IL PARCO DEL RUBICONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PARCO DEL RUBICONE"

Transcript

1 COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE Provincia di Forlì-Cesena Unità di Progetto Ufficio di Piano IL PARCO DEL RUBICONE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLO STUDIO DI FATTIBILITA Savignano sul Rubicone Piazza Borghesi, 9 Tel. (0541) Fax (0541) htpp://www. savignanosulrubicone.com e.mail:

2 Indice Premessa... pag. 2 Le funzioni del Parco... pag. 4 ALLEGATO A... pag. 9 22

3 IL PARCO DEL RUBICONE LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLO STUDIO DI FATTIBILITA Premessa Lo studio di fattibilità del Parco del Fiume Rubicone, dal confine con il territorio del comune di Longiano alla foce, ha la finalità di creare le condizioni per promuovere la formazione di un parco fluviale che diventi l occasione di un progetto di riqualificazione ambientale di un ampio territorio e del recupero del rapporto città-fiume. Lo Studio di fattibilità dovrà promuovere e valutare una serie di soluzioni progettuali, previste dallo stesso studio, tese alla riqualificazione ambientale ed urbana delle aree limitrofe al corso del fiume Rubicone, alla salvaguardia del patrimonio naturale ed edilizio, dei valori storici e paesaggistici presenti, fondendo in un unica riflessione campi disciplinari tradizionalmente separati : progettazione ambientale, agronomia, urbanistica,paesaggio, storia del territorio, economia,etc. I contenuti tecnici, procedurali ed urbanistici delle diverse proposte relative al Parco dovranno essere inquadrati in un piu ampio progetto di sviluppo sociale ed economico della città e del territorio, prevedendo la valorizzazione ed incentivazione di occasioni di sviluppo legate al turismo, al commercio, all agricoltura ai settori artigianali e produttivi. In considerazione del carattere strutturante del sistema ambientale del fiume Rubicone per il territorio comunale, in quanto ambito naturale di connessione tra ambienti naturali differenti (dalla collina alla costa) e tra sistemi antropici complessi e diversificati ( dall area agricola collinare, alla periferia residenziale, al centro storico, all area dell alta centralità che il PRG individua come luogo di concentrazione di attività direzionali e di servizio, all area agricola estensiva di pianura, alle frazioni di Bastia, Fiumicino e Capanni, alla zona turistica della costa), si dovranno individuare le vocazioni dei diversi ambiti territoriali limitrofi al corso fluviale, le modalità e le regole attraverso cui costruire un quadro di valutazione delle iniziative di valorizzazione/trasformazione in corso, programmate o da programmare, funzionali alla realizzazione del parco stesso. Tale studio dovrà fornire un utile supporto alla costruzione di un piu generale progetto di sviluppo territoriale che coinvolge tutta la città e i territori limitrofi, prefigurando strumenti perequativi da sviluppare con la pianificazione attuativa in maniera piu globale ed approfondita,ricorrendo nel processo di costruzione del Piano a procedure negoziali La realizzazione del nuovo parco deve costituire l occasione per rileggere ed approfondire alcuni aspetti del territorio comunale, delle dinamiche di sviluppo in corso, degli strumenti urbanistici previsti e vigenti, per proporre ed attuare opportunità localizzative, anche nuove, di sviluppo e di razionalizzazione delle risorse, in un quadro omogeneo di riqualificazione complessiva. Dovranno in particolare essere svolte valutazioni in merito al grado di compatibilità urbanistica e programmatoria degli interventi proposti, la individuazione di procedure organizzative, economiche, finanziarie e di strumenti e tecniche di pianificazione innovativi a supporto della progettazione, della attuabilità e della gestione del futuro Parco; dovranno inoltre prevedersi le possibili forme di coinvolgimento attivo della popolazione locale per la condivisione degli obiettivi e delle finalità del Parco nella fase di progettazione e realizzazione, le possibili modalità di comunicazione e promozione. Per lo studio di fattibilità si richiedono due livelli di approfondimento : Il primo livello,di carattere generale, dovrà prevedere : 33

4 a) la verifica della sostenibilità tecnico-territoriale del Parco ed in particolare delle conseguenze indotte sugli assetti ambientali, morfologici e figurativi dello spazio fisico in cui si produrranno le azioni di progetto; b) la verifica approfondita e la valutazione della sostenibilità amministrativa e istituzionale. L esistenza,ovvero la creazione, delle condizioni istituzionali, amministrative, organizzative e operative necessarie affinché si possa procedere all effettiva realizzazione delle iniziative individuate; c) la verifica di strumenti perequativi e di tipo negoziale per promuovere e favorire l acquisizione di aree pubbliche anche attraverso procedure di revisione del vigente PRG; la individuazione anche di aree esterne al Parco che possono, però,concorrere alla sua realizzazione; d) la definizione di un metodo condiviso per la valutazione qualitativa ed economico-finanziaria delle aree del parco al fine di rendere possibile un confronto pubblico con i diversi soggetti sociali ed economici interessati (proprietari, abitanti, fruitori, amministratori, gruppi organizzati), allo scopo di pervenire alla definizione di ipotesi progettuali cogenti ed esemplificative; e) la individuazione degli usi e delle funzioni pubbliche e private da prevedere nelle diverse zone del parco in grado di minimizzare i costi di gestione e di realizzazione al fine di valutare la sostenibilità economica e finanziaria degli interventi ;la individuazione di possibili canali di finanziamento (programmi UE, regionali, provinciali, etc.) f) la individuazione delle modalità di gestione pubblico o privata piu idonee al conseguimento degli obiettivi attesi; g) la verifica delle forme di partecipazione e di condivisione delle scelte con la popolazione locale e con gli operatori. h) le migliori forme di comunicazione e promozione del parco per la costruzione di un percorso di marketing territoriale; i) la verifica del regime proprietario delle aree del parco. Il secondo livello riguarderà ambiti territoriali specifici, con particolare attenzione alle aree fluviali e insediate o da insediare limitrofe al fiume poste in prossimità al centro storico, a partire dagli impianti Sportivi -Zona Seven- fino alle via Bastia, e a quelle limitrofe ai sistemi insediativi delle frazioni. Per questi ambiti dovranno essere formulati Schemi Direttori intesi come insieme coordinato di interventi di carattere strategico organizzati in un progetto grafico complessivo e generale, con lo scopo di : a) definire il ruolo e le prestazioni di ciascun luogo e parte dell ambito; b) definire le principali scelte fisico-funzioanli e le regole per i progetti esecutivi anche riguardo ad alcune scelte morfologico di tipo dispositivo/aggregativo relative al sistema dei percorsi e degli spazi aperti, alle aree di concentrazione volumetrica e a quelle permeabili ; c) definire un metodo per correlare le procedure di valutazione e di fattibilità economica delle previsioni progettuali contenute nei diversi Schemi Direttori, quale supporto attivo per valutare le convenienze dei privati e le opportunità pubbliche; d) definire gli strumenti perequativi e di tipo negoziale per l acquisizione delle aree pubbliche anche in relazione ai regimi e agli assetti proprietari; 44

5 e) definire l ordine di attuazione, le priorità ed i condizionamenti dei singoli interventi in relazione al livello di fattibilità ed alle valutazioni di carattere ambientale. E di particolare interesse dell Amministrazione che le proposte di fattibilità avanzate dallo studio, facciano riferimento a quanto già previsto nei principali strumenti di programmazione che la città si è data e nella pianificazione sovraordinata, in particolare si dovrà far riferimento al PRG, al PTCP,al Piano Stralcio per il Rischio Idrogeologico. Si dovrà inoltre tenere in giusta considerazione lo Studio sulle Reti Ecologiche dell Autorità di Bacino Fiumi Romagnoli. Le Funzioni del Parco L obiettivo di fondo, che riguarda l intero territorio, consiste in una ri-connessione fra i diversi ambiti territoriali omogenei attraversati dal fiume, da attuarsi tramite la ricostituzione della vegetazione perifluviale, qualora sia andata perduta, e la costituzione di un percorso naturalistico che segua il fiume in tutto il suo corso, coinvolgendo anche i comuni di Sogliano, Longiano e Gatteo. Andranno inoltre previste per le diverse zone le seguenti funzioni: la funzione ecologico protettiva; la funzione estetica e paesaggistica; la funzione ricreativa. La funzione ecologica sarà attivata a partire dalle indicazioni degli strumenti di pianificazione di livello sovracomunale, i quali affrontano le tematiche legate alle reti ecologiche, ai progetti di tutela, recupero e valorizzazione, come definiti dal PTPR, all'oasi Costiera, alla Gestione Integrata Zone Costiere (GIZC) ed alla zona psic, la cui istituzione è stata proposta di recente e fatta propria dalla Provincia (vedi allegato A). La funzione estetica paesaggistica del parco, dove per paesaggio si intende l insieme di tutti gli elementi aventi caratteri sia fisici (geomorfologici), che biologici (flora e fauna) ed antropici (trasformazioni dovute all uomo), risulta fondamentale per un territorio che ha subito nel tempo varie forme di disgregazione ed impoverimento delle sue caratteristiche ambientali. La funzione ricreativa, oltre che al percorso lungo il fiume, sarà legata ad alcune zone specifiche, dove sono già esistenti o risultano in previsione nel PRG, ambiti destinati alle attività sportive, ai servizi di quartiere legati alla residenza, alle attività scolastiche, alle strutture per la sanità. La realizzazione del parco sarà possibile attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti presenti sul territorio, dai privati cittadini alle istituzioni. Le presenti linee guida, tenendo conto di tutte le problematiche sopra descritte, legate all istituzione del futuro Parco, individuano, per i diversi ambiti territoriali del Parco, obiettivi ed attenzioni, a cui lo Studio di Fattibilità dovrà dare risposta. Le dieci macrozone prese in considerazione, sono state definite a partire dagli ambiti omogenei individuati nella relazione descrittiva, ma, oltre alle caratteristiche ambientali e paesaggistiche, la nuova suddivisione prende in considerazione anche le funzioni che in queste zone possono essere attivate, la difficoltà o meno di accesso al fiume, gli strumenti urbanistici o di concertazione che saranno utili al reperimento di aree e all attivazione di determinati progetti. Macrozona n. 1 ZONA AGRICOLA PRE-COLLINARE Destinazioni di PRG: E4 aree di alto valore naturale e ambientale E3 ambiti di rilievo paesaggistico ambientale E una zona che conserva caratteristiche naturali e paesaggistiche di rilievo; è interessata principalmente dalla presenza di fondi agricoli con colture tradizionali; si percepisce il percorso del 55

6 fiume, grazie alla folta vegetazione perifluviale, che ospita anche alberature di pregio, ma non si ha accesso diretto al corso d acqua se non in pochi punti o da proprietà private. valorizzazione del territorio rurale, integrazione delle attività legate all agricoltura con attività di servizio legate alla fruizione del parco conservazione e/o valorizzazione dei punti di vista dalla strada panoramica di via Gualdello sul confine con il Comune di Longiano conservazione delle alberature di pregio oggetto di tutela possibili accessi al fiume (da via Gualdello e dal ponte della strada vicinale Felloniche) Macrozona n. 2 ZONA DI SERVIZI A VOCAZIONE SPORTIVA Destinazioni di PRG: E2 ambiti agricoli periurbani F1 zone per servizi di interesse generale Si tratta dell area di passaggio dall ambito agricolo paesaggistico a quello urbano. Nelle previsioni della pianificazione comunale conserva la sua vocazione sportiva e ricreativa: gli interventi legati al parco dovranno integrarsi con queste funzioni. valorizzare l area attrezzata nella zona per servizi pubblici adiacente allo stadio, tuttora priva di elementi caratterizzanti integrare la funzione ecologica con quella ricreativa garantire la continuità con il paesaggio rurale valorizzare gli accessi al parco nella zona dello stadio comunale e del centro sportivo Macrozona n. 3 CENTRO ABITATO Destinazioni di PRG: A zone degli insediamenti storici F1 zone per servizi di interesse generale Zone a verde privato E l area che, dal centro sportivo, si estende fino alla linea ferroviaria, passando dal centro storico. Tuttora ha problemi di accessibilità a di visibilità, sia perché, in alcuni punti, gli edifici si trovano a ridosso dell alveo, sia perché vi sono tratti di fiume circondati da fondi privati. considerare la costituzione del parco fluviale, come occasione di riqualificazione del centro storico garantire la fruibilità del tratto di fiume ai piedi del parco della Villa dei Conti Guidi di Bagno valorizzare i punti di vista panoramici da via Togliatti sul fiume e sul ponte romano risolvere problemi di sicurezza e salubrità dell ambiente, in prossimità della scuola materna di via Togliatti garantire la fruibilità del tratto di fiume che costeggia l area assoggettata al PRU 3 prendere in considerazione la possibilità di un collegamento con il centro giovani Palacappona creare o valorizzare gli accessi alla zona del fiume: area a monte del polo scolastico; via Fiume; zona a valle del ponte romano; area interessata dal PRU 3 punti di accesso e fruizione, anche solo visiva, nella zona di via Fiume valorizzare l accesso dalla zona del PRU 4 Macrozona n. 4 ZONA AGRICOLA PERIURBANA Destinazioni di PRG: E2 ambiti agricoli periurbani B1 zone residenziali esistenti e di completamento 66

7 La prima parte di questa macrozona si trova ancora in ambito urbano, mentre la seconda è una zona agricola, fortemente segnata da trasformazioni antropiche ed interessata negli ultimi anni da interventi di sistemazione degli argini del fiume. L'area è interessata dall'interazione con la zona di Valle Ferrovia, in cui è in previsione un parco urbano intercomunale, che comprenda un bosco di pianura con finalità ecologico-ambientali e paesaggistiche: l'inserimento di questo progetto all'interno del programma di azioni sperimentali GIZC, ha permesso di ottenere fondi per il recupero e la rinaturalizzazione del laghetto esistente (ex cava di argilla), che costituirà un punto privilegiato per la conservazione della biodiversità e per la connessione dei due corridoi fluviali del Rubicone e del Rio Salto, all'interno del sistema delle reti ecologiche. riqualificazione del paesaggio, nel rispetto della vocazione agricola presenza di parcheggi nella zona per servizi pubblici di quartiere esistenti considerare la previsione di PRG di demolizione e ricostruzione del ponte di via Montesole collegare il parco alla zona della scuola materna di Valle Ferrovia ed al parco urbano del PRU 2 Macrozona n. 5 ZONA ALTA CENTRALITA Destinazioni di PRG: zona ad alta centralità L area si estende da via Bastia fino all autostrada. E stata individuata dal PRG di Savignano come luogo preferenziale per l insediamento di strutture di servizio alla collettività e alle imprese, con realizzazione di attrezzature territoriali per la riqualificazione paesistica - ambientale, e la possibilità di creare un parco per l innovazione o parco tecnologico scientifico. In questo tratto il fiume è costeggiato da due strade, sulla sponda destra e sinistra. valorizzare la zona del cimitero di Fiumicino, come punto di accesso privilegiato al parco progettazione integrata con la zona ad alta centralità Macrozona n. 6 FRAZIONE DI FIUMICINO Destinazioni di PRG: F1 zone per servizi di interesse generale B1 zone residenziali esistenti e di completamento B2 zone residenziali soggette a disciplina di intervento particolareggiato Il fiume Rubicone, che attraversa la frazione e la caratterizza, offre una importante possibilità di riqualificazione per Fiumicino, grazie anche all integrazione con le strutture adiacenti: centro parrocchiale e centro sportivo riqualificazione del centro abitato attraverso la valorizzazione del tratto di fiume interessato relazionare la zona del fiume con i luoghi pubblici della frazione (piazza, centro parrocchiale, centro sportivo) possibilità di accesso grazie ai parcheggi dislocati nel territorio della frazione Macrozona n. 7 ZONA PER AREE INDUSTRIALI ECOLOGICAMENTE ATTREZZATE Destinazioni di PRG: E1 ambito ad alta vocazione produttiva agricola E la zona a nord dell Autostrada A14; attualmente il paesaggio agricolo è indistinto rispetto a quello della macrozona n. 8, ma il carattere dell area viene attribuito dalla destinazione di P.T.C.P., che prevede l insediamento di attività produttive di rilievo comunale e sovracomunale, integrate a dotazioni ecologiche che ne favoriscano l inserimento dal punto di vista ambientale. funzione principalmente ecologica del parco, da progettare in funzione della disciplina urbanistica che verrà definita, per l ambito produttivo, a livello comunale valorizzare la potenzialità ecologica della zona di intersezione tra Rubicone e CER 77

8 Macrozona n. 8 ZONA ALTA VOCAZIONE PRODUTTIVA AGRICOLA Destinazioni di PRG: E1 ambito ad alta vocazione produttiva agricola E una vasta zona che si estende dalla frazione di Fiumicino a quella di Capanni, in continuità con il territorio di Gatteo che presenta le stesse caratteristiche e la stessa destinazione di PRG. Qui il fiume costituisce il confine fra i due comuni; le strade lo costeggiano sulla sponda destra e sinistra; gli argini, sistemati di recente, sono rialzati rispetto al piano di campagna. integrazione del parco con la funzione agricola, per la riqualificazione del paesaggio e la valorizzazione del territorio rurale accesso da via Samegna zona D10 per attrezzature sportive, nel Comune di Gatteo Macrozona n. 9 ZONA CAPANNI IPERMERCATO Destinazioni di PRG: E2 ambiti agricoli periurbani G1 zone per servizi pubblici di quartiere esistenti F1 - zone per servizi di interesse generale L area si estende da via San Giuseppe a via Romea, comprende la frazione di Capanni, è interessata dal passaggio della Strada Statale Adriatica ed ha il suo elemento caratterizzante nel centro commerciale. Nonostante l ipermercato abbia permesso di reperire aree di urbanizzazione, sistemate anche a verde attrezzato, la zona necessita di una riqualificazione paesaggistica, anche dal punto di vista visivo. La pista ciclopedonale esistente, di collegamento tra il ponte sul fiume Rubicone di via Romea, ed il Centro Commerciale Romagna Center, sia in direzione Rimini che in direzione di Cesenatico, è stata inserita all'interno del programma di azioni sperimentali GIZC, ed ha ottenuti fondi per eseguire opere di adeguamento e completamento di alcuni tratti del percorso. riqualificazione del centro abitato di Capanni creare aree di riequilibrio ecologico e riqualificazione visiva ed ambientale nella zona dell Ipermercato, in adiacenza alla zona industriale artigianale esistente nel territorio di Gatteo relazionare il parco con la zona dell asilo di Capanni possibilità di accesso dalla frazione di Capanni e dalla zona dell Ipermercato zona G1 di Gatteo con destinazione di verde pubblico e attrezzato veduta panoramica da via Romea in direzione della foce Macrozona n. 10 ZONA DELLA FOCE Destinazioni di PRG: F1 zone per servizi di interesse generale D4 zone per campeggi zone degli arenili e delle spiagge L area, delimitata a monte dalla via Romea ed a valle dalla costa, è caratterizzata dalla presenza di un oasi privata e di un campeggio, con attrezzature legate al turismo; anche il PRG di Gatteo conserva la destinazione di zona turistica. Recentemente sono state realizzate opere di sistemazione dell argine, con la creazione di una percorso in continuità con la passeggiata sulla spiaggia, che parte dal confine con San Mauro Mare, e di un ponte pedonale di collegamento con Gatteo; questo percorso, gestito insieme dai tre comuni, fa parte dei progetti inseriti all'interno del programma di azioni sperimentali GIZC, ed ha ottenuti fondi per eseguire opere di protezione dalle mareggiate. riconnettere funzionalmente l ambito fluviale all ambito costiero funzione ecologica connessa alla presenza dell oasi collegamenti e punti di connessione con l oasi naturalistica ed il camping Rubicone punti di vista panoramici da via Romea accesso dalla spiaggia di Savignano Mare accesso da Gatteo attraverso il ponte pedonale di recente realizzazione e dalla 88

9 ALLEGATO A 99

10 Proposta nuova istituzione psic (da PTCP Norme, Relazione, Relazione di incidenza) in relazione alla funzione ecologica del Parco La direttiva Uccelli 79/409/CEE si prefigge l'obiettivo della protezione e della gestione delle specie di uccelli, in particolare dei migratori, che vivono allo stato selvatico sul territorio europeo e dei rispettivi habitat. I siti individuati dagli stati membri come territori appropriati per la conservazione delle specie minacciate vengono classificati come Zone di Protezione Speciale (ZPS). La direttiva Habitat 92/43 CEE ha introdotto l'obbligo di conservare gli habitat e le specie animali e vegetali di interesse comunitario, minacciate di estinzione. Ai sensi di tale direttiva gli stati membri sono tenuti ad individuare i Siti di Importanza Comunitaria (SIC), e le Zone Speciali di Conservazione (ZSC). Le aree definite come Siti di Importanza Comunitaria proposti (psic), nel momento in cui saranno attivate le idonee misure di conservazione e protezione ed elaborati gli eventuali piani di gestione, sono destinate ad essere designate come ZSC. L'insieme delle aree psic, SIC, ZSC e ZPS costituisce la rete europea dei siti protetti, denominata Rete Natura 2000 (http://www.regione.emilia-romagna.it/natura2000/). La valutazione di incidenza è il procedimento, introdotto dalla Direttiva Habitat, cui sottoporre qualsiasi piano o progetto che possa avere delle incidenze significative su un sito, o proposto sito, della Rete Natura In Italia la direttiva Habitat è stata recepita con il D.P.R. 357/97, modificato dal D.P.R. 12 marzo 2003, n. 120; inoltre il Ministero dell'ambiente ha emanato il Decreto 3 aprile 2000, che riporta l'elenco dei siti di importanza comunitaria e delle zone di protezione speciale, ed il Decreto 3 settembre 2002, sulle Linee guida per la gestione dei siti Natura La normativa nazionale affida alle Regioni e alle Province autonome il compito di adottare le misure necessarie a salvaguardare e tutelare i siti di interesse comunitario: fra le altre, quella di attivare azioni volte ad evitare l'alterazione dei proposti siti di importanza comunitari. La Regione Emilia Romagna ha introdotto la valutazione di incidenza attraverso la L.R. 14 aprile 2004, n. 7, che disciplina ed organizza le funzioni regionali; la legge tende ad inserire la Rete Natura 2000, ricadente in territorio regionale, nel più ampio contesto legislativo che presiede alla pianificazione territoriale, alla programmazione in campo ambientale, alla legislazione sul sistema delle aree naturali protette. Le competenze attribuite alla Regione sono quelle relative alle funzioni di indirizzo, di coordinamento, di revisione periodica dell'elenco dei siti, nonché l'eventuale surroga, in caso di inadempienza da parte degli enti competenti nell'esercizio delle funzioni loro assegnate. Alle Province e agli enti gestori delle aree protette compete l'adozione di misure di conservazione, nonché l'effettuazione delle valutazioni di incidenza dei piani ed interventi connessi alle proprie funzioni, o all'eventuale rilascio dei pareri. Il PTCP della Provincia di Forlì-Cesena identifica sia nel Quadro Conoscitivo (Carta dello Stato Attuale delle Reti Ecologiche), che nella cartografia di Progetto (Schema di Assetto Territoriale, Stralcio delle Previsioni del PTCP sui psic e sulle ZPS) i valori ambientali presenti sul territorio, le aree da essi interessate e pone particolare attenzione al loro grado di connessione, elemento essenziale per l'effettivo funzionamento della rete ecologica. La proposta di istituzione di un'area psic che interessi il Rubicone, dalla frazione di Fiumicino fino alla foce, avanzata da LIPU provinciale e Oasicostiera, rientra proprio nell'ottica di riconnettere il sistema ambientale del territorio interessato, attraverso l'attivazione di più forme di tutela che si integrino fra loro. Fra i progetti di tutela e conservazione, che interessano il fiume Rubicone, sono già stati citati nella relazione descrittiva il sistema delle Reti Ecologiche, individuato sia da uno studio ancora in atto dell'autorità dei Bacini Regionali Romagnoli, sia dal PTCP (PROGETTO - Tav. 5 Schema di assetto territoriale Tav. 256-NO e Tav. 256-SO), che coinvolge tutto il corso del fiume. Il PTPR 110

11 ed il PTCP (PROGETTO Tav. 2 - Zonizzazione paesistica Tav. 256-NO e Tav. 256-SO ) riportano la perimetrazione relativa al Progetto di tutela, recupero e valorizzazione, che interessa il fiume dal territorio di Longiano finoall'autostrada A14. Il progetto che più si integra con l'istituzione del psic è quello dell'oasi alla foce del Rubicone. L'Oasi Costiera dei Quattro Comuni (http://www.oasicostiera.org/menu/didattica.htm; voluta da LIPU, dall'amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena, dalla Società per azioni Gesturist, ed istituita nel 2004 è una delle 45 oasi LIPU presenti in Italia. L'Oasi copre una superficie di 810 ha, attraversa i comuni di Cesenatico, Gatteo, Savignano sul Rubicone e San Mauro Pascoli, interessando tutta l'area costiera della Provincia Forlì-Cesena, dalla pineta di Zadina fino alla costa sud di San Mauro, per un totale di circa 9 chilometri di arenile. All'interno dell'area è compresa l'asta fluviale del Rubicone fino alla foce, per una lunghezza di 700 m, che risulta essere un sito importante per la nidificazione e la sosta migratoria delle specie pelagiche dell'avifauna dell'area costiera. Nei pressi della foce è presente anche un parco botanico di recente rinaturalizzazione, che ospita la stazione di inanellamento dell'oasi costiera. La richiesta di istituzione del psic, accolta dall'amministrazione Provinciale con delibera n. 503 del , con l'impegno di trasmettere l'atto alla Regione Emilia Romagna, per l'inserimento dell'area nella Rete Natura 2000, ha come motivazioni non solo la presenza di specie vegetali e faunistiche inserite negli elenchi delle direttive CEE denominate Habitat ed Uccelli, ma anche la necessità di salvaguardare l'habitat in oggetto, attraverso una gestione complessiva dei sistemi di conservazione, di livello superiore a quello dell'oasi già esistente. La scheda relativa al psic, già inserita nel materiale descrittivo, viene integrata da una nota che ne estende la superficie da 24,25 ettari a 34,08 ettari. Il Programma di Azioni Sperimentali GIZC (Gestione Integrata Zone Costiere) dei tre comuni di Savignano, San Mauro Pascoli e Gatteo 111

12 Il D.gls. 112/98 e la L.R. Emilia Romagna 3/99, recepiscono il Programma Quadro Ambiente dell'ue, nel campo dello sviluppo sostenibile. La Regione Emilia Romagna attua gli obiettivi strategici e le conseguenti azioni del programma europeo attraverso il Piano regionale di Azione ambientale per un futuro sostenibile, definito la prima volta per il , ed aggiornato nel 2004, estendendo la fase di programmazione al periodo Il progetto denominato GIZC, Gestione Integrata Zone Costiere, è uno degli strumenti di programmazione generale e settoriale, coordinati a livello regionale, che recepiscono i metodi di sviluppo sostenibile del Piano regionale di Azione ambientale. Le risorse finanziarie che vengono stanziate per attivare i diversi progetti e programmi sono di due tipi: fondi nazionali e comunitari e fondi stanziati direttamente dalla Regione Emilia-Romagna. In particolare per quanto riguarda la Gestione Integrata delle Zone Costiere sono state approvate, con delibera della Giunta Regionale progr. n del 29 novembre 2004, le Linee Guida per la programmazione e per la gestione economico finanziaria, che definiscono la ripartizione delle risorse fra le province, le tipologie di spesa ammissibili, le azioni prioritarie di intervento. Il Comune di Savignano ha presentato le proposte progettuali da finanziare insieme ai comuni di San Mauro e Gatteo, con lo scopo di sviluppare il sistema ambientale ad un livello sovracomunale: l'idea è la creazione di un sistema di connessione delle reti ecologiche, collegato dalla rete di piste ciclabili, che attraversi parchi e centri abitati. Le proposte specifiche di Savignano rientrano negli interventi prioritari n. 4 Valorizzazione degli habitat, della biodiversità e del paesaggio e n. 9 Sistema insediativo ed infrastrutturale (servizi e mobilità) e consistono rispettivamente in: recupero del laghetto esistente, che farà parte dell'area ad alta naturalità all'interno del Parco di Valle Ferrovia, tuttora in corso di progettazione realizzazione di una pista ciclo-pedonale di collegamento tra il fiume Rubicone ed il Rio Salto, attraverso il Parco di Valle Ferrovia; adeguamento di alcuni tratti della pista ciclo-pedonale esistente di collegamento fra la via Romea ed il centro commerciale Romagna Center; protezione dalle mareggiate della esistente pista ciclo-pedonale alla foce del fiume Rubicone. 112

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio

TITOLO 3 VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE NATURALI E PAESAGGISTICHE Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Art. 3.1-3.2 - Unità di paesaggio Unità di paesaggio (Art. 3.1-3.2) Indicazioni generali Le unità di paesaggio, al fine di garantire una gestione del territorio coerente con gli obiettivi di valorizzazione

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

Il nuovo Piano d area del Parco naturale della Valle del Ticino

Il nuovo Piano d area del Parco naturale della Valle del Ticino Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Ente di gestione del Parco naturale della Valle del Ticino Il nuovo Piano d area del Parco naturale della Valle del Ticino Il Parco naturale della Valle

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

IL BILANCIO DI MANDATO

IL BILANCIO DI MANDATO IL BILANCIO DI MANDATO 19 20 3. LINEE GUIDA PRINCIPALI DEL PROGRAMMA DI MANDATO Il mandato 2004-2009, si è aperto nel segno della continuità per la realizzazione di opere importanti che erano state individuate

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e.

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e. Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro. Con il contributo di Il progetto nel suo contesto. Il presente progetto è stato presentato

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Presentazione dell incontro

Presentazione dell incontro Presentazione dell incontro Giuseppe Bortone Direttore Generale Ambiente, Difesa del Suolo e della Costa 1 Realizzazione della Rete Natura 2000 in Emilia- Romagna Fasi di realizzazione: periodo 1995 2000:

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Contenuti della comunicazione: Il PRUSST della Riviera

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C

REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C ALLEGATO 2 REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGRAMMA REGIONALE INVESTIMENTI 2009/2011 AZIONE C SCHEDA DI CANDIDATURA DELL'INTERVENTO Ente proponente Consorzio del Parco del Trebbia Area protetta Parco Regionale

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Modifiche in materia Commerciale

Modifiche in materia Commerciale PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Modifiche in materia Commerciale VARIANTE NON SOSTANZIALE AL PTCP ai sensi dell art.27bis della L.R. 20/2000 e s.m.i. RECEPIMENTO DEI

Dettagli

Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza

Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza Polo funzionale 10 Parco scientifico tecnologico di Faenza Comune: Faenza Tav.1 INQUADRAMENTO TERRITORIALE Polo n. 10-1 Tav.2 INQUADRAMENTO URBANO Scala 1:20.000 ELENCO UNITÀ DEL POLO FUNZIONALE: Famiglia

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella

Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt. 6.10 6.10 bis 6.19-7.4.4);

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del Premio La Città per

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. Programma di lavoro. Allegato 1

COMUNE DI RIMINI. Programma di lavoro. Allegato 1 COMUNE DI RIMINI Riassetto territoriale delle aree periurbane della bassa Valmarecchia al fine di definire il recupero ambientale delle cave In.Cal. Sistem e Adriascavi nel Fiume Marecchia. (Art. 49 L.R.

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA PARCHI REGIONALI PLIS IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLA VALLE DEL LAMBRO PARCO DELL ADDA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DELLE GROANE PARCO DELLA BRIANZA CENTRALE PARCO DI MONZA

Dettagli

Comune di Piombino - Studio di fattibilità CITTÀ FUTURA Seconda Fase - Pag. 1

Comune di Piombino - Studio di fattibilità CITTÀ FUTURA Seconda Fase - Pag. 1 Comune di Piombino - Studio di fattibilità CITTÀ FUTURA Seconda Fase - Pag. 1 LO STUDIO DI FATTIBILITÀ Le attività svolte costituiscono gli approfondimenti dello Studio di Fattibilità finalizzato a promuovere

Dettagli

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione

Disposizioni di attuazione. Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione Disposizioni di attuazione Testo modificato in seguito all accoglimento totale e/o parziale delle osservazioni pervenute dopo l adozione settembre 2008 maggio 2009 aggiornato giugno 2009 Versione 19.05.2009

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

Attività sportive nelle riserve, nei parchi naturali e nelle aree marine protette. Roma 22 maggio 2011

Attività sportive nelle riserve, nei parchi naturali e nelle aree marine protette. Roma 22 maggio 2011 Attività sportive nelle riserve, nei parchi naturali e nelle aree marine protette Roma 22 maggio 2011 Le opportunità di una progettazione eco-sostenibile di iniziative sportive: i parchi e le riserve naturali

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

Un esperienza di pianificazione strategica condivisa: della Media e Bassa Valle del Tordino

Un esperienza di pianificazione strategica condivisa: della Media e Bassa Valle del Tordino Un esperienza di pianificazione strategica condivisa: il Piano d Area d C O N T E S T O T E R R I T O R I A L E Metropolizzazione, Metropolizzazione, associazioni di Comuni e pianificazione provinciale

Dettagli

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA 0 Variante al Piano Regolatore Generale per la individuazione di nuove aree a destinazione produttiva. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Pontecagnano Faiano risulta dotato di Piano Regolatore generale

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO

10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10. VERIFICA RICHIESTE DELLA L.R. 31/2014 SUL CONSUMO DI SUOLO 10.1. SINTESI DEI CONTENUTI DELLA L.R. 31/2014 La Regione Lombardia è intervenuta a fine 2014 con una nuova disposizione normativa (L.r. 31/2014

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000

Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 12 novembre 2007 Aspetti programmatici sulla gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Attività Area Natura 2000 e Osservatorio

Dettagli

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave

Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Progetto Drava Piave Fiumi e Architetture nr.3241 del 25/11/08 Concorso di Idee Progettazione di percorsi ecoturistici e valorizzazione urbanistica del Fiume Piave Relazione Descrittiva Descrizione generale

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA

Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA 1731 23/02/2009 Identificativo Atto n. 65 DIREZIONE GENERALE TERRITORIO E URBANISTICA ESCLUSIONE DEL PIANO DI SVILUPPO LOCALE "VALLE SERIANA SUPERIORE" DALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE - VAS IL DIRIGENTE DELLA

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 PARERE RELATIVO ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA Direttiva 92/43/CEE, art.6, D.P.R. 08/09/1997 n. 357, art.5. Oggetto: D.P.R. n.

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Parchi e Riserve Naturali, confermata dal Dirigente del competente Servizio Ecologia, riferisce:

Parchi e Riserve Naturali, confermata dal Dirigente del competente Servizio Ecologia, riferisce: 19452 zione di euro 4.618,12 dal capitolo 1110090/09 e aumento di pari importo, in termini di competenza e cassa, sul correlato capitolo 1318/09 rientrante nella U.P.B. del medesimo Servizio Ragioneria;

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole

5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole 5.3.3.1 MISURE INTESE A DIVERSIFICARE L ECONOMIA RURALE 5.3.3.1.1 MISURA 311 Diversificazione verso attività non agricole Riferimenti normativi Articolo 53 del Regolamento CE n.1698/05. Articolo 35 del

Dettagli

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici

I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici I punti di partenza: Direttiva Uccelli selvatici (79/409/CEE) 194 specie di Uccelli (allegato I) e specie migratrici Direttiva Habitat (92/43/CEE) 220 tipi di habitat (Al.I) e oltre 800 specie (Al.II)

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

ELABORATI DA MODIFICARE RELAZIONE GENERALE. Scenari per la delocalizzazione degli impianti esistenti

ELABORATI DA MODIFICARE RELAZIONE GENERALE. Scenari per la delocalizzazione degli impianti esistenti PROVINCIA DI RAVENNA ALLEGATO A Rif. Riserva regionale 1 (parte A) Riserva ufficio testo L accordo di pianificazione sottoscritto in data 28 febbraio 2006 impegna la Provincia a svolgere sul Piano lo Studio

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Governance e partecipazione per il bacino del Po Colorno 26 ottobre 2007 I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Mario Clerici Regione Lombardia mario_clerici@regione.lombardia.it PERCHE UN CONTRATTO DI FIUME

Dettagli

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio COMUNE DI CESENA PRG Settore Programmazione 2000 Urbanistica VARIANTE GENERALE VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE Stralcio PS 1 Progettisti Anna Maria Biscaglia

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Bando di raccolta delle proposte di Accordi Pubblico-Privato COMUNE DI CALDOGNO (VI) REDAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA

IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA INU Emilia Romagna Istituto Nazionale Urbanistica Summer School 2010 Cesenatico, 23-24-25 settembre 2010 IL PROGETTO URBANO COME FASE INTERMEDIA FRA POC E PUA RELAZIONE GUIDO LEONI P.le Arturo Balestrieri

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO Quadro di riferimento comunitario: la Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali

Dettagli