TERZO RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA 2005

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TERZO RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA 2005"

Transcript

1 TERZO RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA 2005 VALLE D AOSTA Centri per l'e-government Regionali e la Competenza di dell'informazione società

2 II 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA

3 Prefazione Il presente Rapporto regionale è frutto della collaborazione tra il Centro Regionale di Competenza della Valle d Aosta, istituito con DGR nr del 24 novembre 2003, e lo staff centrale del Progetto CRC 1, e scaturisce dal Protocollo d Intesa istitutivo della Commissione permanente sull innovazione e le tecnologie, siglato il 21 marzo 2002 dal Ministro Lucio Stanca e dai Presidenti delle Regioni. L Intesa stabilisce infatti che l informazione prodotta e condivisa nell ambito delle attività della Commissione verrà organizzata e pubblicata in un Rapporto annuale sulla società dell informazione nelle Regioni d Italia. In pratica, per fornire una lettura trasversale sull insieme delle regioni e, al tempo stesso, i necessari approfondimenti, il Rapporto è stato strutturato in 21 report regionali, simili per struttura a quello qui presentato, e un report di sintesi nazionale. Obiettivo del Rapporto è illustrare lo stato di avanzamento dell e-government e più in generale della società dell informazione (SI), con un attenzione particolare alle attività, in avvio o già realizzate, che vedono la collaborazione tra Stato, Regioni ed Enti Locali nella nuova prospettiva federalista. Il Rapporto 2005 presenta una fotografia sull evoluzione delle politiche regionali per l e-government e la SI, offrendo anche una selezione di iniziative maturate in ambiti settoriali. Come nel precedente, si presenta la mappa degli attori dell innovazione. Il secondo capitolo illustra la progettualità per l e-government in atto nella regione, con attenzione non solo all avanzamento dei progetti co-finanziati nella 1 fase del piano nazionale, ma ai progetti capitolo fa sinteticamente il punto sullo sviluppo dei servizi offerti on line dagli enti del territorio regionale. 1 Lo staff centrale opera presso il Formez, soggetto attuatore del progetto CRC, e presso l Area Innovazione Regioni ed Enti Locali (AIREL), del CNIPA, Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. III

4 IV 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA

5 Indice Prefazione 1 Le politiche e gli attori per la società dell informazione Sviluppi e novità nelle politiche per l e-government e la società dell informazione (SI) 7 Figura 1- Rappresentazione grafica dell'architettura del SIRI 10 Tabella 1 Quadro delle policy regionali (segue) 11 Tabella 1 Quadro delle policy regionali Gli attori dell innovazione per l e-government e la Società dell informazione 13 Tabella 2 Quadro degli attori per la SI - Il livello di governo regionale (segue) 13 Tabella 2 Quadro degli attori per la SI - Il livello di governo regionale 14 Tabella 3 Quadro degli attori per la SI - Il livello di governo del comune capoluogo (Aosta) 14 2 L evoluzione dei progetti sulla SI e nuove iniziative Stato di avanzamento progetti 1 Avviso e-gov SIGMATER INPA Le nuove iniziative della fase 2 dell e-government I progetti per lo sviluppo dei servizi infrastrutturali e il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) 20 Figura 2 - Architettura del progetto ICAR 21 Tabella 2 Partecipazione della Valle d Aosta ai progetti applicativi di ICAR Bando per i servizi di e-government sulla piattaforma Digitale Terrestre (tgovernment) I progetti per la cittadinanza elettronica Altri progetti innovativi Rupar per la Valle d Aosta Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR) Programma VINCES Sportello unico attività produttive 30 V

6 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA Portale telematico interregionale di promozione turistica Nuovi utilizzi della Carte Vallée Sanità e telemedicina La Sperimentazione della carta di identità elettronica 33 3 I servizi on line disponibili sul sito della Regione Autonoma Valle d Aosta 37 Figura 3 Home page del sito della Regione Autonoma Valle d Aosta 37 Figura 4 Sezione del sito dedicata alla situazione del traffico. 38 Figura 5 Sezione del sito dedicata allo sportello URP on line 39 Figura 6 Sezione del sito dedicata ai bandi di gara 39 Figura 7 Sezione del sito dedicata al turismo Attivazione di servizi innovativi: gestione provvidenze economiche on line I servizi on line disponibili sui siti degli EELL nella Regione Autonoma Valle d Aosta Premessa metodologica Diffusione e interattività dei servizi Consultazione dei referti radiologici on line 44 Figura 8 - Home Page del Sito dell'azienda USL Valle d'aosta 45 Figura 9 - Pagina con le istruzioni per visualizzare i referti 46 Figura 10 - Pagina di accesso al referto 46 Figura 11 - Pagina con il referto 47 6

7 LE POLITICHE E GLI ATTORI 1 Le politiche e gli attori per la società dell informazione 1.1 Sviluppi e novità nelle politiche per l egovernment e la società dell informazione (SI) In questo paragrafo vengono presentate le policy per l e-government e la SI e in particolare vengono messe in evidenza le novità che si sono sviluppate durante il Il territorio valdostano, caratterizzato dall assenza dell Ente Provincia, da una popolazione regionale di circa abitanti e da un solo comune che supera i abitanti, vede la Regione e il Comune di Aosta come gli unici enti pubblici a possedere una struttura organizzativa tale da poter sostenere l elaborazione di una programmazione per lo sviluppo e la diffusione della SI e dell egovernment. A tal proposito, le linee strategiche della Regione nel campo dell ICT si sono sviluppate secondo gli indirizzi del principale documento di programmazione, il piano triennale , già analizzato nel precedente Report 2004 e di cui riportiamo brevemente i principali obiettivi. Il piano triennale , predisposto dalla struttura competente in materia (Dipartimento Sistema Informativo), nasce con l intenzione di predisporre un programma unitario di governo per le nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione, che definisca priorità strategiche ed obiettivi concreti e misurabili per l insieme delle pubbliche amministrazioni sul territorio. Il piano è stato formulato per individuare gli strumenti e le modalità tecnico-organizzative atti a conseguire il raggiungimento dei seguenti obiettivi di legislatura: Infrastrutture: al fine di assicurare la interconnessione degli enti pubblici, verranno condotte e coordinate le attività di realizzazione e gestione della rete regionale della pubblica amministrazione (RUPAR oggi Servizio Pubblico di Connettività-SPC) secondo gli standard definiti a livello nazionale in modo tale da offrire l'erogazione dei servizi di interoperabilità. Dovrà essere adeguatamente potenziato, in risposta alle sempre maggiori necessità di banda per l interscambio di dati, il sistema fonia/dati che collega le diverse sedi dell amministrazione regionale con lo scopo di rafforzare il grado di connettività e di sicurezza della rete stessa. Identificazione in rete: nel triennio tutti i cittadini della regione dovranno essere messi nella condizione di accedere ai servizi a domanda individuale disponibili in rete, in condizioni di sicurezza, attraverso l uso e la valorizzazione delle più recenti tecnologie di autenticazione. Particolare attenzione verrà posta all uso delle carte a microprocessore. Cooperazione applicativa: i servizi resi ai cittadini ed alle imprese sono spesso supportati da processi trasversali che richiedono informazioni a differenti Pubbliche Amministrazioni; nel triennio dovranno essere ampliate e sviluppate progressivamente tutte le attività volte a facilitare tale interscambio informativo tra PA locali e centrali. Servizi on line: l'amministrazione pubblica nel triennio intende assicurare la piena disponibilità di alcuni servizi di propria competenza individuati come prioritari per cittadini, imprese e pubblica amministrazione da rendere disponibili anche sulla rete. 7

8 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA Diffusione della cultura innovativa: con l obiettivo di assicurare la definizione e la realizzazione di una strategia coerente per lo sviluppo della Società dell Informazione e delle politiche collegate, andranno promosse azioni specifiche per la diffusione della cultura innovativa rivolta a categorie professionali, al mondo scolastico ed ai cittadini in generale. Alfabetizzazione certificata dei dipendenti regionali: nel triennio dovranno essere messe in atto tutte le attività di supporto e sostegno al Servizio competente necessarie per raggiungere l obiettivo della certificazione ECDL (European Computer Driving Licence) su un numero significativo di dipendenti della Regione che fanno uso di strumenti informatici; tale intervento potrà essere effettuato anche sperimentando l'erogazione della formazione in rete (elearning). Efficienza: perseguire l'efficienza dell'organizzazione regionale attraverso lo sviluppo di procedure uniformi e sinergiche nei vari servizi anche sviluppando l'attivazione dei mandati di pagamento on line, l'utilizzo graduale di piattaforme di e-procurement per l'acquisizione in rete dei beni e servizi da parte della Pubblica Amministrazione Regionale, la evoluzione in rete del sistema di protocollo e gestione documentale, l'uso diffuso di sistemi di posta elettronica ecc. Qualità: adottare, per almeno tutti i servizi erogati in rete, la metodologia della qualità così come definita nelle normative internazionali, la carta dei servizi con un sistema di rilevazione della customer satisfaction". Per quanto riguarda le strategie comunali, il Comune di Aosta negli ultimi anni ha maturato la volontà di procedere con un ampia azione di riesame del proprio assetto informatico ed organizzativo. A tal fine ha elaborato il piano triennale in cui sono definite le macro attività operative e di gestione del sistema informativo comunale con la descrizione delle attività di sviluppo dell Amministrazione comunale in ambito infrastrutturale, sistemistico, applicativo ed organizzativo. L innovazione tecnologica ed organizzativa intervenuta negli ultimi anni, ha permesso di passare da una concezione dell informatica come mero strumento facilitante il lavoro di ufficio, all uso della tecnologia come elemento di riorganizzazione dell ente. Ciò ha significato non solo un innalzamento del patrimonio informatico (inteso sia come elaboratori, sia come programmi), ma soprattutto l implementazione dell e-government, vale a dire le forme di accesso digitale all Amministrazione. Tale importante concetto si è tradotto nella partecipazione attiva del Comune a progetti di innovazione nazionali e regionali. L Amministrazione Comunale quindi, sulla base delle linee guida definite dal Piano di e-government varate dal Ministero delle Innovazioni e Tecnologie, sta indirizzando le proprie priorità verso problematiche riguardanti le componenti applicative dei vari servizi comunali, l utilizzo produttivo dei sistemi informativi attualmente esistenti, l evoluzione della propria infrastruttura di base, il miglioramento dei processi e dei risultati. Tra le novità di rilievo del 2004, particolarmente importante risulta la stipulazione di un Accordo di programma tra la Regione, il Consiglio regionale, il Consiglio permanente degli enti locali, l Azienda 8

9 LE POLITICHE E GLI ATTORI Unità sanitaria locale, l Università della Valle d Aosta, il Comune di Aosta e la Camera di commercio della Valle d Aosta al fine di dare concreta attuazione ai contenuti del Piano pluriennale per l innovazione e lo sviluppo delle tecnologie informatiche, dei sistemi informativi e delle telecomunicazioni. Il documento in questione ha come obiettivo quello di: definire congiuntamente con gli altri soggetti operanti sul territorio regionale, strategie comuni per lo sviluppo delle tecnologie informatiche e telematiche, al fine di garantire il diritto di accesso e di informazione per la collettività; promuovere, realizzare e coordinare azioni innovative, progetti di e-government, formazione delle risorse umane, processi cooperativi tra enti diversi, erogazione di servizi e informazioni per l utente; attivare processi cooperativi con gli uffici periferici delle amministrazioni centrali, le altre pubbliche amministrazioni ed altri enti ed organizzazioni; realizzare infrastrutture telematiche con la priorità per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale (RUPAR). Altra novità del 2004 è la deliberazione della Giunta regionale n del con cui è stato adottato lo schema di Piano regionale di tutela delle acque ai sensi del Decreto Legislativo n. 152/1999. Tra gli interventi previsti all interno dell azione Monitororaggio indicatori e indagini conoscitive sui corpi idrici risulta particolarmente importante la Costituzione e gestione del Sistema Informativo delle Risorse Idriche (SIRI) il cui scopo è fornire il supporto necessario a tecnici ed amministratori nella definizione e nella verifica delle politiche di gestione delle risorse idriche regionali attraverso l organizzazione del sistema delle conoscenze e dei controlli relativi alle risorse idriche stesse, oltre che al singolo cittadino per la conoscenza del settore idrico. Si tratta quindi di un sistema informativo inquadrato nel contesto più ampio del Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR), cui compete specificatamente la gestione delle informazioni e dei processi conoscitivi inerenti la risorsa acqua. Allo stato attuale esistono archivi sia di tipo cartaceo che su supporto informatico. In questo ultimo caso le informazioni sono gestite all interno di sistemi operazionali che non hanno alcuna correlazione con gli altri, limitando in modo significativo gli utilizzi del patrimonio informativo disponibile. Le esigenze principali che emergono dal Piano sono l integrazione e la sistematizzazione degli archivi, attività che presuppongono la creazione di un unico sistema d archivio cui tutti i soggetti coinvolti debbono riferirsi, definendo in modo puntuale il confine dell interscambio dei dati tra i vari sistemi. La creazione di un sistema condiviso e cooperativo con gli Enti Locali, relativamente al catasto delle infrastrutture, risponde alle esigenze informative connesse con la legge regionale 27/1999 sul servizio idrico integrato. Poiché le informazioni di interesse del SIRI dovranno essere derivate dai sistemi operazionali disponibili, è opportuno che questi risultino il più possibile integrati con il SIRI o ne facciano parte direttamente. In quest ultimo caso sono ipotizzabili risparmi economici significativi, se non già nella fase di impianto, certamente nella fase di gestione. Le esigenze emergenti dal Piano sono essenzialmente di due tipi differenti: - creazione di una base dati conoscitiva del territorio regionale e dei corpi idrici, - creazione di modelli informatizzati di rilevazione, di monitoraggio e di previsione. 9

10 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA Il SIRI dovrà pertanto assicurare: la conoscenza dello stato della risorsa idrica mediante l organizzazione di una banca dati contenente le misure sia quantitative che qualitative derivanti dalle reti di monitoraggio e le informazioni sulle condizioni degli ecosistemi ad essa relazionati; la conoscenza dei fattori di pressione antropica derivanti dagli utilizzi della risorsa nella loro globalità, estendendo cioè la conoscenza a tutti i soggetti che nell ambito della propria attività intervengono nella determinazione della fruizione della risorsa idrica; la conoscenza delle caratteristiche geomorfologiche, climatologiche ed idrologiche del territorio regionale e dei corpi idrici, in quanto conoscenza sulla quale si fondano la valutazione delle modifiche indotte sullo stato della risorsa e le conseguenti azioni di risposta per mitigare gli impatti ambientali. Traducendo in termini informatici le esigenze individuate in precedenza, si può iniziare a delineare per il SIRI l architettura seguente: Figura 1- Rappresentazione grafica dell'architettura del SIRI Si tratta quindi di un sistema basato su tecnologia WEB che utilizza come sistema di interconnessione la RUPAR-SPC). L elemento innovativo introdotto da questo tipo di architettura è la creazione di un unico sistema distribuito nel quale soggetti attualmente isolati o collegati con sistemi leggeri di trasferimento dati si trovano invece ad operare in modo cooperativo, mantenendo integra tutta la propria autonomia nella gestione dei dati. La tabella che segue riprende le principali policy regionali nell ambito dell e-government e della SI così come sono state già illustrate nel precedente rapporto, oltre a mettere in evidenza le principali novità che si sono sviluppate nel corso del

11 LE POLITICHE E GLI ATTORI Tabella 1 Quadro delle policy regionali (segue) Politiche specifiche sulla SI Titolo Documento Estremi di approvazione/pubblicazione Linee di intervento/obiettivi Azioni specifiche -Definire congiuntamente con gli altri soggetti operanti sul territorio regionale, strategie comuni per lo sviluppo delle tecnologie informatiche e telematiche Accordo Regionale in materia di innovazione e sviluppo delle tecnologie informatiche e telematiche Delibera di Giunta n del 10/12/2004 -Promuovere, realizzare e coordinare azioni innovative, progetti di e- government, formazione delle risorse umane, processi cooperativi tra enti diversi, messa a disposizione di servizi, dati e informazioni per l utente -Attivare processi cooperativi con gli uffici periferici delle Amministrazioni centrali, le altre Pubbliche Amministrazioni ed altri enti ed organizzazioni interessati -Realizzare infrastrutture telematiche con la priorità per la Rete Unitaria della Pubblica Amministrazione Regionale (RUPAR) Piano pluriennale per il triennio (settore informatica) Delibera Consiglio Regionale n. 707/XII del 23/06/2004 -Modernizzare la Pubblica Amministrazione -Promuovere lo sviluppo della società dell informazione -Valorizzare le particolarità della regione -Infrastrutture -Identificazione in rete -Cooperazione applicativa -Servizi on line -Diffusione della cultura innovativa -Alfabetizzazione certificata dipendenti regionali -Efficienza e Qualità Piano Operativo Annuale 2004 (settore informatica) Delibera di Giunta n del 30/12/2003 Riprende e contestualizza al 2004 la programmazione triennale Piano Operativo Annuale 2005 (settore informatica) Delibera di Giunta n del 30/12/2004 Riprende e contestualizza al 2005 la programmazione triennale Convenzione quinquennale tra la Regione Autonoma V.d.A., la Regione Piemonte e la Regione Liguria, per la cooperazione nell ambito dei sistemi informativi e telematici delle rispettive amministrazioni Approvata con Delibera di Giunta n del 03/12/

12 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA Tabella 2 Quadro delle policy regionali Politiche specifiche sulla SI Piano triennale Servizio Sistemi Informativi - Comune di Aosta Albo Comunale 14/10/ Stimolare la progettazione e realizzazione di sistemi informativi in coerenza con le linee di riforma - Attuare un processo di reengineering delle procedure amministrative - Sviluppare un sistema che garantisca la cooperazione e l integrazione con altre Amministrazioni, favorendo la qualità dei servizi offerti a cittadini e imprese -Carta di Identità Elettronica -Protocollo elettronico -Intranet comunale -Gestione dei Servizi a Domanda Individuale -Gestione Delibere Piano Operativo 2005 per l Informatica e le Telecomunicazioni Comune di Aosta Albo Comunale 24/12/2004 Riprende e contestualizza al 2005 la programmazione triennale Politiche settoriali Attività produttive, innovazione e RS - Qualità ambientale dei corsi d acqua superficiali e sotterranei valdostani Schema di Piano regionale di tutela delle acque (capitolo 6.5 Linee di azione) Adottato con deliberazione di Giunta regionale n del (ai sensi del Decreto Legislativo n. 152/1999) - Interventi per il raggiungimento e mantenimento degli obiettivi, e misure di tutela qualitative/quantitative integrate e coordinate per bacino idrografico Costituzione e gestione Sistema Informativo delle Risorse Idriche - monitoraggio indicatori e indagini conoscitive Fonte: Elaborazioni Osservatorio CRC su dati Regione Valle D Aosta 12

13 LE POLITICHE E GLI ATTORI 1.2 Gli attori dell innovazione per l e-government e la Società dell informazione In questo paragrafo, si presentano i principali attori coinvolti nella definizione e gestione delle politiche di innovazione per l e-government e la SI. In generale, sono stati identificati gli attori con responsabilità-delega politica specifica su questi temi, le strutture interne agli enti con funzione gestionale e operativa sulle ICT, eventuali organismi interni di indirizzo e coordinamento inter-settoriale (per le amministrazioni più grandi) ed eventuali società o agenzie, partecipate dalla Regione e/o da Enti Locali, operanti nei servizi ICT. Tabella 2 Quadro degli attori per la SI - Il livello di governo regionale (segue) Competenza politica Assessorato Bilancio, Finanze, Programmazione e Partecipazioni Regionali Struttura gestionale interna DSI Dipartimento Sistema Informativo Struttura dell Amministrazione regionale, costituito nel 1998, ha il compito di: impostare, sostenere, coordinare e sovrintendere a tutte le iniziative inerenti lo sviluppo dell'intero sistema informativo regionale, interno ed esterno all'amministrazione regionale, nelle aree informatica, telecomunicazioni, informazione e statistica, garantendone lo sviluppo coordinato e la gestione coordinare e promuovere la valorizzazione e la diffusione, tanto all'interno quanto all'esterno, del patrimonio informativo regionale sviluppare i progetti sovraregionali (statali e comunitari) nei campi di interesse Struttura di supporto ADL Direzione Agenzia Regionale del Lavoro Struttura dell Amministrazione regionale con il compito, tra l altro, di: svolgere i compiti dell autorità di gestione relativamente al programma Operativo Regionale obiettivo 3 Fondo sociale europeo per la programmazione 2000/2006 attuare gli interventi previsti dal piano di politica del lavoro promuovendo e garantendo l informazione, l orientamento e le iniziative finalizzate allo sviluppo dell occupazione. FINAOSTA S.p.A. Finanziaria regionale Valle d Aosta Società per Azioni Istituita con legge regionale n. 16 del 28 giugno La società ha lo scopo di concorrere, nel quadro di una politica di programmazione regionale, a promuovere e a compiere tutte quelle attività o a porre in essere tutti quegli interventi che, direttamente ed indirettamente, favoriscono lo sviluppo socio-economico della Regione. La maggioranza delle azioni è detenuta dalla Regione; partecipano altresì tre istituti di credito e l'associazione Valdostana Industriali. Società/Agenzie ICT partecipate IN.VA. S.p.A. Istituita con legge regionale n. 81 del 17 agosto 1987 modificata con legge regionale n. 32 del 1 luglio 1994 e con legge regionale n.16 del 12 luglio La società ha come esclusiva finalità sociale la realizzazione e la gestione del sistema informativo regionale, nell'ambito del piano pluriennale e secondo le indicazioni previste nel piano operativo annuale approvato dalla Giunta regionale. In analogia, tale esclusiva finalità sociale può essere applicata anche in riferimento agli enti pubblici territoriali valdostani e all'usl, in possesso della qualità di socio. La Regione, con il Comune di Aosta e l'unità Sanitaria Locale della Valle d'aosta, detiene la maggioranza della società. 13

14 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA Tabella 2 Quadro degli attori per la SI - Il livello di governo regionale Società/Agenzie ICT partecipate CENTRO SVILUPPO S.p.A. Costituita nel La società ha lo scopo di favorire e sviluppare, a vantaggio delle imprese operanti nel territorio regionale, i necessari e più opportuni interventi finanziari, amministrativi, di gestione e di coordinamento, nonché i processi di innovazione anche tecnologica. Centro Sviluppo (EuroBIC) assiste la Pubblica Amministrazione e le PMI locali nell implementazione e gestione di specifici progetti finanziati dall Unione Europea. Inoltre, Centro Sviluppo svolge, per le PMI, un ruolo attivo nel trasferimento tecnologico e nell utilizzo dei risultati dei progetti di ricerca finanziati dall UE Fonte: Elaborazione Osservatorio CRC su dati Regione Valle D Aosta Tabella 3 Quadro degli attori per la SI - Il livello di governo del comune capoluogo (Aosta) Competenza politica Assessore ai servizi informatici comunali Struttura gestionale interna Servizio sistemi informativi comunali Società/Agenzie ICT partecipate IN.VA S.p.A. Fonte: Elaborazione Osservatorio CRC su dati Triennale Comune di Aosta 14

15 I PROGETTI 2 L evoluzione dei progetti sulla SI e nuove iniziative 2.1 Stato di avanzamento progetti 1 Avviso e-gov SIGMATER Il contesto e gli obiettivi Il progetto SIGMA TER, approvato dal Dipartimento per l'innovazione e le Tecnologie nell'ambito dell'attuazione del Piano d'azione di e-government nazionale, nasce all'interno di un contesto caratterizzato dal Piano di Decentramento del Catasto ai Comuni. Tale impianto legislativo ridisegna i rapporti tra Stato ed Enti Locali ed assegna un ruolo determinante ai Comuni per quanto riguarda le funzioni catastali. Il progetto nasce quindi per facilitare il processo di decentramento catastale e per migliorare la capacità di pianificazione e gestione amministrativa e fiscale del territorio e della qualità dei servizi per cittadini, professionisti ed imprese, che necessitano di integrare le informazioni catastali (a livello Agenzia del Territorio) con quelle territoriali (a livello di Regioni ed Enti Locali). Le Regioni e le Amministrazioni Locali, nell ambito dei propri compiti (concessioni edilizie, tributi, toponomastica, anagrafe, agricoltura, ecc.), utilizzano il dato catastale e al contempo sono in grado di individuare e correggere gli errori presenti nelle informazioni catastali. Manca però oggi un canale informatico stabile che consenta alle Amministrazioni Locali di ottenere i dati catastali aggiornati, migliorarne la qualità ed integrarli con le informazioni di natura territoriale di propria competenza per erogare servizi a cittadini, professionisti ed imprese. Il progetto si pone quindi due obiettivi principali: creare un'infrastruttura per l'interscambio di informazioni catastali e territoriali fra Agenzia del Territorio e Regioni e fra queste e gli Enti Locali; sviluppare un ampio numero di servizi basati sull'informazione catastale e territoriale da fornire a cittadini, imprese e professionisti. SIGMA TER consentirà non soltanto un miglioramento dei processi organizzativi, ma anche un aumento della qualità, affidabilità ed efficienza della macchina amministrativa, con benefici effetti sia nei rapporti fra pubbliche amministrazioni, sia nei confronti degli utenti: cittadini, professionisti ed imprese. 15

16 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA I partner e l organizzazione di progetto Al progetto partecipano innumerevoli attori con ruoli e responsabilità ben distinte: Agenzia del Territorio, Regioni: Emilia-Romagna (coordinatore), Abruzzo, Valle d Aosta, Liguria, Toscana; Province: Bologna, Genova, Parma, Piacenza, Pisa; Comunità Montane: Alta Val Polcevera e Comunità Montana della Garfagnana; Comuni: Bologna, Cesena, Collesalvetti, Faenza, Ferrara, Genova, La Spezia, Livorno, Lugo, Modena, Reggio Emilia, Rimini. Una serie di enti "riusatori" delle soluzioni e delle esperienze sviluppate nel progetto porta ad oltre 150 il numero dei partner coinvolti. Il "Sistema di Interscambio" fra l Agenzia del Territorio e le Regioni e fra queste e le Amministrazioni Locali è di fatto il cuore del progetto e mira ad unificare la gestione delle informazioni catastali con quelle territoriali prodotte dagli Enti locali e dalle Regioni. L Agenzia del Territorio realizzerà la componente di interscambio che consentirà, mediante cooperazione applicativa, di accedere ai dati catastali e di proporre aggiornamenti ai dati medesimi. Le Regioni realizzeranno le applicazioni per interagire con il sistema di interscambio e per creare e mantenere il database territoriale integrato e i servizi informatici a disposizione degli Enti locali; saranno inoltre impiantati appositi centri servizi per la gestione dell infrastruttura, nei quali concentrare tutte le complessità tecnologiche di comunicazione e di interoperabilità. Gli Enti Locali realizzeranno le applicazioni che, interagendo con i servizi infrastrutturali, erogheranno a cittadini, professionisti ed imprese (attraverso canali tradizionali e nuove modalità di interazione come internet), servizi di diverse tipologie, quali quelli relativi a tributi, (ad es. ICI, Tarsu, ecc.), edilizia, urbanistica, ambiente, occupazione dei suoli pubblici, toponomastica, ecc. Il piano di lavoro ed i primi risultati ottenuti Il progetto, dopo un importante fase di pianificazione e progettazione dell intero sistema, conclusasi nel primo semestre del 2004, ha avviato la fase realizzativa che al momento è in pieno svolgimento. Dopo aver superato con successo la prima sessione di monitoraggio del CNIPA tenutasi a metà del 2004, ad oggi è disponibile un primo modello di Database Territoriale Integrato (DBTI) condiviso e rispettoso di standard e indicazioni a livello nazionale. Sono già state testate le funzionalità di base del sistema di interscambio ed è stato rilasciato ed installato il primo gruppo di servizi e di applicazioni che permettono l interazione fra centri servizi regionali ed enti locali. Per quanto riguarda i servizi finali sta proseguendo la realizzazione e sono già disponibili alcuni prototipi. Nel secondo semestre del 2004 è stato allestito il Centro Servizi Regionale della Valle d Aosta presso il quale sono state installate tutte le componenti fino ad oggi realizzate. 16

17 I PROGETTI Le attività per il 2005 Nel corso del 2005 continueranno le attività progettuali sia per quanto attiene il completamento dello sviluppo dei servizi e degli applicativi a livello infrastrutturale (che vede coinvolti principalmente Agenzia del Territorio e Regioni), sia per quanto riguarda la progettazione e realizzazione dei servizi rivolti a cittadini, professionisti e imprese da parte degli enti locali. La pianificazione è stata impostata in modo da permettere l attivazione dell intera filiera (dall Agenzia del Territorio fino ai servizi finali realizzati da Comuni, Province, e Comunità Montane), per un primo set di funzionalità sin dal primo trimestre del Oltre alle attività di completamento dello sviluppo, delle personalizzazione nel contesto della Regione Valle d Aosta delle differenti componenti ed installazione delle stesse, nel corso del 2005 verranno svolte le seguenti attività che condurranno nel secondo semestre dell anno al completamento del progetto: Validazione delle attività di progetto e dei deliverable rilasciati (RVDA risulta responsabile di tale attività nell ambito del progetto); Installazione ed assemblaggio di tutte le applicazioni e funzionalità; Installazione ed assemblaggio dei componenti architetturali (Sistema di interscambio, Sistema di Integrazione, Servizi di registrazione e monitoraggio); Integrazione dell intera filiera e test della stessa; Attivazione Centro Servizi in ambiente di produzione; Formazione; Collaudo delle applicazioni e funzionalità; Avviamento del Centro Servizi INPA Il contesto e gli obiettivi Il progetto Rupar nord-ovest: servizio di interscambio documentale (INPA - interscambio tra pubbliche amministrazioni), approvato dal Dipartimento per l'innovazione e le Tecnologie nell'ambito dell'attuazione del Piano d'azione di e-government nazionale, nasce dalla volontà di migliorare l'efficienza operativa dei servizi resi dalla Pubblica Amministrazione attraverso lo snellimento dei processi relativi all interscambio documentale con l'introduzione dell'interoperabilità dei sistemi di Protocollo. Per interoperabilità dei sistemi di Protocollo viene considerato il trattamento automatico, da parte di un sistema di Protocollo ricevente, delle informazioni trasmesse da un sistema di Protocollo mittente, allo scopo di automatizzare le attività ed i processi amministrativi conseguenti. L obiettivo del progetto è quindi fornire un Sistema di Interscambio Documentale che possa essere fruito da Amministrazioni con sistemi di Protocollo informatico proprietari senza forzare l uniformità 17

18 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA di questi, ma garantendo il colloquio tra sistemi differenti, adottando interfacce standard di comunicazione. Le funzionalità di un Sistema di Interscambio di documenti (il sistema di trasporto dei dati) sono, infatti, logicamente separate rispetto a quelle di un Sistema di Protocollo (il sistema di gestione informatica dei dati). INPA interviene nella fase di interscambio documentale tra le Pubbliche Amministrazioni occupandosi dei dati oggetto di scambio: dati di segnatura documenti informatici (documenti digitali o analogici (cartacei digitalizzati) firmati digitalmente) allegati strutturati Per questi motivi la realizzazione di un Sistema di Interscambio riutilizzabile permette di ottimizzare l'intervento progettuale; infatti l'intervento è centralizzato per le parti comuni (l'interoperabilità a norma CNIPA) e decentrato per le parti proprietarie (i sistemi di Protocollo). I vantaggi sono evidenti nel consentire l'aumento del numero di amministrazioni che avranno accesso al circuito di interscambio, in particolare favorendo l accesso da parte delle piccole Amministrazioni, e quindi di miglioramento dell'efficienza operativa della Pubblica Amministrazione nel suo complesso. I beneficiari dell'intervento sono Amministrazioni che utilizzano sistemi di Protocollo informatico diversi, quali: Amministrazioni con sistemi informativi proprietari Amministrazioni che utilizzano servizi applicativi erogati in modalità ASP Amministrazioni che utilizzano servizi applicativi prodotti per la distribuzione (prodotti a catalogo). Nell'ipotesi in cui l'amministrazione che voglia aderire al circuito non abbia a disposizione un sistema informatico di protocollo, il Sistema di Interscambio Documentale mette a disposizione un interfaccia accessibile tramite WEB browser, per la costruzione e la trasmissione della segnatura di protocollo da apporre ai documenti da scambiare. In tale caso le operazioni automatiche in carico al sistema di Protocollo sono demandate all'utente, mentre il sistema va a costruire la segnatura in formato XML da inserire nel messaggio di posta elettronica di cui il documento elettronico oggetto di interscambio costituisce l'allegato. Il sistema andrà infine ad effettuare la trasmissione telematica dei documenti per mezzo di posta elettronica certificata e firmata digitalmente. La condizione per accedere al circuito è l'integrazione del proprio sistema di Protocollo con il Sistema di Interscambio e la definizione e registrazione delle Aree Organizzative Omogenee (AOO) dell'ente nell'indice delle amministrazioni pubbliche e delle AOO. I partner e l organizzazione di progetto Al progetto partecipano diversi attori con ruoli e responsabilità ben distinte: Regioni: Piemonte (coordinatore), Valle d Aosta, Liguria Una serie di enti "riutilizzatori" (Province e Comuni) delle soluzioni e delle esperienze sviluppate 18

19 I PROGETTI nel progetto porta a 17 il numero totale dei partner coinvolti. La Regione Piemonte realizzerà il Sistema di Interscambio sulla base delle specifiche e dei requisiti condivisi con le altre regioni partner (Valle d Aosta e Liguria). Ciascuna Regione e gli Enti riutilizzatori realizzeranno autonomamente le componenti di integrazione tra i rispettivi sistemi di Protocollo e i servizi resi disponibili da INPA. Il piano di lavoro ed i primi risultati ottenuti Il progetto dopo un importante fase di pianificazione e progettazione, conclusasi nel secondo semestre del 2003, ha avviato la realizzazione che al momento è in fase di conclusione. Dopo aver superato con successo le sessioni di monitoraggio del CNIPA tenutesi nel 2004, ad oggi è disponibile una prima versione del software. Sono già state testate le funzionalità di base del sistema di interscambio ed il software è stato rilasciato ed installato in Regione Liguria e Regione Valle d'aosta per le attività di test ed integrazione con i rispettivi sistemi di Protocollo. Nel secondo semestre del 2004 è stato allestito il Centro Servizi Regionale della Valle d Aosta presso il quale sono state installate tutte le componenti fino ad oggi realizzate. Le attività per il 2005 Oltre alle attività di completamento dello sviluppo, delle personalizzazioni, nel contesto della Regione Valle d Aosta, delle componenti di integrazione con il sistema di Protocollo, nel corso del 2005 verrà svolta l attività di erogazione controllata che condurrà al completamento del progetto. 19

20 3 RAPPORTO SULL INNOVAZIONE NELLA REGIONE VALLE D AOSTA 2.2 Le nuove iniziative della fase 2 dell egovernment I progetti per lo sviluppo dei servizi infrastrutturali e il Sistema Pubblico di Connettività (SPC) La prima linea d azione della fase 2 del programma di e-government, a fronte di risorse complessive pari a 35 milioni di (fondi UMTS), intende conseguire in tutti i territori regionali la disponibilità di servizi infrastrutturali adeguati. I servizi infrastrutturali comprendono, in un accezione estesa, tutti quei servizi che un amministrazione regionale o provinciale mette a disposizione degli Enti locali del proprio territorio e che sono necessari per realizzare i servizi di e-government finali. In questa categoria rientrano i servizi di connettività delle reti regionali e/o territoriali e le strutture per la loro gestione, i servizi per la sicurezza di rete, i servizi per l interoperabilità dei protocolli e della gestione documentale, i servizi per l autenticazione degli utenti e di gestione delle smart card per l accesso ai servizi a livello regionale, i servizi per garantire l integrità e la riservatezza dei dati, i servizi per la certificazione dei fornitori, i servizi applicativi di base. La linea ha avuto attuazione tramite l emanazione di un avviso pubblico su scala nazionale, rivolto alle Amministrazioni regionali e le Province autonome di Trento e Bolzano, pubblicato nella G.U. n.127 del 1 giugno 2004 e con scadenza 15 settembre L avviso ha previsto il co-finanziamento di progetti selezionati allo scopo di garantire la copertura territoriale di tutto il paese e promuovere l adeguamento dei servizi infrastrutturali in corso di attuazione presso le Regioni e le Province alle specifiche del SPC. Per i territori coperti dagli interventi sulla banda larga della delibera CIPE, oppure per iniziative già parzialmente realizzate alla data di stipula dell APQ, si è data anche l opportunità di potenziare la banda delle reti regionali e provinciali. I progetti presentati al CNIPA sono stati 58 per un valore di 100 milioni di. La Lombardia ha presentato 8 progetti, il Piemonte e il Lazio 6, il Veneto 5 progetti, l'emilia-romagna e le Marche 4, Campania, FVG 3. Trento e Bolzano 2 assieme a Toscana, Sardegna, Liguria, Basilicata, Calabria. 1 solo progetto è stato presentato da Abruzzo, Puglia, Sicilia, Umbria e Valle D'Aosta. Manca all'appello solo il Molise. Tra i 58 progetti, 17 appartenenti al progetto più ampio denominato ICAR, sono stati in effetti condivisi e definiti e saranno realizzati in collaborazione tra 17 Regioni e la Provincia Autonoma di Trento (per ulteriori informazioni, si veda la sezione dedicata più avanti). Dei 58 progetti, 32 vedono il miglioramento della cooperazione applicativa tra le varie amministrazioni, 16 la costruzione di reti e miglioramento della sicurezza, 4 adeguamenti per l'utilizzo della CNS, 3 per il protocollo informatico e gestione documentale, 2 per sicurezza e cooperazione applicativa, 1 per CNS e cooperazione. 20

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Vademecum. Modalità di pubblicazione dei documenti nell Albo online. Versione

Vademecum. Modalità di pubblicazione dei documenti nell Albo online. Versione Vademecum Modalità di pubblicazione dei documenti nell Albo online Versione 2011 Il presente documento, realizzato all interno delle attività finalizzate alla elaborazione delle Linee guida siti web delle

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA

XIII. B4b OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA Tagung der Alpenkonferenz Réunion de la Conférence alpine Sessione della Conferenza delle Alpi Zasedanje Alpske konference XIII TOP / POJ / ODG / TDR B4b IT OL: DE ANLAGE/ANNEXE/ALLEGATO/PRILOGA 1 ACXIII_B4b_1_it

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli