Progetto Log-In-Med. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Log-In-Med. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema"

Transcript

1 Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto Logistica Integrata nel Mediterraneo Scheda per la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche e organizzative conseguite Dicembre

2 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche ed organizzative, conseguite con i progetti del Programma Elisa, individuando le best practices locali, favorendone la personalizzazione e il riuso in altre realtà del Paese. Nell ambito del progetto Log-In-Med sono state sviluppate le seguenti soluzioni: - Piattaforma Log-In-Med e moduli componenti Provincia di Catania Pag. 03 2

3 Progetto Log-In-Med Logistica Integrata nel Mediterraneo Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso: Piattaforma Log-In-Med e moduli componenti SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente - Provincia di Catania Referente per l Amministrazione - Ing. Giuseppe Galizia, Ingegnere Capo, telefono 095/ , Nome della soluzione Log-In-Med e moduli software componenti la piattaforma. Molte delle componenti software del sistema possono essere riusati in maniera autonoma e autoconsistente. I moduli della piattaforma sono: - FTR 01 - Portale di Infomobilità o o o o FTR 02 - Area Informativa e Comunicazione FTR 03 - Incontro Domanda/Offerta FTR 04 - Gestione Grafo della rete FTR 05 - Invio documentazione Agenzia delle dogane o FTR 06 - Gestione delle utenze, autenticazione ed autorizzazione 3

4 o FTR 07 - Tracciamento o FTR 08 - Eventi di Viaggio - FTR 09 - Integrazione tra i sistemi LOG-IN-MED DMS - FTR 10 - Web-GIS - FTR 11 - Software di Varco o FTR 12 Software di Back-Office o FTR 13 Software di Front-Office La piattaforma in se non può essere deputata al riuso in senso stretto, ovvero la stessa soluzione non può essere replicata in un altra realtà. Di contro, è un altra Amministrazione che, decidendo di aderire al progetto, estende, di fatto, l area di azione della soluzione. Ambito amministrativo interessato Autorità Portuali; Interporti (pubblici/privati). Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione In corso Endorsement da parte di Uirnet, Autorità Portuale di Trieste, Autorità portuale del Levante. Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Piattaforma Logistica Nazionale UIRNET Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione La soluzione permette l implementazione di numerosi servizi, tra cui i più interessanti sono: 4

5 Servizio di track and Trace dei mezzi, in tempo reale, che comprende i moduli FTR 04 - Gestione Grafo della rete, FTR 07 Tracciamento, FTR 08 - Eventi di Viaggio, -FTR 10 - Web-GIS Servizi di Market Place per l incontro domanda/offerta e la prenotazione dei carichi, che comprende i moduli FTR 02 - Area Informativa e Comunicazione, FTR 03 - Incontro domanda/offerta Servizio di Document Management System per la gestione delle pratiche, che comprende il modulo FTR 09 - Integrazione tra i sistemi Log-In-Med DMS, e il DMS Servizio di integrazione con i servizi di Agenzia delle Dogane e la PLN, che comprende il modulo FTR 09 - Integrazione tra i sistemi LOG-IN-MED DMS, e il DMS Servizio di Gestione Varco, che comprende i moduli di varco FTR 12 Software di Back-Office, FTR 13 Software di Front-Office e l infrastruttura di varco Tipo di Amministrazioni a cui è destinato La piattaforma è pensata per essere proficuamente impiegata da strutture deputate al controllo e trasporto delle merci, in primis: 1. autorità portuali, che consiste in un ente pubblico di personalità giuridica avente, tra gli scopi istituzionali, la gestione e l'organizzazione di beni e servizi nel rispettivo ambito portuale, e che tra l altro ha tra le sue mission il controllo delle attività dirette alla fornitura di servizi di interesse generale, non strettamente connessi alle operazioni portuali; 2. interporti, definiti come un complesso organico di strutture e servizi integrati e finalizzati allo scambio di merci tra le diverse modalità di trasporto e in collegamento con porti, aeroporti e viabilità di grande comunicazione, che ha tra le sue mission la fornitura di servizi per la allocazione e gestione delle merci. È necessario specificare che né le Autorità Portuali, né gli Interporti sono oggi deputati ad attività di carattere strettamente commerciale relative ai trasporti. Tuttavia in una ottica di mutamento degli asset, in linea con le programmazioni Europee della Port Regionalization, delle linee guida contenute in Progetti come e-freight, della trasparenza nella supply chain ad opera delle tecnologie ITS (Decreto ITS), sistemi come la piattaforma LogInMed costituiranno a breve il cuore di sistemi come i PCS (Port Community Systems) per la gestione delle Operation Portuali e la gestione dei trasporti in rete con i nodi delle infrastrutture di trasporto. 5

6 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE LINK DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE Il progetto Log-In-Med nasce da una visione di sviluppo incardinata su di un innovativo sistema a supporto della Logistica Integrata nel Mediterraneo, basato su tecnologie di ITS (Intelligent Transport Systems), capaci di garantire una migliore accessibilità alle piattaforme ed un migliore uso delle autostrade del mare, creando una relazione tra il sistema della produzione e quello della distribuzione, attraverso corridoi della mobilità certi e protetti. Alla base del funzionamento della piattaforma (www.loginmed.it) vi è la individuazione, all interno dell aggregazione territoriale di riferimento, dei poli della produzione (Aree di Sviluppo Industriale, Aree Artigianali, Complessi Produttivi, Industrie isolate, Aree di Trasformazione, Aree Commerciali, piattaforme di distribuzione, ecc.), dei poli della distribuzione (porti, aeroporti, scali ferroviari, interporti, autoporti, piattaforme di distribuzione, ecc.) e dei possibili corridoi della mobilità (reti autostradali, viabilità primaria e secondaria, reti ferroviarie, autostrade e vie del mare, rotte aeree). Conseguiti questi elementi, Log-In-Med è in grado di costruire il grafo della rete dei corridoi della logistica acquisendo dagli Enti gestori delle differenti infrastrutture (nodi ed archi) i dati utili georeferenziandone gli elementi costituenti su un GIS e su un software di gestione e simulazione di sistemi di traffico e attribuendo ad ognuno degli elementi costitutivi le caratteristiche necessarie all elaborazione del viaggio (lunghezza, capacità, velocità commerciale, altezze massime, carichi massimi, sagome, poli di refrigerazione, ecc.). Log-In-Med, correlando questi dati con i diversi percorsi disponibili e tenendo conto delle differenti combinazioni delle modalità di trasporto (solo gomma, solo ferro, gomma+ferro, gomma+nave, gomma+aereo, gomma+ferro+nave, ecc.), elabora le possibili soluzioni di viaggio delle merci all interno del grafo della rete intermodale, pervenendo anche alla quantificazione delle differenti soluzioni trovate in termini di durata, di modalità e di costo. Tale quantificazione è resa possibile da procedure dinamiche di aggiornamento dei costi base che, acquisendo costantemente i dati dagli Enti dispiegatori e dai partners (Autotrasportatori, ANAS, RFI, Trenitalia, Dogane, Autorità portuali, Compagnie aeree, Compagnie marittime, Compagnie 6

7 lavoratori portuali, spedizionieri, ecc.), consentono di pervenire in ogni momento all individuazione del costo complessivo di ogni viaggio assolutamente corrispondente al valore attualizzato. 7

8 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE La soluzione è stata dichiarata conforme al collaudo in data 31 marzo N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE Non sono presenti addetti dell Amministrazione deputati al monitoraggio, tuttavia sono stati formati: 1 operatore di Varco presso Augusta; 1 operatore di piattaforma presso Augusta; 10 operatori di piattaforma presso Catania; 2 operatori di piattaforma presso Terni; 2 Enti Dispiegatori. Ne consegue che, tramite opportuni meccanismi dell Amministrazione, il servizio potrebbe essere continuativo. È necessario osservare che gli operatori di piattaforma, come quelli di varco, hanno l incarico di monitorare ed eventualmente assistere gli utilizzatori. Di per se la piattaforma è completamente autonoma nelle funzionalità. BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) Dato il numero elevato dei soggetti coinvolti, si è data una particolare enfasi all aspetto organizzativo gestionale. Di seguito viene illustrato il modello organizzativo interno al Progetto. Soggetto Proponente: Ente Locale che ha sottoposto la proposta progettuale in risposta all avviso e che ha sottoscritto la Convenzione con il DARAS. E il responsabile dei risultati di progetto ed è capofila dell aggregazione. Il proponente è anche Pilota. Le attività del Proponente sono state finanziate dal progetto. 8

9 Soggetto Pilota: Ente che partecipa alla progettazione unitaria della soluzione e sviluppa, in accordo con l Ente Proponente e gli altri Pilota, parte della soluzione sperimentandola per primo nel proprio contesto. Concorre alla definizione degli aspetti di natura applicativa specifica, dei modelli di riferimento e del modello di dispiegamento. Ha il compito di supportare gli enti dispiegatori nella fase di installazione, test e messa in esercizio. Contribuisce al progetto con risorse proprie dirette fornendo progetti di infrastrutture strategiche per il potenziamento dei territori nel settore della logistica nello scenario della piattaforma territoriale tirreno-jonica. Può svolgere il ruolo di stazione appaltante per la realizzazione di prodotti del progetto. Supporta l Ente Proponente nei rapporti con gli Enti governativi. Le attività del pilota sono finanziate dal progetto. Coordina il gruppo degli Enti Dispiegatori della parte di soluzione da esso realizzata. Nel caso di Log-In- Med gli Enti Pilota sono la Provincia Regionale di Catania ed il Comune di Terni ed i rappresentanti da questi indicati costituiscono, in maniera unitaria, il Comitato Esecutivo del progetto al fine di assicurare la funzione di Pianificazione & Controllo dell intero progetto. Soggetto Dispiegatore: Ente che supporta il Pilota. Partecipa alla progettazione di dettaglio di natura applicativa del tema specifico del\dei prodotti oggetto del pilotaggio. Concorre alla definizione del modello di dispiegamento e può partecipare anche alla progettazione unitaria. Ha il compito di realizzare il test delle realizzazioni, provarne la stabilità e contribuire in modo sostanziale nel mettere a punto il modello di dispiegamento per favorire il riuso da parte degli altri enti aderenti. Il dispiegatore può essere un ente singolo o un organizzazione di enti associati (CST, unioni di comuni, Comunità Montane, ). Partecipa attivamente nell ambito del coordinamento territoriale alla messa a punto del piano di riuso in ambito regionale e può svolgere anche una funzione di tutoraggio sugli enti che intendono installare la soluzione. Soggetto Riusatore: Ente che partecipa al progetto in quanto intende fruire delle soluzioni realizzate. Le attività di riuso non sono finanziate dal progetto, ma il riusatore può beneficiare di eventuali contributi regionali per l installazione e la messa in esercizio. Nel caso di Log-In-Med gli Enti riusatori sono, ad esempio, le Autorità Portuali, le Capitanerie di Porto, le Società di gestione Interportuali, autoportuali ed aeroportuali, gli scali ferroviari e le ASI (Aree di Sviluppo Industriale). Soggetto Partner: Amministrazione centrale o fondazione di Enti Locali, ordini professionali, Associazioni di categoria, Camere di Commercio, o altro che partecipa al progetto, assumendosi l onere di sviluppare con proprie risorse specifiche attività di progetto o di conferire al progetto l apporto 9

10 tecnico scientifico di propria competenza. Il Partner può, inoltre, partecipare al progetto assicurando la propria opera per la diffusione del prodotto e per la promozione e la conclusione dell iniziativa imprenditoriale. Enti Partner sono indicate in questo progetto le Associazioni degli Industriali, alcune associazioni di categoria con particolare riferimento a quelle degli autotrasportatori e rappresentanti delle Compagnie di navigazione. Tavolo Tecnico: partecipa un soggetto appositamente indicato da ognuno degli Enti aderenti (promotore, pilota e dispiegatori). Esso decide in seduta plenaria gli obiettivi e le modalità più opportune per perseguirli, individuando quelle parti di progetto che debbono concorrere alla realizzazione unitaria e quelle che, in dipendenza della quota di finanziamento proprio o suscitato, potranno essere direttamente localizzate anche se appartenenti all unicum progettuale. Il Tavolo tecnico presieduto dal proponente o, in sua assenza, dall altro Pilota, costituisce il luogo deputato a svolgere ogni azione di programmazione, di gestione, di controllo e di approvazione di ogni fase del progetto. Comitato Esecutivo: organo attuatore delle volontà del Tavolo Tecnico. E costituito dal rappresentante del Promotore e da quello del Pilota. Esso, prima dell inizio delle attività del progetto deciderà ruoli, compiti e funzioni da attribuire, sulla scorta del censimento preventivo delle competenze e delle risorse, agli altri Enti dispiegatori, riusatori ed eventualmente anche partners. N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE 20 giornate così suddivise: 4gg. agli operatori dei varchi 4gg. agli addetti alla Produzione 4gg. agli Enti Dispiegatori 4gg. agli Amministratori di Sistema 4gg. agli Enti Gestori/Partner/Distribuzione N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA Ad oggi non è stato erogato alcun intervento evolutivo 10

11 FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA Contenuti della formazione. Sono state individuate cinque tipologie di competenze, per ognuna delle quali è stato attivato un opportuno percorso formativo. Le tipologie di utenti individuati sono: Enti Gestori/Partner/ Distribuzione; produzione; operatori dei varchi; Enti Dispiegatori/Amministrazione; Amministratori del Sistema Infrastruttura Centrale; Amministratori del Sistema Varchi. Per ciascuna tipologia individuata sono stati attivati percorsi formativi distinti con obiettivi differenziati. Enti Gestori/Partner/ Distribuzione. Il corso è rivolto al personale operativo che utilizzerà il sistema nelle sue diverse componenti applicative. L obiettivo è quello di fornire le conoscenze in grado di garantire l operatività per poter inserire e gestire le offerte di viaggio ed utilizzare gli strumenti di back-office per la gestione delle proprie offerte di viaggio e per il monitoraggio delle missioni prenotate. Produzione. L obiettivo è quello di fornire le conoscenze in grado di garantire l operatività per poter inserire le richieste/offerte di viaggio ed utilizzare gli strumenti per aderire ad una possibile proposta di viaggio elaborata del motore multimodale. Operatori dei varchi. Il corso è rivolto al personale che controlla e lavora presso i singoli varchi. L obiettivo è quello di fornire una panoramica completa su come visualizzare i singoli transiti e quello di presentare e illustrare una console con la quale l operatore ha la possibilità di verificare il corretto funzionamento del varco. Enti Dispiegatori/Amministrazione. L obiettivo è quello di fornire le conoscenze in grado di garantire l operatività per poter utilizzare il Back-Office di Log-In-Med e gestire i servizi del portale ITS. Amministratori del Sistema Infrastruttura Centrale. Fornire le conoscenze necessarie sulle metodologie e le tecnologie utilizzate per la gestione dell intero sistema, in modo da consentire agli amministratori 11

12 di sistema la gestione indipendente su tutti gli elementi della fornitura e consentire un corretto ed efficace utilizzo del sistema operativo, del software d ambiente ed applicativo, dedicando particolare attenzione agli aspetti relativi alla configurazione e gestione dei prodotti software ed alla individuazione e risoluzione dei problemi più tipici che si presentano nella operatività quotidiana. Fornire una panoramica sui moduli e le funzionalità della piattaforma Log-In-Med. Amministratori del Sistema Varchi. Fornire le conoscenze necessarie sulle metodologie e le tecnologie utilizzate per la gestione dei Varchi di Transito, in modo da consentire agli amministratori di sistema la gestione indipendente su tutti gli elementi della fornitura e consentire un corretto ed efficace utilizzo dei moduli software, dedicando particolare attenzione agli aspetti relativi alla configurazione e gestione dei prodotti software ed alla individuazione e risoluzione dei problemi più tipici che si presentano nella operatività quotidiana. Fornire una panoramica sui moduli e le funzionalità della piattaforma Log-In-Med. ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Si, tutto il software è corredato di manuale utente e di installazione/configurazione DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Si, previa verifica disponibilità del personale e espletamento delle procedure interne LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? Si, tutto il software sviluppato è di proprietà della Provincia Regionale di Catania, denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Nota: la banca dati cartografica è un prodotto derivato dai dati TOMTOM Multinet, quindi l Ente è proprietario dalla banca dati ma non dei futuri aggiornamenti dei dati TOMTOM che saranno soggetti a canoni di licenza, ove necessiti l aggiornamento 12

13 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE ,74, suddivisi in: Fornitore Esterno per la realizzazione della piattaforma ,34 Comitato Tecnico ,00 Program Management ,40 COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE Categoria gg Totale Responsabile progetto (fino a 09/2008) 308, ,90 Responsabile progetto 316, ,00 Referente tecnico 120, ,92 Coordinatore tecnico (fino a 09/2009) 104, ,35 Collaboratore tecnico (fino a 11/2010) 100, ,90 Collaboratore tecnico (fino a 11/2010) 128, ,22 Collaboratore amministrativo 84, ,50 Istruttore direttivo 106, ,00 Istruttore amministrativo 102, ,00 RUP attività di coordinamento e project management 351, ,50 Collaboratore per gli aspetti finanziari ed amministrativi di progetto 73, ,32 Collaboratore per gli aspetti finanziari ed amministrativi di progetto 117, ,00 Collaboratore per gli aspetti finanziari ed amministrativi di progetto 73, ,32 RUP attività di coordinamento e project management 387, ,00 Collaboratore per gli aspetti finanziari ed amministrativi di progetto 92, ,50 Funzionario amministrativo di sistema 122, ,00 TOTALE ,43 13

14 SEZIONE 5 BENEFICI OTTENUTI DALL USO DELLA SOLUZIONE Benefici in termini di riduzione di costi conseguiti dall Amministrazione; riportare i costi, in euro, relativi al processo supportato dalla soluzione, prima dell adozione della soluzione e dopo l adozione della soluzione stessa L impatto della soluzione non ricade sull Amministrazione stessa, ma sul sistema economico dei trasporti. Ne consegue che non è possibile allo stato attuale verificare quantitativamente i vantaggi economici (e sociali). Tuttavia viene fornito un set di indicatori rappresentativi di una metrica con i quali poter valutare come la soluzione impatti sul sistema dei trasporti e della logistica: riduzione del tempo di attesa in ingresso Interporti/autorità portuale; tempistiche ridotte fino al 100%, grazie al riconoscimento automatico dei mezzi e all anticipazione della documentazione di trasporto; drastica riduzione di viaggi di ritorno a vuoto, grazie all incontro domanda/offerta a disposizione; riduzione prevista di almeno il 20%; incremento delle operazioni logistiche, consentite dalla semplicità di gestione di missioni e controllo del carico, dalla gestione della documentazione di viaggio a corredo; incremento delle operazioni logistiche in termini di volume di merce (metro cubo e peso), di almeno il 10%. Si sottolinea che in ambito logistico gli indicatori di performance del settore in modalità standard sono ancora da individuare. Benefici in termini di miglioramento del servizio reso a cittadini e imprese conseguiti dall Amministrazione Snellimento delle procedure e dei tempi di accesso; ottimizzando le procedure amministrative e doganali con opportuni protocolli informatizzati e scambiati fra le parti attraverso la postazione centrale, annullando duplicazioni di funzioni attualmente in atto, riducendo la documentazione cartacea, automatizzando le procedure di controllo, di localizzazione e di sorveglianza. Ottimizzazione dell uso dei collegamenti tra i nodi della rete per ogni modalità di trasporto; 14

15 specializzando l uso in funzione dell utilizzatore, sperimentando sistemi di manutenzione ripartita, consentendo la programmazione condivisa ed il coinvolgimento, a partire da soglie d allerta definite, di tutti gli Enti competenti in materia di mantenimento della percorribilità degli archi (Forze dell Ordine, Vigili Urbani, VV.FF, Protezione Civile, ANAS, RFI, ecc.). Centralizzazione del Monitoraggio e Controllo; istituendo il sistema della tracciabilità dei vettori e delle merci che, uniformando i sistemi di acquisizione e di interpretazione dei dati, consenta la visualizzazione di dati storici e statistici. Diffusione dell informazione per mezzo del portale; coinvolgendo l utenza e razionalizzando i percorsi. Allargamento della base associativa; con l opportunità di inserimento di nuove proposte imprenditoriali. Ottimizzazione logistica dei viaggi dei trasportatori; efficienza della flotta: si ridurranno le spese operative limitando i chilometri fuori percorso e incrementando l utilizzo dei core asset dei vettori, minimizzando i viaggi a vuoto. Soddisfazione degli utenti; incremento dei tempi di rispetto sui tempi di consegna. Rispetto dell ambiente; riduzione del consumo di carburante e dell emissione di CO2. Benefici derivanti all amministrazione dall elaborazione dei dati che la soluzione utilizzata o genera, al fine di orientare in modo più efficace l azione amministrativa Log-In-Med può fornire dati utili ad un osservatorio sulla mobilità e i trasporti, o essere utile alla Amministrazione nel caso di creazione di una cabina di Regia, a livello regionale, per i trasporti. Elementi di semplificazione della procedura tradizionale introdotti dalla soluzione Telematizzazione delle procedure amministrative, per l espletamento di: contrattazione domanda /offerta, scambio di promesse contrattuali, documentazione di trasporto, documentazione relativa all eventuale comunicazione presso Agenzia delle Dogane; controllo e tracciamento dei mezzi: ottimizzazione delle tempistiche di viaggio e riduzione dei tempi di attesa in ingresso a Porti, Interporti. 15

16 Altri benefici derivanti dall utilizzo della soluzione non ricompresi nelle tipologie prima indicate. Non applicabile. 16

17 SEZIONE 6 ASPETTI LEGATI ALLE TECNOLOGIE UTILIZZATE Caratteristiche della soluzione tecnologica. L elemento centrale della piattaforma Log-In-Med, che consente il contatto con la produzione, la distribuzione e la diffusione di tutte le informazioni utili per la scelta della migliore soluzione di viaggio, è costituita da un Portale Web. Il sistema della Produzione (Industria, Artigiani, Commercianti, Esercenti, Distributori, ecc.), direttamente o attraverso propri delegati alla spedizione od ancora avvalendosi dei centri di gestione della logistica (ASI, interporti, ecc.), potrà quindi accedere al portale Log-In-Med per chiedere le migliori soluzioni di viaggio per i propri prodotti, segnalando i necessari parametri (destinazione, contenitore, data programmata, durata massima, cura durante il viaggio, condizioni di conservazione, cause di deperibilità, range di prezzo, dimensioni e peso dell imballaggio, regime doganale, livello di pericolosità, ecc.). Log-In-Med visualizzerà tutte le soluzioni che soddisfano la domanda, fornendo tutte le informazioni possibili perché la scelta sia quanto più consapevole possibile. Effettuata la scelta, la Produzione la comunicherà al Sistema che dovrà rilasciare tutte le autorizzazioni necessarie affinché Log-In-Med proceda alle conferme ed alle prenotazioni presso tutti gli enti, a qualunque titolo gestori di parti del viaggio (Compagnie Marittime, Aeree e Ferroviarie, Porti, Interporti, Dogane, Autorità Portuali, ecc.), ricevendo autorizzazione a procedere, conferma delle prenotazioni delle aree di parcheggio tele-sorvegliate e dei posti nave e acquisendo priorità d accesso e certezza di posizionamento. Una volta avviata la missione, il sistema consentirà attraverso i dati forniti dai Vettori l accesso alle informazioni necessarie a tracciare su sistema cartografico la spedizione accoppiando il carico (sistema RFID) al vettore. La Produzione trasferirà tutta la documentazione amministrativa relativa al viaggio a Log-In-Med che fornirà agli Enti autorizzatori tutte le indicazioni per il monitoraggio ed il controllo per l immediato consenso alla prosecuzione dell iter. Log-In-Med, inoltre, assisterà la Distribuzione durante il viaggio, consentendo l accesso alle informazioni relative allo stato della missione, fornendo orari di partenza in rapporto all orario utile d arrivo, tempi di percorrenza, percorso ottimale e, durante il viaggio, informazioni utili sulla viabilità. Durante il viaggio è Log-In-Med che si occuperà di tracciare il percorso della Distribuzione sia come vettore (attraverso l integrazione delle informazioni provenienti dagli apparati di bordo gestiti dai sistemi nazionali) che come carico (attraverso degli opportuni TAG RFID). Infatti, Log-In-Med prevede la realizzazione a titolo sperimentale di opportuni varchi di transito, che rilevano il passaggio dei TAG RFID in modo automatico. Inoltre, nel caso in cui in prossimità del varco debba avvenire un cambio di modalità, questa sarà tracciata grazie all uso di PDA dotati di lettori RFID in possesso degli operatori logistici. Tutte queste informazioni saranno poi 17

18 integrate anche da sistemi esterni nazionali, tra cui la PLN Piattaforma Nazionale Logistica, che viene gestita da UINet S.p.A. e dal sistema P.T.A. Piattaforma Telematica dell Albo Autotrasportatori. Prerequisiti di natura tecnica (hw e sw di base) per il funzionamento della soluzione; descrizione dell hw e sw di base necessario per riusare la soluzione, ovvero senza la quale la soluzione non è utilizzabile La piattaforma è basata su prodotti opensource (Sistemi Operativi CentOS, linguaggio di sviluppo software Java, webserver Apache HTTP server, Application server J2EE Tomcat/JBoss, Liferay Portal Server, Database POstgreSQL con estensione PostGIS, Geoserver, ESB Apache ServiceMix, DMS Alfresco, OpenLDAP, ecc.). Il sistema è ospitato su sistemi virtualizzati con tecnologia VMWare. Il sistema necessita della cartografia di base, derivata per le esigenze di progetto dai dati del prodotto TOMTOM Multinet e dalla sua estensione LOGISTCS. Partners coinvolti nella realizzazione della soluzione; indicare il partner/fornitori coinvolti nelle diverse fasi di realizzazione della soluzione: analisi, realizzazione, test, gestione a regime Il progetto è stato realizzato dal RTI Vitrociset S.p.A. Sinergis S.r.l. Quanto tempo è durato il progetto (mesi) 13 mesi Quali sono i volumi di servizio che la soluzione gestisce Il sistema è ipotizzato per essere impiegato da almeno stakeholder in fase iniziale. La soluzione è integrata con altre applicazioni della amministrazione Non allo stato attuale, ma è in grado di interagire con altri servizi di carattere pubblico, quali: la PLN, Piattaforma Logistica Nazionale l Agenzia delle Dogane L Albo dei Trasportatori 18

19 SEZIONE 7 ALTRI ASPETTI VINCOLANTI Esigenza di specifici modelli organizzativi Si. Il sistema prevede che ci sia un gestore del sistema, che gestisca i pagamenti degli acquisiti e faccia da clearing house nei confronti dei soggetti che hanno erogato effettivamente i servizi (vettori logistici, operatori dei nodi logistici, ecc.) Necessità di accordi con Enti terzi Si. Il sistema necessita di essere popolato con i dati dei vettori. Vanno pertanto definiti degli accordi con questi ultimi per consentire l inserimento nel sistema delle relative offerte di trasporto. Gli aggiornamenti della banca dati cartografica sono soggetti a canone di licenza da parte di TOMTOM. Dipendenza da normative regionali Non ci sono normative regionali vincolanti. 19

20 Licenza di Riuso (versione e data) La Licenza di Riuso, richiamando le disposizioni sul riuso contenute nel Codice dell Amministrazione Digitale (d.lgsl. 82/2005), definisce i diritti e i doveri dei soggetti pubblici e privati coinvolti nel riuso di un prodotto software stabilendo le condizioni alle quali è possibile studiarlo, usarlo, modificarlo e redistribuirlo. La Licenza di Riuso permette il riuso, a titolo gratuito, del prodotto software da parte di soggetti pubblici, senza necessità di convenzioni specifiche. La Licenza di Riuso stabilisce che: è permesso modificare il prodotto software e realizzare prodotti derivati; è vietato commercializzare il prodotto software; titolari e contitolari del prodotto software non sono responsabili delle conseguenze del suo uso. La Licenza di Riuso stabilisce che, in caso di modifiche al prodotto software: sono riconosciuti, nel tempo e nella loro diversità, i contributi di chi ha collaborato alla realizzazione e/o all evoluzione del prodotto software; il prodotto software derivato può essere distribuito solo se è rilasciato con la licenza di riuso e non è degradato nella sua riusabilità. Art. 1 Definizioni 1. Riuso, uso da parte di un soggetto pubblico di un prodotto software realizzato da uno o più soggetti pubblici o privati, con il diritto di modificarlo per realizzare prodotti derivati. 2. Prodotto software (prodotto), sistema software pronto per essere installato e usato, completo di tutte le sue componenti, incluse ma non limitate a: sorgenti, dati di configurazione, eseguibili, dati e contenuti iniziali, documentazione per gli sviluppatori, documentazione per gli amministratori, documentazione per gli utenti. 3. Disponibilità, un prodotto è disponibile per il riuso per i diritti che il titolare e i contitolari, tramite la Licenza di Riuso, concedono ai riusatori e ai fornitori. 20

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

23/09/13 Soluzioni di Riuso

23/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO486 BIBLIOTECHE IN RETE proposta da PROVINCIA DI BERGAMO Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Provincia Regione dell'amministrazione:

Dettagli

2. Obiettivi del progetto e benefici attesi

2. Obiettivi del progetto e benefici attesi Macro descrizione del progetto LOG IN MED: Opera nel settore della gestione integrata della logistica. Adopera sistemi e tecnologie fortemente innovative ed oramai consolidate dell'infomobilità nel trasporto

Dettagli

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto Suoni della Memoria Scheda per la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche e organizzative

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto GIT

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto GIT Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto GIT Luglio 2012 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future 0 UIRNet vuole migliorare il sistema logistico perseguendo l integrazione info-telematica

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community

L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community L innovazione tecnologica dei processi portuali: le soluzioni ICT al servizio della Port Community I NUOVI SERVIZI DEL PORTO DI VENEZIA Palazzo Giacomelli Treviso, Piazza Garibaldi n. 13 Lunedì 14 febbraio

Dettagli

ANALISI delle BUONE PRATICHE

ANALISI delle BUONE PRATICHE ANALISI delle BUONE PRATICHE POR FESR FVG 2007-2013 Scheda di valutazione Asse 3, Attività 3.1.b INVESTIAMO NEL NOSTRO FUTURO www.regione.fvg.it Progetto Safe and Efficient Cargo [ la scheda fa riferimento

Dettagli

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster)

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster) Documento per la stampa Allegato al Comunicato Stampa n. 45 del 5 novembre 2014 Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

Progetto. LOG-IN-MED LOGistica INtegrata nel MEDiterraneo. Piano esecutivo

Progetto. LOG-IN-MED LOGistica INtegrata nel MEDiterraneo. Piano esecutivo Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Regionali Programma Enti Locali - Innovazione di Sistema Progetto LOG-IN-MED LOGistica INtegrata nel MEDiterraneo Piano esecutivo Fondo

Dettagli

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Osservatorio ITS School of Politecnico di Milano Alessandro Perego 14 Novembre 2007 L Osservatorio Intelligent

Dettagli

Programma Enti Locali - lnnovazione di Sistema. Progetto LOG-IN-MED

Programma Enti Locali - lnnovazione di Sistema. Progetto LOG-IN-MED PROGETTO 0PPORTUNITA DELL E REGION! 1 N EuRoPA ~ residenza del Consiglio dei Mini s t r i Provincia Regionale di Catania Programma Enti Locali - lnnovazione di Sistema Progetto LOG-IN-MED PROCEDURA APERTA

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015

Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015 Allegato alla delibera di Giunta Comunale n. 28 del 20.04.2015 REGOLAMENTO: Modalità di pubblicazione del catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati e per l esercizio della facoltà di

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

LOG IN MED Schema di protocollo d'intesa Marzo 2009 LOG-IN-MED - Protocollo di intesa per la formalizzazione dell aggregazione PROTOCOLLO D'INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DELL AGGREGAZIONE PER LA REALIZZAZIONE,

Dettagli

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD);

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD); REGIONE PIEMONTE BU50 11/12/2014 Codice DB2101 D.D. 23 ottobre 2014, n. 242 Approvazione dello schema di Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Lazio per il riuso del software gestionale della

Dettagli

RIUSO DEL PROGETTO SIRSS

RIUSO DEL PROGETTO SIRSS Provincia di Arezzo Servizio Trasporti Osservatorio della Mobilità Ing. Paolo Vadi Osservatorio della Mobilità RIUSO DEL PROGETTO SIRSS Convegno Causalità e Casualità nell incidentalità stradale: come

Dettagli

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino

5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino 5T Tecnologie Telematiche per i Trasporti ed il Traffico a Torino Piero Boccardo Presidente Chi siamo 5T è una società a responsabilità limitata a totale partecipazione pubblica che progetta, realizza

Dettagli

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015

La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI. Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 La normativa ITS e il Regolamento Delegato su RTTI Ing. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Seminario Progetto TIDE, 21 Settembre 2015 Chi è TTS Italia TTS Italia è l Associazione Nazionale per

Dettagli

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015

Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Sviluppo del sistema di rilevamento merci pericolose a Genova Lucca, 25 settembre 2015 Obiettivi di progetto (1/2) Il Comune di Genova nell ambito del progetto LO.SE, ha perseguito l obiettivo legato all

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

La soluzione offerta dal Consorzio Civica

La soluzione offerta dal Consorzio Civica SwG-SUAP La soluzione offerta dal Consorzio Civica Sommario - L ARCHITETTURA DEL SISTEMA - LE FUNZIONALITA - EVOLUZIONI PREVISTE - IL SITO INTERNET - REQUISITI DI UTILIZZO - CONDIZIONI COMMERCIALI - IL

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 MUDE Piemonte Adempimenti per i Comuni STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 Aggiornamento casella di posta elettronica per comunicazioni 3 3.3; 3.3.1;

Dettagli

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis Convegno Smart Port & Logistics UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis 17 Settembre 2015 0 INTERAZIONE DI SISTEMA PCS UIRNet e la Piattaforma Logistica Nazionale

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Progetto per l unificazione del Sistema Bibliotecario Provinciale Vicentino. e adesione al Polo Regionale Veneto

Progetto per l unificazione del Sistema Bibliotecario Provinciale Vicentino. e adesione al Polo Regionale Veneto Progetto per l unificazione del Sistema Bibliotecario Provinciale Vicentino Sommario 1 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 2 2 SOLUZIONE PROPOSTA... 2 2.1 Assessment... 3 2.2 Articolazione del progetto... 5 2.3

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government

Il progetto P.E.O.P.L.E. Progetto Enti On-line Portali Locali E-government Il progetto P.E.O.P.L.E. Dimensioni del progetto Presentato da 55 enti con quasi 7,4 milioni di abitanti, circa il 13% della popolazione nazionale. P.E.O.P.L.E. si basa su un budget iniziale complessivo

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA

SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA AVVISO SPERIMENTAZIONE APP per SONDAGGI IN REAL- TIME SULLA CITTA Il Comune di Firenze, per favorire la trasparenza, il dialogo e la partecipazione dei cittadini intende sperimentare nuove forme di contatto

Dettagli

Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma. Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma

Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma. Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma Alessandro Bottaioli Responsabile Tecnico Progetti InFarma Pieralberto Nati Responsabile progetto FrontEnd Studiofarma COME SIAMO ARRIVATI QUI C era una volta la signorina che rispondeva al telefono finalmente

Dettagli

COMUNE DI AVELLINO URP on line MarketPlace del Lavoro RIUSO CAPITOLATO TECNICO R.U.P. Il SEGRETARIO GENERALE

COMUNE DI AVELLINO URP on line MarketPlace del Lavoro RIUSO CAPITOLATO TECNICO R.U.P. Il SEGRETARIO GENERALE COMUNE DI AVELLINO Procedura negoziata per la realizzazione delle personalizzazioni e dei servizi relativi agli applicativi di URP on line: Servizi per il Cittadino - MarketPlace del Lavoro: Servizi per

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Torino, 28 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per il trasporto

Dettagli

Scritto da Super Administrator Lunedì 08 Ottobre 2012 15:55 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 08:27

Scritto da Super Administrator Lunedì 08 Ottobre 2012 15:55 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 08:27 Modalità e condizioni di utilizzo del sito web istituzionale Chiunque acceda o utilizzi questo sito web accetta senza restrizioni di essere vincolato dalle condizioni qui specificate. Se non le accetta

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE Qualificazione dei prodotti di back-office Ambito Prodotti di back-office Percorsi di qualificazione 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

MANUALE Freight Taxi

MANUALE Freight Taxi MANUALE Freight Taxi UIRNet_USG_FT_REV_B Codice Revisione Data UEJ4DDS10007_LJ4A686DDS11 1 21-02-2013 UIRNet S.p.A. Via F. Crispi 115, 00187 - Roma (IT) contactcenter@uirnet.it www.uirnet.it INDICE 1 Introduzione...

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Livorno, 2 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per la logistica

Dettagli

inquadrare ing. elena grossi

inquadrare ing. elena grossi ing. elena grossi Assessorato Programmazione territoriale, urbanistica, reti di infrastrutture materiali e immateriali, mobilità, logistica e trasporti, D. G. Reti infrastrutturali, logistica e sistemi

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE

PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE PROCEDURA DI GARA PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER L ORCHESTRAZIONE DI SERVIZI COMPOSITI E LA GESTIONE DOCUMENTALE CAPITOLATO TECNICO DI GARA CIG 5302223CD3 SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura...

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015)

Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Abstract Documento di Monitoraggio del PRIIM (oggetto della GR del 23 marzo 2015) Grandi opere Le Autostrade. Proseguono i lavori di progettazione e realizzazione delle terze corsie dell Autostrada del

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Orange Button. la suite di procedure e applicazioni web per la pubblica amministrazione

CARTELLA STAMPA. Orange Button. la suite di procedure e applicazioni web per la pubblica amministrazione CARTELLA STAMPA Orange Button la suite di procedure e applicazioni web per la pubblica amministrazione La Suite Orange Button Orange Button è una piattaforma di servizi integrati rivolti alla Pubblica

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Città di Torino Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Intermodalità e logistica: il Nord Ovest piattaforma fra Italia e Europa Il trasporto delle merci è il trasferimento di beni

Dettagli

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013

Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Progetto finanziato sul programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Marittimo 2007-2013 PARTNER DEL PROGETTO Provincia di Lucca Provincia di Pisa Provincia di Livorno Comune di Genova Ufficio

Dettagli

Aggiornate alle richieste pervenute al 31.03.2009. Pubblicata in data 03.0.4.2009

Aggiornate alle richieste pervenute al 31.03.2009. Pubblicata in data 03.0.4.2009 Aggiornate alle richieste pervenute al 31.03.2009. Pubblicata in data 03.0.4.2009 Regione Calabria - BANDO SIAR - Chiarimenti e risposte ai quesiti 45 46 E possibile utilizzare, per la gestione del SIAR,

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA (Approvato con deliberazione n. 5 del 1 febbraio 2013) Azienda Speciale Comunale CREMONA SOLIDALE Settore Affari Generali PREMESSA INTRODUTTIVA La trasparenza è intesa come

Dettagli

2. Piattaforma CCS: quali sono le funzionalità da implementare sulle Consolle remote presso le tre Autorità Portuali?

2. Piattaforma CCS: quali sono le funzionalità da implementare sulle Consolle remote presso le tre Autorità Portuali? 812 Risposta: L appaltatore dovrà fornire le soluzioni hardware e software previste in Capitolato Tecnico e, come già detto, farsi carico dell allestimento di un singolo Centro Servizi SITIP presso una

Dettagli

QUESTIONARI UTILIZZATI PER LE INTERVISTE ALLE AZIENDE

QUESTIONARI UTILIZZATI PER LE INTERVISTE ALLE AZIENDE APPENDICE QUESTIONARI UTILIZZATI PER LE INTERVISTE ALLE AZIENDE STIL Strumenti Telematici per l Interoperabilità nelle reti di imprese: Logistica digitale integrata per l Emilia Romagna D01 Requisiti del

Dettagli

www.projest.com imove Pick&Pack SISTEMA DI GESTIONE MAGAZZINO

www.projest.com imove Pick&Pack SISTEMA DI GESTIONE MAGAZZINO www.projest.com imove Pick&Pack Introduzione imove Pick&Pack è uno strumento completo per la gestione integrata di magazzino. Il sistema col suo modulo principale che garantisce tutte le funzionalità

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

Ogni rifiuto prodotto, speciale o

Ogni rifiuto prodotto, speciale o Un esperienza positiva di tracciabilità dei rifiuti e di informazione ai cittadini Carlo Di Domenico, Domenico Cataldo Qualunque tipo di rifiuti durante la sua movimentazione deve obbligatoriamente essere

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale"

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 "Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale" Consorzio Iniziative per la Formazione dei Divulgatori Agricoli

Dettagli

24/09/13 Soluzioni di Riuso

24/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO364 MyPortal 2.0 proposta da Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Regione Regione dell'amministrazione: Veneto Ambito/i amministrativo/i

Dettagli

Comunica Facile. www.lavoro.gov.it/co comunicazioni obbligatorie Sistema Informativo del Lavoro contrasto al lavoro irregolare 800 196 196

Comunica Facile. www.lavoro.gov.it/co comunicazioni obbligatorie Sistema Informativo del Lavoro contrasto al lavoro irregolare 800 196 196 Comunica Facile. Non più tante comunicazioni cartacee, ma una: unica e on-line. A partire da marzo 2008, per comunicare l assunzione di un nuovo lavoratore, non dovrai più compilare modelli differenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 7 a g o s t o 2015 P a g. 1

C i r c o l a r e d e l 2 7 a g o s t o 2015 P a g. 1 C i r c o l a r e d e l 2 7 a g o s t o 2015 P a g. 1 Circolare Numero 21/2015 Oggetto Sommario Contributi alle PMI della provincia di Treviso per investimenti in innovazione e digitalizzazione E stato

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

PMIS Port Management Information System

PMIS Port Management Information System PMIS Port Management Information System Architettura VTSL 2 Il sistema VTS Nella maggior parte delle installazioni il VTS è limitato ad un area portuale o ad una ben definita area di transito Il VTS italiano

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Sistemi di trasporti 132 132 132 Tecnologie informatiche, dell automazione e della comunicazione 66

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL NUOVO MODELLO DI ENTE LOCALE CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE LA PROPOSTA LOGOS PA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO. DAL D.LGS. 77/95

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

WP7.3 Definizione dei contenuti di un sistema informatizzato di gestione e controllo dei flussi e stazionamenti di merci pericolose

WP7.3 Definizione dei contenuti di un sistema informatizzato di gestione e controllo dei flussi e stazionamenti di merci pericolose WP7.3 Definizione dei contenuti di un sistema informatizzato di gestione e controllo dei flussi e stazionamenti di merci pericolose Partner responsabile del deliverable: Struttura del database Versione:

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo

Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Comune di Sclafani Bagni Provincia di Palermo Progetto per l acquisizione ed integrazione di nuovi servizi informatici (Rimodulazione approvata con deliberazione Giunta comunale n. 81 del 12/12/2012) È

Dettagli

MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196

MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 MODELLO INFORMATIVA PRIVACY Informativa ai sensi e per gli effetti di cui all art. 13, Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Il presente documento descrive le modalità di gestione del sito in riferimento

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia

Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione:

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli