I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008"

Transcript

1 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno

2 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di debolezza e opportunità Visione 2

3 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di debolezza e opportunità Visione 3

4 Definizione di LEA Le prestazioni comprese nei LEA sono garantite dal Servizio Sanitario Nazionale a titolo gratuito o con partecipazione alla spesa. Decentramento ed equità Diritto del cittadino/dovere del SSN 4

5 La logica della formulazione dei LEA il concetto di prestazione si adatta bene al contesto assistenziale Visite mediche, Esami clinici e strumentali, Ricoveri, Trattamenti di riabilitazione Farmaci Sono richiesti da un individuo per ottenere un beneficio in termini di salute 5

6 Assistenza Sanitaria Collettiva in ambiente di vita e di lavoro (ASC) DPCM XI 2001 Aree, funzioni, prestazioni Profilassi delle malattie infettive e parassitarie Tutela della collettività e dei singoli dai rischi connessi con gli ambienti di vita, anche con riferimento agli effetti sanitari degli inquinanti ambientali. Tutela della collettività e dei singoli dai rischi infortunistici e sanitari connessi con gli ambienti di lavoro. Sanità pubblica veterinaria Tutela igienico sanitaria degli alimenti; sorveglianza e prevenzione nutrizionale Attività di prevenzione rivolte alla persona, vaccinazioni obbligatorie e raccomandate; programmi di diagnosi precoce; medicina dello sport Attività di medicina legale 6

7 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di debolezza e opportunità Visione 7

8 Processo di Revisione dei LEA-ASC Assenza di un monitoraggio dell erogazione dei LEA Assenza di valutazioni sistematiche Processo basato sul confronto e consenso tra esperti Gruppo della Commissione per la Revisione dei LEA Apporti: Gruppo di lavoro progetto Mattoni NSIS Comitato scientifico EBP del CCM Società scientifiche della sanità pubblica Ministero della Salute: Dipartimento Prevenzione e Comunicazione Dipartimento Sanità Pubblica Veterinaria e Alimenti Coordinamento Interregionale della Prevenzione 8

9 Razionale del processo Il cambiamento del quadro epidemiologico Le linee guida e l esperienza dei dipartimenti di prevenzione Il dibattito sull efficacia della prevenzione in Italia Creazione del CCM e sviluppo di politiche per la prevenzione delle malattie non trasmissibili Esigenza di adattare lo schema logico Esigenza di monitoraggio e valutazione 9

10 Scopo della revisione Colmare l insufficienza di contenuto e di logica, senza modificare l impianto dei LEA Modificare le classi di prestazioni LEA- ASC, aggiungendo, con prudenza, tenendo conto dei costi, interventi che: Già oggi funzionano delle aziende migliori Sono inclusi nel Piano Nazionale della Prevenzione o in altri importanti atti di indirizzo. 10

11 Colmare le carenze di contenuto La sorveglianza di sanità pubblica non ha dignità di prestazione o di servizio È assente la prevenzione delle malattie croniche e dei rischi comportamentali Non è declinata la prevenzione nutrizionale È assente la prevenzione degli incidenti Non si tiene conto di gruppi di popolazione vulnerabile e delle diseguaglianze sociali Sono presenti certificazioni, idoneità e autorizzazioni che molte regioni hanno abolito 11

12 Colmare le carenze di Logica Caratteristiche degli interventi di sanità pubblica Domanda disposizione normativa, richiesta di istituzioni e cittadini o iniziativa dei servizi per ridurre rischi per la salute Beneficiario collettività: riduzione rischi ambientali, infettivi, occupazionali, comportamentali, e/o aumento delle difese della popolazione. Modalità di Realizzazione programmi organizzati: con obiettivi misurabili, procedure e metodi, sistemi informativi per valutare l attuazione e i risultati. Misura popolazione coperta / popolazione non coperta Modelli organizzativi intersettoriali e interdisciplinari 12

13 Tener conto dei Principi 1. L assistenza sanitaria collettiva include interventi che perseguono obiettivi di salute della collettività, attraverso la riduzione o il controllo di rischi ambientali, infettivi, occupazionali, comportamentali, e/o l aumento delle difese della popolazione. 2. Gli interventi di sanità pubblica, sono misurati, sia in termini di quantità di prestazioni o atti prodotti, sia termini di percentuale di popolazione coperta 3. Gli interventi di sanità pubblica, sono offerti in virtù di una previsione normativa, sulla base della rilevazione di bisogni di salute locali, su richiesta di istituzioni 13

14 Tener conto dei Principi 2 4. Gli interventi di sanità pubblica devono avere solida documentazione scientifica, riguardo l efficacia. 5. Possono richiedere: integrazione tra servizi di sanità pubblica ed altri servizi sanitari, in particolare quelli dell area delle cure primarie, tipicamente organizzati nei distretti; collegamento della ASL con gli enti locali, il mondo della scuola e le altre agenzie educative, enti, organizzazioni e associazioni assistenziali e sociali. 6. Sono abitualmente organizzati in programmi, che prevedono la definizione degli obiettivi e dei metodi idonei a valutare i risultati. 14

15 Il programma vaccinale dell infanzia Popolazione target Reclutamento Vaccinazione Popolazione Vaccinata Riduzione Rischio Infettivo Piano Strategico Approvigio - namento Sistema Informativo 1 Consumi 2 Coperture 3 Malattie 4 Costi Trattamento Eccezioni Aggiornamento Formazione Informazione Popolazione 15

16 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di debolezza e opportunità Visione 16

17 Risultati del Processo di Revisione Aggiornamento della denominazione del livello di assistenza (Ri)Aggregazione delle aree Aggiornamento dello schema logico e introduzione della nozione di programma di sanità pubblica 17

18 Denominazione del livello: Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica indicare la missione: la salute della collettività; affermare il principio di prevenzione; Interventi diretti al beneficio della collettività, attraverso: Programmi di sanità pubblica. 18

19 Generale Strategie Schema Classe di oggetti sottoclassi sottosottoclassi Particolare 19 Azioni

20 Schema e terminologia Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Aree di intervento Programmi, Interventi Componenti del Programma Prestazioni, Azioni 20

21 Aree di intervento A B C D E F G H Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali. Tutela della salute e della sicurezza negli ambienti aperti e confinati Sorveglianza, prevenzione e tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Igiene e Sicurezza degli alimenti e tutela dei consumatori. Vigilanza e controllo degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, igiene urbana veterinaria. Sorveglianza e prevenzione delle malattie croniche, incluso la promozione di stili di vita sani e gli screening oncologici Sorveglianza e prevenzione nutrizionale Valutazione medico legale degli stati di disabilità e per finalità pubbliche. 21

22 Cambiamenti A Profilassi delle malattie infettive e parassitarie A Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali B Tutela della collettività e dei singoli dai rischi connessi con gli ambienti di vita, anche con riferimento agli effetti sanitari degli inquinanti ambientali. B Tutela della salute e della sicurezza degli ambienti aperti e confinati C Tutela della collettività e dei singoli dai rischi infortunistici e sanitari connessi con gli ambienti di lavoro. C Sorveglianza, prevenzione e tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro D Sanità pubblica veterinaria D Igiene e Sicurezza alimentare - Tutela della salute dei consumatori E Tutela igienico sanitaria degli alimenti; sorveglianza e prevenzione nutrizionale E Vigilanza e controllo degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, igiene urbana veterinaria F Attività di prevenzione rivolte alla persona, vaccinazioni obbligatorie e raccomandate; programmi di diagnosi precoce; medicina dello sport F Sorveglianza e prevenzione delle malattie croniche, inclusi la promozione di stili di vita sani ed i programmi organizzati di screening G Attività di medicina legale G H Sorveglianza e Prevenzione Nutrizionale Valutazione medico legale degli stati di 22 disabilità e per finalità pubbliche

23 A. Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, incluso le vaccinazioni Sorveglianza clinico epidemiologica delle malattie infettive e diffusive Interventi per il controllo della diffusione di malattie infettive e diffusive Vaccinazioni, secondo il piano nazionale vaccini Medicina del viaggiatore Predisposizione di piani di risposta ad emergenze di origine infettiva 23

24 A. Programmi Diritti Sorveglianza Interventi per il controllo della diffusione Vaccinazioni Medicina del viaggiatore I Rappresentanti della comunità dispongono di un quadro dei rischi infettivi Famiglie, scuole, comunità aperte ricevono l intervento di controllo La comunità riduce alcuni specifici rischi infettivi I viaggiatori internazionali hanno l informazione sui rischi a destinazione Piani di risposta ad emergenze I diversi soggetti interessati hanno un protocollo di cose che devono fare in 24 caso di emergenze prevedibili

25 Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali Programmi / Attività Sorveglianza epidemiologica della malattie infettive e diffusive Componenti del programma - Gestione del sistema di segnalazione e notifica di malattia infettiva e diffusiva, e dei focolai epidemici - Individuazione di focolai epidemici - Indagini epidemiologiche in caso di focolaio - Sorveglianza sulla diffusione nell ambiente di vita dei vettori di microrganismi patogeni, anche in relazione alle antropozoonosi - Analisi periodica dei dati, in termini di tempo, spazio e persona - Conduzione di studi analitici per indagare i rischi infettivi - Comunicazione e diffusione dei risultati sull andamento delle malattie infettive/diffusive Prestazioni - report sui rischi infettivi - Comunicazione periodica agli utenti: istituzioni, operatori, cittadinanza. 25

26 Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali Programmi / Attività Interventi per il controllo della diffusione di malattie infettive e diffusive Componenti del programma - Predisposizione ed attuazione delle misure da adottare per il controllo delle malattie infettive - Predisposizione ed attuazione delle azioni di controllo da attuare in caso di focolai epidemici - Assistenza e vigilanza sulle operazione pubbliche di disinfestazione e derattizzazione - Programmi di educazione sanitaria - Comunicazione e diffusione di informazioni sulle azioni di controllo intraprese - Esami analitici nell ambito di interventi di prevenzione delle malattie infettive Prestazioni - Profilassi immunitaria e chemioprofilassi dei contatti e dei soggetti a rischio - Interventi di controllo sulle fonti e i veicoli / vettori di trasmissione - Produzione periodica di report sugli interventi di controllo - Comunicazione periodica agli utenti 26

27 Cosa non c era Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive Predisposizione di sistemi di risposta ad emergenze di origine infettiva Tutela salute e sicurezza negli ambienti aperti e confinati Promozione della sicurezza stradale Tutela della popolazione e dei lavoratori dal rischio amianto Predisposizione risposta ad emergenze da fenomeni naturali o provocati Tutela della collettività dal rischio radon Sorveglianza prevenzione e tutela della salute e sicurezza lavoro Controllo ex-esposti a cancerogeni e a sostanze chimiche Igiene e sicurezza alimentare Registrazione operatori settore alimentare ai sensi del Reg. CE 852/04. Sorveglianza sanitaria delle zone di allevamento di molluschi bivalvi Gestione stati di allerta alimenti per consumo umano e per animali Controllo su ristorazione collettiva ai sensi del Reg. 882/04 CE Ispettorato micologico Allevamenti e produzioni zootecniche, igiene urbana veterinari Sistema informativo aziende zootecniche su anagrafe nazionale Sistemi di risposta ad emergenze epidemiche delle popolazioni animale Sorveglianza e Prevenzione malattie croniche inclusi: promozione di stili di vita sani e programmi organizzati di screening 27 Sorveglianza e Prevenzione nutrizionale

28 Cosa non c è più Elenco certificazioni, idoneità sanitarie ed autorizzazioni 28

29 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di debolezza e opportunità Visione 29

30 Punti critici Alcuni squilibri: Estensione e dettaglio attuali sono funzione della motivazione e del lavoro dei gruppi di interesse Difficoltà di individuare in alcuni casi programmi, componenti e prestazioni in modo chiaro e funzionale alla misurazione: necessità di LG, adeguamento alle diverse realtà regionali Inclusione di attività inutili o di efficacia dubbia 30

31 Punti di forza Tiene conto della evoluzione delle conoscenze scientifiche circa l efficacia degli interventi della sanità pubblica Attenzione a fenomeni e aree di intervento rilevanti: immigrazione e le problematiche che ne conseguono, tutela dei gruppi di popolazione in condizioni di particolare disagio, effetti delle disuguagliane sociali, culturali, geografiche. Potenzialità della nozione di programma: Le ASL dovranno offrire programmi di sanità pubblica, Possibilità di raccomandazioni e linee guida per i programmi, Formazione collegate alle raccomandazioni Accreditamento dei programmi La sorveglianza è una componente della sanità pubblica Possibilità di individuare indicatori per verificare l applicazione e valutare se e con quali risultati di salute vengono realizzate le azioni previste. 31

32 Visione Per affrontare i problemi di salute attuali, la ASL offre programmi di sanità pubblica efficaci, basati sulla scienza (linee guida), condotti da professionisti ben addestrati (formazione), secondo standard di qualità controllati (accreditamento), con risultati regolarmente misurati e valutati (indicatori e sorveglianza). 32

33 Piano Nazionale di Prevenzione : 3 anni per attuare i programmi di salute dei LEA in tutte le ASL Accreditamento: il programma è di qualità? Misurazione: quanta parte della popolazione che ne ha bisogno usufruisce del programma? Raccomandazioni: esistono prove scientifiche che il programma è efficace? 33

34 Qual è oggi lo stato di approvazione e applicazione dei LEA? Attuale difficoltà di approvazione del DPCM per rilievi da parte della Corte dei Conti. Prosegue il percorso la semplificazione amministrativa: inserimento nella manovra economica di un unico articolo che definisce l iter per l abolizione di pratiche inutili, attraverso un decreto, previa intesa stato-regioni. 34

35 Grazie! 35

Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione

Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione Ruolo ed opportunità degli indicatori di prevenzione nei sistemi di valutazione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Roma

Dettagli

Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica

Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Il livello della Prevenzione collettiva e sanità pubblica include le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la sicurezza della comunità da rischi

Dettagli

Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali

Sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettive e parassitarie, inclusi i programmi vaccinali Allegato 1 Livello di Assistenza: Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Il livello della Prevenzione collettiva e sanità pubblica include le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione ASL di NOVARA

Dipartimento di Prevenzione ASL di NOVARA Il Dipartimento di Prevenzione è la struttura operativa dell Azienda Sanitaria Locale di Novara che garantisce la tutela della salute collettiva, perseguendo obiettivi di: promozione della salute prevenzione

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi

infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi infosalute Provincia Autonoma di Trento Assessorato alla Salute e Solidarietà sociale 2015/2018 Piano provinciale della prevenzione Sintesi Giugno 2015 Indice Sintesi introduttiva del Piano provinciale

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958. Dirigente ASL I fascia - UFFICIO CONTROLLO RANDAGISMO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958. Dirigente ASL I fascia - UFFICIO CONTROLLO RANDAGISMO INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Dirigente ASL I fascia

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE...

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE... Indice I INDICE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 43 1.1. STRUTTURA

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte F R A N C E S C A R U S S O S E T T O R E P R O M O Z I O N E E S V I L U P P O I G I E N E E S A N I T À P U B B L I C A S E Z I O N E A T T U

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di prevenzione assicura le prestazioni volte al mantenimento e alla promozione della salute della popolazione, attraverso diverse funzioni rivolte direttamente

Dettagli

AUSL RIMINI. Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica

AUSL RIMINI. Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL RIMINI Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica INDICE 1.1. Dipartimento di Sanità Pubblica...4 1.2. Direttore del Dipartimento...4 1.3. Responsabile Tecnico del Dipartimento...5

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi

Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi Il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018: Vision e Principi Ranieri Guerra Direttore Generale Prevenzione sanitaria Ministero della salute Piano demenze Piano prev. epatiti Piano vaccinazioni

Dettagli

PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA. 3 ottobre 2014. Per un ruolo strategico degli Igienisti

PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA. 3 ottobre 2014. Per un ruolo strategico degli Igienisti PROGRAMMA PER LA PRESIDENZA SItI 2016/2018 di FAUSTO FRANCIA 3 ottobre 2014 Concetti chiave: unità delle componenti, SItI casa di tutti gli igienisti dei diversi settori operativi, lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

Valutare la Prevenzione: Padova 4 novembre 2011. Prevenzione. Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica. Regione del Veneto

Valutare la Prevenzione: Padova 4 novembre 2011. Prevenzione. Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica. Regione del Veneto Valutare la Prevenzione: trasparenza, confronto, indicatori Padova 4 novembre 2011 Il confronto tra i Piani della Prevenzione Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Regione

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Intesa Stato Regioni Province Autonome del 23 Marzo 2005 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007: linee operative

Dettagli

Mattone Assistenza Sanitaria Collettiva

Mattone Assistenza Sanitaria Collettiva Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Mattone Assistenza Sanitaria Collettiva Definizione di un sistema di classificazione per le prestazioni/funzioni di prevenzione e relativi indicatori Nolan,

Dettagli

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino

4.1.6 Ridefinizione normativa del danno da vaccino Camera dei Deputati 33 Senato della Repubblica bambini vaccinati anche per i vaccini non obbligatori incentivando opportunamente il personale addetto alle vaccinazioni ed i pediatri di famiglia. Gli incentivi

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/20 DEL 3.12.2013

DELIBERAZIONE N. 50/20 DEL 3.12.2013 Oggetto: Piano regionale della Prevenzione 2010-2012. 2012. Stato di attuazione e ripartizione tra le Aziende Sanitarie della Sardegna delle somme disponibili nel Bilancio regionale 2013 (UPB S02.04.010

Dettagli

V CONFERENZA PROFEA PROGRAMMA DI FORMAZIONE IN EPIDEMIOLOGIA APPLICATA Orvieto 22 ottobre 2014

V CONFERENZA PROFEA PROGRAMMA DI FORMAZIONE IN EPIDEMIOLOGIA APPLICATA Orvieto 22 ottobre 2014 V CONFERENZA PROFEA PROGRAMMA DI FORMAZIONE IN EPIDEMIOLOGIA APPLICATA Orvieto 22 ottobre 2014 La situazione italiana dal primo piano della prevenzione a oggi: quali prospettive per l epidemiologia applicata?

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

UOS SPES - ULSS20 VR

UOS SPES - ULSS20 VR UOS SPES - ULSS20 VR Progetto CCM 2012 Individuazione delle disuguaglianze in salute e creazione di conseguenti modelli di azioni di sorveglianza e contrasto UOS SPES - ULSS20 VR Scenario sulle Disuguaglianze

Dettagli

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009

RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 RISULTATI DELLE ATTIVITA DI PREVENZIONE COLLETTIVA E DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Anno 2009 IL DIRETTORE GENERALE DELL ASL DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Dott. Luigi Gianola Convegno del 14 Luglio 2010 Sala

Dettagli

La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale.

La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale. Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina veterinaria La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale. Dott. Paolo Cozzolino R.178/2002/CE principi generali

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di Prevenzione è la struttura sanitaria dell Azienda ULSS che assicura le prestazioni volte al mantenimento ed alla promozione della salute della popolazione

Dettagli

[D - 10000201] % adesione corretta all'invito per screening cancro della cervice uterina (M+)*

[D - 10000201] % adesione corretta all'invito per screening cancro della cervice uterina (M+)* Azioni e progetti per la promozione della salute Prosecuzione dei progetti già in essere NOTE: Ci si riferisce a: a) progetto "Passi" sulla rilevazione stili di vita della popolazione con report finale

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO

PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO PARTE III LA VALUTAZIONE DELLA CAPACITà DI PERSEGUIMENTO Delle strategie REGIONALI (B) a cura di Sara Barsanti Introduzione L area di valutazione del conseguimento delle strategie regionali (area B) ha

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA Paolo Villari paolo.villari@uniroma1.it Cattedra di Igiene Dip.to di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma I 3 Modelli di base

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE E PROFILASSI DELLA RABBIA NELLA REGIONE PIEMONTE

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE E PROFILASSI DELLA RABBIA NELLA REGIONE PIEMONTE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE E PROFILASSI DELLA RABBIA NELLA REGIONE PIEMONTE La Regione Piemonte, considerato il rischio di introduzione della rabbia nel territorio regionale a seguito dell epidemia

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

l ESPERIENZA della REGIONE LOMBARDIA

l ESPERIENZA della REGIONE LOMBARDIA SUPERAMENTO DI NORME OBSOLETE ED INEFFICACI IN MATERIA DI SANITA PUBBLICA l ESPERIENZA della REGIONE LOMBARDIA V. Carreri, A. Pavan, G. Blanco U.O.Prevenzione Direzione Generale Sanità - Regione Lombardia

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia

Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit. obesità. Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia Il Piano Regionale di Prevenzione dell obesit obesità Clara Pinna Regione Friuli Venezia Giulia PERCORSO Linee operative del Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie del Ministero

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione

A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli. Servizio Prevenzione e Protezione SISTEMA DI CONTROLLO MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Proc. 01/2012/2013 Revisione 2 Pag. 1 di 10 /2014 STATO DATA FIRMA APPROVATO 28.03.2014 ARCH. ROSARIO DI MUZIO Sommario Introduzione... 3 Contenuti

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011

A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale. Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 A.S.L. CN1 Servizio Veterinario Area Sanità Animale Relazione delle attività nel settore degli animali d affezione anno 2011 Premessa Le attività nelle quali risulta impegnato il Servizio Veterinario dell

Dettagli

Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Principali provvedimenti adottati dalla Giunta nel corso dell anno 2010

Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Principali provvedimenti adottati dalla Giunta nel corso dell anno 2010 Ufficio Sanità pubblica e sicurezza del lavoro Principali provvedimenti adottati dalla Giunta nel corso dell anno 2010 Sicurezza Alimentare Disciplina delle modalità di finanziamento dei controlli sanitari

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Medico

Dipartimento di Prevenzione Medico CURE PRIMARIE 30 Dipartimento di Prevenzione Medico Direttore: Dr.ssa Giuliana Pieracci Il Dipartimento di Prevenzione Medico è struttura gestionale dell Azienda Sanitaria, caratterizzata da ampia flessibilità

Dettagli

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE DGR 729 del 4 agosto 2005-08-29 REGIONE LAZIO OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alla Sanità; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

ALLEGATO TABELLA 1 SERVIZIO DI IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITA PUBBLICA. Compiti e funzioni del servizio:

ALLEGATO TABELLA 1 SERVIZIO DI IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITA PUBBLICA. Compiti e funzioni del servizio: a) indagini epidemiologiche; ALLEGATO TABELLA 1 SERVIZIO DI IGIENE, EPIDEMIOLOGIA E SANITA PUBBLICA b) mappatura dei fattori di rischio per le popolazioni; c) educazione sanitaria relativa all igiene e

Dettagli

Rischio Biologico: la prevenzione per il personale della Marina Militare

Rischio Biologico: la prevenzione per il personale della Marina Militare Rischio Biologico: la prevenzione per il personale della Marina Militare C.A. (SAN) Gennaro BANCHINI Capo del 1 Ufficio Studi e Dottrina Ispettorato di Sanità M.M. RISCHIO BIOLOGICO: LA PREVENZIONE RISCHIO

Dettagli

Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV)

Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV) Sorveglianza delle malattie da vettori e Sanità Pubblica Veterinaria (SPV) Stefano Gavaudan Centro Riferimento Malattie da Vettori Isitituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria-Marche Il Cambiamento climatico:

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Nome FABIO VIVALDI Indirizzo VIA PANDOLFO I 11 Telefono 3343595815.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Nome FABIO VIVALDI Indirizzo VIA PANDOLFO I 11 Telefono 3343595815. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome FABIO VIVALDI Indirizzo VIA PANDOLFO I 11 Telefono 3343595815 E-mail vivaldi.fabio@aslrmc.it; fabiovivaldi@gmail.com Nazionalità ITALIANA

Dettagli

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese Contributo PASSI per il Piano della Prevenzione Roma, ISS CNESPS 27 marzo 2014 Esperienze promettenti di uso della sorveglianza per perseguire gli obiettivi del Piano Nazionale della Prevenzione, in Regioni

Dettagli

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE

Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Gestione dei casi di pediculosi del capo CIRCOLARE PERMANENTE Premessa La pediculosi è un infestazione del cuoio capelluto, causata da piccoli parassiti (lunghi 1-4 mm) che depongono uova chiamate lendini.

Dettagli

Direzione Regionale Sanità Pubblica. Automazione del SIS a supporto delle attività dell assistenza sanitaria collettiva

Direzione Regionale Sanità Pubblica. Automazione del SIS a supporto delle attività dell assistenza sanitaria collettiva Automazione del SIS a supporto delle attività dell assistenza sanitaria collettiva Principali risorse infrastrutturali a supporto dell ICT in Piemonte: 1. RUPAR 2. Server Farm 3. C.S.I. Piemonte Architettura

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI TERAMO Incarico di studio

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA Linee guida per la gestione della contabilità analitica e per la costruzione del modello LA

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari relativa alla diagnosi di malattia infettiva contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di profilassi. In

Dettagli

Il Controllo Ufficiale della riproduzione animale. Donatella De Monte ASL 11. Programmazione dell attività di controllo ufficiale da parte delle AC

Il Controllo Ufficiale della riproduzione animale. Donatella De Monte ASL 11. Programmazione dell attività di controllo ufficiale da parte delle AC Donatella De Monte ASL 11 Programmazione dell attività di controllo ufficiale da parte delle AC Empoli, Mercoledì 11 Novembre 2015 LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) Livello Prevenzione Collettiva

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Ministero della Salute

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Ministero della Salute PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) E Ministero della Salute Per la tutela del diritto alla salute, allo studio e all inclusione

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERR

DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERR IL RUOLO DELL IGIENISTA NELL ASSISTENZA PRIMARIA: IL SISTEMA TERRITORIO Dr. Bruno Corda La specializzazione dei sistemi porta alla segmentazione cui segue necessariamente l esigenza di integrazione e coordinamento.

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati

VIVERE MEGLIO A MILANO. La carta dei diritti dei cittadini malati Le giornate della salute per VIVERE MEGLIO A MILANO La carta dei diritti dei cittadini malati Milano, Sala Alessi - Palazzo Marino 19 maggio 2012, 9.00-12.30 Walter Locatelli Direttore Generale ASL Milano

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

F ORMATO EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/04/77 LUIGI RUBENS CURIA

F ORMATO EUROPEO. INFORMAZIONI PERSONALI Nome. ESPERIENZA LAVORATIVA dal 01/04/77 LUIGI RUBENS CURIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUIGI RUBENS CURIA Indirizzo Via Roma n 5 Telefono 0965/332891 Telefono Ufficio 0961856535 E-mail rubenscuria@yahoo.it; r.curia@regcal.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA La Formazione a supporto del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA Il counseling breve per

Dettagli

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale

Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Roma 2010 Accesso ai servizi sanitari per chi si trova in condizione di fragilità sociale e culturale Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Nostre

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI VIOLA DOMENICO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Nome

INFORMAZIONI PERSONALI VIOLA DOMENICO TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE. Nome C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VIOLA DOMENICO Data di nascita 11/10/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Veterinario Servizio Veterinario : Area Igiene degli

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA Al Dipartimento di Sanità Pubblica competono funzioni di promozione della salute, di prevenzione delle malattie e di miglioramento della qualità della vita, nonché funzioni

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L.

Ruolo. vigilanza nel sistema della prevenzione. Direttore S.Pre.S.A.L. Ruolo dell organo di vigilanza nel sistema della prevenzione Santo Alfonzo Direttore S.Pre.S.A.L. ASL CN1 GLI ATTORI DELLA PREVENZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO S OGGETTI O BBLIGATI DATORI DI LAVORO, DIRIGENTI,

Dettagli

Carta dei Servizi SEZIONE 2 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA

Carta dei Servizi SEZIONE 2 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA 54 DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Direttore Dr. Ermanno Bongiorni Il Piano Sanitario Nazionale individua nell assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro uno dei tre macro livelli

Dettagli

n. 10 del 16 Febbraio 2015 DECRETO n. 156 del 31.12.2014

n. 10 del 16 Febbraio 2015 DECRETO n. 156 del 31.12.2014 Regione Campania Il Commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario (Deliberazione Consiglio dei Ministri 23/4/2010) DECRETO n. 156 del 31.12.2014 Oggetto: Recepimento

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011

BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 AZIENDA USL DI RAVENNA BILANCIO DI MISSIONE 2012 RENDICONTO 2011 Gruppo di lavoro Coordinamento Milva Fanti Redazione dei capitoli Presentazione e conclusioni: Capitolo 1: Giuliano Silvi Capitolo 2: Gianni

Dettagli

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA).

Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Oggetto: relazione attività anno 2014 -consuntivo malattie trasmesse con gli alimenti (MDA). Le malattie veicolate da alimenti continuano ad essere anche nei paesi industrializzati un rilevante problema

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli