I costi. Costi economici vs. costi contabili

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I costi. Costi economici vs. costi contabili"

Transcript

1 I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici corrispondono al costo opportunità dell utilizzo dei fattori produttivi che vengono impiegati dall impresa. I costi contabili di produrre Y unità di output includono invece tutte le spese dell impresa indipendentemente dal fatto che i fattori che generano queste spese possano essere impiegati in un modo alternativo o no. Esempio I: Costi economici ai quali non corrisponde nessuna spesa. Si consideri un imprenditore che è già proprietario di un terreno e che decide di costruire un nuovo edificio dove situare gli uffici della sua impresa. L utilizzo del terreno per I costi 1

2 questo fine non genera nessuna spesa poichè il terreno è gia proprietà dell imprenditore. Ciò nonostante in termini economici l utilizzo del terreno non è senza costi: utilizzando il terreno per la sua impresa l imprenditore rinuncia all opportunità di affitare/vendere il terreno a qualcun altro. Perciò l affitto al quale l imprenditore rinuncia costituisce il costo economico di utilizzare il terreno per la propria impresa. Per ragioni analoghe anche il lavoro dell imprenditore pur essendo un fattore produttivo che non implica spese è un fattore produttivo che genera costi economici. Esempio II: Spese per fattori produttivi che non sono costi economici. Si consideri un imprenditore che ha firmato un contratto d affitto per un edificio per un intero anno. Se questo contratto non prevede nessuna possibilità di rescissione, allora l impresa dovrà sostenere la spesa (l affitto) per questo fattore produttivo indipendentemente dalle successive decisioni dell imprenditore. In particolare, l affitto dovrà essere pagato I costi 2

3 anche se l imprenditore decide di chiudere la sua attività e di non produrre niente durante l anno. In altre parole, le risorse che devono essere impiegate per sostenere la spesa per l affitto dell edificio sono fisse e non potranno mai essere impiegate in modo alternativo. Perciò la spesa per l affitto non deve essere considerata come costo economico per le decisioni di produzione che riguardano l orizzonte temporale del contratto d affitto. L esempio II evidenzia l importanza della distinzione tra il breve e il lungo periodo nello studio dei costi di produzione. Nel precedente capitolo abbiamo definito il lungo periodo come l orizzonte temporale abbastanza lungo da poter considerare tutti gli inputs come fattori produttivi variabili. Il fatto che tutti i fattori sono variabili vuol dire che il loro livello d impiego dipende dalle decisioni dell impresa. Perci{o nel lungo periodo le spese per tutti i fattori produttivi devono essere considerate come costi economici. Nel breve periodo invece certi fattori produttivi (per noi il capitale) non sono variabili. Ma se il livello I costi 3

4 di questi fattori non può essere cambiato allora la spesa per questi input non costituisce un costo economico per le decisioni di produzione che riguardano l orizzonte temporale durante il quale questi inputs sono fissati. I costi nel breve periodo La funzione dei costi di breve periodo indica per ogni livello di output il costo economico minimale per l impresa di produzione. Nel breve periodo il lavoro è l unico input variabile mentre il capitale è fisso. Supponiamo in particolare che il livello di capitale sia K. Se con questo livello di capitale (dato) l impresa vuole produrre Y unità di output deve impiegare almeno L(Y, K) unità di lavoro, dove L(Y, K) soddisfa l equazione o equivalentemente Y = F (L(Y, K), K) L(Y, K) = F 1 (Y, K). I costi 4

5 La seguente figura mostra la quantità di lavoro necessario per i due livelli di output Y 1 e Y 2 > Y 1 quando il capitale è fissato al livello K. K K F (L, K)=Y 2 L(Y 1, K)L(Y 2, K) F (L, K)=Y 1 L Se indichiamo il prezzo del lavoro (il salario) con w, la funzione dei costi di breve periodo C SR (Y, K) (SR=short run=breve periodo) è definita come C SR (Y, K) = wl(y, K). NB: Con questa definizione assumiamo implicitamente che il prezzo del lavoro non dipende dalla quantità di lavoro che l impresa compra (price taking sui mercati degli input). I costi 5

6 Il fatto che K appaia come argomento della funzione dei costi di breve periodo indica che i costi di breve periodo dipendono dalla quantità di capitale che è dato. Come possiamo vedere dalla seguente figura un maggiore livello di capitale implica che per ogni possibile livello di output (la figura considera solo il livello di output Y 1 ) è necessaria una minore quantità di lavoro. K K K F (L, K)=Y 1 L(Y 1, K) L(Y 1, K) L K > K L(Y 1, K) < L(Y 1, K) I costi 6

7 Se la quantità di lavoro necessaria per produrre Y unità di output è decrescente nella quantità di capitale disponibile, allora i costi di breve periodo devono essere più bassi per alti livelli di capitale: cioè per ogni Y abbiamo C SR (Y, K) = wl(y, K) > wl(y, K) = C SR (Y, K). Graficamente: C SR C SR (Y, K) C SR (Y, K) Y Anche se formalmente il costo di breve periodo dipende dal livello di capitale dato, ometteremo spesso (quando è chiaro a quale livello di capitale ci stiamo riferendo) l argomento K e scriveremo semplicemente C SR (Y ). I costi 7

8 Il costo marginale di breve periodo Il costo marginale di breve periodo al punto Y misura di quanto aumentano i costi all aumentare della produzione di un unità (infinitesimale). Formalmente, il costo marginale di breve periodo è definito come la derivata della funzione dei costi di breve periodo: MC SR (Y ) = dc SR(Y ) = w dl(y ) dy dy [ df 1 ] 1 (Y ) = w = w 1. dy MP L Da quest espressione vediamo che il costo marginale di breve periodo è strettamente legato alla produttività marginale del lavoro. L aumento dell output dovuto ad un aumento del lavoro, dl è dato da dy = MP L dl. I costi 8

9 Per cui sappiamo che la quantità aggiuntiva di lavoro necessaria per produrre un ulteriore unità di output (dy = 1) è dl = 1 MP L e la spesa generata da quest aumento del lavoro è wdl = w/mp L. La seguente figura mostra il costo marginale per una tecnologia che è caratterizzata da rendimenti marginali di lavoro decrescenti (MP L decrescente in L). MC SR Il costo marginale di breve periodo è crescente in questo caso: Y L MP L MC SR. I costi 9 Y

10 Il costo medio di breve periodo Il costo medio di breve periodo indica il livello di costi per unità di output. Formalmente AC SR (Y ) = C SR(Y ). Y Mentre il costo marginale al punto Y corrisponde alla pendenza della tangente della curva dei costi al punto Y, il costo medio è uguale alla pendenza del raggio che passa per la curva dei costi al punto Y : C SR (Y ) O b a Ȳ Ŷ Y I costi 10

11 Nel punto Ȳ il raggio che passa per il punto a ha una pendenza maggiore della tangente in quel punto. Partendo dalla quantità Ȳ il costo medio diminuisce fino al punto Ŷ (i raggi per quantità in questo intervallo sarebbero meno inclinati di quello per la quantità Ȳ ). Oltre il punto Ŷ invece il costo medio inizia a crescere. La ragione per la quale il costo medio è decrescente per quantità inferiori di Ŷ e crescente per quantità maggiori di Ŷ è che in quel punto il raggio che passa per il punto b e la tangente in quel punto coincidono: Il costo medio è decrescente finchè il costo marginale è inferiore al costo medio; quando invece il costo marginale è maggiore del costo medio quest ultimo deve essere crescente. Formalmente: dac SR (Y ) dy = d dy [ CSR (Y ) Y ] = MC SR(Y ) Y C(Y ) Y 2 = 1 Y [MC SR(Y ) AC SR (Y )] > 0 MC SR (Y ) > AC SR (Y ). I costi 11

12 Dalla discussione precedente segue che i costi medi (di breve periodo) raggiungono un minimo nel punto dove coincidono con i costi marginali (nella figura seguente il punto Ŷ ): MC SR (Y ) AC SR (Y ) Ŷ Y I costi 12

13 I costi nel lungo periodo Nel lungo periodo anche il capitale è un fattore produttivo variabile. Questo fatto ha due implicazioni importanti: i) Le risorse spese per il capitale diventano costi economici. Il prezzo di un unità di capitale è indicato con r; r rappresenta o il rental rate o la perdita di valore del capitale durante l orizzonte temporale che stiamo considerando (deprezzamento economico), nel caso in cui l impresa acquisti il capitale. ii) Avendo due fattori produttivi variabili a disposizione, nel lungo periodo l impresa deve decidere con quale combinazione di input vuole produrre il suo output. L obiettivo di ogni impresa è quello di produrre la quantità di output desiderata con la combinazione di input che genera i minori costi economici (efficienza economica nella produzione). I costi 13

14 Il problema della minimizzazione dei costi nel LR Il problema della minimizzazione dei costi dell impresa è tecnicamente simile al problema della massimizzazione dell utilità del consumatore. Nel caso del consumatore abbiamo seguito la seguente procedura. i) prima, abbiamo definito le preferenze del consumatore sull insieme dei panieri introducende la mappa di indifferenza; ii) poi abbiamo definito quali panieri sono ammissibili, cioè quali panieri il consumatore può acquistare, e particolare abbiamo introdotto il vincolo di bilancio; iii) infine, abbiamo individuato il paniere ottimale, cioè il paniere ammissibile (sulla retta di bilancio) che si trovava sulla curva di indifferenza più alta. I costi 14

15 Nell analisi del problema della minimizzazione dei costi da parte dell impresa procederemo in modo analogo. Inizieremo quindi a definire l analogo delle preferenze dell impresa sull insieme di tutte le combinazioni di input. Le linee di isocosto L obiettivo dell impresa è quello di produrre il suo output con una combinazione di input che genera i costi minori. In altre parole, l impresa vuole minizzare l espressione wl + rk. Graficamente le preferenze dell impresa possono essere rappresentate dalla mappa degli isocosti. La mappa di isocosto è l insieme di tutte le linee di isocosto. Esiste una linea di isocosto per ogni possibile livello dei costi. La linea di isocosto per il livello di costo C è l insieme di tutte le combinazioni di input (L, K) che generano questo livello di spesa, cioè l insieme di tutte le combinazioni di input che soddisfano l equazione C = wl + rk I costi 15

16 o equivalentemente K = C r w r L. Quest ultima espressione indica la quantità di capitale che l impresa può permettersi se sta già comprando L unità di lavoro e non vuole superare il livello di costo C. La seguente figura mostra le linee di isocosto per i due livelli di costo C e C > C. K C r C r pendenza= w r C w Da questa figura vediamo che le linee di isocosto sono parallele e che spostandoci verso destra (verso l alto) incontriamo linee di isocosto per livelli di costi sempre più alti. I costi 16 C w L

17 Per un impresa che vuole produrre una quantità di output Y l insieme di tutte le combinazioni ammissibili è dato dall isoquanto che corrisponde a questo livello di output. Tra tutte le combinazioni di input su questo isoquanto, l impresa preferisce quella che genera i minori costi. Perciò, la combinazione ottimale corrisponde a quel punto dell isoquanto che sta sulla linea di isocosto più bassa (come il punto A nella seguente figura). K K L A F (L,K)=Y L I costi 17

18 La precedente figura evidenzia che un punto ottimale (L, K ) per la produzione di Y unità di output soddisfa le due seguenti condizioni: i) (L, K ) è ammissibile: F (L, K ) = Y e ii) (L, K ) costituisce un punto di tangenza tra l isoquanto per il livello di output Y e la linea di isocosto alla quale (L, K ) appartiene: w r = MRT S(L, K ) = MP L(L, K ) MP K (L, K ). Interpretazione di ii): Il prezzo relativo w/r (che corrisponde al valore assoluto della pendenza della linea di isocosto) indica a quale tasso il mercato permette di sostituire il capitale con il lavoro mantenendo i costi costanti (per un ulteriore unità di lavoro l impresa deve spendere w; con w l impresa potrebbe comprare w/r unità di capitale; per cui se vuole aumentare il lavoro di un unità deve diminuire il capitale di w/r). Il MRTS invece indica a quale tasso la tecnologia di produzione permette all impresa di sostituire capitale con lavoro (se vuole tenere invariato l output). I costi 18

19 Nell ottimo questi due termini devono essere uguali perchè altrimenti l impresa potrebbe o aumentare l output senza dover spendere di più o ridurre i costi senza dover diminuire l output. Questo diventa ancor più chiaro se riscriviamo la condizione ii) nel seguente modo 1 w MP L(L, K ) = 1 r MP K(L, K ). Il lato sinistro di quest espressione indica il prodotto marginale dell ultima unità di denaro speso per il lavoro: con un unità di denaro si possono comprare 1/w unità di lavoro; questa quantità di lavoro produce (1/w)MP L unità di output). Il lato destro invece rappresenta il prodotto marginale dell ultimo euro investito in capitale. Supponiamo che il lato sinistro sia maggiore del lato destro. In questo caso l ultimo euro investito nel capitale produce meno dell ultimo euro speso per il lavoro. I costi 19

20 Se riduciamo la spesa per il capitale di un unità e utilizziamo queste risorse per comprare ulteriori unità di lavoro possiamo aumentare l output senza creare ulteriori costi. Ovviamente, se una tale operazione è possibile la situazione originale non poteva essere un ottimo. Variazioni dei prezzi degli input Come cambiano le quantità ottimali degli inputs (per un dato livello di output Y ) se il prezzo del lavoro (salario) aumenta da w a w? Dato che il valore assoluto della pendenza delle linee di isocosto è uguale al prezzo relativo w/r, un aumento del salario implica che l inclinazione delle linee di isocosto aumenta. La seguente figura mostra una situazione dove la combinazione di input A è la combinazione ottimale per i prezzi r e w. Il costo di produzione per questi prezzi è uguale a C. Dopo l aumento del salario l output Y non può più essere prodotto a un costo I costi 20

21 C (con un salario di w la linea di isocosto per il livello di costo C non ha nessun punto in comune con l isoquanto di Y ). K C r C r B A C w C w C w F (L, K) = Y L Dato il nuovo salario la spesa per gli inputs deve essere aumentata fino al livello C. La nuova combinazione ottimale degli input corrisponde al punto B. Possiamo notare che in seguito all aumento del salario l impresa sostituisce il lavoro che è diventato più caro con il capitale, il cui prezzo è rimasto invariato (B contiene meno lavoro e più capitale di A). I costi 21

22 Quest osservazione vale in generale. Quando il prezzo di uno dei due input aumenta, l impresa reagirà sostituendo il fattore che è diventato più caro con l altro. Variazioni del livello di output L insieme di tutte le combinazioni di input che sono ottimali per un qualche livello di output (tenendo fissi i prezzi degli input) costituisce il sentiero di espansione. K B A C Sentiero di espansione Y Y Y L I costi 22

23 La funzione dei costi nel lungo periodo Se indichiamo i livelli ottimali di lavoro e capitale per il livello di output Y rispettivamente con L(Y ) e K(Y ), allora il livello minimo dei costi per produrre Y è C LR (Y ) = wl(y ) + rk(y ). C LR (Y ) è la cosiddetta funzione dei costi di lungo periodo. Come per la funzione dei costi di breve periodo anche per quella di lungo periodo possiamo definire i costi marginali e i costi medi: MC LR (Y ) = dc LR(Y ) dy AC LR (Y ) = C LR(Y ) Y Anche in questo caso il punto di intersezione delle due curve (costi marginale e costi medi) è il minimo della curva dei costi medi. I costi 23

24 I costi nel lungo periodo e i rendimenti di scala La forma precisa della curva dei costi di lungo periodo dipende dalle proprietà della tecnologia di produzione. In particolare, dipende se la funzione di produzione è caratterizzata da rendimenti di scala crescenti, costanti o decrescenti. Caso I: Rendimenti di scala costanti. Rendimenti di scala costanti implicano che la curva dei costi di lungo periodo è una retta (che passa per l origine). C C(Y ) C(λY ) = λc(y ) C(Y ) Y λy Y I costi 24

25 Per dimostrare che rendimenti di scala costanti implicano costi marginali (e anche medi) costanti, possiamo mostrare che i costi aumentano in modo proporzionale rispetto alla quantità. Dato un qualsiasi livello di output Y, indichiamo la combinazione ottimale degli input con (L, K ). Per ogni λ > 1 la combinazione ottimale degli input per produrre un output pari a λy è (L λ, K λ ). Quindi possiamo concludere che C(λY ) = λc(y ). Il costo al punto Y è C(Y ) = wl + rk. Siccome la funzione di produzione è caratterizzata da rendimenti di scala costanti sappiamo che la combinazione (λl, λk ) permette all impresa di produrre λy unità di output. Per cui, C(λY ) non può essere superiore a w(λl ) + r(λk ) = λc(y ): C(λY ) λc(y ). Al contrario, se (L λ, K λ ) è una combinazione che permette la produzione di λy unità di output, allora deve essere possibile produrre Y con (L λ /λ, K λ /λ). I costi 25

26 Il costo di questa combinazione - C(λY )/λ - non può essere minore di C(Y ) (perchè C(Y ) è per definizione il minor costo necessario per produrre Y ); ergo C(λY )/λ C(Y ). Mettendo assieme le due disuguaglianze otteniamo il risultato desiderato C(λY ) = λc(y ). Caso II: Rendimenti di scala decrescenti. In questo caso, se vogliamo aumentare l output di un fattore λ > 1 non basta un aumento degli inputs di un pari ammontare. Gli input devono essere aumentati di un fattore maggiore di λ, quindi i costi aumenteranno più che proporzionalmente. C C(λY ) C(Y ) λc(y ) C(Y ) Y λy Y I costi 26

27 Nel caso di rendimenti di scala decrescenti i costi marginali sono crescenti nella quantità (produrre un ulteriore unità diventa sempre più costoso). Caso III: Rendimenti di scala crescenti. Applicando un ragionamento analogo a quello dei casi precedenti si può dimostrare facilmente che con una tecnologia con rendimenti di scala crescenti la curva dei costi deve essere concava come la curva nella seguente figura. I costi marginali in questo caso sono decrescenti. λc(y ) C(λY ) C(Y ) Y λy C(Y ) Y I costi 27

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

I COSTI NEL BREVE PERIODO

I COSTI NEL BREVE PERIODO Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Costo marginale e costo medio. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Costo marginale e costo medio. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Costo marginale e costo medio 1 Costo marginale (C ) Incremento di costo risultante dalla produzione di una unità di output in più. Poiché il costo fisso non cambia al variare del livello di produzione

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

Capitolo 7 Il costo di produzione

Capitolo 7 Il costo di produzione Temi da discutere Capitolo 7 Il costo di produzione Misurazione dei costi: quali costi I costi nel Curve di costo di breve e di lungo periodo Misurazione dei costi: quali costi Costi economici e costi

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

Lezione 10 Funzione di produzione ed

Lezione 10 Funzione di produzione ed Corso di Economica Politica prof. S. Papa Lezione 10 Funzione di produzione ed efficienza economica Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Costi e produzione 102 Da che dipendono i costi? Dipendono

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Sociali e Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 3 LA TEORIA DELL IMPRESA (b) CURVE DI COSTO

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Il costo di produzione

Il costo di produzione Capitolo 7 Il di produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 7 1 Questo file (con nome cap_07.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

1 La scelta ottimale dei fattori produttivi e la funzione di costo di lungo periodo

1 La scelta ottimale dei fattori produttivi e la funzione di costo di lungo periodo 1 La scelta ottimale dei fattori produttivi e la funzione di costo di lungo periodo 1.1 La soluzione analitica Il problema dell impresa è quello di scegliere la combinazione migliore degli inputs al fine

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

I Costi di Produzione

I Costi di Produzione I Costi di Produzione Prologo: (Capitolo 7 del libro di testo di micro) Nelle lezioni precedenti abbiamo discusso del processo produttivo e cioè di quel processo che trasforma gli input in output. Tenete

Dettagli

CORSO SERALE DI ECONOMIA POLITICA - anno accademico 2005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FILIPPIN

CORSO SERALE DI ECONOMIA POLITICA - anno accademico 2005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FILIPPIN CORSO SERAE DI ECONOMIA POITICA - anno accademico 005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FIIPPIN EZIONE 15. TEORIA DE IRESA (CAPITOO 9) I SAGGIO MARGINAE DI SOSTITUZIONE

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

I Costi di Produzione

I Costi di Produzione I Costi di Produzione Misurazione del costi: di quali costi tenere conto? I costi nel breve periodo I costi nel lungo periodo Curve di costo nel lungo e nel breve periodo a confronto Produzione di due

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 La nozione di breve e di lungo periodo Una assunzione rilevante della teoria del comportamento dell'impresa sviluppato in precedenza è che l'impresa

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Scelte intertemporali e decisioni di risparmio

Scelte intertemporali e decisioni di risparmio CAPITOLO 4 Scelte intertemporali e decisioni di risparmio Esercizio 4.1. Tizio deve decidere la spesa per consumo corrente, c 0, e quella per consumo futuro,. Le sue preferenze sono rappresentate dalla

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro

ECONOMIA DEL LAVORO. Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro ECONOMIA DEL LAVORO Lezioni di maggio (testo: BORJAS) L offerta di lavoro Offerta di lavoro - Le preferenze del lavoratore Il luogo delle combinazioni di C e L che generano lo stesso livello di U (e.g.

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

I costi d impresa (R. Frank, Capitolo 10)

I costi d impresa (R. Frank, Capitolo 10) I costi d impresa (R. Frank, Capitolo 10) COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Gli input sono detti anche fattori di produzione: terra, capitale, lavoro, materie prime.

Gli input sono detti anche fattori di produzione: terra, capitale, lavoro, materie prime. LA TECNOLOGIA Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. La tecnologia rientra tra vincoli naturali e si traduce nel fatto che solo alcuni modi di trasformare

Dettagli

Il comportamento del produttore

Il comportamento del produttore Unità 2 Il comportamento del produttore 1 Indice Ambito I fattori produttivi La funzione di produzione Il mercato concorrenziale 2 Ambito La teoria del produttore si occupa di studiare il comportamento

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Sommario del Capitolo 8. 1.Il costodilungoperiodo Costo totale Costimedie marginali Economie di scala. 2.Le curve dicostodibreveperiodo

Sommario del Capitolo 8. 1.Il costodilungoperiodo Costo totale Costimedie marginali Economie di scala. 2.Le curve dicostodibreveperiodo Le curve dicosto Sommario del Capitolo 8 1.Il costodilungoperiodo Costo totale Costimedie marginali Economie di scala 2.Le curve dicostodibreveperiodo 2 Curva del costo totale di lungo periodo La curva

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia.

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia. ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia. La prova scritta consta di dodici domande, formulate come test a risposta multipla. Una sola delle cinque risposte fornite

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Lezione 7. Costi e minimizzazione dei costi

Lezione 7. Costi e minimizzazione dei costi Lezione 7 Costi e minimizzazione dei costi Argomenti della Lezione 7 1. Le principali definizioni di costo 2. Laminimizzazione deicosti 3. Analisi di statica comparata della minimizzazione deicosti 4.

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.8 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Corso di Microeconomia - Daniele Checchi

Corso di Microeconomia - Daniele Checchi PERCORSO SUI PRINCIPAI CONCETTI ECONOMICI I CONSUMATORI E OFFERTA DEI FATTORI PRODUTTIVI a DECISIONE DI RISPARMIO ovvero OFFERTA DI CAPITAI AE IMPRESE a decisione di risparmiare coinvolge necessariamente

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti SMST. Rendimenti di scala

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti SMST. Rendimenti di scala Produzione Concetti chiave Funzione di produzione Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori Isoquanti SMST Rendimenti di scala 1 L obiettivo dell impresa L impresa vuole massimizzare

Dettagli

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti. Rendimenti di scala. Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti. Rendimenti di scala. Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori Produzione Concetti chiave Funzione di produzione Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori Isoquanti SMST Rendimenti di scala 1 ricordiamo L obiettivo dell impresa L impresa

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro

Scelta intertemporale. Lezione 9. Valori presenti e futuri. Valore futuro Scelta Lezione 9 Scelta Di solito il reddito arriva ad intervalli, per esempio lo stipendio mensile. Quindi si pone il problema di decidere se (e quanto) risparmiare in un periodo per consumare più tardi.

Dettagli

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio.

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Il modello IS-LM In questa lezione: Definiamo l equilibrio economico generale. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Costruiamo la curva IS e la curva LM e ne determiniamo

Dettagli

Da Solow alla curva IS

Da Solow alla curva IS Da Solow alla curva IS Luigi Balletta, Salvatore Modica 30 giugno 2014 Indice 1 Dal lungo al breve periodo 1 2 Paradosso del risparmio 2 3 Risparmi e investimenti 3 4 Domanda eettiva 4 5 Spostamenti della

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

CAPITOLO 5. La teoria della domanda

CAPITOLO 5. La teoria della domanda CAPITOLO 5 La teoria della domanda 1 La curva prezzo- consumo La curva prezzo- consumo del bene x: congiunge i panieri o.mi in corrispondenza dei diversi livelli di prezzo del bene x (mantenendo costan8

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA SURPLUS del CONSUMATORE E utile poter disporre di una misura monetaria

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Il processo di produzione

Il processo di produzione Facolta di Scienze Politiche Universita di Torino - Sede di Biella Corso di Economia Politica Lezione 6: I costi di produzione Prof.ssa Maria Laura Di Tommaso Dipartimento di Economia e Statistica Cognetti

Dettagli

Commercio internazionale in. concorrenza perfetta

Commercio internazionale in. concorrenza perfetta Commercio internazionale in concorrenza perfetta Arcangelis 2005 1 Piano della lezione Ripasso di microeconomia: equilibrio economico generale (EEG) EEG per un economia aperta (concorrenza perfetta) I

Dettagli

Economia Politica Lezioni 9-11

Economia Politica Lezioni 9-11 Economia Politica ezioni 9-11 e scelte delle imprese a massimizzazione dei profitti e la minimizzazione dei costi a funzione di produzione I fattori di produzione Il breve e il lungo periodo Rendimenti

Dettagli

Capitolo 5. La produzione e i costi

Capitolo 5. La produzione e i costi Capitolo 5 La produzione e i costi Spostiamo l'attenzione sulle imprese La natura delle imprese L'impresa è una organizzazione, posseduta e gestita da privati, specializzata nella produzione La produzione

Dettagli