare la concreta applicazione del principio generale sancito nell ambito della delibera 1/00/CIR, secondo cui, nel caso di accesso da parte di abbonati di un operatore ai servizi non geografici di un altro operatore, i ricavi derivanti dalla fornitura di tali servizi competono interamente all operatore titolare della numerazione, mentre all operatore d accesso spetta esclusivamente la remunerazione per le funzioni di trasporto, fatturazione ed eventuale rischio di insolvenza, appare infatti necessaria a garantire il rispetto dei principi fondamentali di trasparenza e non discriminazione e, in ultima analisi, un corretto dispiegarsi delle dinamiche concorrenziali del mercato. Con particolare riguardo all accesso a servizi Internet tramite la specifica numerazione in decade 7, introdotta di recente nel piano di numerazione nazionale, appare condivisibile l interpretazione svolta nell ambito dello schema di provvedimento in base alla quale, considerato che ad oggi l accesso ai servizi Internet avviene attraverso numerazioni geografiche e non geografiche assegnate agli operatori licenziatari, alle cui reti sono attestati i diversi ISP, e che l operatività della nuova numerazione in decade 7 si realizza con modalità analoghe a quelle previste per l accesso a numerazioni non geografiche di altri operatori, i servizi di interconnessione che consentono l accesso da parte di abbonati Telecom Italia ai servizi Internet offerti sulle reti di altri operatori devono essere contenuti all interno dell Offerta medesima. Sulla base di tali considerazioni, appare coerente con il sopra menzionato principio la richiesta di pubblicare le condizioni tecniche ed economiche di fornitura del servizio di accesso da parte di abbonati Telecom Italia alle numerazioni in Decade 7 (servizi Internet) di altri operatori, ivi comprese quelle relative alle attività di fatturazione e rischio insolvenza. iii) La disciplina dell instradamento del traffico internazionale uscente L Autorità ha già sottolineato che le condizioni economiche previste da Telecom Italia Spa per il traffico internazionale uscente devono essere applicate in maniera uniforme a tutti gli operatori in relazione ai costi sostenuti dalla stessa società, in conformità al principio in base al quale l impresa notificata come avente notevole forza di mercato non può applicare condizioni economiche di interconnessione differenziate in relazione ai volumi di traffico. In considerazione di quanto sopra esposto, l Autorità, sulla base delle risultanze dell istruttoria svolta dall AGCOM in merito alle condizioni di competitività del mercato internazionale, che risulta caratterizzato dalla persistenza di una posizione dominante di Telecom Italia Spa sia in termini di quota di mercato sia in termini di presenza di barriere all entrata da parte degli altri operatori, riscontra positivamente il fatto che con il provvedimento in esame l AGCOM abbia ribadito l obbligo, in linea con la disciplina normativa vigente, di inserimento del servizio di instradamento del traffico internazionale uscente nell Offerta, ritenendo peraltro 3

4 l eventuale soppressione dell obbligo in questione incompatibile con l attuale livello di concorrenzialità del mercato. Analogamente, l Autorità ritiene particolarmente rilevante la disposizione del provvedimento in oggetto che impone a Telecom Italia Spa la disaggregazione dell offerta del servizio di accesso alle stazioni di approdo dei cavi sottomarini rispetto alla fornitura dei c.d. circuiti di backhauling, ovvero i circuiti dedicati necessari per collegare le suddette stazioni alla rete dell operatore interconnesso richiedente. Questi ultimi, qualificandosi nella sostanza come circuiti di interconnessione, dovranno essere offerti alle condizioni commerciali previste per le linee affittate e senza limiti di capacità. L obbligo di disaggregazione imposto nel provvedimento dell AGCOM rimuove le ingiustificate limitazioni collegate al bundling dei due servizi ed alla circostanza che le attuali condizioni di offerta dei collegamenti di backhauling sono circoscritte alla capacità di 2 Mbit/s e presentano una struttura tariffaria invariabile alla distanza. In tal senso, la disposizione in commento appare atta a garantire condizioni trasparenti e non discriminatorie sia di accesso alle stazioni di approdo sia di fornitura dei circuiti di backhauling, e risulta altresì idonea ad evitare l imposizione da parte di Telecom Italia Spa di oneri non strettamente attinenti al servizio richiesto per accedere alla capacità di banda internazionale trasportata su cavo sottomarino. Con riferimento alla riconosciuta possibilità per Telecom Italia Spa di proporre in via sperimentale offerte a prenotazione, consistenti nella pubblicazione sul sito web di un offerta per il trasporto verso estero caratterizzata da direttrici di traffico, prezzo, volume di traffico minimo e massimo, periodo di validità, livelli di qualità e termini per aderire all offerta, da aggiudicarsi in base al modello britannico first come, first served, l Autorità ritiene opportuno formulare le seguenti osservazioni. In primo luogo, tenuto conto del limitato periodo temporale di validità dell autorizzazione dell AGCOM e dell ambito di applicazione circoscritto alle direttrici di traffico per le quali risulta sussistere un certo grado di concorrenzialità (Unione europea e Nord America), l autorizzazione provvisoria non appare suscettibile di alterare la concorrenza nell offerta del servizio di trasporto internazionale. In secondo luogo, vale sottolineare che l offerta a prenotazione di Telecom Italia Spa è caratterizzata comunque da una natura sperimentale, è subordinata a modalità di comunicazione preventiva alla stessa AGCOM, ed è sottoposta all attività di monitoraggio della stessa Autorità che ne verificherà la rispondenza ai principi di orientamento al costo, non discriminazione e trasparenza, al fine di garantire lo sviluppo di corretti meccanismi concorrenziali del mercato del traffico internazionale. iv) La valutazione dei costi per l adeguamento della rete per l accesso a numerazioni non geografiche L Autorità condivide la disposizione dello schema di provvedimento in esame-relativa alla modifica delle condizioni economiche proposte da Telecom Italia Spa per l apertura di numerazioni non geografichebasata sul mancato riconoscimento a favore di Telecom stessa dei costi attinenti ad eventuali attività di configurazione della rete e in particolare per nuovi ritmi di tariffazione. Appare infatti meritevole di accoglimento la motivazione sottostante alla valutazione dei costi per l adeguamento della rete per l accesso a numerazioni non geografiche, fondata sul prevedibile sviluppo dei servizi non geografici, sulla caratteristica di reciprocità delle attività in questione e quindi sull opportunità che ciascun operatore sopporti i costi per l adeguamento della propria rete e dei sistemi di fatturazione, anche in vista dei benefici derivanti ai consumatori finali dalla disponibilità di nuovi servizi che tale meccanismo potrebbe incentivare. Tale intervento, nel perseguimento dell obiettivo che ciascun operatore garantisca l accesso da parte dei propri abbonati a tutte le numerazioni del Piano di Numerazione Nazionale, sia esse geografiche e non geografiche, ed ai relativi servizi, risulta in linea con i principi generali in tema di interconnessione e finalizzato a garantire l interoperabilità dei servizi, ai sensi dell articolo 4, comma 1, del DPR n. 318/97. v) Le condizioni economiche per la fornitura della prestazione di number portability In merito alla prestazione di number portability, giova rammentare che l AGCOM, nell ambito della delibera n. 4/CIR/99, prevedendo l adozione di una soluzione tecnica efficiente che, basandosi su moderne tecnologie di rete, consenta la minimizzazione del costo di instradamento, ha individuato come modalità di immediata implementazione quella di onward routing e ha riconosciuto l applicazione di un costo aggiuntivo di trasporto per tale attività. Occorre tuttavia osservare che, nell ambito dell Offerta di interconnessione, Telecom Italia Spa ha adottato come soluzione tecnica interna di rete un meccanismo di onward routing, basato su una tecnica di c.d. call forwarding, la quale, prevedendo l instradamento delle chiamate verso il punto di interconnessione a partire dalla centrale di commutazione di originaria attestazione del numero, comporta un aggravio dei costi dovuto ad un utilizzo di risorse di rete aggiuntive rispetto a soluzioni tecniche maggiormente efficienti. Sulla 4

5 base di quanto riscontrato dalla stessa AGCOM, quindi, la soluzione proposta dalla medesima società non è coerente con l obiettivo di massima efficienza e minimizzazione dei costi. Alla luce delle risultanze dell istruttoria svolta dall AGCOM, risulta già tecnicamente disponibile una soluzione per la prestazione del servizio di number portability, quale quella di onward routing, basata sul c.d. call drop back, che realizza un instradamento della chiamata in segnalazione, caratterizzata da minori costi di trasporto addizionale rispetto a quella prospettata da Telecom Italia Spa. In considerazione di tale circostanza, l Autorità reputa inopportuno riconoscere l applicabilità delle più onerose condizioni economiche proposte da Telecom Italia Spa, seppure per un limitato periodo temporale, in quanto in contrasto con l obiettivo di massima efficienza e minimizzazione dei costi ed in pregiudizio dello sviluppo di condizioni concorrenziali nei mercati dei servizi di telecomunicazioni. Ciò premesso, l Autorità ritiene inoltre necessario che nel provvedimento in esame sia fissato il termine entro il quale realizzare la soluzione tecnica basata sull utilizzo di un database centralizzato per l immediata interrogazione e corretto instradamento delle chiamate verso numeri portati, che consentirebbe di evitare l attuale aggravio dei costi derivante dall utilizzo inefficiente di risorse di rete. **** L'Autorità, nel ribadire il proprio apprezzamento e assenso per i contenuti del provvedimento in commento, confida che le considerazioni suesposte possano essere utili in sede di definizione del provvedimento relativo all offerta di interconnessione di riferimento di Telecom Italia, al fine di promuovere un corretto sviluppo della concorrenza nel settore delle telecomunicazioni. IL PRESIDENTE Giuseppe Tesauro * * * 5

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato C alla delibera n. 417/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 1. Premessa A seguito di una richiesta di chiarimenti da parte della Commissione Europea in materia di costi di ricarica per gli utenti

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni SINTESI DELLA CONSULTAZIONE CONCERNENTE INTEGRAZIONE DELL ARTICOLO 22 DELLA DELIBERA N. 8/15/CIR IN RELAZIONE ALLE MODALITÀ D USO DEI CODICI 499 Sommario Premessa... 1 a. Contributo amministrativo per

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 33/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

DELIBERA N. 113/07/CIR

DELIBERA N. 113/07/CIR DELIBERA N. 113/07/CIR MISURE URGENTI IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE DI NUMERAZIONE A SEGUITO DELL INGRESSO NEL MERCATO DEI FORNITORI AVANZATI DI SERVIZI L AUTORITÁ NELLA riunione della Commissione

Dettagli

L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM

L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM Panel dell LUMSA, 23 giugno 2011 Gabriele Mazzantini ARGOMENTI TRATTATI Rapporto concorrenza / regolazione (cenni) Linee guida

Dettagli

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO RISOLUZIONE N. 430/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 novembre 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Irap cuneo fiscale Imprese che svolgono

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA )

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA ) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA ) 1. GLI AMBITI DI SERVIZIO PUBBLICO Q 1.1.1 Si chiedono osservazioni motivate in ordine alla richiesta

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

DELIBERA N. 19/06/CIR. APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA S.p.A. PER L ANNO 2006 L AUTORITA

DELIBERA N. 19/06/CIR. APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA S.p.A. PER L ANNO 2006 L AUTORITA DELIBERA N. 19/06/CIR APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA S.p.A. PER L ANNO 2006 L AUTORITA 2006; NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 30 maggio VISTA

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2013 SERVIZI DI RACCOLTA, TERMINAZIONE E TRANSITO DELLE CHIAMATE NELLA RETE TELEFONICA PUBBLICA FISSA CON INTERCONNESSIONE TDM (MERCATI 2, 3 ed ex 10) 31 Ottobre

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 Marzo 2015 Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 34/2015/R/eel

Dettagli

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001

CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 CARTA DELLE GARANZIE PER L ACCESSO DEI CLIENTI DI TELECOM ITALIA ALLE NUMERAZIONI NON GEOGRAFICHE 1 14 MARZO 2001 * * * La presente Carta delle Garanzie è prevista dall Offerta di Interconnessione di Riferimento

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2011

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2011 Offerta di Riferimento di 2011 (Mercati 2,3 e ex 10) OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2011 SERVIZI DI RACCOLTA, TERMINAZIONE E TRANSITO DELLE CHIAMATE NELLA RETE TELEFONICA PUBBLICA FISSA (MERCATI

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

TLC 4^ - Nuove norme

TLC 4^ - Nuove norme TLC 4^ - Nuove norme Deregulation Dal 1 gennaio 1998, a seguito della liberalizzazione dei servizi di telefonia fissa, altri gestori di reti possono operare in concorrenza con Telecom Italia; finora le

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2007

OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2007 OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA 2007 SERVIZI DI RACCOLTA, TERMINAZIONE E TRANSITO DELLE CHIAMATE NELLA RETE TELEFONICA PUBBLICA FISSA (MERCATI 8, 9 e 10) 30 Ottobre 2006 Tutti i diritti riservati

Dettagli

4.1. LA TELEFONIA FISSA

4.1. LA TELEFONIA FISSA Gli interventi dell Autorità 4.1. LA TELEFONIA FISSA 4.1.1. Gli interventi in materia di regolamentazione L intervento regolamentare nell ambito della rete fissa si è svolto, nel periodo di riferimento,

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

Il presidente Mario Finzi

Il presidente Mario Finzi Spett. Commissione, Alla Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Camera dei Deputati Piazza Montecitorio 00187 Roma questa Associazione di tutela degli utenti dei servizi pubblici ha preso visione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni Direzione generale per la regolamentazione del settore postale CONSULTAZIONE PUBBLICA RIVOLTA AL MERCATO POSTALE, AI FINI DELLA TRASPOSIZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI

COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI COMUNICATO STAMPA QUADRO DEGLI INTERVENTI L Autorità interviene con due provvedimenti in materia di servizio universale nelle comunicazioni elettroniche Il Consiglio dell Autorità per le garanzie nelle

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO

CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO DCO 38/11 CRITERI PER INCENTIVARE L ACCELERAZIONE DELL ENTRATA IN ESERCIZIO DEGLI INVESTIMENTI DI SVILUPPO DELLA CAPACITÀ DI STOCCAGGIO Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Frodi in Internet: quali difese per il cittadino

Frodi in Internet: quali difese per il cittadino Frodi in Internet: quali difese per il cittadino Gilberto Nava Dipartimento Vigilanza e Controllo Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Competenze dell AGCOM Il fenomeno delle frodi in Internet

Dettagli

Delibera n 10/99 Condizioni economiche delle comunicazioni FISSO-MOBILE originate dalla rete Telecom Italia

Delibera n 10/99 Condizioni economiche delle comunicazioni FISSO-MOBILE originate dalla rete Telecom Italia Delibera n 10/99 Condizioni economiche delle comunicazioni FISSO-MOBILE originate dalla rete Telecom Italia L'AUTORITA' NELLA sua riunione di Consiglio del 16 marzo 1999; VISTA la direttiva 96/19/CE della

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Misure concernenti il contenuto minimo degli specifici diritti, anche di

Dettagli

A441 - APPLICAZIONE DELL IVA SUI SERVIZI POSTALI Provvedimento n. 23365

A441 - APPLICAZIONE DELL IVA SUI SERVIZI POSTALI Provvedimento n. 23365 A441 - APPLICAZIONE DELL IVA SUI SERVIZI POSTALI Provvedimento n. 23365 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 6 marzo 2012; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci;

Dettagli

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing

1. Osservazioni generali sulle linee-guida per bandi-tipo per le procedure di project financing Osservazioni sulla proposta dell Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture di Linee Guida per la redazione dei documenti di gara e per l utilizzo dell offerta economicamente

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 4

Dettagli

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON;

CONSIDERATO che, con l Avviso Congiunto Prot. AOODGAI/7667 del 15/06/2010, si è inteso dare attuazione agli interventi del PON; Determinazione del Dirigente Scolastico (Art. 11 del D. Lgs 163/2006) Determina a contrarre per l affidamento della Progettazione, Direzione dei lavori, Misura e Contabilità e Coordinatore Sicurezza dei

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 dicembre 2012 Pagina 1 di 7 PREMESSA

Dettagli

DCO 106/2013/R/GAS Mercato del gas naturale Riforma delle condizioni economiche nel servizio di tutela Revisione della componente QVD

DCO 106/2013/R/GAS Mercato del gas naturale Riforma delle condizioni economiche nel servizio di tutela Revisione della componente QVD DCO 106/2013/R/GAS Mercato del gas naturale Riforma delle condizioni economiche nel servizio di tutela Revisione della componente QVD Commenti e proposte Anigas Milano, 5 aprile 2013 1 PREMESSA Anigas

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico - Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione e Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 1 Giugno 2015 Osservazioni

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

Convergenza Fisso Mobile: Aspetti Giuridici e Regolatori

Convergenza Fisso Mobile: Aspetti Giuridici e Regolatori ANFOV Convergenza Fisso / Mobile Aspetti Giuridici e Regolatori Convergenza Fisso Mobile: Aspetti Giuridici e Regolatori Massimo Donna - Baker & McKenzie Studio Professionale Associato a Baker & McKenzie

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA AUTO OGGI EUROPA / FASTWEB S.P.A. (GU14 n. 845/2015) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 1 dicembre 2015; VISTA la

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

Gli interventi dell Autorità

Gli interventi dell Autorità 2 Gli interventi dell Autorità 2. Gli interventi dell Autorità 2.1. La consultazione pubblica sulla separazione della rete e l evoluzione verso le Next Generation Networks (NGN) Nell ambito del primo ciclo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre.

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PREMESSO che -

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 18 Settembre 2015 Osservazioni al DCO 409/2015/R/gas Riforma della regolazione

Dettagli

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Considerazioni del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Premessa Il gruppo di lavoro TANDEM sin dal 2001 opera per la diffusione dei sistemi di gestione ambientale nelle

Dettagli

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale

DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale DCO 656/2014/R/GAS Meccanismi regolatori di incentivazione per lo sviluppo di ulteriori prestazioni di punta da stoccaggio del sistema nazionale Documento per la consultazione Milano, 19 gennaio 2015 1

Dettagli

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia CIRCOLARE DI STUDIO 4/2016 Parma, 14 gennaio 2016 OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia La circolare esamina il trattamento fiscale dei redditi percepiti da una

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELL ADUNANZA del 28 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287, e in particolare l articolo

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Inviata all indirizzo e-mail: dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it

Inviata all indirizzo e-mail: dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it Milano, 10 giugno 2014 Spettabile Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Via XX Settembre, n. 97 00187 - ROMA Inviata all indirizzo e-mail: dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it Oggetto:

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS Osservazioni ANIGAS Roma 7 agosto 2009 1 Osservazioni Generali ANIGAS condivide

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007

Pubblicata su questo Sito in data 18/04/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.99 del 30 aprile 2007 Delibera n. 126/07/CONS Misure a tutela dell utenza per facilitare la comprensione delle condizioni economiche dei servizi telefonici e la scelta tra le diverse offerte presenti sul mercato ai sensi dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture

MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO Area B) Area affidamento lavori, servizi e forniture Definizione dell oggetto dell affidamento MAPPATURA DEI RISCHI E MISURE DI CONTRASTO DEL RISCHIO b1 Processi Fasi Rischi Individuazione delle caratteristiche del bene o del servizio rispondente alle necessità

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

I chiarimenti della gara sono visibili su www.mef.gov.it; www.consip.it; www.acquistinretepa.it

I chiarimenti della gara sono visibili su www.mef.gov.it; www.consip.it; www.acquistinretepa.it GARA A PROCEDURA APERTA PER LA CONCLUSIONE DI UN ACCORDO QUADRO, AI SENSI DELL ART. 59, COMMI 6 E 7, DEL D.LGS. N. 163/2006 PER LA FORNITURA, MESSA IN OPERA E MANUTENZIONE DI CENTRALI TELEFONICHE EVOLUTE

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Roma, 22 febbraio 2008

Roma, 22 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 22 febbraio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Trattamento fiscale ai fini dell imposta sul valore aggiunto e dell applicazione della ritenuta di acconto

Dettagli

Gli interventi dell Autorità

Gli interventi dell Autorità 2 Gli interventi dell Autorità 2. Gli interventi dell Autorità 2.1. Analisi dei mercati delle comunicazioni elettroniche Introduzione Ai sensi del Codice delle comunicazioni elettroniche, l Autorità effettua,

Dettagli

Codice Comportamentale (Delibera 718/08/CONS)

Codice Comportamentale (Delibera 718/08/CONS) Codice Comportamentale (Delibera 718/08/CONS) Release 3 Gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Indice Premessa...3 Obiettivi e Valori...4 Azioni...6 Destinatari. 8 Responsabilità....9 Sanzioni...11 Pagina 2 di 11

Dettagli

xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 97 Senato della Repubblica Telecomunicazioni, Simoco Italia e Motorola, che operano in Italia attraverso le loro filiali con quote di mercato contenute rispetto a quella detenuta dalla

Dettagli

Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi

Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi Attuazione della direttiva 2011/61/UE, in materia di fondi di investimento alternativi (Schema di decreto legislativo n. 55) N. 51 15 gennaio 2014 Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Verifica delle quantificazioni

Dettagli

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA DCO 19/10 ADOZIONE DI NUOVE PROCEDURE PER L IDENTIFICAZIONE DEI CLIENTI FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica

Dettagli

Segnalazione dell'agcm ( AS468) del 04/08/2008: affidamento di servizi pubblici locali aventi rilevanza economica secondo modalità c.d. in house.

Segnalazione dell'agcm ( AS468) del 04/08/2008: affidamento di servizi pubblici locali aventi rilevanza economica secondo modalità c.d. in house. Segnalazione dell'agcm ( AS468) del 04/08/2008: affidamento di servizi pubblici locali aventi rilevanza economica secondo modalità c.d. in house. AS468 - AFFIDAMENTO DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI AVENTI RILEVANZA

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. 52/15/CIR APPROVAZIONE DELL OFFERTA DI RIFERIMENTO DI TELECOM ITALIA PER L ANNO 2013 RELATIVA AI SERVIZI DI RACCOLTA, TERMINAZIONE E TRANSITO DELLE CHIAMATE NELLA RETE TELEFONICA PUBBLICA FISSA

Dettagli

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012

RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE. Luglio 2012 Modifiche al regolamento congiunto Banca d Italia Consob (di seguito regolamento ) per il recepimento della direttiva 2010/76 (CRD 3) in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di

All appaltatore sarà infatti consentito subappaltare a imprese terze in possesso dei necessari requisiti una quota (massima) del 30% dei lavori di Pagamento diretto dei subappaltatori e anticipazione su fattura: due novità che faranno discutere di Massimo Gentile 1. In attuazione di quanto disposto dall articolo 25, comma 3, della Legge 18 aprile

Dettagli

Articolo Comma Osservazioni e proposte

Articolo Comma Osservazioni e proposte Documento di consultazione n. 5/2013 Regolamento su Obblighi di adeguata verifica della clientela e di registrazione Attuativo dell art. 7, comma 2, del decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 Legenda

Dettagli

Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici

Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici NEWS N.75/ 24 giugno 2015 Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici Analisi dei fabbisogni, criteri per la distinzione tra servizi e lavori, suddivisione in lotti e determinazione

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 36/2014 TITOLO 1.10.21/567 1.10.4.1. LEGISLATURA IX Il giorno 5 settembre 2014 si è riunito nella

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO AEEG

Dettagli

1. Studenti che s iscrivono ad un corso di studio che rilascia un titolo di valore identico o inferiore a quello già posseduto e cioè:

1. Studenti che s iscrivono ad un corso di studio che rilascia un titolo di valore identico o inferiore a quello già posseduto e cioè: Raccomandata a.r. Spett.le Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Piazzale Kennedy n. 20 00144,. info@ RICORSO GERARCHICO ED IN VIA DI AUTOTUTELA Per l U.D.U. L Aquila, in persona del

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016

DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 DELIBERAZIONE 17 DICEMBRE 2015 625/2015/R/GAS DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL PER L ANNO 2016 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella

Dettagli

LE FRODI SUI SERVIZI A SOVRAPPREZZO

LE FRODI SUI SERVIZI A SOVRAPPREZZO Frodi in Internet: quali difese per il cittadino Smau 3 Ottobre 2003 LE FRODI SUI SERVIZI A SOVRAPPREZZO 1 1 I SERVIZI DI INFORMAZIONE Il crescente sviluppo del mercato dei servizi di informazione, frutto

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

OFFERTA ERMES OPERATORI DISCIPLINARE

OFFERTA ERMES OPERATORI DISCIPLINARE OFFERTA ERMES OPERATORI DISCIPLINARE per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica di risorse della Rete Pubblica Regionale (RPR) INDICE TITOLO I DEFINIZIONI, FINALITÀ, AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli