SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE."

Transcript

1 IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la provincia di Trento ha predisposto, in seguito ad una recente nota del Ministero dell'interno, dei nuovi moduli per quei datori di lavoro che intendono subentrare al contratto per la regolarizzazione di un lavoratore straniero che a causa del "mancato 1. SE VUOI ASSUMERE UNA LAVORATRICE STRANIERA CONTROLLA CHE la lavoratrice abbia la carta di soggiorno o un permesso di soggiorno che autorizza a svolgere attività lavorativa: un permesso di soggiorno per lavoro subordinato o autonomo, o di famiglia o per attesa occupazione o per motivi umanitari o per studio. ATTENZIONE: non può essere impiegata la lavoratrice straniera priva di permesso di soggiorno valido o in possesso di un permesso che non autorizza al lavoro (ad esempio, un permesso per turismo): la violazione di questa disposizione costituisce un reato punito con l arresto da 3 mesi ad 1 anno e con l ammenda di RICORDATI CHE PER INSTAURARE UN REGOLARE RAPPORTO DI LAVORO DEVI stipulare un contratto in forma scritta; assolvere alcuni necessari adempimenti previsti dalle leggi; rispettare gli obblighi contrattuali (orario; retribuzione e 13 a ; riposi, festività e ferie; malattia ed infortunio; cessazione del rapporto di lavoro e Trattamento di Fine Rapporto di lavoro ) e previdenziali: ricordiamo che alle badanti è applicato il contratto collettivo di lavoro domestico. 3. ALCUNI ADEMPIMENTI, UN PO COMPLICATI, SONO ASSOLUTAMENTE OBBLIGATORI PUOI RIVOLGERTI AL CAAF CGIL LE COSE DA FARE 1. STIPULARE IL CONTRATTO DI SOGGIORNO. Il contratto di lavoro della lavoratrice domestica deve essere stipulato su un apposito modulo (vedi «modulo contratto di soggiorno»), sottoscritto dal datore di lavoro e dalla lavoratrice. ATTENZIONE: in Trentino non è stato ancora istituito lo Sportello unico per l Immigrazione e, pertanto, il contratto di soggiorno non deve essere depositato presso alcun ufficio, ma solo conservato dagli interessati. 2. COMUNICAZIONI AL CENTRO PER L IMPIEGO. Il datore di lavoro deve comunicare l instaurazione del rapporto di lavoro al Centro per l impiego il giorno precedente all inizio dell attività. Allo stesso modo si devono comunicare la cessazione e la trasformazione del rapporto di lavoro entro 5 giorni. 3. COMUNICAZIONE ALL INAIL. 24 ore dall assunzione deve essere presentata la comunicazione all INAIL consegnado l apposito modulo (vedi «modulo denuncia Inail») o telefonando al numero verde o mediante posta elettronica indirizzata a oppure, per i lavoratori non comunitari, a 4. DENUNCIA DEL RAPPORTO DI LAVORO ALL INPS. Il rapporto di lavoro deve essere denunciato all INPS su apposito modulo (vedi «modulo denuncia all INPS»), entro i termini previsti: la denuncia può essere presentata direttamente o per posta agli uffici dell INPS (possibile anche la denuncia per via telematica sul sito cliccando sulla voce servizi online per il cittadino, o telefonando al numero di InpsInforma). 5. VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI. Trimestralmente, entro i termini stabiliti, devono essere versati i contributi tramite il bollettino rilasciato dall INPS

2 Assunzioni 1 genn. 31 marzo TERMINI PER LA DENUNCIA DI ASSUNZIONE Assunzioni Assunzioni 1 aprile 1 luglio 30 giugno 30 settembre Assunzioni 1 ottobre 31 dicembre 10 aprile 10 luglio 10 ottobre 10 gennaio Puoi trovare moduli ed informazioni in tutte le sedi dello SPI CGIL ed anche la necessaria assistenza nelle sedi del CAAF CGIL. QUANDO IL VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI Naturalmente per costituire un rapporto di lavoro regolare si devono versare all INPS, trimestralmente i contributi previsti Se l orario settimanale supera le 25 ore i contributi si pagano in cifra fissa, indipendentemente dall importo della retribuzione corrisposta alla lavoratrice. Attualmente, per ogni ora si deve versare un contributo di 0,92 (questo è l importo in vigore fino al 31 dicembre 2007), di cui 0,22 è a carico della lavoratrice e viene trattenuto sulla retribuzione. Il versamento deve essere effettuato per trimestre, tramite conto corrente postale ed entro questi precisi termini: TERMINI PER IL VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI 1 trimestre 2 trimestre 3 trimestre 4 trimestre genn.-feb..-mar. apr.-magg.-giu. lugl.-ago.-sett. ott.-nov.-dic. 10 aprile 10 luglio 10 ottobre 10 gennaio In caso di cessazione del rapporto di lavoro, il versamento deve essere effettuato entro 10 giorni dalla cessazione. Retribuzione oraria effettiva LAVORO DOMESTICO - CONTRIBUTI INPS (in euro) 1 genn dic Totale contributo orario quota del contributo totale a carico del lavoratore FINO A 24 ORE SETTIMANALI fino a 6,83 1,27 0,30 da 6,83 a 8,34 1,43 0,34 oltre 8,34 1,75 0,42 ORARIO DI LAVORO SUPERIORE 0,92 0,22 A 24 ORE SETTIMANALI Nella tabella sono indicati i contributi comprensivi della quota CUAF (Cassa Unica per gli assegni familiari). Leggermente inferiori sono i contributi senza la quota CUAF, dovuti quando il lavoratore è coniuge del datore di lavoro o è parente o affine entro il 3 grado e convive con il datore. Il contributo è riferito alla retribuzione oraria effettiva che comprende: 1. la retribuzione concordata; 2. l indennità giornaliera di vitto e alloggio (4,467 : 1,559 per il pranzo o la colazione; 1,559 per la cena; 1,349 per l alloggio) nel caso che questa sia dovuta; 3. la quota della tredicesima. I contributi devono essere pagati per tutti i giorni comunque retribuiti: non si tiene conto, quindi, solo dei giorni lavorati, ma anche di quelli pagati per ferie, malattia, festività, ecc.. Se l orario di lavoro è superiore a 24 ore settimanali il contributo dovuto è fisso, qualunque sia la retribuzione del lavoratore. Le ore devono essere prestate presso un unico datore. Il datore versa all INPS l intero importo del contributo, trattenendo dalla busta paga la quota a carico del lavoratore. I contributi devono essere versati all INPS entro 10 giorni del mese successivo alla fine di ciascun trimestre solare e, quindi, entro il 10 di aprile, luglio, ottobre e gennaio. 2

3 NEL PROSPETTO PAGA PRECISARE SEPARATAMENTE LE VOCI DELLA RETRIBUZIONE Insieme al pagamento della retribuzione il datore di lavoro deve predisporre un prospetto paga (vedi «modello prospetto paga»), anche molto semplice, in cui indicare separatamente le varie voci del salario: la retribuzione ordinaria; l eventuale superminimo; l indennità di vitto e alloggio quando è dovuta; le ore di straordinario e le festività; la tredicesima mensilità ed il TFR, quando è dovuto. Il prospetto deve essere compilato in duplice copia: una, firmata dal datore, e l altra per il lavoratore, firmata dal datore di lavoro. Può sembrare una incombenza fastidiosa, ma la compilazione del prospetto paga è estremamente utile per evitare incomprensioni e tensioni. E importante ricordare anche che alla lavoratrice convivente spetta il vitto e l alloggio: se non ne usufruisce per ferie, per congedo matrimoniale, ecc., deve essere pagata un indennità sostitutiva, per il 2006 pari a 4,467 al giorno (1,559 per il pranzo o la colazione; 1,559 per la cena; 1,349 per l alloggio). Quando è dovuta, inoltre, l indennità deve essere sommata alla retribuzione per calcolare la tredicesima, il TFR e i contributi da versare. QUANDO PAGARE LA TREDICESIMA MENSILITÀ ED IL TFR Normalmente le lavoratrici straniere chiedono che nella retribuzione mensile siano compresi anche i ratei della 13 a e del TFR (Trattamento di fine rapporto) Ti ricordiamo che in base al CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro): 1. la 13 a va pagata in in occasione del Natale ; 2. il TFR deve essere pagato, appunto, a fine rapporto. Una clausola del CCNL prevede che, su richiesta della lavoratrice, il TFR possa essere pagato per non più di una volta l'anno e nella misura massima del 70% di quanto fino ad allora maturato. SE SI INTENDE CHIUDERE IL RAPPORTO DI LAVORO Sia il datore di lavoro che la lavoratrice possono far cessare il rapporto di lavoro senza particolari procedure, dando una comunicazione scritta e con il solo obbligo di rispettare il periodo di preavviso, altrimenti si deve pagare un indennità di mancato preavviso. orario inferiore a 25 ore settimanali orario eguale o superiore a 25 ore settimanali PERIODO DI PREAVVISO superiore fino a 2 anni a 2 anni presso lo stesso datore 8 giorni 15 giorni fino a 5 anni oltre 5 anni 15 giorni 30 giorni In caso di dimissioni della lavoratrice la durata del preavviso è ridotta del 50%. E importante considerare anche quanto dice l art.21 del CCNL: le assenze non giustificate entro il quinto giorno, ove non si verifichino cause di forza maggiore, sono da considerare giusta causa di licenziamento. La lettera di contestazione dell assenza ingiustificata e quella dell eventuale licenziamento devono essere inviate all indirizzo indicato nella lettera di assunzione. PER IL DATORE NESSUN OBBLIGO VERSO IL FISCO, MA NATURALMENTE LA LAVORATRICE DEVE PAGARE LE IMPOSTE. I BENEFICI FISCALI. Il datore di lavoro della badante non è sostituto di imposta, per cui non ha alcun obbligo fiscale: dovrà solo rilasciare un a dichiarazione sostitutiva del C.U.D.(vedi «modello dichiarazione sostitutiva del C.U.D.»), ossia un prospetto riepilogativo dei compensi corrisposti nell anno. Sarà obbligo della lavoratrice poi utilizzare questa dichiarazione per dichiarare i propri redditi con il Mod. Unico e pagare la relativa imposta. Invece, il datore di lavoro può ottenere dei benefici fiscali: nel caso di assunzione di una colf è concesso di dedurre dal reddito imponibile IRPEF i contributi versati nell anno fino all importo massimo di 1.549,37 l'anno; 3

4 nel caso di assunzione di una badante il datore di lavoro può detrarre dall'imposta lorda il 19% delle spese sostenute per gli addetti all'assistenza di persone non autosufficienti, per un importo massimo di euro l'anno. La detrazione spetta al soggetto non autosufficiente o ai familiari che sostengono la spesa se il reddito complessivo non supera euro. TABELLA A Conviventi LAVORO DOMESTICO - paga mensile (IN EURO) MINIMI RETRIBUTIVI in vigore dal 1 marzo 2007 TABELLA B Tabella C Tabella D Non Assistenza notturna conviventi Ore 20-8 Valori mensili Valori mensili Valori orari Valori mensili Autosuff. Non autosuff. A 550,00 4,00 A super 650,00 4,70 B 700,00 500,00 5,00 B super 750,00 525,00 5,30 862,50 C 800,00 580,00 5,60 C super 850,00 5,90 977,50 D 1000,00* 6,80 D super 1000,00* 7, ,50 Tabella E Presenza notturna Ore 21-8 Valori mensili Livello unico 577,50 * Alla retribuzione di D e D super della Tabella A devono essere aggiunti 150,00 a titolo di indennità di funzione. Tabella A: lavoratrici conviventi a tempo pieno. Tabella B: lavoratrici di livello C, B e B super, conviventi part time con orario settimanale massimo di 30 ore (prestazioni oltre le 30 ore devono essere pagate con le maggiorazioni previste per il lavoro straordinario). Tabella C: lavoratrici non conviventi. Tabella D: prestazioni notturne (ore 20-8) assistenziali (non infermieristiche) discontinue a persone autosufficienti (fornite da personale inquadrato in B super) oppure prestazioni notturne assistenziali discontinue a persone non autosufficienti fornite da personale non formato (livello C super) o da personale formato ( livello D super). Tabella E: prestazione di presenza notturna. Prestazioni diverse dalla semplice presenza devono essere retribuite sulla base della tabella C, limitatamente al tempo effettivamente impiegato. Al lavoratore che lavora per più di 6 ore al giorno spettano anche il vitto e l alloggio. Se non ne usufruisce (per ferie, congedo matrimoniale, ecc.), il lavoratore ha diritto ad un indennità sostitutiva per un importo totale di 4,69, così ripartita: 1,637 per il pranzo e/o la colazione; 1,637 per la cena; 1,416 per l alloggio (pernottamento). Quando è dovuta, l indennità sostitutiva va sommata alla retribuzione per il calcolo della tredicesima mensilità, del TFR e dei contributi da versare. NOTE: i nuovi inquadramenti e le relative retribuzioni si applicano dall entrata in vigore del nuove Contratto collettivo nazionale, cioè dal 1 marzo I livelli economici precedentemente assicurati devono essere salvaguardati. Se la retribuzione globale di fatto corrisposta alle lavoratici conviventi prima dell entrata in vigore del nuovo contratto collettivo è inferiore ai nuovi minimi tabellari la differenza deve essere pagata: per un 50% dal 1 marzo; per il restante 50% dal 1 gennaio Eventuali assegni ad personam o superminimi precedentemente percepiti dalla lavoratrice sono riassorbiti fino a raggiungere i nuovi minimi tabellari. a cura di Antonio Rapanà Ufficio Lavoratori Immigrati CGIL del Trentino - Trento, via Muredei n

5 Le assenze non giustificate entro il quinto giorno, ove non si verifichino cause di forza maggiore, sono da considerare giusta causa di licenziamento. A tal fine la relativa lettera di contestazione e quella di eventuale successivo licenziamento saranno inviate all indirizzo indicato nella lettera di assunzione, così come previsto dall art. 6, lett. e) del presente contratto. 5

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO

UN LAVORO PATRONATO ACLI. di cura in regola... Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO UN LAVORO di cura in regola... I diritti e i doveri dei collaboratori familiari e dei datori di lavoro Una guida in pillole al CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DEL LAVORO DOMESTICO CHI BEN COMINCIA......lettera,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11

Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 INDICE Sezione Prima - ASPETTI CONTRATTUALI Fonti normative...pag. 10 Il contratto collettivo di categoria...» 10 Sfera di applicazione...» 10 Decorrenza e durata...» 11 Le caratteristiche dei lavoratori

Dettagli

SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 2007

SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 2007 SINTESI DEL NUOVO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULLA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO ENTRATO IN VIGORE IL 1 MARZO 007 ASSUNZIONE CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO. L

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali)

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore (inferiori a 25 h settimanali) Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2016 al 31/12/2016 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore

Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Le spettanze di una collaboratrice familiare a ore Minimi contrattuali in vigore dal 1/1/2015 al 31/12/2015 Livello Profilo Tabella A C Non Conviventi Paga Oraria A Colf senza esperienza 4,51 A Super Baby

Dettagli

QUANTO MI COSTA LA COLF

QUANTO MI COSTA LA COLF Quanto mi costa la colf? NEWS QUANTO MI COSTA LA COLF Chi decide di assumere una colf (o una badante) deve sostenere una serie di costi, che vanno dal corrispettivo della prestazione (con eventuali indennità

Dettagli

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI

TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI TUTELE PER I LAVORATORI DOMESTICI Sono quei lavoratori che prestano la loro attività esclusivamente per le necessità familiari del datore di lavoro e del suo nucleo familiare. Rientrano in questa categoria:

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini.

IMPLEMENTAZIONI. STCOLF: Stampe Colf Il comando STCOLF racchiude le seguenti opzioni: 1. Stampa brogliaccio bollettini; 2. Stampa bollettini. TB1502: Tabella contributi Colf La Tabella contributi Colf viene creata dal comando di conversione (successivamente verrà aggiornata con l aggiornamento delle tabelle fisse) e contiene gli elementi da

Dettagli

L attività delle Acli Colf si realizza tramite le seguenti iniziative

L attività delle Acli Colf si realizza tramite le seguenti iniziative Le Acli Colf sono l Associazione professionale delle Acli che organizza le collaboratrici e i collaboratori familiari. Nate nel 1945, operano per: tutelare i diritti delle colf; raccogliere domande ed

Dettagli

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE

CCNL LAVORATORI DOMESTICI CON DECORRENZA DAL 1 LUGLIO 2013 AL 31 DICEMBRE Indice IL CONTRATTO DI LAVORO - LE CATEGORIE - I CONTRIBUTI INPS - IL PERIODO DI PROVA - LA TREDICESIMA MENSILITÀ I GIORNI FESTIVI - GLI SCATTI DI ANZIANITÀ - LE FERIE - VITTO E ALLOGGIO - L ORARIO DI

Dettagli

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL)

SINTESI CONTRATTO LAVORO DOMESTICO - VALIDITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) SINTESI CONTRATTO LAVORO OMESTICO - VALIITA 1.3.2007-28.2.2011 (la sintesi non esaurisce tutti i contenuti del CCNL) MALATTIA Anzianità di servizio Conservazione del posto per 365 giorni decorrenti dall

Dettagli

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO

IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Introduzione al mondo del lavoro di cura L inquadramento (Minimi contrattuali in vigore PER L ANNO 2011) LIVELLO TABELLA A CONVIVENTI TABELLA B CONVIVENTI PART-TIME TABELLA

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Il rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa... 7

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) Adempimenti per l assunzione di una colf... 2 Gli scalini per l accesso alla

Dettagli

Contributi. I lavoratori domestici. Sommario

Contributi. I lavoratori domestici. Sommario Contributi I lavoratori domestici Sommario COLF ITALIANA O DELL'UNIONE EUROPEA... 2 COLF EXTRACOMUNITARIA... 2 LA DENUNCIA DI ASSUNZIONE ALL'INPS... 3 I DOCUMENTI PER L'ASSUNZIONE... 4 I CONTRIBUTI...

Dettagli

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF

L'ASSICURAZIONE PER LE COLF L'ASSICURAZIONE PER LE COLF Sono lavoratori domestici coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita familiare del datore di lavoro (tuttofare, camerieri, cuochi, bambinaie,

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... Sommario SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa...

Dettagli

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 15 settembre 2011

Centro Studi Castelli. VideoLavoro. 15 settembre 2011 Centro Studi Castelli VideoLavoro 15 settembre 2011 1 Novità del periodo 1.08.2011-9.09.2011 A cura di Laurenzia Binda 2 NOVITÀ DEL PERIODO MANOVRA DI FERRAGOSTO D.L. 13.08.2011 n. 138 DDL 7.09.2011 n.

Dettagli

LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO M:\Manuali\VARIE\Manuale_Lavoro_Domestico.doc LAVORO DOMESTICO GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO SOMMARIO 1. CODIFICA DIPENDENTE E DITTA 2 2. I N A I L 3 3. I N P S 3 4. I R P E F 4 5. M O V I M E N T O

Dettagli

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969

La giusta soluzione in tempi brevi. Chiamaci subito allo: 328 2964969 In questo documento, abbiamo riportato alcuni passaggi del CCNL(contratto nazionale) del lavoro domestico, in particolare ciò che riguarda le figure di badante e colf/baby-sitter, in modo da fornire una

Dettagli

Le spettanze di una collaboratrice familiare

Le spettanze di una collaboratrice familiare Le spettanze di una collaboratrice familiare La retribuzione base, per una collaboratrice familiare deve essere concordata rispettando i seguenti minimi contrattuali: Minimi contrattuali in vigore dal

Dettagli

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO.

o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO FAMILIARE O DI UNA COMUNITÀ STABILE SENZA FINE DI LUCRO. 13 01 2010 o E UN RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO; o LA PRESTAZIONE DEL LAVORATORE È FINALIZZATA AL FUNZIONAMENTO DELLA VITA FAMILIARE; o LA PRESTAZIONE PUÒ ESSERE RESA A FAVORE DI UNA PERSONA, DI UN GRUPPO

Dettagli

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5

CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE. Una guida pratica per le famiglie AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 Comuni di: CASSANO D A. POZZUOLO M. INZAGO SETTALA LISCATE TRUCCAZZANO MELZO VIGNATE CERCASI ASSISTENTE FAMILIARE Una guida pratica per le famiglie INDICE I servizi attivati

Dettagli

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione

Come leggere la Busta Paga. G.I. G.I. Formazione Come leggere la Busta Paga G.I. G.I. Formazione Formazione La Busta Paga Cos è A Cosa Serve Come è Composta COS E La Busta Paga è il prospetto che indica la retribuzione che il lavoratore percepisce per

Dettagli

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595

Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 Spa 38100 TRENTO Via Solteri, 74 INFORMATIVA PER L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Direttore Responsabile: Franco Bolner Per eventuali problemi di non corretta ricezione telefonare allo 0461/805595 INFORMATIVA

Dettagli

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari

Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari Lavoratori Domestici e Collaboratori Familiari di Luciano Alberti Le formule presenti in questo testo sono disponibili online e sono personalizzabili. Le istruzioni per scaricare i file relativi sono riportate

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI

LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI Le caratteristiche dei lavoratori domestici LE CARATTERISTICHE DEI LAVORATORI DOMESTICI Per lavoratori domestici si intendono coloro che prestano la loro opera esclusivamente per le necessità della vita

Dettagli

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto.

Generalmente le colf possono instaurare con il proprio datore di lavoro tre tipi di contratto a seconda dell impegno richiesto. Le categorie dei lavoratori domestici includono non solo le tradizionali "colf", ma tutti quei lavoratori che "prestano a qualsiasi titolo la loro opera per il funzionamento della vita familiare". Pertanto

Dettagli

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga.

Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Calcolo della tredicesima Vediamo come si calcola la tredicesima in busta paga. Obbligo della retribuzione globale di fatto. Come abbiamo detto, la tredicesima si calcola sulla base della retribuzione

Dettagli

AGEFIS --- Associazione dei Geometri Fiscalisti Corso Vercelli 332/p 10015 Ivrea TO Tel. 0125.61.65.74 - Fax 0125.25.20.28 www.agefis.

AGEFIS --- Associazione dei Geometri Fiscalisti Corso Vercelli 332/p 10015 Ivrea TO Tel. 0125.61.65.74 - Fax 0125.25.20.28 www.agefis. 1. PREMESSA... 2 2. I PROTAGONISTI... 2 3. CCNL... 2 4. LE COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE... 2 Assunzione... 2 Trasformazione... 2 Trasformazione rapporto di lavoro... 2 Proroga... 2 Cessazione... 2 5. OMESSE

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 02 2015

NEWSLETTER LAVORO 02 2015 AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 02 2015 Normativa lavoro 1. Jobs Act: approvazione decreto contratto tutele crescenti e novità in via di approvazione 2. Stabilizzazione

Dettagli

Periodico informativo n. 135/2014. Domestici. Terza rata in scadenza

Periodico informativo n. 135/2014. Domestici. Terza rata in scadenza Periodico informativo n. 135/2014 Domestici. Terza rata in scadenza Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che, il 10 ottobre 2014 scade l ultimo

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014 CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 17/2014 del 13/3/2014 ARGOMENTO: LAVORO DOMESTICO: LE NOVITA 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che ci sono importanti novità che interessano il mondo

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

COLF E BADANTI. Colf & Badanti è il software pensato per professionisti, associazioni e semplici cittadini.

COLF E BADANTI. Colf & Badanti è il software pensato per professionisti, associazioni e semplici cittadini. Premessa System for Card Srl, società di software e di servizi, sempre attenta all eccellenza delle proprie soluzioni, ha realizzato un software completo e referenziato che consente la gestione informatizzata,

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI. Regolazione del rapporto di lavoro

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI. Regolazione del rapporto di lavoro COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro Febbraio 2009 Introduzione pag. 3 Assunzione di lavoratori extracomunitari pag. 3 Assunzione di lavoratori neocomunitari pag. 8 Il contratto

Dettagli

PRATICHE PER CONDOMINI E INQUILINI

PRATICHE PER CONDOMINI E INQUILINI La voce dell Associazione Amministratori Condominiali Immobiliari - Milano l amministratore INFORMAZIONI PRATICHE PER CONDOMINI E INQUILINI 37 ANNO Milano - Il Chiostro dell Università Statale Spediz.

Dettagli

Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO

Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO Massimo De Luca LAVORO DOMESTICO Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER FEBBRAIO 2014 ISCRITTI ALLA GESTIONE SEPARATA. LE ALIQUOTE PER IL 2014 L Inps con la circolare n. 18/2014 comunica, a seguito delle modifiche introdotte dalla legge

Dettagli

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli)

PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) PREVIDENZA Di seguito sono riportati gli argomenti previdenziali di utilità generale (cliccare sul titolo per avere i dettagli) I requisiti per l accesso alla pensione per le donne... 2 Adempimenti per

Dettagli

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A

CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A CGIL CORSO CONFEDERALE LA BUSTA PAGA A cura di: Staff Formazione Ufficio Vertenze Confederale CGIL LIGURIA Versione integrale 1 2 LE LEGGI DELLO STATO ED I CONTRATTI DI LAVORO DETTANO LE NORME CHE DISCIPLINANO

Dettagli

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro

PROGRAMMA. CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria. CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro PROGRAMMA CORSO IN PAGHE E CONTRIBUTI La Teoria CAPITOLO I: Il nuovo collocamento e la costruzione del rapporto di lavoro 1. Collocamento ordinario 2. Collocamento obbligatorio 3. Adempimenti collegati

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

newsletter GIUGNO 2015

newsletter GIUGNO 2015 newsletter GIUGNO 2015 4. Scadenziario luglio 2015 4. SCADENZIARIO LUGLIO 2015 Scadenze contrattuali Assicurazioni Agenzie in gestione libera UNAPASS: Una tantum L accordo 20 novembre 2014, tra ANAPA,

Dettagli

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA

CISL FP (A. Roncarolo) Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA Aspetti giuridici Struttura Le voci LA BUSTA PAGA 1 COS È LA BUSTA PAGA è un documento obbligatorio (Legge 5 gennaio 1953, n. 4) che indica la retribuzione, le ritenute fiscali e previdenziali che il lavoratore

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi

Paghe e Contributi. Corsi. Padova. Corso Base. Corso Avanzato. Paghe e Contributi. Paghe e Contributi Corsi Centro Paghe...al Servizio del Professionista Corso Base Corso Avanzato Corso Base Paghe e contributi >> Costituzione del rapporto di lavoro e retribuzione Malattia, maternità, infortunio e adempimenti

Dettagli

Esenzione ticket: le nuove modalità

Esenzione ticket: le nuove modalità LE NUOVE MODALITA Esenzione ticket: le nuove modalità Regione Liguria, a partire dal 1 novembre, ha introdotto delle nuove modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket per reddito e per patologia

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro Coordinamento e Supporto attività connesse al Fenomeno Migratorio Gennaio 2008 INDICE Introduzione

Dettagli

Foglio Informativo AnSe

Foglio Informativo AnSe Foglio Informativo AnSe Anno 2014 - Numero 5 4 settembre 2014 Anno13 - Numero 2013 Sommario: Lavoratori domestici ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125-00198 ROMA Tel.

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE

II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE CONTABILITA GENERALE 19 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 29 novembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga

A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga * aggiornato al 20 luglio 2009 CHE COS È è un documento obbligatorio

Dettagli

Caratteristiche del permesso di soggiorno rilasciato.

Caratteristiche del permesso di soggiorno rilasciato. Nel primo caso, qualora la persona inferma non sia in grado, per un impedimento permanente, né a sottoscriverere la domanda di regolarizzazione, né a recarsi allo sportello polifunzionale, sembra che l'unica

Dettagli

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare

Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello. Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare Testata cedolino -Anagrafica azienda -Anagrafica dipendente -Qualifica e livello Corpo cedolino(parte1) -Assenza, Malattia -Assegni nucleo familiare -TFR Corpo cedolino(parte2) -Area previdenziale -Ferie

Dettagli

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI EX ART. 1 TER Legge 102/2009 DI COSA SI TRATTA? La procedura prevista dall art. 1ter della L. 102/2009 è finalizzata all emersione del lavoro in nero svolto nei seguenti

Dettagli

Gestire il rapporto di lavoro domestico. Massimo De Luca

Gestire il rapporto di lavoro domestico. Massimo De Luca Gestire il rapporto di lavoro domestico Massimo De Luca Aggiornato con i minimi retributivi 2015 Massimo De Luca GESTIRE IL RAPPORTO DI LAVORO DOMESTICO Aggiornato con i minimi retributivi 2015 Marzo 2015

Dettagli

CHI. A B C... BUSTE PAGA CORSO PRATICO E TEORICO per REDIGERE e COMPRENDERE la Busta Paga

CHI. A B C... BUSTE PAGA CORSO PRATICO E TEORICO per REDIGERE e COMPRENDERE la Busta Paga A B C... BUSTE PAGA CORSO PRATICO E TEORICO per REDIGERE e COMPRENDERE la Busta Paga Arricchisci la tua formazione, COSTRUISCITI nuove OPPORTUNITÀ! 6 moduli specialistici / 80 ore formative teorico-pratiche

Dettagli

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Circolare Informativa n 13/2014 Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Pagina 1 di 11 INDICE 1) Abbigliamento e confezioni Aziende industriali pag.3 2) Alimentari PMI pag.3 3) Autotrasporti merci e logistica pag.3

Dettagli

Frequently Asked Questions

Frequently Asked Questions EMERSIONE DAL LAVORO IRREGOLARE DEI LAVORATORI STRANIERI EXTRACOMUNITARI IMPIEGATI NEL SETTORE DOMESTICO Frequently Asked Questions 1. Da quando sono in vigore le procedure per l emersione? Dal 21 agosto

Dettagli

Alcuni Servizi nel Dettaglio

Alcuni Servizi nel Dettaglio Alcuni Servizi nel Dettaglio PAGINA 2: PAGINA 3: PAGINA 4: PAGINA 5: PAGINA 6: MODELLO 730 - REDDITI LAVORO DIPENDENTE UNICO PF - REDDITI SULLE PERSONE FISICHE NON SOGGETTI AD IVA DETRAZIONI - INPS, INPDAP,

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI ELABORAZIONE PAGHE Il contratto per la fornitura del servizio di elaborazione paghe ha generalmente validità di 12 mesi e comprenderà tutte le elaborazioni mensili ed annuali,

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Tuccio Rag. Emanuele

Tuccio Rag. Emanuele Commercialista Consulente del Lavoro Revisore Contabile Via Verga, 16 GELA (CL) Tel. 0933-911496 e-mail: emtucci@gmail.com CORSO DI FORMAZIONE ENNA BASSA 31-05-2011 Con il patrocinio di FEMCA CISL SICILIA

Dettagli

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE

LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE LA BUSTA PAGA DELL OPERAIO EDILE A cura del GRUPPO SULLE PROBLEMATICHE DEL LAVORO dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Torino, Ivrea e Pinerolo Relatore dottoressa Luisella

Dettagli

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione.

OGGETTO: Modello 770/2005 Semplificato Istruzioni per la compilazione. DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE Roma, 4-7-2005 Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali e per loro tramite: - Alle Amministrazioni Statali - Agli Enti con Personale Iscritto alle Casse CPDEL,

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Come leggere la busta paga

Come leggere la busta paga Come leggere la busta paga Indice Che cosa è pag. 3 A cosa serve pag. 4 La struttura della busta paga pag. 5 Intestazione (dati ditta dati anagrafici e contrattuali lavoratore) pag. 6 Corpo della Busta

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale.

LE TREDICESIME DEL 2009 * * * effetto degli ammortizzatori sociali attivati dalle aziende a seguito della crisi mondiale. Roma, 21 dicembre 2009 LE TREDICESIME DEL 2009 * * * Nelle famiglie stanno per arrivare le tredicesime, un flusso di danaro che sempre di più verrà utilizzato per soddisfare bisogni primari a discapito

Dettagli

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di REGOLAMENT art. 1 ISCRIZIONE AL FONDO art. 2 PRESTAZIONI art. 3 FUNZIONAMENTO DEL FONDO art. 4 EROGAZIONE PRESTAZIONI art. 5 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI art. 6 DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 7 QUOTE DI

Dettagli

FAQ E INDICAZIONI OPERATIVE IN TEMA DI LAVORO. A cura di Gianluca Cassuto

FAQ E INDICAZIONI OPERATIVE IN TEMA DI LAVORO. A cura di Gianluca Cassuto FAQ E INDICAZIONI OPERATIVE IN TEMA DI LAVORO A cura di Gianluca Cassuto DATORE DI LAVORO La domanda deve essere fatta esclusivamente dal datore di lavoro Un unico datore di lavoro La domanda di assunzione

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro

Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro Come leggere la Busta Paga A cura del Dipartimento Scientifico della Fondazione Studi - Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro * aggiornato al 19.05.2011 CHE COS È è un documento obbligatorio che

Dettagli

LAVORO DOMESTICO LAVORATORI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI

LAVORO DOMESTICO LAVORATORI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI LAVORO DOMESTICO LAVORATORI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Fatti i conti in... BUSTA PAGA

Fatti i conti in... BUSTA PAGA DIRITTO LAVORO Fatti i conti in... BUSTA PAGA I risultati dell indagine condotta da Jobadvisor qualche mese fa e pubblicati nell edizione di ottobre indicano che per la grande maggioranza dei neolaureati

Dettagli

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella

LA BUSTA PAGA. ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella ODPF Istituto Santachiara Centro di Formazione Professionale Stradella Corso: 2^ Operatore dei servizi all impresa Materia: Tecnica ed Economia Aziendale LA BUSTA PAGA ANNO FORMATIVO 2012/2013 La busta

Dettagli

LA NUOVA FIGURA DELL ASSISTENTE FAMILIARE

LA NUOVA FIGURA DELL ASSISTENTE FAMILIARE LA NUOVA FIGURA DELL ASSISTENTE FAMILIARE GUIDA RAPIDA 1 INTRODUZIONE Il presente elaborato trae origine dall esigenza di fornire alcune coordinate di riferimento alle famiglie che impiegano le Badanti

Dettagli

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013

La Gestione Separata. Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 La Gestione Separata Giornata nazionale della previdenza Milano 18 maggio 2013 1 2 L iscrizione E a carico del lavoratore o del professionista Deve essere presentata entro 30 giorni dall inizio dell attività.

Dettagli

6. CONTABILITA GENERALE

6. CONTABILITA GENERALE 6. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI GESTIONE SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 1 E. Scritture relative al lavoro dipendente Definizione Il lavoro rappresenta un fattore della produzione che contabilmente

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 6 II) SCRITTURE DI GESTIONE E) SCRITTURE RELATIVE AL LAVORO DIPENDENTE 14 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 E. Scritture relative

Dettagli

SCADENZE GENNAIO 2016

SCADENZE GENNAIO 2016 SCADENZE GENNAIO 2016 VENERDì 1 GENNAIO TASSO INTERESSE LEGALE - Dal 1.01.2016 la misura del saggio degli interessi legali passa dallo 0,5% allo 0,2% in ragione d anno (decreto MEF 11.12.2015, G.U. 15.12.2015,

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è BREVE SINTESI DELL INTERVENTO PROGRAMMATO PER IL CONVEGNO DEL 16.03.13 Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno in quella sede espressi in modo organico. L argomento

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro

Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Richiesta di fornitura per servizi di consulenza professionale Consulente del Lavoro Lepida SpA è lo strumento operativo della Regione Emilia Romagna per la pianificazione, lo sviluppo e la gestione delle

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli