SERVIZI DIGITAL LIBRARY Il Digital Library Management System CINECA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZI DIGITAL LIBRARY Il Digital Library Management System CINECA"

Transcript

1 SERVIZI DIGITAL LIBRARY Il Digital Library Management System CINECA in collaborazione con Sapienza Università di Roma Rel. 1.0 White Paper Maggio 2013

2 CINECA Consorzio Interuniversitario Sede Legale, Amministrativa e operativa: Via Magnanelli, 6/ Casalecchio di Reno (BO) Tel Altre sedi operative: Via R. Sanzio, Segrate (MI) Tel Via Ciro il Grande, Roma Tel Via dei Tizii, Roma Tel A cura di Matteo Bertazzo e Federico Giacanelli, con Andrea Buda, Ugo Contino, Franca Fiumana, Paolo Malfetti, Giorgio Pedrazzi, Massimo Spinelli, Stefano Spitoni, Roberta Turra, Salvatore Rago (CINECA) Danila Bigazzi, Fabrizo Guidotti, Sabina Parmeggiani (Art Director), Stefano Pinelli (Alterego s.r.l.) Gruppo di ricerca Sapienza Digital Library: Centro interdipartimentale di ricerca e servizi DigiLab Donatella Capaldi, Cecilia Carloni, Gianfranco Crupi, Maria Guercio, Silvia Ortolani, Giovanni Ragone, Silvio Salza, Marco Schaerf, Isabella Tartaglia Sistema Bibliotecario Sapienza Angela Di Iorio, Adriana Magarotto, Maura Quaquarelli, Giovanni Solimine, Ezio Tarantino Con la collaborazione di Francesca Cinquina, Manuela Corbosiero, Manuela Grillo Con il supporto di InfoSapienza CINECA Questo documento non può essere riprodotto o trasmesso in alcuna forma o attraverso alcun mezzo elettronico o meccanico, per alcun scopo, senza previa autorizzazione da parte di CINECA. Dipartimento Gestione dell Informazione e della Conoscenza.

3 INDICE IL DIGITAL LIBRARY MANAGEMENT SYSTEM CINECA... 5 Introduzione: dal Progetto Sapienza Digital Library al Digital Library Management System... 5 La genesi del progetto... 5 Il Digital Library Management System e il Servizio... 6 Processi di filiera... 7 Catalogazione... 8 Management... 8 Applicazioni... 8 Architettura del servizio... 9 Funzionalità e soluzioni software integrate... 9 Acquisizione delle risorse digitali... 9 Transcodifica... 9 Il deposito digitale... 9 Indicizzazione e ricerca... 9 Dissemination Le componenti dell architettura Componenti infrastrutturali e repository Digital Library Service Delivery Platform: la piattaforma API Catalogazione delle collezioni e delle risorse digitali Acquisizione delle risorse digitali Pacchetto informativo e pacchetto di versamento Submission Information Package Profilo METS Workflow di ingestion Monitoraggio della fase di ingestion Archiviazione dei pacchetti AIP Trattamento ed enrichment delle risorse digitali Il motore di transcodifica Le API di transcodifica Servizi di transcodifica e workflow di ingestion Monitoraggio dei processi di transcodifica Gestione autenticazioni e autorizzazioni Indicizzazione e ricerca Funzionalità di faceting Advanced e Simple Search La funzionalità di browsing Similarity Full-text search SERVIZI INTEGRATI Concept Mapper generazione automatica di metadati semantici per Digital Libraries Il processo di analisi Applicazioni Benefici

4 2 Il servizio Multimedia Asset Management and Distribution MediaMosa Funzionalità del Servizio Mediamosa I vantaggi dell integrazione Servizio di registrazione di persistent identifier (DOI) Servizi basati sul DOI Servizio di streaming Descrizione Il servizio di streaming live Il servizio di streaming on-demand Pubblicazione: presentazione dei contenuti Servizio di Content Delivery Network (opzionale a richiesta) Servizio di trascrizione OCR Il software OCR utilizzato I vantaggi dell integrazione MODULI DI INTEGRAZIONE Integrazione con la piattaforma Learning Management System Moodle I vantaggi dell integrazione Integrazione con U-GOV Ricerca I vantaggi dell integrazione Integrazione con EBSCO Discovery Service I vantaggi dell integrazione Integrazione con il CMS Drupal I vantaggi dell integrazione Modello di integrazione "on the fly" I tipi di asset Modulo Digital Library CINECA e SOLR for Digital Library CINECA Pagine Blocchi Gli utenti e gli accessi Il client REST La cache Modulo DL Auth Modulo Ingestion Logs Digital Library CINECA Esempi di viste UNA REALIZZAZIONE: IL PORTALE SDL DELLA SAPIENZA Introduzione La prospettiva di Sapienza UN ESEMPIO: UN PROGETTO DI MUSEO VIRTUALE Il progetto MuVir Introduzione Caratteristiche generali del progetto Funzionalità del portale L impianto tecnologico Ingestion Repository La Personal Virtual Gallery...106

5 Portale MuVir Search & Browsing Faceting e full-text search Visualizzatori Immagini ad alta risoluzione Gestione degli utenti e delle autorizzazioni Conclusioni IL CICLO DEI DIRITTI NELLA SAPIENZA DIGITAL LIBRARY. DOCUMENTO DI LAVORO Sapienza Digital Library. Gli aspetti legali Il ciclo dei diritti I livelli di valutazione e controllo dei diritti Le entità del ciclo dei diritti in SDL I soggetti Le azioni Le relazioni Gli oggetti INFRASTRUTTURA CINECA

6

7 IL DIGITAL LIBRARY MANAGEMENT SYSTEM CINECA Introduzione: dal Progetto Sapienza Digital Library al Digital Library Management System La genesi del progetto Il Digital Library Management System alla base del Servizio Digital Library Cineca è il frutto del Progetto Sapienza Digital Library, condotto in partnership da Cineca e dall Università Sapienza di Roma. Il Progetto Sapienza Digital Library nasce dall idea di raccogliere in un unico sistema di deposito digitale la produzione intellettuale della Sapienza passata e futura, già nata digitale (born-digital) o tradotta successivamente in formato digitale attraverso un processo di digitalizzazione. Il Progetto ha avuto come obiettivo iniziale quello di integrare diversi tipi di materiali quali: digitalizzazione di libri (antichi e moderni), stampe ed altro materiale originale, produzione scientifica digitale (tesi di laurea e dottorato, materiale scientifico il cui copyright non sia stato ceduto), immagini in formato digitale, materiale audiovisivo, materiale audio, materiali didattici (anche per uso nei corsi in e- learning), User Generated Content, materiale specifico (schede di scavo archeologico, materiale di archivio, dataset). Tutto questo materiale digitale doveva essere anche organizzato e catalogato in modo da poter essere messo a disposizione dell intera comunità accademica. Le strutture dell'università di Roma "La Sapienza" possiedono un enorme patrimonio, nelle aree umanistiche come in quelle scientifiche, e la possibilità di valorizzare e di riutilizzare costantemente il patrimonio digitale costituisce un asset strategico riconosciuto come tale dalle maggiori università a livello internazionale e per questa ragione è oggetto di specifiche azioni e investimenti. Il Progetto SDL nasce sin dall inizio con una visione consortile, con l intenzione di creare una infrastruttura ed un insieme di Servizi Digital Library basati su tecnologie innovative, sull uso di specifiche aperte, di software Open Source, di standard e sull interoperabilità, in modo da poter essere facilmente adottate e sfruttate dalle altre università consorziate. Il risultato dei tre anni di lavoro del Progetto è un infrastruttura complessa e flessibile, modulare e ricca di funzionalità che può quindi essere utilizzata nella sua totalità o in parte, con un livello di granularità tra macro e micro funzioni sotto il controllo dell utente. L infrastruttura permette di gestire l intero ciclo di vita di una risorsa digitale o digitalizzata: dall immissione o ingestion nell infrastruttura, alla metadatazione, alla catalogazione fino alla dissemination (browsing, ricerca, visualizzazione) e alla preservation (che sarà il tema principale durante il prossimo anno di Progetto). Su ognuna di queste fasi è possibile intervenire interagendo con l infrastruttura mediante interfacce standard (API RESTful), dalla transcodifica di un immagine alla richiesta delle risorse di una collezione, alla visualizzazione di un filmato al download di un documento. I servizi disponibili su un determinato tipo di oggetto digitale sono definiti all interno del modello della tipologia cui appartiene l oggetto. Grazie all astrazione della loro rappresentazione nel deposito il numero di tipologie di oggetti e i servizi ad esse associati sono facilmente estensibili, aumentando gli ambiti di applicazione del Servizio Digital Library agli oggetti più diversi come dataset scientifici, modelli tridimensionali, etc. Nella doppia valenza del termine inglese Library, da un lato quella di Biblioteca, dall altro quella di Libreria Software sta la vera chiave di lettura del Servizio Digital Library Cineca: un deposito di 5

8 risorse digitali facilmente fruibile, un archivio ragionato e moderno basato su standard internazionali di metadati, un motore di ricerca potente e veloce ma anche un insieme di servizi e interfacce software da usare come mattoncini di base per costruire il proprio servizio, per erogare le risorse dal proprio Portale, per effettuare ricerche da altre applicazioni o solo per mostrare una risorsa digitale dentro un corso in e-learning, sfogliando un antico codice digitalizzato all interno di un nuovo codice digitale. Il Digital Library Management System e il Servizio Il Servizio Digital Library fornisce l infrastruttura tecnologica e informativa necessaria a realizzare e a gestire un sistema Digital Library incorporando una suite di funzionalità di base, come la catalogazione, l archiviazione, l indicizzazione di metadati e contenuti e l accesso, e integrando applicazioni e strumenti per il supporto a servizi specializzati necessari alla realizzazione di specifiche funzionalità. Il servizio è stato progettato e realizzato con l adozione di best practice, modelli (conformi al modello OAIS), specifiche e standard internazionali (ISO-16363, METS, MODS, PREMIS, OAI- PMH) e ha come obiettivi primari quello di garantire la massima interoperabilità con analoghi sistemi alla base di progetti nazionali e internazionali (come Europeana) e quello di supportare tipologie di risorse digitali e metadati eterogenei. La soluzione tecnologica è stata realizzata prediligendo l impiego di software open source e l architettura tecnologica alla base del servizio si basa sull interoperabilità, sull integrazione e sulla modularità. Queste caratteristiche rendono sfruttabile il servizio sia nella realizzazione di portali Digital Library chiavi in mano, sia nell integrazione con altri servizi già presenti in Ateneo (come Portali di Ateneo, U-GOV Ricerca, piattaforme e-learning, etc.) che in modo selettivo accedendo e sfruttando puntualmente micro-servizi digital library specifici (come servizi di transcodifica). Scenario di integrazione Digital Library Management System e servizi dell Ateneo Il modello di riferimento che ha ispirato il disegno del Servizio è quello definito nell ambito del progetto DELOS Network of Excellence on Digital Libraries in cui sono identificate e caratterizzate 6

9 le componenti dell architettura di un Digital Library Management System, le classi di attori coinvolti e i loro specifici requisiti. Con riferimento al manifesto e al modello DELOS schematizzato nella figura sottostante il Servizio Digital Library Cineca realizza un Digital Library Management System (DLMS) che fornisce l infrastruttura tecnologica e informativa necessaria a realizzare e gestire un sistema Digital Library, incorporando una suite di funzionalità di base ed integrando applicazioni e strumenti aggiuntivi per il supporto a servizi specializzati per la realizzazione di funzionalità avanzate. DELOS Reference Model for Digital Libraries Processi di filiera Il servizio Digital Library permette in definitiva la realizzazione di una filiera produttiva che può essere usata per implementare in tutto o in parte l insieme dei processi richiesti da uno specifico Ateneo. Nella costruzione della filiera sono infatti coinvolti aspetti sia tecnologici che organizzativi. Processi di filiera Le risorse digitali e le collezioni provenienti da un progetto di digitalizzazione o born-digital confluiscono nel sistema e affrontano il primo macroprocesso: 7

10 Catalogazione Risorse e collezioni vengono catalogate sia in termini descrittivi che strutturali, vengono caricati gli eventuali contenuti digitali e viene automaticamente prodotto un pacchetto di versamento (SIP, Submission Information Package) che a sua volta viene salvato in un area di deposito. Management Nel successivo macroprocesso procedure automatiche monitorizzano l area di deposito ed effettuano l acquisizione automatica (ingestion) dei pacchetti SIP. Dopo la fase di archiviazione dei contenuti e dei metadati delle risorse e delle collezioni avviene la loro indicizzazione per alimentare il processo di ricerca (search). In base alla tipologia di risorsa digitale vengono creati eventuali oggetti digitali derivati adatti alle forme di dissemination previste dal servizio (immagini a risoluzioni minori, codifica di filmati per lo streaming, etc.). Infine nella fase di enrichment, avviene l arricchimento delle risorse digitali con l aggiunta di informazioni ottenuta tramite estrazione di testo (OCR), generazione automatica di metadati semantici, identificazione della lingua di un testo, etc. Applicazioni Quest ultimo macroprocesso rappresenta le modalità di sfruttamento dei diversi servizi di ricerca e dissemination offerti dal Servizio Digital Library che sono a disposizione dell Ateneo. Browsing di collezioni e risorse per gerarchie e metadati, motore di ricerca (sui metadati e full-text sui contenuti) e filtri a faccette, visualizzatori specializzati per tipo di risorsa sono disponibili in due forme: come API a granularità fine con cui i programmatori possono realizzare le proprie applicazioni e come building blocks integrati in piattaforme come Drupal o Moodle con cui l Information Architect può costruire il proprio Portale o applicazione web. 8

11 Architettura del servizio Il servizio si basa su una architettura service-oriented organizzata su tre livelli. Di questi, il livello di integrazione, rappresentato in figura e denominato Digital Library Service Delivery Platform, costituisce il cuore della soluzione: realizza un modello astratto e semantico delle entità e delle loro relazioni nella Digital Library e al tempo stesso permette sia la comunicazione interna tra tutte le componenti e i servizi integrati al livello inferiore che l accesso da parte del layer applicativo a tutte le funzionalità Digital Library in primis il repository - esposte verso utenti o applicazioni esterne (come aggregatori OAI-PMH). Il livello applicativo, in particolare il Portale Digital Library, ma potenzialmente una qualsiasi applicazione anche mobile - in grado di sfruttare servizi web, ha quindi a disposizione una interfaccia Digital Library (API RESTful) omogenea e stabile, unico punto di accesso verso tutti i servizi che integra, semplifica e rende trasparente l utilizzo del repository e dei sistemi e servizi ad esso connessi. Funzionalità e soluzioni software integrate Si descrivono le funzionalità e le soluzioni software integrate accompagnando una risorsa digitale - digitalizzata o born-digital - durante il viaggio che la porta dalla sua eventuale digitalizzazione e descrizione al repository, fino a raggiungere l utente finale sotto forma della sua rappresentazione digitale più adatta. Acquisizione delle risorse digitali il Servizio fornisce la funzionalità di deposito e ingestion in conformità con il modello OAIS: il processo di acquisizione delle risorse digitali,i Submission Information Package (SIP METS), forniti in modalità bulk, drop-box o provenienti da harvesting OAI-PMH, vengono elaborati da procedure automatiche in modo coordinato con tutte le altre componenti del servizio. Questi processi, monitorabili da parte dell ateneo, prevedono controlli di integrità dei file, controlli antivirus, file characterization e integrazione con il processo di transcodifica. Transcodifica il servizio sfrutta i servizi anche esterni, come i due servizi open source ConceptMapper e Mediamosa - integrati per ottenere, in base al tipo di risorsa digitale in ingresso, nuove forme di rappresentazione digitale utili alla dissemination (transcodifiche audio-video, conversioni di immagini, estrazione di thumbnail) o alla fase di ricerca e discovery (transcodifiche OCR, analizzatori della lingua, estrattori di testo o analizzatori semantici). Il deposito digitale le funzioni di memorizzazione e gestione dei contenuti (nelle varie forme adatte alla conservazione e alla dissemination), dei metadati (descrittivi, tecnici amministrativi e strutturali), dei derivati e delle informazioni di autorizzazione sono svolte dal repository open source Fedora Commons integrato nel servizio. Il repository fornisce anche i servizi web di accesso di accesso e management sfruttati dallo strato di integrazione del servizio digital library. Le entità digital library sono rappresentate nel repository attraverso modelli atomistici in base alla tipologia (immagini, mappe, book-scan, testi, audio-video, collezioni organizzative e di risorse). Indicizzazione e ricerca la funzione è affidata al motore di ricerca open source SOLR: con l integrazione realizzata l indice dei contenuti, metadati, ralazioni e dei derivati (trascrizioni OCR, annotazioni semantiche, testi) è allineato con il repository e attraverso la API di accesso le informazioni possono essere sfruttate dal portale per la ricerca e il browsing a faccette delle risorse digitali. 9

12 Dissemination l'accesso alle risorse digitali e ai servizi da parte dell utente avviene attraverso il Portale Digital Library, realizzato con il CMS open source Drupal1 opportunamente esteso con nuovi moduli Digital Library integrato con specifici visualizzatori open source. Il Portale è stato integrato anche per condividere con il servizio Digital Library le informazioni di autenticazione e autorizzazione sulle risorse digitali. Le componenti dell architettura Il cuore dell architettura adottata per il Servizio Digital Library è costituito da un layer di integrazione denominato Digital Library Service Delivery Platform (SDP), che ha come obiettivi primari l integrazione di tutti i servizi coinvolti e la loro esposizione verso il livello applicativo attraverso una API basata su web services di tipo RESTful: fornire una piattaforma API di servizi omogenea e stabile verso il livello applicativo, in particolare verso il Portale Digital Library, e che funge da unico punto di accesso verso tutti i servizi Digital Library; integrare e rendere trasparente l utilizzo del repository e dei sistemi e servizi connessi La figura sottostante esplicita i tre livelli così individuati e specifica gli standard adottati e i framework tecnologici sfruttati per la realizzazione del Servizio. Architettura visione macro Per quanto riguarda lo stack applicativo, il servizio Digital Library è realizzato attraverso l integrazione di software open source: Portale Digital Library: viene integrato il CMS Drupal2; 1 2 Drupal, 10

13 Integration Layer: viene utilizzato Apache Camel3, è un framework dedicato espressamente al messaging, alla trasformazione e al routing di messaggi tra applicazioni, o tra specifiche parti della stessa applicazione; Repository: viene utilizzato il software Fedora Commons4, il quale integra a sua volta una serie di prodotti open source per la gestione, indicizzazione e trasformazione di contenuti digitali; Multimedia Asset Management Platform: viene utilizzato il software Mediamosa, che permette la transcodifica ed il delivery multiformato e multiprotocollo di contenuti audio-video; Visualizzatori: vengono utilizzati il software BookReader e Adore Djatoka, rispettivamente per la visualizzazione di book-scans e di immagini ad alta risoluzione. La figura sottostante fornisce una visione di dettaglio delle componenti software integrate per la realizzazione del servizio ed esplicita a livello applicativo alcuni degli scenari d uso realizzabili. Architettura - dettaglio delle componenti 3 Apache Camel, camel.apache.org 4 Fedora Commons è un Progetto del consorzio Duraspace, 501(c)(3) not-for-profit, 11

14

15 Componenti infrastrutturali e repository Da un punto di vista infrastrutturale l erogazione del Servizio Digital Library è basata sull integrazione di più componenti: Repository: piattaforma Fedora Commons (webapp J2EE, erogato su nodi replicati in load balancing) Middleware applicativo SDP per procedure di ingestion ed esposizione API DL (webapp J2EE, erogato su nodi replicati in load balancing) Motore di ricerca (Apache Solr, erogato su nodi replicati in load balancing) Server FTP / WebDAV per deposito dei contenuti da parte del cliente Portale DL per l erogazione dei contenuti della DL (CMS Drupal erogato in modalità farm su nodi replicati in load balancing) Sistema di conversione OCR (SW commerciale erogato su nodo dedicato) Applicazioni di supporto per image server, visualizzatori, convertitori di formato, webapps J2EE, applicativi di sistema (erogati su nodi replicati disitinti da repository e CMS) Alla base dell architettura è collocato il repository multimediale Fedora Commons replicato su due nodi gemelli in bilanciamento di carico e sotto backup quotidiano. I nodi sono esattamente replicati in modo da poter subentrare uno all atro in caso di malfunzionamenti. I due nodi repository sono mantenuti costantemente allineati da una procedura software appositamente sviluppata (mirroring). La descisione di sviluppo interno è stata presa dopo aver scartato una serie di altre procedure di allineamento in quanto non totalmente conformi ai rigidi vincoli posti sul Servizio. La disponibilità dei due nodi ha inoltre permesso di indirizzare le operazioni di ingestion su uno dei due nodi e in modo da non sovraccaricare il secondo nodo, mantenuto più scarico per meglio servire le richieste provenienti dal frontend. Il nodo dedicato all erogazione dei contenuti è mantenuto allineato mediante un procedura computazionalmente molto più leggera rispetto all intero workflow di ingestion. I due nodi sono classificati come: leader: nome che identifica il nodo sul quale vengono effettuate le operazioni di ingestion; follower: identifica la macchina dedicata all erogazione dei contenuti (in modalità read-only rispetto alle invocazioni di mangement previste dalla API) La procedura di allineamento intercetta tutte le operazioni di inserimento, cancellazione e modifica di un qualsiasi oggetto contenuto nel repository leader segnalandole mediante un sistema di messaggistica dedicato al nodo follower. Quest ultimo, alla ricezione di un messaggio, confronta ogni singolo datatstream locale dell oggetto segnalato con i datatstream dell oggetto sul nodo leader e, quando necessario, effettua l allineamento. Ogni oggetto caricato sul repository viene salvato sul file system in una directory che in base alla tipologia di datastream può essere gestita da Fedora Commons stesso o indirizzata in modo diretto (referenced datastream). La sezione metadati viene salvata in formato FOXML mentre eventuali file binari presenti negli oggetti figli vengono rinominati e salvati in una speciale gerarchia di directory gestita da un algoritmo interno a Fedora Commons (datastore). 13

16

17 Digital Library Service Delivery Platform: la piattaforma API L accesso a tutti servizi offerti dal Servizio Digital Library è offerto attraverso una serie di API invocabili da una qualsiasi applicazione client (Il Portale è da considerarsi a tutti gli effetti come un generico client). Tutte le API sono implementate attraverso servizi REST e possono fondamentalmente essere ricondotte a due tipologie distinte: API per il recupero del contenuto degli oggetti che forniscono generalmente una risposta in forma binaria (es. un immagine, un pdf, un video, ecc) API per la navigazione dei metatdati o della gerarchia della DL le cui risposte sono sempre in formato JSON Di seguito un elenco descrittivo (senza entrare nel dettaglio implementativo) delle funzioni esposte: /content/(user)/(address)/(pid)/part/(part) Funzione per la richiesta di generazione del token di autorizzazione per l accesso ai contenuti binari di un oggetto. Nella risposta (in formato JSON) vengono restituiti i link corredati di token per l accesso al contenuto richiesto /content/(token)/(hexcode)/(user)/(pid)/part/(part)/embedding Utilizzabile solo per alcune tipologie di oggetti, restituisce un frammento di codice, previa verifica delle credenziali, per l embedding di un contenuto in una pagine di un client /content/(token)/(hexcode)/(user)/(pid)/part/(part)/page Utilizzabile solo per libri e mappe, esegue l accesso, previa verifica delle credenziali, ad una pagina /content/(token)/(hexcode)/(user)/(pid)/part/(part)/direct Utilizzabile solo per alcune tipologie di oggetti, esegue l accesso, previa verifica delle credenziali, ad un contenuto /content/(token)/(hexcode)/(user)/(pid)/part/(part)/download Utilizzabile solo per alcune tipologie di oggetti, esegue il download, previa verifica delle credenziali, di un contenuto /transcode/ocr/submit Avvia l esecuzione del parsing OCR su un immagine /transcode/conceptmapper/submit Avvia il processo di riconoscimento dei concetti contenuti in un testo mediante il servizio Concept Mapper /transcode/pdf2thumbnail/submit Genera la thumbnail di un oggetto partendo da un binario in formato PDF 15

18 /transcode/jpeg2000thumbnail/submit Converte un immagine ad alta risoluzione in formato TIFF in un immagine in formato JPEG2000 /transcode/map2thumbnail/submit Genera la thumbnail di un oggetto prendendo in input un immgine in formato jpeg /transcode/mastertosource/submit Genera un immagine a bassa risoluzione data la corrispondente ad alta risoluzione /transcode/tikaservice/gettextbyresourceurl Esegue il riconoscimento del testo contenuto in un file in formato PDF /transcode/tikaservice/getlanguagebytext Esegue il riconoscimento della lingua del testo contenuto in un file in formato PDF /transcode/getstatus Verifica lo stato di avanzamento di un operazione di transcodifica dato l identificativo unico dell elaborazione /transcode/getresultbytoken Recupera il risultato di una operazione di transcodifica dato l identificativo unico dell elaborazione /asset/(pid)/type Restituisce il tipo di un oggetto dato il suo identificativo unico /asset/(pid)/descmetadata /asset/(pid)/summarymetadata Recupera un sottoinsieme dei metadati descrittivi /asset/(pid)/parent Restituisce la collezione di appartenenza di un oggetto /asset/(pid)/hierarchy Restituisce l intera gerarchia delle collezioni di appartenenza fino alla radice /asset/(pid)/contentpackaging Restituisce il METS completo dell oggetto /asset/(pid)/partscount Restituisce il numero di parti di cui è composto un oggetto /collections/(pid) 16

19 Restituisce la gerarchia contenuta (collezioni e oggetti) /collection/(pid)/descmetadata Restituisce i metadati descrittivi di una collezione /collection/(pid)/summarymetadata Restituisce un sottoinsieme dei metadati descrittivi di una collezione /collection/(pid)/suborgcollections Restiuisce l elenco delle collezioni organizzative contenute in una collezione /collection/(pid)/suborgcollectionscount Restituisce il numero di collezioni organizzative contenute in una collezione /collection/(pid)/subcollections Restiuisce l elenco delle collezioni contenute in una collezione /collection/(pid)/subcollectionscount Restituisce il numero di collezioni contenute in una collezione /collection/(pid)/memberscount Restituisce il numero di tutti gli oggetti (collezioni escluse) membri di una collezione /collection/(pid)/members Restituisce tutti gli oggetti (collezioni escluse) membri di una collezione. Per ogni oggetto viene restituito l identificativo unico, un sottoinsieme dei metadati descrittivi e il link alla thumbnail /collection/(pid)/parent Restituisce la collezione organizzativa di appartenenza di una collezione /collection/(pid)/hierarchy Restituisce l intera gerarchia delle collezioni organizzative di appartenenza fino alla radice /collection/(pid)/contentpackaging Restituisce il METS completo della collezione /(PID)/Type Restituisce il tipo di un oggetto /search Data una stringa in ingresso esegue una ricerca sui contenuti e sui metadati descrittivi /search/ebscosearch 17

20 Data una stringa in ingresso esegue una ricerca sul servizio EBSCO /search/simplesearch Data una stringa in ingresso esegue una ricerca solamente sul metadato descrittibo title /cataloging/(pid)/findobject Esegue la ricerca di un oggetto proveniente dall applicazione di Cataloging /thumbnail/(pid)/collectionthumbnailimage Restituisce la thumbnail di una collezione /thumbnail/(pid)/part/(part)/thumbnailimage Restituisce la thumbnail di un oggetto 18

21 Catalogazione delle collezioni e delle risorse digitali Il Servizio Digital Library offre uno strumento web-based di Catalogazione realizzato attraverso il CMS open source Drupal (già impiegato per la realizzazione del Portale SDL). L obiettivo fondamentale è quello di essere di semplice utilizzo, immediato e produttivo, in modo da rendere disponibili in rete quanto prima le risorse già digitalizzate o pronte per la digitalizzazione, mantenendo al tempo stesso una adeguata qualità di metadatazione. L impiego del CMS Drupal e il completo sfruttamento delle sue funzionalità (native, mouli ad-hoc, tassonomie) hanno permesso di realizzare delle interfacce di catalogazione complesse che possono essere adattate ai requisiti di uno specifico ateneo. Lo strumento permette: la catalogazione di metadati descrittivi di collezioni e risorse digitali la definizione e l utilizzo di vocabolari controllati la clonazione di schede descrittive, per massimizzare la produzione da parte degli editor il caricamento (upload) e l associazione di contenuti digitali alle risorse digitali la validazione delle risorse digitali tramite un workflow edit/approve/reject l associazione ad un local identifier l esportazione verso un pacchetto di SIP di ingestion così come definito e supportato dal Sistema SDL Lo strumento di Catalogazione è infatti integrato con il processo di ingestion del Servizio Digital Library: le risorse digitali (metadati e contenuti) e le collezioni generate attraverso questo strumento sono esportate sotto forma di pacchetti SIP e ricondotte al normale flusso di ingestion per poi essere archiviate nel repository. Lo strumento permette la catalogazione secondo gli standard di settore (ISAD e ISAAR) e produce e prevede la gestione di queste tipologie di entità: Risorse: ogni risorsa digitale, sia esso una immagine, un libro, un video, un frammento audio, una cartografia, un oggetto 3D, un software, ecc ; Collezioni / Partizioni: una collezione rappresenta una raccolta di Risorse. Essa può essere suddivisa in Partizioni (ad esempio Serie, Sottoserie, Raccolta, Fascicolo, Sottofascicolo, ecc ); Soggetti Versanti / Produttori: authority file per la gestione dei soggetti fornitori delle collezioni e/o partizioni di collezioni. Nello sviluppare lo strumento è stata posta particolare attenzione alla distinzione tra i vari livelli di rappresentazione di un oggetto digitale. Per evitare ogni ambiguità vengono inseriti i metadati relativi ad ognuna delle seguenti entità: Real Physical Object (RPO): l oggetto fisico (ad esempio un dipinto, un edificio, un libro, ecc ); Digital Representation Object (DRO): un oggetto digitale ottenuto attraverso la digitalizzazione di un RPO; Digital Primary Object (DPO): un oggetto "born digital" cioè un oggetto digitale che non è un DRO. Durante la fase di metadatazione è possibile utilizzare vocabolari controllati, in particolare si è deciso di adottare il Thesaurus PICO 4.3 (Portale della Cultura Italiana) per una prima 19

GIOTTO: IL DIGITAL LIBRARY

GIOTTO: IL DIGITAL LIBRARY Giotto IL DIGITAL LIBRARY MANAGEMENT SYSTEM DEL CINECA Redatto da: Matteo Bertazzo, Angelo de Florio, Ugo Contino Verificato da: Approvato da: Distribuito a: Proposta di servizio protocollo n. Rev. Emessa

Dettagli

SERVIZI DIGITAL LIBRARY Il Digital Library Management System CINECA

SERVIZI DIGITAL LIBRARY Il Digital Library Management System CINECA SERVIZI DIGITAL LIBRARY Il Digital Library Management System CINECA in collaborazione con Sapienza Università di Roma Rel. 1.0 White Paper Maggio 2013 UN ESEMPIO: UN PROGETTO DI MUSEO VIRTUALE Il progetto

Dettagli

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il modello OAIS SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere:

Modello OAIS. Modello di riferimento. Il Modello. Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012. Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: Modello OAIS Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Prof.ssa E. Gentile Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali 1 Modello di riferimento Un modello di riferimento dovrebbe descrivere: le componenti

Dettagli

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale

Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Progetti di cooperazione internazionale e nazionale per la catalogazione e la riproduzione digitale Rossella Caffo Direttore Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane Milano, 14

Dettagli

ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva

ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva ll servizio di conservazione dei documenti informatici conserva U-GOV Conserva Il servizio di conservazione dei documenti informatici di CINECA White Paper Settembre 2013 CINECA Consorzio Interuniversitario

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Testo tratto da S. PIGLIAPOCO

Testo tratto da S. PIGLIAPOCO Testo tratto da S. PIGLIAPOCO, La memoria digitale delle amministrazioni pubbliche. Requisiti, metodi e sistemi per la produzione, archiviazione e conservazione dei documenti informatici, Santarcangelo

Dettagli

Sistematizzare la documentazione di progetto Una metodologia per un Quality-controlled Subject Gateway del design

Sistematizzare la documentazione di progetto Una metodologia per un Quality-controlled Subject Gateway del design Dipartimento INDACO Facoltà del Design - III Facoltà d Architettura Politecnico di Milano Sistematizzare la documentazione di progetto Una metodologia per un Quality-controlled Subject Gateway del design

Dettagli

Epistemetec Un modello per le Digital libraries

Epistemetec Un modello per le Digital libraries Epistemetec Un modello per le Digital libraries di Alessandro Capra Ringraziamenti: Luca Secchi, Rossano Atzeni, Alessandro Chessa, 1 Agenda: My I introduce... Cybersar? Alcune riflessioni su cosa è una

Dettagli

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso

Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso SP1 Software per lo storage di contenuti multimediali Manuale d'uso Il documento Sp1 rappresenta il manuale d'uso del prototipo software per lo storage dei contenuti multimediali. L'utente destinatario

Dettagli

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source Kirey Re.Search 2.0 Piattaforma di ricerca Open Source Le esigenze Quando si parla di motori di ricerca si tende a pensare istintivamente solo a quelli utilizzati per effettuare ricerche in Internet, come

Dettagli

ALLEGATO DESCRITTIVO. Da U-GOV a IRIS. Vantaggi

ALLEGATO DESCRITTIVO. Da U-GOV a IRIS. Vantaggi ALLEGATO DESCRITTIVO Da U-GOV a IRIS Vantaggi Codice doc. RI_DAUGOV Premessa Il sistema U-GOV Ricerca è stato, nel corso del 2014, migrato nel sistema IRIS, che ne contiene tutte le funzionalità, più una

Dettagli

La nuova era della conservazione digitale

La nuova era della conservazione digitale La nuova era della conservazione digitale L informatica sta mutando le modalità di produzione, gestione, archiviazione e conservazione dei documenti sia nella Pubblica Amministrazione che nelle aziende

Dettagli

Formazione sistema editoriale CMS

Formazione sistema editoriale CMS Ufficio Società dell'informazione Nome del Progetto Acronimo del Progetto Formazione sistema editoriale CMS Documento Data di stesura Maggio 2010 Versione 1.2 Sommario 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione...

Dettagli

SHARE CATALOGUE: le biblioteche universitarie in Linked Open Data

SHARE CATALOGUE: le biblioteche universitarie in Linked Open Data SHARE CATALOGUE: le biblioteche universitarie in Linked Open Data Roberto delle Donne (Università degli Studi di Napoli Federico II) Tiziana Possemato (@Cult) SHARE Scholarly Heritage and Access to Research

Dettagli

L architettura del sistema può essere schematizzata in modo semplificato dalla figura che segue.

L architettura del sistema può essere schematizzata in modo semplificato dalla figura che segue. Il software DigitalRepository/AMBiblioweb (DRBW) è un sistema di gestione completo per repository digitali implementato secondo lo standard MAG 2.0 e successive revisioni, in accordo con il modello OAIS.

Dettagli

Il modello di riferimento per un Sistema informativo aperto per l archiviazione

Il modello di riferimento per un Sistema informativo aperto per l archiviazione Il modello di riferimento per un Sistema informativo aperto per l archiviazione Brian F. Lavoie 1 I. Breve premessa... 1 II. La genesi del modello OAIS... 2 III. Il sistema informativo aperto per l archiviazione

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org Creare un portale europeo multilingue che dà accesso integrato al patrimonio culturale europeo attraverso le collezioni

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali

Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali Evoluzione dell applicazione mobile Travel Intoscana e realizzazione del sistema delle applicazioni territoriali CIG: 6261506635 Specifiche tecniche Pagina 1 Sommario 1. Oggetto del servizio... 3 1.1 Contesto

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

Digital library e repositori istituzionali

Digital library e repositori istituzionali CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Digital library e repositori istituzionali SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale

Dettagli

CARATTERISTICA / MODULO

CARATTERISTICA / MODULO NextWare Doc è il prodotto che consente di amministrare semplicemente tutte le p roblematiche inerenti la gestione dei documenti; è rivolto sia la settore privato che alla Pubblica Amministrazione, e copre

Dettagli

Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Lavoro pratico 2

Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Lavoro pratico 2 Docente: prof.silvio Salza Candidato: Protocollo di metadata harvesting OAI-PMH Open Archive Initiative OAI (Open Archive Initiative) rendere facilmente fruibili gli archivi che contengono documenti prodotti

Dettagli

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati

UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI. Accesso on line ai metadati e ai dati scaletta per seminario 14-12-05 UN SISTEMA DI ARCHIVI AUDIOVISIVI sul tema Accesso on line ai metadati e ai dati a cura di Francesco Baldi Discoteca di Stato e Museo dell Audiovisivo novembre 2005 Quadro

Dettagli

Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage

Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage Moodle per la formazione a distanza dei professionisti dei beni culturali: l esperienza del Progetto Europeo Linked Heritage Antonella Zane Centro di Ateneo per le Biblioteche (CAB) Università degli studi

Dettagli

Opendoc DLS Digital Library System

Opendoc DLS Digital Library System Opendoc DLS Digital Library System Opendoc DLS - Digital Library System Chi siamo Opendoc Srl è una società milanese nata a seguito di un'importante esperienza per il Ministero per i Beni e le Attività

Dettagli

ReMuNa: un esperienza di Information Grid

ReMuNa: un esperienza di Information Grid ReMuNa: un esperienza di Information Grid Mario Mango Furnari Istituto di Cibernetica E. Caianiello Consiglio Nazionale delle Ricerche Pozzuoli 1 Obiettivi del progetto Nel rispetto delle reciproche differenze,

Dettagli

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione

Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione Convegno delle Stelline 20ᵃ edizione RDA e Linked data: un binomio naturale. Linee guida e tecnologie per gli ILS di nuova generazione Tiziana Possemato @Cult I dati delle biblioteche nel web semantico

Dettagli

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Rossella Caffo Ministero per i Beni e le Attività Culturali Le iniziative del MiBAC La rete MINERVA MICHAEL Il

Dettagli

Il Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) www.biblio.polimi.it

Il Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) www.biblio.polimi.it , Centro Sistema IT Seminario CNBA L integrazione delle risorse eterogenee distribuite: problemi, strumenti e prospettive, Roma 27 ottobre 2004 Il (SBA) www.biblio.polimi.it 2 L'Area (SBA) é la struttura

Dettagli

Presentazione e dimostrazione di utilizzo

Presentazione e dimostrazione di utilizzo L AMBIENTE OPEN SOURCE A SUPPORTO DELLE BEST PRACTICE DI ITIL un progetto open source per la gestione dei processi ICT Presentazione e dimostrazione di utilizzo Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.it MILANO,

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Stefania Biagioni e Donatella Castelli Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione A Faedo CNR stefania.biagioni@isti.cnr.it

Dettagli

Open KIS- Servizi ad alta intensità di conoscenza

Open KIS- Servizi ad alta intensità di conoscenza Nell ambito del progetto Open Innovation, LIASES - Laboratorio di Informatica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali Giorgio Rota, centro di servizi informatici dell'università di Torino che svolge

Dettagli

Gloria Cirocchi cirocchi_g@camera.it. http://ssdoo.gsfc.nasa.gov/nost/isoas/ref_model.html

Gloria Cirocchi cirocchi_g@camera.it. http://ssdoo.gsfc.nasa.gov/nost/isoas/ref_model.html IL MODELLO OAIS Gloria Cirocchi cirocchi_g@camera.it http://ssdoo.gsfc.nasa.gov/nost/isoas/ref_model.html Se, tradizionalmente intesa, la conservazione consiste nell'assicurare la stabilità nel tempo dei

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

I valori di un prodotto disegnato da chi lo usa Vantaggi che garantiscono l'alta qualità del servizio

I valori di un prodotto disegnato da chi lo usa Vantaggi che garantiscono l'alta qualità del servizio Gestire, condividere e controllare le informazioni nei processi aziendali Dataexpert attraverso un evoluto sistema di Document Management, consente la gestione e la condivisione di flussi informativi aziendali

Dettagli

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8

WebRatio. L altra strada per il BPM. Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 WebRatio L altra strada per il BPM Web Models s.r.l. www.webratio.com contact@webratio.com 1 / 8 Il BPM Il BPM (Business Process Management) non è solo una tecnologia, ma più a grandi linee una disciplina

Dettagli

Online Sessione AIDA

Online Sessione AIDA Online Sessione AIDA Londra 2 dicembre 2003 Roma 31 marzo 2004 Il content management per la ricerca e la didattica Paola Gargiulo gargiulo@caspur.it Sommario di cosa parliamo quando parliamo di content

Dettagli

Coltivare il terreno della ricerca

Coltivare il terreno della ricerca 1 Coltivare il terreno della ricerca L aumento del divario tra disponibilitàfinanziarie e costidella ricerca impone attenzione sempre maggiore al corretto impiego delle risorsee dei finanziamenti nonchéalla

Dettagli

Nuvola It Data Space

Nuvola It Data Space MANUALE UTENTE INDICE 1. Descrizione servizio... 3 1.1. Informazioni sul servizio di Telecom Italia... 3 1.2. Ruoli e Autenticazione per il servizio di Telecom Italia... 3 1.3. Strumenti... 5 1.4. Documentazione...

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

La digitalizzazione tra sfide e opportunità. DigitUniTO: interoperabilità, metadati, aspetti legali

La digitalizzazione tra sfide e opportunità. DigitUniTO: interoperabilità, metadati, aspetti legali La digitalizzazione tra sfide e opportunità. DigitUniTO: interoperabilità, metadati, aspetti legali Cristina Ferrus, Giulia Scarcia GdP Digitalizzazione, SBA Università di Torino Paola Laguzzi Direzione

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

CodeX[ml] Digital Library Management System

CodeX[ml] Digital Library Management System CodeX[ml] Digital Library Management System PREMESSA... 3 IL FLUSSO DEI DATI... 3 IL FRAMEWORK APPLICATIVO... 4 L ARCHITETTURA... 5 LE INTERAZIONI TRA MODULI... 6 LE FUNZIONALITÀ PRINCIPALI... 7 AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Breve descrizione del prodotto

Breve descrizione del prodotto Breve descrizione del prodotto 1. Il software AquaBrowser Library...2 1.1 Le funzioni di Search Discover Refine...3 1.2 Search: la funzione di ricerca e di presentazione dei risultati...3 1.2.1 La configurazione

Dettagli

Linee di azione per la realizzazione del Portale della cultura italiana e il progetto MICHAEL

Linee di azione per la realizzazione del Portale della cultura italiana e il progetto MICHAEL Linee di azione per la realizzazione del Portale della cultura italiana e il progetto MICHAEL - MiBAC Coordinatore Progetto MINERVA e Progetto MICHAEL Responsabile Progetto Portale della Cultura Italiana

Dettagli

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE CulturaItalia Presentazione del Portale della Cultura italiana 2 CulturaItalia CulturaItalia è il primo portale in Italia ad offrire un punto

Dettagli

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO

PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO PROTOCOLLO ELETTRONICO GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI GESTIONE ELETTRONICA DELL ARCHIVIO PROTOCOLLO ELETTRONICO Lettere, fax, messaggi di posta elettronica, documenti tecnici e fiscali, pile e pile

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

Il nuovo portale della Sapienza Integrare comunicazione e servizi. Tiziana Catarci

Il nuovo portale della Sapienza Integrare comunicazione e servizi. Tiziana Catarci Integrare comunicazione e servizi Tiziana Catarci Fase 1: Portale della Comunicazione: reingegnerizzazione portale su CMS Drupal Fase 2: Siti delle strutture: coordinamento tra sito centrale e siti delle

Dettagli

Whorkshop luglio 2015

Whorkshop luglio 2015 Whorkshop luglio 2015 Argomenti dell evento Privacy e dematerializzazione 1/21 www.ambrostudio.it Perché la Privacy e la dematerializzazione? Cambia l atteggiamento nella gestione dei documenti E più un

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

IRIS (Institutional Research Information System) Manuale d uso

IRIS (Institutional Research Information System) Manuale d uso IRIS (Institutional Research Information System) Manuale d uso A cura dell Ufficio Ricerca Nazionale prodotti.ricerca@unife.it INDICE COS E IRIS... 3 IRIS AREA PUBBLICA... 4 IRIS AREA RISERVATA AI RICERCATORI

Dettagli

ricerca U-GOV Ricerca Il sistema per la gestione della Ricerca in Ateneo

ricerca U-GOV Ricerca Il sistema per la gestione della Ricerca in Ateneo ricerca U-GOV Ricerca Il sistema per la gestione della Ricerca in Ateneo White Paper Marzo 2010 U-GOV Ricerca Il sistema per la gestione della Ricerca in Ateneo White Paper Marzo 2010 Titolo White Paper:

Dettagli

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE di K A T H A G E D O R N, A R G U S A S S O C I A T E S MARZO 2 0 0 0 traduzione di: BARBARA WIEL MARIN DICEMBRE 2009 1 GLOSSARIO DI ARCHITETTURA DELL INFORMAZIONE

Dettagli

Sito di facoltà. Manuale d uso. Descrizione delle funzionalità del CMS Drupal ed indicazioni redazionali

Sito di facoltà. Manuale d uso. Descrizione delle funzionalità del CMS Drupal ed indicazioni redazionali Oggetto: Sapienza Università di Roma STATO REVISIONI Revisione Data Motivo 0 8/08/2011 Compilazione D. Lotti, I. Bersanetti Sito di facoltà Descrizione delle funzionalità del CMS Drupal ed indicazioni

Dettagli

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Università degli studi di Ferrara. Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE Università degli studi di Ferrara Facoltà di scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea Specialistica in Informatica Sviluppo di un Web Service per la classificazione del suolo e sua integrazione sul Portale SSE

Dettagli

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma Content Development e Open Source Università La Sapienza di Roma Contenuti: Cos è il content management Aspetti critici nello sviluppo dei CMS Opzioni tecnologiche per il CM Peculiarità dell opzione open

Dettagli

Harvesting delle tesi di dottorato delle Biblioteche Nazionali tramite DSpace

Harvesting delle tesi di dottorato delle Biblioteche Nazionali tramite DSpace Harvesting delle tesi di dottorato delle Biblioteche Nazionali tramite DSpace Versione: 1.0 (14 settembre 2010) Autore: Andrea Bollini, Nilde De Paoli Premessa Scopo di questo documento è illustrare la

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale?

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale? Librerie digitali Introduzione Cos è una libreria digitale? William Arms "An informal definition of a digital library is a managed collection of information, with associated services, where the information

Dettagli

SiCAPweb. for Archives. software di gestione partecipata degli archivi interamente web-based

SiCAPweb. for Archives. software di gestione partecipata degli archivi interamente web-based SiCAPweb for Archives software di gestione partecipata degli archivi interamente web-based ISAD (G): Standard Internazionale Generale per la Descrizione degli Archivi ISAAR (CPF): Standard internazionale

Dettagli

Telecom Italia SpA. Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE

Telecom Italia SpA. Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE EVOCST.IT.DPMU14000 TITOLO DOCUMENTO: Evoluzione Piattaforma Conservazione a TIPO DOCUMENTO: Manuale Utente EMESSO DA: Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. DATA EMISSIONE N. ALLEGATI: STATO: 06/08/24

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management Enterprise Content Management SOLUZIONI PER LA COLLABORAZIONE SOCIAL Condividi l informazione, snellisci I flussi, ottimizza la produttività Freedoc è un applicazione documentale multicanale per il trattamento

Dettagli

IRIS IR/OA - Repository dei Prodotti della Ricerca

IRIS IR/OA - Repository dei Prodotti della Ricerca IRIS IR/OA - Repository dei Prodotti della Ricerca Andrea Bollini Bologna 10/04/2014 Perché un CRIS? Perché un catalogo? Supportare i processi di decisione e valutazione di ateneo Rispondere alla mission

Dettagli

Pedigree Documentazione aggiuntiva Corso di reperimento dell informazione a.a. 2005/2006 prof.sa Maristella Agosti

Pedigree Documentazione aggiuntiva Corso di reperimento dell informazione a.a. 2005/2006 prof.sa Maristella Agosti Pedigree Documentazione aggiuntiva Corso di reperimento dell informazione a.a. 25/26 prof.sa Maristella Agosti Argenton Matteo Buzzi Lorenzo Gatto Giorgio Molinaro Matteo Zorzan Emmanuele Prestazioni

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva

josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh Archive! The Organization Intelligence Software archiviazione documentale conservazione sostitutiva josh è un software di it Consult e marchio registrato della stessa it Consult S.r.l. - 2001-2014

Dettagli

La migliore soluzione di Enterprise Document Management con BPM IDEALE PER AZIENDE SANITARIE, BANCHE, ASSICURAZIONI, INDUSTRIE E TELCO

La migliore soluzione di Enterprise Document Management con BPM IDEALE PER AZIENDE SANITARIE, BANCHE, ASSICURAZIONI, INDUSTRIE E TELCO La migliore soluzione di Enterprise Document Management con BPM IDEALE PER AZIENDE SANITARIE, BANCHE, ASSICURAZIONI, INDUSTRIE E TELCO CONDIVIDI LE INFORMAZIONI, OTTIMIZZA I WORKFLOW E MASSIMIZZA LA PRODUTTIVITÀ

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Riusabilità dei contenuti

Riusabilità dei contenuti Istituto Nazionale Previdenza Sociale Gestione Dipendenti Pubblici Riusabilità dei contenuti E-Learning per la Pubblica Amministrazione - Sommario 1. Problema e soluzione 2. I Learning Object 3. Metadati

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Fondamenti di Knowledge e Business Process Management Giovanni Marrè Amministratore Delegato, it Consult Business Process Management input Competenze individuali Fattori Tecnologici PROCESSO Competenze

Dettagli

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY

PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Giampiero Allamprese 0000260193 PROGETTO DI UN MIDDLEWARE PER L ACCESSO REMOTO A UN REPOSITORY Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi A.A. 2007/2008 ABSTRACT L obiettivo di questo progetto è la realizzazione

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sommario 1 INTRODUZIONE...3 2 OVERVIEW...4 3 L ARCHITETTURA DI KENDO...6 4 REQUISITI TECNICI...19. Kendo: Datasheet. 2.1 Target di riferimento...

Sommario 1 INTRODUZIONE...3 2 OVERVIEW...4 3 L ARCHITETTURA DI KENDO...6 4 REQUISITI TECNICI...19. Kendo: Datasheet. 2.1 Target di riferimento... Sommario 1 INTRODUZIONE...3 2 OVERVIEW...4 2.1 Target di riferimento... 4 2.2 Scenari d uso e applicazioni... 5 3 L ARCHITETTURA DI KENDO...6 3.1 Analyzing... 7 3.1.1 Crawling... 8 3.1.2 3.1.3 Grabbing

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

White Paper 1. INTRODUZIONE...2 2. TECNOLOGIE SOFTWARE IMPIEGATE...2 3. APPROCCIO PROGETTUALE...10 3. RISULTATI...10

White Paper 1. INTRODUZIONE...2 2. TECNOLOGIE SOFTWARE IMPIEGATE...2 3. APPROCCIO PROGETTUALE...10 3. RISULTATI...10 Soluzioni software di EDM "Electronic Document Management" Gestione dell archiviazione, indicizzazione, consultazione e modifica dei documenti elettronici. Un approccio innovativo basato su tecnologie

Dettagli

Archivio globale della Maremma

Archivio globale della Maremma Archivio globale della Maremma Archivi digitali della Biblioteca comunale Chelliana di Grosseto Programma per la gestione e consultazione SCIRE DBA Biblioteca Chelliana http://archivioglobale.chelliana.it/

Dettagli

Cataloghi per i dati aperti

Cataloghi per i dati aperti Cataloghi per i dati aperti Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica, organismo

Dettagli

Scriviamo insieme il futuro

Scriviamo insieme il futuro Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Research for Enterprise Systems 1 Generale - 1 Obbiettivo Fornire al Cliente uno strumento a supporto della problematica Legata

Dettagli

L esperienza del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria

L esperienza del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria La Gestione eiettronica dei documenti L esperienza del Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Relatore: Dott. Ferdinando Mulas Direttore dell Ufficio per lo sviluppo e la gestione del sistema

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti

Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui. Grid File Systems. Requisiti, Funzionalità e Architettura. Grid File System: Requisiti Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Grid File Systems Requisiti, Funzionalità e Architettura Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Grid File System: Requisiti Name Space Gerarchico Logico

Dettagli

REPOSITORY DEI PRODOTTI DELLA RICERCA SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA RICERCA DI ATENEO U-GOV SOLUTION

REPOSITORY DEI PRODOTTI DELLA RICERCA SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA RICERCA DI ATENEO U-GOV SOLUTION REPOSITORY DEI PRODOTTI DELLA RICERCA Il modulo oggetto di questo documento è parte integrante della Solution Map Cineca per la Governance di Ateneo (U-Gov) e fa parte per la suite sviluppata per la gestione

Dettagli

Allegato Tecnico MultiplER

Allegato Tecnico MultiplER Allegato Tecnico MultiplER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Descrizione generale 1.2 Descrizione dei servizi offerti 1.2.1 Archiviazione di contenuti multimediali 1.2.2 Accesso tramite interfaccia

Dettagli