PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL SAN PIETRO TERME SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GABRIELLA GRANDI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA PRIMARIA STATALE GUSTAVO SEROTTI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FRATELLI PIZZIGOTTI VIA XVII APRILE CASTEL SAN PIETRO TERME (BO) TEL FAX PDM PDM - Piano di Miglioramento

2 2 PIANO DI MIGLIORAMENTO PDM approvato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 14/01/2016 Il presente Piano di Miglioramento, predisposto dall prevede l'attuazione di misure volte a perseguire i seguenti obiettivi di processo: - PRIMO OBIETTIVO DI PROCESSO: RECUPERO, CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO - SECONDO OBIETTIVO DI PROCESSO: COMPETENZE TRASVERSALI - TERZO OBIETTIVO DI PROCESSO: MEDIAZIONE E ALFABETIZZAZIONE - Di seguito viene presentato l'indice del piano e il dettaglio degli obiettivi e delle azioni.

3 INDICE DEL PIANO Pag. TABELLA 1 - Composizione del nucleo interno di autovalutazione 4 Introduzione TABELLA 2 - Priorità di miglioramento, traguardi di lungo periodo e monitoraggio dei risultati 4 3 TABELLA 3 - Relazione tra aree di processo, obiettivi di processo e priorità di miglioramento 5 TABELLA 4 - Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi 6 Primo obiettivo di processo TABELLA 5 - Azioni specifiche del dirigente scolastico 9 TABELLA 6 - Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi 10 TABELLA 4 - Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi 13 Secondo obiettivo di processo TABELLA 5 - Azioni specifiche del dirigente scolastico 14 TABELLA 6 - Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi 14 TABELLA 7 - Risorse umane esterne e strumentali 15 TABELLA 4 - Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi 15 Terzo obiettivo di processo TABELLA 5 - Azioni specifiche del dirigente scolastico 16 TABELLA 6 - Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi 16 TABELLA 7 - Risorse umane esterne e strumentali 16

4 Tabella 1 NOME Laura Santoriello Fiorini Tiziano Fornarini Donatella Lelli Nadia Masi Daniela Composizione del nucleo interno di autovalutazione RUOLO Dirigente Insegnante Insegnante Insegnante Insegnante 4 Tabella 2 ESITI DEGLI STUDENTI 1) Risultati scolastici 2) Competenze chiave e di cittadinanza Priorità di miglioramento, traguardi di lungo periodo e monitoraggio dei risultati PRIORITÀ N.1 Diminuzione del numero degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6. Valutazione collegiale e condivisa delle competenze chiave e di cittadinanza TRAGUARDI Allineamento del dato in oggetto alle medie di riferimento provinciali, regionali e nazionali. - Modifica (salvo l adozione di un format ministeriale) del certificato delle competenze in uscita dalla scuola primaria e secondaria. - Acquisizione da parte di tutti i docenti di un adeguata capacità di utilizzo del modello RISULTATI PRIMO ANNO Diminuzione sensibile del numero degli alunni che all esame di stato ottengono il voto 6. Formazione del collegio docenti sulla programmazione per competenze. RISULTATI SECONDO ANNO Diminuzione ulteriore del numero degli alunni che all esame di stato ottengono il voto 6. - Completamento della formazione sulla programmazione per competenze e sua applicazione entro le prime settimane dell anno scolastico. - Definizione degli strumenti di misurazione delle competenze e successiva valutazione. RISULTATI TERZO ANNO Raggiungere i livelli nazionali. - Verifica e consolidamento delle pratiche di programmazione - Valutazione delle competenze messe in campo.

5 Tabella 3 AREE DI PROCESSO Curricolo, progettazione e valutazione Inclusione e Differenziazione Relazione tra obiettivi di processo, aree di processo e priorità di miglioramento OBIETTIVI DI PROCESSO 1) Verifica puntuale ed eventuale riprogettazione delle iniziative di recupero, consolidamento e potenziamento sugli alunni. 2) Programmazione e pianificazione di una didattica basata sulle competenze trasversali chiave 1) prevedere, in collaborazione con associazioni e amministrazioni comunali, interventi di mediazione culturale e linguistica e di alfabetizzazione Valutazione collegiale e condivisa delle competenze chiave e di cittadinanza PRIORITÀ 1 2 Diminuire il nr degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6 Diminuire il nr degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6 5

6 PRIMO OBIETTIVO DI PROCESSO: RECUPERO, CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO Tabella 4 Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi Priorità: diminuire il numero degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6. Area di processo: curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: verifica puntuale ed eventuale riprogettazione delle iniziative di recupero, consolidamento e potenziamento sugli alunni Azioni Recupero, in orario extracurricolare, di italiano per alunni di classe prima, seconda e terza della scuola secondaria Recupero, in orario extracurricolare, di matematica per le classi seconde e terze della scuola secondaria Consolidamento potenziamento. Soggetti responsabili dell attuazione Docente di funzione strumentale. Docente coordinatore di dipartimento e docente dell organico potenziato Docente di funzione strumentale. Docente coordinatore di dipartimento e docente dell organico di potenziato Termine previsto 31/5/ /5/2018 Risultati attesi per ciascuna azione Incremento del numero di alunni in grado di applicare le procedure di ideazione pianificazione, stesura di un testo, scrivere testi di forma diversa corretti e adeguati alla situazione, all argomento e al destinatario, realizzare scelte lessicali adeguate alla situazione comunicativa. Incremento del numero di alunni che dimostrano di possedere le abilità di base in aritmetica, algebra e geometria. Aumento del numero di presenze degli alunni che partecipano ai laboratori di recupero delle conoscenze e sviluppo delle competenze di base in aritmetica, algebra e geometria. Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali) Azione realizzata entro il termine stabilito Risultati effettivam. raggiunti per ciascuna azione 6 Consolidamento, in orario extracurricolare, di inglese per le classi prime della scuola secondaria con alfabetizzazione digitale di lingua inglese interni 31/5/2018 Incremento del numero degli alunni delle classi prime con soddisfacenti abilità nella lingua inglese.

7 Recupero, in orario scolastico, di matematica per le classi prime della scuola secondaria Prima e seconda alfabetizzazione scuola secondaria in orario scolastico Mediazione didattica per gli alunni con BES principalmente delle classi seconde e terze di scuola secondaria, ma anche di classe prima per alcune situazioni di particolare difficoltà Docente di funzione strumentale. Docente coordinatore di dipartimento e docente di matematica dell'organico potenziato. Docente di funzione strumentale. Alfabetizzatrice esterna, docente dell organico potenziato. Docente di funzione strumentale. coordinatori di dipartimento di italiano e matematica unitamente a due docenti di organico potenziato. 31/5/ /5/ /5/2018 Aumento del numero di alunni che dimostrano di possedere le abilità di base in aritmetica, algebra e geometria. Per la prima alfabetizzazione: apprendimento della lingua italiana per la vita di relazione, apprendimento a leggere e scrivere correttamente per raggiungere almeno un livello A2 del quadro comune europeo di riferimento Per la seconda alfabetizzazione (alunni stranieri inseriti nelle scuole italiane da diversi anni, alunni stranieri di seconda generazione) apprendimento della lingua per la comprensione del testo e per interagire con relativa scioltezza e spontaneità con un parlante nativo; apprendimento della lingua scritta per comprendere le idee fondamentali di testi complessi lingua per lo studio- e produrre semplici testi chiari, per raggiungere almeno un livello B2 del quadro comune europeo di riferimento Consolidamento di competenze linguistiche e adeguato livello di comprensione per agire nel contesto delle discipline di studio. Recupero e potenziamento delle strategie per memorizzare ed esporre argomenti di studio. Acquisizione delle capacità di organizzazione consapevole del lavoro. Aumento degli alunni che sono autonomi nello studio per l esame conclusivo del primo ciclo di istruzione. 7

8 Attività di recupero per classi parallele primaria Attività di recupero in piccolo gruppo (alunni DSA, alunni in difficoltà cognitiva non certificata) di classe di italiano e matematica. dell organico potenziato. Docente ref. progetti di classe di italiano e matematica. dell organico potenziato. Docente collaboratore referente dei progetti. 31/5/ /5/2018 Recupero delle abilità di base degli alunni che mostrano lacune e/o incertezze negli apprendimenti. Rinforzo degli apprendimenti sia in ambito linguistico che matematico. Potenziamento delle strategie per memorizzare ed utilizzare le tecniche apprese. Acquisizione della capacità di organizzazione consapevole delle sequenze di lavoro. Utilizzo autonomo di strumenti compensativi e mediatori didattici. Acquisizione, della strumentalità comunicativa di base (le parole per esprimere bisogni, lessico di base). 8 Attività di prima e seconda alfabetizzazione scuola primaria di classe di italiano e matematica. dell organico potenziato. Docente collaboratore referente dei progetti. 31/5/2018 Apprendimento della lingua per la comunicazione orale ( le parole per partecipare, le parole dei contesti conosciuti : scuola, casa, famiglia, sport ). Apprendimento della lingua per la comunicazione scritta di base. Acquisizione delle principali strutture linguistiche per ascoltare, per comprendere, per scrivere, per leggere, per parlare. Condivisione buone pratiche nei dipartimenti e nei consigli di classe nella scuola secondaria Tutti i docenti. Settembre 2016 e settembre 2017 Consolidamento di competenze linguistiche e adeguato livello di comprensione per agire nel contesto delle discipline di studio.

9 Tabella 5 Azioni specifiche del dirigente scolastico Priorità: diminuire il nr degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6. Area di processo: curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: verifica puntuale ed eventuale riprogettazione delle iniziative di recupero, consolidamento e potenziamento sugli alunni AZIONI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIMENSIONI PROFESSIONALI INTERESSATE 9 Condivisione di priorità, traguardi e obiettivi di processo del RAV, anche alla luce delle novità introdotte dalla l.107/2015 Ri-costruzione del Nucleo Interno di Valutazione Chiarificazione del rapporto che lega gli obiettivi di processo alle priorità ed ai traguardi Promozione di incontri tra il NIV ed il gruppo di lavoro per il PTOF Scelta condivisa con lo staff delle azioni ritenute più opportune per raggiungere gli obiettivi e pianificazione di tali azioni Scelta condivisa della richiesta di docenti dell organico potenziato finalizzata al miglioramento Individuazione e responsabilizzazione delle competenze professionali più utili in relazione ai contenuti delle azioni pianificate, anche rispetto all organico potenziato assegnato all I.C. Collegio docenti, DSGA, Consiglio d Istituto + 2 genitori del C.d.I. NIV + C.d.D + C.d.I. I due gruppi di lavoro interessati Staff Staff + c.d.d. Monitoraggio dei processi e verifica periodica dei risultati attesi Staff + C.d.D + C.d.I.

10 Tabella 6 Risorse umane interne alla scuola Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi Recupero pomeridiano di italiano scuola secondaria Docenza di un insegnante di organico potenziato; coordinamento svolto dal referente di dipartimento di italiano tra i docenti di classe e il docente che tiene il corso Funzione strumentale pof 4 ore settimanali del docente del potenziato + 20 ore annue del docente coordinatore 340 euro annui Fis 10 Risorse umane interne alla scuola Recupero pomeridiano di matematica scuola secondaria (classi seconde e terze) Docenza di un insegnante di organico potenziato; coordinamento svolto dal referente di dipartimento di matematica tra i docenti di classe e il docente che tiene il corso Funzione strumentale pof 4 ore settimanali del docente del potenziato + 20 ore annue del docente coordinatore 340 euro annui Fis Risorse umane interne alla scuola Consolidamento pomeridiano di inglese per le classi prime della scuola secondaria con alfabetizzazione digitale

11 Corsi per le classi prime tenuti da docenti di lingua inglese euro annui Fis Risorse umane Recupero in orario scolastico di matematica, scuola interne alla scuola secondaria classi prime 14 ore settimanali per il docente del potenziato Docenza di un insegnante di organico potenziato; euro annui coordinamento svolto dal referente di dipartimento di 20 ore annue per il ( sono le stesse della matematica tra docente coordinatore tabella 2) i docenti di classe e il docente che tiene il corso ( sono le stesse della Fis tabella 2) Funzione strumentale pof 11 Risorse umane interne alla scuola Prima e seconda alfabetizzazione scuola secondaria Interventi individuali ed in piccolo gruppo effettuati da 1 18 ore settimanali docente dell organico potenziato + coordinamento del docente funzione strumentale Funzione strumentale alunni stranieri

12 Risorse umane interne alla scuola Mediazione didattica per gli alunni con BES delle classi seconde e terze di scuola secondaria (ma anche di classe prima per alcune classi o alunni particolarmente in difficoltà). Mediazione didattica svolta da 2 docenti dell organico potenziato; coordinamento svolto dal referente di dipartimento di italiano ed i docenti di classe. Funzione strumentale agio 36 ore settimanali dei docenti del potenziato + 20 ore annue del coordinatore 340 euro annui Fis 12 Risorse umane interne alla scuola Attività di recupero per classi parallele primaria Risorse umane interne alla scuola Mediazione didattica per classi parallele con piccolo gruppo di livello, tramite compresenza di 2 docenti organico potenziato con docenti di classe di italiano e di matematica. Presente come da regolare orario di servizio. Docente collaboratore del dirigente 14 ore settimanali di compresenza Attività di recupero in piccolo gruppo (alunni DSA e/o alunni in difficoltà cognitiva non certificata) Mediazione didattica con piccolo gruppo della stessa 23 ore settimanali di

13 Risorse umane interne alla scuola classe, tramite compresenza di 2 docenti organico potenziato con docenti di classe di italiano e di matematica Presente come da regolare orario di servizio Docente collaboratore del dirigente Attività di prima e seconda alfabetizzazione scuola primaria compresenza Alfabetizzazione didattica con piccolo gruppo della stessa classe, tramite compresenza di 2 docenti organico potenziato con docenti di classe di italiano e di matematica. Presente come da regolare orario di servizio. Docente collaboratore del dirigente 05 ore settimanali di compresenza 13 SECONDO OBIETTIVO DI PROCESSO: COMPETENZE TRASVERSALI Tabella 4 Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi Priorità: valutazione collegiale e condivisa delle competenze chiave e di cittadinanza Area di processo: curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: programmazione e pianificazione di una didattica basata sulle competenze trasversali chiave Azioni Corso di formazione Soggetti responsabili dell attuazione Insegnanti competenti interni alla scuola Termine previsto di conclusione Settembre 2016 Giugno 2018 Risultati attesi per ciascuna azione Programmazioni per competenze (inizio a.s. 2016). Adeguata misurazione-valutazione e certificazioni delle competenze in uscita (giugno 2018) Adeguament i effettuati in itinere (event.) Azione realizzata entro il termine stabilito Risultati effettivamente raggiunti per ciascuna azione

14 Tabella 5 Azioni specifiche del dirigente scolastico Priorità: valutazione collegiale e condivisa delle competenze chiave e di cittadinanza Area di processo: curricolo, progettazione e valutazione Obiettivo di processo: programmazione e pianificazione di una didattica basata sulle competenze trasversali chiave AZIONI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIMENSIONI PROFESSIONALI INTERESSATE Condivisione di priorità, traguardi e obiettivi di processo del RAV, anche alla luce delle novità introdotte dalla l.107/2015 Collegio docenti, DSGA, Consiglio d Istituto Ri-costruzione del Nucleo Interno di Valutazione + 2 genitori del C.d.I. Chiarificazione del rapporto che lega gli obiettivi di processo alle priorità ed ai traguardi NIV + C.d.D + C.d.I. Promozione di incontri tra il NIV ed il gruppo di lavoro per il PTOF I due gruppi di lavoro interessati Scelta condivisa con lo staff e con le docenti competenti per le azioni ritenute più opportune per raggiungere gli obiettivi e pianificazione di tali azioni Staff Individuazione e responsabilizzazione delle competenze professionali più utili in relazione ai contenuti delle azioni pianificate, anche rispetto all organico potenziato assegnato all I.C. Monitoraggio dei processi e verifica periodica dei risultati attesi Staff + C.d.D + C.d.I. 14 Tabella 6 Risorse umane interne alla scuola Dirigente scolastico Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi Corso di formazione Progettazione e monitoraggio Formazione secondo un modello composito, lezioni frontali, laboratori e sperimentazione in classe, condotta da 2 docenti 4 ore frontali + 26 ore di laboratorio F.I.S. Personale ATA

15 Tabella 7 Risorse umane esterne e strumentali Tipologia di risorsa Formatori Consulente per il miglioramento Attrezzature Altro 15 TERZO OBIETTIVO DI PROCESSO: MEDIAZIONE E ALFABETIZZAZIONE Tabella 4 Pianificazione operativa e monitoraggio dei processi Priorità: diminuire il nr degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6. Area di processo: inclusione e differenziazione Obiettivo di processo: prevedere, in collaborazione con associazioni e amministrazioni comunali, interventi di mediazione culturale e linguistica e di alfabetizzazione Azioni Alfabetizzazione e mediazione culturale Soggetti responsabili dell attuazione Alfabetizzatori e mediatori culturali Termine previsto Giugno 2018 Risultati attesi per ciascuna azione Per la prima alfabetizzazione: apprendimento della lingua italiana per la vita di relazione, apprendimento a leggere e scrivere correttamente per raggiungere almeno un livello A2 del quadro comune europeo di riferimento Per la mediazione: comunicazione efficace scuola famiglia per migliorare la qualità educativa. Adeguamenti effettuati in itinere (eventuali) Azione realizzata entro il termine stabilito Risultati effettivamente raggiunti per ciascuna azione

16 Tabella 5 Azioni specifiche del dirigente scolastico Priorità: diminuire il nr degli alunni che all esame di stato conclusivo del I ciclo ottengono il voto 6. Area di processo: inclusione e differenziazione Obiettivo di processo: prevedere, in collaborazione con associazioni e amm. comunali, interventi di mediazione culturale e linguistica e di alfabetizzazione Azioni del dirigente scolastico Dimensioni professionali interessate Condivisione di priorità, traguardi e obiettivi di processo del RAV, anche alla luce delle novità introdotte dalla l.107/2015 Collegio docenti, DSGA, Consiglio d Istituto Ri-costruzione del Nucleo Interno di Valutazione + 2 genitori del C.d.I. Chiarificazione del rapporto che lega gli obiettivi di processo alle priorità ed ai traguardi NIV + C.d.D + C.d.I. Promozione di incontri tra il NIV ed il gruppo di lavoro per il PTOF I due gruppi di lavoro interessati Scelta condivisa con lo staff delle azioni ritenute più opportune per raggiungere gli obiettivi e pianificazione di tali azioni Staff Individuazione e responsabilizzazione delle competenze professionali più utili in relazione ai contenuti delle azioni pianificate, anche rispetto all organico potenziato assegnato all I.C. Docente referente Monitoraggio dei processi e verifica periodica dei risultati attesi Staff + C.d.D + C.d.I. 16 Tabella 6 Risorse umane interne e relativi costi aggiuntivi Risorse umane interne alla scuola Dirigente scolastico Tabella 7 Risorse umane esterne e strumentali Tipologia Di Risorsa Spesa Prevista Finanziaria Formatori Consulente per il miglioramento Attrezzature Altro Alfabetizzatori e mediatori culturali Per l a.s. 2015/ per tutto l istituto Programma annuale (diritto allo studio)

P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19

P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19 P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19 Sommario 1. PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELL AZIONE DI MIGLIORAMENTO... 3 2. PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO... 4 2.1

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Brembate Sotto Via Oratorio n. 14 24041 BREMBATE (BG) Tel: 035 801047 035 801447 - Fax: 035 4874731 info@icbrembate.it

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VALTREBBIA Via al Municipio 7, 16029 TORRIGLIA (GE)

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VALTREBBIA Via al Municipio 7, 16029 TORRIGLIA (GE) AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Indicazioni nazionali per il curricolo

Indicazioni nazionali per il curricolo Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione a cura di Valentina Urgu per l I.C. Monastir L ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO Indicazioni quadro di riferimento

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO PADRE VITTORIO FALSINA Via Scuole, 14 25045 Castegnato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione

ISTITUTO COMPRENSIVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016. Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENVO N 5 BOLOGNA a.s. 2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Rilevazione dei BES presenti 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art.

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019

Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019 Istituto Comprensivo di Bruino Piano triennale dell offerta formativa A.S. 2016/2017 2017/2018 2018/2019 PREMESSA E MISSIONE Il piano si basa su criteri educativi-formativi di: Flessibilità Programmazione

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

Piano Educativo Personalizzato per studenti non italofoni

Piano Educativo Personalizzato per studenti non italofoni Via Provinciale - 22010 Ossuccio (CO) Tel. / Fax 034454051 e-mail coic84900c@istruzione.it - c.f. 84002090136 Introduzione alla compilazione Il P.E.P. o è indispensabile per delineare il percorso di insegnamento

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

Audit interno d Istituto

Audit interno d Istituto Audit interno d Istituto Riesame della Direzione (a.s. 2014/2015) I.I.S. Remo Brindisi Lido degli Estensi 20 maggio 2015 Riesame della Direzione: l Indice 1.Riesame della Direzione (esame di tutte le articolazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE AL P.O.F. A.S. 2015/2016

INTEGRAZIONE AL P.O.F. A.S. 2015/2016 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo D. A. Azuni Via Comm.Fumu 07020 Buddusò Cod.Fis.81000450908 Cod. Mec.SSIC80600X Codice Univoco dell Ufficio: UFXWJZ Telefono

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILANO) a.s 2013/2014. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO TARRA DI BUSTO GAROLFO (MILA) a.s 2013/2014 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 Prot. N. 30180/C01 del 27/07/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CALENDARIO DEGLI INCONTRI COLLEGIALI SETTEMBRE 2015 TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA Martedì 1 Ore 9.00 13.00 O.d.g Collegio dei docenti unitario

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) ISTITUTO SUPERIORE VERONA - TRENTO I.T.T. VERONA TRENTO - I.PIA. MAJORANA MEIS027008 IST. D'ISTRUZ. SUPERIORE IITI "VERONA TRENTO" MESSINA Via U. Bassi Is. 148 - Tel. ( 090 ) 29.34.854-29.34.070 - Fax

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Priorità 1/2 del RAV e del PDM Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1)

1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1) Allegato C Piano Educativo Personalizzato DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome:. Plesso: Classe: DIAGNOSI: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1)

Dettagli

Progetto disciplinare extracurricolare di potenziamento - Esame Trinity Scuola primaria Dante Alighieri

Progetto disciplinare extracurricolare di potenziamento - Esame Trinity Scuola primaria Dante Alighieri Ministero dell Istruzione dell università e della ricerca Istituto comprensivo Dante Alighieri Via Falck n 110 Sesto San Giovanni (MI) Telefono: 02 36 57 471 Fax: 02 36 57 47 35 Sito: www.comprensivodante.it

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione In riferimento alla normativa vigente (leggi 104/92, 170/2010 e direttiva del Miur sui BES del 27/12/2012) si è costituito dallo scorso a.s.

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BENEDETTI-TOMMASEO Liceo Scientifico G.B. Benedetti C.M. VEPS02601E Liceo Linguistico e delle Scienze Umane N. Tommaseo C.M. VEPM02601G e-mail: VEIS026004@istruzione.it

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03. Euro 35,00/h per i docenti fuori orario scolastico per alunni e docenti

Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03. Euro 35,00/h per i docenti fuori orario scolastico per alunni e docenti \Progetto Area a rischio e lotta alla dispersione scolastica A.S. 2013/14 Le risorse destinate all IC Ponte di Nona Vecchio consistono in Euro 5.691,03 I Criteri adottati nell utilizzo delle risorse sono:

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento RMIC83000Q GIUSEPPE MONTEZEMOLO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24

Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Lecce, 1 ottobre 2015 Prot.n. 4279/C24 Al Collegio dei Docenti e p.c. al Consiglio d Istituto ai Genitori agli Studenti al Personale ATA all ALBO DI ISTITUTO SEDI LECCE E SQUINZANO Oggetto: Atto di Indirizzo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Pag. 1 a 7 Protocollo di accoglienza alunni stranieri Istituto Comprensivo Via Cassia 1694 Roma XV Municipio XXVIII Distretto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI STRANIERI Il Protocollo di accoglienza alunni

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

Scuola SMS G. GALILEI CECINA. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola SMS G. GALILEI CECINA. Piano Annuale per l Inclusione Scuola SMS G. GALILEI CECINA Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

Progetto Cantieri aperti per la scuola di base

Progetto Cantieri aperti per la scuola di base Progetto Cantieri aperti per la scuola di base TRACCIA dell INTERVISTA Istituto. Note per la compilazione Le parti a sfondo grigio saranno affrontate durante l incontro tra mini staff di istituto e intervistatori.

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15

Parte 1 : Analisi dei punti di forza e di criticità a.s. 2014-15 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA D M 27/12/2012 e CM n. 8 del 6/3/2013 per l anno scolastico 2015-16 Proposta dal GLI d istituto in data 26-05-2015 Deliberato dal collegio dei docenti in data 04-06-2015

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti 2014/2015: n 1. disabilità

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Via Garibaldi, 90 26812 Borghetto Lodigiano (LO) - C.M. LOIC80400A C.F. 92517390156 Tel. 0371/80389

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione

PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016. Bisogni. Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione PIANO PROGRAMMATICO per l anno scolastico 2015/2016 Bisogni 1 Curare la qualità dell ambiente di apprendimento favorendo l inclusione 4 Riflettere sugli esiti degli apprendimenti, sulla valutazione e certificazione

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN INGRESSO ED USCITA A.S. 2012-13 L attività di orientamento in ingresso e in uscita nel e dal nostro Istituto coinvolge gli alunni e le famiglie delle classi

Dettagli

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE IL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE Priorità strategiche della valutazione - Riduzione della dispersione e dell insuccesso scolastico. - Rafforzamento delle competenze di base degli studenti rispetto alla situazione

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015

Prot. n. 3389/B4 Cattolica Eraclea, lì 21/09/2015 Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado EZIO CONTINO Largo Pertini -92011 Cattolica Eraclea (AG) Tel.0922 849242 fax 0922 840344 E-mail agic80700p@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso

Istituto Comprensivo Statale Ponte (Bn) Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria primo grado con sezioni associate Comuni di Paupisi e Torrecuso Prot.n. 2099/B24 Ponte, 30/05/2016 A tutti i docenti dell I.C. Ponte Al D.S.G.A. e al personale A.T.A. Atti Albo plessi Sito web Oggetto: Adempimenti di fine anno scolastico 2015/16 Con la presente, si

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO Istituto Comprensivo Statale G. Ciscato Via Marano, 53-36034 MALO (Vi) Tel. 0445/605202 0445/581418 C.F.:83003630247 C.M. VIIC80800N www.ciscato.gov.it e-mail: viic80800n@istruzione.it viic80800n@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015

RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015 RAV rapporto di autovalutazione Luglio 2015 Dati oggettivi ricavati da Intranet dal SIDI, Segreteria della scuola ecc Dati oggettivi ricavati dal POF, contrattazione Istituto ecc Dati sull ambiente di

Dettagli

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015

Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3511/B15 Genova, 16 ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica METD05000E I.T. L.DA VINCI ECONOMICO TECNOLOGICO Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 23) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO

ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO ISTRUZIONE DEGLI ADULTI (D.P.R 263/2012) **** LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (Art.11, comma 10, D.P.R 263/2012) I risultati di apprendimento attesi in esito ai percorsi di alfabetizzazione

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità ISTITUTO COMPRENVO STATALE POLO EST LUMEZZANE a. s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infanzia Primaria Sec.I grado

Dettagli

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12

Progetto scuole in aree a forte processo immigratorio a.s. 2011/12 : E VALUTAZIONE PREVISIONE DI PES SPESA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ist. Sec. di I Grado VIA VOLTA VIA BATTISTI Via Volta,13-20093 Cologno (MI) Tel. 0225492649-022543060

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale "Duca degli Abruzzi" di Borghetto Lodigiano. a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione

Istituto Comprensivo Statale Duca degli Abruzzi di Borghetto Lodigiano. a.s. 2014/2015. Piano Annuale per l Inclusione Istituto Comprensivo Statale "Duca degli Abruzzi" di Borghetto Lodigiano a.s. 2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti:

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (D.M. 12 luglio 2011) ISTITUTO COMPRENSIVO LAZZARO SPALLANZANI DI SCANDIANO Viale della Rocca, 8 - Scandiano (RE) - Tel/Fax 0522-857593 e-mail: reic85400a@istruzione.it www.icspallanzani.gov.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO G.ZANELLA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA" Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 32) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE

N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE N.B. A CORREDO DEL MODELLO NELLA CARTE VIENE RIPORTATA LA DOCUMENTAZIONE UTILE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO ISTRUZIONE

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PER ALUNNI CON DSA)

PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PER ALUNNI CON DSA) ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA S. CANIO N 1, TEL. 0784-53125 FAX 0784-529085 E-mail: nuic821006@istruzione.it PEC: nuic821006@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Alla luce delle priorità individuate nel RAV, pubblicato all Albo elettronico della scuola e presente sul portale Scuola in Chiaro del M.I.U.R, sono state decise le azioni opportune

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio IV - Ambito Territoriale di Brescia Via S.Antonio, 14-25133 Brescia - Codice Ipa: m_pi PIANO

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RGIC82000T BERLINGUER Anno Scolastico 2015/2016 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 28) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini"

Istituto Scolastico Comprensivo Statale R. Fucini Istituto Scolastico Comprensivo Statale "R. Fucini" Scuola Infanzia Primaria e Secondaria di I di Monteroni d Arbia e Murlo Viale Rimembranze,127 Tel 0577375118 53014 - MONTERONI D'ARBIA (SI) e. mail siic80800q@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE CENTRO DI ALFABETIZZAZIONE IN ITALIANO L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria di II grado Scuola Secondaria di I grado Scuola

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DI MADRELINGUA NON ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ALLIEVO: CLASSE: SEZIONE A 1. VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE IN INGRESSO COMPRENSIONE ORALE Non adeguata Parzialmente

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. ALBERTO MANZI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. ALBERTO MANZI Modello per la proposta di progetti d Istituto Titolo progetto Anno scolastico di realizzazione Scuola: sede o plesso Responsabile del progetto: solo un nominativo Destinatari: classi o gruppi (non meno

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.)

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) RUOLO E COMPITI DELL ANIMATORE DIGITALE L animatore digitale è un docente a tempo indeterminato, individuato

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado

P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato Scuola Secondaria 2 grado 15 Febbraio 2012 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata

Dettagli