COMUNE DI VILLESSE INTERVENTI STRAORDINARI PER LA DISINFESTAZIONE DA ZANZARE/TERMITI E DERATTIZZAZIONE L.R. 02/1985 COPIA PROVINCIA DI GORIZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VILLESSE INTERVENTI STRAORDINARI PER LA DISINFESTAZIONE DA ZANZARE/TERMITI E DERATTIZZAZIONE L.R. 02/1985 COPIA PROVINCIA DI GORIZIA"

Transcript

1 COPIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE - f.to Sergio Comelli - COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA INTERVENTI STRAORDINARI PER LA DISINFESTAZIONE DA ZANZARE/TERMITI E DERATTIZZAZIONE L.R. 02/ Relazione tecnica dell anno Relazione tecnica per l anno Preventivo di spesa Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

2 RELAZIONE TECNICA RELATIVA AL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE SVOLTO NELL ANNO 2010 NEL COMUNE DI VILLESSE Ricordato che l Azienda per i Servizi Sanitari n. 2 Isontina comunicava che in data 02/07/2004 il Dipartimento di Biologia Applicata alla Difesa delle Piante dell Università di Udine ha rilevato a seguito di monitoraggio, la presenza di Aedes albopictus (zanzara tigre) sul territorio comunale. Su tale segnalazione, si è ritenuto opportuno intervenire dal mese di maggio a quello di ottobre, con alcuni interventi necessari a limitarne la diffusione: distribuzione di un volantino informativo su alcune regole di prevenzione sulla diffusione della zanzara tigre, sull impiego di prodotti specifici e sulle avvertenze per l eventuale loro uso; trattamento con periodicità mensile e utilizzando l insetticida PROXILAR Compresse, delle caditoie esistenti sulle pubbliche vie che, collegate alla fognatura con un sifone, mantengono un livello costante di acqua al loro interno; distribuzione, ai cittadini che ne facevano richiesta, delle confezioni da dodici pezzi delle compresse di insetticida, da utilizzarsi per interventi all interno delle proprietà. In relazione a quanto poc anzi citato, al fine di prendere provvedimenti per mitigare la presenza della zanzara tigre, l Amministrazione comunale nei prossimi anni intende continuare il servizio di disinfestazione, in linea con quanto prescritto dalle leggi in materia di sanità e di igiene.

3 RELAZIONE TECNICA RELATIVA AL SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE DA ZANZARE E DERATTIZZAZIONE PER L ANNO 2011 NEL COMUNE DI VILLESSE Gli interventi di disinfestazione della zanzara tigre che il Comune di Villesse intende effettuare con propri mezzi ed attrezzature, verranno svolti a partire dal mese di aprile e protratti circa fino al mese di ottobre anche in relazione all andamento meteorologico stagionale. Detti interventi si rendono necessari vista la presenza di Aedes albopictus (zanzara tigre) sul territorio comunale segnalata, nel 2004, dal Dipartimento di Biologia Applicata alla Difesa delle Piante dell Università di Udine. Tali interventi sono volti all eliminazione delle zanzare allo stadio larvale direttamente nei loro ambienti di moltiplicazione (scoline, fossi, pozzetti stradali, pozze di acqua piovana ecc.) nell intero territorio comunale. I prodotti insetticidi saranno scelti in base alla loro efficacia tossicologica, alla biocompatibilità (che vengono costantemente sottoposte a verifica sul campo) ed al prezzo. Gli interventi di cui sopra occuperanno presumibilmente n. 1 operaio dipendente comunale per un numero di ore rapportato alle risorse economiche disponibili che si quantifica in circa un monte ore minimo pari a 140 ore/uomo/stagione. Ci si avvarrà inoltre di un consulente tecnico specializzato, entomologo laureato, per il coordinamento del servizio. Ricordato inoltre che, a seguito della nota Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Salute e Protezione Sociale prot /SPS-AAGG del 15/06/2007 e successiva nota prot del 20/06/2007 dell Azienda per i servizi sanitari n. 2 ISONTINA, le competenze in materia di derattizzazione venivano trasferire a partire dal 01/01/2008 alle Amministrazioni Comunali e valutato che questa Amministrazione Comunale intende appaltare il servizio di derattizzazione non avendo a disposizione personale formato per tali interventi. La spesa necessaria per la realizzazione di quanto sopra risulta essere, come visibile nell allegato preventivo di spesa, di Euro 6.500,00 per il sostegno della quale l Amministrazione Comunale intende chiedere, in base alla Legge Regionale 2/1985 e successive modificazioni ed integrazioni, l erogazione di un contributo a copertura.

4 PREVENTIVO DI SPESA 1. ACQUISTO PRODOTTI PER LA DEZZANZARIZZAZIONE Euro 2.000,00; 2. RETRIBUZIONI PERSONALE PER DEZZANZARIZZAZIONE Euro 1.500,00; 3. SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE a) prodotti derattizzanti Euro 1.500,00 b) addetti servizio derattizzazione Euro 1.500,00 TOTALE Euro 6.500,00 Relazione/F

5 COPIA COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Sergio Comelli Restauro delle facciate nel Comune di Villesse L.R. 34/ Relazione illustrativa; - Quadro Economico. Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

6 INQUADRAMENTO GENERALE RELAZIONE ILLUSTRATIVA L abitato di Villesse è caratterizzato da un asse portante che costituisce la via principale di Villesse e nel suo percorso cambia denominazione in via Monte Santo, Diaz, Roma, De Iacomini e Fossattis e allargandosi forma le due piccole piazze Dante e San Rocco. Tale asse è caratterizzato da un andamento piuttosto irregolare e la larghezza della sede stradale è tutt altro che costante; le vie e le piazze ricompresse in tale asse così come i marciapiedi, ricalcano l andamento dei muri degli edifici prospicienti. IL PROGETTO DI SISTEMAZIONE VIARIA DEL COMUNE DI VILLESSE Il progetto, suddiviso in più lotti esecutivi per problemi di carattere economico, prevede principalmente la sistemazione viaria e pedonale di Piazza Dante, Via Roma e Piazza San Rocco nel Comune di Villesse. I lavori riguardanti il 1, 2 e 3 lotto sono già stati ultimati, mentre è in esecuzione un lotto finale che interesserà tutta la viabilità principale del paese, dalla via Diaz alla via Monte Santo, che andrà ad integrarsi con quanto già realizzato nei lotti sopra citati. Con l esecuzione di tali opere l Amministrazione intende giungere, per fasi funzionali, ad una generale sistemazione viaria a una completa riqualificazione del centro del paese. IL RESTAURO DELLE FACCIATE Intervento di contorno, ma non certo di minore interesse, risulta essere quello legato al restauro delle facciate degli edifici che si attestano sulla viabilità principale e che in gran parte costituiscono il nucleo originario del paese. Anche in questo caso, considerato il numero dei fabbricati interessati e ricadenti nelle zone di recupero, sarà necessario suddividere gli interventi per lotti funzionali. In particolare, considerando che i lavori dei primi tre lotti per la sistemazione viaria sono già stati portati a termine, a completamento di tale intervento, si è ipotizzato anche il restauro delle facciate degli edifici compresi in tale tratto di strada. Si evidenzia che tutti i fabbricati compresi nelle aree individuate dal presente intervento, ricadono all interno delle Zone di Recupero ai sensi dell art. 4 della L.R n. 18. I finanziamenti finora ottenuti (rispettivamente nel 2003 e nel 2006), sono stati impegnati soddisfacendo solo parte delle domande pervenute dai cittadini anche se riguardanti edifici caratteristici e di pregio. Intendendo procedere anche con il recupero degli immobili di proprietà comunale, in continuità con quanto già finanziato e poter dare nel volgere di pochi anni una veste decorosa al centro e valorizzare i lavori fatti, si quantifica una spesa complessiva di ,00. Per poter giungere alla quantificazione dell importo necessario all intervento si sono adottati i seguenti parametri: - lunghezza del fronte edificato m. 200; - altezza media dei fabbricati attestati m. 7,50; - costo al metro quadrato per la tinteggiatura, compreso di materiale, manodopera e impalcatura /mq. 30,00; - aliquota IVA 10%; QUADRO ECONOMICO Fronte mt. 200 X 2 X altezza media mt. 7,50 X Euro/mq 30,00 = Euro ,00; IVA 10% su lavori Euro 9.000,00; TOTALE Euro ,00;

7 COPIA COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Sergio Comelli GEMELLAGGIO TRA LA COMUNITÀ VILLESSINA E LA CITTADINA DI MICHELDORF IN CARINZIA AUSTRIA ORGANIZZAZIONE INIZIATIVE ANNO 2011 L.R. 6/89 - Relazione illustrativa; - Preventivo di spesa; - Relazione sulle attività svolte; - Scheda riassuntiva; - Certificato di attribuzione del Codice Fiscale. Villesse, 17 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to Roberta Andrian

8 RELAZIONE Già nel corso del 2001 l Amministrazione comunale si è attivata per verificare la possibilità di contribuire attivamente alla promozione della cultura della pace e della cooperazione tra i popoli, attraverso la realizzazione di un gemellaggio con un comune straniero. La scelta si è orientata verso un comune dell Unione Europea ed in particolare del land austriaco della Carinzia, una regione direttamente confinante con il Friuli Venezia Giulia e che da sempre mantiene stretti legami storici e culturali con le nostre comunità. Dalle numerose visite alla cittadina di Micheldorf nella Carinzia settentrionale, un piccolo borgo rurale di circa abitanti dove è ancora molto sentito il ruolo della tradizione e della cultura locale, si è avuta la conferma che tale comunità è molto vicina alla nostra per dimensioni, ma soprattutto per storia, cultura e tradizioni. Come a Villesse, sono presenti sul territorio numerose associazioni che svolgono una fondamentale opera di aggregazione soprattutto fra i giovani ed i bambini. Non manca in Carinzia, inoltre, la valorizzazione della grande tradizione musicale austriaca, attraverso il sostegno a bande o cori tradizionali, analogamente a quanto accade nella nostra comunità con la locale scuola di musica e la banda dei Donatori di Sangue. Nel corso degli anni 2003, 2004 e 2005 si è concretizzato il gemellaggio tra le comunità di Villesse e Micheldorf, formalizzato a Villesse il 17/08/2003 ed a Micheldorf il 05/09/2004. Prima e dopo tali incontri formali, sono stati organizzati numerosi incontri e manifestazioni e nell anno 2011 si intende proseguire nella realizzazione di iniziative finalizzate all incontro tra le due comunità gemellate in modo da proseguire la collaborazione nei diversi settori, spaziando dalla scuola, al volontariato sociale, alla protezione civile, alla riscoperta delle rispettive tradizioni popolari. Così, grazie a tali iniziative ed alla possibilità di collaborare su progetti specifici in campi diversi, si realizza un vero interscambio culturale che, attraverso l incontro di tradizioni diverse, pur nell affinità, ci consente di contribuire alla costruzione di una vera Europa dei popoli. In particolare per il 2011 si prevede l organizzazione di una trasferta in Austria del coro Io Tu Noi della Banda dei Donatori di Sangue di Villesse. Per le iniziative previste per l anno 2011 si può stimare una spesa di Euro 8.500,00; a sostegno di tale onere l Amministrazione ha deciso di inoltrare domanda specifica di sovvenzione in base alle vigenti leggi.

9 PREVENTIVO DI SPESA Organizzazione gita a Micheldorf per la realizzazione di un concerto del coro della Banda di Villesse Euro 5.000,00 Organizzazione incontri vari in occasione di cerimonie e feste tradizionali locali Euro 2.000,00 Spese di trasferimento per viaggi finalizzati all'organizzazione delle iniziative previste Euro 1.500,00 TOTALE Euro 8.500,00

10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA SULLE ATTIVITÀ SVOLTE - 7 febbraio 2003 Gita scuola elementare a Micheldorf - 28 maggio 2003 Visita della scuola di Micheldorf alla scuola elementare di Villesse e gita a Grado - 1 giugno 2003 Pellegrinaggio sul Monte Lussari Incontro a Valbruna giugno 2003 A Micheldorf Partita di calcio fra le due rappresentative amatoriali - 17 agosto 2003 A Villesse Firma dell atto di gemellaggio tra le due comunità - 25 maggio 2004 Visita della scuola di Micheldorf alla scuola elementare di Villesse - 16 agosto 2004 A Villesse Incontro festeggiamenti San Rocco - 5 settembre 2004 A Micheldorf Formalizzazione gemellaggio - 11 maggio 2005 Giornata di sensibilizzazione ecologica con gli alunni della scuola elementare a Micheldorf - 28 ottobre 2007 A Villesse Incontro Festa del Ringraziamento - 11 maggio 2009 Gita a Marano Lagunare degli alunni della scuola primaria di Villesse insieme a quelli di Micheldorf con escursione in motonave - 25 ottobre 2009 A Villesse incontro tra la comunità villessina e quella della cittadina di Micheldorf (Carinzia) in occasione della Festa del Ringraziamento - 1 giugno 2010 Gita scuola elementare a Micheldorf - 31 ottobre 2010 A Villesse incontro tra la comunità villessina e quella della cittadina di Micheldorf (Carinzia) in occasione della Festa del Ringraziamento Relazione/A

11

12

13

14

15

16 COPIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto Visto come come allegato alla alla delibera G.C. G.C. n. n. del 08 /01/2003. del 24/01/2011. IL SEGRETARIO IL COMUNALE - f.to Sergio Comelli - COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA REVISIONE GENERALE DEL VIGENTE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Domanda di contributo ai sensi della L.R. 20/11/1989, n. 28 art. 1 Relazione illustrativa Preventivo di spesa Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

17 RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Villesse è dotato di Piano Regolatore Generale, adeguato al P.U.R.G. adottato con delibera consigliare n. 47 in data 20/12/1996 e divenuto esecutivo con D.P.G.R n. 096/Pres del 26/03/1998. Successivamente, a tale piano, sono state apportate alcune varianti alla zonizzazione ed al testo normativo. A distanza di alcuni anni dalla esecutività del nuovo piano regolatore comunale due nuovi ed importanti eventi hanno radicalmente stravolto la situazione programmatica a livello territoriale tale da imporre in modo urgente una revisione generale dello strumento urbanistico generale comunale. I nuovi eventi si possono così riassumere: - l avvio della progettazione esecutiva dell allargamento della bretella autostradale Villesse Gorizia con un nuovo raccordo sul territorio comunale di Villesse - la richiesta, presentata dai privati e fatta propria dall A.C. per l individuazione di una nuova zona HC con una estensione di circa 50 ha di superficie oltre alla zona H/D, già prevista dal piano vigente che presenta una superficie di circa 6 ha. Se la prima modifica può rientrare entro una normale gestione del vigente piano, apportando delle modifiche che di fatto non risultano sostanziali o tali da incidere in modo determinante sulla struttura del territorio, la seconda previsione viene a stravolgere tutti i rapporti esistenti all interno del territorio comunale e non solo. Alla luce di questo nuovo insediamento di carattere commerciale che, per dimensione e numero di addetti impiegati si viene a configurare come tra i maggiori centri commerciali a livello europeo, si rende quanto mai necessaria una completa riprogettazione urbanistica dell intero territorio comunale. Al momento dell autorizzazione regionale alla formazione della nuova zona HC il vigente piano regolatore comunale risulta superato e non è in grado di gestire e programmare in termini razionali tutte le trasformazioni e le ricadute, che un insediamento di tali dimensioni può generare sul territorio. La modifica dell attuale piano dovrà pertanto partire dal nuovo dato di fatto e cioè che mq sono passati da regime agricolo, in una zona a ridosso dell ambito del Torre, in zona di tipo commerciale e ricettivo. La variante al piano dovrà stabilire in primis il rapporto che la nuova zona urbanistica dovrà avere con la viabilità esistente e di progetto, come potrà raccordarsi con il sistema insediativo a carattere residenziale del paese, se, quali e quante nuove aree residenziali dovranno essere individuate e quali altre strutture il nuovo insediamento necessita a supporto della attività insediata, il rapporto con le zone a carattere produttivo esistente e come queste si possono trasformare in relazione al nuovo centro. Non ultimo, la variante al piano regolatore dovrà farsi carico di analizzare la ricaduta che la sottrazione di una così vasta area di superficie agricola provocherà sull intero settore agricolo, non dimenticando che non più di trent anni or sono Villesse era un paese a prevalente economia agricola ed oggi ha la seconda zona industriale, per estensione, della provincia di Gorizia e, in seguito alla individuazione della nuova zona Hc, uno dei centri commerciali più grandi d Europa. Questi, anche se solo sommarie, sono le nuove problematiche che il territorio comunale dovrà affrontare a seguito di scelte che sono state operate al di fuori di una logica di programmazione e pianificazione preventiva, sia a livello regionale che comunale, ma che di tali scelte si dovrà tener conto se si vuole continuare a fare pianificazione territoriale a livello comunale e non solo.

18 PREVENTIVO DI SPESA CALCOLO DEGLI IMPORTI PER LA REDAZIONE DEL NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Abitanti al 31/12/ Tabella A Tabella A 0, Aggiornamento ISTAT febbraio , Conversione in Euro ,53 A tale importo di progetto si deve aggiungere Analisi conoscitive del territorio comunale 8.000,00 Aggiornamento cartografico ed informatizzazione ,00 Procedura Valutazione Ambientale Strategica ,00 Circolare n 3/90 sulle zone industriali 6.000,00 Sommano ,53

19 COPIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE - f.to Sergio Comelli - COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA Realizzazione del 4 lotto di arredo urbano nel Comune di Villesse (Prosecuzione dei lavori di sistemazione viaria e pedonale di Piazza Dante, Via Roma e Piazza San Rocco) L.R. 2/ Relazione illustrativa; - Quadro Economico. Villesse, 19 gennaio 2011 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

20 RELAZIONE ILLUSTRATIVA IL PROGETTO DI SISTEMAZIONE VIARIA Il progetto generale della realizzazione dell arredo urbano di Villesse è stato concepito suddiviso in lotti esecutivi in funzione delle risorse economiche disponibili. È già stata effettuata la sistemazione viaria e pedonale di Piazza Dante, Via Roma e Piazza San Rocco con i primi 2 lotti esecutivi. E stato inoltre appena completato un 3 lotto, sos tenuto da apposito contributo, che prevedeva il proseguimento dei lavori nelle vie De Jacomini e Fossattis e la realizzazione di un parcheggio in Piazza san Rocco. Nel corso del 2010 l Amministrazione comunale ha infine perfezionato la progettazione delle geometrie della viabilità principale (vie Diaz e Montesanto, via Isonzo,via Androna Veneta) al fine di identificare gli standard geometrici da seguire nei prossimi interventi. Attualmente è in corso di esecuzione l intervento di sistemazione delle vie Diaz e Monte Santo e delle laterali via Seghizzi e Zardini, nonché della via Isonzo. LE FINALITÀ DEL PROGETTO La viabilità interna del centro abitato di Villesse è caratterizzata da un andamento piuttosto irregolare e la larghezza della sede stradale è tutt altro che costante. Le piazze esistenti, alle due estremità della via Roma (la via centrale del paese), non erano altro che delle aiuole spartitraffico ed i marciapiedi in battuto di cemento o in asfalto ricalcavano l andamento dei muri degli edifici prospicienti la strada, con una larghezza media di m. 1,20. I primi 2 lotti realizzati hanno sanato tale situazione regolarizzando la sede stradale ed arricchendo il contesto generale. I parcheggi sono attualmente localizzati in sede stradale, e con il 3 lotto, di prossima ultimazione, verrà realizzato un parcheggio apposito, in prossimità della piazza principale. La filosofia degli interventi, realizzati e futuri, tende a privilegiare la viabilità pedonale rispetto a quella veicolare, a rendere di larghezza costante il tracciato della strada e a armonizzare l ubicazione degli stalli di sosta con il contesto urbano. Viene inoltre proposto con sistematicità il rifacimento di tutti i marciapiedi, opportunamente dimensionati per diventare luoghi di sosta collettivi. Il progetto generale prevede, in definitiva, mediante l'uso appropriato di materiali diversi e la piantumazione di alberi ed essenze arboree basse, la riqualificazione delle due piazze, degli spazi e di tutti i percorsi sia pedonali che viabili, oltre che a quelli di sosta per i veicoli. Durante l esecuzione dei lotti funzionali si provvederà, come già fatto nei primi lotti e limitatamente alla superficie viaria interessata da ogni singolo intervento, alla ristrutturazione e il completamento delle reti tecnologiche: fognaria, metanifera, telefonica, elettrica e di illuminazione pubblica.

21 CONSIDERAZIONI La redazione del progetto generale e quindi dei singoli lotti funzionali è stata dettata, oltre che da motivi di ordine architettonico ed urbanistico, anche da motivi di soddisfacimento diretto delle esigenze della collettività (carenza di parcheggi, migliore viabilità, ecc.). Ritenendo opportuno proseguire con gli interventi di ristrutturazione dell intera viabilità che costituisce l asse viario del paese, l Amministrazione intende reperire i fondi necessari per la realizzazione delle opere così come previste nel progetto generale. IL PROGETTO DI COMPLETAMENTO Il progetto di completamento intende proseguire la riqualificazione della viabilità interna del paese, quindi è prevista l estensione dei lavori, secondo le tipologie adottate nei primi lotti esecutivi, anche nelle vie Madonna del Piano, Gemina, Torrente Torre, Giulia, Zorutti, Carso, Fermi, Cossuttis, Tomadini e Androna Veneta ed altre vie minori. Su tali basi si è provveduto ad individuare le principali voci di intervento relative alla "realizzazione del 4 lotto dell arredo urbano, che interesserà tali vie, che di seguito si riassumono: acquisizione piccole porzioni di aree private (sistemazioni fondiarie); rifacimento pavimentazione stradale e marciapiedi; collocazione piccole aree verdi e piantumazione alberi lungo l asse viario; rifacimento o potenziamento di parte o tutti gli impianti a rete, quali rete fognaria, acquedotto, gas metano, illuminazione pubblica; adeguamento segnaletica. Nel quadro economico di seguito riportato si evidenzia l importo per la realizzazione di tale progetto. Relazione/F

22 QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1 Adeguamento viabilità e marciapiedi ed opere connesse Euro ,00 Totale A Euro ,00 B) Somme a disposizione dell'amministrazione comunale per: B1 Aquisizione aree Euro ,00 B2 Spese tecniche Euro ,00 B3 I.V.A. 20% di B2 Euro ,00 B4 I.V.A.10 % di A Euro ,00 B5 Imprevisti ed arrotondamenti Euro ,00 Totale B Euro ,00 TOTALE A + B Euro ,00

23 COPIA COMUNE DI VILLESSE PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI VILLESSE Provincia di Gorizia Visto come allegato alla delibera G.C. n. 08 del 24/01/2011. IL SEGRETARIO COMUNALE - f.to Sergio Comelli - Completamento della nuova viabilità di raccordo tra la via Isonzo, la via Cossuttis e la via Madonna del Piano, con adeguamento e potenziamento degli impianti a servizio della via Isonzo nel Comune di Villesse L.R. 2/2000 Art. 4 - Relazione illustrativa; - Quadro economico. Villesse, 19 gennaio 2010 Il Responsabile del servizio f.to geom. Cristiano Garra

24 RELAZIONE ILLUSTRATIVA IL COMPLETAMENTO DELLA VIABILITÀ NEL COMUNE DI VILLESSE L abitato di Villesse è caratterizzato da un edificazione avvenuta lungo un asse portante che costituisce la via principale del paese e che nel suo percorso cambia denominazione in via Monte Santo, Diaz, Roma, De Jacomini e Fossattis e allargandosi forma due piccole piazze: Dante e San Rocco. Le estremità di tale asse si intersecano con la strada statale 351, realizzata quale specie di circonvallazione e fa si che l abitato si estenda parallelamente a tale viabilità e che le restanti vie si dipartono tutte dai due tracciati principali sopra definiti. Lo sviluppo edilizio del paese è stato da tempo impostato dai diversi strumenti urbanistici in modo che venissero edificate le zone poste a sud-est, a servizio delle quali era stata poi ipotizzata una nuova viabilità alternativa a quella principale che oltre al collegamento di tali nuove aree, decongestionasse il centro abitato del paese sia come traffico veicolare che come carico delle attuali reti dei servizi con particolare riferimento alla rete fognaria. In particolare, tale viabilità è costituita dai tratti B - C e D - E evidenziati nell elaborato grafico allegato che riporta anche i diversi tratti di strada poi citati nella presente relazione. LE FINALITÀ DEL PROGETTO La realizzazione delle opere sopra descritte è quindi dettata principalmente da motivi di soddisfacimento diretto delle esigenze contingenti della collettività legate alla creazione di una migliore viabilità. L obiettivo dell Amministrazione è infatti quello di giungere, eventualmente per fasi funzionali, ad una generale sistemazione viaria, che consenta di raggiungere la razionalizzazione dei percorsi a servizio del centro del paese e delle zone di sviluppo circostanti, creando la viabilità alternativa costituita dalle tratte B + C e D + E. La futura viabilità di piano dovrà comunque prevedere, in concomitanza con la sua realizzazione, il potenziamento degli impianti di fognatura, acquedotto ed illuminazione pubblica esistenti prioritariamente sulla via Isonzo e in particolare nel tratto tra il viale Trieste e la futura viabilità di piano (tratto A ) ed anche verso il centro cittadino (tratto F ) quale conseguente completamento dei recenti interventi di adeguamento impiantistico e di miglioria delle finiture superficiali di strade e marciapiedi (via Roma). LA SITUAZIONE ATTUALE Ritenendo comunque indispensabile per il futuro sviluppo del paese provvedere alla realizzazione degli interventi di ristrutturazione dell area interessata, l Amministrazione ha realizzato un primo intervento stralcio riguardante il primo tratto della strada di accesso al Comparto 2, servito dal raccordo tra le vie Isonzo e Madonna del Piano meglio identificato dalla lettera D.

25 Inoltre si è definita con i proprietari del Comparto 2 una convenzione per la realizzazione delle urbanizzazioni interne al Comparto 2 e la conseguente ultimazione anche della strada di cui sopra. Inoltre, considerato che il comparto 4 è stato realizzato e che il 3 è in fase di realizzazione, mediante convenzione con le ditte lottizzanti, il tratto C è stato ultimato e a breve verrà realizzato anche il tratto B. La realizzazione delle opere edificatorie dei comparti risulta in ogni caso legata al potenziamento dei servizi a rete lungo la via Isonzo, che risultano sufficienti a garantire il decollo delle attività ma che non sono in grado di sopportare il carico costituito dalla richiesta di servizi una volta che i comparti 2 e 7 verranno edificati. Il tratto A della via Isonzo è stato interessato nel corso del 2008 e 2009 da un potenziamento degli impianti acquedotto, fognatura ed illuminazione pubblica, oltre che alla parziale sistemazione superficiale della sede stradale e dei marciapiedi. Sul tratto F di via Isonzo sono in corso di esecuzione le opere di urbanizzazione primaria realizzate in ottemperanza a quanto definito nell Accordo di programma per la realizzazione del Parco commerciale a Villesse nella zona HC. Tali opere prevedono il rifacimento degli impianti acquedotto, fognatura ed illuminazione pubblica, oltre che alla sistemazione superficiale della sede stradale e dei marciapiedi Su tali premesse si è provveduto ad individuare le principali voci di intervento relative alla realizzazione sia della nuova viabilità (tratto E ), che alla riqualificazione della via Isonzo (tratto A ). TRATTO A : raccordo tra la nuova viabilità di piano e Via Trieste Lavori in fase di conclusione, già finanziati con un primo contributo. Finitura sede stradale e marciapiedi. TRATTO E : nuova viabilità di piano tra la via Isonzo e la via Madonna del Piano. Realizzazione rete fognaria; Realizzazione rete acquedotto; Realizzazione rete gas metano; Realizzazione rete elettrica media e bassa tensione; Realizzazione rete telecomunicazioni; Realizzazione impianto di illuminazione pubblica; Interramento canale di irrigazione; Realizzazione sede stradale e marciapiedi. Nel quadro economico di seguito riportato si evidenzia l importo per la realizzazione delle opere.

26

27 QUADRO ECONOMICO A) Lavori a base d'asta A1 Opere relative al tratto "A" verso viale Trieste Euro ,00 A2 Opere relative al tratto "E" oltre il comparto 2 Euro ,00 Totale A Euro ,00 B) Somme a disposizione dell'anmministrazione comunale per: B1 Spese tecniche Euro ,00 B2 C.N.P.A.I.A. (2% B1) Euro 640,00 B2 I.V.A. su lavori (10% di A1+A2) Euro ,00 B3 I.V.A. su spese tecniche (20% di B1+B2) Euro 6.528,00 B4 Imprevisti ed arrotondamenti Euro ,00 Totale B Euro ,00 TOTALE A + B Euro ,00

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI

COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI COMUNE DI CARUGATE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ALLEGATO 1 - PIANO DEI SERVIZI NORMATIVA TECNICA RELATIVA ALLA COMPONENTE COMMERCIALE DEL PGT (L.R. 12/05 e smi) IN FUNZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009

P.R.G. PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI NORME DI ATTUAZIONE PADOVA. Versione aggiornata AGOSTO 2009 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA P.R.G. PADOVA Versione aggiornata AGOSTO 2009 NORME DI ATTUAZIONE PROGETTAZIONE arch. Vasco Camporese arch. Piergiorgio Tombolan COLLABORATORI TECNICI arch. Italo Tussardi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO

Determinazione VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI.I.C.I. Relazione. Comune di Borgo a Mozzano. Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Responsabile Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) Istruttore Tecnico (Geom. Massimo Vergamini Borgo a Mozzano, Marzo

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE E CESSIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE SOTTOSOGLIA A SCOMPUTO TOTALE O PARZIALE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE. Adottato con

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli