UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA POLO DIDATTICO AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO-FORLANINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA POLO DIDATTICO AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO-FORLANINI"

Transcript

1 0

2 UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA I FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA POLO DIDATTICO AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO-FORLANINI MASTER I LIVELLO IN SCIENZE APPLICATE ALLA GESTIONE DEI SISTEMI INFORMATIVI IN DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore Prof. Lucio Maria Porfiri Coordinatore: Dott. Fernando Guidoni Project work Integrazione sistema informativo Ris- Cup EX ASL AVEZZANO-SULMONA TSRM Dott. Antonello Inglese A.A. 2010/2011 1

3 INTRODUZIONE La medicina ha superato quella che può essere definita la soglia digitale, imponendosi come uno dei settori trainanti del mercato ICT, oltre che come uno dei principali consumatori di tecnologia. Le forze alla base di questa trasformazione sono sia nella natura stessa della pratica clinica, incentrata sulla gestione e l analisi dell informazione, sia nella crescita esponenziale della capacità di acquisire, per fini diagnostici e terapeutici, dati biologici in formato digitale. La vera sfida del nostro tempo sta nel riuscire ad integrare e a rendere omogenei i dati provenienti dai vari settori clinici, trasformandoli in informazioni preziose per la cura dei pazienti. Il presente lavoro descrive uno scenario reale di integrazione anagrafica in un Sistema Informativo Ospedaliero, tra contraddizioni e criticità, fra l'anagrafica centrale, i sistemi CUP e RIS, al fine di garantire l'identità e l'integrità anagrafica tra diversi sistemi. Con le tecnologie Hardware e Software attualmente disponibili è relativamente semplice realizzare programmi e dispositivi per automatizzare singolarmente molte delle tradizionali funzioni ospedaliere ( ammissione paziente, richiesta esami, generazione di immagini diagnostiche, cartella clinica, refertazione), molto più difficile e costoso (soprattutto in termini di risorse e competenze) risulta l obiettivo di rendere completamente automatico, digitale ed integrato il flusso di lavoro all interno di una struttura sanitaria. Il flusso di lavoro in Radiologia e i suoi Attori Il reparto di Radiologia rappresenta tradizionalmente il settore del mondo sanitario/ospedaliero in cui la tecnologia e l informatica sono maggiormente diffuse ed accettate. 2

4 Modellare il flusso di lavoro in Radiologia e sintetizzare il mondo reale con tutte le varianti non è compito semplice, un notevole sforzo è stato compiuto nell ambito dell iniziativa IHE (Integrating the Healthare Enterprise). SEMANTICA DI UN SISTEMA INTEGRATO Fig 1 All interno del modello rappresentato, sono individuati vari Attori, i principali anelli della catena integrata che parte dalla richiesta del medico fino alla produzione dell esame diagnostico con relativo referto. Il flusso di lavoro ha inizio con l ingresso del paziente nella struttura sanitaria e la sua registrazione, che avviene tramite un sistema ADT (Admission Discharge Tranfer); Sistema di Ammissione e Anagrafica. Successivamente viene richiesta una prestazione o ordine tramite un sistema inter-ospedale detto Order Placer ( sistema di emissione ordini), corrispondente ad un CUP ( Centro Unico di Prenotazione). Il Paziente viene schedulato sulla base delle disponibilità esistenti, tramite un sistema RIS, Radiology Information System ( sistema informativo di radiologia). Alla data prefissata, l esame viene eseguito mediante la funzionalità di un attore detto genericamente Diagnostica o Modalità e le immagini 3

5 diagnostiche prodotte vengono inviate ad un archivio PACS, Picture Archiving and Communication System ( sistema di archiviazione e comunicazione immagini). In ultimo il radiologo recupera le immagini inizialmente prodotte, da un Rewiew Station ( stazione di refertazione), per elaborare un referto. ATTORI: Sistema di Ammissione ed Anagrafica ( ADT) La prima volta che il paziente entra in contatto con la struttura sanitaria, occorre registrarlo, memorizzando i dati anagrafici, recapiti, caratteristiche peculiari etc. Questi dati andranno propagati ai successivi anelli della catena, così come eventuali modifiche/correzioni effettuate in tempi successivi. Questo attore è generalmente realizzato con un sistema client-server o webbased, centrato su un database commerciale di buone prestazioni ed interfaccia grafica adeguata all inserimento dei dati sopra descritti. Sistema di Emissione Ordini e Sistema di Prenotazione (OrderPlacer/ RIS). In un qualsiasi momento temporale successivo alla registrazione/ammissione, il paziente si presenta per prenotare un esame radiologico presso un sistema CUP o similare. In alternativa, se il paziente è ricoverato, la prestazione verrà richiesta da un medico del reparto in cui il paziente è ricoverato, utilizzando il sistema informativo ospedaliero. In ogni caso, la richiesta di prestazione deve essere confrontata con le disponibilità presenti in agenda. La procedura consiste nell'individuare la prima disponibilità per un certo esame, tenendo conto del parco macchine, degli orari di lavoro, degli esami già prenotati, nel concordare con il richiedente la data e ora proposta, nel fissare l appuntamento inserendolo in agenda. 4

6 Questo viene realizzato con un sistema RIS di tipo client-server o webbased, che utilizza un server con un database piuttosto complesso, in grado di gestire agende, prenotazioni, scarico del materiale da magazzino, etc. Diagnostica-Modalità L operatore addetto alla diagnostica (es. TAC) ogni giorno, all arrivo sul posto di lavoro, potrà scaricarsi la lista di lavoro per la macchina per quel giorno. Infatti il RIS fornirà alla macchina tutti i dati necessari per sapere quale paziente dovrà essere sottoposto a quale esame e quando. La diagnostica può essere di tipo molto diverso a seconda della tecnica usata (Ecografo, Risonanza Magnetica, TAC, Radiologia tradizionale etc ). Si tratta in ogni caso di macchine con schede e processori dedicati a cui viene in qualche modo affiancato o collegato un PC o una workstation Unix, su cui girano applicazioni in grado di controllare la macchina e di fornirla di connettività, capacità di collegarsi ad altri apparecchi. La diagnostica deve poi essere in grado di fornire al RIS un feed-back sugli esami eseguiti, in modo da aggiornare lo stato dell esame sul RIS (esame in corso, esame terminato, esame interrotto, lista delle immagini prodotte). Fig. fig. 5

7 Sistema di Gestione Immagini (PACS) Le immagini generate dalla diagnostica devono a questo punto essere spedite ad un archivio in grado di archiviarle in maniera affidabile e duratura, rendendole inoltre disponibili su richiesta per la refertazione. Si tratta in genere di potenti server, con buona dotazione di RAM e Hard Disk e con funzionalità di memorizzazione sia on-line che off-line, con supporto di sistemi di memorizzazione tipo RAID o juke -box. Fig. fig. Stazione di Refertazione Una volta che l esame è terminato e tutte le immagini sono disponibili sul PACS, sarà possibile refertare le immagini. Il radiologo cercherà sul RIS il nominativo del paziente ed in modo automatico, dal PACS verranno caricate le immagini del certo paziente sulla work station di refertazione con accluse le immagini dell esame precedente corrispondente. Qui le aprirà con una applicazione di visualizzazione e scriverà il referto sulla base delle sue osservazioni. 6

8 La stazione di refertazione è generalmente dotata di speciali monitor ad alta risoluzione per permettere una visualizzazione ottimale, ed è dotata di un software per elaborare ulteriormente l immagine (zoom, contrasto, misurazioni, ). Inoltre è possibile utilizzare pacchetti software per la generazione assistita del referto, con l uso di modelli pre-definiti strutturati (cioè organizzati secondo una struttura standard facilmente inter-scambiabile e comparabile) e basati su lessico codificato (cioè su terminologia standard che identifica in modo univoco la patologia e la diagnosi). Il referto elettronico potrà essere firmato con la firma digitale del radiologo e potrà essere archiviato per essere poi consegnato al paziente fig. fig. Integrazione dei vari Attori con Protocolli Standard Una volta individuati i vari anelli nella catena del Workflow, si comprende bene l enorme valore aggiunto di una efficace integrazione tra i vari sistemi. E certamente utile avere un sistema di prenotazione informatizzato, ma che fatica e quanti errori se poi occorre stampare le prenotazioni e smistarle a mano alle varie apparecchiature o a tecnici! E che spreco di tempo dover inserire a mano ad ogni anello della catena l anagrafica del paziente! E in caso di errore poi, impossibile correggere l errore in un solo punto della 7

9 catena, occorre rifare tutto il giro! Inoltre per refertare occorrono 2 postazioni, una per vedere le immagini e l altra per scrivere i referti! Infine il referto stampato può andare perso! In ogni caso i tempi si allungano, i costi crescono e non esiste soddisfazione dell aspettativa degli utenti. Dunque integrare i sistemi è un must ( dovere). Sebbene sia possibile integrare i vari sistemi utilizzando tecniche proprietarie (protocolli messi a punto da specifici produttori, condivisione di tabelle del database sul server, scambio di files in vari formati), l uso di tecniche e protocolli standard garantisce all acquirente caratteristiche di espandibilità e scalabilità difficilmente eguagliabili, oltre a non vincolarlo ad un unico fornitore. All interno del modello IHE, sono stati selezionati come protocolli standard di comunicazione in ambiente sanitario i protocolli HL7 e DICOM, descritti in seguito in modo dettagliato. Vediamo dunque come è possibile collegare i vari elementi illustrati in figura n 1 utilizzando i protocolli suddetti, secondo il modello proposto da IHE. Comunicazione tra ADT e CUP Questi due sistemi colloquiano scambiandosi messaggi HL7 di tipo ADT (Admission Discharge Transfer), contenenti l'anagrafica del paziente e altri dati simili. Comunicazione tra CUP e RIS In questo caso il colloquio avviene tramite messaggi HL7 di tipo ORM (Order Management), contenenti richieste di prestazioni radiologiche. Comunicazione tra RIS e DIAGNOSTICA Il RIS comunica l informazione sulla lista di lavoro, cioè sugli esami che la modalità deve eseguire, con dati quali nome del paziente, data di nascita, esame da eseguire, orario dell esame, particolarità etc., usando il protocollo 8

10 HL7 (servizio detto Worklist, lista di lavoro). Analogamente la diagnostica comunicherà al RIS l inizio e la fine dell esame via messaggi DICOM (servizio detto Performed Procedure Step, passi di procedura effettuati). Comunicazione tra DIAGNOSTICA e PACS Le immagini prodotte dalla modalità (si parla di dimensioni variabili da qualche centinaio di KB a molti MB o anche più) vengono inviate al PACS usando il protocollo DICOM (servizio detto Storage,memorizzazione). Comunicazione tra PACS e STAZIONE di REFERTAZIONE La stazione di refertazione utilizza il protocollo DICOM (servizio detto Query-Retrieve, cerca e trasferisci) per interrogare il database di immagini del PACS e trasferire in locale le immagini necessarie (p.es. quelle di un certo paziente). A questo punto il radiologo può refertare. Il referto potrà poi essere salvato sul PACS o sul RIS via protocollo DICOM o in HL7 (servizio detto Stuctured Report, referto strutturato). Cenni sul Protocollo HL7 Il protocollo HL7 (Health Level 7) è stato sviluppato per permettere a sistemi sanitari informatici di dialogare tra loro. E un protocollo definito negli USA a partire dal 1987 ed ora standard ufficiale ANSI. Il suo nome deriva dal fatto di collocarsi al livello 7 (Applicativo) del famoso Reference Model ISO/OSI, in parole più semplici questo standard non definisce i protocolli di basso livello da usare (si usa generalmente il TCP/IP ma si potrebbero anche semplicemente scambiare dei files scritti secondo le regole HL7) ma solo una serie di regole a livello applicativo. All interno del modello IHE, viene adottata la versione dello standard. In pratica HL7 definisce dei messaggi (in ASCII) e degli eventi scatenanti (trigger event) che causano questi messaggi. 9

11 Ad ogni messaggio dovrà corrispondere un messaggio di risposta o ACK (da Acknowledgment). Ogni messaggio HL7 è composto di segmenti. Ogni segmento contiene un numero variabile di campi. Ogni campo è separato dagli altri segmenti da un separatore (carattere ). Vediamo un esempio di messaggio HL7, il messaggio ADT usato per comunicare i dati di un paziente ad altri sistemi. Tale messaggio è formato dai seguenti segmenti: MSH Message Header (presente in ogni messaggio) EVN Event Description (descrive l evento) PID Patient Identification (identificazione del paziente) PV1 Patient Visit Information (informazioni sulla visita). Esempio: MSH ^~\& MY_ADT XYZ_ADMITTING MY_IS XYZ_HOSPITAL ADT^A P EVN PID ^^^ADT1 ROSSI^MARIO M AI 7616AVEZZANO AVE^^ST.ITALY^MO^ PV1 E 5101^ROSSI^MARIO^P^^DR V1002^^^ADT Si notino: I segmenti presenti : MSH, EVN, PID,PV1; L uso del caret ^ come separatore tra i componenti di un campo (p.es. nome e cognome) ; I numerosi campi vuoti, evidenziati da due separatori consecutivi ; Il cosiddetto Event Trigger ADT^A04 che identifica l evento scatenante come Patient Registration, registrazione di un paziente; Il nome del paziente ROSSI MARIO ; La data di nascita , il sesso M, l indirizzo etc.; Il nome del medico referente DR MARIO BIANCHI. 10

12 Esistono molti altri messaggi usati per comunicare le informazioni più diverse, p. es.: ORM Order Management (Gestione di una richiesta di esame) DFT Detail Financial Transaction message (Descrive una transazione finanziaria) ORU Unsolicited Transmission of an Observation (Trasmissione spontanea di osservazioni) OMD Dietary order (Ordine dietetico) RDO Pharmacy/treatment order message (Ordine per trattamento farmaceutico). Con questo protocollo è dunque relativamente facile trasferire informazioni amministrative tra sistemi. Cenni sul Protocollo DICOM Lo standard DICOM (Digital Imaging and Communications in Medicine) è una specifica dettagliata che fornisce uno strumento per facilitare l interscambio di immagini diagnostiche ed informazioni medico sanitarie associate a tali immagini, è stato definito nel 1993 dalla NEMA (National Electrical Manufacturers Association) in collaborazione con l ACR (American College of Radiology) ed è diventato nel tempo lo standard più diffuso in radiologia. Lo standard si applica all interfaccia usata per trasferire dati fra apparati diagnostici. DICOM sfrutta le connessioni di rete standard esistenti sul mercato (ISO/OSI, TCP/IP) e i sistemi di memorizzazione su disco per realizzare l interscambio di immagini digitali originate da modalità diagnostiche, le informazioni scambiate vengono codificate in codice binario. Un esempio di informazione scambiata è costituito da un immagine TAC. In realtà l immagine in senso DICOM è un oggetto composito, contiene cioè molte informazioni oltre ai pixel veri e propri: - dati del paziente; - dati dell esame; 11

13 - dati dell apparecchio usato etc. Nel messaggio scambiato in rete inoltre la parte informativa vera e propria (chiamata data set) è preceduta da una parte di comandi (detta command set ) che contiene istruzioni sulle operazioni da compiere sul data set. Si riporta come esempio il dump (ovvero una versione leggibile del messaggio DICOM, codificato in realtà in binario) in formato testo di un file DICOM contenente l immagine TAC mostrata in figura 2, con alcune semplificazioni: 0008,0008 Image Type CS 3 ORIGINAL/PRIMARY 0008,0020 Study Date DA ,0022 Acquisition Date DA ,0023 Image Date DA ,0030 Study Time TM 1 11:42: ,0032 Acquisition Time TM 1 11:42: ,0033 Image Time TM 1 11:42: ,0060 Modality CS 1 CT 0008,0070 Manufacturer LO 1 GE MEDICAL SYSTEMS 0008,0080 Institution Name LO 1 Avezzano Hospital 0008,1010 Station Name SH 1 NP 0008,1030 Study Description LO 1 CT CHEST/PLAN 0008,1050 Perf.Physician's Name PN 1 Anonymized 0008,1070 Operators' Name PN 1 Anonymized 0008,1090 Manufacturer's Model NameLO 1 HiSpeed 0010,0010 Patient's Name PN 1 Anonymized 0018,0015 Body Part Examined CS 1 CHEST 0018,0090 Data Collection Diameter DS ,1000 Device Serial Number LO ,1020 Software Version(s) LO 1 Series ,1050 Spatial Resolution DS ,1130 Table Height DS ,1170 Generator Power IS

14 0018,5100 Patient Position CS 1 FFS 0020,0012 Acquisition Number IS ,0013 Image Number IS ,0004 Photometric Int. CS 1 MONOCHROME2 0028,0010 Rows US ,0011 Columns US ,0101 Bits Stored US fe0,0010 Pixel Data OB 1... Si noti: Ogni attributo è identificato da una coppia di numeri esadecimali detto tag ; Ogni attributo ha una sintassi codificata, p.es. CS significa CODED STRING, TM significa TIME etc.; I pixel stanno alla fine del file/messaggio e sono preceduti da una serie di informazioni aggiuntive; Questa immagine è formata da 400 righe (rows) e 512 colonne (columns); Ogni pixel è codificato con 16 bits (Bits Stored). Fig. n 13

15 L'inizativa IHE L iniziativa IHE (Integrating the Healthcare Enterprise) è un progetto creato dalla RSNA (Radiological Society of North America, società radiologica nordamericana) e da un gruppo di produttori del settore sanitario, con lo scopo di promuovere l integrazione di sistemi eterogenei nell ambito sanitario. Mettendo insieme utenti e produttori del settore, definisce un modello di integrazione largamente accettato che cresce di anno in anno. IHE fissa delle regole e propone degli scenari di integrazione, usando standard esistenti in ambito medicale (DICOM, HL7, ), in modo da coinvolgere i vari produttori di hw e sw sanitario in dimostrazioni congiunte, da tenersi presso congressi e fiere di settore. Inoltre fornisce linee-guida per supportare gli acquirenti nella stesura di bandi di gara e RFP. Dal 2002 esiste anche una sezione italiana di IHE, che ha dimostrato al congresso SIRM (Società Italiana di Radiologia Medica) nel maggio 2002 un interessante esempio di workflow integrato. INTEGRAZIONE TRA SISTEMI INFORMATIVI Uno degli aspetti fondamentali, al fine di garantire il corretto funzionamento di un moderno Sistema Informativo Ospedaliero, riguarda l integrazione di applicativi clinici attraverso l utilizzo di standard internazionali per lo scambio dei dati. Vista la complessità del Sistema Ospedale, questo non è affatto semplice, perché accanto al percorso clinico di un paziente, ad esempio quello che lo porta dalla procedura di accettazione verso la sala di esecuzione di un esame radiologico, occorre garantire allo stesso tempo che i suoi dati informatici viaggino automaticamente dal sistema informativo centrale (HIS) verso il sistema informativo di gestione degli esami di radiologia (RIS). A tutt'oggi gli ospedali della ex ASL di Avezzano-Sulmona, comprendenti cinque strutture ospedaliere ( Castel di Sangro, Sulmona, Pescina, Tagliacozzo ed Avezzano), hanno una struttura frammentata composta da 14

16 isole informatiche in cui l'attività radiologica è quasi interamente automatizzata grazie a strumentazioni elettroniche e software applicativi, come ad esempio le Radiologie con i sistemi RIS/PACS. La principale sfida da affrontare è proprio quella di integrare le informazioni e i processi, offrendo agli utenti, agli operatori sanitari e ai pazienti l accesso a servizi tecnologicamente avanzati. Un aspetto particolarmente delicato di integrazione riguarda la gestione delle anagrafiche, è fondamentale certificare e mantenere l'identità dei pazienti sia nelle diverse fasi di un singolo percorso clinico, sia in ottica di eventuali contatti futuri con una singola struttura ospedaliera. Nella realtà la situazione ottimale è difficilmente raggiungibile, sia per l'abituale assenza di una anagrafica centralizzata, sia a causa del fatto che la quasi totalità dei sistemi periferici facenti parte di un Sistema Informativo Ospedaliero possiedono una propria anagrafica locale, che rappresenta una entità a sé stante, separata sia da quella centrale che da tutte le altre. I vari piani sanitari regionali, succedutesi nel corso degli anni, hanno profondamente cambiato l assetto sanitario del territorio. Da una realtà che prevedeva inizialmente 3 distinte ASL ( Castel di Sangro, Sulmona, Avezzano), dapprima sono state unificate le predette, in una asl unica ( Avezzano-Sulmona) e recentemente con il Piano Sanitario Regionale , la Asl Avezzano-Sulmona è stata accorpata con la ASL di L Aquila, costituendo una unica ASL a livello provinciale, la ASL Avezzano- Sulmona-L Aquila. Presupposto indispensabile per il raggiungimento del progetto di unificazione CUP-RIS è l accorpamento dell anagrafica paziente delle varie realtà territoriali confluite in una unica Azienda Sanitaria Locale. 15

17 OSPEDALI DELLA ASL 16

18 L'AQUILA - Ospedale regionale San Salvatore AVEZZANO - Ospedale SS. Filippo e Nicola CASTEL DI SANGRO - Ospedale Civile SULMONA - Ospedale SS. Annunziata PESCINA - PTA TAGLIACOZZO PTA DISTRETTI SANITARI DI BASE L AQUILA BARISCIANO MONTEREALE ROCCA DI MEZZO SAN DEMETRIO CAPESTRANO TORNIMPARTE AVEZZANO-TRASACCO CELANO-PESCINA-GIOIA DEI MARSI TAGLIACOZZO-CARSOLI-CIVITELLA ROVETO SULMONA-SCANNO-PRATOLA P.C.SUBEQUO PRESENTAZIONE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE 1 AVEZZANO- SULMONA L AQUILA L Azienda Sanitaria Locale 1 Avezzano Sulmona L Aquila è stata costituita il 1 gennaio 2010 (deliberazione di Giunta Regionale n. 796 del 28 dicembre 2009) con la fusione delle ASL SULMONA- CASTEL DI SANGRO-AVEZZANO- L AQUILA. - ASL 1 Avezzano Sulmona (già nel 1994, dall aggregazione di tre ex ULSS della Regione Abruzzo: Avezzano, Sulmona e Castel di Sangro - Legge 17

19 Regionale n. 72 del ) - ASL 1 Abruzzo ( Avezzano-Sulmona L Aquila). E contraddistinta nell ambito delle ASL Regionali dalla codifica 01. La sede legale dell Azienda è a L Aquila Via Gaetano Bellisari snc Codice Fiscale e Partita Iva Le sedi periferiche dell Azienda sono: - Avezzano Via XX Settembre, n.27 - Sulmona Via Porta Romana, 6 - Castel Di Sangro Corso Umberto I, 35 Il personale assunto a tempo indeterminato al 31/12/2010 è di unità AMBITO TERRITORIALE E POPOLAZIONE DELL AZIENDA ASL AVEZZANO SULMONA-L AQUILA L Azienda ASL 1 Avezzano-Sulmona-L Aquila è collocata a sud-ovest della Regione Abruzzo, si estende sull area della Provincia de L Aquila e comprende 108 comuni con una popolazione complessiva di oltre abitanti. I servizi polispecialistici sono erogati mediante CUP, sono presenti frontoffice su tutti i presidi ospedalieri e distretti. L Azienda s impegna ad erogare i servizi e le prestazioni secondo regole uguali per tutti senza discriminazioni di età, sesso, razza, lingua, religione, status sociale, opinioni politiche, condizioni di salute. Garantisce diritto di scelta, a tutti i cittadini tra i servizi distribuiti sul territorio, nei limiti consentiti dalle vigenti disposizioni di legge e fermo restando l obiettivo del pieno impiego delle risorse pubbliche disponibili, umane, tecnologiche, organizzative e gestionali dell Azienda ( fonte Carta dei Servizi ASL ). 18

20 Dipartimento di Diagnostica per Immagini, Imaging Molecolare, Radioterapia e Radiologia Interventistica Sistema Informatico Dipartimento Radiologia Il sistema informativo RIS-PACS utilizzato presso il Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Radiologia Interventistica della ex Asl Avezzano-Sulmona è di tipo integrato e permette l archiviazione per ogni Paziente sia dei dati anagrafici che delle immagini utilizzando il RIS della IASI e PACS della GE, mentre per la ex ASL di L aquila è presente un RIS-PACS della Carestream. Le attrezzature diagnostiche installate non sono tutte di ultimissima generazione, quelle di ultima generazione dialogano con il sistema informatico mediante il protocollo standard DICOM, mentre alcune modalità di vecchia generazione comunicano con il PACS mediante un Software dedicato Microprint con proprio hardware DICOM compatibile, interposto tra i due sistemi. Il sistema RIS non è integrato con nessun altro sistema ospedaliero. La prima esperienza di integrazione tra sistemi informativi differenti si è avuta a fine 2006, tra il sistema RIS-CUP, per la ex ASL Avezzano- Sulmona. Il Sistema Radiologico della ex ASL Avezzano-Sulmona si compone di un Server RIS unificato, presente fisicamente presso l Ospedale di Avezzano marca HP Proliant con Cluster bilanciato su sistema operativo Window 2003 e di server PACS ubicati presso ogni struttura ospedaliera ( Castel di Sangro, Sulmona, Pescina, Tagliacozzo e Avezzano) marca Sun Microsistem Unix con capacità di memoria differenziata in base alla quantità di esami effettuati per ciascun centro, storage online per il centro di riferimento. 19

21 Fig ( SEMANTICA SISTEMA ASL AVEZZANO SULMONA) Il servizio di rete interospedaliera tipo WAN è fornito dalla Telecom con una capacità modesta di velocità di trasmissione, 8+8 Mbps via modem, mentre la rete di ciascun ospedale è di tipo LAN con configurazione topologica a stella con cluster Swicth come nodo centrale e router di collegamento tra reti, il collegamento effettuato mediante cavi di rete Unshielded Twister tipo RJ45 con 8 canali di comunicazione. La rete è di classe B con classificazione IP e subnet per l identificazione dell host. 20

22 Il sistema e la rete G.E. del RIS-PACS è collegata alla rete HIS e protetta da un firewall. 21

23 Tutti i server PACS dei vari Ospedali sono collegati ad un server centralizzato tecnologia SAN ( Storage Area Network), formato da un sistema storage ( dischi + logiche di controllo) e switchs specifici per storage, con protocollo ISCSI (SCSI over IP) per la conservazione di lunga durata dell immagini, impostato con un raggruppamento fisico di più dischi, RAID 5 per l archiviazione storica dei dati di tutti i server Pacs dei vari centri Ospedalieri. fig IL 22

24 Il Sever storage garantisce: Protezione dei dati con ECC, ma la parità viene distribuita nell array Ottima ridondanza Veloce in lettura, più lento in scrittura Un disco aggiuntivo per singolo arry. Non è attualmente attivato un servizio di archiviazione legale sostitutiva. RETE AZIENDALE ( COLLEGAMENTO) 23

25 WORK FLOW OSPDALE AVEZZANO SULMONA C.DI SANGRO PESCINA TAGLIACOZZO MODALITA TAC 1 RMN - MOC 1 MAMMOGRAFIA MEDICINA NUCL RX DIGITALE AMPLIF.PORTAT RAD.INTERV EMODINAMICA ECOGRAFIA ORGANICO MEDICI TECNICI INFERMIERI AMMINISTRATIVI PERS. DI SUPPOR TURNI H24 H12 H12 H12 H12 H PRONTA DISPON. SI SI SI NO NO WORK-STATION 2 MEGA PIXEL MEGA PIXEL MEGA PIXEL CLIENT RIS REFER. VOCALE SI SI SI SI SI ROBOT MAST CD WEB SISTEM REP. SI SI SI FIRMA DIGITALE SI SI SI SI SI Il sistema informatico garantisce: l archiviazione automatica, in formato elettronico,dei dati anagrafici dei Pazienti e delle immagini ON-LINE nei server PACS e archiviazione storica nel server storage centrale e in modalità online per ciascun PACS istallato nei 5 servizi radiologici; la visualizzazione di tutte le immagini prodotte; 24

26 il richiamo delle immagini associate ad ogni Paziente in maniera diretta; la refertazione su monitor diagnostici dedicati; la registrazione vocale e stampa dei referti; il teleconsulto; tutte le attività di statistica legate ai suddetti parametri personalizzabili in funzione delle esigenze del Dipartimento mediante query; l invio delle immagini e dei referti nei diversi Reparti, nelle Camere Operatorie, in Terapia Intensiva,al Pronto Soccorso e ai reparti di degenza mediante un sistema di distribuzione Web System G. in modalità non diagnostica. SISTEMA INFORMATICO CUP La rete Ospedaliera è tipo classe A, attinge i dati anagrafici da un sistema anagrafico regionale, attraverso il sistema su IBM AS/400 della IASI viene gestito l HIS, CUP, Anagrafe locale, tariffario Cassa, sistema integrabile attraverso lo standard HL7, A partire da quanto prodotto dal progetto Mattone Tempi di attesa" nell'ambito del programma Mattoni SSN, integrato con ulteriori contributi a carattere regionale, sono state definite le linee guida di riferimento nazionali per la realizzazione e/o l'evoluzione di Sistemi CUP sia di livello aziendale/provinciale, sia di area vasta, sia regionali, a prescindere dalle scelte organizzative delle Aziende Sanitarie. Tuttavia la ASL Avezzano-Sulmona non ha avuto l accortezza di aggiornare i propri sistemi alle linee guida di riferimento, mantenendo i propri sistemi con configurazioni originarie, oppure semplicemente integrando le anagrafiche degli assistiti con sommazioni di anagrafiche preesistenti ai sistemi HIS su AS-400 IBM, delle ex ASL accorpate, o 25

27 peggio ancora integrando le predette con l anagrafica regionale, quest ultima altro non era che una sommatoria di anagrafiche detenute da tutte le ASL della regione. Ne è conseguito che dopo l integrazione ed implementazione del sistema RIS-CUP, si sono così avute differenti situazioni: - il RIS riceve richieste di prestazioni dal CUP e ADT via HL7; - Le richieste di prestazioni radiologiche provenienti da ADT e CUP condividono differenti anagrafiche; - L anagrafica del RIS viene aggiornata automaticamente all'arrivo delle richieste di prestazioni radiologiche; - Il modulo HL7 estrae il contenuto del segmento PID del CUP o ADP del messaggio in base al contenuto del campo PID stesso ed effettua due diverse operazioni: - nel caso in cui non trovi il paziente nella sua anagrafica, lo inserisce; - nel caso in cui l'anagrafica fosse già presente, ne aggiorna i campi. Una cosa importante da notare, è che il modello proposto non prevede una integrazione anagrafica vera e propria, ma la trasmissione delle informazioni anagrafiche verso la radiologia avviene implicitamente, tramite la richiesta di prestazione radiologica. Con l'ingresso dell A.S.R. tale scenario diviene molto più complesso, in modo particolare dal punto di vista della gestione delle anagrafiche. Le problematiche in oggetto sono le seguenti: 1)Il modulo ADT e il modulo CUP del S.R. sono stati attivati in tempi diversi, e con due anagrafiche diverse: 2)Il RIS preserva una propria anagrafica incrementata nel tempo mediante l accesso dei pazienti interni esterni; 3) il RIS contiene pregressi referti, migrati dal vecchio sistema di refertazione AS-400, non sempre allineati ed aventi con il medesimo I.D. del RIS; 26

Scenario reale di integrazione anagrafica in un Sistema Informativo Ospedaliero, tra contraddizioni e criticità, fra i sistemi CUP -RIS e

Scenario reale di integrazione anagrafica in un Sistema Informativo Ospedaliero, tra contraddizioni e criticità, fra i sistemi CUP -RIS e Scenario reale di integrazione anagrafica in un Sistema Informativo Ospedaliero, tra contraddizioni e criticità, fra i sistemi CUP -RIS e l'anagrafica centrale. Con le tecnologie Hardware e Software attualmente

Dettagli

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS

Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS Sistemi Digitali per le Radiologie RIS & PACS dr.ssa Michelina Graziano Responsabile Tecnologico di Sistema ASP di Cosenza Sistemi Digitali per le Radiologie RIS &PACS L avvento dell imaging diagnostico

Dettagli

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA Anna Angeloni Gli strumenti utilizzati in radiologia digitale Modalità digitali Rete telematica ( LAN) Applicativo per la gestione della cartella radiologica (RIS)

Dettagli

La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari

La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari Appuntamenti a Fisica Gestione delle Immagini in Medicina La Gestione della Immagini all'interno dei Sistemi Informativi Sanitari Andrea Bo Sistemi Informativi A.O. Ordine Mauriziano Il Sistema Informativo

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Lezione 12: Nozioni su IHE. D. Cecchin, F. Bui DEFINIZIONI : IHE

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Lezione 12: Nozioni su IHE. D. Cecchin, F. Bui DEFINIZIONI : IHE UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Lezione 12: Nozioni su IHE D. Cecchin, F. Bui DEFINIZIONI : IHE IHE (Integrating the Healthcare Enterprise) e un progetto internazionale che ha lo scopo

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Immagini radiologiche!2 PACS PACS è l'acronimo anglosassone di Picture archiving and communication

Dettagli

L informatica nella Sanità

L informatica nella Sanità L informatica nella Sanità Perché usare l informatica nella Sanità? Continuità assistenziale Centralità del paziente Trasparenza negli atti amministrativi e sanitari Migliore gestione delle linee guida

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS. Radiology Information System

Sistemi informatici in ambito radiologico. Architettura dei sistemi RIS-PACS RIS. Radiology Information System Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Architettura dei sistemi RIS-PACS Radiology Information System RIS Un sistema informatico dedicato all ambito radiologico

Dettagli

Prot. n. 09250 P Cuneo li, 28/01/2013

Prot. n. 09250 P Cuneo li, 28/01/2013 DIPARTIMENTO LOGISTICO TECNICO S.C. ACQUISTI Via C. Boggio, 12 12100 CUNEO tel. 0171 450660 fax 0171 1865271 e-mail: acquisti@aslcn1.it Prot. n. 09250 P Cuneo li, 28/01/2013 Oggetto: PROCEDURA APERTA PER

Dettagli

Sistema Informatico Sanitario. Appunti del dott. Luca Figundio

Sistema Informatico Sanitario. Appunti del dott. Luca Figundio Sistema Informatico Sanitario L informatica nella Sanità Perché usare l informatica nella Sanità? Continuità assistenziale Centralità del paziente Trasparenza negli atti amministrativi e sanitari Migliore

Dettagli

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA

SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA SISTEMI RIS/PACS: AGGIORNAMENTI SUL TEMA HSR RIS/PACS: stato attuale, architettura e prospettive Patrizia Signorotto Direzione Sistemi Informativi Fisica Sanitaria IRCCS Ospedale San Raffaele Milano, 18

Dettagli

suite Sistema Ris Pacs

suite Sistema Ris Pacs 3D suite 2D 4D Sistema Ris Pacs Sistema Ris Pacs per l archiviazione di immagini diagnostiche digitali I sistemi informativi sono il pilastro sul quale si basa l organizzazione delle strutture che operano

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI

PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI PROGETTO RIS-PACS LA DIGITALIZZAZIONE DELLA RADIOLOGIA OSPEDALE M.BUFALINI CESENA E GLI OSPEDALI DEL TERRITORIO DOTT.SSA ALESSANDRA DANESI INTRODUZIONE In periodo di evoluzione tecnologica in Sanità, l

Dettagli

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza II^ Forum Risk Management in Sanità Applicazione delle tecnologie alla sicurezza del paziente Arezzo, Centro

Dettagli

U.O.C. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI CHIARIMENTI RICHIESTI IN DATA 26.5.2010

U.O.C. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI CHIARIMENTI RICHIESTI IN DATA 26.5.2010 U.O.C. ACQUISIZIONE BENI E SERVIZI CHIARIMENTI RICHIESTI IN DATA 26.5.2010 1) Viene richiesto al fornitore di farsi carico dell assistenza verso i sistemi informativi Carestream ImagoWeb e TDS Projects

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATICO IN UN SERVIZIO DI NEURORADIOLOGIA PEDIATRICA

IL SISTEMA INFORMATICO IN UN SERVIZIO DI NEURORADIOLOGIA PEDIATRICA IL SISTEMA INFORMATICO IN UN SERVIZIO DI NEURORADIOLOGIA Dr. Luca Pazienza Dr. Nicola Zarrelli San Giovanni Rotondo (FG) 22-23 Ottobre 2004 PEDIATRICA Unità Operativa di Radiologia Poliambulatorio Giovanni

Dettagli

IL RIS. Radiology information system. LORETO (An) 17, 18 e 19 novembre 2011

IL RIS. Radiology information system. LORETO (An) 17, 18 e 19 novembre 2011 Diagnostica per Immagini e Radioterapia nel 2011: Fare Sistema l amministrazione dei sistemi complessi in diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie LORETO (An) 17, 18 e 19

Dettagli

RADIATION DOSE MONITOR. Il DACS per Costruire la cultura della Bassa Dose

RADIATION DOSE MONITOR. Il DACS per Costruire la cultura della Bassa Dose RADIATION DOSE MONITOR Il DACS per Costruire la cultura della Bassa Dose Radiation Dose Monitor / COSA È UN DACS? / Il DACS (Dose Archiving and Communication System) rappresenta per il dato di dose quello

Dettagli

Teleradiologia: la larga banda nei servizi di rete per la telemedicina

Teleradiologia: la larga banda nei servizi di rete per la telemedicina Teleradiologia: la larga banda nei servizi di rete per la telemedicina Mario Magliulo - Marco Salvatore IBB - Consiglio Nazionale delle Ricerche Università degli Studi di Napoli Federico II Mario Magliulo

Dettagli

I SISTEMI RIS / PACS : APPLICAZIONE DEI PROFILI IHE PER LA SICUREZZA DEL SISTEMA

I SISTEMI RIS / PACS : APPLICAZIONE DEI PROFILI IHE PER LA SICUREZZA DEL SISTEMA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SECONDA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA BIOMEDICA Insegnamento: Informatica Medica e Reti di Telemedicina I SISTEMI RIS

Dettagli

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite 3D 2D 4D suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini Piattaforma integrata basata su tecnologia web, ideata per ottimizzare

Dettagli

Reti avanzate su IP per applicazioni sanitarie

Reti avanzate su IP per applicazioni sanitarie Reti avanzate su IP per applicazioni sanitarie C era una volta. I cambiamenti nel mondo della medicina hanno consentito passi in avanti impensabili solo alcuni anni fa. La cura del paziente ha beneficiato

Dettagli

Sistema Informativo Sanitario PACS/RIS e Cartella Clinica Elettronica. Studio Systema srl

Sistema Informativo Sanitario PACS/RIS e Cartella Clinica Elettronica. Studio Systema srl Sistema Informativo Sanitario PACS/RIS e Cartella Clinica Elettronica Studio Systema srl Sistema Informativo Sanitario: i moduli SIS - Sistema Informativo Sanitario modulo base PACS - Picture Archiving

Dettagli

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici

L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici L Istituto di Ricerca sperimenta un nuovo servizio di archivio e scambio di dati clinici CPOE (Computerized Physician Order Entry). E inoltre disponibile e un Repository strutturato per la gestione di

Dettagli

IL PROGETTO AMPERSA. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento APSS: ORGANIZZAZIONE E OBIETTIVI

IL PROGETTO AMPERSA. Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento APSS: ORGANIZZAZIONE E OBIETTIVI IL PROGETTO AMPERSA Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Cristiana Armaroli,Andrea Vielmetti, Ettore Turra APSS - Trento Nell ambito delle Aziende Sanitarie Locali il progetto AMPERSA relativo

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE EMERGENZE RIS-PACS

ISTRUZIONI OPERATIVE EMERGENZE RIS-PACS LEGENDA 1 INTRODUZIONE 1 INTERRUZIONE RIS POLARIS.. 2 PER IL TSRM.. 2 IMPORTANTE........ 2 PER IL MEDICO RADIOLOGO...... 3 INTERRUZIONE PACS 4 INTERRUZIONE DEL SISTEMA CENTRALE EMERGENZE... 4 IMPORTANTE........

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

ORCHESTRA UN PRODOTTO ORIOR TECNOLOGIE MARIO.ALIBERTI@ORIORTECNOLOGIE.IT

ORCHESTRA UN PRODOTTO ORIOR TECNOLOGIE MARIO.ALIBERTI@ORIORTECNOLOGIE.IT 2014 ORCHESTRA UN PRODOTTO ORIOR TECNOLOGIE MARIO.ALIBERTI@ORIORTECNOLOGIE.IT Orchestra è una suite di prodotti pensata per l oculistica che permette di acquisire immagini da tutti i principali dispositivi

Dettagli

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Modena 27 novembre 2008 Silvia Salimbeni in collaborazione con Rita Bisognin .un po di storia Fine anni 90 in tutta la Regione Emilia Romagna si

Dettagli

HL7 Integration Statement. Version: 1.0

HL7 Integration Statement. Version: 1.0 HL7 Integration Statement Version: 1.0 Table of Contents 1 Introduzione...3 1.1 Audience...4 1.2 Nota...4 1.3 Definizioni ed abbreviazioni...4 1.4 Revision History...5 2 Documentazione di riferimento...5

Dettagli

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara C.A. Tutti i candidati procedura aperta per l acquisizione in locazione operativa di un sistema RIS/PACS per l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti

Dettagli

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero Informatica e Database Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero In che fase del progetto è opportuno designare l amministratore di sistema ed iniziare la collaborazione? Sistemi informativi Definizione e

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO Dipartimento Risorse Tecniche ed Informatiche unità operativa Provveditorato Economato - Responsabile: dr.ssa Patrizia Favero RISPOSTE ALLA RICHIESTA CHIARIMENTI

Dettagli

Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione

Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione Giorgio Moretti Stefano Ceccherini Roma 11 giugno 2010 Informatizzazione dei Pronto Soccorso in Italia La diffusione dell ICT in ambito di Pronto

Dettagli

Emergenza / Urgenza in Radiologia

Emergenza / Urgenza in Radiologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Emergenza / Urgenza in Radiologia ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La Certificazione ECDLHealth Filippo Maria Pacini Policlinico Umberto I - Roma Roma, 24 giugno 2010 Palazzo dei Congressi all'eur Definizioni

Dettagli

Evoluzione della diagnostica per immagini. Cos'è cambiato? Wide-area. Information Technology (Wikipedia) RIS-PACS

Evoluzione della diagnostica per immagini. Cos'è cambiato? Wide-area. Information Technology (Wikipedia) RIS-PACS Gestione informatica del dato dosimetrico e comunicazione al paziente sottoposto ad esami di diagnostica per immagini Evoluzione della diagnostica per immagini Prima... La risorsa del sistema ris-pacs

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

WINDIAG. Sistema di gestione per Centri Radiodiagnostici, Fisioterapici e Poliambulatori. Semplice Veloce Sicuro Convenzione

WINDIAG. Sistema di gestione per Centri Radiodiagnostici, Fisioterapici e Poliambulatori. Semplice Veloce Sicuro Convenzione WINDIAG Sistema di gestione per Centri Radiodiagnostici, Fisioterapici e Poliambulatori Semplice Veloce Sicuro Convenzione Da usare S.S.R. Integrazione Firma Archiviazione Gestione delle Elettronica Code

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Mattone 9 Realizzazione del Patient File

Mattone 9 Realizzazione del Patient File Mattone 9 Realizzazione del Patient File Architettura di Cooperazione Roma 19 Giugno 2007 Nolan, Norton Italia Definizione del Fascicolo Sanitario Personale (FaSP) Non qualsiasi raccolta strutturata di

Dettagli

Sistemi informativi in sanità. Dai dati alla gestione dei processi

Sistemi informativi in sanità. Dai dati alla gestione dei processi Sistemi informativi in sanità Dai dati alla gestione dei processi Il ciclo diagnostico/terapeutico Dati Osservazione Informazione Paziente Decisione Terapia Piano Diagnosi Sanità in Lombardia La ASL riceve

Dettagli

Verso la Cartella Clinica Elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in Informatica Sanitaria

Verso la Cartella Clinica Elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in Informatica Sanitaria 2 Ottobre 2008 Verso la Cartella Clinica Elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in Informatica Sanitaria Ettore Simonelli Dir. Prodotti Area Sanità Engineering Agenda Sezione 1 Sezione

Dettagli

La cartella clinica. Ippocrate: cartella clinica di Apollonio. Vincenzo Della Mea

La cartella clinica. Ippocrate: cartella clinica di Apollonio. Vincenzo Della Mea A.A. 2001/02 La cartella clinica elettronica Electronic Patient Record Vincenzo Della Mea Università di Udine La cartella clinica nucleo fondamentale dei dati gestiti in sanità Supporta i tre cicli dell

Dettagli

Fisica Sanitaria AOU Bologna

Fisica Sanitaria AOU Bologna Requisiti Tecnologici e Sicurezza Luisa Pierotti Fisica Sanitaria AOU Bologna luisa.pierotti@aosp.bo.it i it Lo sviluppo della digitalizzazione e dell informatizzazione della radiologia è volto ad un miglioramento

Dettagli

Fascicolo Sanitario Elettronico BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA

Fascicolo Sanitario Elettronico BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA Fascicolo Sanitario Elettronico BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA 1 Definizione linee guida nazionali 2011 Il Fascicolo Sanitario Elettronico è l insieme dei dati e documenti digitali di tipo sanitario

Dettagli

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Titolo prodotto: Portabilità Individuale Clinica (P.I.C.) Categoria: e-health Tipologia di prodotto Broadband/Online/WEB (channel): Abstract del progetto

Dettagli

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori L'EPR come componente Il ruolo paziente centrico della piattaforma di integrazione all interno dell Istituzione Sanitaria S.C. Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS.

PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. 1 PROCEDURA APERTA PER L ASSISTENZA TECNICA DEL SISTEMA RIS/PACS. CAPITOLATO TECNICO 1 OGGETTO Il presente appalto prevede la manutenzione ordinaria ed evolutiva del sistema RIS PACS a marchio FujiFilm

Dettagli

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara

Oggetto: ulteriori chiarimenti sui documenti di gara C.A. Tutti i candidati procedura aperta per l acquisizione in locazione finanziaria operativa di un sistema RIS/PACS per l Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Oggetto: ulteriori chiarimenti sui

Dettagli

Restando a disposizione per eventuali concrete e specifiche richieste, si rappresenta che non è possibile fornire alcuna proroga.

Restando a disposizione per eventuali concrete e specifiche richieste, si rappresenta che non è possibile fornire alcuna proroga. Settore Tecnico Prot. n. Allegati n. Ns. Rif. Oggetto: Procedura aperta per l affidamento del servizio di progettazione, realizzazione, gestione e manutenzione del nuovo sistema RIS-PACS dell ARNAS Garibaldi

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

GEPADIAL permette di:

GEPADIAL permette di: GEPADIAL è uno strumento innovativo per l organizzazione, il controllo clinico e la ricerca scientifica all interno dei Reparti di Nefrologia e Dialisi. Supporta tutte le attività gestionali e amministrative

Dettagli

Introduzione. Dicom in Oracle 11g: gestione e vantaggi

Introduzione. Dicom in Oracle 11g: gestione e vantaggi Introduzione Dicom in Oracle 11g: gestione e vantaggi Agenda Lo scenario del sistema sanitario moderno Cosa è DICOM? Gestione in Oracle dei dati DICOM Vantaggi Lo scenario Per molti anni utilizzo di carta

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze dell Informazione Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

Dettagli

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009 ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il modello di collaborazione Regione - Aziende Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma

Dettagli

Soluzioni Open Source per l'integrazione di applicativi clinici in contesti ospedalieri

Soluzioni Open Source per l'integrazione di applicativi clinici in contesti ospedalieri Soluzioni Open Source per l'integrazione di applicativi clinici in contesti ospedalieri Riccardo Triunfo riccardo.triunfo@crs4.it Azienda Ospedaliera G. Brotzu Ospedale di rilievo nazionale ad alta specializzazione

Dettagli

Sistemi Informativi Sanitari

Sistemi Informativi Sanitari Sistemi Informativi Sanitari BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA 1 Sistema informativo Sistema informativo Un sistema informativo (SI) può essere definito come l'insieme dei flussi di informazione gestiti

Dettagli

Dosimetria paziente in TAC: utilizzo del protocollo DICOMSR per calcolo e monitoraggio di LDR e parametri rilevanti

Dosimetria paziente in TAC: utilizzo del protocollo DICOMSR per calcolo e monitoraggio di LDR e parametri rilevanti Dosimetria paziente in TAC: utilizzo del protocollo DICOMSR per calcolo e monitoraggio di LDR e parametri rilevanti Andrea Martignano Aldo Valentini Servizio di Fisica Sanitaria APSS Trento Il formato

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Presentazione soluzione medicale OKI DICOM: ES6410DM (A4) ES7411DM (A4) ES8431DM (A3) ES9410DM (A3+)

Presentazione soluzione medicale OKI DICOM: ES6410DM (A4) ES7411DM (A4) ES8431DM (A3) ES9410DM (A3+) Presentazione soluzione medicale OKI DICOM: ES6410DM (A4) ES7411DM (A4) ES8431DM (A3) ES9410DM (A3+) Lo standard DICOM (Digital Imaging and COmmunications in Medicine, immagini e comunicazione digitali

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

PROGETTI di E-government Area Sanità

PROGETTI di E-government Area Sanità PROGETTI di E-government Area Sanità Regione del Veneto Fabio Perina 15 dicembre 2004 Medici Di Base Cup IL ROGETTO Distretti Farmacie Repository Reparti Laboratori Sistema Accessi Gestore Eventi Comuni

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

REPORT GRUPPO DI LAVORO III

REPORT GRUPPO DI LAVORO III REPORT GRUPPO DI LAVORO III Piattaforma web Network per la RCS per la gestione dei flussi informativi ed organizzazione Centrale di produzione coordinata e permanente delle pillole informative del SSR

Dettagli

e-health: cartella clinica elettronica

e-health: cartella clinica elettronica Obiettivi di Piano 2010 e-health: cartella clinica elettronica Dr. Raffaele Di Lorenzo Centro Regionale di Neurogenetica Lamezia Terme 15 giugno 2013 Cartella Clinica Elettronica Cartella Clinica Elettronica

Dettagli

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti 22 domande, 7 pagine Cognome e nome Matricola Turno di Laboratorio Domande con risposta multipla 1 Quanti byte occupa

Dettagli

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Ministro per l innovazione e le tecnologie Tavolo Permanente Sanità Elettronica delle Regioni e delle Province Autonome UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Per un migliore e più efficiente Sistema Sanitario

Dettagli

GSILAB. Gestione Laboratorio di Analisi

GSILAB. Gestione Laboratorio di Analisi GSILAB Gestione Laboratorio di Analisi Gsilab è un software di gestione del Laboratorio di Analisi. Con Gsilab è possibile: - Gestire la parte amministrativa e clinica delle prestazioni di laboratorio

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico

Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico La cartella clinica informatizzata mobile, direttamente al letto del paziente PA Forum 24 maggio 2007 Romeo Quartiero Romeo.quartiero@dsgroup.it

Dettagli

EHR e Cambiamento in Sanità (1) dei rete dei servizi

EHR e Cambiamento in Sanità (1) dei rete dei servizi EHR e Cambiamento in Sanità (1) A livello internazionale viene confermato un trend nella riorganizzazione dei sistemi sanitari secondo logiche di creazione di reti di servizi nelle quali un insieme di

Dettagli

CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari

CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari Lucidi di Gianmario Motta 2010 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Definire i blocchi funzionali dei sistemi informativi sanitari: pianificazione e controllo, gestione

Dettagli

SVILUPPO SOFTWARE INTEGRAZIONE SISTEMI INFORMATIVI SOLUZIONI DI ANALISI DATI PROGRAMMAZIONE AVANZATA INTERNET

SVILUPPO SOFTWARE INTEGRAZIONE SISTEMI INFORMATIVI SOLUZIONI DI ANALISI DATI PROGRAMMAZIONE AVANZATA INTERNET SVILUPPO SOFTWARE INTEGRAZIONE SISTEMI INFORMATIVI SOLUZIONI DI ANALISI DATI PROGRAMMAZIONE AVANZATA INTERNET Oggetto : Descrizione software EasyMias per la video colposcopia. Sistema di gestione visita,

Dettagli

Health Level Seven (HL7)

Health Level Seven (HL7) Health Level Seven () (http://www.hl7.org/, http://www.hl7italia.it/) 1 Perché nasce? 1 Reparto come avviene lo scambio di informazioni tra reparti? 2 Reparto documentazione storia clinica pregressa Lettera

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO RADIOLOGICO

SISTEMA INFORMATIVO RADIOLOGICO Ospedale Santa Croce Fano U.O. Diagnostica per Immagini Direttore: Dott. Paolo Coschiera SISTEMA INFORMATIVO RADIOLOGICO ieri, oggi.domani Coordinamento Tecnici Sanitari di Radiologia Medica Regione Marche

Dettagli

SISTEMI SCADA DMS PER LA SUPERVISIONE E TELCONTROLLO DELLA RETE MT/BT DELLE CITTA DI BRESCIA E VERONA

SISTEMI SCADA DMS PER LA SUPERVISIONE E TELCONTROLLO DELLA RETE MT/BT DELLE CITTA DI BRESCIA E VERONA SISTEMI SCADA DMS PER LA SUPERVISIONE E TELCONTROLLO DELLA RETE MT/BT DELLE CITTA DI BRESCIA E VERONA s.d.i. automazione industriale ha realizzato i sistemi di telecontrollo e automazione della rete di

Dettagli

Sistema computerizzato per acquisizione, elaborazione ed archiviazione immagini e filmati e refertazione assistita per Ecografia

Sistema computerizzato per acquisizione, elaborazione ed archiviazione immagini e filmati e refertazione assistita per Ecografia Sistema computerizzato per acquisizione, elaborazione ed archiviazione immagini e filmati e refertazione assistita per Ecografia ECOPLUS è un sistema informativo per l ecografia che consente l acquisizione,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale

Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale Gestione integrata delle postazioni di lavoro (pdl) presenti presso gli uffici dell amministrazione comunale DISCIPLINARE TECNICO Allegato A al Capitolato d Oneri 1 Premessa Il presente capitolato tecnico

Dettagli

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata.

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. 2 CONVEGNO NAZIONALE OSPEDALE,CITTA E TERRITORIO Potenzialità e limiti dell IT nell integrazione tra i servizi ospedalieri e territoriali Università degli Studi di Verona Polo Didattico G. Zanotto 14 settembre

Dettagli

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE

JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE JUNAK3 SISTEMA GESTIONE AZIENDALE Modulo di Gestione Magazzino www.kisar.it JUNAK3 - SISTEMA DI GESTIONE AZIENDALE Il Sistema di Gestione Aziendale JUNAK3 è una piattaforma realizzata in ambiente Windows,

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

TECNOLOGIA SENZA VINCOLI. SEMPLICE E TRASPARENTE. Vue. Cloud Services

TECNOLOGIA SENZA VINCOLI. SEMPLICE E TRASPARENTE. Vue. Cloud Services Vue Cloud Services SEMPLICE E TRASPARENTE. Clinici e medici curanti necessitano di una libertà di accesso rapido ed efficiente ai dati dei pazienti. Ma le restrizioni di costo e la complessità legata al

Dettagli

Soluzioni di cooperazione applicativa nell integrazione del sistema informativo dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi

Soluzioni di cooperazione applicativa nell integrazione del sistema informativo dell Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi 1/12 Libera il tuo computer con il software libero Linux day a Firenze 23 ottobre 2010 coordina Paolo Campigli - Consiglio Q4 - Firenze Soluzioni di cooperazione applicativa nell integrazione del sistema

Dettagli

ASCLEPIO Gestione prestazioni ambulatoriali

ASCLEPIO Gestione prestazioni ambulatoriali ASCLEPIO Gestione prestazioni ambulatoriali Asclepio è un software di gestione prestazioni ambulatoriali e diagnostiche. Con Asclepio è possibile: - Gestire la parte amministrativa e clinica delle prestazioni

Dettagli

La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana

La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana 19 Marzo 2015 La CSE è un sistema per l acquisizione, l aggiornamento e la consultazione dei dati sanitari per semplificare l esercizio del diritto

Dettagli

PARTNER AFFIDABILE. www.carestream.com

PARTNER AFFIDABILE. www.carestream.com PARTNER AFFIDABILE. Con oltre 2500 clienti e più di 10 infrastrutture cloud implementate a livello globale, il nostro team è sempre pronto a fornire aiuto ai clienti fin dal primo giorno. Disponiamo di

Dettagli

LA SOLUZIONE web PER LA GESTIONE DEL POLIAMBULATORIO

LA SOLUZIONE web PER LA GESTIONE DEL POLIAMBULATORIO LA SOLUZIONE web PER LA GESTIONE DEL POLIAMBULATORIO - PRENOTAZIONE, ACCETTAZIONE E FATTURAZIONE - CUP - REFERTAZIONE DIAGNOSTICA E SPECIALISTICA - CHIRURGIA AMBULATORIALE - CARTELLA CLINICA E DOSSIER

Dettagli