CITTA DI LAURIA Provincia di Potenza. III SETTORE Assetto ed uso del Territorio - Servizio Igiene Ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI LAURIA Provincia di Potenza. III SETTORE Assetto ed uso del Territorio - Servizio Igiene Ambientale"

Transcript

1 ALLEGATO A Alla delibera di Giunta Comunale n 20 del CITTA DI LAURIA Provincia di Potenza III SETTORE Assetto ed uso del Territorio - Servizio Igiene Ambientale DISCIPLINARE/CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO RACCOLTA DIFFERENZIATA R.S.U. E SERVIZIO DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE PARTE I^ - Servizio Raccolta Differenziata Rifiuti Solidi Urbani (artt. 1 31) PARTE II^ - Servizio Disinfezione, Disinfestazione e derattizzazione (artt )

2 PARTE I^ Servizio Raccolta Differenziata Rifiuti Solidi Urbani ART. 1 ASSUNZIONE DEI SERVIZI Il servizio raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, specificato nel presente capitolato speciale d oneri per l espletamento del servizio, è assunto con diritto di privativa dal Comune, ai sensi dell art. 21 del D.Lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 modificato ed integrato dal decreto legislativo 8 novembre 1998, n. 389, che vi provvede mediante affidamento in convenzione, secondo i criteri di cui all art. 10 comma 3 del D.Lgs. 468/97 e del D.Lgs. 81/2000, che ha riordinato complessivamente la disciplina del LL.SS.UU., per la creazione di sbocchi occupazionali per questi ultimi. Oggetto del servizio è la raccolta differenziata del vetro, plastica, pile esauste, farmaci scaduti, carta e cartone, rifiuti ingombranti, beni durevoli, nonché il relativo trasporto ed il conferimento, la selezione dei materiali ed il successivo riciclo degli stessi, il tutto con servizio, oneri e costi a carico dell Appaltatore. Tale servizio interesserà le seguenti categorie di utenza: - residenziali, direzionali, commerciali, artigianali. Il servizio di raccolta interesserà le seguenti zone urbane: il centro abitato Rione Sup.; il centro abitato Rione Inf.; le contrade servite ; Obiettivo dell Amministrazione è quello di raggiungere nell arco del triennio il 35% dei rifiuti urbani secondo quanto stabilito dal Decreto Ronchi con riferimento ai dati della composizione merceologica e dei flussi di provenienza dei R.S.U. rilevati dal Ministero dell Ambiente e pubblicati dalla Regione Basilicata. Obiettivo per il primo anno (2002) è il raggiungimento di una percentuale pari al 25% sulla base dei dati relativi al 2001 i rifiuti urbani in discarica sono pari a circa 4000 t. Pertanto sulla base dei dati disponibili dalla composizione merceologica per il primo anno il servizio dovrebbe garantire i seguenti risultati: - materiale cellulosico 12% circa 480 t.; - vetro 5% circa 200 t. - Plastica 3% circa 120 t. - Rifiuti Ingombranti + altro 5% circa 200 t. L Amministrazione verificherà in corso d opera l andamento del Servizio e conseguentemente alla fine di ogni annualità sarà eseguita una valutazione rispetto agli obiettivi prefissati evidenziando le anomalie e le difficoltà riscontrate ed apportando eventuali correttivi e modifiche al sistema di gestione rappresentato. A Tal fine sarà compito dell Ufficio comunale competente fornire all appaltatore l elenco delle utenze, nonché dei cittadini residenti ove dover svolgere il servizio. Limitatamente al vetro, plastica e cartone il sistema di raccolta sarà del tipo domiciliare con le modalità specificate nel presente capitolato.

3 TABELLA DI SINTESI DEL SERVIZIO PRESTAZIONI RICHIESTE NEL SERVIZIO RESIDENZIALE Raccolta presso tutte le abitazioni dei sacchetti contenenti il materiale differenziato ABITANTI SERVITI Rione Inf. da P.zza S. Giacomo a Supermercato SMA; da Via Fontana Inf. a Via Caduti; Rione Sup. da Via Roma a Via R. Scotellaro (Ristorante Panaino) Da via XXV Aprile (Palazzine)- Circonvallazione campo sportivo (Billy Bar) MATERIALI RACCOLTI Plastica Vetro Carta Cartone FREQUENZA SERVIZIO 2 volte la settimana PRESTAZIONI RICHIESTE NEL SERVIZIO BAR/TRATTORIE RISTORANTI MATERIALI RACCOLTI FREQUENZA SERVIZIO COMMERCIALI- BAR NEGOZI DI GENERI ALIMENTARI RISTORANTI TRATTORIE Centro urbano e contrade Raccolta di vetro, plastica, carta e cartone A giorni alterni COMMERCIALI/ARTIG. PRESTAZIONI RICHIESTE NEL SERVIZIO MACELLERIE- OREFICERIE ARTICOLI DA REGALO FIORI E PIANTE ARTICOLI OTTICI RREDAMENTI ELETTRODOMESTICI TELEFONI COMPUTER VESTIARIO CAZATURE. FARMACIE NEGOZI PER FUMATORI CARTOLIBRERIE RICAMBI AUTO - VARIE COME DA ELENCO ALTRE ATTIVITA CMMERCIALI NON COMPRESE NELLA TAB PRECEDENTE -Prodotti per la zootecnia -Varie, -Materiale da costruzione; EDIFICI SCOLASTICI UFFICI COMUNALI UFFICI POSTALI COMUNITA MONTANA Si MATERIALI RACCOLTI Raccolta, carta e cartone. FREQUENZA SERVIZIO A giorni alterni

4 PRESTAZIONI RICHIESTE NEL SERVIZIO Raccolta dei Contenitori da cm N. CONTENITORI n. 40 Vetro n. 40 Plastica n. 30 Carta MATERIALI RACCOLTI Raccolta carta, plastica e vetro. FREQUENZA SERVIZIO Mensilmente PRESTAZIONI RICHIESTE NEL SERVIZIO Raccolta dei contenitori da lt N. CONTENITORI n. 10 Pile n. 10 Farmaci MATERIALI RACCOLTI Raccolta di pile e farmaci FREQUENZA SERVIZIO Mensilmente ART. 2 MODALITA DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO Orario giorni Il servizio oggetto del presente appalto, dovrà essere assicurato con personale di provata esperienza e competenza in materia, e con adeguato automezzo idoneo al servizio da svolgere. Il personale dovrà indossare una tenuta decorosa, pulita e spesso ricambiata, oltre ad avere ben esposto regolare tesserino di riconoscimento. Ove un dipendente dell impresa assuma un comportamento ritenuto sconveniente dall Amministrazione o irriguardoso verso gli utenti, l appaltatore dovrà provvedere, se richiesto, alla sostituzione dello stesso. VETRO PLASTICA La raccolta di vetro e Plastica dovrà essere effettuata a giorni alterni(un giorno la raccolta della plastica l altro del vetro) La Ditta dovrà consegnare alle attività commerciali e artigianali due sacchetti di colore diverso. Le utenze interessate dovranno depositare davanti le proprie entrate negli orari e nei giorni prestabiliti i sacchetti contenenti il rifiuto. CARTA La raccolta della carta dovrà essere effettuata presso uffici pubblici e privati, Scuole ecc., a giorni alterni. Le utenze interessate dovranno depositare davanti le proprie entrate negli orari e nei giorni prestabiliti i sacchetti contenenti il rifiuto.

5 CARTONE La raccolta del cartone dovrà essere effettuata presso le attività artigianali con frequenza giornaliera. CARTA CARTONE La raccolta di carta e cartone dovrà essere effettuata presso le abitazioni dei cittadini residenti nei rioni Inferiore e Superiore, due volte la settimana. La ditta dovrà distribuire a tutte le famiglie due sacchi x settimana di colore azzurro recante la scritta RACCOLTA DIFFERENZIATA CARTA Comune di Lauria -. RIFIUTI INGOMBRANTI La raccolta dei rifiuti ingombranti dovrà essere effettuata a domicilio, dovrà essere istituito un numero verde, al quale tutti i cittadini potranno chiamare e prenotare il ritiro del rifiuti direttamente a casa. La Ditta dovrà effettuare il ritiro del rifiuto entro 5 giorni dalla data di prenotazione. Tutti i rifiuti raccolti dovranno essere depositati in un area, segnalata dall Amministrazione comunale, dove saranno sistemati i cassoni che conterranno VETRO CARTA PLASTICA INGOMBRANTI. L Amministrazione comunale provvederà all individuazione dell area e all adeguamento della stessa, oltre che alla fornitura di energia elettrica. ALTRI CONTENITORI DISLOCATI SUL TERRITORIO COMUNALE. Per quanto riguarda la raccolta dei contenitori dislocati sul territorio comunale, la stessa dovrà essere svolta a cadenza mensile. ART. 3 MODALITA DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO L affidamento del servizio di cui al presente capitolato d oneri avverrà ai sensi del D.Lgs. 468/97 art. 10 comma 3 e art. 12 comma 6, nonché del D.Lgs. 81/2000 e successive modifiche e/o integrazioni per assicurare sbocchi occupazionali ai LLSS..UU. ART. 4 DURATA DELLA CONVENZIONE La convenzione, oggetto del presente capitolato d oneri, avrà la durata di anni tre, decorrenti dal 1 Gennaio L Amministrazione si riserva, tre mesi prima della scadenza e previo accertamento della sussistenza di ragioni di convenienza e di pubblico interesse, di comunicare alla ditta affidataria la volontà di procedere alla rinnovazione del contratto secondo quanto previsto dall art. 44 della Legge 24 dicembre 1995, n. 724.

6 ART. 5 CAUZIONE L Ente si riserva di trattenersi direttamente dal canone stabilito eventuali penalità attribuite all appaltatore come previsto dall art. 20 del presente capitolato. ART. 6 CARATTERE PUBBLICO DEI SERVIZI Tutti i servizi oggetto del presente capitolato d oneri sono, ad ogni effetto, sevizi pubblici e per nessuna ragione potranno essere sospesi od abbandonati. In caso di sospensione o di abbandono, anche parziale, dei servizi di che trattasi, eccettuati i casi di forza maggiore e salvo il diritto di sciopero dei lavoratori dipendenti, per cause non addebitabili alla ditta, l Amministrazione Comunale potrà sostituirsi d Ufficio in danno ed a spese della ditta e/o applicare le ammende previste dall art. 20 del presente capitolato. ART. 7 CORRISPETTIVO DELLA CONCESSIONE Il corrispettivo del servizio è fissato in (euro ,93) oltre I.V.A all anno. Detto canone si intende remunerativo di tutti gli oneri e gli obblighi assunti contrattualmente per l esecuzione dei servizi indicati in Capitolato, giacchè in ciascun anno sono compresi tutti i servizi oggetto della presente convenzione. Tale corrispettivo comprende tutte le spese dirette ed indirette per il personale dipendente compresi i contributi e gli accantonamenti. Le contribuzioni dovranno essere riferite al Contratto Collettivo Nazionale dei Lavoratori della categoria. Il canone comprende, inoltre, gli oneri d ammortamento ed interessi sul capitale per i materiali e le attrezzature, le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria di tutti i beni mobili. Restano a carico dell appaltatore i costi relativi allo smaltimento dei rifiuti in discarica autorizzata. L importo del corrispettivo come sopra fissato non subirà nessuna variazione per l intero periodo dell appalto, salvo variazione legate all indice ISTAT riferito alla data di inizio della prestazione da calcolarsi annualmente a partire dall anno successivo a quello di inizio dell appalto. ART. 8 PAGAMENTO DEL CANONE Il pagamento del canone sarà effettuato in rate mensili posticipate entro la prima decade del mese successivo alla scadenza e sarà subordinato alla presentazione di regolari fatture che dovranno essere vistate dal Dirigente del Settore. L eventuale ritardato pagamento, da parte dell Amministrazione Comunale, delle rate del canone, non farà sorgere in capo alla ditta il diritto di abbandono o di riduzione parziale dei servizi, sotto pena della risoluzione del contratto con tutti i danni patiti o patenti da parte del Comune.

7 ART. 9 MODALITA DI CONTROLLO DEL SERVIZIO Dell avvenuto servizio, dovrà essere inviato entro gg. 10 apposito rendiconto con il quale si evidenziano: - i giorni della raccolta; - il totale delle raccolte riferite alle abitazioni ed attività commerciali effettuate; - il quantitativo, distinto per ogni categoria di rifiuti differenziati, raccolti. A tal fine l Amministrazione si riserva di far effettuare controlli anche a mezzo della Polizia Municipale e/o personale del Servizio igiene Ambientale. In tal caso l appaltatore dovrà fornire la più ampia collaborazione atta alle verifiche che si rendessero necessarie. ART. 10 COMPITO DELL APPALTATORE L appaltatore dovrà attenersi a tutte le norme di leggi e regolamenti vigenti, nonché alle ordinanze sindacali e dirigenziali relative al servizio di igiene ambientale. In caso di circostanze eccezionali il Sindaco o il dirigente del Settore potrà emanare norme speciali sul funzionamento del servizio che l appaltatore si obbliga ad osservare. L appaltatore dovrà comunicare almeno 5 gg. Prima eventuali variazioni dell osservanza di quanto stabilito nel programma di raccolta. L appaltatore, al fine di permettere all utenza la raccolta di vetro, plastica, alluminio e carta, provvederà anche alla fornitura, all ente pubblico, di confezione di sacchetti da cm. (50x70) spessore mm4 contenenti n. 50 buste per le utenze residenziali e da cm. (70x120) spessore mm. 4 contenenti 400 buste per le utenze commerciali. Le stesse dovranno portare la dicitura Comune di Lauria Servizio Raccolta Differenziata. L appaltatore provvederà alla distribuzione dei sacchetti di cui sopra prima dell inizio del servizio. Inoltre, al fine di potenziare il servizio, la ditta dovrà provvedere, anche alla fornitura in comodato d uso a titolo gratuito e per la durata dell appalto, di n. 40 campane di vetro, n. 40 campane per la plastica e n. 30 campane per la carta, tutte da mc. 2.20, che saranno posizionate, dalla ditta, in luoghi indicati dall ufficio tecnico. Il servizio inoltre, dovrà essere assicurato con la fornitura e posa in opera, da parte dell appaltatore di n. 20 nuovi contenitori per la raccolta di pile e farmaci scaduti da posizionare nei luoghi segnalati dall Amministrazione.

8 ART. 11 CONDUZIONE DEL SERVIZIO L appaltatore deve usare, nella conduzione dei servizi, la diligenza del buon padre di famiglia. L Appaltatore ha l obbligo di segnalare immediatamente al Comune tutte le circostanze e fatti che, nell espletamento del suo compito, possono pregiudicare il regolare svolgimento del servizio. ART. 12 AUTORIZZAZIONI L appaltatore dovrà presentare tutte le autorizzazioni di legge, previste alla data di affidamento del servizio, atte a svolgere il servizio di che trattasi. ART. 13 OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE I contenitori sono installati su spazio pubblico adibito dall Amministrazione comunale a scopo di pubblica utilità. Trattandosi di servizio di interesse pubblico svolto per conto del Comune, all Appaltatore non sarà Imputata alcuna tassa per l occupazione della spazio pubblico occorrente per l installazione dei contenitori medesimi ART. 14 TRANSITO AUTOMEZZI Si prevede un implicita autorizzazione alla libera circolazione degli automezzi preposti alla raccolta qualora i contenitori fossero posizionati in aree vietate agli stessi. ART. 15 NORME IGIENICHE Il servizio dovrà svolgersi in modo da non provocare problemi di ordine igienicosanitario, in particolare l appaltatore dovrà: - rispettare gli orari di raccolta. - Mantenere pulite le zone oggetto di intervento, significando che nell eventualità che durante il servizio dovesse verificarsi, a causa dell operatore, una dispersione di materiale raccolto, lo stesso dovrà essere immediatamente raccolto e trasposto sull automezzo.

9 ART. 16 PROPAGANDA Sia l appaltatore che l Amministrazione Comunale si impegnano a svolgere opera di sensibilizzazione della cittadinanza verso l iniziativa della raccolta del vetro, delle lattine in alluminio, della carta e cartone, della plastica e dei farmaci scaduti e pile esauste, mediante le forme di pubblicità e promozione ritenute di volta in volta più idonee e che saranno preventivamente concordate. La campagna promozionale dovrà sottolineare la necessità di effettuare una precisa e puntuale raccolta differenziata. Nell ambito del programma di informazione l Appaltatore fornirà dati mensili e le statistiche annuali relativi alla raccolta, divisi per tipologia di materiale e dovrà proporre all Amministrazione Comunale iniziative tese a promuovere e a diffondere la raccolta differenziata del vetro, delle lattine in alluminio, della plastica, della carta e del cartone, delle pile esauste e farmaci scaduti. ART. 17 ULTERIORI COMPITI DELL APPALTATORE Nell ambito del servizio fornito, l appaltatore fornirà gratuitamente gli adesivi indicanti il conferimento congiunto di vetro, lattine e barattoli in banda stagnata, oltre ad effettuare le operazioni di lavaggio esterno e di sanificazione dei contenitori secondo, quanto disposto all art. 25 del presente capitolato. Dovendosi procedere alla stampa di opuscoli, da consegnare all utenza al fine di stabilire i giorni di raccolta e le zone da servire, l appaltatore entro 7 gg. Deve trasmettere all ufficio Igiene Ambientale il programma di lavoro. ART. 18 PERSONALE, OBBLIGHI ASSICURATIVI, INFORTUNI E DANNI L Appaltatore deve assicurare il servizio con proprio personale specializzato nelle operazioni di svuotamento, manutenzione, pulizia e sanificazione delle campane, nonché di caricamento e trasporto del cartone che sarà raccolto con cadenza giornaliera, all uopo utilizzando mezzi d opera adeguati all effettuazione del servizio al fine di garantire efficienza, puntualità e decoro urbano. L Appaltatore si impegna ad osservare ed applicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti delle imprese del settore, in vigore per tutta la durata dell appalto. Tutti gli obblighi e gli oneri assicurativi relativi ad infortuni, assistenza e previdenza, sono a carico dell Appaltatore, il quale ne è l unico responsabile. L appaltatore risponde inoltre direttamente dei danni alle persone o alle cose comunque provocati nell esecuzione del servizio.

10 ART. 19 COLLABORAZIONE TECNICA L Amministrazione Comunale provvederà alla vigilanza ed al controllo del servizio gestito dall Appaltatore, a mezzo di dipendenti della Polizia Municipale o dell ufficio preposto al servizio di Igiene Ambientale, dal quale l Appaltatore stesso dipenderà direttamente per tutte le disposizioni che il Comune potrà emanare nei riguardi del servizio oggetto dell appalto. Per gli eventuali contenitori (quelli da mc 2.2 o di capacità superiore) che saranno installati successivamente all inizio del servizio e comunque fino ad un massimo di 15, per la loro raccolta, l appaltatore non avrà nulla a pretendere. ART. 20 PENALITA In caso di infrazione di lieve entità o di inadempienze o ritardi o cattiva esecuzione del servizio, la penale è fissata in 700 euro oltre alle spese per l esecuzione di ufficio delle prestazioni non eseguiti o male effettuate. Per più gravi infrazioni, come il prolungato disservizio, la parziale o totale mancanza di esecuzione del servizio, si procederà alla rescissione del contratto. ART. 21 ALTRI EVENTUALI SERVIZI L Amministrazione Comunale ha la facoltà di stipulare eventualmente anche con altre Aziende servizi di raccolta differenziata avente per oggetto il recupero del vetro, delle lattine e della plastica, della carta e cartone, nonché pile e farmaci, per tutta la durata del presente contratto. L Amministrazione provvederà direttamente alla stipula delle convenzioni con il CONAI. ART. 22 DIVIETO DI CESSIONE E SUBAPPALTO E fatto divieto all impresa di cedere o subappaltare il servizio senza preventivo consenso del Dirigente del Settore competente nel rispetto della normativa anche in regime di legislazione antimafia, pena l immediata risoluzione del contratto e il risarcimento dei danni e delle spese causati all Amministrazione. Nel caso di autorizzazione al subappalto, l Amministrazione potrebbe riservarsi la possibilità di una anticipazione del termine di scadenza del contratto, fermo restando l obbligo della Ditta subentrante di accettare e rispettare tutti gli obblighi derivanti dalla presente convenzione.

11 ART. 23 REVOCA DEL SERVIZIO Il Comune si riserva la possibilità di revocare il servizio, nel caso in cui l Appaltatore non si attenga alle disposizioni contrattuali o in caso di tre ripetuti richiami per grave inadempienza. Nel caso in cui a causa di diverse indicazioni tecniche e politiche da parte della Regione Basilicata e/o del Comune di Lauria e/o altro Ente, si rendessero necessarie scelte diverse ed in antagonismo con il presente servizio, l Amministrazione Comunale potrà sciogliere il contratto in qualsiasi momento, al fine di allinearsi con le scelte determinate dagli Enti sopra citati, senza che la Ditta appaltatrice del servizio possa rivalersi sull Amministrazione Comunale, per la mancata continuazione del servizio nei termini fissati contrattualmente. ART. 24 ALTRE DISPOSIZIONI Sulla base dell eventuale piano regionale di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, l appaltatore è tenuto ad effettuare lo smaltimento nell impianto indicato dalla Amministrazione senza nulla a pretendere per maggiori oneri. ART. 25 NOLEGGIO, MANUTENZONE, PULIZIA E SANIFICAZIONE DEI CONTENITORI A CAMPANA L Appaltatore si impegna a fornire, a noleggiare(nel caso in cui non disponga dei contenitori) e posizionare i contenitori (campane) da 2.2 mc e da lt. 140 da adibire al servizio di raccolta, senza pretendere alcun compenso per il noleggio. I contenitori, di proprietà dell Appaltatore, saranno a fine rapporto ritirati dallo stesso a proprie spese e pertanto dovranno essere contrassegnati e riconoscibili. La manutenzione, la pulizia e la sanificazione dei contenitori, da effettuarsi 3 (tre) volte all anno (nei mesi di marzo agosto dicembre), sono a carico dell appaltatore, come pure la pulizia dell area circostante agli stessi. I contenitori e le campane posizionate sul territorio dovranno, in caso di necessità, essere sostituiti entro 48 ore a partire dalla chiamata o avviso fax inviato all appaltatore dal Dirigente del Settore. ART. 26 DOMICILIO DEL PRESTATORE DEL SERVIZIO Per tutti gli effetti del presente disciplinare/capitolato, come per tutti gli atti esecutivi ed in genere per qualsiasi atto giudiziale od extragiudiziale, per ogni conseguente notifica, la

12 ditta affidataria deve, in sede di stipulazione del contratto, eleggere il proprio domicilio in Lauria (PZ). ART. 27 SPESE DI COMPETENZA DELLA DITTA AFFIDATARIA DEL SERVIZIO Tutte le spese inerenti e conseguenti alla stipula del contratto, nessuna esclusa od eccettuate, nonché le imposte e tasse, sono a carico della ditta assuntrice del servizio. ART. 28 VIGILANZA Indipendentemente da specifici incarichi di cui si è fatto cenno nei precedenti articoli, l Amministrazione Comunale si riserva la più ampia facoltà di vigilanza e il controllo sulla esecuzione dei servizi di igiene urbana, sull esatto adempimento degli obblighi da parte dell affidatario e sul comportamento del personale addetto al servizio. Ai competenti organi del Comune, cui spetta la vigilanza ed il controllo circa l esatto adempimento delle obbligazioni e degli oneri incombenti al prestatore del servizio è riconosciuto il diritto di accesso nei locali destinati al servizio. ART. 29 CONTROVERSIE Tutte le eventuali controversie e contestazioni che dovessero insorgere tra l Amministrazione Comunale e il prestatore del servizio, sia in corso che al termine della convenzione, qualunque sia la natura di esse, potranno essere definite da un collegio arbitrale composto da tre arbitri, uno designato dall Amministrazione Comunale, uno dall appaltatore ed il terzo, d accordo, dai due arbitri di parte o, in caso di disaccordo, dal Presidente del Tribunale. Quest ultimo presiederà il Collegio. La parte, che richiede l arbitrato, dovrà designare il proprio arbitro con l atto di richiesta o comunque, non oltre il decimo giorno dalla data della notifica dell atto stesso. Nel successivo termine di trenta giorni dalla nomina del primo arbitro, dovrà aver luogo la designazione dell arbitrato della controparte. Trascorso infruttuosamente tale termine, a richiesta dalla parte interessata, il presidente del Tribunale provvederà alla nomina dell arbitro della parte negligente. Il Collegio arbitrale giudicherà secondo equità, con lodo non impugnabile, nel termine di quaranta giorni dalla data della sua costituzione, che dovrà avvenire entro e non oltre il trentesimo giorno dalla nomina del terzo arbitro. Le spese di giudizio arbitrale saranno anticipate dalla parte che avrà presentato domanda di arbitrato. Gli arbitri decideranno a carico di quale delle parti ed in quale misura dovranno ricadere le spese di giudizio. Per l esecuzione della sentenza arbitrale si osserveranno le norme del Codice di Procedura Civile. Agli effetti di quanto inerente e conseguente alla procedura prevista dal presente articolo, tanto l atto di accesso arbitrale, quanto ogni altro atto ad esso consequenziale, saranno notificati alle sedi legali delle parti.

13 ART. 30 DISPOSIZIONI FINALI L impresa affidataria si considera, all atto dell esecuzione dei servizi, a perfetta conoscenza del territorio su ci dovranno espletarsi i servizi oggetto del presente capitolato. Il Comune notificherà all impresa tutte le deliberazioni, ordinanze ed altri provvedimenti che comportino variazioni di tale situazione iniziale. Per quanto non previsto nel presente capitolato, si intendono richiamate e applicabili le disposizioni di legge che regolano la materia, nonché le norme del capitolato generale d appalto per le opere di competenza del Ministero dei LL.PP e le successive modificazioni, in quanto compatibili e non siano in contrasto con le norme previste nel presente capitolato. ART. 31 FORO COMPETENTE Foro competente a chiudere qualsiasi controversia che potrà derivare dalla interpretazione ed esecuzione del presente capitolato, ad eccezione dei casi di competenza del collegio arbitrale, sarà quello di Lagonegro.

14 PARTE II^ Servizio Disinfezione, Disinfestazione e derattizzazione ART. 32 La concessione che forma oggetto del presente capitolato comprende i seguenti servizi di sanificazione ambientale: - disinfezione dell Asilo Nido comunale, delle scuole materne e dell obbligo, degli Istituti Superiori situati nel centro urbano e nelle zone rurali del Comune di Lauria, dei mercati pubblici, di tutte le palestre pubbliche, della tendostruttura comunale, delle fermate degli autobus urbani ed extraurbani dotati di pensilina, del macello comunale; - Disinfestazione del centro urbano, delle sue frazioni e dei nuclei abitati rurali ; - Derattizzazione ; ART Le operazioni di disinfezione - disinfestazione derattizzazione devono essere eseguite secondo l articolazione di seguito descritta: DISINFESTAZIONE Il servizio di disinfestazione dovrà essere effettuato nel periodo febbraio ottobre come segue: - n 5 interventi ovicida e larvicida nei mesi di febbraio, marzo e aprile con frequenza quindicinale in luoghi mirati, ottimali alla riproduzione degli insetti; - n 7 interventi adulticida nel centro urbano e nei nuclei abitati nel periodo aprile settembre. DISINFEZIONE Il servizio di disinfezione dovrà essere effettuato presso tutte le scuole dell obbligo, negli asili infantili e in tutti i luoghi che l Amministrazione Comunale riterrà opportuno. Gli interventi dovranno essere almeno 2, da concordare con le autorità scolastiche. Inoltre si dovrà provvedere alla disinfezione delle scuole dopo ogni consultazione elettorale. DERATTIZZAZIONE 1. Il servizio di derattizzazione dovrà essere effettuato in tutti i luoghi dei centri abitati dove sarà avvistata la presenza di ratti, dovranno essere effettuati n 6 interventi nel periodo aprile - settembre, e comunque dovranno essere effettuati tutti gli interventi richiesti dalle autorità sanitarie competenti. 2. Nell esplicazione del servizio di derattizzazione debbono essere impiegati, solo ed esclusivamente, prodotti i cui formulati siano stati regolarmente registrati ed autorizzati dal Ministero della Sanità.

15 3. Gli stessi prodotti debbono essere utilizzati secondo le modalità le istruzioni indicate nei rispettivi decreti di autorizzazione. Viene imposto l uso di rodenticidi orali ad effetto protratto o di accumulo a base di dicumarolici. In particolari condizioni possono essere impiegati anche prodotti a base di norbormide o di altro principio attivo. ART nell esplicazione del servizio di disinfezione debbono essere impiegati solo ed esclusivamente, prodotti i cui formulati siano regolarmente registrati ed autorizzati dal Ministero della Sanità il cui elenco sarà preventivamente comunicato all Ufficio comunale Igiene del territorio. 2. Gli stessi prodotti debbono essere utilizzati, unicamente, secondo le modalità e concentrazioni indicate nei rispettivi decreti di autorizzazione. 3. La ditta si obbliga, al rigoroso rispetto delle norme contenute nella Legge n. 55 e successive modifiche ed integrazioni, con particolare riferimento a quanto disposto dall art. 18 della legge stessa, nonché delle norme di cui all art. 9 del D.P.C.M 10/01/91 n 55 ART Le operazioni di disinfestazione nel centro urbano e nei nuclei abitati rurali saranno effettuate dalle ore 24,00 alle ore 5,00. ART Nell esplicazione del servizio di disinfestazione debbono essere impiegati, solo ed esclusivamente, prodotti i cui formulati siano stati regolarmente registrati ed autorizzati dal Ministero della Sanità. 3. Gli stessi prodotti debbono essere utilizzati, unicamente, secondo le modalità e le concentrazioni indicati nei rispettivi decreti di autorizzazione. 4. Al fine di tutelare sia l ambiente che la salute pubblica si impone l uso, principalmente, di prodotti a base di piretrodi e insetticidi biologici a basso rischio di tossicità. I primi debbono essere utilizzati per la lotta adulticida, mentre i secondi per la lotta larvicida, in special modo quando vengono trattati corsi d acqua e/o similari. 5. Solo in particolari condizioni, possono essere utilizzati anche prodotti a base di composti organico clorurati e/o organofosforati. A parità di principio attivo debbono essere sempre utilizzati prodotti che garantiscono sia l efficacia che la tutla dell ambiente e della salute pubblica ovvero quelli che presentano il più basso rischio di tossicità. Art. 37

16 1. L Appaltatore assume l obbligo di assicurare, tramite propri operai e mezzi, la regolare esecuzione del servizio di cui al precedente art. 10 al fine di distruggere e/o inibire la crescita della specie murina. Art Il servizio dovrà essere espletato da personale specializzato e provvisto di idoneo titolo e con lunga esperienza, mediante l uso di autocarri moderni ed efficienti perfettamente attrezzati e comunque in numero non inferiore a tre. Qualora i predetti mezzi non siano di proprietà della Ditta dovrà essere data prova della effettiva disponibilità degli stessi per tutta la durata del servizio di che trattasi. 2. La Ditta Appaltatrice dovrà avvalersi di un Direttore Tecnico le cui cognizioni tecnico scientifiche siano tali da garantire la perfetta esecuzione di ogni intervento con immediata individuazione della metodologia di trattamento in rapporto al luogo oggetto dell intervento, alla specie infestante ed al formulato da impiegare. 3. Il numero degli operatori da adibire al servizio in questione deve essere tale da effettuare ogni intervento in tempi tecnici molto ristretti in modo da rendere l operazione omogenea e contemporanea su tutto il territorio comunale. ART L Appaltatore assume a proprio carico ogni onere e spesa per l acquisto dei prodotti da impiegare, per le apparecchiature e gli automezzi da utilizzare, per il personale operaio e tecnico da adibire al servizio e per quant altro possa occorrere per l attuazione regolare e costante dei trattamenti di disinfezione, disinfestazione, derattizzazione. ART I trattamenti debbono essere effettuati sotto la vigilanza dell Ufficio Municipale igiene del Territorio. A Tal fine deve essere approntato, a cura dell Appaltatore, con congruo anticipo, un programma dettagliato degli interventi da effettuarsi, specificando per ognuno di essi la data, l ora, il luogo di esecuzione ed i prodotti da impiegare. ART L Amministrazione Comunale si riserva il diritto di far eseguire controlli a campione sui prodotti utilizzati con specifico riferimento alle quantità, alle concentrazioni ed alla esatta rispondenza dei formulati. I prelievi dei campioni verranno effettuati in contraddittorio con il rappresentante della Ditta, intendendosi per tale anche l operatore che deve ritenersi espressamente autorizzato a ciò. 2. Qualora le analisi, eseguite da idoneo Istituto scelto discrezionalmente dall Amministrazione Comunale, stabilissero la non rispondenza dei prodotti impiegati ai requisiti richiesti, alla ditta appaltatrice saranno addebitate tutte le spese sostenute dall Amministrazione per le analisi ed inoltre dovrà ripetere l intervento durante il quale è stato prelevato il campione.

17 3. L Amministrazione comunale si riserva altresì la facoltà di effettuare, anche tramite propri operatori, controlli occasionali circa la regolare attuazione degli interventi programmati. 4. Laddove dovessero riscontrarsi delle inadempienze e/o delle carenze tecniche e/o di personale, l Amministrazione appaltante ha diritto di risolvere il contratto e di sospendere ogni forma di pagamento. 5. Fermo restante questa facoltà dell Amministrazione Comunale, si ribadisce che la vigilanza e la verifica della osservanza del programma di esercizio è affidata al personale dell Ufficio di Igiene del territorio del Comune di Lauria che potrà avvalersi della collaborazione del Corpo di Polizia Municipale e della consulenza tecnica del Servizio di igiene e sanità Pubblica della A.S.L. territorialmente competente. ART L Amministrazione Comunale è sollevata da ogni responsabilità civile e penale per danni ed inconvenienti a persone, e/o animali, e/o cose, che dovessero verificarsi in dipendenza di uso improprio dei prodotti adoperati o per altra causa inerente allo svolgimento delle operazioni di disinfezione, disinfestazione, derattizzazione. 2. A tal proposito, saranno addebitate all Appaltatore anche eventuali spese derivanti da incuria nell esecuzione del servizio medesimo e/o mancato rispetto di tutte le norme legislative in materia di sanificazione ambientale, nonché quelle relative al commercio e all impiego dei presidi sanitari. 3. La Ditta è tenuta a stipulare contratto di assicurazione, con opportuni massimali, per il risarcimento di danni che fossero causati dagli operatori nell esecuzione dei servizi, qualora la Ditta stessa non ritenga di provvedere direttamente al pagamento dei danni, con sottoscrizione di atto di impegno. ART Tutte le operazioni di disinfezione, disinfestazione e derattizzazione dovranno effettuarsi senza indurre intralcio al normale svolgimento della vita cittadina, pertanto, l Appaltatore dovrà, a proprie cure e spese e con le modalità che saranno concordate con l Ufficio comunale Igiene del territorio, dare ampia informazione ai cittadini, specificando per ogni intervento, il giorno, l ora ed i prodotti da impiegare nonché circa le eventuali cautele da attuare. ART L Appaltatore si impegna a eseguire, altresì, a proprie cure e spese eventuali interventi straordinari che dovessero rendersi necessari ad insindacabile giudizio del Sindaco. ART A titolo di cauzione la Ditta appaltatrice dovrà versare un deposito definitivo pari al 10% dell ammontare annuo netto dell appalto mediante polizza fidejussoria bancaria o assicurativa, a garanzia dell esatto adempimento degli obblighi derivanti dal contratto, dall eventuale risarcimento danni, nonché delle somme che

18 l Amministrazione dovesse attualmente sostenere durante la gestione appaltata per fatto dell impresa a causa di inadempimento. 2. La Ditta potrà essere obbligata a reintegrare la cauzione di cui il Comune avesse dovuto avvalersi, in tutto o in parte, durante l esecuzione del contratto. ART Resta vietata alla Ditta appaltatrice, sottopena di rescissione de jure del contratto e dell incameramento della cauzione, la cessione e qualsiasi altra forma di subappalto totale o parziale del servizio.

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli