UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita`

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita`"

Transcript

1 UNICO 2011 Quadro RC: premi di rendimento e produttivita` di Cristina Piseroni e Valerio Artina (*) L ADEMPIMENTO I lavoratori dipendenti privati che presentano il Mod. UNICO 2011 e hanno percepito nel corso dell anno 2010 compensi per premi di rendimento e produttività possono optare, tramite la compilazione del rigo RC4, per l assoggettamento di tali compensi al regime di tassazione ordinario. Nel caso in cui, invece, il sostituto abbia applicato la tassazione ordinaria e si ritenga di possedere i requisiti necessari per usufruire della tassazione sostitutiva, la corretta compilazione del rigo RC4 permettera` ai contribuenti di usufruire dell imposta sostitutiva dell IRPEF e delle addizionali regionali del 10%. Alla possibilita` /obbligo di compilazione del rigo RC4, si affianca l introduzione del nuovo quadro QR, appositamente dedicato a quei lavoratori dipendenti che abbiano percepito, negli anni 2008 e 2009, compensi di produttivita` erendimentoechesia- no stati erroneamente esclusi dall applicazione della tassazione sostitutiva. " Riferimenti Agenzia delle Entrate, provvedimento 31 gennaio 2011 D.L. 27 maggio 2008, n. 93 Legge 23 dicembre 2009, n. 191 art. 2, commi 156 e 157 Premi di rendimento e produttività La legge di stabilità 23 dicembre 2009, n. 191 articolo 2, commi 156 e 157 ha prorogato, con modificazioni, per il periodo d imposta 2010 la disciplina relativa alla detassazione dei compensi percepiti dai lavoratori dipendenti (con conseguente esclusione dal beneficio per i soggetti titolari di redditi assimilati a quello di lavoro dipendente) per l incremento della produttività, originariamente introdotta dal D.L. 27 maggio 2008, n. 93. La disciplina applicabile al periodo d imposta 2010 prevede la facoltà per i lavoratori dipendenti del settore privato, di assoggettare i compensi percepiti dal proprio datore di lavoro, a fronte di incrementi della produttività, ad un imposizione sostitutiva dell IRPEF e delle relative addizionali del 10%. Il singolo contribuente risulta, comunque, libero di poter richiedere al proprio datore di lavoro l applicazione della disciplina ordinaria, ove ritenuta più conveniente, ovvero di optare per la medesima in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi. La disciplina in esame risulta, tuttavia, sottoposta a vincoli particolari. Per l anno 2010 risultano agevolabili esclusivamente i compensi percepiti a fronte del conseguimento di incrementi di produttività; risulterebbero, quindi, esclusi i compensi percepiti a fronte della prestazione di lavoro straordinario. Tale esclusione, tuttavia, non risulta essere assoluta, l Agenzia delle Entrate ha, infatti, rilevato nella Risoluzione 17 agosto 2010 che anche i compensi percepiti a fronte della prestazione di lavoro straordinario possono usufruire dell imposizione sostitutiva, a patto che i medesimi possano essere ricondotti ad incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa. La prima condizione da rispettare al fine di poter usufruire del particolare regime in esame, a parte, ovviamente, la natura dei compensi percepiti da assoggettare ad imposizione sostitutiva, afferisce all entità dei redditi di lavoro dipendente percepiti nel periodo d imposta precedente. Al fine di poter usufruire di tale regime per l anno 2010 è, infatti, richiesto che nel 2009 il singolo contribuente non abbia percepito compensi di lavoro dipendente lordi sottoposti a tassazione ordinaria superiori a E (non rientrano, pertanto, nei limiti i redditi di lavoro dipendente assoggettati a tassazione separata o le altre tipologie di reddito eventualmente conseguite, quali, ad esempio, i redditi diversi). Si evidenzia che tale importo limite è comunque comprensivo degli eventuali compensi per produttività percepiti nel Per quanto concerne i periodi d imposta passati si rileva, invece, che tale limite era pari a E nel 2007 e a E nel Per quanto concerne il rispetto del requisito relativo all entità dei redditi di lavoro dipendente percepiti nel periodo fiscale precedente si rileva che la Circolare dell Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2008, n. 59, abbia evidenziato, tra gli altri aspetti oggetto d approfondimento, che: la verifica del limite di reddito di euro riguarda i soli redditi di lavoro dipendente di cui all arti. 49 del T.U.I.R., compresi quelli indicati nel comma 2... Si ritiene che ai fini della verifica in questione debba essere considerato il reddito di lavoro dipendente anche se lo stesso è riconducibile ad un at- (*) Studio Artina in Bergamo PRATICA FISCALE e Professionale 41 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

2 tività di lavoro svolta all estero. Il regime di imposizione sostitutiva in esame prevede, inoltre, un limite all importo dei compensi agevolabili; in particolare i compensi agevolabili per il periodo d imposta 2008 erano pari a 3.000E, mentre per i periodi 2009 e 2010 l importo è stato incrementato a 6.000E. Ai fini dell individuazione dell importo di tali compensi, si evidenzia che, nella maggior parte dei casi, i compensi per produttività erogati ai singoli lavoratori saranno stati sottoposti dal datore di lavoro all imposizione sostitutiva in esame e, pertanto, risulteranno indicati nei punti 93 e 94 del CUD 2011 e/o nei punti 90 e 93 del CUD Si veda l esempio n. 1. Svolgimento di lavoro notturno Tramite la Risoluzione 17 agosto 2010, n. 83/E, l Agenzia delle Entrate ha chiarito che le somme erogate a fronte della prestazione di lavoro notturno ordinario, in ragione delle ore di servizio effettivamente prestate, rientrano nell ambito di applicazione del regime agevolativo, sempre che le medesime conseguano o diano luogo a incrementi di produttività, di competitività o di altri elementi connessi all andamento economico dell impresa. A seguito di tali chiarimenti l Agenzia delle Entrate ha, quindi, rilevato che il lavoratore turnista può usufruire dello speciale regime di tassazione in relazione alle sole indennità o maggiorazioni di turno, qualora il turno di lavoro ricada durante l orario diurno... Viceversa, lo stesso lavoratore usufruirà dello speciale regime di tassazione in relazione all intero compenso percepito (ossia compenso ordinario più maggiorazione) qualora presti lavoro notturno, così come definito dalla contrattazione collettiva. L Agenzia ha, inoltre, evidenziato che il medesimo regime di tassazione risulta applicabile anche ai lavoratori non turnisti, che prestino il proprio lavoro giornaliero normale nel periodo notturno, nonché aquei lavoratori che si trovino a rendere occasionalmente prestazioni qualificabili di lavoro notturno. Possibilità di chiedere il rimborso per gli anni 2008 e 2009 A seguito dei chiarimenti forniti con la citata Risoluzione n. 83/E/2010, i contribuenti che avessero FISCO assoggettato negli anni 2008 e 2009 a tassazione ordinaria, in luogo di quella sostitutiva del 10%, i propri compensi possono richiedere il riconoscimento della tassazione a loro più favorevole, tramite una delle seguenti modalità, tra loro alternative: presentazione di un istanza di rimborso (ai sensi del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602); presentazione di una dichiarazione integrativa; nella dichiarazione dei redditi per il 2010, tramite la compilazione dell apposito quadro QR introdotto al modello UNICO 2011 PF o del rigo F13 del modello 730/2011; Normativa applicabile per l anno d imposta 2011 Come si ha avuto modo di evidenziare, la disciplina prevista per la tassazione sostitutiva del 10% delle somme percepite per incrementi di produttività è soggetta a proroghe e modifiche annuali. La disciplina che risulta, al momento, applicabile ai compensi percepiti nel 2011 risulta, pertanto, leggermente diversa rispetto a quanto sopra evidenziato. Per prima cosa, si evidenzia l incremento da E a E del limite dei redditi di lavoro dipendente che il singolo contribuente deve aver percepito nell anno 2010, al fine di poter accedere al regime agevolativo in esame. Successivamente si rileva l intervenuta riduzione dell ambito applicativo dell istituto medesimo che, per l anno 2011, risulterà applicabile solamente alle somme erogate in attuazione di quanto previsto da accordi o contratti collettivi territoriali o aziendali e correlate a incrementi di produttività, qualità redditività, innovazione, efficienza organizzativa, in relazione a risultati riferibili all andamento economico o agli utili della impresa o a ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitività aziendale, come espressamente evidenziato dalla Circolare congiunta dell Agenzia delle Entrate e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali 14 febbraio 2011, n. 3. Risultano, quindi, escluse le somme corrisposte sulla base di accordi o contratti collettivi nazionali di lavoro, ovvero da accordi individuali tra datore di lavoro e prestatore di lavoro. Ai fini dell applicazione dell imposta sostitutiva ri- ESEMPIO n. 1 Compilazione del CUD 2011 con indicazione dell erogazione di premi per incrementi di produttivita` PRATICA FISCALE e Professionale 42 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

3 sulterà comunque sufficiente l attestazione da parte datoriale nel CUD che: le somme siano correlate a incrementi di produttività, qualità, redditività, innovazione, efficienza organizzativa, in relazione a risultati riferibili all andamento economico o agli utili della impresa o a ogni altro elemento rilevante ai fini del miglioramento della competitività aziendale; le medesime siano state erogate in attuazione di quanto previsto da uno specifico accordo o contratto collettivo territoriale o aziendale della cui esistenza il datore di lavoro, su richiesta, dovrà fornire prova. Per quanto concerne, invece, gli istituti agevolabili, in quanto riconducibili ad incrementi di produttività, innovazione ed efficienza organizzativa e altri elementi di competitività e redditività legati all andamento economico dell impresa, la citata circolare n. 3/2011 ha fornito il seguente quadro: lavoro straordinario (forfait o in senso stretto ): è detassabile tutta la retribuzione relativa al lavoro straordinario; lavoro a tempo parziale: è detassabile l intero compenso per lavoro supplementare (lavoro prestato oltre l orario concordato ma nei limiti dell orario a tempo pieno applicabile a tutti i lavoratori a tempo parziale); lavoro notturno: sono detassabili le somme erogate per il lavoro notturno in ragione delle ore di servizio effettivamente prestate, nonché l eventuale maggiorazione spettante per le ore di ordinario lavoro effettivamente prestate in orario notturno; lavoro festivo: è detassabile la maggiorazione corrisposta ai lavoratori che, usufruendo del giorno di riposo settimanale in giornata diversa dalla domenica (con spostamento del turno di riposo), siano tenuti a prestare lavoro la domenica. FISCO trovarsi, il rigo in esame può essere compilato facoltativamente: applicazione in dichiarazione dell imposta sostitutiva non applicata dal datore di lavoro; applicazione della tassazione ordinaria a fronte dell assoggettamento ad imposizione sostitutiva; ovvero obbligatoriamente: somme assoggettate ad imposta sostitutiva per un importo superiore ai 6.000E; applicazione dell imposta sostitutiva in mancanza dei presupposti. Per una maggiore comprensione nella Tavola n. 1 si riporta il rigo in esame. Applicazione dell imposta sostitutiva Ove il sostituto d imposta non abbia applicato l imposta sostitutiva (punti 93 e 96 del CUD compilati), il contribuente può scegliere, ove ne ricorrano i presupposti, di optare per l imposizione sostitutiva direttamente nella dichiarazione dei redditi UNICO2011. Nel caso in cui il contribuente abbia un solo CUD dovrà riportare nella colonna 1 l importo dei premi di produttività risultanti dai punti 93 e 101 del modello CUD 2011, che il datore di lavoro ha assoggettato ad imposizione ordinaria (punto 96 del CUD barrato). Successivamente il contribuente dovrà: barrare la casella di colonna 5, per assoggettare ad imposizione sostitutiva gli importi indicati; riportare nella colonna 7 l ammontare dei premi indicati nella colonna n. 1 (tale importo deve essere considerato nel calcolo del rigo RC5); indicare in colonna 8 il totale dell imposta sostitutiva a debito pari al 10% dell importo indicato a colonna 7. L importo indicato dovrà essere versato con le stesse modalità previste per i versamenti a saldo delle imposte sui redditi, tramite l utilizzo dell apposito codice tributo 1053 Modello UNICO2011 PF: la compilazione del rigo RC4 Nel modello UNICO2011 PF il rigo preposto per l indicazione della presenza di compensi assoggettati ad imposta sostitutiva è l RC4. A seconda delle particolari ipotesi in cui il singolo contribuente può Attenzione Si rammenta la costituzione di appositi codici tributo per i compensi maturati in Sicilia, Sardegna, Valle d Aosta per cui si rinvia al Comunicato Stampa del 9 febbraio 2010 dell Agenzia delle Entrate. Si veda l esempio n. 2. Tavola n. 1 - Il rigo RC4 PRATICA FISCALE e Professionale 43 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

4 ESEMPIO n. 2 Si ipotizza la percezione di premi di produttività per euro 3.000, che il datore di lavoro ha assoggettato all imposizione ordinaria. Modello CUD 2011 FISCO Il contribuente che volesse optare per la tassazione sostitutiva dovrà compilare il rigo RC4 nel modo seguente: Nell ipotesi in cui il contribuente risulti titolare di più rapporti di lavoro dipendente ed abbia, quindi, ricevuto più CUD 2011 la compilazione del rigo RC risulta essere differente. In particolare il contribuente dovrà riportare nella colonna 1 la somma dei premi di produttività risultati dai punti 93 e 101 dei CUD 2011 che sono stati assoggettati ad imposizione ordinaria (punto 96 del CUD barrato), mentre in colonna 2 dovrà indicare i premi che risultano, invece, essere stati assoggettati ad imposizione sostitutiva (punto 94 del CUD compilato). Successivamente il contribuente dovrà: indicare nella colonna 3 il totale dell imposta sostitutiva risultante dai punti 94 dei CUD 2011 ricevuti; barrare la casella di colonna 5 per esercitare l opzione per l imposizione sostitutiva; riportare nella colonna 7 il minore tra l importo indicato nella colonna 1 e l importo massimo agevolabile di 6.000E, diminuito di quanto già indicato nella colonna 2 (tale importo deve essere considerato nel calcolo del rigo RC5); provvedere alla determinazione della base imponibile, sommando gli importi indicati nella colonna 2 e 7. Tale importo non potrà, comunque, essere superiore a 6.000E; calcolare l imposta sostitutiva dovuta; sottrarre all imposta sostitutiva calcolata l importo indicato a colonna 3. Nel caso in cui l importo ottenuto sia positivo, questi dovrà essere indicato nella colonna 8, altrimenti dovrà essere indicato nella colonna 9 senza l indicazione del segno meno (tale importo andrà ricompreso nelle altre ritenute di cui al rigo RC10). Si veda l esempio n. 3. ESEMPIO n. 3 Compilazione del rigo RC4 a fronte della ricezione di piu` modelli CUD 2011 CUD 2011 N.1 CUD 2011 n. 2 PRATICA FISCALE e Professionale 44 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

5 CUD 2011 n. 3 Applicazione tassazione ordinaria Nel caso in cui il contribuente ritenga, in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, più conveniente l applicazione della tassazione ordinaria alle somme che il sostituto d imposta ha assoggettato a tassazione sostitutiva, deve indicare nella prima colonna l importo indicato nel punto 93 del modello CUD 2011,cheè già stato assoggettato all imposizione ordinaria (punto 96 del CUD barrato), mentre deve indicare nella colonna 2 i premi di produttività indicati nel punto 93 del CUD che hanno scontato l imposizione sostitutiva. Successivamente il contribuente deve: riportare nella colonna 3 l importo dell imposta sostitutiva assolta risultante dal punto 94 del CUD 2011; barrare la casella di colonna 4 al fine di esercitare l opzione per la tassazione ordinaria; riportare nella colonna 6 l importo dei premi di produttività già indicati nella colonna 2 (tale importo dovrà essere considerato nel calcolo del rigo RC5); riportare nella colonna 9 il totale dell imposta sostitutiva indicata a colonna 3. Tale importo andrà indicato, insieme alle altre ritenute subite, nel rigo RC10. Nel caso in cui si siano ricevuti più modelli CUD si dovranno riportare le somme degli importi indicati nei singoli punti del modello. Si riporta un esempio di compilazione ipotizzando la presenza di tre modelli CUD 2011 (Esempio n. 4). ESEMPIO n. 4 Compilazione del rigo RC4 per esprimere l opzione per la tassazione ordinaria CUD 2011 n. 1 CUD 2011 n. 2 PRATICA FISCALE e Professionale 45 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

6 CUD 2011 n. 3 Il rigo RC andrà compilato nel modo seguente: Somme assoggettate ad imposta sostitutiva per un importo superiore ai 6.000E Come si ha avuto modo di evidenziare, il regime agevolativo dell imposizione sostitutiva risulta applicabile, a fronte dei relativi requisiti, solamente per un importo non superiore a 6.000E. Pertanto, nell ipotesi in cui un contribuente abbia usufruito di tale regime per premi di produttività superiori a tale limite, quale può essere il caso di una pluralità di rapporti di lavoro dipendente tra loro non conguagliati, lo stesso è tenuto a compilare il rigo RC4 in modo di assoggettare ad imposizione ordinaria i premi di produttività conseguiti eccedenti i 6.000E. Ai fini della compilazione del rigo RC4 il contribuente dovrà indicare nella prima colonna la somma degli eventuali premi di produttività indicati al punto 93 del CUD2011 che il sostituto d imposta ha assoggettato ad imposizione ordinaria (punto 96 del CUD barrato), mentre nella seconda colonna si dovrà riportare il totale dei premi di produttività, anch essi indicati nel punto93delcud2011chehannousufruitodell imposizione sostitutiva (punto 94 del CUD compilato). Successivamente il contribuente sarà tenuto a : riportare nella colonna 3 la somma dell imposta sostitutiva indicata nei punti 94 dei vari CUD ricevuti; barrare la casella di colonna 5 per indicare l assoggettamento all imposizione ordinaria; riportare in colonna 6 la differenza tra l importo indicato nella seconda colonna e l importo limite di 6.000E. Tale importo dovrà essere considerato ai fini del calcolo del rigo RC5; sottrarre dall importo indicato nella terza colonna l importo di 600 (pari all ammontare massimo di imposta sostitutiva consentito). Se il risultato dell operazione di sottrazione sarà positivo tale importo andrà indicato nella colonna 9 e sarà compreso con le altre ritenute nel rigo RC10. In caso opposto il risultato andrà indicato, senza l indicazione del segno meno, nella colonna 8 e dovrà essere versato con le medesime modalità previste per il versamento del saldo delle imposte sui redditi tramite il codice tributo Si veda l esempio n. 5. ESEMPIO n. 5 Tassazione separata applicata su importi superiori ai 6.000E CUD 2011 n. 1 CUD 2011 n. 2 PRATICA FISCALE e Professionale 46 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

7 Il rigo RC4 andrà compilato nel modo seguente: Applicazione dell imposta sostitutiva in mancanza dei presupposti Nel caso in cui il sostituto d imposta assoggetti ad imposizione sostitutiva i compensi che non risultano, invece, rispettare le condizioni previste per l applicazione dell istituto premiale oggetto di trattazione, il contribuente è tenuto a compilare il rigorc4 al fine di assoggettare i redditi così conseguiti alla tassazione ordinaria. Nella compilazione del rigo RC4 il contribuente sarà tenuto a indicare nella prima colonna l importo dei premi di produttività eventualmente assoggettati all imposizione ordinaria, mentre nella seconda colonna andrà indicato l importo dei premi che ha usufruito dell imposizione sostitutiva. Successivamente il contribuente sarà tenuto a indicare: nella colonna 3 l ammontare dell imposta sostitutiva indicata nel punto 94 del/dei CUD 2011 ricevuti; barrare la casella di colonna 4; riportare nella colonna 6 l ammontare dei premi di produttività indicati nella colonna 2, che concorreranno al calcolo dell importo di cui al rigo RC5; riportare nella colonna 9 il totale dell imposta sostitutiva indicata nella terza colonna che verrà compreso con le altre ritenute subite nel rigo RC10. Si veda l esempio n. 6. Quadro QR: richiesta rimborso somme erogate a titolo di incremento della produttività per anni 2008 e 2009 Come si ha avuto modo di evidenziare, per gli anni d imposta 2008 e 2009 si è verificato il mancato assoggettamento all imposizione sostitutiva di particolari tipologie reddituali, quali le prestazioni di lavoro notturno, in quanto erroneamente ritenute non agevolabili. A seguito di quanto evidenziato dall Agenzia delle Entrate nella Risoluzione 17 agosto 2010, n. 89/E, i contribuenti percettori di tali redditi erroneamente esclusi dal regime della tassazione sostitutiva in esame, possono richiedere l applicazione di tale regime tramite la presentazione di una dichiarazione integrativa relativa agli anni 2008 e 2009, ovvero presentare un apposita richiesta di rimborso per la maggior imposta versata ai sensi dell art. 38 del D.P.R. n. 602/1973. Tuttavia nel caso in cui tali contribuenti non abbiano già optato per una delle modalità sopra citate, gli ESEMPIO n. 6 Imposizione sostitutiva applicata in mancanza dei relativi requisiti Si ipotizza la percezione di premi di produttività per 4.000E assoggettati ad imposizione sostitutiva dal sostituto d imposta. Il percettore di tali somme, tuttavia, risultava aver percepito nel 2009 redditi di lavoro dipendente per E e, pertanto, non poteva usufruire dell imposizione sostitutiva. La compilazione del rigo RC4 sarà la seguente: PRATICA FISCALE e Professionale 47 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

8 ESEMPIO n. 7 stessi possono richiedere il rimborso delle maggiori imposte pagate sui compensi di lavoro notturno o per prestazioni di lavoro straordinario riconducibili ad incrementi di produttività, tramite la compilazione del quadro QR del modello UNICO2011, appositamente introdotto (la medesima possibilità è prevista anche per i soggetti che presentano il modello 730 tramite il rigo F13). Al fine della compilazione del quadro in esame il contribuente è tenuto a richiedere al sostituto d imposta degli anni 2008 e 2009 il rilascio di un apposito modello CUD2011, in cui certifichi l erogazione dei compensi per lavoro notturno o prestazioni di lavoro straordinario effettuate. Nell ipotesi in cui il sostituto d imposta non sia variato, tali informazioni risulteranno già indicate nel modello CUD2011 da questi rilasciato. Sebbene il quadro QR sia diviso in due righi, ognuno relativo al proprio anno di competenza, la compilazione risulta essere la medesima. Pertanto ai fini di poter ottenere il rimborso delle maggiori imposte versate il contribuente deve procedere a rideterminare l IRPEF e le relative addizionali relativa agli anni 2008 e 2009, riducendo il reddito di lavoro dipendente di quanto indicato nel punto 97/99 del CUD2011, rilasciato dal datore di lavoro che aveva erogato tali somme negli anni 2008 o Si dovrà, poi, confrontare le imposte rideterminate con quelle originariamente calcolate ed esposte nella dichiarazione dei redditi UNICO PF 2009/2010 o /2010, al fine di poter determinare il rimborso da richiedere in riferimento alla specifica annualità d imposta. Successivamente il contribuente è chiamato a calcolare l imposta sostitutiva del 10% relativa agli importi indicati nel punto 97/99 da sottrarre all importo del rimborso precedentemente calcolato al fine di determinare l effettivo importo da chiedere a rimborso. Compilazione dei righi QR1/QR2 I righi richiedono l indicazione nella prima colonna del codice fiscale del sostituto d imposta che ha erogato nel 2008 o nel 2009 i compensi non assoggettati all imposta sostitutiva, e nella seconda l importo indicato al punto 97 o 99 del CUD Nell ipotesi in cui le somme fossero state erogate da più sostituti d imposta il rigo prevede la possibilità di riportare, nelle colonne 3 e 4 i dati relativi a un secondo sostituto d imposta. Nel caso di più di due sostituti d imposta si dovrà compilare una altro quadro QR, ricordandosi di numerare progressivamente la casella Mod. N.. In tale ipotesi le colonne da 5 a 9 vanno compilate unicamente nel primo modello. Si veda l esempio n. 7. Compilazione del quadro QR Con fine prettamente esplicativo si ipotizza che: L IRPEF e le relative addizionali relative al 2008 siano pari a E; Il ricalcolo con l esclusione degli importi non assoggettati a tassazione sostitutiva abbia portato ad un risultato di E; Il rimborso di 1.000E sia attribuibile per 950E all IRPEF, per 30E all addizionale regionale e per 20 all addizionale comunale; Si siano ricevuti i seguenti modelli CUD2011 rispettivamente dal sostituto d imposta X avente codice fiscale xxxxxxxxxxx e dal sostituto Z avente il seguente codice fiscale: yyyyyyyyyyy Il quadro QR andrà compilato nel modo seguente PRATICA FISCALE e Professionale 48 n. 21 del 23 MAGGIO 2011

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO

DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO DETASSAZIONE E INCREMENTO DELLA PRODUTTIVITA DEL LAVORO 1. QUADRO RMATIVO...2 1.1 Contenuti del D.L. n. 93/08...2 1.2 Contenuti del D.L. n. 185/08... 2 1.3 Contenuti della L. n. 191/09...3 1.4 Contenuti

Dettagli

SOMME EROGATE PER PREMI DI PRODUTTIVITA /RISULTATO. A cura dell U.O. Contrattualistica e fiscalità Gennaio 2012

SOMME EROGATE PER PREMI DI PRODUTTIVITA /RISULTATO. A cura dell U.O. Contrattualistica e fiscalità Gennaio 2012 SOMME EROGATE PER PREMI DI PRODUTTIVITA /RISULTATO A cura dell U.O. Contrattualistica e fiscalità Gennaio 2012 1 MANOVRA CORRETTIVA 2011 (ARTICOLO 26 D.L. N. 98/2011 CONVERTITO IN L. N. 111/2011) Per l

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione:

Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Indicazioni sulla Compilazione dei Quadri del Modello 730/2012 in presenza di CUD 2012 Di seguito, riepiloghiamo i campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel modello di dichiarazione: Reddito lavoro

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA

LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA LA DETASSAZIONE DEI PREMI DI PRODUTTIVITA APPLICABILE ANCHE AL 2010 L articolo 2, co.156 e 157 della Finanziaria 2010 rende operative anche per il 2010 alcune misure finalizzate al sostegno della famiglia,

Dettagli

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti

Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti Roma lì 04/05/2014 Prot. 202/2014 A tutti i Centri e Sportelli Circolare n. 52 Oggetto: 730 senza sostituto casi particolari e Colf & badanti L art. 51 bis del DL 69/2013 (Decreto del fare) ha previsto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Roma, 22 Settembre 2011. Prot. n. 433/2011/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI

Roma, 22 Settembre 2011. Prot. n. 433/2011/AR/SS/GN. AI CORRISPONDENTI C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI C.A.F. UIL S.P.A. CENTRO ASSISTENZA FISCALE DELLA UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE LEGALE VIA DI SAN CRESCENZIANO, 25 00199 ROMA TELEFONO 06/86.22.631 TELEFAX 06/86.22.63.33 E-MAIL cafuil@cafuil.it CAPITALE

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 14 MARZO 2008 Informativa n. 25 QUADRO C: MODALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012

Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le novità del modello 730/2012 e del modello Unico Persone fisiche 2012 (fascicolo 1) Roma, 9 marzo 2012 Le principali novità di quest anno Cedolare secca sulle locazioni Immobili di interesse storico-artistico

Dettagli

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili

Sommario Detassazione Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli straordinari Il decreto anticrisi Voci detassabili Sommario Detassazione 3 Per il 2009 premiata l innovazione e la produttività, restano esclusi gli 3 straordinari Il decreto anticrisi 4 Voci detassabili 4 Cosa dice la norma 5 Come deve procedere il lavoratore

Dettagli

CIRCOLARE N. 49 CIRCOLARE 49/E. Roma, 11 luglio 2008

CIRCOLARE N. 49 CIRCOLARE 49/E. Roma, 11 luglio 2008 CIRCOLARE N. 49 CIRCOLARE 49/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 11 luglio 2008 OGGETTO: Disposizioni urgenti per salvaguardare

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 22 22.04.2015 Redditi di lavoro dipendente e assimilati La novità del Bonus Irpef Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Nel quadro

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13

Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Villadose, 19 aprile 2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL MODELLO 730/13 Da una prima valutazione generale, possiamo affermare che la dichiarazione dei redditi 2013, per quanto concerne

Dettagli

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013

Roma, 22 Gennaio 2013. Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI. Circolare n. 05/2013 Roma, 22 Gennaio 2013 Prot. n. 58/2013/CDA/SS/GN Ai Corrispondenti C.A.F. UIL S.p.A. LORO SEDI Circolare n. 05/2013 Oggetto: nuovo Modello 730/2013, redditi 2012: principali caratteristiche Con il provvedimento

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

GUIDA ALLA DETASSAZIONE

GUIDA ALLA DETASSAZIONE GUIDA ALLA DETASSAZIONE a cura di GIOVANNI CRUCIANI L articolo 2 del D.L. 27 maggio 2008, n. 93 convertito in legge 24 luglio 2008, n. 126 misure sperimentali per l incremento della produttività del lavoro

Dettagli

Novità del modello 730/2012 redditi 2011

Novità del modello 730/2012 redditi 2011 Novità del modello 730/2012 redditi 2011 A cura del dott. Andrea Baratta Frontespizio e Familiari a carico E stata introdotta una casella denominata situazioni particolari per evidenziare particolari condizioni

Dettagli

Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia

Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia Focus di pratica professionale di Fabio Garrini Come richiedere in dichiarazione il bonus famiglia Analogamente alla dichiarazione dell anno scorso, in corrispondenza della quale ci eravamo trovati a doverci

Dettagli

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO

DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO DAL CALCOLO DELL IMPOSTA AL CONGUAGLIO IL MODELLO 730-3: La STRUTTURA e i DATI IDENTIFICATIVI. Le sezioni del prospetto di liquidazione 730-3 Il risultato dell elaborazione dei dati esposti nel modello

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione

Il punto di pratica professionale. Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione Il punto di pratica professionale Novità modello 730/2013: come cambiano le modalità di compilazione della dichiarazione a cura di Carlo Cavalleri e Sergio Deangelis Consulenti del Lavoro in Genova Da

Dettagli

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali

Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Presentazione modello Unico 2005 Istruzioni per gli Enti non commerciali Nell imminenza delle scadenze relative alle dichiarazioni dei redditi per l esercizio 2004 ed al versamento delle imposte ad esse

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012

Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del 2012 Mod. 730: tutte le novita` e le scadenze del di Saverio Cinieri (*) L ADEMPIMENTO L Agenzia delle Entrate ha approvato il Mod. 730/ che permette ad alcune categorie di contribuenti (per lo piu` lavoratori

Dettagli

Modello730/2014: analisi delle principali novità

Modello730/2014: analisi delle principali novità A cura di Celeste Vivenzi Modello730/2014: analisi delle principali novità Premessa generale E' stato approvato dall'agenzia delle Entrate con un provvedimento del 15 gennaio 2014 il nuovo Modello 730

Dettagli

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF

Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF Quadro RN CALCOLO DELL IRPEF ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 CATEGORIE DI REDDITO DETERMINAZIONE DEL REDDITO SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI Il Quadro RN è utilizzato ai fini del calcolo

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 378/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 ottobre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Qualificazione fiscale dei compensi erogati

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016

LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 LA CERTIFICAZIONE UNICA 2016 L Agenzia delle entrate, con provvedimento del 15 gennaio 2016, ha reso disponibile la versione definitiva della Certificazione Unica 2016, meglio nota come CU, da utilizzare

Dettagli

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga

Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Le novità in tema di addizionali IRPEF, recupero versamenti in eccesso e dei rimborsi ai dipendenti, Bonus Renzi, ticket restaurant, TFR in busta paga Piergiorgio Mondini 17-18-19 febbraio 2015 Addizionali

Dettagli

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016

Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Circolare N. 16 del 2 Febbraio 2016 Legge Stabilità 2016: potenziate le agevolazioni sui premi di produttività Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la legge di stabilità per

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 07/06/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 07/06/2013 Circolare n. 88 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

SERVIZIO CAF 730 PUNTO 1 - REDDITI PER I QUALI È POSSIBILE FRUIRE DELL INTERA NO TAX AREA

SERVIZIO CAF 730 PUNTO 1 - REDDITI PER I QUALI È POSSIBILE FRUIRE DELL INTERA NO TAX AREA Servizio Caf 730 Centro Assistenza Fiscale SERVIZIO CAF 730 INFORMATIVA N. 18 Prot. 2292 DATA 14.03.2006 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI Modello CUD e quadro C Modello CUD, Modello 730/2006

Dettagli

Incremento della produttività del lavoro: tutte le novità per il 2011

Incremento della produttività del lavoro: tutte le novità per il 2011 Incremento della produttività del lavoro: tutte le novità per il 2011 Anno nuovo, nuove regole per le agevolazioni sulle somme corrisposte ai lavoratori correlate a incrementi di produttività, qualità,

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 06/06/2014

Direzione Centrale Entrate. Roma, 06/06/2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 06/06/2014 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1

2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 2. COME È COMPOSTO E COME SI UTILIZZA IL MODELLO UNICO PERSONE FISICHE 1 Il Modello UNICO Persone Fisiche 2016 comprende la dichiarazione dei redditi e la dichiarazione annuale IVA. Il Modello Unico per

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI

DICHIARAZIONI FISCALI QUADRO SG SOMME DERIVANTI DA RISCATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E CAPITALI CORRISPOSTI IN DIPENDENZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA, O DI CAPITALIZZAZIONE NONCHÉ RENDIMENTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità

Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità Modelli di dichiarazione 2012: in sintesi le novità a cura di Fabio Bonicalzi (*) Sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i Provvedimenti di approvazione dei seguenti modelli

Dettagli

Fondi pensione, un tris di chiarimenti

Fondi pensione, un tris di chiarimenti Fondi pensione, un tris di chiarimenti L Agenzia delle Entrate, in risposta a tre quesiti posti con istanza di interpello, chiarisce per i vecchi fondi pensione con gestione assicurativa come procedere

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 SOMMARIO EDITORIA FISCALE SEAC Servizio INFORMATIVA

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

AREA TEMATICA: FISCO CENTRO STUDI

AREA TEMATICA: FISCO CENTRO STUDI AREA TEMATICA: FISCO CENTRO STUDI INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI NELL AREA TEMATICA 1. Considerazioni sulla circolare n. 31 dell 11 ottobre 2010 Assonime: Dott. Francesco delli Falconi e Avv. Giuseppe Marianetti

Dettagli

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE

Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE Note di Rilascio Utente Versione 14.30.10 - PAGHE INFORMAZIONI AGGIORNAMENTO Eseguire il salvataggio degli archivi prima di procedere con l aggiornamento. La Fix 14.30.10 può essere utilizzata come aggiornamento

Dettagli

Roma. Roma, 07 febbraio 2007

Roma. Roma, 07 febbraio 2007 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Roma Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 febbraio 2007 Oggetto: Articolo 25-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Ritenute sui corrispettivi

Dettagli

BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art.

BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art. BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art. 1 IN CHE COSA CONSISTE IL BONUS Il così detto Bonus

Dettagli

Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità

Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità Lissone, Novembre 2010 Circolare n 22 /2010 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Detassazione straordinari e altri elementi produttività: un opportunità Gentile Cliente, con la presente abbiamo il piacere

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

TFR Tassazione del rendimento finanziario Versamento dell acconto

TFR Tassazione del rendimento finanziario Versamento dell acconto n 44 del 29 novembre 2013 circolare n 735 del 25 novembre 2013 referente BERENZI/mr TFR Tassazione del rendimento finanziario Versamento dell acconto Il prossimo 16 dicembre 2013 scade il termine per versare

Dettagli

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE

QUESITI FORUM LAVORO 2015 L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE QUESITI FORUM LAVORO 2015 * * * L AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE 1. Stampa progressivo certificazione Ai fini della compilazione della dichiarazione precompilata, il numero di progressivo della certificazione

Dettagli

RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE PER LAVORATORI DIPENDENTI BONUS IRPEF DI 80 EURO IN BUSTA PAGA

RIDUZIONE DEL CUNEO FISCALE PER LAVORATORI DIPENDENTI BONUS IRPEF DI 80 EURO IN BUSTA PAGA Tipologia: LAVORO Protocollo: 2007214 Data: 09 giugno 2014 Oggetto: riduzione cuneo fiscale per lavoratori dipendenti bonus IRPEF di 80 euro in busta paga Allegati: 1. Informativa lavoratore bonus ex art.

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE Circolare 15 del 12 giugno 2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 Premessa... 3 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 3 2.1 Contribuenti interessati...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 121/E

RISOLUZIONE N. 121/E RISOLUZIONE N. 121/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IRAP.- Determinazione della base imponibile

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 29.05.2013 Quadro G: i crediti d imposta La compilazione del quadro G del 730/2013 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Il contribuente

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO

BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO L art. 1 commi da 182 a 189 della legge n. 208/2015 introduce un regime agevolato di natura fiscale per le somme corrisposte a titolo di premio di risultato

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA. Agevolazioni fiscali per la retribuzione di produttività -Disciplina applicabile nel 2013- Approvazione del DPCM attuativo.

CIRCOLARE TEMATICA. Agevolazioni fiscali per la retribuzione di produttività -Disciplina applicabile nel 2013- Approvazione del DPCM attuativo. Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014

INDICE. Sezione Prima - INTRODUZIONE. Sezione Seconda - NOVITÀ DEL MODELLO CUD 2014 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE Introduzione... pag. 14 Lo schema del CUD 2014 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott.

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott. 8.2016 Giugno PROROGHE VERSAMENTI per i contribuenti con Studi di settore Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI INTERESSATI DALLA PROROGA DEI VERSAMENTI... 2 2.1 Soci di società e associazioni trasparenti...

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi

Focus di pratica professionale di Fabio Colombo. Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Il quadro RX della dichiarazione dei redditi Il quadro RX della dichiarazione dei redditi espone i crediti relativi alla liquidazione delle imposte in essa

Dettagli

Circolari per la clientela

Circolari per la clientela Circolari per la clientela NUOVO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI FRUIBILITÀ DELL AGEVOLAZIONE CONTRIBUTIVA 1 1 NUOVO REGIME AGEVOLATO PER GLI AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della L. 23.12.2014 n. 190

Dettagli

La certificazione unica CUD

La certificazione unica CUD La certificazione unica CUD Il datore di lavoro sostituto d'imposta dei propri dipendenti: il CUD Entro il 28 febbraio di ogni anno (fino al 2007 il termine era il 15 marzo) il sostituto deve rilasciare

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti

Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Le novità della previdenza complementare sul mod. Cud 2008 di Marco Piacenti Iniziamo la pubblicazione di una serie di interventi di approfondimento sulle novità del modello Cud 2008. Si parte con l analisi

Dettagli

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014

Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 Circolare N.23 del 13 Febbraio 2014 CUD 2014. Scade il 28 febbraio il termine per la consegna ai contribuenti Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che il prossimo 28.02.2014 scade il termine

Dettagli

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE CORRISPOSTI NEL 2008...pag. 19. REDDITI ASSIMILATI A QUELLI DI LAVORO DIPENDENTE...pag. 24 INDICE Sezione Prima - INTRODUZIONE INTRODUZIONE...pag. 14 Lo schema del CUD 2009 - Certificazione Unica Dipendenti...» 14 Termini di consegna al dipendente...» 15 Il trattamento dei dati personali...»

Dettagli

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga

Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga Circolare n. 12 del 17 luglio 2014 Compensazione bonus 80,00 euro erogati in busta paga INDICE 1 Premessa... 2 2 Disciplina prevista dal testo originario del DL 66/2014... 2 2.1 Utilizzo delle ritenute

Dettagli

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso!

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! @bollettinoadapt, 5 maggio 2014 Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! di Nicola Porelli Tag: #bonus #credito #Renzi #80euroalmese

Dettagli

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro

Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro A cura della Redazione Directio Certificazione Unica: le risposte dell'agenzia delle entrate al Telefisco 2015, Videoforum Italia Oggi e Forum lavoro Quesito n. 1 - CU e Ravvedimento operoso Rispetto all

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO

Anno 2013 N. RF148. La Nuova Redazione Fiscale ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO Anno 2013 N. RF148 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO ASSICURAZIONI VITA - PRESTAZIONI COME CAPITALE O RENDITA IN UNICO RIFERIMENTI D.LGS. 47/2000; D.LGS.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 08/06/2016

Direzione Centrale Entrate. Roma, 08/06/2016 Direzione Centrale Entrate Roma, 08/06/2016 Circolare n. 97 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa

Fiscal Flash N. 41. Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) La notizia in breve 20.02.2014. Premessa Fiscal Flash La notizia in breve N. 41 20.02.2014 Entro fine mese la consegna della certificazione unica (CUD) Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: CUD La certificazione unica dei redditi di lavoro

Dettagli

Unico 2011: trattamento fiscale delle borse di studio e dei redditi da stage

Unico 2011: trattamento fiscale delle borse di studio e dei redditi da stage Focus di pratica professionale di Viviana Grippo Unico 2011: trattamento fiscale delle borse di studio e dei redditi da stage Le borse di studio sono fiscalmente assimilate ai redditi di lavoro dipendente

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Circolare informativa n 3/2011 Cedolare secca sui canoni di locazione degli immobili abitativi Premessa La cedolare secca, ossia il nuovo regime opzionale di imposizione sostitutiva sul

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEL PROSPETTO DI LIQUIDAZIONE DATI IDENTIFICATIVI Sono riportati il codice fiscale, il cognome e il nome o la denominazione del sostituto d'imposta o del CAF o del professionista abilitato

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli