Premessa. Le Società ICT in-house di Regioni e Province Autonome: Rapporto 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. Le Società ICT in-house di Regioni e Province Autonome: Rapporto 2009"

Transcript

1 Premessa A poco più di un anno dalla sua costituzione, Assinter presenta al mondo economico, politico e istituzionale il Primo Rapporto dedicato alle Società ICT in-house di Regioni e Province Autonome. Si tratta della nostra prima indagine in profondità, che nasce dalla volontà di contribuire concretamente all analisi dello scenario nazionale in cui si attua la Società dell Informazione. Con questo studio si avvia un percorso di discussione comune sul ruolo delle Società in-house nei processi di innovazione e di modernizzazione delle Amministrazioni Pubbliche. Assinter nasce, infatti, per favorire il confronto permanente tra le Società ICT regionali e per mettere in comune strategie, esperienze, competenze e progetti. Riteniamo che il supporto alla cooperazione interregionale e la pratica del riuso siano cruciali nel cambiamento dei processi organizzativi della Pubblica Amministrazione e nell estensione dell innovazione su tutto il territorio nazionale. In questo senso, preservare, valorizzare e mettere in circolo soluzioni e competenze provenienti da contesti territoriali, organizzativi e culturali diversi significa rendere disponibili, a vantaggio di tutti, le migliori soluzioni realizzate. Il Primo Rapporto costituisce, quindi, un passo concreto che Società ICT in-house di Regioni e Province Autonome muovono di concerto, proponendosi, a tutti gli attori nazionali, come una rete attiva di collaborazione e scambio. La prima parte di questa pubblicazione raccoglie i dati quali-quantitativi più significativi del settore ICT, offrendo un ampio quadro delle risorse e degli interventi prioritari nelle diverse aree di tutto il territorio italiano. Ricordiamo che, negli ultimi dieci anni, Regioni e Province Autonome hanno quadruplicato i propri investimenti nel settore ICT. Per le Amministrazioni, lo sviluppo di sistemi, infrastrutture, beni e servizi di IT e TLC rappresenta ormai uno strumento strategico per il mi- glioramento delle proprie prestazioni. Si tratta di comprendere come consolidare i cambiamenti avviati e come, contestualmente, aumentare l efficacia dei servizi per il cittadino e le imprese. La seconda parte del Rapporto è finalizzata al panorama completo delle Società in-house, con una puntuale descrizione dei modelli organizzativi adottati e delle relazioni attivate con i diversi attori locali, pubblici e privati. Vengono così illustrate le diverse realtà gestionali e amministrative, con l obiettivo di evidenziarne le specificità. Tracciare in questo modo il quadro analitico dell ecosistema in cui operano le Società in-house regionali mette in evidenza le occasioni, le opportunità e le potenzialità, che possono scaturire dall attivazione di proficui meccanismi di cooperazione e collaborazione a livello locale e nazionale. Basti pensare che, degli 860 milioni di Euro circa di ricavi previsti dall attività delle Società in-house per l anno corrente, ben il 46% sarà reinvestito in attività esternalizzate e acquisti di beni e servizi nel mercato privato locale, generando così sul territorio un indotto di circa 400 milioni di Euro. Il Rapporto Assinter 2009 è il primo di una serie di progetti di studio e approfondimenti che Assinter e le sue Associate intendono realizzare e proporre agli attori e ai protagonisti di settore. Diverse sono le attività realizzate dalla nostra Associazione nell ultimo anno: dalla raccolta sistematica e la diffusione di dati e informazioni riguardanti il mondo ICT in-house, alla creazione di momenti d incontro e di discussione tra le società associate, dalla diffusione delle conoscenze attraverso l organizzazione di seminari tematici, al contributo all interpretazione delle norme di settore. Alla base di questo forte impegno, vi è la consapevolezza che solo attraverso una visione comune sarà possibile mettere in pratica il necessario collegamento tra società, mercato e istituzioni, utile alla collettività e allo sviluppo del Sistema Paese. Il Presidente Presidente Renzo Rovaris 1

2 Si ringrazia per la collaborazione il CISIS - Centro Interregionale per i Sistemi Informatici, Geografici e Statistici.

3 Sommario Introduzione Introduzione e impianto metodologico 6 Le Regioni e le Province Autonome: inquadramento 7 Il piano egov 2012 e il livello regionale 8 Le ICT nelle Regioni e Province Autonome 10 La spesa ICT Previsioni di spesa 2009 e prime anticipazioni Le priorità d intervento ( ) 13 Capitolo 1: le Società in-house Il panorama 16 Dimensioni delle Società ICT in-house 17 Valore aggiunto su fatturato 23 Esternalizzazioni rapportate al fatturato 24 Esternalizzazioni rapportate al costo del personale 25 I modelli di governance 26 I modelli contrattuali delle in-house 28 La customer satisfaction e il suo impatto contrattuale 30 I modelli organizzativi delle ICT in-house 31 Gli organi societari e il governo dell Azienda 31 Le funzioni aziendali 32 Dirigenti e quadri 33 Il turnaround permanente 33 Tendenze evolutive 34 La congruità dei corrispettivi 35 Benchmarking delle tariffe per i servizi professionali 35 Le metriche utilizzate 41 Sviluppo e manutenzione 41 Servizi continuativi 43 L attuazione della Legge Bersani 44 Modalità di attuazione delle norme in materia di reclutamento del personale 51 Capitolo 2: le attività prioritarie Gli strumenti di pianificazione strategica e operativa 56 Le priorità strategiche delle in-house 56 Infrastrutture di rete e di TLC 56 Infrastrutture IT (hardware) 57 Piattaforme IT e strumenti/soluzioni abilitanti 57 Applicativi di sistema (ERP) 58 Applicativi verticali 58 Capitolo 3: le in-house all interno dell ecosistema delle Imprese ICT La generazione di opportunità per l ecosistema 63 I rapporti con le associazioni imprenditoriali 65 Le strategie regionali di cooperazione 69 Le community network locali e le azioni di coordinamento territoriale 69 La cooperazione interregionale 70 Il ruolo delle in-house a supporto delle politiche regionali 71 Capitolo 4: Assinter Presentazione: ruolo e missione 74 Organizzazione 75 Attività 76 I Technical Meeting 76 La base di conoscenza di Assinter e il paradigma del riuso 77 I rapporti con le associazioni di categoria e con le imprese ICT a capitale privato 78 Il contributo alla revisione delle norme di settore 79 Indice delle tabelle 80 Indice delle figure 81 3

4

5 Introduzione 5

6 dente ed il Segretario Generale di Assinter e con un rappresentante del CPSI/CISIS (Comitato Permanente Sistemi Informatici/Centro Interregionale per i Sistemi Informatici, Geografici e Statistici). Introduzione e impianto metodologico L Associazione delle Società per l Innovazione Tecnologica nelle Regioni (d ora in avanti, Assinter) riunisce aziende a capitale interamente pubblico che operano nel settore dell informatica per la Pubblica Amministrazione secondo il modello in-house providing. Assinter nasce nel 2008 avendo tra le proprie finalità la valorizzazione delle esperienze e delle attività delle proprie Aziende associate, favorendo la loro cooperazione e creando opportunità per il trasferimento di competenze e best practices nell ambito delle tecnologie per l informazione. La volontà di promuovere la cultura della cooperazione non può prescindere dalla condivisione delle informazioni, elemento fondamentale di una crescita che risulta ancora più importante se riferita ad attori che operano al servizio della Pubblica Amministrazione. Questo Rapporto offre un panorama aggiornato delle Società regionali ICT (Information and Communication Technologies) analizzandone le principali caratteristiche aziendali e mappandone l evoluzione organizzativa e programmatica. L analisi è stata condotta mediante una rilevazione di carattere sia quantitativo che qualitativo e la rilevazione dei dati si è conclusa nell aprile La raccolta delle informazioni e dei dati è stata eseguita mediante la somministrazione di un questionario e il team di analisti Netics ha approfondito i temi più importanti realizzando interviste face to face con i top manager delle Aziende oggetto della ricerca, col Presi- Hanno collaborato all indagine: CSI Piemonte CUP 2000 SpA Datasiel SpA INVA SpA Informatica Trentina SpA InnovaPuglia SpA Insiel SpA LAit SpA Lepida SpA Lombardia Informatica SpA SardegnaIT Srl Sicilia e-innovazione SpA Sicilia e-servizi SpA Webred SpA Informatica Alto Adige SpA non ha partecipato a questa rilevazione perché ha aderito ad Assinter solo dal mese di Ottobre Le informazioni relative alle pianificazioni strategiche ed agli ambiti progettuali ritenuti prioritari sono state rilevate in parte durante le interviste, in parte attraverso l analisi dei documenti programmatici più recenti resi disponibili (Piani Industriali, Piani di Attività, Piani Strategici, Piani Operativi ecc.). La sezione del Rapporto dedicata alla congruità dei corrispettivi mette a confronto i dati rilevati mediante i questionari e relativi alle tariffe professionali con dati analoghi che fanno riferimento al mercato privato e, più nello specifico, a grandi realtà societarie confrontabili per dimensione, organizzazione ed importanza. Le attività operative utili alla realizzazione del Rapporto sono state condotte da Netics con la supervisione, il controllo e l indirizzo di un Comitato Scientifico composto da rappresentanti di Assinter. 6

7 Le Regioni e le Province Autonome: inquadramento Le Regioni e le Province Autonome italiane rivestono un ruolo centrale nel processo di innovazione della Pubblica Amministrazione: ruolo duplice, in quanto focalizzato sul fronte interno (innovazione delle macchine amministrative regionali ) ma anche su un fronte più sistemico (promozione e sostegno allo sviluppo economico locale, sostegno ai processi di modernizzazione delle autonomie locali). Fin troppo facile cadere nella tentazione di giocare con la parola rete, mettendola in relazione col concetto di federalismo: facile ma comunque efficace, in uno scenario che non può prescindere da un completo ridisegno dell architettura politico-amministrativa del nostro Paese. Nelle pagine di premessa al Rapporto ICAR 2008 il Vice Presidente del CISIS 1 (il Centro Interregionale per i Sistemi informatici, geografici e statistici) 2 descrive la PA come la più grande azienda italiana di servizi per affermare la centralità delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni al servizio della sostenibilità economica, dell attuazione del federalismo e del miglioramento dell efficienza e della qualità dei servizi della Pubblica Amministrazione. Analizzando la serie storica dei dati relativi agli investimenti in ICT delle Regioni e Province Autonome italiane a partire dagli ultimi anni 90, vediamo come siamo passati da poco meno di 500 miliardi di 1 Interoperabilità e cooperazione applicativa: due anni di lavoro, Rapporto ICAR, Ottobre A partire dal primo settembre 2009, il Vice Presidente del CISIS Gaudenzio Garavini è stato chiamato alla Direzione Generale del Comune di Bologna. vecchie lire agli 1,12 miliardi di Euro nel Spesa più che quadruplicata in dieci anni, coi prezzi di beni e servizi in alcuni casi in caduta libera. Cosa è cambiato, in questi dieci intensissimi anni? Sicuramente da un lato vi è stato un notevole lavoro di informatizzazione di base in molte Regioni del Centro-Sud, rimaste in qualche modo al palo nei primi vent anni di funzionamento. Vi è stato anche un profondo rinnovamento dei sistemi informativi delle Regioni leader, anche grazie all affermarsi dell informatica distribuita e degli strumenti di office automation. Ma ciò che più di ogni altro fattore ha contribuito all esplosione della spesa ICT delle Regioni e delle Province Autonome è riconducibile ad un insieme di iniziative progettuali di sistema, a partire dalle reti regionali (RUPAR): in rispetto al principio di sussidiarietà, gli Enti sovraordinati hanno ritenuto di dover scendere in campo per supportare il sistema delle Autonomie Locali (Comuni, Comunità Montane, Province) in un processo di modernizzazione basato sul pushing tecnologico. E non si è trattato di un operazione di pura e semplice beneficenza tecnologica, quanto piuttosto della concretizzazione di una visione lungimirante: si è capito (in alcuni casi, con decenni di anticipo) che un modello di PA a sistemi informativi sovrapposti e più o meno faticosamente interoperabili fra loro non sarebbe stato sostenibile a lungo. Riprendendo la metafora precedente, si è capito che la più grande azienda italiana di servizi non poteva organizzarsi con un sistema informativo della holding separato da quelli delle filiali. Nel pieno rispetto delle autonomie, si è cercato di ricondurre ad un unico disegno infrastrutturale il variegato mondo di Comuni/Comunità Montane/Province, fissando una serie di paletti che hanno poi dato origine all SPC (Sistema Pubblico di Connettività) e a SPCoop (Sistema Pubblico di Cooperazione). Non è un caso se molte Regioni e Province Autonome hanno voluto normare la materia introducendo il principio di unitarietà dei sistemi 7

8 informativi degli Enti : non si tratta di centralizzazione a livello regionale, quanto piuttosto della presa d atto di un cambiamento imposto dal modello federalista nel senso più ampio del termine. In un Sistema PA che vede cittadini e imprese al centro, la complicazione insita nell architettura istituzionale deve rimanere invisibile all utente finale, come una sorta di scatola nera : si passa quindi dall arcipelago dei sistemi ad un sistema informativo di filiera. In tutto questo continuo modificarsi dello scenario, il mercato ICT ha indubbiamente goduto dei benefici di una crescita a ritmi sostenuti. Crescita, peraltro, che continuerà a manifestarsi anche nell immediato futuro, come vedremo più avanti analizzando i trend di spesa. Provando a scorrere velocemente i fotogrammi del film dell ICT nelle Regioni, si vede come vi sia stato un notevole rimescolamento delle carte sul fronte dell offerta: nuovi player, uscita di scena di nomi storici (da Olivetti a Bull, fino ai più recenti Getronics e EDA Enterprise Digital Architects), nuovi modelli di business. Il tutto accompagnato, probabilmente, da una difficoltà di lettura del cambiamento in essere all interno della PA e più specificamente nel comparto Regioni. Molte aziende non sono forse riuscite a cogliere il significato di questa repentina crescita della spesa, continuando a pensare che le Regioni facessero le stesse cose di prima, soltanto spendendo più soldi in tecnologia. È mancata quindi, e in alcuni casi continua tuttora a mancare, una comprensione chiara e completa del core business del cliente Regione per quanto esso è mutato nel corso degli anni. Nel frattempo è evoluto in maniera significativa il ruolo delle Società ICT in-house, laddove presenti. Evoluzione fortemente legata al mutamento di rotta dei rispettivi Enti affidanti, erroneamente interpretata come ambizione di occupazione impropria di un mercato. Le in-house a capitale regionale, operanti forse non a caso a fianco delle Amministrazioni leader nell innovazione, hanno visto incrementare i propri ricavi in modo rilevante a partire dai primi anni Duemila, in ragione della crescita speculare degli investimenti da parte dei loro azionisti. Rimanendo sempre, forse al netto di qualche eccezione fortunatamente rientrata, al lavoro sul fronte della domanda, presidiando un fronte precompetitivo (si pensi agli interventi infrastrutturali RUPAR-SPC) e/o governando i fabbisogni d innovazione (e le priorità in termini di salvaguardia dell integrazione ex-ante) dei rispettivi affidanti, senza per questo intaccare il ruolo sovrano del mercato. Ciò di cui si sente fortemente il bisogno, smaltita (su entrambi i versanti) la tensione pre e post Legge Bersani, è un patto chiaro tra domanda e offerta ICT a livello di governo regionale e locale: maggiori risorse a fronte di un offerta capace di rinnovare sé stessa, maggiore capacità (e coraggio) di acquistare tecnologia a fronte di una più profonda comprensione del business del cliente. Il piano egov 2012 e il livello regionale Il piano egov 2012, presentato dal Ministro per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione nel dicembre 2008, conferma la centralità del livello regionale per tutte le azioni di sistema non specificamente legate a progetti/iniziative afferenti a funzioni rimaste in capo allo Stato col ridisegno del Titolo V della Costituzione. Già nel suo Piano Industriale 3, il Ministro anticipa la sua determinazione a stipulare accordi specifici con tutte le Regioni e Province Autonome italiane: ad oggi (marzo 2009) sono quattro i protocolli d intesa già stipulati con altrettante Regioni (Lombardia, Campania, Veneto, Toscana). Il comune denominatore è riconducibile agli assi prioritari d intervento già da tempo individuati: la diffusione e l utilizzo della CNS/CRS (Carta Nazionale Servizi/Carta Regionale Servizi); l interoperabilità e la circolarità del dato; la dematerializzazione; l abbattimento del digital divide, con una forte focalizzazione sugli 3 Linee programmatiche sulla riforma della Pubblica Amministrazione - Piano Industriale, Ministro per la PA e l Innovazione, 28 maggio

9 aspetti relativi alla distribuzione dei servizi di e-government (Reti Amiche, multicanalità, modello di one-stop-shop ), che probabilmente era mancata nei Piani precedenti, fortemente orientati ai portali e ad una fruizione intermediata dei servizi pubblici on-line da parte dei cittadini/imprese. Nel piano egov 2012 si conferma un modello di governance condivisa, identificando nella Conferenza Unificata Stato/Regioni/Autonomie Locali il tavolo di indirizzo per un processo condiviso e coordinato di adozione e sviluppo dell SPC. Alla Commissione Permanente per l Innovazione nelle Regioni e negli Enti Locali (istituita col Codice dell Amministrazione Digitale) vengono confermate le funzioni istruttorie e consultive in ordine alle politiche riguardanti l innovazione tecnologica di Regioni e Autonomie Locali. Il confronto con le Regioni e le Province Autonome sugli obiettivi e le finalità di egov 2012 risulta da: la condivisione degli ambiti prioritari di intervento (settoriali, territoriali, di sistema, internazionali): le Regioni e Province Autonome rivestono un ruolo significativo non limitatamente all ambito territoriale, venendo coinvolte più complessivamente in tutte le iniziative che andranno a toccare settori strategici quali ad esempio le infrastrutture (banda larga), la dematerializzazione, la mobilità, il turismo, le scuole ecc.; l intento condiviso di sviluppo, promozione e potenziamento dei servizi di accesso ai servizi della PA da parte di cittadini e imprese, con particolare riferimento alle Reti Amiche e a Linea Amica; il ruolo centrale della Commissione Permanente sull Innovazione istituita ai sensi dell'art. 14, comma 3-bis del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 come sede naturale di confronto e concertazione delle varie iniziative; la condivisione della logica di collaborazione per obiettivi e della conseguente necessità di un azione comune finalizzata al reperimento delle risorse finanziarie da destinare all innovazione tecnologica della PA. Inoltre, la conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha proposto un piano di integrazione per il biennio , identificando dodici progetti prioritari da avviare utilizzando la Commissione Permanente come tavolo di confronto e di lavoro. Rispetto alla visione originaria del Governo, si rifocalizzano gli obiettivi territoriali (inizialmente di esclusiva competenza statale) col duplice obiettivo di rispondere con maggiore adeguatezza ai vincoli derivanti da un architettura istituzionale in movimento (federalismo fiscale, piena attuazione del riformato Titolo V della Costituzione) e di salvaguardare un insieme quantitativamente e qualitativamente rilevante di iniziative e progetti avviati a livello territoriale a partire dalla prima fase del Piano Stanca. Si viene in questo modo a configurare un piano straordinario, proiettato sul biennio , dentro al quale vengono posizionate iniziative ritenute abilitanti per l attuazione del federalismo e anticongiunturali. In piena sintonia col Piano Industriale della PA, le tecnologie dell informazione vengono considerate il driver primario per un piano di riefficientamento complessivo e per una drastica riduzione dei costi di funzionamento delle Amministrazioni pubbliche. Inoltre, la piena integrazione dei servizi pubblici in Rete (anche attraverso le Reti Amiche e il Numero Unico della PA) garantisce una riduzione significativa dei costi di accesso per cittadini e imprese, contribuendo a incrementare il livello di competitività del Sistema Paese. Questo Piano Straordinario 2010 identifica 12 progetti di sistema: 4 progetti a supporto dell attuazione del federalismo: catasto e fiscalità, infomobilità, lavoro e sanità; 8 progetti di contrasto della crisi economica: reti di servizio (estensione a livello regionale delle Reti Amiche e Numero Unico della PA), dematerializzazione, circolarità anagrafica, sistemi informativi territoriali, beni culturali, banda larga, strumenti di accesso (CNS/CRS), dispiegamento SPConn (Sistema Pubblico di Connettività), dispiegamento SPCoop. 9

10 Questi progetti di sistema potrebbero generare investimenti, nel triennio , pari a circa 300 milioni di Euro. Le ICT nelle Regioni e Province Autonome. La spesa ICT Le Regioni e Province Autonome italiane hanno speso 5, nel 2008, poco più di 1,12 miliardi di Euro in beni e servizi per l ICT. Più in dettaglio, la spesa è così rappresentabile (vedi Tabella 1). Relativamente alle sole Regioni e Province Autonome che possiedono/controllano almeno una società ICT inhouse 6, la spesa complessiva in ICT per il 2008 è stata pari a 733 milioni di Euro. Entrando nel dettaglio della spesa IT, si vede come la spesa per lo sviluppo/gestione dei sistemi informativi interni (o aziendali ) delle Regioni e Province Autonome pesi per il 37% circa del totale. Il rimanente 63% è distribuito tra spesa IT per la Sanità (Assessorati Regionali, ma 4 Tutti i dati riportati in questo capitolo sono desunti dal Rapporto Netics Le ICT nelle Regioni e Province Autonome del giugno 2008 e sono stati raccolti attraverso l erogazione di questionari e, in alcuni casi, l elaborazione di dati dai bilanci di previsione 2008 delle Amministrazioni (quattro in tutto) che non hanno risposto al questionario. 5 Il dato è riferito agli importi stanziati (al netto dell IVA) per acquisto di beni e servizi ICT e comprende la spesa IT delle Amministrazioni, dei Consigli Regionali e delle Agenzie Regionali (ARPA, Agenzie Sanità, Strade ecc.). Nella spesa ICT delle Regioni sono compresi anche gli acquisti di beni e servizi ICT degli Assessorati Regionali alla Sanità (non quelli riconducibili direttamente alle ASL/ASO). Quanto detto spiega gli scostamenti dei dati rilevati da Netics rispetto ad altri lavori di ricerca che generalmente si limitano a considerare la spesa ICT governata dalle Direzioni riconducibili alle sole Amministrazioni Regionali (Sistemi Informativi, TLC, Società dell Informazione ecc.). Macro area geografica IT TLC TOTALE Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Totale Italia % 23% Spesa IT Regioni 22% 41% Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Tabella 1: Spesa ICT totale Regioni e Province Autonome (2008). (dati in migliaia di Euro) Figura 1: Spesa IT Regioni e Province Autonome. 10

11 anche in alcune Regioni acquisti di beni e servizi IT i cui fruitori sono le Aziende Sanitarie ed Ospedaliere) e per altri interventi, generalmente indirizzati agli Enti Locali o ad iniziative in favore di cittadini e imprese (infrastruttura e servizi di portale ). Più in dettaglio, l articolazione della spesa IT riferita al 2008 è così rappresentabile (vedi Tabella 2). A livello medio nazionale, il 52,5% del budget IT è assorbito dalla gestione corrente, con una punta del 62% al Nord- Ovest. Al Nord-Est e al Centro la spesa per investimenti supera (sia pure di poco) quella corrente. 15% 29% Spesa TLC Regioni 19% 37% Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Figura 2: Spesa TLC Regioni e Province Autonome. Macro-area geografica Spesa IT Sistema inf. totale interno Sanità Altro Nord-Ovest Nord-Est Centro Sud e Isole Totale Italia Tabella 2: Spesa IT Regioni e Province Autonome per macro-aree geografiche (2008). (dati in migliaia di Euro) 6 Dati riferiti alle Regioni che possedevano/controllavano almeno una società in-house (effettivamente operativa) alla data del 31 maggio Nel caso della Regione Emilia-Romagna, è stata conteggiata solamente la spesa ICT dell Assessorato alla Sanità, in presenza di una in-house (CUP 2000) operante esclusivamente in questo settore. Alla data di rilevazione, infatti, il volume di affidamenti in-house verso l altra in-house regionale (Lepida SpA) non era ancora significativo. Figura 3: Suddivisione della spesa IT (dati in migliaia di Euro) 11

12 Previsioni di spesa 2009 e prime anticipazioni Secondo le previsioni degli analisti Netics (suffragate dalle dichiarazioni dei responsabili dei sistemi informativi delle Regioni che hanno partecipato alla rilevazione 2008), la spesa IT delle Regioni è destinata a crescere dell 8,5% circa nel prossimo triennio, per arrivare a 1,10 miliardi di Euro nel Nel 2009 l incremento previsto si attesta intorno al 2,02% 7, con una contrazione significativa della voce gestione (spesa corrente). Alcune Amministrazioni, soprattutto tra quelle classificabili come top spender IT, hanno iniziato a beneficiare degli effetti positivi derivati da operazioni di downsizing effettuate tra il 2000 e il 2006 (dismissione/esternalizzazione di mainframes, riscrittura di applicativi su architetture Open) riuscendo a razionalizzare una spesa corrente peraltro condizionata dal patto di stabilità e in qualche misura costretta a calare. Figura 4: Trend spesa IT Regioni e Province Autonome ( ). Gli investimenti in nuovi progetti, nel 2009, dovrebbero crescere di 60 milioni di Euro circa, la grande maggioranza dei quali attribuibili a regioni del Sud/Isole (Sardegna, Puglia e Sicilia fra tutte). Per il ci si aspetta una crescita ulteriore degli investimenti, dovuta in larga misura a grandi gare previste (CRS di Regione Lombardia, prima fra tutte) e a progetti cofinanziati con fondi comunitari per le regioni del Sud e Isole. 7 Il dato relativo alla previsione di crescita della spesa IT 2009, a suo tempo quantificato da Netics intorno al 4,5%, è stato rivisto al ribasso assestandolo al 2,02% tenendo conto delle dichiarazioni di alcuni CIO di Regioni e Province Autonome e dei tagli di budget già annunciati ufficialmente. 12

13 In questo scenario timidamente ottimistico permane un elemento d incertezza sulle risorse finanziarie di derivazione statale e comunitaria (a partire dai fondi FAS e FESR) che in molti casi soprattutto al Sud rappresentano (ancora sulla carta) la fonte principale di finanziamento dell innovazione. È quindi possibile che nel corso del 2009 si debba aggiustare al ribasso il dato di previsione di spesa ICT, in funzione delle decisioni che il Governo assumerà in materia di rifinanziamento degli ammortizzatori sociali e di quanto prevarrà la componente edilizia all interno del piano infrastrutturale. Ancora una volta, si rischia di perdere un occasione non riuscendo a comprendere a livello di Sistema Paese la strategicità delle tecnologie dell informazione e delle comunicazioni come infrastruttura abilitante dello sviluppo economico. Da una parte a livello di rapporti Stato-Regioni si dichiara di voler dar vita a progetti ambiziosi di digitalizzazione della PA, e contemporaneamente si tagliano le risorse disponibili destinandole ad ambiti più tradizionali. Pare essere scarsa la disponibilità da parte dei grandi decisori delle politiche pubbliche a ragionare in termini strategici considerando le infrastrutture ICT (e non ci si riferisce esclusivamente alle reti in banda larga) come volano per una ripresa del sistema economico-finanziario nel suo complesso, anche se come detto in precedenza nel Piano Straordinario 2010 si fa esplicito riferimento a nuovi progetti ICT come misure anticongiunturali. Per quanto riguarda le telecomunicazioni (TLC), le previsioni di crescita per il 2009 rispetto all anno precedente si assestano intorno al 6% e sono riferibili a due ambiti principali d intervento: l infrastrutturazione VoIP delle sedi di Regioni e Province Autonome e, in misura decisamente più consistente, lo sviluppo delle reti in banda larga (azioni finalizzate alla riduzione del digital divide). Va detto che questa è la componente a maggior rischio di tagli in itinere qualora dovesse mutare significativamente il quadro complessivo delle risorse relative alla programmazione comunitaria Le priorità d intervento ( ) Al primo posto nelle priorità di intervento/investimento per il triennio , le Regioni e Province Autonome intervistate mettono, quasi all unanimità, la Sanità. Il motivo è evidente e risiede interamente nella volontà di affidare alle tecnologie dell informazione il compito di supportare le politiche, sempre più rigide, di contenimento della spesa sanitaria complessiva. Un riscontro immediato è fornito da un analisi più approfondita del cosa si pensa di fare in Sanità: il Fascicolo Sanitario Elettronico, le soluzioni RIS/PACS 8, il ricorso sempre più cogente alle piattaforme di e-procurement per l acquisto di beni e servizi rappresentano la maggioranza dei progetti in fase di attivazione. Dematerializzazione, peraltro, è il termine più ricorrente a livello generale nei progetti che le Regioni e Province Autonome stanno per avviare o hanno già avviato nei mesi scorsi: che si tratti di cedolini paga o di fascicoli del dipendente, di documenti afferenti al ciclo passivo (ordini - fatture - mandati), di atti amministrativi in genere e via di questo passo. Anche in questo caso, la volontà di investire in tecnologia è strettamente correlata all esigenza di contenere la spesa complessiva delle Amministrazioni. Lo spostare i documenti dalla carta ai bit è un operazione che consente risparmi di decine di milioni di Euro all anno in una Regione di medie dimensioni. Di seguito, riportiamo in aggregato la percentuale di Regioni e Province Autonome che dichiarano un aumento di spesa di previsione 2009 per investimenti rispetto agli ambiti elencati. 8 RIS: Radiology Information System; PACS: Picture Archiving and Communication System. 13

14 I dati riportati sono stati raccolti da Netics per la realizzazione del Rapporto 2008 sulle ICT nelle Regioni e Province Autonome e rappresentano fedelmente quanto dichiarato dai rispondenti all indagine. Figura 5: Previsione di incremento della spesa per investimento delle Regioni e Province Autonome (2009). 14

15 Capitolo 1: le Società in-house 15

16 Regioni che dispongono di Società ICT Pubbliche Regionali Il panorama Le Aziende pubbliche controllate dalle Regioni e Province Autonome e che operano nel settore dell informatica sono 17. Di queste, 14 possono dirsi propriamente in-house providing, ovvero a capitale interamente pubblico; le restanti operano invece a capitale misto. Di seguito riportiamo per ciascuna Regione e Provincia Autonoma le Società pubbliche ICT corrispondenti. Piemonte CSI Piemonte Società ICT in-house providing Liguria Datasiel SpA Società ICT in-house providing Valle d Aosta INVA SpA Società ICT in-house providing Lombardia Lombardia Informa ca SpA Società ICT in-house providing Prov. Aut. Bolzano Informa ca Alto Adige SpA Società ICT in-house providing Prov. Aut. Trento Informa ca Tren na SpA Società ICT in-house providing Friuli Venezia Giulia Insiel SpA Società ICT in-house providing Emilia Romagna Lepida SpA CUP 2000 SpA Società ICT in-house providing Umbria Webred SpA Società ICT in-house providing Lazio LAit SpA Società ICT in-house providing Sardegna Sardegna IT Srl Società ICT in-house providing Puglia InnovaPuglia SpA Società ICT in-house providing Molise Molise Da SpA Società ICT pubblica a capitale misto Abruzzo Abruzzo Engineering SCpA Società ICT pubblica a capitale misto Sicilia Sicilia e-innovazione SpA Sicilia e-servizi SpA Società ICT pubbliche a capitale misto Tabella 3: Società ICT pubbliche di Regioni e Province Autonome. A fianco: In rosso sono riportate le Società ICT in-house associate ad Assinter. Ad oggi, l Associazione ricomprende tutte le Società ICT in-house providing, a capitale interamente pubblico, presenti sul territorio nazionale. 16

17 Dimensioni delle Società ICT in-house Rispetto ai valori disponibili, l insieme delle Società ICT inhouse sviluppa per il 2008 un fatturato complessivo di circa 780 milioni di Euro 9. Nelle tabelle che seguono, abbiamo isolato i dati relativi alle realtà societarie costituite più di recente perché poco omogenei e difficilmente confrontabili. Nel triennio osserviamo un incremento medio di fatturato pari al 4,91%. A fianco riportiamo per completezza i dati di dettaglio rilevati rispetto alle in-house di più recente costituzione. Fa urato Prev. % complessivo (migliaia di Euro) CSI ,07% CUP ,07% DATASIEL ND 20,95% LAIT ,40% INFORMATICA TRENTINA ,85% INSIEL ND -7,42% INVA ,66% LOMBARDIA INFORMATICA ,80% WEBRED ND -3,42% Totali ,91% Tabella 4: Andamento del fatturato ICT in-house. Fa urato Prev. % complessivo (migliaia di Euro) LEPIDA ND ND ND SARDEGNAIT * ND ND SICILIA E-SERVIZI ND 221,28% SICILIA E-INN ,48% INNOVAPUGLIA * ND ND ND ND 9 Il valore riportato supera la spesa complessiva in ICT riportata nel paragrafo La spesa ICT nel 2008 delle Regioni che hanno una in-house poiché le in-house erogano servizi anche ad altri Enti. Tabella 5: Andamento del fatturato ICT in-house delle realtà di più recente costituzione. * Nota: i dati 2008 di SARDEGNAIT e INNOVAPUGLIA riportati in tabella derivano dal bilancio di previsione. 17

18 Figura 6: Incremento percentuale del fatturato ICT in-house ( ). Figura 7: Fatturato complessivo ICT in-house (2008). 18

19 Valore aggiunto per dipendente Il valore aggiunto annuo per dipendente, a livello medio, si attesta a Euro. Nel presente paragrafo e in quelli che seguono non abbiamo tenuto conto delle due in-house siciliane per le quali i calcoli non risultano comparabili rispetto alle altre realtà analizzate. Sicilia e-innovazione SpA opera esclusivamente come stazione appaltante e di program/project management mentre Sicilia e-servizi SpA, per effetto dell articolo 11 della Convenzione Quadro stipulata con la Regione Siciliana, svolge le proprie attività per il tramite di Sicilia e-servizi Venture scrl (società privata che detiene il 49% delle azioni di Sicilia e-servizi SpA). Ne consegue che le due Società gestiscono le proprie operatività in maniera differente rispetto alle altre in-house. Valore aggiunto 2008 Dipenden 2008 VA/dipendente CSI CUP DATASIEL LAIT INFORMATICA TRENTINA INSIEL INVA LEPIDA LOMBARDIA INFORMATICA SARDEGNAIT WEBRED INNOVAPUGLIA Totali * ** Tabella 6: Dati dimensionali delle Società ICT in-house (2008). * Il totale dei dipendenti non considera, in questa tabella, i dipendenti di Sicilia e-innovazione e Sicilia e-servizi (27 in tutto). **Il valore aggiunto medio per dipendente calcolato sui totali non considera le Società per le quali non è disponibile il dato. Figura 8: Valore aggiunto per dipendente Società ICT in-house (2008). 19

20 Costo del personale Il costo medio del personale calcolato per tutte le inhouse, si attesta intorno ai Euro all anno per unità lavorativa; in dettaglio (vedi Tabella 7). Quanto riportato è rappresentativo di come le realtà analizzate risultino differenti tra loro. Non bisogna dimenticare, infatti, che le in-house, pur condividendo la loro natura, sono nate e si sono strutturate seguendo percorsi indipendenti e legati esclusivamente alle proprie esigenze territoriali ed alle scelte delle proprie Amministrazioni di riferimento. Ogni in-house, come vedremo meglio più avanti, ha le proprie peculiarità organizzative, strutturali, operative e funzionali: risulta quindi evidente che la composizione degli organici sia qualitativamente (in termini di figure professionali necessarie a rispondere ad esigenze specifiche) e quantitativamente disomogenea. Costo del personale 2008 ( ) Dipenden 2008 Costo medio per dipendente ( ) CSI CUP DATASIEL LAIT INFORMATICA TRENTINA INSIEL * INVA LEPIDA LOMBARDIA INFORMATICA SARDEGNAIT * WEBRED Tabella 7: Costo del personale Società ICT in-house (2008). * Nota: i dati 2008 di SARDEGNAIT e INSIEL riportati in tabella derivano dal bilancio di previsione. Figura 9: Costo medio del personale (dati in migliaia di Euro) 20

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A.

Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza. Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Tavola rotonda eprocurement e Centrali di Committenza Dott. Giovanni Mariani PricewaterhouseCoopers Advisory S.p.A. Premessa La spesa per consumi intermedi costituisce una parte rilevante delle uscite

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA

FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA FORMAZIONE AVANZATA LA GESTIONE E VALUTAZIONE DEI CONTRATTI, PROGETTI E SERVIZI ICT NELLA PA 1. Premessa Il nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 gennaio 2011

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE

LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE LEGGE N.144/1999 ART. 4: FONDO PROGETTAZIONE PRELIMINARE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, recante Legge quadro in materia di lavori pubblici, nel testo aggiornato pubblicato nel supplemento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali

Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali Roma, 7 maggio 2013 Intesa 2 sottoscritta il 25 ottobre 2012 in sede di Conferenza Unificata Ministro Pari opportunità, Regioni e Autonomie locali E la naturale prosecuzione degli interventi previsti da

Dettagli

I benefici derivanti dalla Fattura Elettronica e dalla dematerializzazione del ciclo acquisti

I benefici derivanti dalla Fattura Elettronica e dalla dematerializzazione del ciclo acquisti I benefici derivanti dalla Fattura Elettronica e dalla dematerializzazione del ciclo acquisti Michele Benedetti Bologna, 22 aprile 2015 eprocurement, Fatturazione Elettronica: un unico processo Fornitore

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Iniziative di settore: Infomobilità

Iniziative di settore: Infomobilità Forum PA 2009 egov10: strategie ed azioni per l e-gov nazionale delle Regioni 13 maggio 2009 Iniziative di settore: Infomobilità Lucia PASETTI Interoperabilità e Cooperazione Applicativa per l'infomobilità:

Dettagli

INVESTI NEL TUO LAVORO

INVESTI NEL TUO LAVORO INVESTI NEL TUO LAVORO Dott. Arcangelo Rizzuti Responsabile Rete Nazionale BacktoWork24 Bologna, 10 marzo 2015 Da un anno, ogni settimana, abbiamo portato un investimento a una piccola azienda I risultati

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110

Roma, 18/07/2013. e, per conoscenza, Circolare n. 110 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Risorse Umane Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 18/07/2013 Circolare

Dettagli

Provincia- Revisione della disciplina delle funzioni

Provincia- Revisione della disciplina delle funzioni Provincia- Revisione della disciplina delle funzioni L art. 1, comma 86, della l. n. 56/2014 ha elencato le funzioni fondamentali delle Province non comprendendo tra queste il servizio idrico integrato;

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Contenuti Lombardia: un territorio fertile per l innovazione Il sostegno delle

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 30 aprile 2012; Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione; Ritenuta la straordinaria necessità ed urgenza, nell ambito dell azione del Governo volta all analisi ed alla revisione della spesa pubblica, di emanare disposizioni

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC

Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale. Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Innovazione della PA locale e innovazione del contesto territoriale Stefano Kluzer,, Coord. scientifico rete CRC Il Rapporto sull innovazione nelle regioni d Italia Ad oggi, citate, ma mai approfondite

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati

Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 33 Camera dei Deputati Tabella 4: Numero di aziende che utilizzano il fondo regionale ogni dieci aziende che si avvalgano del regime assicurativo Area N.ro ogni 10 aziende Nord-Ovest

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione

Controllo Interno. Aree Territoriali. RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Controllo Interno Aree Territoriali RUO Sviluppo Organizzativo e Pianificazione Agenda 2 Il modello organizzativo : logiche e obiettivi Il perimetro organizzativo/geografico Controllo Interno: Aree Territoriali

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione

REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e Tesoro Ragioneria Generale della Regione Repubblica Italiana Regione Siciliana ASSESSORATO BILANCIO E FINANZE Dipartimento Bilancio e Tesoro- Ragioneria Generale della Regione Catania 18 Marzo 2008 REGIONE SICILIANA - Dipartimento Bilancio e

Dettagli

ELITE. Thinking long term

ELITE. Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE Thinking long term ELITE valorizza il presente e prepara al futuro. Per aiutare le imprese a realizzare i loro progetti abbiamo creato ELITE, una piattaforma unica di servizi

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR

UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR PARTE II - CAPITOLO 4 UN PUNTO DI VISTA DELL OFFERTA: IL CONTRIBUTO DEI SOCI ASFOR Attraverso il questionario di rilevazione, l ASFOR Associazione

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2010 M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione

Te Se M. Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto. Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Temi attuali di gestione della manutenzione a confronto Osservatorio Tecnologie e Servizi per la Manutenzione Te Se M COME CAMBIANO I RAPPORTI FRA END-USER E FORNITORI DI SERVIZI SECONDO LA MATURITÀ DI

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione. Marzo 2008 Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Marzo 2008 Il Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi (2007 2013) 11/04/2011 Flussi migratori ed il contesto

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli