INDAGINE TELEMARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINE TELEMARKETING"

Transcript

1 INDAGINE TELEMARKETING

2 INTRODUZIONE L indagine è stata effettuata, mediante intervista telefonica, dalla società Telemarketing per conto dell Area Internazionalizzazione di Assolombarda nel periodo -settembre Sono state coinvolte aziende, delle quali hanno collaborato all iniziativa. Le informazioni richieste, di natura prevalentemente qualitativa, hanno riguardato: l attività/interesse per l Estero l operatività nei seguenti Paesi/Aree geografiche: - Unione Europea - Germania - Francia - Regno Unito - Altri Paesi Europei - Area Mar Caspio - Medio Oriente - Africa - Nord America - America del Sud - Asia - Australia/Nuova Zelanda - Algeria - Egitto - Libia - Marocco - Sud Africa - Tunisia - Operano negli Stati Uniti - Canada - Messico - Cina - Giappone - India - Sud Est Asiatico la presenza nei Paesi/Aree geografiche indicati con Unità Commerciali - con distributore - con agente - con Joint venture - con filiale - con società la presenza nei Paesi/Aree geografiche indicati con Unità Produttive - con Joint venture - con fabbrica di produzione - con unità di assemblaggio - con scambi tecnologici la presenza nei Paesi/Aree geografiche indicati con Sedi di rappresentanza l intenzione a svilupparsi nei Paesi/Aree geografiche indicati - Con obiettivi commerciali - Con obiettivi produttivi - Con obiettivi di rappresentanza la percentuale di fatturato esportato i primi 3 Paesi/Aree Geografiche di interesse. L analisi dei dati è stata curata da Andrea Fioni del Centro Studi di Assolombarda.

3 IL CAMPIONE

4 Le aziende che hanno collaborato sono state complessivamente associate ad Assolombarda, con poco meno di dipendenti a livello italiano, dei quali in unità locali ubicate nell area milanese. Il fatturato complessivo supera i 25,5 mld di. Si tratta di aziende di piccola-media dimensione: circa la metà appartengono alla classe di addetti 16-49, mentre solo in 55 casi gli organici superano i 250 dipendenti. In tal senso il campione rispecchia le caratteristiche dimensionali delle aziende dell area milanese in generale, e di quelle associate in particolare. L impatto occupazionale delle aziende di maggiore dimensione è molto superiore: il 16% dei dipendenti si concentra proprio nelle imprese della classe 250 dipendenti e oltre. La percentuale di addetti alle dipendenze delle grandi aziende supera il 20% se si considera il complesso degli organici, che dimostra la tendenza alla plurilocalizzazione delle imprese di maggiori dimensioni. Le aziende fino a 15 addetti sono quelle a maggior intensità di capitale: il fatturato per addetto è di circa , contro i della classe ed i delle aziende oltre i 250 dipendenti ; le imprese con un numero di addetti tra 50 e 249 sono quelle più labour intensive, essendo il rapporto fatturato/addetto inferiore a Tale risultato si spiega, almeno in parte, per la concentrazione tra le aziende più piccole di molte imprese del settore dei servizi, e, all opposto, per la maggior percentuale di aziende manifatturiere nella classe La tab. 1 a pag. 2 sintetizza le caratteristiche delle aziende, distinte per classe dimensionale, in termini di numerosità, numero di dipendenti totali e milanesi e fatturato; le Figura 1 e Figura 2 illustrano il peso delle diverse classi di dimensione aziendale sul totale delle aziende del campione e dei dipendenti milanesi. L 85% delle aziende svolge un attività di natura manifatturiera: tra queste le più numerose sono quelle meccaniche in senso stretto (465, un terzo del totale). Le aziende del comparto metalmeccanico (comprendente elettronica e metallurgia) pesano complessivamente per il 50%, mentre un azienda su 5 appartiene al comparto chimico-gomma. L incidenza dei lavoratori alle dipendenze delle aziende metalmeccaniche è lievemente inferiore (44%), mentre è più elevato il peso dei dipendenti dell industria della chimica e della gomma (21%) per la maggiore dimensione media delle aziende di quest ultimo comparto. Le Figura 3 e Figura 4 a pag. 3 rappresentano la suddivisione delle aziende e dei relativi dipendenti milanesi tra aziende del terziario e imprese manifatturiere, e - tra queste ultime - nelle principali attività. La propensione all export delle aziende che hanno collaborato all indagine è piuttosto accentuata: solo il 14,5% di loro non esporta. Il 30% esporta fino a un quarto del fatturato, altrettante tra il 25 ed il 50%, mentre per un azienda su quattro il mercato estero prevale su quello interno. Le Figura 5 e Figura 6 a pag. 4 visualizzano l incidenza delle diverse classi di fatturato esportato rispettivamente in termini di numero di aziende e dei loro addetti nell area milanese. 1

5 tab. 1 - Composizione del campione n. aziende dipendenti fatturato Italia di cui Area Milanese (mln di euro) fino a 15 dip dip dip dip. e oltre Totale Figura 1 Numero aziende per classe dimensionale fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre 656 TOTALE aziende 2

6 Figura 2 Numero dipendenti per classe dimensionale fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre TOTALE dipendenti in prov. di Milano Figura 3 Numero aziende per tipo di attività e comparto produttivo alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. servizi TOTALE aziende 3

7 Figura 4 Numero dipendenti per tipo di attività e comparto produttivo alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. servizi TOTALE dipendenti in prov. di Milano Figura 5 Numero aziende per classe di export non esporta meno del 25% del fatturato 25-50% del fatturato oltre il 50% del fatturato TOTALE aziende 4

8 Figura 6 Numero dipendenti per classe di export non esporta meno del 25% del fatturato 25-50% del fatturato oltre il 50% del fatturato TOTALE dipendenti in prov. di Milano 5

9

10 LA PRESENZA - MODALITA

11

12 Le aziende che hanno segnalato la propria presenza sui mercati esteri nella forma di unità commerciali sono risultate 657, pari al 46% di quelle che hanno collaborato. In tal senso, le aziende del comparto chimico-gomma e quelle dell industria elettronica dimostrano una propensione all internazionalizzazione delle attività commerciali superiore a quella che caratterizza gli altri settori manifatturieri: la percentuale di imprese interessate, infatti, raggiunge e supera il 50%. Le forme di unità commerciale più diffuse 1 sono quelle più semplici, dell agente e del distributore, indicate rispettivamente dal 23,3% e dal 21,1% delle aziende. Meno frequenti le forme della filiale (10,9%) e della società (7,8%), che richiedono un investimento finanziario maggiore. In 29 casi (il 2% del totale) ha costituito una unità commerciale in joint venture. Le Figura 7 e Figura 8 a pag. 8 rappresentano graficamente i risultati relativi alla presenza sui mercati esteri mediante unità commerciale, rispettivamente in termini di numero di aziende e di percentuale sul totale delle rispondenti; i risultati per comparto manifatturiero sono riportati nelle Figura 9 e Figura 10 a pag. 9. La presenza estera sotto forma di unità produttiva, più impegnativa sia da un punto di vista finanziario che organizzativo, è stata indicata da un numero sensibilmente inferiore di aziende (105, pari al 7,4% del totale). La maggiore propensione all internazionalizzazione delle aziende del chimico-gomma e di quelle elettroniche trova conferma anche nel caso delle unità produttive (le percentuali sono rispettivamente 8,1 e 9%). Nei casi in cui le aziende hanno scelto tale strategia di penetrazione dei mercati esteri, la forma è stata quasi sempre quella della fabbrica (6%), mentre le unità produttive di assemblaggio, o in joint venture e con scambi tecnologici interessano una percentuale trascurabile di aziende (tra l 1 ed il 2%). Le risultanze dell indagine relative alla presenza di unità produttive sul mercato estero delle imprese milanesi sono illustrate dalle Figura 11 e Figura 12 a pag. 10; le analisi grafiche per comparto manifatturiero sono riportati nelle Figura 13 e Figura 14 a pag. 11. Una terza fattispecie di presenza considerata dall indagine è stata quella delle sedi di rappresentanza. Tale modalità è stata scelta da circa il 20% delle aziende, con punte del 22% nella meccanica e del 25% nell elettronica, come viene evidenziato nei grafici Figura 15 e Figura 16 a pag. 12. Quanto differiscono le strategie di internazionalizzazione delle imprese manifatturiere da quelle del terziario? L opzione della presenza tramite unità commerciale è più frequente tra le prime, mentre paradossalmente tra le aziende che operano nel settore dei servizi è relativamente più diffusa la scelta della delocalizzazione produttiva in altri Paesi. La costituzione di sedi di rappresentanza all estero è la strategia a- dottata dal 26,5% delle aziende di servizi, rispetto al 19,8% delle imprese manifatturiere. La rappresentazione grafica dei risultati è riportata nelle Figura 17 e Figura 18 a pag. 13. Più lineare (e prevedibile, se la si collega alla stretta relazione con la disponibilità di risorse finanziarie) è l influenza delle dimensioni sulle strategie di penetrazione dei mercati esteri. La percentuale di aziende che decide di costituire all estero un unità commerciale, di operare tramite un unità produttiva in loco o di aprire una sede di rappresentanza in un Paese straniero è crescente al crescere delle dimensioni. La rappresentazione grafica dei risultati è riportata nelle Figura 19 e Figura 20 a pag. 14. La percentuale di aziende che dispone di un unità produttiva all estero è relativamente maggiore nelle aziende che, dal punto di vista della propensione all esportazione, si collocano agli estremi opposti: o non esportano nulla (presumibilmente proprio perché producono direttamente in loco) o dipendono quasi totalmente dal mercato non domestico. La costituzione di unità commerciali e di sedi di rappresentanza è una scelta strategica la cui probabilità cresce al crescere della propensione all esportazione dell azienda. La rappresentazione grafica dei risultati è riportata nelle Figura 21 e Figura 22 a pag La somma delle percentuali relative alle diverse forme non coincide con il totale per la possibilità di risposta multipla concessa alle aziende che hanno collaborato 9

13 Figura 7 N. di aziende che ha segnalato la propria presenza sui mercati esteri con UNITA' COMMERCIALI delle tipologie indicate unità commerciali u. c. con agente u. c. con distributore u. c. con filiale u. c. con società u. c. con joint venture Figura 8 % di aziende che ha segnalato la propria presenza sui mercati esteri con UNITA' COMMERCIALI delle tipologie indicate 50,0% 45,0% 46,1% 40,0% 35,0% 30,0% 25,0% 20,0% 23,3% 21,1% 15,0% 10,0% 10,9% 7,8% 5,0% 0,0% unità commerciali u. c. con agente u. c. con distributore 2,0% u. c. con filiale u. c. con società u. c. con joint venture 10

14 Figura 9 Presenza unità commerciali (per comparto manifatturiero) (N. di aziende) Ind. Manif. alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. Figura 10 Presenza unità commerciali (per comparto manifatturiero) (% di aziende sul totale delle rispondenti della stessa tipologia) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 47,0% 37,8% 48,8% 51,9% 33,3% 48,2% 50,8% 36,8% 30% 20% 10% 0% Ind. Manif. alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. 11

15 Figura 11 N. di aziende che ha segnalato la propria presenza sui mercati esteri con UNITA' PRODUTTIVE delle tipologie indicate unità produttive u. p. con fabbrica u. p. con unità di assemblaggio u. p. con joint venture u. p. con scambi tecnologici Figura 12 % di aziende che ha segnalato la propria presenza sui mercati esteri con UNITA' PRODUTTIVE delle tipologie indicate 10,0% 9,0% 8,0% 7,0% 6,0% 5,0% 7,4% 6,0% 4,0% 3,0% 2,0% 1,0% 0,0% 2,0% unità produttive u. p. con fabbrica u. p. con unità di assemblaggio 1,1% 1,0% u. p. con joint venture u. p. con scambi tecnologici 12

16 Figura 13 Presenza unità produttive (per comparto manifatturiero) (N. di aziende) Ind. Manif. alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. Figura 14 Presenza unità produttive (per comparto manifatturiero) (% di aziende sul totale delle rispondenti della stessa tipologia) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 6,6% 0% Ind. Manif. alimentare 8,1% 4,4% 5,0% 4,2% sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica 9,0% 7,3% 8,2% elettronica altre manif. 13

17 Figura 15 Presenza sedi di rappresentanza (per comparto manifatturiero) (N. di aziende) Ind. Manif. alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. Figura 16 Presenza sedi di rappresentanza (per comparto manifatturiero) (% di aziende sul totale delle rispondenti della stessa tipologia) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 19,8% 17,8% 15,0% 18,8% 12,5% 21,9% 24,9% 19,3% 0% Ind. Manif. alimentare sistema moda chimico/gomma metallurgia meccanica elettronica altre manif. 14

18 Figura Modalità di presenza (per attività) (N. di aziende) Ind. Manif. Servizi unità commerciali unità produttive sedi rappr. Figura % Modalità di presenza (per attività) (% di aziende sul totale delle rispondenti della stessa tipologia) 90% 80% 70% Ind. Manif. Servizi 60% 47,0% 50% 40% 40,6% 30% 20% 10% 6,6% 11,4% 19,8% 26,5% 0% unità commerciali unità produttive sedi rappr. 15

19 Figura Modalità di presenza (per dimensione) (N. di aziende) TOTALE fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre unità commerciali unità produttive sedi rappr. 28 Figura % 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 46,1% 39,2% 33,1% Modalità di presenza (per dimensione) (% di aziende sul totale delle rispondenti della stessa tipologia) 59,9% 69,1% 7,4% 3,2% Media fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre 4,0% 11,8% 29,1% 26,4% 20,9% 16,9% 14,5% unità commerciali unità produttive sedi rappr. 50,9% 16

20 Figura 21 Modalità di presenza (per classe di export) (N. di aziende) TOTALE 600 non esporta 500 meno del 25% del fatturato % del fatturato oltre il 50% del fatturato unità commerciali unità produttive sedi rappr Figura 22 Modalità di presenza (per classe di export) (% di aziende sul totale delle rispondenti della stessa tipologia) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 46,1% 58,8% 58,7% Media non esporta meno del 25% del fatturato 25-50% del fatturato oltre il 50% del fatturato 40% 30% 20% 10% 0% 33,6% 24,2% 7,4% 25,5% 25,1% 20,9% 17,1% 9,2% 9,8% 12,1% 8,2% 3,7% unità commerciali unità produttive sedi rappr. 17

21

22 LA PRESENZA - PER PAESE/AREA GEOGRAFICA

23

24 Il 90% delle aziende che hanno collaborato all indagine opera mediante unità commerciali, unità produttive o sedi di rappresentanza nel nostro continente. In proporzione, sono di più le aziende manifatturiere, in particolare quelle con più di 50 dipendenti. Sono presenti in paesi europei la quasi totalità delle aziende che esportano (con una punta del 99,8% tra quelle che esportano tra il 25 ed il 50% del loro fatturato); tra le imprese che non esportano, circa la metà opera direttamente in Europa con unità produttive o commerciali. La Figura 23 a pag. 21 visualizza il numero di aziende che opera in Europa, distinto per tipologia di attività, classe dimensionale e classe di export; la successiva Figura 24 rappresenta gli stessi dati in termini percentuali. Il 60% delle aziende che hanno collaborato all indagine opera mediante unità commerciali, unità produttive o sedi di rappresentanza nel continente americano. La percentuale di aziende manifatturiere è superiore alla media (62,7%); tra quelle con più di 50 dipendenti la percentuale supera il 70%, ma la percentuale più elevata è tra le imprese medio grandi, appartenenti alla classe Su un mercato complesso come quello americano, sono relativamente più presenti le aziende maggiormente export oriented, nelle quali il peso delle vendite interne non supera il 25% del totale. Le Figura 25 e Figura 26 a pag.22 sintetizzano i risultati in termini assoluti e percentuali - relativi alla presenza di aziende milanesi associate ad Assolombarda sul mercato americano. Il mercato africano vede la presenza operativa (vuoi con unità produttive, vuoi con unità commerciali, vuoi con sedi di rappresentanza) di circa il 50% delle aziende dell area milanese. Anche in questo caso si tratta soprattutto di aziende che svolgono un attività manifatturiera. La percentuale più elevata è stata rilevata tra le aziende di dimensioni maggiori (oltre i 250 dipendenti) e più export oriented (con una quota di fatturato esportato superiore al 50%), ma incidenze superiori alla media si registrano anche tra le realtà medio grandi ( addetti) e tra quelle comunque attive sul mercato e- sterno (col 25-50% di fatturato diretto all estero). La sintesi grafica dei risultati relativi alla presenza in Africa delle aziende dell area milanese è illustrata dalla Figura 27 (in cui compaiono il numero assoluto di imprese) e dalla Figura 28 (che riporta l incidenza percentuale rispetto alle aziende di analoga tipologia) di pag. 23. L Asia è il secondo mercato più importante, dopo quello europee, per le aziende che hanno scelto di essere direttamente presenti sui mercati esteri di sbocco: la percentuale è del 64% (inferiore al 90% raggiunto in Europa, ma superiore al 60% dell America). La percentuale è più elevata per le aziende manifatturiere (67,4%), per quelle con più di 50 addetti (75-80%) e per quelle con una quota di fatturato esportato superiore al 25% (75-85%). I risultati relativi alla presenza operativa sui mercati asiatici sono riportati nelle Figura 29 e Figura 30 di pag. 24. Il mercato più piccolo (e quello più lontano), l Oceania, è quello nel quale l indagine ha rilevato la minor percentuale di aziende presenti con stabilimenti, filiali o sedi di rappresentanza: 30%. La percentuale è più elevata (vicina al 50%) è stata rilevata per le aziende per le quali il mercato estero è quello più importante; le imprese attive in Oceania sono più concentrate tra quelle di maggiori dimensioni (oltre i 250 dipendenti), generalmente che svolgono un attività di tipo manifatturiero. I risultati relativi all Oceania sono sintetizzati graficamente nelle Figura 31 e Figura 32 di pag. 25. L analisi della presenza nei singoli Paesi/Aree geografiche complessivamente 25 - segnalati dalle a- ziende è stata effettuata calcolando innanzitutto la percentuale media di aziende presenti: tale percentuale è riportata nella prima colonna delle tab. 2 di pag. 26, tab. 3 di pag. 27, tab. 4 di pag. 28. Per ciascun Paese/Area geografica è stata quindi evidenziata la tipologia d impresa (manifatturieraservizi, piccola-media-grande, orientata al mercato interno o al mercato estero) per la quale è stata rilevata la percentuale più elevata rispetto a quella media, dimostrando in tal modo una sorta di maggior propensione relativa ad operare direttamente su quel territorio. 21

25 I Paesi/Aree geografiche che si differenziano rispetto alla condizione più diffusa - che vede più attive sui mercati esteri le aziende manifatturiere, con più di 250 dipendenti e con oltre il 50% di fatturato e- sportato - sono: l Unione Europea, per la quale la percentuale più elevata (98,6%) è stata rilevata tra le aziende che esportano tra il 25 ed il 50% del loro fatturato; la Tunisia, per la quale la percentuale più elevata (63%) è stata rilevata tra le aziende con un numero di dipendenti compreso tra i 50 ed i 249; la Libia ed il Giappone, per i quali la percentuale più elevata (rispettivamente 33,9 e 61,4%) è stata rilevata tra le aziende del terziario. 22

26 Figura 23 N. di aziende che operano in Europa Servizi Ind. Manif Attività 250 dip. e oltre dip dip Dimensione fino a 15 dip. 216 MEDIA oltre il 50% fatt % fatt. < 25% fatt % export non esporta Figura 24 % di aziende che operano in Europa Servizi Ind. Manif. 78,1% 93,2% Attività 250 dip. e oltre dip dip. fino a 15 dip. 98,2% 93,6% 89,6% 87,1% Dimensione MEDIA 90,8% oltre il 50% fatt % fatt. < 25% fatt. non esporta 46,9% 96,3% 98,9% 99,8% % export 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 23

27 Figura 25 N. di aziende che operano in America Servizi 104 Attività Ind. Manif dip. e oltre dip. 335 Dimensione dip. 378 fino a 15 dip. 108 MEDIA 861 oltre il 50% fatt % fatt. < 25% fatt % export non esporta Figura 26 % di aziende che operano in America Servizi 47,5% Attività Ind. Manif. 62,7% 250 dip. e oltre 70,9% dip. 71,9% Dimensione dip. 57,6% fino a 15 dip. 43,5% MEDIA 60,4% oltre il 50% fatt. 83,5% 25-50% fatt. < 25% fatt. 43,8% 74,0% % export non esporta 27,1% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 24

28 Figura 27 N. di aziende che operano in Africa Servizi 71 Attività Ind. Manif dip. e oltre dip. 262 Dimensione dip. 297 fino a 15 dip. 93 MEDIA 686 oltre il 50% fatt % fatt. < 25% fatt % export non esporta Figura 28 % di aziende che operano in Africa Servizi 32,4% Attività Ind. Manif. 50,9% 250 dip. e oltre 60,0% dip. 56,2% Dimensione dip. 45,3% fino a 15 dip. 37,5% MEDIA 48,1% oltre il 50% fatt. 65,1% 25-50% fatt. < 25% fatt. 36,4% 59,3% % export non esporta 20,3% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 25

29 Figura 29 N. di aziende che operano in Asia Servizi 100 Attività Ind. Manif dip. e oltre dip. 340 Dimensione dip. 399 fino a 15 dip. 131 MEDIA 914 oltre il 50% fatt % fatt. < 25% fatt % export non esporta Figura 30 % di aziende che operano in Asia Servizi 45,7% Attività Ind. Manif. 67,4% 250 dip. e oltre 78,2% dip. 73,0% Dimensione dip. 60,8% fino a 15 dip. 52,8% MEDIA 64,1% oltre il 50% fatt. 85,8% 25-50% fatt. < 25% fatt. 51,2% 76,8% % export non esporta 27,5% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 26

30 Figura 31 N. di aziende che operano in Oceania Servizi 47 Attività Ind. Manif dip. e oltre dip dip Dimensione fino a 15 dip. 52 MEDIA 417 oltre il 50% fatt % fatt. < 25% fatt % export non esporta Figura 32 % di aziende che operano in Oceania Servizi 21,5% Attività Ind. Manif. 30,7% 250 dip. e oltre 41,8% dip. 37,8% Dimensione dip. 25,2% fino a 15 dip. 21,0% MEDIA 29,2% oltre il 50% fatt. 49,4% 25-50% fatt. < 25% fatt. 13,6% 36,5% % export non esporta 12,1% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 27

31 tab. 2 - Percentuale di aziende presenti nei paesi/aree geografiche indicati (per classe di export) Totale non esporta < 25% del fatturato 25-50% del fatturato > 50% del fatturato Unione Europea 95,5% 93,0% 91,2% 98,6% 97,5% Stati Uniti 89,3% 83,9% 86,9% 87,2% 93,3% Francia 83,8% 80,4% 73,7% 87,9% 91,1% Germania 78,5% 72,8% 66,1% 82,2% 89,7% Altri Paesi Europei 68,6% 65,7% 54,0% 73,5% 81,0% Regno Unito 65,4% 59,8% 43,9% 71,1% 84,2% Sud Est Asiatico 65,3% 52,9% 53,8% 64,6% 73,5% Cina 64,2% 55,9% 59,6% 64,2% 67,7% Egitto 59,5% 69,0% 48,3% 60,0% 64,8% Canada 56,8% 41,9% 42,4% 50,8% 72,0% Tunisia 56,6% 55,2% 54,8% 52,8% 61,9% Medio Oriente 55,1% 43,9% 37,8% 63,2% 69,6% Asia 54,4% 53,6% 31,9% 59,5% 75,7% Nord America 52,6% 51,0% 31,1% 57,8% 72,9% Africa 52,0% 43,3% 36,0% 59,2% 65,1% Giappone 51,4% 47,1% 39,4% 51,4% 57,7% Marocco 49,0% 41,4% 42,6% 46,1% 57,4% America del Sud 47,3% 40,0% 28,8% 54,3% 63,4% India 45,5% 32,4% 42,6% 38,9% 55,0% Messico 45,4% 45,2% 24,2% 41,9% 59,6% Sud Africa 45,0% 27,6% 30,4% 40,6% 61,9% Algeria 36,4% 34,5% 32,5% 34,4% 41,2% Australia/Nuova Zelanda 31,7% 25,8% 13,6% 36,6% 49,4% Libia 28,0% 24,1% 25,2% 28,9% 29,5% area Mar Caspio 13,8% 12,5% 4,8% 16,2% 22,3% Nota La percentuale evidenziata è la più elevata rispetto al paese/area geografica indicato tra tutte le tipologie considerate (per attività, dimensione, classe di export) 28

32 tab. 3 - Percentuale di aziende presenti nei paesi/aree geografiche indicati (per classe dimensionale) Totale fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre Unione Europea 95,5% 94,5% 96,0% 96,1% 87,3% Stati Uniti 89,3% 83,6% 87,4% 92,3% 95,8% Francia 83,8% 76,9% 82,6% 87,9% 91,7% Germania 78,5% 66,3% 77,0% 85,8% 83,7% Altri Paesi Europei 68,6% 58,9% 63,2% 79,7% 76,4% Regno Unito 65,4% 52,9% 60,2% 76,1% 87,5% Sud Est Asiatico 65,3% 54,5% 58,9% 72,8% 88,5% Cina 64,2% 59,1% 59,1% 68,9% 81,5% Egitto 59,5% 48,0% 54,7% 68,4% 71,4% Canada 56,8% 50,8% 54,1% 60,3% 70,8% Tunisia 56,6% 58,7% 52,0% 63,0% 50,0% Medio Oriente 55,1% 45,2% 50,3% 64,5% 70,9% Asia 54,4% 42,9% 49,5% 65,5% 63,6% Nord America 52,6% 37,9% 48,8% 63,9% 61,8% Africa 52,0% 42,5% 49,2% 59,3% 60,0% Giappone 51,4% 47,0% 47,7% 55,6% 59,3% Marocco 49,0% 41,3% 43,0% 57,8% 64,3% America del Sud 47,3% 35,6% 41,9% 59,1% 58,2% India 45,5% 33,3% 41,1% 52,3% 59,3% Messico 45,4% 41,0% 40,1% 50,0% 70,8% Sud Africa 45,0% 30,7% 39,5% 56,6% 57,1% Algeria 36,4% 33,3% 33,0% 40,0% 50,0% Australia/Nuova Zelanda 31,7% 23,7% 27,5% 40,0% 41,8% Libia 28,0% 22,7% 26,0% 33,5% 25,0% area Mar Caspio 13,8% 10,0% 10,6% 19,1% 21,8% Nota La percentuale evidenziata è la più elevata rispetto al paese/area geografica indicato tra tutte le tipologie considerate (per attività, dimensione, classe di export) 29

33 tab. 4 - Percentuale di aziende presenti nei paesi/aree geografiche indicati (per attività) Totale IND. MANIFATT. SERVIZI Unione Europea 95,5% 96,6% 88,1% Stati Uniti 89,3% 89,9% 85,3% Francia 83,8% 84,7% 77,6% Germania 78,5% 79,6% 70,7% Altri Paesi Europei 68,6% 69,5% 62,1% Regno Unito 65,4% 65,6% 63,5% Sud Est Asiatico 65,3% 64,4% 71,9% Cina 64,2% 62,6% 75,4% Egitto 59,5% 59,1% 61,4% Canada 56,8% 58,7% 45,6% Tunisia 56,6% 56,7% 55,4% Medio Oriente 55,1% 56,5% 45,5% Asia 54,4% 55,4% 47,7% Nord America 52,6% 52,6% 52,8% Africa 52,0% 53,8% 39,8% Giappone 51,4% 50,2% 61,4% Marocco 49,0% 49,4% 44,6% America del Sud 47,3% 47,6% 44,9% India 45,5% 44,7% 52,6% Messico 45,4% 45,0% 48,5% Sud Africa 45,0% 44,7% 46,4% Algeria 36,4% 36,7% 34,5% Australia/Nuova Zelanda 31,7% 32,5% 26,7% Libia 28,0% 27,3% 33,9% area Mar Caspio 13,8% 13,5% 16,5% Nota La percentuale evidenziata è la più elevata rispetto al paese/area geografica indicato tra tutte le tipologie considerate (per attività, dimensione, classe di export) 30

34 LO SVILUPPO - PER PAESE/AREA GEOGRAFICA

35

36 Alle aziende è stato chiesto di indicare il Paese/Area geografica nei quali hanno intenzione di sviluppare la propria attività, costituendovi filiali commerciali, unità produttive o sedi di rappresentanza. Complessivamente sono stati indicati un centinaio di mercati: la domanda era aperta, quindi senza un elenco predeterminato di possibili risposte (per una miglior leggibilità, nelle rappresentazioni grafiche sono stati indicati i primi 22 della graduatoria). Da un punto di vista commerciale le aree geografiche di maggior interesse sono l Est Europa, che è stata indicata dal 10% delle aziende, e la Cina, la cui percentuale (7,9%) è analoga o addirittura superiore a quella di importanti mercati tradizionali di sbocco per le aziende italiane (e milanesi in particolare) come gli Stati Uniti ed Europa. L importanza dell Est Europa è confermato dalla presenza, al quinto posto, della Russia, con il 4,2% delle indicazioni, un dato in linea con quello di un altro paese con il quale esistono consolidati rapporti commerciali, la Germania. I risultati relativi agli sviluppi commerciali indicati dalle aziende sono sintetizzati nelle rappresentazioni grafiche delle Figura 33 e Figura 34 di pag. 32. I risultati relativi agli obiettivi di sviluppo produttivo confermano sostanzialmente quelli attinenti gli a- spetti commerciali: l Est Europa si conferma al primo posto delle preferenza, con una percentuale del 2%, seguita nell ordine da Cina (1,8%), Stati Uniti (1,4%) ed Europa (1,1%). Il quinto posto della Russia viene preso dal Sud America, che, con lo 0,8% delle indicazioni, precede la Germania (0,7%). La Russia perde posizioni: evidentemente il clima economico e politico in quel Paese è considerato favorevole alle iniziative commerciali molto più che non agli investimenti produttivi. I risultati relativi agli investimenti produttivi previsti dalle aziende sono sintetizzati nelle rappresentazioni grafiche delle Figura 35 e Figura 36 di pag. 33. Est Europa e Cina sono ai primi due posti anche per quanto riguarda la graduatoria delle percentuali di aziende che intendono svilupparsi tramite l apertura di sedi di rappresentanza: le percentuali rilevate sono rispettivamente del 2,2 e del 2,1%. Al terzo posto troviamo gli Stati Uniti (2%); la Germania (1,6%) e la Spagna (1,3%) precedono l Europa (che, con l 1,3% scivola quindi al sesto posto) e la Russia (1,1%). I risultati relativi alle previsioni di internalizzazione mediante l apertura di sedi di rappresentanza sono illustrati nelle Figura 37 e Figura 38 di pag

37 Figura 33 % di aziende che intende svilupparsi con obbiettivi COMMERCIALI nei paesi/aree geografiche indicati 12% 10% 10,2% 8% 7,9% 7,9% 7,6% 6% 4% 4,2% 4,1% 4,0% 3,9% 3,5% 3,2% 2,9% seguono 80 paesi/aree geografiche con percentuali inferiori 2% 2,6% 2,2% 2,0% 2,0% 1,9% 1,4% 1,3% 1,3% 1,3% 1,1% 1,1% 1,0% 0% Est Europa Cina Stati Uniti Europa Russia Germania Sud America Nord America Medio Oriente Asia Unione Europea Francia Spagna Nord Africa Estremo Oriente Giappone Sud Est Asiatico Australia Turchia Regno Unito Africa India Ex Urss Figura 34 N. di aziende che intende svilupparsi con obbiettivi COMMERCIALI nei paesi/aree geografiche indicati seguono 80 paesi/aree geografiche con valori inferiori Est Europa Cina Stati Uniti Europa Russia Germania Sud America Nord America Medio Oriente Asia Unione Europea Francia Spagna Nord Africa Estremo Oriente Giappone Sud Est Asiatico Australia Turchia Regno Unito Africa India Ex Urss 34

38 0,7% 0,6% 0,6% 0,6% 0,6% Figura 35 % di aziende che intende svilupparsi con obbiettivi PRODUTTIVI nei paesi/aree geografiche indicati 3% 2% 2,0% 1,8% 2% 1,4% 1,1% 1% 0,8% seguono 80 paesi/aree geografiche con percentuali inferiori 1% 0,5% 0,4% 0,4% 0,4% 0,3% 0,3% 0,3% 0,3% 0,3% 0,2% 0,2% 0,2% 0,2% 0% Est Europa Cina Stati Uniti Europa Sud America Germania Asia Nord America Medio Oriente Russia Spagna Brasile Messico Francia Africa India Polonia Romania Estremo Oriente Australia Giappone Nord Africa Repubblica Ceca Figura 36 N. di aziende che intende svilupparsi con obbiettivi PRODUTTIVI nei paesi/aree geografiche indicati seguono 80 paesi/aree geografiche con valori inferiori Est Europa Cina Stati Uniti Europa Sud America Germania Asia Nord America Medio Oriente Russia Spagna Brasile Messico Francia Africa India Polonia Romania Estremo Oriente Australia Giappone Nord Africa Repubblica Ceca 35

39 Figura 37 % di aziende che intende svilupparsi con obbiettivi DI RAPPRESENTANZA nei paesi/aree geografiche indicati 3% 2,2% 2,1% 2,0% 2% 1,6% 2% 1,3% 1,3% 1,1% 1% 0,8% 0,8% 0,8% seguono 80 paesi/aree geografiche con percentuali inferiori 1% 0,6% 0,6% 0,5% 0,4% 0,4% 0,4% 0,4% 0,4% 0,4% 0,4% 0,3% 0,3% 0,3% 0% Est Europa Cina Stati Uniti Germania Spagna Europa Russia Sud America Nord America Medio Oriente Giappone Francia Nord Africa Estremo Oriente Africa Turchia Svizzera Portogallo Messico Australia India Canada Brasile Figura 38 N. di aziende che intende svilupparsi con obbiettivi DI RAPPRESENTANZA nei paesi/aree geografiche indicati seguono 80 paesi/aree geografiche con valori inferiori Est Europa Cina Stati Uniti Germania Spagna Europa Russia Sud America Nord America Medio Oriente Giappone Francia Nord Africa Estremo Oriente Africa Turchia Svizzera Portogallo Messico Australia India Canada Brasile 36

40 L INTERESSE - PER PAESE/AREA GEOGRAFICA

41

42 Alle aziende è stato chiesto di indicare il Paese/Area geografica di interesse. Sulla falsariga della metodologia descritta in precedenza relativamente alla presenza (cfr. pag. 19), l analisi è stata effettuata calcolando innanzitutto la percentuale media di aziende interessate: tale percentuale è riportata nella sesta colonna della tab. 5 a pag. 38 e della tab. 6 a pag. 39 (i Paesi/Aree geografiche sono stati riordinati in funzione decrescente della percentuale ottenuta). Per ciascun Paese/Area geografica è stata quindi evidenziata la tipologia d impresa (piccola-media-grande, manifatturiera-servizi) per la quale è stata rilevata la percentuale più elevata rispetto a quella media, dimostrando in tal modo un indicazione di maggior interesse relativo per quel territorio. le aziende di piccola dimensione (fino a 15 dipendenti) denotano una percentuale relativa superiore per: o America o Nord Europa o Asia o Peru' o Europa o Polonia o Medio Oriente o Altri Paesi Europei o Nord America le aziende con dipendenti denotano una percentuale relativa superiore per: o Canada o Sud Est Asiatico o Giappone o Altri Paesi Unione Europea o India o Kazachistan o Libia le aziende con dipendenti denotano una percentuale relativa superiore per: o Cina o Ex Urss le aziende di maggiori dimensioni (250 dipendenti e oltre) denotano una percentuale relativa superiore solo per l Egitto; le aziende manifatturiere non denotano alcuna percentuale relativa superiore; le aziende dei servizi denotano una percentuale relativa superiore in tutti gli altri casi, ovvero per: o Africa o Nord Africa o America Latina o Paesi Arabi o Australia o Romania o Austria o Russia o Bacino Mediterraneo o Spagna o Belgio o Stati Uniti o Paesi Extra Cee o Sud America o Croazia o Svizzera o Est Europa o Turchia o Ex Jugoslavia o Unione Europea o Francia o Estremo Oriente o Germania o Regno Unito o Grecia 39

43 tab. 5 - Percentuale di aziende interessate ai paesi/aree geografiche indicati (per classe dimensionale e attività); 1/2 fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre Totale Ind. Manif. Servizi Europa 4,0% 1,8% 2,4% 0,0% 2,3% 2,0% 3,7% Francia 2,8% 2,3% 0,9% 0,0% 1,8% 1,4% 4,1% Germania 2,0% 1,7% 0,9% 0,0% 1,4% 1,2% 2,7% Unione Europea 1,6% 1,5% 1,1% 0,0% 1,3% 0,4% 6,4% Spagna 2,0% 0,9% 0,4% 0,0% 0,9% 0,7% 2,3% Est Europa 1,2% 1,4% 0,0% 0,0% 0,8% 0,5% 2,7% Medio Oriente 0,8% 0,8% 0,6% 0,0% 0,7% 0,7% 0,5% Regno Unito 1,2% 0,9% 0,2% 0,0% 0,7% 0,6% 1,4% Stati Uniti 0,8% 0,8% 0,2% 0,0% 0,6% 0,4% 1,4% Svizzera 0,4% 0,8% 0,2% 0,0% 0,5% 0,4% 0,9% Sud America 0,8% 0,3% 0,4% 0,0% 0,4% 0,2% 1,4% Bacino Mediterraneo 0,0% 0,5% 0,2% 0,0% 0,3% 0,2% 0,9% Asia 0,8% 0,2% 0,0% 0,0% 0,2% 0,2% 0,5% Australia 0,4% 0,3% 0,0% 0,0% 0,2% 0,1% 0,9% Giappone 0,0% 0,5% 0,0% 0,0% 0,2% 0,2% 0,0% Grecia 0,0% 0,3% 0,2% 0,0% 0,2% 0,2% 0,5% Nord Africa 0,4% 0,2% 0,2% 0,0% 0,2% 0,2% 0,5% Nord America 0,8% 0,2% 0,0% 0,0% 0,2% 0,2% 0,5% Nord Europa 0,4% 0,3% 0,0% 0,0% 0,2% 0,2% 0,0% Romania 0,4% 0,0% 0,4% 0,0% 0,2% 0,1% 0,9% Africa 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,0% 0,5% America 0,4% 0,0% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Nota La percentuale evidenziata è la più elevata rispetto al paese/area geografica indicato tra tutte le tipologie considerate (per classe dimensionale e attività) 40

44 tab. 6 - Percentuale di aziende interessate ai paesi/aree geografiche indicati (per classe dimensionale e attività); 2/2 fino a 15 dip dip dip. 250 dip. e oltre Totale Ind. Manif. Servizi America Latina 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,0% 0,5% Austria 0,4% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% Belgio 0,0% 0,0% 0,2% 0,0% 0,1% 0,0% 0,5% Canada 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Cina 0,0% 0,2% 0,2% 0,0% 0,1% 0,2% 0,0% Croazia 0,4% 0,0% 0,2% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% Egitto 0,0% 0,2% 0,0% 1,8% 0,1% 0,2% 0,0% Ex Jugoslavia 0,0% 0,2% 0,2% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% India 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Libia 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Paesi Arabi 0,4% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% Peru' 0,8% 0,0% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% Polonia 0,4% 0,0% 0,2% 0,0% 0,1% 0,2% 0,0% Russia 0,4% 0,0% 0,2% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% Turchia 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,0% 0,5% Altri Paesi Europei 0,4% 0,0% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Sud Est Asiatico 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Estremo Oriente 0,0% 0,3% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,5% Ex Urss 0,0% 0,0% 0,2% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Kazachistan 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Paesi Extra Cee 0,4% 0,0% 0,0% 0,0% 0,1% 0,0% 0,5% Altri Paesi Unione Europea 0,0% 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% 0,1% 0,0% Nota La percentuale evidenziata è la più elevata rispetto al paese/area geografica indicato tra tutte le tipologie considerate (per classe dimensionale e attività) 41

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA:

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO COMPANY PROFILE CAP: CITTA : PROVINCIA: BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO MOD B COMPANY PROFILE 1) INFORMAZIONI GENERALI RAGIONE SOCIALE: P. IVA: INDIRIZZO: CAP: CITTA

Dettagli

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana

L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana FEDERTRASPORTO L internazionalizzazione del trasporto: la posizione dell impresa italiana I dati dell interscambio con l estero e le tendenze delle M&A e degli Accordi sul mercato globale e nazionale DATI

Dettagli

Situazione produttiva e commercio estero dei Paesi del Bacino del Mediterraneo

Situazione produttiva e commercio estero dei Paesi del Bacino del Mediterraneo Situazione produttiva e commercio estero dei Paesi del Bacino del Mediterraneo Tomas Bosi Cesena, 22 settembre 2015 Melone, superfici e produzione Francia Superficie: meno di 15.000 ha Produzione: 280.000

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

27.281 permessi rilasciati

27.281 permessi rilasciati Corso Libertà 66 / Freiheitsstraße 66 39100 Bolzano / Bozen Alto Adige / Südtirol Tel. ++39 0471 414 435 www.provincia.bz.it/immigrazione www.provinz.bz.it/einwanderung 10/09/2007 Riproduzione parziale

Dettagli

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 16 dicembre 2011 Anni 2009-2011 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel biennio 2010-2011, i principali gruppi multinazionali italiani mostrano una significativa

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese

06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese 06. Spinta all Internazionalizzazione delle Imprese Gli obiettivi specifici per favorire lo sviluppo internazionale delle imprese sono stati: 1. assistere le piccole e medie imprese nella loro attività

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 15 dicembre 2014 Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel 2012, la presenza delle multinazionali italiane all estero

Dettagli

PMI: il punto sull attività negli ultimi 12 mesi Ricerca Zurich sulle PMI - 2014

PMI: il punto sull attività negli ultimi 12 mesi Ricerca Zurich sulle PMI - 2014 PMI: il punto sull attività negli ultimi mesi Ricerca Zurich sulle PMI - 20 1 settembre 20 Indice Introduzione Metodologia pag. 3 Struttura del campione pag. Risultati Sintesi pag. Risultati per regione

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

Struttura e tendenze della spesa degli italiani all estero

Struttura e tendenze della spesa degli italiani all estero Struttura e tendenze della spesa degli italiani all estero Andrea Alivernini L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL 2005 Venezia 11 aprile 2006 http:// ://www.uic.itit Struttura e tendenze della spesa

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

FEM, Gruppo di lavoro Macchine

FEM, Gruppo di lavoro Macchine FEM, Gruppo di lavoro Macchine Il settore delle macchine industriali, o dei Beni strumentali, si compone di 10 comparti organizzati nella Federazione nazionale delle Associazioni dei produttori di Beni

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

PIANO PROMOZIONALE 2015

PIANO PROMOZIONALE 2015 PIANO PROMOZIONALE 2015 IL PROGRAMMA TEMPORALE Definizione Piano Raccolta proposte estero Concertazione Approvazione Piano* Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre * Perché il Piano sia

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

L EXPORT DI CINEMA ITALIANO 2006-2010

L EXPORT DI CINEMA ITALIANO 2006-2010 L EXPORT DI CINEMA ITALIANO 2006-200 Venezia, 4 settembre 202 La ricerca ANICA 2006-200 Indagine su dinamiche, volumi e valori economici dell esportazione dei film italiani all estero. Monitoraggio risultati

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Cosmetica e Made in. Italy. tempi e modi di attraversamento della crisi a confronto... e la sfida dell internazionalizzazione.

Cosmetica e Made in. Italy. tempi e modi di attraversamento della crisi a confronto... e la sfida dell internazionalizzazione. Cosmetica e Made in bologna 8 marzo 2013 Italy tempi e modi di attraversamento della crisi a confronto... e la sfida dell internazionalizzazione Giuseppe Schirone riservatezza Questo documento è la base

Dettagli

EXPORT CHALLENGE Le attese delle P.M.I. NOVEMBRE 2014

EXPORT CHALLENGE Le attese delle P.M.I. NOVEMBRE 2014 EXPORT CHALLENGE Le attese delle P.M.I. NOVEMBRE 2014 Obiettivi e metodologia della ricerca QUAERIS ha realizzato per EXPORT CHALLENGE un sondaggio tra aziende del Nord Est dedite all internazionalizzazione

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di:

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di: La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA A cura di: per: Unioncamere Lombardia Informazione economica per lo sviluppo locale Ottobre 2009 ii INDICE Introduzione... 5 1. La

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

Ulisse per le vendite all estero

Ulisse per le vendite all estero 1Sistema Informativo Ulisse per le vendite all estero Gennaio 2014 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO 2Sistema Informativo, In un contesto di forti cambiamenti dell ambiente

Dettagli

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007

Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 31 maggio 2010 Le imprese a controllo nazionale residenti all estero Anno 2007 L Istat rende disponibili per la prima volta i principali risultati dell indagine sulla struttura e le attività delle affiliate

Dettagli

Sintesi del Rapporto per la Stampa

Sintesi del Rapporto per la Stampa Sintesi del Rapporto per la Stampa Il Rapporto descrive e analizza le dinamiche connesse al movimento transfrontaliero dei rifiuti speciali tra l Italia e gli altri Paesi, europei e non. Per rifiuti speciali

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Alla ricerca della crescita perduta:

Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca della crescita perduta: Alla ricerca opportunità della crescita e ritorni perduta: di un Italia opportunità più internazionale. e ritorni di un Italia più internazionale. roma, 19 novembre

Dettagli

L industria alessandrina della gioielleria: il commercio internazionale Osservatorio Internazionale del Distretto di Valenza e del settore orafo Rocco Paradiso Valenza, 31.01.2008 1 Internazionalizzazione.

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE

GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE GEOGRAFIA TURISTICA CLASSI QUINTE TURISTICO PRIMO QUADRIMESTRE Modulo 1: Sviluppo e sottosviluppo Conoscenza dei seguenti termini: Paesi sottosviluppati e in via di sviluppo, periferia del mondo, potenze

Dettagli

Ricerca globale Zurich Rischi per le piccole e medie imprese

Ricerca globale Zurich Rischi per le piccole e medie imprese Ricerca globale Zurich Rischi per le piccole e medie imprese 2 novembre 20 Indice Introduzione Metodologia pag. Dimensioni del campione pag. 4 Struttura del campione pag. Risultati Sintesi pag. Risultati

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME. Patrocinato da SAIE E PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME. Patrocinato da SAIE E PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME Patrocinato da SAIE E PROMOSSO DA FEDERCOSTRUZIONI Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa- ANIMA EXPORT

Dettagli

1 551 020 1 531 598-19 422-1,3 TICINO Totale 17 400 091 17 769 842 369 751 2,1

1 551 020 1 531 598-19 422-1,3 TICINO Totale 17 400 091 17 769 842 369 751 2,1 Industria alberghiera e altre infrastrutture. Pernottamenti Fonte TS 2013 2014 Differenza Assoluta Differenza % ET Lago Maggiore 6 593 021 6 1 7 2 6 4,5 Gambarogno Turismo 1 357 144 1 366 558 9 414 0,7

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Economia, lavoro e società

Economia, lavoro e società Introduzione L export della piccola impresa Daniele Nicolai 1 2 L export realizzato dalle piccole imprese (< 20 addetti) rappresenta il 13,6% del totale delle esportazioni italiane e ammonta ad oltre 38

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 a cura di Maria

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

IL MARMO ITALIANO FA TRIS: PER IL TERZO ANNO EXPORT IN AUMENTO, IL 2013 CHIUDE A 1,8 MILIARDI DI EURO (+6,6%)

IL MARMO ITALIANO FA TRIS: PER IL TERZO ANNO EXPORT IN AUMENTO, IL 2013 CHIUDE A 1,8 MILIARDI DI EURO (+6,6%) Consuntivo import/export 2013: dati nazionali e focus regionali elaborati dall Osservatorio Marmomacc su base Istat IL MARMO ITALIANO FA TRIS: PER IL TERZO ANNO EXPORT IN AUMENTO, IL 2013 CHIUDE A 1,8

Dettagli

VANTAGGI IMPRESE ESTERE

VANTAGGI IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE IMPRESE ESTERE è il servizio Cerved Group che consente di ottenere le più complete informazioni commerciali e finanziarie sulle imprese operanti in paesi europei ed extra-europei, ottimizzando

Dettagli

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 13 dicembre 2013 Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO La presenza delle imprese italiane all estero si conferma rilevante

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO)

IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO) I Forum di Cronache di Gusto Taormina, 20 ottobre 2014 IL FUTURO DEL VINO (E IL VINO DEL FUTURO) DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa I temi di approfondimento Lo scenario:

Dettagli

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2013. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2013 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Crescita

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT Ricerca INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Sintesi dell intervento di David Pambianco 6 novembre 2012 La ricerca è preceduta da due

Dettagli

A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A

A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A Ma g g i o 2 0 0 3 di G i u s e p p e A i e l l o 1. L andamento

Dettagli

MONDO Scenario economico 2015-2016 Economiche e finanziarie previsioni

MONDO Scenario economico 2015-2016 Economiche e finanziarie previsioni Edizione del 31 marzo 2015 MONDO Scenario economico 2015-2016 La pubblicazione presenta le previsioni degli economisti sui tassi d'interesse, i tassi di cambio, i prezzi delle materie prime e lo scenario

Dettagli

MONDO Scenario economico 2015-2016 Economiche e finanziarie previsioni

MONDO Scenario economico 2015-2016 Economiche e finanziarie previsioni Edizione del 30 giugno 2015 MONDO Scenario economico 2015-2016 La pubblicazione presenta le previsioni degli economisti sui tassi d'interesse, i tassi di cambio, i prezzi delle materie prime e lo scenario

Dettagli

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI

DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI DINAMICA DEL COMMERCIO AGROALIMENTARE MONDIALE: ATTORI E DETERMINANTI Anna Carbone (Università della Tuscia) Antonella Finizia (Ismea) Workshop del Gruppo 2013 L agroalimentare italiano nel commercio mondiale:

Dettagli

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE

LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE 6 novembre 2015 LA STRUTTURAZIONE ATTUALE DELLE IMPRESE DEL VINO ITALIANO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma Responsabile Wine Monitor Outline Evoluzione dei

Dettagli

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda.

Commento ai grafici: l analisi viene condotta su un totale di 215 imprenditori e manager d azienda. RISULTATI SURVEY INTERNATIONAL MANAGEMENT Luglio 2013 Premessa: l Area Executive Education della Fondazione CUOA ha lanciato un indagine per analizzare i fabbisogni formativi di imprenditori, manager e

Dettagli

IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI

IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI IL VINO ITALIANO NEL MERCATO MONDIALE: CRITICITÀ ED OPPORTUNITÀ ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa I temi di approfondimento

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

L evoluzione italiana nel quadro internazionale e l integrazione nella politica energetica

L evoluzione italiana nel quadro internazionale e l integrazione nella politica energetica Irex Annual Report 2013 L evoluzione italiana nel quadro internazionale e l integrazione nella politica energetica Alessandro Marangoni Nuove energie, nuova strategia Roma, 18 aprile 2013 Copyright 2013

Dettagli

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni!

Sensori induttivi miniaturizzati. Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! Sensori induttivi miniaturizzati Riduci le dimensioni e aumenta le prestazioni! AZIENDA Grazie alla sua visione per l innovazione e la valorizzazione tecnologica, Contrinex continua a fissare nuovi standard

Dettagli

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015

Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Rapporto sulla presenza delle imprese di costruzioni italiane nel mondo - 2015 Roma, 5 ottobre 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi Ufficio Lavori all Estero Relazioni Internazionali Le 38 imprese

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2012. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2012 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Espansione

Dettagli

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE

L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LOMBARDE A cura di R&P e Confindustria Lombardia Scaricabile dal sito www.confindustria.lombardia.it Marzo 2011 con il sostegno di SOMMARIO INTRODUZIONE PAG. 1 CAP.

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese e dei merca2. Liceo ginnasio statale A. Canova 17 febbraio 2014

L internazionalizzazione delle imprese e dei merca2. Liceo ginnasio statale A. Canova 17 febbraio 2014 L internazionalizzazione delle imprese e dei merca2 Liceo ginnasio statale A. Canova 17 febbraio 2014 Perché un impresa ha rappor2 con l estero? I suoi rappor2 con l estero rispondono sopra:u:o a (val.

Dettagli

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo

RAPPORTO 2015. sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo RAPPORTO 2015 sulla presenza delle imprese di costruzione italiane nel mondo A CURA DELLA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI E DELL UFFICIO LAVORI ALL ESTERO E RELAZIONI INTERNAZIONALI Dieci anni

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT

GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EXPORT GRADO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE DELLA MODA E DEL LUSSO E DRIVER PER LA CRESCITA DELL EPORT Intervento di David Pambianco Martedì, 6 novembre 2012 Palazzo Mezzanotte Piazza degli

Dettagli

IL PROGETTO emarketservices

IL PROGETTO emarketservices Centro Studi SCiNT IL PROGETTO emarketservices Otranto, 14 giugno 2003 emarket Services Italia 5^modulo d.ssa S. Mussolino (ICE) Scaletta intervento 1. Cos è il progetto emarket Services 2. Ruolo degli

Dettagli

Il lavoro, gli infortuni e le malattie professionali degli stranieri. INAIL Adelina Brusco e Daniela Gallieri

Il lavoro, gli infortuni e le malattie professionali degli stranieri. INAIL Adelina Brusco e Daniela Gallieri Il lavoro, gli infortuni e le malattie professionali degli stranieri INAIL Adelina Brusco e Daniela Gallieri Forum PA 17 maggio 2010 Assicurati, infortuni e malattie professionali sono rilevati tramite

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI

IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI ŀ IL COMMERCIO CON L ESTERO DI APPARECCHI ELETTRICI Il settore degli Apparecchi elettrici rappresenta una voce importante dell interscambio commerciale locale, soprattutto se si pensa che da tempo 1 genera

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE Le attese delle P.M.I. MARZO 2014

INTERNAZIONALIZZAZIONE Le attese delle P.M.I. MARZO 2014 INTERNAZIONALIZZAZIONE Le attese delle P.M.I. MARZO 2014 Obiettivi della ricerca 2 L Istituto di ricerca Quaeris ha condotto una WEB Survey per raccogliere i dati utili per l analisi sull internazionalizzazione

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli