LE COMUNITÀ DI PRATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE COMUNITÀ DI PRATICA"

Transcript

1 Grifo multimedia Srl SP per Casamassima km3, Tecnopolis Valenzano BA Italy Tel Fax LE COMUNITÀ

2 INDICE 1. Introduzione: Le comunità di Pratica Differenze tra le CdP e altre strutture formali La struttura organizzativa L importanza della tecnologia all interno di una CdP: l avvento del Web Strumenti tecnologici a supporto di una CdP Strumenti da includere a prescindere dal tipo di CdP Strumenti per la comunicazione remota sincrona Strumenti per la comunicazione remota asincrona Un esempio di una CdP di successo: Linkedin Utilizzo di Moodle per la costruzione di una Comunità di Pratica NOTE BIBLIOGRAFICHE APPROFONDIMENTI IN RETE

3 1. Introduzione: Le comunità di Pratica Le comunità di pratica, che per facilità di scrittura abbrevieremo con la dicitura CdP, sono dei gruppi che nascono e si formano per trovare comuni risposte a problemi inerenti l'esercizio del proprio lavoro sfruttando i mezzi tecnologici messi a disposizione su Internet. I membri di una comunità di pratica condividono modalità di azione e di interpretazione della realtà, e costituiscono nel loro insieme una organizzazione informale all'interno di organizzazioni formali più ampie, articolate e complesse. I partecipanti alle attività delle comunità di pratica, col loro apporto, accrescono il senso d'identità professionale e creano una rete che può indurre reali processi di rinnovamento. Le CdP sono infatti una significativa ed efficace risorsa di aggiornamento delle competenze professionali. L'efficacia deriva loro dal fatto che i contenuti discussi nelle comunità di pratica soddisfano esigenze di operatività, tempestività e contestualizzazione dell'apprendimento. Internet favorisce la possibilità del mantenere attive e funzionanti comunità di pratica superando il limite della distanza geografica e consentendo una comunicazione rapida e soprattutto multilaterale. Infatti si stanno diffondendo sul web delle pratiche per permettere la diffusione della conoscenza. Tra le più importanti ricordiamo il wiki, che permette ad ogni utilizzatore di aggiungere contenuti, come nei forum, ma anche di modificare i contenuti esistenti inseriti da altri utilizzatori. La parola, che in lingua hawaiana significa veloce, indica un software per la pubblicazione di contenuti online facile da usare e soprattutto aperto al contributo di chiunque, uno scrigno dentro il quale la massa trova quasi naturale riversare generosamente la propria saggezza e condividerla per il bene comune Oggi si guarda alle comunità di pratica anche nell'ambito della formazione aziendale, La condivisione delle informazioni, prevista dal knowledge management, è diventata uno dei più importanti strumenti di competitività delle grandi organizzazioni A causa della globalizzazione dei mercati, della loro dinamicità e instabilità, le aziende sono costrette a intraprendere processi di innovazione che impongono consistenti cambiamenti nelle organizzazioni e nelle competenze. Rispetto a questo scenario le comunità di pratica possono costituire una forma di autoapprendimento delle organizzazioni, grazie alla circolazione e capitalizzazione del loro know-how. Attraverso le comunità di pratica si attuano processi di apprendimento collaborativo, flessibili e continui nel tempo, che consentono un'alternativa alla formazione "formale", generalmente molto costosa e non sempre efficace. Una CdP rappresenta una combinazione di 3 elementi fondamentali [Wenger 2007]: 1. Campo tematico (domain): esso crea un contesto e un comune senso di identità. 2. Comunità (community): essa crea il tessuto sociale dell'apprendimento. 3

4 3. Pratica (practice): è il nucleo centrale delle Comunità di Pratica, un insieme di idee, strumenti, informazioni, stili, linguaggi, storie e documenti che i membri della comunità condividono. In altre parole, il valore reale delle comunità di pratica consiste proprio nel loro bagaglio di expertise, ovvero della conoscenza acquisita sul campo. Fig. 1: Rappresentazione grafica di una comunità di pratica 2. Differenze tra le CdP e altre strutture formali Di seguito riportiamo le principali caratteristiche di diverse tipologie di aggregazioni di professionisti. 1. Gruppi di lavoro: si tratta di un'aggregazione formale, in genere limitata nel tempo e nel compito, orientata alla realizzazione di un progetto o alla risoluzione di un problema. 2. Comunità di pratica: come già ampiamente discusso in precedenza, sono caratterizzate dalla spontanea aggregazione dei propri membri che, attraverso la condivisione di conoscenze, favoriscono processi di apprendimento alla pari. 3. Comunità delle migliori pratiche: in questo caso siamo in presenza di una un'aggregazione il cui scopo è quello di condividere pratiche già sperimentate e valutate come "migliori". 4

5 4. Gruppo d'interesse: si tratta di un'aggregazione informale tesa a diffondere informazioni, a mettere in contatto e far interloquire coloro che condividono interessi comuni. 5. Reti informali: non si tratta di una vera e propria aggregazione, quanto piuttosto di un canale finalizzato alla circolazione di materiali, documenti e informazioni all'interno di un network professionale. Fig. 2: Rapporto fra estensione delle comunità e livello di coesione 5

6 3. La struttura organizzativa Una possibile struttura organizzativa per le comunità di pratica è stata proposta da Formez [Formez, 2002]. Essa prevede l individuazione nella comunità dei seguenti ruoli: 1. Soggetto promotore: è l ideatore della comunità, organizza i momenti di socializzazione tra i membri, facilita le loro attività e le loro relazioni e ne promuove l immagine. 2. Community manager: è il rappresentante primario della comunità nonché diretto responsabile del suo funzionamento: accoglie le proposte dei partecipanti, ascolta i loro problemi e offre risposte per soddisfare le diverse esigenze. 3. Content manager: è colui che si occupa del ritrovamento, della creazione, della selezione e diffusione del materiale utile per i membri della comunità e del suo immagazzinamento all interno dei rispettivi repository. 4. Esperto: è colui che in virtù dell autorevolezza e prestigio acquisiti nel proprio campo interviene su argomenti di rilievo della comunità 5. System Administrator: è colui che si occupa di questioni tecniche e della gestione dell ambiente software utilizzato. Il corretto funzionamento e l integrità dei sistemi informatici sono suoi interessi principali. 4. L importanza della tecnologia all interno di una CdP: l avvento del Web 2.0 L aspetto tecnologico al servizio delle Comunità di Pratica online ricopre un ruolo fondamentale sin dalle preliminari fasi di progettazione, vista la necessità di implementare un efficiente ambiente virtuale che ospiti il lavoro online dei suoi membri, e che soprattutto risponda perfettamente alle necessità degli stessi. La riscoperta della comunità quale motore creativo assume oggi un ruolo di primaria importanza per le organizzazioni che trovano ormai solo nell innovazione l unico parametro di differenziazione per raggiungere un apprezzabile vantaggio competitivo e per continuare a crea valore per l intero ecosistema orbitante intorno ad esse (Vincenzo Cammarata, Quaderni di Management cfr. Approfondimenti in rete n.6). 6

7 Il fattore scatenante di questa rivalutazione del concetto di comunità è il Web, nella sua ultima versione 2.0. Esso ha favorito e accelerato maggiormente il naturale processo di aggregazione che si attua quando persone con gli stessi interessi si riconoscono come tali. Si è passati infatti dal Web sostantivo (Ross Mayfield, Socialtext, da: Il Sole 24 Ore), cioè come qualcosa di statico prestabilito dagli altri, dall alto, ad un Web dinamico, un Web verbo, dove tutti hanno la possibilità di agire. Fra i primi a capire le possibilità offerte dai nuovi tool emergenti, ci sono state alcune organizzazioni italiane, come FIAT, che con o con il sito di lancio della nuova FIAT 500 è riuscita a far partecipare attivamente il proprio pubblico attivando con esso un dialogo costruttivo e dinamico. 5. Strumenti tecnologici a supporto di una CdP Gli strumenti tecnologici a supporto di una CdP possono essere suddivisi in 3 gruppi. Il primo include strumenti utilizzati a prescindere dal tipo di CdP, il secondo strumenti per la comunicazione remota sincrona e il terzo per la comunicazione remota asincrona. Un progettista può, a seconda della CdP che sta creando, inglobare una serie di strumenti proposti successivamente Strumenti da includere a prescindere dal tipo di CdP Lista dei membri Profili dei membri Indicazione della presenza in linea (presence awareness). Calendario personale Calendario degli eventi Sincronizzazione calendari personali: meccanismo che permette ad un membro di una community di sincronizzare un evento della stessa con il proprio calendario. Agenda: strumento nel quale sono visualizzati i giorni della settimana e del mese con spazi per annotare gli impegni quotidiani organizzati per orari. Sondaggi Layout manager: permette di personalizzare l interfaccia utente sia dal punto di vista grafico che contenutistico. Questo strumento rendere personalizzabile qualsiasi community. 7

8 News del sistema: servizi per la diffusione delle novità sul sistema (nuovi messaggi, nuovi file scaricabili, nuove sezioni del sito) sulla home page del portale. Statistiche del sistema: raccolta sistematica di file di log e di dati statistici (numero di collegamenti, tempi di permanenza, numero di messaggi scambiati, ecc ) per determinare l andamento della comunità. Modulo di autenticazione, contenente la possibilità di registrarsi e di effettuare il login. Localizzazione dei documenti: gestione (redazione, modifica, fruizione) di diverse copie localizzate di un documento. Glossario o dizionario dei termini: raccolta di termini di un ambito specifico e circoscritto. Repository: spazio dove è raccolta la memoria comunitaria e tutto ciò che fa parte del patrimonio conoscitivo esplicito del gruppo; in esso si possono trovare materiali documentali e fattuali, link a siti d interesse professionale, FAQ, ecc. Repository di Learning Objects: spazio dove è raccolto del materiale di auto-formazione. Differenziazione dei diritti d accesso: metodo attraverso il quale vengono attribuiti determinati diritti d accesso ai vari utenti della community. Aree d accesso differenziate: sono delle aree visualizzabili solamente da coloro che ne hanno determinati diritti d accesso. Blog personale: è un sito web, gestito in modo autonomo dove si tiene traccia (log) dei pensieri, quasi una sorta di diario personale, in cui però è possibile la condivisione e l'interazione diretta con gli altri blogger. Database delle risposte e meccanismi di query: repository nel quale sono memorizzate tutte le risposte fornite a domande sottoposte da alcuni utenti; sono implementati inoltre dei meccanismi di query in maniera di rendere più semplice ed efficiente la ricerca di risposte ad alcuni interrogativi. FAQ (Frequently Asked Questions), sono letteralmente le domande poste frequentemente. Meccanismi di ricerca: sistemi automatici che analizzano un insieme di dati raccolti e restituiscono un indice dei contenuti disponibili classificandoli in base a dei precisi algoritmi ad hoc di ricerca. Funzioni di inoltro domande ai consulenti esterni: permette ad un utente di sottoporre una domanda ad un consulente esterno, in attesa di ricevere una risposta adeguata sulla base della sua professionalità. Regolamenti, Linee guida e Netiquette: spazio nel quale vengono conservati tutti i documenti riguardanti regolamenti, linee guida e Netiquette. 8

9 Funzione di inoltro degli inviti da parte dell amministratore: funzione che permette all amministratore di poter inviare una segnalazione ad un utente, in maniera tale da invitarlo a partecipare alla community da lui amministrata Strumenti per la comunicazione remota sincrona Caffé virtuale: chat off-topic, ovvero chat in cui la sola regola è non parlare di argomenti attinenti al lavoro. Chat IM (instant messaging): strumento di interazione sincrona testuale uno a uno/ uno a molti utile per scambiare messaggi essenzialmente privati. Tramite alcuni IM è anche possibile realizzare una comunicazione di gruppo, tuttavia essa a differenza della chat non prevede canali o stanze. Sistema di comunicazione interno (broadcast): strumento di interazione sincrona testuale uno a molti. Consente di visualizzare immediatamente, tramite pop-up o avvisi sonori messaggi urgenti diretti a tutti gli utenti o a gruppi particolari di stessi. Telefonata VoIP: strumento di interazione sincrona audio, uno a uno, che utilizza il protocollo VoIP (Voice Over IP). I dati, trasmessi in forma digitale, vengono cifrati tramite algoritmi non divulgati, assicurando un grado di protezione della comunicazione comparabile con quello dei più diffusi standard crittografici. Streaming audio/video: strumento che consente l'interazione sincrona audio/video uno a molti, che utilizza il protocollo VoIP proprietario per trasmettere un flusso di dati audio trasmessi da una sorgente a una o più destinazioni tramite una rete telematica. Telefonata multipla VoIP: strumento di interazione sincrona audio, molti a molti, che utilizza il protocollo VoIP proprietario per trasmettere le telefonate multiple, cioè poter comunicare in gruppo con l ausilio di un telefono. Videoconferenza multipunto VoIP: strumento di interazione sincrona audio/video molti a molti. Il vantaggio di comunicare tramite audio e video è notevole nel caso in cui i prodotti di cui si occupa la comunità siano prevalentemente analogici, o in caso di comunità che difficilmente possono incontrarsi fisicamente Strumenti per la comunicazione remota asincrona Forum Newsletter 9

10 Mailing list (lista di distribuzione): strumento per realizzare la comunicazione asincrona testuale molti a molti: per inviare un messaggio a tutti gli iscritti, è sufficiente inviarlo ad uno speciale indirizzo , e il servizio provvede a diffonderlo a tutti i membri della lista. E-board (bulletin board): strumento per realizzare la comunicazione asincrona testuale uno a molti: rappresenta una sorta di bacheca elettronica, nella quale ciascun utente può inserire annunci circa notizie ed eventi prossimi o trascorsi da poco. Wiki: spazio online che permette a ciascuno dei suoi utilizzatori di aggiungere contenuti o modificare i contenuti esistenti inseriti da altri utilizzatori e tiene traccia di ciascuna modifica e del suo autore. Podcasting: strumento che consente l'interazione asincrona audio (o audio/video) uno a molti. È un sistema che permette di inviare/scaricare risorse (generalmente audio/video) chiamati podcast, in modo che gli assenti possano fruire degli eventi ai quali non hanno potuto partecipare. E-conference: È un sistema multiplo attivabile da qualunque postazione aziendale, tramite cui è possibile discutere in forma scritta via computer. O tramite videoconferenza Brainstorming: Il brainstorming è una tecnica di creatività di gruppo per far emergere idee volte alla risoluzione di un problema. Il risultato principale di una sessione di brainstorming può essere una completa soluzione del problema, una lista di idee per un approccio a una soluzione successiva, o una lista di idee che si trasformano nella stesura di un programma di lavoro per trovare in seguito una soluzione. 6. Un esempio di una CdP di successo: Linkedin LinkedIn (www.linkedin.com) è un servizio di social networking online impiegato principalmente per networking professionale. La rete di LinkedIn a marzo 2008 contava circa 20 milioni di utenti in America del Nord, Asia e Europa, e cresce a una velocità di iscritti a settimana. Copre circa 150 diversi comparti economici e oltre 400 regioni economiche. Lo scopo principale del sito è consentire agli utenti registrati il mantenimento di una lista di persone conosciute e ritenute affidabili in ambito lavorativo. Le persone nella lista sono definite "connessioni", ed esse sono in effetti le connessioni di un ganglio (l'utente) all'interno della rete sociale. L'utente può incrementare il numero delle sue connessioni invitando persone di suo gradimento. Il network di contatti a disposizione dell'utente è costituito da tutte le connessioni dell'utente, tutte le connessioni delle sue connessioni ("connessioni di secondo grado") e da tutte le connessioni delle connessioni di secondo grado ("connessioni di terzo grado"). L'uso che si può fare del programma è molteplice: ottenere una presentazione a qualcuno che si desidera conoscere attraverso 10

11 un contatto comune ed affidabile; trovare offerte di lavoro, persone, opportunità di business con il supporto di qualcuno presente all'interno della propria lista di contatti o del proprio network. I datori di lavoro possono inoltre pubblicare offerte e ricercare potenziali candidati, così come le persone in cerca di lavoro possono leggere i profili dei reclutatori e scoprire se tra i propri contatti si trovi qualcuno in grado di metterli direttamente in contatto con loro. Altri esempi di business community sul Web dedicate ai professionisti che vogliono sviluppare la loro rete di contatti professionali sono in Italia, in Germania, in Francia. Fig. 3: Schermata Linkedin dopo aver effettuato il login 11

12 7. Utilizzo di Moodle per la costruzione di una Comunità di Pratica All indirizzo https://i-teach.unige.it/ è possibile visualizzare una comunità di pratica costruita con l ausilio della piattaforma open source Moodle (http://it.wikipedia.org/wiki/moodle). Diversi studi sulle prospettive del mercato del lavoro hanno identificato come punti cruciali per l economia della conoscenza non solo le competenze tecnologiche, ma anche i cosiddetti soft skills, quali, ad esempio, Presentazione della conoscenza, Ricerca efficace delle informazioni, Valutazione, Lavoro su progetto, Lavoro di gruppo, Problem solving. Questi soft skills si possono considerare come una componente essenziale delle competenze tecnologiche, e da questo punto di vista possiamo parlare di abilità trasversali rinforzate tramite la tecnologia, o ICT-enhanced skills. Il progetto Innovative Teacher (I*Teach) ha l obiettivo di sviluppare metodologie, approcci, e strumenti per l uso quotidiano di insegnanti e formatori di insegnanti che vogliono sviluppare tali ICT-enhanced skills. I*Teach ha sviluppato gli strumenti utili all'insegnante innovativo della futura Europa: un manuale metodologico un repository di materiali didattici strumenti per la gestione di nuovi materiali didattici, utilizzabili anche in rete i centri di formazione virtuali in ogni paese. Questi ultimi sono stati proposti dal gruppo dei partecipanti italiani di I*Teach per creare delle comunità di pratica degli insegnanti. 12

13 Fig. 4: Schermata iniziale di I*Teach 13

14 NOTE BIBLIOGRAFICHE 1. Etienne Wenger, Communities of practice: learning, meaning and identity, Cambridge University Press, London, Etienne Wenger, Richard McDermott, William M. Snyder, Cultivating communities of practice: a guide to managing knowledge, Harvard Business School Press, Boston, Guglielmo Trentin, Apprendimento in rete e condivisione delle conoscenze, Ruolo, dinamiche e tecnologie delle comunità professionali online, Franco Angeli, Milano,

15 APPROFONDIMENTI IN RETE 1. The knowledge in knowledge management di Fred Nickols (http://home.att.net/~opsinc/knowledge_in_km.pdf) 2. Intervista a Luca De Pietro su "Apprendimento in rete e Comunità di pratiche". Intervista a Luca De Pietro, a cura di Salima Salis (http://db.formez.it/storicoarchivionews.nsf/forpapubblichenotiziepertipo/6027e b79c1256cc d39?opendocument) 3. Una conversazione con Etienne Wenger sulla coltivazione delle "comunità di pratica" di D. Lipari (http://db.formez.it/archivionews.nsf/a578eb75b67ad00bc1256e b/796e daeeac125728f004b e601/testo/m2/intervista%2520%2520lipari-%2520wenger%2520.pdf?openelement) 4. Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini (http://www.webquest.it/comunita_di_pratica.pdf) 5. Communities of practice, a brief introduction di Etienne Wenger (http://www.ewenger.com/theory/index.htm) 6. Quando la communtity si fa pratica di Vincenzo Cammarata, Quaderni di Management (http://www.open-knowledge.it/cms/media/documenti/v. Cammarata review Community management.pdf) 7. Le comunità di pratica favoriscono il Knowledge Management di Mario Bianchini (http://www.datamanager.it/itconsult.php?idricercato=15912) 8. Linkedin Definizione in Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/linkedin) 9. Che cosa significa usare internet nella didattica di Guglielmo Trentin (http://www.garito.it/areastud/studentipsico06/3/02_che cosa significa usare internet nella rete_g. Trentin.doc) 15

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti

Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Online Communities: collaborazione, cooperazione e strumenti Paolo Bianchetti bianchetti@scuoladirobotica.it Convegno Robotica: dalla scuola all azienda ITIS A. OMAR Novara, 10 Marzo 2006 Costruttivismo

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE

CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE CAPITOLO 5 STRUMENTI E TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE PERSONALE Indice 5.1 UNA PANORAMICA SULLE NUOVE TECNOLOGIE PER LA COMUNICAZIONE......... 102 La struttura dell impresa oggi....................................................

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT E GESTIONE DELLE COMPETENZE

KNOWLEDGE MANAGEMENT E GESTIONE DELLE COMPETENZE Grifo multimedia Srl SP per Casamassima km3, Tecnopolis 70010 Valenzano BA Italy Tel. +39 080.4602093 - Fax +39 080.4670562 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it KNOWLEDGE MANAGEMENT E GESTIONE

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI]

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] 2014 FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] Cosa è. Il portale Docebo è una piattaforma E-Learning e un Content Management System Open Source che La Fondazione Angelo Colocci ha deciso di

Dettagli

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA Formazione ed accompagnamento a supporto del processo di conferimento di funzioni in materia di VIA alle Province avviato con la l.r. 5/2010 Milano, 5 dicembre 2012 SEMINARIO LA VIA A PIU' VOCI. A CHE

Dettagli

GLOSSARIO INTERNET. Barra degli indirizzi (address bar) barra del browser nella quale va digitato l'indirizzo Web o URL.

GLOSSARIO INTERNET. Barra degli indirizzi (address bar) barra del browser nella quale va digitato l'indirizzo Web o URL. GLOSSARIO INTERNET A Ambiente di apprendimento Sistema di apprendimento centrato sullo sviluppo continuo delle conoscenze e delle competenze e basato sul metodo dell imparare facendo. Gli utenti possono

Dettagli

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente 1. INFORMAZIONI GENERALI Che soggetto/progetto culturale sono? Archivio Biblioteca Museo Istituzione che gestisce il patrimonio diffuso sul territorio Istituzione per la gestione e la tutela Centro per

Dettagli

Socializzare la conoscenza comunità online

Socializzare la conoscenza comunità online Socializzare la conoscenza 14 dicembre 2012 Le fasi del processo Socializzazione (da conoscenza tacita a tacita, in persone diverse che interagiscono) Esteriorizzazione o esternalizzazione (da conoscenza

Dettagli

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834 corso GRATUITO: CHIEDI IL VOUCHER DI FORMAZIONE REGIONALE! Corso di specializzazione della durata di 450 ore: si svolgerà con una frequenza di 3/4 volte a settimana, in orario pomeridiano/serale (presumibilmente

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Success story. FIRST CLASS Formazione Medica Continua (http://fad.fclass.it)

Success story. FIRST CLASS Formazione Medica Continua (http://fad.fclass.it) FORMAZIONE A DISTANZA ebrain, è una soluzione scalabile, personalizzabile, modulare che permette di coprire una vasta gamma di applicazioni diverse: Best Practice Network, knowledge management e business

Dettagli

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr.

Minerva. Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione. dr. Augusto Pifferi. dr. Guido Righini. http://minerva.mlib.cnr. Minerva Un ambiente integrato per la Didattica e la Divulgazione dr. Augusto Pifferi Istituto di Cristallografia C.N.R. dr. Guido Righini Istituto di Struttura della Materia C.N.R. http://minerva.mlib.cnr.it

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi

Comunicazione e Nuovi Media. Selene Biffi Comunicazione e Nuovi Media Selene Biffi Youth Action for Change 2005 Utilizzo ICTs nello svolgimento giornaliero delle attività Corsi e altre attività formative Programmi usufruiti in 120 Paesi Le basi

Dettagli

E-learning con Docebo

E-learning con Docebo E-learning con Docebo Introduzione La suite Doceboè un progetto open source completamentegratuito che mette a disposizione: LMS (Learning Management System) CMS(Content Management System) Mydocebo( la

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro

LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro RISORSE COMUNI Milano, 22 gennaio 2003 LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DEI CENTRI PER L IMPIEGO Soluzioni avanzate di e-learning a supporto dei processi di riforma del mercato del lavoro Rosanna Lisco Euform.it

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Gestire la conoscenza per conoscere la gestione

Gestire la conoscenza per conoscere la gestione Gestire la conoscenza per conoscere la gestione Il knowledge management nella formazione Isvor Fiat Dunia Astrologo Pesaro, 29 novembre 2002 29-11-2002 Gestire la conoscenza per conoscere la gestione.ppt

Dettagli

IBM Lotus CEO Community Collaboration Bundle offre una soluzione completa di collaborazione nelle comunicazioni

IBM Lotus CEO Community Collaboration Bundle offre una soluzione completa di collaborazione nelle comunicazioni Annuncio IBM Europe Software ZP08-0301 del 24 giugno 2008 IBM Lotus CEO Community Collaboration Bundle offre una soluzione completa di collaborazione nelle comunicazioni Indice In sintesi Panoramica In

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

IL LO IN VENTICINQUE MOSSE

IL LO IN VENTICINQUE MOSSE ESEMPIO DI EDU LAB IL LO IN VENTICINQUE MOSSE Nel laboratorio "Progettazione didattica per l uso di risorse digitali" si valuta un LO e si costruiscono le istruzioni per il suo utilizzo I sono di tipo:

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Temi avanzati SEMINARIO

Temi avanzati SEMINARIO Temi avanzati SEMINARIO WEB 2.0: Tecnologie ed opportunità per business Prof. Folgieri, Università dell Insubria aa 2009/2010 WEB 2.0 Un esempio di applicazione: trasformazione di un portale da web 1.0

Dettagli

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale

Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Workshop SVEA Torino, 20 Ottobre 2011 Web 2.0, Web-Enhanced Learnign, apprendimento formale e informale Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto Tecnologie Didattiche Genova Workshop SVEA Torino, 20

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

UNIVERSITAS MERC ATORUM

UNIVERSITAS MERC ATORUM All. 4 Carta dei servizi Pag. 1 Carta dei servizi dell Università Telematica Universitas Mercatorum Art. 1- Premessa L Univeristà Telematica Universitas Mercatorum è costituita in seno al Sistema delle

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche Blog e wiki Biblioteca 2.0 la biblioteca sta cambiando l impatto del Web 2.0 (Open Acess, Wikis, Google book, blogosfera, Flickr,

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Sommario Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Introduzione al portale SSIS infofactory - Laboratorio di Intelligenza Artificiale - Univ. degli Studi di Udine 3-4 Dicembre

Dettagli

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da

www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da www.morganspa.com DESY è un prodotto ideato e sviluppato da Il nuovo servizio multimediale per la formazione e la didattica DESY è un applicazione web, dedicata a docenti e formatori, che consente, in

Dettagli

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 17-20 Maggio 2010 FORUM PA 2 ORIENTATI AL PERSONALE DEL MINISTERO AUMENTARE

Dettagli

E-learning Guida pratica all utilizzo

E-learning Guida pratica all utilizzo E-learning Guida pratica all utilizzo Riccardo Picen 2014-2015 Sommario Cos è MOODLE?... 2 Come collegarsi alla pagina dei servizi... 2 PIATTAFORMA E-LEARNING... 3 1. Effettuare la registrazione (valida

Dettagli

L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO MANUALE D USO PER I DOCENTI

L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO MANUALE D USO PER I DOCENTI L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO MANUALE D USO PER I DOCENTI Questo lavoro viene rilasciato con licenza Creative Commons Attribuzione, Non-Commerciale, Non-opere derivate http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/

Dettagli

DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING

DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING DIGITAL COMMUNICATION RICERCHE DI MERCATO WEB PLATFORM GIFTING & GADGETING II IV VI VIII Indolceattesa Marketing Solutions è una struttura specializzata nella realizzazione di servizi di marketing per

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Paolo Ferrario Nelle organizzazioni di servizio si tengono con frequenza incontri di lavoro, seminari di formazione, riunioni

Dettagli

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z Carica i file tramite il form Allestimento del corso Leggi le indicazioni Progetta il corso, produci i contenuti Ricevi

Dettagli

Scheda Informativa. Verizon Net Conferncing

Scheda Informativa. Verizon Net Conferncing Scheda Informativa Verizon Net Conferncing Net Conferencing 1.1 Informazioni generali sul Servizio Grazie a Net Conferencing Verizon e alle potenzialità di Internet, potrete condividere la vostra presentazione

Dettagli

AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014)

AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014) AVVISO PER COLLABORAZIONE PROFESSIONALE Progetto OpenCoesione (DP1700) - (08/08/2014) Team di esperti per la realizzazione di attività di affiancamento nell ambito dell iniziativa progettuale A SCUOLA

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA A DOCEBO ACCESSO A DOCEBO L indirizzo di DOCEBO dell IPSSAR è il seguente: www.ipssarvieste.info/docebo. C è un apposito link nella parte bassa della

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Guida utente Tirreno da Scoprire

Guida utente Tirreno da Scoprire Guida utente Tirreno da Scoprire 1. Introduzione Il portale Tirreno da Scoprire è stato realizzato nell ambito del Progetto PIF - Prodotti di nicchia del Tirreno Cosentino, finanziato dal POR Calabria

Dettagli

Le funzionalità principali della piattaforma

Le funzionalità principali della piattaforma Istituto di Scienza e Tecnologie dell'informazione A Faedo (ISTI) - Laboratorio di domotica Quimby: Le funzionalità principali della piattaforma Dario Russo (dario.russo@isti.cnr.it) Obiettivi del progetto

Dettagli

Enterprise Social Networking: Il "collante" per una giusta strategia web. Ma l'integrazione è la chiave di tutto.

Enterprise Social Networking: Il collante per una giusta strategia web. Ma l'integrazione è la chiave di tutto. Enterprise Social Networking: Il "collante" per una giusta strategia web Ma l'integrazione è la chiave di tutto. di Thomas Christel Settembre 2011 1 Nel business, i social network non possono essere slegati

Dettagli

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL.

Preciso che le seguenti considerazioni sono basate esclusivamente sulla mia breve esperienza di utente della piattaforma Blackboard del DOL. Didattica assistita da Tecnologie I settimana La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate

Dettagli

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software

Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software Evoluzione di Internet, licenze e diritti Software A cura di Marziana Monfardini Licenze e diritti software La tutela del software Copyright e diritto d autore Legge 633/41 Articolo 2 Sono protetti i programmi

Dettagli

voice Centralino VoIP e CTI

voice Centralino VoIP e CTI voice Centralino VoIP e CTI Il telefono come sistema informativo NethVoice è una nuova soluzione telefonica aperta ed integrata con l intero sistema informativo aziendale, in grado di fornire tutti i servizi

Dettagli

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org)

White paper. APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) White paper APRE TOSCANA (http://www.apretoscana.org) APRE è un ente privato di ricerca non profit sostenuto da oltre cento Soci Sostenitori e Ordinari provenienti da Università e Organizzazioni private

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Cos è Moodle Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle

Dettagli

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Gianluca Cicognani La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Il progetto Osservatorio RRHH Spin-Off Formazione a distanza Evoluzione FAD Prima generazione: materiale cartaceo inviato per

Dettagli

KPMG e-learning Solution La nostra offerta

KPMG e-learning Solution La nostra offerta KPMG e-learning Solution La nostra offerta BUSINESS PERFORMANCE SERVICES Aprile 2011 ADVISORY Agenda 1. Introduzione Il ruolo della tecnologia nella formazione Le opportunità offerte dall e-learning 2.

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali

Catalogo FORMAZIONE BLENDED. Aula + Pillole Formative. Finanziabile con Fondi Interprofessionali Catalogo FORMAZIONE BLENDED Aula + Pillole Formative Finanziabile con Fondi Interprofessionali 2 Indice CORSO DI SVILUPPO MANAGERIALE Pag. 3 REVERSE MENTORING Pag. 5 STRUMENTI E METODI PER LA GESTIONE

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online Progetto Speciale Multiasse La Società della Conoscenza in Abruzzo PO FSE Abruzzo 2007-2013 Piano degli interventi 2011-2012-2013 INTERVENTO B) Formazione online per le aziende SYLLABUS E-tutor: competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

PROGETTO BE@CTIVE BREVE PRESENTAZIONE

PROGETTO BE@CTIVE BREVE PRESENTAZIONE PROGETTO BE@CTIVE BREVE PRESENTAZIONE Per essere liberi occorre saper leggere e scrivere - diceva Don Milani - ma saper leggere e scrivere oggi non è più sufficiente: per essere liberi occorre oggigiorno

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

DESCRIZIONE OFFERTA TT-OPEN-SITE

DESCRIZIONE OFFERTA TT-OPEN-SITE DESCRIZIONE OFFERTA TT-OPEN-SITE Struttura di menù In base alla tipologia di template scelta, sono state predisposte 2 strutture di menù (destinate ad ospitare gli stessi contenuti): TT-OPEN-SITE template

Dettagli

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano

La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano La prima piattaforma per chi insegna e per chi impara l italiano Semplice Efficace Gratuita Molto più di una piattaforma! i-d-e-e.it è in realtà una multipiattaforma didattica, la prima appositamente dedicata

Dettagli

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie

Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Prot. MIUR AOODRLO R.U. 1817 del 31/01/2013 Linee di indirizzo Tecnologie nella didattica e nella scuola Tavolo 3 - Tecnologie Dentro il cambiamento L introduzione delle tecnologie e la transizione al

Dettagli

SIMULWARE. SimulwareProfessional

SIMULWARE. SimulwareProfessional SIMULWARE SimulwareProfessional Che cosʼè SimulwareProfessional SimulwareProfessional è una piattaforma elearning SCORM-AICC compliant con un elevato livello di scalabilità e personalizzazione. Si presenta

Dettagli

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO

AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO: SPERIMENTAZIONE DI WebCeM COME STRUMENTO DI SUPPORTO ALLO STUDIO E ALLA CREAZIONE DI MATERIALE

Dettagli

Comunicazione associativa & Social Media I social network e i social media come supporto alle organizzazioni e alle associazioni

Comunicazione associativa & Social Media I social network e i social media come supporto alle organizzazioni e alle associazioni Comunicazione associativa & Social Media I social network e i social media come supporto alle organizzazioni e alle associazioni Angelo Marra www.ammega.it Ogni organizzazione ha il cruciale problema del

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

EVENTI, CONVEGNI, ESPOSIZIONI: UN TEAM SPECIALIZZATO

EVENTI, CONVEGNI, ESPOSIZIONI: UN TEAM SPECIALIZZATO ADMORE srl ADEVENTI EVENTI, CONVEGNI, ESPOSIZIONI: UN TEAM SPECIALIZZATO Nella creazione degli eventi, ADmore con i suoi professionisti permette la realizzazione tecnica di: GRAFICA FOTOGRAFIA VIDEO PRODUZIONI

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica

L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014. Il Rinnovamento della Tradizione didattica Presidente Prof. Ing. Antonio Migliacci Direttore Prof.ssa Arch. Ing. Paola Ronca L offerta formativa della Scuola Master F.lli Pesenti per l A.A.2013/2014 Il Rinnovamento della Tradizione didattica Scuola

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

GUIDA DI ACCESSO ALLA PIATTAFORMA ED AI SERVIZI ON-LINE DELL UFFICIO WEB CALL CENTER

GUIDA DI ACCESSO ALLA PIATTAFORMA ED AI SERVIZI ON-LINE DELL UFFICIO WEB CALL CENTER GUIDA DI ACCESSO ALLA PIATTAFORMA ED AI SERVIZI ON-LINE DELL UFFICIO WEB CALL CENTER Il nuovo sito ed i servizi in esso offerti sono stati realizzati con la piattaforma e - learning open source Moodle.

Dettagli

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2

Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 Soluzione per la VIDEOCONFERENZA EW2 1.Descrizione della Soluzione La soluzione per la audio/videoconferenza EW2 proposta da Gruppo SIGLA consente di comunicare e collaborare a distanza, senza muoversi

Dettagli

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof. A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.ssa Gabriella Princiotta (componenti del Team) con la supervisione

Dettagli

Supporti Tecnico-Informativi al PON. Regolamento della Community per gli Operatori dei Servizi per il Lavoro

Supporti Tecnico-Informativi al PON. Regolamento della Community per gli Operatori dei Servizi per il Lavoro Supporti Tecnico-Informativi al PON Regolamento della Community per gli Operatori dei Servizi per il Lavoro Versione n 1 del 1 giugno 2012 Descrizione del servizio e finalità La Community per gli Operatori

Dettagli

PEOPLE HAVE THE POWER

PEOPLE HAVE THE POWER PEOPLE HAVE THE POWER La conoscenza parte dai colleghi Patrizio Regis Head of Group Internal Communications 21 Maggio 2015 IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE INTERNA IN UNICREDIT Oltre alle attività più "classiche"

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

E-tutor: competenze per la formazione online

E-tutor: competenze per la formazione online E-tutor: competenze per la formazione online Informazioni generali sul corso Inizio corso: 22/2/2010 Fine corso: 26/3/2010 Orientamento: 15/2/2010 Ore 9-13 presentazione del corso e workshop su Moodle

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

Progetto UiBi. Presentazione sintetica FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI LUCCA. Perchè

Progetto UiBi. Presentazione sintetica FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI LUCCA. Perchè Presentazione sintetica Perchè Oltre cinquanta Scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Lucca, hanno espresso l esigenza di: avere ambienti virtuali per scambiare esperienze, materiali didattici,

Dettagli