Parametro Valore Unità misura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parametro Valore Unità misura"

Transcript

1

2 Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza termica effettiva (a 20 C) 61,9 MWt Capacità nominale di combustione 13,1 15,5 (*) t/h Smaltimento annuo autorizzato (**) t (*) Funzione del PCI del combustibile (**) Recupero energetico da CDR e un max di t/anno di scarti vegetali e rifiuti della lavorazione del legno non trattati

3 Bacino provincia di FOGGIA produzione RSU ton/anno produzione FSC ton/anno produzione CDR ton/anno Attualmente la Provincia non è pronta con la produzione del CDR e viene approvvigionato da altre province pugliesi

4

5

6

7

8 Combustore a letto fluido bollente Alta efficienza di combustione (temperatura, turbolenza, superficie di contatto, tempo di residenza, volano termico, ecc); Elevata stabilità di combustione; Elevata flessibilità nell utilizzo dei combustibili; Basse temperature di combustione; Miglior controllo della combustione e quindi minori emissioni.

9

10 Trattamento dei fumi completamente a secco Il trattamento dei fumi inizia in camera di combustione (SNCR e dosaggio dolomite); Trattamento dei gas acidi (HCl, HF, SO2) con dosaggio di bicarbonato micronizzato con l ausilio di mulini; Dosaggio di carboni attivi per catturare eventuali diossine, furani e metalli pesanti; Abbattimento delle polveri con l ausilio di un filtro a maniche; DeNOx catalitico per ulteriore abbattimento degli NOx; Miscelazione in una torre di reazione;

11 Camera di combustione e generatore di vapore

12 Percorso dei fumi FUMI Silo di stoccaggio bicarbonato di sodio Box contenente n. 2 mulini per micronizzazione bicarbonato di sodio e relative soffianti per il trasporto nel reattore Linea di dosaggio A Linea di dosaggio B Il sistema viene regolato automaticamente dal sistema di supervisione, legge il valore di HCl a camino e dosa il bicarbonato necessario in funzione del set point impostato dall operatore

13 Due sistemi di misura certificati in backup caldo provvedono all analisi, alla misura e alla registrazione in continuo dei parametri di funzionamento dell impianto, Portata, Pressione e Temperatura dei fumi e dei seguenti composti: Monossido di carbonio come CO CO2 Ossidi di azoto come NO2 Tenore di Ossigeno nei fumi Biossido di zolfo come SO2 Carbonio organico totale (COT) Acido Cloridrico e Fluoridrico NH3 Polveri Umidità Si effettuano, secondo quanto previsto in autorizzazione, campionamenti discreti e analisi sui fumi per la valutazione per esempio del contenuto in: Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) Metalli pesanti Diossine e Furani Cadmio e Tallio Mercurio L impianto è dotato di un campionatore in continuo delle diossine, PM 2,5 e PM 10

14 PROROGA 6 MESI ESERCIZIO COMMERCIALE ANNO 2015 ANALITA Limite Limite Limite Limite MEDIE MENSILI MISURATE % Media limite Semiorario Giornaliero Semiorario Giornaliero GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE anno giorno (*) CO [mg/nm 3 ] ,0 10,3 5,5 3,1 4,3 7,9 10,7 15,7 16,4 9,1 30% COT [mg/nm 3 ] ,1 0,6 0,6 0,4 0,4 0,4 0,6 0,7 0,7 0,6 6% HCl [mg/nm 3 ] ,1 4,7 5,3 4,4 3,6 4,1 2,8 3,7 4,1 4,1 51% NOx in NO2 [mg/nm 3 ] ,4 88,8 86,6 82,2 79,5 68,5 79,8 74,6 83,0 80,4 80% SO2 [mg/nm 3 ] ,2 2,6 4,1 3,0 1,1 4,1 6,1 5,2 4,8 3,7 9% HF [mg/nm 3 ] ,8 0,6 0,6 0,7 0,7 0,8 0,8 0,7 0,7 0,7 71% POLVERI [mg/nm 3 ] ,7 0,7 0,7 0,7 0,7 0,9 0,8 0,7 0,7 0,7 15% NH3 [mg/nm 3 ] ,7 1,7 2,4 1,4 0,6 0,4 1,7 2,5 2,4 1,6 33% NOTE (*) riferito al limite prescritto per l'esercizio commerciale Parametro ANNO 2015 MEDIE MENSILI MISURATE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE Media anno CO 2 [%] 8,3 8,1 8,1 8,1 8,1 8,3 8,3 8,1 8,2 8,2 O 2 [%] 9,6 9,1 9,1 9,8 9,7 9,4 10,0 9,3 9,5 9,5 H 2 O [%] 11,0 11,8 11,9 10,8 10,8 11,5 11,8 13,1 12,5 11,7 Temperatura Fumi [ C] 160,5 161,6 159,9 163,6 168,9 209,4 169,9 164,3 165,0 169,2 Temperatura P.C. [ C] 1066,9 1056,2 1152,2 1157,8 1130,4 1125,3 1081,1 1040,3 1045,1 1095,0 Pressione assoluta [mbar] 1017,0 1011,0 1017,0 1017,9 1016,7 1015,2 1013,2 1014,1 1015,4 1015,3 Portata [Nm 3 /h] , , , , , , , , , ,0

15 Monossido di Carbonio Ossidi di Azoto [mg/nm 3 ] CO [mg/nm³] Limite Giornaliero Limite semiorario [mg/nm 3 ] NOx [mg/nm³] Limite Giornaliero Limite semiorario Giorno Giorno Carbonio Organico Totale Anidride solforosa [mg/nm 3 ] COT [mg/nm³] Limite Giornaliero [mg/nm 3 ] SO2 [mg/nm³] Limite Giornaliero 5 Limite semiorario 50 Limite semiorario Giorno Giorno

16 Acido Cloridrico Polveri [mg/nm 3 ] HCL [mg/nm³] Limite Giornaliero Limite semiorario [mg/nm 3 ] Polveri [mg/nm³] Limite Giornaliero Limite semiorario Giorno Giorno Acido Fluoridrico Ammoniaca [mg/nm 3 ] 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0, HF [mg/nm³ Limite Giornaliero Limite semiorario [mg/nm 3 ] NH3 [mg/nm³] Limite Giornaliero Limite semiorario Giorno Giorno

17 I composti della famiglia delle diossine si formano durante la fase iniziale della combustione, quando la combustione genera HCl gassoso, in presenza di catalizzatori, quali il rame e il ferro. Responsabile principale della formazione di composti appartenenti alla famiglia delle diossine è il cloro "organico", cioè cloro legato a composti organici polimerici, ad esempio il PVC. La presenza di cloro e di metalli nel materiale di rifiuto pone le due principali condizioni per la formazione delle diossine. Affinché si formino, quindi, devono essere presenti tutte queste condizioni: Sostanze clorurate, di tipo prevalentemente organico metalli di transizione (Fe, Cu..) sostanze che forniscono idrogeno (materiali organici) comprese tra 200 e 500 C combustione in presenza di ossigeno in difetto

18 Il letto fluido bollente alimentando CDR ha bassissimi livelli di emissioni delle diossine in quanto le lavorazioni per la produzione del CDR garantiscono l eliminazione a monte di alcuni composti che risultano fortissimi catalizzatori nella formazione delle diossine (ad esempio il rame). Inoltre il letto fluido bollente permette una maggiore stabilità della combustione con minori sbalzi di temperatura all interno della camera di combustione. Il sistema di combustione permette di mantenere i prodotti della combustione ad almeno 850 C. In questo modo la molecola dei precursori della diossina viene aperta, spezzando alcuni dei legami. Con questa temperatura, mantenuta almeno per 2 secondi, il carbonio viene ossidato ed il cloro si separa sotto forma di acido cloridrico, che viene successivamente assorbito dai sistemi di abbattimento e depurazione fumi. Infine, quale ultima sicurezza, vengono utilizzati i Carboni Attivi che, come è noto, grazie alle loro caratteristiche, costituiscono il materiale principe per l assorbimento delle eventuali diossine residue.

19 Le temperature in camera di combustione sono mantenute sempre al di sopra degli 850 C (comprese fra 850 e 1050 C), con tempo di residenza dei fumi di almeno 3 secondi (> 2). In questo modo i precursori della diossina sono distrutti, il cloro si separa e diventa disponibile alla formazione di altri composti eliminabili sotto forma di sali. Se la temperatura dei fumi scende al di sotto degli 870 C il sistema di supervisione avvia i bruciatori ausiliari e al di sotto degli 850 C ferma il sistema di alimentazione del CDR Di seguito si riportano i risultati di misurazioni condotte durante dei controlli eseguiti sulle emissioni dell impianto da parte di laboratori certificati e dall ARPA Puglia. Come si legge, le emissioni di Diossine e Furani sono molto più basse di quanto previsto dai limiti di legge. COMPOSTO Laboratorio Emissioni Misurate Limite di legge Unità di misura % Rispetto al limite ARPA PUGLIA 0,0080 8,00% PCDD+PCDF 0,1 ng/nm 3 LABORATORIO CERTIFICATO (*) 0,0065 6,50% (*) Valore riferito alla media di 5 campionamenti

20 L impianto sfruttando la tecnologia del letto fluido bollente e il sistema di trattamento fumi descritto ha ottime performance sia ambientali che di produzione I valori di tutti gli inquinanti misurati in continuo e con i laboratori risultano ampiamente al di sotto dei limiti previsti in autorizzazione La produzione è sempre soddisfacente con un coefficiente di producibilità medio nell anno in corso del 95% che tiene conto del calo fisiologico nei mesi estivi dovuta alla difficoltà di condensazione La dotazione di impianti ausiliari per il trattamento delle acque permette il recupero totale delle acque meteoriche e di processo per la produzione di acqua industriale e demineralizzata riducendo al minimo l emungimento da pozzo e lo smaltimento di rifiuti liquidi

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

Il termovalorizzatore di Torino

Il termovalorizzatore di Torino Il termovalorizzatore di Torino Funzionamento Andamento 2015 13 febbraio 2016 La Società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani èlasocietà che ha progettato, costruito e, attualmente, gestisce il

Dettagli

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia L impianto di termovalorizzazione di Torino Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia Soggetto aggiudicatario Costituenda Associazione Temporanea di Imprese tra TM.E. S.p.A. termomeccanica

Dettagli

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Università degli Studi di Palermo Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Prof. Ing. Giorgio Micale, Dott. Ing. Onofrio Scialdone Dipartimento di Ingegneria Chimica

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti

Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta. Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti Allegato 1 al Titolo III-bis alla Parte Quarta Norme tecniche e valori limite di emissione per gli impianti di incenerimento di rifiuti A. VALORI LIMITE DI EMISSIONE IN ATMOSFERA 1. Valori limite di emissione

Dettagli

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Francesco Pepe Dipartimento di Ingegneria Università del Sannio, Benevento LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La gestione

Dettagli

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE S. Agata di Puglia (FG) PROPONENTE/PROMOTER IL PRESIDENTE VIA ZUCCHERIFICIO, 10-48213 - MEZZANO (RA) DOCUMENTAZIONE TECNICA AI FINI AUTORIZZATIVI

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Incenerimento a griglia * raffreddati ad aria o ad acqua; * a griglia fissa o mobile Combustione

Dettagli

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010.

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010. ACCAM S.P.A. Strada Comunale di Arconate 21052 Busto Arsizio Tel 0331-351560 Fax 0331-351780 COD FISC PIVA 00234060127 Relazione annuale art. 15 D.Lgs. 133/05 Pagina 1 di 17 Data: 18.06.2014 Relazione

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza

Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO. Università di Roma La Sapienza Le biomasse ESEMPIO IMPIANTISTICO La combustione è un processo di ossidazione rapido che avviene con emissione di luce e calore (fiamma) durante il quale l energia chimica si trasforma (degradandosi) in

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

Quadro di riferimento tecnico: il BREF per i grandi impianti di combustione

Quadro di riferimento tecnico: il BREF per i grandi impianti di combustione Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento: gli impianti di produzione di energia Piacenza, 25 ottobre 2005 Quadro di riferimento tecnico: il BREF per i grandi impianti di combustione S. Consonni

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Bologna, 18.10.2008 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Il gruppo HERA

Dettagli

Stato dell arte dell impiego dei rifiuti nell industria cementiera (nel ciclo dei combustibili e delle materie prime)

Stato dell arte dell impiego dei rifiuti nell industria cementiera (nel ciclo dei combustibili e delle materie prime) Stato dell arte dell impiego dei rifiuti nell industria cementiera (nel ciclo dei combustibili e delle materie prime) Pagina 1 di 61 1. Generalità Lo smaltimento dei rifiuti è senza dubbio un tema ambientale

Dettagli

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 1 di 14 5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 2 di 14 5.1 PREMESSA... 3 5.2 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI COMBUSTIONE RECUPERO ENERGETICO... 6 5.3 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI TRATTAMENTO

Dettagli

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione della Città Metropolitana di Torino

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione della Città Metropolitana di Torino Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione della Città Metropolitana di Torino Relazione della presentazione e della visita tecnica Torino 14 luglio 2015 Il termovalorizzatore

Dettagli

2008/2009/2010 RAPPORTO DELL OSSERVATORIO SUL FUNZIONAMENTO DEL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA RELATIVO AGLI ANNI

2008/2009/2010 RAPPORTO DELL OSSERVATORIO SUL FUNZIONAMENTO DEL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA RELATIVO AGLI ANNI RAPPORTO DELL OSSERVATORIO SUL FUNZIONAMENTO DEL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA RELATIVO AGLI ANNI 8/9/ Comune di Brescia Settore Ambiente ed Ecologia INDICE Premessa L Osservatorio sul Termoutilizzatore

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore Cristiano PICCININ WTE Padova INTRODUZIONE Nel 2007 venne deliberato il rifacimento delle linee

Dettagli

SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI FUMI

SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI FUMI SISTEMI DI TRATTAMENTO DEI FUMI La sezione di trattamento dei fumi di un impianto di incenerimento ha lo scopo contenere entro i limiti di emissione previsti dalla normativa le concentrazioni di inquinanti

Dettagli

7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI. 7.1 I limiti all emissione

7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI. 7.1 I limiti all emissione 7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI 7.1 I limiti all emissione I limiti di accettabilita all emissione dai camini dei forni di incenerimento sono normalmente impostati sul concetto della gia citata BAT-Best

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014

Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014 IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI "SILLA 2" Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014 Silla2

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

D C E, C V M e P V C

D C E, C V M e P V C 1 D C E, C V M e P V C Il cloruro di vinile monomero (CVM) viene utilizzato quasi esclusivamente per la produzione del polivinilcloruro (PVC) e dei suoi omo e copolimeri, a meno di una piccola parte che

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

Marcegaglia energy Marcegaglia energy

Marcegaglia energy Marcegaglia energy Marcegaglia energy Marcegaglia energy è la business unit di Marcegaglia presente In Italia nel campo della Produzione di Energia Elettrica da Fonti Rinnovabili e leader nel mondo nel campo della Fornitura

Dettagli

Inceneritore di Torino - Gerbido. Impatti Ambientali ed Economici

Inceneritore di Torino - Gerbido. Impatti Ambientali ed Economici Inceneritore di Torino - Gerbido Impatti Ambientali ed Economici Inceneritore di Torino-Gerbido Da wikipedia: secondo le più moderne teorie sulla corretta gestione dei rifiuti gli unici modi per "valorizzare"

Dettagli

EMISSIONI DI INQUINANTI DA

EMISSIONI DI INQUINANTI DA EMISSIONI DI INQUINANTI DA INCENERITORI: ASPETTI NORMATIVI E RICERCA LUCA STABILE, GIORGIO BUONANNO l.stabile@unicas.it, buonanno@unicas.it DICeM Università di Cassino e del Lazio Meridionale via G. Di

Dettagli

ISOTHERM PWR. Flameless Oxy-combustion. Energia con emissioni prossime allo zero

ISOTHERM PWR. Flameless Oxy-combustion. Energia con emissioni prossime allo zero ISOTHERM PWR Flameless Oxy-combustion Energia con emissioni prossime allo zero FLAMELESS OXY-COMBUSTION Energia dagli scarti a zero emissioni Energia da combustibili poveri: Rifiuti industriali liquidi

Dettagli

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili ICARIA s.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DI INGEGNERIA Sede legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sedi Operative: Corso Cavour, 445 05018 Orvieto Tel. 0763.340875 Fax 0763.341251 Viale Liegi, 42 00198 Roma e_mail

Dettagli

La realizzazione del Termovalorizzatore dei rifiuti di Torino Le tappe fondamentali

La realizzazione del Termovalorizzatore dei rifiuti di Torino Le tappe fondamentali Il Termovalorizzatore del Gerbido La realizzazione del Termovalorizzatore dei rifiuti di Torino Le tappe fondamentali Piacenza, 15 maggio 2013 Bruno Torresin - Presidente TRM S.p.A. Il TERMOVALORIZZATORE

Dettagli

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Direzione Ingegneria Davide Corrente Indice 1 - Gruppo HERA 2 - Impianti progettati, costruiti e messi in marcia

Dettagli

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc)

Inquinanti atmosferici. Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) Inquinanti atmosferici Ossidi di zolfo Ossidi di azoto Monossido di carbonio Particolato (polveri) Altri (metalli, VOC, etc) ZOLFO I composti dello zolfo di interesse ai fini dell inquinamento atmosferico

Dettagli

Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento (IPPC)

Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento (IPPC) COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE CCR CENTRO COMUNE DI RICERCA Istituto di prospettiva tecnologica (Siviglia) Ufficio europeo IPPC Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento (IPPC) Sintesi

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas Dott. Massimiliano Livi Bioenergie: Perché l uso delle biomasse legnose? Negli ultimi 50 anni la superficie boschiva è raddoppiata, raggiungendo

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE

NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE Modena, 19 Settembre CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Descrizione delle migliori tecnologie disponibili (DM

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Progetto Europeo MixBioPells

Progetto Europeo MixBioPells Progetto Europeo MixBioPells Dario Molinari CTI Cremona, 19/03/2011 Supported by: Partecipante Sigla Paese Ambito German Biomass Research Centre Bioenergy 2020+ GMBH Technical Research Centre of Finland

Dettagli

SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 9 2 DESCRIZIONE GENERALE... 10 2.1 CONFIGURAZIONE DELL IMPIANTO... 10

SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 9 2 DESCRIZIONE GENERALE... 10 2.1 CONFIGURAZIONE DELL IMPIANTO... 10 Rev. Descrizione della revisione Simbolo A Emissione del 31/07/2012 B B Revisione del 01/07/2014 per prescrizioni VIA Revisione del 16/12/2014 per integrazioni AU e AIA SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 9 2 DESCRIZIONE

Dettagli

1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO

1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO 1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO L impianto è costituito da due linee: la linea 1, derivante dalla completa ristrutturazione della linea 1 esistente e la linea 3 di nuova costruzione, le cui capacità orarie

Dettagli

Controllo ed abbattimento delle emissioni di gas inquinanti

Controllo ed abbattimento delle emissioni di gas inquinanti Controllo ed abbattimento delle emissioni di gas inquinanti CONSUMO DI ENERGIA In media 2 kw per essere umano 10 kw USA (5% della popolazione mondiale usa il 25 % dell energia) 5 kw Europa < 1kW resto

Dettagli

pierluigi.villa@univaq.it a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini

pierluigi.villa@univaq.it a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini COMBUSTIONE CATALITICA COME COMPLEMENTO DEL PROCESSO DI GASSIFICAZIONE INNOVATIVO DICOTOM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA BIOMASSA E NON, CON PRODUZIONE DI ENERGIA a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO

DESCRIZIONE IMPIANTO DESCRIZIONE IMPIANTO Le opere e gli impianti funzionali alla realizzazione del progetto sono i seguenti: - n. 1 centrali di cogenerazione alloggiate in container; - n. 1 cabina elettrica; - n. 1 serbatoio

Dettagli

IL MONITORAGGIO AMBIENTALE NEL PROCESSO AUTORIZZATIVO AGLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO

IL MONITORAGGIO AMBIENTALE NEL PROCESSO AUTORIZZATIVO AGLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO IL MONITORAGGIO AMBIENTALE NEL PROCESSO AUTORIZZATIVO AGLI IMPIANTI DI INCENERIMENTO Eugenio Lanzi Regione Emilia Romagna Alfredo Pini APAT Gianna Sallese Arpa Emilia Romagna Rimini 30 giugno 2006 Schema

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

Le BAT per il trattamento delle emissioni in atmosfera negli impianti di termovalorizzazione dei RSU. L esperienza di Brescia. Torino, 30 Ottobre 2008

Le BAT per il trattamento delle emissioni in atmosfera negli impianti di termovalorizzazione dei RSU. L esperienza di Brescia. Torino, 30 Ottobre 2008 Le BAT per il trattamento delle emissioni in atmosfera negli impianti di termovalorizzazione dei RSU L esperienza di Brescia Torino, 30 Ottobre 2008 IL TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA This information was

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia

Pensa verd. Pensa verde. Informativa per la centrale a biomasse Castiglione d Orcia Pensa verd verde Pensa verde Informativa per la centrale a biomasse biomasse di di Castiglione d Orcia La provincia pensa verde Pensare verde. Sono queste le parole chiave che negli ultimi anni caratterizzano

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

3. Caratterizzazione delle sorgenti

3. Caratterizzazione delle sorgenti pag. 31 3. Caratterizzazione delle sorgenti 3.1. Caratterizzazione sorgenti connesse al ciclo di trattamento e smaltimento RU 3.1.1. Termovalorizzatore Per quanto riguarda il processo di termovalorizzazione

Dettagli

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale

Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Provincia di Roma Dipartimento IV, Servizio 3 Ufficio Autorizzazione Integrata Ambientale Impianto Localizzazione Chimico Via di Salone, 245 00131 Roma Gestore Basf Italia Srl Via Marconato, 8 20031 Cesano

Dettagli

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE

D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA IL DIRIGENTE D. R. S. n. 317 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO ED AMBIENTE SERVIZIO 3 - Tutela dall inquinamento atmosferico, elettromagnetico, acustico

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE PROGETTO DI REALIZZAZIONE DELLA LINEA 3 DELL INCENERITORE DI PADOVA

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE PROGETTO DI REALIZZAZIONE DELLA LINEA 3 DELL INCENERITORE DI PADOVA presentazione pubblica STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE PROGETTO DI REALIZZAZIONE DELLA LINEA 3 DELL INCENERITORE DI PADOVA Giovedì 3 luglio 2008 Hotel Sheraton - Corso Argentina, 5 - Padova Comune di Padova

Dettagli

Relazione tecnico scientifica: emissioni di inquinanti dalla combustione civile

Relazione tecnico scientifica: emissioni di inquinanti dalla combustione civile Relazione tecnico - scientifica Emissioni di inquinanti dalla combustione civile TABELLE T_1 Tab. 5.2 Sintesi di fattori di emissione ottenuti dall'indagine ARPA 2003 (ARPA Lombardia, 2003) COMBUSTIBILE

Dettagli

Il Termovalorizzatore di Torino

Il Termovalorizzatore di Torino Presentazione a cura : Ing. V. M. Fasone Dirigente Ingegneria & Manutenzione Il Termovalorizzatore di Torino 1 La società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani è la società che ha progettato, fatto

Dettagli

OLTRE L ETA DEL FUOCO

OLTRE L ETA DEL FUOCO OLTRE L ETA DEL FUOCO IL SUPERAMENTO DEFINITIVO DELL INCENERIMENTO DEI RIFIUTI I Consiglieri Regionali dei Verdi della Toscana, Fabio Roggiolani, Presidente della Commissione Sanità al Consiglio Regionale

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

CON NOI L ENERGIA RINASCE DAGLI SCARTI

CON NOI L ENERGIA RINASCE DAGLI SCARTI CON NOI L ENERGIA RINASCE DAGLI SCARTI da oltre 30 anni trasforma gli scarti in valore Progettiamo e Realizziamo combustori di pollina con recupero energetico TERMOVALORIZZAZIONE POLLINA CON PRODUZIONE

Dettagli

&RQ OD SXEEOLFD]LRQH GHO ³5DSSRUWR GHOO RVVHUYDWRULR VXO IXQ]LRQDPHQWR GHO

&RQ OD SXEEOLFD]LRQH GHO ³5DSSRUWR GHOO RVVHUYDWRULR VXO IXQ]LRQDPHQWR GHO Š œœ ŸŠ œž ž Š ž Š œœ Š Š Ÿ Š Š &RQ OD SXEEOLFD]LRQH GHO ³5DSSRUWR GHOO RVVHUYDWRULR VXO IXQ]LRQDPHQWR GHO 7HUPRXWLOL]]DWRUHGL%UHVFLDUHODWLYRDJOLDQQLH FRQVHJQLDPRDLFLWWDGLQLXQ DWWRGLWUDVSDUHQ]DHULVSRQGLDPRGDXQLPSHJQRSUHVRFRQODFLWWj

Dettagli

(Dal 21 settembre al 29 ottobre 2010)

(Dal 21 settembre al 29 ottobre 2010) INCENERITORE RSU PADOVA Collaudo funzionale Linea 3 (Dal 21 settembre al 29 ottobre 2010) INDICE PAGINA PERCHE QUESTO OPUSCOLO INFORMATIVO 3 INTRODUZIONE 3 RIFIUTI TRATTATI 4 FUNZIONAMENTO DI UN TERMOVALORIZZATORE

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Roberta ROBERTO ENEA Unità Tecnica Tecnologie Saluggia Conversione

Dettagli

NSE START. Impianto di produzione energia da pirogassificazione rifiuti NSE. Nota descrittiva

NSE START. Impianto di produzione energia da pirogassificazione rifiuti NSE. Nota descrittiva Ottobre 2010 NSE START Impianto di produzione energia da pirogassificazione rifiuti NSE Nota descrittiva LA SOLUZIONE NSE INDUSTRY La NSE Solution per i rifiuti industriali si rivolge sia direttamente

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016

TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA. 12 gennaio 2016 TAVOLO ISTITUZIONALE ARIA 12 gennaio 2016 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 2 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati ARPA) 3 LA QUALITA DELL ARIA CONFRONTI TREND PM10 (dati

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

2. Metodologie e modelli

2. Metodologie e modelli Influenza dell Uso delle Migliori Tecnologie Disponibili sui Costi Ambientali alla luce della Direttiva Europea IPPC. Caso Studio: Termovalorizzatore Silla 2 Angelo Bonomi Consulente Ambientale, Verbania

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa

Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Impianto di cogenerazione a biomassa legnosa Integrazione fra la produzione della biomassa ed il suo riutilizzo a fini energetici Massarosa, 8 novembre 2013 Ing. Simone Bonari P&I srl 09/11/2013 Comune

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI Principi generali combustione potere calorifico bilanci di massa: stechiometria, volume fumi, eccessi d aria Recupero energetico bilanci termici, rendimenti

Dettagli

OFFERTA TECNICA Premessa e descrizione dell impianto

OFFERTA TECNICA Premessa e descrizione dell impianto ALLEGATO H - Pagina 1 di 10 (In corsivo le parti da elaborare, completare a cura dell offerente) Premessa e descrizione dell impianto Descrizione complessiva del progetto e dei suoi aspetti peculiari,

Dettagli

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori Produzione suole per scarpe Comparazione Combustori INTRODUZIONE Un industriale marchigiano ci ha segnalato che la Regione Marche, dopo una recente serie di controlli sul territorio, sta imponendo limiti

Dettagli