REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA L.R. Lazio!6,06.94, n, 18 - D.G.R. Lnzio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA L.R. Lazio!6,06.94, n, 18 - D.G.R. Lnzio 30.06.94."

Transcript

1 REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA L.R. Lazio!6,06.94, n, 18 - D.G.R. Lnzio n,5163 REGIONE l.4zio DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. ":( ~ DEL O 9 SEI Oggetto: procedura negoziata su Mercato elettronico della P.A. gestito da CONSIP. Affidamento del servizio di igiene ambientale di durata biennale dal 01/08/2013 al 31/07/2015 per un importo biennale omnicomprensivo di ,00 IV A esclusa = ,00 IV A inclusa + 820,OO per oneri della sicurezza non soggetti al ribasso. (CfC) XBEOAI17B9) Prosecuzione del servizio dalo al ef liti importo~ri a ~ 2.164, 12 IV A inclusa. Esercizio 2013 Conto ' Centro di Costo Budget:.. Assegnato - Utilizzato - Presente Atto sicurezza - Residuo Ovvero schema allegato _~OI'1'_ol)()... ~1,i I.~._ ,97 -I oneri per la :;:8'fo-:-Gliq~f- _..._.._._._...~..1_._.._, _ Scostamcn10 Budget ~ SI Il Direttore del BjlanCjO~..(~L.~ pata~ù::t.\,2-?~)...~~~_"._' _ Dala, U.O,e. Approvvigionamenti e Gestione -~\a \ Procedure e Contratti per il Programma Edilizio 11Responsabile Data G ~'" _A.c!f;, Estensore _ 11Direttore Dr.ssa Angda Tiziana Chiodi dci Procedimento Firma Antonietta Giuzio Firma \ PARERE nel omettore SANITARIO t:lii_o_q.:;:',1 ~L _ D"".n4-0-~'J...J)~ 'fi;\j"", "h Ql&./~~2 D"", ILO RE A ARIa Dott. Geri1rdo Srum) Anto io Corea,,.....,-L...,...._--1 La ~resentc delibçrazion~ si ~ompon: di.no. rf:...5 di c~lj 1\0 b Z,. di pagine di alleg,~lìe di unal pagma attestante la pubblicazlooe c l'esccutlvllu, che ne torm::mo parte 111[cgrante e soslanzwle. I..._. J

2 Azienda Ospedaliera Complesso Ospedaliero San Giovanni Addolorata Esercizio Conto Esercizio 2015 Conto t Centro di Costo Centro di Costo Sottoconto n... Sottoconto n... Budget: Budget: - Assegnato. - Assegnato - Utilizzato - Utilizzato - Presente Atto ,00 - Presente Atto ,19 D - Residuo. D - Residuo E.. D D D Ovvero schema allegato Ovvero schema allegato Scosta mento Budget NO SI D Scostamento Budget NO SI Il Direttore del Bilancio Il Direttore del Bilancio -.J~ _

3 \ Il DIRETTORE V.O.C. APPROVVIGIONAMENTI E G;~~~~;;~O;;;'O~Eh~~"i CONTRATTI PER IL PROGRAMMA EDILIZIO VISTO il D.L.gs. n. 502/1992 e s.m.i.; il D.L.gs. n. 163/2006 e s.m.i.. PREMESSO che con deliberazione n. 340IDG del 30, è stato aggiudicato con procedura negoziata MEPA, alla Società SOGEA il servizio di igiene ambientale di ~urata biennale per un importo pari a ,80 IV A inclusa; che con nota prot del è stata richiesta alla Regione Lazio autorizzazione per procedere all'espletamento di gara biennale per un importo annuale di ,00 IVA esclusa (ALL.I) che la Regione Lazio con nota prot. n del 2'P/ ha autorizzato questa Azienda Ospedaliera all'espletamento delle procedure di gara per la durata di anni 2 (ALL.2); che nelle more della nuova gara con deliberazione del Direttore Generale n. 298IDG del si è proceduto ad autorizzare la prosecuzione del servizio alla Ditta SOGEA.S.r.1. per mesi quattro dal 28/02/2013 al 30/06/2013; che in data 11/07/2013 si è provveduto al lancio della R.D.O. per il servizio di cui trattasi in coerenza con la normativa vigente e secondo le direttive Regionali tale da garantire un risparmio non inferiore al 10% della spesa precedentemente sostenuta per il medesimo servizio, per un importo annuale pari a ,00 IVA esclusa + 820,00 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso; che la Ditta SOGE-A s.r.l. ha provveduto a garantire il servizio a tutt'oggi nelle.more dell 'aggiudicazione della nuova procedura di gara; che alla procedura di gara da aggiudicare al prezzo più basso per un affid~mento di durata biennale hanno partecipato n. 3 Ditte; che il migliore offerente, secondo la graduatoria fannulata dal MEPA, è risultata la Ditta SOGEA s.r.l. 1' con sede in Via Tiburtina, ROMA per un offerta di importo biennale omnicomprensivo di ,00 IVA esclusa ~ ,00 IVA inclusa; (ALL. 3) che 1'offerta dc.ha Ditta SOGEA s.r.l. è risultata valida in quanto completa dei relativi documenti richiesti digitalmente firmati: DUVRI (ALLA)) Schede tecniche dci prodotti utilizzati in copia conforme all'originale del DPR 445/2000.(ALL.5) ai sensi Condizioni particolari di contratto fimlate per integrale accettazione (ALL.6). VCTbaledi sopralluogo controfirmato come da schema fornito (ALL 7) 19t- Elenco dettagliato degli interventi di igiene ambientale effettuati nel corso dell'anno 2012 con l'indicazione delle diverse aree di intervento (ALL..8)

4 Ccrt;.-:,t!, (C ~~~ ~--:::""i dichiarazione resa dal legale rappresentante come da s ema fornito di impegno formale a eseguire per ogni anno dell'affidamento un numero di interventi di igiene ambientale almeno pari per numero e tipo a quelli realizzati nel corso dell'anno 2012 di cui all'art. 1 delle presenti Condizioni Particolari di Contratto, secondo le prescrizioni tecnico operative fornite, in base al piano operativo che verrà concordato con la Direzione Sanitaria (ALL.9) RITENUTO che lc condizioni contrattuali di svolgimento risultano regolate sul piano generale dalle Condizioni Generali di contratto BANDO SIA I 04 ~ Servizi di Igiene Ambientale del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione e da quelle particolari precisate nelle Condizioni particolari di Contratto di questa Azienda; di autorizzare il servizio reso dal 01107/2013 al 31/07/2013 per un importo pari a 2.164,12IVA inclusa; che rispetto alla preccdente aggiudicazione questa Azienda ha conseguito un risparmio pari al 33,19% ATTESTATO che il presente provvedimento, a seguito dell'istruttoria effettuata, nella forma e nella sostanza è totalmente legittimo e utile per il servizio pubblico, ai sensi dell'art. l della L. 20/94 e s.m.ì., nonché alla stregua dei criteri di economicità e di efficacia di cui all'art. 1 della L. 241/90 e s.m.ì.: in particolare che il presente provvedimento è stato predisposto nel pieno rispetto delle indicazioni e dei vincoli stabiliti dai decreti del Commissario ad acta per la realizzazione del Piano di Rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Lazio; l'rapone Per i motivi dettagliatamente esposti in narrativa che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento: di aggiudicare a far data dal 01/08/2013 alla Ditta SOGEA s. LI. 1' con sede in Via Tiburtina, ROMA per un importo biennale amni comprensivo di ,00 IVA esclusa = ,00 IVA inclusa + 820,00 per oneri della sicurezza non soggetti al ribasso; ~. ~~ di autorizzare il servizio reso dal 01/07/2013 al 31107/2013 dalla Ditta SOGEA S.r.l. per un imp:;: \ pari a 2.164,12 IVA inclusa; q La dire.zione d~ll'csecuzione del.c~~tratlo con funz~on~ di vigilal~z? e control~o s~~ilivelli di qualità, efficacia, efficienza ed economi cita delle prestazlolll rese dall'esecutore e afhdata alla V.O.c. Direzione Medica di Polo Ospedaliero. I conseguenti adempimenti quali il rilascio delle attestazioni necessarie alla emissione degli ordinativi di spesa liquidazione dei corrispettivi, sulla base delle attestazioni di regolare esecuzione del contratto rese dalla Direzione Medica di Polo Ospedali ero è affidata alla Direzione Amministrativa di Polo Ospedali ero e Gestione Risorse Umane che provvederà ad ordinare gli interventi con inoltro di richiesta.

5 J.().C.,"'~;ie Proce(,ÌI~~.. ~.jicu kr.'lm.vi 8(')rtr.::~~:.".. '.~~j1 L'onere derivante dal presente provvedimento pari a iva inclusa + 820,00 per oneri per la sicurezza non soggetti al ribasso trova imputazione sul conto (pulizia) così suddivisi: anno ,97 IV A inclusa anno ,00 IVA inclusa anno ,19 IVA inclusa La U.O.c. Bilancio curerà la registrazione contabile del valore economico riferito all'esercizio. I ton e t Giuzio IL DIRETTORE GENERALE VISTO IN VIRTU' PRESO ATTO il D.Lgs. 502/1992 c s.m.i.; dei poteri conferitigli con decreto del Presidente della Regione Lazio ll. T0538 del 19/1 1/2010; che il Dirigente proponente il presente provvedimento, sottoscrivendolo, attesta che lo stesso a seguito dell'istruttoria effettuata, nella forma e nella sostanza è totalmente legittimo e utile per il servizio pubblico. ai sensi dell'art. 1 della L. 20/94 e s.m.i., nonché alla stregua dei criteri di economicità e di efficacia di cui all'art. l della L. 241/90 e s.m.i.; PRESO ATTO altresì che il Dirigente proponente il presente provvedimento, sottoscrivendolo attesta, in particolare, che lo stesso è stato predisposto nel pieno rispetto delle indicazioni e dei vincoli stabiliti dai decreti del Commissario ad acta per la realizzazione del Piano di Rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Lazio; VISTO il parere favorevole del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario; ritenuto di dover procedere DELIBERA di approvare la proposta così come formulata, rendendola disposto. La U.O.c. Atti e Procedimenti Giuridico Amministrativi Contratti e Convenzioni curerà tutti gli adempimenti per l'esecuzione della presente deliberazione. IL DIRETTO Gian Luig

6 ., IJ.n.c. Appronigionamcnti e Gestiune Proccdul'e e Contralti per il Progranllllli Edilizio Rcspol/sllhi/e del procedimellto f)"ii.s."li /llig~l(f Giu::!11 l'rol IL2 ':3 { q )1D{ U Roma. - 6 HOV AI Dirctiorc Dipartimento ProgrammaZIone Economica e Sociale Direzione Regionale Bilam:lo. Ragioneria. Finanza e Tributi Area Centrale Acquisti e Crediti Sanitari Fax Ogg. SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE. Importo annuo presunto 23.S47,OO IVA esclusa. In ottemperanza n quanto previslo con Decrclo del Ccmmissario ad ;\c(a Il (joi9! dci IG/l 0/20 12, si rappresenta che questa Azienda si Irova nella necessiti! di indire apposita gara per il SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE c che nelle more dovrà procedere ad assicurare la continuità delle attività. Si chiede pertanto autol'izzazionc a procedere all'espil'l,mlcnio di procedura di garcll', nelle more, la prosecuzione del servizio. Distinti saluti. /' II Dir 1"~C 'rale (Gian _uigi Bracciale) '"'.1''.11,'''''

7 -s: E.~ ~ - /'I$~,f""";:~' ALLEGATO 1- MODELLO STANDARD PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ESPLETAMENTO DI PROCEDURE DI GARA ~ì~,;:' l -"~i!''''''''"'> -"~'." Regione Lazio RAZIENDA SANITARIA, A,lenda O,peda!;era San Glovann; - Addolorata ~~ _ '~"'"" cf"'- '", " " -;,: DESCRIZIONE OGGETTO DELLA RICHIESTA: Servizio di Igiene Ambientale TIPOLOGIA DI PROCEDURA: Procedura aperta ~ [In caso di acquisto di prodotti in esclusiva, è necessario allegare alla presente richiesta idonea documentazione comprovante l'esclusività] IMPORTO ANNUO CONTRATTO IVA ESCLUSA: ,00 % lva: 21% _ DURATA APPALTO RICHIESTO (IN ANNI): 2 DATA SCADENZA CONTRATTO IN ESSERE:28/02/2013 BENE ACQUISTABILE TRAMITE CONVENZIONI CONSIP O DA MEPA: 1251 SI D NO TIPOLOGIA DI SPESARICHIESTA: D SPESA CORRENTE D INVESTIMENTO IN CASO DI INVESTIMENTO, SPECIFICARELA FONTE DI COPERTURA: D FINANZIAMENTO STATALE: _._ D FINANZIAMENTO REGIONALE: _ D ALTRO, ~. ESTREMI DEll'ATTO DI APPROVAZIONE DEl FINANZIAMENTO: DETERMINA W DEL ~ / /~

8 RAPPORTO DI TRASMISSIONE Lago APPROVVIGIONAMENTI NUlfIero 3381 Data :24 Data/Ora :24 Destinatario 3242 No. ID 3242 Durata 0'21" Ris. t40rm Pago 2 Esito OH 'l.'. """''''''''0-'-'1 "'"1''-.'''''''.'''''''''''.,,,..,,".."t.'. "-, ;c"""."'"~","""'-"",.,''!,! ",'~"""",. 0 ""~""'"). ".""p.>d'1),~""",- '1 0;'.-, ",'" p. "',," ''',.... _,, "'''' ",'" \':'~~~i Iv" ~'lt;<)/~~i """,,~,.. ' "-"" 1 11/ 1 t l -.".",,'" I>P >\lo,,,,,,,,,,,j 'I ""'" 'IlO" -o' 'I." W ':J"F,,,,,J 'r '''U''~'''''~''.Ii" 'c'è._,,,,,f " "''''''''''''''''"" ",",,,,,,,1'P."4-' 'S C" "-Ile' o,p\'."nu"uu, "I.'''''"''''" r" ''''f~,><",j """\',,","u 'il.~' "I-".n~l.'il1m\\' ~_'iji01io (liliaii}, l!,.-,,'.w' c"",jù,' '"r''' 'l' ",!",'_U" '11'" "'."" ''''l'"'''~ Cl;"'"."1) ",,,,,,.,,id,,, rs '~.I",,"li)t,'i L 1>1',""~'." "'.,~ pc <)""SS""\"",~ l'p ""10'<1 TtO.'.",,,,,,1,,""ni> " "u,,;,jlljou,' "I -e,,,i".' "AI ()1"~tn'~.I["".,,,J.,,,,",, ",J<<!wl TIV1"111Il'lV.lN"",'II<!,1I71,11Ei, ~~.-) 1J""Ul'~"'r"..' '1",,1'.'1' 'l'''u,,,, e,,\' "''-.l''j.'.'u"'ilj l'!"",,!.l,,~ ''''''''''1'<1"IU"'''''.'~'''''''''-'''<] 'l''''''',"".'''u''"'''] '''O'''"'''Ul'J'''''.1 """'''!U''"'<I_'''''''''(J 1'<' lull'lli i.?j{.'~w H""'",.~,.,",.'.: ".". ",,,,~\,,,,,,,,,... -,,..,,,,,.-,.., ""IIP'1,."w.',",IJ LI,., ''''''"''J' "'"'"'' ' ",',.~., ""'''"'''1'' "",dd.-..,-li

9 ., RAPPORTO DI Logo APPROUU[GIONA"ENTI NUMero 33B1 Data!'I :25 Data/Ora :25 Destinatario Bl:J No. ID B Durata. 8'14" Ris. NORn Pago 2 Esito OH.-".., ',","'0. ',l' ) ';' "_'''''' _"--;"'.-""'."w '"".,._."""",,'.'.',;"_0.' '-'-""'."~' "I _'"'''''''''' '.''''''-''w, ""..''''.l'pp',m'o.".",-""ll'p,d", ""I,,,.,>. '-'\'.""0,~".,'" '"!''!''''' 1"I"".)!m""~"J"I"JO~','II'" -.' 1~"~'~<"P'C'''~'r' '"""""1,1".11".",p...,,,,,1" >"''f'"''"'u'_'''''' "1"""",1 ":"'1'1-'" """!~' '11,11' ',,"'-,""""' "I,'""n",',c l'",'j.'p"><ud,.",',''r "'''U _'I:,~I "l" fwi.',~i'h\~'.'.'1'1r"1iij Olll.\ln~ l' '...,J "'"",,,,,,,I,i,- ""1'"' 'r """,,,,, "II'" """. h "1'0>'2\'- ""."'1>'''j.' "".;,'''1.1,-, " ',1<),:"1 ~I pr InIU" -li t',,\. l''' '''IO''''''''"",) l'p otm,'(] "",' ""!"ld ",un-,!'" "'""I,'J,,,,,,,, UI,~nl.'"..'.1,"i (r;;'i, """",<J u""". ""',.]'"1 ~ ]\, 1~'l~ll1,',- :J_~01')1 III ',1171,Hr;~ -:'110 "'1[''', "'[Y' -' '!"!"l,,..'l''''"'.l ""1-' ""'''l ""''''"''J '''!l,,,,.-,,,j,,~'""''''''1'5]'l''u''''_'~ """""[11 'l'!'o,,' ',,"w"""''l,~i",,,,,u"""j:oj,1"". """"J" I>'''l''''(] 1\- ljav S,IH --".' "": "'''''c,_',,,~ ",."~",,,-:.,,,""""."',.,, '""l'e",~w.a".",,,"'"""'''''''. ''''.,''''l''', '''.''''''''''','''"'''', "'."1

10 Une...,. r::" ;' O C..A.EIC ProceWr:'\o;','1 ;.,.,,!J., r ""~ I :28 Pag: 1 DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA f SOCIALE DIREZIONE REGIONALE BllANCIO, RAGIONERIA, FINANZA I: TRrBUTl Area CentraLe Acquisti e'crediti Sanitari AreaDB0112 Pro! n.. QI9,J.;2..2:> Roma, 'i.2*1"j~2 AI Di.~ttore della U,O.C. Approvvigionamt,nti della Azienda Ospedaliera San GiOViInni Addolorata Fax (, Oggetto: Decreto del Commissario ad Acta no U0042/2010 e n~ U00191/2012 _ Autorizzazione all'espletamento delle procedure di gara per l'acquistc, di beni e servizi. Con riferimento alla lettera protocollo n del 06/ si comunica che la Centrale Acquisti della Regione Lazio autorizza codesta Azienda Sanitafa all'espletamento delle procedure di gara per i beni indicati ln allegato, in coerenza COn la norrnath.3 vigente. La strategia di gara e la base d'asta definite dalla Stazi :me Appaltante devono essere tali da garantire un risparmio non inferiore a110% della spesa prec ;~dentemente sostenuta per la medesima fornitura. Inoltre, si fa presente che è preventiva mente necessario valutare la disponibilità dei prodotti/servizi sul MEPA, anche attraverso il ricorso alla Richiesta d Offerta (ROO), o tramile convenzioni Consip, così come disposto dalle Leggi n, 94 del 06/07/20'1;Z e n 135 del 07/ Cordiali saluti, ~<;3Q{J!'~l~:ilic[\-. s..\;ì\~i1i.-\,~~""'o1.!~.dl;,'~" cc.-'l"nok ~ <1;,lu <:",--t>j'-:.:-~~,. ijo..;<",ta ",.;~~,:,i,':~j,'..,~..,., " \,,\..'~- _'. '" A.P 27 NOV 2012, i\ R RI V O L (',l!lljlk'\(l {hp"'!.,lit,,,, (J.'fl<.,j,llc <ii "Ii,,~,) gz D}$'GE~T71iJ/r;; (Dott~j~n~' s. (iio','.iijjlr-,\dd""'r:iio Udij"o,<1<-" d,,,11;1,-r'."',.,lu "'''''"r l'\/i,'nd,, n'reei.)iirr.ll i,- I.):;. ",.,,'1'1'1.1n. IS,1i1 :,) I ---. _. 2 ì Muv Lvii 111'W. re;:;o11e.1 G<:io.if

11 Pag: l DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ10NE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE REGIONALE BILANCIO, RAGIONERIA, FINANZA E TRiBUTI Area Centrale Acquisti e Crediti Sanitari Allegato gare I 06/11/2012 i SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTAlE ( 23,847,00 2 ANNI J,'i~R(Jsa!ì.~im(mdi r]arihaldi, '7-00}45 Roma - Tel YJ,1,- Fax." a6:j rfi8.449j----ltl~w",.egione-{a;:io"ir

12 SIORVIZIO DI IGIENIO AMllIENTALI,1 Pagclol"1 SERVIZIO DI IGIENE At-18IENTAlfl Nella tabella sottostante sono mostrate le offerte presentate d<jifornitori in çorso di gara. Prima di procedere all'aggiudicazione provvisoria esaminare la documentazione economica cliccando sulla colonna del lotto di interesse, Per confermare un partecipante precedentemente designato cliccare su Aggiudica provvisoriamente. Se compare la scritta Aggiudicatario non è più possibile cambiare la designazione. Lotto, Offerte Ofr",rente Lotto LA ECO,SAN. ';;RL Offerta esclusa SOG ;A SRL 31600,00 Ema A09iudica definitivamente EURQOISI,'IFE$TAZIOrJl SERVlCE S.R.L ,16 EulO Aggiudica provv,sorlamente Miglior offerta: 31600,00 Euro ';1,; OocurTlcntc r,on inviato b:..lcmatiç;:unente Ooçum,~I,to approvato "'. GourmelllQ non atjprov~to 'ct. I.lnk Ò P,JCimd,11 vjiijta;:lon", cicl docijmcnw / pu"tcf)gl,' ')Cll~Cl)ln'III%IOlle Lrnk " pilgjlla di '1alutil.:iolle ucl documento I punteggio rlellil COrl1l111S5ione con note ;nsente Valut~~ionc documento IlOOl acç05sibile ùo~:uln;;>il'.o non ;)C02~c;lbile Lirlk iii clùwjli,)<ld di un documento rlrrn~to I il~k _,I.c:ovllrlOdd do chl (locurnt'nl'j; o,nj fonn;,to (word, 'Òxç,~I.!Xl'-.) i'" Uri,,! sua i~o,,~ ç;ppl'~iti.'. https)/www.acqllislil1rctcpa.it/no.:gozi:v:ìoll i/prv'? pag inu '-\', tl LIUI/.iOIl<': CIassi llca&ier j'-

13 , REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALI ERA COMPLESSO OSPEDAUERO SAN GlOVANNI ADDOLORATA ~EC'ONE LAZIO U.O.S. SCrl'Ì;i(} l'rcrcn:iol/<! C 1'1"0/(':;011" DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26, com111a 3, D.Lgs. 81/2008 come moditicato ed integrato dal D.Lgs. 106(2009) SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE Azienda o Ente Committente: Azienda Ospedalienl "Complesso Ospcdalicro S.Giovanni Addolorata Redattore del DUVRI: Fnbrizio Longhi Azienda sede dei lavori. ròrnilurc o servizi dci DUVRI: Aziendn Ospedalicra "Complesso Ospedalicrn S.Giovanni Addolorntn ç Briwnnico" Datore di lavoro: Dr. Gian Luigi Bracciale Progressivo DUVRln 25 Dr. Gian A pprova1o j I. Pro1: V"'I".,ùmc 1,1"I,n,, I ; /l' L L,' L_'- D,,((I /~!lj2j21if3 l'(i!'._ Id, 30, u

14 INTRODUZIONE 3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER LE DITTE ESTERNE 4 DISPOSIZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA DELL'APPALTO 4 ANAGRAFICA COMMITTENTE j ANAGRAfiCA ESECUTORI, PRESTA TORI, FORNITORI E OGGETTI DEI CONTRATTI 7 RISCHI INTERFERENTI DEI LUOGHI E MISURE (INTERNI) g RISCHIO INVESTIMENTO 16 RISCHIO CADUTA MATERIALI DALL' ALTO 17 CHIMICO 19 RISCHIO BIOLOGICO 21 RISCHIO ELETTROCUZIONE 22 STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA 23 SISTEMA DJ VERIFICA 24 INFORMAZIONI UTILI 25 GESTIONE DELLE EMERGENZE 26 Antincendio Piano Di Emergenza Ed Evacuazione 26 Incendio l(} Fughe di Gas 27 Terremoto 2S Allagamenti 28 Primo Soccorso 29 Infortunio 29 CONCLUSIONI 30 "-"U" ' 1 /,"I,., I i / \.: (/" L,/,, Il'.- J)[lw/o)/irY21!/3

15 INTRODUZIONE Il presente documento costituisce assolvimento all'obbligo djspost0 dall'articolo 26, comma:; dci DLgs. 81/2009, come ll1odincato cd integralo dal DLgs. 106/2009.L'obicttivo primario che si prefigge è quello di eliminare 0, ave ciò non sia stato possibile, di ridurre al minimo, 111 relazione all'evoluzione tecnologica, i cosiddetti rischi interferenti, cioè i rischi dovuti alla presenza simult<mecl nei luoghi di lavoro nell' Azicnd<1 Ospedaliera San Giovanni Addolorata (di seguito indicata come Azienda), in cui si ha la disponibilità giuridica, di più operatori economici che svolgono lavori o forniture o servizi per nostro conto, in aggiunta alle attività normalmente espletate da questa azienda. Il documento. per la complessità e 13 varietà di tutti i servizi presenti in Azienda, è attualmente un allegato DUVRI che concorre insieme ad altri allegati DUVRI alla realizzazione di un Documento Unico, il DUVRI dell'azie-nda, che contempla contemporaneamente, per luoghi di lavoro autonomi solto il profilo prevenzionale, tutte le attività affidate a terzi. Proprio per raggiungere tale documento finale, valutata la complessità e la variabilità delle lavorazioni affidate a terzi, che possono svolgersi al1'interno dell"azicnda S.Giovanni-Addolorata, si procede in prima istanza con l'elahoraziol1e di diversi allegati. aggiornati per ciascuna auività appaltata, che analizzano i rischi in funzione dell'evoluzione dei lavori, servizi e forniture. Il documento individua tutti i rischi interferenti. le relative misure di prevenzione e protezione e i soggetti obbligati ad atluarle. Dispone, inoltre, Ull sistema di controllo dell'atluazionc delle suddette misure, sia da parte dell'azienda esecutrice/fornitricc/prestatricc che da parte di questa azienda committente, per rendere quanto più possibile efficace in termini prevenzionistici. Non costituiscono oggetto del Duvri Ì rischi specifici propri dell'attività svolta dall"impresa appaltatrice. Il presente documento è redatto come DUVRI GENERICO, considera pertanto. preliminannellic al1'espletameno della gara e/o assegnazione del servizio, i rischi interferenti potenzialmente presenti: sarà oggetto di aggiornamenti a seguito della inividuazìonc dell<l ditta aggiudicataria. Il RUP individuato dall'azienda per la gestione del servizio oggetto di deliberazione curerà tutti gli adempimenti di legge avvalendosi, ove ritenuto necessario, anche della consulenza del SPP per la redazione del DUVRI "DINAMICO". In tal caso andranno fornite al SPP tutte le informazioni relalive alla ditta interessata necessarie per le integrazioni/aggiornamenli del DUVRl anche in corso d'opera. in panicolare i protocolli operativi di intervento. Tali protocolli saranno oggetto di tutte Ic integrazioni utili a ridurre i rischi da interferenza. A contrailo definito la ditta affidataria è tenuta al recepimento delle "DoclImento li?fol"mgziolji Dettagliale" e del "Piano di Emergel1za" da ritirare presso il SPP. nonché al ritiro del "Capilulalo Preslaziona!c" depositato presso la U.O.c. Approvvigionamenti. I c-, I \ IVerSlOlle l,o_o Vara 191fJ]1]1I13 Pa): 3dl31! " '1/ Il ;'I -..j\,,\ '. v \:,, ", r

16 CONDIZIONI PRELIMINARI PER LE DITTE ESTERNE Si ricord<l che tutte le imprese esterne hanno l'obbligo di provvedere al rispetto di tutti gli obblighi in materij di salute c sicuraza Ilei luoghi di lavoro nel rispetto di quanto stahilito dal D.Lgs 81/08 c m.]I. Tutto il personale dell 'impresa aggiudicatricc che presterà servizio all' interno dcii' Azienda dovrà: essere munito di tesserini dì identificazione in ottempernl1za ed in conformità con l'articolo 18 lettera u) del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Tutto il personale dell'appaltatore devl' esporre per lutto il tempo di permanenza nella sede del committente la tessera di riconoscimento corredata di fotografia contenente le sue generalità e l'indicazione del datore di lavoro; essere regolarmente assunto ed in regola con i premi assicurativi INAIL: ricevere adeguata e completa informazione, formazione ed addestramento sui rischi specifici relativi alle loro mansioni ai sensi degli articoli 36 e 37 del D.Lgs. 8\/2008, nonché sui contenuti e le procedure contenute nel DUVRI e nel Documento Informazioni!Jcllagliale; essere in possesso del giudizio di idoneità alla mansione specifica, sottoponendosi ai protocolli di sorveglianza sanitaria previsti d<.llmedico Competente de\l'impresa appaltatrice: indossare ave previsti, i Dispositivi di Protezione Individuale così come evidenziato dalla valutazione dei rischi stilata ai sensi dell'an 18 lettera d) del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.: attenersi scrupolosamente alle procedure e disposizioni dell'azienda. DISPOSIZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA DELL'APPALTO Di seguito vengono elencate le disposizioni genemli cui dovranno attenersi le imprese appaltatrici: Prima di accedere alle aree interessate dall'intervento, occorre concordare con il RUr (o Responsabile esecuzione del contratto o altro referente delegato dal committente) le tempistiche e le modalità di effettuazione delle attività e formalizzare attraverso il verbale di riunione le misure di prevenzione e protezione concordate (DUVRI DINAMICO del presente DUVRI); E' fatto obbligo di attenersi a tutte le indicazioni segnaletiche presenti (divieti, pericoli, dispositivi emergenza, ecc.), e al rispetto del senso di marcia delle vie di circolazione interne: Non si devono ingombrare le vie di fug<l con attrezzature e materinli vari. In particolare è rigorosamente vietato depositare anche solo momentaneamente in prossimità delle uscite di emergenza qualsiasi oggetto, mez7.0 o materiale; Non si devono lasciare nelle aree di lavoro attrez7.ature incustodite che possono costituire fonte di pe-ricolo se non dopo averle messe in sicurezza: Non si devono sposture, occultare o togliere i presidi e la segnaletica di sicurezza, se non in caso di assoluta necessità e solo dopo avere sentito il RSPP della sede oggetto dello svolgimento delle attività contrattuali: E' severamente vietato fumare in tutti i locali dell' Azienda; L'impresa dovrà utilizzare, per l'esecuzione dei lavori oggetto dell'appalto, esclusivamente macchine o attrezzature o sostanze conformi alle vigenti Norme di Legge e norme di buona tecnica: \n caso di sostituzione di lavoratori nel corso della durata contrattuale, deve essere preventivamente,comunicato, al committente per il tramite dci RUP, il nominativo del nuovo lavoratore. '.' I ''i-1''''''''" I n.n. : iii / i/( l ~/ li Dmo 191(J1'111I3 l

17 ANAGRAFICA COMMITTENTE COMMITTENTE -Denominazione ;Indirizzo ;CAP, Città c Provincia, :Nazionc!Tel~f()no c-fax AZIENDA O ENTE COMMITTENTE _.--- Azienda Ospedaliera "Complesso Ospedali ero S.Giovanni Addolorata ~- _..~ Via dell'amba Aradam, I84 ROMA RM ITALIA i =-~l ~3-2~5_3-_-_-_-_- -_~- _-_ -_-_-_-_-_-- ---,Nominativo Qualifica 'Indirizzo :CAP, Cittil c Pro~incia - Telefono inominativo,.--- IOualifica - Indirizzo e Fax CAP, Città c Provincia INazione! -. -,Telefono e Fax i ' SOGGETTO COMMITTENTE Dr. Gian Luigi Bracciale kcc--~---c Direttore Generale Via dell'amba Aradam, ROMA _.-.' ITALIA I=~-=~== _ _67_7_ _5_1_ _6_7_7_ 5_3_3_4_ l ---ì Via dell'amha Aradam. 9 Fabrizio REDA Tl'ORE Longhi TdP ~:~OMA DEL IlUVRI = - -~ j I, -I, I /)(l/o/9/fi2!]!i/3 l'''x. j d,.w " ~(

18 , -,Indirizzo AZIENnA SEDE nel LAVORI, SIèRVJZI E FORNITURE E OGGETTO DEL DUVRI Denominazione -- CAP, Città (' Provincia.Nazione - Telefollo c Fax INominativo,Indirizzo icap, Città e Provincia inazione I. 'Telefono c Fax OspcdaCicra "Comp-I~--;;s;-Ospcd~licro ~Giovm~lTAad(~loratl~ i Azienda Via dell'amba Aradam. - 9 I ROMA RM ITALIA i J DATORE DI LAVORO IDr_, Gian Luigi I:3raccia~ Via dell'amba Aradam ROMA ITALIA _ _--I i.nominativo :lndiri~zo I 'CAP, Città c Provincia,Nazione!T-cl~--r~n~ c Fax IFrancesco Arearo ;Pietro Lungo I I Fabrizio iguido I _ lmarco Agli GESTIONE nella SICUREZZA RESI'ONSABILE SERVIZIO IllI'REVENZIONE E l'rotezione --~----~~ Dott.ssa Francesca Pofi Longhi I - Ilvano Massari VcrsiOIli' I.IU! Simonc -I c---,---~ ~..-_._- Via dell'amba Aradam. 9 ' -----_ ROMA L ITALlA ADDETTI SERVIZIO DlI'REVENZIONE E l'hotezione Te!' 3366 Te\ 'l'cl Te\.3459 gag! - -~--~ j l I Tel ~-~-I ~ ~ Tel I I --I,..J I 1 i j l'''i: {, di 311 / /'.' -ti. -C

19 ANAGRAFICA ESECUTORI, PRESTATORI, FORNITORI E OGGETTI DEI CONTRATTI - - Contratto Dci Durata di Pcr conto Committente CONTRATTO ESTRlèMI CONTRATTUALI Ambientale del Contratto per l'affidamento del servizio di Igiene Complesso Ospedaliero S.Giovanni Addolorata i 201) J La durata dell'affidamento del servizio è di dodici mesi dalln data di! aggiudicazione.e' fatto ohbligo alla ditta aggiudicahlria di accettarci un'eventuale proroga del contratto per un periodo di mesi tfc,\ rinnovabilc alle stesse norme e condizioni, a semplice richiestaj dcii' Amministrazione ( cfr Capitolato d'appalto) _.- _.--- REFERENTI (R.U.P.) E.ssa Angela Antonietta Giuzio - U.o.c. Approvvigionamenti AFFIDATARIO ;Tipologia _1, J ORGANIGRAMMA SICUREZZA DATORE 1JI LAVOIW Nominativo J - ;Nominati\'o RESPONSABILE SERVIZIO ili PREVENZIONE E PROTEZIONE i _ L _ ADDETTI SERVIZIO ili PREVENZIONE E PROTEZIONE!Ccrtificato Numero - - C.C.I.A.A. di VERIFICA IDONEIT A' TECNICO-PROFESSIONALE ----l J \ PERSONALE IMPIEGATO NELL'ESECUZIONE DEL CONTRATTO , I,Tecnico specializzato -,~~ '=~-----~~~ ~ () -,l'n,'-iollel.n..ll Vllw19 f 02i21!/3 cp'y~:ìwdi3()1,.- i, \II{ /- -,-/ /' v - 0; fl

20 RISCHI INTERFERENTI DEI LUOGHI E MISURE (INTERNI) LUOGO Il1 LAVORO ~-_.-- AZienda Ospedalicra, Complesso Ospedalicro S.Giovanlli Addolorata- Via Dell' Amb8 Aradam, Roma :!, Descrizione Tutti i Presidi: San Giovanni, Addolorata, Britannico, Santa Maria e Sede Legale La mappa dci luoghi è consu!lab-ile sul portnle aziendale all'indirizzo --I \\~w\~angiovanni.roma.it J ;-c-c - 1+) Contratto - Attività - Inizio Affidamento ATTI VITA' del Servizio di igiene Ambientale -----~ _. -- interventi di bonifiche ambientali in materia di igiene in tutti [oe<lli dell'azienda OSpcdCllicra e relative pertincnze ,,, I - - Fine -, Orano f---- N0 d' ' ' l' I IOtervcntl annua I - Descrizione ~ Il numero, c le modalità di intervento. è descritto nell'allegato. (All.to B) delle "Condizioni partico/tlri di contra110 serl'ìzio dii igiene ambientale" Il servizio prevede le seguenti tipologie di intervento:, I!, Derattizzaziolle Disinfestazione a carallere repellenlc relfili Deblallizzuziollc Allontanamento volatili Allol1/(llJamel1lo api Demuscarizzazionc Dczanzarizzazionc Disinfestazione vespe e calahroni La Ditta dovrà intervenire col11l1odalità idonee secondo la specilìca) attivit;] svolta in tutti i locali dell'azienda Ospedaliera e relative', pertinenze. Sono pertanto oggetto del servizio la valutazione det! rischio ambientale conse!.!uente alle attività svolte e gli interventi di igiene ambientale secondo uno specifico programma operativo che: privilegi la prevenzione dai singoli rischi potenziali. ~~ Vcrsi<mc /.v,n,ii /

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 409 DEL 05/07/2012 OGGETTO: Approvazione atti di gara Aggiudicazione

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO

Gara pubblica europea SERVIZI DI FACCHINAGGIO E TRASPORTO QUESITO n. 1 con riferimento all'elenco dei servizi analoghi prestati nell'ultimo triennio (2004/2005/2006) volevo cortesemente sapere se i certificati di buona esecuzione rilasciati dai committenti devono

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli