Profili fiscali dell e-commerce di Stefano Setti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profili fiscali dell e-commerce di Stefano Setti"

Transcript

1 Profili fiscali dell e-commerce di Stefano Setti Art. 7-ter del D.P.R. n. 633/1972 Abstract - Per commercio elettronico si intendono quelle attività dirette allo svolgimento di transazioni per via elettronica. Tale commercio ai fini della territorialità IVA, in linea di principio, segue le regole dettate per i servizi generici di cui all art. 7-ter del DPR n. 633/1972. Distinzione fra commercio elettronico diretto ed indiretto Per commercio elettronico diretto (c.d. e-commerce), si intendono le compravendite di beni immateriali digitali per meglio dire beni che non necessitano di supporti fisici per essere movimentati in quanto possono viaggiare, scomposti in bit, attraverso linee telefoniche, ed essere poi ricomposti nella memoria del computer (come ad es. software, immagini, testi, musica, film, ecc.). La transazione commerciale si perfezione online, quindi, la consegna del bene immateriale ovvero la prestazione del servizio da una parte ed il pagamento del corrispettivo dall altra vengono effettuate utilizzando canali telematici. Tali operazioni ai fini fiscali sono considerate prestazioni di servizi (si veda Direttiva 2006/112/CE e RM n. 274/E del 3 luglio 2008). Per commercio elettronico indiretto si intendono le compravendite di beni materiali per le quali la transazione commerciale avviene per via telematica mentre, necessariamente, la consegna fisica della merce avviene attraverso i canali tradizionali (tipicamente vettori ovvero spedizionieri). E-commerce Come stabilito dalla direttiva 7 maggio 2002, n. 2002/38/CE, la tassazione delle operazioni on-line, espressamente individuate dall allegato I del documento comunitario, deve avvenire tenendo presente che tali operazioni, siano esse prestazioni di servizi in senso stretto, ovvero fornitura di beni virtuali, rappresentano sempre, ai fini dell imposta sul valore aggiunto, delle prestazioni di servizi. L art. 7 del Regolamento UE n. 282/2011 ha fornito una dettagliata definizione dei "servizi prestati tramite mezzi elettronici" (c.d. e-commerce). Si tratta di quelli forniti attraverso Internet o una rete elettronica e la cui natura rende la prestazione essenzialmente automatizzata (quindi con un intervento umano minimo e impossibile da garantire in assenza della tecnologia dell informazione. Vengono inoltre elencati (anche nell allegato I al Regolamento stesso) i servizi che rientrano in tale definizione (ad esempio la fornitura di software, i servizi web quali la creazione di siti internet, o, ancora, l accesso, a pagamento, alle aste on line) e quelli, invece, che ne sono esclusi. Pagina 4 di 24

2 Servizi esclusi dall e-commerce Servizi di radiodiffusione, di televisione e telecomunicazione; la vendita di beni il cui ordine avviene elettronicamente; i CD, DVD e simili; il materiale stampato, come libri, bollettini, giornali o riviste; i servizi di professionisti, quali avvocati e consulenti finanziari, che forniscono consulenze ai clienti mediante la posta elettronica; i servizi di insegnamento a distanza tramite internet o una rete elettronica nonché quelli che comprendono esclusivamente corsi per corrispondenza, come quelli inviati per posta; i servizi di riparazione materiale off line delle apparecchiature informatiche; i servizi di conservazione dei dati off line; i servizi pubblicitari, ad esempio su giornali, manifesti e in televisione; i servizi di help-desk telefonico; i servizi tradizionali di vendita all asta che dipendono dal diretto intervento dell uomo, indipendentemente dalle modalità di offerta; i servizi di videofonia e i servizi telefonici forniti attraverso Internet; l accesso a Internet e al World Wide Web. Territorialità IVA per l e-commerce Le prestazioni di servizi rese tramite mezzi elettronici (e-commerce) se effettuate da prestatori soggetti passivi IVA stabiliti in Italia nei confronti di committenti soggetti passivi non stabiliti in Italia, sono considerate effettuate nel territorio dello Stato del committente estero e sono, quindi, escluse da IVA in Italia ex art. 7-ter, co. 1, lett. a), DPR N. 633/1972. Simmetricamente, nel caso in cui l acquirente del bene o il committente del servizio sia un soggetto passivo italiano e il prestatore non sia, invece, stabilito in Italia, il primo dovrà procedere a reverse charge od emettere autofattura per l applicazione dell IVA in Italia. Nel caso in cui il committente della prestazione di servizi informatici sia un privato della UE tali operazioni saranno tutte imponibili nel Paese del prestatore A questa regola generale fa eccezione il caso della prestazione di servizi resa tramite mezzi elettronici da soggetti passivi stabiliti al di fuori del territorio della Ue, a favore di committenti (sempre privati ) domiciliati in Italia o ivi residenti senza domicilio all estero: in questo caso la prestazione non è territorialmente rilevante nel Paese del prestatore, ma in Italia (art. 7-sexies, co. 1, lett. f, DPR n. 633/1972). NB: nel caso in cui l e-commerce sia effettuato nei confronti di soggetti passivi IVA stabiliti in altro Paese della UE diverso dall Italia torna l obbligo di presentazione degli elenchi INTRASTAT servizi. Pagina 5 di 24

3 Esemplificazione Prestatore Committente Regime IVA Modalità contabili Soggetto passivo IVA IVA del Paese della UE stabilito in altro Paese Reverse charge (da parte del dov è stabilito il della UE diverso committente UE) committente dall Italia Italiano (sogg. pass. IVA) Soggetto passivo IVA stabilito in altro Paese della UE diverso dall Italia Soggetto passivo IVA stabilito in un Paese extra UE Autofattura da parte del Soggetto passivo IVA soggetto extra UE (se vi è tale stabilito in un Paese IVA del Paese extra UE previsione normativa nel Paese extra UE extra UE) Privato della UE IVA in Italia Fattura del prestatore Privato extra UE IVA del Paese extra UE Verifica nel Paese extra UE degli adempimenti fiscali Italiano (sogg. passivo IVA) Italiano privato Italiano privato Italiano (sogg. passivo IVA) IVA in Italia IVA del Paese UE ove è stabilito il prestatore IVA in Italia IVA in Italia Reverse charge da parte del committente italiano Fattura del prestatore Fattura con IVA in Italia, previa identificazione diretta (se possibile) o rappresentante fiscale del soggetto extra UE Autofattura da parte del soggetto italiano Certificazione dei corrispettivi Per i beni immateriali (ovvero virtuali) le regole per la certificazione di corrispettivi sono le seguenti: acquirente privato (consumatore finale): obbligo di emissione della fattura entro e non oltre il momento del pagamento del corrispettivo; acquirente soggetto passivo IVA: obbligo di emissione della fattura entro e non oltre il momento del pagamento del corrispettivo. Nel caso in cui l acquirente sia un soggetto passivo IVA estero (UE ovvero extra-ue) la fattura andrà emessa all ultimazione del servizio. NB: la RM n. 274 del 3 luglio 2008 ha chiarito che i corrispettivi conseguiti nell ambito del commercio elettronico diretto devono essere fatturati. Il caso Domanda: siamo una società italiana che commercializza e-book. I nostri clienti sono nella maggior parte privati residenti in altri Paesi della UE diversi dall Italia. Qual è il corretto trattamento fiscale da applicare? Risposta: nel caso in esame la società italiana dovrà procedere ad emettere fatture con applicazione dell IVA (in misura ordinaria del 22%) in quanto l operazione è territorialmente rilevante nel Paese del prestatore. Pagina 6 di 24

4 ASPETTI CONTABILI E FISCALI DEL DIRITTO DI SUPERFICIE di M.L. Artt del Codice Civile N. 7 del 20 febbraio 2014 Abstract - Il diritto di superficie presenta delle specificità che non attengono solo ai profili contabili, ma che investono anche quelli fiscali. Le divergenze che sovente possono insorgere tra le due modalità di rappresentazione possono condurre all adozione di comportamenti non del tutto corretti. Nel presente scritto si opera una disamina delle problematiche che si presentano sia al concedente che al superficiario, dal punto di vista contabile e fiscale, sia in caso di costituzione di diritto di superficie a tempo determinato che di costituzione dello stesso a tempo indeterminato. Introduzione Il diritto di superficie appartiene alla categoria degli iura in re aliena, ovvero dei diritti su cosa altrui. Nel caso di specie si tratta di un diritto reale su cosa altrui, la cui costituzione provoca la separazione, all interno delle facoltà connesse al diritto di proprietà, per cui alcune vengono trasferite ad un soggetto diverso dal proprietario. Per effetto di tale spin off giuridico, il diritto di proprietà subisce, ovviamente, una compressione. Ai fini dell inquadramento civilistico bisogna fare riferimento all'art. 952 c.c., secondo cui il proprietario di un fondo può costituire a favore di un terzo (cd. superficiario) il diritto di erigere e mantenere una costruzione al di sopra di esso. La costituzione del diritto di superficie può avvenire: - a tempo determinato; - a tempo indeterminato. DIRITTO DI SUPERFICIE A TEMPO DETERMINATO DIRITTO DI SUPERFICIE A TEMPO INDETERMINATO Il concedente/proprietario, allo scadere del termine contrattualmente previsto, non solo torna pienamente proprietario dell'immobile oggetto del diritto di superficie, ma anche Il concedente/proprietario non tornerà mai pienamente proprietario dell immobile, per cui il diritto di proprietà sarà definitivamente compresso della costruzione realizzata sopra il terreno (a meno che non sia stata previamente rimossa dal superficiario) La durata del diritto di superficie incide anche sulla produzione degli effetti economici: - nella costituzione del diritto di superficie a tempo determinato, non essendovi una definitiva compressione del diritto di proprietà, gli effetti economici sono assimilabili a quelli derivanti da qualsiasi altra concessione di un diritto personale di godimento su un bene. Il corrispettivo, in tale ottica, è assimilabile ad un canone determinato in base alla durata della concessione. - nella costituzione del diritto di superficie a tempo indeterminato, l operazione possa assimilarsi ad una cessione del diritto di proprietà. Pagina 7 di 24

5 QUADRO GIURIDICO DI RIFERIMENTO Art. 952 Costituzione del diritto di superficie Il proprietario può costituire il diritto di fare e mantenere al di sopra del suolo una costruzione a favore di altri che ne acquista la proprietà. Del pari può alienare la proprietà della costruzione già esistente, separatamente dalla proprietà del suolo. Art. 953 Costituzione a tempo determinato Se la costituzione del diritto è stata fatta per un tempo determinato, allo scadere del termine il diritto di superficie si estingue e il proprietario del suolo diventa proprietario della costruzione. Art. 954 Estinzione del diritto di superficie L estinzione del diritto di superficie per scadenza del termine importa l estinzione dei diritti reali imposti dal superficiario. I diritti gravanti sul suolo si estendono alla costruzione, salvo, per le ipoteche, il disposto del primo comma dell art I contratti di locazione, che hanno per oggetto la costruzione, non durano se non per l anno in corso alla scadenza del termine. Il perimento della costruzione non importa, salvo patto contrario, l estinzione del diritto di superficie. Il diritto di fare la costruzione sul suolo altrui si estingue per prescrizione per effetto del non uso protratto per venti anni. Art. 955 Costruzioni al di sotto del suolo Le disposizioni precedenti si applicano anche nel caso in cui è concesso il diritto di fare e mantenere costruzioni al di sotto del suolo altrui. Art. 956 Divieto di proprietà separata delle piantagioni Non può essere costituita o trasferita la proprietà delle piantagioni separatamente dalla proprietà del suolo. Pagina 8 di 24

6 Aspetti contabili del diritto di superficie a tempo determinato In considerazione della diversa struttura del corrispettivo nei casi di costituzione a tempo determinato e a tempo indeterminato, il trattamento contabile dovrebbe seguire regole diverse nel rispetto del principio della prevalenza della sostanza sulla forma. Nel caso oggetto del presente paragrafo, ovvero della costituzione a tempo determinato, il trattamento contabile dovrebbe corrispondere a quello della concessione del godimento di un bene a terzi per un periodo limitato piuttosto che ad un atto traslativo. In particolare va tenuto conto di alcuni elementi relativi al concedente che: 1. si priva soltanto dell'esercizio di alcune facoltà connesse alla proprietà dello stesso; 2. mantiene le altre facoltà; 3. rientra nella piena titolarità del diritto al termine del periodo. In tale ottica lo stesso non deve stornare dal conto acceso al costo di acquisizione dell area la porzione del costo corrispondente al diritto di superficie temporaneamente ceduto. Il corrispettivo riconosciuto dal titolare del diritto di superficie, d altronde, non potrebbe essere qualificato come plusvalenza o minusvalenza. Essendo la fattispecie corrispondente ad una prestazione di servizi di durata, il corrispettivo darebbe luogo ad un ricavo pluriennale da imputare pro rata temporis al conto economico. Ove il corrispettivo fosse percepito in un unica soluzione, la ripartizione dovrebbe avvenire secondo la tecnica dei risconti passivi. In tal senso si richiama quanto espresso nel documento n. 16 dell'irdcec, in cui si chiarisce che nell'ipotesi di tempo determinato il contenuto economico del diritto è tale da non renderlo assimilabile dal punto di vista sia formale che sostanziale alla proprietà del fondo... è lecito concludere che l'operazione in questione generi in capo al concedente un ricavo di natura pluriennale di importo pari al corrispettivo riconosciuto dal superficiario. Si analizzano di seguito gli aspetti contabili in caso di: 1. costituzione di diritto di superficie a tempo determinato con corresponsione di un canone periodico; 2. costituzione di diritto di superficie a tempo determinato con pagamento una tantum; 3. costituzione di diritto di superficie a tempo indeterminato. Nel primo caso (costituzione a tempo determinato con canone periodico), nel documento interpretativo n. 1 del Doc. n. 12 dell OIC si prevede alternativamente: 1. l'iscrizione dei canoni di competenza nella voce B.8 del conto economico; 2. la capitalizzazione ove il periodo di pagamento dei canoni sia inferiore alla durata del diritto di superficie (unica possibilità ammessa da IRDCEC 16, in cui si invita in ogni caso ad effettuare la capitalizzazione e ammortamento della somma complessiva dei canoni periodici). La capitalizzazione sembra il trattamento più allineato alla fattispecie negoziale, in cui il concessionario, Pagina 9 di 24

7 sottoscrivendo il contratto, acquisisce il diritto a prescindere dalla corresponsione del prezzo. Il conto acceso al costo di competenza deve essere riepilogato alla voce B.8) Costi per godimento di beni di terzi. Ove si verifichi uno sfasamento tra numerari e lucrativi della gestione, bisognerà correggere tale sfasamento attraverso l iscrizione, alternativa: 1. di ratei passivi in caso di canoni posticipati; 2. di risconti attivi in caso di canoni anticipati. Il costo dei canoni sarà deducibile ai fini IRES da parte del superficiario, secondo la regola generale di cui all art. 109 TUIR. Si dà un esempio: Alfa S.p.A. paga un canone semestrale anticipato, in data 1 maggio 2014 e 1 novembre 2014 per godere di un diritto di superficie di durata ventennale su un area. Il canone periodico è pari a euro La scrittura di storno (dopo la riapertura generale dei conti) è la seguente: Canoni per diritti di superficie a Risconti attivi iniziali Di seguito le scritture al primo maggio: Diversi a Fornitori Canoni per diritti di superficie Iva a credito Fornitori a Banca c/c Di seguito le scritture al primo ottobre: Diversi a Fornitori Canoni per diritti di superficie Iva a credito Fornitori a Banca c/c Alla fine dell esercizio si avrà la seguente scrittura di assestamento: Risconti attivi finali a Canoni per diritti di superficie Di seguito lo Stato Patrimoniale di Alfa al 31 dicembre 2014: Pagina 10 di 24

8 STATO PATRIMONIALE ALFA spa 31 DICEMBRE 2014 D) Ratei e risconti attivi Di seguito il Conto economico di Alfa relativo all esercizio 2014: CONTO ECONOMICO ALFA spa 31 DICEMBRE 2014 B.B) Costi per godimento di beni di terzi Nel secondo caso (costituzione a tempo determinato con pagamento una tantum) il corrispettivo mantiene comunque, per il concedente, la natura di ricavo pluriennale. In tale ottica va suddiviso tra i diversi esercizi amministrativi interessati dalla cessione. Specularmente, per il superficiario, il costo sostenuto, costituendo il corrispettivo per godere appieno del diritto per un limitato periodo di tempo, deve concorrere alla formazione del risultato d'esercizio in stretta correlazione con la durata del diritto. Il trattamento contabile prescritto sia dall'oic, sia l'irdcec è quello della capitalizzazione del compenso erogato una tantum, attraverso: 1. l iscrizione nella voce B Altre immobilizzazioni immateriali dello Stato Patrimoniale, al momento della costituzione del diritto di superficie; 2. l ammortamento lungo la durata del diritto di godimento, attraverso il concorso al reddito della quota di ammortamento, riepilogata nella voce B.10.a) Ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali del Conto Economico. Si dà un esempio: Alfa S.p.A. corrisponde una tantum a Beta S.p.A. la somma di euro per la costituzione di un diritto di superficie su un area industriale (del costo di euro ) di durata ventennale. Di seguito gli effetti contabili per il concedente BETA: Clienti a Diversi Ricavi pluriennali da cessione diritti di superficie Iva a debito Banca c/c a Clienti A fine esercizio, in sede di scritture di assestamento, si ha: Pagina 11 di 24

9 Ricavi pluriennali da cessione diritti superficie a Risconti passivi pluriennali finali Di seguito lo Stato Patrimoniale di Beta al 31 dicembre 2014: STATO PATRIMONIALE BETA spa 31 DICEMBRE 2014 B.II) Immobilizzazioni materiali E) Ratei e risconti ) Terreni e fabbricati Di seguito il Conto economico di Beta relativo all esercizio 2014: CONTO ECONOMICO BETA spa 31 DICEMBRE 2014 A) Valore della produzione ) Altri ricavi proventi Di seguito gli effetti contabili per il superficiario ALFA SPA: Diversi a Fornitori Ricavi pluriennali da cessione diritti di superficie Iva a credito Fornitori a Banca c/c A fine esercizio, in sede di scritture di assestamento, si ha: Ammortamento diritto di superficie a Fondo ammortamento diritto superficie Di seguito lo Stato Patrimoniale di Alfa al 31 dicembre 2014: Pagina 12 di 24

10 STATO PATRIMONIALE BETA spa 31 DICEMBRE 2014 B.I.7)Altre immateriali Immobilizzazioni ) Terreni e fabbricati Di seguito il Conto economico di Alfa relativo all esercizio 2014: CONTO ECONOMICO BETA spa 31 DICEMBRE 2014 B.10.a) Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali Ai fini IRES, il costo potrà essere dedotto secondo le regole previste dall art. 103, comma 2, del TUIR: ovvero in misura corrispondente alla durata di utilizzazione prevista dal contratto o dalla legge. Da ciò deriva che: a) in caso di piano di ammortamento civilistico commisurato alla durata del godimento concessa nel contratto, non si avranno variazioni fiscali; b) in caso di piano di ammortamento civilistico più breve della durata del godimento concessa nel contratto, le quote iscritte in bilancio sono maggiori di quelle fiscali. Da ciò l emersione di: 1. variazioni fiscali in aumento per l eccedenza delle prime quote sulle seconde; 2. differenze temporanee deducibili. Nel terzo caso (costituzione a tempo indeterminato) il concedente si priva definitivamente di alcune facoltà connesse alla proprietà del bene, pertanto il concessionario potrà disporre a tempo indeterminato del suolo o del fabbricato su cui insiste la costruzione di sua proprietà. In tale ottica sarebbe corretto contabilizzare l operazione come se fosse una vera e propria cessione a titolo oneroso del diritto di proprietà, tale per cui: 1. il superficiario dovrebbe rilevare il bene altrui nelle proprie scritture contabili, 2. il nudo proprietario dovrebbe eliminare il bene nelle proprie scritture. In realtà : 1. il concedente: a) manterrà iscritto nel proprio Stato Patrimoniale il terreno, a prescindere dal fatto che sia stato costituito il diritto di superficie a tempo indeterminato. Ciò in conseguenza del fatto che il nostro sistema contabile prevede che i beni siano iscritti in bilancio in virtù della titolarità del diritto; b) dovrà rettificare il costo del terreno, tenendo conto del diritto di superficie; Pagina 13 di 24

11 c) dovrà rilevare il flusso di utilità derivante dalla porzione di proprietà immobiliare ceduta a tempo indeterminato. 2. il superficiario non dovrà iscrivere nulla tra le immobilizzazioni materiali dal momento che la rilevazione contabile, nonostante la sostanza economica dell operazione, non consente di trattare l operazione un acquisto del diritto di proprietà dell'immobile cui il diritto di superficie si riferisce. Al contrario, il costo della proprietà superficiaria è iscritto in un apposito conto e non forma oggetto di ammortamento. Se sul terreno verrà realizzato un fabbricato, il costo di tale bene verrà iscritto in apposito conto e, ove possibile sarà oggetto di ammortamento. In tale ultimo caso: a) Si dovrà operare il riepilogo dei due conti relativi al terreno e al fabbricato nella voce omnicomprensiva B.II.1) Terreni e fabbricati dell attivo dello stato patrimoniale civilistico. b) il conto acceso alla quota di ammortamento annuo del fabbricato sarà riepilogato nella voce B.10.b) Ammortamenti delle immobilizzazioni materiali del conto economico civilistico. Si danno due esempi: I) Alfa S.p.A. acquista nel 2014 da Beta S.p.A., a tempo indeterminato, per un valore di euro , il diritto di superficie su un area industriale. Il costo storico del terreno è stato pari a , mentre il valore corrente è pari a In tal modo si ha che: 1. il valore del costo storico del diritto di superficie è ( x / ); 2. la plusvalenza è pari a ( ); 3. il valore residuo del terreno è pari a ( ). Di seguito lo Stato Patrimoniale di Beta al 31 dicembre 2014: STATO PATRIMONIALE BETA spa 31 DICEMBRE 2014 B.II) Immobilizzazioni materiali ) Terreni e fabbricati Di seguito il Conto economico di Beta relativo all esercizio 2014: CONTO ECONOMICO BETA spa 31 DICEMBRE 2014 E.20) Proventi straordinari II) Alfa S.p.A. corrisponde una tantum a Beta S.p.A. la somma di euro per la costituzione di un diritto di superficie su un area industriale. Sull area c è un fabbricato il cui costo è di euro e il cui ammortamento è previsto in 25 anni. L aliquota di ammortamento civilistica e quella fiscale coincidono. Pagina 14 di 24

12 Di seguito lo Stato Patrimoniale di Alfa al 31 dicembre 2014: N. 7 del 20 febbraio 2014 STATO PATRIMONIALE BETA spa 31 DICEMBRE 2014 B.II.1)1) Terreni e fabbricati Aspetti fiscali del diritto di superficie L'impostazione tradizionalmente condivisa dall'agenzia delle entrate diverge dal trattamento contabile in quanto equipara totalmente la costituzione del diritto di superficie alla cessione a titolo oneroso del diritto di proprietà. Tale equiparazione si fonda sul disposto dell'art. 9, comma 5, del T.U.I.R., secondo cui ai fini delle imposte sui redditi le disposizioni relative alle cessioni a titolo oneroso valgono anche per gli atti a titolo oneroso che importano costituzione o trasferimento di diritti reali di godimento. Di conseguenza, per il concedente, il corrispettivo maturato a fronte della costituzione del diritto di superficie deve concorrere interamente alla formazione del reddito d'impresa imponibile del concedente, ai sensi dell'art. 109, comma 2, lett. a), del T.U.I.R, nell'esercizio in cui l atto di costituzione del diritto viene stipulato ovvero alla data in cui si verifica l'effetto costitutivo del diritto reale, se diversa. Il corrispettivo potrebbe dare luogo a: 1. ricavo se relativo ad un immobile-merce ; 2. plusvalenza se afferente ad un immobile iscritto tra le immobilizzazioni materiali (in tal caso con possibilità di rateizzazione secondo quanto previsto dall'art. 86, comma 4, del T.U.I.R). Ciò comporta che in caso di diritto di superficie costituito a tempo determinato si generi un disallineamento tra l'assetto contabile (che qualifica il relativo corrispettivo in termini di provento pluriennale, da ripartire per tutta la durata del diritto di godimento) e l'assetto fiscale che prevede che il corrispettivo sia tassabile interamente nell esercizio di costituzione dello stesso. REGOLA CONTABILE REGOLA FISCALE RIPARTIZIONE DEL PROVENTO PLURIENNALE PER LA DURATA DEL DIRITTO DISALLINEAMENTO TASSAZIONE NELL ESERCIZIO DI COSTITUZIONE DEL DIRITTO Il disallineamento obbliga il proprietario/concedente ad operare in dichiarazione dei redditi: 1) una variazione in aumento nell'esercizio di costituzione del diritto (per un importo pari alla differenza tra l'ammontare imponibile del provento e l'importo dello stesso imputato a conto economico; 2) variazioni in diminuzione negli esercizi successivi per un importo complessivamente corrispondente a quello della variazione in aumento Pagina 15 di 24

13 L estinzione del diritto di superficie a tempo determinato, comporta la ricostituzione dell originaria situazione di pieno dominio e, la sua estensione alle opere realizzate dal superficiario. Ciò costituisce un acquisto del diritto di proprietà a titolo originario, ma non integra una fattispecie fiscalmente rilevante, dal momento che il citato articolo 9 del TUIR riconduce effetti fiscali solo alla nascita del diritto (costituzione) o alle sue cessioni. Per i soggetti IVA, la costituzione di un diritto di superficie è equiparata alla cessione di un bene immobile in base all art. 2 del D.P.R. 633/1972, con esclusione da IVA per i terreni non suscettibili di utilizzazione edificatoria di cui alla lett. c ), comma 3, del predetto art. 2, esenzione nei casi previsti per i fabbricati dai punti 8- bis e 8- ter dell art. 10 del D.P.R. 633/1972 e imponibilità ad aliquota IVA ordinaria negli altri casi. Il superficiario dovrà distinguere tra diritto di superficie a tempo determinato e diritto di superficie a tempo indeterminato: 1. in caso di acquisto del diritto di superficie a tempo indeterminato, data l assimilazione dell operazione all acquisto in proprietà del terreno, si applica la disciplina recata dall art. 36, commi 7 e seguenti, del D.L. 223/2006, per cui ai fini del calcolo delle quote di ammortamento deducibili, il costo complessivo dei fabbricati strumentali è assunto al netto del costo delle aree occupate dalla costruzione e di quelle che ne costituiscono pertinenza. 2. in caso di acquisto del diritto di superficie a tempo determinato le regole dipenderanno dalle modalità di corresponsione del corrispettivo: a) in caso di corresponsione di canoni annuali, il costo sarà deducibile secondo i criteri stabiliti dall art. 109 del TUIR. b) in caso, di pagamento una tantum, la deduzione del costo sostenuto dal superficiario dovrà essere effettuata secondo la regola di cui all art. 103, comma 2, del TUIR. In altri termini le quote di ammortamento del costo dei diritti di concessione e degli altri diritti iscritti nell attivo del bilancio saranno dedotte in misura corrispondente alla durata di utilizzazione prevista dal contratto o dalla legge. Dunque il trattamento fiscale dipenderà dal piano di ammortamento civilistico: I. in caso di piano di ammortamento civilistico corrispondente alla durata del godimento concessa nel contratto, non si avrà nessuna variazione fiscale; II. in caso di piano di ammortamento civilistico di durata più breve rispetto a quella della durata del godimento concessa nel contratto, le quote iscritte in bilancio risulteranno maggiori di quelle fiscali, con l emersione di un disallineamento. Pertanto si dovranno apportare, in dichiarazione, le variazioni in aumento. Pagina 16 di 24

Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con

Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Fiscalità 2015: Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con In collaborazione con Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Dettagli

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE

LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Circolare N. 70 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 8 ottobre 2010 LA NUOVA TERRITORIALITA IVA DELLE PRESTAZIONI DI E-COMMERCE Per commercio elettronico diretto sono da intendersi le operazioni

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI

E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI E-COMMERCE TERRITORIALITA NELLE OPERAZIONI FABRIZIO DOMINICI Dottore commercialista in Rimini www.dominiciassociati.com Via Marecchiese 314/d 47822 Rimini f.dominici@dominiciassociati.com DEFINIZIONE

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi

OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi OIC 18 Ratei e Risconti Sintesi dei principali interventi La disciplina dei ratei e risconti è ampliata prevedendo ulteriori disposizioni sulle condizioni per la loro rilevazione in bilancio. La disciplina

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI

LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI LEASING: LE SCRITTURE CONTABILI Acquisto Il contratto di leasing è uno degli strumenti che viene comunemente utilizzato dalle imprese per procedere all acquisto di beni strumentali. Sono previste due possibili

Dettagli

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss)

Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) Lo sportello Unico per i servizi telematici (Moss) E-commerce: regime fiscale Iva Il commercio elettronico indiretto Il commercio elettronico diretto Il Mini Sportello Unico Dott. Alberto Perani 1 E-commerce:

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti

E-COMMERCE ASPETTI IVA. A Cura di Antonio Gigliotti E-COMMERCE ASPETTI IVA A Cura di Antonio Gigliotti Indice Indice 1. COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO E INDIRETTO 1.1. Commercio elettronico diretto e indiretto Pag. 2 2. COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO Pag.

Dettagli

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015

Fiscal News N. 52. Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015. La circolare di aggiornamento professionale 16.02.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 16.02.2015 Novità per l e-commerce diretto dal 01.01.2015 Dal 01.01.2015 molte le novità per il commercio elettronico diretto B2C. Categoria:

Dettagli

Contributi regionali per la certificazione di qualità

Contributi regionali per la certificazione di qualità Agevolazioni & Incentivi Contributi regionali per la certificazione di qualità I contributi regionali (o in c/capitale) per la certificazione di qualità sono compatibili con gli incentivi fiscali per la

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie

Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Contabilizzazione delle riduzioni di canoni di locazione per impegni del conduttore all'esecuzione di lavori e migliorie Si illustra il trattamento

Dettagli

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Circolare N. 26 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 5 aprile 2011 LE SPESE DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE Nelle aziende, specie in quelle industriali, rivestono una notevole importanza i costi di

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

Quale documentazione attesta la vendita on line

Quale documentazione attesta la vendita on line Conferenza organizzata dall Associazione ICT Dott.Com Quale documentazione attesta la vendita on line Direzione Regionale del Piemonte a cura di Sandra Migliaccio Ufficio Fiscalità Generale 1 22 novembre

Dettagli

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI

GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati GESTIONE DEI CESPITI GESTIONE dei CESPITI- 20 Ottobre 2015 Docente: Dott.ssa SARA BONINSEGNA - Studio Boninsegna Commercialisti Associati PROGRAMMA DEL CORSO CESPITI - TERZA PARTE Gestione dei cespiti Le immobilizzazioni materiali

Dettagli

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO N. 191 TRATTAMENTO AI FINI FISCALI DEL CONTRATTO RENT TO BUY DI IMMOBILI Massima

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI

II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI CONTABILITA GENERALE 16 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 3 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 11/2015

NOTA OPERATIVA N. 11/2015 NOTA OPERATIVA N. 11/2015 OGGETTO: Il trattamento contabile e fiscale di software e siti web aziendali - Premessa La presente nota operativa riguarda un tema complesso e di non facile applicazione pratica:

Dettagli

Nota Integrativa CONSORZIO GROSSETO LAVORO. Bilancio abbreviato al 31/12/2011. Introduzione alla Nota integrativa. Criteri di formazione

Nota Integrativa CONSORZIO GROSSETO LAVORO. Bilancio abbreviato al 31/12/2011. Introduzione alla Nota integrativa. Criteri di formazione CONSORZIO GROSSETO LAVORO (consorzio costituito ai sensi dell'art. 2602 e seg. del Codice Civile) Sede Legale: VIA CAIROLI 3 GROSSETO (GR) Iscritta al Registro Imprese di: GROSSETO C.F. e numero iscrizione:

Dettagli

Bilancio abbreviato al 31/12/2011

Bilancio abbreviato al 31/12/2011 LAMETIASVILUPPO SCRL Sede Legale: C.DA MADDAMMA LAMEZIA TERME (CZ) Iscritta al Registro Imprese di: CATANZARO C.F. e numero iscrizione: 02582730798 Iscritta al R.E.A. di CATANZARO n. 170344 Capitale Sociale

Dettagli

SERVIZIO SOGGETTO PASSIVO STABILITO O NON STABILITO NEL TERRITORIO DELLO STATO

SERVIZIO SOGGETTO PASSIVO STABILITO O NON STABILITO NEL TERRITORIO DELLO STATO SEXIES - TERRITORIALITÀ - DISPOSIZIONI SPECIALI RELATIVE A TALUNE PRESTAZIONI DI SERVIZI RESE A COMMITTENTI NON SOGGETTI PASSIVI L art. 7 sexies individua tutta una serie di prestazioni che si considerano

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI

LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI Circolare N. 32 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 aprile 2011 LA RILEVAZIONE DI RATEI E RISCONTI I ratei costituiscono quote di ricavi o costi di competenza dell esercizio ma la cui manifestazione

Dettagli

RENT TO BUY Cos è? IL «RENT TO BUY» OVVERO LA «LOCAZIONE PREPARATORIA ALL ACQUISTO»

RENT TO BUY Cos è? IL «RENT TO BUY» OVVERO LA «LOCAZIONE PREPARATORIA ALL ACQUISTO» Cos è? IL «RENT TO BUY» OVVERO LA «LOCAZIONE PREPARATORIA ALL ACQUISTO» è un programma preparatorio all acquisto con il quale due parti si accordano per trasferire il godimento di un bene immobile a fronte

Dettagli

Il Leasing Finanziario.

Il Leasing Finanziario. Leasing Finanziario e Leasing Operativo: elementi distintivi e principali differenze. di Pietro Bottani e Massimiliano Meoni Dottori Commercialisti in Prato Premessa. La formula del finanziamento in leasing,

Dettagli

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08

CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 CIRCOLARE N.1 2010 LE NUOVE REGOLE IVA SULLA TASSAZIONE DEI SERVIZI NEI RAPPORTI CON L ESTERO : LA DIRETTIVA 8/08 Con la presente, si intende dare un informativa di massima sulla nuova normativa che dal

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing

Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Profili contabili e fiscali della nuova disciplina dei contratti di leasing Disciplina fiscale e relativi effetti contabili Ambito temporale di applicazione della nuova disciplina Art. 1, comma 163, della

Dettagli

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF

UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Seminario LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLE SOCIETÀ Arezzo 20 maggio 2008 Firenze 22 maggio 2008 Pisa 28 maggio 2008 UNICO 2008 - Le novità del Quadro RF Dott. Fabio Giommoni Le novità della dichiarazione

Dettagli

BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014

BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014 10408 ASSODOM Data di stampa 24/03/2015 VIALE GRAN SASSO 11 20100 MILANO MI Pagina 1 C.F. 02676930981 P.IVA 02676930981 BILANCIO 4 SEZIONI ESERCIZIO 2014 ATTIVITA' STATO PATRIMONIALE PASSIVITA' Saldo non

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Dott. Turrina Walter Rag. Poltronieri Davide Dott. Lanza Federica Studio Commercialisti Associati Commercialista Revisore Contabile Commercialista Consulente del Lavoro AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare

Dettagli

Il leasing in Nota integrativa

Il leasing in Nota integrativa Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 18 19.05.2014 Il leasing in Nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Le operazioni di leasing

Dettagli

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI

REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI REDDITI DI IMPRESA (considerazioni generali ed alcuni casi specifici) -DOTT. FABIO RAPELLI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE Esercizio di attività commerciali (art. 2195 c.c.): - attività industriale diretta alla

Dettagli

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara VALUTAZIONE CIVILISTICA DEI CREDITI REQUISITI PER LA

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Le immobilizzazioni materiali Definizione e riferimenti Definizione: Le immobilizzazioni sono gli elementi patrimoniali destinati ad essere

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef

La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana La convenienza ad esercitare l opzione Irap per i soggetti Irpef Premessa Il D.Lgs. n.446/97 distingue i criteri di determinazione della base

Dettagli

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_17457_rinnovabili-fotovoltaico-fotovoltaico-agenzia-delle-entrate-rendite-catastali-impianti-fvoltre-i-3-kw-accatastabili-presentata-interrogazione-alla-camera.html

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

RATEI ATTIVI E PASSIVI

RATEI ATTIVI E PASSIVI RATEI ATTIVI E PASSIVI Costituiscono ratei attivi o passivi rispettivamente i crediti o debiti, relativi a ricavi o costi di competenza dell esercizio che si chiude e di esercizi successivi, i quali avranno

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 4/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa Roma, 19 febbraio 2015 OGGETTO: Regime fiscale applicabile, ai fini delle imposte dirette e delle imposte indirette, ai contratti di godimento in

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011

Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Francesco Facchini * Beni in concessione: le novità della Manovra estiva 2011 Il D.L. n.98/11, convertito dalla L. n.111/11, ha apportato

Dettagli

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario

Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Pratica di bilancio Il caso del mese di Fabio Giommoni * Il trattamento contabile della cessione dei contratti di leasing finanziario Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA

ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING. Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Gianluca De Candia Direttore operativo ASSILEA 1 ASPETTI FISCALI E CONTABILI DEL LEASING Le modifiche della Finanziaria 2008 Il regime IRES per l impresa utilizzatrice

Dettagli

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1

Area Contabilità EFFETTI CONTABILI DELLA DETRAIBILITA DELL IVA 1 In questo intervento si intendono esaminare le conseguenze di natura contabile, civilistica e fiscale che si generano per effetto dell indetraibilità (sia essa totale o parziale) dell Iva assolta sugli

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: ATM Spa Capitale sociale: 696.800,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: Via Leonardo da Vinci 13 PIOMBINO LI sì

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212

OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 RISOLUZIONE N. 112/E Roma, 28 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 La Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia

Dettagli

Anno 2010 N. RF169. La Nuova Redazione Fiscale SNC/SAS SCIOGLIMENTO PER MANCANZA DI PLURALITÀ DEI SOCI

Anno 2010 N. RF169. La Nuova Redazione Fiscale SNC/SAS SCIOGLIMENTO PER MANCANZA DI PLURALITÀ DEI SOCI ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF169 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO SNC/SAS SCIOGLIMENTO PER MANCANZA DI PLURALITÀ DEI SOCI RIFERIMENTI Art. 2272 COD. CIV. - CM 54/2002;

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE

NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE NOTA INTEGRATIVA BILANCIO CONSUNTIVO 2010 AUSER VOLONTARIATO PIEMONTE AUSER PIEMONTE ONLUS NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2010 PREMESSA L'Associazione è: 1. ONLUS di diritto ai sensi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 232/E

RISOLUZIONE N. 232/E RISOLUZIONE N. 232/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,22 agosto 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Art. 109, comma 1, del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 Costi deducibili ALFA S.p.A- Con l

Dettagli

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

METELLIA SERVIZI SRL UNIPERSONALE. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2014. redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CAVA DE' TIRRENI viale GUGLIELMO MARCONI, 52 Capitale Sociale versato e 100.000,00 C.C.I.A.A. SALERNO n. R.E.A317123 Partita IVA: 03734100658 Codice Fiscale: 03734100658 Nota Integrativa al bilancio

Dettagli

Le imposte nell informativa di bilancio

Le imposte nell informativa di bilancio Le imposte nell informativa di bilancio 1 Le imposte valutazione e fonti Per la valutazione delle imposte sul reddito si devono rispettare i criteri generali che sono alla base della determinazione di

Dettagli

Cessioni e acquisti via WEB

Cessioni e acquisti via WEB Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 115 16.04.2014 Cessioni e acquisti via WEB Commercio elettronico indiretto e Commercio elettronico diretto Novità dal 1 Gennaio 2015 - Categoria:

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it

SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI. GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it SCORPORO DEL VALORE DEI TERRENI DA QUELLO DEI FABBRICATI GIANCARLO GROSSI dottore commercialista giancarlo.grossi@odc.pescara.it RIFERIMENTI NORMATIVI E PRASSI Fonte normativa Art. 36 commi 7-8 legge 4

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

FONDAZIONE CRESCI@MO

FONDAZIONE CRESCI@MO FONDAZIONE CRESCI@MO Sede in 41123 MODENA (MO) VIA CRISTOFORO GALAVERNA 8 Codice Fiscale 03466300369 - Numero Rea MO 390164 P.I.: 03466300369 Capitale Sociale Euro 50.000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette. Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott.

Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette. Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott. Il Rent to Buy Aspetti contabili e disciplina fiscale: imposte dirette ed indirette Dott.ssa Mariateresa Arcuri e Dott. Andrea Sfarra Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Firenze, 07 maggio 2015

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 07 11.02.2014 Il leasing per le auto A cura di Devis Nucibella Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette La disposizione di riferimento per l individuazione

Dettagli

OGGETTO: articolo 30, comma 3, lett. c) del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 rimborso IVA per acquisto di beni ammortizzabili

OGGETTO: articolo 30, comma 3, lett. c) del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 rimborso IVA per acquisto di beni ammortizzabili RISOLUZIONE N. 179/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 dicembre 2005 OGGETTO: articolo 30, comma 3, lett. c) del d.p.r. 26 ottobre 1972, n. 633 rimborso IVA per acquisto di beni ammortizzabili

Dettagli

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista Livorno, 9 Maggio 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l affiliazione ad

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

2. IMMOBILI MERCE, IMMOBILI STRUMENTALI E IMMOBILI PATRIMONIO

2. IMMOBILI MERCE, IMMOBILI STRUMENTALI E IMMOBILI PATRIMONIO 2. IMMOBILI MERCE, IMMOBILI STRUMENTALI E IMMOBILI PATRIMONIO 2.4.3 Gli aspetti fiscali degli immobili patrimonio In ordine alla determinazione del reddito imponibile, ai sensi dell art. 90, comma 1 del

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO

BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO BILANCIO 2011: LA GESTIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE NEL BILANCIO Il principio contabile OIC n.25 stabilisce che i debiti per le singole imposte dell'esercizio siano imputati in bilancio al netto di eventuali

Dettagli

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario

OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario OPERAZIONE DI LOCAZIONE FINANZIARIA Leasing Finanziario Le operazione di locazione finanziaria, nonostante la loro ampia diffusione, non hanno mai ricevuto una organica disciplina giuridica, consentendo

Dettagli