Aprile Il progetto e la realizzazione di DBVeneto OnLine. Luca Sabaini e Riccardo Golia NOTA DI LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aprile 2000. Il progetto e la realizzazione di DBVeneto OnLine. Luca Sabaini e Riccardo Golia NOTA DI LAVORO 2000.02"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE Aprile 2000 Il progetto e la realizzazione di DBVeneto OnLine Luca Sabaini e Riccardo Golia NOTA DI LAVORO Serie DBVeneto con la collaborazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Venezia

2 Riassunto In questo lavoro si ripercorrono alcune delle fasi di progettazione e realizzazione del progetto DBVeneto, nato nel 1997 come ricerca caratterizzante del Dipartimento di Scienze Economiche dell'università Ca' Foscari di Venezia. In particolare si considerano le procedure informatiche seguite per costruire un sistema in grado di gestire ed interrogare un DataBase Management System (DBMS) con un semplice browser Web collegato ad Internet. Una volta spiegato il meccanismo di interfaccia generico che si instaura tra l'utente, la rete Internet e la base di dati che contiene le informazioni, si descrive l'applicazione, ossia la realizzazione ed il funzionamento del sito DBVeneto OnLine. Il disegno concettuale della base di dati ha seguito il modello Entity-Relationship (ER) che viene descritto per quel che concerne la prima base di dati su cui si è lavorato, quella dell''import Export' riguardante le importazioni e le esportazioni eseguite dagli operatori economici delle sette province venete. Dopo aver illustrato le soluzioni adottate per risolvere i problemi emersi nella fase di verifica e controllo, vengono rapidamente presentate alcune pagine dell'interfaccia utente. Summary This report describes some of the planning and construction phases of the DBVeneto project, established in 1997 as a special research project of the Economics Department at the University of Venice. In particular, it considers the procedures followed to construct a system able to manage and search a Data Base Management System (DBMS) with a simple browser Web connected to Internet. Explanation is given of a generic interface mechanism established among users, Internet and the data base containing information. There follows a description of the application, i.e. the construction and operation of the DBVeneto OnLine site. The conceptual structure of the data base matches the Entity-Relationship (ER) model, which is described in relation to the first data base worked on: imports and exports carried out by Venetian provinces. The solutions of the problems that emerged in the pilot phase are set out, and some pages of user interface are shown. Gli autori ringraziano la professoressa Maristella Agosti (Università di Padova) ed il professor Giuseppe Tattara (Università Ca' Foscari di Venezia) rispettivamente relatrice e correlatore della tesi di laurea di Luca Sabaini in Ingegneria Informatica dalla quale è stato tratto in parte il presente lavoro. Inoltre gli autori ringraziano per la collaborazione il professor Dino Rizzi, il personale del Centro di Telecomunicazioni di Ateneo e la dottoressa Rita Canu. La stesura del presente lavoro e la realizzazione operativa del progetto DBVeneto OnLine sono da attribuirsi in parti uguali ai due autori.

3 1. INTRODUZIONE Nell ambito del World Wide Web (WWW), costituito da singole pagine create in un linguaggio ipertestuale HyperText Markup Language (HTML) che l utente finale vede raggruppate in luoghi virtuali chiamati siti, si propongono ai visitatori pagine statiche, memorizzate nella memoria di massa di una macchina Server. Il problema considerato in questo lavoro è stato quello di realizzare un sito Web che non si limitasse all interazione dell utente con pagine HTML statiche, bensì con pagine create dinamicamente nell istante in cui sono richieste, in soddisfacimento di una specifica richiesta eseguita dall utente per mezzo di pagine Web nelle quali formulare l interrogazione. La dinamicità è legata all interazione dell utente con un sistema di gestione di basi di dati (DataBase Management System, DBMS), non per mezzo di un applicazione o di un programma sulla macchina locale, ma attraverso il Web stesso. Il problema è stato risolto prima analizzando i sistemi attualmente disponibili per lo sviluppo del progetto, quindi - dopo aver individuato la tipologia degli strumenti da adottare - utilizzando metodologie e sviluppando programmi di interfaccia conformi ai protocolli legati ad Internet quali l HyperText Transfer Protocol (HTTP) e il Transmission Control Protocol/Internet Protocol (TCP/IP). Questi programmi permettono l accesso ai dati, ossia l interrogazione e la gestione di un server DBMS tramite un qualsiasi Client collegato alla rete Internet. Il client è in realtà un navigatore (browser), cioè un applicazione che permette di impaginare i sorgenti HTML e le immagini che arrivano dal sito Web, trasformandoli nelle pagine finali e, nella direzione contraria, interpretare le richieste dell utente trasformandole in comandi da trasferire al server Web. Il meccanismo può essere indifferentemente e senza alcuna modifica applicato ad una rete aziendale (LAN) realizzata con i protocolli caratteristici della rete Internet (Intranet). Questo permette ad una azienda di mettere a disposizione i dati, o parte di essi, contenuti nel DataBase aziendale in maniera automatica e riducendo al minimo l intervento per gli aggiornamenti. Sfortunatamente, infatti, pubblicare dati attraverso 1

4 pagine Web statiche richiede una manutenzione davvero considerevole, specialmente per siti che si estendono per più di qualche pagina HTML. Se una azienda pubblica i suoi archivi in pagine HTML, qualche addetto alla fine avrà il compito di assicurare che tutte quelle pagine siano tenute aggiornate. Per esempio, le variazioni di un listino prezzi dei prodotti di una azienda dovrebbero essere trascritte dalla tabella del DataBase dei prezzi della contabilità alle singole pagine HTML nel sito Web dell azienda. E decisamente meglio che una variazione agli archivi dei prezzi si rifletta automaticamente anche nelle pagine HTML sul sito Web. E altrettanto ottimale che i clienti dell azienda possano, se autorizzati, aggiornare e manipolare parte dei dati. Per esempio, un cliente potrebbe usare una pagina Web nel sito dell azienda per aggiornare il suo indirizzo o altre informazioni. L obbiettivo del presente lavoro è stato dunque proprio questo: progettare e realizzare la gestione e l'interrogazione di un DBMS con un semplice browser Web collegato ad Internet. La struttura di questo scritto rispecchia la metodologia utilizzata nello sviluppo del lavoro svolto: una prima parte considera l analisi degli strumenti tecnici da utilizzare nell esecuzione del progetto ed una seconda parte descrive il progetto realizzato con gli strumenti scelti. Il secondo capitolo contiene una spiegazione introduttiva del meccanismo di interfaccia generico che deve instaurarsi fra il Web, identificabile in un utente generico, la rete Internet - quale tramite per il passaggio dei dati - e la base di dati, fornitrice delle informazioni. Nel terzo capitolo è raccolto il progetto di banca dati DBVeneto realizzato per il Dipartimento di Scienze Economiche dell Università Ca Foscari di Venezia con il coordinamento del professor Tattara. Vengono descritte sequenzialmente e metodicamente le diverse fasi della realizzazione dell applicazione, i problemi incontrati e le soluzioni adottate. Nell ultimo capitolo, è presentata l applicazione vera e propria. Contiene le immagini delle pagine visibili tramite un browser Web collegato alla rete Internet, all indirizzo del progetto con la descrizione del loro ruolo all interno dell applicazione. 2

5 2. L INTERFACCIA TRA WEB E DBMS Da un punto di vista generico, l interazione è fra un client (il browser) che richiede l accesso ai dati ed il server (il DBMS) che restituisce i dati richiesti: Figura 2-1 Ma se proviamo ad addentrarci nei meccanismi che regolano l interazione, ci accorgiamo che l applicazione client è costituita da un interfaccia che trasforma le pagine in arrivo, raggruppa il testo, le immagini, i suoni ed i filmati ed impagina il tutto a video. L applicazione client interpreta i comandi desunti dalle scelte effettuate nella pagina Web dall utente e li trasforma in comandi HTTP da inviare sulla rete, mentre è il SO del calcolatore client che ingloba i comandi in pacchetti TCP/IP diretti al calcolatore server. Anche tra rete Internet e DBMS c è in realtà qualcosa d altro: un server HTTP di pagine Web, una porta di accesso, detta gateway che permette al server HTTP di interagire con il DBMS ed eventuali procedure applicative di funzionamento. Questo è lo schema più dettagliato: Figura 2-2 3

6 Tutto inizia con la richiesta di un utente (navigatore) della rete Internet che interagisce cliccando nelle pagine, il browser trasforma la richiesta in comandi HTTP che vengono inviati al server tramite la rete. Il server Web esamina la richiesta: se è di una pagina statica la chiede al file system e la spedisce quindi al client Web per soddisfare la sua richiesta. Se invece si tratta di una pagina contenente codice da interpretare, ovvero una pagina da creare dinamicamente, demanda ad un gateway l esecuzione delle diverse parti di codice sparse nella pagina. Una volta eseguite, le accorpa al resto componendole nel codice HTML e dirige il tutto al client. La selezione nell esame del tipo di pagine avviene di solito esaminando l estensione nel nome del file contenente la pagina richiesta oppure il percorso del file. Sono caratteristiche per pagine da interpretare o eseguire le estensioni.asp,.php,.cgi,.exe, e le directory /cgi-bin, /wwwroot, riferite alla home directory dei documenti Web; mentre per pagine da restituire staticamente sono ormai consolidate le estensioni.htm e.html. L interpretazione o l esecuzione della pagina avviene nel gateway che, a seconda dei comandi ricevuti, esegue chiamate al DBMS per l interrogazione di tabelle oppure al SO per conoscere l ora, il giorno, la provenienza dell utente, ed altri dati analoghi. Quando il gateway riceve la risposta alla chiamata, la inoltra al server Web che a sua volta la rispedisce al client attraverso la rete. Molto diverso è il meccanismo di funzionamento del sistema dei Java Applets. Infatti, la fase di interazione con il server Web è solo iniziale, per passare poi ad una interazione browser-dbms diretta, che non utilizza il server Web. L applicazione (Applet) viene scaricata dal browser come succede per una qualsiasi immagine, e quindi la prima parte del meccanismo segue le specifiche descritte sopra. Invece la seconda fase, cioè la vera e propria esecuzione dell applicazione da parte del browser, va ad eliminare la funzione di intermediazione del server Web con il DBMS, permettendo al client di interagire direttamente con il DBMS senza passare dal server Web. 4

7 3. APPLICAZIONE DI PROGETTO: DBVeneto OnLine Figura 3-1: Logo del progetto Lo scopo della realizzazione del sito Internet del progetto DBVeneto, chiamato appunto DBVeneto OnLine, è quello di fornire un DataBase regionale che consenta di affrontare i temi dello sviluppo del Veneto in modo rigoroso e scientifico. L'obiettivo finale è un DataBase organico, uniforme e aggiornabile nel tempo che permetta di analizzare i temi emersi con particolare vivacità nel corso dell'ultimo ventennio. Il DataBase costituisce un prodotto utile per il dibattito economico riferito alla situazione locale, con particolare attenzione a: la necessità di fare un costante paragone tra l'evoluzione dell'economia veneta e quella delle altre regioni della Unione Europea; la possibilità di individuare elementi atti a considerare il comportamento degli agenti economici. Le grandezze prese in esame sono "economiche" in senso lato e comprendono numerosi indicatori con disaggregazione territoriale di diverso livello. 5

8 3.1 Raccolta ed analisi dei requisiti L'analisi dei requisiti presuppone un adeguato studio preliminare della realtà di interesse e delle sue finalità. Gli aspetti da evidenziare sono: 1. gli obbiettivi del sistema informatico da realizzare; 2. le attività che devono essere supportate dal sistema informatico; 3. le unità organizzative (settori e aree funzionali) che utilizzeranno il sistema informatico; 4. il piano di sviluppo del sistema informatico. Il risultato di questo studio preliminare riguarda pertanto scelte fondamentali relativamente alla realtà di interesse considerata e al suo modo di funzionare, presumibilmente invarianti nel medio termine. Da una prima analisi dei requisiti si sono subito individuati gli strumenti da utilizzare e sui quali impostare il lavoro. L Università, infatti, ha messo a disposizione del progetto il proprio server Web già installato e funzionante su un sistema Linux con piattaforma Intel. Per questo motivo è stata subito esclusa la tecnica ASP in quanto legata al mondo Microsoft ed al server Web dedicato. La scelta del DBMS è stata diretta verso un prodotto Open Source di libero utilizzo quale è il DataBase PostGreSql, sviluppato dall Università di Berkeley nel 1985 e perfezionato negli anni fino ad arrivare all ultima versione, la 6.5.2, dove le caratteristiche sono davvero quelle di un prodotto professionale di alto livello. Il DBMS usato è PostgreSql versione 6.3.2: un altro progetto Open Source dell University of California, Berkeley. PostgreSQL è un Object-Relational DBMS sofisticato, che supporta pressoché tutti i costrutti SQL, incluse le subselects, le transactions e le funzioni e tipi user-defined. E il DataBase open-source più evoluto disponibile. E anche disponibile un supporto commerciale dalla PostgreSQL Inc. La versione corrente è la ed è disponibile in molti siti mirror oppure su CD-ROM. PostgreSQL funziona su piattaforme Solaris, SunOS, HPUX, AIX, Linux, Irix, FreeBSD, e molte altre versioni di Unix. 6

9 3.1.1 Raggruppamento dei dati, vincoli, operazioni Il progetto globale prevede la realizzazione di alcune basi di dati disgiunte da gestire con lo stesso DBMS. In questo lavoro si presentano solamente la prima base di dati, già realizzata e collaudata, e cenni della seconda. La prima base di dati considerata è stata IMPORT-EXPORT : un insieme di tabelle contenenti i valori e le quantità delle importazioni e delle esportazioni di ogni categoria merceologica eseguite dagli operatori economici delle sette province della regione Veneto distinte per stato di origine o destinazione (dati di fonte Istat). La seconda base di dati considerata è stata CER- Conti Economici Regionali : un insieme di tabelle contenenti i valori nazionali e della regione Veneto di PIL, consumi, investimenti, redditi, popolazione, risultati di gestione ed altro dall anno 1980 all anno 1991 (dati di fonte Istat). Il DataBase comprende circa tuple nella tabella principale. La realizzazione prevede il recupero di parte del lavoro svolto nella prima base di dati, specialmente dei sorgenti in codice C++ che implementano l interfaccia vera e propria. Da un analisi dei dati disponibili per l IMPORT-EXPORT è stato dedotto quanto segue: Registri cartacei esistenti: nessuno Operazioni effettuate quotidianamente: nessuna Operazioni effettuate periodicamente: raccolta ed aggiornamento annuale delle tabelle con i valori registrati nell anno considerato Utilizzo dei dati: l interrogazione deve essere flessibile ed eseguibile su tutti i campi delle tabelle, ma limitata per non permettere all utente di scaricare tutto il DataBase in poche interrogazioni. Vincoli: è stato richiesto un vincolo di sicurezza riguardante il riconoscimento dell utente e controllo dell accesso con registrazione (tracing) delle interrogazioni effettuate. 7

10 3.1.2 Schema preliminare di settore Concentrando l attenzione sulle tabelle esistenti, questi erano i dati contenuti per ogni singola riga: anno di riferimento; codice a tre cifre della categoria merceologica; codice a tre cifre dello stato di importazione o esportazione del bene; codice a 2 cifre della provincia della regione Veneto di residenza dell importatore o dell esportatore; valore dell importazione o dell esportazione; quantità importata o esportata Specifica delle operazioni degli utenti Una delle esigenze più importanti del progetto era quella di rendere il più possibile autonomi i responsabili del progetto, sia nella gestione degli utenti che nell aggiornamento annuale dei dati. Per questo motivo sono state delineate due tipologie di utenti del DataBase: interrogatore; gestore. Infatti, la gestione degli utenti non è demandata, come di solito succede, all amministratore della base di dati, in quanto gli utenti sono elencati in una tabella del DataBase stesso e vengono gestiti da un utente particolare, il gestore utenti, sempre tramite un browser Web. L utente interrogatore può: accedere alla tabelle in sola lettura; modificare il registro degli accessi, senza possibilità di lettura; modificare il registro di tracing delle interrogazioni svolte, senza poterlo leggere; 8

11 accedere alla tabella degli utenti per la sola fase di controllo dell accesso. Mentre l utente gestore può: accedere alla tabella utenti sia in lettura che in scrittura e quindi modificare gli utenti, per aggiungerne o eliminarne; accedere alla tabella dei log degli accessi e delle queries in sola lettura Verifica completezza e consistenza Da una verifica della completezza e consistenza dei dati, è risultato che non era stato definito il numero (ordine di grandezza) dei dati contenuti e di quelli da aggiungere inserendoli annualmente, né la quantità degli accessi e delle interrogazioni previste. Da una precisa richiesta e dalla successiva valutazione sono stati dedotti i dati che seguono: TIPOLOGIE DI MERCE: circa 250 senza incrementi né decrementi. ANNI DA CONSIDERARE: dal 1987 al STATI: circa 250 senza incrementi né decrementi. PROVINCE: 7. VALORI NELLA TABELLA PRINCIPALE: circa tuple per ogni anno, da aggiornare. Questi i valori precisi delle tuple riferite ai diversi anni: Per un totale di circa tuple da gestire ed interrogare. 9

12 MEDIE DEL NUMERO DI ACCESSI e INTERROGAZIONI: da valutare nella fase di test. 3.2 Analisi dei dati I dati sono stati consegnati su supporto ottico CD-ROM, strutturati in file in formato Excel, in tabelle distinte per anno, provincia e stato. Il lavoro principale è stato quello della conversione dei dati per essere inseriti nella base di dati. Per rendere automatica la procedura di riversamento dei dati, sono state scritte in linguaggio Pascal le procedure di formattazione delle tabelle Excel trasformate quindi in frasi SQL standard. Una volta ottenute le frasi in linguaggio SQL da eseguire al prompt del monitor del DataBase, è stata avviata la procedura batch di inserimento delle tuple, durata complessivamente 28 ore. 3.3 Requisiti della base di dati La Base di Dati deve poter gestire la multiutenza, in quanto una interrogazione non si alterna all altra, ma anzi - essendo interrogabile tramite Web, è possibile che al DataBase abbiano contemporaneamente accesso moltissimi utenti. Deve anche implementare procedure di sicurezza, riuscendo a controllare gli accessi degli utenti, per permettere alle sole persone autorizzate la gestione delle diverse tabelle della base di dati. Deve infine permettere l'interfacciamento con Internet, perché è espressamente richiesto dei responsabili del progetto. 3.4 Progettazione concettuale Lo scopo dell'analisi concettuale è quello di tradurre il risultato dell'analisi dei requisiti settoriali in una descrizione formale e integrata degli aspetti strutturali e dinamici del sistema informatico studiato. L'attenzione viene posta sul come 10

13 progettare la base di dati e sull'insieme di operazioni che garantiscano per tutti i settori le funzionalità desiderate. Il risultato è uno schema concettuale in linguaggio formale con costrutti ad alto livello adatti a descrivere in modo naturale ciò che si sta modellando. Il modello utilizzato per il disegno concettuale della base di dati e' il modello ER (Entity-Relationship). Di seguito vengono specificate entità, relazioni e attributi per la base di dati in esame. Figura 3.5-1: Modello E-R ENTITA' Le entità corrispondono a classi di oggetti del mondo reale che hanno proprietà omogenee, comuni ed esistenza autonoma ai fini delle applicazioni di interesse. Un'occorrenza di un'entità è un oggetto della classe che l'entità rappresenta. E) Insieme delle entità: 1. ImpExp; 2. Utenti; 3. Data e Ora; 4. Codici Query. RELAZIONI Le relazioni corrispondono a legami logici o classi di fatti che sono significativi ai fini dell'applicazione di interesse. Una relazione può sussistere fra due o più entità dell'applicazione di interesse. Una occorrenza di relazione e' un oggetto della classe che la relazione rappresenta. R) Insieme delle relazioni: 1. Accessi; 2. LogQueries. 11

14 ATTRIBUTI Gli attributi descrivono proprietà elementari di entità e relazioni di interesse ai fini dell'applicazione. Sono possibili attributi composti. Le chiavi sono contrassegnate con (C). Per alcuni attributi viene specificata la cardinalità. E.1) Entità ImpExp: Anno (C); Provincia (C); Merce (C); Stato (C); QuantitaImport; ValoreImport; QuantitaExport; ValoreExport. E.2) Entità Utenti: Nome (C); Cognome (C); Indirizzo; (1,N) Cap; (1,N) Paese; (1,N) Prov; (1,N) Stato; (1,N) Professione; Tel; (1,N) ; (1,N) Password (C); DataScad; Data; Ora. E.3) Entità Data e Ora: Data (C); Ora (C); 12

15 E.4) Entità Codici Query: Codice Query (C); Descrizione query. R.1) Relazione ACCESSI: Nome (C); Cognome (C); Data (C); Ora (C). R.2) Relazione LOGQUERIES: Nome (C); Cognome (C); Professione; Data (C); Ora (C); Codice Query. NORMALIZZAZIONE DELLO SCHEMA ER Per rendere lo schema ER in prima forma normale, è necessario eliminare la molteplicità di valori assunti da un eventuale attributo nelle entità che lo utilizzano. Per fare ciò, si introduce una nuova entità e la relazione associata che lega a ciascun attributo molteplice i dati relativi ad esso. In questo caso non ci sono normalizzazioni di prima forma normale da eseguire. 3.5 Ristrutturazione dello schema E-R Fra le specifiche non è richiesto più di un ed un numero telefonico. Analizzando la tabella degli utenti (PASS) si nota che è inutile prevedere più di una o due e numeri di telefono per ogni utente. Si può così evitare di dover normalizzare lo schema introducendo una tabella per i telefoni ed una per le , inserendo semplicemente due attributi e due attributi telefono nella entità PASS 13

16 degli utenti, che prevedano un minimo di flessibilità nell informazione conservata. Lo stesso dicasi nel considerare diversi possibili indirizzi per lo stesso utente, in questo modo: E.2) Entità PASS: Nome (C); Cognome (C); Indirizzo; Cap; Paese; Prov; Stato; Professione; Tel1; Tel2; 1; 2; Password (C); DataScad; Data; Ora. Analizzando la tabella ImpExp si nota che l elevata cardinalità del numero delle tuple in essa contenute produce un elevata occupazione di memoria di massa. Considerando poi la continua aggiunta annuale di dati nella tabella, sarà molto elevata la mole di dati, misurata in bytes, che arriverà a contenere. Questa imponente quantità di dati potrebbe essere ridotta se invece di utilizzare la descrizione completa per merci, stati e province nei rispettivi campi, venisse utilizzato il codice degli stessi. Per esempio per gli stati, invece di utilizzare una codifica di 40 caratteri per codificare lo stato in ogni tupla all interno della tabella è meglio usare una codifica di 3 caratteri (codice a tre cifre), riducendo a meno di un decimo l occupazione fisica. Se poi si usassero 3 invece di 55 caratteri per la merce e 14

17 3 invece di 7 per le province, si arriverebbe ad avere un totale di 9 caratteri invece di 102 per ogni tupla della tabella: davvero un enorme risparmio di memoria di massa. Ecco come si presenteranno le nuove entità e relazioni: Figura 3.6-1: Modello E-R Nuove entità: 1. ImpExp; 2. Nome merce; 3. Nome stato; 4. Nome provincia; Nuove relazioni: 1. Codifica merci; 2. Codifica stati; 3. Codifica province. E.1) Entità ImpExp: Anno (C); CodiceProvincia (C); CodiceMerce (C); CodiceStato (C); QuantitaImport; ValoreImport; QuantitaExport; ValoreExport. E.2) Entità Nome merce: NomeMerce(C). E.3) Entità Nome stato: NomeStato(C). E.4) Entità Nome provincia: NomeProvincia(C). R.1) Relazione Codifica merce: CodiceMerce (C); NomeMerce. R.2) Relazione Codifica stato: CodiceStato (C); NomeStato. R.3) Relazione Codifica provincia: CodiceProvincia (C); NomeProvincia. 15

18 3.6 Progettazione logica In questa fase di raffinazione fisica della base di dati è da ritoccare la struttura logica delle relazioni fra ImpExp e le tre tabelle Provincia, Merce, Stato. E infatti più corretto implementare nella stessa tabella relazioni che logicamente sarebbero separate in due tabelle diverse. Per esempio l entità NomeMerce con la relazione CodificaMerce, essendo in relazione biunivoca 1 a 1, è meglio metterle nella stessa tabella in questo modo: TABELLA IMPEXP: Anno, CodiceMerce, CodiceStato, CodiceProvincia, ( ); TABELLA MERCI: CodiceMerce, NomeMerce; TABELLA STATI: CodiceStato, NomeStato; TABELLA PROVINCE: CodiceProvincia, NomeProvincia Creazione della base di dati Finita la progettazione logica e fisica, si passa alla creazione vera e propria del DataBase. Per la creazione della base di dati si passa attraverso una fase manuale ed una automatica. Nella fase manuale si crea la struttura fisica del DataBase, con le tabelle di servizio e le variabili di ambiente che vengono impostate autonomamente. Il codice per eseguire questa fase da linea di comando è: createdb h helios dbveneto Nella fase automatica si creano, tramite il codice SQL, le tabelle che serviranno ad implementare la gestione del problema da risolvere. Prima di tutto è necessario entrare nel monitor del DataBase, una specie di interfaccia utente che permette di interpretare comandi in linea: 16

19 psql h helios dbveneto Nel nostro caso le tabelle da creare sono IMPEXP, PROVINCE, MERCI, STATI, PASS, LOGUSERS, LOGQUERIES. Codice SQL per la creazione della tabella IMPEXP, contenente le transazioni di importazione ed esportazione riferite ad un determinato anno, provincia, merce e stato: CREATE TABLE IMPEXP ( Anno CHAR(4) NOT NULL, CodiceProvincia CHAR(2) NOT NULL, CodiceMerce CHAR(3) NOT NULL, CodiceStato CHAR(3) NOT NULL, QuantitaImport INT4, ValoreImport INT4, QuantitaExport INT4, ValoreExport INT4, PRIMARY KEY (Anno, CodiceProvincia, CodiceMerce, CodiceStato), FOREIGN KEY (CodiceProvincia) REFERENCES PROVINCE, FOREIGN KEY (CodiceMerce) REFERENCES MERCI, FOREIGN KEY (CodiceStato) REFERENCES STATI); Codice SQL per la creazione della tabella PROVINCE, contenente le province della regione Veneto: CREATE TABLE PROVINCE ( CodiceProvincia CHAR(2) UNIQUE NOT NULL, NomeProvincia VARCHAR(7) UNIQUE NOT NULL, PRIMARY KEY (CodiceProvincia)); Codice SQL per la creazione della tabella MERCI, contenente le categorie merceologiche doganali: CREATE TABLE MERCI ( CodiceMerce CHAR(3) UNIQUE NOT NULL, NomeMerce VARCHAR(55) UNIQUE NOT NULL, PRIMARY KEY (CodiceMerce)); Codice SQL per la creazione della tabella STATI, contenente le nazioni oggetto dell importazione o esportazione: CREATE TABLE STATI ( CodiceStato CHAR(3) UNIQUE NOT NULL, NomeStato VARCHAR(40) UNIQUE NOT NULL, PRIMARY KEY (CodiceStato)); Codice SQL per la creazione della tabella PASS degli utenti, contenente l anagrafica, la password e la data e ora dell ultimo accesso al DataBase: CREATE TABLE PASS ( 17

20 Nome VARCHAR(30) NOT NULL, Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Indirizzo VARCHAR(30), Cap VARCHAR(5), Paese VARCHAR(30), Prov VARCHAR(30), Stato VARCHAR(30), Professione VARCHAR(30), Tel1 VARCHAR(30), Tel2 VARCHAR(30), 1 VARCHAR(40), 2 VARCHAR(40), Password CHAR(8) NOT NULL, DataScad DATE, Data DATE, Ora TIME, PRIMARY KEY (Nome,Cognome,Password)); Codice SQL per la creazione della tabella LOGUSERS, che implementa il tracing degli accessi degli utenti al DataBase (o meglio al sito Web): CREATE TABLE LOGUSERS ( Nome VARCHAR(30) NOT NULL, Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Professione VARCHAR(30), Data DATE, Ora TIME, PRIMARY KEY (Nome,Cognome,Data,Ora)); Codice SQL per la creazione della tabella LOGQUERIES, per il tracing delle interrogazioni che gli utenti fanno al DataBase: CREATE TABLE LOGQUERIES ( Nome VARCHAR(30) NOT NULL, Cognome VARCHAR(30) NOT NULL, Professione VARCHAR(30), Data DATE, Ora TIME, Query VARCHAR(200), PRIMARY KEY (Nome,Cognome,Data,Ora)); Finita la fase di creazione del DataBase è possibile iniziare la fase successiva: la popolazione Popolazione della base di dati Una volta create le tabelle sopradescritte è possibile iniziare la popolazione della base di dati attraverso un meccanismo automatico di esecuzione batch di frasi SQL che hanno il compito di inserire tuple nelle diverse tabelle del DataBase. 18

21 Per esempio, per popolare l intera tabella PROVINCE sono sufficienti 7 righe di codice SQL standard: INSERT INTO PROVINCE VALUES ('23','VERONA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('24','VICENZA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('25','BELLUNO'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('26','TREVISO'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('27','VENEZIA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('28','PADOVA'); INSERT INTO PROVINCE VALUES ('29','ROVIGO'); Mentre per popolare la tabella MERCI sono necessarie molte più righe di codice SQL. Qui se ne riportano solo le prime dieci per semplicità: INSERT INTO MERCI VALUES ('001','FRUMENTO'); INSERT INTO MERCI VALUES ('002','SEGALE, ORZO, AVENA'); INSERT INTO MERCI VALUES ('003','RISO GREGGIO'); INSERT INTO MERCI VALUES ('004','GRANOTURCO'); INSERT INTO MERCI VALUES ('005','ALTRI CEREALI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('006','LEGUMI E ORTAGGI FRESCHI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('007','LEGUMI E ORTAGGI SECCHI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('008','AGRUMI'); INSERT INTO MERCI VALUES ('009','FRUTTA TROPICALE'); INSERT INTO MERCI VALUES ('010','FRUTTA FRESCA'); Lo stesso vale per la tabella STATI, di cui si riportano solo le prime dieci righe di codice necessario per la sua popolazione: INSERT INTO STATI VALUES ('001','FRANCIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('002','BELGIO E LUSSEMBURGO'); INSERT INTO STATI VALUES ('003','PAESI BASSI'); INSERT INTO STATI VALUES ('004','GERMANIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('005','ITALIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('006','REGNO UNITO'); INSERT INTO STATI VALUES ('007','IRLANDA'); INSERT INTO STATI VALUES ('008','DANIMARCA'); INSERT INTO STATI VALUES ('009','GRECIA'); INSERT INTO STATI VALUES ('010','PORTOGALLO'); Una volta creata e popolata la base di dati, è terminata la fase iniziale ed è possibile iniziare ad eseguire le interrogazioni e la gestione. 3.7 Specifiche tecniche ed implementazione Il DataBase è stato implementato sulla macchina helios.unive.it, locata al Centro di Calcolo dell Università Ca Foscari di Venezia. Un reindirizzamento permette di accedere al sito Web anche tramite l indirizzo 19

22 La piattaforma è un PC assemblato con processore AMD K6 da 333Mhz, con 256MB di memoria RAM e tre dischi fissi in tecnologia Ultra Wide SCSI-2 da 18 GB ognuno. Il SO è Linux, il progetto Open Source iniziato da Linus Towald negli anni ottanta ed ancora diretto da lui, ma sviluppato da migliaia di appassionati programmatori. La distribuzione è la Red Had versione 6.0 ed il Kernel del sistema è la versione Come server Web è stato utilizzato Apache Web Server, lo stesso che gestisce anche tutte le altre pagine Web dell Università. Il DBMS usato è PostgreSql versione 6.3.2: un altro progetto Open Source dell University of California, Berkeley. PostgreSQL è un Object-Relational DBMS sofisticato, che supporta pressoché tutti i costrutti SQL, incluse le subselects, le transactions e le funzioni e tipi user-defined. E il DataBase open-source più evoluto disponibile. E anche disponibile un supporto commerciale dalla PostgreSQL Inc. La versione corrente è la ed è disponibile in molti siti mirror oppure su CD-ROM. PostgreSQL funziona su piattaforme Solaris, SunOS, HPUX, AIX, Linux, Irix, FreeBSD, e molte altre versioni di Unix. 3.8 Validazione, controllo, funzionamento Il momento più importante del progetto è consistito nelle prove di funzionamento e collaudo dell intero sistema. Il fulcro dei test sono state le interrogazioni al DBMS effettuate tramite Internet per mezzo di diversi browser funzionanti su calcolatori collegati in rete. Un primo problema è stata la carenza di strumenti di debugging dei sorgenti in linguaggio C, per correggere gli errori intrinseci delle applicazioni di interfaccia sviluppate. Infatti, gli errori che si verificavano durante l esecuzione del programma gateway fra server Web e DBMS, non venivano segnalati e diversificati, ma risultavano tutti nello stesso messaggio: Internal Server Error, rendendo difficile risalire alla causa all interno del programma e quindi alla stesura del codice. 20

23 Questo problema è stato risolto eseguendo il programma da linea di comando di una shell del sistema Unix, inserendo di volta in volta nello standard input i valori che gli sarebbero stati passati compresi nell URL o separatamente, a seconda del metodo GET o POST rispettivamente, con il quale venivano richiamati dal client. Un altro problema ricorrente è stata l operazione di chiusura e rilascio della memoria assegnata all applicazione CGI, dedicata volta per volta ai dati restituiti da operazioni sul DBMS. Se questa memoria non veniva disallocata e reinizializzata ogni volta che si operava sul DataBase tramite il CGI, inspiegabilmente il programma non si atteneva ai risultati aspettati, disorientando durante il debug dei sorgenti ed allungando i tempi di realizzazione. Un errore grossolano fatto durante la progettazione è stato quello di considerare i valori di importazione o esportazione nella tabella principale [vedi par ] dei semplici INT4, cioè interi di 4 byte (4,3*10 9 valori). Durante interrogazioni con aggregazioni, infatti, i risultati venivano presentati in attributi dello stesso tipo degli attributi originari disaggregati. Ma mentre 4 byte erano più che sufficienti per rappresentare i valori semplici nella tabella, non lo erano per rappresentare le loro aggregazioni o sommatorie. Questo problema è stato risolto ridefinendo la precisione delle variabili di presentazione dei risultati, assegnando il valore aggregato ad una variabile INT8 (1,8*10 19 valori). Per ultimo, un problema legato alla gestione degli utilizzatori del sito Web. Questi vengono riconosciuti all atto dell ingresso nel sito, non nell ingresso alla pagina iniziale, ma solo nella parte riguardante le interrogazioni vere e proprie. Una delle esigenze del progetto era quella di poter monitorare l utilizzo del sistema, misurando il tempo che ogni utente rimaneva ad interrogare il DBMS. Una soluzione era di memorizzare la differenza fra il momento dell ultima interrogazione eseguita ed il momento della prima, ottenendo il tempo netto di utilizzo del DBMS. Il problema era come definire quale fosse la prima e quale l ultima interrogazione. Infatti una sessione può essere composta da diverse fasi di lavoro, alcune più intense altre meno, intervallate più o meno nel tempo. Era difficile definire un tempo, passato il quale veniva considerata una diversa sessione di lavoro. La soluzione adottata è stata quella di dare all utilizzatore, una volta superata la fase di login, un tempo T fissato dal momento dell ingresso per poter eseguire diverse 21

24 interrogazioni. In questo modo si può conoscere quante sessioni, di T secondi ciascuna, ha utilizzato l utente e quindi quanto è rimasto collegato al DBMS. E chiaro che più alto è T, minore è la definizione della misura; più basso è T, maggiore è il disagio dell utente nel doversi ricollegare dalla fase di login iniziale. T è stato fissato in 60 minuti. Attualmente, il sistema non presenta problemi e la sua efficienza è stata testata sotto tutte le condizioni di funzionamento (basso e alto carico di interrogazioni), con bassi tempi di risposta, ottimi tempi di scaricamento delle pagine dinamiche ed eccellenti risultati sia nelle interrogazioni semplici che in quelle complesse. 22

25 4. REALIZZAZIONE DELL INTERFACCIA Nella realizzazione del sistema che permette di interrogare il DBMS attraverso pagine Web si è cercato di curare al meglio l interfaccia utente, che è l unica interazione tra l utilizzatore e il DBMS. La pagina iniziale che appare nel navigatore all atto della connessione al sito Web ha questa forma: Figura 4-1: Pagina Web iniziale del sito del progetto. 23

26 A parte le diverse pagine descrittive del progetto e dei dati in esso contenuti, la parte del sito più interessante è quella riguardante l interrogazione della base di dati. All apertura di questa pagina si entra nell applicazione di controllo dell accesso. La figura seguente mostra la fase di riconoscimento dell utilizzatore: Figura 4-2: Riconoscimento dell utente. Una volta inseriti i tre dati Nome, Cognome e Password si ritiene unico il riconoscimento dell utente. Infatti possono esistere due utenti con lo stesso nome e cognome, ma non con la stessa password. Passata la fase di riconoscimento, l utilizzatore viene avvisato di quanto tempo ha a disposizione per eseguire l'interrogazione [Fig.4-3]. Come introdotto nel par.3.8, il limite di tempo oltre il quale deve essere eseguita di nuovo la fase di login è di 60 minuti, sufficienti per eseguire una ventina di interrogazioni. 24

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) Siti web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente

Dettagli

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications)

Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) Applicazioni web centrati sui dati (Data-centric web applications) 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 WEB La tecnologia del World Wide Web (WWW) costituisce attualmente lo strumento di riferimento

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

Introduzione all elaborazione di database nel Web

Introduzione all elaborazione di database nel Web Introduzione all elaborazione di database nel Web Prof.ssa M. Cesa 1 Concetti base del Web Il Web è formato da computer nella rete Internet connessi fra loro in una modalità particolare che consente un

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database

Concetti fondamentali dei database database Cos'è un database Principali database Concetti fondamentali dei database Nella vita di tutti i giorni si ha la necessità di gestire e manipolare dati. Le operazioni possono essere molteplici: ricerca, aggregazione con altri e riorganizzazione

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati e Web

Laboratorio di Basi di Dati e Web Laboratorio di Basi di Dati e Web Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL Structured Query Language SQL è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali Il linguaggio

Dettagli

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web Programmazione Web WWW: storia Il World Wide Web (WWW) nasce tra il 1989 e il 1991 come progetto del CERN di Ginevra affidato a un gruppo di ricercatori informatici tra i quali Tim Berners- Lee e Robert

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 1 SQL SQL (Structured Query Language) è stato definito nel 1973 ed è oggi il linguaggio più diffuso per i DBMS relazionali. Sono stati proposti

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

Basi di Dati Relazionali

Basi di Dati Relazionali Corso di Laurea in Informatica Basi di Dati Relazionali a.a. 2009-2010 PROGETTAZIONE DI UNA BASE DI DATI Raccolta e Analisi dei requisiti Progettazione concettuale Schema concettuale Progettazione logica

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti.

Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Impresa di raccolta e riciclaggio di materiali metallici e di rifiuti. Indice Cognome Nome Matr.xxxxxx email Cognome Nome Mat. Yyyyyy email Argomento Pagina 1. Analisi dei requisiti 1 a. Requisiti espressi

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete Storia:

Dettagli

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato

SCP: SCHEDULER LAYER. a cura di. Alberto Boccato SCP: SCHEDULER LAYER a cura di Alberto Boccato PREMESSA: Negli ultimi tre anni la nostra scuola ha portato avanti un progetto al quale ho partecipato chiamato SCP (Scuola di Calcolo Parallelo). Di fatto

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari. Candidato: Medda Daniele Classe 5ª C Informatica Anno scolastico 2013/2014.

Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari. Candidato: Medda Daniele Classe 5ª C Informatica Anno scolastico 2013/2014. Istituto Tecnico Industriale Statale Dionigi Scano Cagliari Candidato: Medda Daniele Classe 5ª C Informatica Anno scolastico 2013/2014 relate Un esperimento di social networking open source 1 Introduzione

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v.

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v. Sommario 1. I presupposti di GRAM AUDIT... 4 2. I vantaggi di GRAM AUDIT... 4 3. Aspetti metodologici alla base del Modello... 5 3.1. La gestione degli utenti... 5 3.2. La composizione del Piano di Audit

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Internet Terminologia essenziale

Internet Terminologia essenziale Internet Terminologia essenziale Che cos è Internet? Internet = grande insieme di reti di computer collegate tra loro. Rete di calcolatori = insieme di computer collegati tra loro, tramite cavo UTP cavo

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II Macchine per l elaborazione dell informazion e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica II Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta

Dettagli

Corso di Laboratorio di Basi di Dati

Corso di Laboratorio di Basi di Dati Corso di Laboratorio di Basi di Dati F1I072 - INF/01 a.a 2009/2010 Pierluigi Pierini Technolabs S.p.a. Pierluigi.Pierini@technolabs.it Università degli Studi di L Aquila Dipartimento di Informatica Technolabs

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

Implementazione in Oracle di un semplice progetto

Implementazione in Oracle di un semplice progetto Oracle e SQL Implementazione in Oracle di un semplice progetto Operazioni preliminari La versione del DBMS Oracle a cui si farà riferimento di qui in seguito è la 10g Express Edition, liberamente scaricabile

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

Progetto Logos - Documentazione -

Progetto Logos - Documentazione - Progetto Logos - Documentazione - Marco Benvegnù Gianluca Marcante Simone Sanavio Roberto De Franceschi PM) Corso di Basi di Dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2002/2003 Progetto Logos

Dettagli

Volumi di riferimento

Volumi di riferimento Simulazione seconda prova Esame di Stato Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso Parte prima) Un nuovo centro agroalimentare all'ingrosso intende realizzare una base di dati per l'attività di

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI

RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI Nicoletta Barbaro 4C Mercurio TRACCIA DEL PROBLEMA: RELAZIONE SCRITTA RELATIVA AL PROGRAMMA DI GESTIONE TABELLA ATTORI Un'azienda che distribuisce film in formato dvd chiede ad una software house(4c mercurio)

Dettagli

Corso Creare Siti WEB

Corso Creare Siti WEB Corso Creare Siti WEB INTERNET e IL WEB Funzionamento Servizi di base HTML CMS JOOMLA Installazione Aspetto Grafico Template Contenuto Articoli Immagini Menu Estensioni Sito di esempio: Associazione LaMiassociazione

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database

Corso di Informatica. Prerequisiti. Modulo T3 B3 Programmazione lato server. Architettura client/server Conoscenze generali sui database Corso di Informatica Modulo T3 B3 Programmazione lato server 1 Prerequisiti Architettura client/server Conoscenze generali sui database 2 1 Introduzione Lo scopo di questa Unità è descrivere gli strumenti

Dettagli

Esercitazione 01: DDL e DML di base

Esercitazione 01: DDL e DML di base Esercitazione 01: DDL e DML di base Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: Esercitazione01.pdf Sistemi Informativi L-A Prima di iniziare

Dettagli

Simonotti Graziano DATABASE

Simonotti Graziano DATABASE DATABASE 1 - Che cos'è un database? Il database è un archivio di dati, che può essere gestito con sistemi informatici oppure in modo manuale. 2 - Come si chiamano i programmi che gestiscono gli archivi?

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s.

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s. Programma svolto di Informatica classe VC S.I.A a.s. 2014/2015 MODULO 1 I SISTEMI OPERATIVI U.D. 1 Organizzazione dei Sistemi Operativi U.D. 2 Struttura e funzionamento di un Sistema Operativo U.D. 3 Tipi

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

Un esempio di applicazione client / server:

Un esempio di applicazione client / server: LEZIONE DEL 04/11/2008 RIEPILOGO Il nostro obiettivo è imparare a progettare DataBase e applicazioni di DataBase e per fare questo, adottiamo il cosiddetto approccio a 3 livelli: MODELLO CONCETTUALE DIAGRAMMA

Dettagli

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it

Basi di dati. Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Basi di dati Gabriella Trucco gabriella.trucco@unimi.it Esempio Quando si pensa ad un database, generalmente si immagina una tabella contenente grandi quantità di informazioni, sulla quale è possibile

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione al Web WWW World Wide Web CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : WWW >> Sommario Sommario 2 n World

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

SOLUZIONE SECONDA PROVA INFORMATICA ITC ESAME DI STATO 2002/2003 TRAMONTANA

SOLUZIONE SECONDA PROVA INFORMATICA ITC ESAME DI STATO 2002/2003 TRAMONTANA Esame di Stato Istituto Tecnico Commerciale CORSO SPERIMENTALE Progetto "MERCURIO" Indirizzo: PROGRAMMATORI Soluzione della Seconda Prova - Tema di: INFORMATICA Anno Scolastico: 2002-2003 Riflessioni e

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Database. Informatica 2014-2015 - Dott. Muzzioli Valerio. 1 di 1. Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS

Database. Informatica 2014-2015 - Dott. Muzzioli Valerio. 1 di 1. Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS Database Argomenti trattati: Nozioni di base: i database, i modelli di dati, DBMS Database relazionali: tabelle, campi, record; indici di taballa Chiavi primarie ed esterne Relazioni tra tabelle: definizione

Dettagli

Basi di dati - Basi di dati e Web

Basi di dati - Basi di dati e Web - e Web Sistemi informativi su Web e Web Il Web è nato come interfaccia di accesso a informazioni distribuite su più siti, ma specificamente predisposte pagine HTML Il Web è divenuto una piattaforma generale

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Costruzione di Sit Web con PHP e MySQL. Lezione 7 - Esercitazione - Introduzione a MySQL: le tabelle, i tpi di dato, le query

Costruzione di Sit Web con PHP e MySQL. Lezione 7 - Esercitazione - Introduzione a MySQL: le tabelle, i tpi di dato, le query Costruzione di Sit Web con PHP e MySQL Lezione 7 - Esercitazione - Introduzione a MySQL: le tabelle, i tpi di dato, le query Esercitazione In questa lezione si farà insieme una seconda esercitazione che

Dettagli

Sistema di Gestione dei Contenuti Multimediali

Sistema di Gestione dei Contenuti Multimediali Sistema di Gestione dei Contenuti Multimediali Tonghini Luca Pini Andrea SISTEMI DI ELABORAZIONE 1 INTRODUZIONE Un sistema di gestione dei contenuti ( Content Management System, CMS ) è un insieme di programmi

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE

I Database con ACCESS. Prof. Michele SIMONE I Database con ACCESS Archivi tradizionali Database Definizione di ARCHIVIO Un archivio è un insieme organizzato di informazioni tra cui esiste un nesso logico, cioè una raccolta di dati correlati tra

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo

I Principali Servizi del Protocollo Applicativo 1 I Principali Servizi del Protocollo Applicativo Servizi offerti In questa lezione verranno esaminati i seguenti servizi: FTP DNS HTTP 2 3 File Transfer Protocol Il trasferimento di file consente la trasmissione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi

Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Indice Standard ISO/OSI e TCP/IP Telematica II 7. Introduzione ai protocolli applicativi Modello Client / Server I Socket Il World Wide Web Protocollo HTTP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A.

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Livello cinque (Livello application)

Livello cinque (Livello application) Cap. VII Livello Application pag. 1 Livello cinque (Livello application) 7. Generalità: In questo livello viene effettivamente svolto il lavoro utile per l'utente, contiene al suo interno diverse tipologie

Dettagli

L interfaccia a riga di comando di MySql

L interfaccia a riga di comando di MySql L interfaccia a riga di comando di MySql Una volta completata la procedura di installazione possiamo finalmente testare le funzionalità di MySQL. Sia che ci si trovi in ambiente Linux che Windows, l'interfaccia

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

La rete Internet. Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

La rete Internet. Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin La rete Internet Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Che

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli