SCHEDA PROGETTO AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI. Responsabile del progetto: Cristina Poggiali - Coordinatore di progetto: Paola Gabrielli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI. Responsabile del progetto: Cristina Poggiali - Coordinatore di progetto: Paola Gabrielli"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Codice regionale: RT2C00039 Responsabile del progetto: Cristina Poggiali - Coordinatore di progetto: Paola Gabrielli CORData per il paziente oncologico Descrizione del contesto territoriale e/o settoriale L Azienda Ospedaliero - Universitaria Careggi (A.O.U.C.) costituisce un insediamento sanitario di riferimento della Regione Toscana e svolge il ruolo di Ospedale ad Alta Specialità di Interesse Nazionale, comprendente anche il triennio clinico della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università degli Studi di Firenze. L insediamento è situato a nord della città e comprende 44 edifici (padiglioni) dei quali 15 adibiti ad attività sanitaria con 1550 posti letto, nei rimanenti padiglioni sono ospitate attività tecniche logistiche e servizi generali su un comprensorio di 74 ha, una superficie coperta di mq. L attuale organizzazione funzionale dell AOUC prevede 13 Dipartimenti Assistenziali Integrati (DAI) ai quali afferiscono tutte le Strutture Organizzative Dipartimentali (SOD) presso le quali sono effettivamente erogate le prestazioni di cura. In totale lavorano presso l Azienda circa 5900 Dipendenti di cui 5490 Operatori del Servizio Sanitario Nazionale e 410 Dipendenti Universitari. La complessiva popolazione presente nel comprensorio di Careggi comprende, oltre al personale aziendale, 2400 studenti e 650 specializzandi, e circa 400 tra assegnisti, frequentatori, volontari, tirocinanti etc, pazienti e ricoverati che, uniti agli accompagnatori e visitatori, rappresentano una comunità di circa persone. Parte integrante dell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, il cui obiettivo fondamentale è il raggiungimento del più elevato livello di risposta alla domanda di salute, il Dipartimento dei Servizi, che con l adozione del nuovo Atto Aziendale, fonde i precedenti Dipartimenti di Diagnostica per Immagini e di Laboratorio in un unica struttura con funzione di produzione di prestazioni sanitarie, ha come mission quella di consentire alle unità operative di pervenire alle diagnosi attraverso gli accertamenti clinico-diagnostici e strumentali. Il Dipartimento dei Servizi è trasversale a tutte le unità operative afferenti ai vari dipartimenti aziendali e sostiene il processo di rinnovamento dell organizzazione e delle strategie di intervento previste dal nuovo Atto Aziendale consolidando l organizzazione dei servizi in una visione improntata sulla centralità dell utente. In particolare, non solo persegue l innovazione quale processo di creazione di nuovi strumenti organizzativi, tecnologici e produttivi in grado di garantire un appropriata risposta alla crescente domanda di salute e di benessere dei cittadini, ma ricerca anche l appropriatezza clinica ed organizzativa delle prestazioni, nel rispetto dei principi di equità nell accesso alle prestazioni sanitarie. Il Dipartimento si avvale di un sistema informatico per la gestione delle immagini radiologiche di tipo integrato che permette l archiviazione per ogni paziente sia dei dati anagrafici che delle immagini utilizzando il Radiology Information System e il Picture

2 Archiving Communication System (RIS-PACS) e di un sistema informatico per la gestione degli esami di laboratorio (DN LAB) con funzioni avanzate di tracciabilità delle richieste e dei campioni, di collegamento di tutta la strumentazione analitica, di produzione e distribuzione di risultati oltre che di report e stampe. Per entrambi i sistemi è ovviamente garantita l aderenza ai più severi standard di sicurezza e privacy. a. Personale Personale, strutture, tecnologie e produttività I numeri che caratterizzano l attività del Dipartimento dei servizi dell AOUC sono eloquenti: Personale afferente ADO (Area Dipartimentale Omogenea) Diagnostica per Immagini Personale afferente ADO (Area Dipartimentale Omogenea) Diagnostica di Laboratorio b. Strutture A.D.O. (Area Dipartimentale Omogenea) Diagnostica per Immagini

3 E suddivisa al suo interno in Strutture Organizzative Dipartimentali (S.O.D.), di seguito elencate: o DIAGNOSTICA SENOLOGICA (Padiglione Clinica Ostetrico Ginecologica) o MEDICINA NUCLEARE (Padiglione Piastra dei Servizi) o NEURORADIOLOGIA (Padiglione C.T.O.) o RADIODIAGNOSTICA DI EMERGENZA (Padiglione Chirurgia Generale e Pronto Soccorso) o RADIODIAGNOSTICA 1 (Padiglione C.T.O.) o RADIODIAGNOSTICA 2 (Padiglione Clinica Medica) o RADIODIAGNOSTICA 3 (Padiglione Cliniche Chirurgiche) o RADIODIAGNOSTICA 4 (Padiglione Chirurgia Generale e Pronto Soccorso) o RADIOLOGIA DELL'APPARATO DIGERENTE DIAGNOSTICA E INTERVENTISTICA (Padiglione Clinica Medica) o RADIOLOGIA INTERVENTISTICA EXTRAVASCOLARE (Padiglione Clinica Medica) A.D.O. (Area Dipartimentale Omogenea) Diagnostica di Laboratorio o ACCOGLIENZA AI SERVIZI DI LABORATORIO (Padiglione Piastra dei Servizi) o LABORATORIO GENERALE (Padiglione Piastra dei Servizi) o MICROBIOLOGIA, VIROLOGIA E SIEROLOGIA (Padiglione Piastra dei Servizi) o IMMUNOEMATOLOGIA E TRASFUSIONALE (Padiglione Piastra dei Servizi) o DIAGNOSTICA GENETICA (Padiglione Piastra dei Servizi) o SICUREZZA E QUALITA (Padiglione 69A) o LABORATORIO E DIAGNOSTICA ISTOCITOPATOLOGICA INTEGRATA (Padiglione Anatomia Patologica) o ISTOLOGIA PATOLOGICA E DIAGNOSTICA MOLECOLARE (Padiglione Anatomia Patologica) o CORE RESEARCH LABORATORY (Padiglione CUBO) c. Tecnologie in uso A.D.O. (Area Dipartimentale Omogenea) Diagnostica per Immagini Ecografia, mammografia digitale, radiologia convenzionale, tomografia computerizzata (T.C.), risonanza magnetica (R.M), angiografia digitale (A.D.), PET. A.D.O. (Area Dipartimentale Omogenea) Diagnostica di Laboratorio Sistema di Indagini chimico-cliniche e immunoistochimiche Sistema di Test immunometria in automazione Sistema di Ematologia in routine e urgenza Sistema di Coagulazione Sistema di Cromatografia liquida Spettrometria di massa, per ricerca farmacotossicologica Sistema di Monitoraggio droghe Sistema di Validazione biologica per donazioni emocomponenti Sistema di Sierologia infettivologica Sistema di Determinazione gruppi sanguigni Sistema di Assegnazione sangue

4 Sistema di Automatizzazione Biologia molecolare Sistema di Genotipizzazione HIV Sistema di Determinazione Anticorpi per varie malattie infettive Sistema di Esami colturali microbiologici Sistema di Analisi e amplificazione sequenze DNA Sistema di Automazione per diagnosi genetica di Fibrosi Cistica d. Produttività Il Dipartimento dei Servizi produce in media oltre prestazioni radiologiche all anno, equamente distribuite fra pazienti in carico al pronto soccorso, ricoverati ed esterni, e circa di prestazioni di laboratorio, di cui circa il 70% per ricoverati e il restante 30% per pazienti esterni. Vale la pena evidenziare che negli ultimi anni le prestazioni di diagnostica erogate a pazienti ambulatoriali hanno registrato una costante e progressiva crescita a fronte di un calo dei ricoveri ordinari, a vantaggio del perseguimento di una maggiore appropriatezza assistenziale. Inoltre, su circa prestazioni ambulatoriali erogate dall Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi nel 2013, ben sono state erogate dal Dipartimento dei Servizi. Da qui l importanza strategica che assume in questo dipartimento l attività di accoglienza, intesa come processo complesso influenzato non solo dai rapporti interpersonali operatore/ utente, ma anche dalle informazioni, dal comfort ambientale e dall organizzazione del lavoro. e. Destinatari del progetto Destinatari del progetto sono tutti i cittadini/utenti in carico alle strutture oncologiche dell AOUC, ai quali grazie a questo progetto viene offerta una rete dei servizi integrati il cui successo dipenderà dal coinvolgimento sia del settore della diagnostica (e quindi il Dipartimento dei Servizi) che dell ambulatorio che ha in carico il paziente (del Dipartimento Oncologia). I pazienti oncologici necessitano spesso della creazione di un percorso funzionale per la gestione di alcune situazioni cliniche complesse per le quali il ricovero, in regime ordinario e/o in Day Hospital, risulta inappropriato ma tali da richiedere, comunque, una presa in carico per un inquadramento globale e la definizione della relativa gestione assistenziale in tempi necessariamente brevi. Il progetto, attivo con successo già da due anni, consiste in un modello organizzativo in base al quale non è più il cittadino che ricerca le modalità per soddisfare le sue domande di prestazioni diagnostiche, ma è la

5 struttura ospedaliera che identifica i percorsi di fornitura delle prestazioni necessarie in tempi rapidi, semplificando al cittadino l accesso al percorso, garantendo quindi continuità e razionalità di gestione assistenziale nei percorsi (efficienza) e attenzione alla specificità dei bisogni di salute individuali (efficacia). E il Dipartimento dei Servizi assume un ruolo centrale, perché rappresenta un punto nevralgico di questi percorso, dal momento che il fenomeno dei tempi di prenotazione ed erogazione delle prestazioni è presente in tutte le Aziende dove è attivo un servizio sanitario che assicura livelli di assistenza evoluti come l A.O.U.C. Obiettivi del progetto: Il progetto risponde all esigenza di strutturare un modello per la migliore gestione dei tempi di attesa, basato sull uso sempre più elevato di tecnologia biomedica e sull utilizzo sempre maggiore dei servizi ambulatoriali, che garantisca la presa in carico dei pazienti, in particolare di quelli oncologici, in attuazione della delibera R.T. 774/2011 Progetto Porta. Prestazioni oncologiche, raccordo, terapie e accertamenti in Regione Toscana. Il percorso assistenziale dei pazienti oncologici è spesso costituito da una sequenza predefinita e articolata di prestazioni ambulatoriali e/o di ricovero particolarmente complesso, in particolare per quanto riguarda il percorso extra-ospedaliero, e si rende pertanto necessario migliorare la qualità delle risposte a questa fascia di utenza attraverso una più efficace presa in carico del cittadino che consenta di guidarlo all interno di una rete di servizi, assicurando l interconnessione delle articolazioni che concorrono alle risposte ambulatoriali previste dal percorso diagnostico terapeutico. Facilitare l accesso significa adottare interventi che, in un contesto di appropriatezza gestionale, persegue la logica della globalità dei bisogni del paziente, fra cui la garanzia del percorso diagnostico. La qualità delle cure e/o dei servizi deve essere perseguita ovviamente in modo generalizzato da tutti gli attori, intesa non solo come qualità organizzativa, che riguarda l impiego delle risorse e la struttura organizzativa, o come qualità tecnica relativa al livello di applicazione delle conoscenze scientifiche, delle abilità professionali e delle tecnologie disponibili, ma anche come qualità percepita che si riferisce sostanzialmente a come la struttura sanitaria e gli aspetti relazionali vengono vissuti dai protagonisti del processo assistenziale (utenti ed operatori). E il livello di soddisfazione degli utenti è certamente, tra i fattori di qualità assistenziale, uno dei più rilevanti, legato sostanzialmente agli aspetti che si intende perseguire con il consolidamento di questo progetto avviato con successo già dal 2012, ovvero: - accessibilità ai servizi intesa come garanzia di un percorso che gestisce il Medico Oncologo in collaborazione con il Medico Radiologo, ma anche con il personale amministrativo, che gestisce la programmazione; - aspetti relazionali quali la disponibilità, l accoglienza, la cortesia, il rispetto, la sensazione di essere attore principale del processo assistenziale, mediante l instaurazione di una relazione di aiuto che favorisca l orientamento della persona. Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Il progetto prevede, nello specifico, l attivazione di percorsi di prenotazione ambulatoriale diretta, strumento peraltro utile alla promozione dell appropriatezza prescrittiva attraverso il confronto e la collaborazione dei Medici Clinici e dei Medici Radiologi nell individuazione e nella gestione delle risorse necessarie; inoltre contribuisce alla riduzione del dispendio di energie di Medici e Specialisti legato al non perfetto allineamento temporale delle prestazioni. L attivazione di questi percorsi di prenotazione diretta è resa possibile dalla modalità

6 organizzativa di presa in carico dei pazienti all interno del Dipartimento dei Servizi che prevede, per quanto riguarda l ADO Diagnostica per Immagini: a) un pool di professionisti dedicati alla prenotazione che dispone delle liste di programmazione di tutte le SOD di radiodiagnostica di Careggi e che rappresenta anche la sede unica di destinazione delle richieste di esami di radiodiagnostica dei reparti o ambulatori di Careggi; questo approccio ha garantito la definizione di criteri di priorità da parte dello specialista, in base al quadro clinico, nella formazione delle liste di attesa, assicurando la migliore disposizione logica e temporale delle prestazioni b) un interlocutore unico responsabile della programmazione per i reparti/ambulatori dell AOUC; L Accoglienza ai Servizi di Laboratorio, si inserisce perfettamente in questi percorsi. Da circa tre anni, per i pazienti che provengono dagli ambulatori oncologici, è stato definito un percorso dedicato. Gli utenti accedono direttamente al servizio di accettazione e prelievo in modalità di urgenza e con la visualizzazione on line del referto da parte dell oncologo che li ha in carico. Tutto questo per far si che l utente (spesso immunocompromesso) venga gestito nel più breve tempo possibile per ridurre anche l attesa all interno di una struttura frequentata da circa 400/500 persone al giorno e permettere all oncologo l immediata valutazione per procedere al trattamento specifico. Dalla fine del 2013 il percorso è stato ulteriormente ampliato e riorganizzato, proprio in seguito alla richiesta degli ambulatori oncologici, con l esecuzione dei prelievi da pic (e prossimamente anche da port). In conclusione, a garanzia dell uniformità di accesso alla prestazioni, pur all interno di un percorso preferenziale, dei diritti di soddisfazione degli utenti, dell appropriatezza delle prestazioni e, infine ma non ultimo, della qualità organizzativa, con questo progetto si intende innanzitutto consolidare e ampliare i percorsi già attivati fino ad arrivare alla gestione completa da parte dei prescrittori di tutto il percorso. Per questo motivo i professionisti di entrambe le aree omogenee, partecipano alle riunioni settimanali dei GOM (Gruppi Oncologici Multidisciplinari) nei quali diversi professionisti con competenze diverse (chirurgo, oncologo medico, radioterapista, radiologo) collaborano nella diagnosi e nella cura dei principali tumori. Ciascun Gruppo provvede alla definizione del percorso assistenziale, e all integrazione dei percorsi specialistici e alla discussione dei casi clinici più complessi. Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. L inserimento dei volontari prevede sostanzialmente 2 fasi: a) prime quattro settimane: in affiancamento con l OLP o con un suo delegato, si effettuerà l inserimento del volontario nel contesto in cui andrà ad operare, mediante la presentazione agli operatori di ogni ordine e grado con cui dovrà relazionarsi e collaborare; contestualmente si procederà ad una formazione specifica sulle principali attività da svolgere e sull utilizzo degli applicativi aziendali. In sostanza i volontari avranno la possibilità di conoscere e sperimentare l attività di accoglienza, intesa sia come relazione operatore utente che come gestione amministrativa. b) successivamente i volontari entreranno in una fase decisamente più operativa, ma il rapporto numerico tra professionisti e volontari garantisce sul fatto che questi ultimi si troveranno in condizioni ideali per svolgere il loro servizio: saranno infatti inseriti in un gruppo professionale che li proteggerà e li aiuterà a valorizzare questa loro esperienza senza gravarli di responsabilità eccessive. I volontari che negli ultimi anni hanno aderito a progetti attuati nell ambito del Dipartimento dei Servizi hanno apprezzato non solo l opportunità di inserirsi in un contesto lavorativo dinamico ed eterogeneo, ma anche le relazioni umane intrecciate

7 con operatori ed utenti, in una realtà con la quale prima di questa esperienza non erano mai entrati in contatto. Con questo nuovo progetto i volontari avranno la grande opportunità di essere avvicinati dall organizzazione con un approccio bottom up. È logico attendersi che essi si comporteranno sul lavoro dipendentemente da come percepiscono l ambiente in cui operano: se esso è deresponsabilizzante nei loro confronti, scarsamente attento ai bisogni degli utenti, o a quelli dei dipendenti, questi valori diventano parte della cultura di quell organizzazione e il servizio erogato sarà di bassa qualità. Affinché invece ogni anello della catena della produzione di un servizio contribuisca alla buona riuscita degli interventi o della cura, deve prodursi motivazione ad una collaborazione attiva e positiva, che promuova l innovazione e la partecipazione e riduca i conflitti e i disservizi. E i volontari avranno la possibilità di diventare protagonisti di questa preziosa esperienza, al termine della quale realizzeranno che il loro modo di interagire e relazionarsi con l altro è cambiato, che sono in grado di affrontare anche le situazioni più complesse e coinvolgenti emotivamente come capita a chi ogni giorno si deve confrontare con la sofferenza degli altri. E avranno anche la possibilità di capire meglio come funziona il servizio sanitario pubblico, affiancando il personale dipendente addetto all accoglienza con il quale condivideranno le stesse problematiche e che aiuteranno a risolvere con la serietà, impegno e maturità dimostrati dai volontari che hanno aderito ai progetti negli anni precedenti. I volontari potranno contribuire in modo significativo a migliorare la gestione dell accoglienza e la guida del paziente all interno di un dipartimento che dovrà garantire, fra le altre cose, umanizzazione nell accesso e nella fruizione delle prestazioni. Dando un immagine di sintonia, collaborazione e uniformità dei processi ambulatoriali e non solo. Il personale volontario pertanto potrà supportare l attività amministrativa nei momenti di criticità del front office ma soprattutto in aiuto dell utente che avrà bisogno di essere correttamente indirizzato all interno di una struttura polifunzionale e facilitato nel suo rapporto con la fase burocratica di gestione della sua infermità, che spesso si rivela poco comprensibile al cittadino non fosse altro per i continui aggiornamenti normativi. Ecco perché estremamente importante sarà il supporto dei volontari, soprattutto nella comunicazione ai cittadini. Nello specifico, i volontari, oltre alle attività di orientamento e accompagnamento del paziente all interno della struttura e di personalizzazione dei rapporti con l utenza, potranno: 1. contribuire a diminuire i tempi di attesa allo sportello e quindi i disagi che si possono creare all utenza sia in fase di prenotazione che di accettazione che di ritiro del referto, affiancando gli operatori addetti in queste attività, ma anche supportando gli utenti nella compilazione della modulistica o nell accesso alle informazioni, creando un clima di ordine e tranquillità; 2. supportare le varie attività amministrative relative al processo di raccolta, controllo e archiviazione dei documenti sanitari e amministrativi. 3. Infine, a parità di risorse (strutturali, umane, economiche) contribuiranno così a massimizzare la soddisfazione degli utenti consentendo di dedicare maggiore attenzione ed energia alla comunicazione e all informazione. Di seguito vengono declinati gli indicatori di raggiungimento degli obiettivi del progetto nell ottica del ciclo di miglioramento continuo dell assistenza sanitaria: a) semplicità nell accesso alle prestazioni (prenotazione/ erogazione);

8 b) tempi di prenotazione congrui con il percorso terapeutico; c) tempi di attesa ridotti per l espletamento delle attività amministrative; d) cortesia degli operatori dedicati all accoglienza; e) completezza e chiarezza nella comunicazione delle informazioni richieste; f) orari di apertura Numero dei giovani da impiegare nel progetto: Numero posti con vitto: Numero ore di servizio settimanali dei giovani (minimo 25, massimo 30): Giorni di servizio a settimana dei giovani (minimo 4, massimo 6) : Eventuali particolari obblighi dei giovani durante il periodo di servizio: Flessibilità orario, disponibilità alla turnazione mattina/pomeriggio. Nominativo operatore di progetto per singola sede: NOME E COGNOME: Angela Masetti Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Firenze Via Paracelso snc Padiglione 12 NOME E COGNOME: Silvia Barbiani Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo DIPARTIMENTO SPECIALITA MEDICO CHIRURGICHE Firenze Viale San Luca snc Padiglione 16 NOME E COGNOME: Diana Impennato Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo DIPARTIMENTO LABORATORIO Firenze Viale G. Pieraccini 4/AP Padiglione 15

9 NOME E COGNOME:Anna Negro Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo DIPARTIMENTO ONCOLOGIA Firenze Viale San Luca snc Padiglione 11 NOME E COGNOME:Maria Luisa Pratesi Sede di attuazione del progetto Comune Indirizzo DIPARTIMENTO ORTOPEDIA Firenze Largo P. Palagi 1 Padiglione 25 Piano di monitoraggio interno per la valutazione dei risultati di progetto: Il piano di monitoraggio ha il fine di evidenziare in quale misura l esperienza di Servizio civile rappresenti per i giovani impegnati nel progetto una occasione di crescita umana e professionale e una possibilità di acquisire nuove competenze. Sin dall avvio dell esperienza quale ente ospitante i volontari del servizio Civile Nazionale e Regionale presso l Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi sono state poste le basi per la pianificazione e l esecuzione delle attività di monitoraggio dell intero percorso dei volontari. Nei primi anni è stata prestata specifica attenzione alla creazione e adozione di strumenti finalizzati alla rilevazione delle informazioni necessarie alla comprensione delle dinamiche e dei problemi che potessero insorgere durante la conduzione dei progetti di servizio civile. Contestualmente si è progressivamente sviluppata e affinata la competenza e l abilità in materia di tutoraggio di un gruppo di operatori direttamente impegnati sul campo nel seguire i volontari ed ha assunto consistenza e organicità l azione di monitoraggio interno affidata a un gruppo di lavoro che si caratterizza per la propria azione di analisi e supporto a carattere permanente sulle principali fasi dei progetti di Servizio Civile. Le attività di monitoraggio all interno di Careggi sono condotte dal Centro di riferimento Regionale sulle Criticità Relazionali, che ha sede in Azienda, all interno del quale afferisce un gruppo di lavoro formato da psicologi accreditati come esperti di monitoraggio e con specifica preparazione nelle dinamiche di gruppo e nell analisi e risoluzione di criticità; ricoprendo anche il ruolo di formatori, essi garantiscono un contatto costante con il gruppo dei volontari e si pongono come riferimento per l intero percorso di progetto. Il gruppo di lavoro comprende inoltre il Responsabile del Servizio Civile, il Coordinatore di Progetto, il Progettista e un rappresentante degli Operatori di Progetto. Obiettivo è ottenere informazioni utili per potenziare l esperienza umana e professionale che i volontari vivono, anche apportando modifiche migliorative ai progetti, e allo stesso tempo fornire un accompagnamento del percorso in termini di opportunità di confronto sull esperienza e analisi precoce e risoluzione delle eventuali criticità emergenti. Il monitoraggio utilizza modalità e strumenti diversi e si sviluppa lungo l intero percorso del progetto. In ciascuna delle principali fasi del progetto è prevista la raccolta di

10 informazioni, la loro elaborazione e valutazione, la restituzione dei risultati, l approfondimento di eventuali difficoltà o criticità segnalate, l adozione di eventuali azioni per il superamento di tali difficoltà, la valutazione di replicabilità del progetto per l anno successivo e/o di eventuali modifiche migliorative. Eventuali requisiti richiesti ai candidati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge regionale 25 luglio 2006, n. 35: Per l accesso alla selezione e al progetto, saranno considerati i requisiti richiesti dalla Legge 25 luglio 2006 n. 35. Tuttavia, saranno considerati requisiti aggiuntivi il possesso della patente europea di Computer ECDL (European Computer Driving Licence), la predisposizione ai rapporti umani e soprattutto la disponibilità anche a turnazioni di orario. Queste caratteristiche, ad integrazione di quelle previste dalla legge sopraindicata, consentiranno un miglior inserimento del volontari nel contesto di strutture che privilegiano i rapporti con il pubblico. Una buona conoscenza del PC, strumento al quale è subordinata tutta l attività ospedaliero-universitaria (dall accesso, al ricovero, alle liste operatorie, la prenotazioni di indagini diagnostiche etc.), è un elemento importante dato che l Azienda è dotata di molteplici applicativi informatici e che una buona padronanza consentirebbe al volontario di integrare velocemente le proprie competenze con le necessità del sistema ospedaliero. La conoscenza di tali strumenti verrà approfondita nella formazione, ma una conoscenza di base documentata dai candidati porterà a migliori valutazioni in caso di colloquio. La predisposizione ai rapporti umani si rende necessaria soprattutto per la natura dell Ente: un ospedale è un ambiente dove la relazione con il pubblico riveste caratteri del tutto particolari. La formazione specifica si occuperà di offrire ai volontari alcuni strumenti necessari per lo svolgimento dei progetti, ma anche in questo caso una naturale predisposizione alla disponibilità, alla pazienza, all ascolto e alla comprensione delle varie situazioni che oggettivamente si potranno presentare giornalmente al volontario e la motivazione complessiva a far parte del progetto saranno valutate con particolare attenzione. Per questo, nell ambito della selezione, verrà utilizzato un questionario motivazionale. Infine, in merito alla flessibilità di orario, questa è correlata ai servizi alla persona: pur nei limiti orari definiti dal progetto, l articolazione del servizio terrà inevitabilmente conto della turnazione mattina/pomeriggio. Competenze e professionalità acquisibili dai giovani durante l espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae: Le competenze che i volontari acquisiranno nel corso dell espletamento del servizio sono in primo luogo di carattere relazionale e professionale nell ambito dell accoglienza e delle relazioni con il pubblico. Al termine del periodo di servizio, ogni volontario potrà certificare, nel proprio curriculum: - un certificato di servizio, a firma del Direttore Generale dell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, da allegare al curriculum come anno di servizio prestato nella P.A. e utilizzabile per ottenere punteggi nei concorsi pubblici; - una certificazione, rilasciato a firma del Direttore Generale dell Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi, che riconosce le competenze professionali

11 acquisite nel corso del servizio, con indicazione della formazione generale e specifica alla quale il volontario ha partecipato; - una certificazione, di superamento del Corso BLSD (Basic Life Support- Defibrillation): si tratta di una certificazione formale, ottenuta tramite il rilascio di una attestato di qualifica che si ottiene al termine di un corso e previo il superamento di un esame. L AOU Careggi è Provider riconosciuto dall IRC (Italian Resuscitation Council), Ente terzo accreditato per la formazione per l ottenimento della qualifica valida ai fini del CV. Tutti i giovani in servizio civile avranno l opportunità di frequentare il corso di BLSD. Formazione generale dei giovani Contenuti della formazione: I contenuti per la formazione generale si attengono a quanto indicato nella Legge Regionale 25 luglio 2006, n.35, nelle Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale (Decreto n. 160/2013 Capo del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale del 19/07/2013) e alle nuove opportunità proposte dalle Politiche Giovanili della Regione Toscana. Obiettivo della formazione generale saranno le caratteristiche e l ordinamento del servizio civile: i principi fondamentali, gli ordinamenti e la storia dell obiezione di coscienza; la difesa della Patria con mezzi non violenti come diritto/dovere costituzionale; i diritti umani; la cittadinanza attiva, i diritti e i doveri dei volontari; la partecipazione attiva alla vita della società civile nelle sue diverse forme. Uno degli obiettivi della formazione generale è anche il favorire il lavoro in rete, la conoscenza e la collaborazione fra giovani in servizio civile che prestano servizio in sedi o per progetti diversi. L esigenza di effettuare momenti di formazione congiunta tra i partecipanti ai diversi progetti attivati presso l Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi è, tra l altro, una esigenza emersa tra gli stessi giovani, così come emerso nel monitoraggio dei progetti nei primi anni. Questa scelta permette di fornire ad i giovani delle conoscenze di base per poter leggere situazioni che, anche se non legate al progetto di servizio civile, interessano l ente dove si trova a svolgere il suo anno di servizio civile e più in generale la loro crescita come cittadini attivi. L obiettivo principale della formazione generale è proprio quello di rendere i giovani in servizio civile consapevoli del loro ruolo di cittadini e delle attività da svolgere per raggiungere il risultato di formarli quali cittadini solidali. Contenuti: Il valore educativo dell esperienza di Servizio Civile; Cittadinanza attiva Politiche Giovanili della Regione Toscana; Legislazione Regionale del Servizio Civile e Regolamento di Attuazione; Dall obiezione di coscienza al Servizio Civile; Il dovere di difesa della Patria -Difesa Civile Non Armata e Nonviolenta; I progetti di Servizio Civile Regionale: l importanza dei ruoli; Identità del gruppo in formazione Gestione dei conflitti; Associazionismo e volontariato Solidarietà e forme di cittadinanze; Il monitoraggio nel percorso del servizio civile; Volontari in servizio civile: diritti e doveri; Elementi di Protezione Civile; Elementi di organizzazione e conoscenza dell Ente Durata (espressa in ore):

12 La durata della Formazione Generale ammonta complessivamente a 45 ore. Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei giovani Contenuti della formazione: Nel proporre i contenuti della formazione, è stato previsto che: 1. durante le lezioni frontali, tenute in aula con l utilizzo di video-proiettore, verranno distribuite dispense e raccolte di documenti. Tali documenti verranno diffusi in forma digitale sul sito internet, che avrà anche la funzione di raccogliere e diffondere il materiale didattico per i volontari; 2. per i periodici incontri di verifica e monitoraggio della formazione, previsti sia dal piano di monitoraggio del progetto, sia dal monitoraggio del piano della formazione, verranno predisposti modulistiche e questionari utili alla valorizzazione delle esperienze di ogni volontario; 3. utilizzo dei role-play, un particolare tipo di esercitazione che richiede ai partecipanti di svolgere, per un tempo limitato, utili per sviluppare soprattutto le competenze relazionali, sono di per sé una metodologia capace di interiorizzare competenze attraverso l esperienza; In particolare verranno proposti i seguenti moduli formativi Modulo A: Aspetti relazionali: 12 ore Corso base sulla comunicazione (4 ore); Comunicazione e relazioni con l utente (4 ore); URP e tutela del cittadino: le funzioni di front office (4 ore) Modulo B: Aspetti professionali: 18 ore Contratti e normativa servizio civile regionale (3 ore) L organizzazione di AOUC (3 ore); Normativa in campo sanitario (3 ore); La privacy in sanità (3 ore); Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (6 ore) Modulo C: Aspetti tecnici: 10 ore Portale AOUCareggi : La rete intranet aziendale (2 ore) Applicativi Informatici specifici aziendali: BOOK, Elefante on the web, HIS CAREGGI, FIRST AID (8 ore) Modulo D: Aspetti tecnico Sanitari: 10 ore Tessera Sanitaria e Fascicolo Elettronico Sanitario (2 ore); BLSD Basic Life Support Defibrillation di primo livello (8 ore) Tirocinio: 30 ore Simulazioni off-line (10 ore) Tirocinio con affiancamento di operatore (10 ore) Inserimento in gruppo di lavoro (10 ore) Durata (espressa in ore): La durata complessiva della formazione specifica è di 80 ore

SCHEDA PROGETTO AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI. Codice regionale:

SCHEDA PROGETTO AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI. Codice regionale: SCHEDA PROGETTO AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Codice regionale: RT2C00039 Responsabile del progetto: Maria Luisa Migliaccio - Coordinatore di progetti: Paola Gabrielli DONORS Trapianto è vita

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Titolo del progetto: In & Out Per il paziente deospedalizzato dentro l ospedale Settore ed area di

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura

TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura TITOLO DEL PROGETTO: Una Casa e un Sorriso sono già cura SETTORE e Area di intervento: Assistenza Minori ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO: Contribuire a migliorare le condizioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Avere cura: un valore, un impegno, una opportunità SETTORE e Area di Intervento: ASSISTENZA Pazienti affetti da patologie temporaneamente e/o permanentemente

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Amministrazione Provinciale di Vercelli 2) Codice di accreditamento: NZ00384 3)

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

La rete della Buona Sanità e la mission

La rete della Buona Sanità e la mission La rete della Buona Sanità e la mission CALL CENTER / C.U.P. SSP 081 19707700 Sanità Senza Problemi è il network della sanità privata che coinvolge strutture polispecialistiche operanti, anche in convenzione

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Naturalmente bimbi Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Coop

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1. Ente proponente il progetto: Azienda Unità Sanitaria Locale n.3 Nuoro 2. Codice di accreditamento: 3. Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI TORTONA 2) Codice di accreditamento: NZ01098 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Titolo: TOLOMEO - un punto INFO al centro dell ospedale Settore ed area di intervento del progetto

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Scheda sintetica del progetto di servizio civile Solidarietà senza età

Scheda sintetica del progetto di servizio civile Solidarietà senza età Scheda sintetica del progetto di servizio civile Solidarietà senza età Ente a cui indirizzare o consegnare la candidatura: SPES Associazione Promozione e Solidarietà Via Liberiana, 7 0085 Roma Tel. Viale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

15 PIASTRA Ristrutturazione Laboratorio Biosicurezza 1 NIC Parcheggio

15 PIASTRA Ristrutturazione Laboratorio Biosicurezza 1 NIC Parcheggio ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto: AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Titolo : ARGANTE Accoglienza in sanità Settore e area di intervento del progetto - A 15 - ASSISTENZA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012

Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 Fase 1 - evidenze scientifiche e best practice 1 ACCOGLIENZA STATO DEL PROGETTO AL 7 GIUGNO 2012 1. Aspetti generali 2. Aspetti specifici 3. Ascolto e lettura della domanda 4. Le competenze professionali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Allegato B) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Fondazione Centro per la Riabilitazione e le Diverse Abilità (C.Ri.D.A.)

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ESTRATTO DELLA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1. Ente proponente il progetto: UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE 2. Codice di accreditamento: NZ00347 3. Classe

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI FI FIRENZE SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI FI FIRENZE SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI FI FIRENZE SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FISICA MEDICA REGOLAMENTO DIDATTICO 1 DEFINIZIONE La scuola di specializzazione in Fisica Medica, Area

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto PARLA CON NOI Settore ed area di intervento del progetto Settore E) EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA DEL FILO D ORO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ00672 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Careggi Smart Hospital nuovo servizio #Prelievo Amico

Careggi Smart Hospital nuovo servizio #Prelievo Amico Careggi Smart Hospital nuovo servizio #Prelievo Amico Careggi Smart Hospital è un progetto dell Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze che ha l obiettivo di facilitare il rapporto con l utenza,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SCHEDA PROGETTO UN ANNO PER ES.SER.CI. PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE ENTE 1 ) Ente proponente il progetto: CINFORMI - PAT 2) Codice di iscrizione all albo e classe:_

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA

INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA INFORMAZIONI PROGETTO E PRESENTAZIONE DOMANDA ENTE Ente proponente il progetto: U.I.L.D.M. Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus - Direzione Nazionale Via P.P. Vergerio, 19-35126 Padova

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO. Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino.

CARATTERISTICHE PROGETTO. Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino. CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto S.O.S. SASD UNICAM Settore Assistenza agli studenti con disabilità iscritti all Università degli Studi di Camerino. Obiettivi generali che i candidati devono

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE COMUNE DI NUORO 1) Ente proponente il progetto: Comune di Nuoro Settore Servizi Sociali e Culturali 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

(AA 2007/2008) 180 CFU

(AA 2007/2008) 180 CFU (AA 007/008) Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di radiologia medica) Classe delle lauree in professioni sanitarie

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Associazione italiana per il WWF for Nature ONLUS CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto:

Dettagli

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di

)$6,'(/352*(772. &RVWLWX]LRQHGLXQJUXSSRGLSLORWDJJLR aziendale e nomina in ogni sede di sperimentazione di /$1829$25*$1,==$=,21($0%8/$725,$/( 1(// $=,(1'$86/',)(55$5$ L attività specialistica ambulatoriale nell Azienda USL di Ferrara è una delle principali attività d assistenza sanitaria che impegna oltre il

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO DI RADIOLOGIA Revisione Revisione 00 del 01/06/2010 Revisione 01 del 16/07/2012 Revisione 02 del 08/10/2013 Revisione 03 del 27/02/2015 Revisione 04 del 23/09/2015 Modifiche

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: SCR Volontari Sotto la Torre 2014 Settore di intervento del progetto: a) Tutela dei diritti sociali e di cittadinanza delle persone, anche mediante

Dettagli

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto.

Ruolo ed attività previste per i giovani in servizio civile nell ambito del progetto. Allegato B) CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Mercurio Settore di intervento del progetto: n) educazione contro ogni forma di discriminazioni anche per orientamento sessuale Codice identificativo

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

Progetto: Virgilio Tutorato per la motivazione allo studio e il recupero di situazioni di svantaggio

Progetto: Virgilio Tutorato per la motivazione allo studio e il recupero di situazioni di svantaggio liceo artistico statale Caravaggio 20127 Milano - Via Prinetti, 47 - tel. 02/890.789.26 7-8 fax 02/2614.4258-2611.7878 - e-mail info@liceocaravaggio.com Cod. MPI. MISL020003 Cod. Fisc. 80094670157 Progetto:

Dettagli

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO"

VA IN SCENA L'INCLUSIONE: CI VORREI ESSERE ANCH'IO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO VA IN SCENA L'INCLUSIONE: "CI VORREI ESSERE ANCH'IO" SETTORE e Area di Intervento: Area di intervento A Settore Assistenza Codifica 06 (Disabili)

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Obiettivo: individuare, collegare e premiare le strutture ospedaliere

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Health Information Technology

Health Information Technology Health Information Technology IRCCS Ospedale Opera di San Pio da Pietrelcina San Giovanni Rotondo con il contributo di: disegno s.r.l. servizi e sistemi di archiviazione INTRODUZIONE In un contesto socio-economico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

BIOANALITICO DELTA S.r.l.

BIOANALITICO DELTA S.r.l. CARTA DEI SERVIZI DEL LABORATORIO ANALISI MEDICHE BIOANALITICO DELTA S.r.l. Via Clara Maffei, 14 24121 Bergamo Tel. 035-221565, Fax 035-235848, e-mail: info@laboratoriobioanaliticodelta.it Aggiornato alla

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto APERILIBRO Settore ed area di intervento del progetto Area D - Settore : Patrimonio Artistico e Culturale

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione: gna 4 CARATTERISTICHE

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MEZZOJUSO 2) Codice di accreditamento: NZ00607 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR

Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia TRMIR Prof. Paolo Randaccio Dott.ssa Antonella Fais Dott. Giovanni Angelo Porcu Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica,

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 2 ottobre 2013 Accordo 25 luglio 2012, n. 149/Csr Gazzetta Ufficiale 9 maggio 2013, n. 107 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 26 agosto 1997, n. 281, tra il Governo,

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

Questa Carta dei Servizi è di proprietà delle Essepienne SpA. Sono vietate distribuzioni e fotocopie non espressamente autorizzate

Questa Carta dei Servizi è di proprietà delle Essepienne SpA. Sono vietate distribuzioni e fotocopie non espressamente autorizzate Questa è di proprietà delle Essepienne SpA. Sono vietate distribuzioni e fotocopie non espressamente autorizzate Pag. 2 di 13 PRESENTAZIONE DELL AZIENDA E PRINCIPI FONDAMENTALI Messaggio ai Clienti Cos

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Azienda ASL RMB 2) Codice di accreditamento: NZ00156 3) Classe di iscrizione all

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI RIMINI 2) Codice di accreditamento: NZ03588 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Titolo del progetto: EMERGENCY Un supporto nell emergenza/urgenza

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Titolo del progetto: EMERGENCY Un supporto nell emergenza/urgenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA CAREGGI Titolo del progetto: EMERGENCY Un supporto nell emergenza/urgenza Settore ed area di intervento del

Dettagli

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit 2014 Motore Sanità: Il nuovo patto Stato-Regioni: tra tagli ed efficienza Milano 15.9.2014 Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit Mario Saia Area Sanità e Sociale Direttore Generale

Dettagli