COMUNE DI VILLESSE INTERVENTI STRAORDINARI PER LA DISINFESTAZIONE DA ZANZARE/TERMITI E DERATTIZZAZIONE L.R. 02/1985 COPIA PROVINCIA DI GORIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VILLESSE INTERVENTI STRAORDINARI PER LA DISINFESTAZIONE DA ZANZARE/TERMITI E DERATTIZZAZIONE L.R. 02/1985 COPIA PROVINCIA DI GORIZIA"

Transcript

1 COPIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE - f.to Sergio Comelli - COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA INTERVENTI STRAORDINARI PER LA DISINFESTAZIONE DA ZANZARE/TERMITI E DERATTIZZAZIONE L.R. 02/ Relazione tecnica dell anno Relazione tecnica per l anno Preventivo di spesa Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

2 RELAZIONE TECNICA RELATIVA AL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE SVOLTO NELL ANNO 2010 NEL COMUNE DI VILLESSE Ricordato che l Azienda per i Servizi Sanitari n. 2 Isontina comunicava che in data 02/07/2004 il Dipartimento di Biologia Applicata alla Difesa delle Piante dell Università di Udine ha rilevato a seguito di monitoraggio, la presenza di Aedes albopictus (zanzara tigre) sul territorio comunale. Su tale segnalazione, si è ritenuto opportuno intervenire dal mese di maggio a quello di ottobre, con alcuni interventi necessari a limitarne la diffusione: distribuzione di un volantino informativo su alcune regole di prevenzione sulla diffusione della zanzara tigre, sull impiego di prodotti specifici e sulle avvertenze per l eventuale loro uso; trattamento con periodicità mensile e utilizzando l insetticida PROXILAR Compresse, delle caditoie esistenti sulle pubbliche vie che, collegate alla fognatura con un sifone, mantengono un livello costante di acqua al loro interno; distribuzione, ai cittadini che ne facevano richiesta, delle confezioni da dodici pezzi delle compresse di insetticida, da utilizzarsi per interventi all interno delle proprietà. In relazione a quanto poc anzi citato, al fine di prendere provvedimenti per mitigare la presenza della zanzara tigre, l Amministrazione comunale nei prossimi anni intende continuare il servizio di disinfestazione, in linea con quanto prescritto dalle leggi in materia di sanità e di igiene.

3 RELAZIONE TECNICA RELATIVA AL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE DA ZANZARE E DERATTIZZAZIONE PER L ANNO 2011 NEL COMUNE DI VILLESSE Gli interventi di disinfestazione della zanzara tigre che il Comune di Villesse intende effettuare con propri mezzi ed attrezzature, verranno svolti a partire dal mese di aprile e protratti circa fino al mese di ottobre anche in relazione all andamento meteorologico stagionale. Detti interventi si rendono necessari vista la presenza di Aedes albopictus (zanzara tigre) sul territorio comunale segnalata, nel 2004, dal Dipartimento di Biologia Applicata alla Difesa delle Piante dell Università di Udine. Tali interventi sono volti all eliminazione delle zanzare allo stadio larvale direttamente nei loro ambienti di moltiplicazione (scoline, fossi, pozzetti stradali, pozze di acqua piovana ecc.) nell intero territorio comunale. I prodotti insetticidi saranno scelti in base alla loro efficacia tossicologica, alla biocompatibilità (che vengono costantemente sottoposte a verifica sul campo) ed al prezzo. Gli interventi di cui sopra occuperanno presumibilmente n. 1 operaio dipendente comunale per un numero di ore rapportato alle risorse economiche disponibili che si quantifica in circa un monte ore minimo pari a 140 ore/uomo/stagione. Ci si avvarrà inoltre di un consulente tecnico specializzato, entomologo laureato, per il coordinamento del servizio. Ricordato inoltre che, a seguito della nota Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Salute e Protezione Sociale prot /SPS-AAGG del 15/06/2007 e successiva nota prot del 20/06/2007 dell Azienda per i servizi sanitari n. 2 ISONTINA, le competenze in materia di derattizzazione venivano trasferire a partire dal 01/01/2008 alle Amministrazioni Comunali e valutato che questa Amministrazione Comunale intende appaltare il servizio di derattizzazione non avendo a disposizione personale formato per tali interventi. La spesa necessaria per la realizzazione di quanto sopra risulta essere, come visibile nell allegato preventivo di spesa, di Euro 6.500,00 per il sostegno della quale l Amministrazione Comunale intende chiedere, in base alla Legge Regionale 2/1985 e successive modificazioni ed integrazioni, l erogazione di un contributo a copertura.

4 PREVENTIVO DI SPESA 1. ACQUISTO PRODOTTI PER LA DEZZANZARIZZAZIONE Euro 2.000,00; 2. RETRIBUZIONI PERSONALE PER DEZZANZARIZZAZIONE Euro 1.500,00; 3. SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE a) prodotti derattizzanti Euro 1.500,00 b) addetti servizio derattizzazione Euro 1.500,00 TOTALE Euro 6.500,00 Relazione/F

5 COPIA COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Sergio Comelli Restauro delle facciate nel Comune di Villesse L.R. 34/ Relazione illustrativa; - Quadro Economico. Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

6 INQUADRAMENTO GENERALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA L abitato di Villesse è caratterizzato da un asse portante che costituisce la via principale di Villesse e nel suo percorso cambia denominazione in via Monte Santo, Diaz, Roma, De Iacomini e Fossattis e allargandosi forma le due piccole piazze Dante e San Rocco. Tale asse è caratterizzato da un andamento piuttosto irregolare e la larghezza della sede stradale è tutt altro che costante; le vie e le piazze ricompresse in tale asse così come i marciapiedi, ricalcano l andamento dei muri degli edifici prospicienti. IL PROGETTO DI SISTEMAZIONE VIARIA DEL COMUNE DI VILLESSE Il progetto, suddiviso in più lotti esecutivi per problemi di carattere economico, prevede principalmente la sistemazione viaria e pedonale di Piazza Dante, Via Roma e Piazza San Rocco nel Comune di Villesse. I lavori riguardanti il 1, 2 e 3 lotto sono già stati ultimati, mentre è in esecuzione un lotto finale che interesserà tutta la viabilità principale del paese, dalla via Diaz alla via Monte Santo, che andrà ad integrarsi con quanto già realizzato nei lotti sopra citati. Con l esecuzione di tali opere l Amministrazione intende giungere, per fasi funzionali, ad una generale sistemazione viaria a una completa riqualificazione del centro del paese. IL RESTAURO DELLE FACCIATE Intervento di contorno, ma non certo di minore interesse, risulta essere quello legato al restauro delle facciate degli edifici che si attestano sulla viabilità principale e che in gran parte costituiscono il nucleo originario del paese. Anche in questo caso, considerato il numero dei fabbricati interessati e ricadenti nelle zone di recupero, sarà necessario suddividere gli interventi per lotti funzionali. In particolare, considerando che i lavori dei primi tre lotti per la sistemazione viaria sono già stati portati a termine, a completamento di tale intervento, si è ipotizzato anche il restauro delle facciate degli edifici compresi in tale tratto di strada. Si evidenzia che tutti i fabbricati compresi nelle aree individuate dal presente intervento, ricadono all interno delle Zone di Recupero ai sensi dell art. 4 della L.R n. 18. I finanziamenti finora ottenuti (rispettivamente nel 2003 e nel 2006), sono stati impegnati soddisfacendo solo parte delle domande pervenute dai cittadini anche se riguardanti edifici caratteristici e di pregio. Intendendo procedere anche con il recupero degli immobili di proprietà comunale, in continuità con quanto già finanziato e poter dare nel volgere di pochi anni una veste decorosa al centro e valorizzare i lavori fatti, si quantifica una spesa complessiva di ,00. Per poter giungere alla quantificazione dell importo necessario all intervento si sono adottati i seguenti parametri: - lunghezza del fronte edificato m. 200; - altezza media dei fabbricati attestati m. 7,50; - costo al metro quadrato per la tinteggiatura, compreso di materiale, manodopera e impalcatura /mq. 30,00; - aliquota IVA 10%; QUADRO ECONOMICO Fronte mt. 200 X 2 X altezza media mt. 7,50 X Euro/mq 30,00 = Euro ,00; IVA 10% su lavori Euro 9.000,00; TOTALE Euro ,00;

7 COPIA COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Sergio Comelli GEMELLAGGIO TRA LA COMUNITÀ VILLESSINA E LA CITTADINA DI MICHELDORF IN CARINZIA AUSTRIA ORGANIZZAZIONE INIZIATIVE ANNO 2011 L.R. 6/89 - Relazione illustrativa; - Preventivo di spesa; - Relazione sulle attività svolte; - Scheda riassuntiva; - Certificato di attribuzione del Codice Fiscale. Villesse, 17 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to Roberta Andrian

8 RELAZIONE Già nel corso del 2001 l Amministrazione comunale si è attivata per verificare la possibilità di contribuire attivamente alla promozione della cultura della pace e della cooperazione tra i popoli, attraverso la realizzazione di un gemellaggio con un comune straniero. La scelta si è orientata verso un comune dell Unione Europea ed in particolare del land austriaco della Carinzia, una regione direttamente confinante con il Friuli Venezia Giulia e che da sempre mantiene stretti legami storici e culturali con le nostre comunità. Dalle numerose visite alla cittadina di Micheldorf nella Carinzia settentrionale, un piccolo borgo rurale di circa abitanti dove è ancora molto sentito il ruolo della tradizione e della cultura locale, si è avuta la conferma che tale comunità è molto vicina alla nostra per dimensioni, ma soprattutto per storia, cultura e tradizioni. Come a Villesse, sono presenti sul territorio numerose associazioni che svolgono una fondamentale opera di aggregazione soprattutto fra i giovani ed i bambini. Non manca in Carinzia, inoltre, la valorizzazione della grande tradizione musicale austriaca, attraverso il sostegno a bande o cori tradizionali, analogamente a quanto accade nella nostra comunità con la locale scuola di musica e la banda dei Donatori di Sangue. Nel corso degli anni 2003, 2004 e 2005 si è concretizzato il gemellaggio tra le comunità di Villesse e Micheldorf, formalizzato a Villesse il 17/08/2003 ed a Micheldorf il 05/09/2004. Prima e dopo tali incontri formali, sono stati organizzati numerosi incontri e manifestazioni e nell anno 2011 si intende proseguire nella realizzazione di iniziative finalizzate all incontro tra le due comunità gemellate in modo da proseguire la collaborazione nei diversi settori, spaziando dalla scuola, al volontariato sociale, alla protezione civile, alla riscoperta delle rispettive tradizioni popolari. Così, grazie a tali iniziative ed alla possibilità di collaborare su progetti specifici in campi diversi, si realizza un vero interscambio culturale che, attraverso l incontro di tradizioni diverse, pur nell affinità, ci consente di contribuire alla costruzione di una vera Europa dei popoli. In particolare per il 2011 si prevede l organizzazione di una trasferta in Austria del coro Io Tu Noi della Banda dei Donatori di Sangue di Villesse. Per le iniziative previste per l anno 2011 si può stimare una spesa di Euro 8.500,00; a sostegno di tale onere l Amministrazione ha deciso di inoltrare domanda specifica di sovvenzione in base alle vigenti leggi.

9 PREVENTIVO DI SPESA Organizzazione gita a Micheldorf per la realizzazione di un concerto del coro della Banda di Villesse Euro 5.000,00 Organizzazione incontri vari in occasione di cerimonie e feste tradizionali locali Euro 2.000,00 Spese di trasferimento per viaggi finalizzati all'organizzazione delle iniziative previste Euro 1.500,00 TOTALE Euro 8.500,00

10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLE ATTIVITÀ SVOLTE - 7 febbraio 2003 Gita scuola elementare a Micheldorf - 28 maggio 2003 Visita della scuola di Micheldorf alla scuola elementare di Villesse e gita a Grado - 1 giugno 2003 Pellegrinaggio sul Monte Lussari Incontro a Valbruna giugno 2003 A Micheldorf Partita di calcio fra le due rappresentative amatoriali - 17 agosto 2003 A Villesse Firma dell atto di gemellaggio tra le due comunità - 25 maggio 2004 Visita della scuola di Micheldorf alla scuola elementare di Villesse - 16 agosto 2004 A Villesse Incontro festeggiamenti San Rocco - 5 settembre 2004 A Micheldorf Formalizzazione gemellaggio - 11 maggio 2005 Giornata di sensibilizzazione ecologica con gli alunni della scuola elementare a Micheldorf - 28 ottobre 2007 A Villesse Incontro Festa del Ringraziamento - 11 maggio 2009 Gita a Marano Lagunare degli alunni della scuola primaria di Villesse insieme a quelli di Micheldorf con escursione in motonave - 25 ottobre 2009 A Villesse incontro tra la comunità villessina e quella della cittadina di Micheldorf (Carinzia) in occasione della Festa del Ringraziamento - 1 giugno 2010 Gita scuola elementare a Micheldorf - 31 ottobre 2010 A Villesse incontro tra la comunità villessina e quella della cittadina di Micheldorf (Carinzia) in occasione della Festa del Ringraziamento Relazione/A

11

12

13

14

15

16 COPIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto Visto come come allegato alla alla delibera G.C. G.C. n. n. del 08 /01/2003. del 24/01/2011. IL SEGRETARIO IL COMUNALE - f.to Sergio Comelli - COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA REVISIONE GENERALE DEL VIGENTE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Domanda di contributo ai sensi della L.R. 20/11/1989, n. 28 art. 1 Relazione illustrativa Preventivo di spesa Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

17 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Villesse è dotato di Piano Regolatore Generale, adeguato al P.U.R.G. adottato con delibera consigliare n. 47 in data 20/12/1996 e divenuto esecutivo con D.P.G.R n. 096/Pres del 26/03/1998. Successivamente, a tale piano, sono state apportate alcune varianti alla zonizzazione ed al testo normativo. A distanza di alcuni anni dalla esecutività del nuovo piano regolatore comunale due nuovi ed importanti eventi hanno radicalmente stravolto la situazione programmatica a livello territoriale tale da imporre in modo urgente una revisione generale dello strumento urbanistico generale comunale. I nuovi eventi si possono così riassumere: - l avvio della progettazione esecutiva dell allargamento della bretella autostradale Villesse Gorizia con un nuovo raccordo sul territorio comunale di Villesse - la richiesta, presentata dai privati e fatta propria dall A.C. per l individuazione di una nuova zona HC con una estensione di circa 50 ha di superficie oltre alla zona H/D, già prevista dal piano vigente che presenta una superficie di circa 6 ha. Se la prima modifica può rientrare entro una normale gestione del vigente piano, apportando delle modifiche che di fatto non risultano sostanziali o tali da incidere in modo determinante sulla struttura del territorio, la seconda previsione viene a stravolgere tutti i rapporti esistenti all interno del territorio comunale e non solo. Alla luce di questo nuovo insediamento di carattere commerciale che, per dimensione e numero di addetti impiegati si viene a configurare come tra i maggiori centri commerciali a livello europeo, si rende quanto mai necessaria una completa riprogettazione urbanistica dell intero territorio comunale. Al momento dell autorizzazione regionale alla formazione della nuova zona HC il vigente piano regolatore comunale risulta superato e non è in grado di gestire e programmare in termini razionali tutte le trasformazioni e le ricadute, che un insediamento di tali dimensioni può generare sul territorio. La modifica dell attuale piano dovrà pertanto partire dal nuovo dato di fatto e cioè che mq sono passati da regime agricolo, in una zona a ridosso dell ambito del Torre, in zona di tipo commerciale e ricettivo. La variante al piano dovrà stabilire in primis il rapporto che la nuova zona urbanistica dovrà avere con la viabilità esistente e di progetto, come potrà raccordarsi con il sistema insediativo a carattere residenziale del paese, se, quali e quante nuove aree residenziali dovranno essere individuate e quali altre strutture il nuovo insediamento necessita a supporto della attività insediata, il rapporto con le zone a carattere produttivo esistente e come queste si possono trasformare in relazione al nuovo centro. Non ultimo, la variante al piano regolatore dovrà farsi carico di analizzare la ricaduta che la sottrazione di una così vasta area di superficie agricola provocherà sull intero settore agricolo, non dimenticando che non più di trent anni or sono Villesse era un paese a prevalente economia agricola ed oggi ha la seconda zona industriale, per estensione, della provincia di Gorizia e, in seguito alla individuazione della nuova zona Hc, uno dei centri commerciali più grandi d Europa. Questi, anche se solo sommarie, sono le nuove problematiche che il territorio comunale dovrà affrontare a seguito di scelte che sono state operate al di fuori di una logica di programmazione e pianificazione preventiva, sia a livello regionale che comunale, ma che di tali scelte si dovrà tener conto se si vuole continuare a fare pianificazione territoriale a livello comunale e non solo.

18 PREVENTIVO DI SPESA CALCOLO DEGLI IMPORTI PER LA REDAZIONE DEL NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Abitanti al 31/12/ Tabella A Tabella A 0, Aggiornamento ISTAT febbraio , Conversione in Euro ,53 A tale importo di progetto si deve aggiungere Analisi conoscitive del territorio comunale 8.000,00 Aggiornamento cartografico ed informatizzazione ,00 Procedura Valutazione Ambientale Strategica ,00 Circolare n 3/90 sulle zone industriali 6.000,00 Sommano ,53

19 COPIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE - f.to Sergio Comelli - COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA Realizzazione del 4 lotto di arredo urbano nel Comune di Villesse (Prosecuzione dei lavori di sistemazione viaria e pedonale di Piazza Dante, Via Roma e Piazza San Rocco) L.R. 2/ Relazione illustrativa; - Quadro Economico. Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

20 RELAZIONE ILLUSTRATIVA IL PROGETTO DI SISTEMAZIONE VIARIA Il progetto generale della realizzazione dell arredo urbano di Villesse è stato concepito suddiviso in lotti esecutivi in funzione delle risorse economiche disponibili. È già stata effettuata la sistemazione viaria e pedonale di Piazza Dante, Via Roma e Piazza San Rocco con i primi 2 lotti esecutivi. E stato inoltre appena completato un 3 lotto, sos tenuto da apposito contributo, che prevedeva il proseguimento dei lavori nelle vie De Jacomini e Fossattis e la realizzazione di un parcheggio in Piazza san Rocco. Nel corso del 2010 l Amministrazione comunale ha infine perfezionato la progettazione delle geometrie della viabilità principale (vie Diaz e Montesanto, via Isonzo,via Androna Veneta) al fine di identificare gli standard geometrici da seguire nei prossimi interventi. Attualmente è in corso di esecuzione l intervento di sistemazione delle vie Diaz e Monte Santo e delle laterali via Seghizzi e Zardini, nonché della via Isonzo. LE FINALITÀ DEL PROGETTO La viabilità interna del centro abitato di Villesse è caratterizzata da un andamento piuttosto irregolare e la larghezza della sede stradale è tutt altro che costante. Le piazze esistenti, alle due estremità della via Roma (la via centrale del paese), non erano altro che delle aiuole spartitraffico ed i marciapiedi in battuto di cemento o in asfalto ricalcavano l andamento dei muri degli edifici prospicienti la strada, con una larghezza media di m. 1,20. I primi 2 lotti realizzati hanno sanato tale situazione regolarizzando la sede stradale ed arricchendo il contesto generale. I parcheggi sono attualmente localizzati in sede stradale, e con il 3 lotto, di prossima ultimazione, verrà realizzato un parcheggio apposito, in prossimità della piazza principale. La filosofia degli interventi, realizzati e futuri, tende a privilegiare la viabilità pedonale rispetto a quella veicolare, a rendere di larghezza costante il tracciato della strada e a armonizzare l ubicazione degli stalli di sosta con il contesto urbano. Viene inoltre proposto con sistematicità il rifacimento di tutti i marciapiedi, opportunamente dimensionati per diventare luoghi di sosta collettivi. Il progetto generale prevede, in definitiva, mediante l'uso appropriato di materiali diversi e la piantumazione di alberi ed essenze arboree basse, la riqualificazione delle due piazze, degli spazi e di tutti i percorsi sia pedonali che viabili, oltre che a quelli di sosta per i veicoli. Durante l esecuzione dei lotti funzionali si provvederà, come già fatto nei primi lotti e limitatamente alla superficie viaria interessata da ogni singolo intervento, alla ristrutturazione e il completamento delle reti tecnologiche: fognaria, metanifera, telefonica, elettrica e di illuminazione pubblica.

21 CONSIDERAZIONI La redazione del progetto generale e quindi dei singoli lotti funzionali è stata dettata, oltre che da motivi di ordine architettonico ed urbanistico, anche da motivi di soddisfacimento diretto delle esigenze della collettività (carenza di parcheggi, migliore viabilità, ecc.). Ritenendo opportuno proseguire con gli interventi di ristrutturazione dell intera viabilità che costituisce l asse viario del paese, l Amministrazione intende reperire i fondi necessari per la realizzazione delle opere così come previste nel progetto generale. IL PROGETTO DI COMPLETAMENTO Il progetto di completamento intende proseguire la riqualificazione della viabilità interna del paese, quindi è prevista l estensione dei lavori, secondo le tipologie adottate nei primi lotti esecutivi, anche nelle vie Madonna del Piano, Gemina, Torrente Torre, Giulia, Zorutti, Carso, Fermi, Cossuttis, Tomadini e Androna Veneta ed altre vie minori. Su tali basi si è provveduto ad individuare le principali voci di intervento relative alla "realizzazione del 4 lotto dell arredo urbano, che interesserà tali vie, che di seguito si riassumono: acquisizione piccole porzioni di aree private (sistemazioni fondiarie); rifacimento pavimentazione stradale e marciapiedi; collocazione piccole aree verdi e piantumazione alberi lungo l asse viario; rifacimento o potenziamento di parte o tutti gli impianti a rete, quali rete fognaria, acquedotto, gas metano, illuminazione pubblica; adeguamento segnaletica. Nel quadro economico di seguito riportato si evidenzia l importo per la realizzazione di tale progetto. Relazione/F

22 QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1 Adeguamento viabilità e marciapiedi ed opere connesse Euro ,00 Totale A Euro ,00 B) Somme a disposizione dell'amministrazione comunale per: B1 Aquisizione aree Euro ,00 B2 Spese tecniche Euro ,00 B3 I.V.A. 20% di B2 Euro ,00 B4 I.V.A.10 % di A Euro ,00 B5 Imprevisti ed arrotondamenti Euro ,00 Totale B Euro ,00 TOTALE A + B Euro ,00

23 COPIA COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE - f.to Sergio Comelli - Completamento della nuova viabilità di raccordo tra la via Isonzo, la via Cossuttis e la via Madonna del Piano, con adeguamento e potenziamento degli impianti a servizio della via Isonzo nel Comune di Villesse L.R. 2/2000 Art. 4 - Relazione illustrativa; - Quadro economico. Villesse, 19 gennaio 2010 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

24 RELAZIONE ILLUSTRATIVA IL COMPLETAMENTO DELLA VIABILITÀ NEL COMUNE DI VILLESSE L abitato di Villesse è caratterizzato da un edificazione avvenuta lungo un asse portante che costituisce la via principale del paese e che nel suo percorso cambia denominazione in via Monte Santo, Diaz, Roma, De Jacomini e Fossattis e allargandosi forma due piccole piazze: Dante e San Rocco. Le estremità di tale asse si intersecano con la strada statale 351, realizzata quale specie di circonvallazione e fa si che l abitato si estenda parallelamente a tale viabilità e che le restanti vie si dipartono tutte dai due tracciati principali sopra definiti. Lo sviluppo edilizio del paese è stato da tempo impostato dai diversi strumenti urbanistici in modo che venissero edificate le zone poste a sud-est, a servizio delle quali era stata poi ipotizzata una nuova viabilità alternativa a quella principale che oltre al collegamento di tali nuove aree, decongestionasse il centro abitato del paese sia come traffico veicolare che come carico delle attuali reti dei servizi con particolare riferimento alla rete fognaria. In particolare, tale viabilità è costituita dai tratti B - C e D - E evidenziati nell elaborato grafico allegato che riporta anche i diversi tratti di strada poi citati nella presente relazione. LE FINALITÀ DEL PROGETTO La realizzazione delle opere sopra descritte è quindi dettata principalmente da motivi di soddisfacimento diretto delle esigenze contingenti della collettività legate alla creazione di una migliore viabilità. L obiettivo dell Amministrazione è infatti quello di giungere, eventualmente per fasi funzionali, ad una generale sistemazione viaria, che consenta di raggiungere la razionalizzazione dei percorsi a servizio del centro del paese e delle zone di sviluppo circostanti, creando la viabilità alternativa costituita dalle tratte B + C e D + E. La futura viabilità di piano dovrà comunque prevedere, in concomitanza con la sua realizzazione, il potenziamento degli impianti di fognatura, acquedotto ed illuminazione pubblica esistenti prioritariamente sulla via Isonzo e in particolare nel tratto tra il viale Trieste e la futura viabilità di piano (tratto A ) ed anche verso il centro cittadino (tratto F ) quale conseguente completamento dei recenti interventi di adeguamento impiantistico e di miglioria delle finiture superficiali di strade e marciapiedi (via Roma). LA SITUAZIONE ATTUALE Ritenendo comunque indispensabile per il futuro sviluppo del paese provvedere alla realizzazione degli interventi di ristrutturazione dell area interessata, l Amministrazione ha realizzato un primo intervento stralcio riguardante il primo tratto della strada di accesso al Comparto 2, servito dal raccordo tra le vie Isonzo e Madonna del Piano meglio identificato dalla lettera D.

25 Inoltre si è definita con i proprietari del Comparto 2 una convenzione per la realizzazione delle urbanizzazioni interne al Comparto 2 e la conseguente ultimazione anche della strada di cui sopra. Inoltre, considerato che il comparto 4 è stato realizzato e che il 3 è in fase di realizzazione, mediante convenzione con le ditte lottizzanti, il tratto C è stato ultimato e a breve verrà realizzato anche il tratto B. La realizzazione delle opere edificatorie dei comparti risulta in ogni caso legata al potenziamento dei servizi a rete lungo la via Isonzo, che risultano sufficienti a garantire il decollo delle attività ma che non sono in grado di sopportare il carico costituito dalla richiesta di servizi una volta che i comparti 2 e 7 verranno edificati. Il tratto A della via Isonzo è stato interessato nel corso del 2008 e 2009 da un potenziamento degli impianti acquedotto, fognatura ed illuminazione pubblica, oltre che alla parziale sistemazione superficiale della sede stradale e dei marciapiedi. Sul tratto F di via Isonzo sono in corso di esecuzione le opere di urbanizzazione primaria realizzate in ottemperanza a quanto definito nell Accordo di programma per la realizzazione del Parco commerciale a Villesse nella zona HC. Tali opere prevedono il rifacimento degli impianti acquedotto, fognatura ed illuminazione pubblica, oltre che alla sistemazione superficiale della sede stradale e dei marciapiedi Su tali premesse si è provveduto ad individuare le principali voci di intervento relative alla realizzazione sia della nuova viabilità (tratto E ), che alla riqualificazione della via Isonzo (tratto A ). TRATTO A : raccordo tra la nuova viabilità di piano e Via Trieste Lavori in fase di conclusione, già finanziati con un primo contributo. Finitura sede stradale e marciapiedi. TRATTO E : nuova viabilità di piano tra la via Isonzo e la via Madonna del Piano. Realizzazione rete fognaria; Realizzazione rete acquedotto; Realizzazione rete gas metano; Realizzazione rete elettrica media e bassa tensione; Realizzazione rete telecomunicazioni; Realizzazione impianto di illuminazione pubblica; Interramento canale di irrigazione; Realizzazione sede stradale e marciapiedi. Nel quadro economico di seguito riportato si evidenzia l importo per la realizzazione delle opere.

26

27 QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1 Opere relative al tratto "A" verso viale Trieste Euro ,00 A2 Opere relative al tratto "E" oltre il comparto 2 Euro ,00 Totale A Euro ,00 B) Somme a disposizione dell'anmministrazione comunale per: B1 Spese tecniche Euro ,00 B2 C.N.P.A.I.A. (2% B1) Euro 640,00 B2 I.V.A. su lavori (10% di A1+A2) Euro ,00 B3 I.V.A. su spese tecniche (20% di B1+B2) Euro 6.528,00 B4 Imprevisti ed arrotondamenti Euro ,00 Totale B Euro ,00 TOTALE A + B Euro ,00

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante

1 Premessa. 1.1 Incarico. 1.2 Oggetto della variante 1 Premessa 1.1 Incarico Con Deliberazione della Giunta Comunale del Comune di San Vito di Leguzzano N. Reg. 75 del 30/07/2012 si è deliberato di avviare la procedura per una variante al Piano Particolareggiato

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA

Elaborato n 1 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TURRIACO PROVINCIA DI GORIZIA LAVORI DI SISTEMAZIONE VIABILITA PER REALIZZAZIONE DI UN PERCORSO CICLABILE - PEDONALE E SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE IN VIA AQUILEIA, VIA ROMA, VIA MEITNER,

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1

COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! P.U.A - AREALE 9.1 9.1 1 COMUNE di CASTELLO D'ARGILE! (Frazione Mascarino) P.U.A - AREALE 9.1 NUOVO INSEDIAMENTO RESIDENZIALE SITO NEL! COMUNE DI CASTELLO D'ARGILE IN VIA G. RODARI IN VARIANTE AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1

PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 COMUNE DI VEDANO OLONA PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE A1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO URBANISTICO GENERALE Il PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE COMMERCIALE

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI (Chiarimento)

Dettagli

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO INAIL ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO Consulenza Tecnica per l Edilizia Regionale ROMA Viale Dei Quattro Venti 98 interno 18 piano

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004)

CITTÀ DI SALUZZO. (Sostituisce Tav. 13 di PEEP approvato nell'anno 2004) Regione Piemonte Provincia di Cuneo CITTÀ DI SALUZZO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Anno 1996 : Approvato con DGR 26-7934 del 16.04.1996 Anno 2012 : Approvato con DGR 29-05-2012 n 16-3906 VARIANTE

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica COMUNE DI SCANSANO Prov. di Grosseto IL SINDACO Avv. Sabrina Cavezzini IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 4 SERVIZI PER IL TERRITORIO Arch. Daniela Giura Comune di Scansano Variante

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COPIA N. 06 del Reg. Delib. COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria adunanza pubblica prima convocazione. OGGETTO: Piano triennale 2011-2013

Dettagli

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico

3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi. 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico 3. Il rapporto tra il Piano triennale delle opere pubbliche e il Piano dei servizi 3.1. Qualche considerazione di carattere normativo e programmatico La Lr. 12/2005 per il governo del territorio individua

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

Le Comunità europee UE

Le Comunità europee UE PAC, Misure del PSR a favore della multifunzionalità e delle fattorie didattiche CeFAP Codroipo e Pasian di Prato dicembre 2010 A cura dott. Paolo Parmegiani Le Comunità europee UE 1951 Trattato CECA trattato

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE

STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE STIMA DI MASSIMA DEI COSTI PER OPERE DI ADEGUAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DI VIALE AMERIGO VESPUCCI E DELLA FASCIA AD OVEST DEL VIALE parte integrante dell'elaborato grafico allegato al presente Elaborato

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 3 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE (da Piano degli Interventi Variante 2 Dicembre 2011) Committente:

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di

RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di RELAZIONE FINANZIARIA A norma dell art. 28 della L.U. nr. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni, l onere della esecuzione delle opere di urbanizzazione primaria deve essere assunto dai lottizzanti

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI N. 6 LOTTI EDIFICABILI RESIDENZIALI Spazio riservato all Ufficio Protocollo Spazio riservato

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento

Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento Scheda A Descrizione del progetto di accompagnamento Si ricorda che il Programma Housing della Compagnia di San Paolo finanzierà il progetto di accompagnamento per un massimo di 12 mesi 1. Denominazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015 azienda regionale pro s edilitzia abitativa DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015 Oggetto: ACCORDO DI PROGRAMMA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE STRUTTURALE E SOCIALE DEL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1 RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA OGGETTO: Lavori di urbanizzazione primaria della collina Coppolino villaggio S. Lucia sopra Contesse - completamento e la messa in esercizio della rete fognante, acque

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA

RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA RELAZIONE PROGETTO S.U.A.P. PER LA REALIZZAZIONE DEL CENTRO SERVIZI MONTE ROSA Il presente progetto è relativo all attuazione delle previsioni del PGT vigente relativamente all AREA B9 (area di concentrazione

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI * * * PROCEDIMENTO DI ESECUZIONE IMMOBILIARE * * * PREMESSA GEOMETRA MONTALTI GIANFRANCO Via Fioravanti n. 21 40129 BOLOGNA Tel. 051 364384 - Fax 051 364384 E-mail: gianfranco.montalti@collegiogeometri.bo.it TRIBUNALE ORDINARIO DI BOLOGNA ESECUZIONI IMMOBILIARI

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO

IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Pag. 1 / 5 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CITTA' E TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE ED ENERGIA PO AMBIENTE UFFICIO ZOOFILO REG. DET.

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase

Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase Corso di TECNICA PER IL PIANO URBANISTICO a.a. 2008-2009 Arch. Claudia de Biase 1 Il DI 1444/68 stabilisce che la quantità minima inderogabile di spazi da destinare a parcheggio è pari a 2.50 mq/ab (in

Dettagli

Geom. Francesco Minniti

Geom. Francesco Minniti P R O G E T T O E S E C U T I V O ai sensi del D.P.R. n.207/2010 e s.m.i. * * * OGGETTO : RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA PER RECUPERO FUNZIONALE IN BIVACCO DELL EX ANNESSO RURALE DEL COMPLESSO IMMOBILIARE DENOMINATO

Dettagli

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014

Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione. Venezia, 8 maggio 2014 Procedimento sintetico per la stima del costo di costruzione Venezia, 8 maggio 2014 La stima sintetica del valore di costo La stima sintetica fornisce una previsione del costo di costruzione di un opera

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

LAGS LABORATORIO PER IL GOVERNO DELLA SICUREZZA STRADALE

LAGS LABORATORIO PER IL GOVERNO DELLA SICUREZZA STRADALE INDICAZIONI PARAMETRICHE SUI COSTI DELLE ROTATORIE ED ANALISI COSTI-BENEFICI Torino, 14 dicembre 2009 ALBERTO ing. Dario TORINO, 14/12/2009 1 CONSIDERAZIONI PRELIMINARI SUI COSTI DELLE ROTATORIE VARIABILITA

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA RELAZIONE INTEGRATIVA In relazione all istanza di approvazione del piano attuativo di iniziativa privata per la lottizzazione di un area fabbricabile sita in Vocabolo S.Antimo nel Comune di Stroncone,

Dettagli

Servizio Edilizia Residenziale BANDO PUBBLICO

Servizio Edilizia Residenziale BANDO PUBBLICO ALLEGATO 1 alla determinazione DS. N. 41899 REP. N. 2478 DEL 02.12.2013 Servizio Edilizia Residenziale BANDO PUBBLICO PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI AMBITI CARATTERIZZATI DALLA PRESENZA

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

FASCICOLO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

FASCICOLO PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO C ITTÀ DI T ORINO Divisione Infrastrutture e Mobilità Direzione Suolo - Settore Riqualificazione Spazio Pubblico POR FESR 2007-2013 Asse III. Riqualificazione Territoriale, Attività III.1.1. REALIZZAZIONE

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

RELAZIONE DI PROGETTO

RELAZIONE DI PROGETTO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA Allegato del Regolamento per l assegnazione di un lotto edificabile sito nella lottizzazione produttiva Crocetta del Capoluogo RELAZIONE DI PROGETTO PREMESSA

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 (Approvato dal Consiglio comunale con delibera n. 108 del 27 maggio 2011) Anno 2011 Protezione e valorizzazione dell

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO

EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO Isabella Bolgiani La Regione Abruzzo ha dedicato specifiche disposizioni legislative alla disciplina urbanistica dei servizi religiosi ed alla materia del finanziamento

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli