12agosto agosto2012. Augusta, 12 Agosto. LETTERA APERTA Gli Angeli Custodi. Richiesta derattizzazione e disinfestazione urgente - C.C.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12agosto2012. 09agosto2012. Augusta, 12 Agosto. LETTERA APERTA Gli Angeli Custodi. Richiesta derattizzazione e disinfestazione urgente - C.C."

Transcript

1

2 12agosto2012 LETTERA APERTA Gli Angeli Custodi Posted: 12 Aug :05 AM PDT Augusta, 12 Agosto Ancora una volta, il tempestivo ed efficace intervento della polizia penitenziaria ha impedito che la lunga scia di morte per suicidio in cella potesse allungarsi. Attorno alle dell 11 agosto 2012 un detenuto poco più che trentenne si era legato un lenzuolo al collo per impiccarsi e solo grazie al tempestivo intervento di due operatori si è risolto l'evento critico. L UGL esprime soddisfazione per il salvataggio del detenuto ma allo stesso tempo senso di tristezza, perchè non è giusto che spesso una sola unità, soprattutto nei turni notturni, debba vigilare circa 140 detenuti. Urge un provvedimento tampone per mettere fine al notevole carico di lavoro del personale di Polizia Penitenziaria, anche ricorrendo all'utilizzo dei militari per la sorveglianza esterna dei penitenziari Repubblicani. Insomma se proprio servisse confermare, oggi come sempre, si conferma che la Polizia Penitenziaria continua a salvare vite, ad essere oggetto di aggressioni anche se è messa in condizione di operare senza slavaguardia dei livelli minimi di sicurezza, oltre al grave disagio lavorativo ci si mettono anche le scellerate politiche economiche di un Governo che ragiona solo in termini ragioneristici perdendo di vista la centralità degli operatori di polizia e dei loro diritti. Nonostante tutto è solo grazie all impegno, alla dedizione, alla professionalità dei poliziotti penitenziari che si continuano a salvare vite umane e a garantire la sicurezza all interno dei Penitenziari in condizioni lavorative tragiche. Concludiamo invitando il Ministro Severino a riflette a seguitodell ennesimo evento critico, di recepire una volta per tutte l urgenza e la necessità di procedere ad assumere operatori di polizia i cui organici registrano vacanze per circa 7000 unità che aumenteranno alla fine di quest anno a causa della mancata copertura del tournover. 09agosto2012 Richiesta derattizzazione e disinfestazione urgente - C.C. Cosenza Inaugurazione reparto protetto presso nosocomio Matera CARCERI. UGL: BENE MIGLIORAMENTO CONDIZIONI DI DETENZIONE - LETTERA AD ALTRE REGIONI PER SEGUIRE PROVVEDIMENTI LAZIO CARCERI: UGL, BENE ACCELERAZIONE DDL MISURE ALTERNATIVE REGINA COELI, POLVERINI:SARA INSEDIATA COMMISSIONE PARITETICA Richiesta derattizzazione e disinfestazione urgente - C.C. Cosenza Posted: 09 Aug :00 AM PDT Con nota n 29SRC del 17/05/2012, (tanto per cambiare) ad oggi

3 non riscontrata e che ad ogni buon fine si allega in copia alla presente, la scrivente O.S. ebbe modo di segnalare una problematica, quale quella inerente alla ragguardevole presenza di topi di dimensioni mastodontiche presso la C.C. Cosenza, che in questi giorni sembra abbia avuto ulteriori sviluppi, tanto che gli avvistamenti e le scorribande di tali amabili creature pare si siano moltiplicate in maniera esponenziale, tanto la lambire, se non interessare direttamente, in particolare, la mensa agenti, ma anche: i reparti detentivi (isolamento su tutti),atrio mandorla,lavanderia,caserma agenti,parcheggi esterni,ecc... Tale situazione, che ha ingenerato nel personale enorme malumore, pare sia sfociata in data odierna in una più che legittima protesta pacifica del Personale consistita con l'astensione dalla M.O.S., allo stato delle cose, a tempo indeterminato. Atteso che presso la Casa Circondariale di Cosenza pare si stia assistendo ad una sorta di fobia collettiva (giustificata), in particolar modo nelle ore notturne, allorquando i roditori notoriamente escono maggiormente allo scoperto in quanto il buio ne incoraggia l'attività predatoria, pregiudica enormemente, oltre che la tranquillità lavorativa, la salubrità, l'igiene e la dignità degli ambienti dove soggiorna la Polizia Penitenziaria, già provata dagli immani carichi di lavoro, dalla calura estiva, dal sovraffollamento delle patrie galere e dalla mancanza di personale, acuita da un piano ferie in corso di svolgimento, l'ugl Polizia Penitenziaria ritiene che sia giunto il momento di mettere fine a questa situazione incresciosa procedendo con sollecitudine alla derattizzazione dell'istituto bruzio. D'altro canto, non si comprendono le motivazioni di tanto immobilismo e tergiversare, rispetto ad una situazione che potrebbe compromettere, in aggiunta alle temperature elevate di questo periodo, lo stato di salute dei Poliziotti Penitenziaria (che ci stanno maggiormente a cuore), del personale "civile", di tutti coloro che accedono in istituto a vario titolo e dell'utenza che, in quegli ambienti, deve permanerci 24h su 24h. Con nota n 29SRC del 17/05/2012, (tanto per cambiare) ad oggi non riscontrata e che ad ogni buon fine si allega in copia alla presente, la scrivente O.S. ebbe modo di segnalare una problematica, quale quella inerente alla ragguardevole presenza di topi di dimensioni mastodontiche presso la C.C. Cosenza, che in questi giorni sembra abbia avuto ulteriori sviluppi, tanto che gli avvistamenti e le scorribande di tali amabili creature pare si siano moltiplicate in maniera esponenziale, tanto la lambire, se non interessare direttamente, in particolare, la mensa agenti, ma anche: i reparti detentivi (isolamento su tutti),atrio mandorla,lavanderia,caserma agenti,parcheggi esterni,ecc...tale situazione, che ha ingenerato nel personale enorme malumore, pare sia sfociata in data odierna in una più che legittima protesta pacifica del Personale consistita con l'astensione dalla M.O.S., allo stato delle cose, a tempo indeterminato. Atteso che presso la Casa Circondariale di Cosenza pare si stia assistendo ad una sorta di fobia collettiva (giustificata), in particolar modo nelle ore notturne, allorquando i roditori notoriamente escono maggiormente allo scoperto in quanto il buio ne incoraggia l'attività predatoria, pregiudica enormemente, oltre che la tranquillità lavorativa, la salubrità, l'igiene e la dignità degli ambienti dove soggiorna la Polizia Penitenziaria, già provata dagli immani carichi di lavoro, dalla calura estiva, dal sovraffollamento delle patrie galere e dalla

4 mancanza di personale, acuita da un piano ferie in corso di svolgimento, l'ugl Polizia Penitenziaria ritiene che sia giunto il momento di mettere fine a questa situazione incresciosa procedendo con sollecitudine alla derattizzazione dell'istituto bruzio. D'altro canto, non si comprendono le motivazioni di tanto immobilismo e tergiversare, rispetto ad una situazione che potrebbe compromettere, in aggiunta alle temperature elevate di questo periodo, lo stato di salute dei Poliziotti Penitenziaria (che ci stanno maggiormente a cuore), del personale "civile", di tutti coloro che accedono in istituto a vario titolo e dell'utenza che, in quegli ambienti, deve permanerci 24h su 24h.In attesa di urgente riscontro e riservandosi sin da ora ulteriori iniziative a tutela del Personale in servizio presso la C.C. Cosenza, l'occasione é gradita per porgere Distinti saluti. Inaugurazione reparto protetto presso nosocomio Matera Posted: 09 Aug :58 AM PDT CARCERI. UGL: BENE MIGLIORAMENTO CONDIZIONI DI DETENZIONE - LETTERA AD ALTRE REGIONI PER SEGUIRE PROVVEDIMENTI LAZIO Posted: 08 Aug :29 PM PDT (DIRE) Roma, 8 ago. - "Ci conforta l'accelerazione al provvedimento sulle misure alternative alla detenzione annunciata dal ministro Severino, perche' cosi' e' possibile ridurre il sovrappopolamento delle carceri. Siamo, tuttavia, fortemente preoccupati dall'apertura entro l'anno di ben nuovi posti detentivi, perche' in netto contrasto con quanto approvato solo ieri dall'aula della Camera rispetto ai tagli del turn over per l'attuazione della spending review". Lo dichiara il segretario nazionale dell'ugl Polizia Penitenziaria, Giuseppe Moretti, aggiungendo che "il ministro sa bene che le condizioni di lavoro del personale sono inaccettabili gia' ora a causa della grave carenza di organico e se il Parlamento non si rende conto che l'apertura di nuove carceri significhera' un'ulteriore riduzione di personale in quelle esistenti, vuol dire che non c'e' una vera volonta' di mantenere l'ordine e la sicurezza nelle case circondariali". "Siamo molto colpiti dalla assidua presenza nelle strutture penitenziarie del Guardasigilliaggiunge Moretti- e la visita di oggi a Regina Coeli, con la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, indica il proposito di voler affrontare e risolvere le criticita', ma occorre fare di piu' per il benessere di chi nelle carceri vi opera 'silenziosamente', come detto dalla stessa Severino. Speriamo che provvedimenti straordinari come quelli programmati con la Regione Lazio non restino isolati. Per questa ragione- conclude il sindacalista- oggi abbiamo inviato una lettera ai presidenti di ciascun Regione affinche' si attivino nella stessa direzione della Regione Lazio, per il miglioramento delle condizioni lavorative e di detenzione". (Com/Rel/Dire) 18: NNNN CARCERI: UGL, BENE ACCELERAZIONE DDL MISURE ALTERNATIVE Posted: 08 Aug :28 PM PDT (ANSA) - ROMA, 8 AGO - "Ci conforta l'accelerazione al provvedimento sulle misure alternative alla detenzione annunciata dal ministro Severino, perché così è possibile ridurre il sovrappopolamento delle carceri. Siamo, tuttavia, fortemente preoccupati dall'apertura entro l'anno di ben 3500 nuovi posti detentivi, perché in netto contrasto con quanto approvato solo ieri dall'aula della Camera rispetto ai tagli del turn over per

5 l'attuazione della spending review". Lo dichiara il segretario nazionale dell'ugl Polizia Penitenziaria, Giuseppe Moretti, aggiungendo che "il ministro sa bene che le condizioni di lavoro del personale sono inaccettabili già ora a causa della grave carenza di organico e se il Parlamento non si rende conto che l'apertura di nuove carceri significherà un'ulteriore riduzione di personale in quelle esistenti, vuol dire che non c'é una vera volontà di mantenere l'ordine e la sicurezza nelle case circondariali". "Siamo molto colpiti dalla assidua presenza nelle strutture penitenziarie del Guardasigilli, - aggiunge Moretti - e la visita di oggi a Regina Coeli, con la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, indica il proposito di voler affrontare e risolvere le criticità, ma occorre fare di più per il benessere di chi nelle carceri vi opera 'silenziosamente', come detto dalla stessa Severino". "Speriamo che provvedimenti straordinari come quelli programmati con la Regione Lazio non restino isolati. Per questa ragione - conclude il sindacalista - oggi abbiamo inviato una lettera ai Presidenti di ciascun Regione affinché si attivino nella stessa direzione della Regione Lazio, per il miglioramento delle condizioni lavorative e di detenzione". (ANSA). COM-BOS 08-AGO-12 18:13 NNNN Prendiamo atto che chi cantava vittoria oggi esprime preoccupazione, x il voto della Camera. Un caso di tardivo ma miracoloso ravvedimento. Ugl Pol Pen Agosto 8, 2012 REGINA COELI, POLVERINI:SARA INSEDIATA COMMISSIONE PARITETICA Posted: 08 Aug :27 PM PDT La presidente della Regione Lazio, Renata Polverini e il ministro della Giustizia, Paola Severino hanno visitato il centro diagnostico terapeutico del Regina Coeli 08/08/ Una Commissione paritetica tra Regione Lazio e Ministero della Giustizia, per risolvere le criticità del Centro diagnostico terapeutico dell istituto penitenziario Regina Coeli. È quanto ha annunciato la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, che ha visitato insieme al Guardasigilli, Paola Severino, il centro clinico del carcere romano di via della Lungara. La Commissione - ha detto Polverini - formata da personale tecnico delle due istituzioni, indicherà entro il 20 settembre le tappe e i lavori che andranno effettuati nel centro clinico di Regina Coeli. Ci siamo dati tempi brevi e la visita congiunta di oggi dimostra che se le istituzioni collaborano i problemi di possono risolvere. La Commissione si occuperà della tipologia di prestazioni erogabili all interno del Centro su una base di analisi costi benefici e delle linee di attività prevalenti relative alla popolazione malata detenuta. Ad oggi, il centro clinico di Regina Coeli conta 80 posti letto e sono circa 70 i detenuti in cura, mentre il personale medico è composto da circa 130 unità. Il numero del personale medico è adeguato ha aggiunto la presidente - valuteremo tuttavia, contratto per contratto, la possibilità di allungare l orario di lavoro e ho dato

6 mandato sin da adesso di implementare il numero degli psichiatri, in considerazione del fatto che questo è un carcere con un alto numero di detenuti in attesa di giudizio o che entrano per la prima volta e che quindi hanno bisogno di attenzione e di assistenza psicologica. Inoltre, ha aggiunto Polverini le sale operatorie hanno bisogno di un percorso post-operatorio adeguato per potere effettuare in futuro interventi che richiedono ricovero con decorso direttamente all interno della struttura, al fine di rendere questo centro un vero e proprio presidio sanitario regionale. La presidente ha infine ricordato come sia già attivo presso il centro diagnostico il progetto di tele cardiologia, realizzato in collaborazione tra la Asl RmA e l ospedale San Giovanni stiamo lavorando per far funzionare questo servizio h24 e a breve verrà esteso anche alla teleradiologia. Soddisfatta dell incontro il ministro Severino: È stata una visita molto costruttiva - ha detto - abbiamo programmato una serie di impegni e ci siamo raccontati le cose fatte e da fare. Abbiamo parlato delle novità del provvedimento sulle misure alternative al carcere, come la messa alla prova e i domiciliari, calendarizzato in aula a settembre. L'incontro con i detenuti è stato molto interessante, loro ci hanno posto una serie di problemi concreti legati al tema della recidiva e della tossicodipendenza. Regina Coeli : Prevista per oggi la visita della Presidente Polverini in particolareal Centro Clinico. In vista specifici stanziamenti Ugl Pol Pen Agosto 8, agosto2012 Graduatoria soggiorno per diplomati - Boston 2012 Posted: 07 Aug :25 PM PDT Si trasmette la ministeriale GDAP del relativa a quanto in oggetto indicato. SIGNOR MONTI NON FUGGA PARLIAMO DI ETHICAL REVIEW Posted: 07 Aug :16 PM PDT È troppo facile dire che non c è tempo per il confronto quando è il Governo che non convoca la Parti Sociali e, quando lo fa, i suoi rappresentanti parlano dei massimi sistemi senza mai entrare nei particolari. Gli stessi particolari che saranno oggetto delle norme approvate in tutta fretta e che sono state decise in qualche stanza del Ministero dell Economia o di Palazzo Chigi, tra tecnici e burocrati. Non accettiamo che le Parti Sociali siano rappresentate da Direttori Generali e dirigenti di prima fascia i quali, quando si decide sui tagli alla spesa pubblica sono in conflitto d interesse. Ed infatti, caro professor Monti, noi siamo disponibili a parlare di tagli nel pubblico impiego ma iniziando: dalle fantomatiche consulenze, ultimo tentacolo della classe politica per sistemare amici, parenti e affini

7 dai privilegi della nostra classe dirigente: dal divario enorme che si è creato tra le retribuzioni dei dirigenti e quello del personale contrattualizzato che, per di più, viene strumentalizzato quando si pubblicano le statistiche delle retribuzioni, fornendo al Paese un dato falsato della realtà. o che non ha alcun controllo sui propri tempi di lavoro e gli impegni extra ufficio o che autocertifica i risultati ed arriva ad autocertificare anche i propri buoni pasto arrivando a sommarne più di 60 in un mese o che, per aggirare la riduzione delle auto blu, stipula contratti con società di autonoleggio o usa le auto per i servizi di sicurezza come taxi PROFESSOR MONTI NON FUGGA DAL TAVOLO DELLA CONCERTAZIONE! Non ci spaventano i tagli,quanto l ingiustizia e il pressappochismo,che regnano in questo Paese, dove si parla tanto solo per accontentare la forma, ma alla fine decidono in pochi e sempre per tutelare singoli privilegi. Noi non accettiamo passivamente il trasferimento coatto del personale, la riduzione del nostro reddito (che si chiami buoni pasto, tredicesima o altro) senza che siano toccati i punti fondamentali di equità e di giustizia sociale, senza la quale la sua è, e sarà, solo un operazione di cassa che poteva effettuare l ultimo dei Fantozzi! SCIOPERO 07agosto2012 Commisione art.22 comma 3 DPR 395/95 - Trasmissione Verbale AGOSTO : BREVE PAUSA TECNICA, MA NON NEL PROCESSO DI MOBILITAZIONE SIAMO PREOCCUPATI PER IL FUTURO DELLA GIUSTIZIA MINORILE IN CALABRIA Spending review: Ugl, rivedere tagli al comparto sicurezza CARCERI:UGL, DA UE DISPONIBILITA'VALUTARE AZIONI APPROPRIATE Competenze dei coordinatori ntp e uscite extracomunali Uniforme di servizio per il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria e servizio di autista Fumo passivo in ambiente carcerario e dipendenti con cause di servizio ad hoc La denuncia deil'ugl: detenuti in ospedale con un solo piantone Commisione art.22 comma 3 DPR 395/95 - Trasmissione Verbale Posted: 06 Aug :18 PM PDT Si trasmette la nota n datata di cui all'oggetto. AGOSTO : BREVE PAUSA TECNICA, MA NON NEL PROCESSO DI MOBILITAZIONE Posted: 06 Aug :16 PM PDT VENERDI 28 SETTEMBRE 2012 di tutti i Dipendenti del Pubblico Impiego Fra qualche giorno la sede della Segreteria Nazionale sospenderà la propria attività organizzativa per un breve periodo di riposo dei suoi addetti, ma in questo

8 momento clou che caratterizza l estate con il rito dell anguria mangiata a ferragosto con gli amici, magari sotto una pergola con l uva da tavola che non riesce a non essere mangiata direttamente dalla vite, vogliamo rassicurare tutti coloro che avranno bisogno di assistenza che i nostri canali mediatici continueranno ad essere attivi e sempre a disposizione, soprattutto il nostro ufficio legale e la nostra stazione informativa presso il dipartimento a cui chi ha bisogno può rivolgersi direttamente. Continuerà ad essere attiva la nostra determinazione nel rivendicare i diritti della Polizia Penitenziaria con tante iniziative come quella della visita nelle sedi penitenziarie di diversi segretari nazionali e regionali nel giorno di Ferragosto anche per dire a qualche politico che farà la solita passerella, che siamo stufi dei riti simbolici e vogliamo i fatti. Anche per ribadire la nostra assoluta vicinanza ai colleghi che ad agosto lavoreranno, proprio il 1 agosto si è tenuta una riunione straordinaria della Segreteria Nazionale Federale finalizzata a riprogrammare e focalizzare l attività e gli obiettivi che intende perseguire la Federazione nell ultima parte del 2012 con particolare riferimento ai seguenti temi : - Tragico fenomeno suicidi tra il personale di Polizia Penitenziaria; - Determinazione Piante Organiche Nazionali e sedi non penitenziaria (DAP, Scuole, PRAP); - Analisi progetti per la realizzazione dei Circuiti Regionali; - Modifica PCD mobilità ordinaria; - FESI Dopo un ampia disamina degli argomenti sopra elencati la Segreteria Federale ha stabilito quanto segue : Sul Fenomeno dei suicidi, pur considerando la moratoria chiesta dall Amministrazione Penitenziaria, si procederà ad inviare una lettera ai Provveditori regionali con richiesta di notizie sull attuazione delle norme in vigore che riguardano gli adempimenti rispetto alla verifica dello stress da lavoro correlato. Monitoraggio affidato anche ai Segretari Regionali. Per sostenere le iniziative sul benessere del personale e sensibilizzare le istituzioni sul fenomeno dei suicidi, sarà inviata una lettera ai Presidenti delle Regioni con cui si trasmetterà copia della delibera n.603 del 16/12/2011 della Regione Lazio che ha stanziato 100 mila euro per l apertura di centri d ascolto psicologico. Per quanto attiene le iniziative di tutela interne, dal mese di settembre anche la federazione aprirà uno sportello di consueling con un servizio iniziale di tre ore a settimana in cui si alterneranno al telefono tre esperti, un consulente psicologico, un consulente legale e un consulente sindacale. Tale servizio completerà quanto già avviato in via sperimentale dalla federazione in materia di tutela del personale. In merito alle assegnazioni dei neo agenti da cui ne è conseguita una discreta mobilità a domanda, poiché non sembra che la Direzione Generale del Personale abbia tenuto conto dei tagli al turn over che si vorrebbero attuare e non sembra siano state considerate le nuove aperture previste in alcune regioni in particolare, si è convenuto di inviare una nota all amministrazione e al ministro per segnalare il dissenso a riguardo, richiedendo altresì che per il futuro si effettuino piani di assegnazione tenendo conto dei posti di servizio e non di parametri e coefficienti che non possono dare risultati veritieri e corretti. Poiché sempre la Direzione Generale del personale ha chiesto un parere sulle piante organiche delle sedi diverse dai penitenziari, si è deciso di chiedere (congiuntamente alle altre OO.SS.) un urgente convocazione trattandosi di materia oggetto di contrattazione riguardando anche la mobilità del personale interessato e la ;

9 scopertura di sedi penitenziarie sul territorio. A ciò quindi dovrà seguire un serio esame delle dotazioni organiche nazionali come chiede da tempo l UGL. In riferimento ai circuiti penitenziari, in vista dell incontro preannunciato dal Ministro per metà settembre, risultato di una battaglia svolta sia congiuntamente che singolarmente, si è dato incarico all Osservatorio Scientifico della Federazione di procedere alla stesura di osservazioni e proposte che debbono basarsi sul concetto di tutelare l importanza dell osservazione e della prevenzione che viene esercitata dall agente con la presenza fisica nelle sezioni detentive. Tale proposta e uno studio per le modifiche da apportare al P.C.D. sulla mobilità ordinaria, saranno oggetto di un preventivo esame nel corso della prossima riunione della Segreteria Federale allargata anche alla Conferenza permanente dei Segretari Regionali. Al tavolo che la Direzione generale del Personale intenderà aprire, l UGL proporrà di valutare una stabilizzazione anche di alcune tipologie distacchi territoriali (purché extra pianta organica con riassorbimento come proposto per il DAP) per evitare che si prosegua con l ambigua situazione attuale di non chiarezza nel numero dei distacchi per ragioni diverse da quelle di cui all articolo 7 del dpr 254/99 (ivi compresi i distacchi di tipo amministrativo). Questa decisione fa salve eventuali iniziative che saranno adottate congiuntamente alle OO.SS. con le quali si stanno portando avanti positive iniziative rivendicative. In ultimo sulla questione FESI, si è convenuto sulla necessità della ratifica del piano di ripartizione sottoscritto per l anno scorso, considerando valide le ragioni riportate nel comunicato congiunto emesso a seguito dell incontro in questione. In aggiunta a tali motivazioni va comunque sottolineato che l UGL Polizia Penitenziaria intende salvaguardare la contrattazione decentrata per poter retribuire anche coloro che svolgono più di un servizio nello stesso turno, senza parlare dell inopportunità di ridurre maggiormente il contributo ora inviato a chi svolge servizio nelle sezioni detentive, che sarebbe pregiudicato se si stabilisse oggi un sistema di distribuzione a pioggia con bonus al raggiungimento di un tetto annuale (come propone qualcuno) in assenza di ulteriori stanziamenti. Inoltre, la segreteria si è riservata per l accordo del 2013 di valutare l assegnazione di un incentivo al raggiungimento di un tetto di presenze, nonché di acquisire un parere su formule diverse di incentivazione attraverso un sondaggio che sarà avviato entro il mese di settembre. Sempre come ipotesi di proposta la segreteria federale si è riservata di valutare la presentazione una richiesta sul prossimo testo, di differenziazione di incentivo rispetto alla diversa attività svolta tra sezioni ordinarie e sezioni A.S., così come proposto dalla Segreteria Regionale della Sicilia. La Segreteria Federale ha altresì deciso di agire in modo incisivo per un ripristino di corrette relazioni sindacali soprattutto riferite ai rapporti sul territorio, rilevandosi anche a livello nazionale una disicrasia tra i rapporti con le OO.SS. Una molteplicità di iniziative che non trascureranno quelle di lotta più specifica riferite alle storiche rivendicazioni che porta avanti la federazione e che costituiscono l ossatura di una mobilitazione che si svilupperà nei prossimi mesi qualora non arrivino concrete risposte su temi scottanti, quali non ultimo l annoso problema del riallineamento dei funzionari del corpo. Molti sono dunque gli elementi messi all ordine del giorno di questo agosto per non allentare l attenzione, bensì rinforzare le iniziative rivendicative che ci contraddistinguono e che non disdegneremo di condurre unitamente alle altre sigle con cui è bene ribadirlo, abbiamo fattivamente lavorato a livello nazionale in questi ultimi mesi. <

10 Per prepararci ad un settembre pieno di impegni ad incominciare dalla possibile sensibilizzazione sulle modifiche da attuare rispetto ai tagli del turn over, abbiamo delineato un complessivo riassetto organizzativo che vedrà una maggiore partecipazione dei Segretari Federali e dei Responsabili dei Coordinamenti Nazionali presso la Segretaria Nazionale. A riguardo, ricordando a chi legge che i coordinamenti tematici (NTP, FUNZIONARI, MINORI e DONNE) sono organismi tecnici di supporto alla Segreteria Nazionale rispetto alle specifiche dinamiche che contraddistinguono ampi settori della nostra categoria, dando attuazione a quanto stabilito con precedenti delibere che avevano previsto la costituzione anche di un Coordinamento Pensionati UGL Polizia Penitenziaria, si è deciso di individuare entro il mese di settembre un Responsabile e di procedere alla costituzione formale di un gruppo che possa esprimersi per rivendicare la propria identità in modo libero e non certo autoreferenziale. Un piccolo segnale che vogliamo dare anche ai colleghi in quiescenza, spiegando loro che si può ancora fare bene per i colleghi in servizio. Queste iniziative si spera possano dare il senso di un intensa mobilitazione che riguarda ogni singolo dirigente dell UGL Polizia Penitenziaria ma anche chi da semplice iscritto vuole essere protagonista del suo futuro, perché, nonostante qualche tecnico tenti di sminuirne il ruolo è solo grazie al sindacato che si sono raggiunte le conquiste che oggi caratterizzano la società moderna. Non è certo qualcosa che può essere dimenticato. Certi che avremmo modo di far sentire la nostra voce e le nostre idee, approfitto dell occasione augurare a tutti un buon ferragosto. SIAMO PREOCCUPATI PER IL FUTURO DELLA GIUSTIZIA MINORILE IN CALABRIA Posted: 06 Aug :13 PM PDT Roma, 6 ago. (Adnkronos) - "Mentre il governo continua a lavorare sulla spending review, cercando di mettere a punto il piano di risparmio della macchina statale, con la chiusura del Centro di prima accoglienza (Cpa) di Reggio Calabria, assistiamo, paradossalmente, ad uno vero spreco di risorse umane ed economiche". Lo dichiarano il segretario nazionale dell'ugl Polizia penitenziaria, Giuseppe Moretti, ed il coordinatore nazionale del settore minorile, Walter Campagna, aggiungendo che "l'attivita' del Cpa risulta fondamentale per tutto il comprensorio reggino e dopo la sua chiusura siamo preoccupati per il futuro della giustizia minorile in Calabria". "Le forze dell'ordine e della polizia penitenziaria operanti nella provincia di Reggio Calabria -proseguono i sindacalistiin esecuzione di un provvedimento d'arresto o di fermo nei confronti di un minore, sono ora costretti a raggiungere la medesima struttura presente nella citta' di Catanzaro. Riteniamo, quindi, che sarebbe stato meglio rivedere il ruolo e la posizione di altri uffici periferici della giustizia minorile, anziche' sospendere l'attivita' di una struttura importante come il Centro di prima accoglienza". "La situazione delle carceri minorili - concludono Moretti e Campagna- e' assolutamente critica e la speranza e' che la recente nomina di Caterina Chinnici a capo del Dipartimento della giustizia minorile, possa avviare un progetto di complessivo riassetto del sistema detentivo dei minori, essendo chiaro che non si puo' continuare a considerare tale settore dell'esecuzione detentiva meno importante di quello degli adulti, per i riflessi sociali che ha il recupero del minore reo". Spending review: Ugl, rivedere tagli al comparto sicurezza Posted: 06 Aug :12 PM PDT =

11 (ASCA) - Roma, 6 ago - ''Se non si interverra' prontamente per rivedere i tagli previsti dalla spending review e non verranno rese disponibili quanto prima le risorse del Fondo Unico Giustizia, le ricadute sul comparto sicurezza saranno tali da non poter piu' garantire la tranquillita' dei cittadini''. A lanciare l'allarme e' il Coordinamento Sicurezza Ugl, organo che riunisce il personale di Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, Corpo Forestale dello Stato e Vigili del Fuoco, che in una nota chiede che vengano messi a disposizione del settore ''i proventi derivanti da misure di prevenzione antimafia, nonche' i beni confiscati alla criminalita' organizzata e, quindi, tutte quelle risorse recuperate grazie al costante lavoro delle Forze dell'ordine e della Magistratura, incluse nel Fondo Unico Giustizia''. ''I lavoratori del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, - prosegue la nota - continuano a lavorare con eguale professionalita' ed impegno, nonostante le difficolta' ed i sacrifici imposti dai tagli alle risorse, per rispetto sia delle Istituzioni sia di quell'innato senso dello Stato che l'attuale Esecutivo, invece, sembra aver ''rimpiazzato' con un congenito senso dell'economia''. ''E' del tutto evidente - conclude la nota -che in assenza di risposte concrete da parte di Governo e Parlamento, il sottile confine tra diritti e doveri, non sempre identificabile nell'attivita' dei rappresentanti delle Forze dell'ordine, ci costringera' a porre dei paletti ben evidenti, affinche' non siano i colleghi che rappresentiamo a pagare il prezzo di politiche sbagliate che stanno comportando scelte scellerate''. CARCERI:UGL, DA UE DISPONIBILITA'VALUTARE AZIONI APPROPRIATE della Commissione europea e responsabile per la Giustizia, i diritti fondamentali e la cittadinanza, Viviane Reding, in risposta alla lettera che l'ugl Polizia Penitenziaria aveva indirizzato per "sollecitare atti di indirizzo specifici e provvedimenti volti a garantire la piena tutela degli agenti". Lo rende noto il segretario nazionale dell'ugl Polizia Penitenziaria, Giuseppe Moretti, spiegando che "nella lettera, la Commissione Ue ricorda che 'la responsabilità della gestione delle carceri e del loro personale spetta agli stati membri e rientra quindi nella sfera di competenza delle autorità italiane'. Ricordando che nel 2011 la Commissione ha pubblicato un libro verde sull'applicazione della normativa dell'ue sulla giustizia penale nel settore della detenzione, nella missiva si sottolinea - spiega Moretti - che sono state circa 90 le risposte dagli Stati Membri e dai soggetti interessati, che saranno analizzate 'attentamente per valutare le azioni più appropriate che possono essere adottate a livello europeo'". "L'attenzione da parte della Commissione europea sulle criticità del comparto - spiega il sindacalista - è un segnale importante perché la situazione nel nostro Paese si fa sempre più drammatica: gli agenti della Polizia Penitenziaria è costretta a sostenere carichi di lavoro molto pesanti in condizioni di scarsa sicurezza e senza strumenti adeguati a garantire il reale recupero del detenuto con grandi difficoltà per la sicurezza del personale stesso e dei detenuti. Le misure contenute nel decreto sulla spending review, a partire dalla riduzione dell'80% del turn over del personale, rischiano di peggiorare una situazione".(ansa). Competenze dei coordinatori ntp e uscite extracomunali Posted: 06 Aug :09 PM PDT Posted: 06 Aug :10 PM PDT (ANSA) - ROMA, 6 AGO - "La Commissione europea è consapevole della situazione dei detenuti in Europa e delle sue conseguenze sulle condizioni di lavoro del personale carcerario". E' quanto scrive il Gabinetto della vicepresidente >

12 Uniforme di servizio per il personale del Corpo di Polizia Penitenziaria e servizio di autista La denuncia deil'ugl: detenuti in ospedale con un solo piantone Posted: 06 Aug :04 PM PDT Posted: 06 Aug :08 PM PDT Fumo passivo in ambiente carcerario e dipendenti con cause di servizio ad hoc Posted: 06 Aug :06 PM PDT

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

SICUREZZA: SINDACATI INCONTRANO ALFANO E CESA, DA GOVERNO SILENZIO ASSORDANTE

SICUREZZA: SINDACATI INCONTRANO ALFANO E CESA, DA GOVERNO SILENZIO ASSORDANTE PENSIONI: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA VEDONO ALFANO E CESA PENSIONI: SINDACATI COMPARTO SICUREZZA VEDONO ALFANO E CESA DOMANI BERSANI, PREOCCUPAZIONE SU SCELTE GOVERNO (ANSA) - ROMA, 18 APR - ''Molto

Dettagli

Verbale Tavolo di concertazione

Verbale Tavolo di concertazione Verbale Tavolo di concertazione Barletta, 08 Ottobre 2009 Sala Consiliare ex Biblioteca Tavolo sulle politiche sulla inclusione sociale, sulla immigrazione e sulle politiche di contrasto alla devianza

Dettagli

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Perugia Viale Roma, 15 tel. e fax 075 5724328 cell. 329 2933602 email: presidenza@istitutosantanna.com web: www.istitutosantanna.com Perugia, 23 marzo

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA

SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA SANITÀ: A FEBBRAIO SCIOPERI MEDICI FAMIGLIA FIMMG CONTRO MANOVRA Roma, 14 gen. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - I medici di famiglia della Fimmg pronti a dare battaglia contro gli effetti della manovra 'salva-italià

Dettagli

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA

Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005. Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra ROMA Prot n. 251 RS Roma, 03 giugno 2005 Al Signor Ministro della Giustizia Sen. Roberto Castelli Al Signor Capo del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Pres. Giovanni Tinebra E, per conoscenza

Dettagli

Prot nr. 99/08 SP Reggio Emilia li, 06.11.2008

Prot nr. 99/08 SP Reggio Emilia li, 06.11.2008 Prot nr. 99/08 SP Reggio Emilia li, 06.11.2008 ALLA DIREZIONE C.C. ALLA DIREZIONE O.P.G. AL PROVVEDITORATO REGIONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ALLA SEGRETERIA REGIONALE S.A.P.Pe ALLA SEGRETERIA

Dettagli

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011

Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA. Roma, 14 settembre 2011 Dr. Paolo Faieta Risorse Umane e Org.ne R.I. Poste Italiane S.p.A. Viale Europa 175 00144 ROMA Oggetto:- Apertura conflitto di lavoro a livello Nazionale.- Ormai da tempo si denota una preoccupante indifferenza

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione SEGRETERIA PROVINCIALE CATANIA via A. di Sangiuliano, 365 95124 Catania - tel. 3488978553 - fax 0952933790 catania@uilpa.it Catania, li 03/04/2013 Prot.

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

FDG 19/08/2009 18.53.21 NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) Roma. "L'allarmante situazione

FDG 19/08/2009 18.53.21 NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) Roma. L'allarmante situazione FDG 19/08/2009 18.53.21 NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA (5) Roma. "L'allarmante situazione delle carceri italiane sta determinando in molti istituti

Dettagli

Regolamento per la disciplina del fondo di assistenza e previdenza del personale della Polizia Municipale

Regolamento per la disciplina del fondo di assistenza e previdenza del personale della Polizia Municipale CITTÀ DI MONOPOLI PROVINCIA DI BARI Regolamento per la disciplina del fondo di assistenza e previdenza del personale della Polizia Municipale ALLEGATO A Approvato con delibera di G.C. n. 199 del 10 novembre

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 Istituzione E istituito il fondo di assistenza e previdenza per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE DI FORME DI PREVIDENZA E ASSISTENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE del COMUNE DI CORATO (Regolamento approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME

LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA REGIONALE E IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO DEI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLA CAMPANIA: UN QUADRO DI INSIEME Con la firma del CIR 2012/2013, avvenuta il giorno 15 maggio

Dettagli

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO

STRUTTURA DI SUPPORTO AL CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DEL LAZIO IL CONTROLLO SULLA GESTIONE FINANZIARIA DELLE REGIONI: IL RUOLO DELLA CORTE DEI CONTI ALLA LUCE DELLE MODIFICHE INTRODOTTE DAGLI ARTT. 1 E 1 BIS DEL D.L. 174/2012 (CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA L.

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO

COMUNE DI SCICLI. (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO COMUNE DI SCICLI (Provincia di Ragusa) ISTITUZIONE DELLA CONSULTA PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI DI AFFEZIONE E PER LA PREVENZIONE DEL RANDAGISMO PER IL FUNZIONAMENTO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

http://www.silpcgil.it/joomla2.5/index.php/news/1372-milano-8-9-luglio-2014-silp-cgil-in-piazzaintervista-a-daniele-tissone

http://www.silpcgil.it/joomla2.5/index.php/news/1372-milano-8-9-luglio-2014-silp-cgil-in-piazzaintervista-a-daniele-tissone http://www.silpcgil.it/joomla2.5/index.php/news/1372-milano-8-9-luglio-2014-silp-cgil-in-piazzaintervista-a-daniele-tissone Sicurezza: Tissone (Silp Cgil), necessari nuovi e piu' efficienti modelli =

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO PREMESSO CHE

VERBALE DI ACCORDO PREMESSO CHE VERBALE DI ACCORDO In data odierna si sono incontrate l Alitalia Linee Aeree Italiane S.p.A. e le Segreterie Nazionali FILT/RCGIL, FIT/CISL e UILTRASPORTI. Le parti, PREMESSO CHE intendono, alla luce delle

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue.

- Di rinviare a successivi provvedimenti la ripartizione e la destinazione delle risorse residue. 70 17.9.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 38 b) Bilancio: integrazione di ulteriori 70.000 c) Tempi di realizzazione: 1 anno d) Soggetti da coinvolgere: Soggetti toscani partecipanti

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori

Entro il 16.08.2009 (a seguito di proroga) le organizzazioni con Rappresentanti dei Lavoratori Studio Commerciale Associato Balestieri - Galdenzi Data: 21 luglio 2009 Circolare: 17/2009 Argomento: RESPONSABILE SICUREZZA Destinatari: Clienti in indirizzo Dott. Paolo Balestieri Dottore Commercialista

Dettagli

CARCERI, parte la protesta anche in Lombardia

CARCERI, parte la protesta anche in Lombardia COMUNICATO STAMPA 26 Maggio 2009 CARCERI, parte la protesta anche in Lombardia Ieri pomeriggio le Segreterie Regionali Lombardia di CGIL-CISL-UIL-SAPPE e OSAPP, le organizzazioni sindacali che rappresentano

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

S I N D A C A T O A U T O N O M O P O L I Z I A A M B I E N T A L E F O R E S T A L E

S I N D A C A T O A U T O N O M O P O L I Z I A A M B I E N T A L E F O R E S T A L E S I N D A C A T O A U T O N O M O P O L I Z I A A M B I E N T A L E F O R E S T A L E SEGRETERIA REGIONALE MARCHE in primo piano: Direttiva operativa 2014 Appello nazionale 2014 ordinario Verbali a carta

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE COMUNE DI TRABIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PERMANENTE DEI PROBLEMI SOCIALI E DIVERSAMENTE ABILI Approvato con deliberazione di Consiglio n. 64 del 15/09/2011 Oggetto Regolamento della consulta

Dettagli

Comunicato Stampa. Sgomento per il Poliziotto penitenziario suicida a Rossano

Comunicato Stampa. Sgomento per il Poliziotto penitenziario suicida a Rossano _ Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Ministeri Enti Pubblici Università E.P. Ricerca Vigili del Fuoco Comparto Sicurezza Presidenza del Consiglio Agenzie Fiscali Dirigenza Autorità amministrative

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE INTEGRATA TERRITORIALE DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI USCITA DALLA VIOLENZA PREMESSO che il Servizio Associato Pari Opportunità dell Unione dei Comuni Valdichiana Senese

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori.

PRESENTAZIONE OPUSCOLO. Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori. PRESENTAZIONE OPUSCOLO Patologie oncologiche e invalidanti. Quello che è importante sapere per le lavoratrici e i lavoratori Roma 19 aprile 2012 Sala D Antona Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

CRO 11/04/2010 14.35.41 CARCERI: ALLARME SUICIDI, IN ITALIA 3 TENTATIVI AL GIORNO

CRO 11/04/2010 14.35.41 CARCERI: ALLARME SUICIDI, IN ITALIA 3 TENTATIVI AL GIORNO CRO 11/04/2010 14.35.41 GIORNO GIORNO DAL PRIMO GENNAIO SONO 19 I DETENUTI CHE SI SONO TOLTI LA VITA Roma, 11 apr. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Emergenza suicidi nelle carceri italiane. Ogni giorno,

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI Premessa Il sistema di valutazione della prestazione individuale del personale della Comunità montana del Torre Natisone e Collio si pone la finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 1 novembre 2009

COMUNICATO STAMPA 1 novembre 2009 COMUNICATO STAMPA 1 novembre 2009 Sui suicidi in carcere indignazione occasionale, tardiva e ipocrita Dopo l ennesimo suicidio di una persona detenuta siamo costretti registrare la solita sequela di occasionali

Dettagli

LANCI DI AGENZIA STAMPA DEL 17 LUGLIO 2008 (in ordine temporale)

LANCI DI AGENZIA STAMPA DEL 17 LUGLIO 2008 (in ordine temporale) LANCI DI AGENZIA STAMPA DEL 17 LUGLIO 2008 (in ordine temporale) SICUREZZA: MILANO; POLIZIA E ESERCITO CONTRO TAGLI GOVERNO (ANSA) - MILANO, 17 LUG - I tagli del Governo mettono a forte rischio la sicurezza

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato NACCARATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1552 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NACCARATO Disciplina per l affido dell anziano e dell adulto per la salvaguardia del diritto

Dettagli

S E G R E T E R I A P R O V I N CI A L E S I E N A Via delle Sperandie nr. 43 Siena

S E G R E T E R I A P R O V I N CI A L E S I E N A Via delle Sperandie nr. 43 Siena COMUNICATO STAMPA S E G R E T E R I A P R O V I N CI A L E S I E N A A SIENA, MAI NESSUN CASO ALDROVANDI Da diverso tempo la UGL Polizia di Stato ha intrapreso, in ambito nazionale, una energica opera

Dettagli

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE 1 Regolamento Misericordie Storia Fin dalle loro origini, nel 1244 a Firenze, praticando le Opere di Carità, le Misericordie hanno sempre attivamente operato ed operano

Dettagli

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA CONVOCAZIONE ASSEMBLEA Con la presente si convoca l assemblea generale dei lavoratori per il giorno / / alle ore : presso la sede legale dell azienda sita in Via n a ( ) per discutere e re in merito ai

Dettagli

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ;

in data 22/08/2008 i Sindaci dei medesimi Comuni hanno sottoscritto l atto costitutivo dell Unione VAL D ENZA ; CONVENZIONE FRA I COMUNI DI BIBBIANO, CAMPEGINE, CANOSSA, CAVRIAGO, GATTATICO,, MONTECCHIO EMILIA, SAN POLO D ENZA, SANT ILARIO D ENZA, UNIONE VAL D ENZA PER IL TRASFERIMENTO E LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE

POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE POLIZIA LOCALE DI ROMA CAPITALE RIALLINEAMENTO ALLA NORMATIVA CONTRATTUALE NAZIONALE Ad integrazione e specifica di quanto rappresentato nella nota trasmessa a codesto Dipartimento in data 29 aprile 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09

Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09 Prot nr.91/sp 09 Reggio Emilia li, 12.06.09 ALLA DIREZIONE O.P.G. Oggetto: Servizio di ristorazione collettiva II.PP. di Reggio Emilia. Di seguito ad un sondaggio interno tra il personale di Polizia Penitenziaria

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 1711/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 1711/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 1711/2015 ADOTTATA IN DATA 13/11/2015 OGGETTO: Nuove determinazioni in merito all organizzazione dell assistenza sanitaria presso la casa circondariale di Bergamo. IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016

BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI B A R I BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE ESERCIZIO 2016 RELAZIONE DEL PRESIDENTE Assemblea degli Iscritti Bari, 27 novembre 2015 Gentili colleghe

Dettagli

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi STATUTO Art. 1) E costituita una fondazione denominata Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia Art. 2) La fondazione ha sede in Palermo, in Via Messina n. 15 Art. 3) La fondazione ha durata illimitata.

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino

Anffas Onlus di. Varese Busto A. Ticino Luino Anffas Onlus di Varese Busto A. Ticino Luino Associazione Famiglie di Disabili Intellettivi e/o Relazionali Sito Internet Nazionale:www.anffas.net Oggetto : iniziativa Anffas Varese, Busto Arsizio, Somma

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa

REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010. Premessa via Venezia, 26-48121 RAVENNA RA Tel./fax 0544219377 e-mail: info@villaggioglobale.ra.it - web: www.villaggioglobale.ra.it REGOLAMENTO INTERNO APPROVATO DALL ASSEMBLEA DEI SOCI IN DATA 25/02/2010 Premessa

Dettagli

Comitato Aziendale Europeo di Autogrill. Regolamento Interno REGOLAMENTO INTERNO CAE AUTOGRILL

Comitato Aziendale Europeo di Autogrill. Regolamento Interno REGOLAMENTO INTERNO CAE AUTOGRILL Regolamento Interno REGOLAMENTO INTERNO CAE AUTOGRILL In riferimento a quanto stabilito nell Accordo del 18 novembre 2010 art.6 comma 3, ed in ottemperanza a quanto previsto dalla Direttiva Europea (2009/38/CE)

Dettagli

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti.

2. Requisiti dei soggetti beneficiari, documentazione richiesta e modalità di presentazione delle domande dei soggetti richiedenti. ALLEGATO A Linee guida ai Comuni per l erogazione dei contributi per la fornitura gratuita, totale o parziale, dei libri di testo, per l anno scolastico 2013-2014, a favore degli alunni residenti nel Lazio,

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

DECRETO AUTO BLU La risposta immediata. Roma, 3 agosto 2011

DECRETO AUTO BLU La risposta immediata. Roma, 3 agosto 2011 DECRETO AUTO BLU La risposta immediata Roma, 3 agosto 2011 IL DECRETO AUTO BLU Le auto blu sono percepite come un privilegio o peggio uno spreco Negli anni si è più volte intervenuti per razionalizzarne

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

CRO 08/02/2011 19.33.01 CARCERI: SAPPE, DETENUTO RUMENO SI UCCIDE CON IL GAS

CRO 08/02/2011 19.33.01 CARCERI: SAPPE, DETENUTO RUMENO SI UCCIDE CON IL GAS CRO 08/02/2011 19.33.01 CARCERI: SAPPE, DETENUTO RUMENO SI UCCIDE CON IL GAS CARCERI: SAPPE, DETENUTO RUMENO SI UCCIDE CON IL GAS (ANSA) - GENOVA, 8 FEB - Nuovo suicidio nel carcere di Marassi: un detenuto

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012)

LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI PIETRO PERZIANI. (Marzo 2012) LE CIRCOLARI DELL INPS/INPDAP SULLE PENSIONI DI PIETRO PERZIANI (Marzo 2012) Dopo le Circolari della F.P. e del MIUR, sono uscite quelle dell Inps/Inpdap, la n. 35 e la n. 37 del 2012; la prima è diretta

Dettagli

MANOVRA ECONOMICA 2009

MANOVRA ECONOMICA 2009 MANOVRA ECONOMICA 2009 Rassegna stampa on line 25 luglio 2008 a cura dell ufficio stampa Anaao Assomed CONTRO LA MANOVRA SCIOPERO D'OTTOBRE L'INTERSINDACALE PRESENTA INIZIATIVE DI PROTESTA. UNA DELLE

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

I caregiver familiari raccontano la loro vita agli "arresti domiciliari"

I caregiver familiari raccontano la loro vita agli arresti domiciliari I caregiver familiari raccontano la loro vita agli "arresti domiciliari" Parte la campagna #maipiùsoli : uno spot video, lanciato oggi in rete e prossimamente su reti Rai e Mediaset, racconta la quotidianità

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

Regolamento sul Telelavoro

Regolamento sul Telelavoro Regolamento sul Telelavoro Approvato con delibera di Giunta Comunale n 11 del 25 gennaio 2016 INDICE: Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione Art. 3. Progetti di telelavoro Art. 4. Assegnazione ai progetti

Dettagli

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 28 luglio 2015 Prot. n. All.ti n. 89588/15 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia Alle Imprese capogruppo e, p.c. Rappresentanze

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Cremona PROTOCOLLO D INTESA SCUOLA SPAZIO DI LEGALITA 1 La Prefettura, le Forze dell Ordine, la Polizia Municipale di Cremona, l ASL di Cremona - Dipartimento Dipendenze, i Dirigenti Scolastici e i Direttori dei

Dettagli