Aspetti giuridici e fiscali dell e-commerce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aspetti giuridici e fiscali dell e-commerce"

Transcript

1 1 A.S. 2011/ /2013 Aspetti giuridici e fiscali dell e-commerce Docente: Massimo Farina MODULO II: tutela giuridica del software

2 DEFINIZIONE DI SOFTWARE espressione di un insieme organizzato e strutturato di istruzioni in qualsiasi forma o su qualunque supporto capace, direttamente o indirettamente, di far eseguire o far ottenere una funzione o un compito o far ottenere un risultato particolare per mezzo di un sistema di elaborazione elettronica dell informazione. Definizione ufficiale Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale (OMPI o WIPO) Canberra dal 2 al 6 aprile 1984 Definizione Semplificata Insieme di istruzioni informatiche (codice) che consentono alle componenti hardware (computer) di eseguire determinate operazioni Massimo Farina - 2

3 L ESSENZA DEL SOFTWARE CODICE SORGENTE Linguaggio di programmazione intelleggibile all uomo: FORMA LETTERARIA DEL SOFTWARE COMPILAZIONE Linguaggio macchina (codice binario) intelleggibile solo dal elaboratore elettronico CODICE OGGETTO Massimo Farina - 3

4 LA COMPILAZIONE Esempi di codice sorgente che permettono di visualizzare sulla consolle il messaggio: L Italia è una repubblica democratica, fondata sul lavoro IN LINGUAGGIO C: #include <stdio.h> int main(void) { printf("l'italia e' una repubblica democratica, fondata sul lavoro\n"); return 0; } Per poter essere eseguito, deve essere tradotto in linguaggio macchina attraverso il compilatore. Ad esempio, supponendo che il file sorgente si chiami costituzione.c, con il comando Unix CC (C Compiler) è possibile ottenere il file eseguibile: - cc costituzione.c - che genera un file a.out, eseguibile direttamente dal calcolatore. Massimo Farina - 4

5 LA COMPILAZIONE IN LINGUAGGIO JAVA: public class JavaApp { public static void main(string[] args) { System.out.println("L'Italia e' una repubblica democratica, fondata sul lavoro"); } } È necessario compilare il codice sorgente utilizzando il compilatore javac. Supponendo, dunque, che il codice sorgente sia memorizzato nel file costituzione.java, si dovrà eseguire il comando: javac Costituzione.java Il compilatore produce un file Costituzione.class che contiene il codice binario (in Java detto bytecode ); tale file non è immediatamente eseguibile dal calcolatore, ma deve essere gestito dalla Java Virtual Machine, un software in grado di tradurre le istruzioni del bytecode (indipendente dal sistema operativo e dal microprocessore) in istruzioni compatibili con il calcolatore in uso: java -cp. Costituzione Non è necessario indicare l estensione.class, determinata automaticamente dalla Java Virtual Machine. Il parametro -cp. indica al runtime Java dove cercare i files di classe (nell esempio mostrato -cp. indica la directory corrente. Massimo Farina - 5

6 PROBLEMA DI BASE Contemperare 2 opposti interessi Interesse pubblico: favorire il progresso tecnico Interesse privato: tutelare la proprietà intellettuale Massimo Farina - 6

7 Decreto Legislativo n. 518/1992 è stato aggiunto un secondo comma all art. 1 della Legge 633/1941 (LdA) Sono protette ai sensi di questa legge le opere dell'ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione. Sono altresì protetti i programmi per elaboratore come opere letterarie ai sensi della Convenzione di Berna sulla protezione delle opere letterarie ed artistiche [ ], nonché le banche di dati che per la scelta o la disposizione del materiale costituiscono una creazione intellettuale dell'autore. Massimo Farina - 7

8 il problema dell inquadramento giuridico del software si pone soltanto dinanzi a due categorie il software è un invenzione industriale tutelata alla stregua del brevetto (art c.c. e d.lgs. 30/2005) è opera dell ingegno di carattere creativo tutelata tramite il diritto d autore o copyright (art c.c. e L. 633/1941) Massimo Farina - 8

9 TUTELA COMPLEMENTARE TUTELA NEGOZIALE inserimento di specifiche clausole contrattuali che limitano l utilizzo del software efficace solo tra le parti, non garantisce i diritti del realizzatore verso i terzi estranei al rapporto contrattuale che ne facciano uso in buona fede DISCIPLINA DELLA CONCORRENZA SLEALE Artt ss c.c. limitata soggetti imprenditori tra i quali sussista un rapporto concorrenziale Massimo Farina - 9

10 PRIME CONSIDERAZIONI la tutela contrattuale e quella collegata alla normativa sulla concorrenza sleale risultano insufficienti a garantire una tutela erga omnes per i diritti scaturenti dalla creazione di programmi per elaboratore Le strade percorribili sarebbero le seguenti brevetto Diritto d autore Massimo Farina - 10

11 Quali differenze tra i due tipi di tutela possibili? Brevetto I diritti tutelabili sorgono nel momento del conseguimento del brevetto protegge il contenuto dell idea inventiva (l oggetto in se considerato) Diritto d Autore I diritti tutelabili sorgono nel momento della creazione protegge la forma espressiva (a prescindere dal contenuto) Massimo Farina - 11

12 La scelta italiana Il software è tutelato come Diritto d Autore Con il Decreto Legislativo n. 518/1992 è stato aggiunto un secondo comma all art. 1 della Legge 633/1941 (LdA) Sono altresì protetti i programmi per elaboratore come opere letterarie ai sensi della Convenzione di Berna sulla protezione delle opere letterarie ed artistiche [ ], nonché le banche di dati che per la scelta o la disposizione del materiale costituiscono una creazione intellettuale dell'autore Massimo Farina - 12

13 In realtà La tutela del brevetto non è completamente esclusa E COMPLEMENTARE ALLA TUTELA DEL DIRITTO D AUTORE Possono costituire oggetto di brevetto le nuove invenzioni atte ad avere una applicazione industriale [ ] art c.c. il software è tutelabile mediante il brevetto nel caso in cui sia uno strumento per raggiungere il risultato inventivo e non costituisca esso stesso l oggetto dell invenzione Massimo Farina - 13

14 Persone fisiche Persone giuridiche Diritto Morale (a titolo originario) Diritto Patrimoniale (a titolo originario e derivativo) Diritto Patrimoniale (a titolo derivativo) Acquisto dal realizzatore o successivi aventi causa nel caso di contratti di lavoro dipendente o di prestazione d opera spetta al datore di lavoro, a meno che non sia pattuito diversamente (art. 12 bis LDA) Massimo Farina - 14

15 Diritti Morali CATEGORIA: diritti della personalità di natura non patrimoniale riconosciuti e garantiti dalla Costituzione (es. diritto alla vita, all'integrità fisica, alla salute, all'immagine, all'onore, alla privacy, diritti di libertà personale, di pensiero, di religione, di associazione, di riunione, etc... ) CARATTERISTICHE PRINCIPALI INALIENABILI IRRINUNCIABILI INESPROPRIABILI FORME ESPRESSIVE opposizione a qualsiasi deformazione, mutilazione od altra modificazione, ed a ogni atto a danno dell'opera stessa, che possano essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione (art. 20 L.D.A.) diritto alla paternità dell'opera Massimo Farina - 15

16 Diritti Patrimoniali CATEGORIA: diritti soggettivi assoluti, i quali hanno ad oggetto i beni; es. i diritti reali (diritti sulle cose ), dei quali il principale è il diritto di proprietà che garantisce al soggetto il potere pieno ed esclusivo di godere delle della cosa entro i limiti e con l'osservanza degli obblighi stabiliti dalla legge. CARATTERISTICA PRINCIPALE ALIENABILITA FORME ESPRESSIVE pubblicare l opera, diffonderla, metterla in commercio, elaborarla e tradurla possono essere trasferiti a terzi e il loro trasferimento deve essere provato per iscritto (art. 110 L.D.A.) durano tutta la vita dell'autore e sino al termine del settantesimo anno solare dopo la sua morte (art. 25 L.D.A.) Massimo Farina - 16

17 Diritti Esclusivi Spettanti all Autore (art. 64 bis L.D.A.) all autore spetta il diritto di effettuare o autorizzare: a) la riproduzione, permanente o temporanea, totale o parziale, del programma per elaboratore con qualsiasi mezzo o in qualsiasi forma [ ] b) la traduzione, l'adattamento, la trasformazione e ogni altra modificazione del programma per elaboratore [ ] c) qualsiasi forma di distribuzione al pubblico, compresa la locazione, del programma per elaboratore originale o di copie dello stesso. La prima vendita di una copia del programma nella comunità economica europea da parte del titolare dei diritti [ ] esaurisce il diritto di distribuzione [ ] all'interno della comunità [ ]. Massimo Farina - 17

18 DECOMPILAZIONE (limita i Diritti Esclusivi Spettanti all Autore ) I diritti dell utilizzatore art. 64 quater L.D.A. procedimento attraverso il quale è possibile risalire dall eseguibile al codice sorgente Non è necessaria l autorizzazione dell Autore se: la decompilazione è eseguita dal licenziatario o da altri che abbia il diritto di usare una copia del programma (art. 64 quater comma 1, lett. a); le informazioni non sono già facilmente reperibili e rapidamente accessibili (art. 64 quater comma 1, lett. b); la decompilazione è limitata solo alle parti del programma originale necessarie per conseguire l interoperabilità (art. 64 quater comma 1, lett. c); le informazioni acquisite non sono comunicate a terzi (art. 64 quater comma 2, lett. b); le informazioni acquisite non sono utilizzate per costruire programmi sostanzialmente simili nella loro forma espressiva (art. 64 quater comma 2, lett. c). Massimo Farina - 18

19 Il Registro Pubblico per il Software FUNZIONI La registrazione di un software Le registrazioni fanno fede, fino a prova contraria, dell esistenza del programma e di chi ne sia l autore. Si pubblicizzano l esistenza e il titolo del software, il nome dell autore, la data e il luogo di pubblicazione, il nome del titolare dei diritti di utilizzazione economica sul software La trascrizione di atti Sono trascrivibili: gli atti che trasferiscono i diritti di utilizzazione economica su un software o costituiscono su di essi diritti di usufrutto o garanzia; gli atti di divisione (se ci sono più coautori); di società (quando la titolarità del software e di una società) Massimo Farina - 19

20 Il Registro Pubblico per il Software La SIAE inserisce nel Registro, gestito con sistemi informatici, i dati dichiarati e conserva nei suoi archivi, con un numero progressivo e la data di registrazione, gli esemplari dei programmi e degli atti, fornendo al richiedente un attestato di registrazione. La SIAE consente la consultazione del Registro e rilascia estratti e copie autentiche degli atti (dichiarazioni, descrizioni e atti depositati); solo l esemplare del programma non è oggetto di visura. IL REGISTRO FA FEDE, FINO A PROVA CONTRARIA, DELL ESISTENZA DEL PROGRAMMA E DELLA SUA PUBBLICAZIONE LA REGISTRAZIONE NON È OBBLIGATORIA. IL REGISTRO NON RAPPRESENTA UN ANAGRAFE COMPLETA DEI PROGRAMMI Massimo Farina - 20

21 IL CASO DEL BOLLINO SIAE FONTI (LDA) 181-bis. - [ ] la Società italiana degli autori ed editori (SIAE) appone un contrassegno su ogni supporto contenente programmi per elaboratore o multimediali nonché su ogni supporto contenente suoni, voci o immagini in movimento, [ ] destinati ad essere posti comunque in commercio o ceduti in uso a qualunque titolo a fine di lucro. [ ] La mancanza del contrassegno SIAE è prevista come elemento essenziale del reato 171-ter. - [I] È punito [ ] con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da cinque a trenta milioni di lire chiunque a fini di lucro: [ ] d) detiene per la vendita o la distribuzione, pone in commercio, [ ] qualsiasi supporto [ ] per il quale è prescritta [ ] l'apposizione di contrassegno da parte della S.I.A.E., privi del contrassegno medesimo [ ] Massimo Farina - 21

22 Il bollino SIAE IL CASO Sentenza "Schwibbert" Corte di Giustizia delle Comunità Europee 8 novembre 2007 Sono inapplicabili le norme penali che prevedono l'obbligatorietà del "bollino" SIAE. CONFORME LA CORTE DI CASSAZIONE Sentenza n /2008 Sentenza n /2008 Sentenza n /2008 Massimo Farina - 22

23 Il bollino SIAE MOTIVI DELLA DECISIONE La direttiva 83/189/CEE del 28 marzo 1983 prevede che ogni Stato membro che intenda adottare una normativa tecnica debba procedere alla notificazione del progetto legislativo alla Commissione delle Comunità europee (PENA L INOPPONIBILITA AL PRIVATO) Le norme nazionali in tema di contrassegni SIAE hanno la natura di "regole tecniche (= requisito di un prodotto la cui osservanza è obbligatoria, de jure o de facto, per la sua commercializzazione ) RATIO Consentire alla Commissione Europea di verificare la compatibilità col principio comunitario di libera circolazione delle merci L'Italia non ha mai adempiuto all'obbligo di notifica PQM: La Corte del Lussemburgo ha dichiarato che le norme tecniche in tema di bollini SIAE non possono essere "opposte" ai privati. Massimo Farina

24 Il bollino SIAE LA CORTE DI CASSAZIONE Sentenza n /2008 Sentenza n /2008 Sentenza n /2008 Accoglie i principi dichiarati dai Giudici Comunitari le disposizioni nazionali che hanno stabilito, l'obbligo di apporre sui supporti il contrassegno SIAE, costituiscono una regola tecnica che, ove non notificata alla Commissione, è inopponibile al privato. Non è più reato apporre i contrassegni SIAE = IL FATTO NON SUSSISTE se la fattispecie contestata (art. 171-ter, comma 1, lett. d) contempla, come elemento costitutivo tipico, la mancanza del contrassegno SIAE Massimo Farina - 24

25 Il bollino SIAE RIMBORSABILITA? Chi ha pagato un importo non dovuto ha diritto a ripeterlo Regola applicabile in tutte le ipotesi nelle quali l'obbligo di apposizione del contrassegno sia entrato nell'ordinamento per effetto di una disposizione di legge posteriore alla direttiva 83/189/CEE ESISTONO ALCUNI PRECEDENTI La tassa di concessione governativa per l'iscrizione delle società del registro delle imprese fù dichiarata illegittima da una decisione della Corte di Giustizia L Erario, convenuto in molteplici giudizi, fù condannato a restituire agli imprenditori quanto versato in forza della citata previsione Massimo Farina

26 Il bollino SIAE La risposta del Governo Italiano Con il D.P.C.M. 23 febbraio 2009, n. 31 tornano i bollini SIAE sono legittimamente circolanti, ai sensi del citato articolo 181-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, i supporti prodotti entro la data di entrata in vigore della legge 18 agosto 2000, n. 248, purché conformi alla legislazione previgente in materia di contrassegno e di tutela del diritto d autore, nonché i supporti prodotti dopo l entrata in vigore della medesima legge n. 248/2000 e conformi alle disposizioni regolamentari di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 luglio 2001, n. 338, come modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 ottobre 2002, n. 296 (art. 1, comma 2). Massimo Farina

27 Il bollino SIAE il D.P.C.M. 23 febbraio 2009, n. 31 Probabilmente il governo italiano, in coerenza con quanto già affermato all indomani della sentenza Schwibbert è ancora dell avviso che l obbligo di apposizione del contrassegno SIAE era già previsto nella legge 633 del 1941 per i supporti cartacei, e che le modifiche legislative in materia (rispettivamente del 1987 e del 1994) non sono altro che la necessaria conseguenza dell adeguamento al progresso tecnologico. Tale orientamento, però, non tiene conto del disposto dell art. 8, terzo comma, n. 1, della direttiva 98/3, ove è previsto che Stati membri procedono ad una nuova comunicazione [ ] qualora essi apportino al progetto di regola tecnica modifiche importanti che ne alterino il campo di applicazione [ ]. Massimo Farina - 27

28 Il bollino SIAE Principale peculiarità del D.P.C.M. 23 febbraio 2009, n. 31 Efficacia retroattiva dell art. 1 comma 2: art. 6, comma 8, fa "salvi in ogni caso gli atti ed i rapporti intervenuti tra la SIAE ed i soggetti indicati dall'art. 181 bis". In tal modo si cristallizzano gli effetti dei rapporti (cioè dei pagamenti) intercorsi tra la SIAE ed i richiedenti per il rilascio del contrassegno. In base al DPCM 31/2009 sono legittimamente circolanti i supporti recanti il contrassegno SIAE a partire dall entrata in vigore del DPCM 338/2001 ( regolamento di esecuzione delle disposizioni relative al contrassegno della S.I.A.E. ). N:B: Una tale previsione non tiene conto della decisione della Corte di Giustizia, mediante la quale si è chiarito che un simile obbligo non può essere opposto ad un cittadino europeo in assenza della preventiva notificazione alla Commissione Europea. Principale effetti della reatroattività Neutralizza il diritto di ripetibilità delle somme pagate e non dovute, maturato in seguito alla Sentenza dell 8 novembre Massimo Farina - 28

29 Il bollino SIAE Principale peculiarità del D.P.C.M. 23 febbraio 2009, n. 31 Efficacia retroattiva dell art. 1 comma 2: art. 6, comma 8, fa "salvi in ogni caso gli atti ed i rapporti intervenuti tra la SIAE ed i soggetti indicati dall'art. 181 bis". In tal modo si cristallizzano gli effetti dei rapporti (cioè dei pagamenti) intercorsi tra la SIAE ed i richiedenti per il rilascio del contrassegno. In base al DPCM 31/2009 sono legittimamente circolanti i supporti recanti il contrassegno SIAE a partire dall entrata in vigore del DPCM 338/2001 ( regolamento di esecuzione delle disposizioni relative al contrassegno della S.I.A.E. ). N:B: Una tale previsione non tiene conto della decisione della Corte di Giustizia, mediante la quale si è chiarito che un simile obbligo non può essere opposto ad un cittadino europeo in assenza della preventiva notificazione alla Commissione Europea. Principale effetti della reatroattività Neutralizza il diritto di ripetibilità delle somme pagate e non dovute, maturato in seguito alla Sentenza dell 8 novembre Massimo Farina

30 Il bollino SIAE Problemi di natura pratica D.P.C.M. 23 febbraio 2009, n. 31 Contrassegno sui nuovi supporti richiamati all art. 5 del Decreto, quali, ad esempio, schede di memoria (memory card), chiavi usb, microchip, schede SD [ ] nonché i programmi destinati alla fruizione mediante apparecchi di telefonia mobile e lettori di Mp3. Sono, invece, esclusi dall obbligo del bollino i supporti contenenti programmi per elaboratore aventi carattere di sistema operativo. Massimo Farina - 30

31 Il bollino SIAE Sentenza del T.A.R. LAZIO - ROMA SEZIONE I - n /2009 RIGETTO Ricorso per l illegittimità dell art. 6, co. 8, D.P.C.M. n. 31 del 23 febbraio 2009, per il quale sono fatti salvi in ogni caso gli atti e i rapporti intervenuti tra la SIAE ed i soggetti indicati dall'articolo 181-bis della legge 22 aprile 1941, n. 633, a seguito dell'entrata in vigore della legge 18 agosto 2000, n. 248 Massimo Farina - 31

32 Il bollino SIAE Sentenza CONSIGLIO DI STATO N. 2 febbraio 2012, n. 584 Accoglimento "Non vi è dubbio che, atteso il generale principio di irretroattività, non è consentito alla fonte regolamentare incidere sulla disciplina dei rapporti patrimoniali pregressi (anteriori o successivi alla citata sentenza della Corte di giustizia 8 novembre 2007), la cui definizione spetta al giudice munito di giurisdizione". Massimo Farina - 32

33 PRINCIPALI TIPOLOGIE NEGOZIALI I CONTRATTI DEL SOFTWARE Circolazione dei diritti patrimoniali sul software Il contratto di Licenza d Uso SOFTWARE STANDARD (PACCHETTIZZATO) Il contratto di Sviluppo Software SOFTWARE PERSONALIZZATO Massimo Farina -

34 LICENZA D USO? L esatto inquadramento negoziale della licenza d uso agevola le parti nella predisposizione di un accordo che tutela i rispettivi diritti Massimo Farina - 34

35 PRIMO PASSO La licenza d uso è un contratto Che tipo di diritti è in grado di trasferire? Che tipo di contratto è? Massimo Farina - 35

36 DIRITTI TRASFERIBILI La licenza d uso è un contratto attraverso il quale si trasferiscono diritti di utilizzazione economica ESCLUSIVAMENTE DIRITTI PATRIMONIALI Per Esempio: installare, utilizzare, accedere, visualizzare ed eseguire Massimo Farina - 36

37 TIPOLOGIA NEGOZIALE E una vendita? E una locazione? Principio dell esaurimento art. 64 bis, lett. c., legge 633/1941 [ ]La prima vendita di una copia del programma [ ] da parte del titolare dei diritti, [ ] esaurisce il diritto di distribuzione di detta copia [ ] Il comune denominatore è senz altro la cessione del diritto di godimento sul programma dietro corrispettivo pecuniario gli altri effetti tipici della locazione, sono estranei alle principali distribuzioni di software pacchettizzato Massimo Farina - 37

38 Il modello più vicino è quello della locazione Diritto di godimento Su un bene mobile o immobile Per un tempo determinato Dietro la corresponsione periodica di un corrispettivo (canone) Nelle licenze d uso più diffuse non sono tutte presenti NON SUSSISTE PERFETTA IDENTITA!!!! Le licenze d uso sono generalmente a tempo indeterminato La locazione è un contratto di durata (non può eccedere i 30 anni ex art c.c.) Massimo Farina - 38

39 LIBERTA CONTRATTUALE Art. 1322, II comma, c.c.: Le parti possono anche concludere contratti che non appartengano ai tipi aventi una disciplina particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico E un contratto atipico LIMITI RISPETTO DELLE NORME IMPERATIVE (= regole inderogabili, neppure con il consenso dell'interessato) Esempio: art. 22, L. 633/1941: I diritti [morali] sono inalienabili. MERITEVOLEZZA DI TUTELA DEGLI INTERESSI (Secondo l interpretazione prevalente sono meritevoli di tutela i contratti che perseguono interessi socialmente utili) Massimo Farina - 39

40 QUALE DISCIPLINA? CRITERIO DELL ASSORBIMENTO E un contratto misto Contiene elementi di più contratti tipici che si fondono in un unica causa Individuazione del contratto prevalente, ed applicazione della relativa disciplina CRITERIO DELLA COMBINAZIONE Applicazione delle singole discipline di riferimento per ciascun elemento contrattuale NOTA: Il contenuto determinato liberamente dalle parti è integrato ex lege dal d.lgs. 518/1992 Massimo Farina - 40

41 integrazione ex lege d.lgs. 518/1992 L AUTORE Riproduzione del SW temporanea o permanente / totale o parziale Traduzione, adattamento, trasformazione Qualsiasi forma di distribuzione al pubblico Riprodurre, tradurre, adattare o trasformare il SW, solo se tali attività siano necessarie per l uso di esso conformemente alla sua destinazione L UTILIZZATORE Effettuare una copia di riserva del programma, qualora sia necessario per l uso Osservare, studiare o sottoporre a prova di funzionamento il programma Massimo Farina - 41

42 Le clausole tipiche delle Licenze d Uso Le licenze d uso più diffuse presentano alcune clausole dirette a limitare le garanzie e le responsabilità per i vizi a carico del licenziante (rectius a limitare il diritto di tutela del licenziatario) limitazioni contenutistiche e temporali riguardanti la garanzia per vizi esclusione di buona parte dei rimedi contrattuali generali riconosciuti al licenziatario esclusione della responsabilità del licenziante per i danni indiretti connessi all utilizzazione del prodotto Massimo Farina - 42

43 1 LIMITAZIONI CONTENUTISTICHE E TEMPORALI RIGUARDANTI LA GARANZIA PER VIZI ESEMPIO La garanzia per vizi del licenziante è ridotta ai soli casi di funzionamento non conforme alle istruzioni contenute nel manuale d uso per un periodo di novanta giorni dalla data di acquisto Clausola nulla in quanto contrastante con le regole generali delle obbligazioni L articolo 1229 c.c. considera nulli i patti che escludono o limitano preventivamente la responsabilità del debitore, per dolo o per colpa grave Massimo Farina - 43

44 2 Esclusione di buona parte dei rimedi contrattuali generali riconosciuti al licenziatario ESEMPIO La responsabilità della (software house) ed i rimedi esclusivi dell'utente saranno, a discrezione della ( software house): a) la restituzione del prezzo pagato; b) la riparazione o la sostituzione del software o dell' hardware. Clausola nulla in quanto contrastante con le regole generali delle obbligazioni (art c.c.) L art. 1453, comma 1, c.c., consente al licenziatario di chiedere l adempimento o la risoluzione del contratto, salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno. La clausola inibisce il ricorso alle azioni ex art e prevede la restituzione del prezzo o, in alternativa, la riparazione o sostituzione del prodotto; non è previsto il risarcimento del danno Massimo Farina - 44

45 esclusione della responsabilità del licenziante per i danni indiretti connessi all utilizzazione del prodotto ESEMPIO In nessun caso la software house sarà responsabile per i danni derivanti dall'uso del prodotto software, anche nel caso che la software house sia stata avvertita della possibilità di tali danni Clausola nulla in quanto contrastante con le regole generali delle obbligazioni (art c.c.) L articolo 1229 c.c. considera nulli i patti che escludono o limitano preventivamente la responsabilità del debitore, per dolo o per colpa grave I danni indiretti sono mutuati dall ordinamento anglosassone. Il nostro ordinamento non li ammette (art c.c.) in quanto ne siano conseguenza immediata e diretta. Il riferimento è, pertanto, da intendersi genericamente al lucro cessante ed a tutte le perdite economiche eziologicamente collegate al difetto del software Massimo Farina - 45

46 PRECISAZIONE È necessario verificare la qualificazione soggettiva delle parti Contratti con il consumatore Disciplina maggiormente protettiva per il licenziatario Artt. 33 e 36 del codice del consumo: prevedono la nullità delle clausole che malgrado la buona fede, determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto. Massimo Farina - 46

47 FORMA DEL CONTRATTO DI LICENZA D USO FORMA LIBERA (ad substantiam) Si applicano le regole generali sui contratti Problema per la validità delle clausole vessatorie per i contratti di licenza d uso stipulati con modalità a strappo o point and clik (art c.c.) FORMA VINCOLATA (ad probationem) il trasferimento dei diritti patrimoniali deve essere provato per iscritto (art. 110 Legge 633/1941) [ ] non hanno effetto, se non sono specificamente approvate per iscritto [ ] Massimo Farina - 47

48 TRASFERIMENTO COPYRIGHT acquisto del diritto all uso (godimento) del prodotto accompagnato dal trasferimento in proprietà del supporto materiale che lo contiene (floppy-disk, CD-ROM o DVD) PRINCIPALI LICENZE D USO Trasferimento a prestazioni corrispettive; Alienazione a titolo oneroso immediato (l acquirente è immediatamente obbligato a pagare il prezzo) L utilizzatore acquista una serie di poteri limitati dalla riserva dei diritti esclusivi di sfruttamento economico in capo all autore, il quale conserva il controllo patrimoniale sulla circolazione del bene. Massimo Farina - 48

49 PRINCIPALI LICENZE D USO TRASFERIMENTO COPYLEFT acquisto del diritto all uso (godimento) del prodotto accompagnato dal trasferimento della disponibilità del codice sorgente Libertà ideologica risultante da un estrema compressione dei diritti dell autore. Non è esclusa l onerosità dell operazione Garantito all autore il diritto morale di paternità sull opera Massimo Farina - 49

50 SEZIONI SPECIALIZZATE IN MATERIA DI PROPRIETÀ INDUSTRIALE ED INTELLETTUALE Decreto Legislativo 27 giugno 2003, n sezioni specializzate presso i Tribunali e le Corti d Appello di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Trieste e Venezia NOTA: NON È STATA ISTITUITA UNA SEZIONE SPECIALIZZATA IN SARDEGNA Massimo Farina - 50

51 Il tribunale di Cagliari con ordinanza datata 13 ottobre 2003 ha inoltrato alla corte costituzionale la questione di legittimità costituzionale con particolare riferimento agli art. 3 e 24 cost. Il contenzioso riguardava la commercializzazione di T-Shirts illustranti la fauna tipica sarda con l indicazione delle abitudini di vita di tali animali. L attore agisce sostenendo la sussistenza di atti di concorrenza sleale, ai sensi dell art e ss del codice civile, e richiedendo l inibitoria della condotta sleale del convenuto, nonché il risarcimento danni. Il giudice rilevando l incompetenza della sua giurisdizione in favore del giudice specializzato con sede a Roma deferiva questione di legittimità alla corte costituzionale, lamentando: Violazione del principio di uguaglianza sostanziale sancito dall art. 3, comma secondo : È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Violazione dell art. 24, comma primo e secondo: tutti possono agire per la difesa dei propri diritti e interessi legittimi [ ] la difesa è un diritto inviolabile. NOTA: Il diritto alla difesa rischia di rimanere una mera enunciazione formale a causa degli ingenti costi relativi all accesso alla giustizia che può indurre il cittadino a rinunciare a proteggere i propri interessi. Massimo Farina - 51

Diritto Privato dell Informatica

Diritto Privato dell Informatica Corso attributivo di crediti liberi Diritto Privato dell Informatica anno accademico 2006/2007 La tutela giuridica dei programmi per elaboratore http://www.massimofarina.it SOMMARIO Individuazione della

Dettagli

Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina

Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina 1 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni http://tlc.diee.unica.it/ Diritto dell Informatica e delle Nuove Tecnologie Docente: Massimo Farina http://www.massimofarina.it m.farina@diee.unica.it

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET

LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET Alcune istruzioni per l uso a cura della Prof.ssa Rita Mele Diritto ed Economia A.S. 2013/14 1 LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE IN INTERNET Le

Dettagli

Il software, o programma per elaboratore,

Il software, o programma per elaboratore, La tutela giuridica dei programmi per elaboratore Una breve illustrazione dedicata alla disciplina che tutela il software: excursus normativo, diritti dell autore e dell utilizzatore di Massimo Farina

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Sesta lezione I contratti del software Modelli di tutela Distribuzione commerciale Tutela giuridica del

Dettagli

recano la fissazione di opere o di parti di opere protette dalla legge sul diritto d autore.

recano la fissazione di opere o di parti di opere protette dalla legge sul diritto d autore. MASSIMO FARINA 31 6.1 Il bollino S.I.A.E. e il caso Schwibbert Su ciascun supporto (CD, cassette audio e video, CD Rom, DVD, ecc.) contenente programmi per elaboratore o multimediali, destinato al commercio

Dettagli

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna

La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore. Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna La legislazione italiana ed europea sul diritto d'autore Avv. Pierluigi Perri Cirsfid - Università di Bologna Un pò di storia - Il diritto naturale d'autore nasce nei primi anni del 1700 in Inghilterra;

Dettagli

Il diritto d autore nel mondo analogico, digitale e open access

Il diritto d autore nel mondo analogico, digitale e open access Il diritto d autore nel mondo analogico, digitale e open access Avv. Beatrice Cunegatti STUDIO LEGALE CUNEGATTI BOLOGNA MILANO Università degli Studi di Verona 1 febbraio 2013 I SEZIONE Diritto di autore:

Dettagli

Il diritto d autore e la sua tutela

Il diritto d autore e la sua tutela Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro Il diritto d autore e la sua tutela Indice di sezione Obiettivi Pag. 30 1. Il diritto d autore: aspetti generali Pag. 30 1.1 La normativa 1.2

Dettagli

IL DIRITTO D'AUTORE IN BIBLIOTECA

IL DIRITTO D'AUTORE IN BIBLIOTECA IL DIRITTO D'AUTORE IN BIBLIOTECA Rho 3 MARZO 2010 INTRODUZIONE AL DIRITTO D'AUTORE CentRho Piazza San Vittore OPERE PROTETTE (Art. 1, LDA) - Sono protette ai sensi di questa legge le opere dell'ingegno

Dettagli

Diritto d autore e banche di dati

Diritto d autore e banche di dati Introduzione al diritto d autore: Le banche di dati Dott.ssa Michela Rossi Corso di laurea Giurisprudenza Informatica giuridica 2012/2013 Diritto d autore e banche di dati Diritto d autore Diritto d autore

Dettagli

Tutela giuridica delle banche di dati

Tutela giuridica delle banche di dati Norme di riferimento Tutela giuridica delle banche di dati Corso Nuove tecnologie e diritto 8 maggio 2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Legge 22 aprile 1941 n. 633. Protezione del diritto

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale su internet

La tutela della proprietà intellettuale su internet La tutela della proprietà intellettuale su internet Oggetto della presente relazione sarà - più precisamente - l esame della disciplina posta a tutela dei siti web e, quindi, delle norme poste a: 1) Tutela

Dettagli

Il Diritto d Autore su Internet. Tutela del sito web e utilizzo dei contenuti. Modena, 17 ottobre 2013. Modena, 17 ottobre 2013 1

Il Diritto d Autore su Internet. Tutela del sito web e utilizzo dei contenuti. Modena, 17 ottobre 2013. Modena, 17 ottobre 2013 1 Il Diritto d Autore su Internet Tutela del sito web e utilizzo dei contenuti Modena, 17 ottobre 2013 Modena, 17 ottobre 2013 1 LA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto d autore Cos è il diritto d autore La legge

Dettagli

Generazione Web Lombardia

Generazione Web Lombardia Generazione Web Lombardia a cura di Alberto Ardizzone e Chiara Pardi http://www.slideshare.net/usrlombardia 1/26 Di cosa parliamo 1. La privacy a scuola: le regole da ricordare 2. La diffusione delle conoscenze

Dettagli

E-learning e diritti di autore.

E-learning e diritti di autore. E-learning e diritti di autore. Premessa La fondamentale funzione di insegnamento, obiettivo primario delle università, può svolgersi sia in maniera tradizionale, con la presenza contemporanea di discenti

Dettagli

Premessa. 1. Perché l accesso aperto alle tesi di dottorato

Premessa. 1. Perché l accesso aperto alle tesi di dottorato Tesi di dottorato e diritto d autore A cura del gruppo OA CRUI. Indicazioni per l applicazione delle Linee guida per l accesso aperto alle tesi di dottorato. Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza

Dettagli

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare..

È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il File sharing È un sistema di condivisione di file mediante internet e tramite l utilizzo di software distribuiti gratuitamente come emule, kazaa, bearshare.. Il file sharing nasce come mezzo per favorire

Dettagli

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese

4. L azienda e la concorrenza tra le imprese 4. L azienda e la concorrenza tra le imprese Di cosa parleremo L azienda rappresenta il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. Di essa, pertanto, fanno parte sia

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 febbraio 2009, n. 31

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 febbraio 2009, n. 31 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 23 febbraio 2009, n. 31 Regolamento di disciplina del contrassegno da apporre sui supporti, ai sensi dell articolo 181-bis della legge 22 aprile 1941,

Dettagli

Direttiva 96/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 1996, relativa alla tutela giuridica delle banche di dati

Direttiva 96/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 1996, relativa alla tutela giuridica delle banche di dati Direttiva 96/9/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 1996, relativa alla tutela giuridica delle banche di dati (omissis) CAPITOLO I Articolo 1 Campo d'applicazione 1. La presente direttiva

Dettagli

Focus sul copyright: strumenti pratici di tutela

Focus sul copyright: strumenti pratici di tutela Intellectual Property Web 2.0 e diritto d auto e Focus sul copyright: strumenti pratici di tutela Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Ancona Piazza XXIV Maggio, 1 Ancona 13 dicembre

Dettagli

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO

ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO ANNULLI POSTALI RIPRODUZIONI DI IMMAGINI INDIVIDUAZIONE DEGLI AVENTI DIRITTO 1. Immagine di pura inventiva creata per l occasione. Un immagine nuova può essere utilizzata dall autore salvo che l opera

Dettagli

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n.

Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. Software e diritto d'autore: creatività e originalità del programma informatico Cassazione, sez. I civile, sentenza 12.01.2007 n. 581 In termini generali la protezione del diritto d autore del software

Dettagli

L'ARCHIVIO DIGITALE. Normativa di Settore CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA. Docente: Massimo Farina. http://www.massimofarina.it. massimo@massimofarina.

L'ARCHIVIO DIGITALE. Normativa di Settore CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA. Docente: Massimo Farina. http://www.massimofarina.it. massimo@massimofarina. 1 L'ARCHIVIO DIGITALE Normativa di Settore CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Docente: http:// massimo@massimofarina.it La conservazione sostitutiva dei documenti 2 LA CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DEI DOCUMENTI Definizione

Dettagli

Una panoramica su leggi e burocrazia

Una panoramica su leggi e burocrazia www.xelon.it LA TUTELA DEL SOFTWARE: Una panoramica su leggi e burocrazia Aprile 2007 - Lorenzo Baloci Introduzione e storia In queste slide si analizzano le normative e le leggi Italiane (e in parte Europee)

Dettagli

Tra il signor, residente in, nato a (c.f. ), (di seguito richiamato: "l'autore"),

Tra il signor, residente in, nato a (c.f. ), (di seguito richiamato: l'autore), Nota bene Nel modello contrattuale che segue le possibili varianti rispetto allo schema di base sono evidenziate in rosso Le spiegazioni collocate nei riquadri sotto il titolo "Nota di commento" sono indicazioni

Dettagli

E-COMMERCE e PROBLEMATICHE DEL COMMERCIO ELETTRONICO. Avv. Maela Coccato

E-COMMERCE e PROBLEMATICHE DEL COMMERCIO ELETTRONICO. Avv. Maela Coccato E-COMMERCE e PROBLEMATICHE DEL COMMERCIO ELETTRONICO Avv. Maela Coccato DEFINIZIONE Attività commerciale caratterizzata da transazioni per via elettronica, consistente nella: commercializzazione di beni

Dettagli

CONTRATTO DI ACCESSO ALL AREA RISERVATA PER L'UTILIZZO DELLE OPERE FOTOGRAFICHE DELL ARCHIVIO DIGITALE ARALDO DE LUCA S.A.S.

CONTRATTO DI ACCESSO ALL AREA RISERVATA PER L'UTILIZZO DELLE OPERE FOTOGRAFICHE DELL ARCHIVIO DIGITALE ARALDO DE LUCA S.A.S. CONTRATTO DI ACCESSO ALL AREA RISERVATA PER L'UTILIZZO DELLE OPERE FOTOGRAFICHE DELL ARCHIVIO DIGITALE ARALDO DE LUCA S.A.S. Premessa: Il presente accordo è un contratto stipulato fra Araldo De Luca s.a.s.

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 4 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 4 Reati contro l industria e il

Dettagli

Relatore: Avv.Maria Luce Capostagno. 2012 Maria Luce Capostagno

Relatore: Avv.Maria Luce Capostagno. 2012 Maria Luce Capostagno MARCHI E DISEGNI COMUNITARI: FORME DI TUTELA Marchi e disegni comunitari. Disciplina generale e focus sul marchio Made in Brianza Ministero dello Sviluppo Economico UIBM Ufficio per l Armonizzazione nel

Dettagli

Herman Miller Limited, Filiale Italiana

Herman Miller Limited, Filiale Italiana Herman Miller Limited, Filiale Italiana Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo [ex D. Lgs. 231 del 2001] Parte Speciale 3 Edizione settembre 2011 PARTE SPECIALE 3 Reati in materia di violazione

Dettagli

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc LA RATIO DELLA DISCIPLINA LEGISLATIVA SULLA COPIA PRIVATA La copia privata consiste nella

Dettagli

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY

I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY I CONTROLLI SUL LAVORATORE: IMPIEGO DI INVESTIGATORI E TUTELA DELLA PRIVACY E legittimo negare la comunicazione delle informazioni personali raccolte in fase di indagine prima dell avvio del processo a

Dettagli

Il software nel diritto d autore

Il software nel diritto d autore Consulente in proprietà industriale (1307BM) 1 Definizione WIPO nel 1984: "l'espressione di un insieme organizzato e strutturato di istruzioni (o simboli) contenuti in qualsiasi forma o supporto (nastro,

Dettagli

Darwinbooks sistema integrato per la consultazione di libri on line

Darwinbooks sistema integrato per la consultazione di libri on line Darwinbooks sistema integrato per la consultazione di libri on line LICENZA DARWINBOOKS L accesso a Darwinbooks e ai suoi contenuti/materiali e servizi è soggetto alle condizioni e ai limiti di cui alla

Dettagli

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Giornalismo 3.0 e Pensiero Critico Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Avv.Luigi Gianfelice Avv. Gianluca Ludovici a cura di Valentina Benedetti ed Arianna Vagni 1 Intellettual Property

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN

CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN CONTRATTO TIPO DI LICENZA DI DESIGN 1 Con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright

LEGAL NOTICE Gestore del Sito Oggetto Copyright LEGAL NOTICE LA NAVIGAZIONE NEL SITO E IL SUO USO SONO REGOLATI DALLA PRESENTE LEGAL NOTICE. LA NAVIGAZIONE NEL SITO COSTITUISCE ACCETTAZIONE ESPRESSA DELLE CONDIZIONI STABILITE NELLA PRESENTE LEGAL NOTICE

Dettagli

Immagini e la loro commercializzazione. Le violazioni del diritto d autore e della persona

Immagini e la loro commercializzazione. Le violazioni del diritto d autore e della persona Immagini e la loro commercializzazione. Le violazioni del diritto d autore e della persona Ancona, 13 Dicembre 2013 Alberto Maria Gallotti Avvocato del Foro di Roma e New York Arbitro Internazionale IFTA

Dettagli

Il diritto allo sfruttamento dell'immagine altrui. Avv. Matteo Santini (Foro di Roma)

Il diritto allo sfruttamento dell'immagine altrui. Avv. Matteo Santini (Foro di Roma) Il diritto allo sfruttamento dell'immagine altrui Avv. Matteo Santini (Foro di Roma) Il diritto all'immagine è regolamentato prevalentemente all'articolo 10 del codice civile nonché dagli articoli 96 e

Dettagli

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa

Copyright e Internet. Diritto d autore e normativa Copyright e Internet Diritto d autore e normativa I programmi per elaboratore sono tutelati civilmente e penalmente dalla normativa sul diritto d autore, in quanto opere dell ingegno, che si esprimono

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Proprietà industriale o diritto d autore? Istruzioni per l uso Di che cosa parleremo Il diritto d autore

Dettagli

Come scrivere una tesi nel rispetto dei diritti d autore altrui e come renderla visibile mantenendo i propri diritti

Come scrivere una tesi nel rispetto dei diritti d autore altrui e come renderla visibile mantenendo i propri diritti Come scrivere una tesi nel rispetto dei diritti d autore altrui e come renderla visibile mantenendo i propri diritti 1. Cosa sono le tesi i 20 punti da considerare Antonella De Robbio La tesi, di laurea,

Dettagli

DIRITTO D AUTORE E SISTEMA SANZIONATORIO CIVILE E PENALE PROFILI GIURISPRUDENZIALI

DIRITTO D AUTORE E SISTEMA SANZIONATORIO CIVILE E PENALE PROFILI GIURISPRUDENZIALI DIRITTO D AUTORE E SISTEMA SANZIONATORIO CIVILE E PENALE PROFILI GIURISPRUDENZIALI avv. Emanuele Principi Of Counsel Studio Legale Matteo Difino & Associati 1 DIFESE E SANZIONI CIVILI Normativa Legge 22

Dettagli

Legal notice. 5. Domini, marchi e segni distintivi Il dominio di secondo livello mulino.it e i relativi sottodomini sono domini registrati di

Legal notice. 5. Domini, marchi e segni distintivi Il dominio di secondo livello mulino.it e i relativi sottodomini sono domini registrati di Legal notice L USO DEL SITO E DEI SUOI CONTENUTI È REGOLATO DALLA PRESENTE LEGAL NOTICE. LA NAVIGAZIONE NEL SITO COSTITUISCE ACCETTAZIONE ESPRESSA DELLE CONDIZIONI STABILITE NELLA PRESENTE LEGAL NOTICE.

Dettagli

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione

Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Marchi commerciali e lotta alla contraffazione Avv. Francesco Celluprica Barzanò & Zanardo Studio Legale Associato Istituto di Commercio Estero 3-5 febbraio 2015 Poli tecnologici 2015 Barzanò & Zanardo

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Seconda Lezione Le problematiche legali relative al sito web Premessa Quali sono le implicazioni legali

Dettagli

EtaBeta. Condizioni generali di vendita 1. OFFERTA, CONFERMA O CONTRATTO

EtaBeta. Condizioni generali di vendita 1. OFFERTA, CONFERMA O CONTRATTO 1. OFFERTA, CONFERMA O CONTRATTO Le presenti condizioni generali di vendita di Eta Beta (in Condizioni Generali ) si applicano e formano parte integrante di tutte le quotazioni e offerte fatte da Eta Beta

Dettagli

Condizioni di Utilizzo del Sito

Condizioni di Utilizzo del Sito Condizioni di Utilizzo del Sito 1. Introduzione 1.1. Nel presente documento sono riportate le condizioni di utilizzo (le Condizioni di Utilizzo ) del sito www.praestoapp.com in titolarità di Praestoapp

Dettagli

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA...

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA... Questo contratto di licenza è visualizzato per informazione. La licenza deve essere richiesta attraverso i servizi on line. Si attiva così la procedura automatizzata di emissione MAV. A pagamento avvenuto,

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT

WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT WWW.IMMOBILIAREPRIMA.IT NOTE LEGALI E PRIVACY POLICY Vers.1.0 INTRODUZIONE Lo scopo delle Note Legali e della Privacy Policy è quello di garantire all Utente di poter verificare in piena trasparenza le

Dettagli

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti

La normativa italiana in materia di commercio elettronico. Avv. Ivan Rigatti La normativa italiana in materia di commercio elettronico Avv. Ivan Rigatti Il commercio elettronico Nella sua accezione più ristretta, il commercio elettronico (più noto come e-commerce contrazione di

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 Cos è un nome a dominio. 3 Cos è il cybersquatting. 3 Come avviene il cybersquatting. 4 Il recupero del nome a dominio: considerazioni preliminari. 4 Il recupero del nome

Dettagli

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29

Sezione quarta La retribuzione del professionista. Questionario n. 4. 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 Sezione quarta La retribuzione del professionista Questionario n. 4 1. Cosa comprende la parcella dell avvocato?... Pag. 29 2. Possono essere derogati i minimi tariffari?...» 31 3. Quali sono le azioni

Dettagli

AUTORI: ELENA ORTU - LUISA ROBERTO

AUTORI: ELENA ORTU - LUISA ROBERTO L e-mail aziendale UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÁ DI GIURISPRUDENZA DIRITTO PRIVATO DELL INFORMATICA A.A. 2006/2007 DOCENTI: PROF. BRUNO TROISI DOTT. MASSIMO FARINA L uso dell e-mail aziendale

Dettagli

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui di Alessio Canova Reggio Emilia, 11 aprile 2013 Le imprese e la loro presenza su internet Il sito internet ed i

Dettagli

Guida sintetica sull utilizzo a fini didattici di materiali protetti dal diritto d autore

Guida sintetica sull utilizzo a fini didattici di materiali protetti dal diritto d autore Guida sintetica sull utilizzo a fini didattici di materiali protetti dal diritto d autore Lo scopo del presente documento è offrire alcune prime indicazioni utili in materia di diritto d autore così come

Dettagli

La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici

La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici La conservazione sostitutiva La figura del responsabile della conservazione dei documenti informatici di Silvana Semeraro (collaboratrice esterna dello Studio Legale Lisi www.studiolegalelisi.it) 1. Le

Dettagli

A P P R O F O N D I M E N T O

A P P R O F O N D I M E N T O A P P R O F O N D I M E N T O IL CONTRATTO DI COMODATO NOZIONE Il legislatore definisce il comodato come il contratto con cui una parte (c.d. comodante) consegna all altra (c.d. comodatario) una cosa mobile

Dettagli

Termini d'uso della piattaforma Alexandria

Termini d'uso della piattaforma Alexandria Termini d'uso della piattaforma Alexandria 0. Che cosa è Alexandria Alexandria è un servizio di storage e archiviazione classificata di risorse didattiche e contenuti digitali per la scuola e l'università.

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DI FEDERICA.EU

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DI FEDERICA.EU TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO DI FEDERICA.EU I seguenti termini e condizioni si applicano all'utilizzo delle informazioni, servizi e materiali veicolati (contenuti online) attraverso il sito Web Federica.eu

Dettagli

Ci avete chiesto di individuare le possibili argomentazioni giuridiche da spendere al

Ci avete chiesto di individuare le possibili argomentazioni giuridiche da spendere al Ci avete chiesto di individuare le possibili argomentazioni giuridiche da spendere al fine di ottenere l estensione al prodotto videoludico del beneficio della c.d. dichiarazione sostitutiva, in luogo

Dettagli

Con li patrocinio del:

Con li patrocinio del: Con li patrocinio del: BENVENUTI 26 Novembre 2010 Varese Con li patrocinio del: Sponsor della serata: 27 Novembre 2010.. ricordiamoci.. AGENDA DELLA SERATA 1. Modalità di associazione anno 2011. 2. E tu...scarichi?

Dettagli

I contratti software GIOVEDÌ 30 MAGGIO 2013 Ore 09.30 FACOLTÀ DI INGEGNERIA AULA 160/3

I contratti software GIOVEDÌ 30 MAGGIO 2013 Ore 09.30 FACOLTÀ DI INGEGNERIA AULA 160/3 Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell'automazione I contratti software GIOVEDÌ 30 MAGGIO 2013 Ore 09.30 FACOLTÀ DI INGEGNERIA AULA 160/3 luigi@innocenzi.it 2013 dott. Luigi Innocenzi

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO E PRIVACY:

CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO E PRIVACY: CONDIZIONI DI UTILIZZO DEL SITO E PRIVACY: www.psmbroker.it www.psmbroker.ue www.psmbroker.com 1. Premessa Nel presente documento sono riportate le Condizioni Generali di utilizzo del sito www.psmbroker.it,

Dettagli

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI

EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI EVOLUZIONE DEL MERCATO AUDIOSIVISIVO E MODELLI REGOLAMENTARI Dott.ssa Stefania Ercolani Società Italiana degli Autori ed Editori WEB TV, WEB RADIO E VIDEO ON DEMAND: UN REBUS NORMATIVO? LE FONTI Direttiva

Dettagli

Gli obblighi informativi del franchisor

Gli obblighi informativi del franchisor Gli obblighi informativi del franchisor La fase precedente la conclusione del contratto di franchising è particolarmente delicata, e per tale motivo ha costituito oggetto di attenta regolamentazione, sia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

La Tutela del Software Dr. Antonio Piva

La Tutela del Software Dr. Antonio Piva La Tutela del Software Dr. Antonio Piva 2013 Dr. Antonio Piva 1 ü Il SOFTWARE: CREAZIONE INTELLETTUALE Il Software, dal punto di vista giuridico, è una creazione intellettuale Le creazioni intellettuali,

Dettagli

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161

Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Decreto legislativo 7 settembre 2010, n. 161 Disposizioni per conformare il diritto interno alla Decisione quadro 2008/909/GAI relativa all applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

FAC SIMILE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (Riprodurre su carta intestata del soggetto che manifesta interesse) Il sottoscritto nato a il,

FAC SIMILE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (Riprodurre su carta intestata del soggetto che manifesta interesse) Il sottoscritto nato a il, Allegato 1 FAC SIMILE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (Riprodurre su carta intestata del soggetto che manifesta interesse) Spett.le ATAF S.p.A. Viale dei Mille, 115 50131 FIRENZE Alla c.a. del responsabile

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

LA TUTELA GIURIDICA DEI PROGRAMMI PER ELABORATORE

LA TUTELA GIURIDICA DEI PROGRAMMI PER ELABORATORE LA TUTELA GIURIDICA DEI PROGRAMMI PER ELABORATORE Antonio Piva David D Agostini I programmi per elaboratore sono tutelati dal legislatore mediante il diritto d autore, ossia il copyright, a cui si aggiungono

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che

TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione lavoro ORDINANZA. contro. Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO. Premesso che TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione lavoro ORDINANZA R.G. n. 2013 / 1239 AGEMEDIA SRL Avv. COLA DANIELE MATTEO BAVASTRO e ALESSANDRO BURRONI contro Avv. STRAMACCIA ANDREA, CALVANI LORENZO Il giudice,

Dettagli

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione)

Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Cenni introduttivi sulla disciplina dei marchi e dei brevetti. (Traccia per la relazione) Prof.ssa Patrizia Grosso Facoltà di Economia Università di Torino 1. Premessa. 2. La disciplina dei marchi. 3.La

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

Fotocopie e diritto d autore

Fotocopie e diritto d autore Fotocopie e diritto d autore a cura del Sistema Bibliotecario di Ateneo Università di Trento Oggetto della tutela della legge sul diritto d autore Oggetto della tutela della legge n. 633 del 1941 (più

Dettagli

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA

VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 191 ARGOMENTO VENDITA DI COSA ALTRUI. CONTRATTO PRELIMINARE DI VEN- DITA 1. Traccia Tizio, dopo aver preso contatto con Caio, intenzionato ad acquistare un immobile, che crede di Tizio, ma che in realtà

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING

DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING Audizione del 23.09.2015 Commissioni riunite Giustizia e Lavoro Camera dei Deputati PREMESSA Transparency International Italia è la sede italiana dell organizzazione

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO

TERMINI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TERMINI E CONDIZIONI DEL SERVIZIO Free Rumble è una pubblicazione costante di contenuti testuali, software, script, elementi grafici, foto, contenuti sonori, musicali video, combinazioni audiovisive, funzionalità

Dettagli

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_5.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory.

http://puntoeduft.indire.it/materialic/modulo1/modulo_1_pa_5.html PDF created with FinePrint pdffactory trial version http://www.pdffactory. Pagina 1 di 10 La tutela giuridica del software e il contratto di licenza d'uso Il software come creazione intellettuale Il software costituisce, dal punto di vista giuridico, una creazione intellettuale.

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI D USO DEL SITO WEB BUSINESS TALENTS. 1.- Condizioni Generali d Uso del Sito web

CONDIZIONI GENERALI D USO DEL SITO WEB BUSINESS TALENTS. 1.- Condizioni Generali d Uso del Sito web CONDIZIONI GENERALI D USO DEL SITO WEB BUSINESS TALENTS 1.- Condizioni Generali d Uso del Sito web I termini e le condizioni di seguito indicate regolano l accesso e l uso di questo sito web, attraverso

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DI SOFTWARE E LA FORNITURA DI SERVIZI PROFESSIONALI da MSC.SOFTWARE SRL

TERMINI E CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DI SOFTWARE E LA FORNITURA DI SERVIZI PROFESSIONALI da MSC.SOFTWARE SRL TERMINI E CONDIZIONI PER LO SVILUPPO DI SOFTWARE E LA FORNITURA DI SERVIZI PROFESSIONALI da MSC.SOFTWARE SRL (EMEA_Service_T&C s_it_default_aprile2011_version) 1 INTRODUZIONE. I presenti Termini e Condizioni

Dettagli

Concetti giuridici di base

Concetti giuridici di base Concetti giuridici di base Corso Nuove tecnologie e diritto 19 aprile 2006 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Che cos è il diritto Sistema di regole per risolvere i conflitti tra gli uomini. Si

Dettagli

Supponiamo che. La garanzia B2B: forniture di beni o servizi vendita e appalto. parere legale. parere legale garanzia b2b di Maurizio Iorio

Supponiamo che. La garanzia B2B: forniture di beni o servizi vendita e appalto. parere legale. parere legale garanzia b2b di Maurizio Iorio parere legale garanzia b2b di Maurizio Iorio parere legale La garanzia B2B: forniture di beni o servizi vendita e appalto Nel caso di fornitura B2B vi sono due tipi di garanzia: una legale, quasi totalmente

Dettagli

IMOLUG. OPEN SOURCE DIRITTO E IMPRESA: CASI E QUESTIONI 3 novembre 2007 Granarolo Faentino AVV. ANTONINO ATTANASIO CESENATICO

IMOLUG. OPEN SOURCE DIRITTO E IMPRESA: CASI E QUESTIONI 3 novembre 2007 Granarolo Faentino AVV. ANTONINO ATTANASIO CESENATICO IMOLUG OPEN SOURCE DIRITTO E IMPRESA: CASI E QUESTIONI 3 novembre 2007 Granarolo Faentino AVV. ANTONINO ATTANASIO CESENATICO GPL Giuridicamente, il software libero non è un software senza diritti: esso

Dettagli

Parte Speciale N : I reati in materia di violazione del diritto d autore. Codice documento: MOG 231 - PSN

Parte Speciale N : I reati in materia di violazione del diritto d autore. Codice documento: MOG 231 - PSN Parte Speciale N : I reati in materia di violazione del diritto d autore Codice documento: MOG 231 - PSN COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLVOIP CLOUD IN MODALITA' HOSTING

CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLVOIP CLOUD IN MODALITA' HOSTING CONDIZIONI GENERALI DI EROGAZIONE DEL SERVIZIO ALLVOIP CLOUD IN MODALITA' HOSTING Art. 1 - Definizioni e documenti applicabili 1.1 Le presenti Condizioni Generali e la Proposta di Attivazione (di seguito

Dettagli