COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA SERVIZIO S.U.A.P. ED ATTIVITA ECONOMICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO S.U.A.P. ED ATTIVITA ECONOMICHE"

Transcript

1 ID COMUNE DI RAVENNA Prot. gen. N /2015 ORDINANZA N. TL / 2015 Ravenna, I L S I N D A C O - Visto il D.Lgs n. 32, Razionalizzazione del sistema di distribuzione dei carburanti ; - Visto il D.Lgs n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; - Vista la deliberazione del Consiglio Regionale 8 maggio 2002, n.355, Norme regionali di indirizzo programmatico per la razionalizzazione e l ammodernamento della rete distributiva carburanti così come modificata dalla deliberazione dell'assemblea Legislativa n. 208 del nonché dalla deliberazione 1421 del Criteri generali per la determinazione degli orari di apertura degli impianti stradali di distribuzione carburanti, ai sensi del punto 9.1 della DCR 355/2002 ; - Visto il punto 7. dell art. 28 del D.L. 98 del ; - Visti l art. 17 e 18 del D.L n. 1, convertito in Legge n. 27; - Considerato che i criteri sopraindicati prevedono : 1. Fasce obbligatorie di apertura assistita degli impianti dal lunedì al sabato: dalle ore 9 alle ore 12; dalle ore 15 alle ore 18; fatta salva l eventuale mezza giornata di chiusura; 2. Possibilità di chiusura domenicale e festiva, in tutto o in parte dell orario giornaliero; 3. Possibilità di chiusura antimeridiana o pomeridiana in un giorno dal lunedì al sabato; - Considerato che la normativa suindicata, al punto Turni di riposo, prevede che: a. nelle domeniche e nei giorni festivi debba essere garantita l'attività degli impianti almeno nella misura del 20% di quelli esistenti e funzionanti nel territorio comunale calcolando anche gli impianti attivi in modalità self service; b. i Comuni dispongano una turnazione del riposo infrasettimanale, che non può essere superiore al 50% degli impianti attivi, ridotta al 25% in relazione alla concentrazione degli impianti. L effettuazione della turnazione è a scelta del gestore; c. Coloro che effettuano l apertura domenicale prevista dalla turnazione disposta dai Comuni, possono sospendere l attività per l intera giornata del lunedì successivo e se questo è festivo nel primo giorno feriale seguente. Qualora il gestore non effettui il riposo, dopo l apertura domenicale per turno, le ore di apertura domenicali non si computano nell orario settimanale. Su richiesta degli interessati, i Comuni possono escludere dalla turnazione festiva gli impianti posti in aree prive di traffico significativo in tali giornate; 1

2 - Considerato che nel Comune di Ravenna tutti gli impianti attivi e funzionanti sono dotati del dispositivo self service pre pagamento per cui l'attività degli stessi, nelle giornate domenicali e festive, è sempre garantita anche senza la presenza dei gestori; - Ritenuto comunque di prevedere una turnazione delle aperture festive, degli impianti ubicati nel territorio del Comune, in modo razionale e tale da consentire una buona usufruibilità da parte degli utenti anche in condizioni di disabilità, nonché una maggiore redditività del lavoro dei gestori; - Vista inoltre la Legge n.161, in vigore dal , e in particolare l art.23 che modifica l art.28, comma 7, del D.L. n. 98 del 2011, eliminando la distinzione tra le stazioni di servizio nelle aree urbane e quelle poste al di fuori dei centri abitati, liberalizzando così i distributori di carburanti non presidiati e funzionanti in modalità self service pre-pagamento; - Richiamata la precedente ordinanza TL.1872/2014 del , relativa agli orari, turni e ferie degli impianti di distribuzione stradale di carburanti, adottata per l anno 2015; - Sentite le associazioni dei gestori FAIB e FIGISC; Ritenuto pertanto, per le motivazione sopra esposte, di prevedere le seguenti disposizioni; - Visto l art. 50 del D.Lgs. n.267 del ; DISPONE gli impianti di distribuzione carburanti del Comune di Ravenna, esclusi quelli autostradali, per l'anno 2016, osserveranno i seguenti orari e modalità di apertura: 1) ORARI GIORNALIERI DI APERTURA PERIODO INVERNALE (Dal 1 gennaio al 31 maggio e dal 1 settembre al 31 dicembre) MATTINO dalle ore 7.30 alle ore POMERIGGIO dalle ore alle ore PERIODO ESTIVO (Dal 1 giugno al 31 agosto) MATTINO dalle ore 7.00 alle ore POMERIGGIO dalle ore alle ore E consentito, per l intero anno, anticipare l apertura pomeridiana festiva alle ore 14. I gestori, previa comunicazione al Comune e nel rispetto dei criteri sottoindicati, possono effettuare un orario a propria scelta dal lunedì alla domenica: 2

3 Al fine comunque di garantire il servizio di rifornimento anche alle persone in condizioni di disabilità, si ritiene opportuno disporre il seguente orario minimo di apertura (fatta salva l eventuale mezza giornata di chiusura): MATTINO dalle ore 9,00 alle ore POMERIGGIO dalle ore alle ore Apertura degli impianti non prima delle ore 5,00; Chiusura degli impianti non dopo le ore 22,00; Possibilità di chiusura domenicale e festiva, in tutto o in parte dell orario giornaliero; Possibilità di chiusura infrasettimanale, antimeridiana o pomeridiana, in un giorno dal lunedì al sabato; Per apertura dell impianto si intende l erogazione dei servizi e carburanti autorizzati con o senza la presenza e l assistenza del gestore o comunque del personale (dipendente, collaboratore) addetto all impianto. E possibile l utilizzo continuativo delle apparecchiature self service con pagamento anticipato, anche senza la presenza del gestore o del personale addetto, durante gli orari di apertura sopraindicati, ai sensi dell art.23 della Legge n. 161, in vigore dal , previa presentazione di apposita comunicazione al Comune; Durante l orario di apertura dell impianto, con l assistenza del gestore o del personale addetto, può essere liberamente mantenuto in funzione anche il dispositivo self service con pagamento anticipato; Gli impianti provvisti di apparecchiature self service post-pagamento, possono utilizzare le medesime negli orari e nei turni di apertura fissati. I titolari degli impianti che intendono effettuare il servizio notturno, che deve essere svolto dalle ore 22,00 fino all orario di apertura giornaliero, con la presenza del gestore, dovranno ottenere una specifica autorizzazione rilasciata dal Comune. Gli impianti autorizzati dovranno rispettare per intero l orario di apertura. Le attività commerciali ubicate presso i distributori di carburanti, possono scegliere liberamente gli orari di apertura e chiusura a seconda delle proprie ed altrui esigenze, ai sensi del D.L. 138/2011 e L.214 del ; I pubblici esercizi di somministrazione alimenti e bevande possono scegliere liberamente i propri orari di apertura e chiusura. Le attività di somministrazione alimenti e bevande, autorizzate ai sensi dell art. 4, comma 3, lett.c) della L.R , n.14 e successive modificazioni (annessi), possono scegliere il proprio orario di apertura, purchè lo stesso sia compreso nell orario di funzionamento del distributore di carburanti, anche se con modalità self service pre-pagamento. 2) GIORNATE DI APERTURA NEI GIORNI FESTIVI Nelle domeniche, e nei giorni festivi infrasettimanali, l'attività degli impianti, con la presenza del gestore, avviene secondo i turni sotto riportati e meglio specificati negli allegati A e B, parti integranti del presente provvedimento: 3

4 Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4 Gruppo 5 Gruppo 6 Gruppo 7 Gruppo 8 MESE Giorni Giorni Giorni Giorni Giorni Giorni Giorni Giorni GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE Coloro che effettuano l apertura domenicale prevista dalla turnazione disposta dai Comuni, possono sospendere l attività per l intera giornata del lunedì seguente e se questo è festivo nel primo giorno feriale successivo; Le ore di apertura degli impianti nelle domeniche previste dai turni suindicati non si computano nell orario settimanale anche qualora i gestori non sospendano l attività nel lunedì seguente o nel primo giorno successivo non festivo; La presenza del gestore nelle giornate festive suindicate è comunque facoltativa in quanto l'attività di almeno il 20% degli impianti è garantita dai dispositivi self service prepagamento, di cui sono dotati tutti gli impianti esistenti nel comune di Ravenna; Gli impianti situati nelle zone e strade sottoindicate, nel periodo 1 GIUGNO-30 SETTEMBRE, sono esentati dalla chiusura domenicale e festiva fatto salvo quanto previsto al successivo punto 5) lett.c); ZONE BALNEARI / ZONE TURISTICHE / STRADE TURISTICO/BALNEARI - Casal Borsetti; - Porto Corsini; - Marina di Ravenna; - Punta Marina Terme; - Lido Adriano; - Lido di Classe; - Lido di Savio; - S.Alberto, via Basilica; - Mirabilandia; - S.S. 16 (Nel tratto denominato Via Romea Sud - dallo svincolo della Classicana fino al confine con il Comune di Cervia) compresa la nuova variante della SS.16; 4

5 3) CHIUSURA INFRASETTIMANALE a) Gli impianti possono osservare una mezza giornata di chiusura infrasettimanale nella giornata del sabato pomeriggio salvo quanto previsto alla successiva lett.b); b) Il gestore, previa comunicazione al Comune, può scegliere di effettuare una mezza giornata di chiusura, che può essere antimeridiana o pomeridiana, diversa da quella stabilità al precedente punto a), oppure può non effettuare alcuna chiusura infrasettimanale; c) Sono esclusi dall effettuazione della mezza giornata di chiusura infrasettimanale del sabato pomeriggio, di cui alla lett. a), gli impianti compresi nei turni di apertura domenicali suindicati che sono tenuti ad effettuare l apertura assistita nel pomeriggio del sabato che precede la domenica di turno medesima d) Gli impianti situati nelle ZONE BALNEARI / ZONE TURISTICHE / STRADE TURISTICO/BALNEARI Sopraindicate, nel periodo 1 GIUGNO - 30 SETTEMBRE, sono comunque esentati dalla chiusura del sabato pomeriggio o di altra mezza giornata di chiusura, eventualmente scelta dal gestore e comunicata al Comune, come previsto al successivo punto 5; 4) FERIE Le richieste di chiusura per ferie dei gestori, previo assenso dei proprietari degli impianti, vanno inoltrate al Comune di Ravenna, solamente nel caso in cui siano previsti periodi di ferie non coincidenti con il piano sotto riportato. La sospensione dell'attività per ferie può essere autorizzata per un tempo non superiore alle 2 settimane per ogni anno solare, fruibile in qualsiasi periodo. Il periodo feriale richiesto deve essere determinato in modo tale da garantire, nel limite del possibile, l effettuazione delle turnazioni. Può inoltre essere autorizzata, seguendo la procedura sopraddetta, la sospensione dell'attività per un numero di giorni che consenta di recuperare le festività soppresse di cui alla legge 5/3/1977 n. 54 e successive modifiche e integrazioni. CALENDARIO FERIE GRUPPO 1 Dal al GRUPPO 2 Dal al GRUPPO 3 Dal al GRUPPO 4 Dal al GRUPPO 5 Dal al GRUPPO 6 Dal al GRUPPO 7 Dal al GRUPPO 8 Dal al TURNO FERIE PER IMPIANTI SITI IN: ZONE BALNEARI / TURISTICHE STRADE TURISTICO/BALNEARI - Casal Borsetti; 5

6 - Porto Corsini; - Marina di Ravenna; - Punta Marina Terme; - Lido Adriano; - Lido di Classe; - Lido di Savio; - S.Alberto, via Basilica; - Mirabilandia; - S.S. 16 (Nel tratto denominato Via Romea Sud - dallo svincolo della Classicana fino al confine con il Comune di Cervia) compresa la nuova variante della SS. 16; GRUPPO MARE A Dal al GRUPPO MARE B Dal al GRUPPO MARE C Dal al ) ESENZIONI E DEROGHE Gli impianti di metano e gas di petrolio liquefatto sono esonerati dal rispetto degli orari di chiusura nonché dei turni di chiusura infrasettimanali e festivi, anche se collocati all interno di un complesso di distribuzione di altri carburanti. Gli impianti multiprodotto con prevalenza di erogatori di metano o G.P.L. o di entrambi sono esonerati dal rispetto dei turni e degli orari di chiusura anche relativamente alla vendita della benzina e del gasolio. Per il periodo 1 GIUGNO - 30 SETTEMBRE, senza necessità di comunicazione al Comune, è consentita per tutti gli impianti delle zone balneari/turistiche e delle strade turistico/balneari di cui al precedente paragrafo 2), a) la deroga dalla chiusura alle ore 19.30, posticipandola alle ore 20.00; b) l esenzione dalla chiusura del sabato pomeriggio e dell intera giornata di domenica e festivi; c) la compensazione della giornata di apertura domenicale nelle giornate feriali immediatamente successive. Nell eventualità di cui al precedente punto c), in cui il gestore intenda compensare la giornata di apertura domenicale con una giornata feriale successiva, essa dovrà essere preventivamente comunicata a mezzo fax al Comune di Ravenna al n ; 6) CARTELLI I gestori devono curare la predisposizione di cartelli indicatori dell orario di servizio dell impianto e delle aperture turnate nei giorni domenicali e festivi infrasettimanali, con obbligo di esporli in modo ben visibile all utenza. Dovrà essere esposta apposita cartellonistica per rendere consapevoli i consumatori dell effettiva possibilità di chiedere l assistenza del gestore, nelle fasce obbligatorie di apertura dell impianto, ossia 9-12 e 15-18, ovvero negli orari stabiliti nella presente 6

7 ordinanza, nei giorni dal lunedì al sabato non festivi. Qualora l impianto, previa comunicazione al Comune, sia funzionante nella sola modalità self service con pagamento anticipato, i consumatori dovranno essere informati tramite apposito cartello. Dovrà essere altresì installata, con le modalità (ordine dei prodotti, dimensioni ecc.) indicate nel D.M , relativo all esposizione dei prezzi, l apposita cartellonistica, sia visibile dalla carreggiata nonché vicina alle colonnine, con l indicazione dei prezzi effettivamente praticati al consumatore, nelle diverse modalità di vendita, non servito e servito. In particolare, nel cartellone visibile dalla carreggiata, dovrà essere esposto il prezzo senza servizio, se presente, e su cartellone separato quello relativo al prezzo del servito, mediante l indicazione della sola differenza in aumento rispetto al prezzo senza servizio. 7) SANZIONI Le violazioni alle disposizioni del presente provvedimento saranno punite con sanzione amministrativa da 75,00 fino ad 500,00, nei modi e nelle forme di cui alla legge 689/81. Relativamente alle violazioni relative all esposizione corretta dei prezzi al consumatore verranno invece applicate le sanzioni previste all art.6 del D.M La presente ordinanza decorre dal 1 gennaio 2016 e sostituisce la precedente TL n. n. 1872/2014 del Avverso il presente provvedimento è ammesso il ricorso al T.A.R. della Regione Emilia Romagna entro il termine di 60 giorni dall'avvenuta pubblicazione, ovvero il ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro il termine di 120 giorni dall'avvenuta pubblicazione. F.to Il Vice Sindaco Giannantonio Mingozzi 7

8 Elenco dei gruppi ordinati in base al turno e per codice impianto 8 ALLEGATO A Gruppo REALE 123 (SS 16 KM ) MEZZANO FORESE AGIP PANFILIA 67 (ANG.VIA RUBICONE) RAVENNA RA CITTA' TAMOIL FAENTINA 163 RAVENNA RA CITTA' AGIP MARE A SPALLAZZI CASALBORSETTI BALNEARI TAMOIL DELLE INDUSTRIE 49 RAVENNA RA CITTA' ESSO DISMANO 442/A S.ZACCARIA FORESE SHELL BUSSATO (Area Esp) 2 RAVENNA RA CITTA TOTALERG Gruppo GAMBELLARA S.P. IN VINCOLI FORESE TAMOIL FAENTINA 175 F.ZARATTINI FORESE TOTALERG MARE C VIRGILIO (Viale) LIDO ADRIANO BALNEARI IP FALCONE 51/B (ex Vale Randi 57) RAVENNA RA CITTA' AGIP ROMEA NORD 170 RAVENNA RA CITTA' METANO SS E 45 KM ,35 LS MADONNA DELL'ALBERO FORESE AGIP EUROPA 91 RAVENNA RA CITTA' TAP MARE B BASILICA S.ALBERTO FORESE AVIA Gruppo ROMEA SUD 17 RAVENNA RA CITTA' Q TRIESTE 290 RAVENNA RA CITTA' AGIP MARE C ROMEA SUD (SS 16 KM ) FOSSO GHIAIA FORESE IP ROMEA SUD 151 CLASSE FORESE IP S.VITALE (SS 309 DIR. KM 1+921) RAVENNA RA CITTA' ESSO FAENTINA 173 F.ZARATTINI FORESE SHELL 8

9 PERTINI 50 RAVENNA RA CITTA' TOTALERG E 45 AL KM MENSA FORESE TOTAL Gruppo REALE 5 (SS 16 KM ) CAMERLONA FORESE IP ROMEA NORD 102 RAVENNA RA CITTA' AGIP ROMEA SUD 119 RAVENNA RA CITTA' AGIP CADUTI SUL LAVORO 1 (Piazza) RAVENNA RA CITTA' SHELL CLASSICANA 225 (SS 67 KM 3+559) PORTO FUORI FORESE SHELL MARE C SAFFI 16 (Piazza) PUNTA MARINA BALNEARI IP MARE A DEI LOMBARDI 70 (Viale) SAVIO BALNEARI TOTAL CLASSICANA 180 (SS 16 KM 155/750 DIR.NORD) RAVENNA RA CITTA' Q SS 16 VIA CLASSICANA RAVENNA RA CITTA AGIP Gruppo ROMEA NORD 43 RAVENNA RA CITTA' IP DESTRA CANALE MOLINETTO 179 RAVENNA RA CITTA' AGIP RAVEGNANA 329 RAVENNA RA CITTA' AGIP FAENTINA 19 RAVENNA RA CITTA' AGIP MARE A CANALE MOLINETTO 106 PUNTA MARINA BALNEARI AGIP S.ALBERTO 67 RAVENNA RA CITTA' TOTALERG MARE A STANDIANA 33/E (PROV.LE 101 KM 1+256) SAVIO FORESE TAMOIL NAVIGLIO RAVENNA RA CITTA Q8 Gruppo BAIONA 20 RAVENNA RA CITTA' Q RAVEGNANA 106 RAVENNA RA CITTA' TOTALERG DEL SALE 83 S.P. CAMPIANO FORESE TOTAL CLASSICANA 629 (SS 16 KM ) RAVENNA RA CITTA' ESSO 9

10 1 MARE B TRIESTE 418 (SS 67 KM ) MARINA RAVENNA BALNEARI ROBGAS EUROPA 200 (Viale) RAVENNA RA CITTA' AGIP CLASSICANA 299 (SS 16 KM DIR.SUD) RAVENNA RA CITTA' Q8 Gruppo ROMEA NORD 31 RAVENNA RA CITTA' SE.GE.D. MARE B ROMAGNA 204 (Viale) LIDO SAVIO BALNEARI Q ROMEA SUD 68/B RAVENNA RA CITTA' Q REALE 11 (SS 16 KM ) CAMERLONA FORESE IP RAVEGNANA AL KM RAVENNA RA CITTA' AGIP ALLENDE RAVENNA RA CITTA' TAMOIL EUROPA 21 RAVENNA RA CITTA' AGIP MARE B MAONE CASALBORSETTI BALNEARI BEYFIN Gruppo CLASSICANA 387 (SS 16 KM ) RAVENNA RA CITTA' TOTALERG MARE C MOLO DALMAZIA MARINA RAVENNA BALNEARI IP FAENTINA 110 RAVENNA RA CITTA' Q FAENTINA 203 F.ZARATTINI FORESE IP REALE 322 (SS 16 KM ) MEZZANO FORESE TAMOIL TRIESTE 81 RAVENNA RA CITTA' ESSO RAVEGNANA 323 RAVENNA RA CITTA' ESSO DISMANO (SP 118 KM 6+152,2) CAMPIANO FORESE TOTAL MARE B SS16 AL KM VARIANTE SAVIO FORESE AGIP Elenco Gruppi località balneari per ferie in deroga. Ordinati in base al turno e per codice impianto. Turno A MARE B MAONE n. 3/5 CASALBORSETTI BALNEARI BEYFIN 10

11 1 MARE A CANALE MOLINETTO 106 PUNTA MARINA BALNEARI AGIP MARE A DEI LOMBARDI 70 (Viale) LIDO CLASSE BALNEARI TOTAL MARE A STANDIANA 33/E (PROV.LE 101 KM 1+256) SAVIO FORESE TAMOIL MARE A 1 Turno B MARE B ROMAGNA 204 (Viale) LIDO SAVIO BALNEARI Q8 MARE B TRIESTE 418 (SS 67 KM ) MARINA RAVENNA BALNEARI ROBGAS MARE B BASILICA S.ALBERTO FORESE AVIA MARE B SS 16 VARIANTE al km SAVIO FORESE AGIP Turno C MARE C MOLO DALMAZIA MARINA RAVENNA BALNEARI IP MARE C ROMEA SUD (SS 16 KM ) FOSSO GHIAIA FORESE IP MARE C SAFFI 16 (Piazza) PUNTA MARINA BALNEARI IP MARE C VIRGILIO (Viale) LIDO ADRIANO BALNEARI IP 11

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce

CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce CITTA DI PARABITA Provincia di Lecce ORDINANZA N. 41 Reg. n. 84 del 3 dicembre 2014 Oggetto : Orari, turni festivi e ferie impianti distribuzione carburanti per l anno 2015. IL SINDACO VISTA la legge regionale

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA AREA PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO COMMERCIO, ARTIGIANATO E PUBBLICI ESERCIZI Prot.gen. n. 116528/2008 ID. 991074044 Ravenna, 17.12.2008 ORDINANZA N. TL.2251 / 2008 I L S I N D A C O - Visto

Dettagli

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008

Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 COMUNE DI NOVARA Via F.lli Rosselli n. 1 Prot. n. 76424 RI/04/8405 Novara lì 24 OTTOBRE 2008 Oggetto: Disciplina degli orari di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione dei carburanti

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive e Programmazione Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 35314 del 29 giugno 2009 Ordinanza n. 112/09 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE

Dettagli

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA

COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Ordinanza num. 7 emessa in data 27/01/2014 COMUNE DI TORRITA DI SIENA PROVINCIA DI SIENA ORDINANZA Oggetto: Sistema distributivo dei carburanti - Determinazione dei criteri per l'articolazione degli orari

Dettagli

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina.

Comune di Rescaldina Provincia di Milano. Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Comune di Rescaldina Provincia di Milano Regolamentazione degli orari e dei turni dei distributori di carburanti sul territorio di Rescaldina. Delibera Consiglio Comunale n. 43 del 29/06/2007; Entrato

Dettagli

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005

Ordinanza Nr. 4 Serravalle Pistoiese, lì 04/02/2005 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 Via Garibaldi 50 Serravalle Pistoiese Tel. 0573 9170 Fax. 0573 51064 e-mail: amministrazione@comune.serravalle-pistoiese.pt.it

Dettagli

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona

COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona COMUNE DI MERGO Provincia di Ancona ORIGINALE Registro Generale n. 12 ORDINANZA DEL SETTORE ORDINANZE SINDACALI N. 12 DEL 24-11-2011 Ufficio: UFFICIO GIURIDICO-GESTIONALE SUAP Oggetto: DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

COMUNE DI Provincia di Treviso

COMUNE DI Provincia di Treviso Cod. modello 2.8.3 ordinanza fissazione orari.doc COMUNE DI Provincia di Treviso ORDINANZA Nr. DEL OGGETTO: Fissazione degli orari e dei turni di apertura e chiusura degli impianti stradali di distribuzione

Dettagli

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione;

SOMMARIO. Preambolo. PREAMBOLO Visto l articolo 117, comma quarto della Costituzione; Modifiche alla legge regionale 7 febbraio 2005 n. 28 (Codice del commercio.testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione alimenti e bevande, vendita di stampa quotidiana

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA COMMERCIALI Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 16 del 18.02.2004 Art. 1 NASTRO ORARIO Il nastro orario giornaliero, nell ambito

Dettagli

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26

24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 24.7.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 5 della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di Art. 13 - Sostituzione dell articolo 56 della l.r. 28/2005 osservarla e farla osservare

Dettagli

14. Distributori di Carburante

14. Distributori di Carburante 14. Distributori di Carburante Titolo abilitante art. 1 del D.Lgs del 11 febbraio 1998 n. 32 a norma dell art. 4 della L. 15 marzo 1997 n. 59 e della Deliberazione di Consiglio Regionale n. 355/2002 così

Dettagli

Distributori di carburanti

Distributori di carburanti Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio marzo 2015 Distributori di carburanti Criteri semplificati per la caratterizzazione, messa in sicurezza e bonifica dei suoli e delle acque

Dettagli

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE)

Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della V Commissione permanente SICUREZZA SOCIALE (SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA SANITARIA E OSPEDALIERA, ASSISTENZA SOCIALE) (Seduta del 28 aprile 2009) Relatore

Dettagli

Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19)

Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Comunicazione di VARIAZIONI NON SOSTANZIALI a IMPIANTO DISTRIBUTORE CARBURANTI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Al Sindaco del Comune di Pontedera Sportello unico Attività Produttive Il/la sottoscritto/a Cognome

Dettagli

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO

Disciplina degli orari di attività dei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande IL SINDACO COMUNE DI TRESCORE CREMASCO Provincia di Cremona Ufficio Segreteria Via Carioni 13-26017 Trescore Cremasco Tel. 0373 272246 Fax 0373 272232 e.mail segreteria@trescorecremasco.net Prot. n. 4399 Trescore

Dettagli

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5

Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Legge Regionale 29 gennaio 2010, n.5 Nuove norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva carburanti ed attuazione delle norme di liberalizzazione

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO ----------- ------------ ATTIVITA PRODUTTIVE UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI GROSSETO ----------- ------------ ATTIVITA PRODUTTIVE UFFICIO COMMERCIO ORDINANZA n 294 del 2.12.2004 OGGETTO: Impianti stradali di distribuzione automatica carburanti per uso autotrazione. Orari, turni festivi e ferie. IL SINDACO VISTA la legge regionale 24 marzo 2004 n 19

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU (PROVINCIA DI ORISTANO)

COMUNE DI MARRUBIU (PROVINCIA DI ORISTANO) COMUNE DI MARRUBIU (PROVINCIA DI ORISTANO) - UFFICIO TECNICO COMUNALE - PIANO COMUNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE E L AMMODERNAMENTO DELLA RETE DISTRIBUTIVA CARBURANTI VARIANTE AL PIANO URBANISTICO COMUNALE

Dettagli

ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14.

ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14. Prot. 1864 Oggetto: ORDINANZA ATTUATIVA DELLA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ORARI PREVISTA DAL D.LGS. 31 MARZO 1998 N.114 E DALLA LEGGE REG.LE 5 LUGLIO 1999 N.14. I L S I N D A C O Visto il Decreto Legislativo

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ESTRATTO del Processo verbale dell adunanza del 29 ottobre 2009 Seduta pubblica Sessione III ordinaria Intervenuti Consiglieri N. 25 Presidente Giacomo

Dettagli

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale

IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120. di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale IX LEGISLATURA Atti 5462/2011 IV COMMISSIONE PDL N. 120 di iniziativa del Presidente della Giunta Regionale MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 2 FEBBRAIO 2010, N. 6 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA

Dettagli

Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI

Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI - 1 - Piano di razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva comunale Comune di Quartu Sant Elena PROVINCIA DI CAGLIARI Area Economica e dello Sviluppo Settore Attività Produttive Piano di

Dettagli

CAP 47042 PROVINCIA DI FORLI -CESENA SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio attività produttive - Viale Roma, 112

CAP 47042 PROVINCIA DI FORLI -CESENA SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio attività produttive - Viale Roma, 112 1 COMUNE DI CESENATICO CAP 47042 PROVINCIA DI FORLI -CESENA SETT SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio attività produttive - Viale Roma, 112 Protocollo Generale N. 36832 OGGETTO: ORARI DI ESERCIZIO DELLE ATTIVITA

Dettagli

Turni Impianti di Carburante 2016

Turni Impianti di Carburante 2016 Turni Impianti di Carburante 2016 TURNO A Elenco dei distributori carburanti assegnati al turno A per l anno 2016 con indicati i pomeriggi di SABATO e le giornate DOMENICALI e FESTIVE in cui i distributori

Dettagli

TESTO COORDINATO della DCR 355/2002 con le modifiche introdotte dalla Deliberazione dell'assemblea legislativa 208/2009

TESTO COORDINATO della DCR 355/2002 con le modifiche introdotte dalla Deliberazione dell'assemblea legislativa 208/2009 TESTO COORDINATO della DCR 355/2002 con le modifiche introdotte dalla Deliberazione dell'assemblea legislativa 208/2009 NORME REGIONALI DI INDIRIZZO PROGRAMMATICO PER LA RAZIONALIZZAZIONE E L'AMMODERNAMENTO

Dettagli

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito.

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito. 7208 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 5 Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XL Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 26 venerdì, 24 luglio 2009 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

PROVVEDIMENTI ESECUTIVI

PROVVEDIMENTI ESECUTIVI OBIETTIVI distanza da luoghi sensibili programma contrasto sgravi fiscali corsi formazione esercenti PROVVEDIMENTI ESECUTIVI dgr 24 gennaio 2014 n. X/1274 dgr 30 gennaio 2014 n. X/1314 dgr 14 febbraio

Dettagli

LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali

LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali LEGGE REGIONALE 2 GENNAIO 2007 N. 1 e ss.mm.ii. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO - Estratto parti relative alla distribuzione carburanti stradali (Omissis) CAPO IX DISTRIBUZIONE CARBURANTI STRADALI

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI Città Metropolitana di Bologna ****** Area Tecnica Attivita produttive ORDINANZA SINDACALE N.

COMUNE DI SASSO MARCONI Città Metropolitana di Bologna ****** Area Tecnica Attivita produttive ORDINANZA SINDACALE N. COMUNE DI SASSO MARCONI Città Metropolitana di Bologna ****** Area Tecnica Attivita produttive ORDINANZA SINDACALE N. 11 DEL 29/12/2016 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA RELATIVA AGLI

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI STRALCIO N. 229-01.01 Costituito da un emendamento aggiuntivo introduttivo di alcuni

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010

ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010 COMUNE DI CASTENASO Provincia di Bologna AREA TECNICA UO COMMERCIO E SERVIZI AMMINISTRATIVI ORDINANZA N. 117/2010 DEL 16/12/2010 OGGETTO: ORARI DI APERTURA, CHIUSURA E TURNI DEI DISTRIBUTORI DI CARBURANTI

Dettagli

ORDINANZA n. 94 del 28-05-2008 rif. PRORD - 103-2008

ORDINANZA n. 94 del 28-05-2008 rif. PRORD - 103-2008 Sindaco ORDINANZA n. 94 del 28-05-2008 rif. PRORD - 103-2008 Oggetto: ORDINANZA ORARI Disciplina degli orari di apertura al pubblico degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande ed attività

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Circolare N.70 del 11 Maggio 2012 Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti: le novità per baristi, estetiste, autoriparatori, benzinai,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali ORARIO DI LAVORO Articolo 1 Norme generali 1. L orario di apertura delle strutture dell Università di Parma è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore 20.00, sabato secondo un orario

Dettagli

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento Cassa Conguaglio GPL Annualità 2013 A. Descrizione del contesto di riferimento La Cassa Conguaglio GPL, originariamente denominata Cassa conguaglio per i trasporti di gas di petrolio liquefatto, ente pubblico

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 LUGLIO 2008, N. 35 9132 Pubblicata sul supplemento n. 29 del Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte del 17 luglio 2008 Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Campania. Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999

Campania. Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999 Campania Del. G.R. 3813 del 9 luglio 1999 Attuazione decreto legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione carburanti per autotrazione Direttive ai Comuni. omissis

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. 1) Tipi di orari e scelta dell orario di lavoro (personale non turnista)

ORARIO DI LAVORO. 1) Tipi di orari e scelta dell orario di lavoro (personale non turnista) ORARIO DI LAVORO 1) Tipi di orari e scelta dell orario di lavoro (personale non turnista) Il dipendente può scegliere con l apposito modello di svolgere il proprio orario di lavoro secondo una delle seguenti

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la legge regionale 3 gennaio 2007, n. 1 e le successive modifiche ed integrazioni di cui alla L.R. 16 novembre 2009, n. 53 con le quali è stata disciplinata, tra l altro, la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3. REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI TELEFONICI E TELEMATICI (Approvato con atto consiliare n. 27 del 28.3.2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI CESSIONE DI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI PESARO SINDACO IL SINDACO

COMUNE DI PESARO SINDACO IL SINDACO COMUNE DI PESARO SINDACO Ordinanza N 104 Oggetto: SOSTITUZIONE ORDINANZA N. 1957 DEL 21/12/2012 - DISCIPLINA DEGLI ORARI DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE AI PUBBLICI ESERCIZI DI ASCOLTO MUSICA, LOCALI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05

LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05 LEGGE REGIONALE 12 marzo 2003 n. 05 BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 19/03/2003 n. 05 LEGGE N.05 del 2003 - Razionalizzazione ed ammodernamento della rete distributiva dei carburanti. Il Consiglio regionale

Dettagli

Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti Legge regionale n. 8 del 2-04-2001 e successive modificazioni nuove norme in materia di impianti di distribuzione di carburanti CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità della legge) 1. La presente

Dettagli

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Commissione Finanze della Camera dei deputati. Audizione Assogasliquidi/Federchimica Commissione Finanze della Camera dei deputati Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti l'imposizione tributaria sui veicoli (AC 2397) Audizione Assogasliquidi/Federchimica

Dettagli

Richiesta di autorizzazione per IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTI NUOVO IMPIANTO TRASFERIMENTO - MODIFICHE SOSTANZIALI (L.R. 24 marzo 2004 n.

Richiesta di autorizzazione per IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTI NUOVO IMPIANTO TRASFERIMENTO - MODIFICHE SOSTANZIALI (L.R. 24 marzo 2004 n. Richiesta di autorizzazione per IMPIANTO DISTRIBUZIONE CARBURANTI NUOVO IMPIANTO TRASFERIMENTO - MODIFICHE SOSTANZIALI (L.R. 24 marzo 2004 n.19) Al Responsabile SUAP Del Comune di Calcinaia Il/la sottoscritto/a

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SETTORE FINANZIARIO Gestione del Bilancio Anno 2014 DETERMINA N 20 del 08/04/2014 Oggetto: Fornitura carburante per i mezzi dell'autoparco comunale. Adesione alla Convenzione

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Parte I e II Supplemento al n. 29 17 luglio 2008

Bollettino Ufficiale Regione Piemonte Parte I e II Supplemento al n. 29 17 luglio 2008 Deliberazione della Giunta Regionale 7 luglio 2008, n.35-9132 Legge regionale 31 maggio 2004, n. 14, ("Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l'ammodernamento della rete

Dettagli

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio

Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio PG.N. 248423/2015 2015 Comune di Bologna Attività Produttive e Commercio OGGETTO: DISPOSIZIONI SULLA VENDITA DI BEVANDE, ALCOLICHE E NON, PER LE GIORNATE IN CUI SI DISPUTANO LE PARTITE DEL CAMPIONATO DI

Dettagli

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti

Iter autorizzatorio Impianto di distribuzione carburanti Categoria: Commercio Descrizione: Per impianto di distribuzione carburanti si intende un unico complesso commerciale costituito da uno o più apparecchi di erogazione per uso di autotrazione con le annesse

Dettagli

Campania. Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999. Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione.

Campania. Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999. Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione. Campania Del. G.R. 952 del 26 marzo 1999 Disciplina degli impianti autostradali di distribuzione di carburanti per autotrazione. omissis PREMESSO che l art. 105 lett. f del D.Lgs.vo del 31/3/98 n. 112

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

C O N S I G L I O R E G I O N A L E LEGGE REGIONALE (N. 229-01.01)

C O N S I G L I O R E G I O N A L E LEGGE REGIONALE (N. 229-01.01) Atti consiliari Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia C O N S I G L I O R E G I O N A L E LEGGE REGIONALE (N. 229-01.01) approvata dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 5 marzo 2002 -----

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Allegato 1. omissis. in B.U.R.M. n. 13 del 18-02-2011 sommario. Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) DELIBERA. DGR(11) 125_11 Pag: 1

Allegato 1. omissis. in B.U.R.M. n. 13 del 18-02-2011 sommario. Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) DELIBERA. DGR(11) 125_11 Pag: 1 DGR(11) 125_11 Pag: 1 Deliberazione Regione Marche n. 125 del 07/02/2011. Regolamento regionale di competenza della Giunta regionale concernente: Disciplina della distribuzione dei carburanti per autotrazione,

Dettagli

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA

GIUNTA REGIONALE DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA GIUNTA REGIONALE DETERMINAZIONE N. 13/2012/ DE10 DEL 20/ 02/ 2012 DIREZIONE: SERVIZIO: UFFICIO: DIREZIONE REGIONALE,TRASPORTI, INFRASTRUTTURE,MOBILITA E LOGISTICA TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SU GOMMA E FERRO

Dettagli

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE

COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE COMUNE DI UDINE CRITERI PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE DEI PUNTI DI VENDITA NON ESCLUSIVI DI GIORNALI E RIVISTE INDICE ARTICOLO 1 definizione ARTICOLO 2 - zone ed aree commerciali ARTICOLO 3 distanze

Dettagli

Legge Regionale SARDEGNA19 dicembre 1988, n. 45 Disciplina della distribuzione dei carburanti in Sardegna. in G.U. n. 178 del 2-8-2.

Legge Regionale SARDEGNA19 dicembre 1988, n. 45 Disciplina della distribuzione dei carburanti in Sardegna. in G.U. n. 178 del 2-8-2. LR(20) 45_88 Pag: 1 Legge Regionale SARDEGNA19 dicembre 1988, n. 45 Disciplina della distribuzione dei carburanti in Sardegna. in G.U. n. 178 del 2-8-2.006 sommario Art.1 Contenuti della legge... 1 Art.2

Dettagli

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti

Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di distribuzione di carburanti Marco Marchini Elenco dei principali procedimenti autorizzativi in essere in materia di rete distributiva dei carburanti,

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO. Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO

ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO. Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO ORDINANZA N. 72 del 13/07/2012 OGGETTO Disciplina dell attività di diffusione della musica nei pubblici esercizi e degli orari di chiusura IL SINDACO PREMESSO che si ritiene opportuno adottare apposito

Dettagli

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu)

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu) Allegato atto GC n.39 del 7/5/2015 COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO

Dettagli

Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM)

Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM) Roma, 23 maggio 2003 Ufficio D2- Disciplina del commercio Prot. n. 552838 Al Comune di Guidonia Settore Commercio e Trasporti Via Roma 145 00012 GUIDONIA (RM) Oggetto: Legge 25 agosto 1991, n. 287. Apertura

Dettagli

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive

COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive COMUNE DI NUORO Settore Attività Produttive Sportello Unico per le Attività Produttive PROTOCOLLO S.G. n 13374 del 11 marzo 2011 Ordinanza n. 029/11 DISCIPLINA DEI TURNI DI CHIUSURA SETTIMANALE E PER FERIE

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, 5 4 5% 5% % a ip :nie 2014 OGGETTO: disposizioni attuative del punto A2 della delibera di Giunta n. 315 del 14 maggio N. 62 del 2 dicembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE PIEMONTE 23-04-1999, N. 8

LEGGE REGIONALE PIEMONTE 23-04-1999, N. 8 LEGGE REGIONALE PIEMONTE 23-04-1999, N. 8 Norme di indirizzo programmatico per la razionalizzazione della rete distributiva dei carburanti per autotrazione (B.U.R. 28-04-1999, n. 17) Preambolo Art. 1 -

Dettagli

CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE

CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE Copia CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE Provincia di Mantova *** Codice Ente 10835 Numero 28 Data 29/04/2013 Verbale di Deliberazione Consiglio Comunale Oggetto: LEGGE 448/1998 - RICOGNIZIONE DELLA RETE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 19 DEL 18.06.2014

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 19 DEL 18.06.2014 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA DELL UNIONE TERRE VERDIANE N. 19 DEL 18.06.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE E L UTILIZZO DEI BUONI PASTO. Il giorno 18 giugno 2014 alle ore 18.00, presso

Dettagli

MODIFICA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI IL SINDACO

MODIFICA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI COMUNALI IL SINDACO COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara C.A.P. 28066 Piazza Martiri della Libertà, 28 Tel. 0321/800700 Fax. 0321/800725 Decreto n. 6/2015 MODIFICA DELL'ORARIO DI SERVIZIO E DELL'ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO

Dettagli

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 20del 23 marzo 1984 sulla disciplina dell orario dei turni e

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

COMUNE DI BORGONE SUSA

COMUNE DI BORGONE SUSA COMUNE DI BORGONE SUSA CITTA' METROPOLITANA DI TORINO Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 31 OGGETTO:Individuazione zone non metanizzate ai fini dell'applicazione del beneficio della

Dettagli

Le attività integrative sugli impianti di distribuzione carburanti

Le attività integrative sugli impianti di distribuzione carburanti Le attività integrative sugli impianti di distribuzione carburanti Ing. Gian Maria Orsolini Fondata nel 1949 Aderente a Confcommercio Socio fondatore dell UPEI, organismo che raggruppa le associazioni

Dettagli

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008

Ministero dei Trasporti. Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 Ministero dei Trasporti Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2008 IL MINISTRO DEI TRASPORTI VISTO l art. 6, comma 1, del nuovo codice

Dettagli

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali

Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero nei Servizi Pubblici Essenziali SETTORE DISTRIBUZIONE CARBURANTI 41 Commissione di Garanzia dell Attuazione della Legge sullo Sciopero

Dettagli

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923

Rdl 1955/1956 e 1957 del 10.9.1923 Lo straordinario Questa materia e' regolata da leggi e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria (contratti Federmeccanica e Confapi).

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI VILLANOVA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI VILLANOVA MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.10 DEL 31/03/2011 Sessione ordinaria di prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO: individuazione

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

Altre attività di vendita Carburanti

Altre attività di vendita Carburanti Altre attività di vendita Carburanti Descrizione Per impianto di distribuzione dei carburanti si intende quel complesso unitario costituito da uno o più distributori e dai serbatoi dei carburanti erogabili,

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2014.

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2014. Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Servizi al Territorio Servizio Attività Produttive - SUAP ORDINANZA N. 284 DEL 23.12.2013 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

in G.U. n 136, del 12/06/2013. sommario Entrata in vigore il 12/07/2013 Id. 3.008 DM 19_4_13 Pag: 1

in G.U. n 136, del 12/06/2013. sommario Entrata in vigore il 12/07/2013 Id. 3.008 DM 19_4_13 Pag: 1 DM 19_4_13 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 19 aprile 2013. Contributi per i costi ambientali di ripristino dei luoghi a valere sul Fondo per la razionalizzazione della rete di distribuzione

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2015.

OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI PER USO AUTOTRAZIONE PER L'ANNO 2015. Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) Il Sindaco Ordinanza N. 180 / 2014 OGGETTO: DISCIPLINA DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI IMPIANTI STRADALI DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

1. Dati generali dell intervento 1.1 Indirizzo dell esercizio. 2. Specifiche relative all attività. B8 Distributori di carburante - 21/10/11

1. Dati generali dell intervento 1.1 Indirizzo dell esercizio. 2. Specifiche relative all attività. B8 Distributori di carburante - 21/10/11 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-8 B8 Distributori di carburante - 21/10/11 Distributori di carburante 1. Dati generali dell intervento 1.1 Indirizzo dell esercizio perseguito 1.2

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3006 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE. Premesso che:

ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE. Premesso che: DIVISIONE AMBIENTE E VERDE SETTORE CICLO DEI RIFIUTI ORDINANZA N. 2389/07 PROT. N. 10529 / VI.8.8 DEL 30 MAGGIO 07 IL DIRETTORE Premesso che: Il Consiglio Provinciale con deliberazione n. 367482 del 28

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli