Il progetto della rete di fornitura in ambiente incerto. Il progetto della rete in ambienti incerti 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il progetto della rete di fornitura in ambiente incerto. Il progetto della rete in ambienti incerti 1"

Transcript

1 Il progetto della rete di fornitura in ambiente incerto Il progetto della rete in ambienti incerti 1

2 Linea guida L impatto dell incertezza sulle decisioni relative alla rete Analisi dei flussi di cassa Rappresentazione dell incertezza Valutazione delle decisioni sulla rete tramite gli alberi decisionali Il caso pneumatici AM La pratica delle scelte in condizioni di incertezza Il progetto della rete in ambienti incerti 2

3 L impatto dell incertezza sulle decisioni relative alla rete Le decisioni relative alla supply chain includono investimenti sul numero e sulla dimensione degli impianti, sul numero di mezzi di trasporto, sul numero di magazzini Tali decisioni non possono essere facilmente modificate in tempi brevi All interno della supply chain l incertezza caratterizza la domanda, i prezzi, i tassi di scambio, nonché la competitività nel tempo del mercato L introduzione della flessibilità all interno della supply chain garantisce di trattare l incertezza in modo tale da massimizzare i profitti Il progetto della rete in ambienti incerti 3

4 L analisi dei flussi di cassa Le decisioni relative alla supply chain investono tempi lunghi e devono essere pertanto valutate in base alla sequenza dei flussi di cassa per il periodo di tempo in oggetto L analisi dei flussi di cassa attualizzati determina il valore attuale di un insimen di flussi di cassa futuri e permette ai manager di confrontare differenti alternative nei termini del loro valore finanziario Il progetto della rete in ambienti incerti 4

5 L analisi dei flussi di cassa confrontare NPV per diverse opzioni progettuali della supply chain l opzione con NPV più elevato garantisce il maggior ritorno finanziario Il progetto della rete in ambienti incerti 5

6 Esempio di NPV : Trip Logistics Quanto spazio affittare nei prossimi tre anni Domanda = unità Richiede 1000 mq. Di spazio of spazio ogni 1000 unita di domanda ricavo = 1,22 per ogni unità di domanda La decisione consiste nella scelta di affittare lo spazio necessari per tre anni o ricorrere a capacità di immagazzinamento nel mercato a pronti Costo dell affitto per tre anni =1 per mq Costo del mercato a pronti = 1,20 per mq Tasso di interesse = 10% Il progetto della rete in ambienti incerti 6

7 Esempio di NPV : Trip Logistics Affitto dello spazio di stoccaggio nel mercato a pronti: Profitto atteso annuo = x 1,22 100,000 x 1,20 = 2000 Flusso di cassa = 2000 per ognuno dei prossimi tre anni Il progetto della rete in ambienti incerti 7

8 Esempio di NPV : Trip Logistics Affitto dello spazio per i tre anni: Profitto annuo atteso = x 1, x $1,00 = Flusso di cassa = 2000 per ognuno dei prossimi tre anni Il NPV relativo all affitto e maggiore di 54,711 ; l azienda decide quindi di ricorrere a tale opzione L incertezza nella domanda e nei costi potrebbe però far ripensare tale decisione Il progetto della rete in ambienti incerti 8

9 Rappresentazione dell incertezza Rappresentazione binomiale dell incertezza Altre rappresentazioni dell incertezza Il progetto della rete in ambienti incerti 9

10 Rappresentazione binomiale dell incertezza Passando da un periodo al successivo il valore del fattore sotto esame (domanda, prezzo) ha due possibili risultati, crescita o calo Il fattore in esame cresce di un fattore u>1 con probabilità p e cala di un fattore d<1 con probabilità 1- p Assumendo un prezzo P nel periodo 0, per i periodi da 1 a 4 si potranno avere i seguanti risultati: Periodo 1: Pu, Pd Periodo 2: Pu 2, Pud, Pd 2 Periodo 3: Pu 3, Pu 2 d, Pud 2, Pd 3 Periodo 4: Pu4, Pu 3 d, Pu 2 d 2, Pud 3, Pd 4 Il progetto della rete in ambienti incerti 10

11 Rappresentazione binomiale dell incertezza In generale, per il modello binomiale moltiplicativo, il periodo T ha tutti i possibili risultati Pu t d (T-t), con t = 0,1,,T Dallo stato Pu a d (T-a) nel periodo t, il prezzo nel periodo t+1 può diventare Pu a+1 d (T-a) con probabilità p, or Pu a d (T-a)+1 con probabilità (1-p) Il progetto della rete in ambienti incerti 11

12 Rappresentazione binomiale dell incertezza Pu 5 P Pu Pd Pu 2 Pud Pd 2 Pu 3 Pd 2 u Pud 2 Pu 4 Pu 3 d Pu 2 d 2 Pud 3 Pu 4 d Pu 3 d 2 Pu 2 d 3 Probabilità Pd 3 Pud 4 Pd 4 Pd 5 Il progetto della rete in ambienti incerti 12

13 Rappresentazione binomiale dell incertezza Per il modello binomiale additivo gli stati nei periodi da 1 a 4 sono: Periodo 1: P+u, P-d Periodo 2: P+2u, P+u-d, P-2d Periodo 3: P+3u, P+2u-d, P+u-2d, P-3d Periodo 4: P+4u, P+3u-d, P+2u-2d, P+u-3d, P-4d In generale, per il modello additivo binomiale, il periodo T ha tutti i possibili risultati P+tu-(T-t)d, per t=0, 1,, T Il progetto della rete in ambienti incerti 13

14 Valutazione delle decisioni sulle reti tramite gli Alberi Decisionali Il progetto della rete della supply chain richiede molte decisioni differenti Di tali decisioni molte riguardano la scelta tra opzioni di lungo periodo (meno flessibili) e opzioni di breve periodo (più flessibili) Se si ignora il contributo dell incertezza l opzione di lungo periodo viene normalmente scelta in quanto risulta tipicamente più economica Una tale decisione potrebbe però danneggiare l azienda in quanto i valori reali dei prezzi e della domanda futuri potrebbero differenziarsi da quelli previsti nel momento della decisione L albero delle decisioni è uno strumento grafico che può essere usato per valutare le decisioni in presenza di incertezza Il progetto della rete in ambienti incerti 14

15 La metodologia dell Albero delle Decisioni 1. Identificare la durata di ogni periodo ed il numero di periodi T per i quali la decisione dovrà essere valutata. 2. Identificare i fattori quali domanda, prezzo e tasso di scambio le cui fluttuazioni dovranno essere considerate per i prossimi T periodi. 3. Identificare della rappresentazioni dell incertezza per ogni fattore, stabilendo quali distribuzioni utilizzare per modellare l incertezza. 4. Identificare il tasso di sconto di periodo i per ogni periodo. 5. Rappresentare l albero delle decisioni con stati definiti per ogni periodo, così come le probabilità delle transizioni tra stati in periodi successivi. 6. A partire dal periodo T, risalire al periodo 0 identificando la decisione ottima ed il flusso di cassa atteso ad ogni passo. I valori attesi dei flussi di cassa ad ogni stadio vanno attualizzati quando inseriti nel periodo precedente. Il progetto della rete in ambienti incerti 15

16 La metodologia dell Albero delle Decisioni: il caso Trips Logistics Decidere se e quanto spazio affittare per stoccaggio merce per i prossimi tre anni L affitto per il lungo periodo è attualmente più economico rispetto al ricorso al mercato a pronti Il manager anticipata l incertezza della domanda e dei costi del marcato a pronti per i prossimi tre anni L affitto per il lungo periodo è più economico ma potrebbe essere inutilizzato in caso di domanda inferiore a quella prevista; i costi del mercato a pronti potrebbero inoltre diminuire I costi del mercato a pronti sono attualmente alti ed il mercato a pronti costerebbe molto se la domanda futura fosse maggiore di quanto previsto Il progetto della rete in ambienti incerti 16

17 Trips Logistics: tre opzioni Utilizzare tutto lo spazio necessario dal mercato a pronti in base alle necessità Sottoscrivere un affitto di tre anni per una quantità stabilita di spazio di stoccaggio e far ricorso al mercato a pronti per le richieste addizionali Sottoscrivere un contratto flessibile con un minimo cambiamento che garantisca un utilizzo variabile dello spazio di stoccaggio fino ad un certo limite con ricorso al mercato a pronti per richieste addizionali Il progetto della rete in ambienti incerti 17

18 Il caso Trips Logistics 1000 mq di magazzino richiesti per una domanda di 1000 unità Domanda attuale = unità all anno incertezza binomiale : la domanda può salire del 20% con p = 0.5 o scendere del 20% con 1-p = 0.5 Prezzo dell affitto = 1 per mq per anno Prezzo del mercato a pronti = 1,20 per mq per anno Il prezzo del mercato a pronti può salire del 10% con p = 0.5 o scendere del 10% con 1-p = 0.5 Ricavi = 1,22 per unità di domanda i = 0.1 Il progetto della rete in ambienti incerti 18

19 Albero decisionale per il caso Trips Logistics Periodo 2 Periodo 1 D=144 Periodo 0 D=100 p=1, D=120 p=1,32 D=120 p=1, p=1,45 D=144 p=1,19 D=96 p=1,45 D=144 p=0,97 D=96 p=$1,19 D=80 D=96 p=1,32 p=0, D=80 p=$1.08 D=64 p=1,45 D=64 p=1,19 D=64 p=0,97 Il progetto della rete in ambienti incerti 19

20 Il caso Trips Logistics Analisi dell opzione di ottenere tutto lo spazio di stoccaggio dal mercato a pronti A partire dal periodo 2 si calcolino i profitti ad ogni nodo Per il nodo D=144 e p=1,45 nel periodo 2: C(D=144;p=1,45;2) = x1,45 = P(D=144;p=1,45;2) = x1,22 C(D=144;p=1,45;2) = = Il progetto della rete in ambienti incerti 20

21 Il caso Trips Logistics Nodo Ricavo Costo Profitti D=144, p=1,45 D=144, p=1, x1, x1, x1, D=144, p=0, x0, D=96, p=1,45 D=96, p=1, x1, x1, x1, D=96, p=0, x0, D=64, p=1,45 D=64, p=1, x1, x1, x1, D=64, p=0, x0, Il progetto della rete in ambienti incerti 21

22 Il caso Trips Logistics Il profitto atteso ad ogni nodo del periodo 1 è pari alla somma del profitto del periodo 1 e del valore attualizzato del valore atteso al periodo 2 Il profitto atteso EP(D=; p=;1) al nodo è il profitto atteso da tutti i quattro nodi del periodo 2 che derivano dal nodo in esame PVEP(D=;p=;1) è il valore attuale del profitto atteso al nodo del periodo 2 e di P(D=;p=;1) Il progetto della rete in ambienti incerti 22

23 Il caso Trips Logistics Dal nodo D=120, p=1,32 del periodo 1 risultano quattro possibili stati nel periodo 2 (D=144;p=1,45,2) (D=144;p=1,19;2) (D=96;=1,45;2) (D=96;p=1,19;2) Il profitto atteso nel periodo 2 da tutti i quattro stati possibili dal nodo D=120, p=132 nel periodo 1 è valutato come EP(D=120;p=1,32,1) = 0,25xP(D=144;p=1,45;2) + 0,25xP(D=144;p=1,19;2) + 0,25xP(D=96,p=1,45;2) + 0,25xP(D=96;p=1,19;2)= = 0,25x(-33120)+0,25x4320+0,25x(-22080)+0,25x2880= Il progetto della rete in ambienti incerti 23

24 Il caso Trips Logistics Il valore attuale dei tale profitto atteso al periodo 1 risulta essere PVEP(D=120; p=1,32;1)= EP(D=120;p=1,32;1) / (1+i) = / (1+0,1)= Il profitto totale atteso P(D=120;p=1,32;1) al nodo D=120,p=1,32 nel periodo 1 è la somma del profitto nel periodo 1 a tale nodo e del valore presente del valore futuro dei profitti attesi a tale nodo P(D=120;p=1,32;1) + PVEP(D=120;p=1,32;1) = [(120000x1,22)-(120000x1,32)]= -12,000 + (-10,909) = -22,909 Il progetto della rete in ambienti incerti 24

25 Il caso Trips Logistics Nodo D=120, p=1,32 D=120, p=1,08 D=80, p=1,32 D=80, p=1,08 EP(D=;p=;1) P(D=;p=;1)=Dx1,22- Dxp+EP(D;p;1)/(1+i) Il progetto della rete in ambienti incerti 25

26 Il caso Trips Logistics Per il periodo 0 il profitto totale P(D=100;p=120;0) è la somma del profitto al periodo 0 e del valore attuale del profitto atteso dai quattro nodi del periodo 1 EP(D=100,p=1.20,0) = 0.25xP(D=120,p=1.32,1) xP(D=120,p=1.08,1) xP(D=96,p=1.32,1) xP(D=96,p=1.08,1)= 0,25x(-22909)+0,25x ,25x(-15273)+0,25x21382 = 3818 PVEP(D=100,p=1.20,0) = EP(D=100;p=1,20;0) / (1+k) = 3818 / (1 + 0,1) = 3471 Il progetto della rete in ambienti incerti 26

27 Il caso Trips Logistics P(D=100;p=1,20;0)= x1, x1,20 + PVEP(D=100;p=1,20;0)= = 5471 Il NPV atteso relativo all ottenimento tutto lo spazio di stoccaggio dal mercato a pronti è dato da NPV(Spot Market) = 5471 Il progetto della rete in ambienti incerti 27

28 Il caso Trips Logistics Usando lo stesso approccio si ricava, per l ipotesi di affitto dello spazio di stoccaggio, un NPV(affitto) = Non considerando l incertezza tale valore sarebbe ammontato a NPV(affitto)= Il progetto della rete in ambienti incerti 28

29 Valutazione della flessibilità attraverso gli Alberi Decisionali La metodologia degli alberi di Decisione può essere utilizzata per valutare la flessibilità all interno della supply chain Al manager della Trips Logistics è offerto un contratto per cui, a fronte di un pagamento iniziale di 10000, l azienda ha la flessibilità di utilizzare tra mq e mq di spazio di magazzino al costo di 1 per mq per anno. Trips deve pagare per i primi mq e può in seguito utilizzare fino ad ulteriori mq su domanda a 1 per mq secondo necessità. Con lo stesso approccio descritto il profitto atteso di tale opzione si attesta su Il progetto della rete in ambienti incerti 29

30 Il caso Trips Logistics Opzione Tutto lo spazio dal mercato a pronti Affitto di mq per tre anni Affitto flessibile tra e mq NPV ( ) Il progetto della rete in ambienti incerti 30

31 Valutazione del progetto della supply chain in condizioni di incertezza: il caso AM tires Capacità dedicata gomma in USA e di gomme in Messico Capacità flessibile pari a gomme in USA e pari a gomme in Messico Il progetto della rete in ambienti incerti 31

32 Gli investimenti produttivi della AM Tires Impianto Dedicato Flessibile Costo Fisso Costo Fisso Costo Costo Fisso Fisso USA $1 milione / anno $15 / gomma $1.1 milione / $15 / gomma Messico milioni pesos / anno 110 pesos / gomma anno 4.4 milioni pesos / anno Domanda attesa USA = gomme Domanda attesa Messico = gomme 1US$ = 9 pesos La domanda sale e scende del 20% con probabilità 0,5 Il tasso di cambio sale e scende del 25% con probabilità 0,5 110 pesos / gomma Il progetto della rete in ambienti incerti 32

33 AM Tires Periodo 0 Periodo 1 Periodo 2 DU=100 DM=50 E=9 DU=120 DM = 60 E=11.25 DU=120 DM = 60 E=6.75 DU=120 DM = 40 E=11.25 DU=120 DM = 40 E=6.75 DU=80 DM = 60 E=11.25 DU=80 DM = 60 E=6.75 DU=80 DM = 40 E=11.25 DU=80 DM = 40 E=6.75 DU=144 DM = 72 E=14.06 DU=144 DM = 72 E=8.44 DU=144 DM = 48 E=14.06 DU=144 DM = 48 E=8.44 DU=96 DM = 72 E=14.06 DU=96 DM = 72 E=8.44 DU=96 DM = 48 E=14.06 DU=96 DM = 48 E=8.44 Il progetto della rete in ambienti incerti 33

34 Il caso AM Tires Quattro scenari possibili: entrambi dedicati entrambi flessibili USA flessibile, Messico dedicato USA dedicato, Messico flessibile Pere ogni nodo va risolto il problema di allocazione della domanda: Impianti Mercati USA USA Messico Messico Il progetto della rete in ambienti incerti 34

35 AM Tires: Allocazione della domanda per DU = DM = 72 - E = da A Costo Variabile Costo trasporto E Prezzo vendita Margine ($) USA USA $ ,06 $30 $15 USA Messico $15 $1 14, $1,1 pesos Messico USA 110 $1 14,06 $30 $21,2 pesos Messico Messico 110 pesos 0 14, pesos $9,2 Impianti USA Messico , Mercati USA Messico Profitto (flessibile) = $ Profitto (dedicato) = $ Il progetto della rete in ambienti incerti 35

36 Le decisioni impiantistiche alla AM Tires Configurazione impianto NPV USA Messico Dedicato Dedicato $1,629,319 Flessibile Dedicato $1,514,322 Dedicato Flessibile $1,722,447 Flessibile Flessibile $1,529,758 Il progetto della rete in ambienti incerti 36

37 Aspetti pratici delle decisioni in incertezza per la supply chain Combinare le pianificazioni strategica e finanziaria durante la fase di progetto della supply chain Usare metriche multiple per valutare le reti della supply chain Usare l analisi finanziaria come un input del processo decisionale, non come il processo decisionale Usare stime dei fattori assieme alla analisi di sensitività Il progetto della rete in ambienti incerti 37

Obiettivi, Valori e Risultati

Obiettivi, Valori e Risultati Corso di Analisi Strategiche Obiettivi, Valori e Risultati Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. L obiettivo primario dell impresa è la massimizzazione del profitto nel lungo termine. Il valore si

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Strumenti di pianificazione e. teleriscaldamento urbano

Strumenti di pianificazione e. teleriscaldamento urbano Strumenti di pianificazione e gestione ottima delle reti di teleriscaldamento urbano Daniele Vigo Università di Bologna Dip. di Elettronica, Informatica e Sistemistica daniele.vigo@unibo.it Sommario Introduzione

Dettagli

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici

Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione. Valutazione redditività investimenti impiantistici Impianti industriali 1 Ingegneria economica Interesse e tasso di interesse Capitalizzazione e attualizzazione Costi di gestione Valutazione redditività investimenti impiantistici Investimenti industriali

Dettagli

Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali

Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali Studio di fattibilità e classificazione dei costi degli impianti industriali Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Progettazione

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi

Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance. dott. Matteo Rossi Valore attuale, obiettivi dell impresa e corporate governance dott. Matteo Rossi Prospetto F/I Happy Finance Conto Economico 2008 2009 Reddito Netto 350-500 Ammortamenti 800 800 Accantonamenti 2000 300

Dettagli

Scegliere gli investimenti

Scegliere gli investimenti 1-1 Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso 6 Scegliere gli investimenti A. con il metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare Le decisioni di investimento

Dettagli

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo http://progest.unibg.it 1 Perché detenere le scorte Per coprire i picchi di domanda Per coprire il tempo e la distanza

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

POLITECNICO di MILANO

POLITECNICO di MILANO POLITECNICO di MILANO Valutazione degli investimenti ESERCITAZIONI Corso di IMPIANTI MECCANICI Prof. Stefano FARNE 1 Esercizio 1 L azienda TOP SpA, che produce tappi, ha acquistato, dopo lunghe trattative,

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Come calcolare il. dott. Matteo Rossi

Come calcolare il. dott. Matteo Rossi Come calcolare il valore attuale dott. Matteo Rossi Argomenti trattati Valutazione delle attività a lungo termine Scorciatoie per il calcolo del VA Interesse composto Tasso di interesse reale e tasso di

Dettagli

Argomenti. Domande chiave. Le metodologie alternative al VAN. Teoria della Finanza Aziendale

Argomenti. Domande chiave. Le metodologie alternative al VAN. Teoria della Finanza Aziendale Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1- Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto

Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1-1 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 007-008 6 Scegliere gli investimenti con il A. metodo del valore attuale netto 1- Argomenti Come si determinano i flussi di cassa da attualizzare

Dettagli

Budget e marchi di impresa

Budget e marchi di impresa Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 11 dicembre 2009 Budget e marchi di impresa Costi e ricavi per la pianificazione dell attività Budget e marchi di impresa

Dettagli

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1

La gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza nella supply chain 1 a gestione dell incertezza nella Supply Chain: la scorta di sicurezza a scorta di sicurezza nella supply chain 1 Il ruolo della giacenza nella supply chain Migliora l adattamento di domanda / fornitura

Dettagli

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione

Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione Saggio di attualizzazione, tasso di rendimento interno e saggio di capitalizzazione 27.XI.2013 Scopo e temi della lezione I principali tassi per la misura del valore degli investimenti sono: il saggio

Dettagli

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE

IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE Newsletter Phedro settembre 2007 IL BUDGET ECONOMICO, FINANZIARIO, PATRIMONIALE IL BUDGET ECONOMICO Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali e dei costi programmati per il successivo

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto

Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto Applicazione: Pianificazione di un impianto con il valore attuale netto Un azienda intende produrre un farmaco che sarà venduto in modo esclusivo per 20 anni, dopo di che il brevetto diverrà pubblico.

Dettagli

CL Produzioni Animali

CL Produzioni Animali CL Produzioni Animali Anno Accademico 2013-134 Metodi e Strumenti di analisi degli investimenti introduzione La valutazione economica degli investimenti costituisce una tipica analisi di LUNGO PERIODO

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

Esercizi sulle variabili aleatorie Corso di Probabilità e Inferenza Statistica, anno 2007-2008, Prof. Mortera

Esercizi sulle variabili aleatorie Corso di Probabilità e Inferenza Statistica, anno 2007-2008, Prof. Mortera Esercizi sulle variabili aleatorie Corso di Probabilità e Inferenza Statistica, anno 2007-2008, Prof. Mortera 1. Avete risparmiato 10 dollari che volete investire per un anno in azioni e/o buoni del tesoro

Dettagli

La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain. Progettare la catena distributiva 1

La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain. Progettare la catena distributiva 1 La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain Progettare la catena distributiva Linea guida Il ruolo della distribuzione nella Supply Chain Fattori che influenzano il progetto della

Dettagli

PowerSchedo. Un sistema di supporto alla decisione nel settore dell'oil&gas. For further information: www.mbigroup.it

PowerSchedo. Un sistema di supporto alla decisione nel settore dell'oil&gas. For further information: www.mbigroup.it PowerSchedo Un sistema di supporto alla decisione nel settore dell'oil&gas For further information: Introduzione PowerSchedO è uno strumento software di supporto alle decisioni per problemi nel settore

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Il progetto come investimento Alcune definizioni Se investo PV ( valore attuale ) oggi al tasso

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Economia Industriale

Economia Industriale Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Facoltà di Economia A.A. 2005/2006 Economia Industriale Dott. Massimiliano Piacenza Lezione 3 Monopolio e regola dell elasticità Monopolio naturale e regolamentazione

Dettagli

Analisi dei costi di produzione

Analisi dei costi di produzione Analisi dei costi di produzione industriale Analisi dei costi 1 Comportamento dei costi La produzione è resa possibile dall impiego di diversi fattori. L attività di produzione consuma l utilità dei beni

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e opzioni reali Formula di Black/Sholes Nell approccio binomiale, per ipotesi, alla fine del periodo vi sono solo 2 possibili prezzi. Nella realtà,

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

investimenti 2. Valutazione del rischio.

investimenti 2. Valutazione del rischio. PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni.

I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie e classificazioni. Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB I sistemi contabili per le decisioni e il controllo di gestione. I costi: concetti, terminologie

Dettagli

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso.

LA PALESTRA. 3. Le scelte di make or buy si basano esclusivamente sulla convenienza economica fra le due alternative: a) Vero; b) Falso. DOMANDE CHIUSE CORSO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECONDA PARTE) LA PALESTRA 1. L attività di pianificazione, gestione e controllo dei flussi fisici dei materiali (m.p., semilavorati, e prodotti

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.8 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

ore, dal settore interessato.

ore, dal settore interessato. Unione Europea Regione Calabriaa Comune di Lamezia Terme Repubblicaa Italiana PROGRAMMA OPERATIVO REGIONEE CALABRIA FESR 2007-2013 ASSE VIII.1 - CITTÀ E AREE URBANE SCHEMA PIA NO DI G ESTION E INTERR VENTI

Dettagli

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia?

Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di risparmio più redditizia? Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 p. 2 p. 5 p. 6 Single di 30 anni: investimento di 10mila euro p.

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p.

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p. INDICE IIIX XIII Guida alla lettura Premessa 3 Capitolo primo La contabilità analitica a supporto del Processo Decisionale 6 1.1 Il significato e lo scopo della contabilità analitica 1.1.1 I principi guida

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C?

Lo yield management. Revenue & yield management. Come si inserisce nel sistema di P&C? Lo yield management Lo yield management può essere definito un metodo per vendere l opportuna quantità di prodotto disponibile al cliente, al momento e al prezzo giusto. Costituisce una guida per allocare

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

06/11/15 OBIETTIVI ESERCIZIO 1: CAE E OTC IL COSTO ANNUO EQUIVALENTE

06/11/15 OBIETTIVI ESERCIZIO 1: CAE E OTC IL COSTO ANNUO EQUIVALENTE OBIETTIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE ESERCITAZIONI DI FINANZA AZIENDALE ESERCITAZIONE 4 1) CAE; 2) OTC; 3) Sostituzione anticipata

Dettagli

BAXI. settore dell idrotermosanitario. Milano, 22 Aprile 2009. Project Manager - Indicod-Ecr

BAXI. settore dell idrotermosanitario. Milano, 22 Aprile 2009. Project Manager - Indicod-Ecr BAXI L analisi i di fattibilità per il settore dell idrotermosanitario Milano, 22 Aprile 2009 Pierluigi Montanari Project Manager - Indicod-Ecr Baxi Italy Con: 280 MLN di fatturato 75% di export Una rete

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elementi di matematica finanziaria 09.XI.2009 La matematica finanziaria e l estimo Nell ambito di numerosi procedimenti di stima si rende necessario operare con valori che presentano scadenze temporali

Dettagli

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa

Management Sanitario. Modulo di Ricerca Operativa Management Sanitario per il corso di Laurea Magistrale SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE Modulo di Ricerca Operativa Prof. Laura Palagi http://www.dis.uniroma1.it/ palagi Dipartimento di

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni CAPITOLO 2 Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni Semplici PROBLEMI 1. a. Negativo; b. VA = C 1 /(1 + r); c. VAN = C 0 + [C 1 /(1 + r)]; d. r è la remunerazione a cui si

Dettagli

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti

Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti Il progetto e la sua fattibilità: gli strumenti 17.XII.2008 Scopo della comunicazione Abbiamo sino a qui analizzato i principali attori che entrano in gioco in un operazione di sviluppo immobiliare, le

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Capitolo 2. Valore attuale e costo opportunità del capitale. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri

Capitolo 2. Valore attuale e costo opportunità del capitale. Principi di finanza aziendale. Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Principi di finanza aziendale Capitolo 2 IV Edizione Richard A. Brealey Stewart C. Myers Sandro Sandri Valore attuale e costo opportunità del capitale 2-2 Argomenti trattati Valore attuale Valore attuale

Dettagli

Politica della Concorrenza e Antitrust

Politica della Concorrenza e Antitrust Competizione, Mercati e Politica Economica Politica della Concorrenza e Antitrust Prof. Matteo Maria Galizzi, MSc, PhD Dipartimento di Economia, LIUC DSE, Università di Brescia Lezione 14: Relazioni verticali

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014

Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 Esempi di modelli di programmazione lineare (intera) 2014 1) Combinando risorse Una ditta produce due tipi di prodotto, A e B, combinando e lavorando opportunamente tre risorse, R, S e T. In dettaglio:

Dettagli

IFRS 13 Valutazione al Fair Value Cenni sull applicazione alle imprese industriali e commerciali

IFRS 13 Valutazione al Fair Value Cenni sull applicazione alle imprese industriali e commerciali IFRS 13 Valutazione al Fair Value Cenni sull applicazione alle imprese industriali e commerciali Bergamo AA 2013 2014 Orazio Vagnozzi KPMG IFRS Group Background Perché Cosa Quando Consolidare la nozione

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Breve descrizione dello strumento di verifica dell addizionalità. Manuale - breve descrizione

Breve descrizione dello strumento di verifica dell addizionalità. Manuale - breve descrizione Breve descrizione dello strumento di verifica dell addizionalità Manuale - breve descrizione Versione aggiornata 20 marzo 2015 1. Obiettivo dello strumento di calcolo Lo strumento di calcolo di KliK per

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale TEMA 5: Introduzione al costo del capitale Rischio e capital budgeting (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 11) Argomenti trattati (segue) Stima del beta Le determinanti del beta Ciclicità dei ricavi

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

La pianificazione dell equilibrio finanziario

La pianificazione dell equilibrio finanziario La pianificazione dell equilibrio finanziario Sebastiano Di Diego - Fabrizio Micozzi 1 L ottimizzazione della gestione delle fonti di finanziamento richiede l analisi di una metodologia di calcolo del

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI CALCOLI DI CONVENIENZA ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Per ottenere una maggiore o migliore capacità produttiva, il decisore definisce i progetti di investimento industriale per mezzo dei quali

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9. Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca

ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9. Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca ASPETTI CRITICI APPLICATIVI OIC n. 9 Dott.ssa Roberta Provasi dottore commercialista in Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca 1 Finalità Verificare che il valore delle proprie attività non superi

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ]

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 2 Del precedente esercizio calcolare il montante in regime di capitalizzazione composta.

Dettagli

3. Determinare il numero di mesi m > 0 tale che i montanti generati dai due impieghi coincidano. M = 1000 1 + 0.1 9 ) = 1075 12

3. Determinare il numero di mesi m > 0 tale che i montanti generati dai due impieghi coincidano. M = 1000 1 + 0.1 9 ) = 1075 12 Esercizi di matematica finanziaria 1 Leggi finanziarie in una variabile Esercizio 1.1. Un soggetto può impiegare C o a interessi semplici con tasso annuo i oppure a interessi semplici anticipati con tasso

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico 2015-2016 1 ------------------------------------

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI

Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI Economia e Organizzazione Aziendale ESERCIZIO 1 ESERCIZI SUGLI INVESTIMENTI La Fispo è una media azienda che produce motori elettrici per piccoli elettrodomestici. La fase di assemblaggio del prodotto

Dettagli