Una introduzione ai sistemi informativi sanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una introduzione ai sistemi informativi sanitari"

Transcript

1 Una introduzione ai sistemi informativi sanitari Stefano Bonacina, PhD 1

2 Indice Indice...2 Definizione e breve introduzione sui sistemi informativi...3 Il caso del sistema informativo sanitario di un ipotetico Istituto...8 Un calcolo significativo...9 L unità operativa SI nell organigramma dell istituto...10 Risorse Umane...11 Risorse Hardware e Sistemi Operativi...12 Il Sistema Informativo Centrale e quelli Dipartimentali...13 Data Mining...15 Disaster Recovery/Prevention e Sistemi di Backup...18 Introduzione ai sistemi PACS...27 Schema di un HIS con l introduzione del sistema PACS...35 Una possibile configurazione di INTRANET...36 La topologia iniziale della INTRANET...38 La topologia avanzata della INTRANET...39 Il cluster di Microsoft Windows NT...40 Il cluster implementato...42 Glossario...43 Bibliografia...45 Stefano Bonacina, PhD 2

3 Definizione e breve introduzione sui sistemi informativi Un sistema informativo può essere definito come l insieme delle attività e delle strutture che si occupano di gestire i flussi delle informazioni all interno di un organizzazione, siano esse elaborate manualmente od elettronicamente [Bracchi, 1996][Atzeni, 1999]. Il concetto di sistema informativo viene quindi definito a prescindere dal fatto che nello svolgere le funzioni di trattamento dei dati ci si avvalga o meno di strumenti informatici. [Portoni, 1998] Stefano Bonacina, PhD 3

4 Per sistema informatico si intende invece un sistema di raccolta e gestione dei dati nel tempo (memorizzazione), nello spazio (trasmissione), nella forma (elaborazione); esso è quindi preposto a svolgere, in modo efficiente, un certo numero di funzioni richieste dal sistema informativo. In particolare, in un sistema informatico, le funzioni di archiviazione e gestione delle informazioni vengono espletate mediante sistemi di gestione di basi di dati (Database Management System - DBMS). [Portoni, 1998] Stefano Bonacina, PhD 4

5 Al termine vista, o view, in ambito informatico viene attribuito un significato particolare: la vista è considerata in senso lato una particolare visione di una base di dati. Una vista può essere un sottoinsieme della base di dati o può contenere dati virtuali, cioè dati derivanti dalle informazioni contenute nella base di dati, ma non esplicitamente memorizzate in essa [Elmasri, 2000]. Stefano Bonacina, PhD 5

6 Per Sistema Informativo Sanitario (SIS) si intende il sistema parziale che in un ente sanitario, quale ad esempio un ospedale, svolge tutte le funzioni di elaborazione e di archiviazione delle informazioni ad esso relative [Winter, 1994]. L impiego delle viste nell ambito delle basi si dati cliniche consente di: 1. definire dei profili di potenziali utenti della base di dati (ad esempio medici specialisti, studenti delle scuole di specializzazione, medici di base, personale paramedico, personale amministrativo, e così via) e fornire un organizzazione delle informazioni cliniche di loiro interesse pertinente alla loro prospettiva (terapia intensiva, reparto ospedaliero, medicina di base e preventiva, ricerca statisticoepidemiologica su dati aggregati relativi a differenti popolazioni di pazienti, e quant altro); 2. definire autorizzazioni di accesso ai dati funzionali al contesto; 3. integrare in un unico schema dati provenienti da diverse ed eterogenee basi di dati cliniche locali. [Portoni, 1998] Stefano Bonacina, PhD 6

7 I sistemi per la gestione di basi di dati cliniche, esempio di basi di dati multi-utente i cui utilizzatori abbiano potenzialmente differenti ruoli e scopi, devono quindi supportare strumenti che rendano possibile la definizione di viste multiple [Elmasri, 2000]. Al fine di consentire inoltre l accesso remoto ai dati, Intranet, Internet ed il WWW appaiono come tecnologie strategiche per lo sviluppo dei sistemi informativi sanitari della nuova generazione. Tali tecnologie consentono infatti l integrazione di sistemi distribuiti e la consultazione remota di informazioni cliniche attraverso applicazioni multipiattaforma e dotate di un interfaccia utente avanzata e interattiva. [Portoni, 1998] Stefano Bonacina, PhD 7

8 Il caso del sistema informativo sanitario di un ipotetico Istituto Dati Generali Nome aaaaaaaaaa Indirizzo aaaaaaaaaaa Tipo di istituto Specialistico + Ricerca Superficie mq Numero piani 5 di cui 1 interrato Numero posti letto 226 Numero dipendenti 700 persone Numero frequentatori 300 persone Numero dei componenti staff SI 6 dipendenti + 2 consulenti (= 8 per 1000 ) Numero di ricoveri (nell anno 2003) Numero visite ambulatoriali (nell anno 2003) Istituti collegati Laboratorio 1 - Analisi Istituto Specialistico 1 Istituto Specialistico 2 Stefano Bonacina, PhD 8

9 Un calcolo significativo Dai dati in tabella è possibile calcolare il tempo medio di degenza (in giorni) di ciascun ricovero, cioè il tempo di occupazione medio di un singolo posto letto. numero _ ri cov eri _ annuali deg enza _ media = 365 = 365 7giorni numero _ posti _ letto 226 Ogni posto letto ospita annualmente = 54 pazienti Supponendo che il costo giornaliero di un ricoverato sia di 600 Euro, i costi relativi alla sola degenza (cioè escluse cure ed interventi) dei pazienti per l anno 2003 risulta di: 600 (euro/giorno) x 7 (giorni) x (ricoveri/anno) = (euro/anno) più di 51 milioni di euro l anno! 226 Stefano Bonacina, PhD 9

10 L unità operativa SI nell organigramma dell istituto DIRETTORE GENERALE SISTEMI INFORMATIVI RICERCA (es. BIOLOGIA MOLECOLARE) Nell istituto in questione l unità operativa (U.O.) Sistemi Informativi (SI) è un ufficio di staff della Direzione Generale, cioè dipende direttamente da essa e non tramite altri uffici, tipicamente la Direzione Amministrativa. Nello schema sopra si mostra come anche la parte di sistemi informativi dell istituto è distinta dalla corrispondente parte riguardante l area della ricerca, la quale comunque dipende direttamente dalla Direzione Generale. Stefano Bonacina, PhD 10

11 Risorse Umane Le risorse umane che appartengono alla U.O. Sistemi Informativi sono 8 unità così ripartite: 2 consulenti; 6 dipendenti: 2 ingegneri o 1 Responsabile della U.O. che è anche responsabile della tutela della privacy nell istituto; o 1 che si occupa del sistema clinico: acquisto, installazione, creazione applicativo; 4 diplomati o 2 per help desk; o 1 che si occupa della Intranet e del laboratorio; o 1 che si occupa del SAP (System Application Programming) sistema di gestione amministrativa. Commento: 6 persone a tempo pieno e 2 consulenti; in tutto 8 persone sulle 1000 presenti in istituto. Stefano Bonacina, PhD 11

12 Risorse Hardware e Sistemi Operativi Supponiamo che l Istituto in questione abbia le risorse Hardware e Software riportate nella seguente tabella Numero di Server 10 Numero di Personal Computer 500 Numero di Personal Computer per l area 50 (Mac) ricerca Memoria di massa globale 400 giga byte Sistemi Operativi INTRANET Velocità trasmissiva Windows NT UNIX Linux NETBSD VMS 100 Mbit/sec Stefano Bonacina, PhD 12

13 Il Sistema Informativo Centrale e quelli Dipartimentali Nel caso in studio la tendenza è quella di centralizzare i dati, cioè conservarli sul sistema centrale, ad esclusione dei dati che non sono di interesse generale (dati che riguardano i servizi ad un reparto). Ad esempio il sistema di refertazione della radiologia (sistema informativo dipartimentale) RIS, attraverso la Intranet, spedisce i referti (con anche le immagini) sul sistema centrale il quale rende disponibili tali informazioni ai clinici autorizzati. I sistemi informativi dipartimentali trattano referti, immagini, segnali biomedici. La domanda da tenere presente è la seguente: Chi ha diritto a mettere che cosa sul sistema centrale? Stefano Bonacina, PhD 13

14 Singoli servizi di reparto Sistema Informativo di reparto Reparto = UTENTE/CLIENTE Servizi di reparto = FORNITORE Con lo schema sopra si vuole porre la questione: quali informazioni sono destinate al sistema centrale (Hospital Information System)? L inviluppo oppure solo quello che riguarda la parte di sistema informativo di reparto? Prendo i soli dati di interesse clinico riguardante il reparto, che nello schema sono le intersezioni tra l ellisse grande (il sistema informativo di reparto) e gli ellissi piccoli (singoli servizi di reparto). Il sistema informativo dell istituto verrà arricchito con un PACS (Picture Archiving and Communication System) si veda più avanti. Stefano Bonacina, PhD 14

15 Data Mining Il termine data mining viene utilizzato per caratterizzare tecniche di ricerca dell informazione nascosta nei dati di una DW (Data Warehouse). [Atzeni, 1999] Una DW contiene dati che vengono estratti da uno o più sistemi, detti data source ; le data source includono una vasta tipologia di sistemi, comprendenti anche raccolte dati non gestite tramite DBMS oppure gestite da DBMS di vecchia concezione (i cosiddetti legacy system). [Atzeni, 1999] Con tecniche DM di si possono effettuare indagini sul numero di accessi alle cartelle cliniche informatizzate dei pazienti, sulle durate delle sessioni di lavoro, sul numero ed il tipo di informazioni stampate, da parte del personale medico e paramedico: non ha limiti e vincoli da rispettare oltre a quelli posti dal codice deontologico e dalla legge sulla tutela della privacy. In alcuni istituti degli Stati Uniti invece, tali informazioni vengono registrate e analizzate per perseguire maggior efficienza nella pratica clinica e per scoprire usi impropri e situazioni insolite. [Atzeni, 1999] Stefano Bonacina, PhD 15

16 Formazione continua del Personale Nel Decreto Legislativo 19 giugno 1999 viene istituzionalizzato il principio della Formazione Continua, intendendosi con tale termine quell attività diretta ad adeguare per tutto l arco della vita lavorativa le conoscenze e il comportamento professionale, e finalizzata a migliorare le competenze tecniche e manageriali degli operatori sanitari al progresso scientifico e tecnologico. Esempio di casi possibili Il personale della U.O. Sistema Informativi non segue/segue un regolare piano di formazione permanente. Nel caso non ci sia un piano di formazione ben definito i momenti formativi riguardano lo studio di nuove strumentazioni hardware e/o applicazioni software per stabilire se rispondono alle esigenze dell azienda (parte amministrativa e sanitaria) e sono compatibili con quanto già in dotazione, eseguirne la corretta installazione, e successivamente addestrare l utente finale. Il personale della U.O. Sistema Informativi dedica pochi giorni l anno (6) per training del personale (sanitario e non) destinato ad usare un determinato applicativo. Stefano Bonacina, PhD 16

17 Il day-by-day (= interventi da eseguire non preventivati e impredicibili) assorbe molto del tempo a disposizione del personale stesso (6 persone per gestire 500 postazioni di lavoro), il tempo che resta deve essere impiegato per seguire i progetti preventivati, e la formazione intesa come aggiornamenti tramite corsi, conferenze avviene in occasione di particolari e notevoli investimenti (es. acquisto del PACS). Particolari esigenze riguardo nuove funzionalità con le quali dotare le applicazioni esistenti vengono direttamente segnalate dal personale sanitario e non sanitario che le impiega nello svolgimento dell attività quotidiana. Stefano Bonacina, PhD 17

18 Disaster Recovery/Prevention e Sistemi di Backup Aspetto fondamentale è prevenire la distruzione dei dati, anche in modo accidentale, visto la normativa vigente il decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003, denominato "Codice in materia di protezione dei dati personali", e le misure di sicurezza. Vanno tenute in conto anche eventi con bassa probabilità di verificarsi come incendi, o terremoti. Per garantire prestazioni ed affidabilità è conveniente organizzare i dischi in configurazione RAID (Redundant Arrays of Indipendent Disks, o schiere ridondanti di dischi indipendenti. Il sistema RAID consiste in un insieme di dischi indipendenti organizzati come se fossero un unico disco logico ad alte prestazioni, essendo permesso l accesso parallelo a ciascun disco della schiera. [Chen, 1994] Senza la prestesa di affrontare l argomento in modo esaustivo di seguito sono descritti i concetti base del sistema RAID. Stefano Bonacina, PhD 18

19 Data striping : è la distribuzione dei dati su molteplici dischi, trasparentemente, in modo che appaiano come un unico disco, ampio e veloce. I dati vengono suddivisi in blocchi di dimensione prestabilita ed equamente distribuiti su ciascun disco. Le richieste a dischi indipendenti possono essere servite in parallelo (aumento dello I/O rate); una richiesta di scrittura dati molto lunga (multiple block) viene fatta servire da tutti i dischi in parallelo (aumento del transfer rate). Lo svantaggio risiede nella maggior probabilità di guasto del disco logico, essendo composto da tanti dischi fisici. All aumentare del parallelismo, aumentano le prestazioni, ma diminuisce l affidabilità del sistema. Per contrastare questo problema è stato introdotto il concetto di Redundancy, informazioni di ridondanza. Le caratteristiche della ridondanza sono: la granularità del data interleaving ( fine grained, e coarse grained ). Si impiega meno tempo a scrivere un blocco di 8 bit su un solo disco che non scrivere 1 bit su ciascun disco di un insieme di otto. metodo di calcolo delle informazioni ridondanti e la modalità di distribuzione delle informazioni ridondanti. La modalità fine grained consiste nello scrivere i dati su disco in unità piuttosto piccole, ciò implica l impiego di molti dischi. Questa modalità è caratterizzata da da un elevato transfer rate, ma presenta i seguenti svantaggi: riduzione ad una sola richiesta logica per volta, e Stefano Bonacina, PhD 19

20 penalizzazione per il posizionamento dei dischi occorre aspettare più tempo affinchè tutti i dischi si sincronizzino. La modalità coarse grained consiste nello scrivere i dati su disco in blocchi piuttosto grandi: ciò aumenta la possibilità di gestire un maggior numero di richieste logiche per volta. Aumenta anche il transfer rate. Organizzazioni RAID: 1. RAID NON ridondante (RAID livello 0) Non è disponibile alcuna ridondanza dei dati, se un disco si guasta si ha perdita di dati. Questo schema offre le migliori prestazioni in scrittura, dal momento che non necessita di aggiornare le informazioni di ridondanza, ma non in lettura. Questa soluzione non è adeguata per un Sistema Innformativo Sanitario: il guasto di un disco causerebbe una interruzione del servizio. Dischi di dati Stefano Bonacina, PhD 20

21 2. MIRRORED (RAID livello 1) Ogni disco dati ha il suo mirror: viene impiegato un numero doppio di dischi, per cui il costo raddoppia. Il sistema ha le migliori performance in lettura, quando un dato è scritto su un disco viene anche scritto sul mirror corrispondente. Dischi di Dati Dischi di Mirror Stefano Bonacina, PhD 21

22 3. Memory-Style ECC (RAID livello 2) Utilizzando il codice a correzione di errore, ECC, di Hamming, quattro dischi di dati richiedono tre dischi per la parità: serve un disco in meno rispetto al caso precedente. Dischi di Dati Dischi di parità Stefano Bonacina, PhD 22

23 4. Bit-Interleaved Parity (RAID livello 3) In questo sistema un solo disco è utilizzato per memorizzare la parità di ogni disco di dati. I dati sono distribuiti bit a bit su ciascun disco, per cui ogni operazione di lettura accede a tutti i dischi dei dati, ed ogni operazione di scrittura accede a tutti i dischi di dati e a quello di parità (in rosso). Per tale ragione è possibile soddisfare una sola richiesta alla volta. Dischi di Dati Disco di parità Stefano Bonacina, PhD 23

24 5. Block-Interleaved Parity (RAID livello 4) Questo sistema è simile al precedente, eccezion fatta per i dati che vengono distribuiti sui dischi a blocchi di bit, e non più bit a bit. La dimensione di questi blocchi è chiamata striping unit. Anche in questo caso il collo di bottiglia è il disco di parità, che contiene le informazioni sulla parità di ciascun disco di dati. Dischi di Dati Disco di parità Stefano Bonacina, PhD 24

25 6. Block-Interleved Distributed-Parity (RAID livello 5) In questa tipologia viene eliminato il collo di bottiglia presente nel caso sopra, e dovuto al disco di parità, distribuendo uniformemente su tutti i dischi disponibili le informazioni sulla parità ed i dati. In questa maniera tutti i dischi intervengono nelle operazioni di lettura. Il sistema è tollerante ad un guasto. Informazioni di parità Stefano Bonacina, PhD 25

26 6. P + Q Redundancy (RAID livello 6) Il sistema è protetto fino a due guasti contemporanei. Il principio di funzionamento è simile a quello del RAID 5, ma con un disco in più. Informazioni di parità Stefano Bonacina, PhD 26

27 Introduzione ai sistemi PACS Attualmente una parte notevole delle immagini prodotte per uso clinico è in forma numerica (o potenzialmente tale) e quindi adatta in modo naturale ad essere memorizzata, trasmessa e, più in generale, trattata mediante reti di calcolatori. I PACS (Picture Archiving and Communication System) sono sistemi orientati alla gestione integrata dei vari tipi di immagini generate nei dipartimenti radiologici [Coppini, 1996]. E oggi naturale concepire un PACS come una struttura che si integri all interno del sistema informativo ospedaliero (HIS) e di quello del reparto radiologico (RIS) onde garantire una più efficiente gestione dei vari servizi sanitari [Coppini, 1996]. I PACS sono per loro natura archivi multimodali nei quali le immagini acquisite con tecniche differenti sono accessibili simultaneamente. Ciò apre la via ad una effettiva integrazione dell informazione diagnostica fornita dalle varie metodiche di immagine [Coppini, 1996]. Stefano Bonacina, PhD 27

28 A livello strettamente tecnico può apparire che la trasmissione delle immagini mediche attraverso reti di computer non sia diversa da quella di molti altri tipi di dati. Tuttavia, nel caso dei PACS, si tratta di interconnettere fra loro nodi con funzioni diverse, quali stazione di acquisizione, server di archivio, stazioni di consultazione e refertazione. Il tutto si deve integrare nell ambito di un dipartimento radiologico allo scopo di ottimizzare i processi diagnostici. La grande quantità di dati che deve essere gestita nel caso delle immagini mediche impone dei severi requisiti ai sistemi dedicati al loro trattamento. A titolo puramente indicativo, in tabella 1 si riportano le caratteristiche medie delle matrici rappresentative per le varie tecniche di immagine adottate nella pratica clinica, la relativa occupazione media per ogni studio, e l occupazione media per anno. In proposito si deve osservare che, per quanto concerne la radiografia convenzionale, la maggior parte delle immagini è acquisita e memorizzata in forma analogica: i dati della tabella si riferiscono alle corrispondenti immagini convertite in forma numerica con parametri che garantiscano il mantenimento dell informazione originale. Con uno scanner laser l operazione di digitalizzazione richiede circa 1 minuto di tempo. Stefano Bonacina, PhD 28

29 Modalità matrice bit/pixel MB/studio GB/anno Radiografia convenzionale TC RM Medicina nucleare ,5 10 Ultrasuoni ,5 30 Tabella1. Tecniche di immagine e requisiti di memoria L esame della tabella 1 evidenzia la necessità di disporre di: memorie di massa di grandi dimensioni e sufficientemente veloci; reti di trasmissione ad alta velocità (oggi Gigabit LAN); work-station di notevole potenza. Stefano Bonacina, PhD 29

30 Per quanto riguarda le memorie si distingue solitamente tra archivio a breve e a lungo termine. L archivio a breve termine è relativo ai pazienti in studio e alle cui immagini si deve accedere rapidamente. Per fissare le idee si può assumere che l archivio a breve termine comprenda tutte le immagini degli ultimi mesi, il che comporta la memorizzazione di GB ed un transfer rate medio dell ordine di 1 MB/s se si vuol consentire tempi di attesa ragionevoli (alcuni secondi). Ovviamente questi dati sono puramente indicativi dovendosi, ad esempio, tenere conto anche del numero di utenti simultanei. Per l archiviazione a lungo termine, stime di massima indicano che per mantenere per un periodo di 7 anni le immagini di dipartimento di radiologia occorrono fino a 25 TB (terabyte). Per questa parte dell archivio si considerano requisiti sul tempo di accesso usualmente meno stringenti. Per consentire comunque un accesso veloce a queste immagini sono state proposte varie strategie di prevaricamento (prefetching). Ad esempio viene sfruttato il fatto che una gran parte degli esami possono essere recuperati durante la notte con opportuni meccanismi di schedulazione [Coppini, 1996]. Oggi stime di massima indicano che per mantenere per un periodo di 10 anni le immagini di dipartimento di radiologia occorrono 6 TeraByte all anno. Stefano Bonacina, PhD 30

31 Per ridurre i requisiti di memoria e di velocità di trasmissione sarebbe auspicabile utilizzare una qualche forma di compressione delle immagini. Purtroppo le tecniche di compressione reversibili, che permettono cioè il recupero perfetto dell immagine originale, consentono rapporti di compressione che vanno da 2:1 a 3:1 nel caso delle immagini mediche. Per ottenere dei valori sensibilmente più alti (10:1) bisogna ricorrere a metodi di compressione con perdita. Con l introduzione della compressione irreversibile si pone il problema di mantenere l informazione diagnostica [Coppini, 1996]. Stefano Bonacina, PhD 31

32 La disponibilità di uno standard di trasmissione è un punto di fondamentale importanza per la comunicazione fra le varie stazioni di acquisizione e consultazione dello stesso reparto e la connessione fra reparti distinti. Lo standard DICOM 3.0 (Digital Imaging and Communications in Medicine), è stato accettato da numerosi costruttori e viene attualmente usato in varie istallazioni. DICOM descrive i formati e le modalità di scambio delle immagini e delle informazioni ad esse associate per quanto riguarda l interfacciamento con i dispositivi di acquisizione e delle altre unità della rete [Coppini, 1996]. Stefano Bonacina, PhD 32

33 Un punto critico dei PACS è la stazione di consultazione. Fatti salvi i necessari requisiti di potenza di calcolo e la necessità di disporre di un interfaccia utente semplice ed efficace, l elemento più debole appare in questo caso l unità di visualizzazione che, allo stato attuale della tecnologia, è il monitor video. Nel caso di immagini ad alta risoluzione si può ragionevolmente ipotizzare l impiego di unità a 2048 linee, mentre nel caso di immagini a più bassa risoluzione spaziale i monitor a 1024 linee possono essere sufficienti. In realtà anche un monitor a 2K non è, in generale, sufficiente per visualizzare a piena risoluzione tutti i tipi di immagine radiografiche. Inoltre, anche nel caso di più basse risoluzioni, si possono avere problemi per la presentazione simultanea di più immagini [Coppini, 1996]. Stefano Bonacina, PhD 33

34 Sempre per quanto riguarda il display, si deve considerare che il medico è comunemente abituato ad esaminare le immagini su pellicole illuminate per trasparenza con una dinamica molto maggiore di quella fornita da un monitor. Comparare le due situazioni di osservazione è ovviamente assai difficile ed è naturale che il passaggio dal sistema tradizionale a quello elettronico incontri delle difficoltà. D altra parte non si deve dimenticare la possibilità, nel caso di display controllati da calcolatore, di manipolare interattivamente l immagine mediante elaborazioni anche molto sofisticate consentendo una fruizione ottimale dell informazione pittorica [Coppini, 1996]. Stefano Bonacina, PhD 34

35 Schema di un HIS con l introduzione del sistema PACS TAC MR AV Memoria a breve termine Hard Disk Intranet della Radiologia Consultazione Refertazione PACS WEB Collegamento di sicurezza Intranet Memoria a lungo termine (Nastro magnetico Juke Box Dischi Ottici) TAC: strumentazione per tomografia comprendente la work-station locale; MR: strumentazione per risonanza magnetica comprendente la workstation locale; AV Advanced view: postazioni per effettuare viste particolareggiate su dati ottenuti con differenti modalità; WEB: postazioni che accedono sia al RIS che al HIS attraverso un interfaccia web. Esistono diverse classi di utenti con diversi privilegi e visibilità sui dati. Consultazione e Refertazione: stazioni di elevate prestazioni dalle quali è possibile compiere la refertazione ed anche la consultazione. PACS: Picture Archiving and Communication System. Stefano Bonacina, PhD 35

36 Una possibile configurazione di INTRANET Supponiamo di avere un edificio di 5 piani di cui uno seminterrato. Ogni piano dell edificio può essere considerato un rettangolo avente il lato maggiore di 150 metri. 75 metri 150 metri I cavi in rame per effettuare cablaggi sono garantiti (= non c è perdita di segnale) per lunghezze fino ai 100 metri, per cui gli armadi possono essere posizionati al centro di ciascun piano. I cavi della rete devono essere FTP di categoria 5. (FTP - Foiled Twisted Pair: cavo, normalmente a quattro coppie, avente uno schermo globale realizzato con foglio di alluminio.) La categoria 5 (Low Loss, Extended Frequency, High Performance Data) comprende i migliori cavi disponibili, per applicazioni fino a 100 Mb/s, su distanze di 100 metri. NOTA: i cavi non si stendono sempre in linea retta, ma devono aggirare ostacoli per cui è utile fare dei conti quando si sta cablando, per stabilire se si eccedono i 100 metri, cioè mai considerare le distanze in linea d aria! Stefano Bonacina, PhD 36

37 La strumentazione usata per comporre gli armadi (stack, switch, ecc.) deve essere scelta per la qualità e l affidabilità dei componenti e per la stabile presenza sul mercato dell azienda produttrice. Stefano Bonacina, PhD 37

38 La topologia iniziale della INTRANET PIANO 3 PIANO 2 Armadio Armadio La rete iniziale ha la topologia a bus, cioè 1 armadio per piano (2 nel seminterrato e al piano terra), e collegamenti con velocità trasmissiva di 10Mbit/sec. Gli armadi a piano terra dispongono di un collegamento in fibra ottica (linea spessa). PIANO 1 Armadio PIANO 0 Armadio Armadio Collegamento a fibra ottica (ad es. con la rete GARR) CED Centro Elaborazione Dati Armadio Armadio PIANO -1 Stefano Bonacina, PhD 38

39 La topologia avanzata della INTRANET PIANO 3 PIANO 2 La rete avanzata a stella ha mantenuto la configurazione e il numero di armadi, ma ora i collegamenti tra i piani hanno velocità trasmissiva di 100Mbit/sec. Inoltre tutti gli armadi sono stati collegati a quello del CED, divenuto così centro stella della rete, mediante fibra ottica (1 Gbit/sec). PIANO 1 PIANO 0 Collegamento a fibra ottica (1 Gb/s) (ad es. con la rete GARR) CED Centro Elaborazione Dati CENTRO STELLA PIANO -1 Stefano Bonacina, PhD 39

40 Il cluster di Microsoft Windows NT Un cluster è un insieme di calcolatori connessi in rete locale (LAN) che opera come un unico sistema multiprocessore di grandi dimensioni. Consideriamo il caso di 2 server in cluster con sistema operativo Windows NT; lo schema è il seguente: DATI PDC Primary Domain Control //A Server NT Server NT //B BDC Boundary Domain Control Nel caso in cui si danneggi il server PDC non c è più possibilità di recuperare i dati; inoltre facendo l ipotesi di usare il BDC come mirror occorre ridefinire il percorso per raggiungere i dati stessi. Work-Station NT H://A/DATI Stefano Bonacina, PhD 40

41 Usando invece un unico disco fisso e due server, collegati tra loro con un unico bus SCSI, c è uno spreco di risorse; il secondo server deve eseguire un solo task durante tutta la sua vita, cioè chiedere continuamente all altro server se tutto va bene, ma non compie alcuna operazione sui dati. Bus SCSI Server NT //A Server NT //B H://A/DATI Work-station NT Stefano Bonacina, PhD 41

42 Il cluster implementato I due server, che lavorano in parallelo, condividono i dati, per cui hanno bisogno di coordinare le proprie azioni quando lavorano sui dati condivisi, altrimenti un processore potrebbe iniziare ad utilizzare un dato prima che l altro abbia terminato di operare su di esso. //A Server VMS Server VMS //B Workstation H://C/DATI Per compiere questo coordinamento (sincronizzazione) si usano tecniche di lock (blocco): solo il processore che lo possiede può operare sui dati condivisi, l altro deve attendere che il lock venga rilasciato ed acquisirlo per poter manipolare tali dati. La workstation accede ai dati (cioè al disco fisso) attraverso uno dei due server. Nel caso uno di essi si guasti, non ci sono ripercussioni sulla workstation. Stefano Bonacina, PhD 42

43 Glossario Le definizioni sotto riportate sono state estratte dal glossario di [FUNDESCO, 1998]. Hospital Information System (HIS) Integrated, computer-assisted system designed to store, manipulate and retrieve information concerned with the administrative and clinical aspects of providing services within the hospital. Radiology Information System (RIS) Part of an Health Information System that deals with the specific problems of the radiology (x-ray) department or an autonomous system for independent radiology units. Imaging modality Technique for the production of images (for example - X-ray imaging, computed tomography, echosonography and magnetic resonance imaging). Nuclear Magnetic Resonance (NMR) Resonant absorption of electro-magnetic energy by a system of atomic nuclei situated in a strong magnetic field. (see also MRI). Magnetic Resonance Imaging (MRI) Magnetic Resonance Imaging is an imaging technique used to produce cross-sections through the body. (see also NMR) Computed Radiography (CR) Computerised production, manipulation and storage of radio graphic images in digital format. Computed Tomography (CT) An imaging technique that produces a cross-sectional image slice of an organ or part of the body. Most tomography is performed using computer techniques; for example - X-ray tomography, Computerized Tomography Scanning. Image Management and Communication System (IMACS) System that can store, distribute, retrieve and display images. Stefano Bonacina, PhD 43

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Potenze di 10 e il SI

Potenze di 10 e il SI Le potenze di 10 e il SI - 1 Potenze di 10 e il SI Particolare importanza assumono le potenze del numero 10, poiché permettono di semplificare la scrittura di numeri grandissimi e piccolissimi. Tradurre

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 03/2014 SIMATIC WinCC Runtime Professional V13 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 03/2014 - Architetture Novità

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli