Direzione scientifica Ilaria Pagni e Lorenzo Stanghellini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione scientifica Ilaria Pagni e Lorenzo Stanghellini"

Transcript

1 Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze giuridiche Direzione scientifica Ilaria Pagni e Lorenzo Stanghellini con la collaborazione di Andrea Zorzi, Leonardo Giani, Iacopo Donati, Francesca Marchini ed Eugenio Maviglia PRESENTAZIONE La riduzione del rating del debito pubblico italiano a BBB-, avvenuta lo scorso 5 dicembre ad opera di Standard & Poor's, è stata motivata anche con il fatto che in Italia l'ambiente nel suo complesso è ostile al fare impresa 1. Esula dalle nostre competenze comprendere quanto questa affermazione sia vera in generale, ma non possiamo sottrarci invece dal cercare di capire se questo sia vero in relazione ad un particolare momento della vita dell'impresa: quello della crisi. Nella letteratura internazionale, e nei giudizi sulle legislazioni nazionali (come ad esempio nella nota classifica "Doing Business"), la possibilità di risolvere in modo non traumatico la crisi d'impresa è considerata parte di un sistema imprenditoriale sano, assieme alla facilità di avviare l'attività, di assumere (e risolvere) rapporti di lavoro, di ottenere il rispetto dei contratti, di assolvere gli obblighi tributari, di avere decisioni giudiziali rapide e al tempo stesso stabili: non ci sembra tuttavia che l'importanza strategica della materia in questione emerga sempre dal dibattito in corso (si pensi alla vicenda dell'emendamento sulla prededuzione, approvato nel febbraio del 2014 e abrogato dopo soli quattro mesi) 2. 1 Si veda il report completo su: 2 Lo si può rileggere su si tratta dell'art. 11 comma 3-quater del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145, convertito con modificazioni dalla legge 21 febbraio 2014, n. 9.

2 FIRENZE, 29 GENNAIO E 11 FEBBRAIO 2015 LA GESTIONE DELLA CRISI D Una buona legislazione in materia di crisi d'impresa deve conciliare due obiettivi opposti: (1) da un lato, incentivare l'assunzione del rischio d'impresa, necessario perché si crei ricchezza; (2) dall'altro lato, gestire in modo ordinato la crisi, nell'interesse prioritario dei creditori, se possibile mediante procedure basate essenzialmente sull'accordo fra debitore e creditori, sia pure col controllo del giudice. Il sistema italiano, che pure è aggiornato ai più elevati standard internazionali, incentiva l'assunzione di rischi? Il concordato preventivo è effettivamente considerato, come dovrebbe, la fisiologia della patologia, o invece è percepito come comoda scappatoia dalle proprie responsabilità? Se si guarda ai possibili abusi nel concordato, denunciati da alcuni magistrati, si ha l'impressione di avere dinanzi un paese malato. L impressione non cambia, se si guarda al fatto che vi è chi ha affermato, in occasione di una pubblico convegno, e da una posizione istituzionale, che tutti i debitori sarebbero dei delinquenti. E rimane il fatto che molti debitori, forse anche per il timore di un accoglienza non sempre serena, si presentano in tribunale solo quando si è esaurita ogni altra possibilità, e quando la crisi è spesso irrisolvibile. Per questo, occorre la consapevolezza dei costi e dei benefici degli strumenti di composizione negoziale della crisi, e una riflessione pacata, che presupponga l abbandono della logica del sospetto nei confronti dell imprenditore che presenta la propria proposta di soluzione della crisi, ma al tempo stesso anche della logica opposta, che vuole scorgere ad ogni costo nell intervento delle corti di merito una pulsione pubblicistica, che sarebbe assecondata dalla letteratura di matrice «giudiziaria». Ciò sul presupposto che tutti gli attori della crisi d impresa (imprenditori, professionisti, giudici) sono oggi in grado gli uni di scegliere, e gli altri di avvalorare, per quanto di rispettiva competenza, lo strumento migliore per la risoluzione della crisi, a patto che, da un lato, le potenzialità che l impresa esprime vengano davvero messe a disposizione dei creditori e non sprecate per le scelte erronee, o opportunistiche, dell imprenditore prossimo al fallimento, e dei suoi professionisti; dall altro, non si pensi di dover indirizzare ad ogni costo nella direzione del fallimento un attività d impresa che possa esprimere ancora delle potenzialità, o in cui l attivo possa essere ceduto nell ambito di un concordato senza che la liquidazione concorsuale possa aggiungere alcunché a quanto sarebbe ottenibile con quest ultimo. * * * Quest anno il Corso, per la prima volta, non è costretto a inseguire le novità normative che si sono finora susseguite con ritmi incalzanti, e può rivolgere la propria attenzione ai molti argomenti sui quali il dibattito è appena iniziato e agli altri sui quali una rinnovata consapevolezza ha aperto fronti nuovi.

3 FIRENZE, 29 GENNAIO E 11 FEBBRAIO 2015 LA GESTIONE DELLA CRISI D Nell ottica che abbiamo ricordato in apertura, si è scelto di muovere, allora, dalla prospettiva di quale sia lo strumento migliore per affrontare la crisi, a seconda delle caratteristiche che questa presenta, e di quali siano le responsabilità in chi è chiamato ad effettuare tale scelta. Il Corso si apre perciò con l esame del tema della responsabilità degli amministratori e degli organi di controllo, e di quale sia il comportamento dovuto in presenza di una situazione di crisi. Sul punto, si svilupperanno le riflessioni iniziate nelle scorsa edizione, ampliando la prospettiva: il dibattito aperto sul punto obbliga, infatti, anche a fare i conti con una nuova categoria di possibili corresponsabili, i soci. Una recente riforma spagnola ne ha previsto il (parziale) coinvolgimento: è possibile arrivare al medesimo risultato anche in via giurisprudenziale? Tema correlato è quello della sorte degli atti di mala gestio nel concordato preventivo: potenzialmente rilevanti sia per la revoca del concordato (anche secondo la Cassazione più recente se resi noti ai creditori, che abbiano espresso un voto informato), sia per le azioni di responsabilità, che oggi, diversamente dal passato, non trovano più il loro terreno di elezione esclusivamente nel fallimento, sebbene nel concordato scontino le difficoltà della mancanza della legittimazione attribuita ad un unico soggetto, qual è nel fallimento il curatore. E qual è il danno che deriva dal tentativo di risanamento non andato a buon fine? L abbandono di ogni criterio meccanicistico nella commisurazione del pregiudizio impone di dedicare una rinnovata attenzione a questo profilo. Ma soprattutto, come si diceva in apertura, è essenziale che l imprenditore individui correttamente lo strumento più adatto alla risoluzione della crisi. La scelta dello strumento, nell alternativa tra accordi stragiudiziali, piano attestato, accordo di ristrutturazione, concordato, è tema essenziale per chi si interroghi su quale sia la migliore tutela dei creditori e dei soci. Si indagherà sull incidenza dei vari fattori, quali la necessità (e la possibilità) di ricorrere a finanza nuova, il numero e la tipologia dei creditori, la composizione dell attivo, il tipo di attività svolta dall impresa (e, quindi, se sia necessario o utile, per esempio, sciogliere alcuni contratti), la necessità o meno di una protezione del patrimonio e le diverse forme per ottenerla. Il panorama degli strumenti che abbiamo ricordato è completato dal riferimento allo scheme of arrangement, uno strumento inglese che, a determinate condizioni, potrebbe interessare anche imprese italiane; ci soffermeremo anche sulla testimonianza (di prima mano) di un rilevante caso di ristrutturazione e offriremo altresì una riflessione sulle prospettive di riforma. Innumerevoli restano le questioni che operatori e interpreti devono affrontare una volta scelta la via del concordato. La conversione dei crediti in capitale sociale e le operazioni societarie straordinarie come fusioni e scissioni in esecuzione del piano di concordato pongono delicati problemi in relazione a vari profili di compatibilità tra la disciplina societaria e quella fallimentare. Il tema dei finanziamenti, sebbene ora inquadrato in un

4 FIRENZE, 29 GENNAIO E 11 FEBBRAIO 2015 LA GESTIONE DELLA CRISI D contesto di relative certezze, resta uno snodo essenziale per tutti i concordati con continuità aziendale (e per molti concordati liquidatori). È anche il momento di fare il punto su altri temi di grande rilievo: temi più classici, come l affitto e la cessione dell azienda, e più recenti come lo scioglimento dei contratti in corso di esecuzione. Il primo impone un analisi delle tecniche di redazione del contratto ed è punto di emersione di un tema nodale: quello della necessità o meno di ricorrere a offerte competitive non solo nel concordato liquidatorio, ma anche nel concordato con continuità aziendale. Il secondo è un tema che pone interrogativi non indifferenti, sia quanto ai profili sostanziali, che a quelli processuali, perché la giurisprudenza è chiamata ad uno sforzo di contemperamento tra le esigenze dell impresa in crisi e il rispetto delle posizioni dei terzi. Non mancherà l attenzione per due temi imprescindibili che condizionano spesso, in punto di fatto, la praticabilità di una soluzione concordata della crisi: in primo luogo, quello del trattamento dei creditori prelatizi, sul quale non vi è ancora uniformità di vedute, né dal punto di vista della soddisfazione che dev essere loro offerta, né sulle condizioni (e la misura) per cui devono eventualmente essere ammessi al voto (sulla scorta di Cass /2014 e Cass /2014, che verranno discusse in aula); in secondo luogo, quello dell individuazione dei creditori prededucibili, che ha meritato, oltre all intervento della giurisprudenza, anche l attenzione del legislatore, sia pure dimostrata attraverso un intervento frettoloso, e fortunatamen te rientrato dopo appena pochi mesi dall entrata in vigore della normativa. Pende attualmente dinanzi alle sezioni unite la questione del rapporto fra concordato e fallimento, che ha visto l intervento dell importante sentenza del 2013 e che è un problema all ordine del giorno in ogni tribunale. Nell attesa della decisione della Corte, si possono ipotizzare diverse soluzioni, che saranno presentate durante il corso. Si giunge così alla votazione e poi all esecuzione del concordato. L eterogeneità dei creditori e il rischio di conflitti d interesse si acuisce nella fase della sollecitazione ed espressione dei voti sulla proposta di concordato. Ma quando davvero vi è conflitto d interesse dei creditori? Quale la conseguenza? Qual è il discrimine fra la sollecitazione di voto e il mercato di voto? L esecuzione del concordato è terra in larga parte incognita, sia per il concordato liquidatorio sia per quello con continuità. Il ruolo del liquidatore, destinato a operare per molti anni dopo l omologazione, manifesta tutta la propria importanza anche nel trattamento dei creditori, sia perché manca una fase di verifica del passivo, con la conseguente possibilità di contestazioni che potrebbero ex post rendere inattuabile il piano, sia perché possono sopravvenire nuovi creditori. E, a fronte di posizioni giurisprudenziali che estendono l'applicazione dell art. 168 c.p.c. oltre la fase dell'omologazione, diviene urgente capire quali siano i mezzi di tutela riservati ai creditori.

5 FIRENZE, 29 GENNAIO E 11 FEBBRAIO 2015 LA GESTIONE DELLA CRISI D Il Corso, organizzato con la Scuola Superiore della Magistratura, Struttura Didattica Territoriale di Firenze, nonché con la collaborazione della Fondazione per la Formazione Forense e della Fondazione dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze, e accreditato per la formazione continua di avvocati, dottori commercialisti ed esperti contabili, ha il patrocinio dell Ordine degli Avvocati di Firenze e dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze, e vede altresì la collaborazione di Turnaround Management Association TMA Italia. I materiali I materiali sono formati da una selezione di materiali editi e da molti materiali inediti, nonché da alcune note appositamente redatte. I volumi, aperti da un'introduzione che offre uno sguardo prospettico sul sistema concorsuale e sulla sua prevedibile evoluzione, sono suddivisi in sedici sezioni nelle quali vengono trattati i temi delle responsabilità connesse alla crisi, dell individuazione del più adatto strumento di soluzione, dello "scheme of arrangement" inglese (un concordato-lampo ad efficacia limitata), del caso SEAT, della fusione e scissione come strumenti per l attuazione del piano, dei finanziamenti, dell'affitto e della vendita dell'azienda dell'impresa in concordato, dello scioglimento dei contratti, del trattamento e voto dei prelatizi, delle prededuzioni, del rapporto fra concordato e fallimento e protezione dei creditori, delle azioni di responsabilità nel concordato preventivo, dell art. 173, delle deleghe e sollecitazione di voto sulla proposta di concordato, delle procedure competitive e offerte bloccate, delle criticità della fase esecutiva del concordato preventivo. Nota sui materiali Tutti i materiali 2015 Università di Firenze o del rispettivo titolare. I proventi del Corso vanno esclusivamente a beneficio dell Università. In particolare, il Corso serve a sostenere il Dipartimento di Scienze giuridiche, mediante il finanziamento di assegni di ricerca e borse di studio per giovani studiosi, il mantenimento e il miglioramento della biblioteca di Dipartimento e per altre attività scientifiche. Nessun provento va agli organizzatori del corso. I materiali sono parte integrante di questo Corso: vi preghiamo di non diffonderli. Chi fosse interessato potrà sempre farne richiesta al Dipartimento, all indirizzo Per la predisposizione dei materiali si ringraziano di cuore Marco Bettini, Roberto Bonsignore, Michele Comastri, Giorgio Corno, Francesco D Angelo, Benedetta Gori, Alessandro Motto, Roberto Tosa e, in modo particolare, Leonardo Giani, Iacopo Donati, Francesca Marchini, Eugenio Maviglia e Andrea Zorzi.

6 Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze giuridiche Corso di perfezionamento Il Nuovo Diritto Fallimentare Direzione scientifica Ilaria Pagni e Lorenzo Stanghellini con la collaborazione di Andrea Zorzi, Leonardo Giani, Iacopo Donati, Francesca Marchini ed Eugenio Maviglia LA GESTIONE DELLA CRISI D : SCELTA DELLO STRUMENTO, TECNICHE, RESPONSABILITÀ 29 GENNAIO E 11 FEBBRAIO 2015 PRIMO VOLUME INTRODUZIONE Il sistema concorsuale: uno sguardo prospettico... I-1 Raccomandazione della Commissione europea del su un nuovo approccio al fallimento delle imprese e all insolvenza... I-5 Il rischio d insolvenza nell attuale concezione della Commissione europea, di GIOVANNI LO CASCIO, in Fallimento 7/ I-15 La disciplina delle ristrutturazioni preventive delle (piccole e medie) imprese in crisi. Il contributo della Raccomandazione della Commissione europea in data 12 marzo 2014, di GIORGIO CORNO, in corso di pubblicazione su Il Nuovo Diritto delle Società... I-27

7 Novità in arrivo per le crisi bancarie, una sintetica nota di LORENZO STANGHE LLINI... I-45 Qualche riflessione su eventuali prospettive di riforma, una nota di ALBERTO JORIO... I-48 PRIMA UNITÀ FORMATIVA LE RESPONSABILITÀ DELL AFFRONTARE L EMERSIONE DELLA CRISI Le responsabilità nell affrontare l emersione della crisi, spunti di riflessione... I-54 Doveri e responsabilità degli amministratori di società di capitali in crisi, d i RENATO RORDORF, in Società 6/ I-61 Finanziamento dell impresa in crisi e doveri gestori, di FRANCESCO BRIZZI, relazione presentata al V Convegno annuale dell Associazione Italiana dei Professori di diritto commerciale Orizzonti del diritto commerciale, svoltasi a Roma il febbraio I-68 La gestione ordinaria dell impresa nella fase interinale del concordato preventivo con riserva, di GIOVANNI GIURDANELLA, in Fallimento 3/ I-85 I doveri degli organi sociali e dei revisori in situazioni di crisi di impresa, di ANDREA VICARI, in Giur. comm I-106 Il bilancio delle aziende in crisi: ruolo e comportamento degli organi di controllo negli enti non di interesse pubblico, a cura della Fondazione ODCEC Reggio Emilia (2014)...I-115 Cass. Civ., Sez I., , n I-145 Trib. Torino, G.I.P., (ord.)...i-148 Trib. Firenze, G.I.P., I-153 Un (possibile) fronte nuovo: la responsabilità dei soci per la mancata adozione di deliberazioni, una nota di LORENZO STANGHELLINI e IACOPO DONATI...I-155 SECONDA UNITÀ FORMATIVA LA SCELTA DELLO STRUMENTO PER AFFRONTARE LA CRISI O L INSOLVENZA La scelta dello strumento per affrontare la crisi o l insolvenza, spunti di riflessione...i-159 Gli accordi di moratoria del debito nei processi di regolazione della crisi, di MASSIMO FABIANI, in Fallimento 10/ I-164 II

8 I criteri di selezione della procedura più adatta al risanamento di un impresa in crisi, di GIUSEPPE LOMBARDI e PIERDANILO BELTRAMI, in Giur. comm I-178 Estratto dalla bozza della seconda edizione delle Linee guida per il finanziamento alle imprese in crisi, 2014 (Raccomandazioni n. 1, 2 e 3)......I-193 Massima dell Osservatorio Notarile di Firenze, a cura e con commento di LORENZO STANGHELLINI, Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto, pubblicata in Riv. dir. soc. 4/ I-197 Trib. Monza, ,...I-200 TERZA UNITÀ FORMATIVA LO SCHEME OF ARRANGEMENT: UN CONCORDATO-LAMPO AD EFFICACIA LIMITATA Lo scheme of arrangement: un concordato-lampo ad efficacia limitata, spunti di riflessione... I-209 Scheme o f Arrangement di diritto inglese. Una panoramica, di ROBERTO BONSIGNORE e F RANCESCO I ODICE...I-213 Scheme of Arrangement proposti da società straniere, di ROBERTOBONSIGNORE e FRANCESCO IODICE...I-223 Salvaguardare il valore dell impresa in tempo di crisi: normativa italiana e inglese a confronto, di STEPHEN BAISTER, I-227 Schemes of Arrangement for Foreign Companies Limits to the Jurisdiction Question?, CGSH Alert Memo, I-237 Estratto della sentenza pronunciata nel caso In the matters of Apcoa Parking Holdings GmbH and Apcoa Parking Deutschland GmbH (2014] EWHC 3849 (Ch)...I-240 QUARTA UNITÀ FORMATIVA IL CASO SEAT Il caso SEAT, spunti di riflessione...i-253 Le operazioni straordinarie nel caso Seat, nota a cura di IACOPO DONATI...I-257 Estratto del piano contenente la descrizione della proposta concordataria di Seat PG...I-265 Estratto del verbale assembleare del di riduzione e aumento del capitale di Seat PG e della relazione illustrativa del consiglio di amministrazione di Seat PG...I-285 III

9 Trib. Torino, I-304 Relazione del Commissario giudiziale sulle proposte di concordato ai sensi dell art. 172 l. fall...i-311 Cass. Civ., Sez. I., , n I-330 QUINTA UNITÀ FORMATIVA LA FUSIONE E LA SCISSIONE COME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO La fusione e la scissione come tecniche di attuazione del piano, spunti di riflessione...i-337 Orientamento n. 36 del Consiglio Notarile Firenze, a cura di RICCARDO CAMBI...I-345 Orientamento n. 37 del Consiglio Notarile Firenze, a cura di MARCO MALTONI I-348 Le fusioni concordatarie ed il matrimonio fra diritto societario e diritto concorsuale: separati in casa?, di DANILO GALLETTI, in IlFallimentarista.it, del 15 luglio I-352 Trib. Prato, I-355 Trib. Ferrara, I-359 Trib. Mantova, I-370 Trib. Roma, , con nota di MAURA GARCEA, L autorizzazione alla fusione nel concordato con riserva, in Dir. fall. 3-4/ I-371 SESTA UNITÀ FORMATIVA I FINANZIAMENTI I finanziamenti, spunti di riflessione...i-378 Concordato preventivo e nuova finanza, di PAOLO FELICE CENSONI, in Fallimento 4/ I-381 La finanza esterna tra vincoli all utilizzo e diritto di voto dei creditori, di GIACOMO D ATTORRE, su Il Caso.it, documento del 20 maggio I-392 Trib. Monza, ,...I-411 Trib. Pescara, ,...I-415 Trib. Reggio Emilia, ,...I-421 Trib. Prato, ,...I-425 SETTIMA UNITÀ FORMATIVA IV

10 CONCORDATO PREVENTIVO E AFFITTO D AZIENDA Concordato preventivo e affitto d azienda, spunti di riflessione...i-431 Trib. Milano, I-439 Corte App. Genova, Sez. I Civ., I-444 Trib. Bolzano, I-451 Trib. Cuneo, con nota di ADRIANO PATTI, Il pagamento di debiti anteriori ex art. 182-quinquies, comma 4, l. fall. in favore dell affittuario in continuità aziendale, in Fallimento 2/ I-460 Trib. Monza, I-470 Trib. Firenze, , con nota di ROBERTO AMATORE, Concordato con continuità aziendale e requisiti di ammissibilità, in IlFallimentarista.it, del 6 settembre I-477 Trib. Terni, I-493 Trib. Busto Arstizio, I-496 Cass. Pen., Sez. V, , n ,...I-504 Esempio di contratto di affitto di azienda...i-511 OTTAVA UNITÀ FORMATIVA CONCORDATO PREVENTIVO E CONTRATTI IN CORSO DI ESECUZIONE Concordato preventivo e contratti in corso di esecuzione, spunti di riflessione...i-527 Concordato preventivo e contratti in corso di esecuzione: le questioni aperte nel dibattito della dottrina e della giurisprudenza, nota a cura di MARCO BETTINI...I-539 Concordato preventivo e contratti pendenti. Questioni applicative sull art. 169-bis l. fall., di L UCIANO PANZANI, in IlFallime ntarista.it, del 7 a prile I-566 Corte App. Genova, , e Trib. Genova, , con nota di VIRGILIO CEDERLE, Concordato con riserva: applicabilità dell art. 169 bis. l. fall. ai contratti bancari autoliquidanti, in Fallimento 7/ I-572 Corte App. Venezia, I-586 Trib. Pistoia, I-591 Trib. Padova, I-609 Trib. Padova, I-613 Trib. Treviso, I-642 V

11 Trib. Monza, I-646 Trib. Ravenna, I-654 SECONDO VOLUME NONA UNITÀ FORMATIVA PRELATIZI: TRATTAMENTO E VOTO Prelatizi: trattamento e voto, spunti di riflessione... II-1 Appunto per la discussione, a cu ra di FRANCESCA MA RCHINI... II-6 La soddisfazione parziale dei creditori privilegiati nel concordato preventivo, di RICCARDO RANALLI, in Fallimento 12/ II-20 Brevi note sull ammissibilità del pagamento dei creditori privilegiati oltre l anno dall omologazione, nel concordato preventivo con continuità aziendale, di FILIPPO CANEPA e BARBARA SCHIAVO, in Rivista dei Dottori Commercialisti 3/ II-32 La definitività della degradazione al chirografo dei crediti privilegiati incapienti nel concordato preventivo, di FILIPPO LAMANNA, in IlFallimentarista.it, del 12 maggio II-37 Cass. Civ., Sez. I, , n II-40 Trib. Monza, II-51 Trib. Prato, ,... II-67 Trib. Siena, ottobre 2014,...II-69 Il caso Alfa: un caso innovativo di trattamento dei creditori ipotecari...ii-71 Documento 1: estratto della domanda di concordato formulata dalla società Alfa...II-73 Documento 2: schema riassuntivo dei possibili risultati di soddisfacimento dei prelatizi secondo la proposta...ii-76 Corte Cost., , n II-78 Due esempi di transazioni fiscali ex art. 182-ter che si sono conclusi positivamente (uno nell ambito di un accordo di ristrutturazione dei debiti e uno nell ambito di un concordato preventivo)...ii-86 DECIMA UNITÀ FORMATIVA LE PREDEDUZIONI VI

12 Il punto sulla prededuzione, spunti di riflessione...ii-169 Crediti in occasione e crediti in funzione del concordato preventivo: la prededuzione nel successivo fallimento, Cass. Civ., Sez. I, , n. 6031; Cass. Civ., Sez. I, , n. 5098; Cass. Civ., Sez. I, , n. 1513, con nota di PAOLA VELLA, L enigmatico rapporto tra prededuzione e concordato preventivo, in Fallimento 5/ II-184 Cass. Civ., Sez. I, , n. 8958; Cass. Civ., Sez. I, , n. 1513; Cass. Civ., Sez. I, , n. 5098, con nota di LUCA BOGGIO, I tormenti della prededuzione nel fallimento consecutivo dei crediti sorti in occasione o in funzione del concordato preventivo (anche alla luce del D.L. 23 dicembre 2013, n. 145 e del D.L. 24 giugno 2014, n. 91), in Giurisprudenza Italiana 7 / II-201 Cass. Civ., Sez. I, , n , con nota di MARCO SPADARO, La prededucibilità dei crediti professionali sorti in funzione di una procedura minore nel fallimento consecutivo: tra adeguatezza funzionale e utilità per i creditori, in Fallimento 5/ II-217 La limitata ultrattività della prededuzione secondo il decreto destinazione Italia nella consecutio tra il preconcordato e le altre procedure concorsuali, di FILIPPO LAMANNA, in IlFallimentarista.it, del 25 marzo II-229 Prima interpretazione delle nuove disposizioni sulla prededucibilità dei crediti con riguardo alla disciplina dei finanziamenti, di LUCIANO PANZANI, in IlFallimentarista.it, del 25 marzo II-238 Trib. Milano, Sez. II, , con nota di GENNARO PANZARINO, Liquidazione del compenso del curatore in prededuzione rispetto ai debiti della massa, in IlFallimentarista.it, del 31 ottobre II-242 UNDICESIMA UNITÀ FORMATIVA I RAPPORTI TRA CONCORDATO PREVENTIVO E FALLIMENTO Rapporti tra concordato preventivo e fallimento, spunti di riflessione...ii-250 I rapporti tra concordato e fallimento in pendenza dell istruttoria fallimentare, di ILARIA PAGNI, in Fallimento 9/ II-259 VII

13 La tutela dei creditori e il ruolo del giudice, di PAOLA VELLA, in corso di pubblicazione su Il Nuovo Diritto delle Società... II-270 Cass. Civ., Sez. I, , n. 9476, con nota di MASSIMO FABIANI, Un chiarimento sui rapporti fra procedimento per dichiarazione di fallimento e per l ammissione al concordato, in Fallimento 6/ II-292 Concordato preventivo e istruttoria prefallimentare tra pregiudizialità e coordinamento delle procedure : una trasformazione soltanto apparente, di MASSIMO MONTANARI, in Dir. fall. 2/ II-300 Trib. Bologna, II-329 Trib. Novara, II-334 Trib. Napoli, II-340 Trib. Prato, II-345 DODICESIMA UNITÀ FORMATIVA LE AZIONI DI RESPONSABILITÀ NEL CONCORDATO PREVENTIVO E NEL FALLIMENTO SUCCESSIVO AL CONCORDATO Le azioni di responsabilità nel concordato preventivo e nel fallimento successivo al concordato, spunt i di riflessione...ii-351 Le azioni di responsabilità nel concordato preventivo, di GIACOMO D ATTORRE, in corso di pubblicazione in Riv. soc....ii-360 Concordato preventivo e azioni di responsabilità dei creditori sociali, un contributo di ALESSANDRO ZANINI (versione integrata e aggiornata rispetto al contributo già presente nei materiali dello scorso anno)... II-384 Trib. Napoli, II-406 Trib. Padova, II-411 Corte App. Brescia, II-421 Trib. Cagliari, II-428 Cass. Civ., Sez. I, , n II-438 Trib. Milano, II-443 Cass. Civ., Sez. I, , n II-448 TREDICESIMA UNITÀ FORMATIVA L ART LE NUOVE TENDENZE DELLA GIURISPRUDENZA VIII

14 L art Le nuove tendenze della giurisprudenza, spunti di riflessione... II-452 Cass. Civ., Sez. I, , n II-461 Cass. Civ., Sez. I, , n II-475 Cass. Civ., Sez. I, , n II-480 Cass. Civ., Sez. I, , n II-491 Cass. Civ., Sez. I, , n II-501 Trib. Torino, , e Trib. Vicenza, II-516 QUATTORDICESIMA UNITÀ FORMATIVA DELEGHE E SOLLECITAZIONE DI VOTO SULLA PROPOSTA DI CONCORDATO: PROBLEMI IN TEMA DI VENDITA DEL VOTO E CONFLITTI DI INTERESSE Deleghe e sollecitazione di voto sulla proposta di concordato: problemi in tema di vendita del voto e conflitti di interesse, spunti di riflessione... II-526 Cass. Ci v., Sez. I, , n. 3274, (massima)...ii-531 Il voto nei concordati e il conflitto d interessi fra creditori, di GIACOMO D ATTORRE, in Fallimento 7/ II-532 Lupi e conflitto di interessi dei creditori nel concordato, di ROBERTO SACC HI, in Riv. dir. comm II-542 Il conflitto di interessi dei creditori nell approvazione del concordato, una nota a Trib. Teramo , di MAURO MANISCALCO, in IlFallimentarista.it, del 16 dicembre II-559 Commento all art. 233, nel Commentario Breve alla Legge Fallimentare a cura di ALBERTO MAFFEI ALBERTI, sesta edizione, II-564 Il caso WindJet... II-567 Documento 1: nota introduttiva... II-567 Documento 2: proposta... II-569 Documento 3: sollecitazione... II-572 Documento 4: modulo per dichiarazione di voto... II-574 Documento 5: modulo per procura speciale... II-575 QUINDICESIMA UNITÀ FORMATIVA PROCEDURE COMPETITIVE E OFFERTE BLOCCATE IX

15 FIRENZE, 29 GENNAIO E 11 FEBBRAIO 2015 LA GESTIONE DELLA CRISI D Procedure competitive e offerte bloccate, spunti di riflessione...ii-576 Estratto da Fallimento e concordato preventivo, Vol. II - Concordato preventivo, di MASSIMO FABIANI, in Commentario del Codice Civile e codici collegati, Scialoja-Branca-Galgano... II-582 Ricorso per l ammissione alla procedura di concordato preventivo Scapa... II-586 Trib. Milano, (Scapa)... II-595 Trib. Monza, II-601 Trib. Perugia, II-605 Trib Milano, II-610 Il caso Fashion Italia... II-616 Il caso Gamma... II-622 SEDICESIMA UNITÀ FORMATIVA L ESECUZIONE DEL CONCORDATO L esecuzione del concordato, spunti d i riflessione... II-637 La fase esecutiva del piano concordatario, di FRANCESCO PEDOJA, in Fallimenti e Società.it, II-644 Cass. Civ., Sez., , n. 6022,...II-654 Brevi note in tema di concordato preventivo con cessione dei beni ai creditori, di TOMMASO ARIANI, in corso di pubblicazione in Fallimento, 2015 (in commento a Cass. Civ., Sez. I, , n e Trib. Modena )...II-657 Trib. Reggio Emilia, II-666 Trib. Milano, , con nota di ARNALDO FALCONI, L introduzione delle azioni esecutive individuali dopo l omologazione del concordato preventivo, in IlFallimentarista.it, de l 1 agosto II-671 Trib. Siracusa, , con nota di GIOVANNI BATTISTA NARDECCHIA, L accertamento e la prescrizione dei crediti nel concordato preventivo, in Fallimento 7/ II-685 Trib. Roma, II-695 Trib. Reggio Emilia, II-705 Trib. Acqui Terme, II-710 Trib. Prato, II-718 X

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE

CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE CIRCOLARE N. 38/IR DEL 3 MARZO 2014 CONCORDATO IN BIANCO, PROCEDURA E ASPETTI DELLA GOVERNANCE SOMMARIO: 1. Premessa. 2. La domanda, il piano e la proposta nell art. 161, sesto comma, l.f.. 3. Gli effetti.

Dettagli

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right

FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI MASTER PART TIME LIVORNO. When you have to be right MASTER PART TIME FALLIMENTO E PROCEDURE CONCORSUALI 2 0 1 4 TRENTESIMA EDIZIONE LIVORNO N A P O L I When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di formazione IPSOA fa parte del Gruppo

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE

LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L EGIDA DEL TRIBUNALE CONVEGNO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Dipartimento di Economia e Management ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI FERRARA IPSOA LA GESTIONE DELLA CRISI DI IMPRESA SOTTO L

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 6 maggio 2015 OGGETTO: Transazione fiscale e composizione della crisi da sovraindebitamento Evoluzione normativa e giurisprudenziale

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese

Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese Crediti in prededuzione nell amministrazione straordinaria delle grandi imprese SOMMARIO: 1. Premessa. 2. Riferimenti normativi e ambito di applicazione. 3. I tempi di pagamento della prededuzione: i poteri

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Giunta: U. G. D. C. E. C. 2011 2014 Delegato Nazionale: Dott. Gianvito Morretta Commissione: CONCORDATO PREVENTIVO PRESIDENTE DOTT. EDOARDO GRIMALDI

Dettagli

LINEE-GUIDA PER IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE IN CRISI PRIMA EDIZIONE 2010 ( )

LINEE-GUIDA PER IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE IN CRISI PRIMA EDIZIONE 2010 ( ) LINEE-GUIDA PER IL FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE IN CRISI PRIMA EDIZIONE 2010 ( ) INDICE Premessa 1. La riduzione dell incertezza attraverso modelli di comportamento condivisi e virtuosi...... 3 2. Finalità

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

www.lascalaw.com www.iusletter.com

www.lascalaw.com www.iusletter.com LaScala studio legale in association with Field Fisher Waterhouse Focus on LA CANCELLAZIONE DELLE SOCIETÀ DI CAPITALI DAL REGISTRO DELLE IMPRESE: EFFETTI E CONSEGUENZE Luglio 2013 www.lascalaw.com www.iusletter.com

Dettagli

Le procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento. Una opportunità per le imprese agricole

Le procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento. Una opportunità per le imprese agricole Le procedure concorsuali in rimedio del sovraindebitamento. Una opportunità per le imprese agricole 1. Cenni introduttivi: le imprese agricole non sono fallibili. Ma sono esdebitabili. 2. «Accordo», «piano»,

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La riforma delle Procedure concorsuali

La riforma delle Procedure concorsuali 2 La riforma delle Procedure concorsuali iuaderni di formazione Collana di incontri e studi a cura della Federazione delle Banche di Credito Cooperativo dell Emilia Romagna GIORNATA DI STUDIO - BOLOGNA,

Dettagli

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti.

Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. L. 14 gennaio 1994, n. 20 (1). (commento di giurisprudenza) Disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14 gennaio 1994, n. 10. 1. Azione

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail PEC rdallanese@liuc.it raffaella.dallanese@odcecmilano.it Nazionalità Italiana Data di nascita 07,

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra

Art. 2361. commento di Enrico Ginevra L'assunzione di partecipazioni in altre imprese, anche se prevista genericamente nello statuto, non è consentita, se per la misura e per l'oggetto della partecipazione ne risulta sostanzialmente modificato

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale.

TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. TARSU e TIA, tra tariffa e tributo: analogie e differenze tra i due modelli nella gestione della finanza comunale. di Ernesto Aceto Il settore della finanza locale è nell ambito del diritto tributario,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014.

Camere di Commercio della Lombardia Prontuario adempimenti pubblicitari in materia di procedure concorsuali Gennaio 2014. CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA PRONTUARIO ADEMPIMENTI PUBBLICITARI IN MATERIA DI PROCEDURE CONCORSUALI Settima Edizione Gennaio 2014 CONTATTI LE CAMERE DI COMMERCIO DELLA LOMBARDIA CAMERA DI COMMERCIO

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI

L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI L ISTITUTO IN RAPPORTO ALLE PROCEDURE CONCORSUALI Ringrazio il Presidente ed il Consiglio dell Ordine per l invito a partecipare a tale Convegno. Il titolo del mio intervento anticipa che lo stesso è volto

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli