Presentazione II Congresso Nazionale FIMEUC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Presentazione II Congresso Nazionale FIMEUC"

Transcript

1 ABSTRACT BOOK

2 Presentazione II Congresso Nazionale FIMEUC Roma, novembre 2013 Cecchignola Scuola Sanità Militare I Professionisti della Emergenza quotidianamente sono impegnati a gestire il caos in ambito pre Ospedaliero ed Ospedaliero. La instabilità geofisica della nostra nazione ci impone, inoltre, l elaborazione di modelli organizzativi Regionali e Nazionali in coerenza con i più recenti progetti Europei. I disastri, infatti sia di origine naturale che antropica causano gravi ripercussioni sulla salute pubblica, sia in termini di vite umane che di interruzioni di servizi essenziali per la popolazione colpita. Diventa sempre più urgente, pertanto l esigenza di garantire una uniforme gestione dei Disastri nel contesto della Rete Nazionale della Emergenza Urgenza. Il Convegno Nazionale FIMEUC 2013 affronta in questa direzione il tema delle Maxiemergenze nei suoi aspetti di Pianificazione, Gestione e Formazione. Le Strutture Sanitarie appartengono al gruppo dei First Responder e sono chiamate a garantire la più efficace risposta nell ambito della Rete della Emergenza. Il Convegno nasce dall esigenza di un confronto con tutte le professionalità in campo: SSN, Istituzioni, Sanità Militare, Gruppo Operativo Interforze, Difesa Civile, Volontariato per realizzare piani di Continuità Operativa in ambito sanitario e il passaggio dalla pianificazione al coordinamento delle attività in corso di Disastri. La formazione e l addestramento del personale sanitario sono premessa indispensabile per garantire la piena attuazione dei Piani di Emergenza. La Task Force FIMEUC sulla gestione pre ospedaliera ed ospedaliera dei disastri (DiMFIT) si pone l obiettivo specifico di definire Linee di Indirizzo Nazionali per l elaborazione di piani di emergenza, con particolare attenzione agli aspetti di coordinamento, comando, controllo, comunicazione, gestione delle risorse umane e materiali, sicurezza, gestione del rischio clinico e formazione. Il congresso sarà occasione di presentazione, discussione, confronto e condivisione delle linee di indirizzo proposte. Inoltre nel corso di formazione satellite, organizzato dalla Faculty FIMEUC, utilizzando gli ambienti, la tecnologia e gli scenari messi a disposizione dalla Scuola di Sanità Militare, sarà possibile verificare alcuni degli aspetti di pianificazione, simulando le fasi attuative e quella di coordinamento. In questa prospettiva il Congresso vuole essere una occasione di confronto tra tutti i soggetti coinvolti nelle grandi emergenze: Medici, Infermieri, Soccorritori, Volontari, Sanità Militare, per una partecipata e condivisa elaborazione di Linee di Indirizzo Nazionali sulla preparazione alla gestione dei disastri. Ci vediamo a Roma, con l augurio di un incontro costruttivo e propositivo. Coordinamento Nazionale FIMEUC e Disaster FIMEUC Task Force Cinzia Barletta

3 CONTROL OF COURSE TEMPERATURE IN MAJOR ORTHOPEDIC SURGERY AND NEURO TRAUMATOLOGY IN GERIATRIC PATIENTS USING LEVOBUPIVACAINE FOR SPINAL ANESTHESIA. 1) B. Amarisse, 2) B. Ciammitti, 3) M. Emanuelli, 4) V. A, Peduto,5) D. Celleno 1) Department of Anaesthetics and Intensive Care, University of Perugia ( Terni); 2) U.O.C. ( Multi speciality Department ) Anaesthetics and Intensive Care, University of Perugia (Terni); 3) Departiment of Anaesthetics and Intensive Care,FBF Isola Tiberina Hospital Rome (Roma); 4) U.O.C. ( Multi speciality Department ) Anaesthetics and Intensive Care, University of Perugia ( Perugia); 5) U.O.C. ( Multi speciality Department) Anesthetics intensive Care,FBF Isola Tiberina Hospital Rome ( Roma). A homogeneous sample of patients was selected for a randomised study: age (80 ± 0.5 years old),health status (ASA 1,2,3 ): Group A (n=25 patients men) was subjected to active cutaneous warming (at 38 C) and the infusion of liquid and/or blood heated to 37 C. Gruppo B (n=25 patients women) did not receive either active cutaneous warming during the ntervention or the infusion of the liquids or blood intraoperationally. Monitoring of core temperature was done through a rectal probe, which began before subarachnoid anesthesia and was carried out successively every 15 minutes until the end of the operation, the thermometer bening calibrated with a temperature range of between 30 C and 40 C, with an accuracy of 0,1 C. All procedures began at 8.00 a.m. and the operating theatre was maintained at between 21 C and 23 C with a humidity rate of between40% and 45%. The length of the operation was almost identical in both groups, average length being 75 minutes ± 10. No serious hypotensive events were recorded. No substantial haematic loss occurred.the central temperature decreased in both groups but by varying amounts: in Group A the average central temperature was 36 C; in Group B, the average central temperature was 35,5 C. Concerning the trend of central temperature in both groups, it became clear that decrease in temperature was directly related to intraoperational warming, the length of the intervention and haematic loss. It was highlighted that the initial average temperature of patients in both groups was stated at about 36,5 C, whereas the end result was that of a decrease in the central temperature to as little as 35,8 C for Group A and as little as 34,8 C for Group B. Suggested reading: Sessler DI. Current Concepts: Mild Perioperative Hypotermia. N Engl J Med June 1997; 336:173 L ORGANIZZAZIONE DEI MATERIALI NELLE STRUTTURE CAMPALI PER LE MAXI EMERGENZE: L ESPERIENZA DELL ARES 1) C. Antinori, 2) E. Andreoli, 2) L.C. Calò, 3) S. Pacini, 4) M. Troiani, 2) B. Gabrielli, 2) M. Caroli 1) Dipartimento Prov.le ARPAM di Ancona Servizo rifiuti suolo; 2) Ospedali Riuniti di Ancona Medicina e Chirurgia d Accettazione e d Urgenza; 3) Ospedali Riuniti di Ancona Clinica di Anestesia e Rianimazione; 4) Ospedale S. Salvatore Tolentino Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza PPI Potes 118. Secondo le raccomandazioni OMS le strutture sanitarie campali in grado di fornire assistenza medica d'emergenza sono utili solo se raggiungono il luogo dell evento nelle prime 24 ore dal disastro (PAHO WHO, 2003). Per tale realizzazione occorrono una notevole quantità di attrezzatura logistico sanitaria ed una tempistica elevata per preparazione, arrivo ed installazione (2010/481/UE, Euratom). Tali strutture devono partire entro 12 ore dalla chiamata, quindi l organizzazione deve essere stabilita e condivisa in tempo di pace, sia per quanto riguarda la planimetria esterna, che il materiale utilizzato per allestire le tende. Quest ultimo si distingue in diverse tipologie, in relazione al trattamento da effettuare e su questi presupposti l ARES (Associazione Regionale per le Emergenze Sanitarie e Sociali)* ha ripreso la classificazione del materiale sanitario secondo i criteri adottati a livello internazionale dal D.M. 13/02/2001 (G.U. n. 81 6/04/2001) integrandola con ulteriori codici colori (Tabella 1). Tabella 11: Materiale sanitario identificato da un codice e un colore

4 - tenda La quantificazione del materiale è stata effettuata a partire dalle indicazioni delle linee guida europee per la gestione di 150 pazienti al giorno, di cui 50 gravi e 100 non gravi, per un autonomia di 3 giorni. Ogni tenda necessita di una specifica quantità e tipologia di materiale, per cui è stato creato un database su file Excel, dove è riportato il quantitativo di ogni singolo materiale per ogni tenda. Il materiale viene classificato attraverso nome, codice/colore, consumabilità, scadenza e localizzazione nel deposito. Il database viene costantemente aggiornato e revisionato in base a scadenze del materiale consumabile, innovazioni e modifiche alla struttura campale (tipologia/destinazione tende). La preparazione del materiale per la pronta partenza consiste nell inserimento in casse metalliche a tenuta stagna modello Zarges 470 di diverse dimensioni (Figura 1). deve avere: a. Un etichetta esterna ed impermeabile con indicato (Figura 3): logo di appartenenza; peso; codice materiale; numero cassa (numerazione crescente per ogni codice colore); destinazione tenda. Figura 3: etichetta esterna cassa b. Una lista del materiale contenuto con indicato (Figura 4): destinazione; numero cassa; tipologia materiale (codice colore); nome materiale; scadenza; quantità. Figura 1: Alcuni modelli delle casse alluminio (da sinistra piccola 750x550x380, media 750x550x580 e grande 1150x750x480) Il quantitativo di materiale da inserire nelle casse è standardizzato e suddiviso per tipologia. L interno di ogni cassa è stato ulteriormente suddiviso con cassetti scorrevoli di più facile impiego (Figura 2). Figura 2: casse pronte alla partenza e con cassetti scorrevoli Al fine di facilitare e velocizzare il posizionamento delle singole casse all interno della tenda ognuna

5 Fig. 41: lista materiale sanitario interno alle casse *Per maggiori informazioni visitare il sito VIRTUAL RADIOLOGY AND LABORATORY: A TOOL FOR HOSPITAL MASS CASUALTY TRAINING Carenzo L, Colombo D, Ingrassia PL, Ragazzoni L, Della Corte F CRIMEDIM Research Center in Disaster and Emergency Medicine, Università del Piemonte Orientale "A. Avogadro" Novara, Italy Intro: Radiological studies and basic emergency laboratory test are of very high importance for the management of hospital patients. However it is well known that during mass casualty events and disasters they can create a significant bottleneck to the emergency department and hospital patient flow. Methods: We designed and implemented an online tool to be used during full scale hospital mass casualty drills faithfully simulating an online radiology and laboratory requests and results system called Virtual Laboratory and Imaging (VLI). It is composed of a basic user interface used to request and consult laboratory exams and radiological studies, a database containing all the casualty details and related radiological images and a logic processor integrating information on the casualty evolutionary progress. This last part is responsible for calculating the appropriate laboratory results and images according to the clinical conditions of the simulated patients. Integration with actors impersonating casualties is done through radiofrequency identification (RFID) tags which allows the system to know which casualty reached which hospital in multi hospital drills. The imagining system includes both images and radiologist report related to each image. They can be produced automatically and a radiologist in the emergency department, can review images provided by the system and type in reports that then are included in the system. Both the number of request and the average turnaround time for each exam in each hospital are calculated and logged. We tested this system during a multiple hospital 100 casualties real size drill lasting five hours. Results: No usability issues arose from the user evaluation. All the casualties were correctly admitted to the proper hospital for exams request via RFID tracking. Table 1 presents the number of exams requested and the average turnaround time for each exam. Hospital 1 Hospital 2 Name: Request Count: Time: Request Count: Time: Complete Blood Count 4 30 min 1 25 min Clotting 4 45 min 2 40 min Biochemistry 4 35 min 2 35 min Cardiac markers 1 35 min 2 35 min Arterial Blood Gas 1 3 min 2 5 min X ray 15 7 min 5 5 min CT Scan min 5 29 min Ultrasound 2 7 min 0 Electrocardiography 0 0 Table 1 legend: Aggregated count of laboratory and radiology tests according to hospital and relative execution time according to the relative number of requests. Conclusion: VLI resulted an easy to use, user friendly virtual laboratory and imagining system. It allowed to point out, in real time, bottlenecks during the exercise, that could be explored in depth during the debriefing. In particular the massive use of CT scan in the hospitals resulted as the main bottleneck related to imaging and laboratory during our exercise. According to the number of CT requests and the average time of execution, it is clear that many of them were requested and queued but never executed with possible detrimental effect for the

6 casualties and thus lowering the overall simulation performance. Moreover VLI increases the realism of the exercise by offering a tool to simulate an aspect of clinical practice that would otherwise be absent in hospital based drills. Scheda di Triage preospedalero PLS/SAP attiva in paesi europei G. Ciccone già direttore PS AO di Lodi membro Commissione SIMEU per i rapporti con l Europa *E utilizzata in casi di maxiemergenze e disastri collettivi: in casi di attivazione di Grande Noria e Piccola Noria, in particolare. Trattasi di un sistema di identificazione delle vittime e della loro documentazione medica sulla scena e lungo il percorso fino al ricovero. PLS ovvero PatientenLeitSystem; SAP ovvero Système d Acheminement des Patients. *E in materiale plastico resistente all acqua ed a liquidi biologici. Presenta tre sezioni: la prima, la maggiore, destinata all ospedale di ricovero, è una tasca contenente documentazione, la seconda e la terza, staccabili, sono destinate alla polizia ed al team della protezione civile. Sulle loro superfici vi sono pittogrammi da utilizzare per rilievi clinici e per provvedimenti; più precisamente la faccia anteriore è dedicata ai rilievi clinici ed al triage, quella posteriore al trattamento eseguito. *Nella tasca sono allegati 1 una serie di etichette autoadesive con il numero di riconoscimento del paziente: sono applicabili su ogni sua pertinenza, anche su effetti personali; 2 un cartoncino di colore rosa ove è possibile trascrivere i dati del paziente (protocollo di identificazione), dinamica dell evento e quant altro; 3 un cartoncino giallo URGENT PRE-TRIAGE viene utilizzato esclusivamente in caso di compromissione dei parametri vitali con immediato pericolo di vita. In tal caso l urgenza è tale da esonerare da qualsiasi approfondimento diagnostico sul luogo del disastro. Viceversa viene utilizzata solo la PLS; 4 un modulo di colore bianco può essere utilizzato per il follow up in itinere fino al ricovero L utilizzo del corredo 2 e 4 è facoltativo *Le categorie di Triage indicate sulla faccia anteriore del PLS: I Trattamento immediato sul luogo dell evento IIa Trasporto immediato IIb Trasporto prioritario III Attesa possibile IV Attesa necessaria (poiché la situazione al momento non consente un trattamento individuale standard mediante ricovero di elezione) La ripetizione del suddetto triage permette di modificare i parametri di diagnosi e trattamento se l evoluzione lo indica. Il Trauma Maggiore o POLITRAUMA G. Di Rosa, infermiere MCAU Ospedale Maggiore Modica ASP Ragusa. Il Trauma Maggiore o Politrauma, nei paesi occidentali è la principale causa di morte nei soggetti di età inferiore ai 45 anni e causa di invalidità permanente in un numero ancora maggiore di casi. Costituisce un evento di frequente riscontro e di grande impegno professionale, sia medico sia infermieristico. Il lavoro di team implica il coinvolgimento, nel trattamento del Paziente traumatizzato, di molte figure professionali e la gestione di un eventuale trasferimento del paziente al trauma center di riferimento. Obiettivo: questo lavoro vuole evidenziare la flessibilità di modelli organizzativi possibili nella gestione ottimale del paziente politraumatizzato e quali siano i bisogni di formazione specifici per gli operatori sanitari direttamente coinvolti. Strumenti e metodi: lo studio è stato condotto comparando linee guida e dati di letteratura relativi al paziente traumatizzato ed i protocolli di gestione messi in atto nel nostro presidio ospedaliero. Risultati: questo lavoro termina con la proposta della necessità/utilità che qualsiasi Pronto Soccorso si doti di un Protocollo sulla gestione del Paziente politraumatizzato, ponendo particolare attenzione alla diffusione dello stesso al fine di realizzare una maggiore collaborazione tra operatori sanitari afferenti a U.O. diverse ma egualmente coinvolti, una pianificazione preventiva che consenta nell emergenza un coordinamento in parte precostituito e sottolinea l importanza della formazione di tutti gli operatori, con particolare attenzione al personale medico infermieristico e di supporto del DEA.

7 IL BENCHMARKING E LA VALIDITA DEL SAFETY WALK ROUND IN DIPARTIMENTO DI EMERGENZA V.R.Iulianella., Asl 1 Abruzzo Avezzano L Aquila Dipartimento di Emergenza Urgenza Ospedale S,Filippo e Nicola Avezzano Pronto Soccorso Emergency Project Work Il progetto ha l obiettivo di sperimentare ed applicare il modello del Safety Walk Round come strumento di Benchmarking sulla Unità Operativa Complessa o Servizio ad alta complessità Assistenziale del Dipartimento di Emergenza Emergency Pronto Soccorso. IL Safety Walk Round(SWR) è ancora poco conosciuto ed utilizzato in Italia. Sono state effettuate sperimentazioni di applicazione del Safety Walk Round in alcune Unita Operative di degenza ospedaliera(levati) ed ambiti di residenza assistenziali territoriali(perin D.), non sono riportate in letteratura sperimentazioni in Emergency Pronto Soccorso. Il Ministero della Salute nell anno 2012 ha emanato Raccomandazioni e progettato seminari per la divulgazione e l analisi del confronto dei risultati sul Safety Walk Round allo scopo di individuare strumenti idonei di valutazione per i processi assistenziali e per la prevenzione degli eventi avversi in Sanità a garanzia della Sicurezza dei pazienti(albolino S.). Il Ministero della Salute ha individuato il Safety Walk Round (SWR)come valido metodo e strumento di applicazione per i Sistemi Sanitari.(Dipartimento e Direzione Generale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute,2012.) Le Regioni risultano con la riforma bis della Sanità titolari della funzione legislativa ed amministrativa in materia di assistenza sanitaria ed ospedaliera in particolare per le linee di Organizzazione dei Servizi Sanitari. La Regione Abruzzo insiste, in uno dei Punti della Mappa Strategica, sulla rimodulazione, sulla razionalizzazione ed organizzazione dei processi interni per migliorare la appropriatezza e sicurezza dei processi produttivi tramite azioni, programmi e progetti di studio sperimentali, orientati a definire le caratteristiche e la sostenibilità di nuove forme assistenziali(carta dei Servizi Regione Abruzzo ). Il bisogno di nuove capacità organizzative indica nel Benchmarking lo strumento per la innovazione ed il miglioramento della organizzazione sanitaria per il raggiungimento della maggiore BEST PRACTICE o PERFORMANCESANITARIA.(SargiacomoM.) Il Benchmarking nella innovazione può avvalersi ed utilizzare una Piattaforma di Appoggio di Sicurezza su cui incamminarsi quale il SAFETY WALK ROUND. Che cos e il Safety Walk Round? IL SAFETY WALK ROUND (SWR) è uno strumento PROATTIVO di CONTROLLO che AGISCE sulle ORGANIZZAZIONI AZIENDALI, MODULATO PER LA OTTIMIZZAZIONE E LA IMPLEMENTAZIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI, SULLE ANALISI DEI RISCHI DELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE ED INTRODUZIONE di CORRETTIVI E MIGLIORAMENTI CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA RIDUZIONE DEI COSTI ECONOMICI Come si modula il Safety Walk Round? Il Safety Walk Round(SWR) consiste in: GIRO per la Sicurezza del paziente (GISO), Giro Interno Sicurezza Organizzazione. Il GISO e effettuato da un Gruppo o numero limitato (massimo 5) di designati dirigenti sanitari. Il Personale del GISO nel corso del Giro effettua interviste agli operatori sanitari ed ai pazienti, identifica i fattori di rischio presenti o futuri, che potenzialmente potrebbero contribuire e palesare eventi avversi ed individua misure da adottare per la loro riduzione o eliminazione, effettua inoltre supervisione con controllo, ed adotta misure preventive ed operative, partecipando alla risoluzione dei problemi. Le interviste verranno effettuate agli operatori in anonimato utlizzando domande secondo le categorie e la tassonomia di Vincent. Obiettivo del Safety Walk Round L obiettivo del SWR comporta un percorso di sensibilizzazione, di introduzione e di inglobazione di una cultura della responsabilizzazione della PRODUZIONE, associata alla Educazione Formativa che miri alla Qualità massima con meno risorse e meno sprechi con raggiungimento dell obiettivo strategico del 2013 che riguarda lo Spending review.(atti di Indirizzo Ministero della Salute,anno 2013) con la attuazione della Prevenzione e Comunicazione Rilancio della Ricerca Sanitaria Politiche Sanitarie Internazionali Promozione della Qualità della Assistenza Sanitaria Politiche per l Efficienza Gestionale L EFFICIENZA GESTIONALE può impiegare il SWR nel BENCHMARKING Interno Il BENCHMARKING

8 Il Benchmarking interno si avvale del confronto tra INDICATORI di PERFORMANCE e di PROCESSI per una BEST PRACTICE; Permette un miglioramento continuo ed una accurata misurazione dei processi confrontando i processi interni di una organizzazione con le pratiche di maggiore successo riscontrate. Permette di confrontarsi con i punti di forza ed i punti di debolezza o di minacce latenti o silenti. Il Benchmarking ha utilità per la scelta delle STRATEGIE AZIENDALI, LA REINGEGNERIZ ZAZIONE dei PROCESSI AZIENDALE, LO SVILUPPO DEI PROCESSI DI MIGLIORAMENTO AZIENDALI. IN SANITÀ L OUTCOME È L INDICATORE DECISIVO PER LA DEFINIZIONE DELLA QUALITA COSTITUENDO ANCHE UNA VERA SFIDA A CUI ARRIVARE PER UN SISTEMA SANITARIO DI ECCELLENZA. IL GISO Il GISO attraverso il SAFETY WALK ROUND e un METODO di SICUREZZA CHE OFFRE UNA PIATTAFORMA SU CUI CAMMINARE PER IL MIGLIORAMENTO DELLA ORGANIZZAZIONE E PER LA PIANIFICARE DEL LAVORO ALL INTERNO DELLE STRUTTURE SANITARIE. INDICATO ALTAMENTE COME METODO di MINIMO COSTO MA CON VALENZA PRODUTTIVA di ALTO LIVELLO CHE INDUCE LA STESSA ORGANIZZAZIONE SANITARIA ALLA REINGEGNERIZZA ZIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI, ADOTTANDO METODI di CONTROLLO CHE INFLUISCONO SUL RISK MANAGEMENT, CON RIDUZIONE DEI COSTI SANITARI E MIGLIORE PERFORMANCE CON RISULTATO di OUTCOME di QUALITA, VERO OBIETTIVO DEL SISTEMA SANITARIO, MIRANDO ALL OBIETTIVO di UN SISTEMA BLINDATO IN SICUREZZA PER IL RISULTATO MASSIMO di PRODUZIONE ATTRAVERSO LA SPENDING REVIEW. La caratteristica del metodo consiste nel coinvolgimento diretto degli operatori sanitari, rafforzando il loro senso di appartenenza ad una organizzazione sanitaria che miri ad una MISSION o Vision comune, partecipata verso il centro comune dell oggetto di lavoro che rappresenta un Valore intangibile, e che attraverso le forme di analisi nella valutazione dei progetti in materia sanitaria come la Cost effectiveness analysis o analisi costi efficacia e la Cost Utility analysis o analisi Costi Utilità per la salute possa generare una nuova cultura di responsabilità che generi valori economici utili per la visione globale di una sana economia in un paese civile. I valori intangibili sono quelle risorse costituite da capitale intellettuale, organizzazione e posizionamento sul mercato che concorrono alla efficienza del processo e non sono trasferibili ovvero non vendibili autonomamente, equivale al Valore Atteso dall impiego delle risorse aziendali, normalmente pari alla capitalizzazione dell utile sperato dall impiego delle risorse intangibili, indipendentemente dalla spesa sanitaria od in sua aggiunta per acquistarle o usarle (D Andreamatteo A. Zappi A.) La Cost Effectiveness Analysis consiste nel valutare per ciascuna alternativa il rapporto tra unità di prodotto ed i costi di produzione. Essa consente ad esempio di determinare il numero di vite salvate da un certo progetto per unità di capitale investito.(colantonio E.) L analisi Costi Benefici per beni privi di mercato come l allungamento della vita e la migliore qualità di essa, potrebbero derivare da nuove tecnologie sanitarie od anche dall applicazione di un sistema rigido di controllo con la verifica della Clinical Governance nei processi assistenziali e la mitigazione di fattori produttivi inefficaci, pericolosi o lesivi. La maggiore domanda di salute in particolar modo richiesta negli ultimi anni alle Strutture di Emergenza Urgenza focalizza l attenzione del Responsabile tecnico gestionale e del Responsabile Politico sulla valutazione della siffatta domanda di salute con la reale attribuzione ad esso di un valore economico come quello per beni o benefici privi di mercato che si basano solitamente sulla conoscenza o la survey della disponibilità a pagare dei singoli individui per ottenere quel Bene(Willingness To Pay, WTP). Poiché il paziente ed il bene Salute rappresentano gli attori principali su cui ruota il meccanismo organizzativo strutturale e clinico della Sanità, l obiettivo strategico del futuro sarà quello di creare percorsi più efficienti intorno al paziente fulcro dell attività produttiva sanitaria. Il termine cliente utente ha sostituito quello di paziente con l intento di convalidare anche nominalmente la graduale evoluzione di un rapporto istituzionale tra un Ente erogatore di un servizio pubblico ed il cittadinoutente.la visione e la missione di una azienda sanitaria moderna mira alla centralità della persona e della dignità umana, eccellenza della professionalità, rispetto dell etica professionale, impegno per una cultura di partecipazione nella organizzazione sanitaria. La Organizzazione viene considerata come sistema socio tecnico dove aspetto tecnico e umano sono interdipendenti e si influenzano, la efficacia della Organizzazione è determinata dalla integrazione dei

9 suddetti sistemi (Zappi A.) La produttività è il rapporto tra i fattori della produzione ovvero le risorse utilizzate direttamente ed indirettamente ed i risultati ottenuti. Il risultato delle attività produttive iniziali ed intermedie sono alla base del percorso assistenziale di cura che porta all OUTCOME, che comprende non solo l esito della malattia ma anche altri elementi quali il recupero della funzionalità, la riabilitazione, e la prevenzione degli esiti invalidanti od infausti. L OUTCOME RESEARCH, e in fase di studio ed è alla base dei sistemi per il miglioramento continuo e la ricerca della Best Practice attraverso il Benchmarking che risponde ad una logica di programmazione e controllo, che considera gli esiti derivanti dalla misurazione dell outcome come un ruolo fondamentale nell indirizzo manageriale della Azienda Sanitaria. Basandosi sugli outputs derivanti dal Benchmarking, delimitando i Gaps e fissando i Benchmark, ci si può indirizzare e ci si proietta verso livelli futuri di Perfomance. L Outcome nei servizi ad alta complessità assistenziale quali i Pronto Soccorso Emergency, derivano dalle varie fasi di attività produttiva, partendo dalla presa in carico del paziente nel primo soccorso attraverso la Golden Hour, fino alla stabilizzazione in emergenza. La principale finalità del Servizio di Emergency è quella di garantire l efficacia e l appropriatezza delle cure, utilizzando al meglio le risorse disponibili, considerando peraltro che una prestazione richiesta al Pronto Soccorso difficilmente può essere considerata costituzionalmente a priori non essenziale o non urgente (Rebba V.). La Direttiva del Ministero della Salute 2013 tenta di creare un Servizio Sanitario di Qualità e di Eccellenza all interno della Comunità Europea, tale da attirare la utenza di altri stati membri per avere un ritorno economico (in caso di cure inadeguate,di prestazioni e prestatori di strutture o di tecnologie inadeguate, non solo vi sarebbe un aumento di numero di reclami o ricorsi con un danno emergente, ma anche un passività economica da recuperare per la maggiore richiesta di cure all estero). Tra gli atti di indirizzo si attua la Promozione della Qualità dell assistenza sanitaria ponendo rilievo a costi e fabbisogni standard con l azione di implementazione nel 2013 ai fini attuativi del Patto della Salute, nuovi indicatori e strumenti innovativi per la ottimizzazione in termini di costo/beneficio delle prestazioni sanitarie tramite individuazione di Outcome esiti di cura delle malattie al fine di effettuare un confronto tra le diverse Regioni e di individuare un ulteriore macrolivello di assistenza da inserire nella ripartizione del fabbisogno di salute che sia strettamente legato alla Emergenza Urgenza da inserire tra le offerte di assistenza ospedaliera e distrettuale. A tale scopo e necessario costruire nell ambito della razionalizzazione della spesa sanitaria un processo capace di creare modelli e diffondere le migliori pratiche, sviluppando modelli organizzativi e gestionali innovativi per il funzionamento delle strutture e predisporre piani per il miglioramento dei servizi erogati e per l uso ottimale delle risorse.(ministero della Salute Atti di indirizzo 2013) In questo senso occorre una rivisitazione dei processi clinico tecnico assistenziali utilizzando le risorse disponibili per arrivare ad una Best Practice attraverso il Benchmarking e la sperimentazione ed applicazione del Modello Organizzativo Gestionale del Safety Walk Round. Il Safety Walk Round si presenta di basso costo e di facile applicabilità, ma con il suo sistema di analisi e di controllo con identificazione della vulnerabilità del sistema si classifica il metodo proattivo migliore che la organizzazione sanitaria possa intendere utilizzare sul piano della Sicurezza e della qualità, soprattutto nei sistemi ad alta complessità assistenziale quali il Dipartimento di Emergenza Urgenza Pronto Soccorso Emergency Bibliografia: 1) Albolino S., Toccafondi G., Tartaglia R., Safety walkround esperienze regionali a confronto., Seminario. Ministero della Salute, ) D Andreamatteo A., La cultura organizzativa. I simboli e le dinamiche culturali nel governo dell azienda, Aracne, ) Levati A., Amato S., Adriario E., De Flaviis C., Delia C., Petrini F., Bevilacqua L., Safety Walkround as a risk assessment tool: The first Italian experience Ig, Sanità Pubbl. May June; 65(3): , ) Paris D., Il ruolo delle Regioni nell organizzazione dei servizi sanitari e sociali a sei anni dalla riforma del TitoloV; ripartizioni delle competenze ed attuazione del principio di sussidiaretà., Le Regioni, 983, ss., ) Perin D., Sperimentazione del Safety Walk Round per l identificazione dei rischi in RSA., ) Sargiacomo M., Benchmarking in Italy: The first case study on personell motivation and satisfaction in a Health Businnes., Total Quality Management., 13:4, , ) Sharti., gruppo rischio clinico. Studio multicentrico sull impiego della tecnica del Safety Walk Round in terapia intensive., 2007

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont

Perugia 2009 Il Tr Il T auma Gr r a auma Gr v a e e la R v ete e e la R Clinica Assistenziale 1 1 8 R egione P i iem i onte ont Perugia 2009 Il Trauma Grave e la Rete Clinica Assistenziale 118 Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte C oordinatore 118-em ergenza sanitaria Regione Piem onte Sistem a 118 Regione Piem onte

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo

Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza. Ospedale Civile S. Bortolo VICENZA Regione Veneto Azienda ULSS 6 Vicenza Ospedale Civile S. Bortolo Dipartimento AREA MEDICA 1^ Direttore Dr. Giorgio Vescovo MEDICINA INTERNA PER INTENSITA DI CURE LA MEDICINA INTERNA OGGI. COMPLESSA..

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO

ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO ISTITUTO GIANNINA GASLINI DEA - PRONTO SOCCORSO DIRETTORE Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Accreditato Joint Commission International PREMESSA I dati nazionali e internazionali disponibili dimostrano

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa

THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE. Dottor Mario Costa THIRD TELEMEDICINE WORKSHOP LA TELEMEDICINA COME NUOVA RISORSA NELLE CURE PRIMARIE LA TELEMEDICINA NEL SISTEMA DELL EMERGENZA TERRITORIALE Dottor Mario Costa Presidente Società Italiana Sistema 118 Vice

Dettagli

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara.

U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale. alla Azienda USL di Ferrara. U.O. Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Azienda USL Ferrara Istituita con delibera N. 2079 del 21/12/2000 in considerazione del fatto che una UNICA UO assicura più ampie garanzie di uniformità nella

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia

La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia La formazione Post Base: L esperienza del gruppo A.T.C.N. Italia C.P.S.I. Gian Luca Vergano S.O.R.E.U. Pianura A.A.T. 118 Pavia A.R.E.U. Regione Lombardia Congresso Regionale S.I.M.E.U. Fondazione I.R.C.C.S.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi. Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna g.turchetti@sssup.

La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi. Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna g.turchetti@sssup. La gestione del rischio in sanità. Profili economici e assicurativi Prof. Giuseppe Turchetti Scuola Superiore Sant Anna Agenda Il rischio in sanità: specificità Conseguenze economiche e assicurative Premesse

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione PENNACCHI DANILA A.O. SAN CAMILLO FORLANINI Telefono dell Ufficio 065870 3699 Fax dell Ufficio 065870 2684 E-mail istituzionale

Dettagli

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI

Dipartimento di Emergenza Urgenza GUIDA AI SERVIZI Dipartimento di Emergenza Urgenza ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, Il Dipartimento di Emergenza Urgenza della USL3 di Pistoia considera la Guida ai

Dettagli

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F

Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F CONGRESSO REGIONALE SIMEU : 8 FEBBRAIO 2013 IL PRONTO SOCCORSO ED IL RICOVERO APPROPIRATO Il reparto polmone, in quali mani? L eperienza della Azienda USL di Bologna: la Medicina F Dr.ssa Clara Cesari

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza

I. ACRONIMI/SIGLE. ACEP = American College of Emergency Physicians. ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza I. ACRONIMI/SIGLE ACC= Accettazione ACEP = American College of Emergency Physicians ANPAS = Associazione Nazionale Pubblica Assistenza ARES = Associazione Regionale Emergenza Sanitaria e Sociale ASL =

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Il Coordinamento nelle Grandi Emergenze: il Disaster Manager. Sanitario" Consolato Malara. Presidente Associazione Italiana Medicina delle Catastrofi

Il Coordinamento nelle Grandi Emergenze: il Disaster Manager. Sanitario Consolato Malara. Presidente Associazione Italiana Medicina delle Catastrofi Il Coordinamento nelle Grandi Emergenze: il Disaster Manager Sanitario" Consolato Malara Presidente Associazione Italiana Medicina delle Catastrofi Gestione Maxiemergenza Insieme di processi organizzati

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici

Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici XXV GIORNATE CARDIOLOGICHE TORINESI ADVANCES IN CARDIAC ARRHYTHMIAS and GREAT INNOVATIONS IN CARDIOLOGY Attività di ricerca: ruolo degli infermieri negli studi clinici Patrizia Massariello 28 settembre

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Treviso lì 24/09/2011

Treviso lì 24/09/2011 Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della funzione Infermieristica SEDE REGIONALE DEL VENETO Via S.Nicolò 8 31100 Treviso Telefax: 0422 546607 cell 3291065446 Email: regionale.veneto@nursingup.it

Dettagli

Il recupero funzionale del cardiopatico

Il recupero funzionale del cardiopatico XVIII CONVEGNO NAZIONALE GERIATRICO Dottore Angelico 11-12-13 giugno 2015 - Cassino Il recupero funzionale del cardiopatico Matteo Grezzana Marina Lugarà Elisa Maya Boldo UOC Geriatria Attuale mission

Dettagli

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES

FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES FIMEUC Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi SIMEU SIMEUP- SMI CoMES SPES SNAMI-ES Manifesto FIMEUC per le forze politiche scese in campo per il rinnovo del governo ORGANICI In

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Il Triage : novità e responsabilità

Il Triage : novità e responsabilità Il Triage : novità e responsabilità Luciano Pinto Direttivo Nazionale Simeup Il triage nel PS in Italia incompleta diffusione nel territorio nazionale scarsa diffusione di un modello uniforme e condiviso

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011

RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 RUOLI E COMPETENZE IN SANITA Lo sviluppo delle pratiche di Human Resource Management: scenari ed esperienze di successo Modena 21 giugno 2011 Ettore Turra Innovazione Organizzativa e Gestione del Cambiamento

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

La continuità operativa in azienda: concetti base e l esempio di Vimercate Paolo Colombo Responsabile Sicurezza Sistemi Informativi Azienda

La continuità operativa in azienda: concetti base e l esempio di Vimercate Paolo Colombo Responsabile Sicurezza Sistemi Informativi Azienda La continuità operativa in azienda: concetti base e l esempio di Vimercate Paolo Colombo Responsabile Sicurezza Sistemi Informativi Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate Cosa è la continuità operativa

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi

ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA. Dott. Mirio Camuzzi ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA DELL EMERGENZA/URGENZA Dott. Mirio Camuzzi L area relativa alla emergenza/urgenza rappresenta uno dei nodi più critici della programmazione sanitaria e si propone come una delle

Dettagli

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità

Corso di Eccellenza in Business Process Management. per la Sanità Corso di Eccellenza in Business Process Management per la Sanità Con il patrocinio e la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica dell Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA.

IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. IL SERVIZIO TRASPORTO: ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ; GESTIONE DELLA CHIAMATA; COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA. OBIETTIVI CONOSCERE: L ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO ED IL TRASPORTO INFERMI; RUOLO DELLA

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA

L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA L INFERMIERE COORDINATORE E DI TRIAGE NELL AMBITO DELL ELISOCCORSO REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA Superficie: 7855 Km 2 Abitanti: 1.202.870 Montagna: 43% Collina: 19% Pianura: 38% Udine Trieste Gorizia

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

Cergas, Università Bocconi

Cergas, Università Bocconi Cergas, Università Bocconi Gruppo Cure Primarie e Servizi Territoriali: F. Longo, E. Vendramini, V. Tozzi, E. Corsalini, S. Tasselli, D. Salvatore, P. Armeni A. Compagni amelia.compagni@unibocconi.it Case

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013

LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 LA PRESA IN CARICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CRONICA DOPO VALUTAZIONE IN TRIAGE INFERMIERE MARCO PREVIDI RICCIONE 25-26 OTTOBRE 2013 2 Pronto Soccorso Futuro Manager 3 Prestazioni il problema delle prestazioni

Dettagli

MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE

MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE MEDICAL MALPRACTICE CLAIMS ANALYSIS QUINTA EDIZIONE Medical malpractice claims analysis - 5 edizione 2013 Indice Dati di analisi Il campione Analisi RRD Analisi temporale Stato e tipologia delle pratiche

Dettagli

MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI

MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI MANUTENZIONE SOFTWARE - ASSISTENZA ALL AVVIAMENTO E COLLAUDO - FORMAZIONE DEGLI UTENTI DeltaDator garantirà un servizio di manutenzione correttiva, di manutenzione adeguativa e di manutenzione evolutiva.

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario

1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 2. IL RISCHIO E LA SUA GESTIONE. Sommario 1. LE MINACCE ALLA SICUREZZA AZIENDALE 1.1 Introduzione... 19 1.2 Sviluppo tecnologico delle minacce... 19 1.2.1 Outsourcing e re-engineering... 23 1.3 Profili delle minacce... 23 1.3.1 Furto... 24 1.3.2

Dettagli

Organizzazione del 118 Toscana

Organizzazione del 118 Toscana Organizzazione del 118 Toscana Sistema 118 in Toscana Sistema complesso ed integrato d.p.r. 27 marzo 1992 la creazione di un sistema di Emergenza Urgenza Sanitaria strutturato: Fase di Allarme e prima

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

Il professionista allergologo: il management dell attività libero-professionale. 23-25 maggio 2013 Casali Santa Brigida via Braccianese km 11.

Il professionista allergologo: il management dell attività libero-professionale. 23-25 maggio 2013 Casali Santa Brigida via Braccianese km 11. Il professionista allergologo: il management dell attività libero-professionale 23-25 maggio 2013 Casali Santa Brigida via Braccianese km 11.100 Roma Il professionista allergologo: il management dell attività

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING

Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING Implementazione ed Attuazione di Progetti per il Miglioramento del Servizi Sanitari ANCONA 19 E 20 OTTOBRE 2012 Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING Consiste nel destrutturare

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

ruolo, funzioni e responsabilità dell infermiere di C.O. FRANCESCA RUGGIERO C.O.118.118 BARI

ruolo, funzioni e responsabilità dell infermiere di C.O. FRANCESCA RUGGIERO C.O.118.118 BARI ruolo, funzioni e responsabilità dell infermiere di C.O. FRANCESCA RUGGIERO C.O.118.118 BARI MINISTERO DELLA SANITA G.U.114 maggio1996 Atto di intesa tra Stato e regioni di approvazione delle linee guida

Dettagli

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011

37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI. Dr. Leonardo la Pietra. Bologna, 10 giugno 2011 37 CONGRESSO NAZIONALE ANMDO LA DOCUMENTAZIONE SANITARIA: QUALI FUTURI POSSIBILI Dr. Leonardo la Pietra Bologna, 10 giugno 2011 Associazione Italiana Documentazione Sanitaria www.aidosimera.it Healthcare

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

Processi e interfacce

Processi e interfacce Percorso di formazione per SERT e strutture accreditate Processi e Maria Ravelli Bologna, 9 marzo 2009 Cosa sono le aziende Organizzazioni insieme di persone e di mezzi, con definite responsabilità ed

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO COORDINATORE INFERMIERISTICO SIG.RA VIGLIONE FRANCA Settembre 2009 Inaugurazione del nuovo Blocco Operatorio ubicato

Dettagli

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche

M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche Codice colore in Pronto Soccorso: Valutazione della corretta attribuzione da parte dell infermiere di triage M. Schiavoni, Infermiera neolaureata in Scienze Inf.che ed Ostetriche T. Campanelli, Coordinatore

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

ISTRUZIONE E FORMAZIONE Dal mese di Giugno 1997 al mese di Novembre 2007 Nome e indirizzo del datore di lavoro Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali mansioni e responsabilità In servizio presso la Neurochirurgia

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI

TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI TRASFERIMENTI INTEROSPEDALIERI L attuale organizzazione del Sistema 1-1-8 della Regione Toscana ha evidenziato, fra l altro, una rilevante criticità in merito alla problematica riguardante i Trasporti

Dettagli