Smart Grid Report Sistemi di storage ed auto elettrica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Smart Grid Report Sistemi di storage ed auto elettrica"

Transcript

1 Smart Grid Report Sistemi di storage ed auto elettrica Luglio 2013

2 Smart Grid Report Sistemi di storage ed auto elettrica Luglio 2013

3

4 Indice Introduzione Executive Summary 0 Inquadramento del problema 0.1 Impatto delle FRNP sull approvvigionamento di risorse su MSD Riduzione della capacità regolante del sistema Riduzione della predicibilità delle risorse 0.2 Impatto delle FRNP (GD) sulla sicurezza del sistema Problemi legati al funzionamento del Sistema di Protezione di Interfaccia Fenomeni di sovratensione nel punto di connessione della GD La tecnologia dello storage Le funzionalità dei sistemi di storage Time-shift Integrazione impianti FRNP Differimento (riduzione) investimenti di rete Sicurezza sistema elettrico Servizi di rete Power quality Le alternative tecnologiche per i sistemi di storage I sistemi di accumulo elettrochimico Batterie con elettrolita acquoso Accumulatori al Piombo/Acido Accumulatori al Nichel/Cadmio Accumulatori al Nichel/Idruri Metallici Batterie ad alta temperatura Batteria al Sodio/Zolfo Batteria al Sodio/Cloruro di Nichel ( ZE- BRA ) Batterie a circolazione di elettrolita Batteria Redox a circolazione di elettrolita al Vanadio ( VRB ) Batteria Redox a circolazione di elettrolita al Bromuro di Zinco Batterie al Litio Controllo e gestione dei sistemi di accumulo elettrochimico I sistemi di accumulo meccanico Pompaggio idroelettrico CAES Volano I sistemi di accumulo elettrico Supercondensatore SMES L applicabilità delle tecnologie di accumulo per le diverse funzionalità I soggetti interessati all adozione dei sistemi di storage La normativa dello storage Le linee guida della normativa italiana sui sistemi di storage I meccanismi incentivanti della normativa italiana sui sistemi di storage I provvedimenti correlati per lo sviluppo dello storage in Italia Il quadro sinottico dell attuale impianto normativo-regolatorio italiano Il mercato dello storage Gli scenari d uso Gli scenari d uso per l Impianto FRNP Gli scenari d uso per il Gestore rete di trasmissione Gli scenari d uso per il Gestore rete di distribuzione Gli scenari d uso per la Micro-grid Gli scenari d uso per il Prosumer La convenienza economica dell adozione dei sistemi di accumulo La convenienza economica per l impianto FRNP La convenienza economica per il Gestore rete di trasmissione La convenienza economica per il Gestore rete di distribuzione

5 Indici La convenienza economica per la Micro-grid La convenienza economica per il Prosumer Quadro sinottico della convenienza economica all adozione delle soluzioni di storage Il potenziale di mercato ed i relativi benefici per il sistema elettrico Il potenziale teorico dei sistemi di storage in Italia Dal potenziale teorico al penetrato : il ruolo del Legislatore e degli operatori industriali La filiera dello storage L articolazione della filiera dei sistemi di storage La filiera dello storage al servizio dei produttori e utilizzatori di energia La filiera dello storage al servizio dei gestori di rete La competizione sui mercati di sbocco : modelli di business a confronto Risultati ottenuti 6.2 La Legge 7 Agosto 2012 n Obiettivi e caratteristiche Risultati ottenuti 7 Il mercato dell auto elettrica 7.1 La diffusione dei veicoli elettrici in Italia 7.2 La diffusione dell infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici in Italia 7.3 Il mercato delle auto elettriche in Italia: il profilo dei clienti I progetti di car sharing elettrico in Italia 7.4 I fattori abilitanti per la diffusione dei veicoli elettrici La percezione dei potenziali adottatori dei veicoli elettrici L offerta di veicoli elettrici Il potenziale di sviluppo della mobilità elettrica in Italia L impatto della mobilità elettrica sul sistema elettrico La tecnologia dell auto elettrica 5.1 La tecnologia dei veicoli elettrici 5.2 Le tecnologie per la ricarica dei veicoli elettrici La ricarica tramite colonnina Le modalità alternative per la ricarica dei veicoli elettrici 6 La normativa dell auto elettrica 6.1 La Delibera AEEG ARG/elt 242/ Obiettivi e caratteristiche Gruppo di lavoro Metodologia Bibliografia Elenco delle organizzazioni intervistate La School of Management e l Energy & Strategy Group I Partner della ricerca

6 Indice delle figure Figura 0.1 Figura 0.2 Figura 0.3 Figura 0.4 Figura 0.5 Figura 0.6 Evoluzione della potenza installata cumulata per impianti eolici dal 2000 al 2012 Evoluzione della potenza installata cumulata per impianti fotovoltaici dal 2000 al 2012 Energia elettrica prodotta da eolico e fotovoltaico rispetto alla domanda nazionale Inversione di flusso sulle cabine di trasformazione AT/MT Profilo di carico interfaccia AT/MT Evoluzione del numero di ore equivalenti della generazione in Italia dal 200 al Figura 1.1 Figura 1.2 Figura 1.3 Figura 1.4 Figura 1.5 Figura 1.6 Figura 1.7 Figura 1.8 Classificazione delle tecnologie per i sistemi di storage Principali celle che utilizzano tecnologia agli ioni di litio Schema del progetto Battery SCADA Principali varianti di un impianto di pompaggio idroelettrico Principio di funzionamento di un impianto CAES Capacità delle tecnologie di storage di assicurare le diverse funzionalità Quadro sinottico delle tecnologie di storage Soggetti interessati all adozione di un sistema di storage Figura 2.1 Figura 2.2 Figura 2.3 Figura 2.4 Schema impianto fotovoltaico con accumulo sul lato in corrente continua, integrato con l inverter Schema impianto fotovoltaico con accumulo sul lato in corrente continua, aggiunto rispetto all inverter Schema impianto fotovoltaico con accumulo sul lato in corrente alternata Quadro sinottico dell attuale impianto normativo-regolatorio nazionale sui sistemi di storage Figura 3.1 Figura 3.2 Figura 3.3 Figura 3.4 Figura 3.5 Figura 3.6 Figura 3.7 Figura 3.8 Figura 3.9 Figura 3.10 Figura 3.11 Figura 3.12 Scenari d uso dei sistemi di storage per l impianto FRNP Scenari d uso dei sistemi di storage per il gestore della rete di trasmissione Scenari d uso dei sistemi di storage per il gestore della rete di distribuzione Scenari d uso dei sistemi di storage per la micro-grid Scenari d uso dei sistemi di storage per il prosumer Convenienza economica dell adozione di un sistema di storage da parte dell impianti FRNP Convenienza economica dell adozione di un sistema di storage da parte del gestore della rete di trasmissione Convenienza economica dell adozione di un sistema di storage da parte del gestore della rete di distribuzione Convenienza economica dell adozione di un sistema di storage da parte della micro-grid Convenienza economica dell adozione di un sistema di storage da parte del prosumer Convenienza economica dell adozione di un sistema di storage da parte della micro-grid Potenziale teorico (con retrofit ) dei sistemi di storage in Italia al 2020 (espresso in MWh e mln )

7 Indici Figura 4.1 La filiera dei sistemi di storage elettrochimici 122 Figura 6.1 Risultato incentivazione veicoli a bassa emissione al giugno 2013 suddivisione per tipologia di alimentazione 154 Figura 7.1 Figura 7.2 Figura 7.3 Figura 7.4 Diffusione punti di ricarica veicoli elettrici in Italia Diffusione infrastrutture di ricarica pubblica nei principali Paesi a livello mondiale Roadmap di sviluppo del progetto BEE Potenziale di diffusione della mobilità elettrica in Italia

8 Indice delle tabelle Tabella 0.1 Percentuali di impianti di GD installati sulle reti di distribuzione MT e BT al Tabella 1.1 Tabella 1.2 Tabella 1.3 Tabella 1.4 Tabella 1.5 Tabella 1.6 Tabella 1.7 Tabella 1.8 Tabella 1.9 Tabella 1.10 Tabella 1.11 Tabella 1.12 Tabella 1.13 Tabella 1.14 Tabella 1.15 Tabella 1.16 Tabella 1.17 Tabella 1.18 Classificazione delle funzionalità assicurate dai sistemi di storage Principali caratteristiche di un sistema di accumulo Caratteristiche tecniche delle batterie al piombo Caratteristiche tecniche delle batterie nichel/cadmio Caratteristiche tecniche delle batterie nichel/idruri metallici Caratteristiche tecniche delle batterie sodio/zolfo Caratteristiche tecniche delle batterie sodio/cloruro di nichel Caratteristiche tecniche delle batterie redox a circolazione di elettrolita al vanadio Caratteristiche tecniche delle batterie redox a circolazione di elettrolita al bromuro di zinco Caratteristiche tecniche delle batterie al litio Principali caratteristiche tecniche di un impianto di pompaggio idroelettrico Principali alternative per lo stoccaggio dell aria compressa Principali caratteristiche tecniche di un impianto CAES Esempi di progetti CAES in via di sviluppo Principali caratteristiche tecniche di un volano Principali caratteristiche tecniche di un supercondensatore Principali caratteristiche tecniche di uno SMES Il matching tra soggetti interessati all adozione di un sistema di storage e le funzionalità Tabella 2.1 Tabella 2.2 Tabella 2.3 Mappatura dell attuale quadro normativo-regolatorio italiano sui sistemi di storage I progetti pilota energy intensive proposti da Terna Valutazione dei progetti pilota energy intensive Tabella 3.1 Tabella 3.2 Tabella 3.3 Tabella 3.4 Tabella 3.5 Tabella 3.6 Tabella 3.7 Tabella 3.8 L addizionalità tecnica delle funzionalità dei sistemi di storage Quadro sinottico degli scenari d uso analizzati Valori di IRR soglia per la valutazione della convenienza economica dell investimento in un sistema di storage da parte dei diversi soggetti interessati Quadro sinottico della convenienza economica degli scenari oggetto d'analisi Costi per il sistema elettrico che si ritiene possano essere eliminati grazie all adozione di sistemi di storage Costi per il sistema elettrico sui quali si ritiene possano essere ottenuti dei risparmi grazie all adozione di sistemi di storage Sintesi delle azioni proposte al Legislatore ed impatto sui soggetti analizzati Riduzione prezzo dei sistemi di storage necessaria per raggiungere convenienza economica Tabella 4.1 Tabella 4.2 Principali produttori di dispositivi di accumulo operanti nel mercato italiano Principali inverteristi nella filiera dello storage

9 Indici Tabella 4.3 Principali operatori della filiera fotovoltaica operanti nel mercato italiano che offrono sistemi di storage 126 Tabella 5.1 Modi di ricarica standard definiti dallo standard IEC Tabella 6.1 Tabella 6.2 Tabella 6.3 Tabella 6.4 Tabella 6.5 Progetti pilota sull auto elettrica selezionati dall AEEG Stato di avanzamento al 31/12/2012 dei progetti pilota sull auto elettrica selezionati dall AEEG Incentivo all'acquisto per veicoli a besse emissioni Risultato incentivazione veicoli a bassa emissione al giugno 2013 suddivisione per categoria di acquirente e livello di emissione Modi di ricarica e connettori per la ricarica in ambito pubblico Tabella 7.1 Tabella 7.2 Tabella 7.3 Tabella 7.4 Tabella 7.5 Tabella 7.6 Tabella 7.7 Tabella 7.8 Immatricolazioni di auto elettriche in Italia Top-five vendite di auto elettriche in Italia nel 2013 Immatricolazioni di auto ibride in Italia Top-five vendite di auto ibride in Italia nel Ripartizione per modello Top-ten capoluoghi di provincia in Italia dotati di punti di ricarica per auto elettriche Immatricolazioni di auto elettriche nei principali Paesi a livello mondiale nel 2012 Prezzo ed autonomia auto elettriche in commercio in Italia nel 2013 Principali ipotesi per il calcolo del Total cost of ownership di un veicolo elettrico e ad alimentazione tradizionale

10 Indice dei box Box 1.1 Box 1.2 Box 1.3 Box 1.4 Box 1.5 Un sistema di accumulo elettrochimico Impianti di pompaggio idroelettrico innovativi Le tipologie di serbatoio d accumulo dell aria compressa Progetti in via di sviluppo per impianti CAES L interesse verso i sistemi di storage da parte degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti tradizionali Box 2.1 Box 2.2 Box 2.3 Box 2.4 Box 2.5 La Delibera AEEG ARG /elt 39/10 del 25 marzo 2010 ed i prodromi del sistema di incentivi per lo storage Il progetto ACEA per l integrazione di storage e mobilità elettrica L indicatore di merito dei progetti pilota energy intensive I sei progetti pilota energy intensive proposti da Terna Il position paper di ANIE sull integrazione dei sistemi di accumulo in impianti di produzione alimentati da fonti rinnovabili connessi alla rete elettrica Box 3.1 Box 3.2 L addizionalità delle funzionalità erogabili dai sistemi di storage Il Comitato Tecnico CEI CT 120 "Sistemi di accumulo di energia" Box 4.1 Box 4.2 Box 4.3 Box 4.4 Box 4.5 Bosch Vipiemme Energy Resources Enersys Le possibili ricadute occupazionali dello storage in Italia Box 5.1 Box 5.2 Le configurazioni alternative dei Veicoli Ibridi Le batterie utilizzate nei veicoli elettrici Box 6.1 Box 6.2 Box 7.1 Box 7.2 Box 7.3 Box 7.4 Box 7.5 Box 7.6 Box 7.7 Box 7.8 L incentivazione dei veicoli elettrici mediante il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica La proposta di Direttiva Europea sulla realizzazione di un infrastruttura per i combustibili alternativi Il confronto con i principali Paesi a livello mondiale Il progetto Companies For emilan Il soccorso stradale per i veicoli elettrici Le offerte delle utility per la ricarica dei veicoli elettrici Il Total cost of ownership per i veicoli elettrici La gestione del fine vita delle batterie L Operation center di Enel La sperimentazione vehicle-to-grid promossa dall università del Delaware

11

12 Introduzione Lo Smart Grid Report è giunto alla sua seconda edizione e si concentra quest anno sul tema dell energy storage. La transizione verso un paradigma di rete elettrica intelligente, l integrazione efficiente della crescente produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili non programmabili, la progressiva trasformazione del cliente finale da semplice consumatore di energia a produttoreconsumatore (o, come si usa anche dire, prosumer) rendono il tema dell accumulo estremamente attuale e di grande rilievo strategico per il nostro Paese e non solo. Nonostante ciò, resta tuttavia una grande incertezza sulla maturità delle tecnologie in gioco, sulla loro sostenibilità economica e sulle funzionalità che esse saranno in grado di abilitare nel prossimo futuro. Lo Smart Grid Report intende fornire una risposta a queste domande, presentando un quadro aggiornato sulle principali soluzioni disponibili commercialmente e in fase di studio per realizzare sistemi di storage di energia elettrica, studiando il loro potenziale di mercato e gli scenari verosimili di adozione, oltre all articolazione delle filiere industriali ed alle strategie competitive adottate dai principali operatori. Lo studio fornisce inoltre un quadro esaustivo sul ruolo che la normativa ed in particolare i meccanismi di regolazione stanno avendo ed avranno sulla diffusione dei sistemi di storage nel nostro Paese. Lo Smart Grid Report, che quest anno si giova di una più stretta collaborazione tra l Energy&Strategy Group ed il Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano, approfondisce inoltre le prospettive di sviluppo del comparto della mobilità elettrica nel nostro Paese, in quanto legate a doppio filo con i progressi tecnologici che interessano le soluzioni di energy storage. Offrendo in questo modo un quadro aggiornato di quale sia lo stato attuale della mobilità elettrica in Italia, rispetto a quanto accade in altri Paesi, identificando le principali barriere che ne stanno limitando la diffusione e proponendo scenari futuri di adozione. Come sempre, la nostra speranza è che questo studio possa rappresentare un utile strumento di lavoro e di approfondimento per tutti gli operatori che si impegnano per affermare il paradigma smart grid e diffondere modelli più sostenibili di mobilità elettrica e che, in particolare, si occupano di sistemi di accumulo quali tecnologie abilitanti questi profondi processi di trasformazione. L analisi, che si basa su un ampio numero di interviste a key informants ed operatori del settore, è stata resa possibile come ogni anno dal prezioso supporto delle imprese partner e sponsor. Imprese che si sono dimostrate particolarmente attente ed interessate ai temi di frontiera discussi in questo studio e a cui va il nostro sentito ringraziamento. Un ultima nota relativa invece al quadro delle attività dell Energy & Strategy Group, che nel corso del 2013, dopo aver presentato lo studio sulle Rinnovabili elettriche non fotovoltaiche e la quinta edizione del Solar Energy Report, pubblicherà la terza edizione dell Energy Efficiency Report. Lo studio sarà dedicato al tema dell efficienza energetica negli edifici, nei processi produttivi e nel mondo dei servizi, e proporrà un analisi di dettaglio capace di considerare le specificità dei diversi settori industriali e di servizio in cui le tecnologie per l efficienza energetica trovano oggi applicazione, oltre ad approfondire il caso della Pubblica Amministrazione come ambito di adozione delle soluzioni di energy efficiency. Umberto Bertelè Presidente School of Management Vittorio Chiesa Direttore Energy & Strategy Group Maurizio Delfanti Dipartimento di Energia 11

13

14 Executive Summary Lo Smart Grid Report si propone un obiettivo ambizioso, ossia quello di fare chiarezza con l approccio analitico e di analisi empirica che caratterizza l Energy&Strategy Group attorno al tema delle smart grid. La complessità connessa a questo obiettivo deriva da un duplice effetto: (i) il fatto che l appellativo smart sia divenuto ormai di moda anche presso gli operatori del sistema elettrico e sia quindi difficoltoso isolare le soluzioni tecnologiche ed i modelli di offerta che sono effettivamente coerenti con il nuovo paradigma di rete, da quelli invece che ne utilizzando indirettamente l abbrivio; (ii) il fatto che i confini delle smart grid sono sempre più ampi, giungendo sin nelle case dei consumatori e rappresentando un hub anche per la nascente mobilità elettrica. Il presente Rapporto fornisce una risposta circostanziata e che dovrà necessariamente essere ulteriormente approfondita anche nel futuro su quali sono le soluzioni tecnologiche e quali gli scenari di mercato e i modelli di business con riferimento allo storage, ossia alla componente cardine (anche se non l unica) delle reti intelligenti, e all auto elettrica nel nostro Paese. Per questa ragione, il Rapporto è articolato in due sezioni, una per ciascun tema di approfondimento e sette capitoli, ognuno dei quali deputato a dare risposta ad una domanda chiave. Il primo capitolo intende analizzare quali sono le funzionalità che i sistemi di storage sono in grado di fornire nelle applicazioni sul sistema elettrico, quali sono le alternative tecnologiche con cui è possibile accumulare energia elettrica e quali sono i soggetti, all interno del sistema elettrico, potenzialmente interessati all adozione di un sistema di storage. Il capitolo due intende fornire un quadro dell attuale impianto normativo-regolatorio nazionale sui sistemi di accumulo, al fine di comprendere in che misura questo ne influenza la diffusione. Il capitolo tre intende stimare la convenienza economica, per i diversi soggetti del sistema elettrico analizzati, dell adozione di un sistema di accumulo, ed il relativo potenziale di mercato in Italia al Il capitolo quattro intende presentare una panoramica dell articolazione della filiera industriale dei sistemi di storage in Italia. Il capitolo cinque, ossia il primo dedicato alla mobilità elettrica, si propone di fornire una panoramica delle principali tecnologie che abilitano questo nuovo paradigma di mobilità, vale a dire i veicoli e l infrastruttura di ricarica. Il capitolo sei intende analizzare i principali provvedimenti che attualmente promuovono la diffusione della mobilità elettrica nel nostro Paese e valutarne i risultati conseguiti. Il capitolo sette, infine, intende fornire uno spaccato dell attuale sviluppo della mobilità elettrica in Italia ed analizzare le prospettive di sviluppo attese. Il Rapporto, come già anticipato all inizio e come più approfonditamente relazionato nell appendice metodologica che ne costituisce parte integrante, si basa su uno sforzo empirico considerevole, con oltre 13 soluzioni tecnologiche analizzate con riferimento ai sistemi di storage, 14 scenari di utilizzo valutati, oltre 150 imprese e casi di adozione censiti, dei quali più di 50 sono stati oggetto di interviste e confronti diretti con il team di ricerca. Lo storage Le diverse soluzioni tecnologiche con cui è possibile accumulare energia elettrica possono essere classificate, in base alla forma di energia utilizzata per l accumulo, in: (i) sistemi di accumulo elettrochimico, (ii) sistemi di accumulo meccanico, (iii) sistemi di accumulo elettrico, (iv) sistemi di accumulo chimico e (v) sistemi di accumulo termico. Questi sistemi di accumulo anche se in misura diversa proprio in funzione delle peculiarità che le contraddistinguono e di cui si discute ampiamente nel Rapporto possono fornire i servizi e le funzionalità necessarie al corretto funzionamento del sistema elettrico (dalla rete di trasmissione e 13

15 Executive Summary distribuzione, dalla produzione e/o consumo di energia, da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili alle micro-grid) attraverso: prestazioni in potenza, caratterizzate dallo scambio di elevate potenze per tempi brevi (da frazioni di secondo a qualche decina di secondi) e tra le quali rientrano le funzionalità di risorse per la risoluzione delle congestioni in fase di programmazione, inerzia sintetica, regolazione primaria, regolazione secondaria e terziaria, bilanciamento in tempo reale, regolazione di tensione, qualità della tensione e continuità del servizio. prestazioni in energia, caratterizzate da uno scambio di potenza relativamente costante con autonomia di alcune ore e tra le quali rientrano le funzionalità di arbitraggio mediante sistema di accumulo, arbitraggio mediante sistema di accumulo associato ad un impianto alimentato da fonti rinnovabili non programmabili, aumento della quota di auto-consumo dell energia prodotta da un impianto alimentato da fonti rinnovabili non programmabili, riduzione della potenza impegnata, flessibilizzazione della curva di carico, risoluzione delle congestioni di rete, regolarità/prevedibilità del profilo di immissione dell energia prodotta da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili, regolazione del profilo di scambio all interfaccia AT/ MT, differimento/riduzione degli investimenti di rete, partecipazione alla ri-alimentazione del sistema elettrico e integrazione con i sistemi di difesa. Nel Rapporto vengono analizzate in particolare tre delle tipologie di sistemi di accumulo sopra riportati, focalizzando l attenzione su diverse alternative tecnologiche (i) sistemi di accumulo elettrochimico (batterie con elettrolita acquoso, batterie ad alta temperatura, batterie a circolazione di elettrolita e batterie al litio), (ii) sistemi di accumulo meccanico (pompaggio idroelettrico, CAES e volani), e (iii) sistemi di accumulo elettrico (supercondensatori e SMES) con l obiettivo di tracciarne un quadro di adozione potenziale. Dall analisi emerge in maniera chiara come vi sono tre tecnologie (ossi supercondensatori, volani e SMES) che, in virtù delle loro caratteristiche, si prestano esclusivamente ad applicazioni in potenza. All opposto, vi sono altre tecnologie (ossia pompaggio idroelettrico, CAES, batterie a circolazione di elettrolita e batterie al sodio/zolfo) che si prestano invece prevalentemente ad applicazioni in energia. Solo alcune tecnologie (quali ad esempio le batterie al sodio/cloruro di nickel e, soprattutto, al litio) possono essere effettivamente considerate come tecnologie trasversali, ossia che si prestano ad essere utilizzate sia per prestazioni in potenza che in energia. Va sottolineato tuttavia come diverso sia il grado di maturità delle diverse soluzioni tecnologiche. Ad oggi nessuna delle soluzioni per applicazioni in potenza può essere considerata completamente sviluppata, ed anzi in molti casi si trova ancora ad una fase di sviluppo laboratoriale. Di contro, le applicazioni in energia vedono alcune tra le tecnologie più mature in ambito storage (il pompaggio idroelettrico per citarne una). I maggiori interessi degli operatori paiono quindi concentrarsi sulle soluzioni traversali non solo quindi per la loro flessibilità ma anche per il fatto che si trovano in una fase di sviluppo intermedia e paiono quindi anche nel breve-medio periodo destinate a crescere dal punto di vista prestazionale. Come sempre accade quando si parla di mercati dell energia, però, oltre agli aspetti tecnologici è indispensabile analizzare l impatto di intermediazione che fra domanda ed offerta è esercitato dal quadro normativo-regolatorio: (i) sia perché esso agisce a disegnare i confini della domanda, obbligando talora i soggetti a pensare a soluzioni di storage; (ii) sia perché esso può avvicinare o accelerare, attraverso il meccanismo degli incentivi, il suddetto processo di matching; (iii) sia, infine, perché esso può agire anche sulle condizioni al contorno per creare in senso lato un ambiente più o meno favorevole allo sviluppo del mercato dello storage in Italia. Un tema questo ancora una volta particolarmente complesso visto che a differenza di quanto succede di solito, l Italia è al momento sulla frontiera a livello europeo e mondiale nella regolazione della smart grid e dello storage: una frontiera in continuo movimento, però, e che evidentemente procede anche per aggiustamenti progressivi di maggiore o minore entità I provvedimenti di indirizzo con i quali il Legislatore ha espresso la propria posizione rispetto all adozione dei sistemi di storage sono solo tre (D.lgs. 3 marzo 2011, n. 28, D.lgs. 1 giugno 2011, n. 93 e Delibera AEEG ARG/elt 199/11), tutti concentrati nell anno 2011 e quindi relativamente recenti e si concentrano sui soli soggetti regolati ed in pri- 14

16 Executive Summary mis sul gestore della rete di trasmissione, mentre ancora nessun provvedimento di ordine generale ha interessato le fasi di generazione e di utenza. Ciò nonostante, il Legislatore ha voluto porre alcuni punti fermi: (i) la conferma sulla scena dell AEEG come attore principe della regolazione del sistema elettrico; (ii) la definizione del ruolo degli accumuli a batteria come tecnologia guida almeno in questa fase di sviluppo del settore; (iii) la necessità di testare questi sistemi sul campo, anche se nell ambito di progetti sottoposti a rigorosi controlli, e quindi l implicito riconoscimento che la fase sperimentale da laboratorio possa considerarsi conclusa. Diretta conseguenza di questa visione è l introduzione di un sistema di incentivazione, per il tramite dello strumento dei progetti pilota I progetti pilota perseguono l obiettivo di testare, su piccola scala (quindi con investimenti ridotti, sia in numero che in ampiezza specifica), il funzionamento di tecnologie innovative ritenute promettenti per garantire il corretto funzionamento del sistema elettrico. Il sistema di incentivazione valido per il periodo di regolazione prevede tassi di remunerazione degli investimenti garantiti fino all 8,4%, con una extra remunerazione del 2% per 12 anni nel caso di progetti pilota di storage che soddisfino specifici requisiti. Sono in tutto otto i progetti pilota oggi presentati dal gestore della rete di trasmissione (Terna) ed approvati dall AEEG (due in potenza e sei in energia ) per una capacità complessiva di 51 MW. Un passo certo importante ma ancora decisamente limitato se si considera che come documentato dalla nostra analisi l attuale quadro normativoregolatorio non prevede la possibilità di implementare oltre il 42% delle funzionalità potenziali che i sistemi di storage sono in grado di fornire ai diversi soggetti del sistema elettrico. Un numero sul quale appare opportuno riflettere e che ben mostra quanto lontani si sia ancora dall aver definito un quadro normativo del tutto adeguato alle aspettative degli operatori ed anche allo stato dell evoluzione tecnologica dei sistemi di storage e della rete elettrica in generale. Ma le soluzioni di storage sono in realtà convenienti? Per dare risposta a questa domanda si è dovuto, in prima battuta, definire per i diversi soggetti interessati all adozione di un sistema di storage i possibili scenari d uso, ossia di set predefiniti di funzionalità (al più una) che caratterizzano i possibili business case, gli impieghi concreti delle soluzioni di storage che i diversi soggetti possono trovarsi a valutare. Ad esempio, nel caso del prosumer si è considerato come primo scenario quello che prevede l adozione di un sistema di storage per incrementare la quota di autoconsumo dell energia prodotta in loco dall impianto a fonte rinnovabile non programmabile (fotovoltaico) installato presso il prosumer; lo scenario 2, costruito in maniera incrementale rispetto al primo, prevede l utilizzo del sistema di storage anche per azzerare gli oneri di sbilanciamento a carico dell impianto fotovoltaico e per migliorare la continuità del servizio di fornitura dell energia elettrica; infine, lo scenario 3 prevede, oltre a tutte le funzionalità previste nello scenario 2, anche la fornitura di servizi di regolazione da parte del sistema di accumulo associato all impianto fotovoltaico. Nel complesso si sono analizzati 14 possibili scenari d uso, 8 dei quali realizzabili a normativaregolazione vigenti, mentre i restanti 6 possibili solo a fronte di una evoluzione del quadro regolatorio. La prospettiva assunta, come tradizione dell Energy&Strategy Group, è sempre quella dell adottatore delle soluzioni di storage, alle prese con la risoluzione del problema economico di rientrare nei tempi e nella misura di cui è chiamato a rispondere ai suoi azionisti e con l ulteriore complicazione (peraltro comune però al settore) di dover tenere fede ai limiti e alle disposizioni del quadro normativo-regolatorio. Il quadro emerso è decisamente desolante. Solo in due casi, entrambi riferiti al gestore di rete di distribuzione, si riscontrano scenari caratterizzati da IRR positivo e superiore alla soglia attesa, tuttavia entrambi ad oggi non ammissibili nel quadro normativo-regolatorio vigente. In altri tre casi, si ottiene un IRR positivo, anche se inferiore alla soglia attesa per il soggetto potenzialmente adottatore, ma il miglioramento medio della redditività da conseguire per ottenere gli IRR soglia per la sostenibilità economica è pari a circa il 20%. Il gap da colmare per rendere queste tecnologie profittevoli risulta ancora decisamente elevato e pur 15

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica

RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto. ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica RETE DI RICARICA il Nuovo Servizio il Terzo Prodotto ev-now! Ente Privato di Ricerca, Sviluppo e Promozione della Mobilità Elettrica AUTOGRILL: un esempio di successo! Installata la prima colonnina di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO

Allegato A TESTO INTEGRATO TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA Periodo di regolazione 2008-2011

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie

Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie Romano Giglioli, Davide Poli

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE

TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORE PIANO STRATEGICO INTERCOMUNALE DELL ENERGIA comuni di: Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera Pieve Vergonte Villadossola Vogogna ANALISI DEI CONSUMI E DELLE EMISSIONI CAIRE

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE)

ITER AUTORIZZATIVO per un GRANDE IMPIANTO FOTOVOLTAICO ISCRIVERSI AL REGISTRO GRANDI IMPIANTI (E RISULTARE ISCRITTI NELLA GRADUATORIA GSE) Per accedere al IV Conto Energia è necessario superare 4 step per i grandi impianti. Questo documento ha lo scopo di analizzare in dettaglio ognuna delle fasi, presentandovi il quadro generale e offrendovi

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou

Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou Roma Milano Paris Bruxelles Amsterdam Casablanca Dubai Le véhicule électrique, avenir de l automobile? Il veicolo elettrico, futuro dell automobile? Jean-Pierre Corniou EXECUTIVE SUMMARY Convegno Nuove

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli