Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO a cura di Francesco Linguiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti"

Transcript

1 Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011

2 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura delle imprese e dell occupazione per l anno 2008 e le variazioni che tale struttura ha registrato nel biennio In particolare viene effettuato un confronto tra l universo delle imprese italiane e la totalità delle imprese cooperative italiane. In tale modo è possibile comprendere quale è stato l apporto della cooperazione allo sviluppo del Paese nel biennio considerato. I dati in oggetto derivano dall Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA), che rappresenta l universo di riferimento delle indagini sulle imprese condotte dall Istat. L archivio è costituito dalle unità economiche che esercitano arti e professioni nelle attività industriali, commerciali e dei servizi alle imprese e alle famiglie 1. Le imprese e l occupazione nel 2008 Nel 2008 le imprese attive nell industria e nei servizi sono con addetti, e presentano in media 4 addetti per impresa (tab. 1). Nel sistema produttivo italiano risulta prevalente la presenza di micro-piccole imprese che rappresentano in termini di numerosità il 99,4% del totale sistema produttivo, ed occupano il 67,4% della forza lavoro complessiva (tab. 7-8). Soltanto imprese (0,1%) sono classificabili tra le grandi strutture produttive italiane con una occupazione complessiva di oltre 3,5 milioni di addetti (20,1%). In termini di ripartizione territoriale 1,3 milioni di imprese (il 29% del totale) hanno la sede legale nel Nord Ovest, con il 34% dell occupazione complessiva (tab ). A quest area del Paese spetta anche il primato per la presenza delle grandi società. Infatti delle grandi realtà produttive (oltre 250 addetti) italiane ben (41%) sono presenti in quest area geografica. Passando ad analizzare la struttura delle imprese in termini di forma giuridica e più precisamente spostando l attenzione al tessuto imprenditoriale del mondo cooperativo, nel 2008 si registrano imprese cooperative 2, che vedono impiegati addetti (tab. 1). L universo cooperativo rappresenta così in termini di numerosità l 1,1% del tessuto imprenditoriale italiano, mentre per quanto riguarda l occupazione tale incidenza risulta ben più elevata raggiungendo il 6,1% del totale addetti in Italia (esclusa la P.A.)(tab. 5-6). *I dati presentati in questa nota sono gli ultimi disponibili dall Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) dell Istat. 1 Sono escluse dal campo di osservazione le attività economiche relative a: agricoltura, caccia e silvicoltura (sezione A della classificazione NACE Rev.1.1); pesca, piscicoltura e servizi annessi (sezione B); amministrazione pubblica (sezione L); attività di organizzazioni associative (divisione 91); attività svolte da famiglie e convivenze (sezione P); organizzazioni ed organismi extraterritoriali (sezione Q); le unità classificate come istituzioni pubbliche e istituzioni private non profit. Sono comprese le cooperative sociali. 2 Si ricorda che sono escluse dal campo di osservazione le attività economiche relative ad agricoltura, caccia e silvicoltura (sezione A della classificazione NACE Rev.1.1) e pesca, piscicoltura e servizi annessi (sezione B), settori in cui le cooperative ammontano nel 2007 a quasi unità (elaborazioni Istituto G. Tagliacarne su dati Registro Imprese). 1

3 In termini di dimensione media la realtà cooperativa nel 2008 presenta 21,6 addetti per impresa, che costituisce un valore nettamente più elevato rispetto sia al dato nazionale (4 addetti per impresa), ma anche rispetto alla dimensione media delle sole società di capitali, complessivamente considerate (12,3 addetti per impresa) (tab. 1). Tale struttura cooperativa trova riscontro nei dati relativi alle classi dimensionali. Infatti, complessivamente le cooperative risultano più presenti nelle classi dimensionali medio-grandi rispetto alla totalità delle imprese e alle società di capitali in toto: quasi l 8% delle cooperative sono imprese di medie-grandi dimensioni, mentre per il dato nazionale e per le società di capitali tali valori sono rispettivamente dello 0,6% e del 3% (tab. 7). Inoltre nelle cooperative medio-grandi viene impiegata il 65% di tutta la propria forza lavoro, mentre per il totale delle imprese e delle società di capitali tale percentuale si attesta rispettivamente al 33% e al 54% (tab. 8). Più in particolare sono 489 le cooperative che nel 2008 appartengono alla fascia dimensionale più elevata con oltre 250 addetti, che, con il 34% dell occupazione cooperativa totale, rappresentano oltre il 13% delle grandi imprese italiane, mentre per le 77 grandissime cooperative (oltre addetti), tale incidenza scende al 12% (tab. 5). Delle 77 cooperative con oltre addetti 31 sono cooperative aderenti a Legacoop 3 Queste società presentano un occupazione complessiva di addetti con una dimensione media di occupati per impresa, mentre per le rimanenti grandissime cooperative tale rapporto scende a addetti per cooperativa. E opportuno precisare a questo punto come i dati fin qui presentati in realtà sottostimano il reale apporto della cooperazione al sistema produttivo italiano in termini di contributo all occupazione complessiva. Infatti, il numero degli occupati presentati non tiene conto dell occupazione generata dalle cooperative, soprattutto di medie e grandi dimensioni, che si sono organizzate in gruppi. Per avere un idea dell occupazione generata attraverso i gruppi cooperativi, basti pensare che nel 2007 i 100 i gruppi cooperativi costituiti dalle grandi e medie cooperative Legacoop, occupano nelle società consolidate addetti 4. Le imprese cooperative nel 2008 si distribuiscono sul territorio in prevalenza nel Centro-Nord con il 64% delle unità produttive e l 82% degli occupati 5 (tab ). In particolare la concentrazione maggiore di imprese cooperative si ha nell area Centro con il 24,2% del dato nazionale, seguito dal Nord-Ovest (23,2%) e dal Sud (22,7%). Da notare come nel Nord-Est si riscontri la presenza minore di cooperative (8.233 imprese, il 16,2% del totale), ma la concentrazione maggiore di occupati con addetti (il 30,5% del totale occupati in cooperativa) (tab ). In quest area si evidenzia soprattutto l Emilia Romagna, che da sola registra con addetti, il 18% dell occupazione cooperativa totale. 3 Le 31 cooperative aderenti a Legacoop con oltre addetti nel 2008 sono attive nei seguenti settori: 9 nella distribuzione con addetti e 10,6 mld di euro di fatturato; 10 nella cooperazione sociale con addetti e 448 mln di euro di valore della produzione; 9 nei servizi (prevalentemente imprese di pulizie e ristorazione) con addetti e 1,4 mld di euro di valore della produzione; 3 nell industria (1 appartiene all industria alimentare) con addetti e 1,3 mld di euro di fatturato. 4 V. Aspetti quantitativi e qualitativi della cooperazione italiana, Centro Studi Legacoop, Gennaio I dati fanno riferimento alle imprese e non alle unità locali. Quindi i dati regionali occupazionali qui riportati non riflettono i veri fenomeni economici e sociali. 2

4 Nell area Nord est del paese è quindi concentrata la quota più consistente di grandi cooperative (con oltre 250 addetti). Infatti il 19,1% delle grandi società in tale area sono imprese cooperative, che rappresentano il 38,2% del totale delle grandi cooperative italiane (tab. 17). Ad ulteriore conferma della presenza in quest area di cooperative di grandi dimensioni si può altresì richiamare il dato delle cooperative con oltre addetti che, con 35 unità, rappresentano quasi il 23% del totale imprese di pari dimensioni 6 (155 unità). Nonostante tale ripartizione territoriale, le cooperative mostrano tuttavia rispetto alla totalità delle imprese e alle società di capitali in toto una maggiore presenza in termini di unità produttive nell area del Mezzogiorno. Infatti oltre il 36% delle imprese cooperative è presente nell area meridionale del Paese, mentre per la totalità delle imprese e delle società di capitali tale percentuale scende rispettivamente al 26% e al 21%. Da ciò deriva, in termini di incidenza rispetto alla totalità delle imprese, un maggior peso delle cooperative in termini di unità produttive nel Mezzogiorno rispetto al Centro-Nord (tab. 17). Le imprese e l occupazione nel biennio Tra il 2007 ed il 2008 le imprese italiane aumentano complessivamente dello 0,7% ( unità), mentre l occupazione è cresciuta dell 1,6% ( addetti) (tab. 9-10). Tale crescita avviene con maggiore intensità nella grande impresa, soprattutto per quanto riguarda l aumento in termini di numerosità (+2,9%), a cui si aggiunge un incremento dell occupazione (+2%) anch esso superiore al dato medio (+1,6%). Tuttavia non si determina un significativo incremento della dimensione media totale, che passa dai 3,9 addetti per impresa nel 2007 ai 4 addetti del 2008 (tab. 1-2). Le cooperative, nei due anni considerati, vedono aumentare la propria numerosità dell 1,4% (+696 unità) e i propri occupati del 3,5% ( addetti). Tale crescita è sostenuta prevalentemente dalle cooperative sociali, che mostrano, tra l altro, i trend di crescita più elevati rispetto anche a tutte la altre forme di impresa (+9,9% per le unità e +10,8% per gli occupati) (tab. 9-10). Inoltre, passando all aspetto dimensionale, nell ambito delle imprese di maggiori dimensioni sono le cooperative a mostrare i trend di crescita più elevati sia nel numero di imprese che di occupati rispetto a tutte le altre forme di impresa. Infatti le grandi cooperative aumentano nel biennio in termini di numerosità del 7,5% (+34) mentre i rispettivi occupati si incrementano del 5,9% ( ), a fronte di variazioni nettamente più basse in tutte le altre tipologie societarie (tab. 9-10). Rispetto al 2007 il numero delle grandi società italiane (oltre 250 addetti) si incrementa di 105 unità e di queste ben 34 sono imprese cooperative 7 (tab ). Se poi si considerano le società con oltre addetti il divario tra le cooperative e le altre imprese diventa ancora più ampio. 6 In particolare in Emilia Romagna, le grandi cooperative incidono per il 27% sull intera struttura produttiva regionale, con un dato che raggiunge il 32,4% per le imprese sopra i addetti (su 74 imprese oltre i addetti 24 sono cooperative). 7 Di queste 34 cooperative ben 15 sono collocate nel Nord Est, seguito dal Centro con 11 cooperative (tab. 21). 3

5 Infatti in tale classe dimensionale le società cooperative si incrementano del 13,2% nel numero (+9) e dell 8,1% negli occupati ( ) mentre le società di capitali vedono scendere tali incrementi rispettivamente a +1,8% (+10) e a +1,4% ( ) (tab. 9-10). A fronte di ciò il contributo della cooperazione alla grandissima impresa risulta determinante, visto che rispetto alle 18 società con oltre addetti in più rispetto al 2007 ben 9 sono imprese cooperative (tab ). Questa dinamica di sviluppo del tessuto imprenditoriale cooperativo ha determinato nel biennio una crescita ulteriore della dimensione media, che dai 21,1 addetti del 2007 arriva a 21,6 addetti nel 2008 (tab. 1-2). In controtendenza a tale sviluppo dimensionale si registra la diminuzione della dimensione media delle società di capitali complessivamente considerate che dai 12,5 addetti del 2007 scende ai 12,3 addetti del Inoltre continua a crescere l incidenza in termini di occupati della cooperazione nell economia nazionale, dal 6% del 2007 al 6,1% del Ad ulteriore conferma dell apporto della cooperazione all occupazione è significativo il fatto che dei nuovi occupati totali ( ) quasi il 13% ha trovato lavoro presso una cooperativa. A livello territoriale nel biennio si registrano incrementi particolarmente significativi nel numero di cooperative nell area Sud del paese, che presenta un saldo positivo di 618 cooperative a fronte del saldo nazionale di 696 cooperative (tab.21). Si tratta di nuove micro cooperative concentrate prevalentemente nelle due regioni Campania e Puglia. Questo sviluppo nell area meridionale del Paese ricalca quello dell intero sistema produttivo italiano, anche se rispetto a quest ultimo presenta una maggiore intensità (tab ). Dai dati presentati relativi al biennio emerge chiaramente l apporto delle imprese cooperative all incremento occupazionale del Paese e allo sviluppo della dimensione media d impresa. Questo trend di crescita non è occasionale, ma risulta in continuità con il grande sviluppo che ha interessato la cooperazione italiana a partire dal 1971, anno in cui gli addetti delle cooperative italiane erano con un incidenza rispetto al totale occupazionale che era dell 1,9% 8. 8 V. La cooperazione italiana nei dati dei censimenti, Centro Studi Legacoop, Luglio

6 Tab. 1: Imprese, addetti e dimensione media per forma giuridica Anno 2008; valori assoluti Imprese Addetti N. medio Addetti Imprese individuali ,6 imprenditore individuale ,8 lib. professionista e lav. autonomo ,2 Società di persone ,7 società in nome collettivo ,0 altre società di persone ,2 Società di capitali ,3 spa ,6 srl ,3 Società cooperative ,6 cooperativa ,1 cooperativa sociale ,9 Altra forma ,1 complessivo ,0 Tab. 2: Imprese, addetti e dimensione media per forma giuridica Anno 2007; valori assoluti Imprese Addetti N. medio Addetti Imprese individuali ,6 imprenditore individuale ,8 lib. professionista e lav. autonomo ,2 Società di persone ,6 società in nome collettivo ,0 altre società di persone ,2 Società di capitali ,5 spa ,2 srl ,2 Società cooperative ,1 cooperativa ,7 cooperativa sociale ,7 Altra forma ,3 complessivo ,9 5

7 Tab. 3: distribuzione delle imprese per forma giuridica e classe di addetti Anno 2008; valori assoluti Micro Piccola Media Grande Imprese individuali imprenditore individuale lib. professionista e lav. autonomo Società di persone società in nome collettivo altre società di persone Società di capitali spa srl Società cooperative cooperativa cooperativa sociale Altra forma Tab. 4: distribuzione degli addetti per forma giuridica e classe di addetti Anno 2008; valori assoluti Micro Piccola Media Grande Imprese individuali imprenditore individuale lib. professionista e lav. autonomo Società di persone società in nome collettivo altre società di persone Società di capitali spa srl Società cooperative cooperativa cooperativa sociale Altra forma

8 Tab. 5: incid. % delle imprese sul totale imprese per forma giuridica e classe di addetti Micro Piccola Media Grande Imprese individuali 67,5 9,3 0,5 0,0 0,0 64,4 imprenditore individuale 40,9 8,8 0,5 0,0 0,0 39,2 lib. professionista e lav. autonomo 26,6 0,5 0,0 0,0 0,0 25,2 Società di persone 17,7 21,8 2,7 0,3 0,0 17,8 società in nome collettivo 9,6 14,2 1,3 0,1 0,0 9,7 altre società di persone 8,1 7,6 1,4 0,2 0,0 8,0 Società di capitali 13,7 62,2 80,8 84,8 86,8 16,4 spa 0,3 6,3 40,6 63,9 72,3 0,9 srl 13,4 55,9 40,2 20,9 14,5 15,5 Società cooperative 0,8 6,0 14,7 13,1 12,0 1,1 cooperativa 0,7 4,8 11,1 10,0 9,3 1,0 cooperativa sociale 0,1 1,1 3,6 3,1 2,6 0,2 Altra forma 0,3 0,8 1,4 1,8 1,2 0,4 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Tab. 6: incid. % degli addetti sul totale addetti per forma giuridica e classe di addetti Micro Piccola Media Grande Imprese individuali 52,0 7,2 0,4 0,0 0,0 25,6 imprenditore individuale 36,0 6,8 0,4 0,0 0,0 18,2 lib. professionista e lav. autonomo 16,0 0,4 0,0 0,0 0,0 7,5 Società di persone 26,5 18,1 2,2 0,1 0,0 16,4 società in nome collettivo 15,7 11,6 1,0 0,1 0,0 9,9 altre società di persone 10,8 6,5 1,2 0,1 0,0 6,5 Società di capitali 19,7 66,8 80,8 87,9 90,0 51,0 spa 0,5 9,2 44,5 73,5 79,9 22,5 srl 19,2 57,6 36,3 14,5 10,0 28,5 Società cooperative 1,4 7,1 15,3 10,3 8,6 6,1 cooperativa 1,2 5,7 11,5 8,2 7,1 4,8 cooperativa sociale 0,2 1,3 3,8 2,1 1,5 1,3 Altra forma 0,4 0,8 1,4 1,6 1,4 0,9 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 7

9 Tab. 7: distribuzione % delle imprese per forma giuridica e classe di addetti Micro Piccola Media Grande Imprese individuali 99,3 0,7 0,0 0,0 0,0 100,0 imprenditore individuale 98,9 1,1 0,0 0,0 0,0 100,0 lib. professionista e lav. autonomo 99,9 0,1 0,0 0,0 0,0 100,0 Società di persone 94,1 5,8 0,1 0,0 0,0 100,0 società in nome collettivo 93,1 6,9 0,1 0,0 0,0 100,0 altre società di persone 95,4 4,5 0,1 0,0 0,0 100,0 Società di capitali 79,2 17,9 2,5 0,4 0,1 100,0 spa 35,2 34,5 24,1 6,2 1,2 100,0 srl 81,6 17,0 1,3 0,1 0,0 100,0 Società cooperative 67,3 25,1 6,7 1,0 0,2 100,0 cooperativa 69,3 23,9 5,9 0,9 0,1 100,0 cooperativa sociale 56,1 31,5 10,9 1,5 0,2 100,0 Altra forma 88,0 9,7 1,9 0,4 0,0 100,0 94,7 4,7 0,5 0,1 0,01 100,0 Tab. 8: distribuzione % degli addetti per forma giuridica e classe di addetti Micro Piccola Media Grande Imprese individuali 93,9 6,0 0,2 0,0 0,0 100,0 imprenditore individuale 91,8 8,0 0,2 0,0 0,0 100,0 lib. professionista e lav. autonomo 99,0 1,0 0,0 0,0 0,0 100,0 Società di persone 74,8 23,4 1,6 0,2 0,0 100,0 società in nome collettivo 73,7 25,0 1,2 0,1 0,0 100,0 altre società di persone 76,5 21,0 2,3 0,2 0,0 100,0 Società di capitali 17,8 27,8 19,7 34,7 21,8 100,0 spa 1,0 8,7 24,6 65,7 44,0 100,0 srl 31,1 42,8 15,9 10,2 4,4 100,0 Società cooperative 10,5 24,5 31,2 33,9 17,4 100,0 cooperativa 11,4 25,0 29,6 34,0 18,2 100,0 cooperativa sociale 6,9 22,5 37,3 33,3 14,4 100,0 Altra forma 20,6 20,8 20,3 38,4 20,7 100,0 46,2 21,2 12,5 20,1 12,4 100,0 8

10 Tab. 9: variazione % delle imprese per forma giuridica e classe di addetti Anni ; valori percentuali Micro Piccola Media Grande Imprese individuali 0,6 0,7-0,9-66,7-0,6 imprenditore individuale -0,7 0,3-1,8-66,7 - -0,6 lib. professionista e lav. autonomo 2,7 7, ,7 Società di persone -1,6-1,0-3,1-26,7 - -1,6 società in nome collettivo -2,6-2,7-4,9-42,9 - -2,6 altre società di persone -0,5 2,3-1,5-12,5 - -0,4 Società di capitali 3,7 4,4 1,2 2,4 1,8 3,7 spa -1,4-2,2-1,6 0,3-0,2-1,6 srl 3,8 5,2 4,3 9,1 13,4 4,1 Società cooperative 0,5 3,5 2,0 7,5 13,2 1,4 cooperativa -0,6 1,8-0,3 6,0 15,4 0,0 cooperativa sociale 9,0 11,6 9,7 12,6 6,3 9,9 Altra forma 5,1 9,9 5,0 6,5-11,1 5,6 0,6 2,8 1,3 2,9 2,9 0,7 Tab. 10: variazione % degli addetti per forma giuridica e classe di addetti Anni ; valori percentuali Micro Piccola Media Grande Imprese individuali 1,0 0,5 0,2-64,4-1,0 imprenditore individuale 0,0 0,1-0,7-64,4-0,0 lib. professionista e lav. autonomo 3,3 7, ,4 Società di persone -1,1-1,2-5,0-18,4 - -1,2 società in nome collettivo -2,3-2,7-5,9-30,5 - -2,5 altre società di persone 0,7 1,5-4,4-6,6-0,8 Società di capitali 5,0 4,0 0,7 1,6 1,4 2,7 spa -0,1-2,4-1,6 0,5 0,6-0,3 srl 5,1 5,1 3,8 7,9 8,0 5,2 Società cooperative 0,7 3,8 1,8 5,9 8,1 3,5 cooperativa -0,7 2,2-0,5 4,5 7,5 1,8 cooperativa sociale 10,2 11,6 9,3 12,1 11,1 10,8 Altra forma 6,6 9,0 1,7 1,0-1,9 3,8 1,2 2,8 0,8 2,0 1,9 1,6 9

11 Tab. 11: distribuzione del totale imprese per regione/macroarea e per classe di addetti Anno 2008; valori assoluti Grande Valle Aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia Tab. 12: distribuzione del totale addetti per regione/macroarea e per classe di addetti Anno 2008; valori assoluti Grande Valle Aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia

12 11

13 Tab. 13: distribuzione % del totale imprese per classe di addetti e per regione/macroarea Grande Valle d'aosta 0,3 0,2 0,2 0,2 0,2 0,3 Piemonte 7,6 7,2 8,4 9,7 11,2 7,6 Liguria 3,0 2,4 2,0 2,2 2,5 2,9 Lombardia 18,0 21,5 26,8 29,4 31,6 18,2 Nord Ovest 28,9 31,3 37,3 41,4 45,4 29,0 Trentino Alto Adige 1,8 2,4 2,5 1,5 1,4 1,8 Veneto 8,9 11,2 12,1 10,2 8,4 9,0 Friuli Venezia Giulia 1,9 2,3 2,5 2,5 2,8 2,0 Emilia Romagna 8,6 9,5 10,6 12,0 11,5 8,6 Nord Est 21,2 25,4 27,6 26,2 24,1 21,4 Marche 2,9 3,6 3,1 2,0 2,3 3,0 Toscana 7,5 7,6 5,5 5,1 4,4 7,5 Umbria 1,6 1,7 1,4 1,5 1,1 1,6 Lazio 9,5 7,7 7,9 10,9 12,4 9,4 Abruzzo 2,2 2,1 1,8 1,4 1,6 2,2 Centro 23,7 22,6 19,8 20,9 21,8 23,6 Molise 0,5 0,4 0,3 0,1 0,0 0,5 Campania 7,9 6,5 5,3 4,2 3,0 7,8 Puglia 5,7 4,8 3,3 2,6 1,9 5,6 Basilicata 0,8 0,6 0,4 0,4 0,3 0,8 Calabria 2,6 1,6 1,1 0,6 0,6 2,5 Sud 17,5 14,0 10,3 8,0 5,8 17,3 Sardegna 2,5 2,1 1,6 1,2 0,9 2,5 Sicilia 6,3 4,7 3,4 2,3 2,0 6,2 Isole 8,8 6,7 5,0 3,5 3,0 8,6 Italia 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Tab. 14: distribuzione % del totale addetti per classe di addetti e per regione/macroarea Grande Valle d'aosta 0,3 0,2 0,2 0,1 0,0 0,2 Piemonte 7,7 7,2 8,5 10,4 10,8 8,2 Liguria 3,0 2,3 2,0 2,1 2,2 2,6 Lombardia 18,2 22,0 27,6 30,6 31,8 22,7 Nord Ovest 29,2 31,7 38,3 43,2 44,8 33,7 Trentino Alto Adige 2,0 2,4 2,4 1,2 0,8 2,0 Veneto 9,3 11,5 12,0 8,0 6,5 9,8 Friuli Venezia Giulia 2,0 2,4 2,4 2,2 2,0 2,2 Emilia Romagna 8,8 9,6 10,7 10,4 9,1 9,5 Nord Est 22,1 25,9 27,6 21,7 18,4 23,5 Marche 3,1 3,6 2,9 1,4 1,3 2,8 Toscana 7,8 7,4 5,3 4,3 3,8 6,7 Umbria 1,6 1,6 1,4 0,9 0,5 1,4 Lazio 8,8 7,6 8,0 19,8 25,2 10,7 Abruzzo 2,2 2,0 1,8 1,2 1,0 1,9 Centro 23,5 22,2 19,5 27,6 31,8 23,6 Molise 0,5 0,4 0,2 0,1 0,0 0,3 Campania 7,3 6,5 5,0 2,8 2,0 6,0 Puglia 5,6 4,7 3,1 1,5 0,9 4,3 Basilicata 0,8 0,6 0,4 0,3 0,3 0,6 Calabria 2,4 1,6 1,1 0,4 0,3 1,7 Sud 16,6 13,7 9,7 5,2 3,4 12,8 Sardegna 2,5 2,0 1,6 0,7 0,4 1,9 Sicilia 6,1 4,5 3,3 1,6 1,1 4,5 Isole 8,6 6,5 4,9 2,3 1,5 6,4 Italia 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 12

14 Tab. 15: distribuzione delle cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Anno 2008; valori assoluti Grande Valle d'aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia Tab. 16: distrib. degli addetti delle cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Anno 2008; valori assoluti Grande Valle d'aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia

15 Tab. 17: incidenza % delle cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Grande Valle d'aosta 1,1 7,2 18,6 16,7-1,4 Piemonte 0,5 4,9 16,1 11,1 9,7 0,7 Liguria 0,6 6,3 18,4 13,3 12,5 0,9 Lombardia 0,6 4,7 12,8 7,7 5,4 1,0 Nord Ovest 0,6 4,9 13,8 8,9 6,8 0,9 Trentino Alto Adige 0,8 6,1 21,5 8,8 11,1 1,2 Veneto 0,4 3,7 11,6 11,3 13,0 0,6 Friuli Venezia Giulia 0,5 4,7 12,9 19,4 16,7 0,9 Emilia Romagna 0,6 5,1 15,9 27,0 32,4 1,0 Nord Est 0,5 4,5 14,2 19,1 22,6 0,9 Marche 0,6 4,1 9,8 13,2 13,3 0,9 Toscana 0,6 5,0 20,9 19,0 25,0 0,9 Umbria 0,6 5,1 14,3 25,0 28,6 0,9 Lazio 1,1 8,6 18,4 11,8 6,3 1,5 Abruzzo 0,8 5,9 11,2 7,5 10,0 1,1 Centro 0,8 6,2 16,8 14,4 12,1 1,2 Molise 1,1 9,3 9,8 50,0-1,4 Campania 1,2 7,3 11,5 10,8 5,3 1,4 Puglia 1,3 9,3 16,8 11,5 33,3 1,6 Basilicata 1,6 11,8 14,6 18,8-2,1 Calabria 0,9 8,7 13,3 4,2-1,1 Sud 1,2 8,4 13,4 11,4 13,5 1,5 Sardegna 1,1 13,1 17,9 13,0-1,6 Sicilia 1,5 9,7 17,7 15,3-1,8 Isole 1,4 10,7 17,8 14,5-1,8 Italia 0,8 6,0 14,7 13,1 12,0 1,1 Tab. 18: incid. % degli addetti delle cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Grande Valle d'aosta 1,7 9,1 19,2 8,9-5,7 Piemonte 0,8 5,9 17,0 8,4 6,8 5,8 Liguria 1,0 7,8 19,4 9,4 8,2 5,5 Lombardia 1,0 5,9 13,4 5,4 4,3 5,1 Nord Ovest 1,0 6,1 14,6 6,3 5,1 5,3 Trentino Alto Adige 1,1 7,8 23,2 7,5 5,4 7,0 Veneto 0,6 4,6 12,4 10,4 11,4 5,0 Friuli Venezia Giulia 0,9 5,7 13,4 13,2 8,6 6,2 Emilia Romagna 1,0 6,3 17,1 33,6 38,3 11,5 Nord Est 0,9 5,6 15,3 21,6 24,0 7,9 Marche 1,1 4,8 10,0 12,9 11,3 4,4 Toscana 1,0 6,2 21,9 20,2 23,3 6,8 Umbria 1,1 6,2 16,5 29,8 35,0 7,7 Lazio 1,9 10,4 18,5 3,7 1,4 5,4 Abruzzo 1,4 6,5 10,2 4,5 4,3 4,0 Centro 1,4 7,4 17,3 7,6 5,0 5,7 Molise 2,2 10,4 10,8 54,4-6,8 Campania 2,2 7,9 12,0 7,6 2,9 5,1 Puglia 2,4 10,2 16,7 17,0 29,8 6,6 Basilicata 3,1 13,5 11,0 10,2-6,8 Calabria 1,6 9,0 10,0 1,8-3,8 Sud 2,2 9,1 13,2 10,6 9,3 5,5 Sardegna 2,2 14,8 16,6 9,0-6,9 Sicilia 2,6 10,7 17,6 10,1-6,2 Isole 2,5 11,9 17,3 9,8-6,4 Italia 1,4 7,1 15,3 10,3 8,6 6,1 14

16 Tab. 19: distribuzione % delle cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Grande Valle d'aosta 0,4 0,3 0,2 0,2-0,3 Piemonte 4,3 5,9 9,2 8,2 9,1 5,1 Liguria 2,1 2,5 2,5 2,2 2,6 2,2 Lombardia 14,2 16,9 23,3 17,4 14,3 15,5 Nord Ovest 21,0 25,7 35,2 28,0 26,0 23,2 Trentino Alto Adige 1,7 2,4 3,6 1,0 1,3 2,0 Veneto 4,0 6,9 9,6 8,8 9,1 5,1 Friuli Venezia Giulia 1,3 1,9 2,2 3,7 3,9 1,5 Emilia Romagna 6,8 8,0 11,4 24,7 31,2 7,6 Nord Est 13,8 19,2 26,8 38,2 45,5 16,2 Marche 2,4 2,4 2,1 2,0 2,6 2,4 Toscana 5,5 6,3 7,9 7,4 9,1 5,9 Umbria 1,3 1,4 1,4 2,9 2,6 1,3 Lazio 13,4 11,1 9,8 9,8 6,5 12,6 Abruzzo 2,2 2,1 1,4 0,8 1,3 2,1 Centro 24,7 23,4 22,6 22,9 22,1 24,2 Molise 0,7 0,6 0,2 0,4-0,6 Campania 11,4 8,0 4,1 3,5 1,3 10,0 Puglia 8,9 7,6 3,8 2,2 5,2 8,2 Basilicata 1,7 1,3 0,4 0,6 0,0 1,5 Calabria 2,8 2,4 1,0 0,2 0,0 2,5 Sud 25,4 19,7 9,5 7,0 6,5 22,7 Sardegna 3,4 4,5 1,9 1,2-3,6 Sicilia 11,7 7,5 4,1 2,7-10,1 Isole 15,1 12,0 6,1 3,9-13,7 Italia 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 Tab. 20: distrib. % degli addetti delle cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Grande Valle d'aosta 0,4 0,3 0,2 0,1 0,0 0,2 Piemonte 4,5 6,1 9,5 8,5 8,6 7,8 Liguria 2,1 2,6 2,5 1,9 2,1 2,3 Lombardia 13,3 18,3 24,2 16,1 15,7 18,9 Nord Ovest 20,3 27,2 36,4 26,6 26,4 29,2 Trentino Alto Adige 1,6 2,6 3,7 0,8 0,5 2,2 Veneto 4,1 7,5 9,7 8,1 8,7 8,0 Friuli Venezia Giulia 1,4 1,9 2,1 2,8 2,0 2,2 Emilia Romagna 6,6 8,6 12,0 33,8 40,3 18,0 Nord Est 13,7 20,6 27,6 45,5 51,5 30,5 Marche 2,4 2,4 1,9 1,8 1,6 2,1 Toscana 5,5 6,5 7,7 8,4 10,2 7,4 Umbria 1,2 1,4 1,5 2,6 1,9 1,8 Lazio 12,3 11,2 9,7 7,1 4,0 9,5 Abruzzo 2,3 1,9 1,2 0,5 0,5 1,2 Centro 23,7 23,4 22,0 20,4 18,3 22,0 Molise 0,7 0,5 0,2 0,3 0,0 0,4 Campania 11,7 7,3 3,9 2,1 0,7 4,9 Puglia 9,8 6,8 3,4 2,5 3,1 4,6 Basilicata 1,8 1,2 0,3 0,3 0,0 0,7 Calabria 2,8 2,0 0,7 0,1 0,0 1,0 Sud 26,8 17,7 8,4 5,4 3,7 11,6 Sardegna 4,0 4,1 1,7 0,6 0,0 2,2 Sicilia 11,5 6,8 3,8 1,6 0,0 4,6 Isole 15,5 11,0 5,5 2,2 0,0 6,8 Italia 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 15

17 Tab. 21: saldo cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Anni ; valori assoluti Grande Valle Aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia Tab. 22: saldo addetti cooperative per regione/macroarea e per classe di addetti Anni ; valori assoluti Grande Valle Aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia

18 Tab. 23: saldo totale imprese per regione/macroarea e per classe di addetti Anni ; valori assoluti Grande Valle Aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia Tab. 24: saldo addetti tot. imprese per regione/macroarea e per classe di addetti Micro Anni ; valori assoluti Piccola Media Grande Valle Aosta Piemonte Liguria Lombardia Nord Ovest Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Emilia Romagna Nord Est Marche Toscana Umbria Lazio Abruzzo Centro Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sud Sardegna Sicilia Isole Italia

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA

ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA ANALISI DELL OCCUPAZIONE FEMMINILE IN ITALIA novembre 04 Introduzione In base ai dati dell VIII Censimento su Industria e Servizi dell ISTAT è stata condotta un analisi dell occupazione femminile nelle

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto

Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Calano le imprese italiane, aumentano le straniere. Sentono meno la crisi e creano 85 miliardi di di valore aggiunto Imprese straniere in aumento. Su 6.061.960 imprese operanti in Italia nel 2013, 497.080

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

MOVIMPRESE RISTORAZIONE

MOVIMPRESE RISTORAZIONE Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro MOVIMPRESE RISTORAZIONE Anno 2011 Ufficio studi A cura di L. Sbraga e G. Erba MOVIMPRESE RISTORAZIONE A dicembre del 2011 negli archivi delle Camere

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010

Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione. Rimini Wellness, 14 Maggio 2010 AICEB (Associazione Italiana Centri Benessere) IL MERCATO DEL BENESSERE: IMPRESE E SERVIZI OFFERTI* Tavola rotonda Centri benessere tra sviluppo turistico e nuova regolamentazione Rimini Wellness, 14 Maggio

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 119 117 114 69 52 28 14 1 343 267 242 215 444 607 736 946 938 1.168 1.066 1.622 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Imprese Veneto 27/07/2015 Il caldo torrido di questa estate sembra aver

Dettagli

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia

Fonte: elaborazione Unioncamere Lombardia su dati ASIA Istat. Tabella 2: Imprese per attività economica Lombardia IL SISTEMA PRODUTTIVO LOMBARDO NEL 2006 SECONDO IL REGISTRO STATISTICO ASIA (giugno 2009) Secondo il registro statistico delle imprese attive e delle loro unità locali (ASIA Imprese e Unità locali) sono

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI VARESE REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2011 REPORT CON DATI CONGIUNTURALI 4 TRIMESTRE 2011 elaborazioni a: Dicembre 2011 Tavola 1a - Dati strutturali: Imprese attive Imprese

Dettagli

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA?

DOBBIAMO AVER PAURA DELLA PIOGGIA? Nuovo Rapporto Ance Cresme alluvioni con una scia ininterrotta di disastri, vittime e costi altissimi per i cittadini. Un territorio martoriato da Nord a Sud e L aggiornamento del rapporto Ance Cresme

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI CREMONA CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DI IMPRESE ATTIVE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese 1. Analisi

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno

Startup innovative: una su otto è donna. Boom delle neoimprese smart femminili, +50,6% in un anno Comunicato stampa Startup : una su otto è donna Boom delle neoimprese smart, +50,6% in un anno Roma, 06 marzo 2015 Pesano ancora poco sul tessuto imprenditoriale ma sono in crescita e davanti hanno un

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Le organizzazioni di volontariato in Italia

Le organizzazioni di volontariato in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 5 Settori Pubblica amministrazione - Sanità e previdenza Le organizzazioni di volontariato in Italia Anno 2001 Informazioni n. 27-2005

Dettagli

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI

CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI TERNI CRUSCOTTO DI INDICATORI STATISTICI REPORT CON DATI STRUTTURALI ANNO 2014 INSIEME DELLE IMPRESE REGISTRATE Elaborazioni a: Dicembre 2014 Indice delle tavole Dati strutturali a periodicità annuale Imprese

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI

DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI PROGETTO: DONNA E IMPRESA: CAPITANE CORAGGIOSE DIAMO CREDITO ALLE IMPRESE FEMMINILI The future liesin the handsofwomen thathavethe couragetodream Kerry Kennedy, Firenze Giugno 2013 al Convegno di Microsoft

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013

Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 2013 Dati presentati in occasione del primo vertice italiano «LA FINESTRA IN LEGNO» Verona, 16 marzo 213 Dott. Riccardo Borghero Dirigente Area Affari Economici Camera di Commercio I.A.A. di Verona 135 IMPRESE

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a)

Il Fondo di garanzia per le PMI. (Legge 662/1996, art. 2 comma 100, lett. a) Il Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/1996, art. 2 comma 1, lett. a) Report mensile I risultati al 3 aprile 215 1 Indice 1. Le domande presentate... 3 1.1 Le domande presentate nel periodo 1 gennaio-3

Dettagli

Gli immigrati e i pubblici esercizi

Gli immigrati e i pubblici esercizi II Immigrati Gli immigrati e i pubblici esercizi La crescita della componente immigrata rappresenta uno dei principali fattori di trasformazione del nostro mercato del lavoro in questi ultimi anni con

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica

Imprese partecipate dalle Università per settore (tot. 150) Fonte: Banca dati Dip. Funzione Pubblica Osservazioni sul documento base Problematiche relative alla partecipazione alle gare di cui al decreto legislativo n. 163 del 2006 delle Università e degli Istituti similari Audizione presso l Autorità

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli