PIANO DELLA FORMAZIONE ANNO 2009 UFFICI DI STAFF DELLA DIREZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELLA FORMAZIONE ANNO 2009 UFFICI DI STAFF DELLA DIREZIONE"

Transcript

1 PIANO DELLA FORMAZIONE ANNO 2009 UFFICI DI STAFF DELLA DIREZIONE pg 1

2 INDICE Premessa 2 ATTIVITA QUALIFICANTI UFFICI DI STAFF 2 Ufficio di direzione e Staff della direzione generale 2 Programmazione e controllo 3, comunicazione, relazioni 4 Sviluppo organizzativo e sistema informativo 5 Affari generali e legali 6 PROPOSTA PIANO DELLA FORMAZIONE 7 Premessa Dalle competenze dell Ufficio di staff deriva il ruolo trainante ad esso assegnato nel favorire l innovazione ed il conseguente cambiamento organizzativo e soprattutto culturale, nei confronti delle altre Unità operative. La messa in atto dell organizzazione e del governo aziendale contenuti nell Atto aziendale caratterizzate dalla nascita dei distretti e dei dipartimenti, suggerisce il forte contenuto innovativo basato sulla capacità di lavorare in modo strategico, per processi, con i vari sistemi che interagiscono tra loro. E insito, nel concetto di staff la capacità di coniugare al suo interno gli aspetti programmatori, gestionali, assistenziali, formativi, comunicativi, in modo coordinato e continuativo, in conformità alle scelte strategiche dettate dalla Direzione Aziendale. La scommessa è quella di pervenire ad un modello operativo assai integrato pur nella sua complessità che possa essere un riferimento per gli altri Servizi. Si rende pertanto necessario all interno di questo percorso un attività formativa che faciliti la consapevolezza del ruolo assegnatogli, che esamini i nodi focali da affrontare che frenano il cambiamento, che amplifichi la conoscenza esaustiva delle attività dei vari Servizi, ed non ultimo, che agevoli la messa in atto di tutte quelle azioni che determinino il processo di cambiamento richiesto. Per quel che concerne il servizio socio sanitario, essendo ancora in fase di costituzione, è esonerato dalla predisposizione del presente piano della formazione. Infine il servizio delle professioni sanitarie ha predisposto un proprio piano, considerate le peculiarità delle materie oggetto di formazione e l ingente numero di operatori che afferiscono al servizio stesso. ATTIVITA QUALIFICANTI UFFICI DI STAFF Ufficio di direzione e Staff della direzione generale Responsabile Dr. Giuseppe Ottaviani pg 2

3 L area della direzione generale è coordinata dal Responsabile dell Ufficio di Direzione Generale, struttura che supporta la Direzione Aziendale nelle attività di governo della ASL. Al Responsabile dell Ufficio di Direzione sono attribuite le seguenti funzioni: coordinamento delle azioni in merito all attuazione dei programmi individuati dalla Direzione Generale e vigilanza sulla esecuzione delle direttive impartite alle strutture operative sanitarie ed amministrative; raccordo fra le determinazioni assunte dalla Direzione Generale e le attività delle strutture operative aziendali e fra le stesse; coordinamento degli Uffici di Staff della Direzione Generale. Lo staff della Direzione è composto dai seguenti servizi: Programmazione e controllo Sviluppo organizzativo e sistema informativo, comunicazione, relazioni Servizio assistenziale Servizio sociosanitario (art. 14 L.R. 10/06) Affari generali e legali Gli Uffici di Staff garantiscono supporto strategico alla Direzione Generale per le seguenti attività: programmazione aziendale; sviluppo del sistema qualità aziendale conformemente alla normativa in materia di accreditamento istituzionale, miglioramento continuo della qualità delle strutture operative aziendali, formazione continua; definizione e verifica degli obiettivi economici e qualitativi nell ambito del sistema di budgeting; verifica ed analisi dei flussi informativi, dei risultati e dell andamento dei costi; organizzazione dei servizi e sviluppo aziendale; supporto all analisi dei processi ed alla valutazione della qualità degli esiti nella fase di erogazione delle prestazioni, con specifico riferimento alle logiche di economicità, efficacia ed appropriatezza delle cure. Programmazione e controllo Le attività svolte all interno dell Ufficio Programmazione e Controllo di Gestione sono legate allo studio, sviluppo e implementazione dei processi di programmazione e controllo della Asl. Le attività da svolgere sono quindi legate all apprendimento dei meccanismi operativi necessari per il perseguimento e la declinazione della strategia aziendale. In particolare: Attività prettamente programmatorie, sia aziendali sia a supporto delle U.O. e dei neo nati Dipartimenti Aziendali secondo la logica del PDCA (Plan, Do, ChecK, Act); Sistema di Budgeting e Reporting; Supporto al Nucleo di Valutazione per la verifica del raggiungimento degli obiettivi previsti in fase di programmazione; Analisi degli obiettivi assistenziali, in collaborazione con il personale sanitario preposto. Contabilità analitica per CDC (Centro di Costo); Governo dei dati economici delle U.O. con relativi report informativi trimestrali; Redazione e/o verifica di congruità, rispetto agli atti di programmazione, dei modelli ministeriali CE, LA, SP, CP. pg 3

4 , comunicazione, relazioni All interno del servizio si distinguono due attività prevalenti, strutturate e organizzate in due uffici specifici: ufficio comunicazione e ufficio formazione. Ufficio L Ufficio è di recente costituzione nell ambito dello Staff di Direzione aziendale. Nasce dall esigenza di fornire un informazione corretta, puntuale e attenta sugli orari, le attività dell azienda, i progetti. Contribuisce a divulgare sia tra i dipendenti, sia tra gli utenti notizie e informazioni utili ai fini di una corretta gestione dei servizi in ottemperanza alla legge 150 del L Ufficio si occupa di informare i dipendenti e i cittadini sulle attività dell azienda Asl 6 ai fini di un corretto accesso ai servizi in particolare: cura il sito e le notizie e collabora con il sito e gestisce in prima persona tutti i rapporti con il cittadino (urp); aggiorna costantemente, a seguito di comunicazione dei responsabili dei servizi, le informazioni contenute nel sito; emette note stampa per informare i mass media delle attività dell Azienda; cura e collabora nell informare i dipendenti su indirizzi e attività dell Azienda; cura e collabora con i servizi nell organizzare convegni e conferenze a carattere sanitario; cura le conferenze stampa convocate dalla Direzione dell Azienda; cura progetti relativi alla e l informazione quale la Carta dei Servizi e L Ufficio Relazioni con il Pubblico. Ufficio formazione L'Ufficio formazione gestisce direttamente tutte le attività di formazione, quelle organizzate dall azienda e quelle extra aziendali. Contribuisce alla realizzazione degli obiettivi aziendali attraverso un piano formativo mirato, finalizzato all acquisizione generalizzata di strumenti scientifici e culturali in sintonia con gli obiettivi aziendali stessi. L Ufficio formazione, posto in staff alla Direzione Generale, svolge le seguenti attività: Redige il regolamento per la formazione e aggiornamento professionale per il personale dell'azienda Sanitaria di Sanluri, che viene approvato con formale atto deliberativo; Promuove le iniziative finalizzate alla revisione, al completamento e all'adeguamento continuo delle conoscenze, delle capacità operative e delle abilità professionali in rapporto al progredire delle conoscenze scientifiche e tecnologiche e in relazione alle esigenze di funzionalità del complesso dei servizi rispetto alla tutela della salute dei cittadini con caratteristiche di progettualità, di ricorrenza, di continuità e sistematicità degli interventi; Sviluppa processi formativi volti agli aspetti di metodologia del lavoro per una migliore organizzazione dei servizi, per l'impiego ottimale delle risorse umane e materiali e per lo sviluppo di capacità atte a costruire rapporti sempre più efficaci con gli utenti; Collabora con i responsabili delle diverse strutture aziendali e con i referenti dei medici convenzionati, anche attraverso i componenti dell'ufficio, alla rilevazione dei bisogni formativi; pg 4

5 Raccoglie e valuta le indicazioni fornite dai referenti per l'aggiornamento e la formazione professionale di ogni area dipartimentale dell'azienda; Svolge funzioni di informazione e di sensibilizzazione sulle opportunità formative sia obbligatorie che facoltative; Provvede alla realizzazione dei programmi annuali di formazione tramite diverse tipologie di intervento (corsi, convegni ecc.); Reperisce, tramite le modalità operative previste dal Regolamento della formazione e dalla normativa vigente, le risorse professionali, tecniche e strutturali ed economiche necessarie alla realizzazione dei programmi di attività formative ivi comprendendo le convenzioni con l'università - Sviluppa processi di riqualificazione previsti dalle normative vigenti e stabilite dalla contrattazione collettiva; Rappresenta l'azienda per la definizione degli indirizzi e dei programmi di formazione e di aggiornamento previsti dai contratti di lavoro; Provvede alla regolamentazione dei tirocini effettuati presso l'azienda; Assicura che l'aggiornamento facoltativo dei singoli operatori divenga patrimonio sia generale sia soprattutto delle diverse unità operative di appartenenza; Redige un documento annuale di piano e uno relativo all'attività svolta e ne invia copia alla Direzione Generale. Sviluppo organizzativo e sistema informativo Il servizio si occupa di sviluppare ed potenziare gli interventi che mirano a supportare l organizzazione nella definizione puntuale e coerente dei processi di lavoro, delle strutture e dei ruoli che in essi agiscono, il tutto in coerenza con strategie e obiettivi aziendali. Sono inoltre orientati al governo dei processi di cambiamento che possono necessitare allo sviluppo dell Azienda. All interno del servizio si colloca un ufficio specifico: il servizio informativo Servizio informativo Il Sistema Informativo è una tecno-struttura che opera in posizione di staff alla Direzione Generale il cui scopo è quello di assicurare il corretto flusso delle informazioni all interno di tutti i servizi aziendali e verso l esterno. La struttura, centralizzata, è contraddistinta dalle seguenti peculiarità: alta specializzazione e professionalità con autonomia gestionale; attività di supporto nell ambito di processi decisionali e di pianificazione aziendale; forte impatto sui processi aziendali; dotazione strumentale tecnologica di rilevanza. Sono attività proprie della struttura: Sviluppo tecnologico Studio per introduzione o modifica di procedure in relazione a nuove tecnologie; Test di nuove soluzioni tecnologiche; Miglioramento dei sistemi e procedure focalizzato all ottenimento di maggiori funzionalità, sicurezza e risparmio; Aggiornamento costante dei sistemi in ottemperanza alle prescrizioni normative (privacy, sicurezza, conservazione etc.) ed al passo con la tecnologia pg 5

6 Gestione della rete Gestione degli apparati di rete; Gestione dei rapporti con le società che garantiscono la connettività; Gestione delle politiche di sicurezza, accesso, e protezione dati; Monitoraggio e ripristino malfunzionamenti Assistenza Hardware Assistenza/riparazione relative a tutte le problematiche hardware (le tipologie risolvibili in azienda), compresi il salvataggio e ripristino dati (se necessari e possibili) Assistenza software Assistenza relativamente ai sistemi operativi, ai principali pacchetti installati e su procedure specifiche Assistenza per le gare di acquisizione Predisposizione capitolati e disciplinari tecnici per l acquisizione di apparati, software e servizi; Scelta dei dispositivi hardware e del software più appropriati; Definizione delle politiche relative alle licenze software; Distribuzione nuovi apparati Predisposizione, collaudo, consegna/installazione, inventario dei nuovi apparati Consulenza Attività di consulenza ai servizi per la risoluzione di specifiche problematiche e necessità fino alla definizione del progetto Gestione dei rapporti Gestione dei rapporti, nell ambito delle proprie competenze, con le altre amministrazioni pubbliche e con i fornitori di servizi, hardware e software Sviluppo nuovi applicativi software Elaborazione dati Affari generali e legali Il Servizio Affari Generali e Legali è la struttura complessa dell Azienda che sovraintende alla gestione del protocollo generale, gestione albo pretorio aziendale, gestione del contenzioso legale, stipula delle convenzioni e dei contratti con enti pubblici e privati. Gestione delle pratiche legali riguardanti il contenzioso giudiziale e stragiudiziale, adempimenti derivanti da provvedimenti giudiziali, recupero crediti. Consulenza Giuridico-Amministrativa ai Servizi Aziendali. Tenuta dei rapporti con la Conferenza di Distretto e di Azienda, Sindaci dei comuni, Organi Istituzionali, Organizzazioni Sindacali. Attività di controllo delle autocertificazioni relative al diritto all esenzione del pagamento del ticket e trasmissione alla Procura della Repubblica delle autocertificazioni contenenti dichiarazioni mendaci. Gestione delle pratiche relative ai sinistri assicurativi e tenuta dei rapporti con le compagnie assicurative. Gestione procedimenti disciplinari riguardanti i dipendenti. Stipula e rinnovo convenzioni e contratti con enti pubblici e privati. attivazione/rinnovo abbonamenti a giornali e riviste e acquisto di libri. Attività di supporto e segreteria al comitato etico aziendale Attività di supporto al Collegio Sindacale e all Ufficiale Rogante Redazione, registrazione e pubblicazione delle deliberazioni aziendali e delle determinazioni dirigenziali; tenuta e aggiornamento dell albo pretorio. Protocollazione e smistamento ai Servizi di competenza della posta in arrivo, spedizione della corrispondenza in uscita; pg 6

7 istruzione ed evasione delle istanze di accesso agli atti amministrativi; rilevazioni statistiche; gestione pratiche di indennizzo ai sensi della L. 210/92. Gestione convenzioni con Associazioni di Volontariato Emergenza/Urgenza 118. Gestione adempimenti in materia di trattamento dei dati personali. Gestione del sistema di protocollo informatico. PROPOSTA PIANO DELLA FORMAZIONE Di seguito verranno esposte le esigenze formative degli Uffici di Staff. 1) Il sistema sanitario regionale con Il Piano Regionale dei Servizi sanitari ha rafforzato il ruolo dell epidemiologia nel sistema sanitario regionale anche attraverso il potenziamento delle attività e del ruolo dei centri epidemiologici aziendali, la cui funzione prioritaria è quello di rilevare il quadro dei bisogni, della domanda e dei rischi per la salute della popolazione. Tale nuovo impegno rappresenta una sfida per il futuro ma anche un nuovo metodo di lavoro: Il servizio sanitario regionale non deve rispondere solo ai bisogni socio-sanitari emergenti, ma deve sempre più essere orientato a programmare dove e come spendere le proprie energie. Per fare ciò si deve dotare di strumenti informativi e di analisi tali da dare indicazioni su bisogni e/o domande di salute della popolazione. L Atto Aziendale in linea con quanto stabilisce la L.R. 10/06 e lo stesso Piano, prevede la collocazione del CEA nell ambito dello Staff della Direzione Generale e considera pertanto obiettivo strategico il suo sviluppo e corretto funzionamento. In quest ottica sono prioritarie le azioni formative indirizzate a: Analizzare le azioni rivolte a formulare e a definire gli obiettivi assistenziali; costruire un sistema di risposte necessario al loro conseguimento; orientare il controllo strategico e il controllo di gestione verso il governo dell assistenza.; utilizzare specifici programmi per l elaborazione e l analisi dei dati di attività; sviluppare le conoscenze relative alla gestione di sistemi complessi di telecomunicazione. 2) Il d.l. n.112/08 convertito nella legge n.133/08 ha introdotto molteplici novità in materia di rapporto di lavoro dei dipendenti pubblici. Tali novità riguardano soprattutto il sistema di valutazione del personale e delle strutture, la valorizzazione del merito e l incentivazione della produttività. Il cosiddetto decreto Brunetta ha introdotto misure che incidono sullo status del pubblico impiego con forte impatto sulla organizzazione degli enti, sulla contrattazione integrata aziendale, sui vincoli finanziari in materia di fondi contrattuali e di valutazione del personale. L esame complessivo del provvedimento, la graduazione delle funzioni dirigenziali e delle posizioni organizzative, anche alla luce del nuovo modello organizzativo basato sui dipartimenti e distretti forti, si pone quale azione prioritaria. 3) Considerato il ruolo trainante e la nuova organizzazione dell Ufficio di Staff si intende proseguire in un impegno di integrazione delle funzioni di supporto (staff) al governo del sistema aziendale promuovendo un riflessione con i dirigenti responsabili delle stesse funzioni al fine di perseguire una strategia ed una articolazione operativa coordinata e integrata. Le questioni di governance complessiva, infatti, si inseriscono nelle fatiche di costruire sistemi in grado di integrare le viste globali di sistema (sia sociale che organizzativo) con attese e spinte più o meno consapevoli di spazi individuali propri di professioni come quelle sanitarie. E importante partire da una riflessione nel merito di un management capace di coniugare spinte professionali ed esigenze per collocare adeguatamente il tema del Governo e dei suoi strumenti tecnici tra cui si iscrive l insieme delle funzioni di Staff ben elencate nell atto Aziendale. pg 7

8 4) Per quel che concerne le attività legate alla Programmazione ed al Controllo di gestione si evidenziano le seguenti necessità formative: corso di formazione sulle metodologie ed i sistemi di programmazione nelle aziende sanitarie; aggiornamento sui sistemi di contabilità analitica e sull attuazione di sistemi di reporting; metodologie di elaborazione dati socio sanitari a fini programmatori e di stesura di documenti di rendicontazione con descrizione quali quantitativa delle attività svolte. 5) Per quel che concerne le attività legate all ufficio formazione e comunicazione, si evidenziano i seguenti punti: formazione di una parte dei dipendenti in ordine all organizzazione dell'urp; formazione dei dipendenti del servizio stesso ai fini di divenire provider accreditati secondo quanto previsto dall accordo Stato Regioni. 6) Si rende altresì necessario, al fine di completare la formazione per lo svolgimento delle attività specifiche del Servizio Affari Generali e Legali: l approfondimento delle tematiche inerenti gli adempimenti in materia di privacy e di accesso agli atti; l aggiornamento delle competenze in ordine al procedimento disciplinare anche alla luce delle recenti novità normative; l approfondimento delle tematiche inerenti gli aspetti processuali e sostanziali connessi alle pratiche legali di competenza del Servizio, con particolare riferimento alle problematiche relative all attività aziendale di carattere amministrativo, civile, contrattuale, patrimoniale; l aggiornamento e l adeguamento delle conoscenze in ordine all iter del procedimento amministrativo dei dipendenti che operano nei Distretti e nel Presidio Ospedaliero facenti capo al Servizio Affari Generali; l acquisizione delle informazioni specifiche rese indispensabili dalla costante evoluzione del quadro normativo, con particolare riferimento alla responsabilità amministrativopatrimoniale, al recupero crediti, al contenzioso amministrativo e civilistico. pg 8

9 STRUTTURA PROPONENTE: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Titolo progetto formativo n. partecipanti previsto e Servizi coinvolti n. ore Costo previsto in Autoformazio ECM destinatari minime di euro ne si/no Si/no formazione Docenti interni/esterni Aggiornamento, formazione e informazione degli Dirigenti medici tutti NO docenti SI operatori in tema di contrasto al tabagismo Infermiere professionale esterni Dirigenti biologi dirigenti veterinari tecnici della prevenzione Aggiornamento e formazione degli operatori in Tecnici della prevenzione tutti NO docenti SI tema di prevenzione dell uso dell alcool in Dirigenti medici esterni ambiente di lavoro e nei giovani Dirigenti biologi Approfondimenti sulle problematiche legate Dirigenti medici tutti SI SI all uso dei fitofarmaci tecnici della prevenzione Docenti dirigenti biologi interni dirigenti veterinari pg 9

10 STRUTTURA PROPONENTE: SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Titolo progetto formativo n. partecipanti previsto e destinatari Approfondimenti sul Dlgs 81/2008 (testo unico per la 6 Tecnici della prevenzione sicurezza) 3 Dirigenti medici Titoli I-V Obiettivi: 1Dirigente biologa acquisire conoscenze sulla corretta interpretazione della nuova normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; migliorare le capacità di applicare le procedure previste nello svolgimento delle funzioni di polizia giudiziaria nonche di relazione con gli altri organismi di vigilanza. Servizi coinvolti n. ore minime di formazione Costo previsto Autoformazione si/no Docenti interni/esterni SPRESAL SI Docenti interni ECM Si/no SI migliorare le capacità relazionali e comunicative in occasione dell attività di assistenza a datori di lavoro, dirigenti, preposti, RLS, RSPP e Medici Competenti Approfondimenti sul Dlgs 81/2008 (testo unico per la 6-9 SPRESAL Da finanziamento In parte SI sicurezza) Titoli VI-XIII Tecnici della prevenzione specifico del Docenti interni ed acquisire conoscenze sulla corretta interpretazione della nuova 3 Dirigenti medici servizio esterni normativa, sugli aspetti tecnici e controllo su specifici fattori di 1Dirigente biologa rischio quali: VDT, movimentazione manuale dei carichi, agenti fisici, sostanze pericolose, agenti biologici e atmosfere esplosive Approfondimenti sul rischio amianto- gestione della Dirigenti medici SPRESAL altre Da finanziamento NO docenti interni NO sorveglianza sanitaria degli ex esposti e attivazione del Infermiere professionale ASL della regionale ed esterni pg 10

11 registro degli esposti - sistema informativo per Sardegna coordinamento medici competenti La sicurezza negli appalti - cantieri edili alla luce del D.lgs Tecnici della prevenzione SPRESAL Da finanziamento NO docenti SI 81/2008 Dirigenti medici specifico del esterni servizio Corso di formazione su istituzione e gestione di un sistema di Dirigenti medici SPRESAL altre Da finanziamento NO SI ricerca attiva delle malattie e tumori professionali Infermiere professionali ASL della specifico del servizio Docenti Medici di base Sardegna esterni/interni Medici competenti Medici ospedalieri STRUTTURA PROPONENTE: SANITA ANIMALE Titolo progetto formativo Anagrafe zootecnica informatizzata (BDN):da semplice strumento di rilevazione anagrafica a nodo principale della rete di epidemiosorveglianza, sistema di tracciabilità, sistema informativo sanitario, strumento di supporto per attività di profilassi e controllo, strumento di gestione degli aiuti economici al settore zootecnico, unica fonte ufficiale per ogni attività amministrativa concernente le aziende e gli allevamenti (attività pratiche di approfondimento in piccoli gruppi di lavoro per tutto il personale dei tre Servizi veterinari riguardanti la conoscenza e la concreta operatività della complessa rete di epidemiosorveglianza del Ministero della salute N partecipanti previsto e destinatari N 40 in totale (da suddividere in gruppi di lavoro) Veterinari TDP Amministrativi, Ausiliari Servizi coinvolti Serv. veterinari N Ore di formazione 40 ore in totale di docenza interna Costo previsto 800,00 (32ore X 25,00) docenza interna Tubercolosi animale e tubercolosi umana (recrudescenza della malattia N 40 Serv. veterinari ,00 si ECM si pg 11

12 negli allevamenti bovini della Sardegna, allarme tubercolosi umana nel SISP mondo e in Italia, nuove metodologie diagnostiche, epidemiologia e nuove Veterinari SIAN fonti contagio, prevenzione e piani di controllo) Medici SPRESAL TDP si Valorizzazione dei prodotti alimentari: la filiera agroalimentare suina e N 35 ovina (il controllo di sanità dal campo alla tavola, diversificazione dei prodotti, Serv. veterinari valorizzazione dei prodotti alimentari, la certificazione Kasher dei prodotti Veterinari SIAN ,00 alimentari ovini e caprini, qualità nutrizionali, ecc.) Medici TDP Il settore apistico e correlazioni tra ambiente e salute- (biologia e N 40 Serv. veterinari si tecniche di allevamento, patologie, produzione e commercializzazione dei prodotti dell apicoltura, la preoccupante moria delle api, le api come bioindicatori e biomonitoraggio dei pesticidi) Veterinari Medici TDP SIAN SAS ,00 pg 12

13 STRUTTURA PROPONENTE: SERVIZIO IGIENE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE Contenuto corso N destinatari docenti ECM costi ore Regolamento 882/04 Controllo ufficiale e applicazione procedure audit 12 Servizi veterinari Servizio alimenti e esterni si Audit come strumento di valutazione nutrizione Progettazione, implementazione e valutazione dei sistemi di autocontrollo nelle imprese alimentari e mangimistiche 8 Servizi veterinari Servizio alimenti e Interni-autoformazione si nutrizione Sicurezza alimentare 38 Servizio igiene alimenti o.a. extra aziendale si SIAN Sistemi di accreditamento ai fini dei controlli sulla sicurezza alimentare 15 Servizio igiene alimenti O.A. SIAN extra aziendale si pg 13

14 DIPARTIMENTO DEI SERVIZI ANALISI DEL FABBISOGNO Il presente progetto formativo è mosso nel tentativo di soddisfare alcune esigenze alcune di ordine generale ed altre di ordine particolare come, di seguito, meglio specificato: A. Esigenze Generali: Dipartimentalizzazione Nell anno 2008, l Azienda si è dotata di un nuovo assetto organizzativo che, nello specifico, prevede la istituzione dei dipartimenti. Il Dipartimento dei Servizi (DdS), collocato all'interno del Presidio Ospedaliero "N. Signora di Bonaria" della ASL 6, è un dipartimento di tipo strutturale con funzioni di produzione di servizi sanitari. Il Dipartimento sostiene il processo di rinnovamento dell organizzazione e delle strategie di intervento e consolida l organizzazione dei servizi in una visione improntata sulla centralità dell utente. Considerata l attuale evoluzione delle pratiche cliniche, frutto di un crescente grado di approfondimento delle conoscenze e di frammentazione delle competenze e di progressiva esaltazione delle specializzazioni, il DdS tende a promuovere un progressivo aumento del livello di aggregazione dipartimentale e interdipartimentale, allo scopo di fornire risposte adeguate ai problemi di salute valorizzando gli approcci multidisciplinari e polifunzionali. Il DdS è, quindi, parte attiva per realizzare soluzioni comuni e condivise. Per quanto si evince da questi riferimenti, gli assetti del DdS mirano al perseguimento di una buona pratica clinico-diagnostica (efficacia clinica) sviluppando ed esaltando l appropriatezza delle azioni sanitarie che, in modo diretto, ottimizzano il processo assistenziale e che, nel contempo, razionalizzano il controllo del processo di consumo delle risorse (efficienza clinica). In funzione del raggiungimento degli obiettivi strategici della ASL6, pertanto, la mission del DdS è rappresentata dal perseguimento di una condizione di efficienza clinica volta a perseguire e realizzare le condizioni per il conseguimento dell efficienza manageriale. Nell'ambito del nuovo regolamento del Dipartimento, approvato in ottemperanza a quanto stabilito dall'atto Aziendale, è prevista l'individuazione delle strutture complesse e semplici afferenti al Dipartimento in questione. pg 14

15 Il Dipartimento dei Servizi, in particolare, è costituito dalle seguenti strutture complesse: centro trasfusionale servizio laboratorio analisi servizio radiologia servizio pronto soccorso e osservazione breve e dalla seguente struttura semplice dipartimentale: farmaceutica ospedaliera In sintesi le esigenze che il presente progetto formativo intende soddisfare in riferimento a quelle scaturite dall attuale assetto organizzativo dipartimentale, sono le seguenti: 1. Aggregazione dipartimentale. 2. Percorsi e soluzioni comuni e condivise. 3. Buona pratica clinico-diagnostica (efficacia clinica). 4. Razionalizzazione del processo di consumo (efficienza clinica). 5. Raggiungimento obiettivi strategici (efficienza manageriale). B. Esigenze generali: ECM L attuale normativa regionale e nazionale in materia di ECM, impone agli operatori sanitari di raggiungere un numero di crediti ECM di 150 ripartiti nel triennio Risulta pertanto obbligatorio, al management aziendale, offrire a tutti gli operatori sanitari, l opportunità di formazione, di aggiornamento e di addestramento e, nel contempo, l opportunità di raggiungere un numero di crediti ECM come suggerito dalla normativa. C. Esigenze particolari: contesto. Il DdS è costituito dall aggregazione di 4 strutture complesse e da una struttura semplice dipartimentale, come sopra descritto (par. A). L organizzazione del lavoro di ciascun servizio afferente al Dipartimento, si base sull espletamento di due turni giornalieri (mattutino, serale) con le pronte disponibilità notturne e festive, ad eccezione del Pronto Soccorso dove sono espletati tre turni giornalieri (mattutino, serale e notturno). pg 15

16 Gli eventi formativi devono, pertanto, trovare un loro spazio in un sì fatto contesto senza che rappresentino, al tempo stesso, una causa di interferenza con le attività quotidiane degli operatori e che sottraggano risorse alla produttività dei servizi. D. Esigenze particolari: criticità Oltre alle criticità derivate dalle esigenze generali di cui ai par. A e B (aggregazione dipartimentale, efficienza clinica, ecc), sono da annoverasi delle criticità di processo o derivate dalle attività quotidiane di ciascun servizio, le cui risoluzioni pongono le basi per l avvio di un miglioramento continuo. Tra queste sono da evidenziarsi le criticità di seguito riportate e relative a ciascun servizio: Laboratorio. Nel corso degli anni recenti il Laboratorio ha subito due importanti riorganizzazioni delle attività che riguardano l impostazione di un Sistema Gestionale Qualità (SGQ), certificato da organismo terzo in quanto conforme alla Norma internazionale ISO UNI EN 9001:2000, e la più recente istituzione del Laboratorio Unico Logico (LUL) secondo i requisiti contenuti nel piano di riqualificazione regionale. Le criticità del servizio risultano dalla analisi delle non-conformità e reclami che, il SGQ, ha puntualmente rilevato, accertato e documentato nel tentativo di risolverle in un ottica del miglioramento continuo. Lo stesso SGQ del Laboratorio evidenzia l importanza di un piano formativo, rivolto a tutto il personale del servizio, che tenti di colmare le criticità rilevate e, in particolare, quelle derivate dal nuovo contesto lavorativo rappresentato dal LUL. Centro Trasfusionale. La letteratura internazionale dimostra quanto sia importate avvalersi, in questo servizio, di uno strumento, peraltro consolidato in altre realtà, che permetta la gestione del rischio clinico. Data la delicatezza dei processi, che espongono il ricevente a rischi trasfusionali (emolisi) oltre che a rischi infettivi, tutte le suddette fasi devono essere sottoposte ad un controllo rigido e rigoroso in modo da azzerare gli incidenti trasfusionali e la trasmissione di malattie infettive. L obiettivo è quello di garantire delle prestazioni di qualità e sicure in tutte le fasi del processo attraverso l impostazione di un sistema organizzato in grado di identificare, valutare e trattare in modo sistematico i rischi, attuali e potenziali, aumentando la sicurezza dei pazienti, riducendo al minimo i margini di errore, in modo da dare, anche, a tutte le parti pg 16

17 interessate ed in particolare al paziente la massima protezione possibile nei confronti dei danni conseguenti ad errori (umani e di sistema). Il tema dell errore in medicina è esploso negli USA col rapporto dell Institute of Medicine (IOM) To err is human: building a safer health system pubblicato nel 1999 e negli ultimi anni la sicurezza del paziente è diventato argomento sempre più discusso e più attuale. L azienda deve ricercare, insieme all efficienza e all efficacia delle prestazioni erogate, anche la sicurezza del servizio offerto: è chiaro, infatti, che laddove il paziente, domandando assistenza che migliori la sua condizione di salute, al contrario riscontra un danno dall atto sanitario, si verifica il fallimento, non solo della singola prestazione, ma dell intero sistema che viene meno alla sua missione. Affinché i servizi sanitari della azienda garantiscano prestazioni sanitarie di qualità è quindi necessario implementare dei sistemi per la gestione del rischio, quest ultimo inteso come la condizione o evento potenziale, che può modificare l esito atteso del processo e quindi anche comportare perdite o danni per le persone coinvolte e per l azienda. Nell ambito del DdS sussistono le condizioni legate alle attività svolte per l avvio di un primo progetto finalizzato alla attivazione di percorsi collegati alla gestione del rischio; in particolare: gli eventi avversi che si sviluppano nel processo trasfusionale sono riconducibili, in modo più palese che in altri settori, al rischio intrinseco connesso alle caratteristiche del processo. D altro canto gli stessi eventi avversi risultano, nello stesso processo trasfusionale e più che in altri settori, più facilmente controllabili, prevedibili ed eliminabili, attraverso lo sviluppo di un sistema collegato alla gestione del rischio che permetta di raggiungere una più efficace tutela della salute dei cittadini attraverso il conseguimento dei più alti livelli di sicurezza nell ambito di tutto il processo di produzione e donazione del sangue e dei suoi componenti. Anche il Piano Sangue (allegato alla delibera G.R. n. 46/1 del ) esplicita tale esigenza e definisce la necessità di implementare, per il processo trasfusionale, un sistema di sorveglianza secondo un ottica di risk management. Il DdS, attualmente, supporta attività e processi collegati alla gestione del rischio nel processo trasfusionale in quanto la risoluzione della problematica, relativa alla sicurezza, è una esigenza impellente sia per le caratteristiche intrinseche del processo, sia per le conseguenze anche drammatiche dovute all errore; il progetto proposto potrebbe, quindi, muovere dall area trasfusionale ed essere esteso a diverse altre attività sanitarie in base alle priorità in termini di rischio. pg 17

18 Il Risk Management, letteralmente Gestione del Rischio, è l insieme degli strumenti, dei metodi e delle azioni attivate, mediante cui si misura o si stima il rischio e successivamente si sviluppano strategie per governarlo. L introduzione di una metodologia logica e sistematica che consenta, attraverso step successivi, di identificare, valutare, comunicare, eliminare e monitorare i rischi associati a qualsiasi attività sanitaria, può e deve poi essere promossa insieme ad una cultura del rischio fondata sulla convinzione che gli errori rappresentano, se adeguatamente analizzati, preziose opportunità di apprendimento e di miglioramento. L evento avverso non è conseguenza di un singolo errore umano, ma il frutto di una interazione tra fattori tecnici, organizzativi e di processo Non si deve pertanto perseguire un approccio punitivo ma promuovere invece l analisi approfondita e la ricerca delle cause con la finalità di prevenire il ripetersi delle stesse condizioni di rischio o di limitare il danno quando questo si è ormai verificato. Radiologia. I corsi, finalizzati alla formazione ed all aggiornamento professionale obbligatorio, hanno obiettivo primario di migliorare le conoscenze professionali del personale medico, tecnico ed infermieristico; gli argomenti saranno quindi correlati alle attività di competenza, ma di interesse anche generale. Ampio spazio sarà concesso al dialogo tra i partecipanti (docenti e discenti ) per la disamina degli argomenti trattati e sono previste delle esercitazioni. Al termine delle relazioni verrà effettuato il test di verifica dell apprendimento, con domande a risposta multipla. Gli stessi operatori del servizio di radiologia relazioneranno sui seguenti temi: Radiobiologia La radiobiologia è la scienza che studia gli effetti (danni)delle radiazioni ionizzanti sulle cellule viventi. Il controllo dell esposizione degli individui della popolazione deve essere effettuato per quanto riguarda le normali situazioni, a livello della singola sorgente di rischio, piuttosto che a livello ambientale. Devono essere cioè poste restrizioni pratiche alle fonti di esposizione. In pratica l esposizione degli individui del pubblico é tenuta sotto controllo utilizzando il principio dell ottimizzazione con la scelta di opportuni vincoli di dose. danni da radiazioni ionizzanti Sugli organi bersaglio, sull organismo, sulla popolazione. legge 187 ed aggiornamenti Decreto Legislativo 26 maggio 2000, n. 187"Attuazione della direttiva 97/43/Euratom in materia di protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti pg 18

19 connesse ad esposizioni mediche" riguardante la protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse a esposizioni mediche e che abroga la direttiva 84/466/Euratom, il cui campo di applicazione riguarda le esposizioni mediche alle radiazioni ionizzanti: a) esposizione di pazienti nell'ambito della rispettiva diagnosi o trattamento medico; b) esposizione di persone nell'ambito della sorveglianza sanitaria professionale; c) esposizione di persone nell'ambito di programmi di screening sanitario; d) esposizione di persone sane o di pazienti che partecipano volontariamente a programmi di ricerca medica o biomedica, in campo diagnostico o terapeutico; e) esposizione di persone nell'ambito di procedure medico-legali. DPI e protezione del paziente Per dispositivi di protezione individuale ( DPI) si intende (art. 40 DL 626/94) qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi sucscettibili di minacciare la sicurezza e la salute durante il lavoro Protezione del paziente Ruolo del personale infermieristico in un servizio di radiologia RIS e PACS PACS è l'acronimo anglosassone di Picture archiving and communication system (Sistema di archiviazione e trasmissione di immagini). Consiste in un sistema computerizzato per l'archiviazione digitale delle immagini radiologiche e la loro trasmissione e visualizzazione su workstation dedicate, collegate mediante rete informatica. Al paziente, invece delle lastre, viene consegnato un CD-ROM contenente gli esami radiologici effettuati. Il PACS si integra con il sistema informatico radiologico o RIS (Radiology Information System) per l'immissione dei dati del paziente nel sistema informatico. Metodologie di indagini Le modifiche della catena dell imaging radiologico, introdotte con l avvento della radiologia digitale, obbligano a conoscere ed utilizzare le nuove procedure relative ai sistemi di rivelazione, riproduzione, elaborazione ed archiviazione dell immagine. Vari prodotti sono ormai presenti nel mercato; è necessario conoscerli per il loro corretto utilizzo. La digitalizzazione delle immagini, inoltre, si abbina all'utilizzo di procedure informatizzate nell'iter dell esecuzione degli esami, con l'impiego di strumenti di lavoro non sempre di uso generalizzato. pg 19

20 La relazione propone, con un taglio estremamente operativo, di fare conoscere lo stato dell arte in tutti i campi di utilizzo dei sistemi digitali in radiologia, di presentare alcune modalità di esecuzione, e di fornire informazioni utili per la pratica clinica. Referente formazione interna: dr. G.M. Cossu. Pronto Soccorso. Tenuto conto della peculiarità del Servizio di Pronto Soccorso, nel programmare la formazione per l anno 2009 è apparso opportuno organizzare eventi formativi finalizzati a rendere omogenea la formazione degli operatori. Lo strumento più appropriato è stato individuato nell organizzazione di incontri che vedano come protagonisti gli stessi operatori del Pronto Soccorso che, implementando la pratica clinica con l evidenza scientifica, relazioneranno su temi di grande impatto, contribuendo a porre le basi per la costruzione di PTD che ben si modellino alla domanda di salute e, soprattutto, alla realtà operativa. Anche nel 2009, secondo il principio della rotazione e delle attitudini individuali, sarà favorita la partecipazione ai corsi di formazione aziendali e ai corsi di formazione della SIMEU ( Società Italiana di Medicina d Urgenza e di Emergenza). La frequenza dei corsi SIMEU riveste particolare importanza perché contribuisce ad acquisire una metodologia operativa che rende omogenea la gestione delle urgenze ed emergenze con le realtà operative regionali e nazionali. Per il 2009 il calendario dei corsi SIMEU non è stato ancora completato e pertanto non è ancora ipotizzabile il n di operatori che potranno frequentare i corsi. Nel corso del 2009 sarà invece completato il percorso A.L.S. ( Advanced Life Support) iniziato nel 2008 che vede tutti gli operatori ( Medici ed Infermieri) impegnati a rotazione. Il Pronto Soccorso per il 2009 intende, inoltre, organizzare: n 2 edizioni di Corso di Ecografia d urgenza p er medici del P.S., S.E.T. 118, aperto anche ai Dirigenti Medici di Chirurgia. n 2 edizioni di Il Triage: funzione di Pronto So ccorso che coinvolge territorio ed Ospedale n 2 edizioni di Osservazione Breve: strumento di deospedalizzazione o di razionalizzazione? pg 20

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali

Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali Testo aggiornato al 28 maggio 2009 Decreto ministeriale 21 dicembre 2007 Gazzetta Ufficiale 16 gennaio 2008, n. 13 Istituzione del sistema informativo dei servizi trasfusionali IL MINISTRO DELLA SALUTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico

Accreditamento. Rischio clinico. Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Accreditamento Rischio clinico Le implicazioni professionali del coordinatore infermieristico Page 1 Il coordinatore : ha la responsabilità di sostenere lo sviluppo di una cultura basata sulla necessità

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria

Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Facoltà di Giurisprudenza Master di I livello in area sanitaria Anno Accademico 2008/2009 PROGETTO FORMARSI PER CRESCERE Proposta formativa in favore dell evoluzione professionale e contrattuale degli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA

ALLEGATO GS1 LISTA DI CONTROLLO PER LA VALUTAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 13 01 Emissione in allegato a procedura verifica GS 4 Maggio 2014 00 Prima emissione Luglio 2013 Revisione Motivo Data Nota: Lo sviluppo e l implementazione dell organizzazione e gestione della

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

DEL DIRETTORE GENERALE

DEL DIRETTORE GENERALE N. 749 del Reg. Decreti del 23/09/2008 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Adriano Marcolongo - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 253 del 31.12.2007 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA

SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Allegato A SISTEMA REGIONALE di EMOVIGILANZA Il contesto Per emovigilanza si intende il sistema delle procedure volte alla rilevazione e monitoraggio delle reazioni indesiderate gravi o inaspettate dei

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati

Concorso Premiamo i risultati Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Cremona - 1 - PREMESSA Il documento

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004

PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004 REGIONE SICILIANA AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE N. 4 ENNA PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE ANNO 2004 A cura dell U.O. Sistema Qualità Totale e Servizio Formazione PREMESSA PREMESSA PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INDICE PARTE I - L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE: I PRINCIPI CAPO I - L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento Art. 1 - Denominazione, sede legale, logo, patrimonio dell

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie

MODULO 1. Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Sicurezza sul lavoro e tutela della salute dei lavoratori nelle farmacie Normativa, organizzazione della prevenzione, diritti e doveri dei soggetti aziendali, organi di vigilanza Modulo 1 La vigente normativa

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SANITARI

CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI SANITARI CARTA DEI SERVIZI www.policlinicogemelli.it I Progetti per la Qualità e gli impegni per il futuro CARTA DEI SERVIZI www.policlinicogemelli.it Il Policlinico A. Gemelli è coinvolto

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001)

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIAE. Società Italiana Autori ed Editori. (ex Decreto Legislativo n. 231/2001) Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Parte Speciale D Salute e Sicurezza MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO di SIAE Società Italiana Autori ed Editori (ex Decreto Legislativo n.

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Piano-programma (P-Pr) aziendale per la Sicurezza e la Gestione del rischio. Annotazioni conclusive - IV (2 luglio 2012)

Piano-programma (P-Pr) aziendale per la Sicurezza e la Gestione del rischio. Annotazioni conclusive - IV (2 luglio 2012) Piano-programma (P-Pr) aziendale per la Sicurezza e la Gestione del rischio. Annotazioni conclusive - IV (2 luglio 2012) Come utilizzare queste annotazioni L intento è quello di offrire una griglia di

Dettagli

Evoluzione della professione infermieristica

Evoluzione della professione infermieristica BOZZA Evoluzione della professione infermieristica Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo di lavoro Regioni-Ministero (sviluppo dei profili di competenza dell infermiere)

Dettagli

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL

Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL Sistemi di Gestione Salute e Sicurezza sui luoghi di Lavoro - SGSL 1 Responsabilità Amministrativa L applicazione dell art. 30 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. rende esimente le aziende, in presenza di un modello

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

AUSL RIMINI. Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica

AUSL RIMINI. Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL RIMINI Assetto Organizzativo del Dipartimento di Sanità Pubblica INDICE 1.1. Dipartimento di Sanità Pubblica...4 1.2. Direttore del Dipartimento...4 1.3. Responsabile Tecnico del Dipartimento...5

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO . Pag 1/8 PROTOCOLLO INTERNO SULLA SALUTE E SICUREZZA PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . Pag 2/8 1 INDIVIDUAZIONE DELLA AREE A RISCHIO NELL AMBITO DELLA

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario) è parte integrante

Dettagli

A SERVIZIO DELL UOMO E DELL IMPRESA Faccia il cielo che ognuno eserciti il mestiere che conosce! (Aristofane) La nostra missione aziendale......superare i vincoli per farli diventare opportunità di miglioramento.

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2 2. Budget: definizione 2 1. Inquadramento I INDICE E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET I compete alle singole strutture operative aziendali. IV) controllo operativo, che si concretizza

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE

Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE Sistema di Gestione della Sicurezza CLAUDIO SOAVE L organizzazione della sicurezza secondo D.Lgs. 81/08 Al datore di lavoro vengono attribuiti compiti di regia e di programmazione della sicurezza in azienda,

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti

I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08. di Paolo Bellotti I SISTEMI DI GESTIONE PER LA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORI SECONDO QUANTO PREVISTO DALL ART. 30 DEL D.Lgs 81/08 di Paolo Bellotti Premessa In questi ultimi anni si è fatto un gran parlare dei sistemi di

Dettagli

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI GRUPPO DI RIFERIMENTO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI REV. DATA 0 8.03.2011 1 24.06.2013 2 3 IL REFERENTE DEL GRUPPO Ing. Alessandro Selbmann

Dettagli

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF Ambito organizzativo proponente / estensore Oggetto atto Atto Direttore Generale Atto Dirigenziale (ove necessaria Determina del Dirig./note) Organizzazione protocollo aziendale Gestione Albo Pretorio

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Principi di costituzione di un modello di organizzazione dei Comandi provinciali: A livello territoriale il Corpo Nazionale

Dettagli

Area I Amministrazione

Area I Amministrazione I Amministrazione AmArea ( Bilancio Sociale 2007 2012 r Sezione 3. Risultati per Aree di attività r Area I. Amministrazione 165 Amministrazione Presentazione Poiché le attività della Fondazione sono assai

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato-

SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- SCHEDA FEDERAVO n 18 (ultimo aggiornamento gennaio 2010) SICUREZZA - Tutela dei volontari nelle Organizzazioni di volontariato- Obiettivo Fornire indicazioni operative in tema di sicurezza Premessa 1)

Dettagli

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici Commissione 12 Igiene e Sanità 8 luglio 2014, Roma Oggetto: Esame del Disegno di legge n 1324 Deleghe al Governo in materia di sperimentazione clinica

Dettagli

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014

Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 Allegato n. 1 alla deliberazione n..del. Piano Annuale di Risk Management Anno 2014 20024 - Garbagnate Milanese - Viale Forlanini, 121 Tel.02.994.301 Cod. Fisc. e Part. IVA 12314450151 posta elettronica

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE Corso di Abilitazione per ASPP/RSPP (Ambito Sanitario) MODULI A-B7-C (corso residenziale) in collaborazione con OMCEO - dei medici-chirurghi e degli odontoiatri CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito 9 ORGANI DI DIREZIONE La A.S.L. Napoli 1 Centro presenta un organizzazione aziendale particolarmente complessa: il Direttore Generale è l organo di vertice a cui sono attribuiti i poteri di gestione, di

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO.

LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO. Allegato A LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO. 1. Premessa Indice 2. Funzioni e competenze

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Visto lo Statuto dell Agenzia delle dogane deliberato dal Comitato direttivo in data 5 dicembre 2000, modificato e integrato con delibere n. 5 del 14 dicembre 2000 e n. 10

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli