CLASSE DI ELEMENTO TECNICO: PARETI INTERNE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLASSE DI ELEMENTO TECNICO: PARETI INTERNE"

Transcript

1 CLASSE DI UNITA TECNOLOGICA: PARTIZIONE INTERNA UNITA TECNOLOGICA: PARTIZIONE INTERNA VERTICALE CLASSE DI ELEMENTO TECNICO: PARETI INTERNE

2

3 Le pareti interne verticali, insieme agli infissi interni verticali, ed agli elementi di protezione, sono le classi di elementi tecnici che fanno capo all unità tecnologica Partizione interna verticale, nella classe di unità tecnologica Partizione interna; Per parete interna verticale si intende, secondo la norma UNI 8290, l insieme degli elementi tecnici verticali del sistema edilizio aventi la funzione di dividere ed articolare gli spazi interni del sistema edilizio stesso In particolare, tramite gli infissi interni verticali, le partizioni interne verticali permettono l'utilizzazione dei vari ambienti, determinando relazioni tra gli spazi interni, separandoli o consentendo la comunicazione tra essi

4 Le pareti interne devono pertanto assolvere alle seguenti funzioni: 1) Determinare la separazione fisica, acustica, termica e ottica tra due o più ambienti (solo in casi molto rari le pareti interne sono costituite da materiali traslucidi) 2) Delimitare gli spazi interni in funzione delle esigenze psicologiche dell utenza 3) Consentire l installazione di mobili, apparecchiature ed impianti utili allo svolgimento delle attività dell utenza Le pareti interne sono strutture che determinano una frontiera fisica e che possono svolgere anche funzioni di supporto per gli infissi interni verticali.

5

6

7

8 Nomenclatura di elementi costituenti le pareti Elemento di parete: realizza le funzioni principali di dividere e conformare gli spazi interni Zoccolino o battiscopa: elemento di raccordo, finitura e protezione, tra la parete e la finitura del solaio Giunto laterale verticale: elemento di raccordo con la struttura portante, con le pareti esterne, con altre partizioni Giunto superiore orizzontale e giunto inferiore orizzontale: elementi di raccordo col solaio superiore e inferiore

9 Giunto intermedio orizzontale o verticale: elementi di raccordo tra due parti della parete Sopralzo: elemento della parete, portato di solito ad un'altezza superiore a quella delle porte, e distinto funzionalmente o visivamente dalla parte inferiore Fascia di aggiustaggio: elemento della parete distinto visivamente o funzionalmente e posto superiormente o lateralmente alla parete, con compiti di raccordo rispetto alle strutture, alle partizioni, ed in generale ad altri elementi tecnici

10 I REQUISITI Indipendente dalla connotazione morfologica e strutturale delle pareti interne, il criterio fondamentale di progettazione di ogni singola soluzione è, come già detto in precedenza, sempre la sua rispondenza prestazionale al sistema di requisiti propri del sistema ambientale che caratterizza l edificio. Il sistema di requisiti di base per la progettazione delle partizioni interne verticali, è classificato in funzione delle seguenti cinque classi di esigenze: 1. SICUREZZA 2. GESTIONE 3. ASPETTO 4. BENESSERE 5. FRUIBILITA

11 1. SICUREZZA - stabilità statica - reazione al fuoco - resistenza al fuoco - resistenza agli urti - sicurezza ai fenomeni elettrici - protezione da intrusioni umane e animali - sicurezza al contatto - resistenza ai carichi sospesi - resistenza ad agenti esterni 2. GESTIONE - contenimento dei consumi energetici - durabilità e manutenibilità - ripristinabilità - integrabilità tra elementi di produzione diversa 3. ASPETTO - assenza di difetti superficiali - regolarità d aspetto - gradevolezza al tatto - benessere visivo 4. BENESSERE - isolamento acustico - resistenza all acqua - isolamento termico - assorbimento acustico - controllo della condensazione interstiziale e superficiale - resistenza al calore - assenza di produzione di azioni nocive 5. FRUIBILITA - attrezzabilità - spostabilità e ricollocabilità

12 1. SICUREZZA Stabilità statica Le pareti interne devono sopportare senza alterazioni le sollecitazioni permanenti, concentrate o diffuse, derivanti dal loro peso proprio, dall'elasticità delle strutture su cui gravano, dai sovraccarichi derivanti dall'uso Resistenza ad agenti esterni Non deve subire danni o alterazioni a causa del calore, della luce e dell azione di agenti chimici e biologici. Sono particolarmente interessati al requisito gli strati esterni della parete Reazione al fuoco Le partizioni in genere, non devono presentare caratteristiche di infiammabilità in relazione all elevato irraggiamento termico, a breve contatto con corpi incandescenti o con scintille. La prestazione coinvolge soprattutto le finiture esterne e le canalizzazioni che sono le parti più esposte e suscettibili all'innesco della fiamma

13 1. SICUREZZA Resistenza al fuoco Le pareti non devono causare danni in caso di incendi e devono opporsi alla sua diffusione. Devono in altre parole, anche quando non collaborano alla sicurezza statica dell'edificio, conservare per un certo tempo alcune prestazioni utili alla sicurezza, quali la stabilità, meccanica, la tenuta al fumo e l'isolamento termico. Tipici divisori per i quali è richiesta una specifica resistenza al fuoco sono quelli che perimetrano le scale e le zone compartimentate. Resistenza agli urti Le pareti non devono subire deformazioni o alterazioni significative a causa degli urti derivanti dall'uso normale. In particolare urti accidentali di persone o cose non devono compromettere le esigenze di sicurezza e di mantenimento dell'integrità

14 1. SICUREZZA Protezione da intrusioni umane e animali Ove richiesto, le pareti devono presentare caratteristiche di resistenza meccanica tali da fornire adeguata protezione nei confronti di tentativi di intrusione indesiderata di persone o animali Resistenza ai carichi sospesi Le pareti idonee alla sospensione e al fissaggio di contenitori ed attrezzature di normale impiego, non devono subire danni a causa dell'applicazione dei dispositivi di ancoraggio, né deformazioni significative in conseguenza di sovraccarichi Sicurezza ai fenomeni elettrici Le pareti devono garantire gli effetti di fenomeni elettrici ed elettromagnetici pericolosi al contatto e suscettibili di provocare incendi. Tutti gli strati e i materiali costituenti sono interessati dal requisito

15 2. GESTIONE Contenimento dei consumi energetici Deve essere limitata la dispersione di calore tra diversi ambienti. Sono particolarmente interessati tutti gli strati della parete ma è quello isolante a dare un maggiore contributo al soddisfacimento del requisito Durabilità e manutenzione Deve essere, in condizioni di ordinaria manutenzione, in grado di sopportare azioni esterne senza subire alterazioni non eliminabili con operazioni di semplice pulitura e senza che queste inducano degradi che possano compromettere le prestazioni dell intera parete. Sono principalmente interessati al requisito gli strati di finitura e la conformazione complessiva della parete

16 3. ASPETTO Assenza di difetti superficiali Non devono presentarsi difetti di planarità sulle facce, nonché macchie, gobbe, crateri, fessure ecc. Sono principalmente interessati gli strati di finitura e lo strato di supporto a cui sono collegati Regolarità d aspetto Non devono presentarsi differenze geometriche e cromatiche tra le zone dello stesso elemento ed inoltre deve essere limitata la localizzazione di macchie dovute a zone di deposito eterogeneo della polvere. Sono principalmente interessati al requisito gli strati di finitura e la conformazione complessiva della parete

17 4. BENESSERE Isolamento acustico Le pareti interne devono fornire un attenuazione acustica tale da contribuire a mantenere nei locali livelli sonori compatibili con lo svolgimento delle attività previste. L isolamento acustico della parete interna è imposto per legge nei divisori di molte destinazioni d uso, come l edilizia scolastica. L isolamento acustico può riguardare sia l isolamento interno ad una stessa unità che tra unità immobiliari contigue.

18 4. BENESSERE Resistenza all'acqua Le pareti interne non devono subire alcun danno al piede da contatto con acqua di lavaggio dei pavimenti, né danno non facilmente riparabile per effetto di getti d'acqua accidentali. Nelle pareti per locali sanitari, per servizi igienici e per cucine, è richiesta una vera e propria resistenza all'acqua, sia per presenza prolungata (vapore condensato), sia per pulizia mediante lavaggio Isolamento termico Nelle pareti interne è richiesto solo se i locali hanno o possono avere temperature di esercizio differenti. Nella residenza ad esempio, ciò si verifica tra i locali abitati e passaggi o scale aperti verso l esterno o non riscaldati

19 4. BENESSERE Assorbimento acustico Le pareti interne devono contribuire a regolare l assorbimento di suoni in funzione delle attività che vi si svolgono e della dimensione dei locali. Infatti in certi casi un elevata riflessione è negativa perché rafforza la rumorosità dell ambiente e provoca code sonore ed echi, in altri casi è positiva perché rafforza i suoni Controllo della condensazione interstiziale e superficiale Le pareti interne isolate termicamente, non devono subire alcun danno a causa dell'umidità proveniente dai locali per i fenomeni di condensa prodottisi all'interno della parete o sulla sua superficie

20 4. BENESSERE Resistenza al calore Le pareti non devono subire danni, deformazioni o alterazioni dell'aspetto a causa di aumenti di temperatura localizzati o estesi, provocati da impianti o da apparecchiature di riscaldamento domestico o a causa di differenze di temperatura tra i locali separati da esse Non produzione di azioni nocive Non deve emettere gas, polveri, radiazioni nocive o odori sgradevoli, né favorire lo sviluppo di germi patogeni né consentire il ristagno di sporcizia e l annidamento di organismi animali. Tutti gli strati e gli elementi di finitura sono interessati al requisito

21 5. FRUIBILITA Spostabilità e ricollocabilità Le pareti soddisfano questo requisito, utile in alcune destinazioni d uso come uffici e terziario, se gli elementi tecnici possono essere spostati dalla sede iniziale e ricollocati in altre sedi senza subire danni, senza causare danneggiamenti a componenti di altri sottoinsiemi, e con un impiego limitato di manodopera e di attrezzature

22 4. FRUIBILITA Attrezzabilità Le pareti soddisfano questo requisito quando è possibile inserire, o comunque integrare nella parete stessa, canalizzazioni impiantistiche e provvedere facilmente alla loro ispezione, manutenzione, riparazione e sostituzione. Tali pareti devono consentire la messa in opera, la sospensione e il fissaggio di attrezzature pensili o appoggiate al pavimento. Si tratterà in altre parole di applicare apparecchi sanitari, corpi scaldanti, arredi, accessori ecc. Questo requisito comporta un adeguata resistenza meccanica, una sufficiente compattezza del materiale ed eventualmente la predisposizione di zone di aggancio. La richiesta dell attrezzabilità è funzione della destinazione d uso dell edificio. Per un appartamento si ritiene soddisfatto il requisito se è possibile incorporare canalizzazioni elettriche, per l acqua, il riscaldamento, il gas, applicare dispositivi per la sospensione, applicare gli abituali rivestimenti e le piastrelle.

23 STRATI FUNZONALI PRINCIPALI Un analisi delle prestazioni offerte dalle pareti interne permette l individuazione di strati funzionali, attraverso cui si esplicita la loro funzione, e conduce alla definizione delle loro caratteristiche fisicotecniche. E possibile individuare strati funzionali primari e integrativi.

24 STRATI FUNZONALI PRINCIPALI Funzione di resistenza Strato portante ed autoportante Hanno rispettivamente la funzione di resistere staticamente ai carichi trasmessi dai solai sovrastanti, (o da strutture di collegamento verticale quali scale o nuclei ascensore), il secondo di supportare gli altri elementi della parete mantenendola in posizione verticale nelle normali condizioni di uso e sollecitazione. Deve essere dimensionato in modo tale da resistere alle sollecitazioni dell utenza e, se richiesto, di rispondere al requisito di attrezzabilità.

25 STRATI FUNZONALI PRINCIPALI Funzione di tenuta Lo strato di impermeabilizzazione e di resistenza all acqua Ha la funzione di impedire il passaggio di acqua (di lavaggio, di condensazione) negli strati retrostanti. In quanto strato superficiale, si trova anche ad assolvere alla funzione di rivestimento, per cui deve avere gli stessi requisiti, con in aggiunta il requisito di facile pulibilità (resistenza agli agenti di lavaggio: acqua e detersivi) Lo strato di barriera al vapore Può essere necessario nei casi in cui la differenza di temperatura tra i locali e le produzioni di umidità sono tali da rendere possibile una condensazione interna alla parete. La barriera al vapore può essere necessaria in zone localizzate, per esempio intorno all isolamento di tubazioni percorse da fluidi freddi. Nei casi in cui è necessaria la barriera viene inserita all interno della parete verso la parte più calda ed è costituita da un foglio (di metallo, di carta bitumata, di materiale plastico) impermeabile al vapore e inserito all interno della parete

26 STRATI FUNZONALI PRINCIPALI Funzione di isolamento Lo strato di isolamento termico Ha la funzione di controllare il flusso termico quando si è in presenza di unità spaziali con temperature differenti. Può anche concorrere alla resistenza al fuoco se il materiale utilizzato è incombustibile. Lo strato può essere integrato con quello di smorzamento acustico, in particolare in conseguenza delle caratteristiche di porosità superficiali dei materiali Lo strato di assorbimento acustico Ha la funzione di controllare la riflessione dei rumori aerei e il livello sonoro nell ambiente prospiciente tale strato. Spesso tale funzione viene svolta dallo strato di finitura o rivestimento Lo strato di smorzamento acustico Ha la funzione di migliorare le prestazioni acustiche collaborando con altri strati funzionali, utilizzandone le caratteristiche di massa, (strato portante), e/o le caratteristiche di tenuta all aria (strato di rivestimento) e/o le caratteristiche di interruzione della trasmissione acustica per via solida (intercapedine)

27 STRATI FUNZONALI PRINCIPALI - Funzione di protezione Il rivestimento e la finitura Hanno la funzione di costituire sia la parte in vista della parete, con le implicazioni legate alle esigenze di aspetto e la funzione di protezione degli strati sottostanti. Questo strato assicura quindi l aspetto della parete, eliminando gli eventuali difetti degli strati sottostanti, può avere inoltre la funzione di contribuire a controllare la diffusione dei rumori aerei, di diffondere, riflettendola, la luce incidente, di alloggiare terminali impiantistici delle reti Il rivestimento al piede o zoccolino Ha la funzione di finitura specifica della parte inferiore della parete interfacciata con il rivestimento di pavimentazione. Per tale posizione infatti la parte inferiore si trova particolarmente sottoposta ad azioni di tipo meccanico ed idrico provocate dagli stessi agenti che interessano la pavimentazione. Lo zoccolino può ospitare alcune reti impiantistiche (telefoniche, telematiche, elettriche)

28 STRATI FUNZONALI INTEGRATIVI Funzione di connessione Gli strati o elementi di collegamento Hanno la funzione di vincolare uno strato ad un altro, e sono posti ad esempio tra lo strato di finitura ed uno strato retrostante. Tali strati possono realizzare un adesione continua, per esempio tramite malta (come per esempio tra lo strato di finitura in piastrelle di ceramica ed il supporto retrostante), ovvero possono essere discontinui, per esempio mediante semilavorati (profilati metallici o listelli di legno che vincolano, mediante viti o chiodi, le lastre di gesso rinforzato agli elementi di supporto). Gli elementi di collegamento possono avere anche una funzione di distanziamento, costituendo intercapedine, e possono avere anche funzione di irrigidimento al fine di evitare danni meccanici.

29 STRATI FUNZONALI INTEGRATIVI Funzione di connessione Gli elementi di sigillatura Servono a compensare eventuali scostamenti tra gli elementi della parete o tra essa ed altri elementi tecnici che potrebbere causare ponti termici, ponti acustici o lievi deformazioni. Solitamente sono posti superiormente ed inferiormente ed hanno la funzione di compensare gli scostamenti tra la base di appoggio inferiore della parete e il rivestimento superiore del solaio sottostante, oppure tra la sommità di appoggio superiore di essa con il rivestimento inferiore del solaio sovrastante. Lo strato di regolarizzazione Ha la funzione di contribuire a rendere conforme all aspetto voluto lo strato ad esso retrostante, in relazione ai materiali utilizzati, compensando le irregolarità superficiali. In altre parole questo strato corregge i piccoli difetti di verticalità e di planarità dello strato portante, riportandoli all interno dei limiti accettabili

30 STRATI FUNZONALI INTEGRATIVI Funzione di connessione Lo strato di imprimitura Ha la funzione di agevolare l adesione di uno strato, in particolare quello di rivestimento, o di finitura, con un altro. E un trattamento della superficie di uno strato, mediante impregnazioni con proprietà fissative o isolanti Lo strato di arricciatura Oltre a compensare in parte le irregolarità superficiali di un supporto, consente l aggrappaggio dello strato di finitura vero e proprio

31 STRATI FUNZONALI PRINCIPALI Funzione di integrazione Intercapedine attrezzabile Ha la funzione di consentire l inserimento all interno della parete di reti impiantistiche di vario tipo, che risultano quindi facilmente accessibili per ispezioni, manutenzioni e sostituzioni. E una prerogativa delle pareti pluristrato realizzate in cartongesso su montanti

32 MODELLI FUNZIONALI La presenza o la successione di strati funzionali realizza modelli funzionali e costituisce riferimento per progettare soluzioni tecniche alternative di parete che offrono una corretta rispondenza ai requisiti da perseguire. Anche le pareti interne verticali consentono una grande variabilità di soluzioni tecniche che fanno tuttavia riferimento ad un numero circoscritto di modelli funzionali tradizionali: -Pareti interne semplici -Pareti interne portanti -Pareti interne attrezzate -Pareti interne isolate acusticamente -Pareti interne isolate termicamente -Pareti interne tagliafuoco -Pareti interne contenitore

33 MODELLI FUNZIONALI La combinazione tra questi modelli funzionali può dare origine a soluzioni tecniche articolate, come pareti interne isolate termicamente ed acusticamente o pareti interne attrezzate ed isolate termicamente. Inoltre le specifiche proprietà fisico-tecniche dei materiali impiegati, la morfologia, la tipologia ed il processo di assemblaggio degli elementi che li costituiscono possono realizzare modelli funzionali di partizione più complessi come: -Pareti trasparenti realizzabili o con vetri semplici o stratificati o in blocchi di vetrocemento -Pareti smontabili utili nel caso di ambienti soggetti a cambi di destinazioni d uso frequenti o che richiedono una versatilità d impiego -Pareti radianti prevede l integrazione al suo interno di tubazioni in grado di sostituire gli apparecchi radianti tradizionali. Questa soluzione limita l attrezzabilità della parete

34 MODELLI FUNZIONALI E possibile operare una classificazione delle pareti interne anche secondo la morfologia e dimensione degli elementi che costituiscono lo strato portante ed i materiali impiegati per la loro realizzazione. Possiamo avere, quindi: - Pareti a piccoli elementi - Pareti a grandi elementi - Pareti con struttura interna a telaio

35 Pareti a piccoli elementi Prevedono l utilizzo di elementi quali mattoni, blocchi pieni, semipieni o forati, in laterizio, calcestruzzo, calcestruzzo alleggerito (cellulare o di argilla espansa) e blocchi alveolari in gesso. Questi elementi sono caratterizzati da un cospicuo peso e vengono perciò definiti di tipo a massa consentendo una tenuta al fuoco molto elevata. La loro messa in opera a umido presenta l inconveniente di non permettere una grande rapidità di esecuzione, e tempi di maturazione dei leganti lunghi, e richiedono uno strato di finitura a intonaco o gesso con successiva rasatura e pittura. La loro conformazione rende praticamente impossibile il loro smontaggio e reimpiego e la loro dismissione può avvenire solo attraverso demolizione.

36 Pareti a piccoli elementi Nel caso in cui gli elementi murari sono mattoni pieni il potere dell isolamento acustico risulta molto soddisfacente ma di contro incidono negativamente sul solaio a causa del loro peso elevato. Per questo motivo il loro impiego è prevalente negli edifici tradizionali in muratura portante laddove possono contribuire al miglioramento del modello statico con funzione di controventamento. In genere la disposizione degli elementi per realizzare tramezzature in mattoni è ad una testa con spessore di 12 cm al grezzo e di circa 14 cm al finito. Peso circa 300 Kg/mq.

37

38 Pareti a piccoli elementi Più consueto è l impiego di elementi forati di piccole o grandi dimensioni che risultano di più facile e rapida messa in opera e quindi con un incidenza minore sui costi di manodopera, ma offrono un minore potere fonoisolante. Il loro spessore è compreso tra 8 e 14 cm al finito ed il loro peso tra 70 e 150 Kg/mq. I blocchi impiegati sono del tipo a tre fori (dalle dimensioni usuali di 4,5x15x30 cm) a quattro fori (8x24x30 cm) o a sei fori (10x15x30 cm). La presenza delle cavità all interno dei blocchi facilita la collocazione delle tubazioni impiantistiche orizzontali di piccolo calibro in traccia. Generalmente la finitura di queste partizioni è ad intonaco con malta di cemento, di calce o di gesso. I blocchi in calcestruzzo sia ordinario che cellurale vengono impiegati nei vani sotterranei per le qualità di scarsa permeabilità all acqua.

39 Mattoni in laterizio pieni e semipieni Mattoni forati e tavelle di laterizio

40 Elementi in laterogesso per tramezzature Elementi in gesso per tramezzature Elementi in laterogesso per tramezzature

41 Pareti con materiali pesanti Nel porre in opera i divisori realizzati con materiali tradizionali pesanti si può verificare il caso che essi siano disposti perpendicolarmente ai travetti di armatura del solaio o che siano disposti parallelamente ad essi. Nel primo caso il peso del divisorio è ripartito su tutti i travetti che possono reggerlo agevolmente. Nel secondo caso tutto il peso del divisorio grava su uno o due travetti che devono essere opportunamente rinforzati. Si possono in questo caso disporre delle armature trasversali che riportino il peso del divisorio su più di due travetti che collaboreranno a sostenerlo o costruire un travetto in c.a. a spessore.

42 Poiché si tende sempre più a rendere possibile ogni necessaria variazione della posizione dei tramezzi è buona norma calcolare i solai maggiorando il sovraccarico permanente di 50 kg/mq e inserire nella soletta un adeguata armatura trasversale di ripartizione in modo da poterli disporre liberamente ove occorre.

43 Pareti a grandi elementi L impiego di questa soluzione nasce dalla necessità di velocizzare la messa in opera, ottenuta attraverso l impiego di blocchi e tavelloni di grande lunghezza o pannelli ad altezza di parete. I blocchi hanno di solito le dimensioni di 6-12 x 50 x 60 cm e sono in genere in gesso così da non necessitare intonacatura e vengono posti a incastro. Per la realizzazione di pareti sottili si è anche diffuso l impiego di tavelloni di notevole lunghezza realizzati in laterizio o in gesso. Dato il loro scarso potere fonoisolante necessitano l impiego in configurazioni a doppio strato con isolante acustico posto nell intercapedine.

44 Pareti a grandi elementi Un ulteriore possibilità è quella di impiegare pannelli ad altezza di piano. Queste pareti possono essere realizzate con: - forati in laterizio e malta per uno spessore di circa 6 cm - calcestruzzo alleggerito con uno spessore di 8-10 cm - lastre di gesso alveolato con forature verticali per uno spessore di 5-10 cm. Gli elementi vengono fissati orizzontalmente in corrispondenza del solaio e verticalmente alle pareti laterali mediante correnti e montanti costituiti da profili metallici. In ogni caso la tenuta all aria di queste partizioni e il loro potere fonoisolante può essere garantito mediante la sigillatura in corrispondenza del pavimento e del soffitto e delle altre pareti laterali.

45 Partizione interna verticale portante con pannelli prefabbricati in c.a. a elemento di parete: pannello portante multistrato prefabbricato in c.a. b elemento di collegamento: conglomerato cementizio per getti integrativi fra elementi prefabbricati c armatura del giunto: acciaio in barre ad aderenza migliorata

46 Partizione interna verticale lastre si cartongesso su telaio metallica Schema di fissaggio dei giunti tra lastre complanari e ortogonali

47

48 Pareti con struttura interna a telaio Le pareti così realizzate sono assemblate a secco collegando i pannelli di chiusura a un telaio interno realizzato in opera, generalmente in metallo o in legno che consentono una notevole rapidità di montaggio. Generalmente i montanti e i traversi sono in acciaio zincato piegato a freddo con sezione a C, mentre le lastre di chiusura sono costituite da pannelli in cartongesso (gesso rivestito) che vengono fissati ai montanti mediante viti autofilettanti e pertanto richiedono un dimensionamento modulare dei pannelli.. Per aumentare l attrezzabilità delle pareti anche con carichi elevati (apparecchi sanitari sospesi, pensili, etc.) occorre irrigidire i telai interni nei punti opportuni.

49 Partizione interna verticale lastre di cartongesso su telaio metallico a elemento di parete: lastra in cartongesso su telaio metallico b strato isolante: pannello isolante a base di fibra minerali c - armatura del giunto: carta microperforata per armatura giunti d strato adesivo nell armatura del giunto: adesivo a base di gesso e stuccatura del giunto: malta premiscelata di gesso per rasatura

50 Partizione interna verticale lastre di cartongesso su telaio metallica Schema di fissaggio delle lastre al montante metallico

51

52

53

54 Solitamente i pannelli hanno le seguenti dimensioni: - Larghezza 120 cm - Spessore variabile da 9,5-12, mm - Altezza variabile da 250 a 300 cm I montanti vengono giuntati ai correnti orizzontali fissati sia a pavimento che a soffitto. Lo spessore variabile della parete può prevedere la sistemazione di un isolante acustico oppure può essere sfruttato per il passaggio delle reti impiantistiche in corrispondenza dei cavedi con la previsione di pannelli rimovibili per rendere la parete ispezionabile. La resistenza al fuoco di una parete in cartongesso da 75 mm di spessore a lastra singola cioè senza l isolamento interno è pari a 45 minuti (REI 45), con isolante interno in lana minerale aumenta a 90 minuti (REI 90), con uno spessore di 100 mm e doppia lastra di cartongesso raggiunge i 120 minuti (REI 120).

55

56

57 SOLUZIONI TECNICHE

58 Partizione interna verticale in elementi blocchi di laterogesso a strato di regolarizzazione: malta premiscelata di gesso per rasatura b strato di finitura: malta idraulica per intonaco c - tinteggiatura: pittura a tempera

59 Partizione interna verticale in elementi forati in laterizio a strato di regolarizzazione: malta di gesso per intonaco b strato di fissaggio: adesivo a base di cemento c strato di rivestimento: piastrelle in ceramica smaltata d - sigillatura: cemento bianco o colorato per imboiaccatura

60 Partizione interna verticale in elementi blocchi di laterogesso a strato di fissaggio: adesivo a base di cemento b strato di rivestimento: piastrelle in ceramica smaltata c - sigillatura: cemento bianco o colorato per imboiaccatura

61 Partizione interna verticale in elementi di laterizio semipieno a elemento di parete: laterizio semipieno b legante: malta cementizia per muratura

62 artizione interna verticale in elementi di laterizio semipieno a pasta alveolata a elemento di parete: laterizio a pasta alveolata b legante: malta cementizia per muratura

63 Partizione interna verticale in blocchi di cls a elemento di parete: blocco di cls b legante: malta cementizia per muratura

64 Partizione interna verticale in blocchi di cls con argilla espansa a elemento di parete: blocco di cls con argilla espansa b legante: malta cementizia per muratura

65 Partizione interna verticale in blocchi di cls a elemento di parete: blocco di cls b legante: malta cementizia per muratura

66

67

68

69 Partizione interna verticale a doppio tavolato in elementi forati in laterizio e isolante interposto a elemento di tavolato: laterizio forato b legante: malta idraulica per muratura C- strato isolante: pannello isolante a base di fibre minerali

70 Partizione interna verticale in pannelli di laterogesso

71

72

73

74

75

76

77

78

79

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici

principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici LE PARETI INTERNE Sono elementi costruttivi che hanno principalmente la funzione di ripartire gli spazi interni degli edifici secondo dimensioni adatte alla destinazioni funzionali che devono essere realizzate

Dettagli

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso

PARTIZIONE INTERNA suddividere lo spazio interno in amb enti post tutt sullo stesso p ano d uso PARTIZIONI INTERNE PARTIZIONE INTERNA Elemento di fabbrica che ha il compito di suddividere lo spazio interno in ambienti i posti tutti sullo stesso piano d uso, separando visivamente ii ambienti i contigui

Dettagli

10a - Chiusure e partizioni interne

10a - Chiusure e partizioni interne 10a - Chiusure e partizioni interne, infissi esterni verticali. Requisiti ed elementi. Modelli funzionali ed alternative tecniche. La chiusura di un edificio è quella parte dell organismo edilizio che

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI

CHIUSURE VER VER ICALI CHIUSURE VERTICALI In generale si definisce CHIUSURA l insieme delle unità tecnologiche e degli elementi del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

Principali parti di un fabbricato

Principali parti di un fabbricato Principali parti di un fabbricato Un fabbricato industriale risulta essenzialmente costituito dalle seguenti parti: Fondazioni (del fabbricato e dei macchinari) Struttura portante; Copertura e pareti (complete

Dettagli

Materiali per l architettura B (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla 13 PARTIZIONI INTERNE. Verticali Orizzontali

Materiali per l architettura B (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla 13 PARTIZIONI INTERNE. Verticali Orizzontali Materiali per l architettura B (6CFU) Prof. Alberto De Capua, coll. Arch. Valeria Ciulla 13 PARTIZIONI INTERNE Verticali Orizzontali Una cella in uno schizzo di Renzo Piano. Renzo Piano Building Workshop.

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di prodotti innovativi caratterizzati da elevati standard

Dettagli

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale

Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale Il Cartongesso e l Edilizia Residenziale 2 L AZIENDA Lafarge Gessi è una società del Gruppo multinazionale Lafarge, nata in seguito alla rapida crescita dei sistemi costruttivi a secco che si è registrata

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria LA MATERIA PRIMA Il polistirene espanso sinterizzato (EPS) è un materiale rigido, di peso ridotto, derivato dal petrolio, composto da carbonio, idrogeno e per il 98% d aria. Oltre al vapore acqueo, per

Dettagli

IL SISTEMA EDILIZIO. Si scompone in: SISTEMA TIPOLOGICO-AMBIENTALE unità spaziali e elementi spaziali

IL SISTEMA EDILIZIO. Si scompone in: SISTEMA TIPOLOGICO-AMBIENTALE unità spaziali e elementi spaziali IL SISTEMA EDILIZIO Si scompone in: SISTEMA TIPOLOGICO-AMBIENTALE unità spaziali e elementi spaziali SISTEMA TECNOLOGICO unità tecnologiche e elementi tecnici Entrambi i sistemi devono soddisfare le esigenze

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 sexies

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici. Prezzario Regionale dei lavori pubblici. Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 sexies REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dei Lavori Pubblici Prezzario Regionale dei lavori pubblici Voci finite: Elenco prezzi Volume 4 sexies Anno: 2008 Indice Voci finite i Indice D.0013 - EDILIZIA................................................

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori

Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011. 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori CONTROSOFFITTI Laurea in Scienze dell Ingegneria Edile Corso di Architettura Tecnica a.a. 2010/2011 Prof. Arch. Frida Bazzocchi 3 Maggio 2011 Ing. Aurora Valori UNI EN 13964:2007 Controsoffitti. e metodi

Dettagli

SISTEMI COSTRUTTIVI CON ELEMENTI A FORI ORIZZONTALI

SISTEMI COSTRUTTIVI CON ELEMENTI A FORI ORIZZONTALI SISTEMI COSTRUTTIVI CON ELEMENTI A FORI ORIZZONTALI www.latercom.net GAMMA DISPONIBILE Per la loro natura estremamente versatile, gli elementi a fori orizzontali possono essere impiegati per la realizzazione

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il Progettazione, scelte tecniche e controlli dell isolamento acustico tra unità abitative, corretta posa in opera di solai, tamponamenti e pareti divisorie Ing. Paolo Giacomin Vice Presidente Commissione

Dettagli

Pareti e rivestimenti ERACLIT

Pareti e rivestimenti ERACLIT 32 Le pareti ed i rivestimenti antirumore ed antincendio ERACLIT rappresentano uno dei sistemi più interessanti e completi presenti sul mercato, in quanto: non hanno limitazioni di altezza e sono di grande

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

L UNICA. COME NESSUNA.

L UNICA. COME NESSUNA. GESSI LADURA Pregy LaDura L UNICA. COME NESSUNA. Lastra in gesso rivestito rinforzata con fibra di legno. Naturale. LaDura. Indice 3 Il vostro partner di fiducia 4-5 Dati tecnici 6-7 Vantaggi e valore

Dettagli

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni.

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni. L ACUSTICA Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici Ing. Paolo Marinoni Celenit SpA Soluzioni ecobiocompatibili per l isolamento acustico UN PRODOTTO SOSTENIBILE

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA

RELAZIONE TECNICA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA PARETE ESTERNA AQUAROC PRIMA Parete di tamponamento esterno GYPROC AQUAROC PRIMA dello spessore totale di circa 246 mm costituita dagli elementi sottoelencati: LASTRE DI GESSO RIVESTITO GYPROC HABITO VAPOR

Dettagli

Buono Microclima confortevole

Buono Microclima confortevole Temperatura superficiale della parete radiante 45 40 35 30 25 Comfort termico mediante convezione e irradiazione (secondo Dr. Ledwina). Tratto dal materiale didattico del Corso di Architettura Bioecologica

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NE EDIIZIA ARETI DIVISORIE A SECCO I RODOTTO IDEAE ER ISOAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DEE ARETI IN GESSO RIVESTITO 2 Eurosystem e Europan I prodotti ideali per l isolamento termico

Dettagli

LECABLOCCO TRAMEZZA. semplice, sicuro e vantaggioso

LECABLOCCO TRAMEZZA. semplice, sicuro e vantaggioso LECABLOCCO TRAMEZZA semplice, sicuro e vantaggioso Il Lecablocco Tramezza è un manufatto in calcestruzzo alleggerito con argilla espansa Leca studiato dall ANPEL con sistema di collegamento ad incastri

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine)

Chiusure verticali. (Chiusure con intercapedine) Chiusure verticali (Chiusure con intercapedine) generalità tamponamenti perimetrali infissi esterni attrezzature di completamento Sistemi in grado di regolare il rapporto tra le situazioni ambientali,

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti FERMACELL L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti EDIZIONE 00 0 buone ragioni scegliere l alta qualità FERMACELL! Le lastre in gessofibra FERMACELL hanno le carte in regola per soddisfare

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI TRASPARENTI

CHIUSURE VER VER ICALI TRASPARENTI CHIUSURE VERTICALI TRASPARENTI Serramenti Chiusure Verticali Trasparenti Vetrate continue Con specchiatura unica A doppia pelle SERRAMENTI ESTERNI Elementi costruttivi funzionali che devono soddisfare

Dettagli

Risultati della sperimentazione: - Pareti semplici Si sono riscontrate le seguenti situazioni che servono ad avere una idea globale del fenomeno:

Risultati della sperimentazione: - Pareti semplici Si sono riscontrate le seguenti situazioni che servono ad avere una idea globale del fenomeno: IL POTERE FONOISOLANTE DI COMPONENTI IN LATERIZIO I dati che seguiranno si riferiscono a una indagine sperimentale sulle prestazioni acustiche di pareti e solai in laterizio. Le tipologie analizzate sono

Dettagli

La riqualificazione di edifici esistenti per ottenere case a energia quasi zero

La riqualificazione di edifici esistenti per ottenere case a energia quasi zero 1 La riqualificazione di edifici esistenti per ottenere case a energia quasi zero Stefano Cera Segretario generale F.I.V.R.A. Fabbriche Isolan6 Vetro Roccia Associate 2 FIVRA FIVRA è l associazione italiana

Dettagli

LE CHIUSURE DI BASE LE CHIUSURE DI BASE. tecnologia dell architettura L INVOLUCRO EDILIZIO LE CHIUSURE DI BASE. Mirella Bindo & Vincenzo Nuzzolese

LE CHIUSURE DI BASE LE CHIUSURE DI BASE. tecnologia dell architettura L INVOLUCRO EDILIZIO LE CHIUSURE DI BASE. Mirella Bindo & Vincenzo Nuzzolese L INVOLUCRO EDILIZIO DEFINIZIONE DI CHIUSURA DI BASE o CHIUSURA ORIZZONTALE INFERIORE Unità tecnologica avente la funzione di separare gli spazi interni dell organismo edilizio dal terreno 1 DEFINIZIONE

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via ANZANI n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE EDILI ed AFFINI Il progettista Agosto 2011 Demolizioni Demolizione

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367 PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 67 LA NUOVA NORMA UNI 67 Classificazione acustica delle Unità Immobiliari. Norma UNI 67. Nel luglio 00 è stata pubblicata la norma

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Costruzione. 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti. Realizzazione ALTRI IMPIEGHI 04/2012

Costruzione. 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti. Realizzazione ALTRI IMPIEGHI 04/2012 D_Altri impieghi 1 Edilizia industriale e commerciale 1.1 Fissaggio delle pareti fissaggio dell elemento parete contro il risucchio (come da requisiti statici) rivestimento esterno pannello per parete

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

Capannoni Prefabbricati

Capannoni Prefabbricati Capannoni Prefabbricati - Componenti impiegati - Attrezzature primarie - Fasi di montaggio - Alcune realizzazioni SKA spa via Agosta, 3-36066 Sandrigo (VI) - Italy - Tel. + 39 0444 659700 - Fax + 39 0444

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE.

- Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Comune di Lizzano - Provincia di Taranto - INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. - Rifacimento della facciata esterna e sostituzione dei pluviali, sistemazione

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI Il solaio a travetti tralicciati, noto anche come solaio bausta, è costituito da travetti tralicciati e da elementi di alleggerimento in laterizio. I travetti

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam

innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam innovazione Pannelli Accoppiati formazione a regola d arte Pregystyrene - Pregyfoam Pregyver sistema lastre- Pregyroche PANNELLI ACCOPPIATI I PANNELLI ACCOPPIATI SINIAT I pannelli preaccoppiati Siniat

Dettagli

LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI

LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI Stop a rumore e muffe Via al risparmio LINEA RISANAMENTO RISANAMENTO > APPLICAZIONI A PARETE >LINEA CARTONGESSO RISANAMENTO

Dettagli

Applicazioni degli isolanti di origine vegetale in pannelli su chiusure verticali: alcuni esempi

Applicazioni degli isolanti di origine vegetale in pannelli su chiusure verticali: alcuni esempi Applicazioni degli isolanti origine vegetale in pannelli su chiusure verticali: alcuni esempi Soluzione tecnica Prodotto Altre applicazioni del prodotto Isolamento in intercapene Struttura in legno rivestimento

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1

CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE. Residenze in LAINATE via Rho. pag. 1 CAPITOLATO TECNICO DESCRITTIVO COMMERCIALE Residenze in LAINATE via Rho pag. 1 STRUTTURE - La struttura portante del fabbricato è costituita da un intelaiatura di travi e pilastri in cemento armato gettati

Dettagli

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione Caso applicativo 1: edificio di nuova realizzazione Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile Primo caso applicativo - edificio di nuova realizzazione I sistemi di rivestimento

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

I SISTEMI DI PARTIZIONE INTERNA

I SISTEMI DI PARTIZIONE INTERNA Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2010-2011 I SISTEMI

Dettagli

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips

Campi d applicazione dei sistemi di controsoffitti autoportanti Rigips Sistema di controsoffitto autoportante senza requisiti antincendio Il sistema di controsoffitti autoportanti offre all esecutore un alternativa particolarmente interessante ai sistemi di controsoffitti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE ESIGENZIALE PRESTAZIONALE

LA PROGETTAZIONE ESIGENZIALE PRESTAZIONALE Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2009-2010 LA PROGETTAZIONE

Dettagli

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA Martedì 14 OTTOBRE 2008 L uso di materiali per raggiungere i risultati Modernità e tradizione, esempi di stratigrafie differenti Relatore

Dettagli

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE Claudioforesi S.r.l. via Fosso, 2/4 60027 S. Biagio Osimo (AN) Tel. 071 7202204 071 7109309 Fax. 071 7108180

Dettagli

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni

Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Attacco in fondazione della muratura: soluzioni Roberto Calliari Chi ben comincia è a metà dell opera! Questo detto popolare si può correttamente applicare nella costruzione di un edificio efficiente.

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari

L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L efficienza energetica in edilizia La cura dei particolari L edificio energeticamente efficiente, deve nascere già dal progetto architettonico orientamento dimensionamento delle superfici trasparenti

Dettagli

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F.

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. IL D.M. 16/2/07 E LE PRESTZIONI DI RESISTENZ L FUOCO DEI PRODOTTI dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. CMPO DI PPLICZIONE Classificazione prodotti per r.a.f. Il D.M. 16/2/07 si applica ai prodotti ed agli

Dettagli

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA

SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA SISTEMA BIOCLIMA SISMICO CON MURATURA ARMATA Essenzialmente, l armatura offre un incremento di resistenza a trazione e a taglio nonchè, ovviamente, a flessione mentre i blocchi e la malta assorbono prevalentemente

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

TENUTA ALL ARIA TERZA PARTE TENUTA ALL ARIA. Relatore: Ing. Corrado Caramelle

TENUTA ALL ARIA TERZA PARTE TENUTA ALL ARIA. Relatore: Ing. Corrado Caramelle TENUTA ALL ARIA TERZA PARTE TENUTA ALL ARIA La Tenuta all aria negli edifici in legno 1. Aspetti teorici 2. Materiali 3. Scelte progettuali La Tenuta all aria negli edifici in legno Perché è importante

Dettagli

CAPITOLO E.17 CONTROSOFFITTI, PARETI DIVISORIE E PROTEZIONI ANTINCENDIO

CAPITOLO E.17 CONTROSOFFITTI, PARETI DIVISORIE E PROTEZIONI ANTINCENDIO 179 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 9 SPECIALE DEL 9 FEBBRAIO 2009 AVVERTENZE CONTROSOFFITTI CAPITOLO E.17 CONTROSOFFITTI, PARETI DIVISORIE E PROTEZIONI ANTINCENDIO I controsoffitti devono

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano.

L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano. Laterlite 38 tecnologia L isolamento termico dei sottofondi contro terra e dei divisori orizzontali interpiano. Soluzioni per vespai isolati contro terra Le novità contenute nel Decreto requisiti minimi

Dettagli

BERGAMO ISOLANTI BERGAMO ISOLANTI BERGAMO ISOLANTI BER

BERGAMO ISOLANTI BERGAMO ISOLANTI BERGAMO ISOLANTI BER BER BERG SISTEMI DI CHIUSURA A SECCO SISTEMI DI CHIUSURA A SECCO Le chiusure o pareti divisorie di distribuzione interna, verticali perimetrali, di compartimentazione e quelle orizzontali di finitura (controsoffitti),

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

L isolamento termico degli edifici

L isolamento termico degli edifici Oliviero Tronconi Politecnico di Milano Dipartimento BEST L isolamento termico degli edifici 2262 Una delle principali prestazioni tecnologiche di un edificio è l isolamento termico. La realizzazione di

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Strutture murarie. Lezione 2 L02

Strutture murarie. Lezione 2 L02 Strutture murarie Lezione 2 1 Cenni preliminari Nel passato veniva usata praticamente sempre la cosiddetta muratura continua. Dai tempi dei Romani, ad anche prima, si è sempre utilizzata, quindi è stata

Dettagli

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M.

SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. SISTEMA CUCITURE ATTIVE C.A.M. Il patrimonio storico in Italia è largamente costituito da fabbricati e monumenti in muratura. Le tipologie costruttive e i materiali utilizzati sono i più vari (pietrame

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: PARETE PERIMETRALE ESTERNA Codice: M1 Trasmittanza

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

PARTIZIONI VERTICALI

PARTIZIONI VERTICALI 1 PARTIZIONI VERTICALI DIVISORI IN CARTONGESSO MG1.1 Parete interna in cartongesso - Spessore totale 15 cm 2 - Struttura costituita da : V/S 3.2.1 montanti in profilati a C in acciaio zincato, 100 x 50

Dettagli

SOMMARIO 1. PARETI... 5 2. COPERTURE... 25 3. SOLAI INTERMEDI... 33 4. DETTAGLI COSTRUTTIVI... 37

SOMMARIO 1. PARETI... 5 2. COPERTURE... 25 3. SOLAI INTERMEDI... 33 4. DETTAGLI COSTRUTTIVI... 37 Rev.7 MAPPA TECNICA SOMMARIO 1. PARETI... 5 1.1 PARETE ESTERNA A TELAIO SENZA VANO TECNICO... 6 1.2 PARETE ESTERNA A TELAIO CON VANO TECNICO... 8 1.3 PARETE ESTERNA A TELAIO REI 60... 10 1.4 PARETE ESTERNA

Dettagli

LA BIOEDILIZIA NEI PICCOLI COMUNI. arch. Andrea Moro. Envipark

LA BIOEDILIZIA NEI PICCOLI COMUNI. arch. Andrea Moro. Envipark LA BIOEDILIZIA NEI PICCOLI COMUNI arch. Andrea Moro IMPATTO AMBIENTALE DELL EDILIZIA L EDILIZIA È UNO DEI SETTORI A MAGGIORE IMPATTO AMBIENTALE: L ENERGIA IMPIEGATA NEL SETTORE RESIDENZIALE E TERZIARIO

Dettagli

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE

I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano. Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE I.I.S. Morea Vivarelli --- Fabriano Disciplina: SCIENZE TECNOLOGIE APPLICATE Classe 2^ C.A.T. Modulo N. 2 _ ORGANISMO EDILIZIO E SUOI ELEMENTI E RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Questionario N. 3a Fondazioni Muratura

Dettagli

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio

I PONTI TERMICI. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno. o Implementare le prestazioni dell edificio ATOMO 1 I PONTI TERMICI Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni dell edificio elementi opachi elementi vetrati PONTI TERMICI I ponti termici

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE INTRODUTTIVA... 2 MANUALE D USO... 3 Partizione orizzontale... 3 Chiusura verticale:... 3 Partizione verticale:... 4 Impianti:... 6 MANUALE DI MANUTENZIONE... 7 Partizione

Dettagli

Gamma disponibile Le tramezze POROTON P800 e POROTON PLAN TM

Gamma disponibile Le tramezze POROTON P800 e POROTON PLAN TM Tramezze Poroton e Poroton Plan TM soddisfano ogni esigenza di cantiere Gamma disponibile Le tramezze P800 e PLAN TM P800 sono elementi in laterizio porizzato caratterizzati da giunti verticali ad incastro.

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS

CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS CARATTERISTICHE GENERALI DEL VETRO CELLULARE POLYDROS Il pannello di vetro cellulare POLYDROS si ottiene partendo dalla polvere di vetro, la quale, mediante un processo termico-chimico, si trasforma in

Dettagli

DESCIZIONE SINTETICA:

DESCIZIONE SINTETICA: Chiusura verticale esterna con funzione portante, formata con tecnologia tradizionale in blocchi di laterizio semipieni e rivestimento esterno a cappotto per evitare i ponti termici 38.5 Evo 01.a 2 1.2

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI CHIUSURE ORIZZONTALI ISOLAI CHIUSURA ORIZZONTALE Unità tecnologica costituita dall insieme degli elementi tecnici orizzontali e suborizzontali aventi la funzione di individuare e delimitare spazi interni

Dettagli

Tipi di Muri. delle strutture principali a Panta Rei. Legenda. Dormitorio. Sala Polivalente. Corpo di collegamento. Balle di Paglia.

Tipi di Muri. delle strutture principali a Panta Rei. Legenda. Dormitorio. Sala Polivalente. Corpo di collegamento. Balle di Paglia. Tipi di Muri delle strutture principali a Panta Rei Dormitorio Sala Polivalente Corpo di collegamento Legenda Balle di Paglia Struttura principale Paglia e Terra Muro d accumulo Cassa Vuota Parete Vetrata

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

1. S T R U T T U R A PREMESSA

1. S T R U T T U R A PREMESSA PREMESSA I fabbricati in oggetto saranno realizzati con caratteristiche costruttive edili e impiantistiche finalizzate all ottenimento della classificazione energetica in Classe B, ai sensi della vigente

Dettagli

Edifici passivi e a basso consumo: progettazione, certificazione, monitoraggio

Edifici passivi e a basso consumo: progettazione, certificazione, monitoraggio A r c h. C h i a r a B i a n c o c h i a r a. b i a n c o @ e n v i p a r k. c o m Edifici passivi e a basso consumo: progettazione, certificazione, monitoraggio Soluzioni progettuali per edifici a basso

Dettagli

Requisiti fondamentali

Requisiti fondamentali Requisiti fondamentali Resistenza meccanica Modesta deformabilità Minimo spessore Peso ridotto Buone proprietà isolanti, termiche e acustiche Superficie d intradosso piana Resistenza al fuoco Rapida realizzazione

Dettagli