COSA FACCIAMO BONIFICA OCCASIONALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSA FACCIAMO BONIFICA OCCASIONALE"

Transcript

1 Reggimento Genio Guastatori Reggimento Genio Guastatori SCOPO Descrizione dello sviluppo delle attività di bonifica occasionale del territorio da ordigni residuati bellici; Fornire delle indicazioni di massima sul comportamento t da tenere qualora sii rinvengano ordigni esplosivi residuati bellici. 1

2 CHI SIAMO Reggimento Genio Guastatori Il Reggimento Genio Guastatori, di stanza a Udine, dispone di personale altamente qualificato nel settore della bonifica del territorio da ordigni esplosivi; DOVE OPERIAMO In Patria: tutto il Friuli Venezia Giulia e province Venete di Venezia e Treviso; Fuori dal territorio Nazionale ovunque la F.A. venga chiamata ad intervenire. Reggimento Genio Guastatori COSA FACCIAMO BONIFICA OCCASIONALE Pianificazione e coordinamento di attività, semplici o complesse, che richiedono interventi su ordigni a caricamento convenzionale o speciale; Istruzione del personale militare che si accinge a partecipare a missioni fuori area: Mine Awareness e Counter-IED 2

3 Reggimento Genio Guastatori INTERVENTI ESEGUITI N. 85 INTERVENTI ESEGUITI NELL ANNO 2012 N. 110 INTERVENTI ESEGUITI NELL ANNO 201 UDINE PORDENONE GORIZIA TREVISO TRIESTE 0 NOTE: AGGIORNATO AL 0 APRILE. VENEZIA BOMBE D AEREO/ BOMBARDE Reggimento Genio Guastatori 2012/201: TIPOLOGIA ORDIGNI DISTRUTTI BOMBE DA MORTAIO BOMBE A MANO GRANATE PROIETTILI 9/8 14/ /77 80/485 81/1 RAZZI MINE TUBI ESPLOSIVI SPOLETTE E OGIVE BOMBE DA FUCILE /1 54/7 1/ Interventi complessi e particolari: Interventi complessi e particolari: 16 NOTE: AGGIORNATO AL 0 APRILE. 6

4 Reggimento Genio Guastatori SU COSA INTERVENIAMO? Su residuati bellici di ogni epoca e nazionalità, dalla bomba a mano alla bomba d aereo Costituzione di un classico fornello per la distruzione mediante brillamento Reggimento Genio Guastatori di granate di piccolo calibro 4

5 Codroipo (UD): rimozione della spoletta di una granata da 05 mm e Reggimento Genio Guastatori creazione di un accesso per il successivo svuotamento della carica esplosiva, tramite l apparecchiatura Varco denominata! Sword-fish. Reggimento Genio Guastatori 5

6 Intervento in garage di civile abitazione su granata a caricamento chimico Reggimento Genio Guastatori maldestramente manomessa da un appassionato; evacuate circa 60 famiglie alle ore 07,00 di una giornata Varco festiva.! Monte Freikofel (UD): inertizzazione Reggimento di granate Genio perforanti Guastatori mediante l utilizzo di particolari cariche focali 6

7 Vigodarzere (PD): realizzazione Reggimento dei lavori Genio di contenimento Guastatori per la distruzione di una BdA da 1000 lbs a lungo ritardo chimico ove, a distanze variabili dai 5ai 100 mt, insistevano : linea ferroviaria, abitazioni di nuova costruzione, capannoni ad uso artigianale e caserma dell aeronautica. Reggimento Genio Guastatori Tipologia degli ordigni più comuni che si possono rinvenire sul suolo Patrio Bombe a mano; Bombe da fucile; Proietti d artiglieria; Bombe da mortaio; Razzi; Bombe d aereo; Mine. 7

8 Reggimento Genio Guastatori Tipi di caricamento Caricamento convenzionale : ordigno con carica interna costituita da esplosivo; Caricamento speciale : ordigno con carica interna costituita da sostanze che generano effetti nebbiogeni, fumogeni, illuminanti, incendiari. Può contenere sostanze chimiche letali, danneggianti e incapacitanti con effetti sull organismo umano che possono essere temporanei, progressivi e anche letali (tossici del sangue, vescicanti, inabilitanti, nervini, soffocanti). Reggimento Genio Guastatori COLPO COMPLETO ELEMENTO INNESCANTE ELEMENTO PROPELLENTE ELEMENTO OFFENSIVO 8

9 Reggimento Genio Guastatori Elemento innescante SPOLETTA Elemento propellente CARICA DI LANCIO Elemento offensivo CARICA ESPLOSIVA Reggimento Genio Guastatori COME NASCE UN INTERVENTO Rinvenimento di un ordigno Segnalazione l agli organi di P.S. Inoltro richiesta intervento agli Enti Prefettizi, sanzione dell intervento ed interessamento al 1 C.do FOD; Ordine di intervento inviato dal 1 C.do FOD al Rgt. Genio competente per territorio 9

10 Reggimento Genio Guastatori PIANIFICAZIONE INTERVENTO : L Ufficiale IC del Rgt stabilisce le priorità in ragione dell urgenza rappresentata, si contattano Prefetture e FFOO per stabilire GDO intervento chiedendo di accertare: disponibilità di area idonea per la distruzione; disponibilità macchina operatrice (eventuale) disponibilità assistenza sanitaria disponibilità adeguata cornice di sicurezza Reggimento Genio Guastatori ESECUZIONE INTERVENTO Costituzione del nucleo ; Approntamento dei materiali e dei mezzi; Prelevamento degli esplosivi ed incendivi Arrivo sul posto 1^ fase: FONDAMENTALE RICONOSCIMENTO DELL ORDIGNO 10

11 Normali condizioni Reggimento di rinvenimento Genio Guastatori ordigni residuati bellici Reggimento Genio Guastatori PARTE DI GRANATA CARICATA CON AGGRESSIVI CHIMICI 11

12 GRANATA D ARTIGLIERIA Reggimento Genio Guastatori SPOLETTA PER GRANATA D ARTIGLIERIA Reggimento Genio Guastatori 12

13 GRANATA D ARTIGLIERIA Reggimento Genio Guastatori COLPO COMPLETO D ARTIGLIERIA Reggimento Genio Guastatori 1

14 PARTE DI GRANATA D ARTIGLIERIA Reggimento Genio Guastatori ELEMENTO INNESCANTE GRANATA DI ARTIGLIERIA Reggimento Genio Guastatori 14

15 BOMBA D AEREO Reggimento Genio Guastatori BOMBA D AEREO Reggimento Genio Guastatori 15

16 BOMBE A MANO Reggimento Genio Guastatori BOMBA A MANO (DOPO LA PULIZIA) Reggimento Genio Guastatori 16

17 Condizioni ottimali Reggimento di pulizia Genio Guastatori della granata per una EOR certa e sicura Reggimento Genio Guastatori Colori e scritte sono la carta d identità della granata 17

18 Reggimento Genio Guastatori QUALSIASI OPERAZIONE SUI MANUFATTI ESPLOSIVI È DI COMPETENZA DEL PERSONALE QUALIFICATO EOD DELL ESERCITO! Reggimento Genio Guastatori VALUTAZIONE Distruzione sul posto possibili effetti rimozione (eventuale) Distruzione ordigno o sua inertizzazione; Eventuale recupero dell inerte se di rilevante interesse storico - didattico 18

19 Reggimento Genio Guastatori EVOLUZIONE TECNICA L impiego di particolari attrezzature di moderna concezione, permette agli operatori di inertizzare i residuati, anche in maniera non invasiva, con ottimi margini di sicurezza consentendo a volte il recupero delle parti principali dei residuati, che vengono catalogate e custodite presso la sala di istruzione EOD del reparto, ove gli operatori neo-formati dalle scuole possono toccare con mano ciò su cui domani si troveranno ad operare Reggimento Genio Guastatori RACCOMANDAZIONI Gli ordigni esplosivi, residuati bellici, a distanza di anni, siano essi della 1^ o 2^ G.M., sono tuttora altamente pericolosi in quanto quasi sempre completi di esplosivo e catena incendiva; L esplosivo contenuto negli ordigni è quasi sempre perfettamente conservato e assolutamente integro nella sua capacità distruttiva; 19

20 COMPORTAMENTO Reggimento DA SEGUIRE Genio Guastatori IN CASO DI RITROVAMENTO DI UN Varco ORDIGNO! INESPLOSO Non toccare e non spostare; Nel dubbio considerarlo sempre un residuato; Allontanarsi e fare allontanare chiunque; Posizionare un punto di riferimento (dove?); Osservare per poter descrivere (cosa?); Se possibile, fotografare; Circoscrivere/delimitare l area con nastro bianco rosso; Se completamente esposto stimare lunghezza e diametro; COMPORTAMENTO Reggimento DA SEGUIRE Genio Guastatori IN CASO DI RITROVAMENTO DI UN Varco ORDIGNO! INESPLOSO Avvisare tempestivamente le FF.OO.; Valutazione sull urgenza dell intervento in ragione del luogo di rinvenimento ( vicinanza scuole, presenza di bambini, centro abitato, strade ad alta frequentazione, posti isolati e difficilmente raggiungibili, etc.); 20

21 TEMPISTICHE Reggimento E CONDIZIONI Genio Guastatori DI REALIZZIBILITA DI Varco UN! INTERVENTO Disponibilità di concorsi : assistenza sanitaria, cornice di sicurezza, disponibilità di macchine operatrici, disponibilità di un luogo idoneo per la messa in sicurezza o per il brillamento dell ordigno; Tempistiche d intervento: on-call solo per interventi urgenti; nella AOR max h garantita EOR; Tutte le autorizzazioni, nei casi particolarmente urgenti, avvengono telefonicamente; Al termine della EOR l ordigno viene lasciato in sicurezza, nei limiti del possibile SI EVITA SEMPRE LA CHIUSURA DEL CANTIERE Reggimento Genio Guastatori CONSIDERAZIONI Le aree dell Italia dove maggiore è la probabilità di imbattersi in ordigni bellici risalenti ai due conflitti mondiali dello scorso secolo sono quelle dove si sono combattute t le offensive più significativeifi e quelle che hanno ospitato predisposizioni difensive. Residuati della prima guerra mondiale si possono così trovare sull altopiano di Asiago ed in tutta la fascia pedemontana, nel Carso ed in tutta la linea del basso Piave. Altri luoghi potenzialmente a rischio - soprattutto per le bombe d aereo - sono le zone bersaglio dei bombardamenti m anglo-americani i durante la guerra di Liberazione, come le città, i porti, le stazioni ed i ponti ferroviari e le grandi arterie stradali e ferroviarie utilizzate dalle colonne tedesche in ritirata. 21

22 Reggimento Genio Guastatori INCIDENTI CAUSATI DA RESIDUATI BELLICI Reggimento Genio Guastatori Gli ordigni quindi : NON DEVONO ASSOLUTAMENTE ESSERE TOCCATI 22

23 Reggimento Genio Guastatori GRAZIE DELLA CORTESE ATTENZIONE Reggimento Genio Guastatori LA CONSAPEVOLEZZA DEVE INDURRE ALLA PRUDENZA 2

Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione

Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione Ordigni esplosivi residuati bellici: intervista ad Amedeo Postiglione di Giovanni Lafirenze Premessa La volontà di mantenere sempre alta l attenzione degli appassionati, e più in generale di tutte le persone

Dettagli

FORUM SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NORMATIVA E CRITICITA IRRISOLTE. Il Coordinatore della Sicurezza e le recenti modifiche legislative

FORUM SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NORMATIVA E CRITICITA IRRISOLTE. Il Coordinatore della Sicurezza e le recenti modifiche legislative Ing. Marco CONTI FORUM SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI NORMATIVA E CRITICITA IRRISOLTE Il Coordinatore della Sicurezza e le recenti modifiche legislative INTRODUZIONE Legge 1 ottobre 2012, n. 177 Modifiche

Dettagli

In alto, bomba d aereo; in basso, proiettile d artiglieria pesante.

In alto, bomba d aereo; in basso, proiettile d artiglieria pesante. P a g i n a 1 BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI INESPLOSI Quando sono previste operazioni di scavo, occorre valutare il rischio di presenza di ordigni bellici inesplosi. In alto, bomba d aereo; in basso, proiettile

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVA TECNICO ESECUTIVA DI RIFERIMENTO... 2 3. CRITERI PROGETTUALI... 3 4. PRESCRIZIONI TECNICHE ED ONERI GENERALI...

1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVA TECNICO ESECUTIVA DI RIFERIMENTO... 2 3. CRITERI PROGETTUALI... 3 4. PRESCRIZIONI TECNICHE ED ONERI GENERALI... Variante di Arzago d Adda e Casirate d Adda sulla ex SS N.472 Bergamina PROGETTO DEFINITIVO RTP: TECHNITAL (Mandataria) GIRPA ERREVIA ATT SYSTRA-SOTECNI Elaborato: Relazione bonifica ordigni bellici 1.

Dettagli

RIMOZIONE E DISTRUZIONE DI BOMBA D AEREO CAVANELLA D ADIGE - COMUNE DI CHIOGGIA DIRETTIVA OPERATIVA

RIMOZIONE E DISTRUZIONE DI BOMBA D AEREO CAVANELLA D ADIGE - COMUNE DI CHIOGGIA DIRETTIVA OPERATIVA RIMOZIONE E DISTRUZIONE DI BOMBA D AEREO CAVANELLA D ADIGE - COMUNE DI CHIOGGIA DIRETTIVA OPERATIVA 0 Venezia, 20 gennaio 2010 1. PREMESSA In seguito al rinvenimento di una bomba d aereo inesplosa in un

Dettagli

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA

MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA ALLEGATO A decreto dirigenziale n. del MODALITA PER LA SEGNALAZIONE DI CRITICITA, IL MONITORAGGIO E LA PRIMA VERIFICA DEI DANNI E RELATIVA MODULISTICA 0. Premessa La valutazione di un evento di protezione

Dettagli

B.5 PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RITROVAMENTO ORDIGNI BELLICI INESPLOSI. COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI Settore Tecnico SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE

B.5 PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RITROVAMENTO ORDIGNI BELLICI INESPLOSI. COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI Settore Tecnico SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SAN MAURO PASCOLI Settore Tecnico SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI FORLI'-CESENA REGIONE EMILIA ROMAGNA PIANO DI EMERGENZA COMUNALE RITROVAMENTO ORDIGNI BELLICI INESPLOSI B.5 DATA Dicembre

Dettagli

BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI INESPLOSI

BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI INESPLOSI BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI INESPLOSI Quando sono previste operazioni di scavo, occorre valutare il rischio di presenza di ordigni bellici inesplosi. Al riguardo, la legge 1 ottobre 2012, n. 177 così dispone:

Dettagli

B.O.B. * BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI

B.O.B. * BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI B.O.B. * BONIFICA DA ORDIGNI BELLICI Cosa impone la normativa vigente? In data 18 ottobre 2012 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale la L. 177/2012, contenente le modifiche al decreto legislativo

Dettagli

AREA SERVIZI TECNICI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

AREA SERVIZI TECNICI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI AREA SERVIZI TECNICI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 3312 Trieste 04/11/2014 Proposta nr. 1113 Del 30/10/2014 Oggetto: S.P. N. 5 "di San Pelagio". Soppressione del P.L. alla prog. Km

Dettagli

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine

Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine Udine bombardata una mostra all Archivio di Stato di Udine di Laura Cerno * INTRODUZIONE La propaganda del regime fascista così si esprimeva sulla stampa specializzata, in merito all' eventuale possibilità

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLA QUALITA AMBIENTALE Area Politiche per la Riqualificazione, la Tutela e la Sicurezza ambientale e per l Attuazione delle Opere Pubbliche SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

ORDINANZA N. 56 IL COMMISSARIO DELEGATO PREMESSO CHE:

ORDINANZA N. 56 IL COMMISSARIO DELEGATO PREMESSO CHE: COMMISSARIO DELEGATO PER GLI INTERVENTI URGENTI DI PROTEZIONE CIVILE CONNESSI AL DISINNESCO DI UN ORDIGNO BELLICO INESPLOSO NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VICENZA O.C.D.P.C. n. 162 del 31/3/2014 ORDINANZA

Dettagli

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Pagina 1/5 PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Intervento conseguente alla segnalazione o all effettivo ritrovamento di un ordigno o dispositivo incendiario. Intervento per

Dettagli

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia DEC. N. 506 /DRPC/98 Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia L ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE VISTA la legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, che disciplina l organizzazione delle strutture ed interventi

Dettagli

ORDINANZA SINDACALE N. 3 / 2016

ORDINANZA SINDACALE N. 3 / 2016 SINDACO SETTORE POLIZIA MUNICIPALE ORDINANZA SINDACALE N. 3 / 2016 OGGETTO: ATTIVITÀ DI BONIFICA BELLICA A SEGUITO DI RINVENIMENTO ORDIGNI IN BOLOGNA, NEI PRESSI DI VIA DEL POZZO, PREVISTA PER IL GIORNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Servizio Mobilità e Traffico REGOLAMENTO PER L UTILIZZO E L ACCESSO AL SERVIZIO DEL SISTEMA MI MUOVO IN BICI NEL COMUNE DI FERRARA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7/20543/13 dell'8 aprile

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S.

SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA P.O.S. La versione aggiornata del Testo Unico: Rev. 13^ - Maggio 2013 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I - MISURE PER LA SALUTE

Dettagli

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB

Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione ANTINCENDIO BOSCHIVO AIB Palmanova, 31 marzo 2009 Normativa Regionale PERIODI DI ALTA PERICOLOSITA Secondo la L.R. n.3 /1991 i periodi

Dettagli

Diamo valore alla vostra sicurezza

Diamo valore alla vostra sicurezza Diamo valore alla vostra sicurezza Assistenza Emporio Accademia L organizzazione fa la sicurezza La sicurezza è una cosa seria. E complessa. Non è quindi un caso se ai professionisti della sicurezza vengono

Dettagli

dott. Glauco Spanghero (ARPA FVG) 1

dott. Glauco Spanghero (ARPA FVG) 1 dott. Glauco Spanghero (ARPA FVG) 1 Serbatoi interrati Elementi gestionali e criticità Glauco Spanghero - ARPA FVG glauco.spanghero@arpa.fvg.it Argomenti da trattare 1. Inquadramento La distinzione di

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

soluzioni per la sicurezza

soluzioni per la sicurezza RG Security Service La nostra società nasce con il preciso intento di operare nel settore della sicurezza, offrendo un ampia gamma di servizi professionali, mirati a soddisfare qualsiasi esigenza, sia

Dettagli

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following

Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA. PIANO DI EMERGENZA: Flight following 118 ELISOCCORSO FRIULI VENEZIA GIULIA PIANO DI EMERGENZA: Flight following Redatto a cura di Centrale Operativa 118 - Elisoccorso Regione F.V.G. PRIMA EDIZIONE OTTOBRE 2001 Edizione ottobre 2001 1 2 FLIGHT

Dettagli

O.C.D.P.C. n. 162 del 31/3/2014

O.C.D.P.C. n. 162 del 31/3/2014 ORDINANZA N. 17 OGGETTO: Approvazione della spesa per acquisto SMS nell ambito dell attività di comunicazione e informazione ai cittadini in merito all evacuazione della popolazione per disinnesco ordigno

Dettagli

CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME

CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME 1 CEDOC E CIFR: ANCORA INSIEME Dopo l ottima e significativa collaborazione con il Cedoc (ex Distretto Militare di Milano, ora Centro Documentale) avvenuta ad Ossona (MI) nella primavera scorsa; i due

Dettagli

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA

LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA LA GRANDE GUERRA IN VAL RESIA Già nel 1882 la Val Resia era militarmente vincolata agli imperi Austro-Ungarico e Tedesco. Data la sua collocazione sulla linea di confine, la Val Resia era considerata un

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013)

SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI. (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) SEGEN SpA REGOLAMENTO AUTOMEZZI AZIENDALI (deliberazione del CdA n. 29 del 28/06/2013) INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Fabbisogno Art. 3 Acquisto o noleggio automezzi Art. 4 Adempimenti conseguenti all acquisto

Dettagli

AVVISO ALLA POPOLAZIONE

AVVISO ALLA POPOLAZIONE COMANDO REGIONE SUD ooo AVVISO ALLA POPOLAZIONE 1 Si avverte che netti zona corrispondente a! Poligono di tiro denominato «MASSERIA DEI CIPPI», meglio mdicata nel succe^h-o avagrafo 2A, saranno svolte

Dettagli

DISINNESCO E BRILLAMENTO DI UN ORDIGNO BELLICO RESIDUATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

DISINNESCO E BRILLAMENTO DI UN ORDIGNO BELLICO RESIDUATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE Comune di San Rocco al Porto Gruppo comunale dei volontari di protezione civile DISINNESCO E BRILLAMENTO DI UN ORDIGNO BELLICO RESIDUATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE Domenica Settembre 004 Premessa Nella

Dettagli

RELAZIONE TECNICA VV.F

RELAZIONE TECNICA VV.F VAR. MET.: DERIVAZ. PER MARATEA DN 250 (10 ) - 75 bar L = 508 m RELAZIONE TECNICA VV.F 3 Nov. 12 Emissione per permessi con inserita P.E. Faragasso Lupinacci Barci 2 Giu. 12 Variato tracciato Inserita

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 in ata 26 Aprile 2006. La deliberazione ed il regolamento

Dettagli

17 FEBBRAIO 2013 STAZIONE DI VENEZIA MESTRE SOSPENSIONE CIRCOLAZIONE TRENI

17 FEBBRAIO 2013 STAZIONE DI VENEZIA MESTRE SOSPENSIONE CIRCOLAZIONE TRENI STAZIONE DI VENEZIA MESTRE SOSPENSIONE CIRCOLAZIONE TRENI Dalle ore 09.30 alle ore 12.30 di domenica 17 febbraio 2013, la circolazione dei treni nella stazione di Venezia Mestre sarà sospesa su ordinanza

Dettagli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli

LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli LA RACCOLTA DEGLI ABITI USATI IN ITALIA Il sistema ufficiale e i circuiti paralleli Giugno 215 Il sistema ufficiale Secondo l ultimo Rapporto sui Rifiuti Urbani pubblicato dall ISPRA, nel 213 sono state

Dettagli

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo 76) del DPR 445/2000

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

DEMOLIZIONI SEZIONE IV DOCUMENTAZIONE SOCIETARIA SPECIFICHE TECNICHE CAPITOLATO COSTRUZIONI OPERE CIVILI DOCUMENTO CO.01.01 005 PROGETTO XXXX REV.

DEMOLIZIONI SEZIONE IV DOCUMENTAZIONE SOCIETARIA SPECIFICHE TECNICHE CAPITOLATO COSTRUZIONI OPERE CIVILI DOCUMENTO CO.01.01 005 PROGETTO XXXX REV. ECIFICHE TECNICHE 1 DI 7 SEZIONE IV DEMOLIZIONI ECIFICHE TECNICHE 2 DI 7 INDICE GENERALE DIOSIZIONI GENERALI Sezione I Sezione II Sezione III Sezione IV Sezione V Sezione VI Sezione VII Sezione VIII Sezione

Dettagli

in caso di catastrofi e di L organizzazione dei soccorsi maxiemergenze Procedure da attuare nelle MAXIEMERGENZE da parte del personale della Co 118

in caso di catastrofi e di L organizzazione dei soccorsi maxiemergenze Procedure da attuare nelle MAXIEMERGENZE da parte del personale della Co 118 L organizzazione dei soccorsi sanitari MAXIEMERGENZ in caso di catastrofi e di maxiemergenze E Docente: inf.prof.specchia Fabio Procedure da attuare nelle MAXIEMERGENZE da parte del personale della Co

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE 2014-2017

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE 2014-2017 S.p.A. Autovie Venete Concessionaria dell Autostrada Venezia Trieste con diramazi Palmanova Udine e Portogruaro Pordenone Conegliano Società soggetta all attività di direzione e coordinamento da parte

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA

BBT PLANIMETRIA DELL OPERA BBT PLANIMETRIA DELL OPERA Geologia Profilo Longitudinale Planimetria Geologica Elementi Geometrici delle Opere scavate con Esplosivo Caricamento: Incidenze Indicative Alcuni numeri dello scavo con esplosivo:

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali.

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali. l territorio del Veneto Orientale è interessato da importanti fiumi e bacini idrici che hanno segnato il passo delle civiltà abitanti queste terre. La simbiosi tra l uomo e le acque è continuata nei secoli

Dettagli

LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA. Documento di lavoro a cura di Paola Ricci. RISCHIO: Conoscere per prevenire

LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA. Documento di lavoro a cura di Paola Ricci. RISCHIO: Conoscere per prevenire LA CULTURA DELLA PREVENZIONE NELLA SCUOLA Documento di lavoro a cura di Paola Ricci RISCHIO: Conoscere per prevenire CONTENUTI / FINALITA / NUCLEI FONDANTI DI COMPETENZA Scuola secondaria di primo grado

Dettagli

Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori.

Il trasporto sul luogo d impiego delle cartucce di esplosivo e delle micce sarà effettuato separatamente da quello dei detonatori. O.S.E. n. ORDINE DI SERVIZIO PER L IMPIEGO DEGLI ESPLOSIVI IN CAVA COMPILATO DAL DIRETTORE DELLA CAVA DENOMINATA, REDATTO A NORME DELL ART. 305 DEL D.P.R. 09/04/59, N.128 E SUCCESSIVE MODIFICHE. Cava di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO ALLEGATO D DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) LOTTO.. A) ANAGRAFICA DELL APPALTO CONTRATTO. DATORE DI LAVORO COMMITTENTE : MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA

Dettagli

I.C.T.P. - TECHNICAL OFFICER INDICE

I.C.T.P. - TECHNICAL OFFICER INDICE Leonardo da Vinci Building ELABORATI TECNICI PER L ESECUZIONE DELLE OPERE PER IL RINNOVO DI PARTE DELLA FACCIATA SUD IN CEMENTO ARMATO A VISTA - REV.03 - EDIFICIO : I.C.T.P. - Centro Internazionale di

Dettagli

In questa pagina vengono illustrati alcuni degli interventi effettuati con l escavatore a risucchio

In questa pagina vengono illustrati alcuni degli interventi effettuati con l escavatore a risucchio In questa pagina vengono illustrati alcuni degli interventi effettuati con l escavatore a risucchio Presso il comune di Giardini Naxos (ME) si è proceduto a ripristinare un ampio attraversamento stradale

Dettagli

BOMBE D AEREO. La bomba d aereo, cosi come la conosciamo oggi, nasce praticamente in Libia,

BOMBE D AEREO. La bomba d aereo, cosi come la conosciamo oggi, nasce praticamente in Libia, BOMBE D AEREO La bomba d aereo, cosi come la conosciamo oggi, nasce praticamente in Libia, durante la guerra Italo-Turca. Un tenente della neonata Regia Aeronautica Giulio Gavotti - durante un volo di

Dettagli

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE

ALLEGATO 15. Misure di autoprotezione della Popolazione ALL N 15 MISURE DI AUTOPROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 1 di 5 ALLEGATO 15 Misure di autoprotezione della Popolazione PIANO EMERGENZA ESTERNO Pag 2 di 5 Generalità Le azioni che le persone devono compiere, e quelle che devono evitare,

Dettagli

Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali

Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali Incendi Boschivi nel Friuli Venezia Giulia - 2012 Un annata media con parecchi incendi di piccole dimensioni e qualcuno medio-grande rivelatosi

Dettagli

L ESERCITO ITALIANO NELLA COOPERAZIONE CIVILE-MILITARE

L ESERCITO ITALIANO NELLA COOPERAZIONE CIVILE-MILITARE 38 Rivista Militare L ESERCITO ITALIANO NELLA COOPERAZIONE CIVILE-MILITARE LA BONIFICA DA ORDIGNI ESPLOSIVI RESIDUATI BELLICI NELL AREA DI RESPONSABILITÀ DEL 1 COMANDO FORZE DI DIFESA «La cooperazione

Dettagli

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO

MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO MISURE DI EVACUAZIONE PER LA SEZIONE INFN DI MILANO RELATIVAMENTE AL LABORATORIO LASA REGOLAMENTO Qualora si verichi un incidente tale da rendere necessario l abbandono cautelativo dell edificio (p. es.

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo

Dettagli

REV. 1 del 19/05/2014

REV. 1 del 19/05/2014 CARTA DEI SERVIZI REV. 1 del 19/05/2014 Gentile Signore/ Signora, il documento che Lei sta leggendo è la nostra Carta dei Servizi. Si tratta di un documento importante che Le permette di conoscere la nostra

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente

COMUNE DI LONGARE. Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Provincia di Vicenza Area Lavori Pubblici Gestione e Manutenzione Patrimonio Ambiente Via G. Marconi 26 36023 Longare(VI) cod. fisc. 00415090240 tel. 0444/555444 fax 0444/953441 SERVIZIO DI MANUTENZIONE

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

Rischi Industriali Censimento Georeferenziazione

Rischi Industriali Censimento Georeferenziazione Rischi Industriali Censimento degli stabilimenti con rischio industriale elevato a livello regionale Reperimento dei dati dagli Enti e dalle strutture competenti sulla base della normativa nazionale e

Dettagli

Risolviamo con competenza e professionalità le esigenze dei nostri clienti, attraverso tecnologie e metodologie innovative e prestazioni efficaci.

Risolviamo con competenza e professionalità le esigenze dei nostri clienti, attraverso tecnologie e metodologie innovative e prestazioni efficaci. GESCO CENTRO è un gruppo giovane e dinamico che attraverso le società consorziate, specializzate nella prestazione di servizi logistici e di pulizie civili, offre un ampia gamma di soluzioni con la garanzia

Dettagli

"IL DONATORE DI TESSUTI"

IL DONATORE DI TESSUTI "IL DONATORE DI TESSUTI" Udine 30/01/2015 La realtà dell Ospedale di Palmanova Tipologie di donazioni: Donazione multitessuto Donazione tessuti oculari Donazione cordone ombelicale Chi è il donatore multitessuto?

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Telealarm GSM Costruttore: deconta GmbH Im Geer 20, D - 46419 Isselburg Denominazione / Tipo-N.: Telealarm GSM Tipo 531 N di serie.:... Indice a pagina 1 Introduzione 3 2 Norme di

Dettagli

AMIANTO - ETERNIT 04 BONIFICHE AMBIENTALI 05 MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI 06 LOCAZIONE CASSONI 08 AUTOSPURGHI A.D.R. 10

AMIANTO - ETERNIT 04 BONIFICHE AMBIENTALI 05 MICRORACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI 06 LOCAZIONE CASSONI 08 AUTOSPURGHI A.D.R. 10 PULIZIA CANNE FUMARIE RICERCA PERDITE BONIFICA AMIANTO SMALTIMENTO RIFIUTI BONIFICHE AMBIENTALI AUTOSPURGHI A.D.R. LOCAZIONE CASSONI PULIZIA SERBATOI YACHT BONIFICA DISCARICHE DERATTIZZAZIONE Indice LA

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA

ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA PROGETTO OLTRE L AMIANTO ANALISI DEI RISCHI IN OTTICA DI BONIFICA Lavoro effettuato dalla Classe 4^A PNI del LICEO SCIENTIFICO PALLI dell ISTITUTO SUPERIORE BALBO In collaborazione con il Prof. Marco Porta

Dettagli

Casi di morte sul lavoro per Provincia Veneto n casi % sul totale in Triveneto % sul totale nella Regione Belluno 2,7% Padova 4 7,4% Rovigo 0 Treviso 2,7% Venezia 4,% Verona,0% Vicenza 2,7% Friuli Venezia

Dettagli

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA

2) REGOLAMENTO D ACCESSO E COMPORTAMENTO ALL INTERNO DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLEGATO B 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura ha lo scopo di realizzare le condizioni di massima sicurezza per tutti coloro che intendono conferire materiali/rifiuti nel CENTRO DI RACCOLTA

Dettagli

Modello per la formulazione dell'offerta economica

Modello per la formulazione dell'offerta economica A Prestazioni di cui al paragrafo 1.3, lettere a) b) e c) del Capitolato speciale Conduzione, manutenzione ordinaria, assistenza tecnica e pronto intervento sugli impianti termici; manutenzione ordinaria,

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Servizio di Prevenzione e Protezione PIANO DI EMERGENZA PIANO DI EMERGENZA Identificazione delle emergenze e delle situazioni incidentali Le emergenze e le situazioni incidentali ipotizzate ai fini di questo piano sono relative allo sversamento di prodotti

Dettagli

Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE

Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE Comune di #Datigen/committente/5# (Prov di ) PROGETTAZIONE PRELIMINARE (Art. 18 DPR 21/12/99, N. 554) Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza (art. 18, comma 1, lett. f del

Dettagli

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA

L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA SISTEMI AGRO-ENERGETICI E ADATTAMENTI LOCALI Udine, 29-30 novembre 2007 L ALLACCIAMENTO ALLA RETE ELETTRICA Massimo Vignuda Energy Division Green Energy Solution 1 Premessa La rete di distribuzione nasce

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER I COMUNI

LINEE DI INDIRIZZO PER I COMUNI LINEE DI INDIRIZZO PER I COMUNI A) GLI IMPEGNI PER I COMUNI PREVISTI NELL ACCORDO DI PROGRAMMA Allo scopo di fornire un supporto ai Comuni e per rendere operativi gli impegni dell Accordo di Programma,

Dettagli

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico

NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III. Impianto elettrico NT24.it - Impianti elettrici nei cantieri edili CAPITOLO III Impianto elettrico Gli impianti elettrici di cantiere sono impianti molto particolari, hanno caratteristiche peculiari che è bene considerare

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike Il presente contratto stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio di Bike Sharing (bici condivisa) denominato

Dettagli

Costi della sicurezza relativa al DUVRI del 19/12/08 versione 1

Costi della sicurezza relativa al DUVRI del 19/12/08 versione 1 Costi della sicurezza relativa al DUVRI del 19/12/08 versione 1, lì 19/12/08 Il redattore Dott. Ubaldo Montaguti Pag. 1 di 8 COSTI DELLA SICUREZZA Contratto di Appalto Multiservizi Tipologia IMPRESA -

Dettagli

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017)

COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia. AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) COMUNE DI SALZANO Provincia di Venezia AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DA CALCIO CON RELATIVI ANNESSI (triennio 2014 2017) FOGLIO CONDIZIONI ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune

Dettagli

PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA

PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA PROCEDURA PRESENZA DI ANIMALI IN CARREGGIATA 2 Inquadramento territoriale A24: 165 km A25: 116 km 3 Parchi Nazionali (Gran Sasso e Monti della Laga, della Majella, di Abruzzo, Lazio e Molise) 1 Parco Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

Importo finanziamento 2.250.000,00 CODICE CUP I12J08000120002 A.6 RELAZIONE BONIFICA BELLICA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Importo finanziamento 2.250.000,00 CODICE CUP I12J08000120002 A.6 RELAZIONE BONIFICA BELLICA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Accordo di programma finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico. D.G.R. 408 del 28.03.2011 2R9F011 Potenziamento

Dettagli

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it

Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00186 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA Prot.

Dettagli

Valutazione Ambientale. del Piano di Sviluppo 2009. Rapporto Ambientale Volume REGIONE VENETO

Valutazione Ambientale. del Piano di Sviluppo 2009. Rapporto Ambientale Volume REGIONE VENETO Valutazione Ambientale del Piano di Sviluppo 2009 Rapporto Ambientale Volume REGIONE VENETO Regione Veneto Pag. 1 INDICE 1 MODALITÀ DI COLLABORAZIONE ATTIVATE PER LA VAS... 3 2 CONTESTO E POLITICHE...

Dettagli

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE

Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Procedura Operativa: ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE Al verificarsi di un evento a carattere sovracomunale (Tipo B), o di un evento che interessa un singolo Comune ma che il Comune stesso

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO

OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO OPERAZIONE FIUMI SICURI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE DI INTERVENTO 1. RIFERIMENTI Le presenti linee guida sono redatte in conformità allo Schema di Protocollo d Intesa tra la Regione

Dettagli

PREFETTURA DI GORIZIA AVVISO DI PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA SERVIZIO DI PULIZIA CASERME DELL ARMA DEI CARABINIERI

PREFETTURA DI GORIZIA AVVISO DI PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA SERVIZIO DI PULIZIA CASERME DELL ARMA DEI CARABINIERI PREFETTURA DI GORIZIA AVVISO DI PROCEDURA RISTRETTA ACCELERATA SERVIZIO DI PULIZIA CASERME DELL ARMA DEI CARABINIERI SEZIONE I : AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

SCENDONO I RITARDI NEI PAGAMENTI DEI COMUNI DEL NORDEST

SCENDONO I RITARDI NEI PAGAMENTI DEI COMUNI DEL NORDEST SCENDONO I RITARDI NEI PAGAMENTI DEI COMUNI DEL NORDEST Bortolussi: Non bisogna abbassare la guardia e l attenzione su questo fenomeno, poiché la mancanza di liquidità continua a mettere a dura prova la

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA

ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA OBIETTIVI L impresa CERIOLI S.r.l. è da sempre attenta alle problematiche della sicurezza e della salute dei lavoratori in ambiente lavorativo. Gli obiettivi dell azienda sono: avere un anno di lavoro

Dettagli

DIPLOMA 55 ANNIVERSARIO P.A.N. Pattuglia Acrobatica Nazionale Frecce Tricolori

DIPLOMA 55 ANNIVERSARIO P.A.N. Pattuglia Acrobatica Nazionale Frecce Tricolori DIPLOMA 55 ANNIVERSARIO P.A.N. Pattuglia Acrobatica Nazionale Frecce Tricolori In occasione delle iniziative celebrative per il 55 Anniversario della costituzione della Pattuglia Acrobatica Nazionale,

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

ARGO LAB MIX Mixer per provette. Manuale d uso

ARGO LAB MIX Mixer per provette. Manuale d uso ARGO LAB MIX Mixer per provette Manuale d uso 1 Indice dei contenuti 1 Garanzia... 2 1. Istruzioni di sicurezza... 3 2 Uso corretto... 4 3 Controllo dello strumento... 4 4 Test di prova... 4 5 Comandi...

Dettagli

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI

COMUNE DI. Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI CHIUSA COMUNE DI SCLAFANI Provincia di Palermo REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO OGGETTI SMARRITI Allegato alla Deliberazione di G.C. n. 20 del 20/02/2013 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni ni Autostradali Venete Sede Legale: via Bottenigo, 64 a 30175 Marghera Venezia Tel. 041 5497111 - Fax. 041 935181 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE 0341881 Cap. Sociale

Dettagli