ARCH. MAURO GALLONI S.S. CASSIA KM VETRALLA - VT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARCH. MAURO GALLONI S.S. CASSIA KM 67+300 01019 - VETRALLA - VT E-MAIL: m.galloni@gruppovisalia.it"

Transcript

1 CURRICULUM VITAE 1. Cognome: GALLONI 2. Nome: MAURO 3. Data di Nascita: 27/09/ Luogo di Nascita: ROMA 5. Nazionalità: ITALIANA 6. Stato Civile: CONIUGATO 7. Excursus Vitae: terminati gli studi nel 2002 ed ottenuta laurea Magistrale in Architettura avvia la propria attività professionale che si divide tra collaborazioni con primari studi di progettazione, in particolare la MarioPetrangeli & Ass.ti srl, e l avvio del proprio studio professionale che costituisce l embrione di quanto si realizzerà negli anni successivi. Nel 2004 fonda la società QProject sas che svolge attività consulenziale per aziende e pubblica amministrazione nei settori della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, nella sicurezza ed igiene degli ambienti e degli alimenti, nella implementazione e certificazione di sistemi gestionali conformi alle più diffuse norme volontarie internazionali (ISO 9001, ISO14001 ecc.). La società che nel 2007 si trasforma in Società a Responsabilità Limitata in pochi anni si afferma nel proprio territorio di riferimento tra le più dinamiche e autorevoli realtà nei settori di attività sopra dette. La società si arricchisce di competenze e know-how grazie all apporto di professionisti che entrano in proficua collaborazione con l Arch. Galloni e grazie alla continua formazione ed apprendimento che lui stesso persegue come filosofia professionale. Nel 2009 da QProject srl nasce la nuova idea Gruppo Visalia srl con la quale l Architetto intende dare specifica autonomia e ciascuno dei campi in cui è attiva la società premiando anche collaboratori e dipendenti competenti e capaci con ruoli partecipativi nelle società che il Gruppo fonderà dal 2010 in poi. Nel 2011 nascono Visalia Energia srl e lo Studio Associato Visalia Progettazione. Il secondo ancora in fase di start-up purtroppo in un mercato depresso dalla crisi nazionale ed internazionale. La prima invece Visalia Energia srl da subito so afferma come primaria realtà del Centro Italia nella progettazione e realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili e nello sviluppo e realizzazione di interventi volti all efficientamento e contenimento dei consumi energetici di aziende e pubbliche amministrazioni. Dal 2012 e nel corso del 2013 si è avviata per l Arch. Galloni lo start-up delle altre 2 società che andranno a ulteriormente sviluppare il settore della Formazione Professionale Superiore PAG 1 DI 33

2 con Visalia Formazione srl e l originario ambito consulenziale con Visalia Consulting srl. 8. Istruzione: Istituto Data: da (mese/anno) a (mese/anno) UNIVERSITA di ROMA - LA SAPIENZA 11/91 04/02 Titolo Ottenuto: Laurea in Architettura il 30/04/2002 con voti 110/110 Abilitazioni Professionali: Abilitato all esercizio della professione di architetto avendo sostenuto l esame di stato il 25/06/2002 Abilitato ex art. 98 DLgs 81/2008 Coordinatore della Sicurezza in Fase di Progettazione e di Esecuzione Abilitato ex art. 32 comma 5 DLgs 81/2008 Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Abilitato alla progettazione e certificazioni antincendio ex articolo 1 legge 818/84 iscritto nell elenco del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco al n. VT 00486A00061 Abilitato alla verifica della sicurezza degli impianti ex DM 37/08 relativamente ad impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dell energia elettrica ecc. Corso di formazione 50hh per l assunzione di incarico da Energy Manager Certificatore Energetico ERMES Corso di Formazione 60hh 9. Lingue Straniere: (Da 1 a 5) Lingua Lettura Parlato Scrittura Italiano Lingua Madre Inglese Francese Appartenenza Albi Professionali: Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Viterbo al n Conoscenze informatiche specifiche: sistemi operativi Software beginner skilled professional WINDOWS 7 HOME-PRO WINDOWS 2012 SERVER PAG 2 DI 33

3 editing e gestionali in ambiente windows Software beginner skilled professional MICROSOFT OFFICE WORD MICROSOFT OFFICE ECEL MICROSOFT OFFICE POWERPOINT MICROSOFT OFFICE VISIO MICROSOFT OFFICE ACCESS MICROSOFT PROJECT Software per contabilità di cantiere e sicurezza (DLgs 81/08) Software beginner skilled professional ACCA SOFTWARE PRIMUS GEONETWORK EUCLIDE COMPUTI GEONETWORK EUCLIDE SICUREZZA Software di progettazione impiantistica e certificazione energetica Software beginner skilled professional MC4 SOFTWARE HVAC CAD EUCLIDE CERT.NE ENERGETICA Cad 2d e creazione di modelli virtuali in ambiente windows Software beginner skilled professional AUTOCAD 2012 ARCHICAD 3D STUDIO MA 3D STUDIO VIZ grafica ed editing di modelli virtuali in ambiente windows software beginner skilled professional CORELDRAW 3 ADOBE PHOTOSHOP CS5.1 COREL PHOTOPAINT 12. Altre: Esperto nella progettazione, implementazione e miglioramento di Sistemi di Gestione Aziendale (ISO 9001:2008) Esperto in tecnica fotografica classica e digitale e applicazione al rilievo di edifici e monumenti - raddrizzamenti fotogrammetrici. Esperienza nel rilievo dal vero di edifici e monumenti Esperto nella realizzazione di modelli plastici per simulazioni progettuali Esperienza di studio e ricerca come collaboratore del Prof. R. Wallach docente del corso di urbanistica II dell Università La Sapienza di Roma, Facoltà di Architettura negli anni accademici e Esperto in Gestione Etica delle Aziende norma SA8000 Corso di 200hh 13. Qualifiche: - 1 anno di esperienza presso il CEFI Centro di Formazione Informatica quale Responsabile e Istruttore Area CAD 2D-3D, Responsabile e Istruttore Area Grafica (Photoshop; CorelDraw; PaintShop Pro); PAG 3 DI 33

4 - 1 anno di esperienza (free-lance) come Disegnatore Progettista CAD 2D-3D per diversi Studi di Progettazione Architettonica - 2 anni di esperienza (free-lance) quale Assistente alla Progettazione e Responsabile creazione ed editing grafico di modelli virtuali 3D per diversi studi di Progettazione Architettonica; - 5 anni di esperienza presso la societa d ingegneria Mario Petrangeli & Ass.ti quale Responsabile per la Progettazione Architettonica di Infrastrutture stradali e ferroviarie e Responsabile Gare e Appalti 14. Esperienze Professionali: Progettazione Architettonica ambito Civile Edile ed Industriale Data: da (mese/anno) a (mese/anno) Luogo Posizione 1/ /1999 ITALIA Progettista PROGETTO DI UN UFFICIO POSTALE IN VIA CASAL DEL MARMO A ROMA, PREMIATO AL CONCORSO PER LAVORI ORIGINALI E TESI DI LAUREA QUALITÀ DELL ARCHITETTURA E DEL PATRIMONIO EDILIZIO POSTALE Si tratta della progettazione di livello preliminare di un Ufficio Postale di Livello Locale, Gruppo A, come definito dalla normativa del Ministero delle Poste. in via Casal del Marmo in borgata Palmarola a Roma. Il progetto viene premiato nella sezione B del Concorso Lavori Originali e Tesi di Laurea. Ruolo svolto: Responsabile e Autore del Progetto Anno di realizzazione : 1998 Data: da (mese/anno) a (mese/anno) Luogo Posizione (Committente: Poste Italiane) 1/2000 ad oggi ITALIA Architetto Progettista PROVINCIA DI TORINO - PROGETTO NUOVO PONTE STRALLATO SUL TORRENTE SANGONE Sviluppo della progettazione definitiva ed esecutiva del nuovo ponte strallato S.S. 589 in provincia di Torino da realizzare a seguito delle degli eventi alluvionali dell autunno 2000 che hanno reso inagibile il ponte preesistente. La struttura progettata ed approvata dall amministrazione provinciale, consiste in un ponte strallato di 80.0m di luce con 8 stralli disposti su due piani paralleli e rinviati a terra a tergo dell antenna. La scelta della tipologia progettuale è stata dettata dai rigidi limiti di natura idraulica che imponevano un impalcato di altezza ridotta in modo da rispettare il franco di 1.0m rispetto alla quota di massima piena. La soluzione proposta oltre ad eliminare completamente ingombri strutturali in alveo, ha permesso la realizzazione di un impalcato di 1.20m di altezza di facile realizzazione. Ruolo svolto: Responsabile rendering e inserimento ambientale collabora alla PAG 4 DI 33

5 Anno di realizzazione : 2001 (Committente: Provincia Torino) progettazione definitiva esecutiva per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. RADDOPPIO LINEA FERROVIARIA GENOVA-VENTIMIGLIA Sviluppo della progettazione preliminare e definitiva delle opere d arte principali annesse alla nuova stazione di Imperia sulla linea Genova Ventimiglia. Il progetto prevede due ponti sovrapposti per l attraversamento del torrente Impero; quello superiore, il principale, accoglie oltre alla linea ferroviaria anche le banchine della nuova stazione di Imperia, ed è costituito di un cassone pluricellulare in c.a.p alleggerito; quello inferiore invece carrabile è un piccolo ponte strallato a struttura mista acciaio cls. Lo studio architettonico ha riguardato soprattutto la sistemazione delle banchine della nuova stazione e la copertura del percorso ciclopedonale affiancato all impalcato ferroviario. Ruolo svolto: Collabora allo sviluppo del rendering e all inserimento ambientale per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : (COMMITTENTE: ITALFERR SPA) PAG 5 DI 33

6 PROGETTO DEFINITIVO DEL PONTE STRALLATO SUL OUED RHUMEL Si tratta di un ponte strallato stradale da realizzarsi nelle vicinanze di Costantine in Algeria. La luce del ponte è pari circa a 80.0m, con doppio piano di stralli rinviati a terra su di un blocco di ammarro tramite l unica antenna di 40m di altezza. Ruolo svolto: Responsabile rendering e inserimento ambientale collabora alla progettazione per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2001 (COMMITTENTE: GOVERNO ALGERINO) PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEFINITIVA ED ESECUTIVA DELLA COPERTURA DEL TRINCERONE FERROVIARIO ADIACENTE ALLA S.S. 18 NEL TRATTO DA VIA SAVOIA A VIA CALIRI A CAVA DE TIRRENI SI TRATTA DELLA COPERTURA DI UN TRINCERONE FERROVIARIO SITUATO NEL CENTRO DI CAVA DE TIRRENI DELLA LUNGHEZZA DI CIRCA 220M E CAMPATA DELLA LUCE DI CIRCA 20M. IL PROGETTO PREVEDE LA REALIZZAZIONE DI DUE IMPALCATI SOVRAPPOSTI IL PRIMO PIÙ BASSO DA ADIBIRE A PARCHEGGIO IL SECONDO QUELLO SUPERFICIALE A QUOTA STRADA DA DESTINARE A VERDE ATTREZZATO CON ESTREMO VANTAGGIO DAL PUNTO DI VISTA AMBIENTALE. IL PARCHEGGIO COPERTO PUÒ CONTENERE FINO A CIRCA 500 POSTI AUTO MENTRE L AREA PER VERDE ATTREZZATO RISULTEREBBE DI UNA SUPERFICIE DI CIRCA 12000MQ. RUOLO SVOLTO: RESPONSABILE INSERIMENTO AMBIENTALE DELL OPERA; STUDIO ARCHITETTONICO DELL AREA PEDONALE DA REALIZZARSI SULLA COPERTURA; CAPITOLATI COMPUTI PER LA MARIO PETRANGELI & ASSOCIATI S.R.L. ANNO DI REALIZZAZIONE : (COMMITTENTE: COMUNE DI CAVA DE TIRRENI) SS675, E RACCORDO AUTOSTRADALE RIETI ORTE VITERBO CIVITAVECCHIA. AGGIORNAMENTO DEL PROGETTO ESECUTIVO DEL 3 TRONCO, 1 LOTTO, STRALCIO A, DALLO SVINCOLO PER LA S.P. VETRALLA TUSCANIA, E LO SVINCOLO CON LA SS1 AURELIA BIS. L INCARICO HA RIGUARDATO LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA DI 5 VIADOTTI CON IMPALCATI IN C.A.P. SU LUCI DI 39.0M, COSTITUITI DA TRAVI PREFABBRICATE E RESE SOLIDALI IN OPERA E DELLE OPERE DI SOSTEGNO PROVVISORIE NECESSARIE PER LE FASI ESECUTIVE RUOLO SVOLTO: STUDIO DELL INSERIMENTO AMBIENTALE DEI MAGGIORI VIADOTTI IN FASE DI CANTIERIZZAZIONE DELL OPERA PER LA MARIO PETRANGELI & ASSOCIATI S.R.L. ANNO DI REALIZZAZIONE : 2002 (COMMITTENTE: ANAS COMPARTIMENTO DI ROMA) PAG 6 DI 33

7 PROGETTO ESECUTIVO DEL NUOVO CAVALCAVIA SULLA LAURENTINA A ROMA Si tratta di un nuovo cavalcavia in acciaio e calcestruzzo sulla via Laurentina alla connessione con via del Tintoretto. L impalcato in acciaio e calcestruzzo appunto ha un rivestimento metallico il cui colore è stato studiato per rispondere al meglio all inserimento nella zona che dovrà essere destinata a verde pubblico; per questo fanno parte del progetto un complesso di percorsi pedonali e ciclabili integrati al ponte sulla Laurentina. Il progetto rientra nel complesso di opere che porteranno alla realizzazione del nuovo Centro Congressi dell EUR Ruolo svolto: progettazione architettonica esecutiva, Responsabile per inserimento ambientale per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2002 (Committente: Comune di Roma) PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PONTE SUL FIUME ALPONE CON LA RIQUALIFICAZIONE DELLA STRUTTURA ESISTENTE. Il progetto riguarda la riorganizzazione viaria carrabile e pedonale dell accesso all abitato di s. bonifacio nella zona in cui scorre il torrente alpone. Fa parte della nuova configurazione il nuovo ponte di attraversamento del torrente il quale prevede insieme alla carreggiata stradale anche una pista ciclopedonale. Il ponte sostituirà il vecchio ponte in acciaio del quale se ne prevede il recupero e il riuso per la mobilità pedonale Lo studio architettonico ha riguardato le scelte per la realizzazione del guscio di alluminio verniciato con il quale sarà rivestita la struttura in acciaio e la realizzazione della pista ciclopedonale. Ruolo svolto: progettazione architettonica e Responsabile per inserimento ambientale per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione: 2003 in corso (Committente: Comune di S. Bonifacio) PAG 7 DI 33

8 LINEA FERROVIARIA MILANO-NAPOLI. PENETRAZIONE URBANA LINEA ALTA VELOCITÀ NODO DI BOLOGNA. PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Lo studio ha riguardato in modo particolare la pila del viadotto ferroviario su cui appoggiano sia l impalcato in c.a.p. sia quello in acciaio. Per le specifiche condizioni di carico ha assunto una forma complessa e soprattutto si ha una forte differenza di forma tra essa ed il pulvino su cui poggiano gli impalcati. La pila è ben visibile dall autostrada che corre non lontano dalla linea ferroviaria per cui per il trattamento superficiale del cls si sono ipotizzate diverse soluzioni, dalla verniciatura semplice fino alla combinazione di vernici e l utilizzo di casserri con matrici, con l intento di attenuarne alla vista l effetto muro che può causare. Ruolo svolto: Studio della pila in c.a., inserimento ambientale e collaborazione alla stesura degli esecutivi per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione: 2002 in corso (Committente: Italferr SpA) PROGETTAZIONE DEFINITIVA, ESECUTIVA E COORDINAMENTO PER LA SICUREZZA PER I LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL NUOVO CAVALCAFERROVIA E DELLA RELATIVA VIABILITÀ DI COLLEGAMENTO IN ZONA CAMPI DI VACCINA Inserito nell ambito di un progetto di riqualificazione urbana della periferia di Ladispoli, il progetto in corso di svolgimento, prevede oltre allo studio della viabilità di collegamento e dell inserimento urbanistico, la progettazione di un cavalcaferrovia sulla linea Roma- Pisa, costituito da un viadotto in struttura mista acciaio-cls a 6 campate continue. Ruolo svolto: progettazione architettonica del viadotto e delle sottostrutture per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2002 in corso (Committente : COMUNE DI LADISPOLI) PAG 8 DI 33

9 PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEL RADDOPPIO DELLA LINEA MILANO-MORTARA TRATTA CASCINA BRUCIATA - MORTARA. L incarico di progettazione per conto di Italferr, tratta della progettazione preliminare delle opere previste per il raddoppio e il parziale interramento della ferrovia che collega Milano a Mortasa. La linea attraversa gli abitati di Vigevano ed Abbiategrasso all'interno dei quali sono previste una serie di opere di scavalco sia carrabili che ciclopedonali della linea a ricucitura del tessuto urbano dei due centri. Ruolo svolto: studio delle architetture degli attraversamenti ciclopedonali della linea per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2003 in corso (Committente : Italferr SpA) PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEL NUOVO PONTE FERROVIARIO SUL FIUME ADDA. L incarico di progettazione per conto di Italferr, tratta della progettazione preliminare di un nuovo ponte sul fiume adda sulla nuova linea ferroviaria Seregno Bergamo. Il ponte attraverserà l Adda in un tratto che, almeno per quello che riguarda la sponda milanese, riveste un indubbio interesse paesaggistico, ricadendo all interno del Parco Naturale dell Adda Nord ed essendo sottoposta a vincolo paesistico-ambientale ( L.1497/39 ). Esso sarà ubicato immediatamente allo sbocco di una lunga galleria a vie separate e pertanto sarà in realtà costituito, per la quasi totalità del suo sviluppo, da due manufatti distinti posti ad interasse variabile da 4 a 20 metri. I due impalcati del ponte saranno realizzati in c.a.p. e costruiti a sbalzo con cassoni unicellulari. La lunghezza complessiva del ponte di 220m sarà costituita di uno schema strutturale simmetrico con una campata centrale di 100m e le due campate laterali di 60m. Il progetto è completato dal viadotto d accesso lato Bergamo della lunghezza di 672m realizzato con travi in c.a.p. prefabbricate. Ruolo svolto: studio architettonico e inserimento ambientale per la Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2003 in corso (Committente : Italferr SpA) PAG 9 DI 33

10 PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE SITO IN MONTE ROMANO (VT) Si tratta della progettazione di massima ed esecutiva della ristrutturazione di un edificio composta da una unità abitativa su due livelli più paino seminterrato. L ampliamento consentito dal vigente PRG del Comune di Monte Romano è consistito nella realizzazione di circa 1350 mq ad uso abitativo. Lo sviluppo del progetto prevede la realizzazioni di nuovi locali seminterrati e di 2 piani fuori terra per l ubicazione di 2 nuove unità abitative. Le nuove unità si generano da una ridistribuzione della volumetria esistente consentito dalla realizzazione di una nuova scala esterna ai volumi edilizi in luogo di una loggia all uopo demolita. Ruolo svolto: Responsabile di Progetto e Direttore dei lavori Anno di realizzazione : I lavori sono in corso di realizzazione (Committente : Privato) PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE E RISANAMENTO STATICO DI UN APPARTAMENTO IN PALAZZO LUZI A VETRALLA (VT) L APPARTAMENTO È UBICATO AL PIANO NOBILE DELLA DIMORA CINQUECENTESCA NOTA A VETRALLA COME PALAZZO ANSELMI - LUZI. GLI INTERVENTI STRUTTURALI E CONSERVATIVI MAGGIORI CONSISTONO NEL RIFACIMENTO E NOVO DI UNO DEI SOLAI, NEL CONSOLIDAMENTO DELLE ARCHITRAVI, NEL RISANAMENTO DELLE MURATURE PORTANTI MAGGIORMENTE LESIONATE E NEL RESTAURO DEI SOLAI LIGNEI. PER IL NUOVO SOLAIO SI È SCELTA UNA SOLUZIONE MISTA ACCIAIO E TAVELLE CON RIEMPIMENTO A CALCESTRUZZO ALLEGGERITO. LE ARCHITRAVI PRESSOCHÈ INESISTENTI SONO STATE REALIZZATE CON TRAVETTI IN ACCIAIO HEA CHIAVARDATI. I PORTALI IN PEPERINO SONO STATI INVECE RINFORZATI CON GIUNZIONI IN ACCIAO A SCOMPARSA. LE MURATURE SONO STATE TRATTATE CON INTONACO RETINATO. I SOFFITTI LIGNEI, COMPLETAMENTE RECUPERATI, SONO STATI PULITI CON LEGGERA SABBIATURA E PULITURA FINALE A MANO E PROTETTI CON TRATTAMENTO A CERA D API PROFUMATA DA ESSENZE. LE SOLUZIONI DEGLI INTERNI SONO INVECE BASATE SUL PROVOCATORIO ACCOSTAMENTO ANTICO-MODERNO. AI PORTALI IN PEPERINO ED AI SOFFITTI IN LEGNO SONO ACCOSTATI PAVIMENTI A GETTO DI RESINA E MOBILI DAL DESIGN INNOVATIVO (CAMERA DA LETTO ALIVAR, CUCINA DADA, BAGNO FLAMINIA). LA STESSA DISTRIBUZIONE STRUTTURALE DELLE CELLULE MEDIEVALI È CONTRAPPOSTA ALLA DISTRIBUZIONE FUNZIONALE A PIANTA LIBERA E SPAZIO CONTINUO. Ruolo svolto: Responsabile di Progetto e Direttore dei Lavori Anno di realizzazione : 2003 (Committente : Privato) PAG 10 DI 33

11 REDAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE DEL COMPRENSORIO LE PRATA NEL COMUNE DI VETRALLA (VT) L INCARICO HA RIGUARDATO LA PROGETTAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE DI UN AREA INDIVIDUATA DAL PRG DI VETRALLA QUALE COMPRENSORIO DI ATTUAZIONE. IL COMPRENSORIO È INDIVIDUATO COME SOTTOZONA C1 CON DENSITÀ ABITATIVA TERRITORIALE PARI AD 80 AB/HA. L ESTENSIONE DELL AREA DI PROGETTO PARI A MQ CONSENTE LA REALIZZAZIONE DI 8400 MC DI EDILIZIA RESIDENZIALE PER UN IMPORTO DI OPERE PARI A CIRCA IL PLC PREVEDE INOLTRE LA REALIZZAZIONE DI UNA BRETELLA VIARIA DI COLLEGAMENTO ALLA VIABILITÀ COMUNALE, LA REALIZZAZIONE DI AREE A VERDE E UNA PIAZZA URBANA. NEL PLC SI INDIVIDUANO 2 TIPI EDILIZI: I) CASE A SCHIERA E II) VILLINO BIFAMILIARE. Ruolo svolto: Responsabile di Progetto Anno di realizzazione : 2004 in corso (Committente : Consorzio Le Prata ) PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN BAR A VITERBO SI TRATTA DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DEL BAR 12 SITO A VITERBO SULLA CASSIA NORD. IL PROGETTO SI PROPONE, NON IL SEMPLICE RINNOVO DEL LOCALE E DEI SUOI ARREDI, MA ANCHE LA RICERCA DI UNA NUOVA IMMAGINE COMPLESSIVA DEL LOCALE. LE PROPOSTE PROGETTUALI, IN PARTICOLARE PER IL BANCONE ED IL RETROBANCO, SONO ANDATE VERSO L UTILIZZO DI MATERIALI METALLICI E PLASTICI, ACCOSTATI A SOLUZIONI DI PARAMENTO DELLE PARETI E DEI PAVIMENTI, ORMAI DIVENUTI USUALI PER LOCALI DI QUESTO GENERE, QUALI RESINE E CEMENTI COLORATI. L IMPEGNO MAGGIORE E TUTTORA IN CORSO DI SVOLGIMENTO RIGUARDA LA SCELTA DEI PUNTI ILLUMINANTI, VISTE LE PARTICOLARI CONDIZIONI DELL INTERNO DEL LOCALE, CIOÈ LA QUASI COMPLETA ASSENZA DI ILLUMINAZIONE DIURNA. GLI INDIRIZZI PER LE SCELTE ILLUMINISTICHE SONO PER LA RICERCA DI SOLUZIONI CHE CONSENTANO UN UTILIZZO DEL LOCALE PER DIVERSE SITUAZIONI E OCCASIONI, PER CUI SI POSIZIONERANNO AL DI SOPRA DEL BANCONE E NEL SOFFITTO CENTRO STANZA GRUPPI ILLUMINANTI IN GRADO DI ASSOLVERE ALLE FUNZIONI DI LUCE DIURNA NELLE ORE APPUNTO DELLA GIORNATA (COLAZIONE, PRANZO, PRIMO POMERIGGIO). CON IL PASSARE DELLA GIORNATA E LA DIMINUZIONE DEL SOLEGGIAMENTO ESTERNO IL BAR POTRÀ ASSUMERE UNA VESTE PIÙ INTIMA E CREARE SITUAZIONI DI ILLUMINAZIONE PARTICOLARI QUALI: SCHERMI COLORATI RETROILLUMINATI, ILLUMINAZIONI PUNTUALI NEL SOTTOBANCONE, E RETROILLUMINAZIONE (CON EFFETTO DI SOVRAESPOSTO) PER IL RETROBANCO. Ruolo svolto: Responsabile di Progetto Anno di realizzazione : 2005 in corso (Committente : Privato) PAG 11 DI 33

12 CONCORSO INTERNAZIONALE DI PROGETTAZIONE: IL TUNNEL, IL PONTE, LA STORIA. DUE PONTI A FIRENZE SUL FIUME ARNO, S.S. 87 TOSCO-ROMAGNOLA LOCALITÀ VALLINA TEMA DEL CONCORSO ERA LO SCAVALCO DELL ALVEO DEL FIUME ARNO NEI PRESSI DEL PICCOLO CENTRO URBANO DI VALLINA. IL CONTESTO DI PROGETTO È CARATTERIZZATO DA UN ALTO VALORE AMBIENTALE, PER CUI LA PROPOSTA DI PROGETTO INDICA NON SOLO UNA SOLUZIONE PER IL SUPERAMENTO DEL FIUME MA ANCHE LA POSSIBILITÀ DI RICUCIRE ATTRAVERSO UN SISTEMA AMBIENTALE PROGETTATO GLI ABITATI CHE SUL FIUME SI AFFACCIANO. RIGUARDO ALL ATTRAVERSAMENTO DELL ARNO COME APPUNTO SUGGERISCE IL TITOLO STESSO DEL CONCORSO AVVIENE IN DUE PUNTI BYPASSANDO UN ANSA DEL FIUME CHE SI POTREBBE DIVENIRE IL MOTORE AMBIENTALE DELLO SVILUPPO PROGETTUALE IN QUESTIONE. SI SONO PROPOSTI DUE PONTI STRALLATI, DISSIMMETRICI (OVVERO CON UNA SOLA ANTENNA) CON ANTENNE IN C.A. ED IMPALCATO IN C.A. ALLEGGERITO. LE SCELTE ESTETICHE SI SONO COMUNQUE PIEGATE ALLA RICERCA DEL MINIMO IMPATTO AMBIENTALE. LE FORME SCELTE RICERCANO INFATTI IL MINIMO SPESSORE DI INGOMBRO RESO POSSIBILE DALLO SCHEMA STRALLATO. NELLA FORMA I DUE PONTI SONO SIMILI DIFFERENZIANDOSI PRINCIPALMENTE PER LA LORO DIMENSIONE, IL PRIMO DEI DUE INFATTI HA LUCI MAGGIORI ATTRAVERSANDO L ALVEO DELL ARNO CON UN ANGOLO PIUTTOSTO CHIUSO RISPETTO ALL ASSE DI SCORRIMENTO. IL PONTE MINORE NELLE VICINANZE DI VALLINA PORTA ANCHE UNA PASSERELLA CICLO-PEDONALE NECESSARIA AL COLLEGAMENTO NEL VERDE DI CUI SI È PARLATO SOPRA. Ruolo svolto: Responsabile per le Architetture dei ponti e per l editing delle tavole di concorso su incarico della Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2005 (Committente : ANAS spa) PAG 12 DI 33

13 CONCORSO INTERNAZIONALE DI PROGETTAZIONE: ATTRVERSAMENTO FOSSA TRAIANEA Oggetto del concorso è la progettazione dell attraversamento del canale navigabile alla foce del fiume Tevere, denominato Fossa Traianea. Esso dovrà consentire un efficace collegamento del centro abitato di Fiumicino nord con l Isola Sacra, attraverso la connessione della via Portuense con via del Faro e con una nuova viabilità di PRG. Le scelte proposte in sede di concorso prevedono la pedonalizzazione della via Portuense che insieme alla riqualificazione dell esistente Ponte 2 Giugno ed alla prevista pista ciclopedonale sul nuovo ponte costituiranno il nuovo sistema di mobilità del centro cittadino. Il ponte da realizzarsi, sarà ovviamente mobile per consentire la navigazione sul canale. L architettura scelta per il ponte si basa sulla semplicità e l antimonumentalità proprio per non innescare competizione con l esistente ponte 2 giugno. Il ponte sarà realizzato in acciaio e calcestruzzo con tipologia strallata e con movimento di rotazione dell impalcato in altezza, ovvero la rotazione dei due sbalzi intorno a pignoni posti in corrispondenza delle spalle di riva. Ruolo svolto: Responsabile per le Architetture del ponte e per l editing delle tavole di concorso su incarico della Mario Petrangeli & Associati s.r.l. Anno di realizzazione : 2005 in corso (Committente : Comune di Fiumicino) REALIZZAZIONE DEL MODELLO TRIDIMENSIONALE E DEL RENDERING DELL EDIFICIO PISCINA DEL COMPLESSO DEI VIGILI DEL FUOCO DI CAPANNELLE A ROMA. L incarico ha riguradato appunto la realizzazione del modello tridimensionale sia degli esterni che degli interni dell edificio piscina e lo studio attraverso il rendering fotorealistico dell applicazione di nuovi materiali. Per gli interni le nuove texture sono studiate sia per le pavimentazioni e controsoffittature che per il rivestimento dell interno vasca. Per gli esterni le texture sono state studiate per la realizzazione di una parete ventilata in travertino applicata alla facciata esistente. Ruolo svolto: Responsabile del gruppo di lavoro Anno di realizzazione : 2006 in corso (Committente : Edilurb srl - Roma) PAG 13 DI 33

14 PROGETTO PER IL MOTORHOME FARNESE PNEUMATICI L incarico ha riguardato la progettazione dell allestimento di un bar all interno di un normale autobus di linea urbana. Il progetto ha riguardato sia la disposizione di un piccolo piano bar interno sia la disposizione delle sedute e dei tavoli, oltre che la scelta dei relativi materiali. Il progetto è stato sviluppato interamente in tridimensionale con resa foto realistica. Ruolo svolto: Responsabile del gruppo di lavoro Anno di realizzazione : 2007 (Committente : Farnese Pneumatici srl - Vetralla) PROGETTAZIONE ESECUTIVA DELLE OPERE RELATIVE ALLA LOTTIZZAZIONE DEL COMPRENSORIO LE PRATA NEL COMUNE DI VETRALLA (VT) L incarico ha riguardato la progettazione esecutiva architettonica strutturale ed impiantistica delle unità abitative e delle opere di urbanizzazione comprese nel Piano di Lottizzazione denominato Le Prata. Il comprensorio è individuato come sottozona C1 con densità abitativa territoriale pari ad 80 ab/ha. L estensione dell area di progetto pari a mq consente la realizzazione di 8400 mc di edilizia residenziale. Il progetto ha riguardato inoltre la realizzazione di una bretella viaria di collegamento alla viabilità comunale, la realizzazione di aree a verde e una piazza urbana. Nel PLC si individuano 2 tipi edilizi: i) case a schiera e ii) villino bifamiliare. RUOLO SVOLTO: RESPONSABILE DI PROGETTO ANNO DI REALIZZAZIONE : 2008 IN CORSO (COMMITTENTE : CONSORZIO LE PRATA ) PAG 14 DI 33

15 PROGETTAZIONE MODELLAZIONE E FOTORENDERING DI UNA CAPPELLA GENTILIZIA Oggetto dell'incarico prevedeva la progettazione, la modellazione ed il fotorendering di una cappella gentilizia da realizzarsi presso il cimitero del Comune di Vetralla. La struttura della cappella, in cemento armato faccia vista prevedeva un taglio lungo l'asse verticale con l'inserimento di un telaio in acciaio e vetro colorato in modo da poter far penetrare la luce dall'alto all'interno della stessa. Ruolo svolto: Progettisti TECNICO INCARICATO: ARCH. MAURO GALLONI ARCH. FEDERICO TOMASSINI Anno di realizzazione : 2010 (Committente : Privato) REDAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA LOCALITÀ GIARDINO CURA DI VETRALLA (VT) TRATTASI DI UN COMPRENSORIO SOGGETTO A PIANO PARTICOLAREGGIATO DI ATTUAZIONE L INSIEME DI AREE SITE IN LOCALITÀ GIARDINO E DENOMINATO SUI RELATIVI ELABORATI DI PIANO COME COMPRENSORIO C11. IL COMPRENSORIO SI LOCALIZZA A NORD CENTRO ABITATO DELLA FRAZIONE CURA, RAGGIUNGIBILE DA ESSA ATTRAVERSO LA SP TOBIA CHE SI DIPARTE DALLA SS 2 CASSIA. Ruolo svolto: Responsabile di Progetto TECNICO INCARICATO: ARCH. MAURO GALLONI Collaboratore: arch. Federico Tomassini Anno di realizzazione : 2009 in corso (Committente : Consorzio giardino 2009) PAG 15 DI 33

16 D C B A PRIMA EMISSIONE REVISIONE DATA DESCRIZIONE GALLONI GALLONI GALLONI REDATTO CONTROLLATO APPROVATO ARCH. MAURO GALLONI PROGETTO PER IL RECUPERO E MESSA IN SICUREZZA DELL'ANTICO TRACCIATO DELLA VIA FRANCIGENA COMUNE DI VETRALLA PROVINCIA DI VITERBO PROGETTO PER IL RECUPERO E MESSA IN SICUREZZA DELL'ANTICO TRACCIATO DELLA VIA FRANCIGENA TRATTASI DI INCARICO PUBBLICO DI CUI IN OGGETTO E NELLO SPECIFICO DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE, DEFINITIVO, ESECUTIVO E DIREZIONE LAVORI DELLA MESSA IN SICUREZZA DELL'ANTICO TRACCIATO DELLA VIA FRANCIGENA CHE ATTRAVERSA IL TERRITORIO DEL COMUNE DI VETRALLA. SCOPO DEL PROGETTO È STATO PRINCIPALMENTE QUELLO DI IDENTIFICARE E CIRCOSCRIVERE LE CRITICITÀ DEI DIVERSI TRATTI DEL PERCORSO SOTTO IL PROFILO DELLA SICUREZZA DEL PELLEGRINO, DEFINIRE I MODELLI DI INTERVENTO PER TIPOLOGIE OMOGENEE E QUANTIFICARNE IL COSTO. PROGETTO ESECUTIVO CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO SCHEMA DI CONTRATTO ELABORATO N R13 SCALA FILE: DATA: E038RA13A RESPONSABILE DEL PROGETTO RESPONSABILE PROCEDIMENTO DEL Geom. Remo Luziatelli Arch. Mauro Galloni RUOLO SVOLTO: PROGETTISTA E DIRETTORE DEI LAVORI TECNICO INCARICATO: ARCH. MAURO GALLONI COLLABORATORE: ARCH. FEDERICO TOMASSINI ANNO DI REALIZZAZIONE : 2009 IN CORSO (COMMITTENTE : COMUNE DI VETRALLA) PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEFINITIVA ED ESECUTIVA DI DUE IMPIANTI FOTOVOLTAICI CIASCUNO DELLA POTENZA NOMINALE DI 1 MWP UBICATI NEL COMUNE DI VETRALLA L incarico ha riguardato la progettazione preliminare definitiva ed esecutiva sia del layout degli impianti che delle opere civili annesse, che dell impiantistica elettrica. Gli impianti saranno realizzati al suolo (non integrati) e saranno del tipo ad inseguimento solare monoassiale a tilt 0, con rotazione est-ovest in backtracking. Per il funzionamento di ciascun impianto sono previsti tre trasformatori, 60 inverter e 5404 pannelli fotovoltaici in silicio monocristallino della potenza nominale di 185 Wp RUOLO SVOLTO: RESPONSABILE DI PROGETTO ANNO DI REALIZZAZIONE : 2009 IMPIANTI NON REALIZZATI (COMMITTENTE : TEA TECNOLOGIE ENERGIA AMBIENTE SRL) PAG 16 DI 33

17 PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEFINITIVA ED ESECUTIVA DIREZIONE LAVORI DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI A SERVIZIO DI ABITAZIONI E STABILIMENTI INDUSTRIALI/ARTIGIANALI Ruolo svolto: Responsabile del Progetto, Direttore Lavori e Coordinatore della Sicurezza CLIENTE: GRUPPO VISALIA SRL Dal 2008 svolge i seguenti incarichi: IMPIANTO METALVETRO SNC (CAPRANICA VT) SU EDIFICIO INDUSTRIALE PREFABBRICATO IN C.A.P. COPERTURA A TRAVI Y E COPPELLE METALLICHE, IMPIANTO NON INTEGRATO, POTENZA INSTALLATA KWP, MODULI MONOCRISTALLINO BIOENERGY DA 185WP, INVERTER SMA, QUADRISTICA ABB, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO K-FACTOR IMPIANTO MURALISI SNC (CAPRANICA VT) SU EDIFICIO INDUSTRIALE PREFABBRICATO IN C.A.P., COPERTURA A TEGOLONI IN FIBROCEMENTO, IMPIANTO NON INTEGRATO, POTENZA INSTALLATA KWP, MODULI POLICRISTALLINO BRANDONI DA 225 WP, 3 INVERTER INGETEAM, QUADRISTICA ABB IMPIANTO LANZALONGA (CAPRANICA VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE MARSIGLIESI, IMPIANTO TOTALMENTE INTEGRATO POTENZA INSTALLATA 5.06 KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 230 WP, 1 INVERTER ELETTRONICA SANTERNO SUNWAY M PLUS 6400, QUADRISTICA ABB IMPIANTO CENTRO AUTO VT SRL (VITERBO VT) SU EDIFICIO INDUSTRIALE PREFABBRICATO IN ACCIAIO E C.A., COPERTURA A DOPPIA PENDENZA SU CAPRIATE METALLICHE, IMPIANTO INTEGRATO CON BONIFICA COPERTURA IN ETERNIT, POTENZA INSTALLATA KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 220 WP, 4 INVERTER AURORA POWER ONE 12.5 PVI-OUTD-IT, QUADRISTICA ABB, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO GROUP DA 75 KVA IMPIANTO SARNACCHIOLI (CAPRANICA VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI, IMPIANTO PARZIALMENTE INTEGRATO POTENZA INSTALLATA 5.52 KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 230 WP, 1 INVERTER AURORA POWER ONE 6000 PVI-OUTD-S- IT, QUADRISTICA ABB IMPIANTO TORELLI (BLERA VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI, IMPIANTO TOTALMENTE INTEGRATO POTENZA INSTALLATA 5.52 KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 230 WP, 1 INVERTER AURORA POWER ONE 6000 PVI-OUTD-S-IT, QUADRISTICA ABB. PAG 17 DI 33

18 IMPIANTO BACCHIOCCHI (CORCHIANO VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI, IMPIANTO TOTALMENTE INTEGRATO POTENZA INSTALLATA 4.14 KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 230 WP, 1 INVERTER SMA SUNNY BOY 4200TL, QUADRISTICA ABB CONCLUSO FEBBRAIO 2011 IMPIANTO ORONI ARREDO INTERNI SRL (CAPRANICA VT) SU EDIFICIO COMMERCIALE IN ACCIAIO E MURATURA, IMPIANTO COSTITUITO DI 3 SEZIONI, A) SU NUOVA COPERTURA IN SOSTITUZIONE DI COPERTURA IN ETERNIT, B) SU COPERTURA METALLICA ESISTENTE, C) SU TETTOIA METALLICA, POTENZA INSTALLATA KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 240 WP, 3 INVERTER SOLARMA 3000S, 3 INVERTER SOLARMA 4200S, 1 INVERTER SOLARMA 20S, QUADRISTICA ABB, 1 TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO BROLLO SIET DA 50 KVA IMPIANTO COOPERNOCCIOLE (CAPRANICA VT), SU EDIFICIO INDUSTRIALE PREFABBRICATO IN C.A.P. COPERTURE A DOPPIA FALDA CON BONIFICA ETERNIT, POTENZA INSTALLATA 115 KWP, MODULI POLICRISTALLINO BIOENERGY DA 230 WP, 5 INVERTER SOLARMA 20S, QUADRISTICA ABB, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO GROUP DA 125 KVA IMPIANTO COLETTA (CAPRANICA VT), A SUOLO, POTENZA INSTALLATA KWP, MODULI POLICRISTALLINO BIOENERGY DA 230 WP, 4 INVERTER SOLARMA 20S, QUADRISTICA ABB, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO GROUP DA 100 KVA IMPIANTO POLOZZI (BLERA VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI, POTENZA INSTALLATA 2.99 KWP, MODULI POLICRISTALLINO CONERGY DA 230 WP, 1 INVERTER SMA SUNNY BOY 3000TL, QUADRISTICA ABB IMPIANTO DANTE (CAPRANICA VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI, POTENZA INSTALLATA 2.99 KWP, MODULI POLICRISTALLINO AVPROJECT DA 230 WP, 1 INVERTER AURORA POWER ONE 3000 PVI-OUTD- S-IT, QUADRISTICA ABB IMPIANTO FATTORIA FARAONI (SUTRI VT) SU EDIFICIO AGRICOLO IN ACCIAIO E C.A. DI NUOVA COSTRUZIONE, POTENZA INSTALLATA KWP, MODULI POLICRISTALLINO CONERGY DA 230 WP, 4 INVERTER CONERGY IPG 5 S, QUADRISTICA ABB IMPIANTO F.LLI LANZALONGA (CAPRANICA VT) SU CIVILE ABITAZIONE COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI, N. 3 IMPIANTI DELLA POTENZA CIASCUNO DI 5,06 KWP, MODULI POLICRISTALLINO BIOENERGY DA 230 WP, 1 INVERTER PER CIASCUN IMPIANTO AURORA POWER ONE 6000 PVI-OUTD-S- PAG 18 DI 33

19 IT, QUADRISTICA ABB IMPIANTO VITERFREDDO SRL (VITERBO) DELLA POTENZA DI KWP REALIZZATO SU EDIFICIO INDUSTRIALE/COMMERCIALE (AGROALIMENTARE) PREFABBRICATO IN C.A.P. COPERTURA A COPPELLE IN ETERNIT SU TEGOLI AD Y E CONTROSOFFITTO ANCH ESSO IN ETERNIT CON COIBENTAZIONE IN LANA DI VETRO. L INTERVENTO HA PERTANTO RIGUARDATO ANCHE LA BONIFICA DELLE COPERTURE, DEL CONTROSOFFITTO E DELLA COIBENTAZIONE, E LA RICOPERTURA CON COPPELLE METALLICHE SANDWICH SPESSORE 6 MM SU CUI È STATO INSTALLATO IL GENERATORE FOTOVOLTAICO. N. 420 MODULI POLICRISTALLINO SOLARWATT P GET AK DA 235 WP, N. 8 INVERTER POWER ONE PVI 12.5 OUTD-S-IT, QUADRISTICA ABB, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO GROUP DA 125 KVA, STRUTTURA DI SUPPORTO WURTH ZEBRASOLAR CONCLUSO FEBBRAIO 2012 IMPIANTO CANCELLIERI CARBURANTI (TARQUINIA VT) DELLA POTENZA DI KWP REALIZZATO A SERVIZIO DI UN DISTRIBUTORE CARBURANTI CON STRUTTURA IN ACCIAIO E COPERTURE. IMPIANTO COSTITUITO DI 2 SEZIONI: SEZIONE 1: SU PENSILINA DISTRIBUTORE MODULI POLICRISTALLINO CARBURANTI, N. 139 SOLARWATT P GET AK DA 225 WP, N. 1 INVERTER POWER ONE TRIO 20.0 OUTD-S-IT N. 1 INVERTER POWER ONE PVI 12.5 OUTD-S-IT, N. 1 TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO DA 40 KVA SEZIONE 2: SU EDIFICIO COMMERCIALE (BAR), N. 126 MODULI POLICRISTALLINO SOLARWATT P GET AK DA 225 WP, N. 1 INVERTER POWER ONE TRIO 27.6 OUTD-S-IT, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO DA 40 KVA. PER TUTTE LE SEZIONI È STATA UTILIZZATA QUADRISTICA ABB E STRUTTURA DI SUPPORTO WURTH ZEBRASOLAR IMPIANTO RODA SRL EUROSPIN (VITERBO) DELLA POTENZA DI KWP REALIZZATO SU EDIFICIO COMMERCIALE (SUPERMERCATO EUROSPIN) PREFABBRICATO IN C.A.P. COPERTURA A COPPELLE IN ALUZINC SU TEGOLI AD Y. N. 252 MODULI POLICRISTALLINO SOLARWATT P GET AK DA 235 WP, N. 2 INVERTER POWER ONE TRIO 27.6 OUTD-S-IT, QUADRISTICA ABB, TRASFORMATORE DI ISOLAMENTO RELCO GROUP DA 80 KVA, STRUTTURA DI SUPPORTO WURTH ZEBRASOLAR IMPIANTO LATTANZI (VETRALLA VT) DELLA POTENZA DI 4.70 KWP REALIZZATO SU CIVILE ABITAZIONE (VILLINO UNIFAMILIARE) PARTE SU COPERTURA A TEGOLE PORTOGHESI PARTE SU COPERTURA PIANA, IMPIANTO PARZIALMENTE INTEGRATO, N. 20 MODULI POLICRISTALLINO SOLARWATT P GET AK DA 235 WP, N. 1 INVERTER AURORA POWER ONE PVI 4.2 OUTD-S-IT, QUADRISTICA ABB. PAG 19 DI 33

20 IMPIANTO COOPERNOCCIOLE 2 (CAPRANICA VT) DELLA POTENZA DI KWP REALIZZATO SU EDIFICIO INDUSTRIALE/AGROALIMENTARE PREFABBRICATO IN C.A.P. COPERTURA A COPPELLE IN ETERNIT SU TEGOLI AD Y E CONTROSOFFITTO ANCH ESSO IN ETERNIT CON COIBENTAZIONE IN LANA DI VETRO. L INTERVENTO HA RIGUARDATO ANCHE LA BONIFICA DELLE COPERTURE, DEL CONTROSOFFITTO E DELLA COIBENTAZIONE, E LA RICOPERTURA CON COPPELLE METALLICHE SANDWICH SPESSORE 4 MM SU CUI È STATO INSTALLATO IL GENERATORE FOTOVOLTAICO. SONO STATI UTILIZZATI MODULI POLICRISTALLINO CONERGY PH DA 240 WP, INVERTER POWER ONE TRIO 20.0 E 27.6 OUTD-S- IT, QUADRISTICA ABB, STRUTTURA DI SUPPORTO WURTH ZEBRASOLAR PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEFINITIVA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICI DELLA POTENZA NOMINALE DI 997,92 KWP NEL COMUNE DI VITORCHIANO L incarico ha riguardato la progettazione preliminare definitiva ed esecutiva sia del layout dell impianto che delle opere civili annesse, che dell impiantistica elettrica in collaborazione con l ing. G. Petretto. L impianti sarà realizzato al suolo e sarà del tipo fisso con tilt 34. Per il funzionamento dell impianto sono previsti circa 4400 moduli fotovoltaici Trina Solar della potenza di 230 Wp in silicio policristallino 2 inverter Ingeteam da 500 kw. L allaccio in antenna alla vicina cabina MT sarà realizzato con cavidotti interrati posti al disotto della vicina strada provinciale RUOLO SVOLTO: RESPONSABILE DEL PROGETTO PRELIMINARE E DEFINITIVO AI FINI DELL OTTENIMENTO DELLA AUTORIZZAZIONE UNICA ANNO DI REALIZZAZIONE : 2010 (COMMITTENTE : GRUPPO VISALIA SRL) PROGETTAZIONE ESECUTIVA DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICI DELLA POTENZA NOMINALE DI KWP NEL COMUNE DI TOLLO (CH) Progettazione esecutiva e costruttiva dell impianto e supervisione tecnica dei lavori e gestione subappaltatori realizzato su un terreno di circa mq. L impianto è installato su supporto metallico ad inseguimento monoassiale con sistema back tracking rotazione est-ovest tilt 0. n moduli policristallino Yingli Solar YL230PT-29b da 230 Wp, n. 3 inverter Aurora Power One PVI TL-IT, forniti in shelter Power One, n. 18 String Comb Power One, Quadristica ABB, struttura di supporto ad inseguimento Convert Italia SpA. RUOLO SVOLTO: COPROGETTISTA ESECUTIVO DELLE OPERE CIVILI ED IMPIANTISTICHE CC/DC IN BASSA TENSIONE ANNO DI REALIZZAZIONE : 2011 PAG 20 DI 33

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli