Elementi grafici per Matematica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi grafici per Matematica"

Transcript

1 Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni Definizione Esempi Verificre iniettività e suriettività dl grfico L rett Esempi in Economi: l normlizzzione e il regime dell interesse semplice L prbol Alcuni grfici notevoli Esempi in Economi: il regime dell interesse composto....9 Grfico dell funzione invers.... Grfici ottenuti medinte trsformzioni elementri Equzioni Equzioni di o grdo Equzioni di o grdo Sistemi di equzioni Altri tipi di equzioni Risoluzione grfic di equzioni Il metodo di bisezione Il metodo itertivo Esempi in Economi: determinzione del tsso di un rendit Disequzioni Disequzioni di o grdo Disequzioni di o grdo Sistemi di disequzioni Altri tipi di disequzioni Derivte Interpretzione geometric di f `() Interpretzione geometric di f ``() Esempi Integrli Integrli definiti Interpretzione geometric del teorem fondmentle del clcolo integrle Esempi Bibliogrfi Indice nlitico... 6 Alberto Zorzi //. Ringrzio il prof. Andre Ellero per i commenti e le correzioni.

2 Sistemi di coordinte crtesine Nel seguito si esminno oggetti geometrici del pino quli: punti, rette, curve, ecc. Inizimo dll oggetto più semplice, il punto, e come primo obiettivo vedimo come identificre (cioè come dre un nome ) i punti di un rett ed i punti di un pino. Sistemi di coordinte crtesine sull rett Per identificre i punti di un rett fissimo: un punto O dell rett (detto origine), un verso (indicto con un frecci) ed un unità di misur (cioè un esempio di segmento di lunghezz ). Allor, ogni punto P dell rett può essere identificto dll su distnz d O, pres con segno mggiore o minore di zero second che P sti destr o sinistr di O (se l rett è orientt verso destr come nel disegno) P il numero è detto coordint di P. L origine, il verso e l unità di misur fissti sull rett costituiscono un sistem di coordinte crtesine per l rett. Sistemi di coordinte crtesine nel pino Per identificre i punti del pino il metodo che si utilizz è sostnzilmente nlogo quello dottto per identificre i punti di un crt geogrfic dove ciscun punto è individuto d due distnze: l longitudine (distnz tr il punto e il meridino di Greenwich) e l ltitudine (distnz tr il punto e l equtore). Nel cso del pino si fissno due rette (dette ssi crtesini ortogonli e che corrispondono l meridino di Greenwich e ll equtore) tr loro ortogonli e ciscun dott di un proprio sistem di coordinte crtesine; inoltre le due rette devono intersecrsi nelle rispettive origini. Allor, ogni punto P del pino è identificto dlle sue distnze ed y dlle due rette, prese con segni concordi lle coordinte delle proiezioni P e P y sulle rispettive rette: y P y P P y Per convenzione un sse (detto sse delle scisse ed indicto in genere con ) è disegnto orizzontlmente ed orientto verso destr, mentre l ltro (detto sse delle ordinte ed indicto in genere con y ) è disegnto verticlmente ed orientto verso l lto:

3 I numeri ed y sono detti le coordinte del punto P; e y sono detti rispettivmente l sciss e l ordint di P. Per indicre che il punto P h le coordinte e y si scrive P = (, y ). I due ssi crtesini costituiscono un sistem di coordinte crtesine (ortogonli) per il pino. Osservzioni: ) è importnte l ordine in cui sono specificte le coordinte (per convenzione si specific sempre prim l sciss e poi l ordint); d esempio, le coppie (,5) e (5,) rppresentno due punti diversi ) due punti sono distinti se e solo se hnno lmeno un coordint divers 3) ci sono infinite scelte di possibili sistemi di coordinte crtesine ortogonli per il pino e in genere uno stesso punto h coordinte diverse in sistemi diversi ( meno che il punto non si il centro dell rotzione che trsform un sistem nell ltro) 4) medinte un sistem di coordinte d ogni punto P del pino si può ssocire un unic coppi di numeri (le coordinte di P) e, vicevers, d ogni coppi di numeri è ssocito un unico punto del pino 5) l corrispondenz tr punti del pino e coppie (ordinte) di numeri consente, oltre che l identificzione dei punti, nche di trttre i punti numericmente. Ad esempio, note le coordinte di due punti è fcile clcolre l loro distnz (medinte il teorem di Pitgor): se d esempio P (,6) e ( 5,) = P llor l loro distnz è dt d: (5 ) + ( 6) = 5 = 3

4 Grfici di funzioni Nel seguito, slvo vviso esplicito contrrio, si trttno funzioni del tipo f : A R, con A R ; l legge dell funzione è indict con f() = espressione oppure con y = espressione (d esempio f ( ) = 5 oppure y = 5).. Definizione Un modo per rppresentre grficmente un funzione è quello di disegnrne il grfico: il grfico di un funzione f : A R è l insieme f ( ) l delle coppie di numeri ( ), vrire di nel dominio A; per disegnre il grfico di un funzione se ne riportno tutti i punti nel pino ottenendo ottenendo un disegno del tipo seguente: Se A e B sono due insiemi non vuoti, llor si h un funzione f() d A B (e si scrive f: A B) se è definit un legge che d ogni elemento A ssoci un unico elemento f( ) B. Gli insiemi A e B sono detti rispettivmente dominio e codominio di f(), mentre l insieme Im(f)={f(): A} è detto immgine di f(). f() (, f( )) f( ) Siccome l prim coordint di un punto del grfico è rppresent (per convenzione) un vlore del dominio, llor nel disegno del grfico di un funzione f (), il dominio (indicto con Dom(f)) è rppresentto sull sse mentre l immgine (indict con Im(f)) è rppresentt sull sse y. Per disegnre gli insiemi Dom(f) e Im(f) è sufficiente proiettre l line del grfico di f () sugli ssi come illustrto: y y f() f() Dom(f) Im(f) Il procedimento in certi csi si può estendere nche funzioni in cui il dominio o l immgine non sino insiemi limitti, quli d esempio l funzione esponenzile (pr..7) e l funzione logritmo (pr..9 b)). 4

5 . Esempi ) Vedimo come disegnre il grfico di un semplice funzione. Si f : R R con legge f ( ) = + 6 ; sceglimo dl dominio dei vlori per, d esempio = 3,,, 5, e li riportimo nell prim colonn di un tbell; nell second colonn scrivimo i corrispondenti vlori f () delle ordinte: f() Ogni rig dell tbell rppresent un punto del grfico dell funzione; riportndo i punti su un sistem di ssi crtesini e trccindo un line che li unisc si ottiene: b) il procedimento descritto per disegnre il grfico di un funzione (scegliere dei punti ed unirli) h dto un risultto corretto nel cso dell esempio precedente: si trttv di un rett ed i quttro punti utilizzti erno più che sufficienti (ne bstvno ). M, se d esempio l funzione fosse 3 stt: f : R R con f ( ) = 6 + 6, scegliendo i vlori di sciss = e = 4 si ottengono i punti (, 6) e ( 4,6) che uniti dnno un rett (quell trtteggit) che non è il grfico dell funzione (indicto dll line non trtteggit): D ltr prte non si possono riportre tutti i punti del grfico perché in questo cso (come nche nell mggior prte di quelli trttti in seguito) sono infiniti. Occorre dunque un metodo più sofisticto per disegnre degutmente nche grfici di funzioni che non sino semplici rette; 5

6 un procedimento migliore (che consider le trsformzioni coinvolte nell descrizione dell legge dell funzione) è illustrto nel prgrfo.. c) non tutti i grfici sono necessrimente grfici di funzioni; non lo è d esempio il seguente: inftti, esiste un rett prllel ll sse y che intersec il grfico in più punti; dunque, esiste un vlore del dominio cui sono ssociti più vlori del codominio, contrddicendo l richiest di univocità presente nell definizione di funzione d) un funzione f () è dett crescente se ll umentre del vlore di ument nche quello di f () : se cioè, per qulsisi coppi di elementi ed del dominio, se < llor f ( ) f ( ). Se invece f ( ) < f ( ) o f ( ) f ( ) o f ( ) > f ( ), llor l funzione è dett rispettivmente strettmente crescente, decrescente e strettmente decrescente. f( ) f( ) funzione crescente f( ) f( ) funzione decrescente L definizione si estende in modo ovvio qulsisi sottoinsieme del domino. e) un punto del dominio dell funzione f () è detto punto di mssimo ssoluto di f (), se in l funzione ssume il vlore mssimo, se cioè f ( ) f ( ) per ogni pprtenente Dom(f) (e dunque f ) è il mssimo per l insieme Im(f)). ( Se invece f ( ) f ( ) solo per i punti del dominio contenuti in un qulsisi intervllo perto contenente, llor è detto un punto di mssimo locle (o reltivo) di f (). In modo nlogo si possono dre le definizioni di punto di minimo ssoluto e punto di minimo locle (o reltivo). Nell esempio seguente i punti di mssimo o di minimo dell funzione f () sono: - mssimi locli: e 3 - minimo ssoluto: 6

7 - minimi locli: 4 e 6 - mssimi ssoluti: 5 e 7 Im(f) f() Dom(f) 7

8 .3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico Ci proponimo di verificre se un funzione è iniettiv o suriettiv nlizzndone il grfico. In generle, un funzione non è iniettiv se esistono lmeno due vlori del dominio con immgini uguli. Allor, ricordndo che il dominio è L funzione f: A B è iniettiv se per ogni coppi di elementi, A si h f( ) f( ) se. L funzione f: A B è suriettiv se Im(f)=B. Un funzione è biiettiv se è iniettiv e suriettiv. rppresentto sempre sull sse ed il codominio sull sse y, un funzione non è iniettiv se esiste un rett prllel ll sse che ne intersec in più punti il grfico. Vicevers, il grfico di un funzione iniettiv intersec qulsisi rett prllel ll sse in l mssimo un punto: y f() 3 non è iniettiv: f( )= f( )= f( 3 )= y è iniettiv In generle, un funzione strettmente crescente è certmente iniettiv perché fissti due elementi distinti del dominio, quello mggiore corrisponde l immgine mggiore e quindi le immgini sono distinte. Idem per le funzioni strettmente decrescenti. Nel cso invece dell suriettività, un funzione non è suriettiv se esiste un vlore del codominio che non è immgine di nessun vlore del dominio. Dunque, un funzione non è suriettiv se esiste un rett prllel ll sse (con ordint un vlore y pprtenente l codominio) che non ne intersec il grfico. Vicevers, se qulsisi rett di questo tipo intersec il grfico, l funzione è suriettiv. Ad esempio, supponendo che il codominio si il trtto di sse y rppresentto, si h: y non è suriettiv è suriettiv 8

9 .4 L rett Si è visto che utilizzndo un sistem di coordinte crtesine ortogonli i punti del pino possono essere identificti medinte coppie di numeri. Vedimo or come identificre le rette del pino. Evidentemente, per identificre un rett non srà sufficiente un coppi di numeri: inftti un rett è costituit d infiniti punti e quindi di coppie di numeri gliene dovremmo ssocire infinite. Come fre? Osservimo innnzi tutto che un rett non è sempre il grfico di un funzione: non lo è se è prllel ll sse y; trttimo prim questo cso. º cso: rette prllele ll sse y Considerimo, d esempio, l rett r prllel ll sse y e che intersec l sse nel punto di sciss 7: è costituit d tutti e soli i punti del pino che hnno sciss ugule 7, cioè d tutti e soli i punti (, y) tli che = 7. Dunque, i punti dell rett sono tutti e solo quelli con coordinte (, y) che sono soluzioni dell equzione = 7 (ttenzione: si trtt di un equzione in due vribili, il ftto che l y non compi signific semplicemente che ll y si può ssegnre qulsisi vlore). In definitiv d un rett bbimo ssocito un equzione che h come soluzioni esttmente le coppie (ordinte) di numeri che rppresentno punti dell rett; diremo che = 7 è l equzione dell rett r. r h equzione = 7 7 In generle:.l equzione di un rett prllel ll sse y e di sciss c h equzione = c. º cso: rette non prllele ll sse y Anche in questo cso, come nel precedente, cerchimo di ssocire d un rett un equzione in due vribili che bbi come soluzioni tutte e sole le coppie di numeri che sono coordinte di punti dell rett. Trttndosi di un rett non prllel ll sse y il suo grfico rppresent il grfico di un funzione e perciò ci spettimo di trovre un equzione del tipo: y = qulcos (che trttndosi di un funzione potremmo nche scrivere nell notzione equivlente: f() = qulcos ). Nel cso più semplice in cui l rett si prllel ll sse si ottiene, nlogmente l cso precedente, che:.l equzione di un rett prllel ll sse e di ordint c h equzione y = c. Per determinre invece l equzione di un rett r non prllel gli ssi, innnzi tutto individuimo l rett fissndone due punti distinti P = (, y) e P = (, y ). Sceglimo poi un terzo punto P = (, y) e cerchimo le condizioni che devono soddisfre le sue coordinte ffinché pprteng ll rett. 9

10 P r P P A B y y y Come è evidente dl disegno, P pprtiene ll rett se e solo se i tringoli P AP e P BP hnno i lti prlleli, cioè se e solo se i due tringoli sono simili, o equivlentemente, se e solo se vle l PB P B seguente proporzione tr i loro lti: =. P A P A Osservndo che PB = y y, P A = y y, P B = e P A =, sostituendo si ottiene: l equzione di un rett non prllel gli ssi e pssnte per i punti ( ) e ( ) y.. y Ricvndo l y si h: y y =, y, y è: y y y y y = + y (che h significto solo se, se cioè m l rett non è prllel ll sse y); sostituendo m e q lle espressioni indicte si ottiene l: q.equzione esplicit dell rett: y = m + q che rppresent un generic rett non prllel ll sse y; il numero m è detto coefficiente ngolre e q ordint ll origine. I numeri m e q hnno un prticolre significto geometrico. Vedimo prim il significto geometrico di q: se nell equzione y = m + q si pone =, si trov y = q e quindi il punto (, q) pprtiene ll rett. Dunque:.q rppresent l ordint del punto in cui l rett di equzione y = m + q intersec l sse y. y = m + q q

11 Per qunto rigurd invece il significto geometrico di m, supponimo di vere due rette distinte con uguli coefficienti ngolri, m diverse ordinte ll origine, di equzioni y = m + q e y = m + q. Se le due rette vessero un punto (, y ) in comune, llor le sue coordinte dovrebbero essere un soluzione per entrmbe le equzioni, si dovrebbe cioè vere: y = m + q e y = m + q, che sottrtte membro membro dnno q = q, contrddicendo l ipotesi che le ordinte ll origine fossero diverse. Dunque, le due rette non possono vere un punto in comune e devono perciò essere prllele. Vicevers, procedendo in modo nlogo si può dimostrre che due rette con differenti coefficienti ngolri hnno un punto in comune e perciò non sono prllele. Perciò, in definitiv, si h che:.le rette di equzioni y = m + q e y = m + q sono prllele se e solo se m = m Ad esempio, sono prllele tutte le rette di coefficiente ngolre : y = + y = + y = y = - - Vedimo or come vri l inclinzione di un rett (sempre non prllel ll sse y) l vrire del coefficiente ngolre m. Dto che ci interess solo l inclinzione dell rett, possimo per semplicità supporre di mntenere q = ; llor l rett h equzione y = m e pss per i punti, m, e l vrire di m l inclinzione vri come indicto: (,) e ( ) m diminuisce m ument (,m) y = m m = - m = - m = -/ m = m = m = / m (,) m = m =

12 L ultimo disegno (in cui tutte le rette pssno per uno stesso punto e ciò che vri è il coefficiente ngolre m) ci suggerisce che per individure un rett si possono specificre un suo punto ed il coefficiente ngolre. E fcile verificre il seguente risultto: l equzione dell rett pssnte per il punto (, y ) e di coefficiente ngolre m è:.( y y ) = m( ) Osservzioni: ) in generle, ogni equzione di primo grdo in due vribili + by + c = con, b e c costnti e e b non entrmbe nulle, rppresent l equzione di un rett; inftti, se b è nullo si h un rett prllel ll sse y, ltrimenti l equzione si può scrivere in form esplicit y = m + q (oppure con notzione equivlente: f ( ) = m + q ). Vicevers, ogni rett h un equzione di questo tipo.

13 Come si f: ) dti l equzione di un rett ed un punto verificre se il punto pprtiene ll rett: se d esempio l equzione è y = ed il punto è ( 4,3), il punto pprtiene ll rett se e solo se le sue coordinte costituiscono un soluzione dell equzione; per verificre se si trtt di un soluzione bst sostituire le coordinte lle vribili e si ottiene: = ; siccome l equzione è verifict, il punto pprtiene ll rett. Con lo stesso procedimento si può 3,4 non pprtiene ll rett perché: = 3 controllre che invece ( ) ) dt l equzione di un rett disegnrne il grfico: se d esempio l equzione è + 9 y + =, per disegnrne il grfico è sufficiente conoscerne due punti; per individurli bst, d esempio, fissre un vlore per un coordint, sostituire il vlore scelto nell equzione e ricvre il vlore dell ltr coordint. In genere il vlore che si sceglie è zero (per risprmire conti): per = si ottiene y =, mentre per y = si h 9 =, dunque i due punti sono, e (,). Nturlmente, se l rett pss per l origine il 9 secondo punto ndrà cercto inizilizzndo un coordint con un vlore diverso d zero 3) dte le equzioni di due rette verificre se le rette sono prllele: se d esempio le equzioni sono 4 + 6y + = e 3 y = +, llor le rette corrispondenti sono prllele se e solo se hnno i coefficienti ngolri uguli. I coefficienti ngolri delle due rette si ottengono scrivendo le rispettive equzioni in form esplicit (cioè ricvndo l y ) e si trov y = e y = ; i coefficienti ngolri sono i numeri che moltiplicno l vribile ed in entrmbi i csi vlgono, dunque le due rette 3 sono prllele 4) dti due punti (distinti) scrivere l equzione dell rett che vi pss: se i due punti hnno diverse scisse e diverse ordinte, d esempio (,5) e (,), llor si sostituiscono le loro coordinte nell equzione dell rett pssnte per due punti e si ottiene y =, che semplifict divent y = + ; si può verificre se l equzione è corrett controllndo se effettivmente i due punti pprtengono ll rett. Se invece i due punti hnno l stess sciss e sono d esempio (,5) e (,), llor l equzione dell rett è = 5) dti un punto P ed un numero m scrivere l equzione dell rett pssnte per P e con coefficiente ngolre m: se d esempio il punto è ( 8, ) ed m = 7, llor sostituendo nell equzione di un rett pssnte per un punto e di coefficiente ngolre dto si ottiene y = Anche in questo cso si può fre l verific 3

14 .5 Esempi in Economi: l normlizzzione e il regime dell interesse semplice Esminimo due esempi di ppliczioni del concetto di rett in economi; si osservi che in entrmbe le ppliczioni presentte il concetto di rett è legto quello di proporzionlità. ) Normlizzre i ftturti di un insieme ziende Si suppong di disporre dei ftturti di lcune ziende, d esempio pprtenenti d uno stesso settore produttivo. Per spere se il ftturto F di un ziend specific si colloc tr quelli mggiori o tr quelli minori rispetto gli ltri ftturti esminti, occorre confrontre F con il ftturto minimo e con quello mssimo. Per evitre di ripetere questo confronto ogni volt che si leggono i dti, si può ssocire ciscun ftturto F un vlore n(f) compreso tr ed (detto vlore normlizzto) e tle che l ftturto minimo F min corrispond mentre l ftturto mssimo F m corrispond. In questo modo, se d esempio n ( F ) =. 9 (se cioè l ftturto F corrisponde il vlore normlizzto.9) llor sppimo che il ftturto F è piuttosto vicino l ftturto mssimo, senz bisogno di confrontre F con ltri ftturti. Si trtt or di stbilire il vlore normlizzto per ciscun ftturto, cioè: qul è il vlore normlizzto n(f) d ssocire d un generico ftturto F? Siccome d ogni ftturto preso in esme ssocimo un unico vlore normlizzto, si h un funzione con dominio l insieme dei ftturti F presi in esme e codominio l insieme dei vlori, F, normlizzti n(f). Il grfico di quest funzione dovrà pssre per i punti ( F ) e ( ) (dto che si è supposto che si n ( F min ) = e n ( F m ) = ); supponendo che tle grfico si un min m vlori normlizzti n(f) rett si h: F min F F m ftturti Inoltre, dll formul dell equzione dell rett pssnte per due punti si ottiene: n( F) F Fmin = (ttenzione: le vribili ed y sono sostituite rispettivmente dlle Fm Fmin vribili F ed n(f)), cioè: F Fmin n( F) =, F F m che è l formul cerct e fornisce un proporzionlità tr n (F) e F Fmin (l proporzionlità è grntit proprio dll ver scelto l rett come grfico dell funzione). Le considerzioni ftte vlgono per l normlizzzione di qulsisi ltro tipo di dto. min 4

15 b) Il regime dell interesse semplice Si suppong di investire un determint somm di denro C (cpitle) e che l investimento grntisc ll investitore un interesse I proporzionle ll mmontre C del cpitle ed l tempo t per cui il cpitle è impiegto. Allor l interesse I è dto dll legge: I = ict dove il numero i rppresent un costnte di proporzionlità dipendente dl tipo di investimento. Si dice llor che l interesse è sottoposto l regime dell interesse semplice. Al vrire del tempo t e mntenendo costnte il cpitle C, l funzione che fornisce l interesse I è un rett di coefficiente ngolre ic ed ordint ll origine null. Supponendo che si i >, l funzione I(t) h un grfico del tipo seguente: I I(t) t Si osservi che l costnte i coincide con l interesse se C = e t =, dunque i rppresent l interesse corrispondente d un cpitle unitrio impiegto per un tempo unitrio ed è detto tsso unitrio di interesse. 5

16 .6 L prbol Si è visto che un equzione di o grdo del tipo y = m + q h come grfico un rett (cioè, l rett è costituit di punti le cui coordinte sono le soluzione dell equzione); se invece l equzione è di o grdo (rispetto ll ), si ottiene llor il grfico di un prbol. Ad esempio, y = è l equzione di un prbol ed il suo grfico è: y = L equzione di un generic prbol è y = + b + c con, b e c costnti e (ltrimenti si otterrebbe l equzione di un rett). E evidente che l equzione di un prbol rppresent un funzione f ( ) = + b + c di dominio R ed immgine [,+ ). Vedimo lcuni esempi: 4 y = y = + y = Ogni prbol h un punto di ordint minim, o mssim, detto vertice; nel primo esempio l prbol h un minimo ed è dett convess, mentre negli ltri due h un mssimo ed è dett concv. Per verificre se un prbol è convess o concv, bst controllre il segno del coefficiente dell equzione generle: se è > è convess, ltrimenti è concv; inftti, negli esempi vle rispettivmente 3, 9 e -. Ciò dipende dl ftto che nel secondo membro dell equzione generle il termine h un vlore prepondernte rispetto gli ltri due se è bbstnz grnde in modulo (cioè non tenendo conto dell eventule segno meno): inftti, 6

17 rccogliendo b c si ottiene + b + c = + + e ll umentre di (in modulo) l espressione tr prentesi tende l vlore ; inoltre il segno di è ugule l segno di. Le prbole con grfico simmetrico rispetto ll sse y (come y = ) hnno il coefficiente b nullo; nzi, ffinché si b =, bst che esist un numero per cui l prbol ssum lo stesso vlore si in che in : inftti, sostituendo si h + b + c = b + c e dunque b =. 7

18 .7 Alcuni grfici notevoli Di seguito sono dti le definizioni ed i grfici di lcune funzioni di prticolre importnz. L funzione modulo (o vlore ssoluto) se E definit nel seguente modo: =, ed il suo grfico è: se < y = Nelle clcoltrici e nei progrmmi di clcolo per computer l funzione modulo è indict in genere con bs, d esempio bs ( ) indic. L funzione r (r rele > ) Si sono già visti i csi r =, r = ed y = (prbol) e y = = (invers di unico digrmm i grfici di lcune funzioni r =, e si ottengono rispettivmente: y = (rett), y = se r y = per :, vedi ) di.9); rissumimo in un 5 y = y = y = y = 5 y = 8

19 L funzione esponenzile E definit nel seguente modo: y =, dove è un numero detto bse e tle che: > e ; l vribile è dett esponente. Se > il grfico è: y = ( > ) per convincersene bst d esempio disegnre lcuni punti del grfico di y =. E interessnte osservre che si trtt di un funzione strettmente crescente e che se decresce llor ssume vlori sempre più piccoli m comunque mggiori di zero (perciò l rett y = è dett un sintoto orizzontle per l funzione esponenzile). Se invece < il grfico si può ricvre d questo medinte un trsformzione elementre (il reciproco) come illustrto nell esempio ) del prgrfo. sulle trsformzioni elementri. In genere come bse dell funzione esponenzile è utilizzto il numero e =.788 (costnte di Nepero). Nelle clcoltrici e nei progrmmi di clcolo per computer l funzione esponenzile è indict in genere con ep; d esempio ep() indic e. L funzione esponenzile è evidentemente un biiezione tr R e (, + ) e perciò è invertibile; il grfico dell su invers (logritmo) è ottenuto in b) del prgrfo.9 sulle funzioni inverse. L funzione pvimento (o prte inter) Restituisce il più grnde intero minore o ugule del numero dto, d esempio il pvimento di.7 è e si scrive.7 =, mentre.7 = 3 ; se il numero è un intero llor il suo pvimento coincide col numero stesso, d esempio =. A volte l funzione pvimento di è indict nche con [ ]. Il grfico di è: y = 9

20 L funzione mntiss (o prte decimle) Restituisce l prte decimle del numero dto, d esempio l mntiss di.7 è.7 e si scrive mntiss (.7) =.7. Siccome ogni numero è dto dll somm dell su prte inter e dell su prte decimle, si h che = + mntiss() e dunque mntiss( ) =. Utilizzndo quest equzione come definizione dell funzione mntiss si ottiene d esempio: mntiss (.7) =.7 ( 3) =.3; l mntiss di un numero è sempre (essendo per ogni numero ). Il grfico di mntiss() è: y = mntiss () E interessnte notre che c è un prte del grfico di lrghezz che si ripete periodicmente, perciò l mntiss è un funzione periodic di periodo ; inftti per qulsisi numero vle l relzione: mntiss ( + ) = mntiss( ). A volte per l mntiss di un numero si us nche l notzione: { }.

21 .8 Esempi in Economi: il regime dell interesse composto Un utilizzo importnte dell funzione esponenzile in economi è dto dl regime dell interesse composto: si suppong di investire euro (cpitle inizile) l tsso del 5% nnuo (tsso d interesse); ciò signific che dopo un nno l mmontre del cpitle srà dto di euro più l interesse mturto, cioè: + = +, dunque dopo un nno il 5 cpitle inizile è stto moltiplicto per il fttore + (detto fttore di cpitlizzzione). Se oltre l cpitle inizile viene investito nche l interesse mturto (ed il tsso d interesse rimne costnte), llor dopo due nni il cpitle srà quello dopo un nno moltiplicto sempre per 5 5 +, cioè + ; in generle, dopo nni il cpitle srà: 5 +. Indicndo con C () l funzione che dà il cpitle dopo nni, con C i il cpitle inizile e con i il tsso d interesse, l formul ottenut divent: C ( ) = C i + i ( ) si trtt cioè di un funzione dt dll moltipliczione tr l costnte di bse + i. C i e l funzione esponenzile Utilizzndo i dti precedenti, l funzione C 5 ( ) = + h il seguente grfico: C() e, per esempio, il cpitle mmont euro dopo 8 nni.

22 .9 Grfico dell funzione invers Ci ponimo il seguente problem: noto il grfico di un funzione, qul è il grfico dell funzione invers? Vedimo qulche esempio per illustrre un procedimento che rispond l quesito. ) L funzione rdice qudrt Premettimo innnzi tutto che un funzione non è sempre invertibile: è invertibile se e solo se è biiettiv e dunque un funzione non è invertibile se non è iniettiv oppure non è suriettiv. Ad esempio, l funzione f : R [, + ) con legge y = è suriettiv, m non iniettiv e dunque non è invertibile; se però restringimo il domino ll insieme [,+ ) e mntenimo l stess legge, ottenimo un nuov funzione g () biiettiv e perciò invertibile: f() = h dominio R: non è invertibile g() = h dominio [,+ ): è invertibile Dom(g) Or, dl grfico di g () voglimo ricvre quello dell su invers g ( ). Tr un funzione e l su invers ciò che cmbi è il ruolo degli insiemi che rppresentno dominio e codominio: il dominio ed il codominio di g () diventno rispettivmente il codominio ed il dominio di ( g ). Allor, dto che (per convenzione) il dominio si rppresent sull sse orizzontle ed il codominio su quello verticle, per ottenere il grfico di g ( ) bsterà scmbire gli ssi nel grfico di g () rendendo orizzontle l sse verticle e, vicevers, verticle quello orizzontle. Ruotndo di 9 o intorno ll origine e in verso ntiorrio il sistem di ssi crtesini ed il grfico di g (), ottenimo: Dom(g)

23 Ci simo qusi, c è però il problem che (sempre per convenzione) l sse orizzontle deve puntre destr, quindi ruotimo il grfico di 8 o intorno ll sse y e finlmente ottenimo il grfico di ( ) che è l funzione rdice qudrt: g y = Dominio ed immgine di,+ (quindi non si può fre l rdice qudrt di un numero < e il risultto dell rdice qudrt è sempre ). Siccome le funzioni y = e y = sono un l invers dell ltr, entrmbe le loro y = coincidono con l insieme [ ) composizioni forniscono l funzione identic: ( ) = e =. b) L funzione logritmo In modo nlogo ll esempio precedente, si può ottenere il grfico dell funzione invers dell funzione esponenzile y = (descritt nel prgrfo.7 dei grfici notevoli), dett funzione logritmo ed indict con: y = log (l notzione log si legge logritmo in bse di ); per > le due rotzioni prtire dl grfico dell funzione esponenzile dnno: y = ( > ) = log ( > ) y L funzione logritmo è dunque un biiezione tr (, + ) e R e nturlmente l sintoto orizzontle y = dell funzione esponenzile è diventto l sintoto verticle = per l funzione logritmo. Inoltre l funzione logritmo è strettmente crescente. 3

24 Nel cso < si procede in modo nlogo (in questo cso l funzione logritmo è strettmente decrescente). Notzioni: se l bse è il numero e (costnte di Nepero), log e si scrive nche log oppure ln. Si osservi che log = per qulsisi bse. Dto che le funzioni y = e y = log sono un l invers dell ltr, l loro composizione dà l funzione identic e si ottengono le seguenti identità: log = e log = 4

25 . Grfici ottenuti medinte trsformzioni elementri Vedimo or come ottenere, in modo indictivo ed certe condizioni, il grfico di un funzione prtire d quello di un ltr funzione. Più precismente, se f () è un funzione di grfico noto e g () è ottenut d f () medinte un trsformzione elementre (d esempio, sommndo un costnte), llor si può ottenere un grfico indictivo di g () prtire d quello di f (). Di seguito sono riportti lcuni esempi di trsformzioni elementri: per ogni rig il primo rppresent un grfico noto, il secondo ed il terzo sono due sue trsformzioni elementri. f ( ) = (.3) / f ( ) (.) (.) f ( ) (.) f ( ) = (.) f ( + ) (.3) f ( ) + f() f() - f()+ ( ) (3.) f ( ) = (3.) f ( ) (3.3) f () 7 f() f() f() 5

26 ( = + (4.) f ) f (4.) f ( ) (4.3) f( ) f() f() - f() -f( ) ( = (5.) f ) 3 f (5.) (5.3) f ( ) f() / f() f() Osservimo innnzi tutto che con l notzione f ( ) si indic l funzione compost ottenut pplicndo prim y = e poi y = f (). Quindi, d esempio, f ( ) è ottenut pplicndo prim y = e poi y = f (), mentre, vicevers, f () è ottenut pplicndo prim y = f () e poi y =. Anlizzimo or più in dettglio le trsformzioni proposte: ) / f ( ) h come dominio quello di f () privto dei punti in cui l funzione si nnull; se d esempio f ( ) =, llor l funzione y = / (dett iperbole equilter) non è definit in zero, inoltre l rett = è dett sintoto verticle per f (), mentre y = è dett un sintoto orizzontle ) il grfico di f ( + k) corrisponde d un trslzione rispetto ll del grfico di f () di k sinistr (risp. destr) se k > (risp. k < ); inftti, f ( + k) clcolt in k ssume vlore f (). Invece, f ( ) + k corrisponde d un trslzione rispetto ll y di k verso l lto (risp. verso il bsso) se k > (risp. k < ) 3) il grfico di f ( ) è ottenibile d quello di f () medinte un rotzione di 8 o rispetto ll sse y; inftti, f ( ) clcolt in ssume vlore f (). Invece, f () corrisponde d un rotzione rispetto ll sse 6

27 4) l definizione ed il grfico dell funzione modulo sono descritti nel prgrfo.7 dei grfici f h lo stesso grfico di f () per ( f ( ) = f () se ), notevoli; l funzione ( ) mentre per < h come grfico quello di f () per ruotto di 8 o rispetto ll sse y ( ( ) ) f = f ( se < ). Nel cso di f () il modulo è invece pplicto l vlore dell ordint e dunque il grfico coincide con quello di f () dove f ( ) e con quello di f () dove f ( ) < (e quindi il grfico di f () è ruotto di 8 o rispetto ll sse ) 5) se k è un costnte non null, l funzione f (k) clcolt in ssume vlore f () k ; invece, nel grfico di kf () tutte le ordinte del grfico di f () sono moltiplicte per k (in questo cso se k = llor kf () è l funzione costnte null) I grfici ottenuti con questo metodo sono in lcuni csi solo indictivi, per ottenere dei risultti migliori (ed vere nche ltre informzioni quli mssimi e minimi dell funzione) occorre il concetto di derivt di un funzione (prgrfo 5). Esempi: ) dl grfico di con >, ricvre il grfico per il cso < : è sufficiente osservre che = e che se < llor > ; dunque il grfico di per < è ottenibile pplicndo l trsformzione elementre reciproco l grfico dell funzione esponenzile con bse > (descritto nel prgrfo.7 dei grfici notevoli) e si ottiene: y = ( < < ) In modo simile, dl grfico di log log con > (descritto in pr..9 b)) si può ottenere quello di, cmbi però l trsformzione elementre coinvolt: log log log = = = log, ecceter. log log b) qulsisi prbol è ottenibile d y = medinte trsformzioni elementri: si è visto che un generic prbol h equzione y = + b + c (con ) e che il suo grfico non è necessrimente simmetrico rispetto ll sse y, con il vertice nell origine degli ssi ed orientto verso l lto, come invece quello di y =. Ci si può dunque spettre che per 7

28 trsformre il grfico di y = in quello di un qulsisi ltr prbol sino necessrie le seguenti trsformzioni elementri: l moltipliczione per un costnte k (d esempio per rendere l prbol convess o concv), un trslzione di k rispetto d ed un ltr trslzione di k 3 rispetto d y. Perciò le tre trsformzioni d pplicre prtire d y = sono: k f ( ), f ( + k ) e f ( ) + k3. Applicndo le trsformzioni si ottiene: + kk + kk k3 y = k + ; ffinché quest prbol coincid con l prbol k = y = + b + c devono coincidere i rispettivi coefficienti, si deve cioè vere: kk = b ; kk + k3 = c b l del sistem soluzione dà i vlori delle costnti nelle trsformzioni: k =, k = e b k3 = c 4 + c) determinre il grfico di y = dove è un costnte > : + occorre innnzi tutto trsformre lgebricmente l legge dell funzione in modo che sino riconoscibili le trsformzioni elementri che l generno prtire d un funzione di grfico noto: y = = = + ; quest si può ottenere pplicndo nell ordine le seguenti trsformzioni prtire dll funzione y = : f ( ) +, / f ( ), ( ) f ( ) e f ( ) +. I grfici ottenuti pplicndo successivmente le trsformzioni sono: y = y = + y = + y = + y =

29 Lo stesso risultto lo si srebbe ottenuto pplicndo le trsformzioni f ( +), ( ) f ( ) e f ( ) + ll funzione y =. d) utilizzre le trsformzioni elementri per dedurre l formul risolutiv di un equzione di o grdo: le trsformzioni elementri possono essere sfruttte per ricvre l not formul che dà le rdici di un equzione di secondo grdo; per i dettgli si rimnd l prgrfo 3. sulle equzioni di secondo grdo e) funzioni pri e funzioni dispri: in lcuni csi un trsformzione elementre può ricondurre ll funzione di prtenz; può d esempio ccdere che si bbi f ( ) = f ( ) per ogni pprtenente l dominio di f () ; si dice llor che f () è un funzione pri. Un funzione pri h il grfico simmetrico rispetto ll sse y e quindi per disegnrlo bst conoscerne solo un prte, quell per oppure per ; l ltr prte è ottenibile ribltndo l prim prte rispetto ll sse y. f(-) = f() Dom(f) f() - f() 6 3 Esempi di funzioni pri: 7,, 4, 3 e,. In generle, sono funzioni pri i polinomi costituiti d monomi di grdo pri; inoltre, se f () è un qulsisi funzione definit per, llor ( ) f è pri ed è definit su tutto R. Se invece pplicndo le trsformzioni f ( ) e f () si riottiene l funzione di prtenz, se cioè f ( ) = f ( ) per ogni pprtenente l dominio di f (), llor si dice che f () è un funzione dispri. Un funzione dispri h un grfico simmetrico rispetto ll origine e quindi per disegnrne il grfico bst conoscerne solo un prte: per oppure per ; l ltr prte è ottenibile ribltndo l prim prte rispetto ll sse e rispetto ll sse y. f(-) = -f() Dom(f) - -f() f() 9

30 3 4 Esempi di funzioni dispri: 8 3, 9,, 7 9 dispri i polinomi costituiti d monomi di grdo dispri. 3 e,. In generle sono funzioni f) funzioni periodiche: nell esempio precedente si sono esminte le funzioni che restno invrite se sottoposte lle trsformzioni elementri f ( ) (funzioni pri) oppure lle trsformzioni f ( ) e f () (funzioni dispri). Esminimo or, invece, le funzioni che restno invrite se sottoposte d un trslzione rispetto d : fissto un numero k, un funzione f () con dominio R è dett periodic di periodo k se f ( ) = f ( + k) per ogni. Quindi nel grfico dell funzione c è un trtto di curv che continu ripetersi: f() = f( + k) Dom(f) f() f(+k) +k k Un esempio di funzione periodic è l funzione mntiss descritt nel prgrfo.7. 3

31 3 Equzioni Si è già visto che d ogni rett ed d ogni prbol è ssocit un equzione; vedimo or invece come interpretre geometricmente e risolvere per vi grfic un generic equzione. 3. Equzioni di o grdo Vedimo qul è il significto geometrico delle soluzioni di un equzione di primo grdo, nlizzndo prim il cso in un vribile. Un equzione di primo grdo in un vribile h l spetto: = b, con e b numeri reli; risolverl signific determinre quei numeri (se esistono) che sostituiti ll rendono ver l uguglinz. L equzione = b può essere scritt come b = e quest si ottiene dll equzione b = y ponendo y = ; dunque, le soluzioni di b = corrispondono lle scisse delle soluzioni del tipo (,) di b = y. Siccome i punti di ordint null sono quelli dell sse, le soluzioni di b = sono le scisse dei punti in cui l rett y = b intersec l sse. Se llor l rett y = b h coefficiente ngolre non nullo e quindi intersec in un unico b punto, l sse (cioè b = h solo l soluzione b = ) : y = - b b/ Se invece =, llor l equzione dell rett divent y = b, dunque un rett prllel ll sse, e perciò: se b non ci sono intersezioni (cioè b = non h soluzioni), mentre se b = l rett coincide con l sse e ci sono infinite intersezioni (cioè b = h come soluzione qulsisi vlore di ). Nel cso invece di due vribili, l equzione di primo grdo ssume l spetto: + by + c = ; in questo cso ciscun soluzione non è un numero, m un coppi ordint di numeri e, come bbimo già visto, se e b non sono entrmbi nulli llor l equzione h infinite soluzioni che rppresentno tutti e soli i punti di un rett nel pino. 3. Equzioni di o grdo Anche qui, come per le equzioni di primo grdo, cerchimo un interpretzione geometric delle soluzioni di un generic equzione e successivmente (con lcune considerzioni geometriche) ricvimo l not formul che dà le soluzioni di un equzione di secondo grdo. Un generic equzione di secondo grdo è del tipo: + b + c =, con ; se è un soluzione di + b + c =, è soluzione di y = + b + c (e vicevers). Siccome, llor ( ) le soluzioni (,) sono i punti in cui l prbol y = + b + c intersec l sse, llor: 3

32 le soluzioni di + b + c = sono le scisse dei punti in cui l prbol y = + b + c intersec l sse. E evidente che un prbol può intersecre in, oppure punti l sse, quindi, indicndo con (,) e (,) le coordinte delle eventuli intersezioni, si possono vere i seguenti tre csi: = soluzioni soluzione nessun soluzione M qunto vlgono e? Se l equzione è del tipo + c = (se cioè mnc il termine b ) i conti li sppimo fre: c c =, e se (ltrimenti non si può fre l rdice qudrt e quindi l prbol non c c intersec l sse ) llor = e =. In questo cso l prbol y = + c ssocit ll equzione è simmetric rispetto ll sse y, è cioè del tipo: Se invece l prbol y = + b + c, ssocit ll equzione + b + c =, non è simmetric,, sono le intersezioni rispetto ll sse y, llor ci riconducimo l cso precedente: se ( ) e ( ) dell prbol con l sse, pplichimo ll prbol l trslzione di vlore + rispetto ll + (vedi ) di.)) che l rend simmetric (inftti le due intersezioni e infine i due vlori trovti pplichimo l trslzione "oppost di vlore +. I conti sono i seguenti: è il punto medio tr e ), clcolimo 3

33 + - pplicndo l trslzione di vlore (rispetto d ) ll prbol y = + b + c si ottiene: { ( ) } ( + ) + y = b + + b + c. Quest prbol deve vere il 4 coefficiente di nullo dto che ssume lo stesso vlore (zero) in e (vedi il prgrfo.6 b sulle prbole), dunque: ( + ) + b = e + = b - l equzione dell prbol divent perciò: y = + c e le scisse delle sue intersezioni 4 con l sse sono: = ± b 4c - pplicndo l trslzione di vlore + rispetto d si ottiene infine: + b 4c b b 4c b + b 4c = ±, cioè = e = ; queste espressioni si possono clcolre (cioè l prbol intersec l sse ) se e solo se b 4c, inoltre se vle l uguglinz c è un sol intersezione. Il numero b 4c è detto discriminnte (in genere è indicto con l letter grec, delt miuscol) e indic qunti sono i numeri reli soluzione dell equzione: se > due soluzioni, se = un soluzione e se < non ci sono soluzioni. Questi tre csi corrispondono rispettivmente i tre csi in cui l corrispondente prbol y = + b + c intersec in, o punti l sse. Osservzioni sulle equzioni: ) un equzione in un vribile, d esempio = h come soluzione un numero (, nturlmente) se è risolt in R; se invece l stess equzione è risolt in R (se cioè l equzione è vist come un equzione in due vribili in cui l y non compre e quindi può ssumere qulsisi vlore) h infinite soluzioni, le coordinte dei punti dell rett prllel ll sse y e di sciss. L osservzione si può estendere d equzioni di grdo superiore: d esempio, = 9 h le due soluzioni = ± 3 se è risolt in R, mentre se è risolt in R h come soluzioni le coordinte dei punti delle due rette = 3 e = 3. Nturlmente il dove risolvere un equzione dev essere un dto del problem. 33

34 3.3 Sistemi di equzioni y = + Un sistem di equzioni è d esempio: ; che si trtti di un sistem lo si riconosce y = dll presenz dell prentesi grff che st d indicre che ci interessno le soluzioni comuni delle equzioni presenti nel sistem. Nell esempio l prim equzione rppresent un rett e l second un prbol, llor risolvere il sistem h il significto geometrico di determinre i punti comuni lle due curve (le soluzioni sono (,) e ( 3,7) e si possono determinre con il metodo di sostituzione): Qunto detto per l esempio è generlizzbile d un qulsisi sistem di equzioni: risolvere un sistem signific determinre i punti comuni lle curve rppresentte dlle equzioni presenti nel sistem. 3.4 Altri tipi di equzioni Vedimo qulche ltro tipo di equzione; le soluzioni sono determinte sfruttndo i risultti dei prgrfi precedenti. ) equzioni esponenzili: + considerimo l equzione: 9 =. Innnzi tutto, si trtt di un equzione esponenzile perché ll esponente c è un espressione in cui compre l vribile. Per risolverl cerchimo di eliminre l esponenzizione, cioè trsformimo l equzione in un ltr equzione equivlente (cioè con le stesse soluzioni) in cui non compi più l funzione esponenzile; quest trsformzione si ottiene componendo l funzione esponenzile con l su funzione invers, l funzione logritmo. Siccome l funzione logritmo è iniettiv, se e sono entrmbi >, si h che: = se e solo se + log = log. Dunque, =, se e solo se log log = ; cioè +9 = (perché log y = y e log = ) e perciò = 9 b) equzioni logritmiche: considerimo l equzione: log 3 ( ) = ; è un equzione logritmic perché l rgomento del logritmo è un espressione in cui compre l vribile. 34

35 Si osservi innnzi tutto che h senso cercre le soluzioni solo tr i vlori di per cui primo e secondo membro sono clcolbili, quindi l rgomento del logritmo dev essere >, cioè > ; perciò eventuli soluzioni che non pprtengno questo insieme vnno scrtte. Le soluzioni si ottengono procedendo in modo nlogo lle equzioni esponenzili: trsformimo l equzione in un ltr equivlente che non si logritmic, pplicndo l funzione esponenzile (invers del logritmo) d entrmbi i membri. Siccome l funzione esponenzile è iniettiv, si h che: = se e solo se = ; quindi log 3 ( ) = se e log ( ) solo se 3 3 = 3, cioè = 9 e =. 3.5 Risoluzione grfic di equzioni Si suppong di voler risolvere d esempio l equzione log = ; non si s come clcolre le soluzioni in modo estto, m esistono dei procedimenti che forniscono dei vlori pprossimti. Uno di questi procedimenti è di tipo grfico: si considerino i due membri dell equzione come due funzioni distinte f ( ) = log e f ( ) = ; se è un soluzione dell equzione, llor f ( ) = f ( ) e perciò il punto (, f( )) pprtiene si l grfico di f ( ) che di f ( ). E vicevers, le scisse dei punti d intersezione dei due grfici sono soluzioni dell equzione. Dunque, le soluzioni dell equzione sono tutte e sole le scisse dei punti d intersezione dei grfici delle funzioni f ( ) e f ( ). Disegnndo i grfici di f ( ) e f ( ) è evidente che l equzione h un unic soluzione compres tr e : f f Si osservi che l scelt di f ( ) ed f ( ) non è unic; d esempio si srebbe potuto scegliere nche f ( ) = log + e f ( ) =, m in questo cso f ( ) srebbe stt più difficile d disegnre. Spere che è compreso tr e può non essere sufficiente; per ottenere un migliore pprossimzione si possono d esempio utilizzre i procedimenti descritti nei due prgrfi successivi. 3.6 Il metodo di bisezione Riprendimo l esempio del prgrfo precedente: ci proponimo di pprossimre meglio l soluzione dell equzione log =. Sino f ( ) = log, f ( ) = e g ( ) = f ( ) f ( ) = log + ; dunque g ( ) =. 35

36 + Se pprossimimo (, ) con =. 5 (vlore medio di e ), commettimo un errore che è l distnz di d.5; siccome (,.5] oppure [.5, ), l errore è minore dell lunghezz di ciscuno di questi due segmenti, cioè minore di =. 5 ; grficmente, se d esempio fosse (,.5], si vrebbe inftti: Siccome. 5 (inftti g (.5) =.945 ), per migliorre ncor l pprossimzione dobbimo spere se (,.5) oppure se (.5,) ; dto che g (.5) =.945 <, llor (.5,) per il teorem degli zeri, dto che: ().5,, g (.5) < e g ( ) >..5 + Perciò un ulteriore pprossimzione di è =. 75 e l errore è minore di =. 5 (l lunghezz del segmento inizile è stt dimezzt due volte). Per migliorre ncor l pprossimzione di bst ripplicre il procedimento. In definitiv, d ogni ulteriore rippliczione del procedimento (cioè, d ogni iterzione del r + s procedimento) l lunghezz del generico intervllo [ r, s] si dimezz e tr i due intervlli r, r + s e, s si sceglie quello in cui g () ssume vlori di segno opposto negli estremi, in modo d vere l grnzi (per il teorem degli zeri) che l intervllo conteng lmeno un soluzione di r + s g ( ) =. Nturlmente, se in un iterzione si trov che g = (eventulità piuttosto rr), llor è stto determinto in modo estto ed il procedimento si rrest. b L errore commesso dopo n iterzioni (se e b sono gli estremi dell intervllo inizile) è <. n Nell esempio, dopo 7 iterzioni si ottiene: errore b g è continu in [ ] + b + b g.5 <.5.75 > > > < < < 36

37 Il vlore.5546 pprossim con un errore minore di = Si lsci come esercizio il clcolo di 5 =.3667: si trtt cioè di risolvere (per > ) l equzione = 5, perciò g ( ) = 5 e come intervllo inizile si può prendere d esempio [,3], dto che < <

38 3.7 Il metodo itertivo Vedimo un ltro procedimento per ottenere un vlore pprossimto dell soluzione di log =. Ricvndo nell equzione si ottiene = log, si inoltre h( ) = log. Fissimo =. 5 e clcolimo i vlori = h( ). 5945, = h( ) e così vi, dunque ogni nuovo vlore = = è l immgine trmite h () del precedente, cioè: + = h( ). Fcendo i conti si ottiene: n n n n I vlori,,, 3, si vvicinno sempre di più l vlore di, per intuirne l rgione bst disegnre i grfici di y = e y = h() : y = h() y = h( ) = h( ) = Il metodo però non sempre funzion: se d esempio si volesse clcolre l rdice qudrt di 5, 5 risolvere cioè l equzione = 5 per, riscrivendo l equzione come = (e perciò 5 5 h( ) = ) llor, fissto un qulsisi si vrebbe = h( ) = e = h( ) =. Quindi non si otterrebbe nessun pprossimzione di 5. (In questo cso l ostcolo può essere ggirto perturbndo l equzione 5 + = 5 : + = 5 + e quindi = ; si lscino come esercizio i + conti per pprossimre 5 ; il grfico di h () è ottenuto nell esempio c) di.). In definitiv questo metodo di pprossimzione richiede qulche conto in meno (il clcolo dell medi) rispetto l metodo di bisezione, m non grntisce né il risultto, né un vlutzione dell errore commesso. 38

39 3.8 Esempi in Economi: determinzione del tsso di un rendit Si suppong di investire un cpitle C in regime di interesse composto (pr..8): qule dev essere il tsso nnuo d interesse i in modo d ottenere gli importi R, R ed R 3 rispettivmente dopo, e 3 nni? Fissimo lcune nomenclture: gli importi R, R ed R 3 ottenuti ( fronte del cpitle investito) costituiscono un rendit e sono detti rte dell rendit; il cpitle C è detto vlore ttule dell rendit. Vedimo come determinre il tsso d interesse. L rt R corrisponde l cpitle mturto (in regime di interesse composto) dopo nno l tsso i ed prtire d un certo cpitle inizile C (detto vlore ttule di R ), dunque: R = C( + i) e perciò C = R ( + i) ; nlogmente, per R 3 ed R 3 si ottiene C = R ( + i) e C 3 = R3 ( + i). Siccome l somm di C, C e C 3 (vlori ttuli delle rte) deve coincidere con C (vlore ttule 3 dell rendit), si deve vere C = C + C + C = R ( + i) + R ( + i) + R ( + i e perciò, 3 3 ) 3 3 moltiplicndo per ( + i) : C ( + i) R ( + i) R ( + i) R3 =. Infine, ponendo u = + i (fttore di cpitlizzzione) l equzione divent: 3 Cu R u R u R = () Or, il problem consiste nel determinre l soluzione u dell equzione, corrispondente l tsso incognito i dell rendit; poiché u = + i e < i <, dev essere < u < ; un volt clcolto u si h i u. = Per determinre l soluzione u dell equzione di terzo grdo () possimo utilizzre il metodo di bisezione (pr. 3.6) pplicto ll intervllo [, ], supposto che nell intervllo [, ] l equzione () bbi solo l soluzione u. Osservzione: per verificre che l equzione () h solo l soluzione u nell intervllo [, ] si può disegnre il grfico dell funzione rppresentt dl primo membro dell (). Vedimo un esempio numerico: supposto che il vlore ttule C dell rendit si di 4 euro e che le rte vlgno rispettivmente R = 9, R = ed R 3 = 3 euro, llor l equzione () divent (semplificndo per ): 3 4u 9u u 3 = (),, il metodo di bisezione dà: u. 83 e quindi e dopo iterzioni, prtire dll intervllo ( ) i.83 (cioè circ un tsso del.83 %). L errore commesso è minore di.97, cioè circ un millesimo, che non è un precisione molto elevt trttndosi di cpitli dell ordine del milione di euro. Il disegno del grfico rppresentto dl primo membro dell () è ricvto nell esempio b) del prgrfo

40 4 Disequzioni Come si è ftto per le equzioni, cerchimo nche per le disequzioni di interpretrle e risolverle per vi grfic. 4. Disequzioni di o grdo Anlizzimo prim il cso in un vribile. Un disequzione di primo grdo in un vribile h l spetto: b (con e b numeri reli); nturlmente, il simbolo di disuguglinz potrebbe nche essere uno tr i seguenti: <, > o ; le considerzioni riportte di seguito possono essere estese in modo ovvio nche questi csi. Riscrivimo l equzione come b e considerimo l equzione dell rett y = b ; se è un soluzione dell disequzione, llor b e perciò, b è un punto dell rett y = b, con ordint mggiore o ugule zero; vicevers, ogni punto dell rett con ordint h come sciss un soluzione dell disequzione. Dunque, le soluzioni di b rppresentno le scisse dei punti dell rett y = b che hnno ordint e, second che il coefficiente ngolre si > oppure <, si h: y = - b > y = - b < b/ soluzioni: b / soluzioni: b / b/ Nel cso in cui si =, llor l equzione dell rett divent y = b e quindi, se b tutti i punti dell rett hnno ordint, se invece b > nessuno; nel primo cso qulsisi è un soluzione, mentre nell ltro cso non ci sono soluzioni. Se invece le vribili sono due, l disequzione di primo grdo h l spetto + by + c ; vedimo di rppresentre grficmente le soluzioni (che, essendoci vribili, in questo cso non sono numeri, m bensì coppie ordinte di numeri). c c Se b l disequzione si può scrivere y e ponendo m = e q = divent b b b b y m + q ; or, un qulsisi punto P = (, y ) è soluzione dell disequzione se le sue coordinte verificno l disequzione, se cioè è vero che y m + q ; siccome il punto Q =, m + q y pprtiene ll rett y = m + q, ciò signific che P h l stess sciss di Q m ordint mggiore o ugule, dunque P st sopr ll rett. Allor, le soluzioni di y m + q sono tutti i punti del pino che stnno sopr l grfico dell rett y = m + q, (compresi i punti dell rett perché nel 4

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2003 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio di dimetro OA,

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le

Scheda Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI. 0,+. Inoltre valgono le Sched Sei ESPONENZIALI E LOGARITMI L funzione esponenzile Assegnto un numero rele >0, si dice funzione esponenzile in bse l funzione Grfici dell funzione esponenzile Se = l funzione esponenzile è costnte:

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Il lemma di ricoprimento di Vitali

Il lemma di ricoprimento di Vitali Il lemm di ricoprimento di Vitli Si I = {I} un fmigli di intervlli ciusi contenuti in R. Diremo ce l fmigli I ricopre l insieme E nel senso di Vitli (oppure ce I è un ricoprimento di Vitli di E) se per

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI 1 se 0, per ogni R ; Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >0: Sono definite: se >0: Non sono definite: Csi prticolri: Le proprietà delle

Dettagli

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1

Si noti che da questa definizione segue che il punto C è il punto medio del segmento PP'. Figura 1 APITOLO 3 LE SIMMETRIE 3. Richimi di teori Definizione. Si dto un punto del pino; si chim simmetri centrle di centro (che si indic con il simbolo s ) l corrispondenz dl pino in sé che d ogni punto P del

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA ESPONENZIALI E LOGARITMI Dr. Ersmo Modic ersmo@glois.it www.glois.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero

Dettagli

POTENZA CON ESPONENTE REALE

POTENZA CON ESPONENTE REALE PRECORSO DI MATEMATICA VIII Lezione ESPONENZIALI E LOGARITMI E. Modic mtemtic@blogscuol.it www.mtemtic.blogscuol.it POTENZA CON ESPONENTE REALE Definizione: Dti un numero rele > 0 ed un numero rele qulunque,

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

Siano A e B due insiemi non vuoti. Una funzione f da A a B è un assegnamento di esattamente un elemento di B ad ogni elemento di A

Siano A e B due insiemi non vuoti. Una funzione f da A a B è un assegnamento di esattamente un elemento di B ad ogni elemento di A Funzioni Definizione di funzione: Sino A e B due insiemi non vuoti. Un funzione f d A B è un ssegnmento di esttmente un elemento di B d ogni elemento di A Scrivimo f() = b se b è l unico elemento dell

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così:

2 x = 64 (1) L esponente (x) a cui elevare la base (2) per ottenere il numero 64 è detto logaritmo (logaritmo in base 2 di 64), indicato così: Considerimo il seguente problem: si vuole trovre il numero rele tle che: = () L esponente () cui elevre l bse () per ottenere il numero è detto ritmo (ritmo in bse di ), indicto così: In prticolre in questo

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1

Appunti di Analisi Matematica 1 Appunti di Anlisi Mtemtic 1 MASTER IN ECONOMIA DIGITALE & e-business Centro per lo studio dei sistemi complessi Università di Sien Mrzo 2005 Prof. Polo Nistri Un funzione (o ppliczione) tr due insiemi

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

ESPONENZIALI E LOGARITMI

ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI E LOGARITMI RICHIAMI DI TEORIA dom f Im f grfico Funzioni esponenzili y=^ con > Funzioni esponenzili y=^ con

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo integrale per funzioni di una variabile Corso di Anlisi Mtemtic Clcolo integrle per funzioni di un vribile Lure in Informtic e Comuniczione Digitle A.A. 2013/2014 Università di Bri ICD (Bri) Anlisi Mtemtic 1 / 40 1 L integrle come limite di

Dettagli

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes

I Teoremi di Green, della divergenza (o di Gauss) e di Stokes I Teoremi di Green, dell divergenz o di Guss e di Stokes In R Si un sottoinsieme limitto di R semplice rispetto d entrmbi gli ssi crtesini con costituit dll unione di un numero finito di sostegni di curve

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA

Nome.Cognome. 18 Dicembre 2008 Classe 4G. VERIFICA di MATEMATICA Nome.Cognome. 8 Dicembre 008 Clsse G VERIFICA di MATEMATICA A) Risolvi le seguenti disequzioni goniometriche sin ) sin + ) 0 6 tn cos + sin ) 0 (punti:0,5) ) tn + tn > 0 sin 5) sin > cos (punti: ) 6) sin

Dettagli

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in

a con base a maggiore di 1 Dominio Codominio Crescenza/decrescenza Funz Crescente in Concavità/convessità Strettamente convessa in Funzione esponenzile Dto un numero rele >0, l funzione si chim funzione esponenzile di bse e f prte dell fmigli delle funzioni elementri. Il suo ndmento (crescenz o decrescenz) è strettmente legto l vlore

Dettagli

Lezione 7: Rette e piani nello spazio

Lezione 7: Rette e piani nello spazio Lezione 7: Rette e pini nello spzio In quest lezione i metteremo in un riferimento rtesino ortonormle dello spzio. I primi oggetti geometrii he individuimo sono le rette e i pini. Per qunto rigurd le rette

Dettagli

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità scientifica, corso di ordinamento, sessione ordinaria 2000-2001 Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone Mturità scientific, corso di ordinmento, sessione ordinri 000-001 PROBLEMA 1 Si consideri l seguente relzione tr le vribili reli x, y: 1 1 1 +

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari :

Teoria in sintesi ESPONENZIALI. Potenze con esponente reale. La potenza. Sono definite: Non sono definite: Casi particolari : Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se >, per ogni R se, per tutti e soli gli R se

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 2005 Sessione suppletiva ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE P.N.I. 005 Sessione suppletiv Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA Sono dti un pirmide

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA

Salvatore Loris Pelella. Corso di. Matematica RCS LIBRI EDUCATION SPA Slvtore Loris Pelell Corso di Mtemtic RCS LIBRI EDUCATION SPA ISBN 88-45-084-3 004 RCS Libri S.p.A.- Milno Prim edizione: gennio 004 Ristmpe 004 005 006 3 4 5 Stmp: V. Bon, Torino Coordinmento editorile

Dettagli

ESPONENZIALI LOGARITMI

ESPONENZIALI LOGARITMI ESPONENZIALI LOGARITMI Prerequisiti: Conoscere e sper operre con potenze con esponente nturle e rzionle. Conoscere e sper pplicre le proprietà delle potenze. Sper risolvere equzioni e disequzioni. Sper

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY

TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY TEORIA ELEMENTARE DEL PROBLEMA DI CAUCHY DANIELE ANDREUCCI DIP. METODI E MODELLI, UNIVERSITÀ LA SAPIENZA VIA A.SCARPA 16, 00161 ROMA, ITALY ndreucci@dmmm.unirom1.it 1. Notzione fondmentle e prime definizioni

Dettagli

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A.

Osserviamo che per trovare le costanti A e B possiamo anche ragionare così: se moltiplichiamo l equazione x + 1 (x + 2)(x + 3) = A. 88 Roberto Turso - Anlisi 2 Osservimo che per trovre le costnti A e B possimo nche rgionre così: se moltiplichimo l equzione + ( + 2)( + 3) = A + 2 + B + 3 per + 2, dopo ver semplificto, ottenimo + + 3

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Esponenzili e ritmi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z Sono definite: ( ) ( ) ( ) 7 7 Non sono definite:

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1.

TEST DI MATEMATICA. Funzioni in una, Funzioni in due variabili Integrali Equazioni differenziali. 1) Il valore del limite seguente. e e. e 1. TEST DI MATEMATICA Funzioni in un, Funzioni in due vriili Integrli Equzioni differenzili ) Il vlore del limite seguente e e e lim è ) Il vlore del limite seguente 5 lim 5 è : ) L derivt prim dell funzione

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

5. Funzioni elementari trascendenti

5. Funzioni elementari trascendenti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 5. Funzioni elementri trscendenti A. A. 2013-2014 1 FUNZIONI ESPONENZIALI Le più semplici funzioni esponenzili sono le funzioni f: R R definite

Dettagli

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S

( x) a) La simmetrica della parabola rispetto all origine è tale che: La parabola di equazione y = x + ax a ha vertice V = = mentre la parabola y S Sessione ordinri 996 Liceo di ordinmento Soluzione di De Ros Nicol ) In un pino, riferito d un sistem di ssi crtesini ortogonli (O), sono ssegnte le prbole di equzione:, dove è un numero rele positivo.

Dettagli

1 COORDINATE CARTESIANE

1 COORDINATE CARTESIANE 1 COORDINATE CARTESIANE In un sistem di ssi crtesini (,) un punto P è identificto dll su sciss e dll su ordint : Asciss : distnz di P dll sse delle ordinte Ordint :distnz di P dll sse delle scisse P(-4,4)

Dettagli

Rendite (2) (con rendite perpetue)

Rendite (2) (con rendite perpetue) Rendite (2) (con rendite perpetue) Esercizio n. Un ziend industrile viene vlutt ttulizzndo i redditi futuri dell gestione l tsso del 9% con inflzione null. I redditi prospettici vengono stimnti nell misur

Dettagli

Funzioni 1. 3) una legge che ad un elemento x di X associa al più un unico elemento ( x)

Funzioni 1. 3) una legge che ad un elemento x di X associa al più un unico elemento ( x) Funzioni Un funzione f d X in Y è costituit d un tern di elementi ) un insieme X, detto dominio di f 2) un insiemey, detto codominio di f f di Y. Nel cso, in cui X,Y sino sottinsiemi di R, generlmente

Dettagli

1 Espressioni polinomiali

1 Espressioni polinomiali 1 Espressioni polinomili Un monomio è un espressione letterle in un vribile x che contiene un potenz inter (non negtiv, cioè mggiori o uguli zero) di x moltiplict per un numero rele: x n AD ESEMPIO: sono

Dettagli

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti

Problemi di massimo e minimo in Geometria Solida Problemi su poliedri. Indice dei problemi risolti Problemi di mssimo e minimo in Geometri olid Problemi su poliedri Indice dei problemi risolti In generle, un problem si riferisce un figur con crtteristice specifice (p.es., il numero dei lti dell bse)

Dettagli

y = Funzioni Lineari : Funzione quadrato: Modulo Funzione omografica (iperbole): Funzioni Potenza: Funzione Esponenziale Funzione Logaritmica

y = Funzioni Lineari : Funzione quadrato: Modulo Funzione omografica (iperbole): Funzioni Potenza: Funzione Esponenziale Funzione Logaritmica Funzioni Lineri : Funzione qudrto: Modulo Funzione omogrfic (iperbole: Funzioni Elementri 1/ y m + q y + b + y y c + + b d c Funzioni Potenz: y Funzione Esponenzile Funzione Logritmic y y log ( Funzioni

Dettagli

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ;

Il dominio della funzione, cioè l'insieme dei valori che si possono attribuire a x è tutto R ; CAPITOLO ESPONENZIALI E LOGARITMI ESPONENZIALI Teori in sintesi Potenze con esponente rele L potenz è definit: se > 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se < 0, per tutti e soli gli Z. + Sono definite:

Dettagli

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche

dr Valerio Curcio Le affinità omologiche Le affinità omologiche 1 Le ffinità omologiche 2 Tringoli omologici: Due tringoli si dicono omologici se le rette congiungenti i punti omologhi dei due tringoli si incontrno in un medesimo punto. Principio dei tringoli omologici

Dettagli

Ellisse riferita al centro degli assi

Ellisse riferita al centro degli assi Appunti delle lezioni tenute in clsse: ellisse e iperole Ellisse riferit l centro degli ssi Dti due punti F ed F detti fuochi, l ellisse è il luogo geometrico dei punti P del pino per cui è costnte l somm

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO A. S. 2014/ 2015

PROGRAMMA SVOLTO A. S. 2014/ 2015 A. S. 4/ Nome docente Borgn Giorgio Mteri insegnt Mtemtic Clsse Previsione numero ore di insegnmento IV G mnutenzione e ssistenz tecnic ore complessive di insegnmento settimne X 4 ore = ore Nome Ins. Tecn.

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE VERSO L ESAME DI STATO LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Soluzioni di quesiti e prolemi trtti dl Corso Bse Blu di Mtemti volume 5 [] (Es. n. 8 pg. 9 V) Dell prol f ( ) si hnno le seguenti informzioni, tutte

Dettagli

Geometria analitica. punti, rette, circonferenza, ellisse, iperbole, parabola. ITIS Feltrinelli anno scolastico Il piano cartesiano

Geometria analitica. punti, rette, circonferenza, ellisse, iperbole, parabola. ITIS Feltrinelli anno scolastico Il piano cartesiano Geometri nlitic punti, rette, circonferenz, ellisse, iperbole, prbol ITIS Feltrinelli nno scolstico 007-008 Il pino crtesino Si dice pino crtesino un sistem formto d due rette perpendicolri che si intersecno

Dettagli

FUNZIONI IPERBOLICHE

FUNZIONI IPERBOLICHE FUNZIONI IPERBOLICHE Umberto Mrconi Diprtimento di Mtemtic Pur e Applict Pdov Premess Si [, [, fissto. Voglimo cpire cos signific: w dw perché l funzione integrnd è illimitt. Se considerimo, per b [, [,

Dettagli

COGNOME..NOME CLASSE.DATA

COGNOME..NOME CLASSE.DATA COGNOME..NOME CLASSE.DATA FUNZIONE ESPONENZIALE - VERIFICA OBIETTIVI Sper definire un funzione esponenzile. Sper rppresentre un funzione esponenzile. Sper individure le crtteristiche del grfico di un funzione

Dettagli

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, }

{ 1, 2,3, 4,5,6,7,8,9,10,11,12, } Lezione 01 Aritmetic Pgin 1 di 1 I numeri nturli I numeri nturli sono: 0,1,,,4,5,6,7,8,,10,11,1, L insieme dei numeri nturli viene indicto col simbolo. } { 0,1,,, 4,5,6,7,8,,10,11,1, } L insieme dei numeri

Dettagli

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi:

Integrali. Il concetto di integrale nasce per risolvere due classi di problemi: Integrli Il concetto di integrle nsce per risolvere due clssi di problemi: clcolo delle ree di figure delimitte d curve, clcolo di volumi, clcolo del lvoro di un forz, clcolo dello spzio percorso,... integrle

Dettagli

Successioni di funzioni

Successioni di funzioni Successioni di funzioni 3.1 Introduzione Considerimo l successione (x n ) n0,icuiterminisono 1, x,x 2,x 3,..., x n,... Si trtt dell progressione geometric di termine inizile 1 e rgione x, che bbimo già

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

Funzioni Elementari 1/2

Funzioni Elementari 1/2 Funzioni Lineri : Funzione qudrto: Modulo Funzione omogric iperbole: Funzioni Elementri / y m q y y y c b c b d Funzioni Potenz: Funzione Esponenzile Funzione Logritmic y y y log Funzioni trigonometriche

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Prof Emnuele ANDRISANI Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele L potenz è definit: se 0, per ogni R se 0, per tutti e soli gli R se 0, per tutti e soli gli Z Esponenzili e ritmi Sono definite:

Dettagli

Esponenziali e logaritmi

Esponenziali e logaritmi Teori in sintesi ESPONENZIALI Potenze con esponente rele Esponenzili e ritmi L potenz è definit: se, per ogni R se, per tutti e soli gli R se, per tutti e soli gli Z. Sono definite: 7 7. Non sono definite:.

Dettagli

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio.

b a 2. Il candidato spieghi, avvalendosi di un esempio, il teorema del valor medio. Domnde preprzione terz prov. Considert, come esempio, l funzione nell intervllo [,], il cndidto illustri il concetto di integrle definito. INTEGRALE DEFINITO, prendendo in esme un generic funzione f()

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Verifica 10 ESPONENZIALI E LOGARITMI

Verifica 10 ESPONENZIALI E LOGARITMI Verific 0 SPONNZIALI LOGARITMI TST I FIN APITOLO Qule delle seguenti figure non rppresent un funzione? A È dt l funzione f : R R, descritt dll legge 4. Qunto vle l immgine di 0? A 0... 4. 4. L funzione

Dettagli

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace

Appunti di Analisi matematica 1. Paolo Acquistapace Appunti di Anlisi mtemtic Polo Acquistpce 23 febbrio 205 Indice Numeri 4. Alfbeto greco................................. 4.2 Insiemi..................................... 4.3 Funzioni....................................

Dettagli

MATEMATICA Classe Prima

MATEMATICA Classe Prima Liceo Clssico di Treiscce Esercizi per le vcnze estive 0 MATEMATICA Clsse Prim Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Cpitolo Numeri nturli Primi ogni pgin del cpitolo Per gli llievi promossi

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

Il problema delle aree. Metodo di esaustione.

Il problema delle aree. Metodo di esaustione. INTEGRALE DEFINITO. DEFINIZIONE E SIGNIFICATO GEOMETRICO. PROPRIETA DELL INTEGRALE DEFINITO. FUNZIONE INTEGRALE. TEOREMA DELLA MEDIA. TEOREMA FONDAMENTALE DEL CALCOLO INTEGRALE. FORMULA DI LEIBNITZ NEWTON.

Dettagli

Lezione 1 Insiemi e numeri

Lezione 1 Insiemi e numeri Lezione Insiemi e numeri. Nozione di insieme, sottoinsieme, pprtenenz Con l prol insieme intendimo un collezione di oggetti detti suoi elementi. Ogni insieme è denotto con lettere miuscole e i suoi elementi

Dettagli

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1

Antonella Greco, Rosangela Mapelli. E-Matematica. E-Book di Matematica per il triennio. Volume 1 Antonell Greco, Rosngel Mpelli E-Mtemtic E-Book di Mtemtic per il triennio Volume COPIA SAGGIO Cmpione grtuito fuori commercio d esclusivo uso dei docenti Grmond 009 Tutti i diritti riservti Vi Tevere,

Dettagli

{ } 3 [ ] [ ] [ ] [ ] Esercizi per il precorso ( )( ) Prof. Margherita Fochi. 1.- Esercizi sui polinomi. + x. x R. ( )( ) + R. ( )( )( ) a.

{ } 3 [ ] [ ] [ ] [ ] Esercizi per il precorso ( )( ) Prof. Margherita Fochi. 1.- Esercizi sui polinomi. + x. x R. ( )( ) + R. ( )( )( ) a. Prof. Mrgherit Fochi Esercizi per il precorso.- Esercizi sui polinomi Semplificre le seguenti espressioni utilizzndo i prodotti notevoli:. ) ) ) ) ) 8 [ ] 8. ) ) ) ) ] [. ) ) ) [ ] { } y y y y y [ ] 8

Dettagli

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo:

FUNZIONI MATEMATICHE. Una funzione lineare è del tipo: FUNZIONI MATEMATICHE Le relzioni mtemtihe utilizzte per desrivere fenomeni nturli, in iologi ome in ltre sienze, possono ovvimente essere le più svrite. Per lo più si trtt di equzioni lineri, qudrtihe,

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico

Seconda prova maturita 2016 soluzione secondo problema di matematica scientifico Second prov mturit 06 soluzione secondo problem di mtemtic scientifico Skuol.net June, 06 Primo Problem Le tre funzioni proposte sono f () ( ) k f () 6 + 9k + f () cos( π k ). Punto Affinche l funzione

Dettagli

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ).

METTITI ALLA PROVA. b. Posto che a, b e c siano i valori trovati al punto precedente, calcola: lim fx ( ); lim fx ( ). Mettiti ll prov METTITI ALLA PROVA Limiti e continuità b - + c e, c Si dt l funzione f ( ) se $ 0! = * sin, con b,! R, c! R + se 0 Ricv i vlori di, b e c in modo tle che: f() si continu in = 0 ; lim f

Dettagli

Esercizi sulle curve in forma parametrica

Esercizi sulle curve in forma parametrica Esercizi sulle curve in form prmetric Esercizio. L Elic Cilindric. Dt l curv di equzioni prmetriche: xt cos t yt sin t t 0 T ] > 0 b IR zt bt trovre: versore tngente normle binormle vettore curvtur rggio

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è un scrittur in cui compiono operzioni tr numeri rppresentti, tutti o in prte, d lettere. Per clcolre il vlore numerico di

Dettagli

Teoria in pillole: logaritmi

Teoria in pillole: logaritmi Teori in pillole: logritmi EQUAZIONI ESPONENZIALI Un'equzione si dice esponenzile qundo l'incognit compre soltnto nell'esponente di un o più potenze. L'equzione esponenzile più semplice (elementre) è del

Dettagli

Funzione esponenziale

Funzione esponenziale Progetto Mtemtic in Rete - Esponenzili e ritmi - Funzione esponenzile Abbimo studito le progressioni geometriche ed bbimo visto che ci sono molte situzioni reli in cui il modello mtemtico sottostnte è

Dettagli

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale:

IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. per a = - 2 vale: IL CALCOLO LETTERALE: I MONOMI Conoscenze. Complet.. Un espressione letterle è.... Per clcolre il vlore numerico di un espressione letterle isogn...... c. Non si possono ssegnre lle lettere che compiono

Dettagli

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale Regime di sconto commercile Formule d usre : S = sconto ; K = somm d scontre ; s = tsso di sconto unitrio V = vlore ttule ; I = interesse ; C = cpitle s t = st i t st = st S t Kst V K st () () ; () ( )

Dettagli

La parabola con asse parallelo all ady

La parabola con asse parallelo all ady L prbol con sse prllelo ll dy I Prbol con vertice nell origine degli ssi crtesini I disegni degli esercizi dll 1 l 3 dell sched di lbortorio, sono i seguenti: Quindi il segno del coefficiente di x determin

Dettagli

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b

Integrale Improprio. f(x) dx =: Osserviamo che questa definizione ha senso dal momento che per ogni y è ben definito l integrale b Integrle Improprio In queste lezioni riprendimo l teori dell integrzione in un vribile, l ide è di estendere l integrle definito nche in csi in cui l funzione integrnd o l intervllo di integrzione non

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione ordinaria ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Sessione ordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si rticol il questionrio. PROBLEMA In un pino, riferito d un sistem

Dettagli