PAC POST 2013, I NUOVI SCENARI DEL SETTORE VITIVINICOLO. Palma Esposito. Responsabile nazionale settore vitivinicolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PAC POST 2013, I NUOVI SCENARI DEL SETTORE VITIVINICOLO. Palma Esposito. Responsabile nazionale settore vitivinicolo"

Transcript

1 PAC POST 2013, I NUOVI SCENARI DEL SETTORE VITIVINICOLO Palma Esposito Responsabile nazionale settore vitivinicolo

2 Principali novità per il vino nella PAC post 2013 e indicazioni temporali

3 PAC post 2013, i nuovi scenari del settore vitivinicolo Il nuovo sistema di gestione del potenziale: dai diritti alle autorizzazioni (lunga discussione e articolato più ampio I temi trattati L ingresso dei viticoltori nel sistema dei pagamenti diretti Le nuove possibilità di finanziamento con l OCM vino e le proposte per la protezione delle MT

4 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo Dal 1 gennaio 2016 il sistema dei diritti di impianto sarà sostituito da un sistema di autorizzazioni all impianto. NUOVA OCM VINO Diritti Trasferibili Acquistabili Durata 8 anni Autorizzazioni Non trasferibili Gratuite Durata 3 anni

5 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo NUOVA OCM VINO Autorizzazioni assegnate in numero definito Ogni anno lo Stato membro può rendere disponibili nuove autorizzazioni equivalenti all 1% della superficie vitata (calcolata al 31 luglio dell anno precedente) Sanzioni Sono previste sanzioni amministrative per chi richiede ed ottiene un autorizzazione all impianto e non la utilizza Sistema limitativo per la crescita delle aziende più dinamiche e con gestione pubblica più complessa e costosa

6 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo L Inventario vitivinicolo italiano (luglio 2012) La situazione attuale (INEA) potenziale di produzione di oltre ha: i vigneti (uva da vino) ha di cui 48% DOP 27% IGP 25% comune diritti di impianto circa ha La superficie impiantata risulta in calo dell 1,8%, rispetto all Inventario dell anno precedente

7 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo Ipotesi INEA aumento annuo dell 1% Ipotesi di implementazione (INEA) In 6 anni le nuove autorizzazioni consentirebbero una crescita(tasso composto) max del 6,2% del potenziale in produzione: ha (più ha)

8 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo Limitazioni alle nuove autorizzazioni NUOVA OCM VINO E possibile definire una percentuale inferiore a livello nazionale e anche limitazioni regionali per specifiche aree (per esempio per aree a DOP)(art. 54b) Lo SM può prendere in considerazione le raccomandazioni delle ORGANIZZAZIONI PROFESSIONALI condivise a livello locale (valide 3aa) Le limitazioni dovranno essere giustificate

9 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo Se ci sono meno richieste rispetto alla disponibilità tutte le richieste saranno accolte Altrimenticriteridipriorità NUOVA OCM VINO Produttori nuovi entranti nel settore Aree dove i vigneti contribuiscono alla conservazione dell ambiente Sostenibilità dei progetti di sviluppo e reimpianto Nuovi impianti che contribuiscono all aumento della competitività dell azienda Progetti di miglioramento qualitativo dei prodotti DO/IG Superfici vitate che potrebbero incrementare la superficie delle piccole e medio aziende (art. 54c)

10 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo Reimpianto da estirpazione NUOVA OCM VINO Il reimpianto è consentito solo nella stessa azienda, previa richiesta di autorizzazione. Sarà possibile applicare delle restrizioni in caso di vini DOP/IGP se proposte (raccomandazioni) dalle organizzazioni professionali(art. 54e)

11 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo NUOVA OCM VINO I diritti in portafoglio I diritti di impianto vitivinicoli "detenuti dai produttori e validi fino al 31 dicembre 2015 possono essere convertiti, su richiesta, in autorizzazioni a decorrere dal 1 gennaio 2016 fino al 31 dicembre 2020, come misura transitoria(art. 54h). Commissione Parlamento Confagricoltura sta seguendo i lavori per la stesura degli atti delegati

12 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo La quota dei diritti di impianto non utilizzati (circa ha) è intorno al 7,6% del potenziale totale. Per la quasi totalità composta dai diritti in portafoglio dei produttori(93% del totale)

13 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo ANALISI INEA Estrema variabilità tra le diverse tipologie di prodotto: nel caso delle DOP e delle IGP i diritti corrispondono ad un «normale» tasso di rinnovo degli impianti (2,9% e 2,0% del vigneto impiantato) Diverso il caso dei vini comuni: i diritti rappresentano il 20% circa dell intero potenziale 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DOP IGP Comune Area investita a vite Diritti di reimpianto Oltre i ¾ dei diritti di impianto traggono origine da vini comuni

14 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo Discussioni future: Modalità di distribuzione delle autorizzazioni Quali regole di assegnazione delle nuove autorizzazioni? Unica dotazione nazionale oppure una ripartizione tra Regioni sulla base di: superficie già impiantata? composizione per tipologia? criterio misto? Sarà possibile un criterio di flessibilità tra Regioni?

15 Il nuovo sistema di gestione del potenziale vitivinicolo NUOVA OCM VINO Durata Il nuovo schema di autorizzazioni all impianto terminerà il 31 dicembre 2030, con una revisione intermedia(art. 54f)

16 Ingresso dei viticoltori nel sistema dei pagamenti diretti Vino e pagamenti diretti nel 2015 La riforma prevede che sia possibile, a scelta dello Stato Membro: Regolamento sui pagamenti diretti inserire gli agricoltori che coltivavano vigneti nel 2013 fra coloro che hanno diritto ai pagamenti diretti

17 Ingresso dei viticoltori nel sistema dei pagamenti diretti Vino e pagamenti diretti. Regolamento sui pagamenti diretti Il Mipaaf non ha attivato alcuna discussione. Il viticoltore cmq riceverebbe un pagamento base molto basso 100/160 euro/ha a regime. SAU Italia 10,5 milioni ha 13 milioni ha con ortofrutta e vigneti

18 Ingresso dei viticoltori nel sistema dei pagamenti diretti Regolamento sui pagamenti diretti Vino pagamenti diretti. I vigneti avrebbero diritto ipso facto anche al pagamento del greening in quanto ritenuti un coltura che soddisfa gli impegni agro ambientali richiesti dalla nuova PAC. Francia ha già deciso di escludere i viticoltori da coloro che hanno diritto ai pagamenti di base Mentre Spagna probabilmente li inseirrà.

19 Le nuove possibilità di finanziamento Conferma del budget europeo per i Piani Nazionali di Sostegno Circa 6,2 mld 1,23 mld per anno per 19 PNS NUOVA OCM VINO e PNS 336 milioni di euro per l ITALIA 2013 Ristrutturazione 124 Promozione nei PT 102 Investimenti 40 Distillazione dei sottoprodotti 20 Vendemmia verde 30 Assicurazione sul raccolto 20

20 Le nuove possibilità di finanziamento Dal 2014 Promozione nel mercato comunitario Azioni informative e non commerciali NUOVA OCM VINO I marchi saranno esclusi Si potranno finanziare le campagne di promozione sul sistema delle DOP IGP le campagne per il consumo responsabile

21 Le nuove possibilità di finanziamento NUOVA OCM VINO Promozione nel mercato comunitario Informazioni ai consumatori sul consumo responsabile di vino e sul rischio dell abuso di alcol (supportate da basi scientifiche). Informazioni ai consumatori sulla tipicità, qualità e condizioni di produzione delle DOP e IGP spiegando in particolare le caratteristiche intrinseche del prodotto dovute all ambiente e inerente i fattori umani. Le campagne informative potranno essere attuate attraverso l organizzazione di eventi, fiere e mostre di carattere nazionale o internazionale. I beneficiari potranno essere le organizzazioni professionali, le organizzazioni di produttori o interprofessionali ed anche le amministrazioni pubbliche.

22 Le nuove possibilità di finanziamento Innovazione NUOVA OCM VINO Nuova misura ammissibile: innovazione nel settore del vino per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie (art. 43 bis) misura più flessibile Sviluppo di nuovi prodotti legati al settore vitivinicolo inclusi i sottoprodotti Sviluppo di nuovi processi e tecnologie necessarie per lo sviluppo dei prodotti vitivinicoli I beneficiari saranno solo i produttori di vino

23 Le nuove possibilità di finanziamento NUOVA OCM VINO Ristrutturazione e riconversione: Modifiche alla misura con i) reimpianto seguente l estirpazione obbligatoria per ragioni fitosanitarie bisognerà monitorare se la sostituzione sarà possibile per singole viti o per parti di vigneto. i) Gli Stati Membri dovranno stilare una lista di malattie e stabilire un piano strategico per combattere questi problemi ii) Le spese non devono superare il 10% del totale delle spesedirrvdiognistatomembro ii) introduzione di sistemi avanzati di produzione sostenibile.

24 Le nuove possibilità di finanziamento NUOVA OCM VINO Ristrutturazione e riconversione: Modifiche al DM nazionale n Il contributo ai costi di ristrutturazione e di riconversione è erogato in una delle seguenti forme: b1) nel limite del 50% (75% nelle Regioni di convergenza) dei costi effettivamente sostenuti e nel rispetto dei prezzari regionali, fino al raggiungimento di un importo massimo di /Ha; b2) in modo forfettario, sulla base dei prezziari regionali e comunque con riferimento ad un importo medio per ettaro fissato, sulla base di analisi dei costi effettuate da Istituti di settore a livello nazionale, in /Ha ( /Ha nelle Regioni di convergenza), Nel 2008 l'importo medio del sostegno era /Ha e /Ha

25 Sistema orizzontale di qualità e menzioni tradizionali Circa 1800 DOP e IGP europee vitivinicole Sistema di qualità Difficoltà della Commissione a proteggere le nostre indicazioni geografiche in ambito WTO ma anche negli accordi bilaterali (menzioni semigeneriche per USA) Propensione della Commissione alla selezione del numero di DOP e IGP da proteggere in base all interesse commerciale ed al rischio di appropriazione da parte del Paese Terzo

26 Riduzione delle menzioni tradizionali Vin Santo Novello Amarone Riserva Menzioni tradizionali 63 solo in Italia Classico Superiore Dal 1 agosto 2009 la Commissione ha ricevuto 22 nuove domande, di cui 7 dagli Stati membri e 15 da paesi terzi (2 dall Argentina e 13 dagli Stati Uniti).

27 Riduzione delle menzioni tradizionali Menzioni tradizionali La Commissione sta già lavorando per ridurre il numero delle 359 menzioni tradizionali da proteggere a livello internazionale. Riduzione della protezione per le menzioni tradizionali generali e non specifiche (riserva, superiore, novello, classico??...). La discussione è ancora aperta e ci sono margini per proporre altri criteri.

28 La nuova proposta legislativa per la gestione del potenziale vitivinicolo Grazie per l attenzione Palma Esposito

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale

La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea. Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La riforma della PAC nelle proposte della Commissione europea Andrea Comacchio Commissario allo sviluppo rurale La PAC nel nuovo bilancio Ue Congelamento della spesa in valori correnti per entrambi i pilastri

Dettagli

PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI

PAC 2020: LA CONTROPROPOSTA APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI PAC 2020: LA "CONTROPROPOSTA" APPROVATA DALLA COMAGRI DEL PE NUOVO REGIME DEI PAGAMENTI DIRETTI ARGOMENTO Convergenza esterna Active farmers Flessibilità tra i pilastri NOVITÀ RISPETTO ALLA PROPOSTA UE

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare 5 aprile 2013 I temi di approfondimento Il percorso

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO N. DEL Disposizioni nazionali di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/08 del Consiglio e (CE) n. 555/08 della Commissione per quanto riguarda l applicazione della misura della riconversione e

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Aumento degli squilibri strutturali tra offerta e domanda, dovuta principalmente al permanere dei sostegni previsti dall OCM I consumi nell UE sono

Aumento degli squilibri strutturali tra offerta e domanda, dovuta principalmente al permanere dei sostegni previsti dall OCM I consumi nell UE sono LA NUOVA OCM VINO 1 Base giuridica Regolamento ( CE) n. 479/2008 del Consiglio del 29 aprile 2008 Relativo all organizzazione comune del mercato vitivinicolo, (In GUCE L.148 del 6.6.2008) Modifica i Reg.ti

Dettagli

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali

8.2.1.2 Descrizione della Misura, inclusa la logica di intervento ed il contributo alle FA ed agli obiettivi trasversali 8.2 Descrizione della Misura 8.2.1 Codice e titolo della Misura Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari. Cod. Misura 3. 8.2.1.1 Basi giuridiche Base giuridica della Misura 3 è l Art. 16 del

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti

La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti La riforma della PAC per il post 2013: principali cambiamenti e possibili impatti Università di Bologna 17 maggio, 2013 I temi di approfondimento Il percorso di riforma Gli obiettivi e lo scenario economico

Dettagli

PROGRAMMA NAZIONALE DI SOSTEGNO DEL SETTORE VITIVINICOLO

PROGRAMMA NAZIONALE DI SOSTEGNO DEL SETTORE VITIVINICOLO PROGRAMMA NAZIONALE DI SOSTEGNO DEL SETTORE VITIVINICOLO 1 PREMESSA Il 1º agosto del 2008 è entrata in vigore la riforma del settore vitivinicolo comunitario, approvata dai ministri dell'agricoltura nel

Dettagli

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Temi La struttura del mercato energetico La questione ambientale come vincolo al

Dettagli

Cofinanziato dalla Commissione Europea

Cofinanziato dalla Commissione Europea Cofinanziato dalla Commissione Europea LA NUOVA PAC A partire da Gennaio 2015 Approccio più mirato e adattabile rispetto al passato Ampia scelta di regimi e misure facoltativi Possibilità di trasferimenti

Dettagli

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014.

Torino, lì 21 ottobre 2013. Alle imprese interessate. Loro Sedi. Oggetto: O.C.M. Vitivinicolo Misura investimenti Prossima Apertura bando 2013-2014. Corso Francia 329 10142 Torino Tel. 011 4343026 011 4345493 Fax 011 4349456 Confcooperative Piemonte Fedagri Corso Francia 329 10142 Torino www.piemonte.confcooperative.it/federazioni.htm www.gestcooper.itfederagro@gestcooper.it

Dettagli

Allegato 1 alla D.G.R. n. del

Allegato 1 alla D.G.R. n. del Allegato 1 alla D.G.R. n. del MISURA INVESTIMENTI Programma Nazionale di Sostegno (PNSV) FINALITÀ AMBITO DI APPLICAZIONE E DURATA DELLA MISURA SOGGETTI AMMISSIBILI AL SOSTEGNO COMUNITARIO TIPOLOGIE DI

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA DETERMINAZIONE N. G08345 DEL 6 LUGLIO 2015 OGGETTO: Reg. (UE) n. 1308/2013 e s.s. m.m. e i.i. e Reg. (CE) n.555/2008 e s.s. m.m. e i.i. Programma Nazionale di Sostegno del settore vitivinicolo. DGR n.

Dettagli

Prof. Andrea Marchini Università degli Studi di Perugia

Prof. Andrea Marchini Università degli Studi di Perugia Prof. Andrea Marchini Università degli Studi di Perugia I vini di alta qualità tra innovazione e promozione: percorsi strategici nella prospettiva 2020 - Andrea Marchini 2 " I vini di alta qualità tra

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

entro 5 giorni lavorativi successivi alla protocollazione.

entro 5 giorni lavorativi successivi alla protocollazione. REGG.(CE) NN. 1234/2007 e 555/2008 RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE VIGNETI DISPOSIZIONI PROCEDURALI RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO, VARIANTE, ANTICIPO E SALDO CAMPAGNA 2010/2011 1

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA

I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA CESAR - ASNACODI Assisi, 13 febbraio 2015 Convegno GESTIRE I RISCHI PER SVILUPPARE L IMPRESA Gestione del rischio in Italia: le nuove prospettive Angelo Frascarelli è docente di Economia e Politica Agraria

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Provvedimenti pubblicati dal 1 gennaio al 18 marzo 2013

Provvedimenti pubblicati dal 1 gennaio al 18 marzo 2013 Provvedimenti pubblicati dal 1 gennaio al 18 marzo 2013 10/01/2013 formaggi vari in aiuto alimentare. Bando per la fornitura e il trasporto di formaggi vari, previsti 6 lotti. L'offerta per accedere alla

Dettagli

Prospettive europee e politiche nazionali

Prospettive europee e politiche nazionali Prospettive europee e politiche nazionali AGRICOLTURA BIOLOGICA E AGRICOLTURA BLU NELLO SVILUPPO RURALE Cremona, 3 Marzo 2015 Patrizia Borsotto Argomenti La Riforma Europea della Regolamentazione del Settore

Dettagli

Report riunione MiPAAF del 17.04.2015

Report riunione MiPAAF del 17.04.2015 Report riunione MiPAAF del 17.04.2015 Il 17 aprile u.s. presso il Mipaaf si è tenuto un incontro tecnico volto all approfondimento e l analisi dei seguenti documenti: - Adeguamento al Trattato di Lisbona

Dettagli

La nuova PAC per la Sardegna

La nuova PAC per la Sardegna Università di Sassari Associazione Studenti di Agraria La nuova PAC per la Sardegna Vincenzo Lenucci Area Economica e Centro Studi - Confagricoltura Aula Magna Dipartimento di Agraria Sassari, venerdì

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 33 del 01/04/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Sport, Turismo e Cultura Politiche Agricole e della Pesca - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Sport, Turismo e Cultura Politiche Agricole e della Pesca - Settore Disposizioni regionali attuative della MISURA INVESTIMENTI del Programma Nazionale di Sostegno (PNS) dell OCM vitivinicola per la annualità 2014. Premessa. L Organizzazione Comune del Mercato vitivinicolo

Dettagli

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio

Il fondo mutualistico: strumento per la gestione del rischio Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Convegno Assicurazioni e gestione del rischio in agricoltura: nuovi strumenti ed innovazioni operative Perugia 26 gennaio 2011 Il fondo mutualistico:

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Giunta Regionale della Campania Decreto Dipartimento: Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali N 40 Del Dipart. Direzione G. Unità O.D. 13/02/2015 52 6 11 Oggetto: Campagna vitivinicola 2014/2015

Dettagli

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo

Il Regime di Pagamento Unico. Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Il Regime di Pagamento Unico Simone Severini DAFNE Facoltà di Agraria Viterbo Riforma Fischler (2003) Motivazioni della riforma Allargamento dell UE del 2004 (15 25 Stati Membri): Nuovi SM: rapporto abitanti/agricoltori;

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Claudio Ansanelli. Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania

Claudio Ansanelli. Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania Claudio Ansanelli Strategie e strumenti di sviluppo per le aziende vitivinicole il ruolo della Regione Campania Un altro convegno, ma non se ne fanno giàtroppi? Stamattina ci occuperemo fondamentalmente

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 45 del 15/04/2014 Oggetto: Reg. CE n. 1234/07

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 263 82279 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 14 dicembre 2012, n. 2796 Applicazione della misura "investimenti" per la viticoltura

Dettagli

Aggiornamento e proposte

Aggiornamento e proposte La riforma della Pac verso il 2020 Aggiornamento e proposte Comitato Direttivo confederale Roma, 10 maggio 2012 Argomenti della presentazione Novità Tempistica Proposte di modifica richieste di Confagricoltura

Dettagli

No, si può partecipare solo con un progetto: o come singolo o in ATI.

No, si può partecipare solo con un progetto: o come singolo o in ATI. 1 Un azienda di medie dimensioni vorrebbe partecipare ad un progetto con una ATI (ed essere quindi propulsiva per il progetto collettivo) ed allo stesso tempo investire risorse per un progetto singolo.

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli

ANNA MARIA DI CIOLLA. Milano 3 LUGLIO 2014

ANNA MARIA DI CIOLLA. Milano 3 LUGLIO 2014 «La nuova Politica Agricola Comunitaria: Aspetti di novità della nuova regolamentazione comunitaria dell OCM vino, con particolare riferimento al nuovo sistema delle Autorizzazione agli impianti» ANNA

Dettagli

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI

LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI LE NUOVE MISURE DELLA GESTIONE DEI RISCHI PAOLA GROSSI PRESIDENTE GRUPPO GESTIONE DEI RISCHI COPA-COGECA 1. QUALI I RISCHI PER UN IMPRESA AGRICOLA 2. PERCHE SOSTENERE LA GESTIONE DEI RISCHI 3. LE POSSIBILITÀ

Dettagli

Riforma della PAC Quadro comunitario e opzioni nazionali. Massimo Chiarelli

Riforma della PAC Quadro comunitario e opzioni nazionali. Massimo Chiarelli Riforma della PAC Quadro comunitario e opzioni nazionali Massimo Chiarelli Slides: Massimo Chiarelli e Vincenzo Lenucci Direzione Economica Confagricoltura Rovigo 30 ottobre 2013 Argomenti della presentazione

Dettagli

Allegato 1 Disposizioni regionali attuative della misura investimenti inserita nel programma nazionale di sostegno, relativa all OCM vitivinicolo. Premessa Le presenti disposizioni attuative si riferiscono

Dettagli

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale

La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale La Valutazione della Convenienza Economica della Filiera del biodiesel a Scala Regionale Filippo Arfini, Michele Donati(Uniparma) Annalisa Zezza (INEA) U.O Economia ANCONA, 26-27 SETTEMBRE 2013 Unità Operativa

Dettagli

La normativa di riferimento

La normativa di riferimento 1 La normativa di riferimento Reg. (UE) n. 261/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio che modifica il Reg.(CE) n.1234/2007 in materia di rapporti contrattuali nel settore del latte e dei prodotti

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE ALLEGATO A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, FORESTE E FORESTAZIONE Avviso ad evidenza pubblica per la presentazione delle domande di riconversione e ristrutturazione dei vigneti annualità 2012,

Dettagli

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria

INFORMA. Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia (PG) Tel: 075.5002953 Fax: 075.5002956 e-mail: umbria@cia.it - web: www.ciaumbria.it facebook

Dettagli

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf Reggio Emilia, 13 febbraio 2014 Presentazione è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), iscritta agli artt.

Dettagli

IT 2014. Relazione speciale CORTE DEI CONTI EUROPEA

IT 2014. Relazione speciale CORTE DEI CONTI EUROPEA IT 2014 n. 09 Relazione speciale Il sostegno dell UE agli investimenti e alla promozione nel settore vitivinicolo è gestito in maniera soddisfacente e il suo contributo alla competitività dei vini dell

Dettagli

L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020. Riunioni di zona 2014. Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli

L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020. Riunioni di zona 2014. Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli L agricoltura dopo la riforma della Pac 2014-2020 Riunioni di zona 2014 Slides di Vincenzo Lenucci e Massimo Chiarelli Argomenti della presentazione 1. I nuovi pagamenti diretti 2. Approfondimenti su:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI

(Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI 5.1.2008 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 3/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 3/2008 DEL CONSIGLIO del 17 dicembre

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato La gestione del rischio Gregorio Rigotti Dipartimento Territorio, Agricoltura, Ambiente e Foreste Trento, 6 marzo 2014 Contenuti La

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Istituzione di una Zona Economica Speciale (ZES)

Dettagli

MARCHE. REGIONE MARCHE "Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2"

MARCHE. REGIONE MARCHE Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2 "Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2" L'obiettivo della misura è quello di mantenere le pratiche di agricoltura biologica anche per rispondere alla domanda

Dettagli

GIOVANI - operazione 6.1.01

GIOVANI - operazione 6.1.01 GIOVANI - operazione 6.1.01 Aiuto all avviamento di imprese per i giovani agricoltori Premio di 50.000 in zona svantaggiata e di 30.000 nelle altre zone per i giovani che: Hanno età < 40 anni al momento

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

TOSCANA. TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA "Finanziamenti per l'area di Piombino" SCADENZA: giugno 2016

TOSCANA. TOSCANAMUOVE Creazione impresa A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA Finanziamenti per l'area di Piombino SCADENZA: giugno 2016 TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" Disponibile il fondo rotativo che intende sostenere attraverso agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e vocuher) per la realizzazione di progetti di investimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

La modifica al Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 viene presentata ai sensi dell articolo 6.1.(c) del Reg. (CE) n. 1974/2006.

La modifica al Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 viene presentata ai sensi dell articolo 6.1.(c) del Reg. (CE) n. 1974/2006. 1 - PARTE GENERALE: Stato membro: Regione: Programma: ITALIA Provincia Autonoma di Bolzano Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 ai sensi del Reg. (CE) n. 1698/2005, approvato con Decisione CE C (2010)

Dettagli

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione)

Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Tabella 1A: Aiuti agli investimenti nelle aziende agricole (produzione) Il sostegno agli investimenti è concesso unicamente ad aziende di provata redditività 1 mediante valutazione delle prospettive (cfr.

Dettagli

D: La trasformazione di contratti da part time a full time rientrano oltre a nuova assunzione negli incrementi previsti?

D: La trasformazione di contratti da part time a full time rientrano oltre a nuova assunzione negli incrementi previsti? P.S.R. 2007/2013 - Misura 123 Azione A "Trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli" Faq aggiornate al 15.04.2010 Acquisto fabbricati D: In riferimento alla Misura 123 Azione A gradirei

Dettagli

IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA GIORNATA ENERGIA PULITA FIERA DEL LEVANTE BARI 18 SETTEMBRE 2008 + 117%! PRIMA.

IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA GIORNATA ENERGIA PULITA FIERA DEL LEVANTE BARI 18 SETTEMBRE 2008 + 117%! PRIMA. IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA Il mercato fotovoltaico italiano, rimasto per molto tempo al palo rispetto ad altri Paesi (come Germania, Giappone, Stati Uniti e Spagna), sta oggi finalmente emergendo

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

DEI CONTI COMMISSIONE

DEI CONTI COMMISSIONE La misura degli investimenti nell ambito dell OCM del vino è stata concepita e attuata in maniera appropriata nel pieno rispetto del principio di economia? CORTE DEI CONTI Non è dimostrato che la misura

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Agricoltura Sport, Turismo e Cultura Settore Politiche agricole e della Pesca

REGIONE LIGURIA Dipartimento Agricoltura Sport, Turismo e Cultura Settore Politiche agricole e della Pesca REGIONE LIGURIA Dipartimento Agricoltura Sport, Turismo e Cultura Settore Politiche agricole e della Pesca Disposizioni regionali attuative della misura di ristrutturazione e riconversione dei vigneti

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148

28-6-2014. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 148 7 RILEVAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE EFFETTIVI GLOBALI MEDI AI FINI DELLA LEGGE SULL USURA Nota metodologica La legge 7 marzo 1996, n. 108, volta a contrastare il fenomeno dell usura, prevede che siano

Dettagli

Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria

Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria Una nuova PAC: quali le novità per le montagne? Fabio Pierangeli Istituto Nazionale di Economia Agraria Implementazione nazionale. A che punto siamo? - 27 maggio accordo politico su importanti opzioni

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria

Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria Dott. Augusto Buldrini Responsabile Servizio Aiuti alle imprese e promozione Regione Umbria INFO(PAC)K: LA PAC INFORMA. Progetto cofinanziato dal PSR Umbria 2007-2013 misura 111, azione a) Attività informative:

Dettagli

LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA

LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA LEGGE 29 NOVEMBRE 2007 N. 222 ART. 5 COMMA 1 E 2. NOTA SULLA METODOLOGIA APPLICATIVA PREMESSA L articolo 5 della legge 29 novembre 2007, n. 222 prevede al comma 1 che: l onere a carico del SSN per l assistenza

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO AGRICOLTURA 21 gennaio 2013, n. 23

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO AGRICOLTURA 21 gennaio 2013, n. 23 3134 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 13 del 24-01-2013 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO AGRICOLTURA 21 gennaio 2013, n. 23 Misura Investimenti Piano Nazionale di Sostegno Vitivinicolo

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

REPORT BANDI PIEMONTE

REPORT BANDI PIEMONTE REPORT BANDI PIEMONTE INDICE FONDO LATTE. FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO E GARANZIA FINO ALL'80% PER SOSTENERE GLI INVESTIMENTI, IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITÀ E DEI DEBITI COMMERCIALI NEL SETTORE

Dettagli

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata

Riforma della PAC Aiuti Diretti. CIA di Treviso - Working Progress - Ultimo Aggiornamento Fine Ottobre Riproduzione Vietata Riforma della PAC Aiuti Diretti Europa 2020 Aiuti diretti Quadro finanziario Pluriennale (QFP) per l Italia 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 TOTALE 3953,3 3902,0 3850,8 3799,5 3751,9 3704,3 3704,3 26.666,38

Dettagli

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati

Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Gabriele Chiodini La nuova Pac: le principali novità e la regola dei pagamenti accoppiati Le riforme della PAC 1962-1968: periodo transitorio; 1968-1984: funzionamento delle OCM; 1984-1988: prima riforma

Dettagli

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011

ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 ANDAMENTO TELEMACO NEL 2011 Gli iscritti Al gli iscritti a Telemaco sono pari a 63.308 con una riduzione di -1.051 unità (-1,6%) rispetto ai 64.359 iscritti della fine del 2010. Nell anno le nuove adesioni

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Luogo di emissione: IL DIRIGENTE DELLA P.F. COMPETITIVITA E SVILUPPO DELL IMPRESA AGRICOLA, STRUTTURA DECENTRATA DI ANCONA E IRRIGAZIONE -. -.

Luogo di emissione: IL DIRIGENTE DELLA P.F. COMPETITIVITA E SVILUPPO DELL IMPRESA AGRICOLA, STRUTTURA DECENTRATA DI ANCONA E IRRIGAZIONE -. -. 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. COMPETITIVITA E SVILUPPO DELL IMPRESA AGRICOLA, STRUTTURA DECENTRATA DI ANCONA E IRRIGAZIONE N. 474/CSI DEL 27/11/2014 Oggetto: Reg. (CE) 1968/2005 - Programma di Sviluppo

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI

2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI 2 - SERVIZIO PER LO SVILUPPO E LA DIVERSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA AZIENDALI Responsabile: Dott. Giuseppe Bursi Tel.: 0917076096 E-mail: agri1.serviziosviluppo@regione.sicilia.it Assegnazione corrispondenza

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei

Corso Tecnico di redazione di progetti Europei Corso Tecnico di redazione di progetti Europei PROGRAMMAZIONE 2014-202O Si sta aprendo il cantiere della programmazione dei Fondi europei 2014-2020. L Unione Europea ha già presentato una strategia generale

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

Politica Agricola comune (2014-2020)

Politica Agricola comune (2014-2020) Politica Agricola comune (2014-2020) Obiettivo La politica agricola comune (PAC) è progettata per offrire una struttura moderna, sostenibile ed efficiente al settore agricolo in Europa. Essa mira a promuovere

Dettagli

Chi ristruttura beneficia di una detrazione nella misura di 9.600 euro per acquisto di elettrodomestici per l immobile ristrutturato

Chi ristruttura beneficia di una detrazione nella misura di 9.600 euro per acquisto di elettrodomestici per l immobile ristrutturato All articolo 11, dopo il comma 1 aggiungere il seguente: 1-bis.La detrazione di cui al comma 1 spetta anche per l acquisto di mobili ed elettrodomestici da incasso di classe energetica non inferiore ad

Dettagli