Il proge)o ReCaS infrastru)ura distribuita di calcolo per SuperB ed altre applicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il proge)o ReCaS infrastru)ura distribuita di calcolo per SuperB ed altre applicazioni"

Transcript

1 Il proge)o ReCaS infrastru)ura distribuita di calcolo per SuperB ed altre applicazioni L. Merola x, V. Boccia *, G. Russo x on behalf of ReCaS collabora8on X Università degli Studi di Napoli Federico II ed INFN Sezione di Napoli * INFN Sezione di Napoli progejo speciale IGI

2 ObieMvi generali del proge)o Realizzazione di una e- infrastru+ura distribuita di calcolo e storage nel Mezzogiorno d Italia che colleghi i 4 Data Center dei partner di progejo: Bari (partner INFN e UNIBA) Napoli (partner INFN e UNINA) Catania (partner INFN) Cosenza (partner INFN) Supportare su tale infrastrujura: la comunità del proge)o- bandiera INFN Superb e di LHC (ATLAS, CMS, Alice, LHCb) altre comunità scien8fiche, con par8colare riguardo alla Fisica, alla Medicina, alle Biotecnologie, e all Ambiente. Sessione: StrumenK e tecnologie per Cloud e Calcolo Distribuito 2

3 ObieMvi quanktakvi (rete) In tuje le sedi verranno realizzate: una rete locale in tecnologia 10 GbE per il trasporto da8 ed una rete locale in tecnologia 1 GbE per il monitoring, il telecontrollo, la ges8one La rete GARR- X del Consor8um GARR sarà usata per l interconnessione delle sedi dei Data Center. Sessione: StrumenK e tecnologie per Cloud e Calcolo Distribuito 3

4 ObieMvi quanktakvi (calcolo e storage) Calcolo: L aggregato di potenza elabora8va minima che il progejo si prefigge di acquisire è di 33 khepspec Storage: mentre la quan8tà di storage che si prevede di mejere in linea è di 5.5PByte. Sessione: StrumenK e tecnologie per Cloud e Calcolo Distribuito 4

5 Contestualizzazione Nazionale ed Europea Il progejo andrà a contestualizzarsi nelle roadmap Europee e Nazionali delle infrastrujure, quindi nei piani ESFRI, e- IRG, nella roadmap Italiana - come richiesto dal Bando - e dovrà favorire l internazionalizzazione specialmente a sostegno dell area MED. 5

6 AMvità in ambito SuperB AJualmente abvità di simulazione (FastSim, FulllSim) A valle della rimodulazione subita dal progejo si potranno soddisfare le esigenze iniziali per il calcolo e storage di SuperB fino al 2016 Circa il 50% delle ajrezzature saranno nuove acquisizioni tramite il progejo. Il resto è già disponibile nei Data Center già esisten8 grazie a preceden8 PON

7 AMvità in ambito LHC Il commissioning finale, e gli stress test, saranno esegui8 soprajujo sui da8 reali raccol8 dagli esperimen. in corso all LHC al CERN (ATLAS, CMS, ALICE, LHCb). Il sito di Napoli sarà integrato con le risorse del TIER2, u8lizzato essenzialmente dall esperimento ATLAS Il sito di Bari sarà integrato con le risorse del TIER2, u8lizzato essenzialmente dall esperimento CMS Le risorse di ReCaS saranno importan8 per la comunità LHC 7

8 AMvità in ambito nazionale Nel progejo e nella rimodulazione è stato previsto che si realizzino strumen. e servizi di "alto livello", in modo da rendere possibile l'integrazione delle risorse fornite dai 4 centri di calcolo nelle infrastru+ure di Grid/Cloud nazionale ed internazionale Le abvità si possono csoì riassumere: Portali di accesso alle risorse Integrazione di servizi Grid e Cloud in un unica soluzione open Obmizzazione e semplificazione della ges8one delle elaborazioni e del carico di lavoro sulle risorse Offerta di servizi di calcolo e storage virtualizzato e ges8one di cataloghi e archivi integrak Realizzazione di un sistema di monitoring e di telecontrollo degli impian8 centralizzato verso una postazione di management in ogni sede opera8va di RECAS. 8

9 Altre collaborazioni Collaborazioni con il mondo produbvo nazionale ed internazionale, in par8colare con i progeb Smart Ci8es Promozione dell infrastrujura verso i Paesi dell area mediterranea (in collaborazione con EUMED), del Sud America, Asia e Africa (in collaborazione con CHAIN) Contestualizzazione nello Spazio Europeo della Ricerca (IGI, EGI, ESFRI). 9

10 La e- Infrastru)ura di produzione: strategie di deployment Prevista la creazione e l integrazione di 4 si8: RECAS- BARI RECAS- CATANIA RECAS- COSENZA RECAS- NAPOLI Par8colare ajenzione sarà riservata: alle tema8che di interoperakvità delle infrastrujure dei partner del progejo, all'integrazione dei diversi paradigmi di calcolo parallelo e distribuito (HPC, Grid e Cloud) 10

11 Strategie comuni per la scelta dei nodi di calcolo Numero anche elevato di core per nodo Presenza di acceleratori GPU Presenza di nodi con storage locale di grandi dimensioni Re8 di interconnessione tra i nodi ad alta velocità Supporto alle applicazioni su differen8 paradigmi di parallelizzazione (Message Passing, Mul8Thread e GPU- based) eventualmente anche combina8 tra loro Supporto alle applicazioni data intensive 11

12 Altre strategie di deployment Sulle risorse di calcolo saranno resi inoltre disponibili: strumen8 somware, PSE, toolkit e librerie che cos8tuirà lo strato somware di riferimento delle applicazioni ( middleware applica.vo ) File system paralleli e distribui8 (ajualmente in sperimentazione) Al fine di rendere l'infrastrujura distribuita più flessibile e meno sta8ca delle tradizionali infrastrujure Grid- based saranno integra8 servizi Cloud. 12

13 Il protokpo della e- Infrastru)ura AJualmente è in produzione un proto8po dell'infrastrujura nelle more dell'espletamento delle gare di acquisizione delle forniture hardware TuJavia già da ora sono implementate gran parte delle strategie di deployment descrije che carajerizzeranno l'infrastrujura di produzione finale del progejo. 13

14 Sostenibilità Il core business del ProgeJo ReCaS è l offerta dei servizi di calcolo/storage avanza8 per la ricerca scien8fica Si prevede inoltre di poter acquisire nuovi fruitori dei Data Center, is8tuzionali e non, ajraverso l opera di Promozione e Comunicazione prevista Infine si ipo8zza anche la fornitura di servizi di calcolo/ storage di base, per clien8 priva8, con esigenze non immediatamente risolvibile dai players già presen8 sul mercato. 14

Progetto "ReCaS" Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni

Progetto ReCaS Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni Progetto "ReCaS" Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni PON R&C 2007-2013 - Avviso 254/Ric Workshop CCR/GARR Napoli, 16 maggio 2012 L. Merola e G. Russo 1 Mini storia del progetto - in data 28

Dettagli

Infrastruttura ReCaS. Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari A. Moro & INFN

Infrastruttura ReCaS. Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari A. Moro & INFN Infrastruttura ReCaS Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari A. Moro & INFN Il PON ReCaS http://www.pon-recas.it Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni Finanziamento totale ReCaS: 13.7

Dettagli

Il Progetto ReCaS. Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni. Leonardo Merola. Convegno PON RECAS - Napoli, 16 dicembre 2014

Il Progetto ReCaS. Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni. Leonardo Merola. Convegno PON RECAS - Napoli, 16 dicembre 2014 Il Progetto ReCaS Rete di Calcolo per SuperB e altre applicazioni Leonardo Merola Convegno PON RECAS - Napoli, 16 dicembre 2014 1 Le regioni Convergenza" Obiettivi della politica di coesione 2007/2013

Dettagli

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN

Titolo progetto: ConsoliData. Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali. Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Titolo progetto: ConsoliData Ambito di intervento: ICT e dispositivi sensoriali Struttura di riferimento : Coordinatore di progetto: INFN Altri EPR coinvolti: - Altri organismi e soggetti coinvolti: Descrizione

Dettagli

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari

BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari BIG DATA @ Data Center ReCaS Bari Roberto Bellotti Università degli Studi di Bari Aldo Moro & Istituto Nazionale di Fisica Nucleare 18 settembre 2015 Bari Indice Il Data Center ReCaS @ Bari BIG DATA et

Dettagli

La pia&aforma dei servizi e il

La pia&aforma dei servizi e il VERSO LO SMART CAMPUS cloud La pia&aforma dei servizi e il - La Carlo piattaforma Com'era Meghini una dei e volta: Luca servizi Trupiano e il cloud - ogni sottoprogetto Carlo Meghini veniva sviluppato

Dettagli

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN

WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud nel Calcolo Scientifico per l INFN D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 16/11/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) WNoD: Virtualizzazione, Grid e Cloud

Dettagli

Presentazione al Consiglio Dire?vo dell INFN 25 odobre 2013 G. Maron

Presentazione al Consiglio Dire?vo dell INFN 25 odobre 2013 G. Maron Il Centro Nazionale per la Ricerca e lo Sviluppo nelle Tecnologie Informa8che e Telema8che applicate agli esperimen8 di fisica nucleare e delle alte energie Presentazione al Consiglio Dire?vo dell INFN

Dettagli

Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana

Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana Versione 0.3.2 14 Ottobre 2013 Introduzione Il modello di calcolo basato su paradigma GRID si e' rivelato di grande successo perche' ha permesso

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v3 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato

Dettagli

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi

Identificazione documento. Approvazioni. Variazioni DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II. Centro di Ateneo per i Servizi Informativi Identificazione documento Titolo Tipo Nome file Livelli di servizio Documentazione SIS_sla_v2 Approvazioni Nome Data Firma Redatto da Pollio 25/11/2010 Revisionato da Barone 14/01/2011 Approvato da Barone

Dettagli

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy

DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy DHTCS-IT Distributed High Throughput Computing and Storage in Italy Giuliano Taffoni Fabio Pasian Claudio Vuerli Istituto Nazionale di Astrofisica O.A.Trieste Workshop ICT INAF, Pula (Cagliari), 16-19

Dettagli

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013

tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Presentazione stage per studenti triennali Università di Torino Mar 6, 2013 tecnologie di cloud computing per il calcolo scientifico Università di Torino Mar 6, 2013 il centro di calcolo INFN Università di Torino Mar 6, 2013-2/417 Cosa facciamo a torino Ricerca tecnologica Core

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive

Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive Accesso integrato a risorse computazionali: stato e prospettive D. Salomoni Davide.Salomoni@cnaf.infn.it INFN-CNAF CdC CNAF, 15/12/2009 D. Salomoni (INFN-CNAF) Accesso integrato a risorse di calcolo CdC

Dettagli

Marco Bechini Corporate Business Development Dire>ore scien?fico ADAPT. Expo Milano 09/06/2015

Marco Bechini Corporate Business Development Dire>ore scien?fico ADAPT. Expo Milano 09/06/2015 Marco Bechini Corporate Business Development Dire>ore scien?fico ADAPT Expo Milano 09/06/2015 Il Consorzio Proge&o ammesso al finanziamento da parte del MIUR nel contesto di Smart Ci:es Nazionali D.D.

Dettagli

ITI C2MS A Command- Control Pla3orm for System Surveillance. Product Overview

ITI C2MS A Command- Control Pla3orm for System Surveillance. Product Overview ITI C2MS A Command- Control Pla3orm for System Surveillance Product Overview In breve L ITI C2MS (Command- Control Management System) è una pia=aforma so>ware real?me per la ges?one, la regolazione ed

Dettagli

... 3 Centro regionale di formazione professionale. 4 Impresa e/o associazioni. Altro (specificare)

... 3 Centro regionale di formazione professionale. 4 Impresa e/o associazioni. Altro (specificare) Al Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione - Direzione generale per l istruzione post-secondaria e per i rapporti con i sistemi formativi delle Regioni

Dettagli

GNU/Linux (e il software libero) nella fisica delle particelle elementari

GNU/Linux (e il software libero) nella fisica delle particelle elementari GNU/Linux (e il software libero) nella fisica delle particelle elementari Roberto Ferrari Parma GLUG GNU/Linux Day 2011 22 ottobre 2011 ACRONIMI: INFN: Istituto Nazionale di Fisica Nucleare CERN: European

Dettagli

PROGETTO GRAN SASSO IN RETE. Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo. Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS

PROGETTO GRAN SASSO IN RETE. Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo. Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS PROGETTO GRAN SASSO IN RETE Esperienze e buone pratiche di e-learning per le PMI in Abruzzo Franca Masciulli Servizio Alta Formazione INFN - LNGS L Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e i Laboratori

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Tesi sperimentale di Laurea Triennale Potenziamento infrastrutturale di un Data Center ad alte prestazioni

Dettagli

Workshop congiunto INFN CCR - GARR 2012

Workshop congiunto INFN CCR - GARR 2012 Workshop congiunto INFN CCR - GARR 2012 Monday 14 May 2012 - Thursday 17 May 2012 Sala SS. Marcellino e Festo - Largo San Marcellino, 10 - Napoli Programme Workshop congiunto INFN CCR - GARR 2012 / Programme

Dettagli

Il Progetto TIER1 Status Update

Il Progetto TIER1 Status Update Il Progetto TIER1 Status Update Federico Ruggieri Riunione CSN1 PISA 22 Giugno 2004 Indice Infrastrutture Risorse DC esperimenti LHC e non Previsione 2005 Novità nell immediato. Infrastrutture Nuova Sala

Dettagli

Oltre la Nuvola. L azienda e la sua offerta.

Oltre la Nuvola. L azienda e la sua offerta. Oltre la Nuvola. 100% Cloud 100% Canale 100% Italia Mario Pellegrini Responsabile marketing di canale Chi Indice siamo. SIAMO IL CLOUD SERVICE PROVIDER TUTTO ITALIANO CHE PROPONE SOLUZIONI SPECIFICHE PER

Dettagli

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la

Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization Servizi core Servizi collective Servizi di supporto al deployment e per la Architettura del middleware INFNGRID e piano di deployment sull'infrastruttura SCoPE Gennaro Tortone INFN Napoli 21 febbraio 2007 Indice Il middleware INFNGRID Certification Authority Virtual Organization

Dettagli

Il supporto all'utenza e alle applicazioni sul sistema SCoPE:

Il supporto all'utenza e alle applicazioni sul sistema SCoPE: Il supporto all'utenza e alle applicazioni sul sistema SCoPE: l'esperienza di UNINA G.B. Barone, V. Boccia, D. Bottalico, L. Carracciuolo 1. Introduzione Obiettivo di tale documento è descrivere l'esperienza

Dettagli

ENEA ICT per i Beni Culturali

ENEA ICT per i Beni Culturali Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile ENEA ICT per i Beni Culturali Ing. Silvio Migliori Unità Tecnica Sviluppo Sistemi per l informatica e l ICT- ENEA

Dettagli

INFN-BOLOGNA-T3. L. Rinaldi

INFN-BOLOGNA-T3. L. Rinaldi INFN-BOLOGNA-T3 L. Rinaldi I siti Tier-3 nel modello di calcolo di Atlas Configurazione del sito INFN-BOLOGNA-T3 Attività di Analisi e Produzione Attività di Ricerca Tecnologica Richieste e supporto Light

Dettagli

Griglie computazionali

Griglie computazionali Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno IL MIDDLEWARE Richiami sulla caratterizzazione dei sistemi GRID Il Concetto di Virtual

Dettagli

Curriculum Vitae di Roberto Bellotti

Curriculum Vitae di Roberto Bellotti DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (art. 46 e 47 D.P.R. 445/2000) Il sottoscritto Roberto Bellotti, consapevole che le dichiarazioni false comportano l applicazione delle sanzioni penali previste

Dettagli

1 Introduzione... 4. 2 Il Progetto Re.Ca.S. (Rete di Calcolo per SuperB) e altre applicazioni...5. 2.1 Sintesi proposta... 5

1 Introduzione... 4. 2 Il Progetto Re.Ca.S. (Rete di Calcolo per SuperB) e altre applicazioni...5. 2.1 Sintesi proposta... 5 Indice generale 1 Introduzione... 4 2 Il Progetto Re.Ca.S. (Rete di Calcolo per SuperB) e altre applicazioni...5 2.1 Sintesi proposta... 5 2.2 Il progetto bandiera SuperB... 9 2.3 Il computing in SuperB...

Dettagli

Il Ruolo di ACEA e delle proprie reti per lo sviluppo SMART

Il Ruolo di ACEA e delle proprie reti per lo sviluppo SMART Il Ruolo di ACEA e delle proprie reti per lo sviluppo SMART Roma 20/03/2014 in Italia: un opportunità per una nuova qualità della vita intelligente è una Contesto: sfida tecnologica urbanizzazione e sociale

Dettagli

ESPERIMENTI DI CLOUD COMPUTING IN ENEA-GRID

ESPERIMENTI DI CLOUD COMPUTING IN ENEA-GRID Conferenza GARR 2011, Bologna 8-10/11/2011 Abstract per una Presentazione Orale. ESPERIMENTI DI CLOUD COMPUTING IN ENEA-GRID G. Ponti, A. Secco 1, F. Ambrosino, G. Bracco, R. Ciavarella, A. Colavincenzo

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 16 Resource Management Systems: PBS, MAUI Il Computing Element Griglie computazionali

Dettagli

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno

I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno I benefici di una infrastruttura IT sicura e ben gestita: come fare di più con meno In questi ultimi anni gli investimenti

Dettagli

Grid on Cloud : Implementazione e Monitoraggio

Grid on Cloud : Implementazione e Monitoraggio Tesi di Laurea Magistrale Anno Accademico 2013-2014 Relatore Ch.mo Prof. Marcello Cinque Correlatori Ch.mo Ing. Flavio Frattini Ch.mo Ing. Davide Bottalico Candidato Antonio Nappi Matr. M63000141 Supercalcolatori

Dettagli

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato

Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Il Telecontrollo Cloud Virtualizzato Dare vita ad un network intelligente di impianti distribuiti sul territorio, migliorando la sostenibilità e massimizzando la competitività globale. Laura Graci e Domenico

Dettagli

Crescere con i nostri clienti, dando valore alle loro prospettive e vivendo insieme ogni progetto.

Crescere con i nostri clienti, dando valore alle loro prospettive e vivendo insieme ogni progetto. Crescere con i nostri clienti, dando valore alle loro prospettive e vivendo insieme ogni progetto. Chi siamo rappresenta rappresenta un un marchio marchio che che identifica identifica un un pool pool

Dettagli

Laboratorio Virtuale per la Didattica

Laboratorio Virtuale per la Didattica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Gruppo Tecnico Trasversale Laboratorio Virtuale per la Didattica G.B. Barone x, V. Boccia y, D. Bottalico z, L. Carracciuolo w. Maggio 2011 (BOZZA) x Università

Dettagli

Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2. R.Gomezel

Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2. R.Gomezel Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2 R.Gomezel Modello rete FARM SAN Rack_farm Rack_farm NAS STK Tape Library Caratteristiche collegamenti Usare switch a 48 porte per ogni rack + numero uplink Porte

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo

INTEGRAZIONE delle FARM di Sezione e di Grid Consiglio di Sezione 8 ottobre 2007 Tullio Macorini Lucio Strizzolo n 1 L integrazione tra macchine della farm di sezione e macchine della farm di GRID è già una realtà. L integrazione è stata possibile grazie ad alcuni fattori determinanti: Distribuzione degli RPM del

Dettagli

Pierantonio Macola Amministratore Delegato Smau

Pierantonio Macola Amministratore Delegato Smau Pierantonio Macola Amministratore Delegato Smau 4 anni di Premio Innovazione ICT Puglia 500 21 80 Candidature pervenute a.raverso il sito www.smau.it Casi di successo del Mezzogiorno vincitori nelle tre

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI NEL MONDO DEI SERVIZI

OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI NEL MONDO DEI SERVIZI OTTIMIZZAZIONE DEI COSTI NEL MONDO DEI SERVIZI INFRASTRUTTURA IT E PROCESSI DI BUSINESS Alessio Maria Braccini abraccini@luiss.it Cos4 & Business 2011, 24/25 O>obre, Roma Produzione industriale Frederick

Dettagli

Tier1-CNAF. DC04 Activities and Status. TISB - Pisa - P. Capiluppi 23-01-04

Tier1-CNAF. DC04 Activities and Status. TISB - Pisa - P. Capiluppi 23-01-04 Tier1-CNAF DC04 Activities and Status TISB - Pisa - P. Capiluppi 23-01-04 Tier1-CNAF 2003-04 Note: [obtained/requested] or [new req/old req] As of end November 2003 requests Dettaglio Netw Boxes CPUs eq.

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

IL WEB NON SI LIMITA A COLLEGARE MACCHINE.

IL WEB NON SI LIMITA A COLLEGARE MACCHINE. IL WEB NON SI LIMITA A COLLEGARE MACCHINE. CONNETTE DELLE PERSONE PROPONENTI Egidio Murru, CEO, Founder, Comunica1on Manager Elia Con/ni, CTO, Founder, User Expirience Designer / Front End Engineer Sassari,

Dettagli

CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS

CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS GENNAIO 2013 Molte organizzazioni ritengono che la propria grande rete di storage funzioni a compartimenti stagni o che sia dedicata

Dettagli

PRISMA PRISMA : LA PIATTAFORMA CLOUD APERTA PER LE SMART COMMUNITIES

PRISMA PRISMA : LA PIATTAFORMA CLOUD APERTA PER LE SMART COMMUNITIES PRISMA PiattafoRmecloud Interoperabili per SMArt-government PRISMA : LA PIATTAFORMA CLOUD APERTA PER LE SMART COMMUNITIES 23 LUGLIO 2015, INCONTRO AUDITORIUM DIPARTIMENTO PROTEZIONE CIVILE Mirco Mazzucato

Dettagli

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini

Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA. Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini Software Libero infrastrutturale: l'esperienza ENEA Antonio Colavincenzo Gianfilippo Giannini 1 Kelyon Fonda il suo business esclusivamente sull'open source Offre soluzioni open per il settore pharma,

Dettagli

Infrastruttura di produzione INFN-GRID

Infrastruttura di produzione INFN-GRID Infrastruttura di produzione INFN-GRID Introduzione Infrastruttura condivisa Multi-VO Modello Organizzativo Conclusioni 1 Introduzione Dopo circa tre anni dall inizio dei progetti GRID, lo stato del middleware

Dettagli

Open City Platform OCP

Open City Platform OCP Open City Platform OCP Come rendere intelligente la città (un passo per volta)? Una piattaforma cloud aperta robusta, scalabile e flessibile per accelerare l attivazione digitale dei servizi della PA INFN

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Ambien6 di virtualizzazione

Ambien6 di virtualizzazione Ambien6 di virtualizzazione La Pia

Dettagli

PONa3_00052, Avviso 254/Ric

PONa3_00052, Avviso 254/Ric PONa3_00052, Avviso 254/Ric 1 2 IL PROGRAMMA DI FORMAZIONE CASAP Corso di Formazione sul CAlcolo Scientifico ad Alte Prestazioni Bari, 16-12-2014 Roberto Bellotti UNIBA & INFN Sezione di Bari Indice Il

Dettagli

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PERSONALE PER IL PROGETTO SPECIALE IGI (Italian Grid Infrastructure) Posizione: IGI/T3/11/OPERATIONS

AVVISO PER LA SELEZIONE DI PERSONALE PER IL PROGETTO SPECIALE IGI (Italian Grid Infrastructure) Posizione: IGI/T3/11/OPERATIONS AVVISO PER LA SELEZIONE DI PERSONALE PER IL PROGETTO SPECIALE IGI (Italian Grid Infrastructure) Allegato n. 2 Posizione: IGI/T3/11/OPERATIONS tipologia e durata del contratto: Il rapporto di lavoro da

Dettagli

BUDGET DEL PERSONALE WEB

BUDGET DEL PERSONALE WEB I N F I N I T Y Z U C C H E T T I BUDGET DEL PERSONALE WEB BUDGET DEL PERSONALE WEB I VANTAGGI DELLA SOLUZIONE La base dati La base dati integrata comune a tutti gli applicativi del sistema HR Zucchetti

Dettagli

La nuova generazione di Thin & Zero Client ThinOX 10: nuovi dispositivi e nuove features di gestione centralizzata. Panoramica delle ultime novità.

La nuova generazione di Thin & Zero Client ThinOX 10: nuovi dispositivi e nuove features di gestione centralizzata. Panoramica delle ultime novità. 1 La nuova generazione di Thin & Zero Client ThinOX 10: nuovi dispositivi e nuove features di gestione centralizzata. Panoramica delle ultime novità. 2 Praim è un produttore globale di soluzioni Thin &

Dettagli

Cloud Service Factory

Cloud Service Factory Cloud Service Factory Giuseppe Visaggio Dipartimento di Informatica- Università di Bari DAISY-Net visaggio@di.uniba.it DAISY-Net DRIVING ADVANCES OF ICT IN SOUTH ITALY Net S. c. a r. l. 1 Il Cloud Computing

Dettagli

Living Labs transfrontalieri nel proge1o ALCOTRA Innovazione

Living Labs transfrontalieri nel proge1o ALCOTRA Innovazione Living Labs transfrontalieri nel proge1o ALCOTRA Innovazione 1 Indice L approccio Living Lab Componen' essenziali U/lità dell approccio LL La rete ENoLL Alcune esperienze italiane ed europee Legi4me eccezioni

Dettagli

I sistemi informa-vi operazionali

I sistemi informa-vi operazionali I sistemi informa-vi operazionali Sistemi informativi aziendali struttura e applicazioni Cap.3, 4 e 5 - I sistemi operazionali di base: concetti generali Maurizio Pighin, Anna Marzona Finalità dei sistemi

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano Quale Roadmap per il Cloud Computing? Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@fondazione.polimi.it La definizione classica del Cloud Computing 4 modelli di deployment Cloud private

Dettagli

Database distribuiti al servizio di sistemi ambientali avanzati: l esperienza Datacrossing

Database distribuiti al servizio di sistemi ambientali avanzati: l esperienza Datacrossing Database distribuiti al servizio di sistemi ambientali avanzati: l esperienza Datacrossing Pierluigi Cau e Simone Manca Le necessita in campo ambientale - strumenti di gestione e archiviazione dei dati,

Dettagli

Cloud Service Broker

Cloud Service Broker Cloud Service Broker La nostra missione Easycloud.it è un Cloud Service Broker fondato nel 2012, che ha partnership commerciali con i principali operatori del settore. La nostra missione: aiutare le imprese

Dettagli

Interven' per il miglioramento delle infrastru4ure del contante. BaseNet: il portale della compliance

Interven' per il miglioramento delle infrastru4ure del contante. BaseNet: il portale della compliance Interven' per il miglioramento delle infrastru4ure del contante. BaseNet: il portale della compliance Ba.Se. Chi siamo Backoffice Opera'vi 60 Risorse Servizi Fiduciari 10% Fa4urato 2013 85 Ml Vigilanza

Dettagli

Perché'le'imprese'italiane'dovrebbero'andare'all estero?'

Perché'le'imprese'italiane'dovrebbero'andare'all estero?' Perché'le'imprese'italiane'dovrebbero'andare'all estero?' Fino% a% ieri% la% spinta% di% andare% all estero% derivava% dalla% possibilità% di% acquisire% un% vantaggio% compe77vo%(produrre% a% minor%costo),%oggi%è%quella%di%conquistare'nuovi'merca8:'un

Dettagli

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1 Soluzioni e Proge- 1 Datakey 30 anni di SoSware Datakey nasce Nel 1985, avente ad ogge0o l a2vità di proge0azione di servizi informa:ci opera trasformazioni orientate alla crescita; E cer:ficata ISO 9001

Dettagli

Data transfer. Paolo Veronesi INFN-CNAF. www.eu-egee.org. http://grid.infn.it. VII Workshop GARR network in progress: la rete evolve con I suoi utenti

Data transfer. Paolo Veronesi INFN-CNAF. www.eu-egee.org. http://grid.infn.it. VII Workshop GARR network in progress: la rete evolve con I suoi utenti Data transfer www.eu-egee.org Paolo Veronesi INFN-CNAF http://grid.infn.it VII Workshop GARR network in progress: la rete evolve con I suoi utenti Sommario La sfida di WLCG Modello di calcolo degli esperimenti

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

Pks104-29-1.0 Challenge GPU4EO_italiano 1

Pks104-29-1.0 Challenge GPU4EO_italiano 1 Pks104-29-1.0 Challenge GPU4EO_italiano 1 Cos è GPU4EO 2015 è una sfida tra ricercatori finalizzata a migliorare le performances di un software di elaborazione di dati telerilevati sfruttando le capacità

Dettagli

linee guida milano smart city

linee guida milano smart city maggio 2014 linee guida milano smart city introduzione La trasformazione di una ci1à in una Smart City è un processo complesso perché richiede una profonda innovazione delle infrastru1ure materiali e immateriali,

Dettagli

Infrastru)ura Sistema Informa0vo. Guido Guizzun0 31 Gennaio 2011

Infrastru)ura Sistema Informa0vo. Guido Guizzun0 31 Gennaio 2011 Infrastru)ura Sistema Informa0vo Guido Guizzun0 31 Gennaio 2011 Sommario Sistema Informa0vo al CNAF Riorganizzazione server Spostamento server VamWeb Reinstallazione del sistema presenze Ges0one backup

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Tesi Sperimentale di Laurea Quinquennale Un testbed per il calcolo in Super B Relatore Prof. Guido

Dettagli

Clustering for Everyone. Matteo Cicuttin

Clustering for Everyone. Matteo Cicuttin Clustering for Everyone Matteo Cicuttin Presentazioni Mi sono laureato in informatica qui a Udine Attualmente frequento il corso di laurea specialistica Per qualche tempo ho lavorato nel campo dell HPC

Dettagli

Implementazione della Cloud dell area Padovana

Implementazione della Cloud dell area Padovana Implementazione della Cloud dell area Padovana Status Report Versione 1.3 (31 Marzo 2014) Implementazione della Cloud dell area Padovana Introduzione Definizione del layout della Cloud dell area Padovana

Dettagli

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Panoramica Paese: Italia Settore: ICT Profilo del cliente Telecom Italia è uno dei principali

Dettagli

GrowNet Academy Program Carta Servizi

GrowNet Academy Program Carta Servizi GrowNet Academy Program Carta Servizi Carta Servizi Il GrowNet Program è un iniziativa nata e coltivata all interno degli istituti e centri di formazione italiani ad opera di ICT Academy. Nel corso degli

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

L innovazione e le start up

L innovazione e le start up L innovazione e le start up Il modello di valutazione di Invitalia Roma, 25 novembre 2015 SMART & START 2 Invitalia e il sostegno all imprenditorialità: gli incen2vi Smart&Start Smart&Start nasce con l

Dettagli

L A F EDERAZIONE DELLE C OMPETENZE. Presentazione del Gruppo

L A F EDERAZIONE DELLE C OMPETENZE. Presentazione del Gruppo L A F EDERAZIONE DELLE C OMPETENZE Presentazione del Gruppo DEDAGROUP LA FEDERAZIONE DELLE COMPETENZE DEDAGROUP, già Gruppo DeltaDator, è un Gruppo industriale che opera da protagonista nel mercato ICT

Dettagli

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM

enclose CRM Engineering Cloud Services IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING runs on Microsoft Dynamics CRM enclose Engineering Cloud Services CRM runs on Microsoft Dynamics CRM IL CRM AS A SERVICE DI ENGINEERING EncloseCRM EncloseCRM è la proposta Software as a Service di Engineering per offrire al mercato

Dettagli

Smart UTILITIES. L offerta SAP in Cloud per il mercato Energy & Utilities. Società Italiana Di Informatica. JOIN THE SIDI EXPERIENCE! www.sidigroup.

Smart UTILITIES. L offerta SAP in Cloud per il mercato Energy & Utilities. Società Italiana Di Informatica. JOIN THE SIDI EXPERIENCE! www.sidigroup. Smart UTILITIES Società Italiana Di Informatica JOIN THE SIDI EXPERIENCE! www.sidigroup.it L offerta SAP in Cloud per il mercato Energy & Utilities Edizione 2014 Innovare i sistemi informativi? Modularità

Dettagli

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Legnano, 24 maggio 2012 Risorse computazionali 2041 The Time, 2011 I nuovi dispositivi Videocamera Console

Dettagli

Valutazione di un sistema di Document Management Systems (DMS) per la gestione elettronica dei documenti della Direzione Sinistri.

Valutazione di un sistema di Document Management Systems (DMS) per la gestione elettronica dei documenti della Direzione Sinistri. Business Analytics e l esplosione del Big Digital Data Milano, 8 novembre 2012 Valutazione di un sistema di Document Management Systems (DMS) per la gestione elettronica dei documenti della Direzione Sinistri.

Dettagli

Buone pra*che al di fuori delle Regioni ALCOTRA

Buone pra*che al di fuori delle Regioni ALCOTRA Buone pra*che al di fuori delle Regioni ALCOTRA 1 Indice Un tenta'vo di classificazione Buone pra'che nel se6ore non government Nei qua6ro domini tema'ci del proge6o Per singole fasi del processo di sviluppo

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

your business partner

your business partner your business partner PERCHE YES WE COM YES POSITIVITA OTTIMISMO WE TEAM UNIONE COM COMMERCIALE TECNOLOGIA CORPORATE IDENTITY Dall esperienza ventennale del management aziendale maturata all interno di

Dettagli

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology

Virtualization. Strutturare per semplificare la gestione. ICT Information & Communication Technology Virtualization Strutturare per semplificare la gestione Communication Technology Ottimizzare e consolidare Le organizzazioni tipicamente si sviluppano in maniera non strutturata e ciò può comportare la

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE CONSIGLIO DIRETTIVO DELIBERAZIONE N. 13178 Il Consiglio Direttivo dell'istituto Nazionale di Fisica Nucleare, riunito in Roma il 17 aprile 2014 alla presenza di n.

Dettagli

Energy Management: Le reti per la città del futuro. Dicembre 2014

Energy Management: Le reti per la città del futuro. Dicembre 2014 Energy Management: Le reti per la città del futuro Dicembre 2014 Enel Distribuzione Leadership nell innovazione della rete Smart Metering Integrazione delle rinnovabili Mobilità Elettrica Illuminazione

Dettagli

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese

L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese L approccio industriale Cloud per la PA e le imprese Giornata di Studio egovernment e Cloud computing: alte prestazioni con maggiore efficienza Roma, 5 Ottobre 2010 CNEL Andrea Costa TELECOM ITALIA INCONTRA

Dettagli

CLOUD LAB. Servizi IT innovativi per le aziende del territorio. Parma, 5 Dicembre 2012

CLOUD LAB. Servizi IT innovativi per le aziende del territorio. Parma, 5 Dicembre 2012 CLOUD LAB Servizi IT innovativi per le aziende del territorio Parma, 5 Dicembre 2012 Cloud Lab: highlights Cloud Lab è un progetto in Partnership tra BT Enìa e UPI/UNICT per portare alle imprese del territorio

Dettagli

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura Carmine Spagnuolo 1 Simulazione Multi-Agente Una simulazione multi-agente è un sistema in cui entità (agenti) intelligenti

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli