ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 51. March Caratteristiche degli studenti all ingresso e riuscita negli studi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 51. March 2012. Caratteristiche degli studenti all ingresso e riuscita negli studi"

Transcript

1 AlmaLaurea Working Papers ISSN ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 51 March 2012 Caratteristiche degli studenti all ingresso e riuscita negli studi di Gian Piero Mignoli Università di Bologna AlmaLaurea This paper can be downloaded at: AlmaLaurea Working Papers series Also available at: REsearch Papers in Economics (RePEC)

2 The AlmaLaurea working paper series is designed to make available to a wide readership selected works by AlmaLaurea staff or by outside, generally available in English or Italian. The series focuses on the study of the relationship between educational systems, society and economy, the quality of educational process, the demand and supply of education, the human capital accumulation, the structure and working of the labour markets, the assessment of educational policies. Comments on this series are welcome and should be sent to AlmaLaurea is a public consortium of Italian universities which, with the support of the Ministry of Education, meets the information needs of graduates, universities and the business community. AlmaLaurea has been set up in 1994 following an initiative of the Statistical Observatory of the University of Bologna. It supplies reliable and timely data on the effectiveness and efficiency of the higher education system to member universities governing bodies, assessment units and committees responsible for teaching activities and career guidance. AlmaLaurea: facilitates and improves the hiring of young graduates in the labour markets both at the national and international level; simplifies companies' search for personnel, reducing the gap between the demand for and supply of qualified labour (www.almalaurea.it/en/aziende/); makes available online more than 1.5 million curricula (in Italian and English) of graduates, including those with a pluriannual work experience (www.almalaurea.it/en/); ensures the optimization of human resources utilization through a steady updating of data on the careers of students holding a degree (www.almalaurea.it/en/lau/). Each year AlmaLaurea plans two main conferences (www.almalaurea.it/en/informa/news) in which the results of the annual surveys on Graduates Employment Conditions and Graduates Profile are presented. AlmaLaurea Inter-University Consortium viale Masini Bologna (Italy) Website: The opinions expressed in the papers issued in this series do not necessarily reflect the position of AlmaLaurea AlmaLaurea 2012 Applications for permission to reproduce or translate all or part of this material should be made to: AlmaLaurea Inter-University Consortium fax phone

3 AlmaLaurea: XIII Profilo dei laureati italiani "Qualità e valutazione del sistema universitario" Caratteristiche degli studenti all ingresso e riuscita negli studi di Gian Piero Mignoli Abstract-Students entry characteristics and academic success The aim of the present analysis is to deepen the study of the relationship between some of the fundamental characteristics of students at the time of enrollment at the university (gender, family socio-economic background, secondary education...) and their success in university studies (grade and regularity). The analysis will allow to determine, as a result, the individual characteristics that tend to be associated with a good academic performance. In what degree courses are the students with good perspectives of success more prevalent today? Are these the same disciplines in which more promising students were already present in the university system prior to the reform (DM 509/99)? The present research addresses the graduates of Italian universities involved in the AlmaLaurea Graduates Profile Survey, and updates and extends a previous analysis restricted to the 2008 first-level graduates of the University of Bologna. Keywords: promising students, students characteristics, grade, academic performance, discipline Con questa analisi ci siamo proposti di approfondire lo studio della relazione che intercorre fra alcune fondamentali caratteristiche degli studenti rilevate al momento dell immatricolazione all università (genere, contesto socioeconomico familiare di origine, studi secondari superiori ) e la loro riuscita negli studi universitari (votazioni e regolarità). Ciò consentirà di determinare, di conseguenza, quali caratteristiche individuali tendono ad associarsi ad un buon rendimento negli studi. In quali corsi di laurea sono più presenti, oggi, gli studenti con buone aspettative di successo? Si tratta delle stesse discipline in cui gli studenti promettenti erano più presenti nel sistema universitario precedente la riforma (DM 509/99)? La ricerca presentata in questo articolo, riferita ai laureati delle università italiane coinvolte nell indagine Profilo dei Laureati AlmaLaurea 1, aggiorna ed estende un analisi già effettuata limitatamente ai laureati 2008 di primo livello dell Ateneo di Bologna [Gasperoni e Mignoli 2010]. Università di Bologna, AlmaLaurea. 1 Consultabile su Internet all indirizzo 1

4 1. Popolazioni e caratteristiche all ingresso prese in considerazione Lo studio esamina, nell ambito del Profilo AlmaLaurea, i laureati nei corsi a cui si può accedere subito dopo la scuola secondaria superiore 2. Per il 2010 la popolazione analizzata comprende circa laureati, di 56 università italiane, che hanno concluso corsi post-riforma (lauree di primo livello e lauree specialistiche/magistrali a ciclo unico, a cui si aggiunge il corso quadriennale in scienze della formazione primaria, l unico corso non riformato dal DM 509/99 3 ). Per il 2004 l universo di riferimento consiste negli laureati pre-riforma 4 appartenenti ai 35 atenei coinvolti nel Profilo di quell anno. I laureati 2004 pre-riforma sono stati gli ultimi laureati rappresentanti del precedente sistema universitario a non essere in qualche modo coinvolti dal processo di transizione verso l università riformata 5. Il confronto tra le due popolazioni, rappresentanti una il sistema universitario riformato e l altra l ordinamento pre-riforma, assume certamente un particolare interesse, sebbene non possa essere proposto senza le necessarie precisazioni. Vi sono infatti differenze importanti per quanto riguarda, innanzitutto, la durata dei corsi: i laureati 2010 post-riforma hanno concluso in gran parte (86%) corsi di primo livello triennali, mentre i laureati 2004 pre-riforma appartengono nella maggioranza dei casi (66%) a corsi quadriennali e per il 34% a corsi con durata di 5 o 6 anni. Inoltre è opportuno segnalare che fra i post-riforma sono compresi i laureati nei corsi per le professioni sanitarie, assenti fra i pre-riforma in quanto questi percorsi di studio sono divenuti corsi di laurea soltanto nel nuovo sistema universitario. Infine ricordiamo che la rilevazione del 2004 riguarda un numero di atenei più ridotto rispetto al 2010 (35 contro 56), per effetto dei nuovi ingressi di atenei in AlmaLaurea avvenuti nel corso degli anni. Entrambe le popolazioni in esame (2010 e 2004) sono composte, naturalmente, da studenti che sono riusciti a concludere il proprio corso universitario. Pertanto tutti gli effetti riscontrati, e le stesse conclusioni ricavate dalle analisi, debbono essere interpretati come risultati subordinati alla condizione di non avere abbandonato gli studi universitari. I dati sono raccolti per contemporanei e non per coorti: i laureati 2010 hanno infatti in comune l anno di laurea (così come i laureati 2004), ma sono entrati all università entro un arco temporale ampio. Di tutto ciò, come si vedrà, occorrerà tenere conto nell interpretazione dei risultati delle analisi statistiche. Il 42% dei laureati presi in considerazione per il 2010 appartiene all area tecnico-scientifica, il 36% all area umanistico-scientifica e il 22% all umanistico-letteraria (Tabella 1). 2 Per questa ragione i laureati post-riforma nei corsi specialistici/magistrali biennali, a cui è possibile iscriversi (in linea generale) solo dopo aver concluso un corso universitario di primo livello, non sono inclusi nel collettivo analizzato. 3 D ora in poi il corso non riformato in scienze della formazione primaria non verrà più menzionato, ma i suoi laureati saranno comunque inclusi nelle analisi. Il Profilo dei Laureati 2010 coinvolge anche laureati nei corsi preriforma, i quali, appartenendo a percorsi di studio da tempo in via di esaurimento, hanno concluso gli studi con un forte ritardo rispetto ai tempi previsti. Questi laureati, pertanto, non sono stati presi in considerazione nella nostra ricerca. 4 Compresi i laureati post-riforma specialistici/magistrali a ciclo unico, del tutto assimilabili, in questo caso, ai laureati pre-riforma delle corrispondenti discipline di studio. 5 Per un analisi più efficace abbiamo escluso, sia per il 2010 sia per il 2004, alcune particolari categorie di studenti: - i laureati nei corsi Interfacoltà; - coloro che hanno sostenuto meno di 10 esami nell ateneo di laurea; - gli altri laureati il cui incremento di voto alla laurea (cioè la differenza, espressa in 110-mi, fra il voto di laurea e il voto medio degli esami inclusi nell archivio amministrativo dell ateneo di laurea) risulta minore di 0 oppure maggiore di 12. Questo anomalo incremento di voto riguarda in buona parte dei casi laureati (2010 o 2004) che hanno conseguito il titolo con un importante contributo di crediti formativi o esami afferenti a corsi universitari frequentati o conclusi precedentemente. 2

5 La tabella 2 sintetizza, per ciascuna delle tre macroaree disciplinari, le caratteristiche dei laureati 2010 al momento del loro ingresso all università. Si tratta delle variabili, fra le informazioni disponibili, che hanno manifestato chiari effetti sulla riuscita negli studi universitari; effetti del tutto in linea, tra l altro, con i risultati noti nella letteratura specifica. Fra le caratteristiche all ingresso abbiamo impropriamente incluso anche lo svolgimento di attività lavorative durante gli studi universitari, ma le analisi statistiche tengono comunque conto che queste esperienze possono avere inizio anche dopo l accesso all università. Tabella 1. Le discipline di laurea Laureati di primo livello e magistrali a ciclo unico, per settore disciplinare del corso 2010 MACROAREA settore disciplinare numero dei laureati composizione percentuale TECNICO-SCIENTIFICA ,9 ingegneria ,9 professioni sanitarie ,4 architettura ,3 medicina e odontoiatria ,0 chimico-farmaceutico ,3 biologico ,5 matematica e fisica ,6 informatica ,5 agrario esclusa veterinaria ,5 scienze motorie ,2 geo-naturalistico ,1 veterinaria 595 0,5 UMANISTICO-SCIENTIFICA ,8 economico ,4 politico-sociale ,1 giuridico ,1 psicologico ,7 statistico 5 0,4 UMANISTICO-LETTERARIA ,3 linguistico ,7 educazione e formazione ,5 letterario escluse lettere e filosofia(a) ,0 lettere e filosofia ,2 TOTALE ,0 (a) Comprende le classi di laurea beni culturali, discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda, storia e tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali. Si può fin d ora osservare come tra i tre grandi settori disciplinari si verifichino importanti differenze in termini di genere, background socioeconomico familiare, studi secondari superiori e motivazioni nella scelta del corso di laurea. Per quanto riguarda il voto di diploma secondario superiore sono necessarie alcune precisazioni. In primo luogo, le votazioni si distribuiscono in modo differente a seconda del tipo di diploma (liceo classico, liceo scientifico, diploma tecnico, diploma professionale ) e dell area geografica della scuola. Pertanto nelle analisi abbiamo preferito tenere conto non della misura assoluta del voto, bensì della posizione in cui il voto stesso si colloca nella graduatoria dei voti di 3

6 diploma del rispettivo ambito scolastico (diploma e regione) 6. Ad esempio, negli istituti professionali del Lazio il 77% dei diplomati negli anni 2005 e 2006 ha concluso gli studi secondari superiori con un punteggio inferiore a 83/100; pertanto chi si è diplomato nel Lazio in questi percorsi con 83/100 (o un punteggio superiore) ha ottenuto un voto elevato, in quanto collocato nel primo quarto (il migliore) della graduatoria. Fare riferimento alle posizioni in graduatoria anziché al voto di diploma non significa affermare, tuttavia, che uno stesso posizionamento nelle graduatorie di diplomi differenti corrisponda a prestazioni negli studi secondari superiori necessariamente assimilabili. Un secondo aspetto di cui occorre tener conto è che il voto di diploma è l unico indicatore di cui disponiamo per quanto riguarda la qualità della formazione scolastica acquisita prima dell accesso all università. Se conoscessimo anche i risultati relativi alla scuola media inferiore e alla scuola elementare, le analisi potrebbero essere più specifiche. Il confronto fra diplomati e laureati per tipo e per voto di diploma mostra chiaramente come i laureati rappresentino una popolazione selezionata rispetto al collettivo complessivo dei diplomati da cui provengono. I laureati, del resto, rappresentano quella sottopopolazione dei diplomati che si è iscritta all università ed è riuscita a concludere il corso di laurea. La selezione si avverte innanzitutto per quanto riguarda il tipo di diploma: fra i laureati sono sovrarappresentati i liceali (classici, scientifici e linguistici) a scapito dei diplomati professionali e tecnici. Inoltre il processo di selezione è riconoscibile in termini di voto di diploma: il 35% dei laureati appartiene alla fascia dei voti alti, mentre fra i diplomati questa percentuale è più ridotta e corrisponde al %, proprio per il modo in cui è costruita la classificazione. Come è facilmente intuibile, questa selezione è più severa negli istituti professionali e tecnici, dove arrivano alla laurea tendenzialmente i diplomati con i migliori voti di diploma, e molto meno evidente nei percorsi liceali 7. 6 Per il 2010 le graduatorie utilizzate sono costruite con riferimento al complesso dei diplomati negli istituti secondari superiori italiani nel 2005 e nel 2006, i due anni più frequenti nei quali i laureati 2010 coinvolti nell indagine hanno ottenuto il diploma. 7 Infatti quasi la metà dei laureati con diploma tecnico o professionale ha voti di diploma elevati (cioè appartenenti al primo quarto della graduatoria), mentre nei licei classici e scientifici ciò accade solo nel 30% dei casi. 4

7 Tabella 2. Le caratteristiche all ingresso Profilo iniziale dei laureati per macroarea disciplinare del corso Laureati di primo livello e magistrali a ciclo unico 2010 Composizioni percentuali tecnicoscientifica umanisticoscientifica umanisticoletteraria TOTALE numero dei laureati GENERE maschi 50,3 37,1 19,5 38,7 femmine 49,7 62,9 80,5 61,3 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 TITOLO DI STUDIO DEI GENITORI non oltre la scuola media inferiore,5 26,6 27,2,4 scuola media superiore 46,1 47,0 48,7 47,0 un solo genitore laureato 17,3 15,7 14,9 16,2 entrambi i genitori laureati 11,6 9,4 7,6 9,9 non indicato 1,5 1,3 1,6 1,4 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 CLASSE SOCIALE classe operaia 24,4,6 26,1 24,5 piccola borghesia 20,2,3 22,2 21,8 classe media impiegatizia,9 27,9 30,3,3 borghesia 22,7 22,7 18,2 21,7 non classificabili 2,7 2,5 3,1 2,7 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 DIPLOMA SECONDARIO SUPERIORE professionale 3,2 2,7 3,2 3,0 tecnico 26,1 32,0 16,9 26,2 istruzione magistrale 3,7 8,3 16,2 8,1 istruzione artistica 2,2 0,8 3,5 2,0 liceo classico 10,8 15,5 18,2 14,1 liceo scientifico 48,1 31,0,3 36,4 liceo linguistico 2,9 7,3 16,4 7,5 titolo estero 2,9 2,4 2,3 2,6 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 VOTO DI DIPLOMA SECONDARIO SUPERIORE(a) voti relativamente bassi 12,8 15,8 15,7 14,5 medio-bassi 19,2 22,3 22,1 21,0 medio-alti 27,1 27,2,0 27,3 alti 38,0 32,3 32,0 34,6 titolo estero 2,9 2,4 2,3 2,6 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 voto medio 83,6 81,5 82,1 82,5 REGOLARITÀ NEGLI STUDI PREUNIVERSITARI diploma secondario superiore entro i 19 anni 87,4 86,1 85,9 86,6 dopo i 19 anni 9,7 11,5 11,9 10,8 titolo estero 2,9 2,4 2,3 2,6 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 MOTIVAZIONI NELLA SCELTA DEL CORSO DI LAUREA: DISCIPLINE INSEGNATE NEL CORSO poco o per nulla importanti 2,2 2,3 1,5 2,1 abbastanza importanti 20,7 22,5 15,7 20,3 decisamente importanti 76,5 74,6 82,1 77,1 non indicato 0,6 0,6 0,6 0,6 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 5

8 MOTIVAZIONI NELLA SCELTA DEL CORSO DI LAUREA: SBOCCHI OCCUPAZIONALI DEL CORSO poco o per nulla importanti 7,6 10,1,6 12,1 abbastanza importanti,8 30,3 34,2 30,5 decisamente importanti 62,9 58,9 41,5 56,7 non indicato 0,7 0,7 0,7 0,7 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 LAVORO NEL CORSO DEGLI STUDI UNIVERSITARI nessuna esperienza di lavoro 34,9 22,0 20,5 27,1 studenti-lavoratori 60,5 66,5 68,3 64,3 lavoratori-studenti 4,1 11,1 10,6 8,0 non classificabili 0,5 0,5 0,6 0,5 TOTALE 100,0 100,0 100,0 100,0 (a) Voti relativamente bassi = compresi nel peggiore quarto della graduatoria dei diplomati 2005 e 2006 nel rispettivo ambito scolastico di origine (diploma e regione); voti medio-bassi = compresi nel terzo quarto; voti medio-alti = compresi nel secondo quarto; voti alti = compresi nel primo quarto (il migliore). La tabella 2 illustra anche con quali motivazioni i laureati hanno scelto il proprio corso di laurea. Per il 77% dei laureati i fattori culturali, ossia l interesse nei confronti delle discipline incluse nei programmi di studio, sono risultati molto importanti. Anche i possibili sbocchi occupazionali hanno avuto in generale un ruolo rilevante, ma in questo caso la percentuale dei laureati si riduce al 57%. Si tenga comunque presente che per quasi la metà dei casi (46%) entrambi i fattori sono stati decisamente importanti. Per quanto riguarda, infine, il lavoro nel corso degli studi universitari, si osservi che 8 laureati su 100 appartengono alla categoria dei lavoratori-studenti (giovani che hanno svolto attività lavorative continuative a tempo pieno per almeno la metà della durata degli studi sia nel periodo delle lezioni universitarie sia al di fuori delle lezioni). Altri 64 su 100 sono studenti-lavoratori (poiché hanno compiuto esperienze di lavoro saltuarie o comunque meno continuative) e 27 su 100 non hanno svolto attività lavorative negli anni trascorsi all università. Per poter comprendere in modo efficace gli effetti delle caratteristiche all ingresso degli studenti sulla riuscita universitaria è opportuno analizzare anche le relazioni che intercorrono fra queste stesse caratteristiche iniziali. L analisi della popolazione mostra innanzitutto e prevedibilmente, una forte associazione fra il titolo di studio dei genitori e la classe sociale di origine. Basti considerare che i laureati della classe borghese, figli cioè di imprenditori, liberi professionisti o dirigenti, sono il 54% fra quanti hanno almeno un genitore laureato e solo il 10% fra i figli di genitori senza il diploma di maturità. Si manifesta anche una forte influenza delle condizioni socioeconomiche familiari sulla scelta della scuola secondaria superiore: un background favorevole aumenta la probabilità di svolgere studi liceali classici o scientifici e, da questo punto di vista, il grado di istruzione dei genitori è di gran lunga più importante della classe sociale. In modo analogo le condizioni familiari influiscono sulla riuscita scolastica preuniversitaria: un elevato titolo di studio dei genitori tende ad associarsi a un miglior posizionamento nella graduatoria per voto e a una minore probabilità di incorrere in ripetenze, mentre a parità di istruzione dei genitori la classe sociale manifesta effetti trascurabili. Meritano attenzione anche i migliori risultati ottenuti nella scuola secondaria superiore dalle femmine. Nella fascia dei voti di diploma elevati si collocano infatti il 37% delle studentesse contro il 30% dei maschi e hanno conseguito il diploma entro i canonici 19 anni di età il 91% delle femmine contro l 86% dei maschi 8. 8 Queste differenze a favore delle studentesse, riscontrate ora fra i laureati, si verificano anche nella popolazione complessiva dei diplomati 2005 e

9 2. Il rendimento negli esami universitari 2.1. Voto medio effettivo e voto medio netto In questo contributo sulla riuscita negli studi universitari abbiamo preferito prendere in considerazione il voto medio degli esami anziché il voto di laurea per trattare le votazioni. La ragione di questa scelta è che, per effetto dell incremento di voto assegnato al termine della discussione della tesi/prova finale 9, il voto di laurea finisce per concentrarsi su valori elevati più di quanto accada per il voto medio degli esami. Per rendersi conto del maggior appiattimento che caratterizza il voto di laurea appiattimento che riteniamo penalizzi la possibilità di differenziare in modo efficace le prestazioni dei laureati è sufficiente mettere a confronto le distribuzioni statistiche delle due votazioni tenendo conto dei rispettivi intervalli numerici in cui esse si collocano 10. Si tenga presente, inoltre, che nei corsi magistrali/specialistici biennali, non trattati in questo articolo, la concentrazione dei voti di laurea sui valori elevati è ancora più marcata: in questi percorsi universitari il 57% dei laureati 2010 ha ottenuto 110 o 110 e lode. Questo appiattimento delle votazioni in particolare di quelle di laurea ha importanti implicazioni, a cominciare dal fatto che la possibilità di valorizzare il merito degli studenti finisce per esserne inevitabilmente limitata. Su questi aspetti, già trattati ampiamente da Cammelli e Gasperoni [2008] e da Gasperoni e Mignoli [2010], non ci soffermeremo più. Ora dedichiamo invece un po di spazio ad un altro tema: le differenze che si riscontrano, nella distribuzione dei voti, tra un settore disciplinare e l altro. La figura 1 rappresenta la distribuzione dei laureati per settore disciplinare di laurea e voto medio degli esami, mettendo a confronto i risultati rilevati per il 2010 (per i laureati post-riforma) con quelli 2004 (pre-riforma). Le differenze fra i percorsi di studio sono molto evidenti e le caratterizzazioni rilevate per il 2010 ricalcano piuttosto fedelmente quelle del Come si possono spiegare questi risultati? È possibile che essi riflettano l effettiva qualità della formazione universitaria acquisita? Se le cose stessero davvero così, dovremmo concludere che nei corsi di lettere e di filosofia la proporzione dei laureati con una buona preparazione universitaria è di gran lunga superiore a quella riscontrabile nel settore economico, in ingegneria e in altri settori di studio. Si tratta di una conclusione verosimile oppure il voto medio degli esami assume valenze differenti a seconda dell area disciplinare? Per approfondire l analisi, sia del sistema post-riforma (laureati 2010) che del pre-riforma (2004) abbiamo adottato alcuni assunti, da cui l intera analisi delle votazioni prende le mosse. Innanzitutto il voto medio degli esami viene considerato come risultante di tre ordini di componenti: 1) le caratteristiche degli studenti al momento del loro ingresso all università (da questo punto di vista si sono rivelati importanti il genere, il titolo di studio dei genitori, il diploma secondario superiore, la posizione nella rispettiva graduatoria per voto di diploma, la regolarità negli studi preuniversitari e i fattori motivazionali); 2) l efficacia complessiva della didattica attuata nel corso (a cominciare dalle capacità dei docenti); 3) la prassi valutativa adottata nelle commissioni d esame dei corsi di laurea, che si traduce in una maggiore o minore indulgenza a parità di livello della prestazione negli esami universitari. Si assume inoltre che le modalità delle variabili all ingresso abbiano una buona coerenza in termini territoriali; ciò significa, ad esempio, ipotizzare che essere a metà della graduatoria per voto 9 In numerose Facoltà italiane i laureati, oltre al punteggio attribuito in funzione della tesi/prova finale, possono ottenere bonus suppletivi di voto assegnati a chi si laurea in corso o risponde ad altre condizioni ritenute positive, come aver partecipato ad un programma Erasmus o aver svolto un tirocinio organizzato dal corso di studi. 10 Per il voto medio degli esami, che può assumere valori compresi fra 18 e 30 (poiché nel calcolo dei valori medi il voto di 30 e lode è stato equiparato a 30), il primo, il secondo e il terzo quartile sono risultati rispettivamente 24,4, 26,0 e 27,5 (laureati 2010). Per il voto di laurea, espresso sulla scala e lode, i quartili sono in proporzione assai più elevati: 95, 102 e

10 di diploma negli istituti professionali del Piemonte o esserlo in quelli del Lazio siano situazioni equivalenti dal punto di vista del rendimento negli esami universitari. Figura 1. Il voto medio degli esami Laureati per settore disciplinare di laurea e voto medio degli esami universitari -Composizioni percentuali-. a) Laureati 2010 di primo livello e magistrali a ciclo unico LETTERE E FILOSOFIA MEDICINA E ODONTOIATRIA LETTERARIO escluse lettere e filosofia MATEMATICA E FISICA EDUCAZIONE E FORMAZIONE LINGUISTICO PROFESSIONI SANITARIE STATISTICO ARCHITETTURA GIURIDICO POLITICO-SOCIALE BIOLOGICO CHIMICO-FARMACEUTICO GEO-NATURALISTICO PSICOLOGICO AGRARIO esclusa veterinaria VETERINARIA INFORMATICA INGEGNERIA ECONOMICO SCIENZE MOTORIE TOTALE b) Laureati 2004 pre-riforma e magistrali a ciclo unico meno di 24 LETTERE E FILOSOFIA LETTERARIO escluse lettere e filosofia EDUCAZIONE E FORMAZIONE LINGUISTICO MEDICINA E ODONTOIATRIA MATEMATICA E FISICA STATISTICO BIOLOGICO POLITICO-SOCIALE PSICOLOGICO AGRARIO esclusa veterinaria GEO-NATURALISTICO CHIMICO-FARMACEUTICO INFORMATICA SCIENZE MOTORIE ARCHITETTURA INGEGNERIA GIURIDICO ECONOMICO VETERINARIA TOTALE meno di 24 8

11 Infine si suppone che l efficacia della didattica dei corsi, cioè il secondo dei tre elementi appena indicati, sia uniforme negli atenei e nei settori disciplinari coinvolti. A proposito di questa ipotesi è opportuno rimarcare che eventuali disomogeneità tra settori disciplinari in termini di efficacia della didattica sono in ogni caso difficilmente documentabili, tenuto conto anche della natura stessa delle discipline di studio e delle modalità di svolgimento delle prove d esame. Tuttavia sarà utile approfondire questo aspetto econsiderare, in una prossima ricerca sulle votazioni universitarie, la possibilità di verificare ed eventualmente correggere l ipotesi di efficacia uniforme della didattica. I laureati nel 2010 nei corsi di lettere e di filosofia, a parità delle caratteristiche iniziali, hanno ottenuto mediamente 3,2 punti in più rispetto ai laureati in ingegneria; per le ipotesi che abbiamo assunto, questo scarto è tendenzialmente imputabile alle differenti prassi valutative adottate nei rispettivi settori di studio. La componente del voto medio degli esami legata allo stile valutativo può essere stimata mediante modelli statistici multivariati e, tramite appunto questa tecnica di analisi, lettere e filosofia da un lato e ingegneria dall altro sono risultati rispettivamente il settore più indulgente e il settore più severo ; in tutti gli altri settori disciplinari, infatti, l effetto prassi valutativa è compreso fra questi due casi 11. I modelli di analisi evidenziano anche che, all interno di ciascuna disciplina universitaria, le differenze riscontrabili tra un ateneo e l altro a parità di caratteristiche iniziali sono piuttosto contenute, tranne che in alcuni casi piuttosto circoscritti 12. In altre parole sulle votazioni negli esami esiste un evidente effetto prassi valutativa a livello di settore di studio, ma l effetto manica in termini di ateneo è più debole. Per depurare il voto medio degli esami dall effetto dello stile valutativo abbiamo introdotto un conguaglio che interviene aumentando o diminuendo il voto medio a seconda che la prassi valutativa risulti relativamente severa o relativamente generosa 13. Il risultato è il voto medio degli esami netto, che d ora in poi adotteremo come misura del rendimento negli esami depurata dalla distorsione legata al metro di valutazione. Il voto medio netto è espresso anch esso in 30-mi e compare come variabile dipendente nei modelli statistici multidimensionali costruiti per analizzare l influenza delle caratteristiche iniziali degli studenti universitari L effetto delle caratteristiche all ingresso sul voto medio netto Per comprendere in che modo i diversi fattori in gioco influiscono sul rendimento negli esami abbiamo realizzato, sia per il sistema post-riforma (tab. 3a) che per quello pre-riforma (tab. 3b), quattro modelli statistici, ognuno dei quali comprende le caratteristiche di cui si vuole stimare 11 La classificazione per settore disciplinare appositamente adottata per questa analisi delle votazioni si basa sui gruppi disciplinari definiti a livello ministeriale e, dove necessario, introduce alcune modifiche o disaggregazioni che portano a 24 il numero delle categorie in cui si articola la variabile. 12 Per l analisi sul 2010, queste eccezioni corrispondono a 31 Facoltà/Ateneo delle complessive 419 coinvolte nell indagine e raccolgono complessivamente meno del 6% dei laureati esaminati. 13 Il modello di regressione lineare multidimensionale costruito per determinare i conguagli stima il voto medio degli esami in funzione di tre categorie di regressori, corrispondenti rispettivamente alle caratteristiche iniziali degli studenti, ai settori disciplinari e alle situazioni particolari di Facoltà/Ateneo. Questi ultimi regressori sono stati inseriti per tenere sotto controllo i casi indicati nella nota precedente, nei quali la stima basata esclusivamente sulle caratteristiche iniziali degli studenti e sullo stile valutativo del settore risulta poco efficace (generando residui mediamente superiori a 1 punto in valore assoluto). La tecnica di analisi utilizzata per i laureati 2004 (laureati pre-riforma) coincide con quella adottata per il 2010 (post-riforma) ad eccezione di due aspetti. In primo luogo, per quanto riguarda il voto di diploma, ai laureati 2004 è stata attribuita la posizione che ognuno di essi occupa nella graduatoria dei laureati stessi (anziché dei diplomati di provenienza) all interno del rispettivo ambito scolastico. In secondo luogo, non essendo presenti nel questionario di rilevazione 2004 le domande specifiche sulle motivazioni nella scelta del corso di laurea, abbiamo sostituito questa informazione con le risposte fornite dai laureati sugli aspetti rilevanti nella ricerca del lavoro, ipotizzando che le dichiarazioni fornite alla vigilia della laurea riflettano aspettative sostanzialmente già maturate al momento dell immatricolazione. 9

12 l effetto ( variabili causali di interesse ) e le informazioni che è invece necessario tenere in considerazione nell analisi per poter delineare il processo causale in modo corretto ( variabili di controllo ). Iniziando dai risultati relativi al post-riforma (laureati 2010), possiamo desumere dal primo modello che il genere femminile e un grado di istruzione dei genitori elevato favoriscono un buon rendimento negli esami. Infatti le laureate hanno un voto medio netto superiore di 0,4 punti rispetto ai maschi e il fatto di avere entrambi i genitori laureati comporta 0,8 punti in più rispetto alla situazione in cui i genitori hanno al massimo la licenza media inferiore. La classe sociale non ha invece alcun effetto sostanziale, in quanto a parità di titolo di studio dei genitori (e di genere) il rendimento per la classe borghese, la classe media impiegatizia, la piccola borghesia e la classe operaia è sostanzialmente lo stesso. La variabile classe sociale non verrà pertanto inserita nei restanti modelli di analisi delle votazioni. Il secondo modello studia gli effetti degli studi secondari superiori. Da questa analisi (così come dai due modelli successivi) sono esclusi i laureati che hanno conseguito un diploma secondario superiore all estero o comunque un titolo estero. Il liceo classico e il liceo scientifico, a cui corrispondono in media 1,8 e 1,6 punti in più rispetto al diploma professionale e oltre un punto in più rispetto al diploma tecnico, sono i titoli più favorevoli. Si osservi che questi scarti medi sono calcolati a parità di posizione nella graduatoria per voto di diploma nel rispettivo ambito scolastico. Anche il voto di diploma influenza il rendimento negli esami universitari: tenute ferme le altre condizioni, infatti, un miglioramento di posizioni su 100 nella graduatoria del rispettivo ambito scolastico (è questo il significato della sigla G riportata nella tabella) aumenterebbe il voto medio netto di circa 0,8 punti. Analogamente è una condizione favorevole terminare gli studi secondari superiori entro l età prevista (19 anni). Il fatto che nel secondo modello di analisi l effetto del titolo di studio sostanzialmente si annulla mentre nel modello precedente è marcato indica che il grado di istruzione della famiglia di origine incide sulla riuscita scolastica preuniversitaria ma dopo l accesso all università non esercita più alcuna influenza diretta sulle votazioni. Analogamente, anche il ruolo del genere sul rendimento degli esami universitari si riduce se si effettuano i confronti a parità di diploma e di esito della scuola secondaria superiore e ciò significa che anche le differenze fra laureati e laureate derivano in buona parte da capacità, disponibilità all impegno scolastico e scelte personali che precedono l ingresso all università. Il terzo modello prende in considerazione le motivazioni che hanno spinto gli studenti alla scelta del proprio corso di laurea e mette in evidenza che chi è mosso prevalentemente da fattori culturali (l interesse per le discipline del corso) tende ad ottenere votazioni migliori rispetto agli altri studenti. Diversamente, le motivazioni legate ai possibili sbocchi occupazionali del corso di laurea hanno un influenza di segno negativo, seppur contenuta. Il quarto modello, infine, studia l effetto del lavoro nel corso degli studi universitari. Se ne ricava che, sebbene i migliori risultati riguardino gli studenti che non hanno svolto alcuna attività lavorativa, il lavoro non penalizza in modo rilevante il rendimento negli esami. Da un analisi più dettagliata, che prende in considerazione limitatamente ai laureati post-riforma anche le possibili interazioni fra il lavoro e il settore disciplinare di studio, si ricava che i lavoratori-studenti tendono ad avere qualche difficoltà in più quando appartengono al gruppo giuridico, mentre hanno addirittura migliori votazioni rispetto ai non lavoratori, a parità di caratteristiche all ingresso, nel caso dei corsi di laurea per le professioni sanitarie. Il confronto fra ciascun modello statistico adottato per i laureati post-riforma e il corrispondente modello per il pre-riforma mostra una netta stabilità dei risultati: l effetto del genere, del grado di istruzione dei genitori, della classe sociale di appartenenza, del diploma secondario superiore, del voto di diploma, della regolarità scolastica preuniversitaria e dei fattori motivazionali si è mantenuto sostanzialmente inalterato. Solamente per il lavoro nel corso degli studi si è verificata una variazione, in quanto nell università riformata il suo effetto risulta leggermente attenuato. 10

13 Tabella 3. Il rendimento negli esami universitari Modelli di regressione lineare per l analisi del voto medio degli esami netto : stime di massima verosimiglianza dei parametri β a) Laureati 2010 di primo livello e magistrali a ciclo unico VARIABILI ESPLICATIVE Modello 1 Il genere e l origine sociale N = Modello 2 Gli studi preuniversitari N = Modello 3 Le motivazioni nella scelta del corso universitario N = Modello 4 Il lavoro durante gli studi N = GENERE maschi (categoria di riferimento) femmine 0,41 * 0,15 * 0,13 * 0,15 * TITOLO DI STUDIO DEI GENITORI non oltre la scuola media inferiore (rif.) scuola secondaria superiore 0,19 * -0,05 * -0,04 * -0,04 * un solo genitore laureato 0,42 * -0,02-0,02-0,03 entrambi i genitori laureati 0,78 * 0,11 * 0,12 * 0,10 * CLASSE SOCIALE classe operaia (rif.) 0 piccola borghesia 0,03 * classe media impiegatizia 0,03 borghesia -0,08 * DIPLOMA SECONDARIO SUPERIORE professionale (rif.) tecnico 0,62 * 0,62 * 0,63 * istruzione magistrale 0,87 * 0,85 * 0,87 * istruzione artistica 0,62 * 0,59 * 0,63 * liceo classico 1,78 * 1,75 * 1,78 * liceo scientifico 1,62 * 1,60 * 1,61 * liceo linguistico 1, * 1,21 * 1,24 * VOTO DI DIPLOMA G(a) 0,77 * 0,77 * 0,77 * REGOLARITÀ NEGLI STUDI PREUNIVERSITARI diploma secondario superiore entro i 19 anni (rif.) dopo i 19 anni -0, * -0,27 * -0, * MOTIVAZIONI NELLA SCELTA DEL CORSO DI LAUREA: DISCIPLINE INSEGNATE NEL CORSO non molto importanti (rif.) 0 decisamente importanti 0,38 * MOTIVAZIONI NELLA SCELTA DEL CORSO DI LAUREA: SBOCCHI OCCUPAZIONALI DEL CORSO non molto importanti (rif.) 0 decisamente importanti -0,12 * LAVORO NEL CORSO DEGLI STUDI UNIVERSITARI nessuna esperienza di lavoro (rif.) 0 studenti-lavoratori -0,19 * lavoratori-studenti -0,08 * R 2 0,02 0,27 0, 0,27 11

14 b) Laureati 2004 pre-riforma e magistrali a ciclo unico VARIABILI ESPLICATIVE Modello 1 Il genere e l origine sociale N = Modello 2 Gli studi preuniversitari N = Modello 3 Gli aspetti motivazionali N = Modello 4 Il lavoro durante gli studi N = GENERE maschi (categoria di riferimento) femmine 0,32 * 0,14 * 0,13 * 0,14 * TITOLO DI STUDIO DEI GENITORI non oltre la scuola media inferiore (rif.) scuola secondaria superiore 0,17 * -0,01-0,01-0,02 un solo genitore laureato 0,33 * -0,03-0,03-0,05 * entrambi i genitori laureati 0,71 * 0,13 * 0,13 * 0,10 * CLASSE SOCIALE classe operaia (rif.) 0 piccola borghesia -0,15 * classe media impiegatizia -0,01 borghesia -0,07 * DIPLOMA SECONDARIO SUPERIORE professionale (rif.) tecnico 0,67 * 0,69 * 0,65 * istruzione magistrale 0,55 * 0,56 * 0,55 * istruzione artistica 0,46 * 0,47 * 0,45 * liceo classico 1,32 * 1,34 * 1, * liceo scientifico 1,15 * 1,17 * 1,12 * liceo linguistico 0,92 * 0,95 * 0,90 * VOTO DI DIPLOMA G(b) 0,72 0,72 0,71 REGOLARITÀ NEGLI STUDI PREUNIVERSITARI diploma secondario superiore entro i 19 anni (rif.) dopo i 19 anni -0,27 * -0, * -0,26 * FATTORI MOTIVAZIONALI: ASPETTI RILEVANTI NELLA RICERCA DEL LAVORO coerenza con gli studi e guadagno equivalenti (rif.) 0 coerenza più rilevante del guadagno 0,14 * guadagno più rilevante della coerenza -0,11 * LAVORO NEL CORSO DEGLI STUDI UNIVERSITARI nessuna esperienza di lavoro (rif.) 0 studenti-lavoratori -0,16 * lavoratori-studenti -0,40 * R 2 (c) 0,02 0, 0, 0, * Parametro β significativo (p < 0,05). Nota: su sfondo grigio vengono riportati, per ciascun modello, i parametri β per le modalità delle variabili di cui si vuole stimare l effetto (variabili causali di interesse). (a) G = avanzare di posizioni su 100 nella graduatoria dei diplomati 2005 e 2006 per voto di diploma nel rispettivo ambito scolastico (diploma e regione). (b) G = avanzare di posizioni su 100 nella graduatoria dei laureati 2004 per voto di diploma dei laureati nel rispettivo ambito scolastico (diploma e regione). (c) R 2 (coefficiente di determinazione) indica la proporzione di variabilità della variabile dipendente spiegata dalle variabili indipendenti attraverso il modello di regressione lineare; assume valori compresi fra 0 e 1 ed è una misura della bontà di adattamento del modello. 12

15 2.3 Gli studenti promettenti Le stesse ipotesi che abbiamo adottato per definire il voto medio degli esami netto consentono di individuare tenuto conto dei differenti stili valutativi adottati nei rispettivi percorsi universitari gli studenti in possesso di caratteristiche all ingresso favorevoli in termini di voti medi attesi. Si tratta di coloro che possiedono un assortimento complessivamente vantaggioso per genere, grado di istruzione dei genitori, diploma secondario superiore, posizione nella rispettiva graduatoria per voto di diploma, regolarità negli studi preuniversitari e motivazione nella scelta del corso di laurea. Alla luce di queste caratteristiche all ingresso risultate rilevanti si è stimato il potenziale di successo negli esami, che consiste nel voto medio netto atteso. In funzione di questo potenziale i laureati sono stati suddivisi in quattro gruppi equinumerosi: molto promettenti ; abbastanza promettenti ; poco promettenti ; non promettenti. Gli studenti con diploma secondario superiore estero o comunque conseguito all estero sono stati collocati in una categoria a sé. Per risultare molto promettenti non è necessario possedere modalità favorevoli per tutte e sei le variabili inserite nell analisi. Naturalmente, inoltre, non sempre le aspettative di un buon rendimento negli esami universitari si sono tradotte in votazioni elevate: ad esempio il 6% degli studenti molto promettenti ha concluso il corso nel 2010 con voti relativamente bassi (collocati, cioè, nel peggiore quarto della graduatoria dei voti medi netti ). Analogamente, è accaduto che studenti non promettenti in termini di caratteristiche iniziali abbiano invece ottenuto voti alti (cioè appartenenti al migliore quarto della graduatoria). La distribuzione degli studenti promettenti o meno promettenti per settore disciplinare è tutt altro che uniforme. Fra i laureati post-riforma (2010), la presenza di studenti con caratteristiche iniziali favorevoli risulta particolarmente marcata in due aree di studio (fig.2a): matematica/fisica e medicina/odontoiatria. Anche altri percorsi (lettere e filosofia, biologico, veterinaria, chimicofarmaceutico e ingegneria) hanno un evidente sovrarappresentazione di studenti promettenti. All opposto le professioni sanitarie, educazione e formazione, informatica, il gruppo agrario esclusa veterinaria e, soprattutto, scienze motorie si distinguono per la prevalenza di studenti con caratteristiche iniziali relativamente poco favorevoli in termini di rendimento atteso. La presenza di accessi all università programmati ( numeri chiusi ) per alcune discipline è in grado di spiegare solo in parte queste differenze tra i percorsi di studio 14. Il confronto fra il post-riforma e il sistema universitario precedente (figg. 2a e 2b) mostra anche in questo caso una netta stabilità delle tendenze riscontrate. Esse, inoltre, rispecchiano pienamente i risultati emersi nel corso di due altre indagini. La prima di queste [Gasperoni e Mignoli 2010] riguarda i laureati di primo livello 2008 presso l Università di Bologna; la seconda [di Francia, Mignoli e Teixeira 2011] prende invece in considerazione i diplomati nel 2010 che intendono iscriversi all università e appartengono alle 160 scuole secondarie superiori pugliesi e calabresi che in quell anno hanno partecipato ad entrambi i progetti AlmaDiploma e AlmaOrièntati 15. Questa seconda indagine mette in evidenza che la presenza più elevata di 14 Nel sistema universitario italiano gli accessi ai corsi di laurea sono regolati attualmente dalla Legge 264/99, che prevede una programmazione a livello nazionale per i corsi di medicina e chirurgia, odontoiatria e protesi dentaria, professioni sanitarie, medicina veterinaria, architettura e scienze della formazione primaria e una programmazione attuata dalle singole università per i corsi il cui ordinamento didattico comporti l utilizzo di laboratori ad alta specializzazione, di sistemi informatici e tecnologici o di posti-studio personalizzati oppure preveda lo svolgimento di tirocini al di fuori dell ateneo. 15 Il progetto AlmaDiploma (si veda il sito prevede una rilevazione sui diplomati riguardante la loro esperienza scolastica e le loro prospettive future di studio o di lavoro. AlmaOrièntati 13

16 neodiplomati promettenti 16 si riscontra fra quanti intendono iscriversi a medicina/odontoiatria, matematica/fisica e lettere/filosofia, mentre la presenza minima riguarda scienze motorie, informatica ed educazione e formazione. Le caratterizzazioni dei percorsi universitari sono dunque le stesse rilevate fra i laureati, anche se occorre puntualizzare che, poiché la rilevazione sui diplomati avviene alla vigilia della conclusione degli studi secondari superiori, non sempre il corso a cui essi dichiarano di essere interessati coincide con quello a cui effettivamente si immatricoleranno quando, alcuni mesi più tardi, entreranno all università. Figura 2. Gli studenti promettenti Laureati per settore disciplinare di laurea e aspettativa di rendimento negli esami universitari -Composizioni percentuali- a) Laureati 2010 di primo livello e magistrali a ciclo unico MATEMATICA E FISICA MEDICINA E ODONTOIATRIA LETTERE E FILOSOFIA BIOLOGICO VETERINARIA CHIMICO-FARMACEUTICO INGEGNERIA LINGUISTICO GIURIDICO PSICOLOGICO ARCHITETTURA LETTERARIO escluse lettere e filosofia STATISTICO GEO-NATURALISTICO POLITICO-SOCIALE ECONOMICO PROFESSIONI SANITARIE EDUCAZIONE E FORMAZIONE INFORMATICA AGRARIO esclusa veterinaria SCIENZE MOTORIE TOTALE molto promettenti 100 abbastanza promettenti poco promettenti non promettenti diploma secondario estero (www.almalaurea.it/lau/orientamento) è un percorso di orientamento alla scelta universitaria dedicato principalmente agli studenti della scuola media superiore che intendono iscriversi all università. I diplomati coinvolti nell indagine sulle scuole pugliesi e calabresi aderenti alle due iniziative non possono essere considerati pienamente rappresentativi di nessuna realtà scolastica o territoriale; di conseguenza, i risultati che si possono ottenere dalla documentazione AlmaDiploma-AlmaOrièntati debbono essere interpretati con cautela. 16 Per stimare l aspettativa di rendimento negli esami universitari da parte dei diplomati delle scuole pugliesi e calabresi intenzionati ad iscriversi all università abbiamo tenuto conto delle stesse variabili utilizzate per i laureati 2010 applicando ad esse la funzione lineare che adotta gli stessi valori dei parametri β stimati attraverso quell analisi di regressione. Dopo aver determinato in questo modo l aspettativa di rendimento negli esami universitari per i diplomati, li abbiamo classificati nelle quattro categorie equinumerose molto promettenti, abbastanza promettenti, poco promettenti e non promettenti. 14

17 b) Laureati 2004 pre-riforma e magistrali a ciclo unico MATEMATICA E FISICA 50 MEDICINA E ODONTOIATRIA 43 INGEGNERIA 39 CHIMICO-FARMACEUTICO 30 BIOLOGICO LETTERE E FILOSOFIA 24 VETERINARIA 27 GIURIDICO 24 LINGUISTICO 26 POLITICO-SOCIALE ECONOMICO STATISTICO 20 INFORMATICA PSICOLOGICO 19 ARCHITETTURA 18 GEO-NATURALISTICO LETTERARIO escluse lettere e filosofia 16 AGRARIO esclusa veterinaria 15 EDUCAZIONE E FORMAZIONE SCIENZE MOTORIE TOTALE 1 0 molto promettenti 100 abbastanza promettenti poco promettenti non promettenti diploma secondario estero La ricerca condotta sui neodiplomati ha consentito, inoltre, di mettere in luce alcuni aspetti del profilo motivazionale degli studenti intenzionati ad iscriversi all università. Infatti il progetto AlmaOrièntati, a cui essi hanno partecipato, propone ai giovani una serie di frasi riguardanti la disponibilità all impegno, la capacità di affrontare gli imprevisti, l interesse per il nuovo, il valore attribuito alla formazione ; essi rispondono indicando in quale misura si identificano con il contenuto di ogni proposizione. Ne è emerso che l elemento che contraddistingue più di ogni altro gli studenti promettenti è la disponibilità a studiare anche le materie non gradite: in particolare sono molto disposti a studiarle il 55% dei diplomati molto promettenti e solo il 9% dei non promettenti. Gli altri aspetti che stando appunto alla loro percezione di sé caratterizzano in misura evidente gli studenti con buone aspettative di rendimento negli esami universitari sono: l importanza attribuita al successo nello studio, l impegno dedicato alla scuola, la capacità di non farsi distrarre da attività diverse dallo studio e la determinazione nell affrontare le difficoltà scolastiche. Conclusa questa breve digressione sui neodiplomati, riprendiamo l analisi riguardante i laureati. Per quanto riguarda il confronto tra università, 8 dei 56 atenei italiani coinvolti nel Profilo 2010 hanno una quota di promettenti superiore al 30% e, all opposto, 10 atenei ne hanno meno del 15%. Spesso questi risultati dipendono strettamente dalle discipline presenti nell offerta formativa dell ateneo: per esempio, i Politecnici (Torino e Bari) e le università a forte connotazione medica (Milano San Raffaele e Roma Campus Bio-Medico) hanno percentuali di promettenti nettamente superiori alla media. In linea generale i promettenti sono più presenti negli atenei di grandi dimensioni: sono infatti il 27% nei mega atenei (università con oltre iscritti nell a. a. 2007/08), il % negli atenei di grande dimensione ( iscritti), il 21% negli atenei medi ( ) e, se si escludono Roma Campus Bio-Medico e Milano San Raffaele, solo il 18% nei piccoli atenei (meno di iscritti). 15

18 I promettenti sono più disponibili degli altri a spostarsi per motivi di studio? Sì, ma le differenze sono contenute, come si rileva dalla tab. 4 in cui si focalizza l attenzionesui laureati che hanno conseguito il diploma secondario nell Italia meridionale e insulare e hanno scelto una sede universitaria del Centro-Nord. Tabella 4. Promettenti e mobilità per ragioni di studio Laureati per aspettativa di rendimento negli esami universitari e collocazione della sede degli studi universitari rispetto alla sede degli studi secondari superiori Composizioni percentuali nella stessa provincia della sede degli studi universitari (o in province limitrofe) in una provincia non limitrofa, ma nella stessa ripartizione geografica(a ) degli studi universitari hanno conseguito il diploma superiore: al Sud, ma si sono laureati al Centro- Nord(b) al Centro, ma si sono laureati al Nord o al Sud(b) al Nord, ma si sono laureati al Centro- Sud(b) all estero TOTALE molto promettenti 76,3 11,4 10,2 1,6 0,5-100,0 abbastanza promettenti 78,9 11,1 8,0 1,4 0,6-100,0 poco promettenti 78,9 11,2 7,9 1,4 0,6-100,0 non promettenti 77,9 12,0 7,4 1,6 1,1-100,0 diploma superiore estero ,0 100,0 TOTALE 76,0 11,1 8,1 1,5 0,7 2,6 100,0 (a) Le ripartizioni geografiche adottate per questa classificazione sono tre: Italia Settentrionale, Centrale e Meridionale (Isole comprese). (b) Esclusi coloro che hanno comunque concluso la scuola superiore in una provincia limitrofa a quella di laurea. Lo studio della distribuzione degli studenti più promettenti e meno promettenti nei corsi di laurea e negli atenei può portare ad una serie di applicazioni concrete. In particolare, conoscere il capitale umano con cui si ha a che fare può consentire ai docenti universitari (e più in generale a tutti coloro che si occupano di programmazione didattica) di calibrare gli insegnamenti tenendo conto delle caratteristiche dei fruitori. Prendere in considerazione questo aspetto, inoltre, è necessario per poter adottare criteri di valutazione del sistema universitario corretti ed efficaci. Se è ragionevole, infatti, considerare virtuosi gli Atenei, le Facoltà e i Corsi in grado di fornire valore aggiunto ai propri studenti, conoscere il loro livello iniziale è imprescindibile per determinare l incremento di formazione che quelle realtà universitarie riescono a realizzare. Può essere proficuo, infine, esaminare le situazioni in cui gli studenti promettenti non riescano a realizzare il proprio rendimento potenziale negli esami universitari. Si è osservato in precedenza, che circa il 6% dei laureati nel 2010 molto promettenti all ingresso ha poi concluso il corso di laurea collocandosi nella peggiore fascia di rendimento negli esami universitari. Questa evenienza non si è verificata in modo uniforme, bensì è risultata più frequente nel settore informatico (13%) e a matematica e fisica (10%), mentre è stata molto più rara (3% o meno) a medicina e odontoiatria, veterinaria e nel settore lettere e filosofia. Quali sono le ragioni di queste promesse mancate? Quali interventi si possono mettere in atto per prevenirle o perlomeno ridurle? 16

19 3. La regolarità negli studi universitari 3.1 Il ritardo alla laurea La seconda componente della riuscita negli studi universitari di cui ci siamo proposti di analizzarne i fattori esplicativi è il ritardo alla laurea. Per poter confrontare tra loro le esperienze di studenti che hanno concluso corsi di durata legale differente (dai 3 ai 6 anni) abbiamo preso in considerazione il numero di mesi di ritardo che il laureato ha accumulato in media per ciascun anno di corso previsto. Limitatamente alle analisi realizzate per questo articolo, il ritardo è stato calcolato secondo il criterio più severo possibile, ossia a decorrere dalla prima data utile per potersi laureare in corso (cioè dall inizio della sessione estiva) 17. Pertanto anche i laureati in corso, per questo articolo, risultano in generale ritardatari, sebbene il loro ritardo sia comunque contenuto. Le variabili esplicative del ritardo alla laurea sono le stesse dei laureati all ingresso già prese in considerazione per l analisi del voto medio degli esami: il genere, il titolo di studio dei genitori, la classe sociale, il diploma secondario superiore, il voto di diploma, la regolarità negli studi preuniversitari e i fattori motivazionali. Per l analisi della regolarità il fatto che la nostra indagine procede per contemporanei (in quanto i laureati hanno in comune l anno di laurea e non l anno di ingresso all università) rappresenta un fattore di disturbo più importante rispetto a quanto si verifica per l analisi delle votazioni. I dati sulla regolarità, infatti, risentono fortemente delle attivazioni di nuovi corsi di laurea, delle soppressioni di corsi e comunque della dinamica delle iscrizioni avvenute negli anni precedenti 18. Ne deriva che, anche per ragioni contingenti, la percentuale dei laureati in corso all interno di ciascun settore disciplinare è in generale piuttosto instabile negli anni. Per poter esaminare la regolarità negli studi secondo il settore disciplinare sarebbe più efficace adottare analisi strutturate per coorti, prendendo in considerazione gli immatricolati di ogni anno e seguendone la carriera (scelta, questa, che consentirebbe anche di misurare il fenomeno dell abbandono degli studi). Queste considerazioni, poiché la documentazione che utilizziamo è organizzata per contemporanei, ci hanno portato a rinunciare a stimare, in questa sede, l effetto del settore disciplinare sulla regolarità negli studi L effetto delle caratteristiche all ingresso sul ritardo alla laurea L influenza delle caratteristiche iniziali sul ritardo alla laurea (tab. 5) rispecchia in buona parte quanto emerso a proposito del voto medio degli esami. Di conseguenza, gli studenti con buone aspettative di successo in termini di voto medio d esame tendono ad essere favoriti anche dal punto di vista dei tempi di laurea. Abbiamo quindi preferito omettere, in questa sede, l analisi dei promettenti in relazione alla regolarità negli studi, poiché questo approccio avrebbe portato a conclusioni assimilabili a quelle già illustrate a proposito del rendimento negli esami. Le femmine tendono ad essere più veloci dei maschi, come si ricava dai risultati del modello 1. Fra i laureati nel 2010 il distacco ammonta in media a 1,4 mesi per anno di corso, che corrispondono, nell arco di un corso di durata triennale, a poco più di 4 mesi di differenza. Nel sistema universitario pre-riforma la distanza fra maschi e femmine era più contenuta (0,6 mesi per 17 Ai fini del calcolo, i ritardi alla laurea superiori ai 10 anni sono stati tutti equiparati a 10 anni. 18 Si pensi, ad esempio, ad un corso di laurea attivato per la prima volta in un certo ateneo nel Naturalmente tutti i laureati nel 2010 appartenenti a questo corso risulteranno perfettamente regolari e gli studenti ritardatari potranno arrivare alla laurea soltanto a partire dagli anni successivi. Dopo il 2010 la percentuale dei laureati perfettamente regolari appartenenti a questo corso di laurea è destinata pertanto a ridursi, ma ciò non significa che la regolarità da parte degli studenti iscritti al corso sia peggiorata. 19 Per l analisi del voto medio degli esami, invece, l effetto settore disciplinare è stato scomposto nelle due componenti efficacia della didattica (ipotizzata uniforme nei settori di studio) e prassi valutativa. 17

20 anno). Anche avere genitori con un buon grado di istruzione rappresenta una condizione favorevole, mentre la classe sociale risulta quasi ininfluente; dunque queste due variabili, relative al contesto socioeconomico di origine, influenzano la regolarità con effetti analoghi a quelli manifestati nei confronti delle votazioni. Per quanto riguarda gli studi secondari superiori (modello 2), i diplomi liceali (classico, scientifico e linguistico) si associano a tempi di laurea più brevi (di 1-2 mesi per anno di corso) rispetto ai diplomi professionali e tecnici. Naturalmente, anche il voto di diploma e la regolarità negli studi preuniversitari incidono sulla probabilità di accumulare ritardo all università. Il modello 3 mostra, per il 2010, l effetto esercitato dalle motivazioni nella scelta del corso universitario. Nel caso della regolarità negli studi, i migliori risultati (ossia i ritardi più contenuti) sono associati alle motivazioni legate agli sbocchi occupazionali del corso, a differenza di quanto accade per i voti medi d esame, che, come ricordato, concordano con le motivazioni culturali 20. Infine, il lavoro nel corso degli studi comporta una prevedibile tendenza all allungamento dei tempi di conseguimento della laurea. Dall analisi multidimensionale (modello 4) si ricava che per il 2010 i lavoratori-studenti hanno impiegato in media, a parità di condizioni all ingresso, quasi 3 mesi in più per ciascun anno di corso rispetto agli altri studenti che hanno svolto attività lavorative (studenti-lavoratori) e 5 mesi in più rispetto agli studenti che non hanno lavorato. Si tratta di differenze consistenti, che confermano le tendenze manifestate nel sistema universitario preriforma (laureati 2004). Si ricordi che lavorare nel corso degli studi universitari, a differenza di quanto accade per la regolarità negli studi, ostacola il rendimento negli esami in misura poco rilevante (cfr. 2.2). 20 Fra i laureati pre-riforma (2004) gli studenti più rapidi nel concludere gli studi sono risultati, a parità delle altre condizioni all ingresso, coloro che pensando al proprio futuro professionale ritengono più rilevante la coerenza del lavoro con gli studi che la possibilità di guadagno (tab. X.5b). Si tenga comunque presente che l analisi dell influenza dei fattori motivazionali per i laureati 2004 è difficilmente confrontabile con i risultati rilevati per il 2010, a causa della diversa formulazione dei quesiti su cui si basano le rispettive classificazioni. 18

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA)

Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Ripensare le votazioni? Napoli, 22 maggio 2012 Gian Piero Mignoli (ALMALAUREA) Indice Popolazioni analizzate Lauree di 1 livello e magistrali a ciclo unico Il voto medio negli esami L incremento di voto

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione dei laureati si manifesta una sovrarappresentazione dei figli delle classi avvantaggiate dal punto di vista socioculturale.

Dettagli

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università

Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università 2. Le caratteristiche dei laureati al loro ingresso all università Nella popolazione indagata si manifesta una sovrarappresentazione dei laureati provenienti da contesti familiari avvantaggiati dal punto

Dettagli

Le votazioni. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 123

Le votazioni. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 123 7. Le votazioni I fattori che incidono sulla probabilità di ottenere buoni risultati sono gli stessi che agivano nel precedente ordinamento universitario: genere (femminile), elevato grado di istruzione

Dettagli

AlmaLaurea: XV Profilo dei laureati italiani "Scelte, processi, esiti nell'istruzione universitaria"

AlmaLaurea: XV Profilo dei laureati italiani Scelte, processi, esiti nell'istruzione universitaria AlmaLaurea Working Papers ISSN 2239-9453 ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 71 Febbraio 2015 AlmaLaurea: XV Profilo dei laureati italiani "Scelte, processi, esiti nell'istruzione universitaria" Servizi per

Dettagli

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI

DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-DIPLOMA: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI DALLA SCUOLA DELL OBBLIGO ALLE SCELTE POST-: CONTESTO FAMILIARE, RIUSCITA SCOLASTICA, MOTIVAZIONI di Serena Cesetti 1. Aspetti introduttivi Questo studio, presentato al 4 Convegno Nazionale AlmaDiploma

Dettagli

ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 59. Febbraio 2014. Disuguaglianze di genere nella transizione al lavoro dei laureati

ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 59. Febbraio 2014. Disuguaglianze di genere nella transizione al lavoro dei laureati AlmaLaurea Working Papers ISSN 2239-9453 ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 59 Febbraio 2014 Disuguaglianze di genere nella transizione al lavoro dei laureati di Clementina Casula, Bruno Chiandotto Università

Dettagli

La regolarità negli studi

La regolarità negli studi 6. La regolarità negli studi Dall anno successivo a quello di applicazione della riforma universitaria al il ritardo alla laurea è sceso in media da 2,9 anni a 1,4 e l età alla laurea è passata da 27,9

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 15. Gli adulti all università La Riforma universitaria ha allargato la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. Tra i laureati entrati all università in età adulta, la presenza

Dettagli

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA)

Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale. Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA) Esperienza universitaria dei diplomati dell istruzione tecnica e professionale Milano, 29 maggio 2013 Davide Cristofori (ALMALAUREA) Indice Laureati 2012 per tipo di diploma I gruppi disciplinari di laurea

Dettagli

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione

PREMESSA. (1) È la stessa Commissione delle Comunità Europee a sottolineare che la preparazione PREMESSA I risultati della ricerca compiuta presentano due caratteristiche di particolare rilevanza nel panorama degli studi e delle analisi dedicati ad approfondire le peculiarità della mobilità internazionale

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. Tra i laureati magistrali entrati all università in età adulta,

Dettagli

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65

L indagine 2013. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 65 1. L indagine 2013 Il Profilo dei Laureati 2012 (indagine 2013) prende in considerazione quasi 227.000 laureati di 63 Atenei italiani, 2 dei quali partecipano per la prima volta (Roma Tor Vergata e Enna

Dettagli

Gli adulti all università

Gli adulti all università 13. Gli adulti all università La riforma universitaria ha allargato soprattutto nei primi anni di applicazione - la presenza degli studenti universitari immatricolati dopo i 19 anni. I laureati immatricolati

Dettagli

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59

L indagine 2014. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 59 1. L indagine 014 Il Profilo dei Laureati 013 (indagine 014) prende in considerazione quasi 30.000 laureati di 64 Atenei italiani (rispetto alla scorsa indagine partecipa per la prima volta anche l Ateneo

Dettagli

I diplomati e lo studio Anno 2007

I diplomati e lo studio Anno 2007 12 novembre 2009 I diplomati e lo studio Anno 2007 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. + 39 06 4673 2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673 3106 Informazioni e chiarimenti

Dettagli

Note metodologiche. numero dei laureati nel Profilo 2009. tipologia del corso

Note metodologiche. numero dei laureati nel Profilo 2009. tipologia del corso Note metodologiche Il Profilo dei Laureati 2009 utilizza in modo integrato: la documentazione degli archivi amministrativi dei 51 Atenei che hanno aderito ad AlmaLaurea prima del 2009; le informazioni

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI

DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI L istruzione universitaria nell ultimo decennio. All esordio dell European Higher Education Area DOMANDA E OFFERTA FORMATIVA: LE SCELTE DI STUDIO DEI GIOVANI Gian Piero Mignoli, Angelo di Francia (AlmaLaurea)

Dettagli

I laureati e lo studio

I laureati e lo studio 28 aprile 2006 I laureati e lo studio Inserimento professionale dei laureati Indagine 2004 Informazioni e chiarimenti: Servizio Popolazione, istruzione e cultura Viale Liegi, 13-00198 Roma Paola Ungaro

Dettagli

ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 63. Maggio 2014. Indagine pilota sugli esiti occupazionali dei laureati pre-riforma dopo dieci anni dalla laurea

ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 63. Maggio 2014. Indagine pilota sugli esiti occupazionali dei laureati pre-riforma dopo dieci anni dalla laurea AlmaLaurea Working Papers ISSN 2239-9453 ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 63 Maggio 2014 Indagine pilota sugli esiti occupazionali dei laureati pre-riforma dopo dieci anni dalla laurea di Chiara Cimini, Silvia

Dettagli

1. IL PROFILO DEL LAUREATO ERASMUS 1999

1. IL PROFILO DEL LAUREATO ERASMUS 1999 1. IL PROFILO DEL LAUREATO ERASMUS 1999 La popolazione complessiva osservata è quella dei 39.618 laureati appartenenti alle 18 università che hanno aderito al Progetto ALMALAUREA prima del 1999 che hanno

Dettagli

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni

Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni 3. Il lavoro durante gli studi e la frequenza alle lezioni Negli ultimi anni è stato osservato un aumento dei laureati che non hanno mai svolto un attività di lavoro durante gli studi. I lavoratori-studenti

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

I PERCORSI UNIVERSITARI DEI GIOVANI PRATESI di Paolo Sambo e Marcella Conte (Asel s.r.l.)

I PERCORSI UNIVERSITARI DEI GIOVANI PRATESI di Paolo Sambo e Marcella Conte (Asel s.r.l.) I PERCORSI UNIVERSITARI DEI GIOVANI PRATESI di Paolo Sambo e Marcella Conte (Asel s.r.l.) Quanti giovani pratesi si iscrivono all università, e con quali risultati? Come si differenziano i percorsi di

Dettagli

Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea. Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012

Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea. Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012 Profilo dei Laureati 2011 XIV Indagine AlmaLaurea Andrea Cammelli Napoli, 22 maggio 2012 Profilo dei Laureati 2011 Caratteristiche delle popolazioni indagate Riuscita negli studi Frequenza alle lezioni

Dettagli

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45

L indagine 2015. Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA 45 1. L indagine 2015 Il Profilo dei Laureati 2014 (indagine 2015) prende in considerazione quasi 230.000 laureati di 64 Atenei italiani. Cinque Atenei (Roma La Sapienza, Bologna, Napoli Federico II, Padova

Dettagli

ANALISI DELLA ALMADIPLOMA- ALMAORIÈNTATI DOCUMENTAZIONE

ANALISI DELLA ALMADIPLOMA- ALMAORIÈNTATI DOCUMENTAZIONE ANALISI DELLA DOCUMENTAZIONE ALMADIPLOMA- ALMAORIÈNTATI I n questa sua ultima parte, il Rapporto sui diplomati 2015 prende in considerazione gli studenti che hanno partecipato ad entrambe le rilevazioni

Dettagli

XIV RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI

XIV RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI AlmaLaurea Working Papers ISSN 2239-9453 ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 72 Marzo 2015 XIV RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI Laurearsi in tempi di crisi Come valorizzare gli studi universitari

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore a uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2013 sulla

Dettagli

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA PRIMA E DOPO IL DIPLOMA Caratteristiche, riuscita scolastica e prospettive di studio o lavoro dei diplomati nelle scuole di AlmaDiploma Il Progetto AlmaDiploma AlmaDiploma opera con tre obiettivi principali.

Dettagli

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014

INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 INDAGINE ALMADIPLOMA SULLE SCELTE FORMATIVE E OCCUPAZIONALI DEI DIPLOMATI 2014 Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero La diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo, è aumentata, seppure lievemente negli ultimi anni, soprattutto nell ambito

Dettagli

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma

Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Rapporto AlmaDiploma sulla condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria superiore ad uno, tre e cinque anni dal diploma Cosa avviene dopo il diploma? Il nuovo Rapporto 2014 sulla

Dettagli

Note metodologiche. numero dei laureati nel Profilo 2013. tipologia del corso

Note metodologiche. numero dei laureati nel Profilo 2013. tipologia del corso Note metodologiche Il Profilo dei Laureati 2013 utilizza in modo integrato: la documentazione degli archivi amministrativi dei 64 Atenei che hanno aderito ad AlmaLaurea prima del 2013; le informazioni

Dettagli

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA PRIMA E DOPO IL DIPLOMA Caratteristiche, riuscita scolastica, valutazioni, punti di forza e prospettive di studio e di lavoro dei diplomati nelle Scuole di AlmaDiploma Il Progetto AlmaDiploma A lmadiploma

Dettagli

Quale futuro per i diplomati?

Quale futuro per i diplomati? Quale futuro per i diplomati? A Milano, martedì 11 dicembre 2007, quinto convegno AlmaDiploma. Identikit di quasi settemila ragazzi usciti a luglio dalle scuole superiori Chi sono i diplomati italiani,

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

PROFILO DEI LAUREATI 2002. Giovedì 12 giugno 2003 IUAV Università degli Studi

PROFILO DEI LAUREATI 2002. Giovedì 12 giugno 2003 IUAV Università degli Studi PROFILO DEI LAUREATI 2002 Giovedì 12 giugno 2003 IUAV Università degli Studi Piemonte Orientale Università di Torino Politecnico di Torino Genova Milano IULM Parma Modena e Reggio Emilia Trento IUAV Udine

Dettagli

Breve nota informativa a cura dell OSSERVATORIO REGIONALE PER L UNIVERSITA E IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO

Breve nota informativa a cura dell OSSERVATORIO REGIONALE PER L UNIVERSITA E IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO Il profilo e gli esiti occupazionali dei laureati al Politecnico di Torino 1 Il profilo e gli esiti occupazionali dei laureati al Politecnico di Torino Breve nota informativa a cura dell OSSERVATORIO REGIONALE

Dettagli

Le prospettive di studio

Le prospettive di studio . Le prospettive di studio I laureati che intendono proseguire gli studi dopo la laurea sono il % tra i laureati di primo livello (la maggioranza opta per la laurea magistrale) e quasi la metà fra i laureati

Dettagli

Investire nei giovani: se non ora, quando?

Investire nei giovani: se non ora, quando? AlmaLaurea Working Papers ISSN 2239-9453 ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 68 Settembre 2014 Investire nei giovani: se non ora, quando? di Andrea Cammelli AlmaLaurea This paper can be downloaded at: AlmaLaurea

Dettagli

I laureati di cittadinanza estera

I laureati di cittadinanza estera 14. I laureati di cittadinanza estera Tra il 2006 e il 2012 la quota dei laureati di cittadinanza estera è aumentata, passando dal 2,3 al 3,0 per cento. Quasi il 60 per cento dei laureati esteri provengono

Dettagli

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente

La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente le prospettive lavorative dei laureati Laureati in corsi lunghi e di durata triennale: quanti trovano lavoro? Nel 2007 il 73,2% dei laureati

Dettagli

Note metodologiche. 1. Fonti e universi di riferimento

Note metodologiche. 1. Fonti e universi di riferimento Note metodologiche Il Profilo dei Diplomati AlmaDiploma 2014 utilizza in modo integrato i dati amministrativi forniti dagli Istituti coinvolti nel Progetto AlmaDiploma e le informazioni ricavate dai questionari

Dettagli

Capitolo 8 LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI NEL 2014

Capitolo 8 LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI NEL 2014 Osservatorio Istruzione e Formazione professionale Piemonte 2014 Capitolo 8 LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DEI LAUREATI NEL 2014 L approfondimento sulla condizione occupazionale dei laureati nel 2014 sfrutta,

Dettagli

Matricole, fuori corso, laureati:

Matricole, fuori corso, laureati: Matricole, fuori corso, laureati: i numeri dell università Perché la riforma universitaria In Italia ci sono ancora pochi laureati. È quanto sentiamo ripetere spesso quando si discute del livello di istruzione

Dettagli

Le esperienze di studio all estero

Le esperienze di studio all estero 5. Le esperienze di studio all estero Promuovere lo studio all estero è uno degli obiettivi della riforma universitaria; la diffusione delle esperienze di studio all estero fra i laureati, a livello complessivo,

Dettagli

AlmaLaurea: i laureati in Giurisprudenza si raccontano. Lo studio e il lavoro, ecco le loro performance. Con il primo identikit dei dottori triennali

AlmaLaurea: i laureati in Giurisprudenza si raccontano. Lo studio e il lavoro, ecco le loro performance. Con il primo identikit dei dottori triennali COMUNICATO STAMPA AlmaLaurea: i laureati in Giurisprudenza si raccontano. Lo studio e il lavoro, ecco le loro performance. Con il primo identikit dei dottori triennali Torino, 13 dicembre 2005 AlmaLaurea

Dettagli

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA PRIMA E DOPO IL DIPLOMA Commento dei risultati AlmaDiploma Il Progetto AlmaDiploma A lmadiploma persegue tre obiettivi principali. Il primo intento è contribuire, mediante la documentazione raccolta, alla

Dettagli

Le prospettive di lavoro

Le prospettive di lavoro 12. Le prospettive di lavoro Alla conclusione del corso di studi 34 laureati di primo livello su 100 intendono cercare lavoro e altri 18 lavorano già o hanno comunque trovato un impiego; tra i laureati

Dettagli

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010.

Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015. Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010. Focus Gli immatricolati nell anno accademico 2014/2015 Approfondimento: Il percorso universitario dei diplomati 2010 (Maggio 2015) La presente pubblicazione fa riferimento a dati elaborati a Marzo 2015.

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANNO 2013

RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANNO 2013 RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANNO 2013 SETTEMBRE 2014 NUCLEO DI VALUTAZIONE DI ATENEO UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM 1 Le elaborazioni e le informazioni contenute nella relazione sono state prodotte

Dettagli

I giudizi sull esperienza universitaria

I giudizi sull esperienza universitaria . I giudizi sull esperienza universitaria Tra i laureati si rileva una generale soddisfazione per l esperienza universitaria nei suoi diversi aspetti. Sono molto apprezzati il corso di studio inteso come

Dettagli

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11

Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Il successo degli studenti del liceo Cornaro all Università di Padova nell anno accademico 2010-11 Materiali per l autovalutazione e la rendicontazione sociale Settembre 2011 Il successo degli studenti

Dettagli

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA

PRIMA E DOPO IL DIPLOMA PRIMA E DOPO IL DIPLOMA Commento dei risultati AlmaDiploma Il Progetto AlmaDiploma A lmadiploma persegue tre obiettivi principali. Il primo intento è contribuire, mediante la documentazione raccolta, alla

Dettagli

XVI RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI ITALIANI

XVI RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI ITALIANI XVI RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI ITALIANI Sintesi di Andrea Cammelli e Giancarlo Gasperoni Opportunità e sfide dell istruzione universitaria in Italia Il Rapporto 2014 AlmaLaurea sul Profilo

Dettagli

LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA. Lucia Maddalena e Sara Debora Spadaccino

LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA. Lucia Maddalena e Sara Debora Spadaccino Dipartimento di Scienze Economiche, Matematiche e Statistiche Università degli Studi di Foggia LE SCELTE E GLI ESITI IN RELAZIONE AL GENERE NEI DIVERSI CORSI DI STUDI DELL UNIVERSITA DI FOGGIA Lucia Maddalena

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 35 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE

7ISTRUZIONE E FORMAZIONE 7ISTRUZIONE E FORMAZIONE Nell anno scolastico 2012/2013 gli studenti iscritti nelle scuole di diverso grado e ordine sono quasi nove milioni, circa 17.500 in meno rispetto al precedente anno. Gli alunni

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (febbraio 2012) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2010/2011 Immatricolati Anno Accademico 2011/2012 (febbraio 2012) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

prima di cominciare a leggere

prima di cominciare a leggere orientarsi con la statistica Universita e lavoro 2009 Alcuni consigli prima di cominciare a leggere L Istat è da sempre un attento osservatore dei fenomeni e dei cambiamenti in atto nella società italiana,

Dettagli

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi

La diffusione e la qualità dei tirocini formativi 6. La diffusione e la qualità dei tirocini formativi Uno degli elementi più rilevanti nella riorganizzazione della didattica introdotta dalla riforma universitaria è l attenzione riservata alle attività

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA

Tavola 5.1 Alunni iscritti nelle scuole statali, anno 2007/08 e 2006/07 Infanzia Primaria Sec. I grado Sec. II grado Totale PROVINCIA 5 ISTRUZIONE In questo capitolo sono presentati i dati sull istruzione scolastica ed universitaria, i dati provengono dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca, che ora accorpa il

Dettagli

I LAUREATI DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FRA VECCHIO ORDINAMENTO E NUOVI CORSI DI LAUREA: PROFILO E CONDIZIONE OCCUPAZIONALE

I LAUREATI DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FRA VECCHIO ORDINAMENTO E NUOVI CORSI DI LAUREA: PROFILO E CONDIZIONE OCCUPAZIONALE I LAUREATI DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FRA VECCHIO ORDINAMENTO E NUOVI CORSI DI LAUREA: PROFILO E CONDIZIONE OCCUPAZIONALE Messina, 12 ottobre 2007 Giova deliberare senza conoscere?. L interrogativo

Dettagli

I laureati in ingegneria chimica: : cosa ci dicono i dati AlmaLaurea?

I laureati in ingegneria chimica: : cosa ci dicono i dati AlmaLaurea? I laureati in chimica: : cosa ci dicono i dati AlmaLaurea? Prof. Francesco Ferrante Comitato scientifico di AlmaLaurea L istruzione è cosa ammirevole ma ogni tanto ci farebbe bene ricordare che non si

Dettagli

ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 60. Febbraio 2014. Investire in formazione dopo la laurea: il dottorato di ricerca in Italia

ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 60. Febbraio 2014. Investire in formazione dopo la laurea: il dottorato di ricerca in Italia AlmaLaurea Working Papers ISSN 2239-9453 ALMALAUREA WORKING PAPERS no. 60 Febbraio 2014 Investire in formazione dopo la laurea: il dottorato di ricerca in Italia di Gianluca Argentin, Gabriele Ballarino,

Dettagli

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza*

Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia. Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* Barbara Pes Manager didattico Facoltà di Economia Un analisi dei rendimenti della didattica delle Facoltà: punti di forza e di debolezza* I Manager didattici hanno il principale obiettivo di facilitare

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE

DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE DIREZIONE AMMINISTRATIVA UFFICIO STATISTICHE E CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI DOMANDA FORMATIVA Indagiine conosciitiiva sugllii iimmatriicollatii aii corsii dii llaurea triiennalle dellll Uniiversiità dell

Dettagli

I tirocini formativi

I tirocini formativi . I tirocini formativi Uno degli elementi più rilevanti nella riorganizzazione della didattica introdotta dalla riforma universitaria è l attenzione riservata alle attività formative diverse dagli insegnamenti

Dettagli

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013)

Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università (Aprile 2013) Focus Il passaggio dalla scuola secondaria di secondo grado all Università Diplomati Anno Scolastico 2011/2012 Immatricolati Anno Accademico 2012/2013 (Aprile 2013) La presente pubblicazione fa riferimento

Dettagli

Le prospettive di lavoro

Le prospettive di lavoro 12. Le prospettive di lavoro Alla conclusione del corso di studi 35 laureati di primo livello su 100 intendono cercare lavoro e altri 17 lavorano già o hanno comunque trovato un impiego; tra i laureati

Dettagli

La borsa di studio in Piemonte:

La borsa di studio in Piemonte: La borsa di studio in Piemonte: l impatto sulle performance accademiche dei beneficiari Federica Laudisa, Laura Maneo Giugno 2012 Le domande dell indagine Quanti studenti mantengono la borsa nel corso

Dettagli

Le condizioni di vita nelle città universitarie

Le condizioni di vita nelle città universitarie 10. Le condizioni di vita nelle città universitarie I giudizi espressi dai laureati sui servizi offerti dalle città possono essere di grande interesse per i rispettivi amministratori. I trasporti e i servizi

Dettagli

PROFILO DEI LAUREATI. 1. ANAGRAFICO Collettivo. 2. ORIGINE SOCIALE Collettivo selezionato. Collettivo selezionato. Numero dei laureati 25

PROFILO DEI LAUREATI. 1. ANAGRAFICO Collettivo. 2. ORIGINE SOCIALE Collettivo selezionato. Collettivo selezionato. Numero dei laureati 25 ALMA LAUREA anno di laurea: 2014 tipo di corso: laurea specialistica/magistrale Ateneo: Bari Facoltà/Dipartimento/Scuola: Bioscienze, biotecnologie e biofarmaceutica (Dip.) gruppo disciplinare: geo-biologico

Dettagli

Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014

Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014 Gli iscritti ai corsi di Laurea e di Laurea Magistrale del DIMI Analisi statistiche sui dati 2009-2014 Le statistiche proposte si basano su due fonti di dati. Gli archivi della Segreteria didattica hanno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Orientamento e Comunicazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione Orientamento e Comunicazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI Direzione Orientamento e Comunicazione Sbocchi occupazionali dei laureati nel 2007 dell Università degli Studi di Cagliari ad un anno dalla laurea Laureati Specialistici a Ciclo

Dettagli

Consulta le note metodologiche. Collettivo selezionato. Collettivo selezionato. Collettivo

Consulta le note metodologiche. Collettivo selezionato. Collettivo selezionato. Collettivo Selezionato: anno di laurea: 2013 tipo di corso: laurea di primo livello Ateneo: Calabria Facoltà/Dipartimento/Scuola: Studi umanistici (Dip.) gruppo disciplinare: tutti classe di laurea: lingue e culture

Dettagli

http://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/visualizza.php...

http://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/visualizza.php... Selezionato: cambia anno di laurea: 2011 tipo di corso: laurea specialistica/magistrale Ateneo: Torino Facoltà/Dipartimento/Scuola: tutte gruppo disciplinare: geobiologico classe di laurea: biotecnologie

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente? Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro? Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

4I LAUREATI E IL LAVORO

4I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO Meno disoccupati tra i laureati oltre i 35 anni La formazione universitaria resta un buon investimento e riduce il rischio di disoccupazione: la percentuale

Dettagli

L inserimento professionale dei dottori di ricerca

L inserimento professionale dei dottori di ricerca 14 dicembre 2010 L inserimento professionale dei dottori di ricerca Anno 2009-2010 Tra dicembre 2009 e febbraio 2010 l Istat ha svolto per la prima volta l indagine sull inserimento professionale dei dottori

Dettagli

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM)

PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) PROFILO ORIENTATIVO DI ISTITUTO IIS R. Rossellini, COMUNE DI ROMA (RM) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione del percorso AlmaOrièntati che ha coinvolto 97 studenti

Dettagli

I PERCORSI DI STUDIO E DI LAVORO DEI DIPLOMATI

I PERCORSI DI STUDIO E DI LAVORO DEI DIPLOMATI 27 dicembre 2012 Indagine 2011 sui diplomati del 2007 I PERCORSI DI STUDIO E DI LAVORO DEI DIPLOMATI Nel 2011 è occupato il 45,7% dei diplomati che hanno conseguito il titolo nel 2007; di questi, otto

Dettagli

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %]

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %] Corso di Studio: Laurea in Ingegneria Edile-Architettura Classe: LM- Architettura e Ingegneria Edile-Architettura Sede: Pavia RAPPORTO DI RIESAME INIZIALE 21 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME -21 Tab. 1

Dettagli

L università piemontese nel 2014/15

L università piemontese nel 2014/15 5/6 6/7 7/8 8/9 9/1 1/11 11/12 12/13 13/14 14/15 L università piemontese nel 214/15 SISFORM Osservatorio sul sistema formativo piemontese ARTICOLO 2/ 215 (AGOSTO) QUANTI UNIVERSITARI STUDIANO IN PIEMONTE?

Dettagli

ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI

ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI ACCESSO AL LAVORO. LE POTENZIALITÀ DEI COLLEGI Lo scenario Qual è la condizione occupazionale di coloro che sono stati studenti nei Collegi universitari italiani? Quale tipo di percorso formativo hanno

Dettagli

L esperienza universitaria: giovani e adulti a confronto 1

L esperienza universitaria: giovani e adulti a confronto 1 L esperienza universitaria: giovani e adulti a confronto 1 di Davide Cristofori Consorzio Interuniversitario ALMALAUREA La Riforma degli ordinamenti didattici (DM 509/99) ha avuto tra i suoi obiettivi

Dettagli

Laureati in Giurisprudenza: l organizzazione degli studi e gli sbocchi professionali in Italia

Laureati in Giurisprudenza: l organizzazione degli studi e gli sbocchi professionali in Italia Laureati in Giurisprudenza: l organizzazione degli studi e gli sbocchi professionali in Italia Nel pieno della trasformazione del corso di laurea in Giurisprudenza - un dibattito che sta attraversando

Dettagli

Allegato 3_Analisi Questionari CNVSU per la valutazione della didattica_ A.A. 2011-12_per Riesame 2013

Allegato 3_Analisi Questionari CNVSU per la valutazione della didattica_ A.A. 2011-12_per Riesame 2013 Allegato 3_Analisi Questionari CNVSU per la valutazione della didattica_ A.A. 2011-12_per Riesame 2013 Questionari CNVSU di valutazione della didattica (forniti al CdS dal NVA) - Sito web del CdS---Valutazione

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli

Risultati della compilazione dei questionari AlmaOrièntati e AlmaDiploma

Risultati della compilazione dei questionari AlmaOrièntati e AlmaDiploma Risultati della compilazione dei questionari AlmaOrièntati e AlmaDiploma ISTITUTO IIS G. Salvemini, COMUNE DI ALESSANO (LE) Di seguito sono riportati i principali risultati emersi dalla compilazione dei

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

XIV RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI ITALIANI

XIV RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI ITALIANI XIV RAPPORTO ALMALAUREA SUL PROFILO DEI LAUREATI ITALIANI Sintesi di Andrea Cammelli Laurearsi in tempi di crisi Come valorizzare gli studi universitari Nel corso dell ultimo anno si sono consolidati i

Dettagli