Laboratorio di Progettazione Architettonica II (A) Prof. Lorenzo Dall Olio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Progettazione Architettonica II (A) - 2014-2015 - Prof. Lorenzo Dall Olio"

Transcript

1 Laboratorio di Progettazione Architettonica II (A) Prof. Lorenzo Dall Olio Assistenti: Mario Augusti, Silvia Izzi, Valeria Mercuri, Elisa Vitali Modulo didattico di Materiali ed elementi costruttivi - Prof.ssa Chiara Tonelli, assistente Giuliano Valeri L inizio

2 «Amo gli inizi. Gli inizi mi riempiono di meraviglia. Io credo che sia l inizio a garantire il proseguimento». Louis Kahn

3 Il progetto come percorso La genesi di un progetto spesso si associa (nella fantasia dello studente) a un atto creativo puro, indipendente e istantaneo. Nella inconsapevolezza dell origine dell idea architettonica, si vive uno stato di attesa passiva di un intuizione folgorante. Non è (quasi mai) così, soprattutto quando non si ha alle spalle una qualche esperienza. L origine di qualsiasi idea progettuale (che nasca da una intuizione o da un ragionamento) risiede in una preventiva e profonda comprensione delle «condizioni» entro cui il progetto nasce e dei quesiti a cui il progetto deve dare risposta. Liberandoci dall ingovernabile aleatorietà dell intuizione istantanea, il progetto può essere definito un «percorso», con una propria durata. La meta del percorso è la materializzazione dell idea. Più l idea è chiara, più ha possibilità di rimanere vicina all intuizione iniziale, senza perdere forza e vividezza. In ogni caso è solo durante il progetto/percorso, che l idea trova le sue coerenze, la sua stabilità e, soprattutto, la sua fattibilità. Da qualsiasi punto prenda origine il progetto, il percorso per raggiungere il suo compimento passa più o meno sempre attraverso le stesse tappe/verifiche.

4 Quale inizio? La conoscenza del programma Le competenze di base e specifiche rispetto al tema La comprensione del luogo, delle sue caratteristiche e dei suoi vincoli L immedesimazione nell utente e la comprensione delle sue esigenze La propria cultura personale (la conoscenza del lavoro degli altri) Il primo passo è: l individuazione della domanda, la messa a fuoco dell obiettivo Ma Ogni progettista è diverso dagli altri. Esistono molti atteggiamenti - Approccio razionale - Approccio filosofico-concettuale - Approccio istintivo e gestuale - Approccio cultural-letterario Gli strumenti: il disegno, la costruzione di un modello tridimensionale, la scrittura, la geometria, la misura

5 L. Quaroni, Progettare un edificio, otto lezioni di architettura, ed. Mazzotta, Milano 1977, pag. 11 Le dimensioni del progettare sono molte e spesso tendenti all autonomia, sono fra loro contrastanti e per comporle, per arrivare all unità del progetto che le annulla nella loro nuova dimensione che è architettura, è necessario un telaio, un frame, una griglia che permetta la tessitura del sistema. L. Quaroni, Progettare un edificio, otto lezioni di architettura, ed. Mazzotta, Milano 1977, pag. 59/63. - Il percorso non è certo facile e spesso non è breve nemmeno per gente con anni di esperienza sulle spalle. Possono essere state fatte perfette analisi, può essere stato centrato con cura il problema, e tuttavia può restare difficile e lontana la risoluzione progettuale dello stesso. Altre volte può formularsi chiaro il fantasma di un idea brillante che tuttavia trova difficoltà ad essere studiata, sgrezzata, sondata, fino a diventare una vera ipotesi progettuale, pronta per lo sviluppo.

6 Il percorso più corretto, quello capace di dare il prodotto migliore è quello deduttivo diretto Quello che occorre in ogni caso fare è esaminare le varie attività che si svolgeranno nell edificio, immedesimandosi e vivendo quasi in prima persona le varie figure che si dovranno muovere negli spazi da progettare, così da chiarirsi bene le qualità di spazio necessarie e ottimali per ogni attività, considerando queste funzioni sia coll ottica positivista del movimento razionalista sia con un ottica postrazionalista che consideri non soltanto le dimensioni metriche degli spazi, in rapporto alle dimensioni metriche del corpo umano, fisicamente e fisiologicamente inteso, ma anche le dimensioni psicologiche e ideologiche degli spazi, in rapporto alle dimensioni sociali dell uomo stesso Una serie di prove diverse, disegnate in piccolo, a mano libera, senza scala precisa, solo cercando di mantenere le differenze dimensionali fra i locali e i corpi, imbrattando senza preoccupazione un foglio o più pezzi di carta, aiutano il cervello in questo prioritario lavoro di organizzazione, che dovrà trarre giovamento anche dal ragionare e dal figurarsi l operazione grafica cogli occhi della mente, nei momenti adatti, cioè senza carta e senza un mezzo per scrivere. Si tenteranno automaticamente strade, ipotesi diverse, e altrettanto automaticamente si ritornerà indietro, con variazioni più o meno accentuate su alcune, poche, delle ipotesi fatte, sulle quali quindi si concentrerà l elaborazione finché, messa insieme molta carta scarabocchiata, si potrà passare alla selezione e alla classificazione delle ipotesi

7 Questa semplice cernita-selezione-classificazione è già di per se stessa capace di orientare il progettista, nel senso che a cose fatte e ad autocritica operata sarà convinto dell opportunità di verificare meglio una o due delle ipotesi stesse Ma potrà darsi che l operatore non rimanga soddisfatto e che ricominci tutto da capo, tenendo ben fermo tuttavia quanto era emerso giusto e importante dall analisi e quanto è risultato poi dall esperimento fallito (e quindi non inutile) Questo processo, che prima abbiamo chiamato deduttivo e diretto, è in realtà un cammino molto incerto e tortuoso. Nella lenta costruzione dello schema progettuale entrano molti materiali, oltre a quelli desunti razionalmente dall analisi. In questo grande deposito di idee che non sono ancora immagini e di immagini più o meno legate a idee di possibili utilizzazioni progettuali, può trovarsi di tutto: ci possono essere suggestioni avute vedendo un giorno, anche lontano, un edificio costruito, un particolare dello stesso, un oggetto d uso, un progetto o un disegno letto magari male. Il caso più conosciuto è quello dei progetti per Rio de Janeiro (1929) e per Algeri (1930) di Le Corbusier, che lui stesso ha riconosciuto originati da due impressioni avute durante un viaggio in Italia, e cioè dallo stabilimento della Fiat Lingotto, e dalla linea orizzontale, costruita attraverso le ondulazioni della campagna romana, dei resti dell acquedotto di Claudio.

8 Le Corbusier - Piano di Algeri 1930

9 Dalla domanda all idea

10 L. Kahn - Unitarian Church Rochester

11

12 Il Luogo

13 Campo Baeza - Casa de Blas Madrid 2000

14

15

16

17

18 Souto de Moura casa Alcanena 1992

19

20 R. Gabetti, A. Isola Residenze Olivetti Ivrea 1971

21

22 R. Moneo - Museo archeologico Merida 1985

23

24

25 C. Baeza, Banca centrale, Granada 2001 Guillermo Pérez Villalta - El navegante interior 1990

26 IMPLUVIUM DE LUZ

27

28

29

30

31 Le funzioni e la loro relazione

32 L. Kahn, Convento delle suore domenicane, Media Pennsylvania, 1968

33 A. Aalto Cimitero di Malm Cappelle funerarie Helsinki 1950

34

35 R. Koolhaas Biblioteca centrale Seattle 2004

36

37

38

39 K. Sejima- Museo del XXI secolo - Kanazawa 2004

40

41

42 Misura - Geometria - Struttura

43 R. Gabetti, A. Isola - Uffici Snam - San Donato milanese 1990

44

45 R. Meier, Casa (II) Falk - Hardwick, 1970

46

47 R. Meier, Casa III Lakeville 1970

48

49 Gli elementi del progetto

50 Peter Zumthor Edificio termale Vals 1997

51

52 T. Ando Casa Soseikan Yamaguchi Tea House Hyogo 1982

53

54

55 P. Zumthor Museo d'arte - Bregenz 1997

56 L. Vacchini, Casa Koerfer Ronco Sopra Ascona, Canton Ticino 2004

57 F. Venezia Palazzo Di Lorenzo Gibellina 1986

58

59 R. Koolhaas Ambasciata olandese Berlino 2003

60

61

62 S. Holl Residenze universitarie MIT Cambridge 2004

63

64 La forma

65 Erich Mendelsohn - Osservatorio Einstein Postdam 1920

66 G. Michelucci Chiesa di San Giovanni Battista Firenze 1964

67

68 F. O. Gehry Walt Disney Concert hall Los Angeles 2003

69

70

71 A. Anselmi Centro direzionale Pietralata e Municipio di Fiumicino 2003

72 Superstudio Monumento continuo 1969

73 A. Siza - Fundação Iberê Camargo - Porto Alegre 2003

74

75 Tutto comincia con una telefonata. Quando mi hanno chiesto di progettare il nuovo museo di Porto Alegre lo hanno fatto per telefono, era un concorso ad invito ; io non ero mai stato in Brasile e la prima cosa che ho pensato è che il Brasile è un posto lontano lontano e ci vogliono ore e ore di volo per arrivarci. Il museo sarebbe stato per un pittore brasiliano di cui non sapevo niente e perciò non ho detto di sì immediatamente. Ma loro hanno insistito tanto. Hanno iniziato a mandarmi foto, video del posto. Mi ha chiamato perfino la vedova del pittore. Il progetto quindi nasce senza che Siza abbia mai visto il posto dal vero, ma questo non impedisce che vinca lo stesso il concorso con il progetto preliminare. E' arrivata l'ora di volare in Brasile. Quando ho visto il posto con i miei occhi ho capito che c'era la possibilità di fare un altro edificio. "Il posto per il museo era un buco in una scarpata immersa nella naturaleza del Brasile: questa naturaleza lussureggiante. Era un buco bellissimo lungo un viale che dà su un fiume. Un fiume come ce ne sono tanti in Brasile, di quelli che sembrano il mare.

76 Il primo problema è sempre lo spazio. Dove metto i parcheggi, come fanno ad entrarci le auto. Il futuro museo sorgerà, infatti, in un'area limitrofa ad una superstrada. Di qui in poi il racconto è anche aiutato delle immagini. Siza commenta gli schizzi che hanno accompagnato il formarsi delle idee. Nel primo schizzo l'edificio è un cubo circondato dalle curve della scarpata, poi il cubo si agita per entrare nel buco stretto, qualcosa deve salire fuori. Ecco il secondo schizzo in cui il parcheggio è nella zona alta del cubo ed è collegato ai piani inferiori da un ascensore panoramico. La seconda serie di schizzi è fatta di schizzi mostruosi. Per l'ultima volta ritorna l'idea impossibile di un piano unico, nell'ultimo si vede addirittura una boveda (cupola) al di sopra del tutto. Ma è giusto anche che alcuni schizzi non abbiano senso: è il subcosciente che funziona. Nell'ultimo, infatti, nasce un'idea che rimarrà fino alla fine. Il cubo si buca e prende luce dall'alto con dei lucernari. In questa fase c'è la presa di coscienza di non poter fare il parcheggio all'ultimo piano perché si tratta di una zona residenziale e mancano le autorizzazioni.

77 Però abbiamo ottenuto l'autorizzazione per un parcheggio al di sotto della strada che segue la linea di costa. Si iniziano a definire 4 livelli... Uno sotterraneo. Un'altra cosa diventa evidente: l'edificio deve essere staccato dal muro della scarpata così, in questo spazio di risulta, possono passare i camion che portano materiale al museo. Poco a poco il volume più alto si fa curvo sulla strada e dritto contro la scarpata. Per ultime Siza mostra le piante del progetto definitivo. Al piano interrato si vede il grande parcheggio. Nella pianta a piano terra si vede la rampa. Mi sono reso conto che questa rampa non poteva essere tutta all'interno dell'edificio e perciò è per metà all'interno e per metà fuori. Definisce inoltre uno spazio centrale a tutta altezza che prende luce dai lucernari che bucano il tetto. Per visitare il museo si può prendere l'ascensore e scendere lungo la rampa che quando è interna all'edificio rende partecipi di questo spazio a tutta altezza e delle opere esposte. Quando è esterna all'edificio estrania e tramite delle piccolissime finestre si può guardare fuori, verso il fiume.

78 Molti mi chiedono come mai, con una naturaleza così lussureggiante ci siano delle finestre così piccole. La verità è che gli ingegneri mi hanno detto di limitare le dimensioni di queste aperture. Guardando le foto dell'edificio quasi finito si vede una torre una torre brutta, residenziale. Ma il contesto è anche questo. Durante i lavori abbiamo imparato a considerarla come un amico. Un brutto amico. Naturalmente se guardo la rampa penso al Gugghenheim e, per come le curve dell'edificio seguono le curve del paesaggio, ad Oscar Niemeyer. Tutti da giovani all'università avevamo un mito specifico: chi Le Corbusier, chi Mies. Poi ti guardi intorno e vedi che c'è un mondo pieno di architettura che ci circonda.

79 Il controllo totale del progetto

80 C. Scarpa - Sistemazione museale di Castelvecchio Verona

81

82 M. Ridolfi - Casa Lina - Marmore, Terni 1967

83

84 Quando mi accingo a risolvere un problema di architettura, mi trovo senza eccezione arrestato nel mio lavoro dall idea della realizzazione si tratta di una specie di coraggio delle tre del mattino dovuto probabilmente alle difficoltà causate dal peso dei differenti elementi all atto della loro realizzazione architettonica. Le esigenze sociali, tecniche, umane ed economiche che si presentano spalla a spalla con i fattori psicologici concernenti ogni individuo e ogni gruppo, i loro ritmi e il colloquio interiore, tutto ciò è una matassa che non può essere sbrogliata in modo razionale. Ne deriva una complicazione che impedisce all idea madre di prendere forma. In casi simili io agisco in un modo completamente irriflessivo; dimentico per un istante lo sviluppo dei problemi, li caccio dalla memoria e mi occupo di qualcosa che posso chiamare arte astratta. Disegno, lasciandomi interamente guidare dall istinto e, all improvviso, l idea madre nasce, un punto di partenza che riunisce i differenti sopracitati elementi, spesso contraddittori, e li mette in armonia. A. Aalto, Architettura e arte concreta, (1947), in Casabella, n. 299, dicembre 1965, pag.42.

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L immagine: tra metafora

L immagine: tra metafora L immagine: L immagine: tra tra metafora metafora e ricordo e ricordo Alice De Toni Facoltà di Architettura Corso di Laurea Magistrale in Progettazione Architettonica Paola Pavoni Facoltà di Scienze della

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it

INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it scarica questo e-book in formato pdf Davide Donà vi consiglia AUTOCAD INIZIARE CON IL CAD 3D di Davide Donà Grignasco (NO) davidedona@libero.it INTRODUZIONE Scopo di questa guida è dare una panoramica

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008

Ad A ol o esce c n e t n i t Anno 2008 nno 2008 dolescenti Prova di Comprensione della Lettura CELI 1 dolescenti 2008 PRTE PROV DI COMPRENSIONE DELL LETTUR.1 Leggere i messaggi da 1 a 4. Guardare le illustrazioni sotto i messaggi. Solo una

Dettagli

LUCA CHIANCA Perché non avete accettato il finanziamento pubblico?

LUCA CHIANCA Perché non avete accettato il finanziamento pubblico? Perché non avete accettato il finanziamento pubblico? Si è deciso di completamente essere liberi innanzitutto nei confronti di qualsiasi partito politico. E anche di non avere l atteggiamento classico

Dettagli

LA COORDINAZIONE MODULARE

LA COORDINAZIONE MODULARE Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Architettura Laurea Specialistica in Ingegneria Edile-Architettura Tecnologia dell Architettura I prof. arch. Sergio Russo Ermolli a.a. 2009-2010 LA COORDINAZIONE

Dettagli

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri

Casa Cosmica del Sangha di Antonello Ruggieri Per l aula di meditazione che ha sede in via Piranesi 14 a Milano abbiamo commissionato all artista Antonello Ruggieri una installazione che favorisca gli stati meditativi che intendiamo coltivare; tale

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Curriculum Vitae. Pisano Daniela. Dati personali: Dati professionali: Istruzione universitaria:

Curriculum Vitae. Pisano Daniela. Dati personali: Dati professionali: Istruzione universitaria: Curriculum Vitae Pisano Daniela Tel: 0783/359212 Cell: 338-4835655 E-MAIL: arkdanielapisano@gmail.com Dati personali: Stato civile: libero Data di nascita: 21-05-1979 Luogo di nascita: ORISTANO (ORISTANO)

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2

Alla scoperta dell acqua intorno a noi Un possibile percorso 1. Alla scoperta dell acqua intorno a noi (I) Un possibile percorso 2 I s t i t u t o T e c n i c o I n d u s t r i a l e S t a t a l e L i c e o S c i e n t i f i c o T e c n o l o g i c o E t t o r e M o l i n a r i Via Crescenzago, 110-20132 Milano - t e l. : ( 0 2 )

Dettagli

Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura Civile, Corso di Laurea Magistrale in Architettura

Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura Civile, Corso di Laurea Magistrale in Architettura Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura Civile, Corso di Laurea Magistrale in Architettura Esercitazione introduttiva 17_10_2008_1 Laboratorio di Architettura degli Interni 1, proff. Roberto Rizzi

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne materiali www.samuelbeckett.it La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne di Larry Lund Nel 1953, con la somma ereditata dopo la morte della madre, Samuel Beckett acquistò una piccola casa a Ussy-sur- Marne,

Dettagli

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20

Abschlussklausur. Italienisch Italiano Online SS 2008. Comprensione orale: / 15. Comprensione scritta: / 20 Abschlussklausur Italienisch Italiano Online SS 2008 Dozent: Davide Schenetti Comprensione orale: / 15 Comprensione scritta: / 20 Riflessione grammaticale e interculturale: / 40 Produzione scritta: / 25

Dettagli

2.1. Le Corbusier - Villa Savoye. Autore. figura 00

2.1. Le Corbusier - Villa Savoye. Autore. figura 00 Nico Bolla Architetture: 2.1. Le Corbusier - villa Savoye pag 1 2.1. Le Corbusier - Villa Savoye Autore figura 00 Charles-Edouard Jeanneret-Gris assumerà il nome d arte di Le Corbusier (storpiando un poco

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

MATERIALS AND DESIGN. Il design della materia e i linguaggi dei materiali

MATERIALS AND DESIGN. Il design della materia e i linguaggi dei materiali MATERIALS AND DESIGN Il design della materia e i linguaggi dei materiali CORSO DI CULTURA TECNOLOGICA DELLA PROGETTAZIONE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA DI FERRARA AA. 2008-2009 prof. Alfonso Acocella arch. Veronica

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Lezioni di spicce Fotografia

Lezioni di spicce Fotografia Lezioni spicce di fotografia Lezioni di spicce Fotografia 1 Introduzione L idea di queste pagine, un po spicce, vagamente sbrigative, nascono da una conversazione in chat, perché anche io chatto, con un

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Problem Solving Therapy

Problem Solving Therapy PSICOLOGIA Problem Solving Therapy Raggiungere gli obiettivi e risolvere i problemi è una questione di metodo. Pochi semplici passi per una tecnica alla portata di tutti Dott. Roberto Cavaliere Psicologo

Dettagli

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO

RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO RENATO BONELLI (1911-2004) RESTAURO CRITICO-CREATIVO «IL RESTAURO SCIENTIFICO RIVELA LA PROPRIA INADEGUATEZZA NEL 1943-45 ALLORCHÉ SI DEVONO AFFRONTARE LE CONSEGUENZE DELLE DISTRUZIONI BELLICHE; L ENTITÀ

Dettagli

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V.

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. LA VENDITA ETICA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo.

Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Benvenuti al corso base di fotografia promosso dall Associazione L Istantanea Gruppo Fotografico di Massalengo. Fotografia dal greco fotos grafos: disegnare con la luce, tutto ciò di cui ci occuperemo

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI (E PER

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

I disegni in pianta, sezione e prospetto

I disegni in pianta, sezione e prospetto I disegni in pianta, sezione e prospetto Alcuni disegni tratti da: M. Canciani, I disegni di progetto costruzioni, tipi e analisi, cap.1 il processo geometrico Città Studi edizioni, Novara 2009, ISBN 978-88-251-7331-4

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO

DENTRO IL CONVENTO DI S. MARCO Osserva Piazza della Signoria e imprimi nella memoria i suoi particolari Scrivi un breve testo che ti permetta di raccontare le tue impressioni e i tuoi ricordi del centro di Firenze e immortala con una

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Relazione Finale progetto II Anno

Relazione Finale progetto II Anno Relazione Finale progetto II Anno Premessa Anche quest anno ho la necessità di fare una premessa. Quando a giugno ho pensato di creare un giornalino a scuola come progetto per l ultimo anno del DOL ero

Dettagli

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO

PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO PROGETTAZIONE ARCHITETTURA E AMBIENTE 3 LICEO Libro testo: 1) Elementi di disegno tecnico Piante, sezioni, prospetti, quote, convenzioni UNI di rappresentazione dell architettura; 2) Il rilievo a vista,

Dettagli

Visitando l Ungheria

Visitando l Ungheria Pubblicato su www.camperweb.it Visitando l Ungheria dal 25/4 al 30/4/2013 25/4 Partenza da Verona in prima mattinata alla volta di SOPRON Ci beviamo 700 km e arriviamo intorno alle 17.30. In questa cittadina

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

2014 Editrice ZONA È VIETATA. ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore.

2014 Editrice ZONA È VIETATA. ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. 2014 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. La nostra Nuova Caledonia L avventura d una vita di Giorgio & Marosa

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento.

La visita inizia dallo spazio antistante l ingresso al Lager di Dachau, oggi parcheggio a pagamento. Percorso di visita autoguidata al Lager di Dachau Capire e rispettare Ti appresti a visitare ciò che resta del Lager nazista di Dachau cercando di leggere quei pochi segni originari ancora presenti in

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente

LA GITA NEL SALENTO. Il Presidente LA GITA NEL SALENTO La gita autunnale del Club alla scoperta di bellezze artistiche nonché enogastronomiche della nostra penisola sta diventando quasi una tradizione. Quest anno sempre sotto la guida del

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo

SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo LICEO SCIENTIFICO STATALE A. SCACCHI, BARI DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SITOGRAFIA Risorse on line per la Storia dell Arte e i Beni Culturali A cura di Silvano Cosmo Il repertorio presenta

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES

SAN GEMINI PRESERVATION STUDIES BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI N. 5 BORSE DI STUDIO PER STUDENTI UNIVERSITARI FINALIZZATE ALL ACQUISIZIONE DI ELEMENTI E DI TECNICHE UTILI PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DI BENI CULTURALI

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu

Informatica. Terzo anno Prof. A. Longheu Informatica Terzo anno Prof. A. Longheu Come studiare??? Anzitutto, qualche consiglio su come studiare Primo passo: capire quali fattori influenzano la propria capacità di imparare (ANALISI) 2 Come studiare???

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

[ Il nuovo Municipio Roma V. Storie, memorie, luoghi e immagini per il futuro ]

[ Il nuovo Municipio Roma V. Storie, memorie, luoghi e immagini per il futuro ] Con il patrocinio di: Umberto De Felice, Presidente Comitato Cittadini Quarticciolo e Dintorni Via Castore Durante, 10-00171 Roma. Tel/fax. 0699928254 Centro di Ascolto 3280499042 Comitato.cittquarticciolo@gmail.com

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli