Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno."

Transcript

1 La località fossilifera di Le Conchiglie a Lagune di Sasso Marconi viene segnalata per la straordinaria abbondanza in resti fossili di molluschi pliocenici. Lo studio della malacofauna di questo eccezionale sito paleontologico è iniziato nel 2005 con l'analisi di alcuni fossili messi cortesemente a disposizione dei ricercatori dell'istituto di Geologia (attualmente Dipartimento di Scienze della Terra, della Vita e dell'ambiente) dell'università di Urbino da parte dal Centro Studi Le Conchiglie. In questa prima fase di studio sono state identificate 21 specie di Molluschi riferibili a Gastropoda (10 specie), Bivalvia (10 specie) e Scaphopoda (Paradentalium sexangulum). (TAVOLA I). Negli elenchi riportati di seguito le specie estinte sono precedute dal segno. Gastropoda Aporrhais pespelecani (LINNEO, 1758) Aporrhais uttingeriana (RISSO, 1826) Hexaplex trunculus (LINNEO, 1758) Heteropurpura polymorpha (BROCCHI, 1814) Fusinus rostratus (OLIVI, 1792) Nassarius clathratus (BORN, 1788) Cancilla scrobiculata (BROCCHI, 1814) Conus antidiluvianus BRUGUIÈRE, 1792 Gemmula contigua (BROCCHI, 1814) Bathytoma cataphracta (BROCCHI, 1814) Bivalvia Anadara diluvii (LAMARCK, 1805) Glycymeris insubrica (BROCCHI, 1814) Pecten flabelliformis var. persulcata (SACCO, 1897) Amusium cristatum (BRONN, 1827) Ostrea edulis LINNEO, 1758 Neopycnodonte cochlear (POLI, 1795) Glans intermedia (BROCCHI, 1814) Venus nux GMELIN, 1791 Pelecyora islandicoides (LAMARCK, 1818) Pelecyora gigas (LAMARCK, 1818) Scaphopoda Paradentalium sexangulum (GMELIN, 1791) Successivamente (maggio 2006) è stato esaminato altro materiale prelevato nell'ambito di un escursione con gli studenti del Corso di Paleontologia e Paleoecologia dell Università degli Studi di Urbino (Corso di Studi in Scienze Geologiche) guidati dal Prof. Rodolfo Coccioni. Il numero delle specie di Molluschi identificate nel sito di "Le Conchiglie" e riferibili a Gastropoda (28 specie), Bivalvia (13 specie) e Scaphoda (1 specie) ha così raggiunto quota 42. (TAVOLA II)

2 Gastropoda Cerithium crenatum (BROCCHI, 1814) Turritella tricarinata (BROCCHI, 1814) Turritella tornata (BROCCHI, 1814) Aporrhais pespelecani (LINNEO, 1758) Aporrhais uttingeriana (RISSO, 1826) Crepidula unguiformis LAMARCK, 1822 Cochlis raropunctata raropunctata (SASSO, 1827) Cochlis strictiumbilicata (SACCO, 1891) Neverita olla (DE SERRES, 1829) Ficus subintermedia (D ORBIGNY, 1852) Phalium saburon (BRUGUIÈRE, 1792) Niso eburnea (RISSO, 1826) Bolinus brandaris torularius (LAMARCK, 1822) Hexaplex trunculus (LINNEO, 1758) Heteropurpura polymorpha (BROCCHI, 1814) Fusinus rostratus (OLIVI, 1792) Nassarius clathratus (BORN, 1788) Nassarius semistriatus (BROCCHI, 1814) Cancilla scrobiculata (BROCCHI, 1814) Sveltia varicosa (BROCCHI, 1814) Solatia hirta (BROCCHI, 1814) Conus antidiluvianus BRUGUIÈRE, 1792 Conus betulinoides juv. LAMARCK, 1810 Gemmula contigua (BROCCHI, 1814) Bathytoma cataphracta (BROCCHI, 1814) Terebra acuminata BORSON, 1820 Strioterebrum pliocenicum (FONTANNES, 1880) Subula fuscata (BROCCHI, 1814) Bivalvia Anadara diluvii (LAMARCK, 1805) Glycymeris insubrica (BROCCHI, 1814) Pecten flabelliformis var. persulcata (SACCO, 1897) Amusium cristatum (BRONN, 1827) Ostrea edulis LINNEO, 1758 Neopycnodonte cochlear (POLI, 1795) Glans intermedia (BROCCHI, 1814) Cardium indicum LAMARCK, 1818 Lutraria angustior PHILIPPI, 1844 Venus foliaceolamellosa (DILLWYN, 1817) Venus nux GMELIN, 1791 Pelecyora islandicoides (LAMARCK, 1818) Pelecyora gigas (LAMARCK, 1818) Scaphopoda Paradentalium sexangulum (GMELIN, 1791)

3 Durante l escursione citata, ci si è limitati a raccogliere manualmente i fossili. Vista la ricchezza della malacofauna presente, nel 2007 si è eseguito un campionamento volumetrico, per poter condurre uno studio quantitativo. Si è prelevato un volume di terreno omogeneo dal punto di vista sia granulometrico sia del contenuto in fossili. In questo modo, sono stati estratti tutti i fossili e si sono evitate scelte soggettive alle quali si va, inevitabilmente, incontro con metodi di raccolta manuali. Si è operato su un volume di circa 50 dm 3, suddiviso in loco in 48 sottocampioni distribuiti secondo una matrice 6 x 8 e identificati da un codice alfanumerico. Le dimensioni di ogni sottocampione è di circa 10 cm x 10 cm x 10 cm. Il materiale di ogni sottocampione è stato lavato, setacciato e quindi separato in tre frazioni granulometriche: 1) > 2 mm, 2) 1-2 mm, 3) mm. Dalle frazioni granulometriche più grossolane sono stati isolati tutti i molluschi, mentre solo 1/4 della frazione granulometrica più fine è stata analizzata. Relativamente ai diversi sottocampioni analizzati, in quest'ultima frazione dominano diverse specie di Bivalvia, Gastropoda e lo Scaphopode Pseudantalis rubescens (DESHAYES, 1825), (TAVOLA III). Risultano particolarmente abbondanti, in ordine decrescente, tra i bivalvi: Saccella commutata (PHILIPPI, 1844) Lembulus pella (LINNEO, 1767)

4 Spisula subtruncata (DA COSTA, 1778) Acanthocardia echinata (LINNEO, 1758) Venus nux GMELIN, 1791 Corbula gibba (OLIVI, 1792) Timoclea ovata (PENNANT, 1777) Nucula nitidosa WINCKWORT, 1930 Tra i gasteropodi, oltre ai Nassaridae: Bittium reticulatum (DA COSTA, 1778) Ringicula auriculata (MÉNARD DE LA GROYE, 1811) L'analisi del materiale proveniente dai diversi sottocampioni è tuttora in corso. Allo stato attuale sono state identificate 222 specie riferibili a Gastropoda (137 specie), Bivalvia (82 specie) e Scaphopoda (3 specie). Mentre i Bivalvi e gli Scaphopodi sono organismi esclusivamente bentonici, i Gastropoda comprendono anche forme pelagiche che nei sottocampioni analizzati sono presenti con 4 specie, rinvenute purtroppo solo in frammenti. In particolare, il sottocampione C1 è stato oggetto di una specifica tesi di laurea (La Malacofauna Pliocenica di Le Conchiglie Lagune di Sasso Marconi, Relatore: Prof.ssa Mariella Bellagamba) presso l'università degli Studi di Urbino e i cui risultati sono stati presentati dalla Dr.ssa Mariabenedetta Caldarella il 17 febbraio Lo studio dei molluschi esaminati ha permesso di ricavare alcune interessanti considerazioni di carattere paleoecologico. Questi organismi, prevalentemente infaunali e semi-infaunali, vivevano in un ambiente compreso tra l infra- e il circalitorale, in fondali sabbioso-fangosi con detriti. Le specie dominanti erano detritivore/depositivore e filtratrici. Era presente anche una modesta percentuale di carnivori, costituiti quasi esclusivamente da gasteropodi. Il mare nel quale vivevano questi molluschi era sicuramente un mare caldo, come testimoniato dalla dominanza di specie tropicali, tra le quali: Niso eburnea (RISSO, 1826) Fusinus rostratus (OLIVI, 1792) Nassarius clathratus (BORN, 1788) Cancilla scrobiculata (BROCCHI, 1814) Sveltia varicosa (BROCCHI, 1814) Solatia hirta (BROCCHI, 1814) Conus antidiluvianus BRUGUIÈRE, 1792 Gemmula contigua (BROCCHI, 1814) Bathytoma cataphracta (BROCCHI, 1814) Strioterebrum pliocenicum (FONTANNES, 1880) Anadara diluvii (LAMARCK, 1805) Venus foliaceolamellosa (DILLWYN, 1817) Come già accennato, alcune specie sono estinte. Mentre alcune di esse sono segnalate fino al Pleistocene, altre scompaiono nel Pliocene. In particolare, le prime estinzioni (come quelle di Strioterebrum pliocenicum e di Pelecyora gigas) risalgono al Pliocene medio, in seguito ad un episodio di raffreddamento, intorno ai Ma. In questo stesso episodio Venus foliaceolamellosa scompare dal Mediterraneo.

5 La presenza di alcune specie, esclusivamente plioceniche, permette di inquadrare l associazione in un periodo compreso tra i 5.33 M.a. e i 3.0 M.a. L ubicazione di questo sito fossilifero, all interno dell agriturismo Le Conchiglie, rende particolarmente piacevole un interessante percorso didattico che si è voluto mettere a disposizione di scolaresche interessate ad avvicinarsi alla paleontologia ed alla paleoecologia. Nell ottobre 2008, infatti, in collaborazione con il Servizio geologico sismico e dei suoli della Regione Emilia Romagna, è stata allestita una serie di pannelli lungo il sentiero geo-paleontologico Le Conchiglie. Nel primo pannello, viene ricostruita la paleogeografia del nostro pianeta e, in particolare quella dell Italia, a partire dal Mesozoico. Nel secondo pannello sono illustrate la paleogeografia del Golfo pliocenico bolognese e le formazioni geologiche presenti nella zona. Infine, nel terzo pannello, vengono fornite informazioni a carattere generale sull associazione a molluschi di questa località fossilifera, corredate da riproduzioni fotografiche delle specie più comuni e individuabili ad occhio nudo o attraverso l'uso di un microscopio. Le fotografie sono accompagnate da alcune indicazioni di carattere paleoecologico (habitus, profondità, tipo di substrato, trofismo), paleoclimatico e stratigrafico. Nell'ambito del Campo didattico-scientifico geo-paleontologico, organizzato dall'università degli Studi di Urbino e svoltosi dal 22 al 24 settembre 2010 presso l'agriturismo "Le Conchiglie", gli studenti della terza classe della scuola media inferiore dell'istituto Comprensivo di Borgonuovo hanno avuto la possibilità di seguire questo percorso didattico e di effettuare ricerche ed analisi sul campo, dimostrando notevole entusiasmo ed interesse.

6 TAVOLA I 1. Aporrhais pespelecani (LINNEO, 1758); 2. Heteropurpura polymorpha (BROCCHI, 1814); 3. Fusinus rostratus (OLIVI, 1792); 4. Cancilla scrobiculata (BROCCHI, 1814); 5. Conus antidiluvianus BRUGUIÈRE, 1792; 6. Gemmula contigua (BROCCHI, 1814); 7. Anadara diluvii (LAMARCK, 1805); 8. Glycymeris insubrica (BROCCHI, 1814); 9. Ostrea edulis LINNEO, 1758; 10. Glans intermedia (BROCCHI, 1814); 11. Paradentalium sexangulum (GMELIN, 1791)

7 TAVOLA II 1. Turritella tricarinata (BROCCHI, 1814); 2. Crepidula unguiformis LAMARCK, 1822; 3. Cochlis raropunctata raropunctata (SASSO, 1827); 4. Neverita olla (DE SERRES, 1829); 5. Nassarius semistriatus (BROCCHI, 1814); 6. Sveltia varicosa (BROCCHI, 1814); 7. Solatia hirta (BROCCHI, 1814); 8. Strioterebrum pliocenicum (FONTANNES, 1880); 9. Venus foliaceolamellosa (DILLWYN, 1817)

8 TAVOLA III 1. Saccella commutata (PHILIPPI, 1844); 2. Lembulus pella (LINNEO, 1767); 3. Spisula subtruncata (DA COSTA, 1778); 4. Acanthocardia echinata (LINNEO, 1758); 5. Venus nux GMELIN, 1791; 6. Corbula gibba (OLIVI, 1792); 7. Timoclea ovata (PENNANT, 1777); 8. Nucula nitidosa WINCKWORT, 1930; 9. Bittium reticulatum (DA COSTA, 1778); 10. Ringicula auriculata (MÉNARD DE LA GROYE, 1811); 11. Pseudantalis rubescens (DESHAYES, 1825)

9

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo ISTITUTO DI GEOLOGIA e CENTRO DI GEOBIOLOGIA SCAVO PALEONTOLOGICO IN LOCALITA LAGUNE DI SASSO MARCONI - LE CONCHIGLIE ZOOTECNIA-AGRITURISMO Rapporto Preliminare

Dettagli

Fossili della collezione didattica Genere e specie Età Località N Inv. Collocazione Q uantità Note Abra nitida Pliocene 402 P14 11 * Acanthocardia

Fossili della collezione didattica Genere e specie Età Località N Inv. Collocazione Q uantità Note Abra nitida Pliocene 402 P14 11 * Acanthocardia Abra nitida Pliocene 402 P14 11 * Acanthocardia erinacea Pliocene Montefeltro 382 P10 2 * Acanthocardia multicostata (?) Miocene 383 P10 3 * Anadara darwini Miocene Tornano (FO)? 350 P7 1 * Anadara diluvii

Dettagli

Una collezione di Ludovico Foresti nel Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza

Una collezione di Ludovico Foresti nel Museo Civico di Scienze Naturali di Faenza Quaderno di Studi e Notizie di Storia Naturale della Romagna Quad. Studi Nat. Romagna, 37: 1-8 (giugno 2013) ISSN 1123-6787 Virgilio Liverani & Cesare Tabanelli Una collezione di Ludovico Foresti nel Museo

Dettagli

'(6&5,=,21( 13(==, /2&$/,7$ & $7,*5$),$

'(6&5,=,21( 13(==, /2&$/,7$ & $7,*5$),$ '(6&5,=,21( 13(==, /2&$/,7$ &5212675$7,*5$),$ 1 AMMONITE IN SEZIONE 1 Lessinia Giurassico 2 AMMONITE 1 S. Giorgio Di Boscochiesa Nuova Giurassico 3 PSEUDOHORNERA BIFIDA (BRIOZOI) 1 Porti Xeddu - Sardegna

Dettagli

KEY WORDS - Mollusca, Myliobatis, Pliocen, Piedmont, Italy.

KEY WORDS - Mollusca, Myliobatis, Pliocen, Piedmont, Italy. RIV. PIEM. ST. NAT., 30, 2009: 3-24 SIMONA GUIOLI* - GIOVANNI REPETTO** - FRANCO GABBA Fossili marini del Pliocene di Volpedo (Piemonte, Italia). Collezioni del civico Museo di Scienze naturali di Voghera

Dettagli

COMUNITA BENTONICHE DEI FONDI MOBILI DEI MARI DI TARANTO (MAR IONIO): I MOLLUSCHI

COMUNITA BENTONICHE DEI FONDI MOBILI DEI MARI DI TARANTO (MAR IONIO): I MOLLUSCHI Biol. Mar. Medit. (2004), 11 (2): 455-460 Dipartimento di Zoologia, Università degli Studi di Bari, Via Orabona, 4 70125 Bari, Italia. COMUNITA BENTONICHE DEI FONDI MOBILI DEI MARI DI TARANTO (MAR IONIO):

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado. Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado. Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Grado Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Grado Gilda Pianciamore member of the Team of the International Teaching Malacology Project versione

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

Guida semplice ai più comuni Molluschi Marini delle Isole Egadi Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Egadi Islands

Guida semplice ai più comuni Molluschi Marini delle Isole Egadi Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Egadi Islands Guida semplice ai più comuni Molluschi Marini delle Isole Egadi Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Egadi Islands Paolo Balistreri members of the Teams of the International Teaching Malacology

Dettagli

DEGUSTAZIONE DI TERRE

DEGUSTAZIONE DI TERRE Proposte di degustazione Seminario con degustazione Dalle Terre ai vini emiliani promosso da CRPV, Regione Emilia-Romagna ed Enoteca Regionale Emilia-Romagna. In collaborazione con I.TER, Università Cattolica

Dettagli

CURRICULUM VITAE. - Consulenza scientifica dal 1985 al 1999 per i Beni paleontologici svolta per il Comune di Asti relativamente a:

CURRICULUM VITAE. - Consulenza scientifica dal 1985 al 1999 per i Beni paleontologici svolta per il Comune di Asti relativamente a: CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome: PIERO DAMARCO C.F. DMRPML57P22A189A, Data di nascita: 22 settembre 1957, Luogo di nascita: Alfiano Natta (AL) Cittadinanza: italiana Residenza: Torino, V.

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

ELENCO DELLE ZONE CLASSIFICATE

ELENCO DELLE ZONE CLASSIFICATE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL'AMBIENTE Servizio pesca, acquacoltura e stagni Settore Tecnico Biologico in Materia di Pesca e Acquacoltura ALLEGATO ALLA DETERMINAZIONE N.

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Terracina e S.F. Circeo

Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Terracina e S.F. Circeo Guida Semplice ai più comuni Molluschi delle coste tra Terracina e S.F. Circeo Simple Guide to the most common Molluscs of the coasts between Terracina & S.F. Circeo Luigi Giannelli Claudio Fanelli members

Dettagli

DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA

DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA Lo scopo della stratigrafia é quello di ordinare nel tempo e nello spazio i diversi corpi litologici che costituiscono la porzione accessibile della crosta terrestre;

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO

PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO PROGRAMMA DI ATTIVITÁ DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELL ISTITUTO DI BIOLOGIA E ECOLOGIA MARINA DI PIOMBINO Introduzione L Istituto di Biologia e Ecologia Marina di Piombino è attivo ormai da molti anni sia

Dettagli

Paleoecologia. I Fossili e l ambiente

Paleoecologia. I Fossili e l ambiente Paleoecologia I Fossili e l ambiente Fattori chimico fisici Luce Temperatura Salinità Contenuto di ossigeno Ambiente di un organismo Altri organismi presenti Conspecifici Appartenenti ad altre specie 1

Dettagli

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA...

LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... LABORATORIO ARCHEOLOGICO DEGLI ALUNNI DI 3 a - 4 a A - 4 a B DELLA Scuola Primaria di Sedegliano Anno Scolastico 2009-2010 LA NOSTRA IPOTESI SEMBRA GIUSTA... Le fotografie sono state scattate nel corso

Dettagli

A cura di Giovanna Lucia Piangiamore e Gemma Musacchio dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

A cura di Giovanna Lucia Piangiamore e Gemma Musacchio dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Alla scoperta dei rischi naturali A cura di Giovanna Lucia Piangiamore e Gemma Musacchio dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Vulcani, terremoti, frane e alluvioni fenomeni naturali

Dettagli

Carmine D Amico. Dipartimento S.T.A.T., Università degli Studi del Molise, C.da Fonte Lappone - 86090 Pesche (Isernia) carmine.damico@unimol.

Carmine D Amico. Dipartimento S.T.A.T., Università degli Studi del Molise, C.da Fonte Lappone - 86090 Pesche (Isernia) carmine.damico@unimol. Geologica Romana 41 (2008), 13-18 I GASTEROPODI PLEISTOCENICI DI MONTE MARIO (ROMA) DELLA COLLEZIONE CERULLI-IRELLI, CONSERVATI NEL MUSEO DI PALEONTOLOGIA DELL UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA Carmine D

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario

COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO. Antiche varietà. Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario COMUNITA MONTANA ALTO E MEDIO METAURO Antiche varietà Progetto di recupero e valorizzazione di varietà locali di piante di interesse agrario Premessa La Comunità Montana ha avviato, con la collaborazione

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI OMOLOGA DEL RIFIUTO DESTINATO AL RECUPERO 1. CLIENTE. Ragione sociale:... 2. C.E.R. (DECISIONE N. 2000/535/CE E S.M.I.

SCHEDA TECNICA DI OMOLOGA DEL RIFIUTO DESTINATO AL RECUPERO 1. CLIENTE. Ragione sociale:... 2. C.E.R. (DECISIONE N. 2000/535/CE E S.M.I. N CARD ASSEGNATO DA ECOSAVONA L DA UTILIZZARE PER LA PRENOTAZIONE DEI CONFERIMENTI ED ALTRE COMUNICAZIONI RELATIVE ALL OMOLOGA. 1. CLIENTE Ragione sociale:.... PRODUTTORE /DETENTORE DEL RIFIUTO Ragione

Dettagli

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015 Incastri Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella orientale sudamericana, notò una corrispondenza quasi perfetta.

Dettagli

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE

RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE RISULTATI DELLE ANALISI CONDOTTE SU UN PRESUNTO FRAMMENTO DI METEORITE In data 17/12/2012, all INGV di Palermo, è stato consegnato un oggetto rinvenuto nei giorni precedenti in località Brancaccio, a Palermo.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE (DICEA) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

D&P Turismo e Cultura snc

D&P Turismo e Cultura snc D&P Turismo e Cultura snc La Società D&P turismo e cultura si occupa generalmente della valorizzazione del patrimonio culturale e della promozione turistica della regione Marche, offrendo una vasta gamma

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

Molluschi. Atlante per il riconoscimento delle principali specie commercializzate di molluschi bivalvi e gasteropodi marini

Molluschi. Atlante per il riconoscimento delle principali specie commercializzate di molluschi bivalvi e gasteropodi marini Molluschi Atlante per il riconoscimento delle principali specie commercializzate di molluschi bivalvi e gasteropodi marini Autore 2 e autore 1 marzo 2010 Autore 2 e Autore 1!! Allegato a Molluschi bivalvi

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

PROGETTO DI VARIANTE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI MARMO FASSA POSLEN in Comune di Asiago (VI)

PROGETTO DI VARIANTE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI MARMO FASSA POSLEN in Comune di Asiago (VI) REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA PROGETTO DI VARIANTE DELLA COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI MARMO FASSA POSLEN in Comune di Asiago (VI) ANALISI DEL TERRENO SUPERFICIALE DI CAVA (DGR n. 1987 del 28.10.2014)

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali

Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Università degli Studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in ingegneria dei materiali Studio dei trattamenti termici per acciai speciali Relatore: Ing. Marcello Gelfi Correlatore: Ing. Annalisa

Dettagli

La Storia della Vita sulla Terra

La Storia della Vita sulla Terra Le Ere Geologiche La Terra, secondo gli scienziati, ha circa 4,5 miliardi di anni e la vita sul pianeta è iniziata circa 3,5 miliardi di anni fa! La Storia della Vita sulla Terra La Storia della Vita sulla

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Verbale N 3/11 del 22 Marzo 2011

Verbale N 3/11 del 22 Marzo 2011 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI CONSIGLIO DI CLASSE DI SCIENZE GEOLOGICHE E SCIENZE E TECNOLOGIE GEOLOGICHE Verbale N 3/11 del 22 Marzo 2011 Alle ore 10 del 22 marzo 2011, nell aula attico del Dipartimento

Dettagli

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale III SESSIONE Gli studi sulle vie di contaminazione tramite la catena alimentare Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di ASL di Brescia Brescia, 22 Settembre

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

IL GENERE FUSINUS in Mediterraneo. A cura di Pasquale Micali & Tisselli Morena

IL GENERE FUSINUS in Mediterraneo. A cura di Pasquale Micali & Tisselli Morena IL GENERE FUSINUS in Mediterraneo A cura di Pasquale Micali & Tisselli Morena DOCUMENTI FORLI 30/05/04 NOTA SUL GENERE Fusinus RIUNIONE DEL GRUPPO MALACOLOGICO ROMAGNOLO (FORLI'. 30/05/2004) A cura di:

Dettagli

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate.

Purtroppo l'ente Parco del Gargano e le Amministrazioni, se pur a conoscenza della nostra iniziativa, si sono totalmente disinteressate. Isole Tremiti li, 02.10.2013 Comunicato Stampa Borsa di Studio MARE TREMITI 2013 > (LABORATORIO DEL MARE MARLINTREMITI) Grazie alle borse di studio messe a disposizione dal MARLINTREMITI, 4 studenti selezionati

Dettagli

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo.

Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Iniziative didattiche per la mitigazione del rischio vulcanico presso l Osservatorio Vesuviano INGV: il museo. Maddalena De Lucia, Osservatorio Vesuviano INGV, Napoli, Italia L Osservatorio Vesuviano,

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini di Anzio e Nettuno Simple Guide to the most common Sea Molluscs of Anzio and Nettuno Raffaele Petrone Susanna Zanelli members of the Team of the International

Dettagli

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare...

IL MARE E LE COSTE. 1. Parole per capire VOLUME 1 CAPITOLO 3. A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... VOLUME 1 CAPITOLO 3 IL MARE E LE COSTE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: mare... onda... spiaggia... costa...

Dettagli

Nuovi dati sulla malacofauna del Salento (Puglia meridionale)

Nuovi dati sulla malacofauna del Salento (Puglia meridionale) Boll. Malacol., 42 (5-8): 58-84 (2006) Daniele Trono Via E. Menga 14, 73043 Copertino (LE), Italy, danieletrono@virgilio.it Riassunto Si fornisce una checklist aggiornata dei Molluschi marini forniti di

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti

Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Ecolezione : a cura di Matteo Franco e Andrea Bortolotto classe 2 c IPAA G. Corazzin, ISISS Cerletti Cos è la biodiversità? Il termine biodiversità è stato coniato nel 1988 dall'entomologo americano Edward

Dettagli

Alla ricerca dei MARZIANI

Alla ricerca dei MARZIANI Alla ricerca dei MARZIANI Marcella D Elia Laboratorio di Astrofisica La ricerca della vita sul Pianeta Rosso C è stata acqua su Marte? Se c è stata acqua, ci sono state le condizioni per lo sviluppo di

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO SPECIALE RECUPERO AMBIENTALE E URBANISTICO DELLE AREE INDUSTRIALI SITO DI INTERESSE NAZIONALE TRENTO NORD Programma nazionale di bonifica D.M. 468/01 aula magna LICEO

Dettagli

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.)

Torrente Marano_ stazione Marano 03 (75 m.s.l.m.) Torrente Marano_ stazione Marano 3 (75 m.s.l.m.) Il Torrente Marano presenta, in questo tratto, caratteristiche ancora iporitrali. La velocità di corrente è moderata ed il fondale è costituito in prevalenza

Dettagli

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015.

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015. Orto Botanico di Catania Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali Università degli Studi di Catania Via A. Longo, 19 95125 Catania tel. 095-430902; e-mail: orto.scuola@yahoo.it L ORTO

Dettagli

G. Spada. - S. Falchi

G. Spada. - S. Falchi Bollo Malacologico I Milano I 15 I (11-12) I 295-00 I novembre-dicembre 1979 G. Spada. - S. Falchi DATI SULLA DISTRIBUZIONE E L'HABITAT DI MACTRA GLAUCA BORN, 1778 IN ACQl1E SARDE Riassunto Gli autori

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 CIRCOLARE N. 23 DEL 16/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 IN SINTESI: È stato recentemente pubblicato sulla

Dettagli

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella

LE CONCHIGLIE. dell Area Marina Protetta Punta Campanella LE CONCHIGLIE dell Area Marina Protetta Punta Campanella M I N I - G U I D E illustrazioni di: Claudio d Esposito testi: Antonella Ambrosio, Claudio d Esposito, Andrea Fienga hanno collaborato: Rosa Gargiulo,

Dettagli

Indagine sulla mobilità privata per acquisti delle famiglie a Piacenza. ESTRATTO Piacenza@fondazioneitl.org +39 0523 606731

Indagine sulla mobilità privata per acquisti delle famiglie a Piacenza. ESTRATTO Piacenza@fondazioneitl.org +39 0523 606731 Indagine sulla mobilità privata per acquisti delle famiglie a Piacenza ESTRATTO Piacenza@fondazioneitl.org Premessa L indagine sulla mobilità per acquisti delle famiglie di Piacenza è stata curata dalla

Dettagli

CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO

CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO CASO DI STUDIO INDIVIDUALE: INFILTRAZIONE DALLA COPERTURA DELL EDIFICIO DI VIA CASCINA BAROCCO 7- MILANO STUDENTE: Palermo Maria Elisabetta matricola n 786869 Indice 1 INQUADRAMENTO DELL AREA 3 2 DESCRIZIONE

Dettagli

RIMOZIONE DI RIFIUTI ABBANDONATI PRESSO LA S.P. 340 "VARIANTE DI CASAPESENNA"

RIMOZIONE DI RIFIUTI ABBANDONATI PRESSO LA S.P. 340 VARIANTE DI CASAPESENNA Absract La Gisec S.p.A. è stata individuata quale soggetto attuatore, giusta Delibera di Giunta Provinciale n. 75 del 07/08/2014 ed in seguito a conferenza di servizi indetta per il giorno 13.08.2014 dal

Dettagli

Un idea di riforma della produzione geotermica in Italia

Un idea di riforma della produzione geotermica in Italia Un idea di riforma della produzione geotermica in Italia Prof. Ing. Franco Donatini Docente Energia Geotermica Università di Pisa Abbadia San Salvatore 29-30 febbraio 2016 Le previsioni di sviluppo a medio

Dettagli

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Strea Porto Cesareo Simple Guide to the most common Sea Molluscs:

Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Strea Porto Cesareo Simple Guide to the most common Sea Molluscs: Guida Semplice ai più comuni Molluschi Marini: La Strea Porto Cesareo Simple Guide to the most common Sea Molluscs: La Strea Porto Cesareo Daniele Trono friend of the Team of the International Teaching

Dettagli

LA COLLEZIONE DI FOSSILI CONSERVATA PRESSO IL COMUNE DI CANDELO (Biella, Italia NW): REVISIONE E CLASSIFICAZIONE **

LA COLLEZIONE DI FOSSILI CONSERVATA PRESSO IL COMUNE DI CANDELO (Biella, Italia NW): REVISIONE E CLASSIFICAZIONE ** RIV. PIEM. ST. NAT., 25, 2004: 119-148 ANGELA PROVERA* LA COLLEZIONE DI FOSSILI CONSERVATA PRESSO IL COMUNE DI CANDELO (Biella, Italia NW): REVISIONE E CLASSIFICAZIONE ** ABSTRACT - Fossil collection of

Dettagli

TIMBRI E STAMPE TIMBRANDO LE STAGIONI Che cos è un timbro? Come si realizza? Che cosa produce?

TIMBRI E STAMPE TIMBRANDO LE STAGIONI Che cos è un timbro? Come si realizza? Che cosa produce? LABORATORIO DIDATTICO CREATIVO Timbri e stampe è una proposta di laboratorio didattico rivolto alle classi della Scuola dell infanzia per l anno scolastico 2014-15. L obiettivo è avvicinare il bambino

Dettagli

Fondamenti e didattica della matematica - Geometria

Fondamenti e didattica della matematica - Geometria Fondamenti e didattica della matematica - Geometria 10 novembre 2007 Marina Bertolini (marina.bertolini@mat.unimi.it) Dipartimento di Matematica F.Enriques Università degli Studi di Milano Fondamenti e

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di

Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di RELAZIONE GENERALE E TECNICA Generalità Breve inquadramento geografico e storico Genoni è un Comune di 854 abitanti inserito nella regione del Sarcidano, in Provincia di Oristano. Il suo territorio occupa

Dettagli

OsservatorioperleDipendenzeRegioneCampania

OsservatorioperleDipendenzeRegioneCampania OsservatorioperleDipendenzeRegioneCampania è un programma del Settore Fasce Deboli Assessorato Sanità Regione Campania L Osservatorio per le Dipendenze Campania nasce con delibera della Regione Campania

Dettagli

TEORIA DEI CAMPI MODULATI

TEORIA DEI CAMPI MODULATI TEORIA DEI CAMPI MODULATI di Alessandro Dattilo Vincenzo Iorio La teoria del "campi modulati" rappresenta un passo avanti nella direzione della comprensione del meccanismo con il quale, un fenomeno elettromagnetico

Dettagli

PARANTHROPUS ROBUSTUS

PARANTHROPUS ROBUSTUS PARANTHROPUS ROBUSTUS SPECIE: Paranthropus robustus ETÀ: da 2,8 a 1,2 milioni di anni fa LOCALITÀ: Kromdraai (Sudafrica) INDICE RITROVAMENTI MORFOLOGIA COMPORTAMENTO RITROVAMENTI. Il primo esemplare ascrivibile

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica)

L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) L estate 2007 nelle isole del golfo Indagine di valutazione dei flussi turistici (Nota Metodologica) (novembre 2007) (codice prodotto OSPN04-R02-D02) Osservatorio Del Turismo della Regione Campania Via

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 6 del 20/7/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione locale dei corsi

Dettagli

SOCIETÀ TOSCANA SCIENZE NATURALI A T T I DI. DELLA RESIDENTE IN PISA MEMORIE SERIE A VOL. LXXXIII - ANNO 1976

SOCIETÀ TOSCANA SCIENZE NATURALI A T T I DI. DELLA RESIDENTE IN PISA MEMORIE SERIE A VOL. LXXXIII - ANNO 1976 A T T I DELLA SOCIETÀ TOSCANA DI. SCIENZE NATURALI RESIDENTE IN PISA MEMORIE SERIE A VOL. LXXXIII - ANNO 1976 ARTI GRAFICHE PACINI MARIOTTI - PISA - 1976 INDICE ANORI E., OE ASMuNDIs C., FANuccI F. -,Il

Dettagli

TUTTI AL MUSEO! Attività educative per le classi I e II delle scuole PRIMARIE Programma 2015-2016

TUTTI AL MUSEO! Attività educative per le classi I e II delle scuole PRIMARIE Programma 2015-2016 TUTTI AL MUSEO! Attività educative per le classi I e II delle scuole PRIMARIE Programma 2015-2016 Per l anno scolastico 2015/2016 il Museo offre alle classi I e II delle scuole PRIMARIE una visita guidata

Dettagli

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta

LE TARTARUGHE. Testudo hermanni & Caretta caretta LE TARTARUGHE Testudo hermanni & Caretta caretta CLASSIFICAZIONE: Regno Animalia Classe Reptilia Ordine Testudines Testudo hermanni (o tartaruga di Hermann) L HABITAT Tipicamente mediterraneo. La Testudo

Dettagli

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile

Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile Globeseren@: rete di scuole per un futuro sostenibile 1 passo:inquadriamo l argomento: ma cos è la terra? Definizione e caratteristiche del suolo Il suolo è lo strato più superficiale della crosta terrestre

Dettagli

Eleonora Martorelli, Francesco Latino Chiocci, Francesco Falese CNR IGAG, Roma Università «Sapienza» di Roma, Dipartimento Scienze della Terra

Eleonora Martorelli, Francesco Latino Chiocci, Francesco Falese CNR IGAG, Roma Università «Sapienza» di Roma, Dipartimento Scienze della Terra Eleonora Martorelli, Francesco Latino Chiocci, Francesco Falese CNR IGAG, Roma Università «Sapienza» di Roma, Dipartimento Scienze della Terra Protocollo Premessa documento tecnico-operativo di riferimento

Dettagli

Avanzamenti nella realizzazione del piano strategico 2013-18

Avanzamenti nella realizzazione del piano strategico 2013-18 Avanzamenti nella realizzazione del piano strategico 2013-18 Nota a dicembre 2014 Nota: la numerazione accanto a obiettivi, strategie e azioni è in riferimento a quanto indicato nel piano strategico 2013-18

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

Un esempio di interferenza di infrastrutture con una discarica. Inquadramento tecnico e normativo. Soluzioni individuate e problemi aperti

Un esempio di interferenza di infrastrutture con una discarica. Inquadramento tecnico e normativo. Soluzioni individuate e problemi aperti Terre, rocce e materiali di scavo: riutilizzo, abbandono e il problema del recupero del territorio Milano 16 dicembre 213 Centro Congressi Corridoni - Via F. Corridoni 1 - Milano Un esempio di interferenza

Dettagli

I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania)

I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania) Boll. Malacol., 43 (1-8): 21-32 (2007) I molluschi marini di Punta di Pioppeto (Isola di Procida - Campania) Ottavio Soppelsa* 1 ( ), Fabio Crocetta* 2 & Giuseppe Fasulo # * Dip. delle Scienze Biologiche,

Dettagli

VALUTAZIONE TITOLI, CURRICULUM E PRODUZIONE SCIENTIFICA. Le 12 pubblicazioni sono attinenti con i requisiti richiesti dal bando.

VALUTAZIONE TITOLI, CURRICULUM E PRODUZIONE SCIENTIFICA. Le 12 pubblicazioni sono attinenti con i requisiti richiesti dal bando. SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO PER IL SETTORE CONCORSUALE 03/B1 FONDAMENTI DELLE SCIENZE CHIMICHE E SISTEMI INORGANICI SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE CHIM/03

Dettagli

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA Convenzione tra Comune Spinea e Università IUAV STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA PRIMO RAPPORTO Responsabilità scientifica : Professoressa Maria Rosa Vittadini PREMESSA Il Comune

Dettagli

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza

Tavola 1 Istituti per ripartizione geografica Anno 2005. Nord Est. Tipologia Istituto. 1 1 Accademia Nazionale di Danza Numero 1 Si riporta di seguito una sintesi dei dati sul sistema dell Alta Formazione Artistica e Musicale in riferimento all anno accademico 2005/2006. Essa è il risultato dell ultima delle rilevazioni

Dettagli

Prima lettera di invito (7 giugno 2016)

Prima lettera di invito (7 giugno 2016) Prima lettera di invito (7 giugno 2016) Fra Terra e Cielo corso di aggiornamento per insegnanti delle scuole Medie Superiori L aggiornamento degli insegnanti della scuola secondaria di secondo grado è

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

Origine ed evoluzione della vita

Origine ed evoluzione della vita Origine ed evoluzione della vita Nasce la vita 4,5 miliardi di anni fa - la Terra è un oceano di lava - l atmosfera è formata da: vapore acqueo azoto anidride carbonica metano ammoniaca 3,5 miliardi di

Dettagli

STUDI PER UNA GUIDA GEOLOGICA INTERATTIVA SU COMPUTER PALMARE. A. Mereu, R. Riccamboni

STUDI PER UNA GUIDA GEOLOGICA INTERATTIVA SU COMPUTER PALMARE. A. Mereu, R. Riccamboni STUDI PER UNA GUIDA GEOLOGICA INTERATTIVA SU COMPUTER PALMARE A. Mereu, R. Riccamboni Gruppo di Geomorfologia, Geologia Applicata e Cartografia Informatica Dipartimento di Scienze Geologiche, Ambientali

Dettagli

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s.

Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. Specie prodotte presso il Centro Ittiogenico Marco de Marchi della Provincia di Lecco gestito da Aquatech s.a.s. ANNO 2012 specie prodotta quantità lunghezza media n mm lavarello 1.078.000 10-25 lavarello

Dettagli

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE

Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Relazione sulle ATTIVITA SPERIMENTALI E NUMERICHE SVOLTE SU PNEUMATICI PER GO KART DA COMPETIZIONE Oggetto e scopo della ricerca Le attività svolte hanno avuto l obiettivo di caratterizzare le prestazioni

Dettagli

L Università telematica e la formazione a distanza

L Università telematica e la formazione a distanza L Università telematica e la formazione a distanza Prof.ssa Elisabetta Cioni Presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione 1 IV Conferenza di Ateneo sulla Didattica, 17 maggio 2010 Prof.ssa

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

Azienda acqua potabile Lumino Pag. 1

Azienda acqua potabile Lumino Pag. 1 Azienda acqua potabile Lumino Pag. 1 M.M. 10/2008 CONCERNENTE LA RICHIESTA DI UN CREDITO DI CHF 64'560.00 PER LA REALIZZAZIONE DI UN POZZO VERTICA- LE DI SONDAGGIO A MONTE DELLA SORGENTE IN VIA AI RONCHI.

Dettagli

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum

LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Premessa al documento LIVELLO DI FONDO NATURALE DI METALLI PESANTI NEI SUOLI DELL ENTROTERRA VENEZIANO - Addendum Il seguente documento deve intendersi quale addendum al progetto presentato il 5 agosto

Dettagli

Il corso di laurea in. Scienze Naturali

Il corso di laurea in. Scienze Naturali Il corso di laurea in Scienze Naturali Il Corso di laurea fornisce allo studente un elevata conoscenza interdisciplinare della natura, dell'ambiente e del paesaggio. Il corso analizza le componenti biotiche

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO REPORT SULL INDAGINE GEOGNOSTICA DEI TERRENI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE DI APPRONTAMENTO A FINI LUDICO-SPORTIVI DELL AREA IDENTIFICATA CATASTALMENTE

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione regionale SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO

Dettagli

Proposte Didattiche. Raccolta Museale

Proposte Didattiche. Raccolta Museale Proposte Didattiche Raccolta Museale IL PARCO PALEONTOLOGICO DI CENE Situato in media Valle Seriana, il Parco è nato per tutelare e valorizzare uno dei più importanti giacimenti paleontologici del mondo.

Dettagli

Tecnologie e beni culturali: soluzioni per la valorizzazione del patrimonio culturale per l utente del XXI Secolo REPORT DEL CONVEGNO

Tecnologie e beni culturali: soluzioni per la valorizzazione del patrimonio culturale per l utente del XXI Secolo REPORT DEL CONVEGNO Lucca lì, 3 marzo 2010 Consiglio Provinciale Tecnologie e beni culturali: soluzioni per la valorizzazione del patrimonio culturale per l utente del XXI Secolo REPORT DEL CONVEGNO COORDINATORE DEL PROGETTO

Dettagli