Aprile Il progetto e la realizzazione di DBVeneto OnLine. Luca Sabaini e Riccardo Golia NOTA DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aprile 2000. Il progetto e la realizzazione di DBVeneto OnLine. Luca Sabaini e Riccardo Golia NOTA DI LAVORO 2000.02"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE Aprile 2000 Il progetto e la realizzazione di DBVeneto OnLine Luca Sabaini e Riccardo Golia NOTA DI LAVORO Serie DBVeneto con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Venezia

2 Riassunto In questo lavoro si ripercorrono alcune delle fasi di progettazione e realizzazione del progetto DBVeneto, nato nel 1997 come ricerca caratterizzante del Dipartimento di Scienze Economiche dell'università Ca' Foscari di Venezia. In particolare si considerano le procedure informatiche seguite per costruire un sistema in grado di gestire ed interrogare un DataBase Management System (DBMS) con un semplice browser Web collegato ad Internet. Una volta spiegato il meccanismo di interfaccia generico che si instaura tra l'utente, la rete Internet e la base di dati che contiene le informazioni, si descrive l'applicazione, ossia la realizzazione ed il funzionamento del sito DBVeneto OnLine. Il disegno concettuale della base di dati ha seguito il modello Entity-Relationship (ER) che viene descritto per quel che concerne la prima base di dati su cui si è lavorato, quella dell''import Export' riguardante le importazioni e le esportazioni eseguite dagli operatori economici delle sette province venete. Dopo aver illustrato le soluzioni adottate per risolvere i problemi emersi nella fase di verifica e controllo, vengono rapidamente presentate alcune pagine dell'interfaccia utente. Summary This report describes some of the planning and construction phases of the DBVeneto project, established in 1997 as a special research project of the Economics Department at the University of Venice. In particular, it considers the procedures followed to construct a system able to manage and search a Data Base Management System (DBMS) with a simple browser Web connected to Internet. Explanation is given of a generic interface mechanism established among users, Internet and the data base containing information. There follows a description of the application, i.e. the construction and operation of the DBVeneto OnLine site. The conceptual structure of the data base matches the Entity-Relationship (ER) model, which is described in relation to the first data base worked on: imports and exports carried out by Venetian provinces. The solutions of the problems that emerged in the pilot phase are set out, and some pages of user interface are shown. Gli autori ringraziano la professoressa Maristella Agosti (Università di Padova) ed il professor Giuseppe Tattara (Università Ca' Foscari di Venezia) rispettivamente relatrice e correlatore della tesi di laurea di Luca Sabaini in Ingegneria Informatica dalla quale è stato tratto in parte il presente lavoro. Inoltre gli autori ringraziano per la collaborazione il professor Dino Rizzi, il personale del Centro di Telecomunicazioni di Ateneo e la dottoressa Rita Canu. La stesura del presente lavoro e la realizzazione operativa del progetto DBVeneto OnLine sono da attribuirsi in parti uguali ai due autori.

3 1. INTRODUZIONE Nell ambito del World Wide Web (WWW), costituito da singole pagine create in un linguaggio ipertestuale HyperText Markup Language (HTML) che l utente finale vede raggruppate in luoghi virtuali chiamati siti, si propongono ai visitatori pagine statiche, memorizzate nella memoria di massa di una macchina Server. Il problema considerato in questo lavoro è stato quello di realizzare un sito Web che non si limitasse all interazione dell utente con pagine HTML statiche, bensì con pagine create dinamicamente nell istante in cui sono richieste, in soddisfacimento di una specifica richiesta eseguita dall utente per mezzo di pagine Web nelle quali formulare l interrogazione. La dinamicità è legata all interazione dell utente con un sistema di gestione di basi di dati (DataBase Management System, DBMS), non per mezzo di un applicazione o di un programma sulla macchina locale, ma attraverso il Web stesso. Il problema è stato risolto prima analizzando i sistemi attualmente disponibili per lo sviluppo del progetto, quindi - dopo aver individuato la tipologia degli strumenti da adottare - utilizzando metodologie e sviluppando programmi di interfaccia conformi ai protocolli legati ad Internet quali l HyperText Transfer Protocol (HTTP) e il Transmission Control Protocol/Internet Protocol (TCP/IP). Questi programmi permettono l accesso ai dati, ossia l interrogazione e la gestione di un server DBMS tramite un qualsiasi Client collegato alla rete Internet. Il client è in realtà un navigatore (browser), cioè un applicazione che permette di impaginare i sorgenti HTML e le immagini che arrivano dal sito Web, trasformandoli nelle pagine finali e, nella direzione contraria, interpretare le richieste dell utente trasformandole in comandi da trasferire al server Web. Il meccanismo può essere indifferentemente e senza alcuna modifica applicato ad una rete aziendale (LAN) realizzata con i protocolli caratteristici della rete Internet (Intranet). Questo permette ad una azienda di mettere a disposizione i dati, o parte di essi, contenuti nel DataBase aziendale in maniera automatica e riducendo al minimo l intervento per gli aggiornamenti. Sfortunatamente, infatti, pubblicare dati attraverso 1

4 pagine Web statiche richiede una manutenzione davvero considerevole, specialmente per siti che si estendono per più di qualche pagina HTML. Se una azienda pubblica i suoi archivi in pagine HTML, qualche addetto alla fine avrà il compito di assicurare che tutte quelle pagine siano tenute aggiornate. Per esempio, le variazioni di un listino prezzi dei prodotti di una azienda dovrebbero essere trascritte dalla tabella del DataBase dei prezzi della contabilità alle singole pagine HTML nel sito Web dell azienda. E decisamente meglio che una variazione agli archivi dei prezzi si rifletta automaticamente anche nelle pagine HTML sul sito Web. E altrettanto ottimale che i clienti dell azienda possano, se autorizzati, aggiornare e manipolare parte dei dati. Per esempio, un cliente potrebbe usare una pagina Web nel sito dell azienda per aggiornare il suo indirizzo o altre informazioni. L obbiettivo del presente lavoro è stato dunque proprio questo: progettare e realizzare la gestione e l'interrogazione di un DBMS con un semplice browser Web collegato ad Internet. La struttura di questo scritto rispecchia la metodologia utilizzata nello sviluppo del lavoro svolto: una prima parte considera l analisi degli strumenti tecnici da utilizzare nell esecuzione del progetto ed una seconda parte descrive il progetto realizzato con gli strumenti scelti. Il secondo capitolo contiene una spiegazione introduttiva del meccanismo di interfaccia generico che deve instaurarsi fra il Web, identificabile in un utente generico, la rete Internet - quale tramite per il passaggio dei dati - e la base di dati, fornitrice delle informazioni. Nel terzo capitolo è raccolto il progetto di banca dati DBVeneto realizzato per il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università Ca Foscari di Venezia con il coordinamento del professor Tattara. Vengono descritte sequenzialmente e metodicamente le diverse fasi della realizzazione dell applicazione, i problemi incontrati e le soluzioni adottate. Nell ultimo capitolo, è presentata l applicazione vera e propria. Contiene le immagini delle pagine visibili tramite un browser Web collegato alla rete Internet, all indirizzo del progetto con la descrizione del loro ruolo all interno dell applicazione. 2

5 2. L INTERFACCIA TRA WEB E DBMS Da un punto di vista generico, l interazione è fra un client (il browser) che richiede l accesso ai dati ed il server (il DBMS) che restituisce i dati richiesti: Figura 2-1 Ma se proviamo ad addentrarci nei meccanismi che regolano l interazione, ci accorgiamo che l applicazione client è costituita da un interfaccia che trasforma le pagine in arrivo, raggruppa il testo, le immagini, i suoni ed i filmati ed impagina il tutto a video. L applicazione client interpreta i comandi desunti dalle scelte effettuate nella pagina Web dall utente e li trasforma in comandi HTTP da inviare sulla rete, mentre è il SO del calcolatore client che ingloba i comandi in pacchetti TCP/IP diretti al calcolatore server. Anche tra rete Internet e DBMS c è in realtà qualcosa d altro: un server HTTP di pagine Web, una porta di accesso, detta gateway che permette al server HTTP di interagire con il DBMS ed eventuali procedure applicative di funzionamento. Questo è lo schema più dettagliato: Figura 2-2 3

6 Tutto inizia con la richiesta di un utente (navigatore) della rete Internet che interagisce cliccando nelle pagine, il browser trasforma la richiesta in comandi HTTP che vengono inviati al server tramite la rete. Il server Web esamina la richiesta: se è di una pagina statica la chiede al file system e la spedisce quindi al client Web per soddisfare la sua richiesta. Se invece si tratta di una pagina contenente codice da interpretare, ovvero una pagina da creare dinamicamente, demanda ad un gateway l esecuzione delle diverse parti di codice sparse nella pagina. Una volta eseguite, le accorpa al resto componendole nel codice HTML e dirige il tutto al client. La selezione nell esame del tipo di pagine avviene di solito esaminando l estensione nel nome del file contenente la pagina richiesta oppure il percorso del file. Sono caratteristiche per pagine da interpretare o eseguire le estensioni.asp,.php,.cgi,.exe, e le directory /cgi-bin, /wwwroot, riferite alla home directory dei documenti Web; mentre per pagine da restituire staticamente sono ormai consolidate le estensioni.htm e.html. L interpretazione o l esecuzione della pagina avviene nel gateway che, a seconda dei comandi ricevuti, esegue chiamate al DBMS per l interrogazione di tabelle oppure al SO per conoscere l ora, il giorno, la provenienza dell utente, ed altri dati analoghi. Quando il gateway riceve la risposta alla chiamata, la inoltra al server Web che a sua volta la rispedisce al client attraverso la rete. Molto diverso è il meccanismo di funzionamento del sistema dei Java Applets. Infatti, la fase di interazione con il server Web è solo iniziale, per passare poi ad una interazione browser-dbms diretta, che non utilizza il server Web. L applicazione (Applet) viene scaricata dal browser come succede per una qualsiasi immagine, e quindi la prima parte del meccanismo segue le specifiche descritte sopra. Invece la seconda fase, cioè la vera e propria esecuzione dell applicazione da parte del browser, va ad eliminare la funzione di intermediazione del server Web con il DBMS, permettendo al client di interagire direttamente con il DBMS senza passare dal server Web. 4

7 3. APPLICAZIONE DI PROGETTO: DBVeneto OnLine Figura 3-1: Logo del progetto Lo scopo della realizzazione del sito Internet del progetto DBVeneto, chiamato appunto DBVeneto OnLine, è quello di fornire un DataBase regionale che consenta di affrontare i temi dello sviluppo del Veneto in modo rigoroso e scientifico. L'obiettivo finale è un DataBase organico, uniforme e aggiornabile nel tempo che permetta di analizzare i temi emersi con particolare vivacità nel corso dell'ultimo ventennio. Il DataBase costituisce un prodotto utile per il dibattito economico riferito alla situazione locale, con particolare attenzione a: la necessità di fare un costante paragone tra l'evoluzione dell'economia veneta e quella delle altre regioni della Unione Europea; la possibilità di individuare elementi atti a considerare il comportamento degli agenti economici. Le grandezze prese in esame sono "economiche" in senso lato e comprendono numerosi indicatori con disaggregazione territoriale di diverso livello. 5

8 3.1 Raccolta ed analisi dei requisiti L'analisi dei requisiti presuppone un adeguato studio preliminare della realtà di interesse e delle sue finalità. Gli aspetti da evidenziare sono: 1. gli obbiettivi del sistema informatico da realizzare; 2. le attività che devono essere supportate dal sistema informatico; 3. le unità organizzative (settori e aree funzionali) che utilizzeranno il sistema informatico; 4. il piano di sviluppo del sistema informatico. Il risultato di questo studio preliminare riguarda pertanto scelte fondamentali relativamente alla realtà di interesse considerata e al suo modo di funzionare, presumibilmente invarianti nel medio termine. Da una prima analisi dei requisiti si sono subito individuati gli strumenti da utilizzare e sui quali impostare il lavoro. L Università, infatti, ha messo a disposizione del progetto il proprio server Web già installato e funzionante su un sistema Linux con piattaforma Intel. Per questo motivo è stata subito esclusa la tecnica ASP in quanto legata al mondo Microsoft ed al server Web dedicato. La scelta del DBMS è stata diretta verso un prodotto Open Source di libero utilizzo quale è il DataBase PostGreSql, sviluppato dall Università di Berkeley nel 1985 e perfezionato negli anni fino ad arrivare all ultima versione, la 6.5.2, dove le caratteristiche sono davvero quelle di un prodotto professionale di alto livello. Il DBMS usato è PostgreSql versione 6.3.2: un altro progetto Open Source dell University of California, Berkeley. PostgreSQL è un Object-Relational DBMS sofisticato, che supporta pressoché tutti i costrutti SQL, incluse le subselects, le transactions e le funzioni e tipi user-defined. E il DataBase open-source più evoluto disponibile. E anche disponibile un supporto commerciale dalla PostgreSQL Inc. La versione corrente è la ed è disponibile in molti siti mirror oppure su CD-ROM. PostgreSQL funziona su piattaforme Solaris, SunOS, HPUX, AIX, Linux, Irix, FreeBSD, e molte altre versioni di Unix. 6

9 3.1.1 Raggruppamento dei dati, vincoli, operazioni Il progetto globale prevede la realizzazione di alcune basi di dati disgiunte da gestire con lo stesso DBMS. In questo lavoro si presentano solamente la prima base di dati, già realizzata e collaudata, e cenni della seconda. La prima base di dati considerata è stata IMPORT-EXPORT : un insieme di tabelle contenenti i valori e le quantità delle importazioni e delle esportazioni di ogni categoria merceologica eseguite dagli operatori economici delle sette province della regione Veneto distinte per stato di origine o destinazione (dati di fonte Istat). La seconda base di dati considerata è stata CER- Conti Economici Regionali : un insieme di tabelle contenenti i valori nazionali e della regione Veneto di PIL, consumi, investimenti, redditi, popolazione, risultati di gestione ed altro dall anno 1980 all anno 1991 (dati di fonte Istat). Il DataBase comprende circa tuple nella tabella principale. La realizzazione prevede il recupero di parte del lavoro svolto nella prima base di dati, specialmente dei sorgenti in codice C++ che implementano l interfaccia vera e propria. Da un analisi dei dati disponibili per l IMPORT-EXPORT è stato dedotto quanto segue: Registri cartacei esistenti: nessuno Operazioni effettuate quotidianamente: nessuna Operazioni effettuate periodicamente: raccolta ed aggiornamento annuale delle tabelle con i valori registrati nell anno considerato Utilizzo dei dati: l interrogazione deve essere flessibile ed eseguibile su tutti i campi delle tabelle, ma limitata per non permettere all utente di scaricare tutto il DataBase in poche interrogazioni. Vincoli: è stato richiesto un vincolo di sicurezza riguardante il riconoscimento dell utente e controllo dell accesso con registrazione (tracing) delle interrogazioni effettuate. 7

10 3.1.2 Schema preliminare di settore Concentrando l attenzione sulle tabelle esistenti, questi erano i dati contenuti per ogni singola riga: anno di riferimento; codice a tre cifre della categoria merceologica; codice a tre cifre dello stato di importazione o esportazione del bene; codice a 2 cifre della provincia della regione Veneto di residenza dell importatore o dell esportatore; valore dell importazione o dell esportazione; quantità importata o esportata Specifica delle operazioni degli utenti Una delle esigenze più importanti del progetto era quella di rendere il più possibile autonomi i responsabili del progetto, sia nella gestione degli utenti che nell aggiornamento annuale dei dati. Per questo motivo sono state delineate due tipologie di utenti del DataBase: interrogatore; gestore. Infatti, la gestione degli utenti non è demandata, come di solito succede, all amministratore della base di dati, in quanto gli utenti sono elencati in una tabella del DataBase stesso e vengono gestiti da un utente particolare, il gestore utenti, sempre tramite un browser Web. L utente interrogatore può: accedere alla tabelle in sola lettura; modificare il registro degli accessi, senza possibilità di lettura; modificare il registro di tracing delle interrogazioni svolte, senza poterlo leggere; 8

11 accedere alla tabella degli utenti per la sola fase di controllo dell accesso. Mentre l utente gestore può: accedere alla tabella utenti sia in lettura che in scrittura e quindi modificare gli utenti, per aggiungerne o eliminarne; accedere alla tabella dei log degli accessi e delle queries in sola lettura Verifica completezza e consistenza Da una verifica della completezza e consistenza dei dati, è risultato che non era stato definito il numero (ordine di grandezza) dei dati contenuti e di quelli da aggiungere inserendoli annualmente, né la quantità degli accessi e delle interrogazioni previste. Da una precisa richiesta e dalla successiva valutazione sono stati dedotti i dati che seguono: TIPOLOGIE DI MERCE: circa 250 senza incrementi né decrementi. ANNI DA CONSIDERARE: dal 1987 al STATI: circa 250 senza incrementi né decrementi. PROVINCE: 7. VALORI NELLA TABELLA PRINCIPALE: circa tuple per ogni anno, da aggiornare. Questi i valori precisi delle tuple riferite ai diversi anni: Per un totale di circa tuple da gestire ed interrogare. 9

12 MEDIE DEL NUMERO DI ACCESSI e INTERROGAZIONI: da valutare nella fase di test. 3.2 Analisi dei dati I dati sono stati consegnati su supporto ottico CD-ROM, strutturati in file in formato Excel, in tabelle distinte per anno, provincia e stato. Il lavoro principale è stato quello della conversione dei dati per essere inseriti nella base di dati. Per rendere automatica la procedura di riversamento dei dati, sono state scritte in linguaggio Pascal le procedure di formattazione delle tabelle Excel trasformate quindi in frasi SQL standard. Una volta ottenute le frasi in linguaggio SQL da eseguire al prompt del monitor del DataBase, è stata avviata la procedura batch di inserimento delle tuple, durata complessivamente 28 ore. 3.3 Requisiti della base di dati La Base di Dati deve poter gestire la multiutenza, in quanto una interrogazione non si alterna all altra, ma anzi - essendo interrogabile tramite Web, è possibile che al DataBase abbiano contemporaneamente accesso moltissimi utenti. Deve anche implementare procedure di sicurezza, riuscendo a controllare gli accessi degli utenti, per permettere alle sole persone autorizzate la gestione delle diverse tabelle della base di dati. Deve infine permettere l'interfacciamento con Internet, perché è espressamente richiesto dei responsabili del progetto. 3.4 Progettazione concettuale Lo scopo dell'analisi concettuale è quello di tradurre il risultato dell'analisi dei requisiti settoriali in una descrizione formale e integrata degli aspetti strutturali e dinamici del sistema informatico studiato. L'attenzione viene posta sul come 10

13 progettare la base di dati e sull'insieme di operazioni che garantiscano per tutti i settori le funzionalità desiderate. Il risultato è uno schema concettuale in linguaggio formale con costrutti ad alto livello adatti a descrivere in modo naturale ciò che si sta modellando. Il modello utilizzato per il disegno concettuale della base di dati e' il modello ER (Entity-Relationship). Di seguito vengono specificate entità, relazioni e attributi per la base di dati in esame. Figura 3.5-1: Modello E-R ENTITA' Le entità corrispondono a classi di oggetti del mondo reale che hanno proprietà omogenee, comuni ed esistenza autonoma ai fini delle applicazioni di interesse. Un'occorrenza di un'entità è un oggetto della classe che l'entità rappresenta. E) Insieme delle entità: 1. ImpExp; 2. Utenti; 3. Data e Ora; 4. Codici Query. RELAZIONI Le relazioni corrispondono a legami logici o classi di fatti che sono significativi ai fini dell'applicazione di interesse. Una relazione può sussistere fra due o più entità dell'applicazione di interesse. Una occorrenza di relazione e' un oggetto della classe che la relazione rappresenta. R) Insieme delle relazioni: 1. Accessi; 2. LogQueries. 11

14 ATTRIBUTI Gli attributi descrivono proprietà elementari di entità e relazioni di interesse ai fini dell'applicazione. Sono possibili attributi composti. Le chiavi sono contrassegnate con (C). Per alcuni attributi viene specificata la cardinalità. E.1) Entità ImpExp: Anno (C); Provincia (C); Merce (C); Stato (C); QuantitaImport; ValoreImport; QuantitaExport; ValoreExport. E.2) Entità Utenti: Nome (C); Cognome (C); Indirizzo; (1,N) Cap; (1,N) Paese; (1,N) Prov; (1,N) Stato; (1,N) Professione; Tel; (1,N) ; (1,N) Password (C); DataScad; Data; Ora. E.3) Entità Data e Ora: Data (C); Ora (C); 12

15 E.4) Entità Codici Query: Codice Query (C); Descrizione query. R.1) Relazione ACCESSI: Nome (C); Cognome (C); Data (C); Ora (C). R.2) Relazione LOGQUERIES: Nome (C); Cognome (C); Professione; Data (C); Ora (C); Codice Query. NORMALIZZAZIONE DELLO SCHEMA ER Per rendere lo schema ER in prima forma normale, è necessario eliminare la molteplicità di valori assunti da un eventuale attributo nelle entità che lo utilizzano. Per fare ciò, si introduce una nuova entità e la relazione associata che lega a ciascun attributo molteplice i dati relativi ad esso. In questo caso non ci sono normalizzazioni di prima forma normale da eseguire. 3.5 Ristrutturazione dello schema E-R Fra le specifiche non è richiesto più di un ed un numero telefonico. Analizzando la tabella degli utenti (PASS) si nota che è inutile prevedere più di una o due e numeri di telefono per ogni utente. Si può così evitare di dover normalizzare lo schema introducendo una tabella per i telefoni ed una per le , inserendo semplicemente due attributi e due attributi telefono nella entità PASS 13

16 degli utenti, che prevedano un minimo di flessibilità nell informazione conservata. Lo stesso dicasi nel considerare diversi possibili indirizzi per lo stesso utente, in questo modo: E.2) Entità PASS: Nome (C); Cognome (C); Indirizzo; Cap; Paese; Prov; Stato; Professione; Tel1; Tel2; 1; 2; Password (C); DataScad; Data; Ora. Analizzando la tabella ImpExp si nota che l elevata cardinalità del numero delle tuple in essa contenute produce un elevata occupazione di memoria di massa. Considerando poi la continua aggiunta annuale di dati nella tabella, sarà molto elevata la mole di dati, misurata in bytes, che arriverà a contenere. Questa imponente quantità di dati potrebbe essere ridotta se invece di utilizzare la descrizione completa per merci, stati e province nei rispettivi campi, venisse utilizzato il codice degli stessi. Per esempio per gli stati, invece di utilizzare una codifica di 40 caratteri per codificare lo stato in ogni tupla all interno della tabella è meglio usare una codifica di 3 caratteri (codice a tre cifre), riducendo a meno di un decimo l occupazione fisica. Se poi si usassero 3 invece di 55 caratteri per la merce e 14

17 3 invece di 7 per le province, si arriverebbe ad avere un totale di 9 caratteri invece di 102 per ogni tupla della tabella: davvero un enorme risparmio di memoria di massa. Ecco come si presenteranno le nuove entità e relazioni: Figura 3.6-1: Modello E-R Nuove entità: 1. ImpExp; 2. Nome merce; 3. Nome stato; 4. Nome provincia; Nuove relazioni: 1. Codifica merci; 2. Codifica stati; 3. Codifica province. E.1) Entità ImpExp: Anno (C); CodiceProvincia (C); CodiceMerce (C); CodiceStato (C); QuantitaImport; ValoreImport; QuantitaExport; ValoreExport. E.2) Entità Nome merce: NomeMerce(C). E.3) Entità Nome stato: NomeStato(C). E.4) Entità Nome provincia: NomeProvincia(C). R.1) Relazione Codifica merce: CodiceMerce (C); NomeMerce. R.2) Relazione Codifica stato: CodiceStato (C); NomeStato. R.3) Relazione Codifica provincia: CodiceProvincia (C); NomeProvincia. 15

18 3.6 Progettazione logica In questa fase di raffinazione fisica della base di dati è da ritoccare la struttura logica delle relazioni fra ImpExp e le tre tabelle Provincia, Merce, Stato. E infatti più corretto implementare nella stessa tabella relazioni che logicamente sarebbero separate in due tabelle diverse. Per esempio l entità NomeMerce con la relazione CodificaMerce, essendo in relazione biunivoca 1 a 1, è meglio metterle nella stessa tabella in questo modo: TABELLA IMPEXP: Anno, CodiceMerce, CodiceStato, CodiceProvincia, ( ); TABELLA MERCI: CodiceMerce, NomeMerce; TABELLA STATI: CodiceStato, NomeStato; TABELLA PROVINCE: CodiceProvincia, NomeProvincia Creazione della base di dati Finita la progettazione logica e fisica, si passa alla creazione vera e propria del DataBase. Per la creazione della base di dati si passa attraverso una fase manuale ed una automatica. Nella fase manuale si crea la struttura fisica del DataBase, con le tabelle di servizio e le variabili di ambiente che vengono impostate autonomamente. Il codice per eseguire questa fase da linea di comando è: createdb h helios dbveneto Nella fase automatica si creano, tramite il codice SQL, le tabelle che serviranno ad implementare la gestione del problema da risolvere. Prima di tutto è necessario entrare nel monitor del DataBase, una specie di interfaccia utente che permette di interpretare comandi in linea: 16

19 psql h helios dbveneto Nel nostro caso le tabelle da creare sono IMPEXP, PROVINCE, MERCI, STATI, PASS, LOGUSERS, LOGQUERIES. Codice SQL per la creazione della tabella IMPEXP, contenente le transazioni di importazione ed esportazione riferite ad un determinato anno, provincia, merce e stato: CREATE TABLE IMPEXP ( Anno CHAR(4) NOT NULL, CodiceProvincia CHAR(2) NOT NULL, CodiceMerce CHAR(3) NOT NULL, CodiceStato CHAR(3) NOT NULL, QuantitaImport INT4, ValoreImport INT4, QuantitaExport INT4, ValoreExport INT4, PRIMARY KEY (Anno, CodiceProvincia, CodiceMerce, CodiceStato), FOREIGN KEY (CodiceProvincia) REFERENCES PROVINCE, FOREIGN KEY (CodiceMerce) REFERENCES MERCI, FOREIGN KEY (CodiceStato) REFERENCES STATI); Codice SQL per la creazione della tabella PROVINCE, contenente le province della regione Veneto: CREATE TABLE PROVINCE ( CodiceProvincia CHAR(2) UNIQUE NOT NULL, NomeProvincia VARCHAR(7) UNIQUE NOT NULL, PRIMARY KEY (CodiceProvincia)); Codice SQL per la creazione della tabella MERCI, contenente le categorie merceologiche doganali: CREATE TABLE MERCI ( CodiceMerce CHAR(3) UNIQUE NOT NULL, NomeMerce VARCHAR(55) UNIQUE NOT NULL, PRIMARY KEY (CodiceMerce)); Codice SQL per la creazione della tabella STATI, contenente le nazioni oggetto dell importazione o esportazione: CREATE TABLE STATI ( CodiceStato CHAR(3) UNIQUE NOT NULL, NomeStato VARCHAR(40) UNIQUE NOT NULL, PRIMARY KEY (CodiceStato)); Codice SQL per la creazione della tabella PASS degli utenti, contenente l anagrafica, la password e la data e ora dell ultimo accesso al DataBase: CREATE TABLE PASS ( 17

20 Nome VARCHAR(30) NOT NULL, Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Indirizzo VARCHAR(30), Cap VARCHAR(5), Paese VARCHAR(30), Prov VARCHAR(30), Stato VARCHAR(30), Professione VARCHAR(30), Tel1 VARCHAR(30), Tel2 VARCHAR(30), 1 VARCHAR(40), 2 VARCHAR(40), Password CHAR(8) NOT NULL, DataScad DATE, Data DATE, Ora TIME, PRIMARY KEY (Nome,Cognome,Password)); Codice SQL per la creazione della tabella LOGUSERS, che implementa il tracing degli accessi degli utenti al DataBase (o meglio al sito Web): CREATE TABLE LOGUSERS ( Nome VARCHAR(30) NOT NULL, Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Professione VARCHAR(30), Data DATE, Ora TIME, PRIMARY KEY (Nome,Cognome,Data,Ora)); Codice SQL per la creazione della tabella LOGQUERIES, per il tracing delle interrogazioni che gli utenti fanno al DataBase: CREATE TABLE LOGQUERIES ( Nome VARCHAR(30) NOT NULL, Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Professione VARCHAR(30), Data DATE, Ora TIME, Query VARCHAR(200), PRIMARY KEY (Nome,Cognome,Data,Ora)); Finita la fase di creazione del DataBase è possibile iniziare la fase successiva: la popolazione Popolazione della base di dati Una volta create le tabelle sopradescritte è possibile iniziare la popolazione della base di dati attraverso un meccanismo automatico di esecuzione batch di frasi SQL che hanno il compito di inserire tuple nelle diverse tabelle del DataBase. 18

21 Per esempio, per popolare l intera tabella PROVINCE sono sufficienti 7 righe di codice SQL standard: INSERT INTO PROVINCE VALUES ('23','VERONA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('24','VICENZA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('25','BELLUNO'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('26','TREVISO'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('27','VENEZIA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('28','PADOVA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('29','ROVIGO'); Mentre per popolare la tabella MERCI sono necessarie molte più righe di codice SQL. Qui se ne riportano solo le prime dieci per semplicità: INSERT INTO MERCI VALUES ('001','FRUMENTO'); INSERT INTO MERCI VALUES ('002','SEGALE, ORZO, AVENA'); INSERT INTO MERCI VALUES ('003','RISO GREGGIO'); INSERT INTO MERCI VALUES ('004','GRANOTURCO'); INSERT INTO MERCI VALUES ('005','ALTRI CEREALI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('006','LEGUMI E ORTAGGI FRESCHI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('007','LEGUMI E ORTAGGI SECCHI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('008','AGRUMI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('009','FRUTTA TROPICALE'); INSERT INTO MERCI VALUES ('010','FRUTTA FRESCA'); Lo stesso vale per la tabella STATI, di cui si riportano solo le prime dieci righe di codice necessario per la sua popolazione: INSERT INTO STATI VALUES ('001','FRANCIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('002','BELGIO E LUSSEMBURGO'); INSERT INTO STATI VALUES ('003','PAESI BASSI'); INSERT INTO STATI VALUES ('004','GERMANIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('005','ITALIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('006','REGNO UNITO'); INSERT INTO STATI VALUES ('007','IRLANDA'); INSERT INTO STATI VALUES ('008','DANIMARCA'); INSERT INTO STATI VALUES ('009','GRECIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('010','PORTOGALLO'); Una volta creata e popolata la base di dati, è terminata la fase iniziale ed è possibile iniziare ad eseguire le interrogazioni e la gestione. 3.7 Specifiche tecniche ed implementazione Il DataBase è stato implementato sulla macchina helios.unive.it, locata al Centro di Calcolo dell Università Ca Foscari di Venezia. Un reindirizzamento permette di accedere al sito Web anche tramite l indirizzo 19

22 La piattaforma è un PC assemblato con processore AMD K6 da 333Mhz, con 256MB di memoria RAM e tre dischi fissi in tecnologia Ultra Wide SCSI-2 da 18 GB ognuno. Il SO è Linux, il progetto Open Source iniziato da Linus Towald negli anni ottanta ed ancora diretto da lui, ma sviluppato da migliaia di appassionati programmatori. La distribuzione è la Red Had versione 6.0 ed il Kernel del sistema è la versione Come server Web è stato utilizzato Apache Web Server, lo stesso che gestisce anche tutte le altre pagine Web dell Università. Il DBMS usato è PostgreSql versione 6.3.2: un altro progetto Open Source dell University of California, Berkeley. PostgreSQL è un Object-Relational DBMS sofisticato, che supporta pressoché tutti i costrutti SQL, incluse le subselects, le transactions e le funzioni e tipi user-defined. E il DataBase open-source più evoluto disponibile. E anche disponibile un supporto commerciale dalla PostgreSQL Inc. La versione corrente è la ed è disponibile in molti siti mirror oppure su CD-ROM. PostgreSQL funziona su piattaforme Solaris, SunOS, HPUX, AIX, Linux, Irix, FreeBSD, e molte altre versioni di Unix. 3.8 Validazione, controllo, funzionamento Il momento più importante del progetto è consistito nelle prove di funzionamento e collaudo dell intero sistema. Il fulcro dei test sono state le interrogazioni al DBMS effettuate tramite Internet per mezzo di diversi browser funzionanti su calcolatori collegati in rete. Un primo problema è stata la carenza di strumenti di debugging dei sorgenti in linguaggio C, per correggere gli errori intrinseci delle applicazioni di interfaccia sviluppate. Infatti, gli errori che si verificavano durante l esecuzione del programma gateway fra server Web e DBMS, non venivano segnalati e diversificati, ma risultavano tutti nello stesso messaggio: Internal Server Error, rendendo difficile risalire alla causa all interno del programma e quindi alla stesura del codice. 20

23 Questo problema è stato risolto eseguendo il programma da linea di comando di una shell del sistema Unix, inserendo di volta in volta nello standard input i valori che gli sarebbero stati passati compresi nell URL o separatamente, a seconda del metodo GET o POST rispettivamente, con il quale venivano richiamati dal client. Un altro problema ricorrente è stata l operazione di chiusura e rilascio della memoria assegnata all applicazione CGI, dedicata volta per volta ai dati restituiti da operazioni sul DBMS. Se questa memoria non veniva disallocata e reinizializzata ogni volta che si operava sul DataBase tramite il CGI, inspiegabilmente il programma non si atteneva ai risultati aspettati, disorientando durante il debug dei sorgenti ed allungando i tempi di realizzazione. Un errore grossolano fatto durante la progettazione è stato quello di considerare i valori di importazione o esportazione nella tabella principale [vedi par ] dei semplici INT4, cioè interi di 4 byte (4,3*10 9 valori). Durante interrogazioni con aggregazioni, infatti, i risultati venivano presentati in attributi dello stesso tipo degli attributi originari disaggregati. Ma mentre 4 byte erano più che sufficienti per rappresentare i valori semplici nella tabella, non lo erano per rappresentare le loro aggregazioni o sommatorie. Questo problema è stato risolto ridefinendo la precisione delle variabili di presentazione dei risultati, assegnando il valore aggregato ad una variabile INT8 (1,8*10 19 valori). Per ultimo, un problema legato alla gestione degli utilizzatori del sito Web. Questi vengono riconosciuti all atto dell ingresso nel sito, non nell ingresso alla pagina iniziale, ma solo nella parte riguardante le interrogazioni vere e proprie. Una delle esigenze del progetto era quella di poter monitorare l utilizzo del sistema, misurando il tempo che ogni utente rimaneva ad interrogare il DBMS. Una soluzione era di memorizzare la differenza fra il momento dell ultima interrogazione eseguita ed il momento della prima, ottenendo il tempo netto di utilizzo del DBMS. Il problema era come definire quale fosse la prima e quale l ultima interrogazione. Infatti una sessione può essere composta da diverse fasi di lavoro, alcune più intense altre meno, intervallate più o meno nel tempo. Era difficile definire un tempo, passato il quale veniva considerata una diversa sessione di lavoro. La soluzione adottata è stata quella di dare all utilizzatore, una volta superata la fase di login, un tempo T fissato dal momento dell ingresso per poter eseguire diverse 21

24 interrogazioni. In questo modo si può conoscere quante sessioni, di T secondi ciascuna, ha utilizzato l utente e quindi quanto è rimasto collegato al DBMS. E chiaro che più alto è T, minore è la definizione della misura; più basso è T, maggiore è il disagio dell utente nel doversi ricollegare dalla fase di login iniziale. T è stato fissato in 60 minuti. Attualmente, il sistema non presenta problemi e la sua efficienza è stata testata sotto tutte le condizioni di funzionamento (basso e alto carico di interrogazioni), con bassi tempi di risposta, ottimi tempi di scaricamento delle pagine dinamiche ed eccellenti risultati sia nelle interrogazioni semplici che in quelle complesse. 22

25 4. REALIZZAZIONE DELL INTERFACCIA Nella realizzazione del sistema che permette di interrogare il DBMS attraverso pagine Web si è cercato di curare al meglio l interfaccia utente, che è l unica interazione tra l utilizzatore e il DBMS. La pagina iniziale che appare nel navigatore all atto della connessione al sito Web ha questa forma: Figura 4-1: Pagina Web iniziale del sito del progetto. 23

26 A parte le diverse pagine descrittive del progetto e dei dati in esso contenuti, la parte del sito più interessante è quella riguardante l interrogazione della base di dati. All apertura di questa pagina si entra nell applicazione di controllo dell accesso. La figura seguente mostra la fase di riconoscimento dell utilizzatore: Figura 4-2: Riconoscimento dell utente. Una volta inseriti i tre dati Nome, Cognome e Password si ritiene unico il riconoscimento dell utente. Infatti possono esistere due utenti con lo stesso nome e cognome, ma non con la stessa password. Passata la fase di riconoscimento, l utilizzatore viene avvisato di quanto tempo ha a disposizione per eseguire l'interrogazione [Fig.4-3]. Come introdotto nel par.3.8, il limite di tempo oltre il quale deve essere eseguita di nuovo la fase di login è di 60 minuti, sufficienti per eseguire una ventina di interrogazioni. 24

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Appunti di Antonio Bernardo

Appunti di Antonio Bernardo Internet Appunti di Antonio Bernardo Cos è Internet Internet può essere vista come una rete logica di enorme complessità, appoggiata a strutture fisiche e collegamenti di vario tipo (fibre ottiche, cavi

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli