77 del 24 OTTOBRE 2005 REP. N. 4694

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "77 del 24 OTTOBRE 2005 REP. N. 4694"

Transcript

1 1 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA FACOLTÀ DI SCIENZA DELLA FORMAZIONE DELLA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA ED IL COMUNE DI MACERATA PER LA GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI, IN COSTRUZIONE IN MACERATA C.DA VALLEBONA ED AUTORIZZAZIONE ALLA SUA STIPULA L anno duemilacinque il giorno VENTIQUATTRO del mese di OTTOBRE nella Sala Consiliare della Civica Residenza alle ore 16,00 si è riunito il Consiglio Comunale in seduta ordinaria di PRIMA CONVOCAZIONE a seguito di invito diramato dal Presidente con nota , prot All appello nominale, dei 41 Consiglieri sottoelencati, risultano ASSENTI i 13 evidenziati nella fincatura riferita alla seduta (Inizio Seduta). E presente la rappresentante degli immigrati Sig.ra Spaho Zana. Constatato il numero legale, la presidenza viene assunta dal Presidente del Consiglio GIAN MARIO MAULO il quale dichiara aperta la seduta. Scrutatori vengono designati i Consiglieri Signori: CARELLI PIERINI - TARTABINI Alla seduta partecipa il Segretario Generale Sig. LUCIANO SALCICCIA. LA SEDUTA È PUBBLICA. I consiglieri presenti ed assenti alla DISCUSSIONE sono riportati all interno della delibera. I consiglieri presenti ed assenti alle VOTAZIONI sono riportati all interno della delibera. Inizio seduta Iniz. arg. Disc arg. Votaz. Inizio seduta Iniz. arg. Disc arg. Votaz. Antolini Arrigo Mosca Maurizio Beccacece Andrea a Munafò Placido Blarasin Andrea Netti Andrea Blunno Marco Orazi Ulderico Borgiani Luciano Pantana Deborah Calzolaio Valerio a a Pantanetti Luciano a a Canesin Alferio Picchio Giovanni a Carancini Romano Pierini Luigi Carelli Luigi Principi Renato a Castiglioni Pierfrancesco a Ricotta Narciso a Evangelisti Paolo Sacchi Riccardo Fattori Maurizio Salvatori Uliano a Iommi Silvano a Sauer Reinhard Launo Francesco a Savi Alessandro a a Leporoni Ruben Tacconi Ivano Machella Claudio a a Tartabini Pierpaolo Mari Romano a a Tasso Pierfrancesco Maulo Gian Mario Torresi Umberto a a Menghi Anna Valori Federico Meriggi Giovanni Zazzaretta Vittorio Meschini Giorgio a

2 2 OGGETTO: Approvazione dello schema di convenzione tra la Facoltà di Scienza della Formazione della Università degli Studi di Macerata ed il Comune di Macerata per la gestione del nido d infanzia dell Università degli Studi, in costruzione in Macerata c/da Vallebona ed autorizzazione alla sua stipula. Signori Consiglieri, l Università di Macerata ha deciso di realizzare all interno della struttura che sta costruendo in c.da Vallebona, destinata ad ospitare la Facoltà di Scienza della Formazione, un nido d infanzia - della ricettività presumibile di 18/21 bambini ed ha stabilito, nell ambito del consolidato rapporto di collaborazione che la lega all Amministrazione Comunale, di offrirne la gestione al Comune di Macerata; L opportunità offerta dall Università degli Studi giunge in un momento in cui la richiesta di fruizione dei nidi comunali è molto forte. Basti pensare che l ultima graduatoria per le ammissioni ai nidi comunali, formulata lo scorso mese di luglio, ha fatto registrato una lista di attesa record per la nostra città, di quasi 100 domande. In sostanza, per ogni bambino che trova accoglienza nei nidi comunali ce n è un altro che ne rimane escluso. Questo dato è del tutto inedito e merita una attenta riflessione. In questi ultimi anni si è registrato un tendenziale aumento della domanda di nidi comunali, tanto che, nell anno 2003 l Amministrazione Comunale ha deciso di aprire un terzo nido comunale, il Nido Arcobaleno sito in Via Gasparri, con una ricettività iniziale di 19 posti. In queste due ultime stagioni, però, l impennata delle domande di ammissione ha vanificato l effetto di questa quota aggiuntiva di posti e ha assorbito anche l aumento, operato lo scorso anno, della ricettività dei nidi comunali ed del nido in convenzione (8 posti complessivi). In questa situazione, la proposta dell Università degli Studi appare come una prima risposta, efficace e tempestiva, ad un problema per il quale, allo stato, non sono disponibili altre soluzioni in tempi altrettanto rapidi. Una risposta, peraltro, che non pregiudica la realizzazione di ulteriori iniziative di più ampio respiro. Essa, inoltre, prefigura anche un ulteriore rafforzamento e valorizzazione dell offerta educativa del Comune, con un implicito riconoscimento della qualità del servizio erogato dal sistema dei nidi comunali. La collaborazione con la Facoltà di Scienza della Formazione, rappresenta, poi, per il servizio educativo nel suo complesso, una grande occasione di crescita professionale, con prospettive di interazione e di sinergia potenzialmente straordinarie.

3 3 In più, il nido dell Università si colloca proprio a ridosso del nuovo insediamento abitativo delle Vergini, realizzando con ciò anche una distribuzione territoriale più equilibrata delle strutture educative del Comune. La gestione del nido sarà regolamentata da apposita convenzione. Dal confronto avviato dai competenti Uffici Comunali con l Università è scaturita la odierna proposta. I punti principale della convenzione possono così essere riassunti: a) Sono a carico del Comune i seguenti oneri: - i consumi per riscaldamento, per fornitura d'acqua potabile, energia elettrica e gas per cucina; - le spese per la piccola manutenzione dei beni mobili, del fabbricato e degli impianti; - la manutenzione del verde di pertinenza del nido (sfalcio, potatura, piantumazione, etc.); - la disinfestazione e derattizzazione delle aree esterne di pertinenza del nido; - la fornitura di apparecchiature accessorie per handicap, in base a prescrizione medica; - le spese di arredo e di varia attrezzatura; - il costo del personale; - il canone di concessione della struttura, annualmente determinato in 1.600,00; - il rimborso all Università degli Studi del costo delle utenze (esclusa quella telefonica) nella misura annua forfetaria pari a 5.100,00; - il costo dell'utenza telefonica; - le pulizie dei locali, cucina e refettorio; - la tariffa per la raccolta e il trasporto dei rifiuti; - il costo per la fornitura di: generi alimentari; materiale didattico, compreso quello specifico per l handicap; cancelleria e materiali da ufficio; materiale sanitario per l igiene dei bambini e di pronto soccorso; stoviglie e casalinghi per il servizio mensa da sostituire e integrare all occorrenza; biancheria da mensa e per le sezioni (tovagliato, materassi e biancheria da letto, etc.) in caso di necessità; vestiario per il personale, materiale di pulizia. b) Le ammissioni al nido avverranno, per la metà dei posti a disposizione, attingendo dalla graduatoria generale formulata dal Comune di Macerata per le ammissioni ai nidi comunali. L altra metà dei posti disponibili è riservata all Università degli Studi, la quale provvederà a comunicare al Comune i nominativi dei bambini ammessi, in tempo utile per il loro inserimento nella struttura. Comune ed Università, se del caso, potranno concordemente modificare le suddette quote di ammissione. c) Il Comune si impegna a gestire il servizio per bambini ospitati dal nido d infanzia, con propria organizzazione, nel rispetto delle disposizioni legislative e del Progetto educativo e

4 4 organizzativo da comunicare prima dell inizio di ogni anno scolastico all Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della formazione, secondo gli standard stabiliti dalla Carta dei Servizi dei Nidi d infanzia comunali adottata con atto di Giunta Comunale n. 209 del 19/5/2004. d) Il calendario di servizio sarà lo stesso degli altri nidi di infanzia comunali, con il medesimo orario di apertura giornaliera. Il calendario di apertura non potrà essere inferiore a cinque giorni la settimana, per 42 settimane (interruzioni per le festività di natale e pasqua comprese) e l apertura giornaliera non potrà essere inferiore all intervallo tra le ore 7,45 e le 16,00. e) Il Comune ospiterà nella struttura stages formativi riservati agli studenti della Facoltà di Scienze della formazione, nonchè ai laureati della stessa Facoltà che effettuino corsi e/o master post laurea. Le modalità di detti stages e di altre iniziative formative e curriculari saranno concordate annualmente tra la Facoltà di Scienze della formazione e il Comune. f) Il Comune introita le rette di frequenza dei bambini ospitati dal nido nella misura stabilita per le frequenze dei nidi comunali. Eventuali contributi da enti pubblici per la gestione dell asilo nido competono per intero al Comune. L Università degli Studi corrisponde al Comune, per ciascuno dei posti del nido che essa si è riservata di coprire, la somma mensile per 10 mensilità di 410,00 (periodo di funzionamento settembre giugno) più 205,00, per l eventuale prolungamento della attività nel mese di luglio. g) La durata della concessione è stabilita in anni cinque a decorrere dalla data di consegna dell'immobile. Alla scadenza, il rapporto è sciolto di diritto, senza bisogno di disdetta. La concessione può essere rinnovata per eguale periodo, con atto formale, escluso ogni tacito rinnovo. Al termine del ogni anno di esercizio, Comune e Università valuteranno la necessità di rideterminare le cifre indicate nel presente atto, in relazione ai risultati gestionali della struttura e all andamento generale dei prezzi. h) L Università, per il tramite anche della Facoltà di Scienze della formazione, ha ampie facoltà di vigilanza e di controllo che attuerà nelle forme che riterrà più opportune, applicando pure procedure atte alla rilevazione dei livelli qualitativi e funzionali del servizio e del grado di soddisfazione dell utenza operando il necessario coordinamento e impartendo le direttive per l omogeneità delle attività educative di tutti gli asili nido comunali e vigilerà sul rispetto delle clausole della convenzione e delle disposizioni legislative e regolamentari. La proposta di deliberazione in esame è stata sottoposta all esame della Commissione Consiliare 4^ che si è espressa favorevolmente nella seduta del 19 ottobre 2005.

5 5 Essa è stata anche sottoposta all esame del Consiglio di Circoscrizione n. 1 (Pace Cairoli - Santa Lucia Rione Marche) che si è espresso, nella seduta del 17 ottobre 2005, favorevolmente. Per quanto ciò premesso, si sottopone all attenzione di codesto Consiglio Comunale, per la relativa discussione ed approvazione, la proposta di convenzione in oggetto; Udita la relazione sopra svolta; Fatti propri i motivi ivi esposti; IL CONSIGLIO COMUNALE Visti i pareri espressi in merito dalla competente commissione consiliare e dal consiglio di circoscrizione; Dato atto che l istruttoria della pratica ha fatto capo al Servizio Scuola Sport, il cui Dirigente ne ha attestato la regolarità tecnica, ai sensi dell art. 49, comma 1, del T.U.E.L. n. 267/2000; Vista l attestazione del Dirigente del Servizio Finanziario, Fiscale, Patrimoniale in ordine alla copertura finanziaria nonché alla regolarità contabile ai sensi dell art. 49, comma 1, del T.U.E.L. n. 267/2000; D E L I B E R A 1) Approvare l allegato schema di convenzione, che forma parte integrale ed integrante il presente atto, da stipularsi tra la Facoltà di Scienza della Formazione della Università degli Studi di Macerata ed il Comune di Macerata per la gestione del nido d infanzia dell Università degli Studi, in costruzione in Macerata c/da Vallebona, nella struttura che ospiterà la medesima Facoltà di Scienza della Formazione. 2) Autorizzare la stipula della convenzione suddetta, dando mandato alla Giunta Comunale e al Dirigente del Servizio competente, di porre in essere, ciascuno per quanto di propria competenza, tutti gli atti necessari all attivazione del rapporto convenzionale sopra richiamato. 3) Imputare la spesa di 5.700,00=, relativa al costo del canone di concessione e a quello delle utenze (esclusa quella telefonica), derivante dall adozione del presente atto, al Bilancio 2006 Cap , Az. 618 Imp. 62/2006. GP - delsc233.doc

6 6 CONVENZIONE TRA LA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA E IL COMUNE DI MACERATA PER LA GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA DI PROPRIETA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI SITUATO IN MACERATA CONTRADA VALLEBONA Il Comune di Macerata (di seguito denominato Comune) nella persona della dott.ssa Alessandra Sfrappini nata ad Ancona lì e residente a Macerata in B.go S. Croce n 131, che nella sua qualità di dirigente del Servizio Scuola Sport del Comune di Macerata interviene in nome e per conto del Comune stesso, in esecuzione della deliberazione di n. del, e l Università degli Studi di Macerata, nella persona del suo Legale Rappresentante, Rettore pro tempore, Prof, Roberto Sani, nato a Roma il , che nella sua qualità interviene in nome e per conto della Facoltà di Scienze della formazione, in esecuzione del Decreto Rettorale n. 503 del ; Art. 1 - OGGETTO DELLA CONVENZIONE - La convenzione ha per oggetto la gestione del servizio di nido d infanzia nell'edificio, di cui l Università degli Studi di Macerata si è impegnata ad acquisirne la proprietà, situato a Macerata, Contrada Vallebona, comprendente il servizio educativo, la cura e l igiene personale del bambino, la fornitura di generi alimentari e la conseguente preparazione, distribuzione e assistenza ai pasti, la pulizia dei locali, della cucina e del refettorio. La capienza massima della struttura viene determinata con autorizzazione del Comune di Macerata, in applicazione della legge regionale del 13/5/2003 n. 9 e del regolamento regionale del 22/12/2004 n. 13. La Facoltà di Scienze della formazione e il Comune costituiranno un comitato paritetico di coordinamento che si occuperà di verificare l andamento e la gestione della struttura e la progettazione dell attività educativa, di assicurare il collegamento ed il coordinamento con gli altri nidi comunali, anche in termini di condivisione del medesimo progetto educativo. L'immobile e gli impianti fissi sono consegnati al Comune per tutta la durata della convenzione, nello stato in cui si trovano, esclusivamente per la gestione dell'attività. Prima dell'inizio della gestione in convenzione sarà redatto analitico inventario, descrittivo dello stato di conservazione dell'immobile e degli impianti fissi, in contraddittorio tra le parti.

7 7 Alla scadenza il Comune è tenuto a riconsegnare l'immobile e gli impianti fissi, in buono stato di conservazione e funzionamento, fatti salvi i deterioramenti prodotti dal normale uso. La riconsegna dovrà risultare da apposito verbale, redatto con le stesse modalità. Art. 2 - OBBLIGAZIONI DELL UNIVERSITA - L Università, degli impianti di cui sopra, assume a proprio carico i seguenti oneri: - la copertura assicurativa dell immobile da incendio e furto dei beni mobili comunali; - la manutenzione dell immobile e degli impianti fissi, ad eccezione della piccola manutenzione (art c.c.); Il Comune rimborserà all Università: - i consumi per riscaldamento, per fornitura d'acqua potabile, energia elettrica e gas per cucina; - la manutenzione del verde di pertinenza del nido (sfalcio, potatura, piantumazione, etc.); - la disinfestazione e derattizzazione delle aree esterne di pertinenza del nido; - la fornitura di apparecchiature accessorie per handicap, in base a prescrizione medica. Le ammissioni al nido avverranno, per la metà dei posti a disposizione, attingendo dalla graduatoria generale formulata dal Comune di Macerata per le ammissioni ai nidi comunali. L altra metà dei posti disponibili è riservata all Università degli Studi, la quale provvederà a comunicare al Comune i nominativi dei bambini ammessi, in tempo utile per il loro inserimento nella struttura. Comune ed Università, se del caso, potranno concordemente modificare le suddette quote di ammissione. Art. 3 - OBBLIGAZIONI DEL COMUNE - Il Comune è tenuto a gestire il servizio per bambini ospitati dal nido d infanzia, con propria organizzazione, nel rispetto delle disposizioni legislative e del Progetto educativo e organizzativo da comunicare prima dell inizio di ogni anno scolastico all Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della formazione, secondo gli standard stabiliti dalla Carta dei Servizi dei Nidi d infanzia comunali adottata con atto di Giunta Comunale n. 209 del 19/5/2004. Il calendario di servizio dovrà corrispondere al calendario scolastico dei nidi di infanzia comunali, con il medesimo orario di apertura giornaliera. Il calendario di apertura non potrà essere inferiore a cinque giorni la settimana, per 42 settimane (interruzioni per le festività di natale e pasqua comprese) e l apertura giornaliera non potrà essere inferiore all intervallo tra le ore 7,45 e le 16,00.

8 8 Sono a carico del Comune: - le spese di arredo e di varia attrezzatura; - il costo del personale; - il canone di concessione della struttura, annualmente determinato in 1.600,00; - il rimborso all Università degli Studi del costo delle utenze (esclusa quella telefonica) nella misura annua forfetaria pari a 5.100,00; - il costo dell'utenza telefonica; - le pulizie dei locali, cucina e refettorio; - la tariffa per la raccolta e il trasporto dei rifiuti; - il costo per la fornitura di: generi alimentari; materiale didattico, compreso quello specifico per l handicap; cancelleria e materiali da ufficio; materiale sanitario per l igiene dei bambini e di pronto soccorso; stoviglie e casalinghi per il servizio mensa da sostituire e integrare all occorrenza; biancheria da mensa e per le sezioni (tovagliato, materassi e biancheria da letto, etc.) in caso di necessità; vestiario per il personale, materiale di pulizia. Il Comune si obbliga ad ospitare nella struttura stages formativi riservati agli studenti della Facoltà di Scienze della formazione, nonchè ai laureati della stessa Facoltà che effettuino corsi e/o master post laurea. Le modalità di detti stages e di altre iniziative formative e curriculari saranno concordate annualmente tra la Facoltà di Scienze della formazione e il Comune. Il Comune deve rispettare, per gli operatori impiegati nella gestione del servizio, le normative di legge e di C.C.N.L. applicabile al proprio settore; nel caso il Comune debba assumere personale per svolgere il servizio, dovrà dare priorità al personale già operante nell asilo nido in base a precedenti contratti o rapporti di appalto, salvo giustificati motivi: a) osservare le norme in materia di prevenzione degli infortuni ed igiene del lavoro, nonché la normativa in materia di sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento al D.Lgs. n.626/1994 e succ.modd.; b) stipulare apposita polizza assicurativa per un'adeguata copertura dei danni provocati da incidenti agli operatori e agli utenti, durante o a causa dello svolgimento dei servizi di cui al presente capitolato, non coperti da assicurazioni obbligatorie; c) assumere ogni responsabilità ed onere nei confronti del concedente e dei terzi nei casi di mancato o intempestivo intervento necessario per la salvaguardia delle persone e delle cose; d) garantire la riservatezza delle informazioni riferite ai bambini utenti e ai loro familiari; e) attenersi per la somministrazione dei pasti alle procedure HACCP: in particolare, campioni dei pasti cucinati devono essere conservati per 48 ore e copia delle analisi degli alimenti somministrati va consegnata al funzionario comunale preposto nel più breve tempo; rispettare le tabelle dietetiche dell ASL di Macerata e le eventuali prescrizioni mediche in caso di diete particolari; il personale addetto alla

9 9 confezione dei cibi, oltre ai requisiti di natura sanitaria, deve essere in possesso di adeguata esperienza, da comprovare; f) curare la piccola manutenzione dei beni mobili, del fabbricato e degli impianti, la disinfestazione e derattizzazione dei locali anche nell ambito delle procedure HACCP. Il Comune è tenuto, prima di iniziare il servizio, a consegnare l'elenco del personale, educativo e ausiliario, da impiegare, specificandone la relativa qualifica professionale, nonché a comunicare tempestivamente ogni variazione dell'elenco, sia provvisoria che definitiva. Art. 4 PARTECIPAZIONE E CONTROLLI L Università, per il tramite anche della Facoltà di Scienze della formazione, ha ampie facoltà di vigilanza e di controllo che attuerà nelle forme che riterrà più opportune, applicando pure procedure atte alla rilevazione dei livelli qualitativi e funzionali del servizio e del grado di soddisfazione dell utenza operando il necessario coordinamento e impartendo le direttive per l omogeneità delle attività educative di tutti gli asili nido comunali e vigilerà sul rispetto delle clausole della presente convenzione e delle disposizioni legislative e regolamentari. Si applicano al nido d infanzia in oggetto le disposizioni in ordine alla nomina, composizione e funzioni del Comitato di gestione, contenute nel regolamento comunale approvato con deliberazione consiliare n. 107 del 22/12/1998 e successive modificazioni ed integrazioni. Art. 5 - CORRISPETTIVO A FAVORE DEL COMUNE - Il Comune introita le rette di frequenza dei bambini ospitati dal nido nella misura stabilita per le frequenze dei nidi comunali. Eventuali contributi da enti pubblici per la gestione dell asilo nido competono per intero al Comune. L Università degli Studi corrisponde al Comune, per ciascuno dei posti del nido che essa si è riservata di coprire, la somma mensile per 10 mensilità di 410,00 (periodo di funzionamento settembre giugno) più 205,00, per l eventuale prolungamento della attività nel mese di luglio. Art. 6 - DURATA DELLA CONCESSIONE - La durata della concessione è stabilita in anni cinque a decorrere dalla data di consegna dell'immobile risultante dal verbale di cui al precedente articolo 1. Alla scadenza, il rapporto è sciolto di diritto, senza bisogno di disdetta. La concessione può essere rinnovata per eguale periodo, con atto formale, escluso ogni tacito rinnovo.

10 10 Al termine del ogni anno di esercizio, Comune e Università valuteranno la necessità di rideterminare le cifre indicate nel presente atto, in relazione ai risultati gestionali della struttura e all andamento generale dei prezzi. Art. 7 - DIVIETO DI SUBCONCESSIONE E DI CESSIONE - Al Comune non è consentito di subconcedere o di cedere a terzi la gestione del nido d infanzia. Macerata Per il Comune di Macerata dott.ssa. Alessandra Sfrappini Per l Università di Macerata prof. Roberto Sani

11 11 Prima di dare inizio alla discussione del presente argomento ESCONO DALL AULA i seguenti consiglieri dei gruppi di minoranza: Antolini, Beccacece, Blarasin, Castiglioni, Fattori, Iommi, Menghi, Meriggi, Munafò, Picchio, Pierini, Sacchi, Salvatori, Tacconi e Tasso. La consigliera PANTANA di Forza Italia, chiede la verifica del numero legale ed esce dall aula. Viene fatto l appello da parte del Segretario generale e risultano presenti i seguenti 18 consiglieri: Blunno Borgiani Canesin Carancini Carelli Evangelisti Leporoni Maulo Meschini Mosca Netti Orazi Principi Ricotta Sauer Tartabini Valori - Zazzaretta. Sono le ore Verificata la mancanza del numero legale, il PRESIDENTE legge il comma 5, dell articolo 6 del Regolamento del Consiglio e fa presente che si procederà ad ulteriori appelli ad intervalli di 10 minuti e che trascorsa un ora senza esito la seduta verrà dichiarata deserta. All appello eseguito alle ore non vi è ancora la presenza del numero legale. All appello eseguito alle ore 19,15 risultano presenti i seguenti 22 consiglieri: Antolini - Blunno Borgiani Canesin Carancini Carelli Evangelisti Launo Leporoni Machella Maulo Meschini Mosca - Netti Orazi Pantanetti - Principi Ricotta Sauer Tartabini Valori - Zazzaretta. La seduta è valida ed i lavori possono proseguire. Il consigliere Meriggi del Gruppo misto chiede la parola per mozione d ordine. Entra in aula il consigliere Iommi, Il Sindaco MESCHINI si esprime contro la mozione d ordine.

12 12 Entrano in aula i consiglieri Beccacece, Blarasin, Fattori, Meriggi, Pantana, Picchio, Salvatori, Esce il consigliere Canesin Il consigliere Salvatori sostituisce il consigliere Pierini nelle funzioni di scrutatore VOTAZIONE PALESE sulla mozione d ordine Consiglieri presenti N. 29 Consiglieri che si astengono di votare N. 3 UDC Maulo Consiglieri votanti N. 26 Voti favorevoli N. 7 AN FI Meriggi Antolini Voti contrari N maggioranza Il Presidente, proclamato l esito della votazione, da atto che il Consiglio comunale NON APPROVA la proposta di mozione d ordine proposta dal consigliere Meriggi. RELATORE: CAROSI, Assessore la quale illustra la proposta di delibera Entra in aula il consigliere Tacconi Aperta la discussione sull argomento CHE PER IL MOMENTO VIENE OMESSA intervengono: ORAZI SDI, a nome della Commissione consiliare IV; BECCACECE UDC; FATTORI AN; CARANCINI DS; MERIGGI Gruppo Misto; SAUER Rifondazione comunista; SALVATORI FI; TACCONI UDC; PICCHIO UDC; CAROSI, Assessore, per la replica. PER DICHIARAZIONE DI VOTO intervengono: MERIGGI Gruppo Misto; PANTANA FI; VALORI SDI; PANTANETTI Rifondazione comunista; FATTORI AN ZAZZARETTA La Margherita. Al momento della votazione sono presenti i consiglieri: Antolini Beccacece Blunno Borgiani Canesin Carancini Carelli Evangelisti Fattori Iommi Launo Leporoni Machella Maulo Meschini Mosca Netti Orazi Pantana

13 13 Pantanetti Picchio Principi Ricotta Salvatori Sauer Tacconi Tartabini Valori Zazzaretta. VOTAZIONE PALESE sulla proposta di delibera Consiglieri presenti N. 29 Consiglieri che si astengono di votare N. 8 AN FI UDC Antolini Consiglieri votanti N. 21 Voti favorevoli N. 21 Il Presidente, proclamato l esito della votazione, da atto che il Consiglio comunale A D O T T A la deliberazione proposta, nel testo riportato in narrativa. s:\_segreteria consiglio\segrcons\anno2005\dconsiglio\dc rtf

14 Il Segretario Generale (firma all originale) Il Presidente (firma all originale) DIVENUTA ESECUTIVA IL Si attesta che copia della presente viene pubblicata all Albo Pretorio per gg. 15 consecutivi 08 NOVEMBRE 2005 dal 28 OTTOBRE 2005 IL SEGRETARIO GENERALE (firma all originale) al 12 NOVEMBRE 2005 Art comma T.U.E.L. n. 267/ DICHIARATA IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE IL IL SEGRETARIO GENERALE (firma all originale) IL SEGRETARIO GENERALE (firma all originale) La presente copia, in carta libera per uso amministrativo e d ufficio, è conforme all originale. Macerata, lì 28 ottobre 2005 Il Segretario Generale TRASMETTERE AL SERVIZIO SCUOLA AL SERVIZIO FINANZIARIO per l esecuzione per competenza Avvertenze e Direttive Data 28 ottobre 2005 s:\segrcons\anno2005\dconsiglio\frontespizi\retrocc copia.rtf IL SEGRETARIO GENERALE (firma all originale)

32 del 30 e 31 MAGGIO 2005 REP. N. 2607

32 del 30 e 31 MAGGIO 2005 REP. N. 2607 1 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI. ------------------- L anno duemilacinque il giorno TRENTA del mese di MAGGIO nella Sala Consiliare della Civica Residenza alle ore 16,00 si è

Dettagli

OGGETTO: COMPLESSO NATATORIO DI FONTESCODELLA PROVVEDIMENTI.

OGGETTO: COMPLESSO NATATORIO DI FONTESCODELLA PROVVEDIMENTI. PAG. 1 OGGETTO: COMPLESSO NATATORIO DI FONTESCODELLA PROVVEDIMENTI. ------------------- L anno duemilasette il giorno VENTOTTO del mese di GIUGNO nella Sala Consiliare della Civica Residenza alle ore 16,00

Dettagli

35 del 31 MAGGIO 2005 REP. N. 2702

35 del 31 MAGGIO 2005 REP. N. 2702 1 OGGETTO: ACQUISIZIONE DI ALLOGGIO DA DESTINARE A FINALITA ASSISTENZIALI, A FRONTE DELL ASSUNZIONE DELL ONERE DELLA RETTA DELLA CASA DI RIPOSO PRESSO CUI E OSPITATA ANZIANA GIA ASSISTITA DAL COMUNE. -------------------

Dettagli

OGGETTO: INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE CANESIN DEL PD IN MERITO A BACHECA IN CORSO CAIROLI.

OGGETTO: INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE CANESIN DEL PD IN MERITO A BACHECA IN CORSO CAIROLI. PAG. 1 OGGETTO: INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE CANESIN DEL PD IN MERITO A BACHECA IN CORSO CAIROLI. ------------------- L anno DUEMILADIECI il giorno OTTO del mese di FEBBRAIO nella Sala Consiliare

Dettagli

1 96 del 26 NOVEMBRE 2002 PROT. N. 32784 OGGETTO: INTEGRAZIONE COMPETENZE STATUTARIE A.P.M. AZIENDA PLURISERVIZI MACERATA S.P.A.

1 96 del 26 NOVEMBRE 2002 PROT. N. 32784 OGGETTO: INTEGRAZIONE COMPETENZE STATUTARIE A.P.M. AZIENDA PLURISERVIZI MACERATA S.P.A. 1 OGGETTO: INTEGRAZIONE COMPETENZE STATUTARIE A.P.M. AZIENDA PLURISERVIZI MACERATA S.P.A. ------------------- L anno duemiladue il giorno VENTISEI del mese di NOVEMBRE nella Sala Consiliare della Civica

Dettagli

PAG. 1. DELIBERAZIONE N. 99 del 15 DICEMBRE 2009 REP. N. 2328

PAG. 1. DELIBERAZIONE N. 99 del 15 DICEMBRE 2009 REP. N. 2328 PAG. 1 OGGETTO: INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SAUER DI RIFONDAZIONE COMUNISTA IN MERITO ALLA MESSA IN SICUREZZA DELLE STRISCE PEDONALI DI VIALE LEOPARDI-RAMPA ZARA. ------------------- L anno

Dettagli

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL CONSIGLIERE MESCHINI DELL IDV IN MERITO AL DIRITTO NATURALE DELLA FAMIGLIA RICONOSCIUTA DALLA COSTITUZIONE.

OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL CONSIGLIERE MESCHINI DELL IDV IN MERITO AL DIRITTO NATURALE DELLA FAMIGLIA RICONOSCIUTA DALLA COSTITUZIONE. DELIBERAZIONE N. 8 del 30 GENNAIO 2014 ID. N. 547818 PAG. 1 OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL CONSIGLIERE MESCHINI DELL IDV IN MERITO AL DIRITTO NATURALE DELLA FAMIGLIA RICONOSCIUTA DALLA COSTITUZIONE.

Dettagli

46 del 27 MAGGIO 1998 PROT. N. 16620 1

46 del 27 MAGGIO 1998 PROT. N. 16620 1 46 del 27 MAGGIO 1998 PROT. N. 16620 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO DI ALLEANZA NAZIONALE IN MERITO ALLA LIBERALIZZAZIONE DELLE DROGHE LEGGERE. ------------------- L anno millenovecentonovantotto

Dettagli

103 del 09 NOVEMBRE 2004 PROT. N. 35083

103 del 09 NOVEMBRE 2004 PROT. N. 35083 1 OGGETTO: ORDINI DEL GIORNO. ------------------- L anno duemilaquattro il giorno NOVE del mese di NOVEMBRE nella Sala Consiliare della Civica Residenza alle ore 17,00 si è riunito il Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI VALERA FRATTA Prov. di Lodi

COMUNE DI VALERA FRATTA Prov. di Lodi COMUNE DI VALERA FRATTA Prov. di Lodi CAPITOLATO D ONERI PER L ASSEGNAZIONE IN COMODATO DELL EDIFICIO DI VIA PUCCINI N.2 AD USO ASILO NIDO PRIVATO. Art. 1 Oggetto della concessione La concessione ha per

Dettagli

1 82 del 14 SETTEMBRE 2004 PROT. N. 27588

1 82 del 14 SETTEMBRE 2004 PROT. N. 27588 1 OGGETTO: INSTAURAZIONE DI RAPPORTO CONVENZIONALE CON L ISTITUTO SALESIANO DI MACERATA, PER LA PREVISTA CONCESSIONE IN USO DEL PROPRIO CINE-TEATRO. ------------------- L anno duemilaquattro il giorno

Dettagli

OGGETTO: Nuove modalità riscossione buoni pasto servizio mense scolastiche. Linee di indirizzo.

OGGETTO: Nuove modalità riscossione buoni pasto servizio mense scolastiche. Linee di indirizzo. PAG. 1 1 OGGETTO: Nuove modalità riscossione buoni pasto servizio mense scolastiche. Linee di indirizzo. L anno duemilaquindici addì venticinque del mese di febbraio in Macerata e nella sede Municipale,

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 24 del 29/04/2011 Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO PER AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE L anno duemilaundici

Dettagli

74 del 24 OTTOBRE 2005 REP. N. 5361 1

74 del 24 OTTOBRE 2005 REP. N. 5361 1 74 del 24 OTTOBRE 2005 REP. N. 5361 1 OGGETTO: INTERPELLANZA PRESENTATA DAL CONSIGLIERE SACCHI DI AN IN MERITO AL FURTO DI DUE DIPINTI DEL XVIII SECOLO DAL FOYER DEL TEATRO LAURO ROSSI. -------------------

Dettagli

------------------- Risulta assente il Sindaco Carancini Romano. E assente il rappresentante degli immigrati Sig. Muringampurath Sabu Easie

------------------- Risulta assente il Sindaco Carancini Romano. E assente il rappresentante degli immigrati Sig. Muringampurath Sabu Easie PAG. 1 OGGETTO: ESTENSIONE DELL ATTRIBUZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE RIFERITO ALL AREA DI PROPRIETÀ COMUNALE GIÀ CONCESSA A TALE TITOLO ALLA SOC. COOP. ARTERISKO, AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DI UN PARCO

Dettagli

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona Num. 128 del Registro COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: LENEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE. L'anno DUEMILADIECI,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 3 del 5 GENNAIO 1998 PROT. N. 124 pag.1

DELIBERAZIONE N. 3 del 5 GENNAIO 1998 PROT. N. 124 pag.1 DELIBERAZIONE N. 3 del 5 GENNAIO 1998 PROT. N. 124 pag.1 OGGETTO: Assunzione per anni uno, con contratto individuale di diritto privato, dell'ing. Andrea Fornarelli, quale Dirigente del Servizio Tecnico.

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA

COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI MASSAROSA Ufficio Pubblica Istruzione REGOLAMENTO SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA INDICE Art. 1 FINALITA Pag. 3 Art. 2 MODALITA DI GESTIONE... Pag. 3 Art. 3 DESTINATARI DEL SERVIZIO. Pag. 3

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

Comune di POGGIO RENATICO

Comune di POGGIO RENATICO Comune di OGGIO RENATICO DELIBERAZIONE N. 41 rovincia di Ferrara VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Adunanza in rima convocazione - Seduta ubblica OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 125 del 29/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORZINUOVI E LA SOCIETA BABY BIRBA di BENEDUCI

Dettagli

OGGETTO: Sottopassaggio ferroviario tra binari e di collegamento tra la piazza XXX Aprile e v. Urbino. Approvazione convenzione con RFI.

OGGETTO: Sottopassaggio ferroviario tra binari e di collegamento tra la piazza XXX Aprile e v. Urbino. Approvazione convenzione con RFI. PAG. 1 OGGETTO: Sottopassaggio ferroviario tra binari e di collegamento tra la piazza XXX Aprile e v. Urbino. Approvazione convenzione con RFI. L anno duemilasette, addì ventisei del mese di settembre

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI ADRANO (PROVINCIA DI CATANIA) COPIA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N 11 DEL 27/02/2010 Reg. Gen.

COMUNE DI ADRANO (PROVINCIA DI CATANIA) COPIA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N 11 DEL 27/02/2010 Reg. Gen. COMUNE DI ADRANO (PROVINCIA DI CATANIA) COPIA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 11 DEL 27/02/2010 Reg. Gen. Anno 2010 OGGETTO: Regolamento del Servizio di illuminazione votiva.. L anno duemiladieci

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 249 del 23/12/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO RINNOVO CONCESSIONE IN USO DI UN LOCALE DELLA DOMUS CIVICA GIUSY TONINELLI SITA IN ORZINUOVI

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 92/2006 del 18/12/2006 Sessione ordinaria seduta pubblica Oggetto: AFFIDAMENTO AD A.C.M. S.p.A. DEL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE

Dettagli

L anno duemilaquindici addì venticinque del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11:25

L anno duemilaquindici addì venticinque del mese di marzo in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 11:25 PAG. 1 1 OGGETTO: Adesione al progetto biennale di formazione e progettazione partecipata finalizzato alla realizzazione di interventi di valorizzazione degli spazi verdi dei Nidi d Infanzia del Comune

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD/EST

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD/EST COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD/EST DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD/EST N. 23 di Reg.Originale (quartiere) Seduta del 02.03.2013 N. di Reg.Speciale (Uff.coord.) L anno 2013,

Dettagli

L anno duemilasette, addì ventisei del mese di settembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,30

L anno duemilasette, addì ventisei del mese di settembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,30 PAG. 1 OGGETTO: Approvazione della bozza di convenzione da stipulare con le Istituzioni Scolastiche per definire aspetti organizzativi del servizio scolastico e l utilizzo del personale ATA per lo svolgimento

Dettagli

L anno duemilatredici addì undici del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:00

L anno duemilatredici addì undici del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:00 PAG. 1 1 OGGETTO: Atto di citazione in appello innanzi alla Corte di Appello di Ancona promosso dal Ministero dell Istruzione e Ricerca - Circolo Didattico via Panfilo di Macerata. Costituzione in giudizio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 28 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE DI CASTELL ARQUATO DENOMINATO RIFUGIO

Dettagli

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 25 del 12/03/2015

GIUNTA COMUNALE. DELIBERAZIONE N. 25 del 12/03/2015 COMUNE DI CASTELLANA GROTTE Provincia di Bari GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. 25 del 12/03/2015 OGGETTO: Concessione del servizio di erogazione e distribuzione di acqua per uso irriguo prelevata dal pozzo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 133 del 30/06/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO RINNOVO CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE YOUNG GENERATION PER LA GESTIONE DELLA SALA PROVE

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N.

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato ai Capigruppo Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. 19 OGGETTO: SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA A.S. 2014-2015 FOGLIO PATTI E CONDIZIONI.

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA C O P I A SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE. DEFINIZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI E DELLE TARIFFE E CONTRIBUZIONI PER L'ANNO

Dettagli

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna, Via Marco Polo, 60 CIG: 2795484A5D

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna, Via Marco Polo, 60 CIG: 2795484A5D Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse materiali Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Atto n. 32 del 27/09/2012

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Atto n. 32 del 27/09/2012 Codice Ente 1030860170 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: combrissago@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

COMUNE DI MORUZZO Provincia di Udine

COMUNE DI MORUZZO Provincia di Udine COMUNE DI MORUZZO Provincia di Udine OGGETTO: CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO MENSA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA ED ELEMENTARE DI MORUZZO. L anno duemilaundici, il giorno sette, del mese di luglio,

Dettagli

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale Regolamento di gestione dell asilo nido comunale 1 ART. 1 FINALITÀ L asilo nido è un servizio educativo di interesse pubblico che favorisce l armonico sviluppo psico-fisico e sociale del bambino nei primi

Dettagli

Nel corso della discussione del punto 2 all ordine del giorno sono entrati i Consiglieri Marazzi Linda e Fulgoni Giancarlo Presenti 11 Assenti 2

Nel corso della discussione del punto 2 all ordine del giorno sono entrati i Consiglieri Marazzi Linda e Fulgoni Giancarlo Presenti 11 Assenti 2 COMUNE DI BORE PROVINCIA DI PARMA Deliberazione di Consiglio Comunale n. 57 del 27/11/2010 Oggetto: Rinnovo convenzione Auser. L'anno duemiladieci giorno ventisette del mese di novembre, alle ore 15.30,

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 40 Reg. Seduta del 21/11/2012 OGGETTO SPESE PER MATERIALI DI PULIZIA DESTINATI ALLE SCUOLE STATALI PRESENTI SUL

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCUOLA CIVICA DI MUSICA DON TORE ARMENI DEI COMUNI DI SANT ANTIOCO E SAN GIOVANNI SUERGIU

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCUOLA CIVICA DI MUSICA DON TORE ARMENI DEI COMUNI DI SANT ANTIOCO E SAN GIOVANNI SUERGIU REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE SCUOLA CIVICA DI MUSICA DON TORE ARMENI DEI COMUNI DI SANT ANTIOCO E SAN GIOVANNI SUERGIU Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale di Sant Antioco n. 12 del 14/03/2013

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST N. 36 di Reg. Originale (quartiere) Seduta del 06.11.2012 N. di Reg.Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: Mozione

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 del 28 gennaio 2011 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

114 del 07 DICEMBRE 2004 PROT. N. 40232

114 del 07 DICEMBRE 2004 PROT. N. 40232 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI SACCHI E CASTIGLIONI DI AN IN MERITO A PARCHEGGIO DI VIA PALADINI PREVISIONE POSTI AUTO GRATUITI PER LAVORATORI. ( RITIRATA) ------------------- L anno duemilaquattro

Dettagli

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Comune di Airuno REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA Deliberazione di Consiglio Comunale 31 25.09.2002 Approvazione Deliberazione di Consiglio Comunale 14 29.06.2005 Modifica Deliberazione di Consiglio

Dettagli

OGGETTO: Fabbricato via Roma, 395. Proposta per pagamento quote condominiali spese di pulizia e lavori autorimesse.

OGGETTO: Fabbricato via Roma, 395. Proposta per pagamento quote condominiali spese di pulizia e lavori autorimesse. PAG. 1 1 OGGETTO: Fabbricato via Roma, 395. Proposta per pagamento quote condominiali spese di pulizia e lavori autorimesse. L anno duemilaquattordici addì quindici del mese di gennaio in Macerata e nella

Dettagli

Constatato il numero legale, la presidenza viene assunta dal Presidente del Consiglio GIAN MARIO MAULO il quale dichiara aperta la seduta.

Constatato il numero legale, la presidenza viene assunta dal Presidente del Consiglio GIAN MARIO MAULO il quale dichiara aperta la seduta. PAG. 1 OGGETTO: ACCORDO TRA COMUNE DI MACERATA E GESTORI DEGLI IMPIANTI DELLA TELEFONIA MOBILE, RELATIVAMENTE ALL ATTUAZIONE DEL VIGENTE PIANO DI RETE PER LA TELEFONIA MOBILE. ------------------- L anno

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 176 In data: 05/11/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SVOLGIMENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PRIMO SOCCORSO ART. 37, C. 9 DEL D.LGS.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE PARTECIPATA DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE PARTECIPATA DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE PARTECIPATA DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio n. 168 del 22.11.2012 1 TITOLO I - IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di POGGIO RENATICO DELIBERAZIONE N. 82 Provincia di Ferrara VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE CON IL NIDO D'INFANZIA PRIVATO AUTORIZZATO BABY POLLICINO DI GALLO

Dettagli

OGGETTO: ATTUAZIONE PIANO CASA. ADOZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE PCL17.

OGGETTO: ATTUAZIONE PIANO CASA. ADOZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE PCL17. PAG. 1 OGGETTO: ATTUAZIONE PIANO CASA. ADOZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE PCL17. ------------------- L anno duemilanove il giorno VENTUNO del mese di DICEMBRE nella Sala Consiliare della Civica Residenza

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. RITENUTO di dotarsi di un Piano di Azione Triennale per gli Acquisti Verdi per il triennio 2010 2012;

LA GIUNTA COMUNALE. RITENUTO di dotarsi di un Piano di Azione Triennale per gli Acquisti Verdi per il triennio 2010 2012; Num. 85 del Registro COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DEGLI ACQUISTI VERDI 2010 2012 EX L.R. 31 DEL

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Regolamento approvato delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 30.06.2008 e modificato con delibera di C.C. n. 12 del 9.03.2010, delibera di C.C. n.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE: AFFIDAMENTO DIRETTO, MEDIANTE CONVENZIONE

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 421

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 421 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 421 OGGETTO: Approvazione dell Accordo tra il Comune di Carmagnola e la Associazione "U.S.D. Salsasio" per

Dettagli

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO

COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO COMUNE DI CASPERIA ( Provincia di Rieti ) CAP 02041 e-mail: comunedicasperia@libero.it Tel. (0765) 63026-63064 / Fax 63710 REGOLAMENTO SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL

Dettagli

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE

CITTÀ DI ALBANO LAZIALE CITTÀ DI ALBANO LAZIALE Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA SCOLASTICA INDICE 1. Funzioni...2 2. Costituzione e composizione della commissione...2

Dettagli

Contributo all'associazione: Eidos oltre le Barriere per sostegno alle famiglie e agli studenti con il Doposcuola e recupero materie scolastiche.

Contributo all'associazione: Eidos oltre le Barriere per sostegno alle famiglie e agli studenti con il Doposcuola e recupero materie scolastiche. COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO N. 82 di Reg Originale (quartiere) Seduta del 25.07.2005 N. 303 di Reg Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: Contributo

Dettagli

OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo.

OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo. 87 del 28 LUGLIO 2000 PROT. N. 23891 1 OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo. L anno duemila, addì ventotto del mese di luglio in Macerata e nella

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES ) - APPROVAZIONE.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES ) - APPROVAZIONE. .. CITTA DI GIAVENO Provincia di Torino COPIA PER PUBBLICAZIONE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N CC / 76 / 2014 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES ) - APPROVAZIONE. Data 16-12-

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

10 del 30 GENNAIO 2006 REP. N. 72 1

10 del 30 GENNAIO 2006 REP. N. 72 1 10 del 30 GENNAIO 2006 REP. N. 72 1 OGGETTO: SERVIZIO TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 2006-2011. MODIFICA SCHEMA DI CONVENZIONE. ------------------- L anno duemilasei il giorno TRENTA del mese di GENNAIO

Dettagli

COMUNE DI CIVITA D ANTINO

COMUNE DI CIVITA D ANTINO COMUNE DI CIVITA D ANTINO PROVINCIA DELL AQUILA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/09/2011 OGGETTO: PROGRAMMA INTERVENTI DIRITTO ALLO STUDIO: ANNO 2012. - APPROVAZIONE- L anno

Dettagli

OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO SULL ATTIVITA DEL COMITATO PER IL 4 CENTENARIO DI PADRE MATTEO RICCI.

OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO SULL ATTIVITA DEL COMITATO PER IL 4 CENTENARIO DI PADRE MATTEO RICCI. PAG. 1 OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO SULL ATTIVITA DEL COMITATO PER IL 4 CENTENARIO DI PADRE MATTEO RICCI. ------------------- L anno duemilanove il giorno VENTISEI del mese di MAGGIO nella Sala Consiliare

Dettagli

228 del 13 MAGGIO 1999 PROT. n. 13008 1

228 del 13 MAGGIO 1999 PROT. n. 13008 1 228 del 13 MAGGIO 1999 PROT. n. 13008 1 OGGETTO: Abbattimento barriere architettoniche nella Pinacoteca Comunale. Fornitura e posa in opera di pedana e montascale. Autorizzazione spesa. L anno millenovecentonovantanove,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI NONANTOLA Provincia di Modena REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 63 del 13/10/05 modificato con delibera di Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA COMUNALE (C.M.) Approvato con Delibera C.C n. 13 del 11/02/2005 ART. 1 FUNZIONI La Commissione Mensa Comunale (d ora

Dettagli

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 OGGETTO GARANZIA SUSSIDIARIA PER L ASSUNZIONE DI MUTUO DA PARTE DELL UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA PER LA REALIZZAZIONE DELLA

Dettagli

L anno duemilauno, addì quattordici del mese di febbraio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10.00

L anno duemilauno, addì quattordici del mese di febbraio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10.00 36 del 14 FEBBRAIO 2001 PROT. N. 5353 1 OGGETTO: L.R. 30/1998 Interventi a favore della Famiglia Criteri di ammissione ai benefici e di ripartizione dei fondi. L anno duemilauno, addì quattordici del mese

Dettagli

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna, Via Marco Polo, 60

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna, Via Marco Polo, 60 Direzione Regionale dell Emilia Romagna Settore Gestione Risorse Ufficio Risorse materiali Concessione del servizio di gestione dell asilo nido aziendale dell Agenzia delle Entrate situato in Bologna,

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI CAMPEGINE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ******************************************************* COPIA N. 5 DEL 19/02/2013 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE

Dettagli

N. 30/12 del 17 settembre 2012

N. 30/12 del 17 settembre 2012 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 30/12 del 17 settembre 2012 GESTIONE ASILO NIDO CONCORSO DI IDEE DEE. Il giorno diciassette del

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO

COMUNE DI ALBIGNASEGO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 61 DEL 30.07.2004 MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL 18.06.2009 MODIFICATO

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COPIA COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 61 del 28/06/2012 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE NUOVA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE

Dettagli

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido del Comune di Telate sito presso il Centro Polivalente Mons. Don Biennati in Via Roma n.

Concessione del servizio di gestione dell asilo nido del Comune di Telate sito presso il Centro Polivalente Mons. Don Biennati in Via Roma n. Concessione del servizio di gestione dell asilo nido del Comune di Telate sito presso il Centro Polivalente Mons. Don Biennati in Via Roma n. 50/b CAPITOLATO TECNICO PREMESSA Il presente Capitolato riporta

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 57 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI FUNZIONAMENTO DELLE SEZIONI DI SCUOLA DELL INFANZIA DI TALAMONA. Oggi

Dettagli

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 26 del 25.09.2008 Articolo 1 Oggetto e finalità Il presente Regolamento disciplina il servizio di refezione scolastica che il Comune gestisce nell

Dettagli

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza

COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza COMUNE DI SARMATO Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 19 del 29.06.2012 regolamento

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 12 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Modifiche ed integrazioni al regolamento

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

L anno duemilatredici addì quattro del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:00

L anno duemilatredici addì quattro del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:00 PAG. 1 1 OGGETTO: Interventi a favore di minorenni allontanati dall propria famiglie di origine: disposizioni ai sensi della D.G.R. 865/2012 e D.G.R. 1413/2012 e della Deliberazione del Comitato dei Sindaci

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO n. 63 del 22/12/2011 OGGETTO: BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2012 E PLURIENNALE 2012/2014 - RELAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 152 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE: AFFIDAMENTO DIRETTO, MEDIANTE CONVENZIONE

Dettagli

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche.

La Sala Convegni non può essere concessa a soggetti che perseguono interessi particolari e cioè a partiti ed organizzazioni politiche. Prontuario per la gestione della Sala Convegni della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona (adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 5 settembre 2007) Art. 1 Premessa La Sala Convegni

Dettagli

L anno duemilaquindici addì ventinove del mese di aprile in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 13:35

L anno duemilaquindici addì ventinove del mese di aprile in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 13:35 PAG. 1 1 OGGETTO: Approvazione di una convenzione quadro con l Università di Macerata finalizzata alla promozione e allo sviluppo di attività culturali e formative legate al master AFAT. L anno duemilaquindici

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 87 In data: 30/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AMMISSIONE, A TITOLO GRATUITO, AL SERVIZIO

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 6 Data 28.02.2011 ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. 6 Data 28.02.2011 ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA ORIGINALE Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 6 Data 28.02.2011 ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO: ACCETTAZIONE DONAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 4 SUD-EST DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 4 SUD-EST N. 13 di Reg. Originale (quartiere) Seduta del 26.03.2012 N. di Reg.Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: Mozione:

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Estratto dal Verbale delle Deliberazioni del Consiglio Comunale OGGETTO

COMUNE DI NOVARA Estratto dal Verbale delle Deliberazioni del Consiglio Comunale OGGETTO COMUNE DI NOVARA Estratto dal Verbale delle Deliberazioni del Consiglio Comunale Deliberazione N 17 OGGETTO Concessione in uso delle coperture di alcuni edifici comunali per l installazione e gestione

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport

COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport COMUNE DI LA MADDALENA Provincia di Olbia Tempio Area Amministrativa Settore Cultura, Pubblica Istruzione e Sport REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA CAPO I NORME GENERALI

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 40 In data: 13/03/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL 'BONUS TARIFFA SOCIALE

Dettagli

L anno duemilasette, addì ventitré del mese di maggio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00

L anno duemilasette, addì ventitré del mese di maggio in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10,00 PAG. 1 OGGETTO: Attivazione del progetto integrato a sostegno della conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro, finanziato con i fondi FSE, denominato - Ampliamento del Servizio dei Nidi d Infanzia

Dettagli

COMUNE DI MOLA DI BARI Provincia di Bari

COMUNE DI MOLA DI BARI Provincia di Bari COMUNE DI MOLA DI BARI Provincia di Bari DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 26 Registro Delibere Data: 30/07/2015 Oggetto: Approvazione Piano finanziario e Tariffe TARI per l'anno 2015. L anno 2015

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SEGRETERIA GENERALE

COMUNE DI PADOVA SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI PADOVA SEGRETERIA GENERALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 2014/0053 di Reg. Seduta del 04/08/2014 OGGETTO: TRIBUTI COMUNALI. ADDIZIONALE COMUNALE ALL IRPEF (IMPOSTA SUL REDDITO DELLE

Dettagli